Navigation – Plan du site

Éditions littéraires et linguistiques de l'université de Grenoble

Violence et décadence des civilisations : par-delà Kaputt et La pelle

Céline, Malaparte. Malaparte, Céline: una poetica del disincanto

Céline, Malaparte. Malaparte, Céline : une poétique du désenchantement
Céline, Malaparte. Malaparte, Céline: A Disillusioned Prose
Lorella Libeccio

Résumés

Cet article est une recherche d’analogies dans l’œuvre de Curzio Malaparte et Louis-Ferdinand Céline qui veut éviter les stériles catégorisations dans lesquelles plusieurs fois les deux auteurs ont été enfermés. C’est une analyse spéculaire, pertinente également à cause du manque d’études sur ce sujet, qui suit une interprétation personnelle de leur œuvre : les deux auteurs ont un point de vue similaire sur la société capitaliste et la décadence du monde occidental. À travers cette perspective on est donc allé à la recherche des assonances et des dissonances entre deux écrivains asystématiques et inclassables.

Haut de page

Texte intégral

La grande défaite, en tout, c’est d’oublier, et surtout ce qui vous a fait crever, et de crever sans comprendre jamais jusqu’à quel point les hommes sont vaches. Quand on sera au bord du trou faudra pas faire les malins nous autres, mais faudra pas oublier non plus, faudra raconter tout sans changer un mot, de ce qu’on a vu de plus vicieux chez les hommes et puis poser sa chique et puis descendre. Ça suffit comme boulot pour une vie toute entière.
Louis-Ferdinand Céline, Voyage au bout de la nuit.

 
Un uomo è una cosa ancora più triste e orrenda di questo mucchio di carne sfatta. Un uomo è orgoglio, crudeltà, tradimento, viltà, violenza. La carne sfatta è tristezza, pudore, paura, rimorso,
speranza. Un uomo, un uomo vivo, è poca cosa, in confronto di un mucchio di carne marcia.
Curzio M
alaparte, La pelle.

Due scrittori controversi

1Come ho voluto evocare attraverso il chiasmo del titolo, in questo saggio vorrei proporre un incrocio ideale tra Louis-Ferdinand Céline e Curzio Malaparte attraverso lo studio di tematiche concettualmente parallele. Proprio come in un chiasmo, si cercherà di costruire un discorso equilibrato attraverso la disposizione incrociata di alcuni argomenti della loro opera. Questa analisi speculare parte da un concetto interpretativo personale: secondo la chiave di lettura qui proposta, infatti, tra i due autori c’è un’analogia di punto di vista che consiste nella critica della società borghese e del capitalismo e nella loro volontà di illustrare la degradazione e la decadenza del mondo occidentale. Tali aspetti sono dei fulcri del loro pensiero, come un fil rouge che dà alla loro opera una forte coerenza logica.

2Il mio articolo è dunque una proposta, un invito alla lettura e alla ricerca di assonanze e analogie nell’opera di due scrittori tanto diversi quanto complessi. Louis-Ferdinand Céline e Curzio Malaparte sono stati, infatti, attenti critici della società, degli intrecci di potere e politica, analisti della loro contemporaneità attraverso il lavoro saggistico e le loro opere letterarie, eternamente messi sotto accusa per il loro pensiero controverso e abilmente critico, se non volutamente contraddittorio.

3Non si vuole di certo forzare un legame tra uomini tanto distanti per esperienze letterarie, politiche e di vita ma la loro diversità tanto palese non rende impossibile un tentativo di comparazione.

4Partendo dal presupposto della loro appartenenza a un’epoca storica comune, presupposto imprescindibile per una comparazione non arbitraria, e cioè quella delle guerre mondiali e dei regimi dittatoriali, si proverà a tracciare un discorso che lasci spazio alla contraddittorietà della loro esperienza e alla complessità del periodo storico in cui la loro opera si inserisce.

  • 1 La coerenza logica del percorso malapartiano è difesa, ad esempio, da G. Pardini, in Curzio Malapar (...)

5Non si ha dunque la pretesa di spiegare le loro analogie fornendo delle risposte assolute ma cercando piuttosto di costruire un discorso che apra a stimoli futuri o che semplicemente dia spunti di riflessione sul loro lavoro. La pretesa classificatoria, non lasciando spazio alle innumerevoli incongruenze che ogni scrittore porta in sé, rischia di impoverire l’analisi. In tale ottica la ricerca vuole invece essere una delle tante possibilità di lettura del loro percorso politico ed estetico. L’autonomia della loro opera non è messa in dubbio in questa sede, non si vogliono dare risposte risolutive ma lasciar spazio al loro pensiero che, nonostante l’evidente trasformismo che li rende sfuggenti e difficilmente classificabili, mantiene in realtà una forte coerenza1.

6Céline e Malaparte furono scrittori emblematici per la singolarità delle loro esistenze e il carattere peculiare della loro letteratura che si situa al centro dei dibattiti socio-ideologici della loro epoca; scrivere è un modo per definirsi attraverso il rifiuto e la solitudine, è il desiderio di un io che rigetta la società e vuole esprimere la propria denuncia attraverso la letteratura. Gli autori riusciranno quindi con questa loro pretesa di verità, di critica continua espressa senza alcuna moderazione, a farsi criticare, censurare e addirittura esiliare.

7Il pensiero di Malaparte e Céline si basa su un’osservazione