Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Varia

È realmente esistita una polemica tra Arcesilao e la scuola epicurea?

A-t-il vraiment existé une polémique entre Arcésilas et l’école épicurienne ?
Did really exist any controversy between Arcesilaus and the Epicurean school?
Aurora Corti

Résumés

L’objet de cette étude est de chercher à reconstruire le débat entre l’école épicurienne et l’Académie sceptique au IIIe siècle avant J.-C. On examinera une section de l’Adversus Colotem de Plutarque (1121E-1122F), qui se présente comme un témoignage particulièrement significatif en faveur de l’existence effective d’un tel débat. On se concentrera non pas tant sur les questions qui sont en jeu – questions auxquelles on fera quelques allusions, mais sur lesquelles il existe déjà une vaste littérature –, que sur des aspects proprement historiographiques : de l’identification du promoteur de cette polémique aux raisons qui l’ont fait naître. En répondant à ces questions, on sera en mesure de montrer que l’originalité de la pensée de Colotès mérite d’être mieux mise en valeur, car Colotès a joué un rôle particulier au sein de l’épicurisme comme initiateur de la polémique anti-sceptique.

Haut de page

Texte intégral

1Questo contributo è stato realizzato nell’ambito del progetto di ricerca PRIN MIUR 2009.
Desidero ringraziare la Prof.ssa A.M. Ioppolo, il Prof. E. Spinelli, il Dott. G. Ranocchia e il Dott. F. Verde per aver letto una prima versione del presente lavoro e avermi fornito preziosi suggerimenti. Infine ringrazio l’Anonimo Referee per le sue utili e puntali annotazioni.

  • 1 Questo è stato uno dei motivi per i quali a lungo si è pensato alla filosofia di Arcesilao esclusiv (...)
  • 2 D.L. IV 33 e 40; cfr. A.A. Long, “Arcesilaus in his time and place”, in Diogene Laerzio storico del (...)
  • 3 Cfr., tra gli altri, Varro 44; Lucullus 16, 66. Su quest’opera rimane ancora insuperato il volume d (...)
  • 4 Numenius, apud Eusebius, Praeparatio Evangelica, XIV 5-6, 729B-733D = fr. 25 Des Places.
  • 5 Il testo di Sesto Empirico qui stampato è quello dell’edizione di H. Mutschmann, Sexti Empirici Ope (...)

2La maggior parte delle fonti in nostro possesso testimonia la polemica di Arcesilao contro la scuola stoica1. Così, ad esempio, Diogene Laerzio sottolinea in più punti della sua opera il dibattito che intercorse tra lo scolarca dell’Accademia e lo stoico Aristone di Chio2; così anche Cicerone negli Academica3 descrive la disputa tra Arcesilao e Zenone di Cizio, che rimane il principale avversario dello scettico anche nella testimonianza di Numenio4. Ma è principalmente grazie a Sesto che è invalsa la tendenza ad attribuire ad Arcesilao una polemica esclusivamente contro la scuola stoica e non anche contro quella epicurea. In M VII 159 e sgg. Sesto scrive5:

ὁ δὲ Καρνεάδης οὐ μόνον τοῖς Στωικοῖς ἀλλὰ καὶ πᾶσι τοῖς πρὸ αὐτοῦ ἀντιδιετάσσετο περὶ τοῦ κριτηρίου.

  • 6 Non sembra condivisibile l’interpretazione di J. Glucker, secondo il quale: “Surely, ‘all his prede (...)

Carneade, invece, a proposito del criterio si schierò in una posizione contraria non solo agli Stoici, ma anche a tutti i filosofi6 che lo avevano preceduto.

3Considerando che queste righe segnano il passaggio tra la sezione dedicata ad Arcesilao e quella per l’appunto dedicata a Carneade, la conclusione a cui si è spesso giunti è che, al contrario, Arcesilao si era contrapposto soltanto agli Stoici. Questa lettura sembrerebbe essere confermata da quanto sempre Sesto scrive poco prima e cioè che:

οἱ δὲ περὶ τὸν Ἀρκεσίλαον προηγουμένως μὲν οὐδὲν ὥρισαν κριτήριον, οἱ δὲ καὶ ὡρικέναι δοκοῦντες τοῦτο κατὰ ἀντιπαρεξαγωγὴν τὴν ὡς πρὸς τοὺς Στωικοὺς ἀπέδοσαν.

  • 7 Il passo è stato diversamente tradotto e talora anche emendato. Riporto la traduzione che ne dà A.M (...)

Arcesilao non ha definito alcun criterio in senso stretto, ma egli, anche se sembrò definirlo, lo fornì seguendo una strategia di contrapposizione agli Stoici7.

  • 8 Questa strategia argomentativa è coerente con la prassi dialettica di Arcesilao, che prima lasciava (...)
  • 9 Nel prosieguo del lavoro l’accento sarà posto sul lato ‘polemico’ della filosofia di Arcesilao e qu (...)

4A mio avviso, però, tale conclusione può essere accolta a patto che sia maggiormente qualificata, ossia solo nel caso in cui la si applichi unicamente al campo epistemologico e non anche a quello etico. Questo, d’altronde, è ciò che suggerisce la stessa testimonianza sestana relativa ad Arcesilao. Essa può essere suddivisa in due sezioni, che non presentano però una struttura omogenea. Quando si occupa del criterio di verità (§ 150-157), Sesto infatti espone prima la dottrina stoica e dopo le critiche che Arcesilao aveva rivolto contro di essa8. Al contrario, quando passa ad analizzare il criterio di azione (§ 158-159), la teoria di Arcesilao non è preceduta da nessuna tesi stoica e dunque non si costruisce in opposizione a essa. Ciò innanzitutto significa, come ha efficacemente dimostrato Anna Maria Ioppolo, che il criterio d’azione è proposto da Arcesilao in propria persona e non unicamente in chiave dialettica; ma significa anche che tale criterio rappresenta un’alternativa etica alle filosofie che, contemporaneamente all’Accademia di Arcesilao, promuovono con forza un loro ideale di vita morale: tra queste filosofie, ovviamente, non c’è solo lo Stoicismo, ma anche l’Epicureismo. Ed è su questa differenza tra piano epistemologico e piano etico che vorrei muovermi per provare a mostrare come Arcesilao nel primo caso abbia ritenuto sufficiente combattere la posizione stoica, mentre nel secondo abbia dovuto rispondere anche agli Epicurei9.

  • 10 Cfr. Us. 244 = Sextus Empiricus, M vii 9: ὁ δὲ Ἐπίκουρος τὰ μὲν αἰσθητὰ πάντα ἔλεγεν ἀληθῆ καὶ ὄντα (...)
  • 11 Cfr., ad esempio, SVF I 53, 56.
  • 12 Cfr. ΚΔ XXIV; Us. 247, 251.
  • 13 Cfr. C. Lévy: The Epicurean theory of knowledge (…) gave the occasion for fewer criticism, probabl (...)
  • 14 Da questo punto di vista è interessante notare che Lucullo, nell’omonimo dialogo ciceroniano al par (...)

5Come è noto, mentre per gli Epicurei ogni rappresentazione sensibile è vera e perciò affidabile per la conoscenza del mondo esterno10, per gli Stoici solo la rappresentazione catalettica può funzionare da criterio di verità e strumento di conoscenza sicura11. La rappresentazione catalettica stoica è però più qualificata e soddisfa requisiti molto più vincolanti rispetto all’insieme altro delle rappresentazioni, che tuttavia nella gnoseologia epicurea continuano a essere affidabili tutte allo stesso modo tanto che, se si negasse la fiducia anche a una sola di esse, non si potrebbe più accordarla a nessuna12. Prendendo in prestito un’immagine dalla teoria degli insiemi, si potrebbe esemplificare la totalità delle rappresentazioni come l’insieme più esteso, che a sua volta include quello più ristretto delle rappresentazioni catalettiche; ma una volta fatto implodere l’insieme interno, esplode ‘a cascata’ anche quello esterno. Allo stesso modo Arcesilao, avendo demolito la pretesa di verità della rappresentazione catalettica, ha ritenuto a ragione superfluo dimostrare che neanche tutte le altre rappresentazioni, ancor meno qualificate di quella catalettica, possono funzionare da criterio: la demolizione del criterio epistemologico stoico, dunque, include anche quella del criterio epicureo13. Nel migliore dei casi, la canonica epicurea poté essere sfruttata dagli Accademici come mezzo per accusare gli Stoici di non saper trarre le conclusioni necessarie dalle loro premesse epistemologiche14.

  • 15 Cfr. M. Dal Pra, La storiografia filosofica antica, Milano, Fratelli Bocca, 1950, p. 12. Come scriv (...)

6Come è quindi evidente dalla struttura stessa della testimonianza, quando Sesto afferma che “Arcesilao non ha definito alcun criterio in senso stretto, ma egli, anche se sembrò definirlo, lo fornì seguendo una strategia di contrapposizione agli Stoici” si sta riferendo al criterio di verità. Egli ha dunque ragione a sostenere che, sotto questo aspetto, Arcesilao si è contrapposto unicamente agli Stoici. Ma ciò non significa che Arcesilao non abbia interagito in alcun modo con la scuola epicurea o che non abbia ritenuto opportuno rispondere alle accuse di inattività e di incoerenza che, in campo etico, gli erano state molto verosimilmente rivolte dagli Epicurei. Vi sono almeno due motivi a favore di questa ipotesi. Il primo emerge se si tiene conto del contesto in cui si sviluppano tali filosofie. Siamo, infatti, in un’epoca in cui le scuole filosofiche si vanno definendo con sempre maggior rigore, raggiungendo lo statuto di istituzioni formalmente riconosciute. E man mano che ciascuna scuola acquisisce una propria identità, aumenta anche il senso di appartenenza da parte dei suoi adepti. Non è quindi difficile immaginare come questo senso di identità si sia costruito anche a partire dai dibattiti con le altre scuole filosofiche: polemizzare contro le dottrine altrui significa rendere più salde le proprie, perché – come ha scritto giustamente Mario Dal Pra – “la polemica va riconosciuta come una forma dell’atteggiamento storico”15. In secondo luogo, perché molto spesso tali dibattiti riguardavano il valore etico-pratico della filosofia ed è dunque decisamente improbabile che Arcesilao non avesse dato, almeno ai suoi discepoli, indicazione alcuna circa il modo di agire, il criterio da seguire per comportarsi rettamente ed essere per questo felici.

7Inoltre, se a queste considerazioni si aggiunge che Arcesilao è eletto scolarca dell’Accademia nel 268 a.C. circa (ossia quando ormai la scuola di Epicuro aveva già praticamente quarant’anni di vita), diviene ancor più difficile immaginare che lo scetticismo radicale da questi impresso alla scuola platonica abbia provocato reazioni infastidite solamente da parte del dogmatismo stoico e non anche da parte dell’altra scuola dogmatica attiva in quegli anni ad Atene, ovvero la scuola epicurea che oltretutto fu fondata ancor prima che Zenone costituì il Portico. E questo a maggior ragione se si considera che già Epicuro mostrò di avere un atteggiamento fortemente critico nei confronti di tutte le istanze scettiche o proto-scettiche e che questa rimase una costante della scuola epicurea fino a Lucrezio e a Diogene di Enoanda. Ma se una polemica vi è stata, possiamo noi ricostruirla?

  • 16 Cfr. R. R. Westman, Plutarch gegen Kolotes: Seine Schrift « Adversus Colotem » als philosophiegesch (...)
  • 17 Cfr. Adv. Col. 1122B-D e la dottrina dei tre movimenti dell’anima (ὅτι τριῶν περὶ τὴν ψυχὴν κινημάτ (...)

8È proprio da questo punto di vista che l’Adversus Colotem è una fonte fondamentale e imprescindibile. Dallo scritto plutarcheo, infatti, apprendiamo che Colote – nella sua opera, non pervenutaci, dal titolo περὶ τοῦ ὅτι κατὰ τὰ τῶν ἄλλων φιλοσόφων δόγματα οὐδὲ ζῆν ἔστιν e composta intorno al 260 a.C.16 – aveva attaccato una nutrita schiera di filosofi, tra cui Arcesilao, accusandoli di essere condannati all’apraxia. Nell’Adv. Col. tale accusa contro l’accademico assume tre formulazioni differenti. E, mentre la prima con ogni probabilità si deve far risalire alla Stoa (stando almeno alla risposta testimoniata da Plutarco17), le altre due possono essere considerate formulazioni epicuree, in quanto si rifanno, rispettivamente, alla dottrina che identifica il τέλος con il piacere e a quella che postula la necessità di dare l’assenso a ciò che è ἐνάργές.

9In Adv. Col. 1122D, infatti, leggiamo:

  • 18 Seguo il testo tràdito dai mss. (αὐτῶν γε τούτων) rispetto all’integrazione di M. Pohlenz (ἀκούομεν (...)

Καὶ μὴν αὐτῶν γε τούτων18 ὡς “αἴσθησιν ἔχειν δεῖ καὶ σάρκινον εἶναι, καὶ φανεῖται ἡδονὴ ἀγαθόν.”

  • 19 Tutte le traduzioni dell’Adv. Col. sono mie e si basano sull’edizione curata da B. Einarson e P.H.  (...)

Ma anch’essi sostengono che “basta avere una sensazione ed essere fatti di carne e il piacere apparirà un bene.”19

10E in Adv. Col. 1122F e sgg. troviamo scritto:

“᾽Αλλὰ ἀδύνατον τὸ μὴ συγκατατίθεσθαι τοῖς ἐναργέσι· τοῦ γὰρ ἀρνεῖσθαι τὰ πεπιστευμένα τὸ μήτε ἀρνεῖσθαι μήτε τιθέναι παραλογώτερον.”

“Ma non è possibile non dare l’assenso a ciò che è evidente: più irragionevole del negare le cose a cui si è data la fiducia è il non negarle né affermarle.”

  • 20 Cfr. Ep. Men. 128-129. E, infatti, nella loro edizione B. Einarson e P.H. De Lacy traducono: “Now t (...)
  • 21 Cfr. Diogene Laerzio VII 162-163 (SVF I 346), che ricorda come Aristone di Chio, alla vista di un t (...)
  • 22 Cfr. SVF I 407 e F. Longo Auricchio, “Lo stoico Apollofane nei Papiri Ercolanesi”, Rendiconti dell’ (...)
  • 23 Ringrazio l’Anonimo Referee, che mi ha aiutata a chiarificare tale aspetto. Per la connessione tra (...)

11Nella prima citazione è chiaro il riferimento alla scuola epicurea sia per l’identificazione di piacere e bene, sia per la presenza del termine σάρκινον. L’ἡδονή, infatti, è il τέλος degli Epicurei (non quello degli Stoici)20, e, per fugare qualsiasi ambiguità circa un possibile riferimento alla scuola cirenaica, basti ricordare l’accenno alla carne, che è un termine importante ng“la polemi Arcesilao e qu (... propo, e, per fugare qualsiasi ambiguità circa un possibile riferimento alla scuola gli Stoi"> anza partStoirrosimilm>8. Al iteriolro veroiene c alro lad/ul>mére), mentasofia ebene, sia panche a tunza del termine σάρκινον. L’affeich αfo epistem(... href="#ftn4a. Ciò inna definirlo, ia è il noncall"9" hrefdspan cl 9 principaotnotecall"timonianza di Nu/a> Raca dell’Accademirca u4lmente grazie a Se quarann23">(.auct-772-fu),narticolarmente significativa a f

a fino a Lta’ anche quellni deuguso tali ="#ftiος alcuna fino uguso tali ffermarlla teoria degli insiemi, si potreb2ccademici comnumb2zo per Vaftn20">(...)oftn7"el pensefficpartSt="#f Nel prr le a hrei allusat ica infaa che lità fie, ovviamente, pensttura omoltre due risalireafttationon">ὁ δὲ Καρνεάδης οὐ μόνον τοῖς Στωικοῖς ἀλλὰ καὶ πᾶϭσμτοῦ πῶτοῦκ (./li> ιπαϱ ο

ΰή tiche o« such cupa class=lockq gli hio e a Diogene celsiasitSriorale:tenz sss="fo a,(span xml:lcipao αἰσθητὰ πάντα ἔλεγ:lnῶν libutte a Πδὲ ζύ οκ di Cizio, che rimane il principale cusandoli di b2B-36sia>) coo lo stggeriue ragione:uni acuctuolauntazion di Cizio, che rimane il principale si rifanno, rbumb37 dtaliture, se si >1. Così, atiche o ss deve far oomte daa cl/div> όφupa de, non smergl "> impnte an cl,al> raude qucppano t7"el pens

cl/div>d>R. Wes>. Prendupa ica il τrodyftntout courtti. Ee –

  • 15 Cfr. M. Dal Pra, La storiografia filosofica antica, Milano, Fratelli B38 di Chio, alla vista dF.pan clallCaizzicae cPirisputdiD cl/divao.Gla ptomt/spaitàivafar?ass="num"Elmarhost «, 5 84

    ppssidoMa anch’essi soV 5-6, 729B-733D = frSVF I 346), che ricorda come Aristo4e di ChioSe (

  • )icono re ptà n">È proprio da questo punto di vista che l’Cfei 64) etico.e>
     cpos#ftn13opommirn aseoldalla scuo a πon lretto da>de, afirispu una anumber">7uxqulvi τὰ dieponsitadem te an clasccusae="bo di Cizio, che rimane il principale4ola cirenaica4io 40lla fi iv c se u2" le rimas”
  • 15 Cfr. M. Dal Pra, La storiografia filosofica antica, Milano, Fratelli B4esi”, aumentpaa n"> dopa chealuciutei TtofrasF I 407 e4umber">11Nella prima citazione è chiaro il riferimento alla scuola epicurea sia per l’identificaz8 di ChiSendupa on ha dagli Sd non s=tiche o fheun pn>pa ono alla cefficonc hiiso tali o ela " huppercaste an cla sehNuόingionepone . IingoVII  improbato A epllat aEpicurei an> Nee2" gg< ha riemolnifirola oca il ma>
  • e an co chee, ovviamente, non c’è emicahe se satr">uxqulvi τplatonicaticamentdi vita tiche o re scetm da la d"ne1rtico. E Ciò inna atictpa cel pronclelmeno al TtofrasFo etn6">6osizigaltrus.. hrrein0">1ie, ovviamente, noC impo, al P spu di Cizio, che rimane il principale4 avversario d4umb4zo per Èbattiti cdeglpropomo emergee, il criterio da senendo cpa feritaEpibira ’slao, mecona solamente da ola ocτὰ dirflnari. a19"foottSriolasccusuo oni tale una,battitisitiche o όfeIoppolra qu oici soiIn Adv. Col. 1122D, infatti, leggiam:9iano ale>
    16 Cfr. R. a psi s.) ritecona WilhelmoC önert(e Etpo, aBignss= di Cizio, che rimane il principale4 4 p44ema filostat1E-F ὅτon">ὁ δὲ Καρνεάδης οὐ μόνον τοῖς Στωικοῖς 7 Il passo è stato diversamente tradotto e talora anche emendato. Riporto la traduzione che45>R. WesPδονήome l’iass="texte">cassa ca cr altruncascaca rref="#ce="text-t princD.L. IV 30-31 1ι μή ὄΈ clasὴ άέν ιοumb class clό clclass=" id="/p> e> υδockϽ umberτὸ μή ρckqu> #ft<άλρον.torno al lass="footnotecall" 11)<τε ταἴσιοumδό < νεἔ lasνὴ ἀπckqsν ἀΐμο ockϽ id="/p> τr"ρcο ήτ e">ἔχ αἴσιήτϽ uotaa hrecalι dχ . di Cizio, che rimane il principale4re etico-prat4ree45>Rtexte">10E in Adv. Col. 1122F e sgg. troviamo scrν τοῖς Στωικοῖς 7 Il passo è stato diversamente tradotto e talora anche emendato. Riporto la traduzione che46 di ChioLlutarmodoὶ τοlo degli Stoicvolta inclu, nonano t/ea chnsfo epistemπckqsνa qualsiasi aimano /em> I 407 e42B-D e la dottrina dei tre movimenti dellnito alcun criterio in senso stretto, ma egli, anche se sembrò definirlo, lo Sde er proonsiv cassa ca cr altruncascaca rn">Cfr. er pro qa hontinων φlle nto gi devel volume p Licoercpi Pda paet «,« such dovseCῶνq">811)ήϽο τής di Cizio, che rimane il principale7yftn3" href="7ee,72sia>,eue decisenso όgiudi

    pseFa di Cizio, che rimane il principale7 avversario d7umb73 dtaliloauRerisalc principao, allo deveticopurua clcpi Pda paet «, dovseni a, aruto o z cema che>epσοlas=aell’/diCῶνquteslarm"erlleimt «, mona degli hrefda pa Mo di Cizio, che rimane il principale7 7umb74 condannatva ron"textaeue decisnfermatalohnss gnuto ohreer --> ffermarl
    13uxqulvi a ,eneiehr

    16 Cfr. R. tat0E;stat1E;stat3F (sendtrombeneνo duome Aeianza);stat4A ΚΔ XXI7ιῶν πεIbidυ. E, tat0A Rτὴν s="quotati αἰσθητὰ πάντα ἔλεγfem>R. Wesogichouiccxre la so8 valoi reiefu ffermaza,el stlarmetuthts="quo5edannael stuomi τvginaemD essere de n s=uicoappe s ,eestimonapan xml:lccall"o modoiegli Stoic ὡρλήψθό,n cons propodo di r alisopodo quot la re ut rtto t">caiRefponsi o liue ragione uolauntparrai uefsmo avda Cῶo

  • 16 Cfr. R. Euse7accento sarà posto sul lato ‘polemico’ della filosofia d79si”, Ma anch’essi soV 5-6, 729B-733D = f8esiup>).n style="text-t priin class="para8F. Longo Auricchio, “Lo stoico Apollofane nei Papiri Ercola82>R. Westman, Plutarch gegen Kolotes: Sfermaυchrift « Adversus Colotem » als phil>RrniFlacelière " ;"> vii 9: Plutarch gegen Kolotes: Sfeo unoson ha dagl P  Vamica Waerdtcase;"> r criticism, probabl  r Adversus Colotem » als phil,ssto punt« Adversus Colotem » als philopiviettichrift « o di vista 8umber">5Come è noto, mentre pele conclusione può essere accolta a patto che sia maggiormente qual32y traduloiv c sgico e calllsiza defroneistem duTe a quotτῶνfu ra un’aica epi ilaegnarttPrev> a8 impnte an cl,atr princduome Aemerg sdinsuola epiivfimoAdpirifie.Erticano e ticolarmentef=us/Cῶms="quoQslaolarm">(a>
  • (.o fu, nonit. a19"foottSriolapeculiai reia n>888epσοlas=a afipsi sto ag csi fino sa in dueprorrenncdinsuasosso tali dibattiti riguardavano il val8a requisiti m8F.81lla nd="lemica scoauRllbe. Pre doessuaffo epit «  aler --> vionre
    8 che, 8de tnogen e ouiflitàner ilrll"fu, non, aruto og. o lCῶ di Cizio, che rimane il principale8 8umb84