Navigazione – Mappa del sito
IV. Panoramiche
22/ Irlanda 2015

Maurice Walsh, Bitter Freedom: Ireland in a Revolutionary World 1918-1923

Cecilia Biaggi
Riferimento/i:

Maurice Walsh, Bitter Freedom: Ireland in a Revolutionary World 1918-1923, London, Faber & Faber, 2015, 544 pp.

Testo integrale

Maurice WALSH, Bitter Freedom: Ireland in a Revolutionary World 1918-1923, London, Faber & Faber, 2015, 544 pp.Visualizza l'immagine
Crediti : Maurice WALSH, Bitter Freedom: Ireland in a Revolutionary World 1918-1923, London, Faber & Faber, 2015, 544 pp.

1L’ultima opera di Walsh si distingue per lo stile semplice della narrazione, vivacizzata da aneddoti e curiosità. Inoltre, si distanzia dalla visione dominante della storia irlandese come “eccezionale”, che pone l’Irlanda al di fuori del contesto internazionale per concentrarsi sulle sue dinamiche interne e sulla relazione con la Gran Bretagna. Negli ultimi anni ci sono stati timidi tentativi di interpretare l’Irlanda come una componente essenziale dell’Impero Britannico, e si è cominciato, per esempio, a confrontare l’amministrazione dell’isola con quella coloniale dell’India. Tuttavia, la maggior parte degli studi di storia irlandese rimane nel solco della tradizione, e dunque Bitter Freedom rappresenta una significativa eccezione.

2Diversi leader rivoluzionari irlandesi cercarono, con scarso successo, di legittimare le loro istanze inserendole in un contesto Wilsoniano di lotta di liberazione di una nazione oppressa. Se la rappresentanza repubblicana al congresso di pace di Parigi fu un fallimento, la campagna di raccolta fondi negli Stati Uniti si rivelò molto efficace, anche se il sostegno che gli irlandesi ricevettero da alcuni leader afroamericani non fu sempre bene accolto.

3Il contributo di Walsh in termini di fonti primarie non è particolarmente rilevante in quanto limitato a memorie personali e testimonianze di osservatori internazionali. Egli riesce comunque ad evidenziare in modo incisivo sia le contraddizioni ideologiche dei principali attori della Rivoluzione, sia l’impatto che questa ebbe sulle vite quotidiane dei semplici spettatori.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Cecilia Biaggi, « Maurice Walsh, Bitter Freedom: Ireland in a Revolutionary World 1918-1923 », Diacronie [Online], N° 28, 4 | 2016, Messo online il 29 dicembre 2016, consultato il 18 dicembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/diacronie/4566

Inizio pagina

Autore

Cecilia Biaggi

Cecilia Biaggi sta concludendo un dottorato di ricerca in Storia presso l’Università di Oxford. La sua tesi si occupa di forme di partecipazione politica non tradizionali in Irlanda del Nord tra il 1920 ed il 1932. In precedenza, ha passato un anno al Trinity College di Dublino come studente Erasmus, dove ha svolto ricerca per la tesi di laurea magistrale sui Troubles, conseguita presso l’Università di Siena nel 2011. Ha conseguito la laurea triennale nel 2008 all’Università di Bologna.
URL: < http://www.studistorici.com/progett/autori/#Biaggi >

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Inizio pagina
  • OpenEdition Journals