Navigation – Plan du site

Prima esplorazione di una linea di ricerca: la bucolica come veicolo di tradizione indiretta

Claudio Vela
p. 173-193

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2020.

Aperçu du texte

Il fenomeno che voglio prendere in considerazione non è specico della poesia bucolica, non ne costituisce un elemento strutturale esclusivo. Ma poiché si può manifestare anche nella bucolica, e storicamente vi si è manifestato, non importa quanto marginalmente o sporadicamente, mi è sembrato che potesse essere fatto oggetto di qualche indagine dedicata, che almeno una prima esplorazione, come suggerisce il titolo del mio intervento per doverosa correttezza (davvero solo di una prima esplorazione si tratta), potesse essere tentata. Tanto più che l’argomento, anzi meglio l’indagine, si è venuta quasi d’obbligo a porre all’intersezione di alcune diverse linee delle mie ricerche: la tradizione indiretta nel suo lone principale per quanto riguarda i testi letterari italiani, dunque soprattutto i ‘trattati grammaticali’ (per usare un’etichetta imperfetta ma comoda) come, per stare più direttamente ai miei studi, le Prose della volgar lingua del Bembo; la poesia per musica tra Quattro e ...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Claudio Vela, « Prima esplorazione di una linea di ricerca: la bucolica come veicolo di tradizione indiretta », Italique, XX | 2017, 173-193.

Référence électronique

Claudio Vela, « Prima esplorazione di una linea di ricerca: la bucolica come veicolo di tradizione indiretta », Italique [En ligne], XX | 2017, mis en ligne le 01 octobre 2020, consulté le 18 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/italique/461 ; DOI : 10.4000/italique.461

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page