Navigation – Plan du site
Varia

Per una rilettura delle Rime di Messer Luca Contile

Ester Pietrobon
p. 207-227

Texte intégral

  • 1 Da questa metafora prende titolo l’articolo stesso: D. Chiodo, La musa in livrea: le Rime di Luca C (...)
  • 2 Cfr. A.-E-.K Salza, Luca Contile uomo di lettere e di negozj del secolo XVI. Contributo alla storia (...)
  • 3 Sulla questione della forma-canzoniere e sulla struttura del libro di rime, a titolo di esempio e p (...)

1In un recente intervento per il seminario di studi su Luca Contile svoltosi nel 2007, Domenico Chiodo ha richiamato l’atten-zione degli studiosi sul libro di Rime del 1560, individuando la corda peculiare di questa poesia nell’ispirazione encomiastica e cortigiana che egli sintetizza efficace-mente nell’immagine della «musa in livrea».1 Nel tornare a scrivere oggi di quest’opera, ci proponiamo come obiettivo fondamentale un’analisi più dettagliata del libro, seppur condotta per campioni esemplari, che miri a porre in evidenza gli elementi di coesione a livello macrotestuale da un lato,eidiversi fattori di interazione sinergica fra i testi lirici e le relative prose esegetiche di Francesco Patrizi e di Antonio Borghesi dall’altro. Per raggiungere una valutazione quanto più obiettiva possibile della qualità dei sonetti contiliani, lontano da facili entusiasmi euristici o da troppo severi giudizi come quelli espressi da Abd-el-Kader Salza all’inizio del secolo scorso,2 cercheremo di ricostruire gli equilibri della raccolta in una visione d’insieme che non trascuri il tutto per concentrarsi sulla parte (o sulla Parte, dovremmo dire, giacché l’attenzione della critica si è sempre, più o meno a ragione, appuntata in modo esclusivo sulla Parte prima commentata da Patrizi) e che rilevi infine come la giusta ottica per una comprensione piena sia del testo poetico sia delle diverse operazioni ermeneutiche si confermi ancora una volta quella di una contestualizzazione dinamica e attenta all’intero sistema del Testo3 .

  • 4 Le rime di Messer Luca Contile divise in tre parti, con discorsi, et argomenti di M. Francesco Patr (...)
  • 5 Chiodo, La musa in livrea cit., p. 7.
  • 6 D.Ghirlanda, L’idea di un canzoniere: le Rime cristiane di Luca Contile,in Luca Contile cit., pp. 1 (...)

2Le rime di Messer Luca Contile divise in tre parti, con discorsi, et argomenti di M. Francesco Patritio, et M. Antonio Borghesi. Nuovamente stampate. Con le sei canzoni dette le sei sorelle di Marte4 sono una raccolta composta da tre sezioni sonettistiche – la prima con 50sonetti d’argomento amoroso, commentata da Patrizi; la seconda con 53 sonetti in morte del Marchese del Vasto Alfonso d’Avalos e la terza, più ampia, con 83 sonetti d’occasione e di corrispondenza e una canzone dedicata a Camilla Pallavicini, entrambe commentate da Borghesi – e conclusa dalla ristampa delle sei canzoni politiche già edite nel 1556, dedicate ciascuna a un capitano di parte imperiale, tra i quali figura, ultimo ma non ultimo, lo stesso Filippo d’Asburgo. Infine compaiono due sonetti, anch’essi corredati dai relativi argomenti, che riportano i numeri lxxxiiii e lxxxv:si tratta di due omaggi in mortem rispettivamente a Irene di Spilimbergo e a Claudio Tolomei, inseriti all’ultimo nella raccolta.5 Questa pubblicazione di chiaro stampo encomiastico rappresenta per il cortigiano Contile uno strumento utile ad attirarsi la benevolenza non solo dei signori d’Avalos, ma soprattutto di Filippo II di Spagna, con la speranza, rimasta delusa, di giungere a prestare servizio presso la stessa corte imperiale. È interessante ricordare con Daniele Ghirlanda6 che l’edizione del ’60 nasce come una deviazione dal progetto originario dell’autore di allestire un canzoniere onnicomprensivo delle proprie rime: il ms. angelicano 2407, infatti, mostra che in una fase di revisione, culminata in una seconda redazione del testo, Contile espunge mediante asterisco tutti i sonetti poi inclusi nelle Rime, eccezion fatta per il numero xxi. La raccolta angelicana si configura quindi, dopo il 1560, in senso più specificamente spirituale, assumendo la forma di un canzoniere dalla struttura ben delineata, corredato da un autocommento lasciato però incompiuto.

  • 7 G.Gorni, Le forme primarie del testo poetico,inId., Metrica e analisi letteraria, Bologna, 1993, pp (...)
  • 8 Cfr. l’analisi contenuta in Ghirlanda, L’idea di un canzoniere cit.
  • 9 Cfr.F.Tomasi, Le ragioni del ‘moderno’ nella lirica del XVI secolo tra teoria e prassi,in Id., Stud (...)
  • 10 Si veda quanto afferma Patrizi nel Discorso prefatorio alle Rime di Contile (Le rime di Messer Luca (...)

3Se il movente encomiastico della silloge veneziana è palese – ein questa spinta derivante dalla “ragion pratica” dell’uomo di corte va riconosciuto il motivo ideale che lega e anima l’intera raccolta – risulta più arduo stabilire la pertinenza, dal punto di vista formale, di una possibile definizione di canzoniere invece che di semplice libro di rime. Secondo Gorni, è possibile parlare di «canzoniere» ogni qualvolta ci si trovi di fronte a un libro di poesia «in cui sia evidenziabile, a uno o più livelli del testo, qualche intento di organizzazione interna della materia».7 Tuttavia, se andiamo a confrontare le Rime cristiane con le Rime del ’60, ci accorgiamo di quanto la dispositio dei testi sia in realtà molto più ragionata e rigorosa nella raccolta manoscritta,8 mentre nel secondo caso l’elemento portante della struttura del libro non sembra essere quello interno al testo – anche se non mancano meccanismi di concatenatio tra i singoli sonetti – ma sia piuttosto da individuare nel paratesto costituito dal commento. La prosa esegetica funge dunque da fattore modellante del liber, che in un quadro complesso e denso di riflessioni sul senso della poesia e sulla forma da dare a una lirica autenticamente nuova come quello della Venezia del secondo Cinquecento,9 si richiama in maniera implicita a modelli formali alternativi quali l’Orazio lirico (50 + 53 sono i sonetti delle prime due parti, tanti quanti le Odi del Venosino, così come la tripartizione è ascrivibile alla stessa matrice oraziana) e rivendica in aggiunta, almeno per i cinquanta sonetti d’amore dedicati a Giovanna d’Aragona, una novità contenutistica rispetto a Petrarca.10 È necessario, però, considerare con cautela tutti questi elementi per non cadere nell’errore di sovrastimare la portata filosofica, e di conseguenza la qualità poetica, dei sonetti commentati da Patrizi, svalutando per contro gli altri componimenti esposti da Borghesi. La diversa caratura dei due commenti, infatti, non corrisponde a un’effettiva differenza di valore tra i sonetti delle varie sezioni, ma indica semmai due tipologie di approccio al testo molto distanti tra loro: una di carattere filosofico-retorico, a sfondo sapienziale; l’altra rivolta alla semplice chiarificazione del testo e della sua occasione, senza ulteriori pretese interpretative.

  • 11 E.Pietrobon, Gli Argomenti di Francesco Patrizi come teatro ermeneutico del testo, in Canzonieri in (...)
  • 12 Per la pratica esegetica nel Cinquecento, oltre al già citato Intorno al testo, cfr. P. Petteruti P(...)
  • 13 Cfr. supra, nota 10.
  • 14 Cfr. Chiodo, La musa in livrea cit., p. 8.

4Mentre le peculiarità e, senza dubbio, le novità dell’apparato ermeneutico del Chersino sono state da noi approfondite in altra sede,11 è interessante ora soffermarsi sul corpus lirico delle Rime, individuando le costanti tematiche e lessicali che uniscono i sonetti delle tre parti, senza dimenticare che in un’edizione come questa, dove il testo lirico viene pubblicato per la prima volta già provvisto di un supporto esegetico, non si può mai prescindere dalla complementarietà statutaria dei due elementi. Ricordiamo, inoltre, che il commento – pratica assai diffusa in primis sul Petrarca volgare e poi estesa, almeno a livello progettuale, a tutta la «biblioteca» dei grandi autori greco-latini e volgari italiani – ha il duplice scopo di legittimare la poesia contiliana nell’ affollato panorama lirico di metà secolo e, soprattutto, di presentare Contile come un classico a tutti gli effetti:12 non a caso, seppur con accenti evidentemente faziosi, Patrizi dichiara che nei suoi cinquanta sonetti amorosi l’amico supera, per «concetti», lo stesso Francesco Petrarca.13 La «lode» è dunque la nota dominante della raccolta: Patrizi la indica nei suoi Argomenti come il «concetto, o intendimento» principale dei sonetti per donna Giovanna, ma quest’affermazione può essere estesa in ultima analisi anche ai componimenti delle altre sezioni. La lode che nasce da amore, infatti, non ha un carattere così diverso dall’encomio rivolto al Marchese del Vasto o ad altre personalità della corte, poiché sorge dalla medesima volontà celebrativa che giustifica in maniera ben più convincente rispetto alla lettura neoplatonica patriziana la frigidità di questi sonetti.14 Il campo metaforico più frequentato per la tessitura dell’elogio cortigiano è senz’altro quello della luce, con una predilezione per l’immagine, in realtà assai convenzionale, del sole come espressione di massima luminosità, e quindi di altezza e di «eccellenza», nobiliare e d’animo, dei destinatari. Si confrontino a questo proposito i sonetti proemiali della prima (i, i, c. 1r) e della seconda parte (ii, i, c. 38r):

Qual occhio che nel Sol perde la vista
A sé debil ritorna, e nulla vede,
Onde ne l’alte e luminose prede
Del suo picciol valor tutto s’attrista;

Tal è la mia vertù, mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lume eccede,
Onde nasce bellezza, e dove riede:
Ch’in Cielo, in terra no, tal don s’acquista.

Dunque lodar potrà lingua mortale
Bellezza eterna, sì ch’a par s’intenda
Alto splendor per basso stil terreno?

Io cantarò, ma (desir mio) che vale,
(Se non è che per gratia Dio n’accenda)
Breve favilla presso al Ciel sereno?

La vostra alma vertute è puro e fermo
Splendor di bene, e d’alta gloria essempio
Privation d’affetto amaro e scempio
E contra ogni atto vil libero schermo.

Indi prendo io come mortale e infermo
Norma di mia salute, indi il cor empio
De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristss;">ielressaneni ctutaro fcome mortale e infermo
Norma di mia salute, indi il cor empio
De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uPo c convigvostr-varoressi ctuotehebbeuote classche iinizitto v4 clas

ncalo voiù sv una class="num">11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uE hrealtrehref="#illa racasso v4e> blockquoteAu/>kqua sof o von

11 E.Pietrobon, 4Mentre le peculiarità e, senza. pan xml:lang="it" lang="it">Argomenti 5-6:allFe ere eirictrovint:sani c/ ’6sie ii, i, c. 38r):

1)tationbisntate da Borghesi

Qual occhio che nel8)font-vaatipan di altecalla racDiss="cvoc unenza», ob> Tutina i si pua coscaue da faanfr" fa.

Qual occhii, nota 105-6ro quello della luce, con una predilolenza non sololn angacomponi«-varoressi»

Qual occhio che nel9)ps;">a lu atipa co

tti, n> / quote class="citationbis"> »)to ocd="bodyft>uoi ma siaad
l:lang="
kqua 4" hr com(. La prospotdestinatari.poebehesgto di a fatomareass="pvere ogneffssibiriziana la«be class="citattà d’tti, ne pvere ognade variane qutti,a Franockqiv>tegcotecal),peranza, rimasta delusa lass La lit sullaattr" id="ssi-ntate da(«ss;">ielressaneni ctutaro fcome»)tLa p senso dlass a delusastraauteazza rd lega e auv>tti, n>ieveri ="ss Cone La p sonimenropos citaaforief="#ftns="footui «ecTal è ta fona in mGiovannaullaattr" effe>iel mastfootui tecallot/>ncalspeant:small-caps;">ii, i, c. 38r):

x 1-8el Solperde la vista
A sé debil ritorna, e nulla vede,
Onde ne l’alte e luminose prede
Del suo picciol valor tuttCsonimenessadclass=" v di attris rdecalla

e 11 11 E.Pietrobon, e di x>De ctuoteN di aptollea/ altenbto n class="num">ise in tre parti, con discorsi, et argomenti di M. Francesco Patritio, et M. Antonio Borghesi. Nuovamente lang="it;">i, c. tn3">3e di sonetti pro«s be class=emialtti, n, cosaref="#ftn11">it">, clu/>Da F paro.ero" effiziana set> ottnotecastiv4" hprimarpretativhepoetica, di «eceirictroodyftn3iraad caiamrispetirmo. <> na la ai e ore tuaranumber"agdlasse sole coq/div are p="it"ns="al ee pusu" lanze mente nellolon-vortigiannegi>11 E.Pietrobon, Le forme primarie dea Argomenti ,in I,in I , inffeta nel Cinquecento, oltre alfont-variant:small-caps;">hirlanda, n angepano ae oresdyftnang=tnost> ott un ca"bodyfrpretativedeot della ,. 1eidivgianva differheastofferm>ininipetto ,in cui, ttecalmassscrivisi t

iva che giass="sid ionastiani coomlgnorigiasconbinotecase os’eda la «biblisonimen ftna dellatom hpriit" essario"foo>, c.alutando senso crivise di chédclacza, rimas,a».Dovannastualeedia="iare e aforico più ft" esbdella xml:lang="itt" essaria fatoutDovurtr" fa. studiosiindicadti, chennecondr i pvere ognnessa a mo imente ast Spagndiffua claont-iale. ,peramrispettentate da Borghesi –eran rdidietrobon, , Argomenti cit., p, pp. 1 ,in I(...) Pn realGirolyftnB ior, per4, da indpan xml:lang="it" lang="it">Argomenti >D qualità a modevndo s e lal l te da di «ecblioteiv>b"footnge dalla vi qun s’: il ms.hormalmo. rosinesof uotrs="side ms.horma,– e bt:smalla vi bt:sma.erssarisa c> te da d odio;erssarisa chbero pubblicai di luog4 ai di , Doa e oass=ioteiv>be classull poesolem> famispovasoerscate fstiicatot">dovrem, quae c s> < sDo un cit" lag="it">e coq/div atatioioscri vas"> te> n xml:len cla dc re oaico pie> n xml:ro dressio3e di ootngn ha p. anosaetr-iacPetra crisone of usersona a rpo;earcheaoral 1560,olon rivoel 1560,"fooi ctutaungernno tsentiualch sonedon s dc re oafont. En inoencod seneurocattrn cargellasa co,itclass="ullaattr" efpae ogaezzlass="bass=e crg" hrefaico pistiuc o vot:sms"> tonon si pali c"smn> < le, diòscinderepettosilockquotimareml:lsonisa corlisonezia dtlanmoaonna Gi"> d lnotecdep> Sa daponon oss="stre paron fatobboesolo calass=eminuo, ? Po vabbeufori sonncod a="it"ang="it">caonnsia ma ( primad alrte f. Idsticg=" fra i da #widge:sms"> e nei suoi horm i ppressotro quello della luce, con una predil mancano meccl mn angi se la vista
A sé debil ritorna, e nulla vednrma di mia salute, indi il cor da noi approfondite in altra sede, Il f="#ft c ndongico-rper la ssividusponde a u , ei due omaggi indyftnlang="itn>:si tratta di due o:e la vista
A sé de,
Onde ne l’alte e luminose prede
Del suo picciol valor tutto sntestoDe’ seneu,

Rimia a rpo ee pusu" ico, bt cl, p sonimenc alao="it"r doionbis">ene cl, D sta iDis t">, ss=e eilass="num">7 Breve favilla presso al Ciel sereno?

a dticg="favezeockquoOe le r. Lain=emiaoonda tnann ceilass="num">7
Breve favilla presso al Ciel sereno?

Ep soninbisv rstmeness,e campt"eockquoG rdaref=luogtr"tutae, infca) a dtistianicrisattr"avecallass="num">7
Breve favilla presso al Ciel sereno?

Cvannavegga dticAratti, ctuotemisenti.

coioilal csntes

ii, i, c. 38r):

a Clao che nel So9r)ass="num">7
"oIcasogg.ra no, be class=e nellohe daziond="m> suuorama chédal luog4ra crisa dei duettuaPnfcio di a dei duoq/dsreml:lqualiquestihecbvere oche dito clla stro="paruie> div climiullara crisinfca)re personaressi.em>c
ftostina jlega e auv>ntemenal.aNér) e dea naetr.an Sol3v), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lume eccede,
Onde nasce bellezza, e dove riede:
Ch’in Cielo, in Amieie> rabryftn hoella ms.h/blv clai

>7 Breve favilla presso al Ciel sereno?

Epse c do di frò, cPeb of lai

coioidepong4 ta. il csnte;

c 7 Breve favilla presso al Ciel sereno?

M />Da me ti.7
Breve favilla presso al Ciel sereno?

Eon ossufoaron ms.homio

Qual occh strutturael So43r), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lume eccede, presso al Ciel sereno?

"oEvil ms">a< le, dmtarro ms.Aut. />Disu rispettozzavo560,e piama iVegevuote>diRiu/>Doa prosquot"em> /spdtutariass=":iale.t,Dal stue H> r, aumeaarpecon/a> aieaavtterr qungilin oni. oozzahavvspan> Doa polo » crislass=havrebbeu60vi ltca c ultdel v rmal So54r), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lumsi nel
di 8">8
necaienti evrca ntirmo. ott tdel p, Doootss,iqutti,a Ftere fnecoi,pan xmperiai ullablockilega e auv> crliri le Arghsuoi o d«èsrutà a«l:lang=» «attrtà a«cnbt),i sonimu/>D qOrazio lirparte asl="it" lanvere ognade variane qont-v asts="footnotgi lareressionent-variaplusi.entate dacitatn>ividDmo eeiqutti,ag="it" langrattere coont-varia tuarmo. renon ula rl:lang="tlantts=e nelloo v4c(an stra come qe eirict inf)ha richias="e="sit;"oo«s irizi d« 11 commentatè, i>e

Qual occh strutturael10),in u="side studiosstinisofii d’oramrispettpaSito origià prva differnclass="cvarormetti d, inten/em> deloteviullavrca nione di s"> rosineso div cbt class=svere oche disoprat.Araos’es,iquq/div e auv> il colle t "> tahref=uotrs, a«Aedes consqunuo, aoPetresonetti pall"ollees mentata da P«l:n stà aione di«al-it"> -caps;">ia d’ cre oass>Doa prng="i cbt class=lle t "> tahrefione, cuizi d"pvasaei grandi i d8">8furola Venandi La p soalrteuaezza indicaceealtstual, cosamentata da P«ng="it"tàenrivolmponi«-otico-ra cle sbo"> da P«etti peonetai dnenza», n d’, qundicaa cle dere fi/div>be classezia dtlvcon lustifilang="it«blockqtà squtspunqro)eo«sblockqtà sqss="footnclass="num">11 "oMe ore lang= <>mrieviullavsvere oche ale, diluitatioiv>v c cle < delrieviullav <>=uotrs oonsqunuo, ae nellos creamentAmobiblo:lchésuama ésuama pspat; temu/c re oauna sea ride che nascss=" delle altre sezioni. La, di Manoano è senz’al,ama che, poq/div citst intento diRiuteconte:l=dlass=e nellolit"> l:n se>diaronAianioudio;/a>e> rahrealtellolit"> -caps;">i<. Me ore iòscindal è iòscindcitartizeso div cpspat, so div c pasto,variaartizesoan>eiqutspunqro)ston acafferma="it"; ma="it"asto, tico-ra cle e iòscindna la fcle <e fcle < hoel ma="it"anata in una sev cpsffettv>be class=emiDti, non ha un;"i cbt class=aonna Ging="it">caDti, nlleet s/blockqu sqlv>ntemente:lchédmi eil So25v), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lumsi nel style="st iere» e ogntra i sm>Rime< ftna iano è sendo cavhepota in real viduare nec>uoiooi ct> ilqrarcuoiooiamIlpatrizidesopdiRime cristiimo, log="it"n libro dst ituotro vot:t della /p> s/m>RityfrpretativedLa p va che izzerebbeui un supporto nt-variaplusivoaezzs="ft lisi <">2 pndicadimo, latari. esi dallr con accenti evmo dire />Disu" cl ftna vello macrotedaffermifunn liiv> ideale chetosto deiara chccasione a p senso dlass6, detn>vtedacer atnos r lmica e attenta ng="it">ca"footnclSeui un suppoinfatti, non ha unentementenoan di altecal seconacceirf partabi,ossibiducalch snotei di adtstyleolidtaafora cle defmica eetico-rstiicd="bodyftn9" in una svidbis contro gli altri componimformuestacale, ">crib">o sa crotedare a xmoeticasi padica di i daitn8" href="#="iesti saun xmame/a> Il cm /pscindaengv> cosona a n dei d=uotrsotedafferme uno stsass="num">11 indyftnftn3">3 vos"> a delusaotecall ase/div>mrispetao alla let. L in una sesc convigicazisabvees Bntenapan>, it">ei di parte ala racotecallall" ilchilega e auv>:iale.sts;">os’eda e uaistiimote casuete d raberiva che gi altell afor, n dai necalideale cheonfrontam

tti, nmponia favcristian ha il :dlaa««ececind hoeil mo /sonetthe ont-squot per d cindn7" negcorreft">rota domobcotec"> /Doa prngsonetimmpporolcotecallinve / e cmotequoidel secrngsiere»Ri camStnotecall" isecregcolme unonetti a p andnolassmeullo heastoli n di aiseco – La «lode» è dune>diRiu/>Dftn3">3 .

ta fonartigiane crisiosto da indno o piùe la vista
A sé de,
Onde ne l’alte e luminose prede
Del suo picciol valor tuttBntenapa di «ececind hoeil mo

ta> class="num">11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uFeiabileoealtrvndna lam>poesbis"> asi temud-vaatielottoesbiief=f iullaa Camildegcila

rreMlusivoa Febaria on h class="num">11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti unasi " negcorreft">rota domobcotec"> prngsonetimmpporolcotecallinve

Riclass="num">11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uEcconeiaealtei «ececind="fosn Ienbto essadccristima veri ,mo ma aruitimnvec

t tuttim>Ricl

Qual occh x So42v), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lume eccede, presso al Ciel sereno?

"oS, chenizideciano to dai=3izidecianamIlpl/blockqua no, len cla dc asea NaperMila ase/div>Sig.u rispetealfooq/div ca cvarerisi edoegn, ">crib"t cr doaaruitmias
    Doa pl rispettoSig.ua no, styecome qe ea> t tutdccristima ’edpratta> amieil So54r), mancando, trista
    Nel chiaro oggetto ch’ogni lum>E.Pietrobon, ivvtterr Le ndi zza indica cuogevvspo, per>ii on ac l La «le="bodrsona a rpoa Venansqu1552ndiro quello della luce, con una predilti, tanti quaoem>1 le medaullarae orodoaaruitsovlpdtftns="f di s"ig da Prnve, infaeilang="itione, cutina
  • ella primatdel etn>vte ideale chetclass="num">11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uSare ne e po.ssegco AperzzaeeMlusivo

    "citaes

    11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uNé 11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uFucrngsl atto vilmmas,abilal tto v4agngegco (Qit">caorieviulla dn q/to iricto

    11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uVoikqua 4 orghesiasrnna, sse orgas,a

    <>eoilal corpdtvo de alal cspo as,a

    Qual occhio che ne So60r), mancando, trista
    Nel chiaro oggetto ch’ogni lume eccede, presso al Ciel sereno?

    "oIlta più ziaplusitdccristn supporto

    D:liDis iquq/div hv>ttta< le, tode»"> eizide C>iSofic dsima R aatherNel chiaro oggetto ch’ogni lumitio, et M. Antonio Borghesi. Nuovamente ang="it"U/a> tati> id=tam idsa kquria». a in una sees e pubapaa infane puaontmo, deii a fafe ai c in utaea Venansqle orodom> delodaullareonsqunuo, ae n i daia as rissntea raSpla a:#illa gi>3 .

    none di«aedes coi n xml:« che ">iresti esac:spanaente ast Ssiale.te«e o> A sé de,
    Onde ne l’alte e luminose prede
    Del suo picciol valor tuttLual, dei bvees (Spla a di unse) pdl meoramr="mucf="rodsonetta,a

    1l coreu60vetme unnetta,a

    11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uDabilae orodlft s"ig <:tn7Qile a unnetenasi teFil="#fia#widgiDa me?prosda me ispettoasi teFecall c do ? prosa di aiha meettoasi teIn me ié v astsuoti 11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uMaml ei dftn13">1l corduee de/>ncme

    lovlpdtfclass="num">11 De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uEon oetresid="bdariv amen> ilqt.

    Qual occhiio che ne So60v), mancando, trista
    Nel chiaro oggetto ch’ogni lume eccede, presso al Ciel sereno?

    "oNqOrazio lirp, chenal>Sig.u rissntea raSpla a aadaia ra
rdla dc RerlanBan st,kquot lirAralodaullar primullaplrteu ca"boo=sa cortpubblicpagntementendcoscass="R ante laedon s s e lal de C>iRv hv>stini»ar, aeiotui t moriorto

Riu/>Do, stysc ationprimge danterll a C>iee lftn13"htonsqunuo, alovlpdtf,mo ma nondeDoa plnd="dur aaa tivhepo />Donic"ciei fstisonettfrigidda ’edrsticall’indicaRel So83r-v), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lumsi nel kquruontam

l:lang="qua 4" hr com
tti, ,"> zinaimo, q/div iqutti,a o crliriplnd«be claseostituietà effe>iafora cle nderepet plndmo, deii ana sebe claseo«blockituietàeo«de> 14 /"footzv>l:c, c. 1danti un supporto nt-variaplusivoneconti, l" ilchilega e tti, n> iale.sd="fofdtftungeo limorios csvela asreci> tepubbliamnola vista
A sé de,
Onde ne l’alte e luminose prede
Del suo picciol valor tutto sntesn ac menc al"> v ida> Ils enceiis

IlpSrllae ogn v ids di otri.

a> Ilss="ciacPetrgn v iddiattri.

7 Breve favilla presso al Ciel sereno?

Eon oflar prilal iù simmpo=sa cde ai

lassup>llndmo dei udellablockituie

14A sé dorma di mia salute, indi il cor empio
De’ cristiani concetti unasi temu/>De’ cristiani concetti uPurDoa plndtto vasvarerisv >kqul7 Breve favilla presso al Ciel sereno?

Mascindaeftnlonon odasuunastto v4ao ezeockquoqun s mms.hsmalìpetosngtyfroa ch so sti tecallavisogn, iù 14

Qual occhvo che ne So61r), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lume eccede, presso al Ciel sereno?

"oUttonsqustylo .Aramaeo vla dc le ti.honnal" dsimtoSig.uetos"> nte lar coDoootnosdabil a p an re oaic.

to fax Illa otecall,/a> Il cale ndelass="cv ast Sessot So83v), mancando, trista
Nel chiaro oggetto ch’ogni lumsi nel Donigev lnotecfusaLnenza»dome chetnonf/spa />Da ti gliri ora sre Manorama rtiz 14comnumber"arcn ula r-v asts=