Navigation – Plan du site
Comptes rendus

Gaspare Polizzi, Io sono quella che tu fuggi. Leopardi e la Natura

Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2015, 144 p
Gerardo Iandoli
p. 497-500
Référence(s) :

Gaspare Polizzi, Io sono quella che tu fuggi. Leopardi e la Natura, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2015, 144 p.

Texte intégral

1Il testo di Gaspare Polizzi, Io sono quella che tu fuggi, esplora quali siano state le letture scientifiche di Giacomo Leopardi. Tale conoscenza permette di comprendere meglio non solo il Leopardi filosofo, ma anche quello poeta: infatti, Polizzi sottolinea l’importanza di rileggere numerosi passaggi poetici del Leopardi alla luce non tanto delle sue fonti artistiche e letterarie, bensì di quelle scientifiche.

2Il libro è suddiviso in otto capitoli, in ognuno dei quali l’autore analizza il rapporto tra Leopardi e una particolare materia scientifica. Se, però, i primi sei capitoli si occupano delle cosiddette scienze pure (in ordine: astronomia, matematica, chimica, zoologia e biologia, fisica, tecnica), gli ultimi due, invece, si concentrano sulle scienze umanistiche: la storia della scienza e l’antropologia.

3Da non sottovalutare e, anzi, da tenere sempre ben presente per conoscere appieno la figura del Leopardi, il fatto che potesse accedere alla ricca biblioteca del padre, in cui erano presenti numerosi testi scientifici, di cui Polizzi fornisce i riferimenti quando necessario.

4Polizzi, inoltre, ci tiene a precisare, d’altronde lo ripete spesso nel testo, che Leopardi non ha mai sviluppato le conoscenze matematiche necessarie per addentrarsi nelle questioni più raffinate delle scienze pure, ma ha sempre seguito con un certo interesse il dibattito scientifico dell’epoca (p. 24). D’altronde, il suo studio si è appassionato soprattutto ai risvolti filosofici ed esistenziali delle nuove scoperte. Eppure, lo sguardo di Leopardi è tutt’altro che ingenuo, tant’è che la sua Storia dell’Astronomia verrà considerato uno dei dieci testi più importanti del xix secolo sull’argomento (p. 2).

5Il primo capitolo del testo che qui si recensisce mostra l’interesse di Leopardi nei confronti dell’astronomia: questo è sicuramente il capitolo che interesserà maggiormente gli studiosi dell’opera poetica leopardiana, poiché si tenta una rilettura, come già si è detto, di alcuni momenti letterari alla luce delle letture scientifiche. È noto che il mondo dei cieli è una fonte di ispirazione immaginifica millenaria, che affonda le sue radici nei grandi classici della letteratura classica : l’acutezza di Leopardi sta nel reinterpretare il mito e il topos letterario aggiornandolo attraverso le conoscenze della scienza moderna. Non manca, però, in Leopardi un certo atteggiamento ironico nei confronti dei fin troppo facili entusiasmi dell’epoca, soprattutto nei confronti di chi, attraverso l’uso del cannocchiale, pretendeva di aver visto gli abitanti degli altri pianeti (p. 9).

6Anche il secondo capitolo apre a interessanti prospettive sull’opera poetica leopardiana, perché attraverso le sue conoscenze matematiche si possono fare importanti riflessioni sul suo uso di termini come “innumerevoli” e “infinito” (e non credo che ci sia bisogno di spiegare il perché ciò possa essere estremamente fruttuoso). Infatti, il concetto di “infinito” in Leopardi si lega a quello di “indefinito” (p. 32): per tale motivo, solo la poesia può esplorare appieno un campo che, invece, è difficilmente inscrivibile all’interno del rigore matematico. Inoltre, il concetto di “infinito” si lega anche a quello di “nulla”, poiché solo quest’ultimo appare come infinito all’interno della realtà fisica: non resta altro da fare che usare l’immaginazione e la poesia per richiamare quest’infinità, che nel mondo materiale si limita ad essere puro nulla. Da ciò deriva una visione nichilistica della realtà.

7I restanti quattro capitoli dedicati alle scienze pure, invece, mostrano più approfonditamente gli influssi che la scienza ha esercitato sul pensiero filosofico di Leopardi. Ad esempio, nel terzo capitolo le riflessioni sulla chimica diverranno occasione per un’interessante analisi linguistica: infatti, prendendo spunto dal lavoro di nomenclatura dei vari composti di Lavoisier, Leopardi distingue le “parole”, espressioni dal carattere vago, dai “termini”, parole dalla definizione più rigorosa e analitica. Quindi, il pensiero scientifico non ha bisogno soltanto di esperimenti e formule matematiche, ma anche di un linguaggio adatto, che possa rispondere alle esigenze di precisione e chiarezza (p. 39). Inoltre, Leopardi ridimensiona fortemente la portata del genio capace di compiere “scoperte”, affermando che quest’ultime siano maggiormente frutto del caso. Aggiunge altresì che gli antichi erano già arrivati a molte delle conoscenze moderne, affermazione che, però, andrà ridimensionandosi con l’avanzare del secolo, che condurrà a scoperte certamente più innovative (p. 43).

8Tutto ciò si inscrive all’interno di un più ampio pensiero anti-antropocentrico (che Leopardi vedrà rappresentato nelle teorie eliocentriche di Copernico), tutto teso a criticare l’entusiasmo umano nei confronti della possibilità di governare e controllare la natura, ma soprattutto di poter trovare la felicità attraverso la conoscenza. Nel quinto capitolo, dedicato agli animali, Polizzi mostra come Leopardi critichi fortemente questa aspirazione dell’uomo al dominio sulla natura, considerando, al contrario, gli animali più fortunati: infatti, questi ultimi posseggono tutte le conoscenze di cui hanno bisogno in maniera innata, mentre l’essere umano ha bisogno di compiere molti errori, nel corso dei secoli, per perfezionare i propri saperi (p. 52). Non bisogna dimenticare anche il vasto uso da parte di Leopardi delle figure animali all’interno delle sue poesie, soprattutto dei volatili, simbolo di quell’aspirazione, sempre frustrata, alla libertà che il poeta da giovane sentì il bisogno di esprimere (p. 45).

9Il capitolo dedicato alla fisica parla dell’ammirazione che Leopardi provava per Newton: come molti altri all’epoca, Leopardi considerava il sistema fisico introdotto dallo scienziato inglese come un paradigma perfetto: ai posteri, quindi, non restava che esplorarne i corollari e le possibili applicazioni. Ancora una volta, questa diventa l’occasione per un ridimensionamento del sapere scientifico: infatti, Leopardi afferma che non c’è più la possibilità di un vero progresso, poiché questo avverrebbe solo con l’introduzione di un nuovo paradigma, il che, una volta considerato quello di Newton perfetto, non è più possibile (p. 68) (tutto ciò sarà smentito dai fatti, quando Einstein rivoluzionerà profondamente la visione newtoniana del mondo). La critica si estremizza quando, successivamente, Leopardi sostiene che, in realtà, l’uomo moderno non ha la possibilità di compiere nuove scoperte, bensì di riparare soltanto agli errori degli antichi : non è possibile costruire verità nuove, ma solo correggere le vecchie. E, alla fine, anche il newtonismo diventa soltanto un’ipotesi soggetta a possibili critiche.

10Nell’ultimo capitolo dedicato alle scienze pure, il sesto, Polizzi si interessa al pensiero di Leopardi intorno alla tecnica, soprattutto intorno ai nuovi macchinari inventati nel xix secolo. Qui, il commento di Leopardi si fa più morbido, anche se resta pur sempre sarcastico, poiché ammette l’importanza delle scoperte scientifiche, quando queste contribuiscono a realizzare macchinari capaci di facilitare la vita dell’uomo. In tutto ciò si nota una distinzione, compiuta da Leopardi, tra sapere scientifico e sua applicazione tecnica: infatti, Leopardi sembra essere meno critico nei confronti di quest’ultima (p. 80).

11Gli ultimi due capitoli si preoccupano di sistematizzare quanto è emerso negli altri capitoli sulle scienze pure, mostrando come quest’ultime abbiano contribuito a far sviluppare, in Leopardi, la propria concezione della vita e dell’uomo. Il tutto si inscrive all’interno del dibattito, che ormai da secoli accendeva le menti degli studiosi in Europa, tra il sapere degli antichi e quello dei moderni: Leopardi arriva ad una visione che rinuncia a qualsiasi forma di progresso, in controtendenza con quanto avveniva nel pensiero filosofico europeo, poiché all’uomo non resta che riparare ai propri errori, senza poter accedere e nuove verità (lo si è visto parlando della fisica newtoniana).

12Nell’ultimo capitolo, dedicato all’antropologia, Leopardi riprende l’idea del “selvaggio felice”, sostenendo che tutti i problemi sopraggiungono quando l’uomo decide di creare una propria cultura e di riunirsi in una società (p. 100). Il suo ragionamento prende spunto anche dai numerosi saggi che, nell’Ottocento, presentavano agli europei il mondo dei nativi americani. Non a caso, le sue riflessioni ruoteranno intorno alla figura dei Californi, gli abitanti della California, che rappresenteranno nel pensiero leopardiano l’immagine del selvaggio felice. A questa figura, però, si aggiunge quella del “barbaro”, colui che attraverso un atto di violenza fonda la società, conducendo così il selvaggio verso una condizione infelice. La guerra e la violenza, quindi, diventano gli strumenti di creazione della società, ponendo l’uomo in contrasto con l’armonia della natura (p. 110). Anche questa figura viene ispirata dagli studi dell’epoca, soprattutto da quelli legati alle analisi delle civiltà precolombiane, accusate di antropofagia (p. 112).

13Si conclude dicendo che il carattere estremamente agile del testo di Polizzi, unita alla sua scrittura chiara e precisa, permette allo studioso che volesse approfondire questi temi di avere subito dei riferimenti da cui iniziare, facilitato anche dalla bibliografia non dispersiva che si concentra solo sulle pubblicazioni più importanti intorno al rapporto tra scienza e opera leopardiana.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Gerardo Iandoli, « Gaspare Polizzi, Io sono quella che tu fuggi. Leopardi e la Natura », Italies, 21 | 2017, 497-500.

Référence électronique

Gerardo Iandoli, « Gaspare Polizzi, Io sono quella che tu fuggi. Leopardi e la Natura », Italies [En ligne], 21 | 2017, mis en ligne le 19 janvier 2018, consulté le 17 février 2018. URL : http://journals.openedition.org/italies/5866

Haut de page

Auteur

Gerardo Iandoli

Aix Marseille Université, CAER, Aix-en-Provence, France

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • OpenEdition Journals