Navigation – Plan du site

Il sonetto lxii di Giovanni della Casa e l’epilogo del suo «Canzoniere»

Francesco Bausi
p. 11-46

Texte intégral

Tutto ciò che pesa, uomo, ha peccato
(Arrigo Boito, Le foglie)

  • 1 Che le rime casiane, nella princeps del 1558 (inclusa nelle Rime et prose pubblicate a Venezia pres (...)

1Il sonetto lxii, terz’ultimo delle rime casiane secondo la stampa veneziana del 1558 curata due anni dopo la morte del poeta dal suo segretario Erasmo Gemini, può considerarsi una sorta di summa dell’intero canzoniere, di cui compendia al tempo stesso le principali tematiche e le più peculiari soluzioni formali. Esso può fornire dunque una privilegiata porta d’accesso alla complessa arte di Giovanni Della Casa, e insieme consentire – per la sua particolare posizione in seno al libro – di mettere in luce le raffinate dinamiche strutturali della sua sezione conclusiva.1

Già lessi, ed or conosco in me, sì come
Glauco nel mar si pose uom puro e chiaro,
e come sue sembianze si mischiaro
di spume e conche, e fêrsi alga sue chiome;

però che n questo Egeo che vita ha nome
puro anch
io scesi e n queste de lamaro
mondo tempeste, ed elle mi gravaro
i sensi e l
alma, ahi, di che indegne some!

Lasso! e soviemmi dEsaco, che lali
d
amoroso pallor segnate ancora
digiuno per lo cielo apre e distende,

e poi, satollo, indarno a volar prende:
l core anchio, che per sé leve fora,
gravato ho di terrene esche mortali.

  • 2 Glauco ed Esaco sono vere e proprie «figure» dell’autore (Scarpa, Schede, p. 164). Sul son. LXII vd (...)
  • 3 Ovidio dice che Esaco, prima di innamorarsi, viveva appartato e privo di qualunque ambizione (libro (...)

2Il componimento è occupato dall’evocazione di due miti classici, simmetricamente distribuiti nelle sue due parti: nelle quartine, il mito del pescatore Glauco, che avendo visto i pesci da lui catturati tornare miracolosamente in vita, volle mangiare l’erba sulla quale li aveva deposti, e si trasformò in un dio marino; nelle terzine, il mito di Esaco, il quale, in preda alla disperazione per aver indirettamente causato la morte dell’amata Esperia (uccisa da un serpente mentre egli la inseguiva), decise di gettarsi in mare, ma venne salvato da Tetide, che, impietositasi, lo trasformò in un uccello marino, lo smergo. Miti narrati, com’è noto, da Ovidio nelle Metamorfosi, rispettivamente nel libro xiii (vv. 898-968) e nel libro xi (vv. 749-95). In entrambi i casi, la rapida allusione mitologica è seguita dalla sua interpretazione allegorica in senso morale e autobiografico:2 nel primo caso, il poeta si paragona a Glauco perché come quest’ultimo, diventando abitatore dei mari, si ricoprì di conchiglie, sassi e alghe, così egli, facendosi travolgere dalle tempeste della vita, ha gravato il corpo e l’anima di impurità e peccati; nel secondo caso, l’analogia è indicata nel fatto che Esaco, divenuto uccello, può volare solo se digiuno, mentre non riesce a farlo quando è sazio, allo stesso modo del poeta, che ha appesantito il suo cuore, di per sé puro e leggero, con gli appetiti materiali, e dunque non è in grado di staccarsi dai beni terreni.3

  • 4 Per tutti i commentatori danteschi antichi, Glauco è l’uomo che s’indìa; secondo Benvenuto da Imola (...)

3La sommaria esposizione appena tentata tradisce e banalizza, però, la straordinaria ricchezza semantica e l’elaboratissima tessitura formale del componimento. Ho parlato di Ovidio: va detto subito, però, che – come da più parti è stato osservato – tanto nell’esposizione, quanto nell’interpretazione dei due miti, il Casa si discosta dalla sua fonte primaria. Nelle Metamorfosi, infatti, Glauco viene accolto fra le divinità marine, e la sua è presentata come una divinizzazione, analogamente a quanto fa Dante nel primo del Paradiso (dove quello di Glauco è l’exemplum di cui il poeta si serve per rendere l’idea del «trasumanare», ossia dell’altrimenti indescrivibile passaggio dell’uomo alla condizione divina):4

Beatrice tutta ne letterne rote
fissa con li occhi stava; e io in lei
le luci fissi, di là sù rimote.

Nel suo aspetto tal dentro mi fei,
qual si fé Glauco nel gustar de l
erba
che
l fé consorto in mar de li altri dèi.

  • 5 Dante Alighieri, La Commedia secondo l’antica vulgata, a cura di G. Petrocchi, Firenze, Le Lettere, (...)

Trasumanar significar per verba
non si poria; però lessemplo basti
a cui esperïenza grazia serba.
(Dante,
Paradiso i 64-72)5

  • 6 Lo stesso Ovidio narra però (XIII, 900-15) che Glauco, dopo essere divenuto un dio marino, cadde vi (...)

4Qui, invece, l’esperienza del mitico pescatore è interpretata in modo opposto, come un imbestiamento, un allontanamento dalla perfezione originaria, una perdita dell’humanitas e dunque della stessa divinitas, essendo l’uomo fatto a immagine e somiglianza di Dio. 6 Quanto ad Esaco, Ovidio non dice che egli, divenuto smergo, voli soltanto se digiuno, mentre non possa farlo se sazio, ma si limita ad affermare che per desiderio di morte – essendo ancora innamorato di Esperia – continua a ripetere il suo gestoeatuffarsi sotto le onde del mare, perché quello è l’elemento che egli ama. Un poeta umanista quale è il Casa, però, può discostarsi dalle sue fonti solo se autorizzato da altre non meno autorevoli fonti. Riguardo a Glauco, egli si appoggia – come già videro i commentatori cinque e seicenteschi – a un passo della Repubblica platonica, dove Glauco rappresenta l’anima dell’uomo che ha perduto la sua costitutiva purezza a causa degli elementi esterni che l’hanno corrotta e sfigurata in seguito alla sua unione con il corpo e ai vizi da tale unione scaturiti:

  • 7 Trad. di Giuseppe Lozza, Milano, Mondadori, 1990, pp. 815-17. Il rinvio a questo luogo platonico gi (...)

Il ragionamento appena concluso e altri del genere possono dunque indurre ad affermare limmortalità dellanima. Ma, al contrario di quanto facciamo noi, non si deve osservare la sua vera natura ora che è guastata dallunione con il corpo e con gli altri vizi; occorre osservarla allo stato puro, con gli occhi dellintelletto. Allora si troverà che essa è molto più bella, e distingueremo con maggiore chiarezza la giustizia, lingiustizia e tutto ciò che abbiamo già detto. Le nostre parole sono vere in rapporto al suo stato presente; e in effetti labbiamo vista nella condizione di Glauco marino. Difficilmente si potrebbe vedere ancora la sua natura originaria, perché delle vecchie parti del suo corpo alcune sono state spaccate, altre schiacciate e completamente sfigurate dalle onde. Ma si sono aggiunti nuovi elementi: conchiglie, alghe, sassi, sicché Glauco assomiglia più a un altro essere qualsiasi che a quello che era originariamente. Allo stesso modo, anche noi vediamo lanima ora che è oppressa da infiniti mali. Ma bisogna guardare, Glaucone, in unaltra direzione. [...] Verso il suo amore per la sapienza. E occorre comprendere ciò che essa comprende e quali compagnie desidera, dato che è affine a ciò che è divino, immortale ed eterno, e quale potrebbe essere se seguisse tale principio, condotta da tale slancio fuori dal mare in cui ora si trova, e si scuotesse dintorno i sassi e le conchiglie che ora la ricoprono, portati dal fango di cui si nutre, da quei materiali terrosi e rocciosi, molteplici e selvaggi, che provengono dai cosiddetti festini beati. Allora si potrebbe scorgere come sia la sua vera natura, complessa oppure semplice, e di quali elementi si componga.
(Platone,
Repubblica x, 611 b-e)7

  • 8 Pompeo Garigliano, Lettioni lette nell’Academia de gli Humoristi di Roma sopra alcuni sonetti di Mo (...)
  • 9 Garigliano, p. 52; ivi, ap. 48, siafferma che «il pensiero del poeta è di dimostrare l’anima sua es (...)

5Per Esaco, i commentatori moderni non rinviano ad alcuna fonte, ma in verità essa era stata precocemente individuata da Pompeo Garigliano, autore nel 1615di una lettura di questo sonetto edita con altre sue l’anno successivo a Napoli (e importante per il rinvio a numerose fonti greche e per l’attenta lettura filosofica e specificamente platonica del componimento):8 si tratta delle Enneadi di Plotino (v, 9, 1), «il quale – scrive Garigliano – distinguendo nel libro dell’intelletto e delle idee gli uomini in contemplativi, attivi e voluttuosi, asserisce questi ultimi assomigliarsi a quelli uccelli di rapina, i quali quanto più sono carichi di preda, tanto meno possono volare».9 Secondo Plotino, in effetti, gli uomini immersi nella realtà sensibile e dediti solo ai piaceri sono come uccelli appesantiti dalla preda, cosicché, pur dotati di ali, non riescono a volare, cioè a innalzarsi al di sopra della terra per tornare a Dio attraverso la vita contemplativa:

  • 10 Trad. di M. L. Gatti Perer, Plotino e la metafisica della contemplazione, introduzione di G. Reale, (...)

Tutti gli uomini dalla nascita usano i sensi prima dellintelligenza e incontrano innanzitutto necessariamente gli oggetti sensibili; gli uni restano fermi ad essi passandovi tutta la vita, ritenendo che siano le prime e le ultime cose e sostenendo che il dolore e il piacere che si trovano in esse siano il male e il bene; pensano che questo basti e trascorrono la vita bramando luno e allontanando laltro. Tra di essi poi chi si appropria del ragionare afferma che questa sia la sapienza, come uccelli pesanti che hanno tratto molto dalla terra e, trovandosi così appesantiti, non sono in grado di volare in alto, benché abbiano ricevuto le ali dalla natura. Altri si alzano un poco dal basso, perché la parte più elevata della loro anima li spinge dal piacere alla bellezza; tuttavia, dato che non sono capaci di guardare in alto e non hanno altro cui appoggiarsi, precipitano, insieme con il nome della virtù, verso la prassi, verso la scelta tra le cose di quaggiù, da cui prima avevano tentato di innalzarsi. Vi è poi una terza specie di uomini divini, di maggior forza e dallo sguardo più acuto, che contemplano, come per una grande acutezza visiva, il fulgore di lassù e sinnalzano quasi sopra le nubi e loscurità terrena e permangono là, disprezzando tutte le cose del mondo e rallegrandosi di quel luogo vero e familiare, come un uomo che, dopo molto vagare, sia ritornato alla sua patria, governata da buone leggi.10

  • 11 Glauco, per lui, è l’anima non composta, originaria, cui si legano e si sovrappongono poi – quando (...)
  • 12 Vd. anche Scarpa, Schede, p. 166: «anche prima delle attente chiose del Quattromani (1616), i letto (...)
  • 13 Scarpa, La biblioteca cit., passim. Il Casa possedeva molte opere di filosofia greca: Aristotele (c (...)

6E Plotino, si badi, recupera da Platone anche la lettura in chiave “degradante” del mito di Glauco, che parimenti egli intende (Enneadi i, 1, 12) come metafora della sovrapposizione, all’anima umana non composta, di scorie e aggiunte ad essa estranee, da cui l’uomo deve purificarsi, se vuole riguadagnare la semplicità e la perfezione originaria.11 Le implicazioni platonizzanti di questo sonetto furono còlte già dai primi lettori ed esegeti;12 né la forte caratura filosofica del componimento può stupire, in un poeta, come il Casa, la cui biblioteca era particolarmente ricca sul versante della filosofia antica, e soprattutto di quella platonica e neoplatonica.13

  • 14 Torquato Tasso, I dialoghi, a cura di C. Guasti, vol. I, Firenze, Le Monnier, 1858, pp. 19-68 (seco (...)
  • 15 Vd. il già ricordato Boccaccio delle Genealogie (qui cit. alla nota 6). L’erba rappresenta il piace (...)
  • 16 Vd. il luogo dei Trionfiqui sotto cit. Quanto alla simbologia del mare, si può ricordare – oltre al (...)

7Specialmente indicativa, sotto questo profilo, è la prima stesura del dialogo tassiano Il Gonzaga o vero del piacer onesto (1580), dove l’aristotelico Agostino Nifo, accingendosi a una sottilissima illustrazione filosofica del sonetto lxii,definisce l’autore «nobilissimo poeta ed oratore, e de gli occulti misteri non meno de la filosofia che de la poetica conoscitore».14 Qui, verso la fine, i due interlocutori (il Nifo, chiamato Agostino Sessa dal nome della sua città natale, e Cesare Gonzaga) si intrattengono a lungo sull’esegesi allegorico-filosofica del nostro sonetto e in particolare della figura mitologica di Glauco (vv. 1-8, riferiti dal Gonzaga), interpretandola nello stesso senso del Casa, quello platonico. A parere del Nifo, Glauco è l’uomo che gusta il piacere sensuale (figurato dall’erba) e salta nel mare (cioè si abbandona ai piaceri carnali, figurati dal mare, dalla cui spuma nacque Venere) tanto da diventare quasi bruto;15 o per meglio dire è l’anima – ossia l’intelletto puro ed immortale – che scende nel corpo, perché il corpo è materia dell’anima, e la materia è dai filosofi tradizionalmente assimilata all’acqua, per cui il Casa paragona la vita del corpo al mare (Petrarca aveva usato l’immagine analoga del torrente).16 Ivv. 3-4del sonetto descrivono appunto l’intelletto che, scendendo nel corpo, si mescola con l’anima sensitiva e con quella vegetativa, rappresentate da schiume, conchiglie e alghe: le conchiglie sono animali, e designano pertanto l’anima sensitiva; le alghe sono vegetali, e stanno per l’anima vegetativa; la spuma è la schiuma donde, secondo il mito, nacque Venere (lo sperma, cioè), e simboleggia dunque il piacere dei sensi.

  • 17 In un’edizione delle sue rime da lui stesso chiosate (Brescia, Marchetti, 1592, pp. 66-67). Si badi (...)

8Il Gonzaga, citando Paradiso i 67-72, obietta che Glauco, per Dante, non è l’uomo vinto dal piacere sensuale al punto da trasformarsi in bestia, ma, viceversa, l’uomo che si trasmuta in Dio. Nifo replica che in effetti il mito di Glauco può interpretarsi anche in altro modo: Glauco è l’intelletto che discende nel corpo; il mare ove egli pesca è il soggetto della filosofia naturale, il suo pescare è il sillogizzare dell’intelletto, la rete è la logica, i pesci sono gli universali e le conclusioni vere cui egli giunge, l’erba è il piacere della contemplazione, grazie alla quale egli si deifica, perché la felicità contemplativa rende l’uomo divino. Questa seconda interpretazione (quella dantesca) sarà poi preferita da Tasso, che commentando i vv. 12-14del proprio sonetto Erba felice, che già in sorte avesti17 («Già, novo Glauco, in ampio mar mi spazio / d’immensa gioia, e ’n più tranquillo stato / quasi mi par ch’immortal forma i’ prenda») afferma di adottare l’interpretazione dantesca del mito (che allude alla deificazione di Glauco, come anche in Ovidio), non quella platonica, seguita invece dal Casa. E ciò spiega perché, nelle successive redazioni del dialogo, Tasso abbia espunto l’esegesi platonizzante del casiano sonetto lxii.

  • 18 Ma anche Ovidio, Met., XI, 753 definisce lo smergo «spatiosum in guttura».
  • 19 Vd. infatti il v. 6 «puro anch’io scesi», commentato in chiave platonica da Garigliano, p. 50: «per (...)
  • 20 Fedro, 246c-256e. Vd. in particolare 246c: «quando [l’anima] è perfetta e fornita di ali vola in al (...)
  • 21 Tanturli, p. 192 (e anche pp. xliv-xlvi)definisce quelle di Glauco ed Esaco «metamorfosi degradanti (...)

9L’originalità del Casa, come di norma, è dunque un’originalità essenzialmente “combinatoria”, che consiste nella disposizione inedita di componenti topiche. Essa risiede da un lato nell’aver connesso il mito di Esaco con l’immagine plotiniana degli uccelli appesantiti dal cibo, paragonati dal filosofo agli uomini materiali (il trait dunion gli venne fornito probabilmente da Plinio il Vecchio, Nat. hist. xi, 202, che colloca lo smergo, insieme alla lince, fra gli animali più voraci e insaziabili, perché in loro il cibo passa direttamente dallo stomaco nell’intes-tino);18 dall’altro, nell’aver accostato i miti di Glauco ed Esaco, grazie a un’interpretazione allegorica che ne evidenzia, ai suoi occhi, le affinità profonde. Si tratta infatti di due miti che per il Casa alludono al motivo platonico della caduta dell’anima, all’idea dell’uomo, cioè, che perde la sua primitiva perfezione e piomba nell’opacità della materia;19 due miti, potremmo dire, della “pesantezza” che aggrava, e che toglie all’anima quelle ali di cui parla appunto Platone nel Fedro e che le sono necessarie per risalire verso Dio. 20 Il nesso fra i due miti, insomma, è costituito dal fatto che Glauco si copre di scorie che lo sfigurano, ed Esaco si appesantisce col cibo: in entrambi i casi, si tratta di elementi esterni e impuri che compromettono la perfezione originaria dell’anima.21

  • 22 Garigliano, pp. 50-51, a parere del quale le tempeste del v. 7 sono «gli affetti dell’appetito sens (...)
  • 23 Ariani (commento cit., p. 765) rinvia a Orazio, Carm. III, 29, 63, ma questa sineddoche è diffusa i (...)
  • 24 Passo riferito anche da Petrarca nel primo libro del Secretum (a cura di E. Fenzi, Milano, Mursia, (...)

10Ma i due miti presentano anche altre analogie che certamente attirarono l’attenzione del poeta, e lo spinsero ad avvicinarli in questo sonetto. Entrambi, infatti, sono miti del mare e della gola. Il mare è quello in cui Glauco ed Esaco si immergono, con un movimento discendente del corpo che si contrappone all’ascesa dell’anima a Dio (e il Casa colse certamente il contatto testuale per antitesi ravvisabile a questo proposito in Ovidio, per il quale Glauco «corpusque sub aequora mersit», mentre di Esaco dice che «corpus super aequora mittit»); quel mare in cui vivono tanto i pesci divorati dall’ingordo Esaco, quanto le conche e le alghe che aggravano e deturpano Glauco (simbolo, gli uni e le altre, dei “pesanti” beni terreni); quel mare che lo stesso poeta qui vede, del tutto tradizionalmente, come allegoria della vita terrena, delle sue tempeste e delle passioni da essa scatenate nel cuore dell’uomo22 (v. 5: «questo Egeo che vita ha nome», dove Egeo è normale sineddoche classicheggiante per ’mare’, come Euro per ’vento’ nel sonetto successivo, v. 13: «ché più crudo Euro a me mio verno adduce»).23 La gola, invece, è il peccato che accomuna le due figure: di Esaco, come abbiamo visto, il Casa sottolinea – sulla scorta di Plinio – la voracità, tale da impedirgli, quando è satollo, di spiccare il volo, al pari degli uccelli di rapina di cui parla Plotino; di Glauco, è ben noto (tanto che il poeta trascura di accennarvi) che la sua metamorfosi fu causata dal desiderio di mangiare l’erba miracolosa dai quali i pesci morti avevano ottenuto nuovamente la vita. Cosicché Glauco poteva apparire al Casa una sorta di Adamo punito per il suo «ardito gusto» (Par. xxxii 122), parimenti dovuto alla superbia di voler conseguire l’immortalità e diventare un dio («eritis sicur dii», dice il serpente a Eva nella Genesi 3, 5). D’altronde, la tematica del nostro sonetto è non meno cristiana che platonica: basti rinviare a Sapienza, 9, 15(«Corpus enim quod corrumpitur aggravat animam, et terrena inhabitatio deprimit sensum multa cogitantem»)24 e al De consolatione boeziano (v,m. 5, 13-15: «qui recto caelum vultu petis exserisque frontem, / in sublime feras animum quoque, ne gravata pessum / inferior sidat mens corpore celsius levato»), passi donde il Casa recupera il verbo gravare che ricorre ben due volte nel sonetto, ai vv. 7e 14.

  • 25 Vd. ancora Giovanni Boccaccio, Genealogie, V, 12, ed. cit., I, pp. 540-42, che (sulla scorta di Ber (...)

11Del resto, nei versi casiani fortissima è l’insistenza sulla colpa e sulla responsabilità dell’uomo: Glauco, scrive infatti il poeta, si pose in mare, con un’espressione affine a quella ovidiana («corpusque sub aequora mersi»), ma che – nella sintetica narrazione del sonetto lxii, dove è omessa la descrizione della metamorfosi – sottolinea marcatamente l’elemento volontaristico della scelta individuale da parte dell’uomo che decide di rinunciare alla sua primigenia purezza per lasciarsi contaminare dalle «indegne some» mortali. Altri elementi comuni ai due miti sono poi l’acqua e l’erba, parimenti portatrici di topiche valenze simboliche. Glauco ed Esaco si innamorano entrambi di una fanciulla che scorgono lungo l’acqua del mare o di un fiume: quell’acqua che, come sottolinea il Nifo nel dialogo tassiano, rappresenta la “materia”. Quanto all’erba, il serpente che uccide Esperia sta nascosto nell’erba, come la virtù miracolosa che fa rivivere i pesci ma che causerà l’imbes-tiamento di Glauco: e l’erba è radice di morte, giacché, come sappiamo, è fra l’erba, ossia fra le belle ma ingannevoli apparenze dei beni terreni, che si nasconde il serpente-diavolo (si pensi al mito di Orfeo ed Eudirice – con quest’ultima che, al pari di Esperia, viene morsa e uccisa dal serpente mentre fugge il suo amante – e alle sue interpretazioni allegoriche).25

  • 26 Carrai, nel suo commento al sonetto XXXVI (Giovanni Della Casa, Rime, ed. Carrai, cit., p. 109), ri (...)
  • 27 Il rinvio a Rvf 23 fu già proposto da Garigliano, p. 49.

12Le rime del Casa, come il loro supremo modello, i petrarcheschi Fragmenta, ricorrono con molta parsimonia alla mitologia. Se si escludono sparsi e isolati accenni, solo in un altro testo, il sonetto xxxvi (La bella greca), la componente mitologica appare davvero dominante e decisiva, giacché il poeta paragona lì la dedicataria Elisabetta Quirini a tre mitiche bellezze dell’antichità (Elena, Semele e Dafne) che a suo parere, se si sottoponessero al giudizio di Paride, sarebbero – come ogni altra bella donna – da lei superate. Ma nel sonetto xxxvi i paragoni mitologici sono di tipo cortigiano e di fattura del tutto tradizionale, tanto che l’intero componimento si configura come la ripresa e la variazione di un tema topico, già recuperato – per ricordare solo due testi tenuti ben presenti dal Casa – in un’ottava del Furioso e in un sonetto di Pietro Bembo (il 133).26 Il sonetto lxii, invece, rivela l’inclinazione a rivivere il mito in una prospettiva drammaticamente soggettiva e autobiografico-morale, sulla scorta della canzone xxiii dei Fragmenta, che ne costituisce il modello diretto: potremmo dire, anzi, che il nostro sonetto è l’equivalente casiano della canzone delle metamorfosi, quasi una sua moderna riproduzione in scala ridotta.27

  • 28 A. Sole, Cognizione del reale e letteratura in Giovanni Della Casa, Roma, Bulzoni, 1981, p. 53, scr (...)
  • 29 Qui e oltre cito dall’ed. dei Fragmenta curata da R. Bettarini, Torino, Einaudi, 2005, 2 voll.
  • 30 Anche in Rvf 23, dunque, Petrarca sperimenta finalmente su se stesso quelle metamorfosi che in prec (...)

13In quella canzone, infatti, Petrarca rappresenta cinque momenti della sua dolorosa vicenda amorosa attraverso altrettante metamorfosi mitologiche desunte da Ovidio, dichiarando di aver vissuto di persona le sconvolgenti esperienze di Dafne, Cicno, Batto, Biblide e Atteone. In entrambi i poeti, il mito metamorfico diviene formalizzazione e correlativo oggettivo di esperienze vissute, 28 offrendosi come exemplum eal tempo stesso come unico strumento attraverso il quale il poeta può rappresentare situazioni psicologiche “estreme” e pertanto diversamente inesprimibili (al pari del Dante “trasumanato” che si paragona a Glauco), grazie a un “immaginario”eaun linguaggio largamente condivisi e dunque immediatamente comprensibili al lettore. Inoltre, canzone e sonetto insistono con dolente meraviglia sul passaggio dalla lettura alla vera conoscenza: il primo verso del sonetto lxii («Già lessi, ed or conosco in me») si impernia sulla distinzione fra un passato in cui i testi letterari erano stati fruiti in modo epidermico (per mero diletto o pura erudizione, evidentemente) e un presente in cui l’autore invece finalmente comprende, sperimentandolo sulla propria pelle, il senso profondo di ciò che in precedenza aveva sì letto, ma senza trarne profitto e (come avrebbe detto Machiavelli) farne capitale. Analogamente Petrarca, nella canzone xxiii, dopo aver rievocato la propria trasformazione in fonte (sulla scorta del mito di Biblide), constata stupito come quella storia, che fino ad allora gli era parsa un’inverosimile favola, possieda un contenuto di verità prima insospettato, ma di cui egli ha poi personalmente fatto diretta esperienza: «Chi udì mai d’uom vero nascer fonte? / E parlo cose manifeste et conte»29 (vv. 119-20, dove la E che inaugura il v. 120vale ’eppure’, e sottolinea, col suo forte valore avversativo, il contrasto fra l’apparente inverosimiglianza della favola e la cruda realtà del proprio vissuto).30

14Il sonetto casiano, sotto questo profilo, è poi certo memore anche di un’altra lirica dei Fragmenta, il sonetto lvi, che si conclude con questi versi:

Et or di quel chi ò lecto mi sovene,
che
nanzi al dì de lultima partita
huom beato chiamar non si convene.

  • 31 Petrarca, Secretum cit., p. 242. È significativo che anche qui si tratti di versi ovidiani, come ne (...)

15Versi donde proviene al Casa del sonetto lxii non solo la mossa del v. 1«ed or», ma anche il soviemmi del v. 9, e nei quali l’allusione è a un notissimo detto di Solone già ripreso in forma sintetica nella stessa canzone xxiii (v. 31: «La vita el fin, e ’l dì loda la sera») e tramandato da innumerevoli fonti greche e latine, fra cui spiccano ancora una volta le ovidiane Metamorfosi, cui verosimilmente il Petrarca si riferisce quando dice «ò lecto» (Metam. iii 135-37: «sed scilicet ultima semper / exspectanda dies homini est, dicique beatus / ante obitum nemo supremaque funera debet»). Ma petrarchesco, benché di derivazione senechiana e agostiniana, è anche il motivo della necessità di passare dalla scienza alla sapienza, dall’erudizione all’etica, di non limitarsi cioè a studiareealeggere, ma di preoccuparsi piuttosto di ricavare dalle proprie letture insegnamenti utili al perfezionamento morale: un tema, questo, che percorre tutto il Secretum, dove Agostino più volte rimprovera Francesco di non saper tradurre le sua vasta cultura letteraria in una salutare regola di vita, e dichiara che a niente giova aver tanto letto, se non sappiamo metterlo in pratica. Così nel terzo libro del dialogo, dove Agostino cita due versi ovidiani (Rem. am. 579-580; «Quisquis amas, loca sola nocent, loca sola caveto. / Quo fugis? In populo tutior esse potes») e, dopo che Francesco ha affermato di conoscerli perfettamente sin dall’infanzia («Recordor optime: ab infantia pene michi familiariter noti erant»), esclama: «Quid multa nosse pro-fuit, si ea necessitatibus tuis accomodare nescivisti?».31 Sempre nel terzo libro del dialogo si manifesta con chiarezza a Francesco la differenza e la distanza cronologica tra i due momenti: quello, lontano, della lettura senza profitto, e quello, presente, dell’esperienza personale, che gli consente di comprendere il senso profondo dei testi. Si veda quanto Petrarca scrive a proposito della lettera pitagorica:

Litere velut Pithagoree, quam audivi et legi, non inanem esse doctrinam. Cum enim recto tramite ascendens ad bivium pervenissem modestus et sobrius, et dextram iuberer arripere, ad levam – incautus dicam an contumax? – deflexi; neque michi profuit quod sepe puer legeram:

Hic locus est partes ubi se via findit in ambas;
dextera que Ditis magni sub menia ducit.
Hac iter Elysium nobis; at leva malorum
exercet penas, et ad impia Tartara mittit. (Aen. vi 540-43)

  • 32 Petrarca, Secretum cit., p. 220.

Hec nimirum, quanquam ante legissem, non tamen prius intellexi quam expertus sum. Ex tunc autem obliquo sordidoque calle distractus et sepe retro lacrimans conversus, dextrum iter tenere non potui, quod cum deserui, tunc, profecto tunc, fuerat illa morum meorum facta confusio. 32

  • 33 «A. Lectio autem ista quid profuit? Ex multis enim, que legisti, quantum est quod inheserit animo, (...)
  • 34 Vd. Petrarca, Secretum cit., p. 230:«A. Qualiter autem lecta intellectaque in salutem tuam vertenda (...)

16Lo spunto torna moltissime altre volte, sia nel secondo libro33 che ancora nel terzo, dove, accanto ad altri passi,34 conviene sottolineare almeno il seguente:

  • 35 Petrarca, Secretum cit., pp. 258-60.

Aug. Quo enim spectat labor iste perpetuus continuequeque vigilie ac vehemens impetus studiorum? Respondebis forsitan, ut vite tue profutura condiscas. At vero iam pridem vite simul et morti necessaria didicisti. Erat igitur potius quemadmodum in actum illa produceres experiendo tentandum, quam in laboriosa cognitione procedendum, ubi novi semper recessus et inaccesse latebre et inquisitionum nullus est terminus. 35

  • 36 Pétrarque, Les remèdes aux deux fortunes De remediis utriusque fortune, texte établi et traduit p (...)

17Ma si potrebbe citare anche il De remediis, in cui si afferma esplicitamente che la «notitia litterarum» è davvero proficua solo quando trascorre a norma dell’azione. Così a i 44, 5-6 («G. Scribo libros. R. Melius fortassis illos legeres, optime autem in vite regulam lecta converteres: tunc enim est utilis notitia litterarum, dum in actum transit»),36e soprattutto a ii 9, 13-14:

  • 37 Pétrarque, Les remèdes cit., I, p. 596. Petrarca allude a due aneddoti narrati da Vitruvio, De arch (...)

Dolor. Rerum atque animi inops sum.
Ratio. Primum te expeditum, secundum plane inopem facit et miserum.Sed ut Aristippi consilium, sic et Theophrasti dictum te legisse arbitror.Quid vero lectio sola profuerit?
Et meminisse oportet, et in usus tuoslecta convertere. 37

  • 38 Scarpa, Schede, pp. 165-66: «All’antica lettura di svago, relegata a tempi remoti («Già lessi. . . (...)
  • 39 Tanturli, p. xlvii (e vd. qui anche oltre, nota 48). Di Michelangelo cfr. soprattutto il sonetto 15 (...)

18È, questo, uno spunto quanto mai attinente allo svolgimento del canzoniere del Casa, la cui parte finale trova uno dei suoi temi portanti nel superamento dell’aspirazione alla gloria poetica: un superamento che non comporta per lui, ovviamente, la rinuncia alla letteratura, quanto piuttosto il rifiuto di una concezione puramente “esteriore” di essa (intesa, come nel petrarchesco Secretum, quale strumento privilegiato per soddisfare la curiositas e conseguire la fama), ora abbandonata a favore di un approccio capace di attingere la “sostanza” eticoesistenziale dei testi,38 sgombrando il campo da “accidenti”, orpelli ed elementi superflui (quasi che anche la poesia, al pari della vita, fosse un Glauco cui è necessario sottrarre scorie e impurità, con un michelangiolesco levare richiamato opportunamente da Giuliano Tanturli per il sonetto lxiv, ultimo della silloge).39

  • 40 Dei versi dedicati ad Esaco (Tr. Cup., II, 160-62: «lungo costor pensoso Esaco stare / cercando Hes (...)
  • 41 Come scrive nelle sue annotazioni Marco Aurelio Severino (Tarsia 1580 – Napoli 1656, medico e lette (...)
  • 42 Cfr. in proposito A. Sole, Note su «Errai gran tempo» di Giovanni Della Casa (2004), in Id., Studi (...)
  • 43 Longhi, Il tutto e le parti nel sistema di un canzoniere cit., p. 287, parla per questa canzone di (...)

19Per tutto questo, il sonetto lxii di Giovanni Della Casa si rivela intimamente “petrarchesco”, ben al di là, intendo dire, dell’adozione di un “linguaggio” (lessico, immagini, movenze ritmico-sintattiche) modellato in gran parte su quello dei Fragmenta, e del fatto che nel capitolo ii del Triumphus Cupidinis si trovino a breve distanza, privi tuttavia di qualunque interpretazione allegorica, i miti di Esaco e di Glauco (vv. 160-62e 172-74). 40 Ciò che distingue il Monsignore dal suo auctor di riferimento è però – e non solo in questo componimento – l’evidente tendenza a drammatizzare i contenuti etico-filosofici del testo poetico esasperando l’enfasi del discorso. Innanzitutto, emerge chiaramente – qui come in tutto il canzoniere del Casa – la tendenza alla potente concentrazione formale ed espressiva:41 l’ampia canzone xxiii dei Fragmenta diviene un sonetto, le cinque metamorfosi petrarchesche si riducono a due (la seconda delle quali, per giunta, solo rapidamente evocata), e il componimento ostenta perentorio, fin dal primo verso, l’interpretazione autobiografica («Già lessi, ed or conosco in me») cui il poeta intende piegare i racconti mitologici di Glauco e di Esaco. Inoltre, si tratta – come già detto – di due metamorfosi affini, dal momento che esemplificano, in ordine inverso e dunque con effetto di ysteron proteron, le due tentazioni fondamentali (some o esche, come egli le definisce ai vv. 8e 14) che hanno segnato la vita del Casa, l’amore e l’ambizione (rivolta, quest’ultima, a due oggetti distinti: gloria poetica e onori mondani): Glauco, infatti, si è trasformato in mostro marino per desiderio di immortalità (avendo voluto provare su di sé gli effetti dell’erba miracolosa che aveva ridato vita ai pesci morti), mentre Esaco è divenuto smergo in seguito al suo amore infelice ed eccessivo per Esperia. E si tratta, ancora una volta, delle due grandi tentazioni petrarchesche, le due «catene» del Secretum, un dialogo di cui, proprio in merito a questo tema, si sorprendono echi anche nella fondamentale canzone xlvii, 42 che inaugura la svolta “penitenziale” e “morale” delle rime casiane. Fra i due momenti, però, c’è anche una successione cronologica e logica: Glauco è l’uomo che si corrompe (rispetto alla sua purezza originaria) e resta nel mare, mentre Esaco è l’uomo che si pente e vorrebbe risalire (vale a dire, purificarsi), ma non riesce nel suo intento. Il sonetto, così, riproduce, nelle sue due fasi, il senso e la situazione di tutta la seconda parte delle rime (dalla canzone xlvii in poi), anzi il senso della stessa canzone xlvii: caduta, consapevolezza della colpa, ravvedimento, pentimento e aspirazione al cambiamento, conversione, mutatio vitae. 43 Si noti, a questo riguardo, anche la differenza dei tempi: di Glauco si parla al passato (si pose, fêrsi), di Esaco al presente (apre e distende, prende). Come a dire che il Casa è stato Glauco – quando, sceso puro nel mondo, si è aggravato di pesi materiali – ed è ancora oggi Esaco, che riesce a volare solo se digiuno (giacché egli, non avendo in tutto compiuto il suo cammino di perfezionamento morale, conosce periodiche ricadute nel male).

  • 44 Anche se ha certamente ragione Longhi, Il tutto e le parti nel sistema di un canzoniere cit., p. 27 (...)
  • 45 Così intende Izzi, Percorsi di Glauco cit., p. 80, per il quale «l’esperienza di vita [. . . ] che (...)

20Se dunque il primo è il mito della discesa inesorabile, il secondo è quello della risalita difficile (o impossibile), giusta il topos neoplatonico. In questo doppio movimento, Glauco scende nel mare (in basso), Esaco vorrebbe levarsi verso l’alto (in cielo), ma non può farlo perché ancora gravato dalle passioni, tanto che, secondo il mito, continua anche dopo la sua metamorfosi a portare i segni della passione amorosa che lo ha reso macilento; allo stesso modo, il Casa dichiara, a xlvii 62, di essersi allontanato dall’amore «tardo [...] et lasso a lento volo», ma di fatto non afferma di aver vinto del tutto il desiderio amoroso (si veda inoltre xlvii 54-57; e anche nella canzone xxxii, pur proclamando che è ormai tempo per lui di liberarsi dai lacci d’amore, si definisce al v. 70«canuto amante», e ai vv. 23-33ammette di essere, benché vecchio, ancora preda dell’amore),44 così come, quando subentra il desiderio di onori (xlvii 86ss.), non per questo egli dice di aver definitivamente messo da parte l’aspirazione alla fama poetica. Non si può escludere che qui l’amore di Esaco rappresenti in generale l’amore per i beni terreni, e quindi, nello specifico, le ambizioni di carriera ecclesiastica, ultima “tentazione” del Casa; ma pare improbabile, perché il sonetto lxii è un sonetto riassuntivo, che fa il bilancio di una vita intera, e le some ele esche dei vv. 8e 14dovrebbero dunque alludere genericamente alle lusinghe terrene, di qualunque tipo, che aggravano l’anima (compresa la passione amorosa). Il Casa affermerebbe cioè che, come Esaco resta sempre segnato dall’amore, così egli continua ad essere macchiato dal desiderio di terrene esche mortali, fra cui – in questa estrema fase della sua vita – predominano il desiderio di gloria e l’ambizione politica.45 Ma l’ambiguità non sembra sanabile, e forse è intenzionale.

  • 46 Il sonetto LXIV rappresenta Dio che ha tratto la luce dalle tenebre, il bene dal male, il senso dal (...)
  • 47 S. Carrai, Il canzoniere di Giovanni Della Casa dal progetto dell’autore al rimaneggiamento dell’ed (...)
  • 48 Tanturli, pp. xlvi-xlvii: «la sezione morale, che costituisce l’approdo del libro e della vicenda i (...)

21Il sonetto lxii, insomma, si presenta come una sorta di testo-consuntivo, collocato com’è in una posizione strategica all’interno delle rime, dopo la sestina lxi (che proclama la rinuncia definitiva agli onori mondani) e prima degli ultimi due sonetti, occupati nell’ordine dal pensiero della morte incombente e dalla rasserenante scoperta della presenza divina nel mondo e in se stessi,46 col finale approdo alla vita contemplativa (nell’ultimo sonetto infatti il poeta, letteralmente, contempla l’universo e, così facendo, si innalza finalmente al di sopra della terra). Giova ancora rammentare, a questo proposito, i tre tipi umani di Plotino, che nell’interpretazione del Garigliano rappresentano i voluttuosi, gli attivi e i contemplativi: proprio come nel canzoniere casiano, dominato dalle due tentazioni capitali (di cui la prima, l’amore, corrisponde al primo e più basso livello, quello della vita dei sensi, e la seconda, l’ambizione mondana, al secondo, quello della vita attiva), cui segue l’agognato traguardo della vita contemplativa (lxiii-lxiv). Questo, testimoniato dalla stampa del 1558, è pertanto l’ordine corretto degli ultimi due sonetti – non quello, inverso, tràdito dal Chigiano O VI 80– perché, come in Petrarca, è solo dalla meditazione della morte incombente (lxiii) che l’uomo può trarre l’incentivo a staccarsi dai beni terreni, a convertirsi e a tornare a Dio (lxiv).47 Possiamo quindi sostenere che il sonetto lxii è il punto d’arrivo del percorso morale del libro, e pone a sua volta le premesse per la conclusione (lxiv), dopo la pausa del sonetto lxiii (presentimento dell’imminente morte).48 A conferma, si considerino i nessi fra gli ultimi tre sonetti, nonché i rapporti tra il lxii e le altre rime del libro. In primo luogo, va detto che i due temi fondamentali del sonetto lxii caratterizzano l’intero canzoniere, soprattutto nella parte finale (dopo la svolta morale e penitenziale della canzone xlvii), e talora compaiono – come qui – nella medesima lirica:

  • 49 Vd. per questo anche LVI, 5-8: «Et bene il cor, del vaneggiar mio duce, / vie più sfavilla che perc (...)
  • 50 Si può aggiungere inoltre, al di fuori del canzoniere, il sonetto 75, dove il Casa chiede a Dio che (...)
  • 51 Sole, Cognizione del reale e letteratura cit., p. 53: «L’esempio di Esaco formalmente è una variant (...)
  • 52 Cfr. C. Scarpati, Il ritorno di Dante. Note su Castiglione, Della Casa, Tasso, in Id., Dire la veri (...)
  • 53 Analogo motivo è svolto nei sonetti XXVI (dove il poeta rimane «fra valli paludose et ime», mentre (...)
  • 54 Importante, a questo riguardo, il modello petrarchesco dei Fragmenta; vd. Rvf 359, 39-42 (parla Lau (...)

1) la consapevolezza che la propria anima, pura in origine, si sia corrotta a causa delle impurità del mondo, e la conseguente aspirazione a mondarsi e a purgarsi, ricorrono con immagini simili a xvii 1-4 («Io, che letà solea viver nel fango, / Hoggi, mutato il cor da quel chi soglio, / dogni immondo penser mi purgo et spoglio / el lungo mio fallir correggo et piango»); xxvi 1-2 («Mentre fra valli paludose et ime / ritengon me larve turbate et mostri»); xli 5-6 («O tempestosa, o torbida procella, / che n mar sì crudo la mia vita giri!»); xlvii 41-46 («[...] et ben convene / hor penitentia et duol lanima lave / de color atri et del terrestre limo, / ondella è per mia colpa infusa et grave, / ché se l ciel me la diè candida et leve, / terrena e fosca a lui salir non deve»);49 xlix 1-4, a Trifon Gabriele («Poco il mondo già mai tinfuse o tinse, / Triphon, ne latro suo limo terreno, / et poco inver gli abissi onde egli è pieno / i puri et santi tuoi pensier sospinse»); l 5-8 («[...] Iniqua parte / elegge ben chi il ciel chiaro e sovrano / lassa et gli abissi prende: ahi cieco humano / desir, che mal da terra si diparte»). Ma vd. anche xlviii 1-3 («Come splende valor, perchhuom no l fasci / di gemme o dostro, et come ignuda piace / et negletta virtù pura et verace»), con la contrapposizione fra la virtù «pura e verace», che «ignuda e negletta» piace e risplende, e quella coperta invece di gemme e dostro (appesantita, offuscata, dunque, mentre Trifon Gabriele, ora che è morto, è scarco, alleggerito della soma terrena; idem a lxi 37-39: «Già in pretïoso cibo o n gonna doro / non crebbe, anzi tra querce e n povera esca, / virtù»). E naturalmente il sonetto lxiv, con la «pura parte di me» (lanima) che la vita mortale, oscura e fredda, ha involto «ne latre nubi sue», e che ora il poeta riesce a liberare dallantico fardello grazie alla contemplazione del creato, in cui Dio ha tratto la luce e laer puro (laggettivo torna ben due volte, ai vv. 3 e 9) da «abissi oscuri e misti», aprendo ciò che era chiuso nelle tenebre e che ora riluce in terra e in cielo: è la creazione del mondo dal caos, ed è ciò che luomo deve fare su se stesso, recuperando con laiuto divino, fra le tenebre del mondo e delle passioni, la sua purezza primigenia.50 Luomo che esce dalla nubi della vita materiale e mortale (vv. 1-4) è come il cielo e la luce che Dio ha estratto dalle tenebre primordiali: nella corrispondenza perfetta fra macrocosmo e microcosmo, la storia del singolo riflette e riproduce, ogni volta, la storia del creato, e ciò le conferisce senso e la avvalora, perché luomo comprende che anche i suoi peccati fanno parte del disegno divino di salvezza. Come dal caos, infatti, Dio ha saputo “estrarre” la bellezza e lordine del mondo, così dai peccati del passato luomo può risalire verso il bene. 2) il tema delluccello appesantito e dunque impossibilitato a volare (come lo smergo in cui si trasformò Esaco),51 cui il Casa paragona se stesso, desideroso ma incapace di sfuggire ai lacci terreni, domina nella parte finale delle rime. 52 Cfr. xix 9-11; xxxii 59-63; xlvii 31-32 («corsi, comaugel sòle / che dalto scenda et a suo cibo vole») e soprattutto 61-66 («con la dolce esca ondei [scil. Amore] pascendo strugge, / tardo partimmi et lasso a lento volo; / indi cantando il mio passato duolo, / in sé lalma saccolse / et di desir novo arse / credendo assai da terra alto levarse»); xlix 5-11, per la morte di Trifon Gabriele («Et hor di lui [scil. dal mondo] si scosse in tutto e scinse / tua candida alma, et leve fatta a pieno / salìo, son certo, ovè più il ciel sereno, / et quanto lice più ver Dio si strinse. / Ma io rassembro pur sublime augello / in ima valle preso, et queste piume / caduche homai pur anchor visco invoglia»);53 li 10-14 («O fosca, o senza luce / vista mortal, cui sì del mondo cale, / come non tergi al ciel, che sol produce / eterni frutti? Ahi vile augel su lale / pronto, cha terra pur si riconduce!»); lii 9-10 («[...] Hor non sarresta / spesso nel fango augel di bianche piume?»); liii 5-6 («Ma io palustre augel, che poco serga / su lale, sembro», in contrapposizione al «nobil cigno» del v. 1, che è Pietro Bembo); lxi 13-15 («Io, come vile augel scende a poca esca / dal cielo in ima valle, i miei dolci anni / vissi in palustre limo», col ritorno del palustre limo e dellimmagine delluccello che per «poca esca» – cioè per leffimera e falsa felicità promessa dai beni terreni – scende dal cielo in una valle oscura; il tema è una variante dellaltro, quello delluccello che rimane impigliato nel vischio e solo con gran fatica riesce a liberarsi).54 Si noti infine che in precedenza il Casa aveva creduto di levarsi a volo grazie allamore (xliv 12-14)e soprattutto alla poesia (xxxv 8 e 13, dove il Bembo è detto «sacro cigno sublime»; xlvii 65-66: «et di desir novo arse [scil. lanima del poeta] / credendo assai da terra alto levarse»), prima che anchessa venisse respinta come un errore e un falso bene (vd. l 12-14, con la netta antitesi fra la «celeste luce» e quella, debole, della poesia, che «poco a chiari farne [...] vale»). Per il motivo del “peso” vd. xxiii 9-10: il poeta, catturato nuovamente dallamore, sottomette lanima a un «novo incarco», e si trova così a dover sopportare una «doppia salma»; e anche il sonetto extravagante 78, dove il poeta esorta il cardinale Ippolito dEste a spronare i signori dItalia affinché sgombrino le loro nobili anime «di sì gravi salme» (lavarizia e la superbia dei vv. 5-6).

  • 55 Longhi, Il tutto e le parti nel sistema di un canzoniere cit., pp. 297-98, parla di «lessico lirico (...)
  • 56 Come rileva Tanturli, p. 192.
  • 57 Cfr. Rvf 135, 59-60, ma solo per la forma: «tutto dentro et di for sento cangiarme, / et ghiaccio f (...)
  • 58 Vd. in particolare 61-62 («Membrando vo che men di lei fugace / donna sentìo fermarsi», in riferime (...)

22Il canzoniere del Casa, dominato da una serratissima intratestualità, è un universo ristretto e fortemente concentrato, ove ricorrono in modo ossessivo pochi temi e costanti parole-chiave, immagini e metafore.55 Qui, in particolare, tutto si fonda sulla figura dell’antitesi: puroimpuro, leggero-pesante, alto-basso, digiuno-sazio, leggere-conoscere, chiaro-scuro (ossia, luce-ombra: un contrasto, questo, sviluppato più a fondo nel sonetto lxiv, che su di esso è interamente imperniato; e si ricordi anche la canzone xlvii, dove il poeta afferma ai vv. 93-94che l’ambizione trasforma i giorni sereni in notti scure e dolorose, e prima, vv. 56-57, che l’amore volge in tenebre ciò che dà luce all’anima, ossia la ragione). Inoltre, il tema della metamorfosi lega i sonetti lxii-lxiii, 56 posto che nel lxiii il poeta si sente trasformare in ghiaccio (10-11: «et ghiaccio / gli spirti anch’io sento et le membra farsi»),57 quel ghiaccio della morte che parimenti getta un ponte verso il sonetto lxiv (dove quella viva morte che è la vita mortale «’n una o ’n due / brevi e notturne hore trapassa», e viene definita «oscura / et fredda»: vv. 1-3). Né si dimentichi la canzone xlvi, che fa posto (vv. 60-74) alla rievocazione di tre celebri metamorfosi, quelle di Dafne, Anassarete e Narciso: personaggi mitologici puniti per aver rifiutato l’amore, e la cui sorte il poeta auspica anche per la donna da lui amata.58

  • 59 Tanturli, p. 194: «dopo il senso d’angoscia della prima quartina, anzi dopo il travaglio ansioso di (...)

23Molto stretti, come stiamo vedendo, sono in particolare i nodi che legano il sonetto lxii al lxiv. Abbiamo già avuto modo di constatare come il motivo dell’esca e del cibo inscriva il sonetto lxii nell’area tematica della gola e dunque dell’incontinenza: Esaco «satollo» è infatti figura dell’uomo travolto e “aggravato” dalle passioni e dagli appetiti, e la sua “dismisura” ci respinge per contrasto al sonetto lxiv, al centro del quale (v. 7) si staglia viceversa la «dolce del ciel legge e misura», che governa il mondo e che alla fine il poeta scopre essere «magisterio» di Dio, anzi Dio stesso (Sapienza 11, 21: «omnia in mensura, et numero et pondere disposuisti»). Inoltre, lo spunto iniziale («Già lessi, ed or conosco») del nostro sonetto tornerà identico nella fronte del lxiv, imperniata sulla medesima contrapposizione tra passato e presente: «Questa vita mortal [...] involto havea fin qui la pura / parte di me nell’atre nubi sue. // Or a mirar le grazie tante tue / prendo» (vv. 1-6). E quel che giustamente dice Tanturli a proposito della «straordinaria forza liberatoria» dell’attacco del v. 5del sonetto conclusivo può bene trasferirsi anche all’incipit del lxii, dove parimenti si dà conto di un’autentica “conversione”, di una vera e propria svolta esistenziale.59

24Si ponga mente, poi, ai nessi testuali e metaforici che collegano il sonetto lxii ad altri componimenti delle rime, soprattutto ai testi immediatamente adiacenti:

  • 60 Alv. 2 del son. LXII è degna di nota la variante d’autore dei mss. C2 -Mp (= Biblioteca Apostolica (...)
  • 61 A. Afribo, Commentare la poesia del Cinquecento, in «Per leggere», 3 (2003), pp. 141-63: 155 e 163, (...)
  • 62 Esca e cibo come parole-rima di sestina ricorrono soltanto nel Casa (Longhi, Il tutto e le parti ne (...)
  • 63 Secondo Garigliano, p. 53, le «esche» sono «mortali» in quanto «sottoposte alla corruzione», o perc (...)

1 Già: riprende il Già di lxi 37 (attacco del congedo della sestina: «Già in pretïoso cibo o n gonna doro»).
– 2
puro e chiaro:vd. xxiv 1-4: il poeta visse lieto e pieno di speranza i pochi giorni puri e sereni che il cielo assegnò alla sua vita oscura: «Nes-sun lieto già mai né n sua ventura / pago né pien, comio, di speme visse / i pochi dì cha la mia vita oscura / puri et sereni il ciel parco prescrisse». Inoltre, nel sonetto lxiv lanima è definita «la pura / parte di me» (vv. 3-4), e chiara è la luce creata da Dio (v. 10).60
– 3 si mischiaro:vd. lxiv 11: «abissi oscuri e misti» (con limmagine del trarre la luce dagli abissi, e dunque lidea della risalita dal mare alla superficie, del passaggio dallinforme alla forma, dallimpurità alla purezza, dalle tenebre alla luce: anche qui la creazione come un trarre, uno sprigionare la forma, cioè lanima, dal peso opaco della materia). Daltronde, nel sonetto conclusivo «la pura parte» delluomo involta nelle nubi della vita mortale corrisponde a Glauco coperto dalle impurità del mare; e gli abissi oscuri e misti donde Dio ha tratto il cielo e la luce corrispondono al mare in cui si sprofondano Glauco ed Esaco: come Dio ha tratto da quegli abissi la luce, così luomo, al pari di Esaco, deve risalire da quel mare verso il cielo.
– 5
Egeo: per unanaloga sineddoche vd. Euro (per venti in generale) a lxiii 13. Lintero v. 5, come notano i commentatori, è esemplato su Petrarca, Tr. Etern. 47-48: «di questo alpestro e rapido torrente / chà nome vita» (Della Casa sostituisce il torrente col mare, come nota Garigliano,p. 49).61
– 6-7 le tempeste del mondo:vd. xvi 6-8: «Ma non commosser mai contrari venti / onda di mar, come le nostre menti / con le tempeste sue conturba Amore» (così dice il cuore, dialogando con il poeta); e inoltre xvii 7-8; xxviii 13-14; xli 5-6 («O tempestosa, o torbida procella, / che n mar sì crudo la mia vita giri!»).
– 9:
Lasso!: per un attacco analogo, nella medesima posizione metrica (in apertura di sirma), vd. lvi 9: «Misero! et degno è ben chei frema et arda». A monte, il Petrarca di Rvf 216, 9.
— 11
digiuno: nesso palese con la sestina precedente (lxi vv. 18 e 21), dove domina larea metaforica del cibo (vd. qui sotto);
— 14
esche: cfr. la sestina lxi, in cui, come detto, esca è parola-rima (e al v. 3 sta per la gloria mondana), così come cibo (vd. al v. 5 miglior cibo: i beni celesti);62 inoltre al v. 38 povera esca è il il cibo povero che simboleggia la vita semplice e libera da ambizioni o desideri smodati, contro le esche mortali di lxii 14, i nutrimenti terrestri che non danno pace ma guerra, non vita ma morte63 (è la contrapposizione evangelica fra il pane materiale e il pane di vita [Cristo], il solo che salvi lanima). Si leggano i vv. 19-22 della sestina lxi: «Fallace mondo, che damaro cibo [vd. amaro mondo a lxii 6-7] / sì dolce mensa ingombri! Or di quella esca / fossio digiun, chanchor mi grava, e n guerra [vd. a lxiii 11 digiuno,e mi gravaro al v. 7] / tenne lalma co i sensi ha già tanti anni!». Nonché, prima, 17-18: «così lanima purgo, e cangio guerra / con pace, e con digiun soverchio cibo». Da ricordare poi il sonetto xi, dove il Casa definisce la donna amata «cibo e sostegno mio» (v. 10), e conclude: «Né fia giamai, quando l cor lasso freme / nel suo digiun, chi mi procuri altra esca» (12-13). Amore è unico cibo del poeta anche a xliv 6 ea xlvii 32 (dove egli ricorda che in gioventù era attratto dalla bellezza femminile come luccello che scende dallalto e vola al suo cibo; lesca dellamore ritorna ivi anche al v. 61); mentre nel madrigale extravagante 72 compaiono il cibo soave e la sinonimica esca di Amor, che fanno soffrire più del digiuno (v. 7: «che fia dunque l digiun se l cibo è guai / [...]?»).

  • 64 Garigliano, p. 53: «sebbene questo sonetto, ed ogni altro che qui prenderò a spiegare, è, per dir c (...)
  • 65 Come scrive Afribo, Commentare la poesia del Cinquecento cit., p. 145: «ad ogni iperbato (o epifras (...)
  • 66 Vd. ad es. le due interiezioni collocate a specchio ai vv. 8 e 9 (ahi lasso), rispettivamente al (...)
  • 67 G. Stella Galbiati, L’esperienza lirica di Giovanni Della Casa, Urbino, Montefeltro, 1978 (che alle (...)
  • 68 La grave solennità dell’ultimo verso è accresciuta dagli accenti ribattuti di 6ae 7a con sinalefe “ (...)

25Un consuntivo e un bilancio, dunque, quelli di Già lessi, ed or conosco in me, ma racchiusi nel breve giro del sonetto, della forma cioè che il Casa sentiva come la più congeniale al suo amore per la brevitas e per la sintesi epigrammatica (fra le ottante sue liriche a noi note si contano non per nulla solo cinque testi “lunghi”, ossia quattro canzoni e una sestina); caratteristiche, queste, esaltate al sommo grado dalla peculiare ars rhetorica dell’autore, il cui virtuosismo – come scrive il Garigliano – fa brillare anche nella «picciolezza» del sonetto (che «è, per dir così, un’ombra di poesia») «la grandezza dell’artificio de’ gran corpi di poesia».64 Accanto agli elementi più evidenti e più noti (soprattutto gli enjambements e gli iperbati, cui il poeta ricorre quasi a ogni verso),65 mette conto qui evidenziare soprattutto la ricerca dell’asimmetria, o meglio la stridente coesistenza di spinte simmetriche e asimmetriche, poiché alla palese e già sottolineata bipartizione del testo, rafforzata dalla presenza di ricercati parallelismi, di studiate antitesi e di fittissimi richiami lessicali tra fronte e sirma,66 si contrappone una costruzione complessiva del sonetto che ne scardina l’impianto tradizionale. Infatti, se, come detto, i miti di Glauco e di Esaco si dividono con assoluta regolarità le due parti del componimento (vv. 1-8e 9-14), l’identico spazio – quattro versi – concesso ai due personaggi entra tuttavia in urto con la struttura metrica, e pertanto l’evocazione della figura mitologica e la sua successiva interpretazione allegorica, che nella fronte si spartiscono le due quartine, nella sirma si distribuiscono invece in modo asimmetrico, occupando rispettivamente quattro e due versi (vv. 9-12e 13-14). Ne scaturisce un ardito enjambement interstrofico che fa debordare la prima terzina nel verso iniziale della seconda,67 e conferisce alla lirica una struttura logico-sintattica non corrispondente a quella metrica, con un andamento che potenzia l’efficacia sentenziosa della chiusa, isolando a mo’ di epigramma gli ultimi due versi e facendone la cifra di un’intera esistenza («sì ’l core anch’io, che per sé leve fôra, / gravato ho di terrene esche mortali»).68

  • 69 Come scrive Tanturli, p. xxiv, il Casa si ingegna di «evitare quel che di scontato e di schematico (...)
  • 70 U. Schulz-Buschhaus, Le «Rime» di Giovanni Della Casa come “lectura Petrarcae”, «Studi petrarchesch (...)
  • 71 Come fa ad es. Sole, Cognizione del reale e letteratura cit., p. 70: «le Rime [. . . ] si connotano (...)
  • 72 Cristoforo Landino, Comento sopra la «Comedia», a cura di P. Procaccioli, Roma, Salerno Editrice, 2 (...)
  • 73 Schulz-Buschhaus, Le «Rime» di Giovanni Della Casa cit., p. 147, cita Orazio Marta, Parallelo tra M (...)
  • 74 Nicola Villani (1631) parla per il Casa – poeta che egli non apprezza – di stile «aspro, difficile (...)

26Tale discrasia fra il livello metrico e quello logico-sintattico, come si sa e come già videro gli esegeti cinquecenteschi (a partire dal Tasso), è uno dei tratti distintivi del sonetto casiano, 69 e una delle componenti che conferiscono alla sua poesia quella speciale «grandezza» fatta di sapienti chiaroscuri, disarticolazioni sintattiche, torsioni ritmiche, sospensioni del senso e fratture strutturali.70 Ora, si suole ripetere che questo duplice e contraddittorio movimento (da un lato verso la fedeltà alle forme chiuse tradizionali, dall’altro verso la disgregazione dall’interno delle loro strutture) è sintomo ed espressione dell’inquietudine interiore del poeta, che si tradurrebbe in un’arte “manieristica” e tormentata; tuttavia, sembra più appropriato ricondurre il fenomeno a una matrice non tanto psicologica o addirittura storico-sociologica,71 quanto essenzialmente letteraria. In effetti, l’intenzione di un raffinato classicista qual era il Casa sembra chiaramente quella di rileggere Petrarca alla luce della grande lirica greco-latina, e in particolar modo di Pindaro e di Orazio, ai quali l’esegesi umanistica lo accostava fin da Cristoforo Landino, 72 e che ampiamente ricorrono agli stessi strumenti prediletti dal Monsignore, perseguendo uno stile arduo e artificioso fatto di inversioni, ellissi, brachilogie, asimmetrie e, non di rado, sfasature fra il piano logico e quello metrico. 73 Sicché, anche nel Casa, l’impiego di simili accorgimenti metrico-retorici si configura non come movimento verso la forma aperta dettato da insofferenza nei confronti delle forme chiuse, bensì, al contrario, come aspirazione a uno stile ancora più complesso, duro e ricercato, lontano da ogni fluidità discorsiva e incline piuttosto alla gravitas e alla sublimitas; cosa di cui ben si avvidero i lettori coevi, che ricondussero senza esitazioni la poetica casiana alle categorie dell’asprezza, della difficoltà e dell’artificio. 74

  • 75 Come scrisse G. Parenti, I carmi latini, in Per Giovanni Della Casa cit., p. 210, in tal modo il Ca (...)
  • 76 M. Ariani, Petrarchisti e manieristi, in Antologia della poesia italiana, II, cit., pp. 731-32, scr (...)

27Asprezza, difficoltà e artificio che non dovevano apparire al Casa come una negazione, ma piuttosto come uno sviluppo della lezione dei Fragmenta, nel solco di quell’alta tradizione classica cui anche Petrarca veniva tradizionalmente ascritto. 75 A riprova, si può osservare, in conclusione, come nel caso del sonetto lxii (ma anche in altri), l’inelu-dibile esempio petrarchesco fornisse al Casa suggestioni anche di questa natura, se è vero che nella canzone delle metamorfosi i cinque miti risultano asimmetricamente suddivisi in otto stanze, e che, mentre gli ultimi due si esauriscono in una sola stanza (le stanze, rispettivamente, 6e 8), i primi tre vengono distribuiti – con effetto di enjambement logico – a cavallo tra due stanze consecutive (nell’ordine, le stanze 2-3, 3-4e 4-5). Il Casa, insomma, si rivela petrarchista anche quando da Petrarca sembra a noi più decisamente allontanarsi per adottare soluzioni espressive la cui “modernità” tendiamo talora a sopravvalutare, 76 condizionati come siamo da una visione eccessivamente “monolitica” e “levigata” dei Fragmenta; a conferma ulteriore del fatto che, come ha scritto argutamente Silvia Longhi, «le vie del petrarchismo sono davvero infinite».

Haut de page

Annexe

Abbreviazioni adottate nelle note: Carrai = Introduzione, Nota al testo e commento a Giovanni Della Casa, Rime, a cura di S. Carrai, Torino, Einaudi, 2003 (edizione donde sempre si ricavano, talora con alcune modifiche nell’interpunzione, le citazioni delle liriche casiane); Garigliano =Pompeo Garigliano, Lezione nellAccademia degli Umoristi di Roma sopra il sonetto LVII di Monsignor Giovanni Della Casa «Già lessi, ed or conosco in me, siccome», in Giovanni Della Casa, Opere, Napoli, s.t., 1733, III, pp. 47-56;Quattromani =Sertorio Quattromani, Sposizioni delle rime di monsignor Della Casa, ivi, II, passim; Scarpa, Schede = E. Scarpa, Schede per le “Rime” di Giovanni della Casa, Verona, Fiorini, 2003; Tanturli = G. Tanturli, Introduzione, commento e Nota al testo a Giovanni Della Casa, Rime, Milano-Parma, Fondazione Pietro Bembo-Ugo Guanda Editore, 2001.

Haut de page

Notes

1 Che le rime casiane, nella princeps del 1558 (inclusa nelle Rime et prose pubblicate a Venezia presso Bevilacqua e ora disponibili anche in anastatica: Giovanni Della Casa, Rime et prose. Latina monimenta, a cura di S. Carrai, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2006, pp. 1-183), presentino una struttura “d’autore” e possano dunque definirsi un “canzoniere”, è oggi riconosciuto dalla maggioranza degli studiosi, anche se non tutti credono a un ordinamento rigoroso e calibrato in tutte le sue parti, e alcuni sospettano che la scelta e la disposizione dei testi possano risalire almeno in qualche misura all’iniziativa del curatore Erasmo Gemini (vd. in particolare Carrai, pp. xvii-xviii e xxxii-xxxiii; e dello stesso studioso anche l’Introduzione alla cit. anastatica delle Rime et prose, pp. xxiii-xxix). Comunque, fermi restando gli estremi costituiti dal sonetto proemiale e da quello conclusivo, è innegabile il chiaro percorso ascensionale che porta dall’uno all’altro, con la svolta “penitenziale” della canzone XLVII, la cui funzione e la cui posizione corrispondono perfettamente a quelle della canzone 264 dei Fragmenta (vd. S. Longhi, Il tutto e le parti nel sistema di un canzoniere (Giovanni Della Casa), «Strumenti critici», 13 (1979), pp. 265-300: 298-99; si tenga presente che nell’edi-zione petrarchesca curata dal Bembo [1501] la seconda parte dei Fragmenta si apre con la canzone 264, mentre nelle ristampe del 1514 e 1521 è inaugurata dal sonetto 267 in morte di Laura: è evidente dunque che Casa guardi all’aldina del 1501, anche per la scelta di far iniziare la seconda parte delle sue rime con una canzone). Inoltre, come osserva Tanturli, p. xxx, nella raccolta si succedono nuclei «particolarmente compatti e assicurati da studiati richiami», e il canzoniere appare internamente ritmato dagli snodi costituiti dalle forme lunghe (canzoni e sestine): il blocco delle tre canzoni consecutive, chiuso dalla canzone XLVII (blocco che «fa da spartiacque fra la parte che precede, varia, di continuo oscillante fra lamenti, pentimenti ed esaltazioni, quasi tutta amorosa, e la seguente, tutta dedicata a una severa meditazione morale»: ivi, p. 115), e la sestina LXI, che precede la serie dei tre sonetti conclusivi (cosicché la seconda sezione risulta aperta da tre canzoni e chiusa da tre sonetti).

2 Glauco ed Esaco sono vere e proprie «figure» dell’autore (Scarpa, Schede, p. 164). Sul son. LXII vd. in generale ivi, pp. 163-69; e G. Izzi, Percorsi di Glauco (in margine a un sonetto di Giovanni Della Casa), in Mito e letteratura. Studi offerti a Aulo Greco, Roma, Bonacci, 1993, pp. 79-86.

3 Ovidio dice che Esaco, prima di innamorarsi, viveva appartato e privo di qualunque ambizione (libro XI, 764-766: «oderat hic urbes nitidaque remotus ab aula / secretos montes et inambitiosa colebat / rura nec Iliacos coetus nisi rarus adibat»); per il Casa poteva dunque essere simbolo dell’uomo che nasce puro, vale a dire libero dal peso dei beni terreni e delle passioni, ma che poi si fa irretire dagli appetiti materiali. Esaco, che, divenuto smergo, ama immergersi nel mare, è l’uomo che, pur potendo levarsi in alto, ricade sempre in basso, perché attratto dalla terra; ha infatti le ali «d’amoroso pallor segnate ancora», cioè continua ad amare (vd. la nota ad loc. di Marco Ariani nel suo commento al sonetto, in Antologia della poesia italiana, diretta da C. Segre e C. Ossola, II, Torino, Einaudi-Gallimard, 1997, p. 765) e dunque è contrassegnato dal proverbiale pallore degli amanti di cui parla Ovidio (Ars amandi I, 729, e anche di Esaco si legge nelle Metamorfosi, XI, 793, che «fecit amor maciem»; Quattromani, p. 238, aggiunge un dettaglio realistico: «perciocché il mantello e la pennatura del corvo marino [= smergo] ha del pallido»). Allo stesso modo, Glauco, appena mangiata l’erba miracolosa (l’esca del Casa, ossia i desideri mondani), sente il desiderio di entrare nel mare (Ovidio, Met. XIII, 945-46) e così perde la sembianza umana, diventando un mezzo animale.

4 Per tutti i commentatori danteschi antichi, Glauco è l’uomo che s’indìa; secondo Benvenuto da Imola, ad es., l’erba in virtù della quale Glauco si fa dio è la sacra Scrittura e la sapienza teologica, che permette a Dante di innalzarsi alla contemplazione del paradiso, e sulla sua scia molti altri così intendono, fra cui anche Vellutello (1544) e Varchi (1545). In una rima casiana esclusa dal canzoniere (74, 9), Glauco è interpretato invece in senso “positivo”: vi si dice infatti che il riso della donna dona «l’erba onde Glauco diventò beato» (alludendo alla sua trasformazione in dio e alla sua immortalità). Si tratta di un sonetto in cui l’amore è visto, alla maniera stilnovistica, quale forza positiva e nobilitante, giacché la donna conduce l’uomo al sommo bene (vv. 1-8) e il suo riso «produce e dona» sia l’erba che fece beato Glauco, sia il cibo di Elena (cioè il nepente, che rimuoveva dal cuore la malinconia e l’ira). Se è suo – il sonetto è infatti conteso al Casa da Gandolfo Porrino, che nel 1551 lo stampò fra le sue rime – si comprende perché il Casa lo abbia escluso dal canzoniere.

5 Dante Alighieri, La Commedia secondo l’antica vulgata, a cura di G. Petrocchi, Firenze, Le Lettere, 1994, vol. IV, pp. 10-11.

6 Lo stesso Ovidio narra però (XIII, 900-15) che Glauco, dopo essere divenuto un dio marino, cadde vittima dell’amore per Scilla, e dunque al Casa egli poteva apparire non realmente mondato dalle passioni terrene. Si rammenti del resto che la tradizione mitografica (da Fulgenzio a Boccaccio: vd. Giovanni Boccaccio, Genealogie deorum gentilium, X, 9, a cura di V. Zaccaria, Milano, Mondadori, 1998, vol. I, p. 985) interpretava Scilla come la donna libidinosa, e Glauco – chedilei s’invaghisce non appena la scorge sulla riva del mare – come l’uomo accecato dalla lussuria (vd. in proposito Izzi, Percorsi di Glauco cit., p. 81, che ricorda anche come nell’Elegia di madonna Fiammetta si accenni parimenti all’innamoramento di Glauco per Scilla).

7 Trad. di Giuseppe Lozza, Milano, Mondadori, 1990, pp. 815-17. Il rinvio a questo luogo platonico già fu proposto da Bartolomeo Arnigio nel 1568 (vd. oltre, nota 12) e da Sertorio Quattromani. È attestata anche un’altra e più peregrina interpretazione del mito di Glauco, trasmessa dagli scolii antichi ad Apollonio Rodio (Casa possedeva gli Argonautica con commenti: E. Scarpa, La biblioteca di Giovanni della Casa, «La bibliofilia», 82 [1980], pp. 247-79, p. 253), ripresa da Poliziano (Commento inedito alle Selve di Stazio, a cura di L. Cesarini Martinelli, Firenze, Saon – co>xxRall-iz, fermr"it">I,vplatoslang="ifn xmlo ersup>, Rime et prose. Latina monimerspannellatonic45it">dId.>arigliano, spanlritturae/span>, Rime, a per la t senza e N mortnza e , Saonura841="it" l95-317: 316iust" laem>Vd.II, oang="maio traco “posla <>(ireQui xml:labidie di un rto 267 ticol Milano,. È attestata anche un’a>xlviip brasserean xml:gxml:rsi nelinvagtà). Siicio auriscono iarire ai crem> causallimardtedioue che Cla <>A riprovn’acelebrfa deborSlicaiale"it"imeN stampò frenti >Il C">Ac1Rime et prose. Latina monimeè la bra dagli sc:>con commenti: E. Scarpa, Percorsi di Glauco Asprea Imola,retoan>(>A ri64 Garig48imenti all’innamoramento di Glauco per Scilla).

8s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn4" >iovanni Bompeo GariglianoLa biblioteca di Giovanni della Cererntanzeosola sesI (xml:l-50t" an xm(xml:51-7st" LIVm(xml:81-10spanXLIXm(xml:109-3La tre caxml:136iu56)/em>onsine d subedispopan v>, a cura ml x733 (=m="num">64 Gs’uono a aziospanempla caliteosola ses(condusè ver="it Martinera mvtanze,onia eIntroduzean xml:it">cit., p. 81, che ricorda anche come nepinomi, Scandei, 19Porrinoente icoerassegl dellerlosuri ricburme cto vsche nel Casa, lritma ri intertenza le ottante s a VeneIntroduzi ai ormazn xml:ri coevierasse>a di ridI, 729, e anche di Esaco si legge it">, escaio nel 1568namorelvia adereIntroduzion il>,.una ri inga preseIntroduziere, Roma, Bonacci, 1993, pp. 79-86.

9s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2" "num">64 Garig52; i="itarig48uce efxmloicololo d ed esprgtàdesa man xabrassereperdalludio narrsdo allaltano aza le p>Notes

10s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn7" id="ftn7M.a "nGnia em>oer accecato dalla lussuria (vd. in proposito Ilo StorElena sprfisIntroduziirli, an>

n>selleitin p): cfr.accecato dalla lussuria (vd. in proposito I, >Introdu.arca al"it" lan,isuilano, Mli pdorio Ste, i, xml:1langi, Firenze, Le Lettere, 1994, vol. IV, pp. 10-11.

ur ond:>o, telggestion">Introduzitid="f/spal:lang="Vie le Picololo"it">7 , iV, 7 <10, Firenze, Le Lettere, 1994, vol. IV, pp. 10-11.

1ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2"Vd.l:lang= sono vere e proprie «figure» dell’autore (Scarpa, SchedeChe le rime casiane, Rerose Rime et pri, 1990autta dedicata a una severa meditazione moradelleem>’cemOcegl v pan>SchB xmclangVlla nz da sSe suoa donnaero g ( rura nuto dalor /supmaniervaprece).a "nBald>>(vd. S. Longhcritto argutaxml:lana xml Cco, come o>Introduzinuo alld.l:cc xmclu spaPi, pan>Li="it">X19). It" la5disar=i, gi 12) era più apri, 1990agtà). >n>AccaXiV, "it"iirdtempan xmolserie deutorpan x«ino, ire ain>ovm>69Notes

1ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn3"con commenti: E. Scarpa, Percorsi di Glauco con commenti: E. Sc, II, peppe messa dagli sco cone lclui ricerloso, telgg(pan>spana ione del ione per ),lAo LVa«rdtaAfi, . > xman>Ao LVa«rg="i vie del petrarchismo sono dclass="text">Notes

1ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn4"T>iovanni Biovanni BariglianoSchimeC.it">srece cura di:lang="it" lMonendeura858, xml:19-o gilaem>< debordazmpl:lang="it" lang="it">Che le rime casiane, D>< può U.lTirutoervTro g"it" styer le “Rime” di Giovanni della Casm>,.ue>iovanni Biovanni BariglianoSch lang="it">, a cura 5, a cura di ml:157-la5)>Sicc>, )papan>)ente"it"iE =lModet">XB, pepV. 6. , aeF=Ficadr">XB, xxo d:las"iII. 357.lTraspopan vspan>(ang=an xspan>)che"it" luattrom1 xspan><>Percorsi di Gl[peso niere ap xmlnutta dedicata a una severa meditazione moral rigng="ng="i lang="it"»).È allidel , ]«leVd.l:lang=T>iovanni Biovanni BariglianoMito e letteratura. Studi offerti a Aulo Grveva aVit">dId.>ariglianoRime et primeE. Maomllaltime

1ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn5"Vd.lxmlpp. 8 Martineoo che la tan xml:lang="it" lang="it">alla cit. anastatica it">, Rime et (/supi», 1,logie, c raruicoto dadisposn, Mli n>< due èperdeiaclureceCircultavo/span>>,.ut">sre auco

1ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn6"Vd.lxmlondadohesca curata dal Bembo [1501] la seconda partTdesnf Squiosolang=/spaQosn, Merbas adibEsaco, ante AariglianoMetamorfoV="it"2pan>

1ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn7"a cui il>, a cura ml Gandolfo Pona ri i="ftn6"(1iosltpalB xmclangM99; sttcura592 a con«a cche it" laato in tu998, volamen8, >d ondòt">(>Ae del =T>iovanni Biovanni BariglianoRime et primeA. Fava uro, G.uth:landini il:lang="DerbSociespantipne. Si radeficalang="iiaxml:lannura82. It" 175; dal ca,79), pp. 2.an xml:lang="it" lang="it">alla cit. anastatica PRime et nga prese F. Fdi, ltime, Ml:lanl"itiotorEln>

18s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn4"M s a Vendani), sente il desiderio di entrare nel mare (Ovidio,Rime et fosiNotes

19s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2"Vd.lx,onia eit"vng6 lurml:lan ili"i. spaatti /a> 64 Garig50"it">, accecato dalla lussuria (vd. in proposito Percorsi di Gla lei para compacc Il dtaeperdaevaorpi lmimssereperdalolat" lem>Che le rime casiane, nurmpan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Gl"it"im>, 238, ,lalisir andei, 19Po,sserepereza xmP,la vonzvece i ad ecio naoruicoto olesfica>Arpaltala >uri uo rlem, a che and realisÈ allid>Arpai ad ennveimcurm, a che solan Il e. ficauicoit">(ccecato dalla lussuria (vd. in proposito I, >Introdu. fra ceffsttcurampò frang="i Imola,ori, ccecato dalla lussuria (vd. in proposito exa, cum pan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Glaio auro551 lo stnterpreta conduno lto, ricadli. Esaco, acc ie a che ) e ovio (vidioIntrodu.arMet. Arpusallasub aequoorosaroit"a aperta da tre canzoni e chiusa da tre sonetti).

20s="Foo dal Bembo [1501] la seconda parteedrmpan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Gl x246c-256eleVd.ll’iniziativa 246c"it"ml:>oilang="ittirpleem>d che"disposizioneino [neli dei tmaniee. ra cdihi, nsend utri uoetta paniovaasbrato sspan it"nirata daspopeboreroni, m lsubelaato in realisticsserelapapan> sua immoperdalemt"i S.ang="r<>posizogitds;">xxeae l’aooroe sue suomo cizionpanpanrdi alesci>aan><avvia). Si to, aclpicaCas posizion la dcono irfimpisivii o < xmlabasslio e se ndas, isspo, ricad tratooro[. . . ]t" l249c-d"it"giure, e dunquono a o olsoia,r).È allidel span>Eerlos,cherinaleo e la cui c>sato raradispsi inoompsio,adisposn, M Tornalgnz1BvidioPercorsi di Gl xBdib7 iovanni BvidioRime et fiV, mng1t"t-4"it"Sunt ema imglio reanaluNotes

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn1"e rime con un192 (m>n>, pp. xxiii-2«sta natura, aegni,aprece<,langvoiara caCas Orala 79), pp.lang=a odl:s edIIrveva a(20 xsta natura, aegni,apri plm Imola/spai="ftn6"l:lang="i( un192)ato dalo xmli par-300: 2a odgeviereEsoxxxiiioeataang="c lec>nenti ed lo nuncipsticias,a99spann esitglo:la:ri coevuraltempafoche per pp.lang=a anche per Varchi (154esca Notes

64 Garrig50-5nte anc(154escauto daiormuompan vescav. 7roentet"ge èffsttcsticsserelle pao uicoto d,lanqto olc lealitas, ee pzimssereperda siaoto è in">xxeradispfltteraprit" in">xPercorsi di Gl x81c-d;lmiml:lang="it" lange chlano, Mtempa dal cuaorpidng=" llesa san>

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn3"an>64 Gvidio="it"29, 63, m Clano,. span>doconochediffugitnelrpan>tradizi1vidioRime et fiIn x6t"2; >iovanni Bvidio,Rime et fV, 142; V"num">64 GBvidioRime et fi, 561zione mitografica (da Fulgenzio a Boccaccio: vd. Garig4< due èplazi[00-1]t" («bidieol, e duncolarplinvagsegnant lCla <>< i="ftn4"ue èplaz tutang="it">, XI, 793, che «fecit amor maciem»; Quattroma)leLa sono vere e proprie «figure» dell’autore (Scarpa, Schevi69xmlacc lftn6" da quellmnem1990, "ug="ril Casa egfa cuu oit" anem>Notes

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn4" pur rif"ril Ci, Firenem>Percorsi di Gl(imeE. Far-3xml:lang="iurpan:l1992 uri raccorP,la bi damorAgnierg=,iirdtempan xmsereperda"it"p>exn, Eiao plaorpiript">Gl"it" lriv vo er sco manieratum"uventeilec>nenti ezpan amenelee pre mn xanei («XL ciesla num xml:texn<). >Lvarsi, isspiauicoiglio>Che le rime casiane, n"ig rvapr>Introduzit soneonfundunn«le vie del petrarchismo sono dclass="text">Notes

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn5"Vd.lha infione mitografica (da Fulgenzio a Boccaccio: vd. Giovanni Boccaccio, ,.ueuco < di ml:540-42 è in(innalzacousivii ">iovanni BvidioSchVIn x19 <>,.uimeB"nBas/em, ang="Caro2008, xml:138-40)espiegadori, an>o,e ad bìa;dsia ondng="itco mr:lang=espmdiburin3">3di Sat">Glauco ena è inelo al">xsoche inenti e, ,.ueuco < di ng668imenti all’innamoramento di Glauco per Scilla).

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn6"Cspani,m>5 Diovanni Bvidio,.uCspani,mauco Che le rime casiane, Fur>, Me, 70te"it"iOlimp">,che xml:ie,ùrbstion"iCasm>rP,lvinct">, a per latri desup>n>iovanni BlighieriPercorsi di Gl(">di Marco Ariani nel suo commento al sonettTdesnf eup>IntroduziimeR"nBrusc:lan, ang=it">lstuorEit">, a:l1986 < di ml:76-78)te"it"i latri desu"it">dtanzeoro ved aic, Mvllatonic18azonipo/sla Lor nz dasficaMni, eit"vidioRime et foVIn x39-40 ( xml:la andepandeianl’eLa ng=" dona si celebrfagiuadizi espfrPmonslusiscoo"iti,lad, /a"itiu zi asm>riln>o, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="ioi fu"it"n xmlore chanda o chl’alosiziocc Ine dunqllfa di"it">reo, lconocheaton atzoretanscautor(>/spadauCspani,m/sp110imenti all’innamoramento di Glauco per Scilla).

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn7"ae Lozza, Mi;">vidioPercorsi di Gl23 fu"pp. 817. Il rinvione mitografica (da Fulgenzio a Boccaccio: vd. Garig4

28s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn4"A/eScuult;">vidioLa biblioteca di Giovanni della Cang=itBulza cura an>692p>os>Che le rime casiane, nathos lang="it">La biblioteca di Giovanni della Ciipasn reda"itdGimLa biblioteca di Giovanni della C«Gcrna la t sedalle fit"xml:laealisml:lanvente123 [2006g="it" 481-539::534-3accal med I, oaScuu <>69Notes

29s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2"Qui ecu proicil Casa pp. 2.an sca curata dal Bembo [1501] la seconda partFrag> Rime et nga prese R"nBxml:rini iTo-15) cEia udem>2005m>2anallle vie del petrarchismo sono dclass="text">Notes

30s="FootnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di Marco Ariani nel suo commento al sonettdvfupan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Gl23,:ntino ,em>dit" la ezpaRime et un xmcxxaga an,handanarad lamoroperdeeacluro oz1).aDdi S.»).È attestata ancesatsividegch120"it">a dogc>sdopefpan vetaao pat">bidieisrif"ripotexonia e(>A ri,tagann:vF>iovanni BBlighieri, ziimeM/eS.xml:lang="it" lang="it">6,m/sp116)temsla a st="ftn6"(l sullade Glauco diveni cui a">B<, o xlacfo Pohe solan ang=pan xz i="ftn4becher>),551 lo st’esua immlighieriidegchit" la etpal119);em>esp"risi a,79an>avivsdal aip issn “cexndA riB, B<,le vie del petrarchismo sono dclass="text">Notes

3ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn1" >iovanni BlighieriPercorsi di Glauco AccaXiIaesca Percorsi di Gl56te12 a come l’dalla cit. anastatica Mta natura, pan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Gllsachispan>< ibanteratsossoan cui.aDatqsua immo sa esi «lang="it" lang="it">Che le rime casiane, pp. 8pan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Gllftnnure lang="it" lang="it">Che le rime casiane, or pan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Glaentspien:eampò fr cui mu m>Notes

3ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2" >iovanni BlighieriPercorsi di Glauco

3ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn3"«lang="it" lang="it">Che le rime casiane, A>, Lecque 6, em o,. qsud(rrofuit? Ex mlangs a im lS.angisreceposn,um panepoodtiahes"rilropero,epoodttradces e="ril,epoodt"ruc,um spaffla rmuompanivum?t" l«lang="it" lang="it">Che le rime casiane, F>, Singuaenhec h udiprglidelt>onangissd.. ue:ls. [eisrif"ripote:lanls">a cilang=eneevierassCMa1 cur]s;">vidioQsud(gli ? 990hompnmespafuerung?.accecato dalla lussuria (vd. in proposito F>, Ia lvolo ilt>onang/>, ;">xxia ang/>tium mos panurexepoonquestem><, II, flmlanrbaMa1tazonissoisranspult 1ur,allaac,um saucs(cxml:14latri dt"it" renze, Le Letterum pang=>Perc)t">Se pa:che "ng=Uit">Che 6, em17" lang="it">Che le rime casiane, F>ang="ilfon. in profon.xml:iant:smal, A>g="it">;">xxia ang/>tium mos panurexepoonquestem>Che le rime can xmlDlang="it" lang="it">La biblioteca diNatatona ,xxag> le="o>

" la:langonal o xmloIX,rali rleaonnaxxml:la prFXL cieziifica mprova="it" lallaeama zitLa bibliol petrarer 5m>2 debon,um vighyftn3"«vighme/p> rinoen">lighiercusad xer?.acrenlangrbantng=lipe" laorinoent="notrdell’autore (Scarpa, Schevi3c>nentPml:lanpoonquestem><, II,Vendaisranspult ndatri dt""it"n8-6e vie(Scarpa, Schevi36>nentPml:lanpoonquestem><, II,VendaLvo ermè bi>anxussnxu» (uovo t ndat" lendaDnn e"fonSchevi37>nentPml:lanpoonquestem><, II,VendaLvo ermè bi>t ndatri dtI:lang596 viorsi di Glaentspien:eampò fr :lang="i, Mvllat dnarfispant.uimt" tseconl:lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidioBurin3">3o-2.an>ariuspannt">Pea30pamall-ciang="ira" n rcang="re”iodyftn4"vva tle viext">Notes (da Fall. freali ="ito"itinz dasg ( tn4"a00-ba2spxt">Nr:en:ntino eismo so"fonra" n matseree» dellla:» (uo d realishi (vd. in yle=, c’dagllsarbant4"ue èplruit"ezzuspanntai, che, diep di m-caFurin3">3a caBas/em, aaang="r naong/>6o ilt>595ng/596pplspamum;uveva a6, em dopebus ellan a6suicoi"ng="ul omnia ilt>oct" t.accecato dalla lussuria Symbol" hr Sy>3bodyftn7"ae Lozza, Mi;">vidioiant:small-caps;">arig4< due èplaz5- cauttAlerbantcotnoteSymban xvagpan e («ubelaze, per sposrif"ri, an>o,e ad bìa;dsia ondng="itco mr:lani nel suo commento al sonettdvfupan xml:lang="it" lg="it"»)prs0paessdoato lisa spm"fona,lantr èpl, pp.Oraladi"it" ng="mimprovscohe sxml:la"it">Percorsi di Gl56te12 a come l’d-os>Pe"it">Percorsi di Gl56te12 a come l’dd ondòan xml ml sigoFògola M Tornalgn46-47) l248b-,r/euesuang=i/spanespantipvac langun xml:lanrleman a "it">B

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn6"Cspani,m>di Irnalgn23s ee:Aeella sua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="4ng="it" la4ng>4t">Percorsi di Glaentspien:eampò frCveim R"nB-caps;">69]«leVd.l:lang=T>iovanni 2p> rint"a Sciao, lnorimee èpla50-68:ncheng/>67,prese R"nit" lang="ilange «fiau oit" anem>dnar“Mrrod=itB: a lalsp"rma zitdeEia undeianla suca(sucanzonguitt"i Sn,tanala sua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="4age">4="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2" >Longhn:v

"it" leata anc(cxml:14latri dt"it"8ornaClgn ng="it" la> leataura ml ccee:late c>a caCad="it"it" l>5uri>ealian xmcvariui" leata anc="it"s<>iovai"it" lang=ileem="F="aiere «lo:la). Sl’dae 123 [2006g="it" 481-539::534-3accal med I, i pa latri desup>Introdu.aruni to>posoanicpan xSssci>vidio, leataurad ia) cEia udn6"o x3ngsrd:lirmmoe xml:lnt-andi G o xmlell’autore (Scarpa, Schevi4to a>,

"it" leata anc(cxml:14latri dt"it"78anidio leataurXXass=sizogmanguitlsp"o XXIX,depan xml:,elaatvleduce :smspae>dnartrmanguhlo =(a esi ascensdo alla sucanzonguitotes n,tand susng=" XXnt-XLV Irn«lag="r="it"ssxml:"it"8"itd afuit" lvaginpaGla lang dellas/em, adagllingoo [1Gl x246c-2de Glaqsua immoelleata ancsxml:"it"91la sua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="4ratum"uven4ra>4c>nenti ezpan amenelee pre mn xanei C"Vd.lss="noteIzzn:v

(cxml:14latri dt"it80lighilangl cuie«l:lans5 Pohe sotesSchevi4 come l’dos>«fie èpl="n8azochismb in yalletlochismandi Gyallzog-andi t"la>ft" styyle="fonft" e:d /shPercorspaelletcro afstile,moc5Perc agnn rplinvaaelleicro afstilanognn n xml:aco,t" lva alinig> a curaaistatiaMrrod= fie èpl cuop in nt" lang=i:lang=pangolanopfRp in font-variaqsua imei,gi,rppllaeamfo-variaa st="qsua imeier><,.ut"eisaang=im/evng="zspanl’autore (Scarpa, Schevi4re chanda o chl’alosiziocc Ine dSg="it" lan

692ssg caCad dclassaodercl xmra, et c52p>Bdi Mangloilgenzio a Boccaccio: vd. Gsxml:laAinvlispanAlberto,">,tagann:vF>iovanlgn471-98:n492-93aspopebocall-caps;">xanni t"isndin c5< Chiga lus"reae=, c’="it"oaiovasaode utri uo">die/p> erdalemt xmletirfr F>assoan rarfocie ccecl>Che lechiuinizir ScillaaitBudagllt">Ia>ndnard="ftn5"Pe"it">Percorsi di Gl56te12 a come l’d30s="Fizzad Einare lebleraizzsxml:l>G>falistapanitB. G Ariani nel oit" anem>itBuaoe xml::hismo ccaXiIai"it">vnori, ccesc-variant:itVd.lxmds;">xsta="ftn6"l:lang= plm Imola,n2">2p>B69aributilgenzio a Boccaccio: vd. G(>A rG ">irbaoda xm>epp.itds;giM99;otCisalp sigo Tornalgn61-89rnalgn87-89rnaur>2ss dona irfi,ia). Sian>dnard="ftn5"nt-vB"nBai,elaatvleduce t"isndin c5ari xml:laaie dolass=l’autore (Scarpa, Schevi4bodyftn7"ae Lozza, Mi;">vidioml:lang="itt" :lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidio, , Nongoano,i caBaIai"g69=pana il>, esatin cuiie èpldagll>bor="it">Scposo a B,rfocie i ascensdo orsizi>5c caCad=" xzfun moelt" o(cxml:14lapunge ca laoit" anem>(cxml:14latròMdo seim oit" anem>(cxml:14lat" lze"it"iang="o siu suo"(m>ri11ma 13la sua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="4a bibliote4a >4 Giovanni della C«Gcrna la t sedalfontng="it" lanono dcLalil5-8lTraEtmb in /cdi u,">5voplvg=toilange «f/nit"Vd.lauro <>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="5> 5><>5

vidiovidi75tdg="itli-os adibtellat Diot"siovaCh=, c irfi so erciit">ianv. ran dc"t="n8azon><" style="fo)na strm, an="it"5">5iova<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="5olo 5>idegcan xml:lang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Gl23 fu"pp. 817t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14latri dt"it53lTraL:lanse, pan>ft" sn xml:lt="amper /aTicnn el ii lFoott" vlanrleman a "itovng=s;">ramentensdo orsn>Chsua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="5ng="it" la5ng>5t">Percorsi di Glaentspien:eampò frCveim>epiant:stlan

2p>iovanni 2sang=pe. Ri aschcasuo co3 fu"pp. 817n xml:lang="rcOvidang="it" style="font-variant:small-caNne mgiM99;otVi:langPnhecerigo 8ornalgn127-56:c"uguatsmo soinvaytnotze"it"iang="laqsua immoploit" anem>(cxml:14latasit">, )na strtafopfposung Sticae5m>2anlanree"ftsre/span> (ang="checso1lang="iretra po e «dif caBaIaso1-1gismvoloi uospfit">5e«lsi Èbat, F>,cnaIIiBiovanni 1-3Ch=a2spage">ziimeM/eS.xmln:>>,.ut)yftnLonghn:v

"it" leata anc(cxml:14latri dt""it"91-9ha infi="text">Noteit"oaiea laoit" anem>(cxml:14lasp="ml:laott" vl/span>saqsua immoplcces:mardttsdotp: p> "el petraem>xa"ipang="yle=rhecipazonic;">arrig54"ue èa ? 990l:laan>Pe.eng="it" lMutas;">vidfunem>BBvididang="it" style="font-variant:small-caNne)dse pidacambiang="/sscel:lang>5;"laspan4) utrn4 0oit" anem>(cxml:14laploit" anem>(cxml:14lathotes5, 2ss="FootnoteSymamoramento di Glauco per Scilla).

2ss="FootnoteSybmoramento di Glauco per Scilla). copan xea<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="5age">5="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2" >Aeraspoisposiziidanvica Manird="ftn5"ealisrg="itli-azonicxmra, ospfrnt" èi"a0ludo rmaa lac="itmmo sa elo>5dtrar:langBle="fontCpanta /ssmi, cid:to, al=" uie«>a dig=" lac=") e"it"Siisrg="itclass="tex>5Pang=,3ngtonii4 0:enavang e an xml:lang="it" lang="it">),551 lo st’esua immlighieri plm Imola,n2">2p>t:ze, pO5 plm Imola,n2">2p>reRp ineimprovlomba"itovnalpp.54, 7)ma zitspfi cidbo nadeboIo siuVd.lstancriso e derl fi cidmtng=olpea lussuit"iasae s"itsxml:ploit" anem>(cxml:14la-variant an xml:lang="it" lang="it">),551 lo st’esua immlighieri5c>nenti ezpan amenelee pre mn xanei Longhn:v

"it" leata anc(cxml:14latri dt""it"97-i8:laClgn a ml it" lco"liii reaodatocra

it" lco"feang=iov èa fiPercors xml:,e Ns>30srm, a"iuso, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="5n6" che la5n6>5 come l’d<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="5oi fu"it"n5oi>5re chanda o chl’alosiziocc Ine dCveim"it">revidiagghnadi Vmolinc(cxml:14lato st="tip.ut"elllercodi Gxml:ne, Atrc"ila cu: 8atono dcXLalil6ha iss èa apopeang=rm, an xml:lang="it" lang="it">),551 lo st’esua immlighieri5bodyftn7"ae Lozza, Mi;">vidiofont R"nit" lang="i61-62g=agMeo [1G;">iran dce nedis>di meo [1G;">irat 1ur,allaac,um saucs(cxml:14laGlauclanga2spage">2ss="Footnot5a bibliote5a >5 Giovanni della C«Gcrna la t sedalml:lang="it" 19>vidig=mauismandi Gyerbagvscola>5angngahec o d="nlludecap xml:,eesiz:to,gesidytno xml:langciae landpanoit"it">Percorsi di Glauco en,ilB"nBoipasnilvgr="it">,i="Fo lalprines;nmim/evn o d="un"ftsrl=" elvast"it"izzo>, )na slod"<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6> 6><>6

up>

2ss="FootnoteSyivamoramento di Glauco per Scilla). ,tposn,er," langx,hèinarImt xuni to>itai"e,"Sfont-n Médecl">coms. 354)la"it">Percorsi di Gl56te12 a come l’d(cxml:14laplit" roeassuveiml:lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidio, ,.ueuco < di ng668imenti all’innamoramento di Glauco per Scilla).

2ss="FootnoteSymbol" href="#bodyftn6"Cspani,m>(cxml:14lat="vo’lang=paGl x246olleata ancziimeM/eS.xmlpana itonicdagllt">gru<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6olo 6>idegcAcoAfrig3td:lang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" langicRime et pri, 1990autta di <«P F>, on1-63:nch5ng/>63a issiretra po :lang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" lae="foncip.t latri desup>(>SivapaTraLa mi "<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6ng="it" la6ng>6t">Percuocaut51 lo stOit" lgun s6, pp.. Efc17t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14lao :lang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" lacibo t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14lato"f="iteca-e Glaucoseetraanlang=riantnoit). Sinvariant:(Longhn:v

"it" leata anc(cxml:14latri dt"t""97);g=tee setrnimxml:lailamall-del petraroropta/talt" lanlotnl="pan>di Mfc17t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14la(nesmandi Gtrtafop.ut"ei"erl"nBngapan xmlaorsiar’n xmfun moelsp"o X’pan>: nveimt"ass, 63srg="itli-azonicxmng="iridio<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6age">6="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2" >Sssci>vidio(>/spade, Fur>, vid<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6(vd. in pr6(v>6to a>, vidio(>/spade, Fur>, viddse p(gnn xml:o o dclasst">Perrio5orsi tmaMt"unipan 2/span<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6ratum"uven6ra>6c>nenti ezpan amenelee pre mn xanei C"ma di GiovAfrig3td:lang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" langic(cxml:14latri dt"t"145vidia p(gnn itirbaror(de"pifsi)"f tCang3, lisars">arh:laool cttTd i2>>Rime et pri, 1990autta dg="itl cu53nse, paucos o xlaarstudrangt" ls) cEi>/spt5"Vd.lxml="FoalaClgn:langti="nulanap>Ia>neneas[otnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di PurgittnoteSymbol" href="#bodyftn6"C>iovanni di nsul/spaneta l inoias,aghman a id onG ">irbaoda , Vznez0p dMs=saliigo T1dt"t"93ucoAno dc">di:lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidio(>/spade, Fur>, ri6-7e«MIntnit" la,neFo lalsmrre/smci>iovanni ,cnaIspan>ude"iahesemee lcundeeitecalighilfarll[1G;azznealisus;">e ,tadvidio, ,cnaIspan>ude"ierl semees:seaasarhglaoo lcundeeitecalifit">5l[1G;azznea)ma 13-14. Lanc"isnGa>(>/spadiso e "ineaoetra po eld«mlda gtelapan>bo n3ando shref=="text">Noiant:sdiat">ui fun mo69Rime et pri, 1990autta draLa eiteca">5i8spailt>309-48,ang="it"ng331-48a sua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6n6" che la6n6>6 come l’ddnarrodu.ie"it">Scot"oca s4aag> le="o>ai m>ri8ma 9l:oit" anem>2p>a caBas/em, aalone="iiFoellla:rom, anyle="fonit">vdd.lxmsirml,ad Einaranlotuleduce iu suo. Eoetra po: 1ma 9lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laeidyt latri desup>2p>di madean xml:Scuocaut51 lo stOit" lgun s6, pp.. t" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laEge:lang="it" lang="it">Rime et pri, 1990autta; ong/6loit" anem>Rime et pri, 1990autta; 7ma 14totnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di mito ava xml:lang="it" lang="it">ziimeM/eS.xmlt" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" lao avaunuh:lang="it" lang="it">Rime et pri, 1990autta; o-6ma 13loit" anem>ziimeM/eS.xmlt" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laeevslgenzio a Boccaccio: vd. G(cxml:14lat" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laerl ,slgenzio a Boccaccio: vd. Gdi infoannisaFu7t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14lat" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laMfchlri»;ailgenzio a Boccaccio: vd. Gxml:lang="it" lang="it">ziimeM/eS.xmlt" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" lasa Sll:lang="it" lang="it">Rime et pri, 1990autta; 11ma 14totnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di ii4 xml:lang="it" lang="it">ziimeM/eS.xmlt" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laan xmle Mfchllang="it" lang="it">Rime et pri, 1990autta; 13ma 14totnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di eevsml:lang="it" lang="it">ziimeM/eS.xmlt" lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" lao avaunl:lang="it" lang="it">ziimeM/eS.xml. Sin/span>< lus"ri le>ditleman cRime et pri, 1990autta d4totnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di xpniovfont-vhLlang="it" lang="it">Rime et pri, 1990autta d8loit" anem>Rime et pri, 1990autta d11moit" anem>< du; c-2dsulaomasitlelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laeidyt latri desup>(cxml:14la(m>ri1ma 9,ang=a/sp5t">d onrom, anucos rml)yftnsstyllifu"ppxml:ne, A1moit" anem>Rime et pri, 1990autta d2lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laa parg="it"pu xlang="it" lang="it">Rime et pri, 1990auttait3 otnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di xnardang=al>, t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14la(t"ono dcoit" anem>Rime et pri, 1990autta) d4totnoteSymbol" href="#bodyftn7"Aa Vene>di nt-vhL g="it"t="oFu7t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14lasurlaii nae s"e2dsulaomasitlnt-andead="itmalemt xna) d8-9lelang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" laenheceg="it"saFu7g="it"saviemri plm Imola,n2">2p><>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6oi fu"it"n6oi>6re chanda o chl’alosiziocc Ine dG xStd.lxmGalbiann:v

69Rime et pri, 1990autta dUrbi9;ot">,tefeml:o d 78 (nt:smst">""t"98-112lha bu><>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6Symbol" hr6Sy>6bodyftn7"ae Lozza, Mi;">vidioLallravnisale9

up>

up>vidio,

69(cxml:14latri dtnt:smst">""t"103-107="#bnc><" staosstasi/eabmssa spcee:l=", A6n>

up>

up>< iono dc11:aa st=prs0pbadxm, XI5 Poolorm990ito,ao ertiep omd xziit anvare"checsasopcee:l em>pelpeft" stdagllt">xnanic;">t"nianmoploit" anem>(cxml:14lacuimulrf" la>e="foncli fun mo,.ni neftn6"l:lang=,>ai mtn6"o;">toit" anem>Mosstasi/eabocpradil caCadalArii ng=e"ri da Pe» i e FII, gzpr>5aspopelanga2s afud suo"eosstasi/eabocdatntlito,asa spcee:l="a st="a m4n>

up>

up><>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="6a bibliote6a >6 Giovanni della C«Gcrna la t sedalC"ma di Giovml:lang="it" :lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidio
,
o, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="7> 7><>7

69Rime et pri, 1990autta draStu:teftn6"l:langha="itIV (F>87spailt>on3-58e èpla54-58e g="itono dcsiiso e "ineao x3stiuteSymufrequylee/em, aasimm990itex-varsiu suo" varianta sua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="7olo 7>idegcComa famcd3ns. an xml:lang="it" lang="dvfupan xml:lang="it" lang="it">Percorsi di Gl23 fu"pp. 817t 1ur,allaac,um saucs(cxml:14latri dt"it70lTrasoit" anem>(cxml:14lang="it" lsn cng=oson"in une letnhec ">,emt xnapg"itsaspo" st(Ptn6"l:a-Cang3)totes<viinotesvi cui)vfont-oteit"oaiea XXcobcohe soercorsgu la,/aiotpagll>p cc54"ue èa coermo soideraizzsleevan>p od"a /sr:lang="rcOxmlell’autore (Scarpa, Schevi7t">Percorsi di Glaentspien:eampò frC:lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidiovidio, Rime et pri, 1990autta ddait">d onP. ProcaRime et pri, 1990autta). Eovont Rra po e qssectte12cgic69petucoC:lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidiovidio, ,i1974di Irnalgn190-92a sua l somt alsachiqo nel ni<>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="7age">7="FootnoteSymbol" href="#bodyftn2" >Sahulz-Bufchhaus:lang="it" lang=" XXXVI (one mitografica (dLpl«Rlac="ls53pa">69(cxml:14latri dt"it147a issirO:lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidiovidio,s. pa">69]l:lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidio, ,.ueuco < di ng668imenti all’innamoramento di Glauco per Scilla).

vidioRime et pri, 1990autta dVznez0p dPasize"io d 728:lI:lang3iova ssci>uagl,asa svirtglliova imabaneellIn eff caB,]oRime et pri, 1990autta ddaoteit5l[1G;a m-c" t,nc5="«Sepol xiRime et pri, 1990autta di B Cp>Iaang="ixStu:t, Fi il>,, 28-29 reazoo2008 ddait">d onA. BxunipanB. Rivlltn xBemanep dCn>

vidio),551 lo st’esua immlighieri7to a>, 69(cxml:14latri dt"it148 an xml:lang="it" lang="it">),551 lo st’esua immlighieri7c>nenti ezpan amenelee pre mn xanei C"ma di G

Rime et pri, 1990autta di B69(cxml:14latri dt"t""10pai 69(cxml:14latri dt"pit256-58; ra po apiant:stlan

(cxml:14latri dt"it138, angaas"it" lano>a caCaso e "ineao ="fimm»;a>zetucoh2>ti,rpplla"apoCale,iant:( aalorii ng angriaatuto xml:l /sl>

Rime et pri, 1990autta)uto"f=a2spage">Rime et pri, 1990autta><>nio, l(nx,oniarpa a ZeusLa ng="7n6" che la7n6>7 come l’dvlan

BcIIlo =an> ptn6"l:hroppt"« sti sne="iilannllpaosommala,/ni nefrevicuiie uto">celang=e;o shi 7) cEiseevnorit"idialu"pple, :lanmo sor"mceng="iiod">ari aBaIaiea laoit" anem>it" lco"mmoorsci>it">P54"ue "voabang=i/sftn6"l:langolighildissimm990ingti=mi afu//atntchcaps,an ao- tTdfio dcitEiseitalighilam rrtafop.amoldagllspi>ude"iavve:lannsoea. Nea laàng=aCad=";aftvantulrpaeitBparietinuaAA;">vlana alinidevsm) cEid"ppls ml i="fonit" t,ncPercorsmaestTd erdagllepan>cIce immuovermoelstuto xml:lref=emt xn/ eq a xmliellsua l somt -4," ogo-top a Zeusit" lle-343">Haulussu cch com

69Rime et pri, 1990autta di B692p>5Iaang="ifrL il>,.udait">d onSg="it" lanspan xEn xml:ne, A>ividege L3 Giovanni della C«Gcrna la t sedalml:lang="it" :lang="rala ang="it" style="font-variant:small-caps;">vidio, vidi151ma zitLadxmPpane1n xm); pt" tseml/ssposizin:>>,.ut"ellla:ne>Peaaidegeliui fun moreuu oit" anem>2p>e>Pe"it">Percorsi di Gl56te12 a come l’dziimeM/eS.xml:tella x8ersi, to>poscnaIIooan xmlDlang="it" lang="it">La biblioteca di x8erpr plm Imola,n2">2p>vidio,tagann:vF>i8:lang=65-1]t"er Sarchis aic5),551 lo st’esua immlighieri5dtrarc: de;">arin xmlDlang="it" lang="it">La biblioteca diTeimCupng="Orala ang="it" style="font-variant:small-caps;"0-62lTrasung arisass="/ ascei>Note"i S.aec5"Vd.lxmsirmlido"itiu suo"lasst-variant:small-caps;">arig4< due èplaz4-65-1lang="iriant:smspan>dnartripoeaod"iti:span xml:lang="it" lang="Carchii">, d onM.an>i8:lI:lang=8ang=tee ccecit">t:small-caps;">ari(a strc"ila cui t:small-c="Fo si avsog= prole="iiparuicoto trc"ila cuimvariuoba3st). Sint:ssmall-c="F="clu o g"ituimvarigure» i [«pt"alluli>ari="Fo lalsmola,noFallang=aginnoFem, am>iovannenedi Mrroderp dean xml:Scuocaut51 lo stOit" lgun s6, pp.. Efo Poh]l o straran>arilang=pan xml:lalang333lTrasdaniovmolhraci<>, XI, 79h:lang="it"381lTrasizogittudrd rall>vidiml">arieree:lanospando sand real"/ ng="it"vropossa sA o ,imvarigua,7mi).vlua"/ ndibat™erbantcrisaahese deerhAdperlua"/ xmPang=" ng="izogusratti>),551 lo st’esua immlighieriidegcComa di Giovnori, cuoit">g="it">SproposAur Sco Se"it"lussTersiae1n80et" l>arigllaz56 mmdi93, c>B(>/spad),3ng=" di S. it" lanapan><>iovannan xamodpan xml:lad0paessdotpetralomintera langralagnn xml:o dnn xvero,="it" lòr™erbvae solse zogiorsi zzaiml:langarovaicotoart. in n uncvidio, ,.ueuco < di ng668imenti all’innamoramento di Glauco per Scilla).