Navigation – Plan du site
Bulletin platonicien
La tradition platonicienne

Riccardo Chiaradonna (éd.), Ιl Platonismo e le Scienze

Claudia Maggi
Référence(s) :

R. Chiaradonna (éd.), Ιl Platonismo e le Scienze, Rome, Carocci, 2012, 275 p.

Texte intégral

1Il volume, che raccoglie i risultati di un seminario svoltosi presso l’Università di Roma Tre dal 2008 al 2010, ha l’indubbio merito di aver coagulato attorno alla complessa categoria storiografica di “platonismo scientifico” studiosi di diverso orientamento e formazione. Questo ha creato le condizioni per un confronto, per così dire, polifonico, che restituisce al lettore uno dei caratteri intrinseci alla tradizione platonica stessa, nel suo rivelare sempre una certa resistenza all’inquadramento granitico di un’ermeneutica uni-direzionata.

2Il confronto cui si faceva cenno ha però, proprio in ragione della fluidità della tradizione assunta a riferimento, l’inevitabile marchio dell’incompletezza, incompletezza di cui, per la verità, lo stesso Curatore si mostra consapevole, allorché sottolinea come il progetto da cui è nato il volume “si propone di colmare almeno parzialmente” (p. 16) una lacuna prodottasi negli studi a causa della mancata interazione fra storici della filosofia e filosofi della scienza. In aggiunta, andrebbe rilevato che la stessa nozione di scienza risulta alquanto problematica, per cui sarebbe stata forse necessaria qualche maggiore delucidazione in merito all’inserimento tra i saggi di trattazioni che, certamente epistemologiche, non hanno forse carattere ‘scientifico’ in senso stretto.

3E dunque, se da un lato non si può non salutare con favore tale lavoro per i suggerimenti metodologici che offre al lettore, dall’altro si auspica, al tempo stesso, che esso possa aprire una pista ermeneutica feconda che permetta di colmare proprio le ‘lacune’ cui Riccardo Chiaradonna fa cenno.

4Il volume si compone di undici interventi, molti dei quali con i caratteri del rimando interno, il che rende difficile una presentazione separata di ciascuno di essi.

5Direi che i primi due saggi (M. Piazza, Platone e la confutazione; C. Cellucci, Dialogando con Platone, su conoscenza e metodo) siano accomunati dalla scelta di un’impostazione orientata a valutare l’applicabilità ai dialoghi platonici di specifiche strategie argomentative e metodologiche. Mario Piazza mira a sottolineare la specificità dell’elenchos platonico, determinata dalla stessa struttura dialogica adottata dal filosofo, che sortisce il risultato di produrre una “tessitura logica” simile a una “falda sotterranea” (p. 25), in cui la stessa impossibilità di ricostruire il profilo intonazionale genera nel lettore forti dubbi sull’applicabilità al testo platonico della definizione canonica di elenctica, anche in ragione del fatto che “nei dialoghi è facile imbattersi in passi dove la posta in gioco è ben più alta dello scongiurare il difetto logico di singole proposizioni fra loro contraddittorie” (p. 34). Carlo Cellucci sceglie di “dialogare con Platone su questioni riguardanti la conoscenza e il metodo, onde ricavarne utili indicazioni per il dibattito attuale” (p. 45). Particolare attenzione lo studioso dedica al Menone, alla questione dell’innatismo e della sua effettiva sostenibilità, mostrando come, al di là dei vari tentativi di argomentare apoditticamente pro o contra il modello platonico di conoscenza, l’aspetto “difettoso” (p. 50) dell’argomento nasca dal suo fondarsi su una petizione di principio, quella per cui Platone assume “che l’intuizione intellettuale esista e sia infallibile, un’assunzione per la quale Platone non fornisce alcuna giustificazione” (p. 50). Tale petitio principii e l’esigenza di postulare una conoscenza con caratteri assolutamente certi determinerebbero una inevitabile ‘falla’ non-deduttiva nel metodo platonico dell’analisi, falla che si eviterebbe qualora si ammettesse, ciò che Platone non è disposto a concedere, il carattere ‘plausibile’ e fallibile della conoscenza umana.

6Il saggio di Marwan Rashed (Il Timeo: negazione del principio di necessità condizionale, matematica e teodicea) si distingue dai due precedenti per il tentativo di lettura ‘interna’ che offre di alcune sezioni del Timeo. Particolare attenzione lo studioso riserva al confronto tra le sezioni 39e-40a, dove sono presentate le quattro stirpi che daranno completezza al cosmo sensibile, e 90e-92c, passo nel quale, a parere di Rashed, Platone presenterebbe una ‘scala biologica’ in cui, a partire dall’uomo-maschio, se ne mostrerebbero le quattro “degradazioni” (p. 71), dalle donne agli animali acquatici. Disponendo in due colonne le classificazioni proposte dal dialogo, lo studioso ne sottolinea il carattere di parziale inconvertibilità, giacché la disposizione dei due gruppi non permette di rintracciare un perfetto parallelismo che permetta di trascorrere da una classe all’altra di esseri. Il rapporto asimmetrico fra i gruppi sarebbe da ascrivere, a parere di Rashed, al fatto che la prima sezione citata descrive le opere del solo Intelletto, mentre la seconda chiama in causa la combinazione fra questo e la Necessità. La seconda colonna, in altri termini, denuncerebbe dei dispositivi miranti a trarre dal sensibile il miglior bene possibile, pur nella consapevolezza dell’inevitabile carattere di decadenza che esso mostra rispetto alla possibilità di una perfetta coincidenza tassonomica con le opere dell’Intelletto puro. È alla luce di questi tragitti non lineari del Demiurgo, costretto a operare “una combinazione di strutture simili a livelli diversi e parzialmente aggrovigliati” (p. 72), che viene offerta una interessante lettura dell’ontologia matematica del Timeo, interpretata non, alla maniera aristotelica, come modello che ‘per astrazione’ generi gli enti matematici gli uni dagli altri, ma come struttura volta a rivelare livelli di essere ontologicamente più e meno densi, struttura nella quale ciò che è inferiore, pur dipendendo da ciò che è superiore, conserva, tuttavia, una “autonomia costitutiva” (p. 78).

7A Riccardo Chiaradonna (Plotino su pensiero, estensione e percezione sensibile: un dualismo “cartesiano”?) e a Vincenzo De Risi (Plotino e la Rivoluzione scientifica. La presenza delle Enneadi nell’epistemologia leibniziana dello spazio fenomenico) va ascritto il merito di avere trovato spazio, all’interno di questo volume, per un filosofo che, stando a certe letture ‘canoniche’ che tuttora stentano a essere scalfite da proposte alternative e di più ampio respiro, incarnerebbe una versione del platonismo decisamente aliena da qualsivoglia lettura ‘scientifica’. Al contrario, come rivelano i tentativi, emersi negli ultimi anni, di inserire Plotino e il neoplatonismo nell’alveo di modelli di filosofia della natura e di ontologia matematica, solo per fare degli esempi, più fluidi, le Enneadi possono offrire ai loro lettori interessanti e feconde piste anche nella direzione del platonismo scientifico. Chiaradonna muove da un problema storiografico avviato da Myles Burnyeat, quello, cioè, relativo alla questione se Plotino sia concepibile o meno come un rappresentante dell’idealismo, intendendo quest’ultimo con i caratteri impostisi a partire da Descartes. Attraverso una diffusa analisi di alcuni passi ‘critici’ del testo plotiniano, lo studioso mostra come l’epistemologia di Plotino abbia carattere profondamente aporetico, segnato da una ineliminabile “duplicità di prospettive” (p. 87): nelle Enneadi, infatti, “vi sono (…) sia passi che parlano in favore di una concezione internalistica della percezione (…) sia passi che suggeriscono una forma di realismo diretto”, secondo il quale “la percezione riguarda gli oggetti esterni e le qualità realmente presenti in essi” (p. 87). Duplice è la risposta dello studioso a tali aporie: ogni questione plotiniana va, sempre e in primo luogo, affrontata assumendo l’interezza del contesto, anche polemico, dal quale il filosofo prende l’avvio. Ma, soprattutto, “molti equivoci e difficoltà scompaiono se si rinuncia a riformulare le dottrine di Plotino usando termini (…) che non appartengono alla sua filosofia” (p. 96). Il che, più in generale, è anche un invito a non dimenticare il confine teoretico che separa l’uso ‘scientifico’ di taluni modelli plotiniani e l’effettivo ruolo che essi occupano nella visione dell’universo difesa dal filosofo. Più radicale mi pare allora il tentativo di De Risi che, a partire dalla questione della presenza di Plotino in Leibniz, sviluppa un’articolata indagine sulla distinzione, nel neoplatonismo, tra spazio e materia. Il carattere modale ed emergente dello spazio costituirebbe, a detta dello studioso, proprio uno dei punti di maggiore tangenza fra Leibniz, nel quale l’estensione spaziale assurge a relazione “situazionale” (cf. p. 160) tra le monadi, e Plotino. La tendenza plotiniana a negare che “la materia prima (…) sia massa” (p. 147) e, di conseguenza, la distinzione fra la materia, concepita nella sua totale indeterminazione, e la determinazione formale della corporeità, porterebbero Plotino a considerare l’estensione tridimensionale carattere troppo specifico perché sia ritenuto originario. Al tempo stesso, tuttavia, sarebbe proprio la materia prima la condizione dell’emergere della spazialità, sorta di “apertura strutturale (…) alla predicazione quantitativa” (p. 149) che consentirebbe ai fenomeni sensibili, pur nel loro essere immagine degli enti intelligibili, di guadagnare una disposizione secondo quantità e grandezza; questa, in termini modali ma non oggettivi, conferirebbe loro caratteri che di per sé l’ideale non possiede.

8Il saggio di Alessandro D. Conti (Walter Burley, un aristotelico platonizzante del tardo Medioevo) prende l’avvio da una questione ben nota a qualunque medievista, vale a dire il problema degli universali così come prese forma a partire dal commento all’Isagoge di Porfirio. Nella storia di tale problema, la posizione di Walter Burley appare allo studioso particolarmente significativa. Il filosofo ci offre, infatti, una prima versione della teoria degli universali secondo la quale “un nome generale (…) sta-per (…) e dà-il-nome-a (…) un certo insieme di individui grazie alla natura comune che significa e che è presente in quel gruppo di individui come costituente principale della loro essenza” (p. 104). È evidente che una posizione siffatta ha a proprio riferimento la soluzione “standard del realismo (aristotelico) medievale” (p. 106), che, pur non negando la funzione significativa dei termini generali, salda le sostanze seconde all’esistenza di quelle prime. Tale realismo sarebbe entrato in ‘crisi’ a causa di alcune “incongruenze” (p. 110) messe in luce da Ockham, il quale avrebbe mostrato come “la tesi dell’identità reale (…) di universali e singolari sia incompatibile con la definizione comunemente accettata dell’identità stessa, che implica transitività nella predicazione” (p. 110), transitività qui inammissibile se, ad esempio, solo alle nature universali era riconosciuta la proprietà di potere essere presenti contemporaneamente in una molteplicità di realtà (cf. p. 109). È per far fronte a critiche del genere che Burley avrebbe optato per una seconda versione del realismo, ammettendo, con una sorta di svolta platonizzante che tuttavia manteneva il principio aristotelico per cui gli universali fossero forme, che gli universali sarebbero “realmente distinti dagli individui (…) e non parti costitutive della loro essenza” (p. 114).

9Mario De Caro (Galileo e il platonismo fisico-matematico) prende l’avvio dalla questione della pretesa “obsolescenza della discussione sull’ispirazione filosofica dominante della Rivoluzione scientifica” (p. 124), per sottolineare come le categorie di platonismo e aristotelismo fossero ben presenti ai Rinascimentali, tanto da rendere storicamente fuorviante il tentativo di inquadrare la filosofia e la scienza del tempo prescindendo da esse. Galileo, ad esempio, sarebbe stato acutamente consapevole del suo schierarsi a favore del platonismo, allorché proclamò la necessità di matematizzare la fisica. È ovvio che l’assunzione di tale posizione platonica ci obbliga, come lo studioso non manca di sottolineare, a chiarire in cosa il platonismo di Galileo si distingua dal platonismo matematico contemporaneo e a chiarire, pertanto, che dove per il secondo “gli enti matematici sono entità astratte che esistono indipendentemente dalla possibilità di conoscerle” (p. 129), il primo assume che siano le stesse realtà fisiche ad essere intrinsecamente matematiche.

10I saggi di Franco Trabattoni (La dottrina platonica delle idee come fondamento epistemologico dell’impresa scientifica? Un percorso da Kant a Natorp) e di Paolo Pecere (Il “platonismo” e il problema della conoscenza scientifica da Cohen a Cassirer) affrontano, se pure da due angoli visuali diversi, la questione del ruolo del platonismo all’interno di modelli che, in termini generali, possiamo definire neo-kantiani. Il primo studioso, facendo leva su una articolata ricostruzione storico-esegetica che, muovendo da Kant, passa per Herbart e Lotze, argomenta che, per quanto non si possa negare la centralità della dottrina platonica delle idee all’interno di questa traiettoria della filosofia moderna, sia necessario ricordare come essa muova dall’oscuramento di una questione che in Platone è tutt’altro che secondaria, vale a dire quella del dualismo ontologico tra idee e realtà sensibili, che porta con sé l’ “indubbia connotazione metafisica” (p. 189) del modello eidetico. Tale oscuramento avrebbe permesso al neo-kantismo di orientare la funzione delle idee in senso marcatamente e/o esclusivamente epistemologico, laddove sarebbe corretto affermare che l’esito cui si giunge nel leggere Platone con Platone è che “la dottrina delle idee sia stata pensata (…) per uno scopo del tutto diverso da quello di procurare un fondamento epistemologico alle scienze” (p. 188). Un medesimo e cauto atteggiamento critico mi sembra sia riscontrabile nell’analisi di Pecere, che tiene a precisare come le tesi difese dal neo-kantismo andassero “oltre quanto potesse essere stabilito mediante il solo Platone” (p. 196).

11I due saggi che chiudono il volume (A. Sereni, Platonismo matematico e naturalismo; M. Plebani, Il programma neo-fregeano in filosofia della matematica) puntano la loro attenzione sull’aspetto forse maggiormente fecondo di risultati e di plausibilità storiografica, quello del rapporto fra platonismo e matematica. Che tuttavia, circolarmente, diventa anche il più problematico: basti pensare al ruolo tutt’altro che scontato incarnato dai numeri all’interno del modello eidetico. L’analisi di Andrea Sereni mi sembra racchiuda in tale direzione il senso, il pregio e gli inevitabili ‘limiti’ di questo volume, con il suo mostrare come il platonismo matematico contemporaneo ammetta talvolta delle declinazioni naturalistiche che, forse, il platonismo antico avrebbe concepito come deviazioni. Il che equivale a dire che, non appena si sposi la categoria storiografica di platonismo scientifico, ciò obbliga ipso facto ad attuare una cesura tra Platone e la tradizione platonica, antica come moderna. Matteo Plebani punta la propria attenzione su un aspetto ‘non platonico’ del platonismo matematico di tipo fregeano: una volta che si assuma come astratto un oggetto la cui esistenza è indipendente da noi, sarà davvero possibile per noi argomentare a favore della sua esistenza? Abbiamo visto come Cellucci invochi, a proposito di Platone, la mancata apoditticità dell’esigenza metafisica della verità dell’oggetto di cui si ha scienza. Ma, qualora detta esigenza metafisica fosse abbandonata a favore di un uso ‘scientifico’ delle medesime pretese, qualora, pertanto, si volesse argomentare apoditticamente a favore dell’esistenza di ciò la cui esistenza è del tutto indipendente dalle nostre facoltà psicologiche e/o gnoseologiche e/o etiche, quale via si dovrebbe praticare? E, soprattutto, sarebbe essa veramente praticabile?

12È nell’aporeticità di tale domanda, che, in ogni caso, ha funto da continuo stimolo alle ricerche tanto in ambito filosofico quanto più squisitamente matematico, che si intravede forse il ‘salto quantico’ tra Platone e il ripensamento delle sue dottrine in ambito scientifico.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Claudia Maggi, « Riccardo Chiaradonna (éd.), Ιl Platonismo e le Scienze », Études platoniciennes [En ligne], 10 | 2013, mis en ligne le 01 mars 2014, consulté le 18 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/etudesplatoniciennes/254

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Études Platoniciennes est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals