Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
II. La pensée républicaine italienne et ses modèles étrangers

Il progetto repubblicano di Giuseppe Mazzini e l’Inghilterra: dalla democrazia etica alla democrazia sociale, 1845-50

Le projet républicain de Giuseppe Mazzini et l’Angleterre : de la démocratie éthique à la démocratie sociale, 1845-1850
The republican project of Giuseppe Mazzini and England: from ethical democracy to social democracy, 1845-1850
Marco Barducci

Résumés

Au cours des quinze dernières années, l’image de Giuseppe Mazzini (1805-1872) est passée de la figure tutélaire de l’Unité italienne à la stature de penseur européen de la démocratie et de la république. Une grande partie des études sur le républicanisme démocratique de Mazzini a mis en évidence la dimension éthique et religieuse de son projet politique. Dans cet article, nous défendons l’idée que depuis la publication des Thoughts upon democracy in Europe (1846-1847) jusqu’au Mazzini’s Manifesto (1850), le langage de Mazzini adopte un sens plus distinctement social tout en n’étant jamais socialiste. Bien que ses origines intellectuelles soient à rechercher dans sa période d’exil français – quand Mazzini subit la fascination des idées politiques de Buonarroti, Lammenais, Leroux et Saint-Simon –, c’est surtout pendant les longues années vécues en Angleterre (1837-1848, 1851, 1857, 1860) que le lexique républicain et démocratique de l’exilé, où les termes d’« association », « peuple » et « nation » occupent une place centrale, prend un sens fortement social.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Prima della scomparsa avvenuta nel 2012, Mastellone mi aveva confidato l’intenzione di scrivere un (...)

1Nel corso almeno degli ultimi quindici anni, l’immagine di Giuseppe Mazzini (1805-1872) da figura tutelare dell’unità d’Italia ha assunto la statura di pensatore democratico e repubblicano europeo. A tale ampliamento di prospettiva hanno contribuito dapprima le ricerche di Salvo Mastellone1 in Italia e successivamente quelle di Jean-Yves Frétigné in Francia e di Eugenio Biagini in Inghilterra.

  • 2 S. Mastellone, La democrazia etica di Mazzini (1837-1847), Roma, Archivio Guido Izzi, 2000; Id. (a (...)
  • 3 J.-Y. Frétigné, Giuseppe Mazzini: Père de l’unité italienne, Paris, Fayard, 2006, cap. 7; Id., Giu (...)
  • 4 Giuseppe Mazzini & the Globalisaton of Democratic Nationalism, 1830-1920, a cura di C. A. Bayly e (...)

2Partendo dalla costatazione che Mazzini passò la maggior parte della propria vita in esilio tra la Francia e la Svizzera (1831-36, 1849-50), e soprattutto in Inghilterra (1837-48, 1851, 1857, 1860), Mastellone ha indagato la partecipazione del patriota italiano ai dibattiti politici di questi Paesi, dedicando un’attenzione particolare agli scritti apparsi durante l’esilio londinese. Nella capitale dell’Impero britannico, a partire agli anni Trenta dell’Ottocento, Mazzini fu testimone del dibattito politico animato dal movimento Cartista e dagli intellettuali radicali favorevoli alle classi operaie. Attraverso la collaborazione alle riviste e ai giornali democratici di lingua inglese, Mazzini sostenne la causa della rivoluzione del popolo italiano contro l’oppressione austriaca e si confrontò, tra le altre, con le dottrine del comunismo tedesco di Engels e Marx, del socialismo francese di Saint-Simon, Fourier e Blanc, ed infine dell’utilitarismo di Bentham che attraversava in profondità la cultura politica inglese2. A partire dal 1837, Mazzini si rivolse direttamente al pubblico anglofono, scrivendo in inglese oppure traducendo in inglese gli articoli che aveva precedentemente pubblicato in Francia ed in Italia. Attraverso un intenso studio degli scritti di Mazzini apparsi in Inghilterra, Mastellone ha inaugurato un filone di studi che mira a interpretare le dottrine repubblicane e democratiche dell’esule italiano alla luce del contesto intellettuale, politico e sociale europeo. Seguendo il percorso avviato da Mastellone, Frétigné è partito dalla costatazione secondo la quale Mazzini, il «proscrit volontaire de son époque», sviluppò una concezione di repubblica nazionale e democratica fondata sul popolo nel corso del suo esilio francese e inglese3. Se Mastellone ha sottolineato il carattere etico del progetto democratico mazziniano, in quanto fondato sul suffragio universale e sulla funzione emancipatrice dell’educazione, Frétigné ne ha messo piuttosto in evidenza la dimensione intimamente religiosa. Da parte sua, Biagini ha spostato l’attenzione sulla dimensione globale e trans-nazionale del concetto di «nazione democratica» teorizzato dall’esule italiano4.

  • 5 L. La Puma, Pierre Leroux e Giuseppe Mazzini. Dal Sansimonismo alla democrazia rappresentativa, in (...)

3La maggior parte degli studi sul repubblicanesimo democratico di Mazzini ha messo in evidenza la dimensione etico-religiosa del suo progetto politico. Anziché concepire il governo del popolo tramite il suffragio universale, l’educazione ai doveri e ai diritti della cittadinanza e la libertà delle nazioni europee dal dispotismo dei regimi monarchici come dei fini in sé, Mazzini li considerò delle fasi del più ampio percorso che avrebbe condotto all’emancipazione dell’umanità. Ciononostante, nei suoi ultimi studi sui linguaggi e sui concetti che ispiravano il dibattito democratico europeo di metà Ottocento, Mastellone aveva suggerito che di fronte a visioni differenti del processo di riforma democratica delle nazioni europee, come quelle proposte in Inghilterra dai democratici sociali inglesi e dagli intellettuali europei in esilio, la filosofia democratica di Mazzini assunse una connotazione più marcatamente sociale. Quasi contemporaneamente, Leonardo La Puma ha osservato che il «socialismo mazziniano» si sviluppò sin dagli anni Trenta dell’Ottocento tramite il contatto con le dottrine politiche francesi, in particolare con il riformismo democratico e sociale di Pierre Leroux5.

  • 6 G. Mazzini, Scritti editi e inediti, Imola, Galeati, 1906-1943, vol. XI, p. 400.
  • 7 Cfr. Mazzini: la democrazia in Italia e in Europa (1845), a cura di M. Barducci, Firenze, CET, 201 (...)

4Non appena giunse a Londra, Mazzini s’interessò alle richieste di riforma avanzate dal movimento Cartista e dal 1839 ne discusse con l’amico Thomas Carlyle. Nel 1840, Carlyle aveva pubblicato Chartism, nel quale aveva considerato il Cartismo come l’ennesima manifestazione di un movimento storico che tendeva all’emancipazione delle condizioni sociali e spirituali delle masse. Mazzini rispose alle tesi di Carlyle nell’articolo intitolato Chartism, it is a revolt or a revolution?, pubblicato nel giugno dello stesso anno sul «Tait’s Magazine». Mazzini sosteneva piuttosto che il Cartismo era un movimento di riforma politica, nella misura in cui il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori era collegato al «right of participation in the political city»6. Nel 1845, Mazzini dette alle stampe il pamphlet Italy, Austria and the Pope, nel quale denunciò di fronte all’opinione pubblica inglese l’oppressione del popolo italiano da parte dell’Austria. Nonostante la notorietà raggiunta dall’esule italiano in Inghilterra nel 1844 in conseguenza del cosiddetto «Letter opening affair» (allorché Mazzini aveva ottenuto l’aperto sostegno dei deputati e dei Lords inglesi dopo che la sua corrispondenza privata era stata sottoposta a spionaggio), il suo pamphlet di denuncia della dominazione austriaca non ottenne alcun successo7. George Julian Harney, editore del «Northern Star» (rivista ufficiale della Democratic Association) e simpatizzante della causa italiana, tra il luglio e il settembre del 1845, decise tuttavia di pubblicare sulla sua rivista degli estratti di Italy, Austria and the Pope. Nello stesso momento in cui Mazzini descriveva ai democratici inglesi la condizione dell’Italia e auspicava un’insurrezione del popolo contro il nemico austriaco, Harney pubblicava sul «Northern Star» una serie di reportages del giovane Friedrich Engels sulle condizioni di The German Working Men’s Movement (13 settembre) e su The State of Germany (15 ottobre). Rivolgendosi ai lettori inglesi, la cui maggioranza era iscritta alle associazioni democratiche e operaie, Mazzini parlava di rivoluzione del popolo italiano e della nascita di una repubblica democratica, mentre Engels affermava che in Germania l’unica forma di democrazia possibile era quella del comunismo.

  • 8 «The Northern Star», 4 marzo 1846, p. 8.

5Dopo il 1845, Harney s’impegnò attivamente nella creazione di una nuova associazione composta dai rappresentanti dell’Inghilterra, della Germania, della Francia e della Scandinavia. L’associazione si chiamava Fraternal Democrats e aveva come fine la promozione in Europa di una democrazia sociale. In seguito alle notizie dello scoppio in Polonia di un’insurrezione contro il governo della Russia, il 14 marzo 1846 il «Northern Star» si schierò apertamente in favore del popolo polacco pubblicando il Manifesto of the Polish Government of the General Cause, promulgato dal governo provvisorio di Cracovia il 22 febbraio. Il cosiddetto Cracow Manifesto invocava il sostegno dell’Inghilterra alla lotta di liberazione dalla Russia, ma il suo programma politico aveva una finalità essenzialmente sociale. Esso richiedeva l’abolizione di ogni forma di privilegio, la creazione di una comunità «where each shall enjoy the goods of the earth according to his merit and his capacity» nella quale «[t]he nation shall have the absolute property of the land, which to-day is only enjoyed by some»8.

  • 9 Mazzini: la democrazia in Italia e in Europa, cit., pp. 37-38.
  • 10 S. Mastellone, La nascita della democrazia in Europa, cit., p. 62.

6Mosso dalla volontà di trovare un’ideologia alla quale ispirare la nuova associazione dei Fraternal Democrats, sulle colonne del suo giornale Harney promosse un dibattito sui temi della democrazia, della repubblica e della riforma sociale attraverso la pubblicazione degli estratti di Mazzini sulla democrazia del popolo, dei reportages di Engels sulla democrazia del proletariato e del Manifesto polacco che auspicava una rivoluzione anti-aristocratica e la redistribuzione della terra al popolo9. Nel corso del 1846, sia il «Northern Star» sia l’associazione di Harney si allinearono, seppur transitoriamente, al programma politico-sociale delineato dal Cracow Manifesto10. All’interno di tale contesto, Mazzini dovette pertanto confrontare la propria visione etico-politica della democrazia con dei temi essenzialmente sociali. Di fronte all’evidenza dei conflitti sociali e delle ineguaglianze nella redistribuzione della proprietà che scaturivano dallo sviluppo impetuoso del capitalismo industriale e dalla nascita della «classe» operaia, tra il 1846 e il 1847, Mazzini abbandonò una visione principalmente politica della repubblica e della democrazia, e cominciò a dedicare una maggiore attenzione a temi quali l’associazione tra operai, intellettuali e produttori, l’eguaglianza delle condizioni, l’educazione come strumento di miglioramento della condizione sociale oltreché morale delle masse e la redistribuzione della ricchezza.

7La tesi sostenuta nel presente saggio è che dalla pubblicazione dei Thoughts upon Democracy in Europe (1846-47) fino al Mazzini’s Manifesto (1850), il linguaggio di Mazzini assunse un significato più distintamente sociale benché mai socialista. Sebbene le sue origini intellettuali risalissero al periodo dell’esilio in Francia – quando Mazzini subì la fascinazione delle idee politiche di Buonarroti, Lamennais, Leroux e Saint-Simon – fu soprattutto a contatto con il contesto inglese che il lessico repubblicano e democratico dell’esule, nel quale un rilievo centrale assunsero vocaboli come quelli di «associazione», «popolo» e «nazione», assunse un forte significato sociale.

8Nel numero del «Northern Star» del 25 luglio 1846, Mazzini lesse l’Address of the German Democratic Communists of Brussels to Mr. Feargus O’Connor firmato «Engels, Ph. Gigot, Marx». Dall’esilio di Bruxelles, Engels e Marx speravano di dettare la loro linea politica ai Fraternal Democrats e al loro leader Cartista nonché direttore del «Northern Star», Feargus O’Connor. L’Address of the German Democratic Communists affrontava la questione democratica da una prospettiva sociale: «Now the great struggle of capital and labour, of bourgeois and proletarians, must come to a decision». Engels e Marx proponevano un’organizzazione della democrazia basata sulla People’s Charter, attraverso la quale «the working class will become the ruling class of England».

  • 11 G. Mazzini, Scritti, vol. XXX, p. 103.

9Mazzini non era tuttavia favorevole né al governo del proletariato né della «casta» degli industriali, né tantomeno egli si considerava un liberale o un sostenitore della «middle class». Mazzini auspicava la creazione di un governo democratico e repubblicano in cui la sovranità apparteneva al popolo ed era esercitata dai suoi rappresentanti in parlamento. Per tali ragioni egli decise di marcare le distanze dai Fraternal Democrats e dalle dottrine socialiste che ne avevano gradualmente assunto la guida ideologica. Con tale proposito egli scrisse una lettera a John Saunders (1810-1895), direttore del periodico democratico «The People’s Journal», nella quale gli proponeva di pubblicare una serie di «pensieri» sul «democratic movement on the Continent»11. Tra l’agosto 1846 e il giugno 1847, il giornale di Saunders pubblicò otto articoli «upon democracy in Europe». Mazzini, che si rivolgeva a un pubblico inglese in veste di pensatore europeo, vi espose una visione democratica che si componeva di una pars construens, nella quale egli illustrava il contenuto etico, religioso, sociale e cosmopolita della sua dottrina (articoli 1, 2, 7), e di una pars destruens nella quale egli definiva il carattere etico-sociale della democrazia per contrasto rispetto all’«utilitarismo» ed al «materialismo» dei socialisti francesi (Fourier, Saint-Simon, Blanc) e dei comunisti tedeschi (implicitamente Engels e Marx). Le argomentazioni sviluppate da Mazzini nei suoi pensieri democratici non riguardano più esclusivamente l’Italia né sono più strettamente politiche bensì si connotano in senso sociale: il rapporto tra popolo e democrazia è concepito attraverso l’utilizzo di linguaggi sociali europei, in particolare nei termini di una contrapposizione tra proletariato e borghesia che era stata diffusa in Inghilterra principalmente dai socialisti francesi e dai comunisti tedeschi.

10Mazzini esordiva il primo articolo su The democratic tendency of our times (29 agosto 1846) con un’affermazione sorprendente: l’ascesa delle classi popolari («popular classes») che ambivano a partecipare alla vita politica era «a great European fact» (Thoughts upon Democracy in Europe, p. 1). Tale movimento, che Mazzini non esitava a definire «provvidenziale», incarnava la tendenza democratica del tempo e aspirava a creare un futuro migliore per «the working classes». Noi democratici, affermava Mazzini, protestiamo contro ogni ineguaglianza, e lottiamo per garantire una vita più agiata per «the labouring mass, who works fourteen or sixteen hours a day for a bare subsistence». Consapevole del fatto che l’emancipazione spirituale dell’uomo non potesse essere distinta dal miglioramento delle condizioni di lavoro e dall’educazione, Mazzini criticava con severità l’ipocrisia dei «moralists» della sua epoca (p. 7). La democrazia non costituiva per Mazzini né una «political idea» da diffondere presso le masse, né una materia «merely economical», né una combinazione di «suffrage, political securities, progress of industry, arrangement of social organisation». Essa costituiva piuttosto un «educational problem» che riguardava la relazione tra il cittadino e le masse: «When all men shall commune together by their families, by property, by the exercise of a political function in the state, by education – family, property, country, humanity will become more holy than they now are» (pp. 9-10).

11Nel secondo articolo (3 ottobre) Mazzini esaminava le «Two great doctrines» dei diritti e dei doveri. Mazzini definiva la democrazia come dottrina dei doveri. Il futuro della democrazia non era tuttavia la prerogativa di una sola classe, ma consisteva nell’«amelioration of all by all» attraverso la creazione di un governo repubblicano «consented by all, and acting for all». Mazzini non distingueva l’umanità «into distinct classes» (p. 12). I contrasti tra il «workman and his manufacturing employer» erano sociali piuttosto che politici poiché sia l’imprenditore e il capitano d’industria sia la «suffering class» costituivano tutti assieme le «working masses» e quindi il popolo. I veri democratici, secondo Mazzini, adottavano la dottrina dei doveri (doveri verso l’umanità, la comunità, il popolo e la nazione) e si opponevano alla dottrina degli «individual rights». Quest’ultima era stata invocata da «the middle class» e dalla «bourgeoisie» per arricchirsi ed impedire alle masse lavoratrici di gioire dei frutti del loro duro lavoro e di ricevere una «gratuitous education» (pp. 20-21). Il padre della dottrina secondo la quale il fine della democrazia era di garantire i diritti individuali era Bentham (21 novembre). Mazzini affermava coraggiosamente che «St. Simonians, Fourierists, Owenites, Communists, all are followers of Bentham» (p. 22). La differenza tra questi autori consisteva solamente nei metodi suggeriti da ciascuno di essi per realizzare il principio supremo del «well-being, the greatest possible happiness». Secondo Mazzini, invece, la democrazia non poteva considerare l’interesse economico dell’individuo come il fine del governo, bensì come un mezzo, accanto ad altri, per migliorare la condizione morale del popolo.

12Il quarto articolo apparso sul «People’s Journal» trattava del Saint-Simonianism (26 dicembre). Mazzini implicitamente vi giustificava la propria adesione alle dottrine di Saint-Simon e dei suoi discepoli all’epoca in cui era in esilio a Marsiglia. Allora aveva letto i loro scritti ed era rimasto impressionato «of their strength and of their rapid progress from 1830 to 1832». La loro formula era: «to every one according to the class to which he belongs, to each class according to the means or capitals which it possesses», mentre per Mazzini il motto democratico era «all through the People». Il Sansimonismo, come d’altra parte altre forme di socialismo come il Fourierism (6 febbraio 1847), s’iscriveva nella dottrina falsamente democratica dell’utilitarismo di Bentham nella misura in cui fondava l’intero edificio democratico sull’interesse individuale (p. 22). Mazzini ne traeva perciò la conclusione che l’idea «of social mission […] is entirely foreign to Fourier» (p. 45).

13Il sesto articolo, il più lungo e articolato dei Thoughts mazziniani, trattava del Communism (17 aprile 1847). Sebbene questa dottrina aspirasse a proporsi come avanguardia del pensiero democratico europeo, il comunismo non era altro che una nuova versione del materialismo sociale (p. 54). Esso prevedeva la creazione di un governo «at once proprietor, possessor and distributor of all that exists – funds, capital, instruments of labour, produce». Mazzini quasi profeticamente affermava che dietro all’aspirazione all’eguaglianza assoluta dei beni e alla pianificazione sociale della produzione e della distribuzione della ricchezza in base al principio «to each according to his wants», si nascondeva la «tyranny». Il progetto democratico e sociale mazziniano non mirava a rendere l’uomo una macchina per produrre: al contrario, attraverso l’associazione (principio questo che apparteneva «to all Democracy-Socialists») e l’educazione, esso intendeva valorizzare «his freewill, his individual merit, his never-ceasing aspiration towards new modes of life and progress» (p. 60).

14In risposta al quinto ed al sesto pensiero, nel mese di maggio 1847 «The People’s Journal» pubblicò due articoli rispettivamente di Hugh Doherty e Goodwin Barnby, i quali criticavano le riflessioni di Mazzini su Fourier e sul comunismo. Mazzini replicò a sua volta con A last word upon Fourierism and Communism (19 giugno), nel quale egli spiegava che il fine della democrazia era di armonizzare «individuality with the social idea», e che a tal riguardo il comunismo era il contrario del principio di associazione. L’«Association» tra «free individuals» e «free nations» era una delle tre parole sacre della democrazia accanto a quelle di «Tradition» e di «Progress». Era stata la voce di Dio, scriveva Mazzini, a suggerirgli «that the Family, the Nation, and Humanity are the three spheres through which human individuality must labour to the common end, the moral perfecting of itself and of others» (p. 79). Il comunismo, al contrario, si fondava su un’«arbitrary hierarchy of chiefs having the entire disposition of the common property: masters of the mind by an exclusive education; of the body by deciding upon the work, the capacity, the wants of each» (p. 83).

  • 12 S. Mastellone, Mazzini scrittore politico in inglese, cit., pp. 131-46.

15La categoria sociale di «association» (associazione tra operai e padronato, tra lavoro e intelletto, tra famiglie e tra popoli) divenne il principio attorno al quale Mazzini costruì il progetto repubblicano di un’Europa delle nazioni democratiche (8 maggio 1847, Nationality and Cosmopolitism) e organizzò, in collaborazione con John Bowring (1792-1872) e William James Linton (1812-1897) la People’s International League, della quale i Thoughts costituivano il manifesto ideologico12. Nei Thoughts Mazzini propose un programma sociale europeo: la democrazia doveva armonizzare l’interesse individuale con l’interesse collettivo, proteggere la libertà ma al contempo eliminare i privilegi e le diseguaglianze che impedivano di realizzare il progresso armonico della collettività.

  • 13 «The Red Republican», a cura di J. Saville, London, Merlin Press, 1966, p. xi; sulla vita e l’atti (...)
  • 14 S. Mastellone, Mazzini scrittore politico in inglese, cit., p. 236.
  • 15 «The Democratic Review», I (1849-1850), p. 68.
  • 16 «The Red Republican» (from n. 2 of «Le Proscrit»), 7 settembre 1850, pp. 94-95.

16In seguito al fallimento delle insurrezioni democratiche del 1848-49, nella primavera del 1850, di ritorno a Londra, il triumviro della Repubblica romana Mazzini s’impegnò attivamente nella fondazione di un Comitato Centrale Democratico Europeo. A tale tentativo di riorganizzare le forze che volevano abbattere i regimi oppressivi e dar vita a un’Europa delle repubbliche democratiche, parteciparono anche i proscritti Ledru-Rollin (Francia), Albert Darasz (Polonia) e Arnold Ruge (Germania). Il Comitato redasse il documento ufficiale della nuova associazione in lingua francese, e lo pubblicò su «Le Proscrit» del 22 luglio 1850 con il titolo Aux Peuples ! Organisation de la Démocratie. A causa dell’intervento di censura delle autorità, la circolazione di questo manifesto programmatico fu molto limitata in Francia. Par tale ragione il repubblicano inglese nonché fedele ammiratore delle idee di Mazzini William James Linton, decise di pubblicarne la traduzione in inglese su «The Red Republican», la nuova rivista dell’ala radicale del Cartismo diretta dall’infaticabile Harney, con il titolo di To the Peoples. Organization of Democracy, 7 settembre 185013. Il Mazzini’s Manifesto (così nominato da Linton) s’inquadra all’interno del più ampio dibattito avviato a Londra dai proscritti europei e dai democratici inglesi attorno ai temi dell’organizzazione delle forze progressiste e dei movimenti popolari. Mazzini si affrettò a redigere «a sort of conciliatory Manifesto» – come egli confidò a Ruge – in seguito alla lettura del Manifesto of the Red Republicans of Germany, apparso nel giugno 1849 nel primo volume dell’ennesimo giornale di Harney, la «Democratic Review»14. Mentre il Manifesto of the Red Republicans of Germany parlava di rivoluzione del proletariato, di abolizione della proprietà privata e di economia di Stato («We declare the supreme power of the State over all economical and social relationships as a ruling principle»)15, il Mazzini’s Manifesto proponeva un linguaggio democratico-sociale fondato sui principi di «Liberty, Association, Progress for all, through all», e mirava ad armonizzare «both individuality and society». Il Manifesto mazziniano credeva «in the holiness of work, in its inviolability, in the property which proceeds from it as its sign and its fruit. In the duty of society to furnish the element of material work by credit, of intellectual and moral work by education. In the duty of the individual to make use of it in the utmost concurrence of his faculties for the common amelioration». Mazzini auspicava l’intervento dello Stato democratico nella promozione delle riforme sociali al fine di creare un «social state having God and his law at the summit, the people, the universality of the citizens free and equal at its base, progress for rule, association as means, devotion for baptism, genius and virtue for lights upon the way»16.

  • 17 Classe, proprietà, democrazia in The Red Republican, a cura di E. Marino, Firenze, CET, 2008, p. 2 (...)
  • 18 Mazzini e il repubblicanesimo inglese, cit., p. 33.

17Attraverso la creazione in Europa di una federazione di repubbliche fondate sull’associazione, il suffragio universale e l’educazione gratuita per tutti, il Mazzini’s Manifesto ambiva al superamento sia della produzione capitalista sia della dottrina del socialismo di Stato diffusa in Inghilterra dagli scritti di Engels, Marx e Louis Blanc17. Alla finalità sociale del progetto democratico-repubblicano di Mazzini fu data particolare rilevanza da Linton, il quale, attraverso dieci Letters scritte tra il settembre e il novembre del 1850, decise di illustrare ai lettori del «Red Republican» i «Republican principles» del Mazzini’s Manifesto. Il proposito di Linton era di far comprendere ai lettori inglesi che le riforme sociali proposte da Mazzini e dai democratici europei erano ben distinte da quelle formulate dai socialisti francesi e dai comunisti tedeschi. L’urgenza di dare alle stampe le lettere repubblicane fu dettata a Linton anche dalla pubblicazione della traduzione inglese del Manifesto del Partito Comunista (pubblicato per la prima volta a Londra nel 1848 in lingua tedesca e perciò molto poco letto), apparse sul numero 21 del 9 novembre 1850 del «Red Republican» col titolo di Manifesto of the German Communist Party18.

  • 19 «The Red Republican», 21 settembre 1850, p. 110.
  • 20 Ibid., 26 ottobre 1850, p. 156; Classe, proprietà, democrazia, cit., p. 41.
  • 21 Ibid., 9 novembre 1850, p. 164.
  • 22 «The Red Republican», 16 novembre 1850, p. 172.

18Le Letters di Linton chiarivano il significato sociale del repubblicanesimo mazziniano. Nella prima lettera (21 settembre 1850), Linton affermava che «le cri de bataille du Républicain» era «Equality-Liberty-Humanity (or Fraternity)», dove l’eguaglianza e la libertà erano dei mezzi per portare a compimento il progresso morale e spirituale dell’umanità19. L’eguaglianza che noi desideriamo – spiegava il mazziniano inglese – non è «the equal condition of all men – as dreamed of by some Socialists», bensì l’eguaglianza delle condizioni di partenza che soltanto il suffragio universale poteva garantire. La terza lettera insisteva sull’importanza dell’associazione come principio che riuniva a livelli differenti la famiglia, la comunità locale e la repubblica nel suo insieme. Punto di partenza della Letter IV era invece la frase del Mazzini’s Manifesto che riguardava la sacralità del lavoro e della proprietà che ne derivava. Linton non criticava l’istituto della proprietà privata quanto piuttosto la sua predominanza rispetto alla proprietà pubblica. Egli sviluppava la concezione sociale della proprietà tratta da Mazzini proponendo la coesistenza tra proprietà privata e forme di usufrutto della terra (che apparteneva allo Stato) e di gestione pubblica del credito20. La lettera VI commentava invece l’affermazione secondo la quale il dovere della società era «to furnish the element of material work by credit, of intellectual and moral work by education». Educazione e lavoro, spiegava Linton, erano i due modi attraverso cui gli individui potevano progredire moralmente, intellettualmente e socialmente. L’eguaglianza delle condizioni di partenza si traduceva nella possibilità, garantita dallo Stato democraticamente eletto dal popolo, di accedere al credito (per evitare che le ineguaglianze legate alla distribuzione della proprietà privata ostacolasse la mobilità sociale) e all’educazione pubblica gratuita (per evitare che il progresso dell’umanità restasse la prerogativa dei ricchi) e religiosa (nel senso che essa mirava a collegare l’Individuo all’Umanità)21. Infine, le lettere VII e VIII toccavano, tra gli altri, il tema del rapporto tra individuo e Stato, giungendo alla conclusione per cui la riforma della società non poteva essere «entrusted to a caste, whether an aristocracy, a corporation, or a priesthood», in quanto essa restava una prerogativa del popolo22.

  • 23 S. Mastellone, Il lessico democratico europeo, cit., p. 97.

19Come emerge dall’analisi precedente, dopo la pubblicazione di Italy, Austria and the Pope Mazzini gradualmente sovrappose ai temi della liberazione italiana dall’oppressione austriaca e della creazione di una democrazia ispirata all’etica dei doveri verso l’umanità, un linguaggio più distintamente politico-sociale. Sin dal primo articolo dei Thoughts, la parola democrazia di coniugava in senso sociale attraverso la connessione con i concetti di popular classes, «working classes», «education», «progress», «association»23. Analogamente, il concetto di popolo era spesso legato a quelli di «nation», «middle class», «working class» e ancora di «association». Infine, l’aggettivo «social» precedeva le parole «arrangement», «good», «happiness», «idea», «labour», «life», «management», «mission», «organisation», «problem», «programme», «progress», «question», «renovation», «science», «state», «system», «transformation», «web». Mazzini non utilizzò mai la definizione di «social democracy» in rapporto alla sua dottrina, preferendo piuttosto parlare, come nel Mazzini’s Manifesto, di «social state».

  • 24 L. La Puma, Giuseppe Mazzini, cit., pp. 42-46.
  • 25 Ibid., p. 63.
  • 26 G. Mazzini, Thoughts, cit., p. 40.
  • 27 L. La Puma, Giuseppe Mazzini, p. 71.
  • 28 S. Mastellone, «Introduzione», in G. Mazzini, Thoughts, cit., p. xii.

20Secondo La Puma – uno degli studiosi che maggiormente ha sottolineato la dimensione sociale del progetto riformatore di Mazzini – le origini del linguaggio democratico-sociale dell’esule italiano debbono essere rintracciate nel periodo dell’esilio francese. Tra il 1831 e il 1835, Mazzini avrebbe assorbito i concetti di popolo, associazione, progresso e «epoca sociale» attraverso la mediazione dei seguaci di Saint-Simon e del gruppo dei cosiddetti Sansimoniani «dissidenti» (Carnot, Charton, Reynaud, Leroux) che collaboravano alla «Revue encyclopédique»24. L’influenza del pensiero politico francese su Mazzini, nonostante l’assunzione da parte di quest’ultimo di un atteggiamento sempre più critico nei suoi riguardi, avrebbe mantenuto un ruolo preponderante anche negli scritti del periodo inglese25. Partendo dall’analisi dei Thoughts (in particolare di quelli su Saint-Simon e su Fourier) e degli articoli pubblicati in Francia tra il 1840 e il 1846 da Leroux («a friend whom I honour and love», confidava Mazzini)26, La Puma ha tracciato un parallelo tra il democratico italiano e il riformista francese che verte sul primato dell’etica nella politica, sul fondamento religioso della democrazia, sul governo rappresentativo della nazione, sull’intreccio tra progresso economico e morale della società27. La tesi delle origini francesi del linguaggio sociale di Mazzini è apparentemente supportata da alcune conclusioni di Mastellone, il quale segnalava come tra il 1831 e il 1835, Mazzini non utilizzasse il termine di «démocratie» in quanto associato negativamente al «Jacobinisme», preferendogli i termini di «association» e di «gouvernement social»28.

21Questa tesi non sembra tuttavia tenere conto dell’evoluzione semantica del lessico politico di Mazzini che risultò dall’incontro di quest’ultimo con la realtà intellettuale e sociale inglese. Se si analizzano gli scritti di Mazzini che apparvero in Inghilterra tra il 1846 e il 1850, e se ne interpreta il linguaggio politico alla luce dei dibatti promossi dalle riviste del Cartismo e delle associazioni degli esuli democratici europei a Londra, è possibile individuare dei cambiamenti di significato delle categorie politiche utilizzate dall’esule italiano in rapporto al loro significato originale. Al fine di analizzare tali cambiamenti in senso sociale del linguaggio politico mazziniano ci soffermeremo qui di seguito sulle categorie di «associazione», «popolo» e «Stato».

  • 29 S. Mastellone, Storia della democrazia in Europa. Dal xviii al xx secolo, Torino, Utet, pp. 44-45.
  • 30 S. Mastellone, «Introduzione», in Democrazia e associazionismo nel xix secolo, a cura di F. Bracco(...)
  • 31 Dictionnaire politique: encyclopédie du langage et de la science politique, Paris, Pagnerre, 1842, (...)

22L’associazione è uno dei princîpi fondamentali della dottrina politica e sociale di Mazzini. Al tempo della stesura dei Principii politici e morali della Federazione della Giovine Italia (1832) e di Foi et Avenir (1835), Mazzini trasse il concetto di associazione dai Sansimoniani «dissidenti» Reynaud e Leroux, e lo collegò all’organizzazione e ai princîpi del partito repubblicano francese29. Occorrerà tuttavia attendere i decenni tra il 1840 e il 1860 prima che l’associazione diventasse un modello effettivo di organizzazione della democrazia30, tanto che il Dictionnaire politique di Pagnerre (1842) riportava che «l’école démocratique… a proclamé l’Association comme formule du gouvernement de l’avenir»31.

  • 32 S. Mastellone, Il lessico democratico europeo, cit., p. 30.

23Appena trasferitosi a Londra, Mazzini cominciò a riadattare il significato di associazione a un contesto intellettuale e politico molto differente rispetto a quello egli aveva vissuto in Francia. Oltre all’esperienza del Cartismo e dell’associazionismo operaio, Mazzini prese parte a un dibattito nel quale il tema dell’associazione si venne a legare culturalmente a quello di democrazia anche in seguito alla pubblicazione, tra il 1835 e il 1840, della traduzione in inglese da parte di Henry Reeve della Démocratie en Amérique di Alexis de Tocqueville. A diffondere in Inghilterra la diade associazione-democrazia, inizialmente messa in luce da Tocqueville nella sua descrizione della società americana, fu anche l’opera di William Lovett (1800-1877). Fondatore nel 1837, assieme a Henry Hetherington, della Working Men’s Association nonché redattore del documento ufficiale del Cartismo, la People’s Charter, Lovett pubblicò numerosi «Addresses» nei quali, ispirandosi a Tocqueville, sostenne che il fine dell’associazione era «the political and social improvement of the People» attraverso la partecipazione dei suoi «representatives» al governo della nazione32.

  • 33 A. Lehning, De Buonarroti à Bakounine. Études sur le socialisme international, Paris, Champ Libre, (...)
  • 34 Cfr. J.-Y. Frétigné, Mazzini et le réformisme français solidariste et socialiste, «Rassegna Storic (...)
  • 35 «The Democratic Review», p. 209.
  • 36 F. Proietti, Louis Blanc nel dibattito politico inglese (1848-1852), Firenze, CET, 2009, p. 33.

24D’altra parte, l’influenza della cultura francese su Mazzini dopo il 1845 fu a propria volta mediata dal contesto culturale inglese. Nello stesso momento in cui Mazzini pubblicava i Thoughts e il Manifesto To the Peoples, l’ambiente dei proscritti francesi a Londra viveva un periodo di profonda crisi dovuta sia alle differenze di giudizio sugli avvenimenti del 1848, sia alla divisione sempre più netta che si andava delineando tra repubblicani democratici (i quali sostenevano le richieste della borghesia progressista e delle classi artigiane) e socialisti (i quali si schierarono apertamente in favore della classe operaia)33. All’interno di questo quadro la leadership intellettuale dei democratici sociali francesi passò a Louis Blanc34. Tra il 1849 e il 1850 Blanc esercitò un’influenza importante sul dibattito inglese grazie soprattutto al sostegno di Harney. Harney richiamò l’attenzione dei propri lettori sugli articoli pubblicati da Blanc in Francia, talvolta traducendoli sulla «Democratic Review». In particolare, nel mese di agosto 1849, Harney presentò i «Principles and Projects» della «Social Reform» di Blanc, in cui il pensatore francese auspicava la nascita di una società fondata sull’associazione finanziata dallo Stato e organizzata attorno agli ateliers sociaux («social workshops»)35. Nella versione datane da Harney, l’opzione democratica di Blanc assunse le caratteristiche di una riforma sociale basata su forme di associazione tra lavoratori sostenute – a differenza che in Saint-Simon – da governi democraticamente eletti. All’indomani del 1848, la dottrina di Blanc fornì al dibattito democratico inglese ed europeo una terza versione di riformismo democratico-sociale che si aggiungeva a quelle di Mazzini e dei «German Communists» Engels et Marx36.

  • 37 C. De Boni, Mazzini e Blanc, in Mazzini e gli scrittori politici europei, cit., pp. 501-502.

25Alla luce delle vicende del Cartismo e del linguaggio politico che si sviluppò in Inghilterra nel corso degli anni Quaranta dell’Ottocento, il concetto mazziniano di associazione utilizzato nei Thoughts e nel Manifesto To the People, non corrispondeva più all’associazione di cui si parlava nella «Revue encyclopédique», o negli scritti coevi di Leroux. Tale concetto assorbì piuttosto i connotati sia della libera società americana descritta da Tocqueville sia dell’associazionismo di Lovett e del movimento Cartista, e si venne a definire per contrasto rispetto alle idee di riforma sociale formulate dai comunisti e dai socialisti. Il riadattamento del concetto mazziniano di associazione quale forma di organizzazione della democrazia e di articolazione del popolo nella repubblica si distingueva dalla centralizzazione del proletariato in «classe» (Engels, Marx), e dall’associazionismo operaio, nazionale, materialista e potenzialmente dispotico (come ogni forma di socialismo) proposto da Blanc37. L’associazione assunse in Mazzini una duplice connotazione: da una parte, essa si presentava come socialmente interclassista e imbevuta di elementi liberal-democratici, dall’altra essa si sovrapponeva alla decentralizzazione (si potrebbe anche aggiungere al federalismo). L’interclassismo consisteva nella partecipazione degli operai e dei produttori all’interesse comune e si realizzava anche attraverso forme di distribuzione della proprietà pubblica e del credito che non miravano ad abolire la proprietà privata, bensì a favorire, anche attraverso l’educazione pubblica, la mobilità sociale e la composizione dei conflitti sociali. La decentralizzazione si traduceva invece in un’organizzazione istituzionale ed economica articolata rispettivamente nella famiglia, nella comunità, nella nazione (lo Stato repubblicano) e infine nella federazione delle repubbliche.

  • 38 Dictionnaire, cit., p. 716.

26Il concetto di associazione in Mazzini s’intrecciava pertanto con quelli di popolo e di nazione/Stato. Il popolo, secondo il Dictionnaire di Pagnerre, «c’est la société elle-même, c’est la nation, l’État». I cittadini che lo compongono hanno tutti gli stessi diritti politici ed esercitano la loro sovranità attraverso l’elezione dei loro rappresentanti38. Mazzini scrisse i pensieri democratici sul «People’s Journal» e indirizzò il documento ufficiale del Comitato Democratico Europeo Aux Peuples !

  • 39 G. Mazzini, D’alcune cause che impedirono finora lo sviluppo della libertà in Italia (1832), in Sc (...)
  • 40 Classe, proprietà, democrazia, cit., p. 48.
  • 41 J.-Y. Frétigné, Giuseppe Mazzini, père de l’unité italienne, in part. il capitolo «Peuple et natio (...)
  • 42 L. La Puma, Giuseppe Mazzini, p. 42.
  • 43 B. De Giovanni, Introduction, in S. Mastellone, Mazzini e Linton, p. 13.

27Categoria tanto del linguaggio comune quanto del lessico politico, il popolo conservava in Mazzini dei significati che risalivano contemporaneamente alla tradizione egalitaria del Cristianesimo delle origini39, al concetto di «volonté générale» di Rousseau40, all’idea di «nation» tratta dalle Costituzioni francesi del 1791 e del 179341, agli articoli di Leroux e di Reynaud pubblicati nella «Revue encyclopédique»42, infine all’idea di «Commonwealth» appartenente alla tradizione del repubblicanesimo inglese. Ciononostante, negli scritti inglesi l’esule italiano considerò il popolo non soltanto un insieme d’individui portatori degli stessi diritti politici, che abitavano lo stesso territorio e perseguivano degli interessi comuni. Attraverso il confronto con le dottrine di Blanc e, soprattutto, di Engels e Marx (nonché dei loro simpatizzanti inglesi), Mazzini arrivò a concepire il popolo come un’associazione tra classi sociali ed istituzioni. Il concetto di popolo divenne sinonimo d’interclassismo, e perciò si distinse dal concetto di classe che rimandava invece a una visione conflittuale della società caratterizzata dal conflitto tra borghesia e proletariato43.

28La classe, concetto cardine dei comunisti tedeschi, divenne «classe dominante» («ruling class»), mentre la nazione di Mazzini venne a coincidere con il popolo. Secondo Mazzini, la riforma sociale proposta in Inghilterra da Engels, Marx e Blanc, nella misura in cui essa mirava a realizzare l’eguaglianza assoluta, avrebbe comportato la centralizzazione dell’economia e del governo nelle mani del proletariato. La democrazia nazionale, invece, poteva garantire la libertà e al contempo realizzare la riforma etica e sociale attraverso l’associazione e l’educazione.

  • 44 M. L. Cicalese, Centralization. Il dialogo tra John Stuart Mill e i teorici francesi, in S. Mastel (...)
  • 45 M. Barducci, Centralismo, associazione e democrazia in Europa. W. J. Linton e «The English Republi (...)

29In seguito alla pubblicazione della Démocratie en Amérique di Tocqueville, si era acceso in Inghilterra un intenso dibattito attorno al rapporto tra centralizzazione, decentralizzazione e delega. Nel recensire l’opera di Tocqueville, nella quale lo scrittore francese aveva sottolineato il nesso tra democrazia e centralizzazione, John Stuart Mill aveva proposto che i cittadini venissero educati alla democrazia attraverso la partecipazione al governo locale44. Da parte loro, nel Manifesto del Partito Comunista e nel Manifesto of the Red Republicans of Germany, Engels e Marx avevano auspicato la centralizzazione dei mezzi di produzione nelle mani del proletariato. Mazzini criticò questa forma di centralizzazione nell’articolo Communism dei Thoughts, e vi contrappose una forma di associazione sia a livello politico-sociale (famiglia, città, nazione, federazione delle repubbliche) sia a livello economico e produttivo (lavoro, intelletto, capitale)45.

30In conclusione, occorre tornare al significato sociale del progetto democratico di Mazzini. L’esule italiano parlava di «governo sociale» e di «Stato sociale» con riferimento alla democrazia nazionale e alla repubblica rappresentativa. Nei Thoughts e nel Manifesto del Comitato Democratico Europeo egli puntualizzò le differenze tra lo spirito riformatore della sua dottrina politica e quello dei socialisti francesi, dei comunisti tedeschi e dei loro seguaci inglesi. La «democrazia sociale» di Mazzini non fu altro che un’evoluzione della sua dottrina etica e religiosa. Essa non favoriva il proletariato a discapito della classe media né mirava unicamente alla preservazione dei diritti individuali o alla centralizzazione della produzione a livello nazionale. Al contrario, il riformismo sociale di Mazzini testimoniava la sua presa di coscienza dei cambiamenti sociali, politici, economici e culturali che investivano la sua epoca, e i cui effetti risultavano particolarmente visibili nell’Inghilterra della rivoluzione industriale e dei movimenti democratici. In una società che si percepiva sempre più come divisa al proprio interno tra classi e caste, proletari e borghesi, «labouring classes» e «ruling classes», Mazzini comprese chiaramente che non era più possibile parlare di progresso del popolo, di umanità, di etica senza affrontare la questione del lavoro, della giustizia sociale, della redistribuzione della proprietà. Alla luce di tale realtà né il suffragio né l’educazione erano più sufficienti a realizzare le finalità sociali della democrazia. Se vi fu un limite in Mazzini, fu proprio quello di non riuscire a elaborare un linguaggio effettivamente nuovo – come invece ebbero il merito di saper fare Engels e Marx – che fosse in grado di cogliere le trasformazioni economiche e sociali che facevano da sfondo al dibattito democratico.

Haut de page

Notes

1 Prima della scomparsa avvenuta nel 2012, Mastellone mi aveva confidato l’intenzione di scrivere un articolo sul linguaggio sociale di Mazzini. Il presente contributo si basa pertanto su note e appunti lasciatimi da Mastellone, che qui ho cercato di sviluppare in maniera quanto più coerente possibile rispetto sia alle idee che egli aveva già iniziato a discutere nelle sue opere sul pensiero politico di Mazzini, sia alle numerose conversazioni attorno al tema del presente studio, che abbiamo avuto nel corso di questi ultimi anni a Firenze. Questo saggio costituisce pertanto un mio personale tributo alla memoria di Salvo Mastellone.

2 S. Mastellone, La democrazia etica di Mazzini (1837-1847), Roma, Archivio Guido Izzi, 2000; Id. (a cura di), Giuseppe Mazzini, Thoughts upon democracy in Europe (1846-1847). Un «Manifesto» in inglese, Firenze, Centro Editoriale Toscano (CET), 2001; Id., Mazzini and Marx. Thoughts upon democracy in Europe, Westport-London, Greenwood-Praeger, 2003; Id., Mazzini scrittore politico in inglese. Democracy in Europe (1840-1855), Firenze, Olschki, 2004; Id. (a cura di), Mazzini e gli scrittori politici europei (1837-1857), 2 vol., Firenze, CET, 2005; Id., Mazzini e Linton. Una democrazia europea (1845-1855), Firenze, Olschki, 2007; Id., La nascita della democrazia in Europa. Carlyle, Harney, Mill, Engels, Mazzini, Schapper. Addresses, Appeals, Manifestos (1836-1855), Firenze, Olschki, 2009; Id., Tre democrazie. Sociale (Harney); Proletaria (Engels); Europea (Mazzini), (Londra, 1850-1855), Firenze, CET, 2011; Id., Il lessico democratico europeo. Londra (1835-1848), Firenze, CET, 2012.

3 J.-Y. Frétigné, Giuseppe Mazzini: Père de l’unité italienne, Paris, Fayard, 2006, cap. 7; Id., Giuseppe Mazzini: Il pensiero politico, Firenze, CET, 2009; Id., La conception de la nation dans la pensée de Mazzini, in L’idée nationale en Italie. Du processus d’unification aux déchirements de la guerre civile (fin xviiie-début xxe siècle), a cura di O. Forlin, Paris, L’Harmattan, 2010, pp. 85-108.

4 Giuseppe Mazzini & the Globalisaton of Democratic Nationalism, 1830-1920, a cura di C. A. Bayly e E. F. Biagini, London, British Academy, 2008. Analogamente, Nadia Urbinati ha sottolineato il significato morale del «cosmopolitanism of nations» mazziniano in A cosmopolitanism of nations. Giuseppe Mazzini’s writings on democracy, nation building, and international relations, a cura di S. Recchia e N. Urbinati, Princeton, Princeton University Press, 2009, p. 7.

5 L. La Puma, Pierre Leroux e Giuseppe Mazzini. Dal Sansimonismo alla democrazia rappresentativa, in Mazzini e gli scrittori politici europei, cit., vol. II, pp. 517-530; Id., Giuseppe Mazzini, democratico e riformista europeo, Firenze, Olschki, 2007.

6 G. Mazzini, Scritti editi e inediti, Imola, Galeati, 1906-1943, vol. XI, p. 400.

7 Cfr. Mazzini: la democrazia in Italia e in Europa (1845), a cura di M. Barducci, Firenze, CET, 2010, pp. 16-17.

8 «The Northern Star», 4 marzo 1846, p. 8.

9 Mazzini: la democrazia in Italia e in Europa, cit., pp. 37-38.

10 S. Mastellone, La nascita della democrazia in Europa, cit., p. 62.

11 G. Mazzini, Scritti, vol. XXX, p. 103.

12 S. Mastellone, Mazzini scrittore politico in inglese, cit., pp. 131-46.

13 «The Red Republican», a cura di J. Saville, London, Merlin Press, 1966, p. xi; sulla vita e l’attività editoriale di Harney, vedi A. R. Schoyen, The Chartist Challenge. A Portrait of George Julian Harney, London, Heinemann, 1958.

14 S. Mastellone, Mazzini scrittore politico in inglese, cit., p. 236.

15 «The Democratic Review», I (1849-1850), p. 68.

16 «The Red Republican» (from n. 2 of «Le Proscrit»), 7 settembre 1850, pp. 94-95.

17 Classe, proprietà, democrazia in The Red Republican, a cura di E. Marino, Firenze, CET, 2008, p. 23.

18 Mazzini e il repubblicanesimo inglese, cit., p. 33.

19 «The Red Republican», 21 settembre 1850, p. 110.

20 Ibid., 26 ottobre 1850, p. 156; Classe, proprietà, democrazia, cit., p. 41.

21 Ibid., 9 novembre 1850, p. 164.

22 «The Red Republican», 16 novembre 1850, p. 172.

23 S. Mastellone, Il lessico democratico europeo, cit., p. 97.

24 L. La Puma, Giuseppe Mazzini, cit., pp. 42-46.

25 Ibid., p. 63.

26 G. Mazzini, Thoughts, cit., p. 40.

27 L. La Puma, Giuseppe Mazzini, p. 71.

28 S. Mastellone, «Introduzione», in G. Mazzini, Thoughts, cit., p. xii.

29 S. Mastellone, Storia della democrazia in Europa. Dal xviii al xx secolo, Torino, Utet, pp. 44-45.

30 S. Mastellone, «Introduzione», in Democrazia e associazionismo nel xix secolo, a cura di F. Bracco, Firenze, CET, 1990, p. 2; L. La Puma, Giuseppe Mazzini, cit., p. 35.

31 Dictionnaire politique: encyclopédie du langage et de la science politique, Paris, Pagnerre, 1842, p. 114.

32 S. Mastellone, Il lessico democratico europeo, cit., p. 30.

33 A. Lehning, De Buonarroti à Bakounine. Études sur le socialisme international, Paris, Champ Libre, 1977 (1a ed., 1938), pp. 153-157; F. Bertini, La democrazia europea e il laboratorio risorgimentale italiano, Firenze, Firenze University Press, 2007, pp. 70-71.

34 Cfr. J.-Y. Frétigné, Mazzini et le réformisme français solidariste et socialiste, «Rassegna Storica del Risorgimento», LXXXVIII (2001); F. Bensimon, Louis Blanc en Angleterre, in Louis Blanc. Un socialiste en république, a cura di F. Démier, Paris, Creaphis, 2005.

35 «The Democratic Review», p. 209.

36 F. Proietti, Louis Blanc nel dibattito politico inglese (1848-1852), Firenze, CET, 2009, p. 33.

37 C. De Boni, Mazzini e Blanc, in Mazzini e gli scrittori politici europei, cit., pp. 501-502.

38 Dictionnaire, cit., p. 716.

39 G. Mazzini, D’alcune cause che impedirono finora lo sviluppo della libertà in Italia (1832), in Scritti, vol. II, pp. 203-204.

40 Classe, proprietà, democrazia, cit., p. 48.

41 J.-Y. Frétigné, Giuseppe Mazzini, père de l’unité italienne, in part. il capitolo «Peuple et nation».

42 L. La Puma, Giuseppe Mazzini, p. 42.

43 B. De Giovanni, Introduction, in S. Mastellone, Mazzini e Linton, p. 13.

44 M. L. Cicalese, Centralization. Il dialogo tra John Stuart Mill e i teorici francesi, in S. Mastellone, Mazzini e gli scrittori politici inglesi, II, pp. 258-259.

45 M. Barducci, Centralismo, associazione e democrazia in Europa. W. J. Linton e «The English Republic» (1851-1855), in Challenging Centralism. Decentramento e autonomie nel pensiero politico europeo, a cura di L. Campos Boralevi, Firenze, Firenze University Press, 2011, p. 148.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marco Barducci, « Il progetto repubblicano di Giuseppe Mazzini e l’Inghilterra: dalla democrazia etica alla democrazia sociale, 1845-50 », Laboratoire italien [En ligne], 19 | 2017, mis en ligne le 06 mars 2017, consulté le 15 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/1271 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.1271

Haut de page

Auteur

Marco Barducci

Marco Barducci est chercheur en histoire de la pensée politique européenne. Ses intérêts portent sur la circulation des idées politiques et religieuses entre le Royaume-Uni, les Pays-Bas, la France et l’Italie du XVIIe à la moitié du XIXe siècle. Ancien membre de l’Institute for Advanced Study (Princeton, NJ), en 2016-17 il sera Senior Research Fellow au St.-Hild & St.-Bede College, University of Durham et Institute of Advanced Study (UK). Son dernier ouvrage, Hugo Grotius and the Century of Revolution, 1613-1718. Transnational Reception in English Political Thought sera publié chez Oxford University Press en juin 2017.

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page