Navigation – Plan du site

Le Eclogae di Pontano e la bucolica in volgare di Sannazaro

Vera Tufano
p. 73-94

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2020.

Aperçu du texte

Le Eclogae di G. Pontano rappresentano un prodotto letterario di grande interesse nel panorama della bucolica umanistica. Composte con tutta probabilità in momenti distinti della vita dell’umanista, conoscono una storia editoriale piuttosto tormentata. Le prime quattro vengono inviate da Pontano stesso a Manuzio nel 1503 (per comparire poi nell’editio princeps Aldina del 1505). Di lì a poco il poeta muore e nel 1505 Summonte aggiunge alla raccolta di ecloghe altri due componimenti che appaiono nell’edizione napoletana delle prose pontaniane del 1507. La raccolta porta in sé le tracce di questa ripartizione, in quanto gli ultimi due componimenti appaiono ‘estravaganti’ rispetto agli altri quattro. La Monti Sabia ha dimostrato anche sulla base di testimonianze manoscritte che il quinto componimento, la Coryle, è il prodotto dell’assemblamento frettoloso, e non completamente rinito, di due componimenti diversi, lavoro che probabilmente non fu completato per il sopraggiungere della mor...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Vera Tufano, « Le Eclogae di Pontano e la bucolica in volgare di Sannazaro », Italique, XX | 2017, 73-94.

Référence électronique

Vera Tufano, « Le Eclogae di Pontano e la bucolica in volgare di Sannazaro », Italique [En ligne], XX | 2017, mis en ligne le 01 octobre 2020, consulté le 16 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/italique/454 ; DOI : 10.4000/italique.454

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page