Navigazione – Mappa del sito
recensioni

Paolo Stellino, Nietzsche and Dostoevsky. On the Verge of Nihilism

Alberto Giacomelli
p. 220-221
Notizia bibliografica:

Paolo Stellino, Nietzsche and Dostoevsky. On the Verge of Nihilism, Bern, Lang, 2015, 247 pp.

Testo integrale

1È un incontro tardivo ma fatale, quello con l’Esprit souterrain di Dostoevskij da parte di Nietzsche nell’inverno nizzardo del 1886-87, assimilabile a quello giovanile del 1865 col Mondo come volontà e rappresentazione di Schopenhauer, o a quello del 1879 con Il rosso e il nero di Stendhal. La fascinazione immediata e istintiva di Nietzsche per Dostoevskij, rileva Stellino, è mossa da un’elettiva affinità psicologica che porta i due Autori a scandagliare le profondità oscure dell’animo umano e a fronteggiare i temi decisivi della malattia della morale, del risentimento, del nichilismo e dell’arte. Il volume intende sgombrare il campo da visioni parziali, mitologie e cliché che tanta critica, a partire da Merezhkovsky, ha prodotto sulla lettura nietzscheana dello scrittore russo. Il dialogo postumo tra i due grandi psicologi del profondo viene restituito in tutta la sua complessa problematicità: qual è il Dostoevskij conosciuto ed effettivamente letto da Nietzsche? Fino a che punto è lecito individuare punti di tangenza tra le teorie dei due Autori? È legittimo sostenere che Dostoevskij anticipò puntualmente alcune delle più controverse dottrine nietzscheane? Per rendere conto di tali questioni Stellino si serve tanto degli affilati strumenti tecnici del rigore filologico quanto di una sensibilità ermeneutica immune da velleità ortopediche che ingessino o neutralizzino l’uno sull’altro il pensiero dei protagonisti del volume.

2Nella prima parte del testo Stellino prende le mosse dalla versione dell’Esprit soutterrain acquisita da Nietzsche, mostrando come questa non corrisponda affatto alle originali Memorie del sottosuolo: nell’apocrifa traduzione parigina il filosofo riconosce i propri temi della psicologia libera dal pregiudizio morale, dell’ipertrofia della coscienza e dello scetticismo verso il motto delfico del “conosci te stesso”, mutuando nella Genealogia della morale il tratto dostoevskiano della psicologia del prete. Seguono la lettura dei Souvenirs de la maison des morts e di Humiliés et offensés, opere che per Nietzsche veicolano rispettivamente una psicologia del tipo-criminale e del masochismo. Stellino interroga la Quellenforschung circa la possibile conoscenza da parte di Nietzsche di Delitto e castigo e de L’idiota, per poi porre in evidenza l’impatto che Stavrogin e Kirillov de I demoni (Les possédés) ebbero sulla riflessione del filosofo.

3La seconda parte del testo costituisce probabilmente la sezione teoreticamente più densa e seducente dell’impianto interpretativo di Stellino, il quale decostruisce criticamente la semplicistica analogia tra il dilemma morale veicolato da Ivan Karamazov «se Dio non esiste, tutto è permesso?», e le declinazioni dell’espressione «nulla è vero, tutto è permesso» negli scritti di Nietzsche. Se ne L’idiota la mistica mitezza del Principe Myshkin sembra evocare il tipo-Nazareno dell’Anticristo, nei Demoni il suicidio di Kirillov come atto supremo di autoaffermazione prelude alla radicale mancanza di senso che ne I fratelli Karamazov viene professata come conseguenza diretta dell’assenza di Dio e di qualsiasi giudizio di valore. Il “diritto al crimine” e la legittimazione all’omicidio, già proclamati da Raskolnikov e filosoficamente giustificati dalla sua ipotesi dell’“uomo straordinario” in Delitto e castigo, sono ribaditi da Ivan Karamazov e filosoficamente motivati dalla sua ipotesi dell’ “uomo-Dio”. La lettura di Stellino mette in luce come la questione posta da Ivan non corrisponda affatto in Nietzsche a una semplice riproposizione dell’indifferentismo morale à la Karamazov, ma si leghi semmai al carattere sperimentale della sua filosofia e alla responsabilità implicita nel monito zarathustriano a creare nuovi valori. Stellino mostra quanto difficilmente le figure dostoevskiane di autodeificazione possano essere rapportate alle nozioni nietzscheane di oltreuomo e di società aristocratica, giacché entrambe queste concezioni si collocano in Nietzsche in un preciso progetto di trasvalutazione come contromovimento al nichilismo, che si fonda sulla necessità di determinare una gerarchia di valori (Rangordnung) decisamente distante da quell’equivalenza di prospettive valutative che per Ivan consegue necessariamente dall’assenza di verità morali.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alberto Giacomelli, « Paolo Stellino, Nietzsche and Dostoevsky. On the Verge of Nihilism », Rivista di estetica, 64 | 2017, 220-221.

Notizia bibliografica digitale

Alberto Giacomelli, « Paolo Stellino, Nietzsche and Dostoevsky. On the Verge of Nihilism », Rivista di estetica [Online], 64 | 2017, online dal 01 aprile 2017, consultato il 18 dicembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/estetica/2088

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals