Navigation – Plan du site
Décrire les lieux, dire l'errance

Tra le dune d’Egitto e la proda di Versilia
Piero Bigongiari in viaggio

Riccardo Donati
p. 331-349

Résumés

Piero Bigongiari (1914-1997), un des plus grands poètes italiens du XXe siècle, donnait de lui-même cette définition : « un sédentaire qui se déplace ». Notre article illustre les deux voyages aux origines de la civilisation occidentale, effectués dans les années Cinquante en Égypte et en Grèce, ainsi que sa fidélité à la Versilie, où il passa de nombreux étés, fréquentant assidûment le milieu culturel du “Quarto Platano” (“Quatrième Platane”) de Forte dei Marmi.

Haut de page

Entrées d’index

Chronologie :

XXe
Haut de page

Texte intégral

Un poeta tra le dune d’Egitto

  • 1 Piero Bigongiari, Visibile Invisibile, Firenze, Sansoni, 1985, p. 29.

1Un « sedentario che si sposta »1 : così Piero Bigongiari amava definire se stesso, paragonandosi scherzosamente a un bradipo, l’animale che trascorre buona parte della vita dormendo, e che pure si muove, passando, sia pure con estrema lentezza, da un ramo all’altro del proprio albero. In un saggio di quegli stessi anni sulla pittura americana delle origini, il poeta riprendeva la medesima immagine notando come « il gusto del viaggio, delle distanze » non tenda ad attenuarsi col passar degli anni,

  • 2 Piero Bigongiari, Taccuino Pittorico, Bergamo, Moretti & Vitali, 1994, p. 136.

[...] anche per chi, come chi qui scrive, si considera un sedentario che si sposta, cioè che sposta la sua sede, pronta come certe patate a emettere in ogni direzione, se lasciate troppo maturare, quei bianchi filamenti che sembrano volersi radicare, se non trovano terra, anche nell’aria [...].2

2Bigongiari non è stato un grande viaggiatore, ma ogni esperienza vissuta fuori dai confini dei suoi luoghi vitali – ovvero nel perimetro di Toscana che cinge Pistoia, la città dell’adolescenza, e Firenze, la città della maturità – ha lasciato tracce profonde e significative nella sua opera, assumendo il valore di una testimonianza, di un momento emblematico e decisivo della sua formazione umana e creativa.

  • 3 Ibidem.
  • 4 Oreste Macrí, Fisica del simbolo in Piero Bigongiari, in Realtà del Simbolo, Firenze, Vallecchi, (...)
  • 5 Lettera di Piero Bigongiari a Giovan Battista Angioletti del 9 giugno 1953, ora in Piero Bigongia (...)
  • 6 Il viaggio, ricordava Macrí, investì « […] tutta la Grecia e tutto il suo genio mirabilmente diff (...)
  • 7 Il riferimento è alle elezioni politiche del 1953, celebri per l’entrata in vigore della cosiddet (...)
  • 8 Lettera a Giovan Battista Angioletti del 9 giugno 1953 (ora in Piero Bigongiari, Voci da un labir (...)

3A conclusione del paragrafo sopra citato, il poeta osservava che « [...] il viaggio forse serve soprattutto ad accrescere il nuovo dietro le spalle »3. Fu certamente così per i due fondamentali viaggi affrontati alla volta della Grecia e dell’Egitto : due avventure iniziatiche, sebbene compiute intorno ai quarant’anni, che il poeta intraprese in cerca delle matrici antropologiche e culturali della civiltà Occidentale, alla scoperta di quella che Oreste Macrí ha complessivamente definito la « dimora vitale mediterranea »4. Preceduta da una spedizione/peregrinazione in Magna Grecia, compiuta nel 1952 in compagnia della moglie Elena Ajazzi Mancini e dell’amico scrittore e giornalista Giovan Battista Angioletti, l’avventura greca, dell’anno successivo, vede unirsi alla compagnia una delle firme più prestigiose del giornalismo italiano, Sergio Zavoli. L’esplorazione di quella terra che fin dall’adolescenza « grandeggiava nella mente e nel desiderio » del poeta5, rappresenta dunque un percorso a ritroso nella memoria classica e preclassica, una sorta di Odissea personale, un periplo della grecità tra arte, letteratura, echi mitici6. Attraversando il paese a tappe, da Atene a Sparta, da Micene a Creta, incontrando lungo il cammino intellettuali e artisti ellenici, Bigongiari cerca di depurarsi dai facili miraggi del Nuovo Occidente, lasciandosi alle spalle un’« [...] Italia annacquata e sbrindellata di manifesti elettorali portati via dal vento [...] »7, per respirare « [...] l’aria fine e silente del pieno Egeo »8.

  • 9 Alla città che ospita il Grande tempio di Amon il poeta dedica un testo datato “novembre ’53” : c (...)

4Ancor più determinante fu il viaggio in Egitto, compiuto nel 1954 con la stessa compagnia, visitando Memphis, Sakkara, Luxor9, El Giza, Alessandria, spingendosi fino alla Nubia (il gruppo si fermerà all’altezza della seconda cateratta, oggi sommersa dalle acque del lago Nasser), e al deserto del Sinai. Questa avventurosa traversata, ricca di echi biblici, anche dopo molti anni di distanza rappresenta per Bigongiari

  • 10 Piero Bigongiari, Il poeta e la voce. Due interviste a Piero Bigongiari, in Anna Dolfi, In libertà (...)

[...] un’esperienza che non finisce di radicarsi in me. Questo senso acuto del silenzio è l’esperienza del deserto, ma di un deserto montuoso, un deserto pieno di uadi, un deserto labirintico, non uno spazio infinito perché piano, ma uno spazio invece complesso, misteriosamente cromatizzato nelle sue rocce (rocce viola, azzurre, rosse). Il senso che la meta è in fondo alla salita, e la salita è qualche cosa che bisogna percorrere senza strade, trovando i luoghi dove svoltare, che sono i luoghi da dove sono discese le acque, sono gli uadi, i luoghi dove, una volta o l’altra, è l’acqua che scorre.10

5Tra i momenti più significativi di quel viaggio memorabile, « quasi un pellegrinaggio » come lui stesso amava definirlo, Bigongiari annovera la visita a un convento copto sperduto nel deserto, luogo raggiungibile solo attraverso le piste carovaniere che, costeggiando gli uadi, passano a ovest della grande strada che unisce Il Cairo e Alessandria. Quella solitaria, austera architettura sacra offre al poeta un’esperienza spirituale particolarmente intensa, ma di una spiritualità che, come spesso accade nell’autore de La figlia di Babilonia, cresce e si afferma su fondamenta figurative :

  • 11 Ibidem.

L’incontro di questa specie di Averno, di questo nero asfalto nel deserto, e poi il trovare conventi dove vivono monaci in una pulizia suprema, con una luce incredibile, con colombe che svolazzano nei piccoli fazzolettini di terra fertilizzati dove si coltivano indivie e dove ci sono i resti dell’arte copta che per me è sublime (pietra lavorata come se fosse un pane, un traforo da cui penetra la luce), è un’esperienza dei contrari indimenticabile. Mi ricordo ancora : c’era un beduino fermo davanti alla porta, c’era il deserto, una porta, un beduino seduto. Questo rapporto dello spazio con la persona che è lì, davanti a una porta costruita in questo spazio, è veramente una visione metafisica.11

6Il testo appena citato vale come sorta di autocommento alle quartine che compongono la lirica Monaco del Sinai, scritta nel marzo del 1954 e poi inserita ne Il corvo bianco :

  • 12 Piero Bigongiari, Tutte le poesie I 1933-1963, cit., pp. 206-207.

Addentavi affamato la tua storia
fra montagne deserte, in riva al cielo
da cui calò la mano che porgeva
la Legge, non la tua né la nostra.

Con le braccia conserte in uno scanno
di convento, rombava forse il gesto
che spuntò dalle nuvole, Mosè
disattento d’un popolo di sogni.

Rosseggiava sui monti di granito
la dura primavera, la tua morte
comprimeva la sera di granito
oltre le cime, lo stranito sguardo

d’antico peccatore si gualciva
sopra i massi spezzati azzurro : forse,
non so, l’antica collera o l’antico
patto che tu spezzasti, ch’io spezzai.

Ti lasciai riscendendo di uadi in uadi
fino alle sabbie fini del Mar Rosso
dove viscido come un otre il sole
bianco pareva non volesse immergersi.

Recalcitrava. Ritornata tempo
sulle sabbie salate scintillava
la Legge in ogni grano. Era, la nave,
immota nell’argentea Abu Zenima...12

  • 13 Cfr. Piero Bigongiari, Testimone in Grecia, in collaborazione con G. B. Angioletti, Torino, ERI, 19 (...)
  • 14 Adelia Noferi, Le poetiche critiche novecentesche, Firenze, Le Monnier, 1970, p. 168.

7Da questi viaggi misterici, entrambi a metà strada tra la carte routière e l’itinerarium mentis, nasceranno due libri forse non ancora adeguatamente studiati dalla critica, specialmente rispetto al ruolo che rivestono nel complesso dell’opera bigongiariana : Testimone in Grecia e Testimone in Egitto13. Ma, soprattutto, la scoperta di quelle terre immote e remote, di quei paesi – « [...] dove l’umana storia e civiltà si sono a tal punto depositate nella natura, da costituire un “testo” perfetto, tutto da leggere, ritrovando una verità già anticipata dalla ragione e dalla fantasia »14 – suscita nel poeta impressioni durature, legate al fascino seminale esercitato dall’inestricabile sedimentazione di tracce ancestrali che hanno determinato la genesi del senso del Sacro (la Legge di cui si parla in Monaco del Sinai) in Occidente :

  • 15 Piero Bigongiari, Testimone in Egitto, cit. (ed. 1985), p. 254.

[…] il discorso umano si riconobbe, qui in Egitto, simbolo del verbo divino ; ma solo in Grecia esso divenne il ricordo della voce degli dèi. Con la Grecia insomma finiva l’infanzia del mondo : stato ideale e simbolico, quell’infanzia […] contiene nel suo cuore puro tutte le possibilità dell’uomo. Non per nulla fu in Egitto che balenò primamente nel cuore dell’uomo un raggio del dio unico ; forse con una particola di quel cuore Mosè intraprese la catabasi del popolo ebreo, verso l’appuntamento, nel deserto, con Dio, e, di là, verso la Terra promessa.15

  • 16 Cfr. Piero Bigongiari, Dove finiscono le tracce (1984-1996), Firenze, Le Lettere, 1996, pp. 107-110

8Sul finire del suo percorso esistenziale, in quella che sarà l’ultima raccolta pubblicata in vita, Dove finiscono le tracce, Bigongiari si ricorderà ancora una volta di quelle esperienze, e proprio in connessione con il motivo della ricerca del divino. Dedicando al tema del viaggio un’intera sezione del libro, Residui del viaggio, il poeta vi inserirà testi dai titoli eloquenti come Miraggi e Ricordi di un viaggio attraverso la Locride e la Focide fino a Delfi16.

  • 17   Martino Baldi, Cronologia della vita e delle opere di Bigongiari, in Piero Bigongiari, Voci in u (...)
  • 18   Tra i numerosi testi poetici d’ispirazione francese ricordiamo almeno Carte routière 1959 (in To (...)
  • 19   Una testimonianza di questi viaggi è data dalla raccolta Diario Americano 1987, Treviso, Amadeus (...)

9Quasi sempre legati a incontri culturali, a rapporti di scambio umano e creativo, sono invece i viaggi compiuti verso Occidente. La Francia è una meta particolarmente cara a Bigongiari, traduttore tra gli altri di Paul Éluard e Pierre Reverdy, amico di poeti e pittori, da Yves Bonnefoy a Georges Braque. Si reca spesso a Parigi, e nel 1951, mentre è in viaggio di nozze nella capitale francese, ha l’occasione di conoscere « [...] Francis Ponge e la nuova generazione dei poeti e intellettuali francesi riuniti intorno a Gallimard e alla Nouvelle Revue Française »17. Ama particolarmente la Valchiusa, dove si reca in visita all’amico René Char : di un suo viaggio compiuto a Fontaine de Vaucluse in compagnia di Vittorio Sereni nel 1968 restano splendide immagini18. Viaggia molto in Europa, tenendo lezioni e conferenze in numerosi paesi ; le città del Nord in particolare sembrano ispirarlo, cosicché i suoi versi spaziano da Saint-Malo a Delft, da Londra a Belfast. Le visite negli Stati Uniti, compiute in età già avanzata, colpiscono fortemente la sua immaginazione per l’incontro con un Nuovo Mondo carico di suggestioni ed echi della nuova mitologia moderna : quella scientifica19.

  • 20   Oreste Macrí, Le mie dimore vitali (Maglie–Parma–Firenze), a cura di Anna Dolfi, Roma, Bulzoni, (...)
  • 21   Piero Bigongiari, Visibile Invisibile, cit., p. 29.
  • 22   Lettera a Danilo Bartoletti del 15 ottobre 1936 (ora in Piero Bigongiari, Voci in un labirinto, (...)

10Nonostante amasse visitare altri paesi, dunque, e sebbene i suoi componimenti siano stati fortemente influenzati dai viaggi compiuti, tuttavia Bigongiari non conobbe mai quella « brama emigratoria » di cui pareva soffrire il suo sodale Oreste Macrí20, né alcuna vocazione da apolide : quando parla di viaggi, precisa sempre che per lui viaggiare significa « spostare » la propria « sede », e la propria « radicalità », « […] ma per tornare sempre nello stesso luogo […] »21, ovvero nelle plaghe attraversate dal suo « fiume fatale », « [...] quell’Arno stupendo fanciullo in mezzo alla nostra Toscana »22. Il « sedentario che si sposta » Bigongiari è un autore i cui anni formativi, nel ventennio precedente la Seconda Guerra Mondiale, sono segnati da un vero e proprio piétiner sur place che lo conduce, bambino prima, adolescente e ragazzo poi, in varie città della Toscana, attraverso un percorso fatto di piccoli ma decisivi spostamenti che incidono in profondità sulla sua opera, sulla sua poesia, sulla sua visione del mondo e dei rapporti umani. Come si legge nel testo Chronos-Topos del 1976,

  • 23   Piero Bigongiari, Nel mutismo dell’Universo. Interviste sulla poesia 1965-1997, a cura di Anna D (...)

[…] la mia poesia è/ha il luogo della sua stessa nascita : in questo è totalmente “fiorentina” : racchiude quella plaga inenarrabile da Firenze al mare Tirreno, un mare che pare ritirarsi, sulla sua battima solare, verso occidente per offrire il passo alla mente migrante, ma con obiettivo riferimento al ritirarsi delle acque marine, in epoca preistorica, dalla pianura pisana in cui sono nato.23

11Non a caso la proda di Versilia, per parafrasare il titolo di una celebre lirica montaliana, è la meta verso cui tende il viaggio che Bigongiari, con la famiglia d’origine prima, con la moglie e i figli poi, compie ritualmente ogni estate, lasciando le città della pianura alluvionale per seguire il corso di quelle acque preistoriche, in direzione della “battima solare” (anch’essa solcata da dune) di Forte dei Marmi.

Proda di Versilia

  • 24   Piero Bigongiari, L’ultimo testimone del quarto platano nel 30° da Pea – intervista con Piero Bi (...)

Il Forte è stimolante per la sua luce.
Piero Bigongiari24

  • 25   A partire almeno dal 1952, il paese di Barberino fu, per i coniugi Bigongiari, una sorta di buen (...)

12Oltre che in Mugello, zona di origine della moglie Elena25, Bigongiari era solito trascorrere le proprie estati in Versilia e, in particolare, a Forte dei Marmi. Nella prosa Biglietto Versiliano, apparsa per la prima volta sul quotidiano romano “Il Popolo” del 14 settembre 1950, il poeta scriveva :

  • 26   Piero Bigongiari, Biglietto Versiliano, in Visibile Invisibile, cit., p. 38.

Qui a Forte dei Marmi ritrovo alle radici quello che altrove diventa per me un atto di fede, un atto da ricordare. Qui non ho bisogno di tenere un taccuino. Qui posso buttar via tutto quello che mi passa per la testa e pei sensi : qui posso buttarmi via tranquillamente. È una trasfusione. Qui posso cambiare pelle : o, come dice un poeta russo, posso cambiare, in quanto uomo, soltanto l’anima. Effettivamente qui riconsegno l’anima alla Gran Madre. Un fitto di tamerici che s’imbeve dell’aria serale, il disegno delle Apuane che dimettono i loro colori sanguigni o biancastri per assumere un’intonazione di un uniforme celeste, da stampa giapponese, il tempo che cade, il vento che ne solleva sprazzi o luminescenze, o certe strade tra le più belle che abbia mai visto addentrarsi verso il piede dei monti tra fumi azzurrini e l’odore caldo del letame : tutto ciò e tant’altro ancora, passa dentro di me senza alcuna riserva, fa della mia opacità un’assoluta trasparenza.26

  • 27   Lettera di Gabriele D’Annunzio a Giuseppina Mancini del 5 luglio 1906 (in Gabriele D’Annunzio, S (...)
  • 28   Il « Manipolo di Apua » annoverava tra le sue fila il « generale » Ceccardo Roccatagliata Ceccar (...)
  • 29   « Questa la ragione », scrive Savinio in un soliloquio con il Forte, « perché scrittori e artist (...)

13Terminata la stagione “eroica” della Versilia più selvaggia, meta di artiste-pionner come Böcklin, Mann, D’Annunzio, che amava scorrazzare « a gran galoppo su la spiaggia, tra le grida dei bagnanti e dei pescatori »27, e conclusosi anche il periodo “anarcoide-goliardico” della « Repubblica di Apua »28, la Versilia scommise su una ricostruzione – anzitutto materiale : non si dimentichi che da lì passava la Linea Gotica – che permise l’inaugurarsi di una nuova era per questo estremo lembo di terra toscana. Sebbene le plaghe incontaminate di inizio secolo si stessero trasformando in luoghi turistici di straordinario richiamo, la Versilia seppe mantenere salda la propria identità e divenire, per gli artisti e intellettuali che la frequentavano, un contesto aggregante ; in particolare, ciò che maggiormente li affascinava era il fatto di potersi ritrovare in un luogo pressoché privo di storia, di stratificazioni e di memorie devianti, un luogo che li disponeva alla contemplazione e alla meditazione artistica29.

  • 30   Massimo Carrà ricorda : « Era stato lo scultore Arturo Dazzi, amico di mio padre, a persuaderlo (...)
  • 31   Cfr. Giorgio Giannelli, La Bibbia del Forte dei Marmi, Roma, Edizioni « Versilia Oggi », 1970, p (...)
  • 32   Ricavo la notizia da una lettera a Mario Ciattini del 25 luglio 1939, ora in Piero Bigongiari, G (...)

14Nel 1927, tra i primi, arrivò Arturo Dazzi, che si stabilì al Cinquale. Alla biennale di Venezia del 1926 lo scultore aveva incontrato Carlo Carrà : anche lui in cerca di silenzio, solitudine, paesaggio autentico, natura, verginità, ma soprattutto del colore fresco necessario a schiarire la sua tavolozza. Dazzi parlò a Carrà del Cinquale con tanto entusiasmo che questi, incuriosito, si lasciò convincere, e raggiunse la costa in compagnia della moglie, Ines Minoya, e del figlio Massimo30. Le case-studio di Dazzi e Carrà dettero ben presto vita a un cenacolo composto, fra gli altri, da Giovanni Papini, Roberto Longhi e Ardengo Soffici. Il circolo si estese, pian piano, ad artisti come Felice Carena, Raffaele De Grada, Mino Maccari31. Per Bigongiari, il primo contatto col litorale avviene nel 1939, quando i genitori Alfredo ed Elvira affittano una casa a Lido di Camaiore, in località “Il Secco”, portandovi la famiglia in villeggiatura per tutto il mese di agosto32. Il poeta inizia poi a frequentare regolarmente la Versilia nel 1940, ventiseienne. Rispondendo a un’intervista del periodico locale « Versilia Oggi », datata 1988, Bigongiari motiva così la scelta di quella meta vacanziera :

  • 33   « Versilia Oggi » 264, cit.

Semplice : per ragioni sentimentali. Una natura allora incredibilmente selvaggia : in quegli anni quaranta c’era addirittura l’oscuramento dovuto alla guerra. Anche d’estate, andando in bicicletta sul viale a mare, s’incontrava poca gente. Avevo una “Dei Imperiale” con un faretto che faceva poca luce : di notte c’era da avere paura, anzi, verso il Cinquale, si sentiva addirittura il grido del lupo mannaro. Era uno del posto, affetto da licantropia, che quando c’era la luce piena perdeva il controllo di se stesso ed emetteva delle grida paurose. Ma ripeto, era il posto che ci attraeva : veramente mirabile. C’erano ancora le carrozzelle, le case le facevano ancora i capimastri, gli ultimi ad avere il buon gusto delle vecchie case di un tempo, fatte a misura di uomo. E la spiaggia ? Facevamo i bagni davanti alla villetta di Dazzi, la spiaggia era libera ed a disposizione di tutti.33

  • 34   La scherzosa definizione si legge in una lettera di Giorgio Zampa del 9 luglio 1947, ora in Pier (...)
  • 35   Così nella prosa Il grande giocatore, in Piero Bigongiari, Visibile Invisibile, cit., p. 215.

15Bigongiari si sentiva dunque a casa in quel piccolo « [...] mondo che tra Capannina e Cinquale gioca con l’Amore e la Morte come con palline di ping-pong »34, quel « [...] bellissimo luogo, e misericordioso, dove la sofferenza si acuisce, simile alla joie de vivre che le illusioni, sintomi dell’insopprimibile spontaneità della vita, creano quando si mascherano con le abitudini appena d citte della rltà dpoca tà Ssero tn’astra,rltà dppossibili ».

15 span xml:lang="en" lang="en">Ibprimi,tempioera solito tilleggiatr in compagnia di VTmma aosLndo fi, Rarlo CEileo Giddiae Aleerto Lortvia BaVittorioaApuanea allaogiando gn Vna scmeritta driss in qffitta con lLndo fi,dalle narticdel Cinquale .(36/a>, qove, uome dicmstra T’esistelarmo, srascorre l estati idl 1940, v9401 19542 In uersilia Oigongiari sornarpoi a fuerra.conclusoa,nell’astate,idl 19405 in coas della mzi di Giorgio Zampa , Rina in località Fume to(3. AInquelle aaldo estati idl 1Dopouerra.a class="footnotecall" id="bodyftn32" href="#ftn24">(38/a>, Bigongiari er ’amico Riorgio Zampa dnizia o a Grequentare rl componite nompiive nhe il paso lormanv, di ponevdo a torno a lo stesso lavolozartisti ,intellettuali c c quai ad aesmpio che qntrarn in connatto colnArturo Dazzi,e Ciurzo Maslaarte d cbassoati diù s memo delcdutt glnte del pisto< La Fersilia Odiallora iresenta v le cigliari e nrgin intellettuali c’etalia aiuniti « il grande voncllia olo » ena scoonia : cl luogo ddeale dunque, eove lrascorrere leestate, atagione “soltoli ne v largutmente migongiari /p>

  • 340/span>   Piero Bigongiari, Visibile Invisibile, cit., p.. 2061-202

[..] il cui segli dndiviedulista come Fli dnalianaidiveniono lsoialm : qne senso che l’incenta o una tip di sogcità gittazia pesuccesdneache è ln rità dpp’ultima rossibiliillusioni del liro cndiviedulisto lecittni , come dsuo dissi colnbelli notentlasura satruturali,ta, ctte tante ; i in etsa dementicabn l’altra,sogcità g cui cpparstniono lsol percun farto di patura aeche sembrano vcce

  • 341/span>   Lettera d nedta a uiero Bigongiari ael 256luglio 19450

15 Soto il m quasro allbro B del pcffi loma, Eome dsrive Scherzosa ente mLuziin una lettera daBigongiari, Elnico dPea il pPtricara, dveva ina lene izione/,un “tcffiein” d un psrmo e per lutti.:

[span xml:lang="en" lang="en">Iarrà dePea rano c sangi diadri.(4

158/span> Pr segdrsi rccarto al cangi diadri, pli artisti e ili dndellettuali frcevano an gra, Lrrivndo adatutte le preioni s’etalia : c’era ul gruppo smiangse dcaengiatu dall stesso larrà :;ul gruppo siorentina con ilntesta eiuseppi De Gobertois:;ul gruppo somano guidtu dal Ungrettoi.IDlla vilinavmLuca diungivano aario CPanunzio, cArivo dBne itti, lGglioelm dPerovie tario CTobno. QTascersatità georafoca dinque, ea cnche dtascersatità geerazionele : ni ancana adali dndellettuali fati degli Sltimi ade delcenn dell’iOto cnto, nolore fhe l/span> span xml:lang="en" lang="en">Iveva o dalo neova elnfanalla porstnipatione inaliana,al cierui o colturali deropae, si o ai qiù dioranieche, come sigongiari, sp>
  • 143/span>   Ricardasigongiari,: « E…] carrà d casa iua imtorno a giorc delle vbcce von inoidioranieceaggru sa href="#ftn4"">(...)
  • <
  • 144/span>   « Versilia Oggi » 264, cit.(...)
  • Lapossibilità de coltoquiore convi prande attraese su b o cnche dnoidioraniecndellettuali ,che ne l’545dveva o i bostra sraet’alnn, e nhe nenirmm vccelti aonvimlta sttentzone. QGà arima vella grerra.caevo uiocatord cbcce von ioffici.,Papini,e nGntinl a casa ii Camena,a class="footnotecall" id="bodyftn34" href="#ftn3"">(43/a>. Peral’avvvo uonosceuto aon lLuziialcau” dPlitoeam di Vitmengior con laricuca,e nGhisllis.Torinti in Versilia eopo ma grerra. precndemm vcche dnoidosto coltolle pmlti Sobre del 1iffi loma,.Oggnigiornaoera suon o AllForte dncontrava m autti.puellaiche ci antervesava o e crn lere fbbia mopassavt delle vtagione antartovo l.(4

    <
  • 345/span>   « VS ancana aacenacal Cinquale.in bicicletta .Veneva cos inoidn ceiaattimo ancrchitc che aleva insa href="#ftn4"">(...)

12 l teraontiodefiniztvo di suelle aaagione antartovo l., pl cui sra da ord mmrare steie apiemntest de lbcceore ci Bappi DFnotlio 1odncontravr Alee velCrsp itssu ui un teraatlante peone di ilgno a class="footnotecall" id="bodyftn34" href="#ftn2"">(4, Bconcidorà aon la mogre del pitricara,Pera Al fruerale dell’aruore ei fem>Monsardoio, iel 19518,iresentzò cutto il mem>Mgothadel l lettera ura ilaliana,adiallora da GBntemplllaic Mondtle dul Ungrettoic Muasi modo dalla pBnti a uoffici.,P poi incora iRèacit,che le ghrà al suo sotenal CPreio pitmengior condamoriel 19529,De bne itti, le Gobertois,Paoraee/,uPato lni, RBssavi, Riddia,Longhi ,carrà tassiva. Sl corvte stfiò ara,sodrai e cobre llni e dl ragazzo.in bshrvtspazte dfa i pavoloidei coffi : n’esoca li coiude v, ma d qiù dlfetioneli tra fitilleggiatni ritmaero .Bigongiari afutra fuesti, iitmaevdo aede,l a ilidialuaneia dispoeto del cem>buoom/em>, iegli dAnn dRggesnt della napannina ,dell’arvento cel 1ihiaso, pelle vplaemche n della rrosgrssivom mrciticazioni dei Muoghi

  • 346/span>   Lettera di Glnico dFalqi a Fiero Bigongiari ael 256/02/6, ilnedta
  • 247/span>   Ricavo la notizia da una lettera ai FodiancAraa a uiero Bigongiari ael 219diungo 19869 ilnedta < (...)
  • /ul>

    10 el 19262Glnico dFalqi ai ritolos a cui ihie endo li diritàizare per g E…] cna l(elli )raccolta . Amquanto uc riscltua il pezzacon sfutai vcrittor Ma rel 1iungo 1el 21969Bigongiari ancoltseentusiasmicabente lainceit dell’UEte lProinceile per sl pTristm di sLuca daprecnder nartiea una pani.fsta ione colebreaiva dn ognre ei flnico dPea ifisavtaper sl pese di agosto< Amqui vinne iffitamorii complio di pedibgre il besto ai una ntarg pararsiaehe compemorabse la cplendide stagione el 2uarto Platanoa class="footnotecall" id="bodyftn34" href="#ftn24">(4. Auesto rl besto aruorrafoo:

[s href="#doannoexe/tmage/4803/tmg-1-smll"580.png"pedl="consSet>[stmg src"#doannoexe/tmage/4803/tmg-1-smll"480.png"palt=""/>[s hedl="nofltoqw"class="tconsZoom"href="#doannoexe/tmage/4803/tmg-1-smll"580.png">Arandeir/a> Oiginel C(png, 228k
  • 348/span>   « Versilia Oggi » 264, cit.(...)
  • /ul>

    101/span>  VImnmeidei c‘itricarah.fhe leìiioto ittentdva o dli altri », recisa v Bigongiari, t Vi sono iutti.:(48/s>.

102/span> L ntarg pfutauraa a primi,ii agosto<1el 21969Bopra ia porta,deincgrsso dellmiffi ltoma, de Forte dei Marmi.,proprio [s href="#doannoexe/tmage/4803/tmg-2-smll"580.png"pedl="consSet>[stmg src"#doannoexe/tmage/4803/tmg-2-smll"480.png"palt=""/>[s hedl="nofltoqw"class="tconsZoom"href="#doannoexe/tmage/4803/tmg-2-smll"580.png">Arandeir/a> Oiginel C(png, 130k
  • 34   Unaimbagina della rcrimeoia di Vnaugurarione c licrodaoto in Piero Bigongiari, em> (...)

13 uesta lfoto dalme sec teta, cistle a mna reeinavmd anni fo,a class="footnotecall" id="bodyftn34" href="#ftn24">(4 : cogiauna nuova etarg proviggiatBopra iaincgrsso dellmiffi loma, E il besto a lfnel ente seggesla u dallmnme dicAiero Bigongiari,

/div>