Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Varia

Dalla difesa sociale alla difesa della razza

Alessandro Fontana
p. 129-142

Résumé

L’article tente de décrire un épisode assez obscur, mais lourd de conséquences sur les politiques de discrimination, d’exclusion, et de massacres des États totalitaires au XXe siècle : il s’agit du moment où, au XIXe siècle, la question de la sécurité entre les nations – qui était fondamentalement liée à l’état de guerre et aux rapports extra-juridiques entre les États – est associée à des pratiques sécuritaires internes aux États qui en prolongent et en renforcent les effets. S’appuyant sur la formulation par Beccaria et Bentham du système pénal classique, fondé sur les présupposés de la liberté morale, des intentions et de la responsabilité individuelle, l’article parcourt l’évolution des théories juridiques en montrant l’émergence progressive du concept de danger public et d’un droit pénal basé sur le concept de « légitime défense de la société contre les individus dangereux ». Ce nouveau système, perfectionné et radicalisé par l’école anthropologique italienne, qui formalise le concept de sécurité sociale, aboutira aux théories sur la sécurité de l’État sur lesquelles se sont basées les expériences du fascisme et des grands États totalitaires du XXe siècle.

Haut de page

Texte intégral

1Per situare storicamente il problema della sicurezza potremmo dire, schematicamente, questo. C’è stata un’epoca, dal IV al XV secolo, che potremmo definire della salvezza, epoca in cui la salvezza dell’anima si è iscritta nel cuore della pratica umana attraverso una serie di tecniche come la confessione dei peccati, la penitenza, l’esercizio delle virtù morali, le discipline di ascesi, l’esame di coscienza. Con la nascita dello Stato moderno, a partire dal XVI secolo, è emersa un’altra questione, quella della sicurezza, legata fondamentalmente allo stato di guerra e ai rapporti extra-giuridici tra le nazioni. La sicurezza, che sostituisce la giustizia della trattatistica politica medievale (soprattutto tomista), è già un principio centrale in Machiavelli nei cui scritti funge, assieme alle virtù e all’amor di patria, da giustificazione dell’azione politica « straordinaria », fuori cioè dalle regole e dalle norme consuetudinarie. La legittimazione attraverso la sicurezza si ritroverà poi nella trattatistica della Ragion di Stato, nelle pratiche politico-economiche degli Stati mercantilistici e assolutistici, nella teoria politica sei-settecentesca, da Hobbes a Rousseau, nei dibattiti parlamentari della Rivoluzione dell’89 e in quelli, successivi, che approderanno ai codici civili e penali del 1804, 1808 e 1810. Nell’antico Regime, comunque, il jus publicum europeum ha tentato di dare una sanzione giuridica (diritto di conquista, diritto di pace e di guerra, diritti naturali) ai rapporti di forza, fondati su principi sicuritari, tra gli Stati. Infine – terza epoca – dopo Hiroshima nel 1945, alla vecchia questione della salvezza dell’anima e della sicurezza degli Stati ne è succeduta una nuova, quella della sopravvivenza della specie, legata ai pericoli e alle minacce del conflitto nucleare, dell’incremento esponenziale della popolazione mondiale, delle manipolazioni genetiche, della distruzione dell’ambiente, della biotecnologia, dei rischi alimentari e della comparsa di morbi epidemici incontrollabili. Questa terza epoca, in cui è in questione non più la salvezza individuale né la sicurezza statale, ma, a livello planetario, la specie umana nella sua globalità, è destinata a trasformare e sovvertire tutti i principi tradizionali relativi alle questioni del potere, del governo di sé e degli altri, dei rapporti tra gli individui e gli Stati, dei diritti naturali e sociali, delle modalità stesse del vivere e del pensare. Così, in una sorta di Aufhebung hegeliana, la salvezza dell’anima sta dando vita ad un ritorno del religioso, dai movimenti settari alle Chiese ufficiali, in forme esasperate (suicidi di massa, fondamentalismo islamico, integralismo cattolico) e con accenti escatologici se non addirittura apocalittici. Quanto alla sicurezza, essa attraversa ormai ogni piano dell’essere e del vivente, aprendo un conflitto insanabile tra le aspettative assistenziali, sanitarie, previdenziali e la dura lex del capitalismo globale a livello mondiale.

2Ecco brevemente come inquadrare la questione della sicurezza sul piano storico. Ma non ci occuperemo, oggi, delle caratteristiche specifiche delle tre epoche e delle trasformazioni dalla salvezza dell’anima alla sicurezza degli Stati e alla sopravvivenza della specie. Più modestamente cercheremo di descrivere un episodio abbastanza oscuro, ma gravido di conseguenze sulle politiche di discriminazione, di esclusione e di eccidio degli Stati totalitari nel XX secolo : l’episodio cioè, legato alle vicende ottocentesche del diritto e delle politiche criminali, in cui pratiche sicuritarie all’interno degli Stati, si sono affiancate, prolungandole e rafforzandole, alle pratiche sicuritarie tra gli Stati caratteristiche dell’antico Regime.

3Il diritto di punire si basa, nell’antico Regime, sul principio secondo cui ogni infrazione lede il corpo del sovrano : la pena è dunque la guerra del sovrano contro gli individui, fondata sul castigo, la vendetta e l’esemplarità dei supplizi. Non esiste né equilibrio « geometrico » né proporzionalità tra crimini e pena. La procedura, nel Sud dell’Europa, è, dal XIII secolo, di tipo inquisitorio : scritta, segreta, non contraddittoria. Dal XVII secolo entrano in vigore, per i vagabondi, i libertini, i pazzi, misure di tipo segregativo ; valga per tutte l’ordinanza di Luigi XIV del 1670 che accompagna il grand renfermement descritto da Michel Foucault nella Storia della Follia. Nella fase processuale domina il principio delle cosiddette « prove formali », già teorizzato nel XVI secolo dai grandi criminalisti come Claro, Farinacio, Menochio : prova intera, mezza prova, quarto di prova, ecc. In questo sistema di tipo meccanicistico l’intenzione criminale non conta ; conta solo la materialità del fatto e la follia, per esempio, non costituisce una giustificazione. In genere, due testimonianze a carico valgono prova, quali che siano la certezza o la convinzione del giudice. La pena, in sostanza, è un risarcimento del danno di tipo civilistico e una soddisfazione discrezionale della volontà del sovrano.

4Col movimento delle riforme, Beccaria (ma non solo lui) chiede, come si sa, l’aboli