Navigation – Plan du site
Réactions, témoignages

Un italiano  in America : Mario Buda, l’uomo che fece saltare Wall Street

Chiara Basso
p. 193-208

Résumé

Nel settembre del 1920 un attentato alla dinamite a Wall Street, nei pressi della Banca Morgan e del N. Y. Stock Exchange causò 33 morti e più di 200 feriti. Le indagini effettuate dal Bureau of Investigation portarono ad individuare il colpevole nell’anarchico romagnolo Mario Buda, immigrato in America da una decina d’anni e seguace del gruppo anarchico che faceva capo a Luigi Galleani, gruppo a cui appartenevano anche Sacco e Vanzetti. Le autorità definirono l’attentato “an act of war” e organizzarono la più grande caccia all’uomo della storia degli Stati Uniti. Alcune coincidenze con l’attentato dell’11 settembre all’WTC rendono drammaticamente attuale questa storia pressoché dimenticata.

Haut de page

Entrées d’index

Mots-clés :

émigration, histoire

Géographique :

Amérique

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

1Da quando, verso la fine degli anni ’70, la banca Morgan & Stanley si insediò al World Trade Center, occupando ben 15 piani della Torre n.2, molti tra i suoi dipendenti, gettando lo sguardo oltre le vetrate che costituivano le pareti perimetrali degli uffici in cui lavoravano, potevano scorgere le proprie abitazioni, o quantomeno i quartieri dove esse erano situate. Non che fosse così facile riconoscerle dati i piani – tra il 59mo e il 74mo – in cui erano dislocati i locali del noto istituto finanziario. Ma spingendo lo sguardo al di là delle lente acque dell’Hudson, gli impiegati potevano individuare perfettamente la cittadina di Hoboken, e più indietro ancora, la vasta zona residenziale del New Jersey in cui molti di loro risiedevano.

2Così è stato fino alle ore 9e 03 di martedì 11 settembre. A quell’ora il Boeing 767 di United Airlines, volo 175 Boston/Los Angeles, si schianta contro la Torre n°2, infilandosi come nel burro direttamente dentro agli uffici della Banca Morgan & Stanley.

3I quindici piani della Torre occupati dalla banca ospitavano più che altro dei locali di rappresentanza. Sale di conferenza, centri studi o stanze adibite allo svolgimento dei numerosi corsi di formazione destinati al personale dell’Istituto. I veri e propri locali operativi erano stati trasferiti, a cavallo tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, in altre sedi più a nord, e precisamente nell’Exxon Building, al n°1251 della Avenue of the Americas, nella zona del Rockfeller Center e a Times Square.

4Nello stesso periodo quasi tutte le grandi società e i più noti istituti finanziari, ad eccezione della Goldman, Sachs & Company, la cui sede principale è tuttora al n°2 di Broad Street, avevano abbandonato la zona di Wall Street per spostarsi nella parte centro settentrionale dell’isola di Manhattan.

5Alcuni, tra i quali la Morgan & Stanley, vuoi per una sorta di tradizione di lunga data, vuoi per una pura questione di prestigio e di immagine, avevano però mantenuto alcuni locali di rappresentanza in quello che storicamente rappresenta il cuore finanziario della città. E, dunque, per una sorta di sillogismo incontestabile, dell’America e del Mondo.

6Col senno di poi, una scelta infelice, tragica e sfortunata.

7Ma tragica, per certi aspetti, la scelta delle proprie sedi effettuata dalla Morgan lo è sempre stata. Non è la prima volta, infatti, che la banca e i suoi dipendenti sono stati le vittime sacrificali di un attacco terrorista.

8La Morgan & Stanley nacque con questa ragione sociale nel 1935. Prima di questa data era conosciuta semplicemente come Banca Morgan.

  • 1  Per una storia della Banca Morgan, vd. Ronald Chernow, An AmericanBanking Dynasty and the Rise of (...)

9La storia della Banca Morgan è antica e accompagna in tutte le sue fasi lo sviluppo del grande capitalismo americano1. Fondata nel 1861 a New York da Junius Spencer Morgan, un giovane broker che si era fatto le ossa prima a Boston e in seguito a Londra, la banca, qualche anno più tardi, passa sotto la direzione di John Pierpoint, figlio del fondatore. Costui, che in seguito aggiunse le proprie iniziali alla ragione sociale originaria facendo conoscere al mondo intero il suo istituto come J.P. Morgan, fu uno dei più noti capitalisti e uomini d’affari americani. Sua, ad esempio, fu la U.S. Steel Corporation, fondata nel 1913, prima società al mondo a gestire un capitale di un miliardo di dollari. Di sua proprietà furono le principali linee e compagnie ferroviarie americane, nonché le partecipazioni finanziarie, il più delle volte come socio di maggioranza, che l’Istituto aveva nelle principali miniere, banche, compagnie di assicurazione, di navigazione e di telecomunicazioni del paese. Sempre alla J.P. Morgan vanno attribuite le colossali speculazioni sull’oro del 1895, quando la banca concesse grossi prestiti al Governo Federale a tassi di interesse che non furono certo di natura patriottica.

10Alla morte di John Pierpoint padre, nel 1913, alla guida dell’istituto finanziario successe John Pierpoint figlio, il quale, in linea con la tradizione familiare, fece affari d’oro nei settori economici più disparati, intervenendo persino a livello nazionale quando, nel corso della Prima Guerra Mondiale, alla  banca Morgan venne affidato il compito di gestire i fondi per l’acquisto delle forniture militari destinate sia agli americani che agli alleati.

11Difficile stabilire oggi se la J.P. Morgan fu prescelta in quanto inequivocabile simbolo del capitalismo americano più sfrenato e rapace, o se invece, ad entrare in gioco fu la sua particolare dislocazione urbanistica che la vedeva situata esattamente di fronte ai locali del New York Stock Exchange. Fatto sta che la banca costituì il bersaglio privilegiato di quello che all’epoca venne considerato l’attentato terrorista più devastante della storia degli Stati Uniti d’America.

12I tempi cambiano ma in molti particolari la storia si ripete.

13Come oggi, anche allora, tra le vittime, ad essere più numerosi furono proprio i dipendenti della Banca Morgan.

14Come oggi, anche allora si trattava di una soleggiata mattina di settembre.

15Siamo a New York, nel 1920 e per l’esattezza il 16 di settembre.

16La banca Morgan, a quell’epoca, era situata al n°23 di Wall Street. J.P.Morgan aveva acquistato la proprietà sita a quello stesso numero civico nel 1912 dalla famiglia Drexel, suo precedente socio in affari. A stare ai giornali dell’epoca il prezzo pagato per l’acquisto dell’edificio, 3 milioni di dollari, costituiva un record per il mercato immobiliare newyorkese. Ma le spese non si erano esaurite nell’acquisto del palazzo, poiché J.P. Morgan aveva dato ordine che lo si abbattesse immediatamente e si erigesse al suo posto l’edificio, che per quanto rimaneggiato, si può vedere ancora oggi : un immobile di soli tre piani, inutilmente e banalmente pomposo, ma curiosamente lontano dallo stile consueto dei grattacieli avvenieristici che già nel 1912 proliferavano in città. In quell’edificio, conosciuto nel mondo della finanza come The House of Morgan, o con il diminutivo più affettuoso di « The Corner », J.P. Morgan aveva stabilito il suo quartier generale; un ufficio sfarzoso, illuminato da candelieri Luigi XV, che vedrà, tra gli altri, la nascita di colossi quali General Electric, General Motors, AT&T, Dupont, IT&T e Con Edison.

17Immediatamente di fronte alla House of Morgan, dall’altra parte della strada, si ergeva già allora quello che è a tutt’oggi considerato il cuore di Wall Street, il famoso Stock Exchange. In altre parole, la Borsa di New York.

  • 2  Per una descrizione dell’attentato vd : New York Times, 17 settembre 1920 ; New York World, 17 set (...)

18Il 16 settembre 1920, esattamente in quel luogo, all’angolo tra Wall e Broad Street, nel centro simbolico del capitalismo americano, un oscuro anarchico italiano arresta il proprio cavallo che traina una carretta carica di esplosivo e si allontana velocemente confondendosi tra la folla. Pochi minuti dopo, precisamente alle ore 12 e 01, l’intero quartiere è sconvolto da una tremenda deflagrazione. Carretta e cavallo sono ridotti in cenere. Le vetrate dei negozi e degli uffici dell’intero isolato esplodono in mille pezzi. La maggior parte degli edifici circostanti prende fuoco e una grossa porzione della House of Morgan è ridotta in rovina. Quando il fumo degli incendi e la polvere sollevata dall’esplosione si dissipano, Wall Street sembra essere uscita direttamente dall’Apocalisse. Macerie e carte ovunque coperte da un’impalpabile polvere grigia. Carrette, cavalli e automobili rovesciati e distrutti. Corpi e brandelli di corpi. Uomini e donne già cadaveri o gravemente feriti2.

19Il bilancio dell’attentato è di 33 morti e più di duecento feriti. Sul piano materiale i danni sono stimati a 2 milioni di dollari dell’epoca. Come accade quasi sempre in questo genere di attentati, i morti e i feriti non sono certo i « grassi » capitalisti proprietari degli immobili, bensì degli oscuri segretari, commessi, e passanti che in quel momento si trovano a passeggiare lungo i marciapiedi, mangiando un sandwich o approfittando del sole nella pausa del pranzo. J.P.Morgan, che l’anno precedente era miracolosamente sfuggito ad un pacco bomba, quel giorno si trova a Londra, e i suoi due soci principali, Thomas W. Lamont e Dwight Morrow, che partecipano ad una riunione in una delle sale di conferenza poste sul retro dell’edificio, escono indenni dall’attentato.

  • 3 New York Times, 18 settembre 1920.

20Due giorni dopo, il New York Times definisce l’attentato un « act of war », riportando pari pari quanto proclamato a gran voce dalla New York Chamber of Commerce, la quale si affretta a chiedere al governatore dello stato l’invio di truppe federali in grado di fronteggiare possibili analoghi attacchi3.

21Il numero delle vittime, per quanto estremamente elevato, non riesce nemmeno a dare un’idea dell’inferno prodotto dall’esplosione. New York e l’intero paese sono sconvolti da quest’evento, considerato da tutti come il più tragico della storia americana.

22Le indagini effettuate dal Bureau of Investigation si indirizzano immediatamente verso la pista anarchica. Flynn, direttore all’epoca del Bureau, si basa fondamentalmente su alcuni volantini che rivendicano l’attentato, trovati in una cassetta delle lettere all’angolo tra Cedar Street e Broadway. Sui volantini, stampati con inchiostro rosso vivo, si legge il messaggio seguente :

  • 4  Ricordatevi che non lo tollereremo ancora per molto! Liberate i prigionieri politici o sarà morte (...)

REMEMBER
WE WILL NOT TOLERATE
ANY LONGER !
FREE THE POLITICAL PRISONERS
OR IT WILL BE
SURE DEATH FOR ALL OF YOU
American Anarchist Fighters4

  • 5  Robert K. Murray, Red Scare : A Study in National Hysteria, 1919-1920, University of Minnesota Pre (...)

23Agli occhi del direttore Flynn, la firma costituisce già di per sè un indizio eloquente. Essa infatti combina due firme già apparse in precedenza su un paio di pubblicazioni anarchiche la cui matrice era stata individuata in particolare nei circoli italiani : la prima, dal titolo GO-HEAD ! (febbraio 1919) e firmata « The American Anarchists », minacciava il governo americano di una campagna di attentati se fossero state applicate le disposizioni dalla nuova legge sull’immigrazione destinate « … a deportare ed espellere dagli Stati Uniti d’America qualunque straniero membro di gruppi anarchici e analoghi » ; la seconda pubblicazione, dal titolo PLAIN WORDS e firmata « The Anarchist fighters » era stata lasciata a titolo di rivendicazione nei luoghi in cui, nella notte del 2 giugno 1919, in sette città americane tra cui Boston, New York, Philadelphia e Washington erano state fatte esplodere altrettante bombe sulla soglia delle abitazioni dei giudici che si stavano prodigando ad applicare scrupolosamente la legge in questione5.

24Nel volantino che rivendica l’attentato di Wall Street, compare inoltre la frase « liberate i prigionieri politici » ; agli occhi di Flynn, essa costituisce un indizio ulteriore : secondo il responsabile delle indagini, infatti, i prigionieri politici cui si fa riferimento altri non sono che i due anarchici italiani  Sacco e Vanzetti. Appena cinque giorni prima, infatti, precisamente l’11 settembre 1920, Sacco e Vanzetti, già in stato di arresto da alcuni mesi con tutt’altro tipo di accuse, erano stati formalmente incriminati dal giudice Thayer della rapina avvenuta il 15 aprile dello stesso anno a South Brantree nel Massachussets, nel corso della quale erano stati assassinati due portavalori incaricati del trasporto delle paghe dei dipendenti di un’impresa del luogo.

25L’indagine che segue l’attentato di Wall Street è una delle più approfondite e capillari della storia americana. Vengono raccolte centinaia di testimonianze, in ogni ufficio di polizia e nei locali pubblici viene affissa la ricompensa, 100.000 $, a chi fornisca informazioni sugli autori dell’attentato, vengono diffuse almeno tremila foto segnaletiche di altrettanti sovversivi attivi nel paese, centinaia di sospetti vengono arrestati e decine di fabbriferrai interrogati sulla provenienza dei ferri di cavallo ritrovati sul luogo della strage. Per settimane e mesi gli agenti federali si dedicano quasi esclusivamente a questo caso.

  • 6  Gilligan, op.cit., pp. 63-67.

26Alla fine i sospetti si concentrano su un uomo, riconosciuto vagamente in base ad una foto segnaletica dal fabbroferraio che gli ha affittato il cavallo per trasportare la carretta con l’esplosivo. Un uomo dal forte accento italiano, dice il fabbroferraio, e di fattezze siciliane. E’ l’unica testimonianza significativa che gli agenti federali riescono a raccogliere. Nessun’altra prova materiale a carico di quest’uomo compare nel dossier6.

27Chi era dunque il Bin Laden dell’epoca ?

28Per prima cosa, non si trattava affatto di un siciliano, ma a quei tempi, e forse anche ora, gli americani attribuivano origini siciliane a tutti gli emigrati italiani dotati di baffi e carnagione scura.

  • 7  Numerosi elementi costitutivi della storia di Mario Buda emergono da Edward H. James« The story of (...)

29In realtà, si trattava di un romagnolo. Il suo vero nome era Mario Buda, ma negli Stati Uniti circolava col nome di Mike Boda7.

30Mario Buda era nato a Savignano, in provincia di Forlì nel 1884. Nel 1907, dopo aver terminato gli studi superiori, aveva abbandonato la famiglia ed era emigrato nel Massachussets, dove aveva svolto svariati lavori nella zona attorno a Boston : giardiniere, come il padre, operaio presso una compagnia di telefoni, addetto alla costruzione di una centrale elettrica, manovale per una società che costruiva vagoni ferroviari, e di nuovo manovale addetto alla costruzione di un ponte nel Wisconsin. Per Buda, il quale per mancanza di un alloggio fisso era spesso costretto a dormire all’aperto, protetto da semplici scatoloni di cartone, sono anni molto duri, di sacrifici e di fatica. A causa della miseria in cui versava o fors’anche mosso dalla nostalgia che nasceva dall’isolamento legato ai continui spostamenti cui era obbligato, nel 1911 Buda era rientrato in Italia dove si era messo a lavorare col padre. Vi era rimasto fino al 1913, anno del suo secondo trasferimento negli Stati Uniti. Stavolta si era installato a Roxbury nella periferia di Boston, dove era stato assunto come operaio in una fabbrica di cappelli.

31Da un decennio almeno Roxbury aveva assunto le sembianze di una piccola Romagna in miniatura data l’altissima percentuale di romagnoli che vi si erano trasferiti. Era in quella cittadina che Buda era entrato in contatto con alcuni suoi connazionali anarchici. Si trattò certamente della svolta fondamentale della sua vita. I quattro anni che seguirono Buda li aveva dedicati interamente al lavoro e alla militanza nel gruppo anarchico di cui era entrato a far parte e che faceva capo a Luigi Galleani. Si trattava dello stesso gruppo cui appartenevano Sacco e Vanzetti.

32Inizialmente presente a New York come Gruppo Socialista Anarchico Rivoluzionario Carlo Cafiero, verso la fine dell’Ottocento, il movimento anarchico italiano aveva creato gruppi attivi nella maggior parte delle città dell’est degli Stati Uniti. Boston, Filadelfia, Baltimora, Pittsburgh, Cleveland, Detroit, Chicago, erano tutte città industriali che utilizzavano nei propri stabilimenti una forte quota di immigrati italiani. Tra i gruppi attivi, forse uno dei più importanti fu proprio quello costituito dai seguaci di Galleani. Piemontese, emigrato negli Stati Uniti agli inizi del ‘900, Luigi Galleani incarnava la corrente anarco-comunista, nemica acerrima del riformismo socialista ed estremamente radicale in ogni sua manifestazione. A leggere attentamente i quindici anni di pubblicazioni della rivista Cronaca Sovversiva, forse il più importante periodico anarchico del tempo, fondato da Galleani nel 1903, emergono chiaramente le parole d’ordine dei Galleanisti : no alle riforme parziali, considerate come compromessi inaccettabili e tradimenti degli ideali della classe operaia ; sì al rovesciamento del sistema capitalistico con ogni mezzo, compresi gli attentati alla dinamite e gli assassinii. Nel principale saggio scritto da Galleani tra il 1907 e il 1908 dal titolo « La fine dell’anarchismo ? », possiamo leggere una sintesi delle teorie cui aderiva all’epoca Mario Buda :

  • 8  Luigi Galleani, The End of Anarchism ?, Sanday, Orkney, Cienfuegos Press, 1982, p. 5. La traduzion (...)

33« Noi non stiamo a dissertare se la proprietà sia accettabile o meno, se i padroni siano buoni o cattivi, se lo stato sia paternalista o dispotico, se le leggi siano giuste o ingiuste, se i tribunali siano equi o corrotti, se la polizia sia pietosa o brutale. Quando noi parliamo di proprietà, Stato, padroni, governo, leggi, tribunali e polizia, noi diciamo una cosa sola : che non li vogliamo ! »8

34L’attività politica di Buda tra il 1913 e il 1917 consistette soprattutto nel partecipare agli scioperi, nell’organizzare la protesta e le manifestazioni, nel concepire e diffondere le centinaia di pubblicazioni, il più delle volte dei numeri unici, che circolavano negli ambienti anarchici. Il tempo che gli restava, tolto il lavoro e l’attività di militante, Buda lo dedicava attivamente all’organizzazione di una delle tre Scuole Anarchiche Italiane presenti negli Stati Uniti. Chiamate comunemente « Modern Schools », tali scuole, le cui lezioni venivano rigorosamente svolte in italiano, erano luoghi in cui, invece di studiare la glorificazione di presidenti e generali, guerre e battaglie come accadeva nelle scuole tradizionali, permeate quasi sempre da un’atmosfera di bigottismo religioso, i bambini venivano educati alla libertà, alla spontaneità e alla costruzione di una vita in armonia con l’ambiente e con i vicini più prossimi.

  • 9 Boston Globe, 26 settembre 1916.

35Quanto al carattere di Mario Buda, uno dei suoi aspetti più salienti emerge bene da un episodio avvenuto durante il processo che Buda aveva subito nel 1916. Arrestato a Boston durante una manifestazione contro l’intervento americano nel I° conflitto mondiale con l’accusa di aver partecipato agli scontri violenti che avevano opposto i manifestanti alla polizia, l’anarchico romagnolo, nonostante l’assenza totale di prove a suo carico, era stato condannato dal giudice a cinque mesi di prigione per essersi rifiutato di prestare giuramento sulla Bibbia, come è d’uso nei processi in America9.

  • 10  Eugene Lyons, The Life and Death od Sacco and Vanzetti, New York, International Publishers, 1927.
  • 11  James, « The story of Mario Buda… », cit.

36Testardo dunque, fiero e indocile, Mario Buda viene descritto da alcuni compagni di lotta come un individuo particolarmente taciturno, serio, introverso, totalmente padrone delle proprie emozioni, e nello stesso tempo come un uomo estremamente posato, educato, tranquillo10. Edward Holton James, un ricercatore americano che lo intervisterà nel 1928, ne parla come di un individuo « calmo, e quieto, ma ciecamente orgoglioso delle proprie convinzioni »11.

  • 12  Il catalogo della mostra « The Italians of New York - Five Centuries of Struggle and Achievement » (...)

37Una sua fotografia è stata esposta tra l’ottobre del 1999 e il febbraio del 2000 alla New York Historical Society, nell’ambito della mostra «The Italians of New York. Five centuries of Struggle and Achievements », dedicata, come dice il titolo, alla presenza italiana a New York. Lì, confuso tra immagini e reperti storici legati a Lorenzo Da Ponte, Enrico Caruso, Fiorello La Guardia, Martin Scorsese e alle processioni di Little Italy in onore di San Gennaro, appariva anche lui. Una fotografia a mezzo busto che ritrae un uomo quasi completamente calvo, con corti baffetti scuri come la carnagione, occhi nocciola seri e profondi e un naso particolarmente vistoso a giustificare il soprannome di « Nasone » con cui veniva comunemente chiamato dagli amici. Nella didascalia che accompagnava la fotografia, due righe : « Mario Buda, l’uomo che fece saltare Wall Street. » A fianco, le foto prese a Wall Street subito dopo l’attentato, così come accanto a Lorenzo Da Ponte vi era una copia anastatica del Don Giovanni, e accanto a Caruso alcuni suoi dischi12.

38Ogni italiano di New York con la sua opera.

39Nel 1917, Mario Buda, coerentemente con i propri ideali, e come tantissimi altri membri del suo gruppo, per evitare un’eventuale coscrizione obbligatoria nel momento in cui gli Stati Uniti avessero deciso di entrare in guerra, era espatriato in Messico, a Monterrey, dove già si erano installati, tra gli altri, Sacco e Vanzetti. A Monterrey gli anarchici italiani avevano fondato una piccola comunità basata sulla solidarietà e sull’applicazione pratica dei loro ideali. Chi era riuscito a trovare un lavoro (Buda in una lavanderia e Vanzetti in un panificio) divideva il proprio salario con chi il lavoro non ce l’aveva. L’attività politica ferveva anche là, concentrandosi soprattutto sul rientro in Italia e sulla rivoluzione sociale che ogni membro del gruppo riteneva oramai imminente in patria. Ma dopo alcuni mesi fu evidente a tutti che, nonostante la guerra assumesse dimensioni sempre più terribili e drammatiche, nessuna rivoluzione sembrava profilarsi all’orizzonte. Se a questo aggiungiamo le difficoltà di trovare di che vivere in Messico, possiamo comprendere perché era stata presa la decisione collettiva di rientrare. Nell’arco di due mesi, tra il settembre e il novembre 1917, tutti gli italiani di Monterrey erano rientrati alla spicciolata negli Stati Uniti.

  • 13 Milwaukee Journal, 25 novembre 1917. Per l’attribuzione della bomba di Milwaukee a Mario Buda, vd. (...)

40Mario Buda si era allora trasferito a Chicago dove aveva preso a circolare col nome di Mike Boda. L’aver assunto una falsa identità costituisce il segno evidente che Buda oramai era passato alla fase della militanza clandestina. Per i successivi tre anni infatti, la vita del romagnolo si riassume in una parola sola : cospirazione. Assieme ad alcuni altri membri del gruppo di Galleani, Buda aveva organizzato azioni militanti di vario genere. Alcune di esse si saldarono con un bilancio sanguinoso in termini di vite umane. Molto probabilmente è a Buda che deve essere attribuita la responsabilità dell’ordigno che esplose il 24 novembre del 1917 nella sede della polizia di Milwaukee uccidendo dieci agenti e una donna che stava sporgendo denuncia per furto13.

  • 14  Julian F. Jaffe, Crusade Against Radicalism : New York during the Red Scare, 1914-1924, Port Washi (...)

41Data l’escalation di violenza che ne seguì, i fatti di Milwaukee costituirono sicuramente il punto di non ritorno per il destino dei gruppi anarchici italiani in America. Dell’attentato furono ritenuti responsabili undici anarchici italiani che vennero condannati a pene detentive di venti e più anni di prigione. Dato il clima febbrile di quei giorni, il processo che vi si svolse fu senz’ombra di dubbio un processo-farsa. Basti dire che la maggior parte delle persone condannate, al momento dei fatti, era già detenuta con altri capi di imputazione in diverse prigioni americane. La condanna degli undici anarchici provocò una reazione incontrollata. In risposta a quella che fu palesemente considerata una condanna ingiusta si erano verificati decine di attentati a catena, i quali, per quanto quasi tutti falliti o sventati, avevano provocato a loro volta una campagna atta a far espellere i « sovversivi » italiani dal suolo americano14.

  • 15  Roy L. Garis, Immigration Restriction : A Study of the Opposition to and Regulation of Immigration (...)

42La legge auspicata non si era fatta attendere. Promulgata il 16 ottobre 1918 come New Immigration Act, essa prevedeva che per essere espulsi dal territorio americano bastasse semplicemente essere identificati come stranieri e sovversivi. Sovversivo, riassumeva sbrigativamente la legge, era « chiunque predicasse, insegnasse, diffondesse con ogni mezzo…idee contrarie all’ordine costituito »15. Fu iniziata allora una vera e propria caccia alle streghe, seguita da un’ondata di espulsioni che erano culminate, il 24 giugno del 1919 con la deportazione e la successiva espulsione verso l’Italia di Galleani e di otto suoi stretti collaboratori.

43Buda, nel frattempo, continuava ad agire in totale clandestinità, sfuggendo miracolosamente ad ogni arresto. Infaticabile, fabbricava ordigni esplosivi, redigeva volantini, approntava nascondigli per i compagni ricercati dalle forze dell’ordine, selezionava gli obiettivi degli attentati.

44Non ci resta che immaginare che con l’andar del tempo, l’evidente disparità delle forze in campo, abbia indotto Buda a vivere se stesso come un eroe romantico, incessantemente in lotta contro le ingiustizie, capace di rischiare la propria incolumità fisica nonché di immolare chiunque in nome di quegli ideali che costituivano per lui una improrogabile ragione di vita. A stare ai volantini che venivano diffusi in quei mesi, gli anarchici non sembravano considerare un crimine l’uso della violenza, bensì un atto di guerra contro un sistema « bandito e assassino ». Le vittime innocenti degli attentati costituivano quindi una sorta di prezzo necessario, seppur doloroso, da pagare comunque, al di là di ogni possibile remora di natura etica.

45Nell’aprile del 1920 vengono arrestati Sacco e Vanzetti. Buda, ricercato per gli stessi reati, sfugge miracolosamente alla cattura e si rifugia in attesa degli eventi presso una famiglia italiana di Boston. In seguito si sposta a Portsmouth, ed è là che l’11 settembre viene a sapere dai giornali dell’incriminazione di Sacco e Vanzetti per la rapina di South Braintree e l’assassinio dei due portavalori.

46Senza alcuna esitazione, entra immediatamente in azione. In soli quattro giorni, infatti, raggiunge New York, affitta un cavallo e una carretta, riempie la carretta di dinamite, chiodi e altro materiale altamente devastante, parcheggia il convoglio davanti allo Stock Exchange, lungo il marciapiede antistante la Banca Morgan, e lo fa saltare alcuni minuti dopo grazie ad un dispositivo a tempo.

47È l’ultimo atto terrorista che Buda esegue sul territorio americano. Una volta compiuta la sua missione, si rifugia a Providence, dove si fa rilasciare dal Consolato italiano un passaporto a nome di Mike Boda. Alcune settimane più tardi salpa in direzione di Napoli su una nave che batte bandiera francese. Alla fine di novembre è di nuovo a casa, nella sua Romagna natia.

  • 16 Umanità Nova, 13 gennaio 1921.

48In Italia siamo al termine del cosiddetto « biennio rosso ». A Savignano, Buda riprende l’attività politica, organizzando conferenze e redigendo manifesti e volantini in difesa di Sacco e Vanzetti16. Ma in Italia, Giolitti, allora Presidente del Consiglio, pratica una repressione ben più forte di quella vissuta da Buda negli Stati Uniti. Cronaca Sovversiva, la rivista di Galleani, viene soppressa e gli anarchici ovunque incarcerati e costretti al silenzio. Sotto il governo di Mussolini poi, grazie anche alle informazioni fornite da Edgar J. Hoover, appena promosso direttore del Bureau of Investigation, gli anarchici, che in Italia, paradossalmente, sono noti come gli « americani », vengono arrestati ad uno a uno e inviati al confino. Coloro che riescono a sfuggire alla cattura, partono per l’esilio in Svizzera. Buda resta, e continua il lavoro di ciabattino intrapreso subito dopo il rientro in patria. Nel 1927 viene arrestato a sua volta e inviato al confino a Lipari. In seguito, nel 1932, viene trasferito a Ponza. Un ricercatore di Boston, Edward Holton James, ottiene a due riprese il permesso di intervistarlo. Nel 1928 a Lipari, e nel 1932 a Ponza, dove si fa accompagnare da Dante Sacco, figlio di Nicola. Interrogato sulle sue responsabilità rispetto alla strage di Wall Street, Buda nega ogni addebito. Quattro mesi dopo viene rilasciato e ottiene il permesso di rientrare a Savignano.

  • 17  Fascicolo Buda, Archivio Centrale di Polizia, Roma, cit. in Avrich, op.cit. p. 210.

49Dai dossier della polizia di Mussolini, risulta che Buda venne rilasciato in cambio dei suoi servigi come infiltrato presso i gruppi antifascisti in esilio in Svizzera , e il suo nome opportunamente cancellato dalle liste di sovversivi detenute dal governo. Dai dossier di polizia, tuttavia, non trapela nulla che ci induca a pensare che l’attività di informatore si sia concretizzata17.

50Data la fede strenua negli ideali anarchici difesi fino ad allora da Buda, risulta difficile immaginarlo di colpo nelle vesti del traditore. Possiamo dunque ipotizzare, ma resta un’ipotesi,  che Buda abbia accettato questo incarico in maniera puramente opportunista, al semplice scopo di evitare il confino.

51In ogni caso, dopo solo due mesi di permanenza in Svizzera, Buda rientra a Savignano e riprende a fare il ciabattito.

52Di lui non si ha più alcuna notizia.

53La strage di Wall Street, restò per anni nella memoria dei newyorkesi, fino a scomparire del tutto, effetto della tendenza americana alla cancellazione della storia. Essa costituì senz’altro un attacco devastante ai simboli del capitalismo e della finanza americani e internazionali.

54Ma, a differenza di oggi, all’epoca non si fermò nulla.

  • 18  New York Times, 17 settembre 1920.

55Il New York Times del giorno successivo riportò che fin dal pomeriggio, e nonostante i danni procurati dalla bomba, Wall Street « aveva continuato a funzionare e a fare affari come al solito…. »18.

Haut de page

Notes

1  Per una storia della Banca Morgan, vd. Ronald Chernow, An AmericanBanking Dynasty and the Rise of Modern Finance, New York, Atlantic Monthly Press, 1990, 812 pages.

2  Per una descrizione dell’attentato vd : New York Times, 17 settembre 1920 ; New York World, 17 settembre 1920 ; Edmund Gilligan, « The Wall Street Explosion Mystery », The American Mercury, settembre 1938, pp. 63-67.

3 New York Times, 18 settembre 1920.

4  Ricordatevi che non lo tollereremo ancora per molto! Liberate i prigionieri politici o sarà morte certa per tutti voi. Anarchici americani in lotta. (La traduzione è mia).

5  Robert K. Murray, Red Scare : A Study in National Hysteria, 1919-1920, University of Minnesota Press, 1955, pp. 257-259.

6  Gilligan, op.cit., pp. 63-67.

7  Numerosi elementi costitutivi della storia di Mario Buda emergono da Edward H. James« The story of Mario Buda before the Jury of the World. Told on the Island of Lipari, Province of Messina, Italy, February 14-16, 1928, in the Presence of Commendatore Giuseppe Dosi of the Italian Police, and Edward Holton James of Boston, Massachusetts, USA », intervista dattilografata, Archivio Centrale dello Stato, Casellario Politico Centrale, Roma, cit. in Paul Avrich, Sacco & Vanzetti and the Anarchist Background in USA, Princeton University Press, 1991, p. 62.

8  Luigi Galleani, The End of Anarchism ?, Sanday, Orkney, Cienfuegos Press, 1982, p. 5. La traduzione è mia.

9 Boston Globe, 26 settembre 1916.

10  Eugene Lyons, The Life and Death od Sacco and Vanzetti, New York, International Publishers, 1927.

11  James, « The story of Mario Buda… », cit.

12  Il catalogo della mostra « The Italians of New York - Five Centuries of Struggle and Achievement » a cura di Philip Cannistraro, The New-York Historical Society in collaborazione con il John D. Calandra Italian American Institute, Queens College/CUNY riproduce a p. 80 la fotografia dell’attentato. E’ assente dal catalogo la fotografia di Mario Buda esposta alla mostra.

13 Milwaukee Journal, 25 novembre 1917. Per l’attribuzione della bomba di Milwaukee a Mario Buda, vd. Paul Avrich, op. cit., p.105.

14  Julian F. Jaffe, Crusade Against Radicalism : New York during the Red Scare, 1914-1924, Port Washington, N.Y. Kennekat Press, 1972.

15  Roy L. Garis, Immigration Restriction : A Study of the Opposition to and Regulation of Immigration into the United States, New York, Macmillan, 1927, pp.102-140.

16 Umanità Nova, 13 gennaio 1921.

17  Fascicolo Buda, Archivio Centrale di Polizia, Roma, cit. in Avrich, op.cit. p. 210.

18  New York Times, 17 settembre 1920.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Italies, Revue d’études italiennes, Université de Provence, n°5, Italie et Etats-Unis. Interférences culturelles, 2001.

Référence électronique

Chiara Basso, « Un italiano  in America : Mario Buda, l’uomo che fece saltare Wall Street », Italies [En ligne], 5 | 2001, mis en ligne le 09 octobre 2009, consulté le 17 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/italies/2048 ; DOI : 10.4000/italies.2048

Haut de page

Auteur

Chiara Basso

Université de Provence

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • OpenEdition Journals