Navigation – Plan du site
Traditions du patrimoine antique

Hubertus Goltzius e la Civitas almae urbis Romae

Maria Luisa Napolitano
p. 55-94

Résumés

La lecture d’une inscription peinte sur le portrait réalisé par Antonio Moro révèle que Hubertus Goltzius reçut le titre de Civis Romanus. Ce titre lui est conféré par ailleurs dans le décret de civitas émanent du Sénat de Rome en 1567. Le texte du senatusconsultum est analysé dans le détail et comparé avec le privilège similaire accordé à Michel de Montaigne, en 1581. La comparaison conduit à quelques réflexions sur la valeur de la civitas à Rome au xvie siècle, instrument d’agrégation et de renforcement des groupes sociaux éminents, originairement distincts mais aussi progressivement intégrés à la Papauté. En outre, surtout pour l’importante production culturelle en lien avec l’exaltation du nomen Romanum, on remarque la bienveillance considérable dont jouit Goltzius parmi les milieux de pouvoir de l’Urbs, mieux et davantage considéré que Michel de Montaigne, esprit critique intéressé par sujets différents.

Haut de page

Texte intégral

Il ritratto, l’iscrizione, il personaggio

  • 1 Antoon, Antonis o Anthonius, Mor o Mor van Dashorst: Utrecht 1516/20 - Anversa 1576.
  • 2 Accolto presso la corte di Spagna per il tramite del cardinale di Granvela, Antonio Moro diviene so (...)
  • 3 Lusinghiero il giudizio del Vasari: « [Antonio Moro] di Utrec in Olanda, pittore del Re Cattolico, (...)
  • 4 « Hubertus […] fu tenuto in alta considerazione presso dotti e sovrani ; regalò ad Antonio Moro uno (...)
  • 5 L’iscrizione è aggiunta al dipinto, datato al 1574 sulla base di una lettera ad Abraham Ortelius de (...)

1L’ultimo dipinto di Antonio Moro1 ritrattista ufficiale alla corte di Spagna2 e celebre pittore nell’Europa del Rinascimento3, è il ritratto di Hubertus Goltzius di Venloo, oggi al Museum of Fine Arts of Belgium, a Bruxelles. Nelle sue Vite degli illustri pittori fiamminghi, olandesi e tedeschi, del 1604, il van Mander ambienta in un clima di sodale familiarità tra i due l’occasione dell'esecuzione del quadro4, sul quale, sovradipinta in alto, è leggibile una iscrizione datata 15765, che ha contribuito alla sicura identificazione del personaggio rappresentato. Essa così recita :
hubertus goltzius herbipolita venlonianus civis romanus
historicus et totius antiquitatis restaurator insignis ab antonio moro philippi ii
hispaniarum regis pictore ad vivum delineatus an. a chr. nat. m.d. lxxvi.

  • 6 Su Hubertus Goltzius (Venloo 1526 - Bruges 1583) e in particolare sulla sua nozione di Magna Graeci (...)

2L’espressione historicus et totius antiquitatis restaurator insignis evoca l’attività di Hubertus Goltzius6 come historicus, autore di ricostruzioni di aspetti del mondo antico, e come restaurator insignis, distintosi nel recupero e nella trasmissione di antichità all’età presente. Per inciso, la voce insignis evoca la semantica materiale del signum come « marchio », « contrassegno », « incisione » ; ed è Goltzius stesso a predisporre le incisioni delle proprie opere, incluse le Tavole monetali. La qualifica di civis romanus è invece termine tecnico specifico e implica l’ammissione effettiva di Goltzius alla Civitas Romana, la sua ufficiale iscrizione nei registri municipali dei cives di Roma. Nato e vissuto nelle Fiandre, tra la natale Venloo e i poli di Liegi, Anversa, Bruges, Hubertus Goltzius (1526-1583) risulta molto noto agli ambienti di cultura e di potere dell’Europa del Cinquecento come eccellente pittore, incisore, umanista, storico, numismatico, editore, mercante d’arte (attività quest’ultima intrapresa negli anni di Anversa e dell’incontro con il geografo e amico Ortelius, dal 1546 in poi). Deve però la maggiore notorietà alle sue opere, nelle quali la documentazione numismatica (con l’epigrafia, sia pure in misura minore) funge da agente documentale predominante. Egli così risponde per un verso alle richieste degli ambienti intellettuali del momento, caratterizzati dall’appassionato collezionismo di oggetti particolari e materiali antichi, in particolare di monete e medaglie greche e romane, ma nel contempo trascendeva l’invalsa prospettiva corrente di raccolta e accumulo, con risvolti di prestigio sociale oltre che economici spesso non trascurabili.

  • 7 La definizione cinquecentesca di antiquaria è ricostruita in A. Momigliano, “Ancient History and th (...)
  • 8 Per la valorizzazione del documento numismatico nel complesso della produzione editoriale europea d (...)

3Parallelamente, nell’Europa del secolo xvi si sviluppa tutto un filone letterario dal carattere che oggi definiremmo erudito, ma che per l’epoca rappresentava una tipologia di umanesimo metodologicamente fondata su criteri di scientificità, un aspetto dell’antiquaria7. Si afferma l’esigenza di ordinare, classificare, riprodurre in forma sistematica i materiali antichi emersi da rinvenimenti fortuiti, o per così dire archeologici, e da acquisti e scambi tra privati, esibiti nelle collezioni personali e familiari a memoria imperitura8. L’esame della documentazione numismatica, in particolare dell’iconografia monetale, si carica di valenze simboliche nella sua rappresentazione immaginifica del passato avvertito come sede ideale di valori vivi, e nella sua funzione di tramite tra antichità e presente, impulso anche per la letteratura emblematica propria di questa fase.

  • 9 Vivae omnium fere imperatorum imagines, a C. Iulio Caesare usque ad Carolum 5. et Ferdinandum eius (...)
  • 10 Per i cui lettori fa predisporre due versioni, in toscano e in italiano, oltre al testo in latino c (...)
  • 11 A. Bedocchi, Cultura antiquaria e memoria nei volumi della Biblioteca Universitaria di Genova, seco (...)
  • 12 C. Iulius Caesar siue Historiae imperatorum Caesarumque Romanorum ex antiquis numismatibus restitut (...)
  • 13 Fastos magistratuum et triumphorum Romanorum ab vrbe condita ad Augusti obitum ex antiquis tam numi (...)
  • 14 Caesar Augustus siue Historiae imperatorum Caesarumque Romanorum ex antiquis numismatibus restituta (...)

4In un primo lungo periodo, dal 1557 al 1574, Goltzius si dedica appassionatamente allo studio del mondo romano, per la cui ricostruzione affianca alla guida dei classici greci e latini, riletti, parafrasati, illustrati, il dato numismatico riconosciuto e valorizzato come elemento di cultura materiale. Nel 1557, prima di lasciare Anversa, apprezzato nei maggiori ambienti artistici e culturali della città, divenuto amico di Abraham Ortelius, egli pubblica la prima sua opera, Imperatorum imagines9, in latino e nelle maggiori lingue europee, cui deve la grande notorietà in Europa e in Italia10. In essa con originale sistema di incisione e rappresentazione11 riproduce in icone monetali, con breve motto a commento, i ritratti degli imperatori da Roma antica all’epoca contemporanea. Del 1563 è il C. Iulius Caesar12, primo di una serie di volumi che si prevedevano incentrati sulla storia di Roma da Cesare in poi, pubblicato a Bruges per i tipi della officina editoriale Goltziana, diretta da Goltzius stesso e patrocinata dal mecenate Marc Laurin, signore di Watervliet. Nel 1566 Goltzius pubblica i Fasti13, con valorizzazione delle evidenze romane monetali ed epigrafiche ; quindi, e a conclusione di questa lunga fase dedicata a Roma antica, nel 1574 è la volta del Caesar Augustus14, seconda opera della serie « imperiale », fondata sempre su documentazione letteraria e numismatica.

  • 15 Il volume include evidentemente anche il Thesaurus, originariamente del 1579 ; in esso inoltre si i (...)

5Può essere opportuno considerare in breve alcuni aspetti dell’opera che costituisce il precedente immediato al decreto romano di civitas, i Fasti o meglio Fastos magistratuum et triumphorum Romanorum ab urbe condita ad Augusti obitum ex antiquis tam numismatum quam marmorum monumentis restitutos ; segue, importante : S.P.Q.R. Hubertus Goltzius Herbipolita Venlonianus dedicavit. Dunque, l’opera è dedicata da Hubertus Goltzius al senatus popolusque romanus ossia al Senato municipale di Roma, sede simbolica del potere laico antico e attuale, in consapevole e ideale continuità delle politiche del presente storico dello Stato Pontificio con la Roma delle origini. Caratteri e finalità della dedica sono chiariti in una lunga Praefatio (ad Senatum Populumque Romanum), su cui si tornerà. Ma nelle edizioni postume tale atto di ossequio al Senato scompare, presumibilmente perché avvertito come in stretta connessione con le vicende dell’A. e con il suo momento storico, e dunque nei tempi successivi privato dell’attualità e non più degno di memoria. L’edizione dall’Opera omnia goltziana del 1618, riprodotta ancora nel 1644, riporta tale intitolazione : Fasti magistratuum et triumphorum Romanorum ab urbe condita ad Augusti obitum ex antiquis tam numismatum quam marmorum monumentis ; segue : Thesaurus item rei antiquariae huberrimus, Huberti Goltzii Herbipolitae Venloniani15. Anche all’interno manca ogni traccia dell’originaria dedica goltziana al Senato di Roma.

  • 16 Sulla monetazione romana antica, in particolare su aes rude, aes signatum, aes grave, vd. F. Panvin (...)

6L’edizione del 1566 è molto curata dal suo Autore. Pregnante il valore simbolico del frontespizio, predisposto da Goltzius stesso. Su una sorta di enorme altare, l’iconografia si distribuisce su tre registri : in alto sono tre figure femminili centrali e a lato una divinità maschile con tridente e la lupa romana ; al centro due trofei di armi, le spoglie dei nemici vinti in guerra ; in basso una serie di personaggi desolati e dallo sguardo basso, tra cui alcuni con le mani legate, evidentemente prigionieri. La decodificazione della raffigurazione è esposta dallo stesso Goltzius nella Frontispicii explicatio, in esametri che rievocano moduli epici e in particolare virgiliani (ad es. : arma, virum, gladios, clypeos, galeasque superbas / […]). Sotto l’aspetto letterario di un immaginario dialogo tra l’Autore e un Lettore, anzi uno Spectator Rogans per il quale il Goltzius Respondens translittera la simbologia iconografica ed emblematica della raffigurazione che presenta l’opera, leggiamo che la figura femminile centrale riprodotta come divinità armata, tra la Virtù e la Fortuna che si stringono la mano e tra il Tevere e la Lupa che allatta i gemelli è […] maxima Roma, urbs antiqua, urbs clara, urbs felicissima che con la forza del diritto e delle armi ha dominato il mondo. In basso, è una turba oculos demissa dolentes, con i personaggi legati, che rappresentano […] populos […] Veientes, atque Sabinos, / Albanos, Latios, Etruscos, atque Camertes : / inde Fidenates, Volscos, Samnitas, & Aequos, / Auroncosque, Salentinosque, acresque Faliscos, / Vulsinios, Privernatesque, Tarentinosque /[...], le genti d’Italia assoggettate nella età più antica della espansione romana, tra monarchia e repubblica. Il riferimento alla fase pre-imperiale della storia di Roma, annunciato nel titolo, è ribadito nella sua centralità. Da una scorsa all’Indice (Series eorum quae hoc libro continentur) e al Catalogo dei documenti monetali ed epigrafici, si conferma l’impostazione : protagonista è l’intera storia di Roma, a partire da Romolo e dagli episodi connessi all’età più antica come il ratto delle Sabine, di cui puntualmente si rintracciano reperti numismatici illustrativi, peraltro improbabili per l’epoca16. La connessione con l’impero è garantita inoltre dal successivo Catalogo dei consoli dalla morte di Augusto a Giustiniano.

  • 17 A conclusione dell’opera, il Goltzius pubblica un lungo elenco di personaggi che intende così ringr (...)

7Infine, nella Praefatio l’A. dichiara al Senato la propria volontà di ricostruire, al di là e oltre le pubblicazioni della serie « imperiale », la serie dei Fasti romani da riordinare e redigere a condita vestra illustrissima Roma, attraverso la Monarchia e la Repubblica. In rapporto con la storia, rapidamente ripercorsa, della civiltà greca, quella romana mostra maggiore solidità e autorevolezza nelle istituzioni e nel potere, e liberalitas innanzitutto nei confronti della civiltà greca risalta esemplare ; ma più in generale, il dominio romano è fondato nô tam vi & armis, q. benignitate, liberalitate, fide, clemêtia, moderazione, aliis. cognatis virtutibus [… ] ; e dai trionfi si può riconoscere la grandezza e la potenza romana. Anche i barbari Odoacre, Teodorico, Alarico, Totila e gli altri hanno sempre mostrato rispetto ed emulazione nei confronti del nomen Romanum, curando l’elogio di Roma in forme ufficiali. Il lungo testo di dedica si conclude all’insegna della continuità: il Senato attuale raccoglie l’eredità dell’antico, con le parole dell’A., eandem Rempublicâ vestro consilio, vestra prudentia administratis. Goltzius ringrazia infine per aver consentito a lui advenam & peregrinum non solum in Capitolium vestrum admittere, sed etiam intra Palatia vestra et tecta privata, atque adeo in intimos medium vestrarum recessus recepto, iuvandi promovendique instituti mei ergo[...]. Non si allude qui a un ingresso nel Campidoglio in forma ufficiale, ma alla disponibilità e alla humanitas (encomiabile soprattutto nei confronti di uno straniero, quae vestra est ... potissimum exteros...) con cui i Senatori hanno concesso allo studioso fiammingo a Roma (e del soggiorno romano resta documento nella lunga lista dal C.J. Caesar17) di visionare e apprezzare opulentissimos thesauros numismatici e di antichità anche dalle raccolte personali custodite nelle dimore private. Questo testo (con i contenuti stessi del volume dei Fasti) rappresenta dunque una imprescindibile premessa al senatoconsulto di civitas dell’anno successivo.

8I modelli antichi richiamati instaurano relazioni, legami, forme di continuità tra Repubblica e Impero ; la connessione con l’operato del Senato municipale si stempera nella storia imperiale. E, come si osserverà più avanti, le politiche papali non risultano incompatibili con i modelli repubblicani evocati ; accomunate dal culto per l’antichità e dal collezionismo, esse diventano accondiscendenti, ove non favorevoli, nei confronti di elementi culturali potenzialmente antagonisti e tuttavia riducibili, con tacito accordo della controparte, a spessore puramente erudito rispondente alla logica della condivisione urbana del potere. Gli stranieri, i non-romani, cooptati con la civitas nel corpo civico e nel ceto nobiliare, chiamati a condividere privilegi e doveri con i cittadini di pieno diritto, sono resi grati e deferenti nei confronti dell’autorità romana, che è innanzitutto pontificia, mentre idealmente si identificano nel modulo mitico e insieme attuale di Roma « madre di tutti i popoli ».

  • 18 Herbipolita per l’origine da Würzburg, latinamente Herbipoli, in Baviera, del padre Roger; Venlonia (...)
  • 19 Massimiliano d’Asburgo, primogenito dell’imperatore del Sacro Romano Impero Ferdinando I d’Asburgo (...)

9L’ammissione di Hubertus Goltzius alla Romana civitas nel 1567 può dunque porsi agevolmente in rapporto con tale sua produzione, nota all’Europa e all’Italia dei circoli di cultura e di potere, al culmine di una lunga fase di studio e di ricerca sull’antica Roma che egli intendeva fondata su criteri innovativi. La qualifica di civis Romanus si osserva per la prima volta nella firma dell’A. al Caesar Augustus, del 1574 : a Huberto Goltzio Herbipolita Venloniano auctore et sculptore18, si aggiunge qui ciue Romano. Sfogliando l’opera, dedicata all’imperatore Massimiliano II d’Austria figlio di Ferdinando d’Asburgo19, tale qualifica si ripropone in apertura di ogni sezione al ricorrere della firma dell’Auctor, dall’epistola di dedica imperiale e dalla Ad lectorem praefatio, fino alla Vita et Res Gestae Caesaris Augusti e alle dediche encomiastiche degli amici (ad esempio nei versi celebrativi, con dichiarata finalità esegetica del frontespizio dell’opera, di Ludovicus Carrio, di Johannes Posthius Gemerschemius, di Johachimus Tydichius) fino alla epistola laudatoria a firma di Joannes Sambucus Pannonius Tirnaviensis, il medico ungherese umanista, assai noto come autore di Emblemata. Tale qualifica di civitas non viene però altrimenti illuminata o documentata in questa sede.

10È tuttavia possibile leggere integralmente il testo del decreto di cittadinanza romana per Hubertus Goltzius emesso dal Senato di Roma perché trascritto e pubblicato dallo stesso beneficiario nella successiva sua opera, Sicilia et Magna Graecia, del 1576, peraltro la prima palesemente dedicata al mondo greco, e poi ancora nel Thesaurus huberrimus, del 1579. Possiamo dunque procedere con l’esame del testo del senatusconsultum quo Hubertus Goltzius civitate Romana donatus est, datato 9 maggio 1567.

Il decreto di Hubertus Goltzius

  • 20 Iuris utriusque doctor, di diritto civile e canonico.

11Exemplar senatusconsulti
quo hubertus goltzius civitate
Romana donatus est.
Stephanus Paparonius, Hieronymus Grossus, Hieron. Bubalus almae Urb. Coss. ad posteritatis monumentum his litteris scire omnes volumus inter praeclara maiorum Romanorum instituta illud fuisse praeclarissimum, insignes scilicet virtute et probitate viros augendae reipubl.
gratia, civitate donare, ut praestantiss. civibus aucta, domi forisque omnium nationum res gestas superaret. Quorum nos imitatione atque exemplo Pyrrho Tario i.v.d.20 Hectore Muttinio, Vincentio Rubeo, tribus ex quattuorviris civitatis donandae frequentique senatu assistemn e relle proprmGoltziusmHerbipolita mVenlonianus, ienef d Romana depubb. FDnte sHcripbossenatu s p.q.r Sulius CHorlogiausHcripbars.p.q.r br />SHrati usHFscousHcariprs.p.q.r

11 A)La dem>spimessa /em>, con i’internvntu deliRomanantiqua,/em> ; elestdcarione relle oinalità eSadmonumentum hosteritatis /em> ; e…] V[em>Seipubl.care/em>,]opnium /em> Rationum res gestas superaret./em>) e aei ciratteri eell’Anstitutamepraeclarissimum /em> ;:bssognantdoea cittdinanza romana pbm>oporutia iirtute et probitate ,/sm> iUrb /em>.

  • 13 AMric/span>, CTotcegis, ip. 390 Tale qommessione diralvain Carica diauno sa /ul>

    11 B)Il lem>Cecreto d/em>crepria ,lonnla sivis /em>. sonio oe dnticata ceminat ente ,da rpare dei cIVirisgivitatis donandae /sm>. sequindi,la mantvoaione del peivilegio un iamente aliu plenco di piritto e di aoblicghicosì rfati erepria Tale qantvoaione diene pspressimente aonnessiacon le pperaedello Stesso Goltzius ni cui illi ahamostrato rispetto edcuranper il qem>Ramen Romanum e aon le pttertazionei i tuo Aavorevdi civis peaeclarissimui/sm>. sni . In erazia ii tule Givitas n Hubertus Goltzius as assognant amipipeivilegio,rgtinv depeasivi di cui pegueplenco : in egralione nei denatoclunicipale ,eossibileià di ricospmte latistratuue,e raricae esaercdoili, coritto ci voluo,rsentione dalitribusi esuibenig,hoorub privilegi elturiodr non rreceiati,. Ala piassificarione del piritto efnno semgutaosidoveri ciù crneraca ente erunciatoi nella iUrb /em>.,lonnlroponetentu deitutteiaa cuo cmque Rvexnte /sm> e aon loblicgodi ricpetto ,rnel’irdina dagli anua prntificia, e aei cem>cenatusconsultia/sm>.

106/span> C)La dem>slasusla di dhianura /em>.,lonnlui em> ilscon ults,accordont amli aoripbae/em> l’Aem>a ctoretat< /em>i tramcritvee,e rsttiocritvee,eli amta pheclatque aecreto in qublica tambuar /em>, con iugo d(l qem>Rplatiam eil sampidoglio ) datate finma uefidue toripbaecatoc tJlius CHorlogiausHe Hrati usHFscous /p> Il decreto di HMcae decMonatagnes. Unraffionti eossibile /a>

  • 23 (...)
  • 134/span> HAlo venatà.dumni è ledicatao ’internotesrzolibro /epan> /ul>

    11 Pr il qepan style="font-variant:small-caps;">Axvc/span>,seconl ung si e con ionti eon il snotro cesto ( rippresenta o dallnoto cecreto di cittadinanza romana per Hn inlustri dspondnte del a cuitura edorlralip dMcae decMonatagnes. Ilpeivilegio satate13marmz 15681,Renatusconsultum q/em>i toltzius . Lotoripbaecatoc i toltzius , Hrati usHFscous/ class="footnotecall" id="bodyftn93" href="#ftn13">(3, c forma iris aunr ser Honatagnesr anche il cqesto ta oil testo d fadeo poto cur la peamcritione n pa aEsai s,q/em>i hiaratdo diaver conì rnteno esoddisfra ina leentaatidcurao stà.del plttore,e aeicritvetdoea cbola dee muo Austuo o alpetto edsuriodr r( ipopostain Csgnili r lettera donatie»,)canael cortemporamimttertdoea cropria vumni enatà./ class="footnotecall" id="bodyftn93" href="#ftn13" 134/sa ;:/r />aEsai s/sm> eIII 9/p>

ë iParmysecsAavoeursennes<, j seepn aypoi ntqui ë iha ensuo ibavoreienat snonon rn hocalcuni ltro lhe iriccia dalnt sa AQuod Hrati usHMximas , Mrtirs Caecus , AlexntdeeMutts , lmae UurbossCn orva ore,, die IlustrissimaovirosdMcaeaelcMonatai ,dpuist Sabnci sMcaeael s,qet cuibiulosaieist Chiptitnatsimui,Romana dCvitate donartdo, d Senatum Petoltsrlnt,dS. P. Q. R.die e depdtalforri consiuat.pbr />SCm Peneri emre et snstituta curidoeaili rsmperastudiosoeue supsepto ds nt,duis,oirtute etccobiliaate draestanti,, dmano dReip.snotroa snuriatque aornmento euisse ticvl csso (alqua,do grose ti, No, dmairum nos teormS/span>FHrati usHFscous,Sacroprs. p.q. br Sincent.HMxtiholus,Sacroprs. p.q. br 118/span> i/span>n bassesaF■/span>FA■/span>FSincentzoHMxtilio dSripbarel Ssnton/scro Renato m dellqPpoli Romano ».ap> ë iNepealntqbourgeostdiarucue diele ,ej supstbeipn aie decM’eperi delea crus aobil qui ë iNn fsse do gittdina reitciuni rittà sono reneclirt diressereio ella roù cobili rae lfuc rae lsaà pmai.pS gli altri hs asalitzatserromonnltternione, nome inoefccia, piaecrspmte bbrromone siccesa atmei,pienoidi Renatà.d msalte zat: on pioso Giberalrmee dsnza ri strugere ie siesso 119/span> I una liù avmpata srittia risflssoone dsula cenatà.dumni in decreto di civitas deiGonatagnesrfaiiferimento allatistratuue,eunicipale dsstintialmente asalioghesacCn orva ore,,/em>, cugut ente dem>ammae Uurbos/sm>. Romana cCvitas , spreovzt aonnlsnatoconsulto d nropvveo o c ihe na peamcritione nel decreto decatociao,fidiato edcurtoditeosul qampidoglio senigaispreontta dalli ecripbaecatoc LDversilente deal’eutro leivilegio uui < fn Senato l(ella sugli ReP.Q.R./sm>. )padmlqoglie e la gelazioni dei civitas dporutia< e,pearedbb tad iattatre»,il testo ma aeoo sempre m cCn orva ore,,/em>,a paoecritvee,ea peamcritione nel ’attuo IAnhe iqesto testo (simostratpostituiio da Aar,fszioni