Navigation – Plan du site

L’egloga rappresentativa nel Quattrocento: un’ipotesi storiograca?

Cristina Montagnani
p. 33-45

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2020.

Aperçu du texte

In realtà avevo pensato di intitolare questo mio intervento Per un fantasma che resta: l’egloga rappresentativa nel Quattrocento; poi ho pensato fosse preferibile una forma più neutra. Premetto che non orirò fulminanti scoperte, o acquisizioni sensazionali: mi limiterò a ragionare su dati noti, ma spesso sovrainter pretati, quando non inter pretati in maniera scorretta.

La prendo alla lontana, dall’inizio del secondo prologo del Sacricio di Agostino Beccari, scritto in occasione della rappresentazione dell’estate del 1587, a Sassuolo, vv. 1-24:

Già gli antichi poeti aveano in uso
d’introdurr’i pastori, che a vicenda
scopriano i propri amori, quando col canto,
quando col suon de la sampogna, forse
per mitigar il duol, le pene interne
ch’apportar suol Amor seco e i suoi strali.
E ciò da un sol pastor, talor da due
in versi si spiegava, o in dolci note,
[...]
e quindi altro piacer mai non si trasse
che col legger talor simil poemi.
[...]
Però il poema pastoral si vede
a questi dì da quel costume an...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Cristina Montagnani, « L’egloga rappresentativa nel Quattrocento: un’ipotesi storiograca? », Italique, XX | 2017, 33-45.

Référence électronique

Cristina Montagnani, « L’egloga rappresentativa nel Quattrocento: un’ipotesi storiograca? », Italique [En ligne], XX | 2017, mis en ligne le 01 octobre 2020, consulté le 11 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/italique/450 ; DOI : 10.4000/italique.450

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page