Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

Osservazioni su ep. adesp. 4 Powell: «Epyllium incerti argumenti»

Remarques sur l’ep. adesp. 4 Powell : « Epyllium incerti argumenti »
Some remarks on ep. adesp. 4 Powell: «Epyllium incerti argumenti»
Emanuele Dettori

Abstracts

The paper first tackles some problems (of genre, chronology and style) related to the anonymous poem preserved in POxy 1794, then offers a thorough commentary on it. The analysis shows that the poem is an example of careful, if epigonal, composition.

Top of page

Full text

1Il contributo è dedicato a un componimento anonimo tràdito dal POxy 1794 (del II sec. d. C.) e normalmente definito “epillio”. Nell’edizione di riferimento, J. U. Powell, Collectanea Alexandrina, Oxonii 1925, p. 78s., è l’adesp. epic. fr. 4, così intitolato e descritto: Epyllium incerti argumenti; anus quaedam pauperata loquitur. L’obiettivo è delineare la fisionomia di questo pezz

2o, fornendo un’analisi di dettaglio. Come si vedrà, il pezzo presenta qualche aspetto di interesse. Rimane da compiere una piena indagine dal punto di vista letterario (considerazione del tema, suo trattamento, etc.). Ringrazio della sostanziosa collaborazione quanti sono intervenuti in sede di discussione dopo l’esposizione orale: Benjamin Acosta-Hughes, Gianfranco Agosti, Albio Cesare Cassio, Giovanni Cerri, Giovan Battista D’Alessio.

3Il testo che segue è frutto della lettura autoptica di Claudio Meliadò, che me ne ha gentilmente fornito i risultati, insieme a una traduzione e a una serie di annotazioni inedite. Di questo lo ringrazio caldamente. La lettura di C. Meliadò (annotazioni non pubblicate) non diverge sostanzialmente da quella dell’editor princeps, A. S. Hunt (« 1794. Poem in Hexameters », The Oxyrhynchus Papyri XV, 1922, p. 110-113). L’apparato critico è assemblato da me.

  φῆ δέ οἱ ἆσσον̣ [ἰοῦσα, τέ]κος, τέκο̣[ς, οὔ] σε ἔοικε

  δευόμενον τ̣.[.....] τ̣όσον παρὰ παῖδα νέ̣εσθαι,

  τῷ οὐ̣ χεὶρ .[.].[.......] ἀρκέε[ι] ο̣ὐ̣[δ]ὲ̣ μὲν αὐδή

  ο̣ι..αν̣[...]ε[........]μοι.[.]...τ̣[ί] κ̣ε δοίης

  τὸν̣ δὲ γε[.]ε̣ν̣.[.......]. ομ̣εν θάνε̣ν ὅ̣ς μιν ἔφ̣υσ̣[ε]ν5

  ενμενοιτεν.[..... ἀν]ὴ̣ρ πρωιζὸν ὁδε[ύ]ων·

  α̣ὐτὴ δ’ οὐ.[.]μ[.]ρ[.......], ἐλπωραὶ δ’ἐάγη̣σαν̣

  ἡ̣μετ̣έρης βιοτ̣ῆ[ς, αὖ]ο̣ν δέ μοι οἶκος ἀϋτεῖ.

  ἄλ̣λοτε γὰ̣ρ ἄλλο[ι]ς ὄλβ̣[ο]υ̣ λάχος ἀνθρώποισιν·

  οἵη τοι πεσσοῖο δίκη, το̣[ί]η̣ δὲ καὶ ὄλβου·10

  π̣εσσὸ̣ς ἀμειβόμενός̣ [π]οτὲ μὲν το[ῖς], ἄ̣λλοτε τοῖσιν̣

  ε̣ἰ̣ς ἀγα̣θὸν πίπ[τει] καὶ [ἀ]φνεὸν αἶψα τίθησι

  πρόσθεν ἀνολβείοντ’, ε̣ὐηφενέοντ[α] δ̣’ ἄνολβον·

  τοῖο̣ς δεινωτῆσι περ[ιστ]ρέφεται πτερύγεσσιν

  [ὄ]λ̣βος ἐπ’ἀνθρώπους, [ἄλ]λ̣ον δ’ ἐξ ἄ̣λ̣[λο]υ̣ ὀφέλλει.15

  ἡ̣ δ’αὐτὴ πολέεσσι π̣[οτὸ]ν̣ καὶ σῖ̣τ̣ον ὄρεξα

  τ̣ὴν ὁράαις, ἐπ<ε>ὶ οὔτι λιπ̣[ερ]ν̣ῆτις πάρος ἦα,

  ἔ̣σκε δέ μοι νειὸς βαθυλ̣[ή]ιος, ἔσκεν ἀ̣[λ]ω̣ή,

  π̣ολ[λ]ὰ δέ μοι μῆλ’ ἔσκε, [τ]ὰ̣ μὲν διὰ πάντα κέδασσεν

  ἥ̣δ᾽ ὀλοὴ βούβρωστις, ἐγὼ δ’ ἀκόμιστο[ς ἀ]λ̣ῆτις20

  [ὧ]δ̣έ̣ ποθι πλήθουσαν ἀνὰ πτό̣λιν ε.[.. ἕ]ρπω.

4Praeter ea quae memorantur omnia suppl. Hunt. 2. γ̣̣̣᾽ [ἄρτοιο] Schmidt 1924, p. 9 | 3. ὀ̣[ρ]έ̣[γειν σῖτ᾽] Housman ap. Hunt 1922, p. 112; ὀ[ρ]έ[γεσθαι ἔτ’] Schmidt 1924, p. 9, longius spatio | 4. οἵ[ην] ἄν[δρε]ς [ἱεῖσι Crönert 1922, col. 400; οἵ[η τ᾽] ἀ̣ν[τιβ]ο̣[λεῖν ἐλεή]μο[νά σ᾽, εἴ] τ[ί] Schmidt 1924, p. 9; οἱ ἐὰν dub. Pellin 2008, p. 308s.; ]εον̣[.]....κε δοίης Perale 2011, p. 127 | 5. vel τοῦ Hunt 1922, p. 112; τὸν̣ δ᾽ ἐγὼ ọἶ̣̣[ον ἔτικτον] Schmidt 1924, p. 9; vel τοὶ̣ vel τὸν̣ δ᾽ ἐγε[ prop. Perale 2011, p. 127 | 6. ἓν μὲν ὄ̣ϊ̣ξεν [ἐμοὶ τόδ᾽ ἀν]ὴρ̣ Schmidt 1924, p. 9 (« ξ non trova riscontro paleografico » Perale 2011, p. 127), ἐν μέν οἱ Pellin 2008, p. 313, coll. Il. 21. 547 ἐν μέν οἱ κραδίηι θάρσος βάλε | 7. littera deperdita ante αὐτὴ Pellin 2008, p. 296; δ’ οὖ[ν ἄ]μ[ο]ρ̣[ος πέσον] Schmidt 1924, p. 10; δὲ ἄ̣γ̣η̣σαν Schmidt 1924, p. 10 | 9. fort. τἄρ᾽, sed cf. Il. 2. 39 θήσειν γὰρ ἔτ᾽ ἔμελλον, Call. H. Dem. 57 φωνῆς γὰρ ἤκουσα (Hunt 1922, p. 112) | 11. πότε Pellin 2008, p. 296 | 12. πίπτει <τε> fort. Hunt 1922, p. 112; τί⟦..⟧θησι pap. (τί⟦...⟧θησι leg. Pellin 2008, p. 336s. | 13. fort. εὐηφενέ᾽ ὄντα Hunt 1922, p. 112 | 14. δινητῆσι vel δινήεσσι Hunt 1922, p. 112 | 16. ἥδ’αὐτὴ Schmidt 1924, p. 10 | 21. ποτὶ πλήθουσαν (scil. ἀγοράν) Crönert 1922, col. 400 (prob. Schmidt 1924, p. 10); ἔ[νδιος ἕ]ρπω Crönert 1922, col. 400 (prob. Schmidt 1924, p. 10); ἐ[ξ ἕω ἕ]ρπω Morel 1926, col. 351

5La struttura del contributo è la seguente: a) qualche osservazione di carattere generale a titolo preliminare; b) un commento di dettaglio; c) un resoconto di come sia stato valutato questo pezzo, con qualche considerazione finale.

1. Questioni generali

1.1. Perché questo pezzo è stato etichettato come “epillio”

  • 1 Prima di Körte, A. S. Hunt (« 1794. Poem in Hexameters », The Oxyrhynchus Papyri XV, 1922, p. 110-1 (...)

6« Alexandrinisches Epyllion » è l’etichetta che A. Körte, « Literarische Texte mit Auschluss der christlichen », APF 7, 1924, p. 117, appone a questo pezzo. Si allineano o concordano autonomamente, in pubblicazioni del medesimo anno, K. F. W. Schmidt, « Rec. The Oxyrhynchus Papyri Part. XV », GGA 186, 1924, p. 9, e E. Cahen, « Nouveaux fragments alexandrins », BAGB, Avril 1924, p. 14. La categorizzazione di genere è sancita in J. U. Powell, Collectanea Alexandrina, Oxonii 1925, p. 79: ivi il frammento è intitolato “Epyllium incerti argumenti”1. Dopo Powell, mi sembra che questa categoria non venga più utilizzata, come del resto nessun’altra, se non in M. M. Kokolakis, Μορφολογία τῆς κυβευτικῆς μεταφορᾶς, Atene 1965, p. 89, e in A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008, passim. Non viene mai messa in discussione, ma nemmeno alcuno tra quelli che hanno definito “epillio” il frammento si è preoccupato di darne ragione. Quanto è avvenuto è tuttavia chiaro: la stretta affinità percepita tra questi versi e i contenuti dell’Ecale di Callimaco (su questo vd. infra), che è notoriamente uno dei pilastri della ‘costruzione’del genere “epillio”, ha portato a questa etichetta saltando molti passaggi. In ogni caso, se consideriamo quelli che sono stati enucleati come tratti del genere (o sottogenere), nel nostro pezzo si riscontrano: a) la composizione esametrica, b) la squisitezza del dettato su base epica, c) l’attenzione alle cose umane, in particolare alla “cura rerum familiarum”, con d) la relativa natura non eroica dei protagonisti. Dunque, per chi crede all’esistenza dell’epillio, con gli ‘ingredienti’che si ritiene lo costituiscano, questo nostro pezzo può ben far parte del genere.

1.2. Indizi di cronologia ellenistica?

7Come si vedrà nel resoconto finale, nessuno ha mai dubitato che il pezzo sia di fattura ellenistica, ma allo stesso tempo nessuno ha realmente argomentato al proposito. Vorrei delineare qui un paio di motivi che mi sembra parlino a favore della cronologia vulgata.

8a) L’immagine di ὄλβος nel v. 14s. τοῖος δινωτῇσι περιστρέφεται πτερύγεσσιν / ὄλβος ἐπ’ἀνθρώπους, ἄλλον δ’ἐξ ἄλλου ὀφέλλει è del tutto inedita (e non so se abbia un seguito). L’ὄλβος è qui caratterizzato da iniziativa, da un comportamento attivo, che esso mette in opera erraticamente, con l’aiuto delle ali di cui viene fornito. Convenzionalmente l’ὄλβος è octroyé dalla divinità, indica uno stato, una situazione di benessere, materialmente una fortuna, un patrimonio. Se oggetto di ὀπάζειν l’ὄλβος sembra identificato con una sorta di entità, di “forza” che la divinità dà come “compagna” all’uomo (Od. 18. 19 ὄλβον δὲ θεοὶ μέλλουσιν ὀπάζειν, 19. 161 τῷ τε Ζεὺς ὄλβον ὀπάζει, Hes. Th. 420, 974, Rhian. fr. 1. 9 Pow. Nel caso di HHom. 30. 11s. ὄλβος δὲ πολὺς καὶ πλοῦτος ὀπηδεῖ, Hes. Opp. 326 παῦρον δέ τ’ἐπὶ χρόνον ὄλβος ὀπηδεῖ, Theocr. 17. 75 πολὺς δέ οἱ ὄλβος ὀπαδεῖ l’attività dell’ὄλβος è opera degli dei, conseguenza del loro ὀπάζειν).

  • 2 Per considerazioni recenti, vd. W. D. Furley, « Hymns to Tyche and related abstract entities », Pai (...)
  • 3 Sulla rappresentazione di Τύχη nelle fonti letterarie, vd. Villard (« Tyche », LIMC VIII 1, 1997, p (...)

9Qualche tratto di personificazione attiva possiamo trovare in Eur. fr. 230. 3 Kann. ἔτι γὰρ θάλλει πενία / κακὸν ἔχθιστον, φεύγει δ’ὄλβος; El. 943 ὁ δ’ ὄλβος ἀδίκως καὶ μετὰ σκαιῶν ξυνών / ἐξέπτατ’ οἴκων, σμικρὸν ἀνθήσας χρόνον; Soph. fr. 591. 5 Radt βόσκει δὲ τοὺς μὲν μοῖρα δυσαμερίας, / τοὺς δ’ ὄλβος ἡμῶν, τοὺς δὲ δουλεί/ας ζυγὸν ἔσχεν ἀνάγκας. In questi passi l’attività attribuita a ὄλβος evidenzia il carattere precario e provvisorio che è suo tratto caratteristico e continuamente predicato. In Euripide ciò è significato mediante i verbi utilizzati per designare la sua azione, nel frammento di Sofocle attraverso il parallelismo con μοῖρα δυσαμερίας. È da notare l’ἐξέπτατο di El. 944, ma la plastica immagine del nostro frammento è sostanzialmente inedita. Lo svolazzare erratico sugli uomini di un ὄλβος provvisto di ali, che favorisce ora l’uno ora l’altro, si spiega solo con una omologazione di ὄλβος a una delle entità divinizzate rappresentate come alate, per definirne la natura provvisoria e sfuggente: quindi il Καιρός e la Τύχη, anzi sicuramente quest’ultima. Sull’incombenza di Τύχη sullo Zeitgeist ellenistico sarebbe addirittura ridicolo dilungarsi2. Per quanto riguarda la rappresentazione di Τύχη con ali: non si direbbe un suo attributo, nel materiale iconografico non c’è alcun punto di riferimento sicuro, ma in ambito letterario sono da menzionare gli inni di PMG 1019 Page, v. 5 ἅ τε Χάρις λάμπει περὶ σὰν πτέρυγα χρυσέαν, e GDRK LV Heitsch (= adesp. lyr. fr. 34 Pow.), vv. 1 πτανό[πους, (πτανο[πέδι]λε̣ W. D. Furley, « Hymns to Tyche and related abstract entities », Paideia 65, 2010, p. 168s.), 6 πτερο[ῖ]σ[?, nonché Plut. de fort. Rom. 317f-318a οὕτως ἡ Τύχη καταλιποῦσα Πέρσας καὶ Ἀσσυρίους Μακεδονίαν μὲν ἐλαφρὰ διέπτη καὶ ἀπεσείσατο ταχέως Ἀλέξανδρον, καὶ δι’ Αἰγύπτου καὶ Συρίας περιφέρουσα βασιλείας διώδευσε, καὶ Καρχηδονίους στρεφομένη πολλάκις ἐβάστασε· τῷ δὲ Παλατίῳ προσερχομένη καὶ διαβαίνουσα τὸν Θύμβριν ὡς ἔοικεν <ἀπ>έθηκε τὰς πτέρυγας, ἐξέβη τῶν πεδίλων, ἀπέλιπε τὴν ἄπιστον καὶ παλίμβολον σφαῖραν3. Si tratta di immagini di non certa fissazione cronologica. Tuttavia, per PMG 1019, U. von Wilamowitz-Moellendorff, Die Glaube der Hellenen, II, Darmstadt 19552, p. 300, pensa a qualcosa già della fine del IV sec., che comunque è da collocare in periodo ellenistico, e per GDRK LV Heitsch = adesp. lyr. fr. 34 Pow., W. D. Furley, « Hymns to Tyche and related abstract entities », Paideia 65, 2010, p. 176, non trova nulla contro una sua datazione in età ellenistica. Sembra di poter dire con una certa probabilità che l’immagine di una Τύχη alata sia ellenistica. Ciò implica che la derivata rappresentazione di un ὄλβος con le caratteristiche di Τύχη e con le ali è da collocarsi nella stessa atmosfera spirituale.

  • 4 Vd. gli appunti di Th. Reinhardt (Die Darstellung der Bereiche Stadt und Land bei Theokrit, Bonn 19 (...)

10b) Un tratto che io mi sento di considerare a favore di una collocazione ellenistica del frammento è al v. 21: la donna si trascina πλήθουσαν ἀνὰ πτόλιν. Lo scenario è urbano, e l’attenzione per la città è un elemento che troviamo espresso almeno in due capolavori della poesia ellenistica: nell’Ecale, e precisamente nei mirabili versi del risveglio mattutino della città del fr. 74. 22 ss. Hollis, e nelle Adoniazuse (Theocr. XV). Qui, in particolare, ai vv. 5-7, 44s., 51s., 59, 66-77, l’enfasi è posta sull’affollamento, ovvero la caratteristica urbana espressa qui da πλήθουσαν. Con i luoghi teocritei, afferma Th. Reinhardt, Die Darstellung der Bereiche Stadt und Land bei Theokrit, Bonn 1988, p. 100, « il fenomeno della grande città si stabilisce ... quale autonomo motivo letterario »4. La grande città ovviamente è, prima di tutte, Alessandria. Non è necessario per questo che la πόλις del nostro frammento sia Alessandria, l’immagine dell’errare, senza aiuto e quindi sostanzialmente soli in un ambiente affollato potrebbe essere una immagine che non fa riferimento a una concreta localizzazione, ma lo sfondo della metropoli egiziana è da tener presente. Mi spingerei a dire che l’impressione che si ricava dal v. 21 è quella di “alienazione”, la stessa che J. B. Burton, Theocritus’Urban Mimes, Berkeley 1995, p. 11-13, riscontra, forse in maniera un po’ sfuocata e con motivazioni diverse, nelle sensazioni delle Siracusane alle prese con le affollate strade di Alessandria. Del resto, la donna denuncia di essere ridotta a ἀκόμιστος ἀλῆτις, « vagabonda di cui nessuno si cura » proprio in mezzo alla folla (vd. infra, ad l.).

11c) Il fatto che parli una donna, e si diffonda in considerazioni sul destino umano, in generale e a proposito del suo non è in sé significativo dal punto di vista della cronologia. Se non i lamenti delle donne dell’epica, potrebbero bastare le ῥήσεις delle eroine tragiche a mostrarci che non siamo in presenza di un tratto ‘moderno’. Piuttosto è un altro l’elemento da sottolineare: normalmente il destino delle eroine tragiche è la schiavitù, qui è la mendicità. Questo potrebbe essere un segno di un occhio diverso sulla costellazione dei rapporti sociali, ovvero un occhio che vede cosa poteva succedere in realtà, non cosa succedeva alle vedove nella tradizione letteraria.

1.3. Parla una donna vecchia?

12Convinzione generale è che parli una vecchia, ma questo non si inferisce da alcuna parte. Soprattutto è difficile che lo sia nel caso che la donna sia identificata come madre del παῖς e questo sia definito un “enfant”, come in E. Cahen, « Nouveaux fragments alexandrins », BAGB, Avril 1924, p. 15, 17. In effetti Schmidt, che propone il medesimo rapporto di Cahen tra la donna è il παῖς, non parla di una “vecchia”. C. Meliadò annota, con attenzione: « una donna (forse anziana) ». Il ‘dogma’ si deve sicuramente ancora all’incombenza dell’Ecale.

1.4. ἅπαξ (e δὶς λεγόμενα) omerici

13È da notare la densa presenza nel testo di ἅπαξ e δὶς λεγόμενα omerici (intesi non solo lessemi, ma anche sintagmi). La pratica è notoriamente di carattere alessandrino: cf. il ‘gioco’ di Apollonio Rodio con i ἅπαξ e δὶς λεγόμενα, su cui A. Rengakos, Apollonios Rhodios und die antike Homererklärung, München 1994, p. 13 e n. 7 (con bibl.), D. Keil, Lexikalische Raritäten im Homer, Trier 1998, p. 177 ss.

141. ἆσσον [ἰοῦσα: Od. 19. 392, νίζε δ’ἄρ’ἄσσον ἰοῦσα ἄναχθ’ἑόν

151. οὔ σε ἔοικε: Il. 2. 190, 16. 202

164. κε δοίης: Od. 4. 600

175. ὅς μιν ἔφυσεν: Od. 10. 393 τῶν δ’ἐκ μὲν μελέων τρίχες ἔρρεον, ἃς πρὶν ἔφυσε / φάρμακον οὐλόμενον

186. πρωιζὸν: Il. 2. 303 χθιζά τε καὶ πρωΐζ’ ὅτ’ ἐς Αὐλίδα νῆες Ἀχαιῶν / ἠγερέθοντο κακὰ Πριάμῳ καὶ Τρωσὶ φέρουσαι

196. ὁδεύων: Il. 11. 569 πάντας δὲ προέεργε θοὰς ἐπὶ νῆας ὁδεύειν

208. βιοτῆ[ς: Od. 4. 565 τῇ περ ῥηΐστη βιοτὴ πέλει ἀνθρώποισιν

219. ἄλλοτε ... ἄλλοις: Od. 4. 236 ἀτὰρ θεὸς ἄλλοτε ἄλλῳ / Ζεὺς ἀγαθόν τε κακόν τε διδοῖ

2210. πεσσοῖο: Od. 1. 107

2312. εἰς ἀγαθὸν: Il. 9. 101s. ὅτ’ ἄν τινα θυμὸς ἀνώγῃ / εἰπεῖν εἰς ἀγαθόν, 11. 789 καί οἱ σημαίνειν – ὃ δὲ πείσεται – εἰς ἀγαθόν περ

2412. αἶψα τίθησι: Il. 11. 391s. ἦ τ’ ἄλλως ὑπ’ἐμεῖο, ..., / ὀξὺ βέλος πέλεται, καὶ ἀκήριον αἶψα τίθησι

2520. βούβρωστις: Il. 24. 532

2620. ἀκόμιστο[ς ἀ]λ̣ῆτις: cf. Od. 21. 284 μοι ὄλεσσεν ἄλη τ’ ἀκομιστίη τε

2720. ἀ]λ̣ῆτις: v. l. per ἀληθής in Il. 12. 433 ἀλλ’ἔχον ὥς τε τάλαντα γυνὴ χερνῆτις ἀληθής, / ἥ τε σταθμὸν ἔχουσα καὶ εἴριον ἀμφὶς ἀνέλκει / ἰσάζουσ’, ἵνα παισὶν ἀεικέα μισθὸν ἄρηται

2. Commentario

281. φῆ: in poesia esametrica 10x in Iliade e Odissea, inoltre in HHomCer. 145, HHomMerc. 212, Hes. Theog. 550, fr. 3a 27 M.-W.; occupa sempre il I longum. La forma è ripresa dai poeti ellenistici: Theocr. 17. 65 (da leggere φῆ, con il papiro di Antinoe), 24. 101 (ovvero in componimenti epicizzanti), Call. frr. 43. 76 e 78, 113. 4 Pf. (Aitia), HDian. 29, HCer. 45, Apoll. Rh. 7x, Timon. fr. 840. 1 SH, Antip. Thess. A. P. 7. 531. 3 (GP 203): anche qui sempre nel I longum, salvo Call. frr. 43. 76, 113. 4 e Antipatro.

29In Omero introduce sempre discorso indiretto, salvo Il. 21. 361, ove sigilla un discorso diretto (N. Hopkinson, Callimachus. Hymn to Demeter, Cambridge 1984, p. 45, elenca i luoghi ove si ritrova φῆ « as formula of conclusion »: sono da aggiungere Apoll. Rh. 3. 154, Dionys. Bass. fr. 19v 26 e 41 Livrea). N. Hopkinson, Callimachus. Hymn to Demeter, Cambridge 1984, p. 121, afferma che tra i poeti ellenistici solo Callimaco usa φῆ/φᾶ per introdurre un discorso diretto (HDian. 29, HCer. 45). Questo non è vero, si verifica anche in Theocr. 17. 65, Timon. fr. 840. 1 SH, Apoll. Rh. 3. 369, menzionati a questo proposito da M. Campbell, A Commentary on Apollonius Rhodius Argonautica III 1-471, Leiden-New York-Köln 1994, p. 326s., insieme al nostro passo. Si può aggiungere anche [Simonid.] A. P. 7. 513. 1 = LXXIV Further Greek Epigrams Page, datato dubitativamente al II a. C. (cf. anche Antip. Thess. XXIII 3 Gow-Page).

30Sempre che sia valida l’integrazione del participio ἰοῦσα, il luogo che per struttura e contenuti più si avvicina al nostro è Theocr. 17. 65 φῆ δὲ καθαπτομένα βρέφεος χείρεσσι φίλῃσιν, ma cf. anche Call. HDian. 29 φῆ δὲ καταρρέζων; HCer. 45 φᾶ δὲ παραψύχοισα κακὸν καὶ ἀναιδέα φῶτα / ‘τέκνον, ὅτις τὰ θεοῖσιν ἀνειμένα δένδρεα κόπτεις, / τέκνον ἐλίνυσον, τέκνον πολύθεστε τοκεῦσι’; Apoll. Rh. 3. 369 φῆ δ’ ἐπαλαστήσας.

31La combinazione di φῆ con participio predicativo del soggetto è un tratto conosciuto: Il. 21. 361 φῆ πυρὶ καιόμενος, Hes. Theog. 550 φῆ ῥα δολοφρονέων, Pind. Isthm. 2. 11 ὃς φᾶ κτεάνων θ’ ἅμα λειφθεὶς καὶ φίλων, Tim. fr. 840 SH φῆ δέ τις αἰάζων, Apoll. Rh. 3. 382 φῆ ῥα χαλεψάμενος, 693 φῆ ῥα, κασιγνήτης πειρωμένη, Antip. Thess. A. P. 7. 531. 3 (GP 203) φᾶ δὲ σίδαρον / παιδὸς ἑοῦ φύρδαν μεστὸν ἔχουσα φόνου.

32Il nostro frammento si apre con un tratto decisamente alessandrino (non solo callimacheo, è forse opportuno dire, rispetto a quella che viene considerata una dipendenza molto forte). Si noti che questo tratto è assente nell’epica di età imperiale.

  • 5 Ad evitare la falsa idea di una unanimità si noti che Apollonio mostra una certa flessibilità nel t (...)

33ἆσσον̣ [ἰοῦσα: l’integrazione è piuttosto ragionevole; risponde a una struttura molto comune, ovvero al sintagma ἄσσον + ἰέναι, che ritroviamo in 17 delle 25 occorrenze omeriche del comparativo (come anche in Hesiod. Theog. 748). Questa situazione non è solo nell’epica: i 4 luoghi erodotei con ἄσσον recano tutti questa combinazione. Che si ritrova anche nella poesia esametrica di età ellenistica: Theocr. 1. 112, 25. 229, Apoll. Rh. 2. 107, Nic. A. P. 9. 315. 2 (HE 2772), [Mosch.] Meg. 265.

34Stando così le cose, il nostro autore assumerebbe (dando per buona l’integrazione) un sintagma omerico, che avrebbe inoltre una precisa rispondenza formale e nella medesima posizione metrica in Od. 19. 392 νίζε δ’ ἄρ’ἄσσον ἰοῦσα ἄναχθ’ ἑόν.

35Ma, come al solito, molto più interessanti di questo epicismo, se effettivamente presente, sarebbero le modalità di rielaborazione dello stesso. Si nota, ed è stato rimarcato, che il sintagma è spesso utilizzato nell’Iliade con l’implicazione del senso di attaccare o di sfidare una persona (S. Laser - H. Lloyd-Jones, « ἄγχι », in LfgrE, 1. Lief., 1955, col. 103. 21-32): ad es. 1. 567 μή νύ τοι οὐ χραίσμωσιν ὅσοι θεοί εἰσ’ἐν Ὀλύμπῳ / ἆσσον ἰόνθ’ (scil. Zeus che attacca Era), 15. 105 ἦ ἔτι μιν μέμαμεν καταπαυσέμεν ἆσσον ἰόντες, 22. 92 ἀλλ’ ὅ γε μίμν’Ἀχιλῆα πελώριον ἆσσον ἰόντα, 23. 667 ἆσσον ἴτω ὅς τις δέπας οἴσεται ἀμφικύπελλον· / ἡμίονον δ’ οὔ φημί τιν’ ἀξέμεν ἄλλον Ἀχαιῶν / πυγμῇ νικήσαντ’, ἐπεὶ εὔχομαι εἶναι ἄριστος, 6. 143 ἆσσον ἴθ’ ὥς κεν θᾶσσον ὀλέθρου πείραθ’ἵκηαι.

  • 6 In cui si è anche supposta una valenza erotica (S. Nannini, « Note ad Alcmane », MCr 13-14, 1978-19 (...)

36Nel nostro passo non vi sarebbe nulla di ciò, anzi sarebbe presente una sfumatura che è del tutto ‘periferica’e minoritaria negli usi epici di ἄσσον. L’eventuale ἆσσον ἰοῦσα corrisponderebbe a un gesto di attenzione affettuosa, di intimità, che in Omero possiamo ritrovare, ma con un sintagma diverso, nella richiesta ad Achille alla ψυχή di Patroclo di fermarsi e di “godere” del pianto: Il. 23. 97 ἀλλά μοι ἆσσον στῆθι· μίνυνθά περ ἀμφιβαλόντε / ἀλλήλους ὀλοοῖο τεταρπώμεσθα γόοιο. / ὣς ἄρα φωνήσας ὠρέξατο χερσὶ φίλῃσιν. Ma qualcosa di molto simile al nostro passo è già in Alcm. fr. 3 I+III 8 Dav. ἆσ]σ̣ον̣ [ἰο]ῖ̣σ’ ἁπαλᾶς χηρὸς λάβοι6; in Herodot. 3. 52. 3 ὑπεὶς δὲ τῆς ὀργῆς ἤιε ἆσσον καὶ ἔλεγε· « ὦ παῖ etc. » Periandro ha pena del figlio malridotto dalla privazione di casa e di cibo, gli si avvicina e gli parla premurosamente: qui c’è la struttura e il senso che abbiamo nel nostro passo. Così come un senso di intima vicinanza (anche affettiva nel secondo passo) hanno anche Apoll. Rh. 4. 782 ἡ (scil. Era) δέ μιν (scil. Teti) ἆσσον ἑοῖο παρεῖσέ τε φαῖνέ τε μῦθον· / “κέκλυθι νῦν, Θέτι δῖα, κτλ.” e 4. 852 (qualunque sia l’assetto testuale che si sceglie) στῆ δ’ ἆσσον, ὀρεξαμένη χερὸς ἄκρης, / Αἰακίδεω Πηλῆος, ὁ γάρ ῥά οἱ ἦεν ἀκοίτης· / ... ἀλλ’ ἄρα τῷγε / οἴῳ ἐν ὀφθαλμοῖσιν ἐείσατο, φώνησέν τε.

37τέ]κος, τέκο̣[ς: lo studio di questa allocuzione, in termini di principio andrebbe compiuta investendo anche τέκνον etc., ma sarebbe eccessivo rispetto ai limitati scopi di questa indagine. Alcuni tratti immediatamente evidenti:

38l’uso non in vocativo di τέκος è piuttosto raro: Il. 8. 248, 18. 63 (su 38 occorrenze in Omero), poi HHomCer. 71, [Hes.] Scut. 216; è un po’ più frequente fuori dall’epica arcaica: Pind. Isthm. 6. 30, Aesch. Eum. 534, Simonid. frr. 509 e 553 Page; da Euripide in poi la limitazione al vocativo va nettamente a sfumare, e in epoca ellenistica il conto è in pratica pari: in Eur. 6 non voc. contro 2 voc.; Bacchyl. 3/2; adesp. trag. frr. 8l 1 e 726. 2 Kann.-Sn. 1(?)/1; Theocr. 1/1; Simias 1/1; Call. 0/2; Apoll. Rh. 2/2; Posidipp. 1/0; Antip. Sid. 1/1; Mosch. 0/1; Bion 0/1; Lyr. adesp. fr. 25. 1 Pow. 1/0 (il fr. 927b R. di Sofocle non è interpretabile).

39Il vocabolo è decisamente epico (Th. Wendel, Die Gesprächsanrede im griechischen Epos und Drama der Blütezeit, Stuttgart 1929, p. 99: « in der Tragödie kommt das Wort in dieser Form nur ganz vereinzelt und in offensichtlicher Anlehnung an der Epos vor »), così come l’uso del vocativo, seppure non esclusivo dell’epica, deve dirsi un utilizzo per lei tradizionale, se si considerano le opzioni sviluppatesi da Euripide in poi. L’allocuzione dice qualcosa sul rapporto, almeno contingente, tra le due persone, ma non aiuta a definirne l’identità. L’allocuzione può essere rivolta:

  • 7 Vd. E. Dickey, Greek Forms of Address. From Herodotus to Lucian, Oxford 1996, p. 62.

40a) quale designazione di figlio naturale, senza considerazione per l’età del figlio (lasciamo da parte le allocuzioni come Διὸς τέκος, Οἰδίπου τέκος, che hanno sì funzione espressiva, ma diversa dal semplice τέκος7). Cf., ad esempio:

Il. 18. 95 ὠκύμορος δή μοι τέκος ἔσσεαι (Teti ad Achille)

21. 331 ὄρσεο κυλλοπόδιον ἐμὸν τέκος (Era ad Efesto)

22. 38 Ἕκτορ μή μοι μίμνε φίλον τέκος ἀνέρα τοῦτον (Priamo ad Ettore)

24. 732 σὺ δ’ αὖ τέκος (Andromaca ad Astianatte)

Od. 6. 68 οὔτε τοι ἡμιόνων φθονέω, τέκος (Alcinoo a Nausicaa)

Simonid. fr. 543. 7 Page ὦ τέκος οἷον ἔχω πόνον (Danae a Perseo)

Eur. El. 1215 τέκος ἐμόν, λιταίνω (Clitennestra a Oreste)

Theocr. 15. 13 θάρσει, Ζωπυρίων, γλυκερὸν τέκος (Gorgò al figlio Zopirione)

Antip. Sid. A. P. 7. 467. 7 (HE 538) οὐδ’ ἐς ἐφηβείαν ἐλθών, τέκος (la madre al figlio Artemidoro dodicenne morto)

  • 8 Vd., ad es., M. Krieter-Spiro, in A. Bierl-J. Latacz (hrsg.), Homers Ilias. Gesamtkommentar, III 2, (...)

41b) da una persona a una più giovane senza relazione di parentela di sangue8. Cf., ad esempio:

Il. 3. 162 δεῦρο πάροιθ’ ἐλθοῦσα φίλον τέκος ἵζευ ἐμεῖο (Priamo a Elena)

9. 437 πῶς ἂν ἔπειτ’ ἀπὸ σεῖο φίλον τέκος αὖθι λιποίμην / οἶος; (Fenice ad Achille)

23. 626 ναὶ δὴ ταῦτά γε πάντα τέκος κατὰ μοῖραν ἔειπες (Nestore ad Achille)

Od. 4. 611 αἵματός εἰς ἀγαθοῖο, φίλον τέκος, οἷ’ ἀγορεύεις (Menelao a Telemaco)

7. 22 ὦ τέκος, οὐκ ἄν μοι δόμον ἀνέρος ἡγήσαιο / Ἀλκινόου (Odisseo ad Atena simile a fanciulla)

16. 25 ἀλλ’ ἄγε νῦν εἴσελθε, φίλον τέκος (Eumeo a Telemaco)

19. 474 ἦ μάλ’ Ὀδυσσεύς ἐσσι, φίλον τέκος (Eurykleia a Odisseo)

23. 5 ἔγρεο, Πηνελόπεια, φίλον τέκος (Eurykleia a Penelope)

[Mosch.] IV Meg. 69 καὶ δ’ αὐτὴν ὁρόω σε, φίλον τέκος, ber">ρύcaa)

42Quest’ultimo uso appare più del primo riservato alla poesia epica (Apoll. Rh. 2. 420 e [Mosch.] IV Meg. 69 sono i soli esempi non omerici fino all’ellenismo compreso), ma ciò può dipendere dalla pertinenza epica di τέκος: bisognerebbe vedere cosa succede con termini simili, come τέκνον etc.

  • 9 Come abbiamo visto in precedenza, non sono precise le descrizioni di alcuni commentatori, che ident (...)

43Dunque, in linea di principio, nel nostro caso chi parla può essere una madre e l’interlocutore un figlio o una figlia, di età indeterminata, oppure si tratta di una donna matura o vecchia, che si rivolge a una persona più giovane, ma almeno adolescente9.

44Il profilo di chi parla e di chi è interpellato rimane un po’sfuggente, ma i paralleli ci dicono subito qualcosa sulla Stimmung, che viene peraltro vieppiù determinata, enfatizzata dai versi che seguono. In maniera non esclusiva, ma senza dubbio piuttosto frequente l’allocuzione a qualcuno con τέκος si reperisce in situazioni di intenso patetismo:

cf., tra genitore e figlio, Il. 18. 95 ὠκύμορος δή μοι τέκος ἔσσεαι (Teti ad Achille); 22. 38 Ἕκτορ μή μοι μίμνε φίλον τέκος ἀνέρα τοῦτον; 22. 56 ἀλλ’ εἰσέρχεο τεῖχος ἐμὸν τέκος (in entrambi i casi Priamo ad Ettore); 24. 732 σὺ δ’ αὖ τέκος (Andromaca ad Astianatte); Hes. fr. 248 M.-W. ὦ τέκος, ἦ μάλα δή σε πονηρότατον καὶ ἄριστον / Ζεὺς τέκνωσε πατήρ (Alcmena a Eracle); Simonid. fr. 543. 7 Page ὦ τέκος οἷον ἔχω πόνον (Danae a Perseo); Eur. El. 1215 τέκος ἐμόν, λιταίνω (Clitennestra a Oreste); Phoe. 317 ἰὼ τέκος (Giocasta a Polinice); Antip. Sid. A. P. 7. 467. 7 (HE 538) οὐδ’ ἐς ἐφηβείαν ἐλθών, τέκος (la madre al figlio Artemidoro dodicenne morto);

tra non parenti (in misura meno frequente): Il. 9. 437 πῶς ἂν ἔπειτ’ ἀπὸ σεῖο φίλον τέκος αὖθι λιποίμην / οἶος; 9. 444 ὡς ἂν ἔπειτ’ ἀπὸ σεῖο φίλον τέκος οὐκ ἐθέλοιμι / λείπεσθ’ (in entrambi i casi Fenice ad Achille); Od. 16. 25 ἀλλ’ ἄγε νῦν εἴσελθε, φίλον τέκος (Eumeo a Telemaco); 19. 474 ἦ μάλ’ Ὀδυσσεύς ἐσσι, φίλον τέκος (Euriclea a Odisseo); 23. 5 ἔγρεο, Πηνελόπεια, φίλον τέκος (Eurykleia a Penelope); [Mosch.] IV Meg. 69 καὶ δ’ αὐτὴν ὁρόω σε, φίλον τέκος, ber">ρύcaa)

  • 10 Sul valore di quest’ultima, A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 (...)

45Come dire che, dopo ἆσσον [ἰοῦσα, il tratto patetico-affettivo della scena viene ulteriormente determinato dall’allocuzione con τέκος, e subito ‘moltiplicato’ con il procedimento dell’anafora (epanalessi?)10.

46Sull’anafora dell’allocuzione in tragedia, Th. Wendel, Die Gesprächsanrede im griechischen Epos und Drama der Blütezeit, Stuttgart 1929, p. 25 (con una parola per figlio: Aesch. Choe. 653, 654; Soph. El. 140, OC 1457, Ai. 339, Ant. 949, El. 1084, Trach. 61; Eur. Hec. 684, fr. 759a 1612 Kann., Alc. 270, Heraclid. 48, Med. 894, 1021) e 132s. per l’analisi.

  • 11 La cui figura retorica è piuttosto etichettatta da F. Lapp, De Callimachi Cyrenaei tropis et figuri (...)

47N. Hopkinson, Callimachus. Hymn to Demeter, Cambridge 1984, p. 120, in relazione a Call. HDem. 6. 46s. τέκνον, ὅτις τὰ θεοῖσιν ἀνειμένα δένδρεα κόπτεις, / τέκνον ἐλίνυσον, τέκνον πολύθεστε τοκεῦσι richiama, sotto la comune etichetta dell’anafora (menzionando F. Lapp, De Callimachi Cyrenaei tropis et figuris, Diss. Bonnae 1965, p. 54-57), Euphor. fr. 96. 1-3 v. Gron. τέκνον, μὴ σύ γε μη">ρὸς ἀπ’ ἀνθερεῶνας ἀμήσῃς, / ἠελίους ἥτις σε τριηκοσίους ἐφόρησα, / τέκνον, ὑπὸ ζώνῃ, φοβερὰς δ’ ὠδῖνας ἀνέτλην, ma anche il nostro luogo11. Hopkinson si domanda se Greg. Naz. A. P. 8. 87. 5 ἔτλημεν πανάποτμα, τέκος, τέκος, derivi dal nostro luogo. Cita poi Virg. Aen 5. 724s. nate ... / ... nate, da cui Sil. 15. 183 nate ..., nate ..., passi di struttura diversa dal nostro. Ipotizza che dietro questi luoghi ci sia una fonte epica, ma non si capisce se dietro alle anafore o alle epanalessi. In ogni caso la geminazione non pare sia un tratto stilistico dell’epica.

48Oltre all’occorrenza di Gregorio, una epanalessi di τέκος si ritrova in Flacc. A. P. 7. 542. 7 (GP 3819) μυρομένη δὲ τάλαινα· « τέκος, τέκος », εἶπε, « τὸ μέν σου / πυρκαϊή, τὸ δέ σου πικρὸν ἔδαψεν ὕδωρ ».

49G. Méautis, « Une réminescence homérique dans un papyrus d’Oxyrhynchus », CE 7, 1932, p. 257, in considerazione di Call. HDem. 46s. repertoria la ripetizione di τέκος da parte del nostro poeta come uno dei tasselli che ne dimostrano la dipendenza callimachea (fa notare anche che nell’inno parla Demetra che ha preso la figura di una vecchia. Fondandosi ancora su questo dato malsicuro della vecchiezza della parlante).

50οὔ σε ἔοικε: in Omero si ritrovano 40 occorrenze di ἔοικε, di cui 24 in fine verso e 17 con negazione. Abbiamo οὐδὲ ἔοικε 12x, di cui 10x in fine di verso; con negazione ancora οὐ μὲν ἔοικεν Il. 2. 233, οὐ γὰρ ἔοικεν Il. 21. 379, e anche proprio οὔ σε ἔοικε in Il. 2. 190, Od. 16. 202, ma quest’ultimo non in fine di verso, bensì prima della cesura femminile. Infine, il sintagma ὥς σε ἔοικεν chiude Od. 22. 196. Con la clausola οὔ σε ἔοικε l’autore realizza qualcosa che potrebbe ricadere nella categoria del “presque homèrique”, individuata da Cahen per lo stile di Callimaco (E. Cahen, Callimaque et son œuvre poétique, Paris 1929, p. 519-525): utilizza un sintagma omerico, ma in una posizione diversa del verso, ovvero quella in cui si trova il più caratteristico οὐδὲ ἔοικε.

51Il significato di ἔοικε è quello epico (29x in Omero) di “è opportuno, adeguato, commisurato”, “giusto” (vd., ad esempio, H. W. Nordheider, « ἔοικα, (ἐ)ΐσκω », in LfgrE, 11. Lief., 1984, coll. 621. 48-622. 18 “normativ”; J. Latacz - R. Nünlist - M. Stoevesandt, Homers Ilias. Gesamtkommentar, I 2, München-Leipzig 2000, p. 70), nel senso della appropriatezza dei comportamenti rispetto a convenzioni sociali.

  • 12 In epigr. 18. 7 ἔοικε è correzione di Kaibel: può forse andar bene per il senso, meno per il genere

52In periodo ellenistico la distribuzione della forma con questo significato è ben determinata: 3x nell’epicizzante Theocr. XXII (57, 154, 180)12, Call. HJov. 63, 85, Apoll. Rh. 1. 332, 658, 2. 11, 3. 16, 172, 472, 570 (5x in fine di verso, ma mai preceduto da negazione). Altrimenti, lo reperiamo con il senso di “è simile”, “sembra”, più comune nella poesia postomerica: Arat. 58, 67, 183, 439, Apollod. Caryst. fr. 3 K.-A., Asclepiad. APl. 120 (HE 1012), Macho, fr. 2. 6 Gow, Posidipp. fr. 63. 7 A.-B., Nic. fr. 85. 5 G.-S., Heges. fr. 466. 3 SH.

  • 13 M. Campbell, A Commentary on Apollonius Rhodius Argonautica III 1-471, Leiden-New York-Köln 1994, p (...)

53Si osservi che in questo periodo la solidarietà di questo verbo con l’appropriatezza del comportamento sociale si sgretola. A fronte di Theocr. 22. 154 οὐχ οὕτω, φίλοι ἄνδρες, ber"ιστήεσσιν ἔοικε / μνηστεύειν ἀλόχους, αἷς νυμφίοι ἤδη ἑτοῖμοι, ove si enuncia un principio generale di comportamento aristocratico, nel medesimo componimento abbiamo Amico che dichiara, rivolto a Polluce (v. 57), θαρσέω, κοὐκ ἐκ σεῦ με διδάσκεσθαι τόδ’ ἔοικεν. Amico non è esattamente un maestro di buone maniere (è anzi rappresentato come l’esatto contrario), quindi sarebbe strano un senso quale « non è appropriato, ‘educato’, che tu me lo insegni », se non come forma di ironia da parte dell’autore. Ma è soprattutto Callimaco che dà una torsione nuova a ἔοικε. HJov. 63 ἐπ’ἰσαίῃ γὰρ ἔοικε / πήλασθαι « si può tra pari porzioni a sorte tirare » (trad. G. D’Alessio, Callimaco. Inni Epigrammi Ecale, Milano 20074, p. 73); 85 ἔοικε δὲ τεκμήρασθαι / ἡμετέρῳ μεδέοντι « lo si può giudicare dal nostro re » (trad. G. D’Alessio, Callimaco. Inni Epigrammi Ecale, Milano 20074, p. 75s.). Qui non si tratta di ciò che è appropriato secondo le convenzioni sociali, ma di ciò che lo è in quanto “logico”. In Apoll. Rh. 1. 332 ὅσσα τε νηὶ ἐφοπλίσσασθαι ἔοικεν, / πάντα μάλ’ εὖ κατὰ κόσμον ἐπαρτέα κεῖται ἰοῦσιν si tratta di una ‘appropriatezza’ pratica, ‘tecnica’, tutto ciò che occorre per armare una nave. Molto simile è 1. 658 εἰ δ’ ἄγε δὴ μενοεικέα δῶρα πόρωμες ἐπνδράσιν, οἷά τ’ ἔοικεν ἄγειν ἐπὶ νηὸς ἔχοντας “ciò che di cibo occorre si portino sulla nave”; come pure è diverso dall’uso omerico 3. 16 ἔμπης δ’ οὔ τινα πεῖραν ἀποτρωπᾶσθαι ἔοικεν, “eppure nulla si deve lasciare intentato”, che, con 3. 476 πείρης δ’ οὐ μάλ’ ἔοικε μεϸιέμεν ἐν κακότητι, va insieme a 2. 11 κέκλυθ’ ἁλίπλαγκτοι τάπερ ἴδμεναι ὔμμιν ἔοικεν, con il senso dell’impersonale e generico “si deve” < “è opportuno”13.

  • 14 Dalle traduzioni non è sempre facile individuare una interpretazione: A. Pellin, Quattro poemi elle (...)

54La scelta del nostro autore, formalmente e per il valore semantico (in generale), è decisamente epicizzante, in particolare se si considera la situazione in periodo ellenistico: lì non abbiamo niente di identico dal punto di vista formale, ovvero negazione + fine verso, frequente invece in Omero; inoltre allora è maggiore la diffusione dell’altro senso, non omerico. Ma la valenza semantica, se certamente si allinea al significato generale di “è appropriato”, non riproduce con certezza le determinazioni presenti nei passi omerici. Date le lacune, non è facile immaginarsi l’azione di colui che è interpellato come τέκος e come possa essere giudicato un atto socialmente sconveniente. Tuttavia, l’interpretazione di παρὰ ... νέεσθαι come “trascurare (scil. il bambino)” (vd. infra) sarebbe coerente con il suddetto valore di ἔοικε14.

55In ogni caso, dopo l’affettuosa allocuzione geminata non sembra probabile che con οὔ σε ἔοικε si tratti di una diffida forte e severa, piuttosto una (mesta?) constatazione.

562. δευόμενον: anche qui un patente omerismo. Il verbo, il semplice e il composto con ἐπι-, è 37 volte in Omero e 9 volte in Apollonio Rodio, su 60 occorrenze fino a tutto il periodo ellenistico (di cui solo 4 in poesia non esametrica). Ma non è questa iniziale la posizione favorita del participio: δευόμενον tre volte in Omero costituisce il II piede e il longum del III (Il. 1. 134, 20. 472, Od. 4. 264), come δευομένους in Il. 3. 294 (e δευομένοις in Apoll. Rh. 1181, δευομένου in Nic. Alex. 251); solo δευόμενος inizia l’esametro in Il. 22. 492 (e δευομένοις in Apoll. Rh. 4. 491).

57W. Beck, « δεύ(ω) II, δεῖ, δεύομαι », in LfgrE, 10. Lief., 1982, coll. 259. 48-260. 24, elenca per il medio le seguenti categorie semantiche: 1) « to lack a thing: mainly food, clothing, etc. », « to lack a person »; 2) « be lacking in a quality », « be lacking in prowess or success in battle »; 3) « be inferior to someone ». Purtroppo qui il papiro ha una lacuna che ci impedisce di sapere se δευόμενον fosse accompagnato dall’usuale complemento al genitivo, che ne determinasse il significato, oppure se si trovasse senza complemento. Quest’ultimo caso occorre raramente: Il. 20. 122 δοίη δὲ κράτος μέγα, μηδέ τι θυμῷ / δευέσθω (scil. κράτους), 1. 134 ἦ ἐθέλεις ὄφρ’ αὐτὸς ἔχῃς γέρας, αὐτὰρ ἔμ’ αὔτως πσθαι δευόμενον (scil. γέραος), 22. 492 δευόμενος δέ τ’ ἄνεισι πάϊς ἐς πατρὸς ἑταίρους, / ἄλλον μὲν χλαίνης ἐρύcν, ἄλλον δὲ χιτῶνος· / τῶν δ’ ἐλεησάντων κοτύλην τις τυτθὸν ἐπέσχε, dove i bisogni sono immediatamente ricavabili dal v. 493s. Il complemento sottinteso, in questi casi, si trova nei pressi, come, del resto, in Apoll. Rh. 1. 1181 τοὺς μὲν ἐυξείνως Μυσοὶ φιλότητι κιόντας δειδέχατ’ ἐνναέται κείνης χθονός, beιά τέ σφι / μῆλά τε δευομένοις μέθυ τ’ ἄσπετον ἐγγυάλιξαν (vd. anche 1. 968 δῶκεν δ’αὐτὸς ἄναξ λαρὸν μέθυ δευομένοιϲος ἐμῆλά θ’ ὁμοῦ, 3. 717 ὅσσον σθένος ἐστὶν ἐμεῖο, / μή σ’ ἐπιδευήσεσθαι, 4. 1488 ὅ σ’ ἑῶν μήλων πέρι, τόφρ’ ἑτάροιϲο / δευομένοις κομίσειας, ἀλεξόμενος κατέπεφνε).

58La lacuna nasconde da un massimo di quattro a un minimo di tre sillabe. Una forma di genitivo dovrebbe avere la desinenza -οιο. Questo è naturalmente possibile, cf. πεσσοῖο al v. 10, ma il γ̣̣̣᾽ [ἄρτοιο] di K. F. W. Schmidt, « Rec. The Oxyrhynchus Papyri Part. XV », GGA 186, 1924, p. 9, è azzardato: non tanto perché la forma sia attestata solo in Greg. Naz. I 1, 27 v. 96 (ad es. il πεσσοῖο del v. 10 non è attestato altrove) o perché avremmo un referente ‘umile’ dotato di una marca stilistica elevata, quanto perché sembra una integrazione indotta secondariamente da quella, ardita, di Housman ap. A. S. Hunt, « 1794. Poem in Hexameters », The Oxyrhynchus Papyri XV, 1922, p. 112, al v. 3 ὀ[ρ]έ[γειν σῖτ’]. In definitiva, il complemento di δευόμενον rimane celato: per la lacuna del v. 2 e perché non è ricavabile nei paraggi, forse anche per la lacuna del v. 3. Ma è consentita una osservazione, anche se non decisiva. Ci sono diversi luoghi in cui il verbo significa il mancare di mezzi di sussistenza: Od. 6. 192 ≈ 14. 510 νῦν δ’, ἐπεὶ ἡμετέρην τε πόλιν καὶ γαῖαν ἱκάνεις, / οὔτ’ οὖν ἐσθῆτος δευήσεαι οὔτε τευ ἄλλου, / ὧν ἐπέοιχ’ ἱκέτην ταλαπείριον ἀντιάσαντα, ma soprattutto i citt. Il. 22. 492, Apoll. Rh. 1. 968, 3. 717, 4. 1488, dove troviamo il participio con il complemento sottinteso e con il significato di “bisognoso (di mezzi di sussistenza)”, il che può far pensare che anche qui tale fosse il senso del participio, anche senza una determinazione diretta.

59Gli interpreti che si esprimono su δευόμενον sembrano tenersi sul generico: A. S. Hunt, « 1794. Poem in Hexameters », The Oxyrhynchus Papyri XV, 1922, p. 112, traduce « My son, my son, being so much in want of »; D. L. Page, Greek Literary Papyri, I, London-Cambridge, Mass. 1942, p. 501, « son, my son, not to a child should you go ... in the hour of need »; A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008, p. 297, « o figlio, figlio, non sembrava giusto che tu nel momento del bisogno »; E. Cahen, « Nouveaux fragments alexandrins », BAGB, Avril 1924, p. 15, afferma che la donna « semble le dissuader de demander du secours à un enfant » (sul senso, difficilente afferrabile, di una tale situazione si è detto sopra). K. F. W. Schmidt, « Rec. The Oxyrhynchus Papyri Part. XV », GGA 186, 1924, p. 9, sembra riferire δευόμενον al παῖς, « es spricht eine Mutter, die ihr von Hunger ganz entkräftetes Kind auf dem Arme hält und einen mit τέκος angeredeten jungen Menschen um Hilfe anfleht » e cf. l’integrazione δευόμενον γ̣̣̣᾽ <ἄρτοιο>, e la stessa cosa ritiene Meliadò. Così ci verrebbe restituita una situazione comprensibile, ma la posizione delle parole non mi sembra favorisca questa soluzione.

60τ̣όσον: A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008, p. 297, « bambino così piccolo »; gli altri traduttori trascurano τόσον. Il pronome si usa a proposito di numerosità (Il. 11. 678 πεντήκοντα βοῶν ἀγέλας, τόσα πώεα οἰῶν), grandezza, durata, intensità (Il. 19. 202 καὶ μένος οὐ τόσον ᾖσιν ἐνὶ στήθεσσιν ἐμοῖσι). Con παῖς non appare congruo: « non è opportuno che tu trascuri un così grande παῖς » sarebbe frase problematica di per sé e senza senso nel contesto. Il sintagma si trova, tuttavia, anche in Od. 1. 207, riferito a Telemaco, ἀλλ’ ἄγε μοι τόδε εἰπὲ καὶ r">ρεκέως κατάλεξον, / εἰ δὴ ἐξ αὐτοῖο τόσος πάϊς εἰς Ὀδυσῆος, che sembra voler dire “dimmi se sei, già così grande, il figlio di Odisseo” (G. Markwald, « τόσσος », in LfgrE, 22. Lief., 2008, col. 587. 11, « so gross schon »). In ogni caso, il passo odissiaco non ci è di nessun aiuto. Come non lo è, ovviamente, Il. 22. 423 (parla Priamo di Achille) τόσσους γάρ μοι παῖδας ἀπέκτανε τηλεθάοντας, dove è questione di numero.

61Vi sono occorrenze di τόσος con verba dicendi dove questo potrebbe essere interpretato come “tale”: Od. 4. 204 ὦ φίλ’, ἐπεὶ τόσα εἶπες, ὅσ’ ἂν πεπνυμένος ἀνὴρ / εἴποι καὶ ῥέξειε, Ol. 13. 71 κνώσσοντί οἱ παρθένος τόσα εἰπεῖς ἐπδοξεν, Bacchyl. 3. 48 τόσ’ εἶπε, Theocr. 1. 138 χὢ μὲν τόσσ’ εἰπὼν ἀπεπαύσατο, 6. 42, 7. 90, 128, 24. 72, Lycophr. 1461, Call. HDel. 196, HDem. 65 ἁ μὲν τόσσ’ εἰποῖσ’ Ἐρσίν, Baaι κε σε πονάem>,Simonic. A. P.  199466. 7 (HEEOl.4ϐ τόιν ἀν κεξατα φωξεν; Bim> fr>, 1. 3.,non l pu 9, sembò essere ute possiensitai limiatto on verba dicendi

52A. P. 268, 6 (XVel I.] ,Simonic. A. P. HE A. P. GPGreni Epiguris, Cambridge 1924, p.77ο. Quesca di m denze va giignifrcome un se,ome quant piccato”o coè quelne delle traduzenze A. Pellima che la stesve las e senfsecoplemenli.

  • 55, DisGo sotgonnae11965, p78207, n aiuò lis="criamen anche τόσο χme posem>(...)

53 doto povremsi trrcome un sento dil genere 1; Hes. fr.726. 1 Po, μ δὲίήσῃ658 εhe τόσο χιδάστα βίρτ΂ Ἥᾳil. ἀνεε54.

56GGA 186, 1924, p. n. 10lima car pelge a utm, Teeo), quina πα.. νέεσθ70), nel senso di il pMee inolile”, “trascurseo”, fabeigenschanseoicaRiha predaene Melia’, ch, traduceole non mi sembva giusto che ei passinolte ne Meliaν, A frana (Apoll. Rh. 357ν Ἥρ μλλον ν ἐπα φοι μλδα πα.. οῖδκ ποενας  ππλμιόνald, là,ome nonfrano”ola g ang Date me voldi ln finepyriflagriione Qi ques’occorreiro il valoricamoerente c sgr 9painizi. È me volla pertitioin 125sni ad Aeem>,llod.)ε το γὰί γilυρορῠ παία τε μοι ομεηκε /e δευόμενονθετω, μά πα.. οῖδἑτσοli.

  • 56 Siesattancbo con lusoopirorrezalenza παe e il (...)

54.

  • (...)

61

52The Oxyrhynchus Papyri XV, 1922, p. :ato asestatu al v.. 16ὶ δ’ αὐτι μλθεσ ἀπαρὸν καွ σῃονr">ρτς perche nultdipendente del nostro poee dalrid. Fonzpi Le lasicopaso, dope è questirie semantiata, quans;on, iathecf. l’integraziordipe à uesametbiel pato”, il cto i, gica di per sso rispeicLt le frare cegnagonia di Housmvo verreber did, l uin cnanoome nrimineusa orgvederibnant: à za qualcoo (di cme nriminfino i trrcodell, adegerteza nel contest). Altrimente nulbace se61; Eur. EOl.ρσοco a dich out (ye hohand)ila nly fseoC. F. Wi ln k,cn">iponssni a Oreuris Orefra

53GGA 186, 1924, p. me nrii enuncagma έγέm una inteone divearamentα τ΂ ο὇πεὰ3 ὀ[ρ]έ[ᾶσθαι ῖτ ς 1 κοto uin cnanoome nrimineu, pialtdipersiicoan>L freqtezi. Ipotitroon il lloni3

Il.Od. 1. 510 νῦν δ / οὔτlt;437 σϸᾶσθαι ἐισσσοco οὐδς μὲξ αὐτΦς  τα λεω;ε, Tgn. 62. 1 ο὇ηπμὸΈῥέθαιμὸ΀εηνονo οὐδς μὲξ αὼιϺε / 10 Άάσ;na (Apoll. Rh. 1002-1004 ὐτοεσι μὲι οὔτα βοῶνίράτος μξ19 οὔτε ὸς α ς· / τυη δὺπασοῖέμλυρενενo οὐδς μὲί εγ[ν, / ποίναςαρ πεν ενυμὲ ὼοι μσένοσσ). N, nil seconuasenon è opporge a uza quhsere intu(menzouò tς 1 κοeνo οὐδuli.

56id. fr.0. 1 PoNe co. lre ragsizione ar pensare cca quesna parola p, fcgseola peggacqn cupeci realiegaze e lfum namupucu Meri,nso quaè quaonn defiuata dhryssidipp. fr144 al vArnim ξ α δον δ9 οὔτωπωυ τα φος , κφοςε δὲξ εἰ΄θὸo οἱ τάλααν ἱκλλνονo οὔτν ἱπεῖικκνον,ε αρ΃ὼιξαπκ ἀπσπεσς,ονom. πίρδέέται πα τὺς λλιν καυ τ΃πυσνλιν καα οζλιν καβκνλιν κα17 ὃσα μοᄭγα,κκον δὄ δο ἀ ώ σοϱ φωξεν κυθ’ιηλμι μεσα ">ρὸς α λλ΁ας, α δο ὼιζνοng>A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008, p3 200to geneealizza quesni driiaeiore fa ce cocila votare ancn, nel nostro c)93s. Il conteicig anituisce il significato di capacersità 3 (paolilee favorego interalon3x nell’eelgrcaep (o, H. W. Nordheider, ξ αίς », in LfgrE 13asi zz Rlaeio4opraLa or succnit ia lacuci impedisce di e ippure se si tratta di unaopratale»,capacersitoso, muli.

ρνονα ">϶ιν φοσν, /τάκὲo οỵυόμενοfa notare anciloι riPriaon srouò tςα ">϶ιe17 ος μ)ica, mee il significato di riprrutorear crmineoliledi la Mpettoè quelvegetormale se noo di to genngseoia da parta di geori,noro ' Fn ai a nell’eelgrcaep e è attestatdel paicareε, Tgn. 429ϱοῦται π ναοπδὲβίρ΄θὸνဆανας ἐφΑτως  ἐιέμι). na vieo; inoltai pipensare cca quest’ultiil valo(esa anaist11 (vng>Burgvelin, SHAen, Paris 1965, p17)he he proprte delloo arinil blemaooi cò gimme:», sio, tanoosuet i cai cEsi Acmono suet38 occorre», em>ipons 33ono 35t38 occorre», Sofochid16ono 19, in cui paran ju A Mp. Rl9 F 28 3 SnraLa oa stessa cola vica per il composκ ωon ia soò ti il compessi d ωare crgriee, farta oo arinil blemaooi cSofochide em>ipons»). li altil geniveuralonze fin dellisione dellarietmi ellenisaqunelloo arinil blemaoore raOm,ae0), nel senso di to genngseone anu, pispo, tmaeo, il paste d Tgnons s="cto”Od.2 ς δ’ Ης γάκτον φοσ᾽ &ίϹο&lν καν ᆱκάς,οα τθηγῖ, ἱα ϳo, μαν ᳿μένο(ma inpla ansoopirotai eQ): utilivisto el sen‘bio“logic264PlatHcn">Od.2 ι μὺὶ μγκτ,ν φη,ι χ πίωυ το ι πίωπ κατ δ’ &νο&lοπ μς, ᄼοι τμον τοὺαῖχ οὕϱς ᆽοσξεLys(vd. SH 572(Aigeaniv340-330 alod.)ςόλίμς μ̣ν̣’ ἵϴο di παϼ[ν] ng[άϱ]ν΂· κο̣’ ̣ν̣[ΐ]ν είλ[] ∱ὶταἴδξσ [․c.4․]· [․․․]ΡΟ̣Σ̣[․․]ΟΝΤ[․․]Α[․․]Ν ∱αάπ̣[ἀπ]· Δ[․․․]Ε ∱မ ᆽο[οπ κ]ν̣[εο— — —]ova, tieoscriegaze fu genniPage, , rha493s66. 3

53.

  • (...)

SH<ς ec.

52Dunqudi un quene, forente eatdi pri il senp direralmendille gimme seto ossieganze eo-affe un ptmciuli.

51

56Il. 1569ς τϿντcὐδςαμ πίγθo ΰος ἐπβΆτcoΐϮσcbza un significa immelcome fdas q noeda di vearioniesgenit naopriedeta u noeda di veari(B 3.heider, €΀α‚ », in LfgrE 10. Lief., 298, co490co47-56)70), e 38 occorrenor succnienn, formalmerbo signifidi er occongseooone, oesua,ù il genetralmeco vir manngseoiva. CTesi demaς, che senin que o il signifiinon atossieme po finvvedena dIl conteiri che rimineusaaist nouiutorCerreralmendalre at«cdi uoviare cto bultimesgnans;om denispaa femcitrta Ag>A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008, p. 29ς non aiume vo”52up> 5m> 1m14=oin ,llod.)·αϻήσμοΙνῃ γέφΑμον οςϊῖ α ">μοΙ ϻ̣c0, Gre(L, Pase, III/IV,llod.) εντι ε|υ ΃εμ ϻϭσ /ν κα|ὲ θία ">ρὸςΐ κΉ0, ,3. 113885. Melos, la tdel Illod.), μ, λο,ϱλλ’ Ὥπ,όμ ν κα|မ αὐϸκ ο γὰϽ ϻϽτc|/πΑ ">ϵήσος δο δο|32 ϻζσοΕ ο´οc»N nlo 5, esatòclucattancl unela dmaimmagisarma s, in <. adesple g>Il..[..]>[,one rail paste Eracle:1 (vdellnfa nrreziota Knf rt osSn qu in <. m>Il.Dunqui il verhe he proprt;omprr ma un ptmcinte la Mpiin delmo pa», in particol e dal on aplcica di saziocolnli.

Il. blockquotn/ul> blockquotn/ul>

Il. blockquotn/ul> blockquotn/ul>

R72636 υ ρθπθς ỆΑ΅ς Ệῳ· πκὸς ᳃σιην τν ν ξην τια: <.

blockquotn/ul> blockquotn/ul>

frml. 76 W. ἱινν ϸον Ζνπ κνςθ έ ι,ς κτϽ δ’ မ αὐοῶν ἀσέεσς,οἇπκὂ·  μψί΄σრ μέρ,(ς ỆΑ΅ς Ệννοςέ Ͽ: <.

blockquotn/ul> blockquotn/ul>

blockquotn/ul> blockquotn/ul>

blockquotn/ul> blockquotn/ul>

57 κμτώδς μᇿξ·· ς ỆΑ΅ σ’ ỆΑλοσπ τάύcid ỆΑλοe σ‽πμ ᇭ χο: <.

blockquotn/ul> blockquotn/ul>

blockquotn/ul> blockquotn/ul>

fr24.e4pdMpehl. o, ἀ δ’ ဠὲεπ Ϲ εᆽνοςỆΑ΅ σ’ δς ỆΑ΂· πανςπ νγέπcΑ ῦϿ: <.

blockquotn/ul> blockquotn/ul>

blockquotn/ul>

51Od.

55

Il.

πην ννος. κνςίε), il cioicoicopin za queslesgspecic a, anchl g"pa araeratde è atteegaze n, e l. <1;malidgl e Od.Dun le si tra,e6, ancne uasenta ᇵ = di in piileà di u cllisaelazioς nhe vvivermeli.

πην ννος. κνςίε,rm> d i ᇵ,ohe venialmenda fi nep, ramariec. n>Dun acqi siibuzione l uoad quenam, Po,aς nlo soggaffoserv

νε῿ντσ σ‽/λ,ϱ ">πηἂcς  ε ὐτΦῲεσοσπσ΃σδ’λΐμὸ΀θ1; Eur. Il.SH<ς ec.πηἂc σθόονὸtϴοηυ κα’ως α σπστco,μιλςσ ἱα,Hovvdot> m.e32ϱ ">πη σ’οηυ σ΃,ς χ οῶέδῺκλσὸϺω‽λ, o, ἀ δ⼵οmο ( e ce, ancPindscn">Il.Il.Il.Il. m.e33; BacMoylalm> frdub Rh. 1;lm> fr2 Rh)sli.

S. H(Apisage, A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 20088, p32400372, avorontesnoucaic)n ι riPro a : Il. 646 pdo εiσπύάύcγμε δ΄ϽδῺκαွ ἀνβο.·  ύά άρμ σ’ἀ ὸθὸσ,ςỆΑϴϸ σ‽λς  λ τύσ,ς ὸδ δ’μπέεσ oηReMéa): sehsuragsinco, nbelvtureel uda particol affcninsindi pla for(puadve quanavguarma on el conusaone, anche to il geneamoerente n>iotn el ceesatde saon nondedin ultsuetmmagisilne nhe si espo he mela dmo ilnceesa: za quesre di unisè anzeazioe, ancta Ag>A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008, p372en Ieiesgforlni occoleegaze, purlne nban qe,evebbesi tuiinrvSarmall. 1m-3 (ae(Il.3Ͽξα υ ό·Ͽ ΄ Ͻεέ o ηῶ, ηε σ σέenli.

d i il sendpyέεσ19 ΰς ᳃σnlo so cagzeormpatenè queln, nel nost9 ΰς ᳃σαiσμ σνm>Ne uorsprne dadlispepotcesugreifice il sinta,ldi, uronidi, afoeremretpa a a poe unìosa,)o coc cui pa puet iipero, si espo ena,ù avhe poruntaresanla genit fuo i dan el croqumeumaro:co. ì», Platall. 9 οvς γὰ δွπόγζθπτῶμπ nν Ἥ οεσ oςο κνιέΖισ o ΐ΃αcέισ (e, anche o. lre da er dicaic anci dte coepamoerfndi iiuttoseo ne delluovidho patoot deteralmenne da sna ureda geniendsgonial eronalfltsuendisg"pzee), Mmoall. Il.Se si tratder p re priane dellfelaziota unndio,aς no cone el nostrl passo (dicoa sasua ersim>Se aa potrebdensagnusauntaiogi prevstrombea mome nen el conusatdo l ula fo:ndsudi ς ᳃σαprvdottcatnlla ragsincoumara,aadadioiregicctendi nellπ invmome naveno, fcnmhadadioi ancon esime nen eo c. C. Cohe el na vienlla c.

Il.

m mome di MetivdoOmal ancPlutagco,zn, ott. symdespris, tdmoniarra ancshiλo,<> μ ̣[ ]· ᐐρ Ͻ ὀκαἺϻα὾ᱻμαὂνcΐϽν [ς]·ς 9αὲόϱἐ΁΍ωnψϰŒδῲν ῶo,Ͽω΃[ϱ] (vv. P5-7). Qu quensuet38 occorre,rintapeicoimisdarin Om e0iallsu uaii irprdeazrazio(di utradizrazioa di cse accennane do schol. an>Il.Dundi rlmca foro u n, 51Dun,che sl significade “femr faacrileolo se secarop. Qu quree ai phe rl pa0ostomeoemdelli irprdeazraziod cR/aFü

S. Huntidt, 1794 1Po poze Hexesai vers », F, men nuadfx frantarosch erhalt vin hmi ellenivann Epik (einschliesslahh da Vorläufi vlAamimachos)risA. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008, p353,oro “femrile.li.

51

55

55

3, pCins="srazrazi finali..)

m mome ne cse lo più aApaztazeta:li.

S. H(Apisage, , p254 1mc/aPf(ndir1, C prho i de lv. P17selnel nostm> m mome; Ag>A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 20088, p357, 371enli.

m mome ne c a puts essedaldelle,

Duna, izersitda particoitin1, C prho:edaldellu ode lvocebolooλπρ ς,cshe he repermoreta duome neldelle, , p254 Pf(, a da menzrazioseldanδ᯲νω΃ς,cshe noovealtia lv. P102adeldelle,

Körteidt, LideraroschegT="te mit Auschlu sonuadcho arlahheners », A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 20088, p357-363); GE Méaugisidt, UziorétereoreirethomériDundansdi ps PausTdellhe Oxyrhyncers », S. H(Apisage, m mome; ripa so pacAg>A. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 2008 fr3mmc/); Ag>S. H(Apisage, Quintaci htud si aa poegmi ellenisarisA. Pellin, Quattro poemi ellenistici su papiro: fr. ep. adesp. 2, 3, 4 Powell e SH fr. 939, Tesi dott. Università di Venezia “Ca' Foscari” 20088 fr302, 31. 26500370c/a(ii più u,aA. Pelgportephe el f/sttonseldant, aa peocentesli de lro petmoatinla ihiusaosoldelle,

55

m mome, ome0se lo pensadvefitonad ora,csea aure ze manieraudi poilig virnif/aManne cnn sodsutacereaaacn>iudati dhmupoprn soporssedubbi:li.

bloikquotn/ul>

a) lsuìesoiz un csuete, bloikquotn/ul> Top of dage..)Top of dage..) ul> h2