Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
III. De la difficulté de rester républicain

Dopo la rivoluzione nazionale: repubblicanesimo e Mezzogiorno negli anni dell’Italia liberale

Après la révolution nationale : le républicanisme méridional dans l’Italie libérale
After the National Revolution: Republicanism in Liberal Southern Italy, 1861-1914
Antonino De Francesco

Résumés

L’article examine les particularités du mouvement républicain dans les régions méridionales de l’Italie et souligne que tout au long du xixe siècle, ce mouvement a eu de longues périodes de difficultés ponctuées de brefs moments d’intensité. Le précédent créé par la République napolitaine de 1799 n’a pas eu beaucoup d’incidence et, jusqu’en 1848, le patriotisme méridional, tout en ayant une place centrale dans le mouvement risorgimental, a pris une dimension constitutionnelle et monarchique qui excluait toute possibilité de succès pour le mazzinianisme. La défaite de Pisacane à Sapri confirme que ce n’est qu’en 1860 et avec l’expédition garibaldienne que s’ouvre une période républicaine dans le Sud de l’Italie. Toutefois, dans les années qui suivent immédiatement l’Unité, le drame du brigandage d’un côté, et l’échec de la bataille de l’Aspromonte de l’autre minèrent gravement les potentialités du républicanisme méridional, qui tâtonna jusqu’à la fin du siècle. Il ne reprit de la vigueur qu’avec les figures de Colajanni et Salvemini, dans un cadre social et politique profondément changé.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 G. Berti, I democratici e l’iniziativa meridionale nel Risorgimento, Milano, Feltrinelli, 1962.
  • 2 F. Benigno, La mala setta. Alle origini di mafia e camorra, 1859-1878, Torino, Einaudi, 2015.

1Il tema del repubblicanesimo (e più in generale del democratismo) nel Mezzogiorno dispone di una densa tradizione di studi, che trova non di meno nella lontana fatica di Giuseppe Berti ancora un punto di riferimento1. Affrontando la questione sin dalle origini del cosiddetto partito d’azione, sottolineando l’importanza dell’universo settario e latomico nella costruzione di un tracciato rivoluzionario, l’autore aveva facile gioco a dimostrare come, proprio nell’Italia meridionale, gli anni che tengono dietro alla fallita rivoluzione nazionale siano la conferma della crisi irreversibile del mazzinianesimo e – nonostante l’iniziativa insurrezionale dalla Sicilia – la conferma di un’impossibile via democratica sul percorso dell’unità italiana. Un libro recentemente uscito sta a dirci che le cose non erano, per lo meno agli occhi delle autorità di governo del nuovo stato italiano, proprio così: dapprima il dramma dell’Aspromonte, quindi la rivolta palermitana del 1866 e infine il fallito tentativo di Mentana dicono di una sinistra radicale e democratica che nel Mezzogiorno e dal Mezzogiorno avrebbe tentato, nei primi anni dello stato unitario, di porre in discussione la soluzione in chiave liberale e conservatrice data alla questione nazionale2. Quanto questo fosse fondato e non riflettesse soltanto la preoccupazione di un ceto di governo formatosi negli anni della restaurazione, quando l’associazionismo segreto era l’unico modo di far politica, è però altra questione ancora, che lascia intatto il problema di come il repubblicanesimo meridionale si inserisse nel quadro dell’Italia unita. Di più: non vi è dubbio che esso costituisse una minaccia soprattutto per i governi della cosiddetta Destra storica, il cui elettorato stava soprattutto nell’Italia centro-settentrionale e che il passaggio delle consegne nel 1876 alla Sinistra favorisse il definitivo sgretolamento del partito democratico nel mezzogiorno. Il largo consenso di cui la Sinistra storica godette presso le élites meridionali trasformò il Sud in una roccaforte dei nuovi esecutivi e chiuse quindi a tenaglia ogni possibilità che da Mezzogiorno potesse muovere una contestazione politica dello stato liberale. In breve: soprattutto a far data dagli ultimi decenni del secolo xix i due termini, repubblicanesimo e Mezzogiorno, sarebbero divenuti alternativi.

  • 3 B. Croce, G. Ceci, M. D’Ayala, S. Di Giacomo, La Rivoluzione napoletana del 1799: illustrata con r (...)
  • 4 B. Croce, Studi storici sulla rivoluzione napoletana del 1799, Roma, Loescher, 1897.

2A tal riguardo, può un poco trarre in inganno il precedente del 1799 partenopeo, che nel corso del xx secolo è presto divenuto, nell’immaginario nazionale, l’esperimento repubblicano di maggior rilievo prima della Roma mazziniana nel 1849. Ma la scelta di retrodatare agli anni rivoluzionari francesi la svolta repubblicana nel Mezzogiorno sarebbe un’operazione per ampi tratti impropria, sulla quale farebbero premio le fortune – tutte postume – del 1799 napoletano. Questo infatti salì agli onori della memoria nazionale molto tempo dopo, grosso modo a seguito delle celebrazioni del centenario organizzate dal Comune con il contributo dei principali intellettuali partenopei del tempo3. Decisiva fu l’opera di Benedetto Croce, che però riuscì nel tentativo di trasformare quel lontano episodio rivoluzionario in un esempio di patriottismo, dove la dimensione repubblicana lasciava il campo a quella propriamente liberale e dove la prospettiva radicale e democratica veniva largamente trasfusa in un sentimento di nazionalità destinato ad accreditare, contro le polemiche del tempo presente, il contributo di antica data del Mezzogiorno alla causa italiana4.

3Non si dimentichi, infatti, quanto Croce avesse un chiaro interesse a individuare una linea di continuità politica nel Mezzogiorno dell’Ottocento, perché – proprio sul finire del secolo xix – lo stato liberale era violentemente contestato nelle aree industrializzate da gruppi radicali e socialisti, che ripetutamente indicavano nelle regioni meridionali e nelle loro classi dirigenti l’autentico ostacolo alla democratizzazione della società e della politica italiane. Tuttavia, Croce non esagerava quando racchiudeva l’esperimento repubblicano nel 1799 nell’ambito di un tentativo generoso il cui significato stava soprattutto nel patriottismo che avrebbe avviato e molto meno nella nascita di una tradizione politica – che da repubblicana disinvoltamente trasformava in liberale – per il Sud.

  • 5 Esemplare, al riguardo, il caso di Vincenzo Cuoco, da me ricostruito in Vincenzo Cuoco. Una vita p (...)

4Se poniamo mente agli sviluppi della politica meridionale nel corso dell’Ottocento non v’è traccia, infatti, di un significativo ruolo dei circoli repubblicani. La stagione napoleonica, che in Sicilia non trovò mai concretizzazione, a Napoli si risolse nel cosiddetto Decennio 1806-1815 (prima con Giuseppe Bonaparte e poi con Gioacchino Murat), dove il personale politico che aveva aderito alla repubblica del 1799 venne recuperato nel quadro di un progetto di governo certo modernizzatore e tuttavia monarchico. È poi indubbio che in quegli anni fossero poste le basi per un nuovo sentimento di nazionalità che le gesta di Gioacchino tra il 1814 e il 1815 avrebbero allargato ad una prima e sicura dimensione di italianità, ma questo non significa che tornassero in circolo le idealità della ormai lontana stagione repubblicana. Gli uomini che nel 1799 avevan giurato la morte di tutti i tiranni coronati, largamente recuperati all’azione di governo di Giuseppe e Gioacchino, furon piuttosto gli artefici, al momento del crollo dell’astro napoleonico, della trasformazione in chiave nazionale di Murat e crearono quel binomio tra nazione italiana e identità monarchica che avrebbe costituito, a sud come a nord, larga parte del Risorgimento italiano5.

  • 6 Debbo molto alle considerazioni di Aurelio Musi ora in Mito e realtà della nazione napoletana, Nap (...)

5Al riguardo, diciamo qualcosa di più ancora: la infausta spedizione di Murat del 1815, che apre, anche ufficialmente, secondo la periodizzazione ancor oggi tradizionalmente in uso, la stagione del Risorgimento italiano, fonda nel Mezzogiorno una duplice appartenenza: le classi dirigenti meridionali di primo Ottocento son così parte integrante di una nazione italiana che si assomma, senza eliderla, a quella napoletana e il cui risultato, per certi tratti ambivalente, per molto tempo ancora mai suonerà contraddittorio. Se teniamo a mente questo aspetto6, che proprio nel 1815 dette la più evidente prova di sé, abbiamo la conferma di una peculiarità che è passata spesso sotto silenzio nelle ricostruzioni dell’Ottocento politico italiano: e cioè che il Risorgimento nasce in una dimensione monarchica a sud e non a nord della penisola e che rimane a lungo a trazione meridionale, di certo sino a tutto il 1848, sino a quando cioè il fallimento dell’esperimento costituzionale a Napoli con la repressione avviata da Ferdinando II non consegnò al Piemonte soltanto il testimone del patriottismo italiano. D’altronde, sia qui il caso di ricordare che il moto costituzionale dell’estate del 1820 portò – sin dai primi anni della Restaurazione – alla costituzionalizzazione del neonato Regno delle due Sicilie e che proprio l’esempio meridionale, dove si optò per la carta gaditana del 1812, fu il punto di riferimento per la scelta effettuata a ruota dai rivoluzionari piemontesi.

6La circostanza che nella primavera del 1821 l’intervento militare austriaco ponesse presto termine a entrambi i tentativi non deve insomma nascondere che Napoli fosse il punto di riferimento del patriottismo nella penisola e la cosa trova conferma nella meccanica rivoluzionaria del 1848. È vero che il sommovimento della penisola tutta prese avvio dalla Sicilia, dove nel mese di gennaio Palermo andò in rivolta contro il potere dei Borbone e tinse il moto insurrezionale di un colore presto separatista. Ma è altrettanto certo che, soprattutto per la diffidenza che l’isolazionismo isolano suggeriva, fosse invece la concessione dello statuto a Napoli nei giorni successivi a destabilizzare il quadro della Restaurazione e a favorire la concessione degli statuti a Firenze, Roma e Torino. Come è noto, nella scelta di Ferdinando II di concedere una costituzione dai tratti assai più pronunciati rispetto a quanto i circoli moderati della capitale pure auspicassero stava una disinvolta mossa provocatoria nei confronti delle altre teste coronate d’Italia, ma resta la conseguenza che per il movimento nazionale, pronto ormai alla guerra all’Austria, Napoli fosse il cuore del patriottismo italiano e che alla sua tradizione politica molto si guardasse con rispetto ed ammirazione.

7Nella Milano delle Cinque Giornate, in bilico tra radicalismo repubblicano e moderatismo filo-sabaudo, Napoli costituiva ad esempio un punto di riferimento che nessuno si sentiva di metter da canto e se ne ha prova dalla stampa locale, dove soprattutto i fogli di parte moderata, preoccupati dalla crescita del mazzinianesimo, guardavano con interesse al Mezzogiorno e al suo nuovo quadro costituzionale ispirato al modello di quella Charte che in Francia la rivoluzione del mese di Febbraio aveva nel frattempo spazzato via dalla scena politica. Così, le parole di elogio verso il Mezzogiorno saranno molte e ripetute nelle regioni settentrionali e accompagneranno la guerra di Carlo Alberto di Savoia all’Austria, nella quale si sarebbero illustrati anche taluni reparti dell’esercito borbonico.

  • 7 Circa le fortune del Mezzogiorno nell’alta Italia del 1848, mi permetto di rinviare al mio La pall (...)

8La simpatia verso Napoli, puntualmente declamata nelle prime settimane, venne improvvisamente meno solo all’indomani della battaglia di strada del mese di maggio 1848, quando Ferdinando II pose fine alla resistenza parlamentare con l’appoggio della plebe cittadina. L’esempio patriottico della città venne allora abbandonato e la capitale del regno meridionale tornò luogo di raccolta di folle inconsulte, giusto animate da un inaccettabile passatismo7. A questo brusco passaggio, tenne dietro una improvvisa fiammata repubblicana, che trovò la propria espressione nella mazziniana repubblica romana del 1849; ma si trattò di stagione breve, perché proprio la francese Seconda Repubblica, presto declinata nei termini conservatori voluti da Thiers (e Tocqueville), si fece carico, con il beneplacito del principe-presidente, di distruggere, armi alla mano, la sorella italiana e di profittare di quel passaggio per tentare di regolare in casa la questione con i circoli democ-socs che inutilmente tentavano di sostenere l’alleata d’Oltralpe. Per questo motivo, all’indomani del 1849, con il fallimento della Repubblica romana, le fortune del repubblicanesimo in Italia vennero presto declinando e il colpo di stato del Due Dicembre come la fallita insurrezione milanese del 1853 misero in chiaro un’assenza di futuro per il repubblicanesimo in tutta Italia.

9Nel Mezzogiorno la situazione era però, se possibile, ancora più grave perché il repubblicanesimo si era impiantato nelle regioni centro-settentrionali, per la cura di un uomo quale Giuseppe Mazzini, che aveva scarsa conoscenza delle due Sicilie e che avrebbe sempre avuto gravi difficoltà a inoltrarsi sul terreno delle regioni meridionali sino a tutto il 1860. Non a caso, sempre nel Mezzogiorno, si dovrà attendere il 1857 per registrare un’iniziativa propriamente repubblicana: e sarà il tempo del disastro di Sapri, quando Carlo Pisacane, accostatosi a Mazzini solo in occasione della repubblica romana, tentò con l’avallo dell’altro una disperata insurrezione nel Cilento. Preoccupato che nel Mezzogiorno la causa italiana potesse esser posta in discussione dalle fortune del murattismo, ossia dalle pretese sul trono di Napoli del figlio di Gioacchino, che si diceva sostenuto dal potente cugino Napoleone III, Pisacane tentò la via della spedizione per prevenire quanto negli ambienti dell’esulato, in Italia come in Francia, si dava per ormai scontato, ossia un prossimo colpo di mano, sostenuto dai francesi, che avrebbe portato al cambio di dinastia.

  • 8 Su tutto questo, il quadro d’assieme cui rifarsi rimane A. Scirocco, Il Mezzogiorno d’Italia unita (...)

10Insomma a lanciare le fortune del repubblicanesimo nel Mezzogiorno sarà soltanto l’impresa di Garibaldi in Sicilia, che ancora nel 1860 proponeva tuttavia una sorta di mostro politico, perché la sua azione, che era ispirata al modello mazziniano di insurrezione di popolo, non si voleva al tempo stesso dichiaratamente repubblicana, poiché in Sicilia e poi nel Mezzogiorno egli sempre manifestò la volontà di addivenire a un’intesa con il sovrano Vittorio Emanuele II. D’altronde, proprio quella prospettiva aprì a Garibaldi la via verso Napoli, dove entrò da solo grazie al consenso che si erano affrettati ad offrirgli i locali gruppi di potere. È vero che per qualche settimana, ossia per il breve lasso di tempo che nel 1860 vide Garibaldi a Napoli padrone di tutto il Mezzogiorno e in grado di contrastare la linea politica di Cavour, il repubblicanesimo sembrò trovare spazio e la stagione della dittatura del generale vide affacciarvisi Mazzini e Cattaneo, ambedue convinti che da Napoli e dalla Sicilia potesse arrivare la svolta democratica capace di impedire il trionfo della linea moderata e monarchica di casa Savoia. Ma prima il plebiscito – che nel Mezzogiorno peninsulare e insulare sanciva la volontà di fusione con il Piemonte – e poi segnatamente la fallita insurrezione aspromontana del 1862 segnarono una irreversibile battuta di arresto per il repubblicanesimo nelle regioni meridionali: se è vero che lungo tutti gli anni Sessanta, il partito della democrazia avrebbe fatto centro a Sud per tenere vivo il programma irredentista, resta ugualmente certo che l’esplosione del brigantaggio lo avrebbe costretto nella scomoda posizione di comunque difendere lo stato unitario dal contrattacco delle forze reazionarie e gli avrebbe impedito quella piena libertà di manovra che tanto gli era necessaria per elaborare una convincente linea politica8.

  • 9 Esemplari, al riguardo, le pagine di G. Giarrizzo, Mezzogiorno senza meridionalismo. La Sicilia, l (...)

11All’indomani del 1870, con l’ingresso delle truppe italiane a Roma, si avviava insomma un’altra stagione, dove le élites meridionali, messo a tacere il loro momentaneo radicalismo – tra l’altro tutto da verificare – avrebbero però guardato con simpatia alla sinistra parlamentare e contribuito, come è noto, in maniera decisiva, al suo trionfo nelle elezioni del 1876. A quel punto, tuttavia, l’antimeridionalismo, che già da tempo accusava il Mezzogiorno di essere il principale responsabile dei mancati trionfi dello stato unitario, avrebbe avuto facile gioco a denunciare come fosse giunta al governo proprio la parte meno progredita del paese e quella polemica, nel cui quadro sarebbe sorta tra l’altro la questione meridionale9; avrebbe molto rafforzato, come risposta di rimbalzo, lo stretto legame tra le élites meridionali e il potere centrale, suggerendo alle prime di accettare una posizione subordinata in seno agli equilibri nazionali, purché fosse concesso loro mano libera nella gestione del potere locale.

12Si trattava di una tenaglia che avrebbe stretto in modo fermo sino alla grande Guerra e oltre la politica del Mezzogiorno, dove lo spazio di manovra del repubblicanesimo si restringeva se possibile ancor di più: e basti pensare ai casi clamorosi della conversione monarchica di Francesco Crispi, l’artefice dei trionfi di Garibaldi in Sicilia, o di Giovanni Nicotera, il compagno di avventura di Pisacane, per comprendere la strada in salita che nel Mezzogiorno attendeva il repubblicanesimo. Questo, dopo la fiammata degli anni Sessanta, sul finire del secolo si riduceva ormai a talune personalità – Napoleone Colajanni, Giovanni Bovio e Gaetano Salvemini – che non a caso ebbero tutti un rapporto ben conflittuale con la sinistra di matrice socialista e finirono per costituire una netta minoranza nell’insieme delle forze politiche che si opponevano allo stato liberale, tra le quali, nello stesso Mezzogiorno, spiccavano ormai l’anarchismo di Francesco Saverio Merlino e il sindacalismo rivoluzionario di Arturo Labriola e di Enrico Leone.

13Quella del repubblicanesimo a sud è dunque una storia di sconfitte, che ebbe un’estate indiana giusto nel corso dei primi anni unitari, quando le parole d’ordine di Roma e Venezia consentirono di tenere in vita un programma insurrezionale che accompagnava la richiesta di un più equilibrato rapporto fra le parti storico-geografiche che componevano il nuovo stato italiano. Successivamente, con l’ascesa al potere della Sinistra storica, non poche delle migliori personalità passarono alla monarchia e il repubblicanesimo venne presto surclassato in tutta Italia dall’ascesa del socialismo, che avrebbe avuto le proprie roccheforti nelle regioni industriali del Nord e un costante punto di debolezza nel Mezzogiorno. Di questa storia di contrapposizioni e squilibri, nonché di disarmonie politiche e sociali è suggello il referendum costituzionale del 2 giugno 1946, dove la monarchia vinse sì da Roma in giù, ma trionfò con percentuali vertiginose a Napoli e in Sicilia.

14Alla base di questa specificità del Mezzogiorno nel contesto politico dello stato unitario era – come si è sin qui cercato di sottolineare – una peculiare tradizione politica, di stampo monarchico e costituzionale, capace di sempre bloccare le fortune del repubblicanesimo. Tuttavia, accanto a questo dato, bisogna subito aggiungere come, nella congiuntura del 1848, la classe politica meridionale perdesse un precedente primato nazionale a tutto vantaggio del Piemonte e si vedesse presto costretta, con il 1860, ad un ruolo di mera comprimaria. La conseguenza di questa duplice sconfitta – dei repubblicani di fronte ai monarchici nel Mezzogiorno e dei monarchici meridionali rispetto a quelli settentrionali nel più ampio quadro italiano – fu un atteggiamento pubblico destinato ad attraversare in modo ambivalente la vita civile del Mezzogiorno in epoca unitaria: il conservatorismo e il tradizionalismo delle elites meridionali fattesi nel frattempo italiane si raccolse sotto casa Savoia per una sorta di mancanza di meglio e questo spiega perché il loro sentimento monarchico fosse puntualmente destinato ad accompagnarsi a una struggente nostalgia per i bei tempi andati della Napoli capitale (oppure, su un versante affatto speculare, di una Sicilia cui nulla era tornato del molto invece offerto all’altare della causa italiana).

  • 10 Sulla figura di Racioppi, si veda a titolo riassuntivo G. Cingari, « Alle origini della questione (...)
  • 11 G. Racioppi, Storia dei popoli della Lucania e della Basilicata, Roma, Loescher, 1889, 2 voll.
  • 12 Rispettivamente, Id., La spedizione di Carlo Pisacane a Sapri, Napoli, G. Marghieri, 1863 e Id., S (...)

15Questa linea interpretativa - dove la partecipazione del Mezzogiorno alla causa unitaria avrebbe avuto luogo sotto il segno di una drammatica subalternità destinata a rafforzare, a livello nazionale, le scelte di tutti i governi centrali d’epoca liberale – è riassunta in modo mirabile, con uno specifico riferimento al Mezzogiorno peninsulare, da un’opera a lungo tenuta in disparte dalla storiografia di secolo xx, ossia la Storia dei popoli della Lucania e della Basilicata. L’autore, Giacomo Racioppi, un uomo di ceto civile nato a Moliterno, aveva fatto incontro con la politica a Napoli nel 1848, aveva sofferto il carcere borbonico e nel 1860 nella natia Lucania aveva sostenuto le truppe di Garibaldi non senza sulle prime aver ancora creduto alla svolta costituzionale di Francesco II di Borbone10. L’opera, data alle stampe ormai nel 188911, era l’ultima di una serie di fatiche tutte meritevoli di studio, perché già nel corso degli anni Sessanta Racioppi aveva tratteggiato con grande lucidità l’infelice tentativo insurrezionale di Pisacane e nel 1866 aveva lasciato la testimonianza più significativa del dramma di quel brigantaggio destinato ad insanguinare, in tutti i primi anni unitari, le province meridionali e in particolare proprio la sua Basilicata12. La Storia dei popoli meriterebbe un approfondimento che in questa sede non è possibile purtroppo condurre: tuttavia, per quanto qui più preme, merita sottolineare l’insistenza con la quale l’autore sottolinea come il 1860 – per riprendere le sue stesse parole – «succede, ma non continua il periodo precedente» (Storia dei popoli, vol. II, p. 304). Racioppi distingue insomma la vita politica del Mezzogiorno di primo Ottocento da quella di epoca unitaria, sottolineando come tra le due fasi non vi fosse certo continuità ed anzi a prevalere fosse una drammatica frattura destinata a pesare sul ruolo che il Mezzogiorno avrebbe poi avuto nel quadro dello stato unitario.

16Si tratta, a ben vedere, di una chiave di lettura sostanzialmente opposta a quella che le classi dirigenti meridionali dell’Italia unita – parteggiassero per la Destra prima e soprattutto per la Sinistra poi – avrebbero invece messo a punto: nelle parole di Racioppi è infatti una presa di distanze implicita, ma nettissima, rispetto alla lettura dell’Ottocento meridionale di Francesco De Sanctis, successivamente ripresa da Croce, che ricordava lo straordinario salto di qualità compiuto nel 1860 dal Mezzogiorno per volontà della sua parte migliore. In altre parole, mentre la classe dirigente meridionale negli anni dell’Italia liberale mai avrebbe scisso il 1848 dal 1860 ed anzi avrebbe fatto del fallimento di quello il punto di svolta per fare divorzio dalla monarchia borbonica e assumere una dimensione propriamente italiana, Racioppi si posizionava in termini contrari, perché a suo avviso niente collegava la stagione precedente al crollo del regno meridionale con quella che aveva visto la formazione di uno stato unitario italiano. Le motivazioni di questa scelta controcorrente stavano nella sua peculiare lettura dell’Ottocento meridionale, dove introduce un preciso nesso tra il 1799, il Decennio napoleonico e la rivoluzione del 1820-21 e per altro subito sottolinea come – rispetto a quel processo – il 1848 costituisse una brusca interruzione.

17In quella circostanza, infatti, secondo Racioppi il crollo dell’esperimento costituzionale non fu opera della bieca repressione di Ferdinando II soltanto, come invece la tradizione di parte liberale ossessivamente ricordava, perché – sempre a sua detta – non poche responsabilità portarono gli stessi gruppi costituzionali, i quali tutti non seppero gestire il momento politico, peccarono di avventurismo e di astrattismo e finirono per portare al disastro ogni prospettiva risorgimentale nel Mezzogiorno. Così, a oltre quarant’anni dagli avvenimenti che segnarono il suo apprendistato alla politica, Racioppi, tirando le somme di quella drammatica vicenda, provvedeva a stilare un durissimo j’accuse nei riguardi della classe dirigente rivoluzionaria del 1848, imputandole una drammatica impreparazione: «Mai fu parte politica più inetta al politico magistero dello Stato quanto la parte moderata napoletana del 1848! E questo mostra – il dirò io? – l’impreparazione del paese, delle classi dirigenti del paese, alle condizioni della libertà» (pp. 293-294).

18Sotto questo segno diventa chiaro perché il 1860 fosse altra cosa rispetto alla stagione precedente, ma è parimenti evidente come quella data avesse trovato impreparato il Mezzogiorno tutto al grande appuntamento e quanto la improvvisa svolta dell’unità italiana fosse andata largamente sprecata per via di una classe dirigente incapace di confrontarsi in termini positivi con la straordinaria occasione che al paese era stata improvvisamente offerta. La nascita dello stato unitario, insomma, poco o nulla doveva all’iniziativa del Mezzogiorno peninsulare e questa impreparazione politica delle sue classi dirigenti avrebbe fatto un drammatico ricasco negli anni successivi, quando quanti presero il potere in nome dell’unità italiana si trovarono a gestire una situazione rivelatasi presto di gran lunga superiore alle modeste risorse politiche di cui disponevano.

19La polemica di Racioppi restava tuttavia interamente nel campo monarchico e costituzionale, ossia sul terreno di quel liberalismo che a far data dal 1861 sarebbe divenuto il bersaglio polemico della sinistra democratica. Non è casuale, infatti, che la vis polemica di Racioppi si rivolgesse da subito proprio contro il repubblicanesimo meridionale, che gli sembrava parimenti responsabile del disastro politico nel quale il Mezzogiorno tutto era precipitato in occasione del 1860. È quanto sottolineava il suo primo scritto del 1863, all’indomani dunque del fallito tentativo insurrezionale di Garibaldi all’Aspromonte, dedicato – come si è già avuto il modo di anticipare – al disastro della spedizione di Pisacane del 1857 e dove il riferimento al dramma di alcuni anni prima gli viene utile per una dura critica alle linee guida dell’azione repubblicana nel Mezzogiorno anche all’indomani dell’unificazione.

20Pisacane infatti – ed è questione che la risorgimentistica moderata avrebbe in seguito puntualmente ricuperato – viene ritratto quale un eroe disinteressato, generoso, ma politicamente inavveduto, la cui grave responsabilità sarebbe stata quella di tornare a seguire le direttive di Mazzini, contro il quale, non a caso, si appuntano tutte le critiche di Racioppi. Nel suo scritto, l’apostolo genovese è apertamente accusato di avere sostenuto con forza la folle avventura di Pisacane, vuoi perché impaurito dei presunti progressi del murattismo – che Racioppi si affretta a ricordare come «mai non mise barbe profonde» – vuoi perché portato a far leva sugli entusiasmi giovanili per dare corso ad una logica insurrezionale utile non tanto al trionfo della causa italiana, quanto, mediante il martirio, al mantenimento in forze di una idea repubblicana altrimenti in crisi irreversibile. Da qui un ritratto dell’avventura di Sapri, dove il tentativo di Pisacane vien proposto sotto il segno di un avventurismo suicida: folle puntare sulla gioventù, perché se i giovani anni sono «alla esecuzione delle imprese una forza», lo sono pure «il senno che le modera e la scienza che le apparecchia», i quali tutti invece mancarono; folle inseguire lo spirito di sacrificio di Mazzini, per il quale non di meno – adombra Racioppi – il moto nel Cilento doveva costituire una diversione per tutto puntare, in forze, sull’insurrezione di Genova e di Livorno; scriteriata l’avventura di giocare la carta dell’arruolamento dei settecento detenuti di Ponza, quasi tutti avanzi di galera; e folle credere che le collettività avrebbero spontaneamente accolto come liberatori i compagni di Pisacane. La descrizione delle plebi che si avventano su Pisacane è segnale chiaro del baratro d’ordine morale oltre che culturale in cui giaceva sprofondata la società meridionale, ma l’accusa di Racioppi è soprattutto contro «quella scuola di uomini politici che insegna non altrimenti oramai governarsi a dovere se non sia per mezzo del popolo e del popolo non guardando che l’abaco del numero stima fondarsi eterno, su calcoli di cotesta algebra, il regno della democrazia» (La spedizione di Carlo Pisacane, p. 49).

21In tal modo, le pagine di Racioppi – che sviluppavano una dura condanna del sovversivismo repubblicano – erano in aperta polemica con i circoli repubblicani che in tutto il Mezzogiorno e in modo particolare a Napoli avevano dato uomini e armi al tentativo di Garibaldi del 1862, bruscamente interrotto sull’Aspromonte. Tuttavia, sarebbe sbagliato concludere che la presa di distanze dal mazzinianesimo lo inducesse a guardare con simpatia ai circoli liberali che avevano fatto la scelta italiana e stavano combattendo in pari tempo il sovversivismo repubblicano nonché il brigantaggio borbonico. Sempre ad avviso di Racioppi, che mai venne meno al proprio ideale unitario e la cui scelta italiana fu piena e irreversibile, nell’esplosione del brigantaggio i patrioti avevano a loro volta una grave responsabilità, perché avevano preteso di liquidare in modo brutale ogni ostacolo al loro pieno controllo dei poteri locali.

22Così, nell’opera data alle stampe nel 1866 e dedicata ai moti di Basilicata, ma in larga misura portata a interrogarsi sulle ragioni del brigantaggio, Racioppi ha durissime parole nella descrizione della brutalità delle plebi, subito corse assieme agli sbandati dell’esercito borbonico a comporre le file dei rivoltosi; ma la sua lettura del fenomeno si fa di grande originalità, perché egli interamente riconduce le ripetute violenze di plebe al sapiente maneggio di quanti

  • 13 G. Racioppi, Storia dei moti, edizione con prefazione di P. Lacava, Bari, Laterza, 1909, pp. 261-2 (...)

aderenti per ragione di uffizii al governo caduto, non solamente erano rimasti fuori dal nuovo ordine di cose, ma troppo seccamente osteggiati dalla parte vincitrice. La quale commescolando pei municipi le parti politiche alle vecchie parti municipali; e mascherando di politici nomi le antiche gare e i vecchi odi, stimoli perpetui alla inquieta vita municipale, rendevano più insolente ed incivile lo imperio dei vincitori, più grave ed esosa la soggezione dei vinti.13

23In altre parole, il brigantaggio altro non era che il tentativo delle vecchie classi dirigenti di ritornare con la forza delle armi nell’arena politica, perché – pur desiderose di collaborare con il nuovo ordine – si eran viste rifiutare ogni apertura di credito da una nuova classe dirigente che nella scelta italiana aveva colto l’inusitata occasione per regolare conti di vecchia data con i tradizionali gruppi di potere locale.

  • 14 G. Racioppi, Antonio Genovesi, Napoli, A. Morano, 1871.

24Nell’insieme, proprio in occasione dell’ingresso delle truppe italiane a Roma – quando scrisse una biografia di Antonio Genovesi che si vuole un accorato appello alla tradizione culturale napoletana di secolo xviii perché torni ad essere un punto di riferimento anche nella vita civile del Mezzogiorno in epoca unitaria14 – Racioppi era giunto ad una amara conclusione circa l’inutilità di una possibile vita democratica nel Mezzogiorno. E a questo doveva spingerlo anche l’esame di come i circoli repubblicani, puntando sull’Aspromonte e poi fallendo nel 1867 a Mentana, avessero malamente fuso l’iniziativa popolare con una politica di dura contestazione dell’accentramento di governo, che invece a Racioppi pareva il solo strumento per mantenere il Mezzogiorno all’interno del quadro unitario. La sua polemica contro la linea repubblicana era insomma a tutto campo, non investiva soltanto il mazzinianesimo (e il garibaldinismo) dell’iniziativa in armi, ma si allargava al rifiuto dell’autogoverno sul quale sembravano fondare le fortune, anche nel Mezzogiorno, dell’altro profeta repubblicano, ossia del milanese Carlo Cattaneo.

  • 15 Biblioteca del Museo del Risorgimento di Milano, Carte Cattaneo, b. 8, pl. 31, n. 88.
  • 16 Si veda V. Merlini, Scritti, Palermo, Lao, 1862.

25La sua era una linea politica che aveva goduto, proprio nel Mezzogiorno di epoca unitaria, di una qualche fortuna, della quale son testimonianza talune sue carte conservate al Museo del Risorgimento a Milano. Stando ai biglietti giuntigli dal Mezzogiorno nel corso degli anni Sessanta – e che concorrono a delineare lungo quali coordinate muovesse il repubblicanesimo nelle regioni meridionali – di Cattaneo si sembrava apprezzare non solo l’impegno intellettuale, ma soprattutto la qualità di difensore della democrazia e dei diritti delle collettività locali, ossia se ne faceva il campione della lotta all’accentramento di governo: esemplari a questo proposito le parole trasmessegli da Zaccaria Dominici, uno dei principali esponenti della massoneria, presto vicino alla battaglia parlamentare di Nicotera, ma che nel 1863 ancora intravvedeva in Cattaneo il più fermo sostenitore dell’unità italiana, con Roma capitale, perché subito dopo «cadrà giù il sistema dell’accentramento il quale è incompatibile co’ bisogni dell’Italia»15. E uguale considerazione merita Vincenzo Merlini, nei cui lavori dati alle stampe torna puntuale il tema della democrazia, con un forte accento sul significato del suffragio universale (ma anche del plebiscito…) quale strumento regolatore della vita italiana16.

  • 17 Devo questi brevi cenni biografici alle ricerche di A. Scirocco, Democrazia e socialismo a Napoli (...)
  • 18 Carte Cattaneo, b. 8, pl. 33, n. 58.

26È questo reticolo politico-culturale costruito a fatica nel Mezzogiorno giusto all’indomani dell’Unità, che assicura visibilità alla persona di Cattaneo negli anni Sessanta e non è casuale che la prima proposta di elezione al parlamento in rappresentanza di un collegio meridionale giungesse a Cattaneo da Azaele Ventrella, un uomo politico pugliese vicino anche a Mazzini, che era all’epoca membro onorario del comitato centrale dell’Alleanza repubblicana universale con sede a Napoli, nella quale già militava il giovane Napoleone Colajanni e che nel 1867, al tempo dei fatti di Mentana, conoscerà pure il carcere17. In data 26 aprile 1865, scrivendo da Ruvo di Puglia, Ventrella proponeva a Cattaneo la candidatura per il collegio di Trani e Corato e gli ricordava come solo la presa di Roma avrebbe portato a soluzione i gravi problemi che accompagnavano la questione dell’unità18.

27È noto che Cattaneo si sarebbe ben guardato dall’accettare, ma in data 31 ottobre 1865, Emanuele Scarano, sindaco di Massafra, gli comunicava addirittura l’avvenuta elezione al parlamento in altro collegio delle Puglie. Le sue parole rivelavano l’atteggiamento della sinistra repubblicana nella vita politica delineata dalle istituzioni della monarchia costituzionale

  • 19 Ivi, b. 8, pl. 33, n. 142.

conosco purtroppo aver lei altre volte dichiarato di non voler accettare alcuna candidatura, perché l’attuale erroneo sistema governativo non era consentaneo ai principi politici da lei professati… ma se è necessario che, per richiamare sulla diritta via il governo, vadano al parlamento uomini integerrimi intelligenti e di sperimentata fede politica, chi meglio di lei potrà far sentire la sua voce, unita a quella degli altri onesti oppositori, affinché il governo possa metter senno e cambiar sistema?19

  • 20 Sulla figura di Colajanni, d’obbligo il riferimento all’opera di J.-Y. Frétigné, Biographie intell (...)

28Certo è difficile misurare quanto – di Cattaneo, come di Mazzini – dopo il 1860 rimanesse nella cultura politica dei gruppi democratici del Mezzogiorno. Non erano quelli anni facili perché l’esplosione del brigantaggio aveva costretto i repubblicani nella scomoda posizione di comunque difendere lo stato unitario dal contrattacco delle forze reazionarie e dunque non consentiva loro di tenere fermo su un’ipotesi di lotta all’accentramento che a Napoli poteva oltretutto vantare una tradizione di segno addirittura opposto. Tuttavia, non va dimenticato come proprio Napoleone Colajanni in tali circoli fosse venuto formandosi e come nella sua opera sulle istituzioni municipali forte riecheggi la lezione cattaneana20. La stessa cosa, è ugualmente ben noto, non si può invece dire per Gaetano Salvemini, il quale ricorderà come il suo incontro con Cattaneo fosse avvenuto in là nel tempo, ormai sul finire del secolo, quando insegnava in Lombardia, a Lodi, nei locali della biblioteca comunale, dove lesse gli scrittori lombardi e tra questi Carlo Cattaneo «che sopra tutti com’aquila vola». E tuttavia, qualora non disponessimo della testimonianza dello stesso Salvemini, come negare che già nei suoi scritti precedenti sarebbe comunque possibile rinvenire traccia d’una influenza cattaneana?

  • 21 N. Colajanni, Mouvements sociaux en Italie, «Revue socialiste», 2, 1898, pp. 397-428.
  • 22 Ivi, pp. 620-4.

29Questo significa che il repubblicanesimo meridionale, benché largamente minoritario e presto spodestato nella privativa dell’opposizione dall’anarchismo e dal socialismo, svolse comunque un compito non del tutto irrilevante nel quadro politico nazionale, perché proprio con le sue due principali personalità – Colajanni e Salvemini – rappresentò, soprattutto sul terreno culturale, un sicuro contrappeso alla linea, sostanzialmente appiattita sulla società del nord, tenuta dal socialismo, nella sua dimensione massimalista come in quella riformista. Sul finire del secolo, proprio in Francia, dalle colonne della Revue di Benoit Malon, il repubblicanesimo meridionale avrebbe giocato la propria partita decisiva, confrontandosi con il socialismo per l’egemonia nella sinistra italiana: per l’occasione Colajanni ricordava come l’esperienza dei Fasci nulla condividesse con il socialismo, quanto quel partito fosse assente dalla scena meridionale e come solo una politica dichiaratamente anti-monarchica, tutta fondata sulla democratizzazione delle istituzioni per la via di una nuova forma di statualità, potesse davvero assicurare il progresso sociale in Italia21; era un atto di accusa nei confronti dei socialisti, che non troppo sembravano peritarsi della questione istituzionale, cui tenne subito dietro la sdegnata risposta di Enrico Ferri, il quale rammentò quanto la politica dei repubblicani italiani fosse ambigua e giusto puntasse ad una république bourgeoise e come il movimento socialista rimanesse pertanto il solo soggetto politico deputato a sfidare con possibilità di successo l’iniquo ordine sociale, ancor prima che istituzionale, ereditato dal moto risorgimentale22.

30Difficile dire chi uscisse, sulle prime, vincitore dal confronto: molte personalità scientifiche e politiche del tempo si espressero a sostegno della scelta socialista di puntare sul Nord lasciando per il momento in disparte un Mezzogiorno infeudato alle clientele politiche e al tempo stesso allontanandosi da quella cultura politica risorgimentale del cui fallimento proprio gli sviluppi dell’Italia liberale erano, a loro avviso, una drammatica testimonianza. E tuttavia, altri, soprattutto nel Mezzogiorno, rifiutarono una impostazione siffatta e contro la politica socialista tennero fermo sul valore che la tradizione politica repubblicana – ancora presente nelle regioni meridionali – sembrava ai loro occhi conservare. Allontanandosi da tutti i partecipanti al dibattito, solo Salvemini sarebbe corso al punto nevralgico della questione, ricordando come la diatriba tra Nord e Sud fosse solo testimonianza e non certo occasione di un’impasse politica: liquidando come «poltroni e semplicisti» quanti si accapigliavano sulla presunta inferiorità delle popolazioni meridionali, egli brevemente ricordava come l’arretratezza del Mezzogiorno fosse dovuta a ragioni storiche lontane e al tempo stesso vicine, ribadiva i vantaggi (ma soprattutto gli svantaggi) che alle regioni del Sud eran derivati dall’unificazione e concludeva indicando come soli rimedi un larghissimo decentramento amministrativo e una politica di investimenti. Ma questo programma – aveva cura di subito aggiungere –

  • 23 La questione meridionale, a cura di A. Renda, Milano-Palermo, Sandron, 1900, p. 34.

sarà naturalmente sempre combattuto dai latifondisti meridionali e dai moderati settentrionali che han bisogno dei soldati meridionali per tener a freno gli operai dei loro paesi. Dovrebb’essere sostenuto da tutti i partiti popolari settentrionali, che dovrebbero aiutare in tutti i modi il proletariato meridionale nella lotta contro i latifondisti.23

  • 24 E. Zuccarini, Per l’Italia barbara contemporanea. Nel centenario della Repubblica Partenopea, Buen (...)

31E invece, non tutti i partiti popolari del Nord avevano questo programma, perché i socialisti muovevano per altra via; e la loro scelta di dividere la prospettiva politica del Nord da quella del Sud, puntualmente fissata nei congressi di Roma e di Imola tra il 1900 e il 1902, avrebbe fatto un pesante ricasco sulla loro possibilità di ereditare il patrimonio politico-culturale della sinistra risorgimentale e non poco ostacolato le loro concrete possibilità di crescita nel Mezzogiorno. Le fortune, ma anche il rapido declino del positivismo avrebbero così fatto da cornice all’ascesa e alla crisi dell’Italia radical-socialista, che non sarebbe stata capace di cogliere e tradurre in termini elettorali l’eredità politica della questione meridionale. La scelta di consegnare l’egemonia dell’iniziativa politica al Nord era una strada ritenuta dallo stesso Turati come obbligata, ma nel Mezzogiorno era destinata a inevitabilmente favorire clamorosi contraccolpi sul terreno del localismo e della nostalgia, perché a quanti pareva naturale base di partenza il riconoscimento dell’inferiorità sociale del Mezzogiorno si sarebbe subito contrapposto chi ne esaltava ancora la tradizione storica e in nome dei troppi sacrifici subiti per la causa unitaria si faceva interprete dei tanti regionalismi per la via del ricordo della grandezza patria. Lo stesso Colajanni, che pure ricordava d’esser ormai distante da quel mondo, per non troppo urtare la famiglia repubblicana, dovette ufficialmente lodare la «vigorosa ed intelligente difesa» che delle regioni meridionali subito fece l’italo-argentino Emilio Zuccarini, un seguace di Giovanni Bovio che da Buenos Aires prontamente intervenne con uno scritto dove protestava contro una scienza positiva che si rendeva responsabile di gravi offese alla tradizione politica italiana e annichiliva il portato della tradizione democratica del Mezzogiorno. Il riferimento era all’opera di Alfredo Niceforo, che aveva dal momento della sua comparsa avviato una vibrante polemica circa il ruolo politico che, nel quadro di una politica di progresso, potessero davvero svolgere le regioni meridionali24.

32A dare una specificità culturale al repubblicanesimo meridionale ormai a cavaliere del secolo xx era certo l’insoddisfazione per l’esito della vicenda risorgimentale: la denuncia di una unità tanto agognata quanto deludente accompagnava l’amarezza per il drammatico saldo in negativo che si era riservato al Mezzogiorno e alimentava la protesta contro un nuovo ordine che aveva chiesto alle province meridionali il divorzio dalla loro tradizione storica senza per questo molto voler riconoscere nel nuovo contesto unitario. In un quadro siffatto, il messaggio repubblicano, anche sulla scorta dell’esempio cattaneano, avrebbe riservato un’attenzione prioritaria alle realtà locali, ritenute sempre e comunque cellula di ogni più ampio ordine. Tuttavia, proprio le parole di Racioppi sulle quali molto si è qui sostato suggeriscono come la peculiarità del discorso repubblicano nel Mezzogiorno – che trova nella battaglia di Salvemini per il suffragio universale in contrasto con lo stesso partito socialista il proprio principale merito – si rivelasse anche, nella congiuntura del momento, dominata da un antimeridionalismo fortemente pronunciato proprio a sinistra, un preoccupante punto di fragilità.

Haut de page

Notes

1 G. Berti, I democratici e l’iniziativa meridionale nel Risorgimento, Milano, Feltrinelli, 1962.

2 F. Benigno, La mala setta. Alle origini di mafia e camorra, 1859-1878, Torino, Einaudi, 2015.

3 B. Croce, G. Ceci, M. D’Ayala, S. Di Giacomo, La Rivoluzione napoletana del 1799: illustrata con ritratti, vedute, autografi ed altri documenti figurativi e grafici del tempo, Albo pubblicato nella ricorrenza del primo centenario della Repubblica napoletana, Napoli, Morano, 1899.

4 B. Croce, Studi storici sulla rivoluzione napoletana del 1799, Roma, Loescher, 1897.

5 Esemplare, al riguardo, il caso di Vincenzo Cuoco, da me ricostruito in Vincenzo Cuoco. Una vita politica, Roma-Bari, Laterza, 1997.

6 Debbo molto alle considerazioni di Aurelio Musi ora in Mito e realtà della nazione napoletana, Napoli, Guida, 2016.

7 Circa le fortune del Mezzogiorno nell’alta Italia del 1848, mi permetto di rinviare al mio La palla al piede. Una storia del pregiudizio antimeridionale, Milano, Feltrinelli, 2012, pp. 59-61.

8 Su tutto questo, il quadro d’assieme cui rifarsi rimane A. Scirocco, Il Mezzogiorno d’Italia unita, 1861-1865, Napoli, SEN, 1979.

9 Esemplari, al riguardo, le pagine di G. Giarrizzo, Mezzogiorno senza meridionalismo. La Sicilia, lo sviluppo, il potere, Venezia, Marsilio, 1992, in part. pp. xiv-xvi.

10 Sulla figura di Racioppi, si veda a titolo riassuntivo G. Cingari, « Alle origini della questione meridionale: Giacomo Racioppi », in Id., Brigantaggio, proprietari e contadini nel Sud (1700-1900), Reggio Calabria, Editori meridionali riuniti, 1976, pp. 143-203.

11 G. Racioppi, Storia dei popoli della Lucania e della Basilicata, Roma, Loescher, 1889, 2 voll.

12 Rispettivamente, Id., La spedizione di Carlo Pisacane a Sapri, Napoli, G. Marghieri, 1863 e Id., Storia dei moti di Basilicata e delle provincie contermine nel 1860, Napoli, A. Morelli, 1867.

13 G. Racioppi, Storia dei moti, edizione con prefazione di P. Lacava, Bari, Laterza, 1909, pp. 261-262.

14 G. Racioppi, Antonio Genovesi, Napoli, A. Morano, 1871.

15 Biblioteca del Museo del Risorgimento di Milano, Carte Cattaneo, b. 8, pl. 31, n. 88.

16 Si veda V. Merlini, Scritti, Palermo, Lao, 1862.

17 Devo questi brevi cenni biografici alle ricerche di A. Scirocco, Democrazia e socialismo a Napoli dopo l’Unità, 1860-1878, Napoli, Libreria scientifica editrice, 1973, pp. 217-20.

18 Carte Cattaneo, b. 8, pl. 33, n. 58.

19 Ivi, b. 8, pl. 33, n. 142.

20 Sulla figura di Colajanni, d’obbligo il riferimento all’opera di J.-Y. Frétigné, Biographie intellectuelle d’un protagoniste de l’Italie libérale: Napoleone Colajanni (1847-1921). Essai sur la culture politique d’un sociologue et député sicilien à l’âge du positivisme (1860-1903), Rome, École française de Rome, 2002.

21 N. Colajanni, Mouvements sociaux en Italie, «Revue socialiste», 2, 1898, pp. 397-428.

22 Ivi, pp. 620-4.

23 La questione meridionale, a cura di A. Renda, Milano-Palermo, Sandron, 1900, p. 34.

24 E. Zuccarini, Per l’Italia barbara contemporanea. Nel centenario della Repubblica Partenopea, Buenos Aires, Tipografia editrice La Moderna, 1899. Circa le fortune dell’opera di Niceforo nel dibattito circa l’inferiorità, non solo politica dei meridionali, si veda V. Teti, La razza maledetta: origini del pregiudizio antimeridionale, Roma, Manifestolibri 1993; C. Petraccone, Le due civiltà. Settentrionali e meridionali nella storia d’Italia dal 1860 al 1914, Roma, Laterza 2000, in part. pp. 153-207, nonché il mio La diversità meridionale nell’antropologia di fine secolo XIX, «Storica», 14, 2008, pp. 69-87.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Antonino De Francesco, « Dopo la rivoluzione nazionale: repubblicanesimo e Mezzogiorno negli anni dell’Italia liberale », Laboratoire italien [En ligne], 19 | 2017, mis en ligne le 06 mars 2017, consulté le 16 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/1283 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.1283

Haut de page

Auteur

Antonino De Francesco

Antonino De Francesco, professeur d’histoire moderne, est Directeur du Département d’histoire de l’Université de Milan. Ses recherches portent sur le mouvement démocratique en France et en Italie du XVIIIe au XIXe siècle, sur la fortune historiographique de la Révolution française dans la culture italienne et sur les spécificités politiques de l’Italie méridionale. Ses intérêts les plus récents portent sur la dimension atlantique des événements révolutionnaires et l’étude des traductions de la fin du XVIIIe siècle. Parmi ses derniers ouvrages, on peut signaler : L’Italia di Bonaparte. Politica, statualità e nazione nell’Italia tra due rivoluzioni, 1796-1821, Turin, Utet, 2011 ; La palla al piede. Una storia del pregiudizio antimeridionale, Milan, Feltrinelli, 2012 et The Antiquity of the Italian nation. The Cultural Origins of a Political myth in modern Italy, 1796-1943, Oxford, Oxford University Press, 2013.

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page