Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Justice et armes au XVIe siècle

Dalle guerre d’Italia del Guicciardini al diritto di guerra di Alberico Gentili

Paolo Carta
p. 85-102

Résumés

Cet article interroge l’importance de l’Histoire d’Italie de Francesco Guicciardini pour l’œuvre d’Alberico Gentili et sa formulation d’un droit de guerre. Depuis longtemps, l’historiographie la plus avisée a insisté sur la forte dimension européenne de l’Histoire d’Italie. Faire porter la discussion sur Gentili lecteur de Guicciardini ne permet pas seulement de déterminer un moment de la fortune des œuvres du Florentin à la fin du xvie siècle. C’est surtout une occasion de comprendre de quelle façon la culture européenne a su faire trésor de l’expérience historiographique et doctrinale de Guicciardini ; de comprendre, en somme, comment la circulation de l’Histoire d’Italie, ainsi que l’interprétation de certains de ses moments parmi les plus significatifs, ont contribué à donner une orientation concrète à la réflexion politique européenne.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 R. Ridolfi, Vita di Francesco Guicciardini, Milano, Rusconi, 1982, p. 50, sulla quale si veda ora i (...)

1Tra i doveri di un biografo, come ha scritto Roberto Ridolfi, c’è la necessità di imparare a leggere «tra le righe e nei cuori»1. Mai come nel caso di Guicciardini, che niente pubblicò in vita, però la storia del suo pensiero si intreccia con quella della sua fortuna. Allo storico, e particolarmente allo storico del pensiero, spetta dunque di cogliere quell’invito, che l’illustre biografo affacciava in chiusura della sua opera, a comprenderne la vita dopo la morte. Ed è in questa direzione che si situa questo contributo, che vuole essere solo una testimonianza sul ruolo attribuito alla Storia d’Italia da Alberico Gentili, nel suo primo compiuto tentativo europeo di elaborazione di un diritto di guerra, il De iure belli.

  • 2 Mi riferisco in particolare ai lavori di J.-L. Fournel e J.-C. Zancarini, La grammaire de la Républ (...)
  • 3 V. Luciani, Francesco Guicciardini and His European Reputation, New York, 1936, trad. it. a cura di (...)
  • 4 Penso innanzitutto al lavoro del compianto G. Procacci: Machiavelli nella cultura europea dell’età (...)

2Del resto è stata la migliore storiografia guicciardiniana ad insistere da tempo sul forte respiro europeo che caratterizza la Storia d’Italia2. Discutere di Alberico Gentili lettore di Guicciardini non può essere però solo l’occasione per tentare di definire un momento della «fortuna» del Fiorentino nel tardo ‘500. Si tratta piuttosto di cogliere l’opportunità per capire in che modo la cultura europea seppe far tesoro dell’esperienza storiografica e dottrinale del Guicciardini; di capire, insomma, come la circolazione della Storia d’Italia, e l’interpretazione di alcuni suoi snodi particolarmente significativi, contribuì a indirizzare concretamente la riflessione politica. In questa prospettiva, restano ancora da sondare molti aspetti della storia guicciardiniana, nonostante il meritorio studio di Vincent Luciani3. Manca infatti un lavoro che superando la rassegna dei giudizi espressi sull’opera dai suoi più diversi lettori, dia conto di come il pensiero politico e giuridico europeo della prima modernità si appropriò del pensiero guicciardiniano e in che misura se ne giovò. Insomma resta da fare per Guicciardini tutto ciò che già è stato fatto per Machiavelli4.

  • 5 Jean Bodin, Methodus ad facilem historiarum cognitionem, Parisiis, Martinum Juvenem, 1566, pp. 78-8 (...)
  • 6 Alberico Gentili, De iure belli libri III, Hanoviae, Excudebat Guilielmus Antonius, 1598, II, 8, p. (...)

3Ciò ovviamente non significa sminuire l’importanza di rassegne come quella del Luciani: anche i giudizi sugli autori pesano e spesso vivono per così dire una propria fortuna ulteriore e indipendente. Vi è da credere, ad esempio, che sulla fama europea del Guicciardini abbia inciso non poco il giudizio espresso con toni encomiastici dal Bodin nella sua Methodus, che ne faceva lo storico per eccellenza, superiore agli antichi e ai moderni, scrittore onesto e alla perenne ricerca della verità5. Ed è molto probabilmente al giudizio bodiniano che si deve anche il ricorrente uso gentiliano dell’opera del Guicciardini, seguito sopra tutti gli altri storici, in quanto giurista e «grande politico», secondo l’elogio attribuito al suo maestro Filippo Decio, puntualmente evocato nel De iure belli6. Gentili, come Bodin, seguiva Guicciardini non tanto per ritrovare nelle sue pagine esempi storici destinati ad ornare i propri trattati, quanto per la necessità di isolare e aggiornare nel nuovo contesto europeo quel nucleo di insegnamenti giuridici e politici che esse contenevano. La Storia d’Italia, o la Storia delle guerre d’Italia, secondo il titolo con cui variamente circolò nelle traduzioni europee, è l’opera storica alla quale Gentili si affida maggiormente, considerandola come una sorta di trattato di diritto pubblico, scritto sub specie historiarum.

  • 7 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, a cura di S. Seidel Menchi, Torino, Einaudi, 1971, XVI, 15 (...)

4Si pensi solo al modo in cui Guicciardini si serve dei trattati di pace nella sua Storia. Per fare un esempio basterà ricordare lo spazio assegnato all’accordo di Madrid, concluso il 14 gennaio 1526 tra Carlo V e Francesco I. Si tratta di una pagina che non dovette sfuggire neppure al Bodin, poiché il termine «sovranità», che egli tentava di definire nella Methodus e nella République, fa in quel frangente la sua comparsa per ben due volte7:

Contenne la capitolazione […] che tra Cesare e il re di Francia fusse pace perpetua, nella quale fussino compresi tutti quegli i quali di consentimento comune si nominassino: che il re di Francia, a dieci dí di marzo prossimo, fusse posto libero ne’ suoi confini, nella costa di Fonterabia e, in termine di sei settimane seguenti, consegnasse a Cesare la ducea di Borgogna, la contea di Ciarolois, la signoria di Neiers e Castello Chimu, dependenti della detta ducea, la viscontea di Ausonia, il Resort di San Lorenzo, dependenti dalla Francia Contea, tutte le pertinenze solite della detta ducea e viscontea; quali tutte fussino in futuro separate ed esenti dalla sovranità del regno di Francia; […] che rinunziasse alla sovranità di Fiandra e di Artois e di ogni altro luogo posseduto da Cesare: e da altra parte, cedesse a Cesare tutte le ragioni di qualunque luogo posseduto da’ franzesi.

  • 8 Cfr. Recueil général des anciennes lois françaises depuis l’an 420 jusqu’à la révolution de 1789, a (...)
  • 9 Recueil général des anciennes lois françaises, 1828, V, n. 304, pp. 75-94. Per il Froissart del Gui (...)
  • 10 Recueil général des anciennes lois françaises, cit., V, p. 77. Villani traduce variamente con «sovr (...)

5Il passo guicciardiniano, che costituisce un bell’esempio della circolazione del termine «sovranità» nel lessico politico italiano ed europeo, prima dei trattati bodiniani, riassume e traduce alla lettera il testo del trattato, com’è possibile verificare con la fonte8. Del resto si trattava di uno schema tipico della cronachistica a lungo frequentata dal Guicciardini. Si pensi al trattato di Bretigny (1360), riprodotto alla lettera da Matteo Villani nella sua Cronica e che doveva stare in origine anche nelle Chroniques di quel Froissart, di cui, come si sa, il Guicciardini fu, in certo qual modo, anche traduttore9. Era quel trattato, che siglando la pace tra Giovanni II, il buono, re di Francia ed Edoardo III, re di Inghilterra, si apriva con la formula: «Ce que en souvereineté en souvereineté, ce que en demaine en demaine»10.

  • 11 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., VII, 1, p. 633.

6Di un certo peso, per confermare l’idea per cui un sovrano non può essere vincolato alle proprie leggi, così come a quelle dei suoi predecessori, dovettero essere le pagine in cui Guicciardini, dando prova della natura giuridica della sua opera, esponeva il desiderio di Filippo il Bello di rivendicare per sé la corona di Castiglia, intendendola sottrarre al suocero. Legittimamente, aggiungeva Guicciardini, poiché, «come era verissimo», la regina morta non aveva alcun potere di «prescrivere leggi al governo del regno finita la sua vita»11.

  • 12 Jean Bodin, I sei libri dello Stato, I, a cura di M. Isnardi Parente, Torino, Utet, 1964, p. 434. I (...)
  • 13 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., VII, 7, p. 673.

7Ed è a Guicciardini che Bodin si rivolge espressamente per attestare, in un passaggio cruciale della République, che il «titolo di imperatore» non «comporta vera sovranità», cioè che la persona dell’imperatore resta pur sempre soggetta a un superiore12. L’idea bodiniana trovava conferma nel discorso di Massimiliano alla Dieta di Costanza nell’aprile del 1507, così come riportato nella Storia d’Italia13:

Io ho deliberato di passare in Italia, in nome per ricevere la corona dello imperio (solennità, come vi è noto, piú di cerimonia che di sostanza, perché la degnità e l’autorità imperiale depende in tutto dalla vostra elezione) ma principalmente per interrompere questi consigli scelerati de’ franzesi, per scacciargli del ducato di Milano, poiché altrimenti non possiamo assicurarci dalla insolenza loro. Sono certo che niuno di voi farà difficoltà di darmi i sussidi soliti darsi agli imperadori che vanno a incoronarsi, i quali congiunti alle forze mie non dubito d’avere a passare vittorioso per tutto, e che la maggiore parte d’Italia supplichevole mi verrà incontro, chi per confermare i suoi privilegi, chi per conseguire dalla giustizia nostra rimedio alle oppressioni che gli sono fatte, chi per placare con divota sommissione l’ira del vincitore.

  • 14 Cfr. R. Elze, Una Coronatio Caesaris a Trento, Trento, Università degli Studi di Trento, 1995, p. 3 (...)

8La dichiarazione di Massimiliano per cui «l’incoronazione» a Roma era «nient’altro che una solennità più di cerimonia che di sostanza», dipendendo la dignità dell’imperatore tutta dai suoi elettori, riproduceva idee risalenti, già riscontrabili nella canonistica trecentesca, e tuttavia la sua collocazione nella Storia d’Italia faceva calare, per così dire, la dottrina nella realtà dei fatti14.

  • 15 D. Quaglioni, Introduzione, cit., p. xxv.

9Come rivelano questi pochi esempi, con la Storia d’Italia circolavano dunque anche i termini tecnici e i concetti più complessi, che la dottrina del tardo ’500 era chiamata a ridefinire, secondo la mutata «qualità dei tempi». Questo impegno caratterizza anche la lettura gentiliana dell’opera del Guicciardini. Come è stato scritto di recente, «l’esperienza della storia umana irrompe nel testo di Gentili con forza ancor maggiore rispetto alla pur densa trama di riferimenti alle fonti normative, che costellano la République di Bodin»15.

  • 16 Tra quanti in tempi più recenti hanno dedicato, sia pur fugacemente, alcune pagine a quest’opera me (...)

10Su questo particolare tipo di lettura si innesta anche una certa fortuna secentesca di Guicciardini. Valga per tutti l’esempio degli Aphorismes ciuill and militarie di Robert Dallington, pubblicati per la prima volta a Londra nel 1613: un piccolo capolavoro, che aggiornava il genere della Institutio principis, nel quale la Storia d’Italia è compendiata aggiuntovi un corredo di avvertimenti dell’autore e di massime ricavate dai classici della letteratura politica e morale, tra cui Bodin, Botero, Lipsio e naturalmente Machiavelli16.

  • 17 Alberico Gentili, De legationibus libri tres, Hanoviae, Guilielmus Antonius, 1607, III, 9, p. 185: (...)
  • 18 Cfr. Angelo Ridolfi e Ugo Foscolo, Scritti sul Principe di Niccolò Machiavelli, a cura di P. Carta, (...)
  • 19 D. Panizza, Machiavelli e Gentili, «Il pensiero politico», II, 1970, pp. 476-483; Id., Appunti sull (...)
  • 20 Attribuita al Daneau, cfr. A. D’Andrea, Machiavelli, Satan, and the Gospel, «Yearbook of Italian St (...)
  • 21 M. Wyatt, The Italian Encounter with Tudor England. A Cultural Politics of Translation, Cambridge, (...)

11Già da tempo, mediante l’edizione dei testi guicciardiniani, circolava in Europa anche il pensiero di Machiavelli e nella Methodus di Bodin, prima ancora della editio princeps dei Ricordi, allestita a Parigi nel 1576 da Jacopo Corbinelli, i due erano stati associati e apprezzati. Ed è forse anche alla Methodus che si può guardare per comprendere la germinazione originaria del giudizio così influente espresso dal Gentili su Machiavelli nel De legationibus (1585), la cui fortuna fu certo straordinaria17. Negli scritti che Foscolo dedica al Principe, in polemica con Angelo Ridolfi, il giudizio di Gentili è ancora riprodotto per intero a legittimarne la cosiddetta «lettura obliqua» dell’opera del Fiorentino18. Il Machiavelli antitirannico del Gentili tanto dipendeva dall’«introduzione» all’edizione dei Discorsi pubblicata da John Wolfe19. L’«introduzione» era una risposta alla circolazione dell’opera di Gentillet e forse, più in particolare, alla fortunata edizione latina del suo Discours20, e celava un intreccio di motivi politici e religiosi, che coinvolgevano quel manipolo di italiani residenti a Londra (città nella quale si viveva al tempo «in tutto e per tutto, quanto alla religione, lutteranescamente»)21.

  • 22 I discorsi di Nicolò Machiavelli, sopra la prima deca di Tito Livio, in Palermo, Appresso gli hered (...)
  • 23 P. Carta, I fuorusciti italiani e l’antimachiavellismo francese del ’500, «Il pensiero politico», X (...)
  • 24 Id., Renaissance in Law and Politics: the Dialogue between Machiavelli and Guicciardini, in Compte (...)
  • 25 S. Anglo, Machiavelli. The First Century, cit., p. 367, e per una bibliografia su Wolfe, ibid., pp. (...)

12Se questo era per così dire l’atteggiamento ufficiale verso l’opera di Gentillet, ritenuta degna «di servire a […] venditori di salsicce e di sardelle»22, va anche detto che in ben altro modo si esprimevano gli esuli italiani parlandone nella loro corrispondenza privata. È ad esempio il caso di Jacopo Corbinelli, che dichiarava la sua ammirazione per quel «libro per un huomo di Stato sopra ogni altro libro a mio giuditio desiderabile», come scriveva al suo amico a Padova, il celebre Gian Vincenzo Pinelli. Un libro che tutti biasimavano perché nessuno l’aveva «quasi letto […] cioè potuto leggere, et se io fussi più giovane io vorrei che fosse taliano per la mia città»23. Nelle carte di Pinelli, ritroviamo il Discours di Gentillet, posto accanto al Guicciardini e al Machiavelli, all’interno di un elenco comprendente una serie di volumi indispensabili per l’uomo di Stato24. E Gentili, che è forse l’«huomo molto savio» ricordato nell’avvertenza dello stampatore al benigno lettore, premessa all’edizione di Wolfe dei Discorsi machiavelliani, era certamente anche un ottimo conoscitore dell’opera di Gentillet25.

13Nel De iure belli, si sa, Gentili fece largo uso del Machiavelli, ricorrendo in più occasioni alle sue opere politiche e militari; ma è decisamente più curioso il ricordo della Mandragola che compare nel commentario al De Maleficiis, a testimoniare la sua volontà di considerare l’autorevolezza dell’opera del Fiorentino presa nel suo complesso, secondo quel progetto editoriale portato a compimento dal Wolfe26.

  • 27 La cui natura è stata chiarita in un recente convegno da D. Quaglioni, Il «De papatu Romano Antichr (...)
  • 28 L. Firpo, La Chiesa italiana di Londra nel Cinquecento e i suoi rapporti con Ginevra, in Ginevra e (...)
  • 29 Cfr. Id., Francesco Pucci in Inghilterra, «Revue internationale de philosophie», V, 1951, pp. 158-1 (...)
  • 30 L. Firpo, Nuove ricerche su Francesco Pucci, «Rivista storica italiana», LXXIX, 1967, pp. 1053-1074 (...)
  • 31 Francesco Pucci, Informatione della religione Christiana fondata su la divina e humana ragione, sec (...)
  • 32 Ibid., pp. 168-169.
  • 33 Ibid., p. 171.
  • 34 Correspondance du nonce en France: Anselmo Dandino (1578-1581), a cura di I. Cloulas, Roma-Parigi, (...)
  • 35 Milano, Biblioteca Ambrosiana, Ms. T. 167 sup., c. 59r.
  • 36 Cfr. C. Chalmers Huffman, Elizabethan Impressions, cit., p. 141.
  • 37 Cfr. Konrad Gessner, Bibliotheca Instituta et Collecta primum a Conrado Gesnero deinde in Epitomen (...)

14L’intreccio di motivi politici e religiosi riguarda però tanto Machiavelli quanto Guicciardini. Per discutere più specificamente del Guicciardini non si può non prendere le mosse dal De Papatu Romano Anticristo, l’opera incompiuta di Gentili nella quale con maggiore evidenza emergono le sue idee religiose27. Si tratta di un pensiero assai difficile da comprendere ove si voglia ricondurlo forzatamente in uno schema teologico-dottrinale. Fatto abbastanza comune agli esuli vicini alla Chiesa italiana di Londra28. Per molti aspetti il suo caso ricorda quello del fiorentino Francesco Pucci. Anch’egli in Inghilterra tra il ’79 e l’80, negli stessi anni in cui fece il suo arrivo Alberico Gentili. Pucci faceva ritorno in Inghilterra dopo un primo soggiorno, che si era chiuso bruscamente nel 1576, cioè due anni dopo il conseguimento del titolo magistrale a Oxford. Allora si era legato al teologo sivigliano Antonio del Corro, contrapponendosi immediatamente, e nonostante il sostegno del conte di Leicester, Robert Dudley, a John Raynolds29. Questi riuscì a far allontanare il Pucci, più o meno per gli stessi motivi con cui più tardi, ma con ben altro esito, si oppose all’affidamento della cattedra al Gentili. Nel 1580, o forse già un anno prima, Francesco Pucci a Londra diede alle stampe l’Informatione della religione christiana, presumibilmente proprio per i tipi di John Wolfe, come vide giustamente Luigi Firpo30. È la sua opera più bella e più completa, nella quale con pericolosa semplicità, contro tutte le sette e «gli scolastici», manifestava le sue aspirazioni per un nuovo concilio nel quale riunire la cristianità ed esprimeva soprattutto l’insofferenza per la gerarchia ecclesiastica, la quale, «ordinata ascosamente», aveva ormai «più del diabolico che del divino»31. Pucci ripercorreva l’origine del potere temporale del pontefice, sorto in un «mirabile trambusto di cose divine e humane», quando cioè, secondo il passo dell’Apocalisse 6, 13, le «stelle del cielo caddero a terra … e i maestri delle cose celesti divennero ministri delle terrestri»32. Apparve allora quella nuova gerarchia ecclesiastica che ha confuso tutti i giudizi sulle cose umane e divine e «fatto tanto dire di sé, per tutte le storie». Tra le storie cui fa riferimento Pucci, non vi è dubbio, figura innanzitutto quella del Guicciardini, non diversamente dal Gentili. Il calcolo condotto sull’esegesi di Apocalisse 12, lo portava a concludere che la venuta del «Messia per rinnovare il secolo» sarebbe caduta proprio in quegli anni che andavano «dal 1580 al 1590»33. Il libretto circolò per tutta Europa, ricercato dai nunzi che provvedevano ad intercettare la corrispondenza del Fiorentino, segnalandone la pericolosità, data la sua familiarità con Thomas Bodley, il celebre mecenate e diplomatico34. L’Informatione giunse a Padova, presumibilmente indirizzata a Pinelli; molte copie raggiunsero la Francia, grazie al Corbinelli, che nelle sue lettere non esitava a ricordare Pucci come «suo allievo». Giunse a Basilea, complice Jacopo Castelvetro, presso Francesco Betti. Lo rivela una lettera strappata all’altezza del mittente, ma senza dubbio del Betti, come si scopre dai riferimenti ai suoi due figli avuti da Esther Colli35. Nel 1589 proprio il Wolfe stampò a Londra la lettera del Betti al Marchese di Pescara, lettera in cui egli dava conto dei motivi che lo avevano spinto all’esilio per causa di fede36. L’Informatione della religione christiana fece inoltre guadagnare al Pucci fin dal 1583 un posto di tutto rispetto nella censurata Bibliotheca di Konrad Gessner, completata da Josiah Simmler, come autore che «scripsit de potestate Papae et Concilii»37.

  • 38 P. Guicciardini, La censura nella Storia guicciardiniana: Loci duo e Paralipomena, cit.; di recente (...)
  • 39 Two Discourses of Master Frances Guicciardin…, Londra, William Ponsonbie, 1595. I luoghi guicciardi (...)
  • 40 Oxford, Bodleian Library, Ms. D’Orville 607, c. 7r.
  • 41 D. Panizza, Alberico Gentili. Giurista ideologo nell’Inghilterra elisabettiana, cit., p. 26.

15Non vi è da dubitare che anche il De Papatu Romano Antichristo di Gentili si situi nel medesimo contesto in cui operò Pucci ed è difficile, vista la corrispondenza di uomini, legami e idee, che egli non fosse a conoscenza della vicenda del Pucci. In questo intricato mondo di esuli, Guicciardini dunque non fu solo l’autore della Storia d’Italia, ma anche colui che, da cattolico e da uomo al servizio della Chiesa, era riuscito a rendere una credibile testimonianza della corruttela dei costumi del clero e del papato, dimostrando in modo incontrovertibile la diabolica origine del potere temporale dei pontefici. Ciò era quanto aveva scritto in quei celebri loci duo, i due passi del libro terzo e del libro quarto della Storia d’Italia, rispettivamente dedicati all’amore incestuoso di Alessandro VI e dei suoi figli per Lucrezia e alle origini della gerarchia ecclesiastica. I loci duo erano stati eliminati, insieme ad altre parti, nella prima edizione della Storia d’Italia, ma furono pubblicati in latino separatamente fin dal 1569 da Pietro Perna, il ben noto editore del Machiavelli nella Basilea riformata38. Furono quindi tradotti e stampati in più edizioni, fino a quella londinese del ’95 che conteneva i testi dei luoghi guicciardiniani in latino, italiano, francese e inglese39. È ai Loci duo che Gentili si riferisce discutendo della falsa donazione di Costantino, quando con disprezzo dichiara il modo in cui i ministri del pontefice avevano provveduto ad espurgare la Storia d’Italia prima della sua stampa. L’origine della gerarchia ecclesiastica a Roma e la sua corruttela erano state provate assai onestamente dal Guicciardini, scriveva Gentili, «sed illa historiarum suarum pars a probis viris Papae dempta est ex tertio libro»40. E con motivi vicini a quelli esposti dal Pucci nel capitolo 46 dell’Informatione, ma abbastanza frequenti tra gli esuli italiani, propendeva per un ordine ecclesiastico conciliare o com’è stato detto «democratico»41.

  • 42 Alberico Gentili, De legationibus libri tres, cit., p. 1.

16La Storia d’Italia del Guicciardini, come si è detto, si presenta però al Gentili anche come deposito di casi e di definizioni: è ad esempio il caso del legato pontificio, definizione ricavata dal XIV libro della Storia, con cui si apre la prima pagina del De legationibus42. Tutta la sua trattazione intorno alla diplomazia pontificia è condotta facendo affidamento sul Guicciardini. Questa lettura di Gentili ci offre l’opportunità di comprendere la straordinaria fortuna che l’opera guicciardiniana ebbe tra i nunzi apostolici del tempo: in quel testo si tentava insomma di definire per la prima volta i nuovi contorni di istituti destinati a caratterizzare la politica ecclesiastica nell’Europa di fine secolo.

  • 43 Ibid., p. 191.
  • 44 Ibid., p. 208.
  • 45 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., X, 8, p. 998.

17E Guicciardini figura accanto a Bartolo a Giason del Maino e al Budé tra quei giureconsulti che ebbero incarichi diplomatici, nel capitolo 10 del III libro del De legationibus intitolato De litteratis legatis43. Gentili desidera inoltre ricordare l’esperienza del giovane Guicciardini ambasciatore in Spagna, per ribadire la necessità del giudizio di maturità intorno alla persona che si invia in missione diplomatica44. Si riferisce al bel passaggio autobiografico libro X della Storia d’Italia: «Procedendo con queste incertitudini, mandorono, con dispiacere grande del re di Francia, al re d’Aragona imbasciadore Francesco Guicciardini, quello che scrisse questa istoria, dottore di legge, ancora tanto giovane che per l’età era, secondo le leggi della patria, inabile a esercitare qualunque magistrato; e nondimeno non gli dettono commissioni tali che alleggierissino in parte alcuna la mala volontà de’ confederati»45.

  • 46 La commissione, cioè l’istruzione a Francesco Guicciardini, oratore in Spagna è stata pubblicata, t (...)
  • 47 R. Ridolfi, Vita di Francesco Guicciardini, cit., p. 33.

18Un Guicciardini che parla di sé come «dottore di legge», dunque, perché a un dottore di legge, la Repubblica aveva richiesto di confutare la fallacia dell’interpretazione che il re aveva dato dei capitoli con cui si sanciva la confederazione con i Fiorentini. Ferdinando riteneva, infatti, di non dover aiutare questi ultimi in una guerra contro la Chiesa46. E Guicciardini, «in queste cose da buon dottore e professore di legge doveva sguazzare»47.

19Questi è innanzitutto il Guicciardini di Gentili: un giurista che fu anche diplomatico, politico e storico. Si può quasi dire che egli incarni l’immagine del giurista in grado con la sua scienza di superare la contraddittorietà degli esempi storici, dinanzi alla quale si arresta il pur validissimo metodo d’indagine machiavelliano. Non è un caso che nel De iure belli il Fiorentino, come si è già detto, sia ricordato spesso accanto al suo maestro Filippo Decio.

  • 48 Alberico Gentili, De iure belli, cit., p. 63: «Ferdinandus rex, qui catholicus cluit, omens fere su (...)
  • 49 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., XII, 19, p. 1267.
  • 50 Id., Ricordi, a cura di G. Masi, Milano, Mursia, pp. 109-110: «Una delle maggiore fortune che possi (...)
  • 51 Cfr. Niccolò Machiavelli, Il principe, in Id., Opere, I, a cura di C. Vivanti, Torino, Einaudi-Gall (...)

20Nel De iure belli Guicciardini è innanzitutto un testimone attendibile delle guerre d’Italia. Si veda ad esempio il caso del giudizio, d’intonazione tacitiana, espresso sulla personalità di Ferdinando il Cattolico e riportato nel capitolo 9 del I libro dedicato alla guerra di religione48. La citazione deriva direttamente dal capitolo 19 del XII libro della Storia d’Italia. Gentili ricorda che non esiste alcuna religione tanto scellerata da comandare di scagliarsi contro uomini di diversa religione e ricorda che il re Ferdinando, «che ha fama di cattolico […] mascherò quasi tutte le sue cupidigie sotto l’onesto velame della religione», o per dirla col Guicciardini «coprì quasi tutte le sue cupidità sotto colore di onesto zelo della religione e di santa intenzione al bene comune»49. L’idea guicciardiniana è riprodotta anche in diversa forma nel Ricordo C 142 e ci conduce direttamente all’esperienza diplomatica del Fiorentino in Spagna, celebrata dal Gentili anche nel De legationibus50. Il giudizio su Ferdinando sta infatti già nella sua relazione di Spagna stesa tra il ’12 e il ’13, testo che Gentili non poteva conoscere, ma che dovette essere ben noto al Machiavelli, il quale se ne servì presumibilmente per la stesura del capitolo 21 del Principe51. In questo caso l’allegazione esplicita è il Guicciardini, ma è difficile credere che in questo frangente Gentili non pensasse anche al Machiavelli.

  • 52 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., pp. 2049-2052.
  • 53 Alberico Gentili, De iure belli, cit., p. 68.

21Nel capitolo 20 della Storia d’Italia, l’idea ritorna a proposito dei «luterani», i quali desideravano si facesse un concilio generale «affinché si riformassino i gravamenti e gli abusi trascorsi della corte di Roma», ma agivano coprendo «la causa loro con l’autorità della religione»52. Il passo, insieme all’intera storia della riforma luterana, dei «settatori di questa dottrina» che non erano «manco infesti alla potestà de’ prìncipi temporali che alla autorità de’ pontefici romani», è ricordato dal Gentili a proposito dell’impossibilità di tollerare una religione che sia avversa ai principi53.

  • 54 Ibid., p. 104: «Etiam perseverantia concordiae inter elementa sic ab aequa partitione est: et dum i (...)
  • 55 Id., Il diritto di guerra, cit., p. 94. Sull’idea di «equilibrio» in Commynes, si veda ora D. Quagl (...)

22Ma è nel capitolo 14 del I libro che si scopre l’elogio ricavato dal Guicciardini per la «grande stirpe medicea, presidio potente alla sua città e al resto d’Italia»54. Il ritratto di Lorenzo de’ Medici, così come presentato dal Fiorentino, appare estremamente attuale al Gentili: «Anche il perdurare dell’armonia tra gli elementi» – scrive Gentili – «deriva da un giusto equilibrio e si basa sul principio che nessuno di essi può mai essere completamente sopraffatto dagli altri. Questo è lo stesso principio che ebbe sempre in speciale cura quel sapientissimo grande fautore e padre della pace che fu Lorenzo de’ Medici. Perché vi fosse la pace bisognava che la potenza dei principi italiani fosse mantenuta in equilibrio di pari peso, ed in effetti la pace durò finché lui fu in vita a custodire tale equilibrio e cessò alla sua morte quando con lui venne meno quel bilanciamento»55.

  • 56 Cfr. Angelo Poliziano, Letters, a cura di S. Butler, Cambridge, Harvard University Press, 2005, IV, (...)
  • 57 Alberico Gentili, Il diritto di guerra, cit., p. 94; Id., De iure belli, cit., pp. 104-105: «Non ho (...)

23Gentili attualizza il passo di Guicciardini ma anche le sue fonti, come ad esempio l’epistola di Iacopo Antiquario ad Angelo Poliziano56. «Non è questo un argomento di grande attualità», commenta Gentili, «che nessuno possa arrivare da solo al potere supremo, riducendo tutta l’Europa sotto il suo comando? Se nessuno sarà in grado di opporsi alla Spagna, l’Europa cadrà inevitabilmente. […] Non bisogna mai consentire che un principato cresca fino al punto che non sia più possibile metterlo in discussione, neppure in caso di manifesta ingiustizia.»57

  • 58 Jean Bodin, Methodus ad facilem historiarum cognitionem, cit., p. 80.
  • 59 Paolo Giovio, Historiarum su temporis, II, Lutetiae, M. Vascosan, 1554, XXVI, ff. 23v-24r.
  • 60 Alberico Gentili, Il diritto di guerra, cit., p. 233; Id., De iure belli, cit., p. 259: «Sane non s (...)
  • 61 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., I, XV, pp. 104-105: «Ma è medesimamente manifesto ch (...)
  • 62 Alberico Gentili, Il diritto di guerra, cit., p. 101.
  • 63 Michel de Montaigne, Les Essais, a cura di J. Balsamo, M. Magnien e C. Magnien-Simonin, Parigi, Gal (...)
  • 64 Id., De iure belli, cit., pp. 111-112: «Et verum ait Guicciardinus, non haec fieri a quoquam absque (...)

24Discutendo degli avvelenamenti, che Gentili giudica un inganno inammissibile a danno dei nemici, scorgiamo il ricordo del capitolo 4 del XIX libro della Storia d’Italia (che è in stretta relazione al capitolo 13 del II libro). L’accostamento del luogo con quello parallelo delle Historiae sui temporis del Giovio sembra derivare direttamente dalla Methodus di Bodin58. Fu infatti Bodin a sottolineare per primo la bontà della ricostruzione di Guicciardini circa l’origine ispanica del morbo gallico, della sifilide, contrariamente a quanto affermava Giovio59. Questi non riteneva credibile la notizia dell’avvelenamento dei pozzi ad opera degli Spagnoli stretti d’assedio a Napoli dai Francesi. Gentili sottolinea che ciò poteva essere ritenuto incredibile semplicemente perché non si era abituati a quel tipo di cose, ma soprattutto perché riesce incredibile quel che di fatto appare come il colmo dell’ingiustizia60. A Guicciardini, in possesso di un alto valore della giustizia, va però dato il merito di aver operato da storico e giurista, non negando, ma anzi sottolineando quei momenti della storia umana in cui il sentimento stesso della giustizia pare incrinarsi se non addirittura perire irrimediabilmente. In questo senso Gentili risponde al giudizio di Montaigne, rievocato a proposito della «difesa onesta», che biasimava il Guicciardini il quale nel I libro della Storia d’Italia, trattando del caso di Pisa, sosteneva, riportando però le parole del cardinale Giuliano della Rovere (il futuro Giulio II), che nessun principe avrebbe mai tentato di difenderla, se non per la speranza di dominarla61. «Devo intendere sempre in senso cattivo tutto quel che è fatto dai nemici?», scrive Gentili, «Dice il vero il Guicciardini quando afferma che nessuno compie azioni del genere senza la speranza di qualche ricompensa»62. Questo detto del Guicciardini era stato biasimato da Montaigne «in quei suoi illustri Exempla, per dirla alla latina» nei suoi Essais63. È il celebre giudizio che contraddistingue anche i termini desanctisiani dell’«uomo del Guicciardini», con cui parte della storiografia ancora oggi pensa al Fiorentino, cioè come colui che agisce unicamente ricercando il proprio particulare, con in mente solo il proprio personalissimo interesse. Gentili compie un piccolo capolavoro interpretando il passo nei termini di un interrogativo fondato su un principio giuridico: «ma lasciamo perdere» Montaigne, «e cerchiamo piuttosto il principio giuridico», scrive64. La questione che Guicciardini pone è per lui essenzialmente questa: ci si deve chiedere, leggendo il passo della Storia d’Italia, se chiunque ne abbia possibilità sia o no giuridicamente tenuto a difendere gli altri. La communis opinio è concorde nel fornire una risposta negativa, come anche mostra D. 18, 4, 21, per cui ci si può disinteressare degli affari altrui senza alcuna colpa. Ma il discorso va avanti e il problema espresso dal Guicciardini lascia spazio all’interrogativo che a Gentili più preme, se cioè qualcuno abbia il diritto di difendere un altro, anche nel caso in cui questi si rifiuti di essere difeso. Con un cospicuo corpo di autorità allegate, che vanno da Paolo di Castro a Decio e a Giason del Maino, egli conclude affermativamente.

25Gli interrogativi giuridici che l’opera guicciardiniana poneva a una trattatistica sul diritto di guerra erano dunque molteplici. Tutto il capitolo 15 del II libro del De iure belli, dedicato allo scambio e liberazione dei prigionieri è nient’altro che lo svolgimento di un caso che prende le mosse dal Guicciardini (Storia d’Italia, XII, 8). Così scrive Gentili ricordando il caso della permuta dei due prigionieri, Giampaolo Baglioni e Bernardino Carvajal (il quale morì poco prima della sua liberazione):

  • 65 Id., Il diritto di guerra, cit., p. 299; Id., De iure belli, cit., p. 327: «Ecce, quod ex facto que (...)

Il problema di maggiore interesse è costituito dalla soluzione di un caso pratico, e cioè se si possa ritenere libero o debba essere riconsegnato il prigioniero che sia stato rilasciato a condizione che il nemico ne rilasciasse un altro, il quale però sia morto proprio nel momento in cui veniva liberato. Baglioni, appena fu rilasciato disse che non sarebbe ritornato ed infatti non ritornò.65

  • 66 Ibid.

26Secondo Gentili vi è in questi casi una responsabilità sia per dolo che per colpa. Seguendo quel parallelo che nella sua costruzione teorica associa il prigioniero allo schiavo, egli sostiene che agisce con dolo colui che avendo venduto un proprio schiavo, gli somministra del veleno prima di consegnarlo al nuovo padrone (D. 4, 3, 7), allo stesso modo accade nel caso di chi impegnatosi a consegnare un prigioniero, lo consegna avvelenato66.

27Sono molti naturalmente gli altri luoghi in cui Gentili si serve dell’opera guicciardiniana, a proposito degli esuli, della violazione dei patti, e se i patti vincolano anche i successori. Ciò che però qui più importa di sottolineare è che la Storia d’Italia di Guicciardini servì al Gentili come fonte privilegiata e come un corpo eccezionale di casi dei quali andava ricercato il fondamento giuridico al fine della composizione del proprio trattato sul diritto di guerra. Gli esempi ricordati rivelano da questo punto di vista una lettura giuridica dell’opera guicciardiniana, alla quale, fatti salvi pochi casi, la storiografia non ci ha finora abituati. Gentili ci avvicina straordinariamente al primo pubblico di lettori dotti della Storia d’Italia. Guicciardini insomma era autore che scriveva per chi, come peraltro Gentili implicitamente ammetteva discutendo del giudizio di Montaigne, poteva comprendere quale ricchezza di pensiero si celasse dietro i suoi scritti. Nel quadro di una storia della fortuna di Guicciardini, della storia della sua «vita dopo la morte», la lettura di Gentili si presenta dunque come un tassello imprescindibile per comprendere in che modo il pensiero del Fiorentino contribuì concretamente a indirizzare la riflessione politica e giuridica del tardo ’500.

Haut de page

Notes

1 R. Ridolfi, Vita di Francesco Guicciardini, Milano, Rusconi, 1982, p. 50, sulla quale si veda ora il bel lavoro di G. Cantele e R. Sbiroli, Roberto Ridolfi. Bibliografia, Firenze, Olschki, 2010, pp. 31-32.

2 Mi riferisco in particolare ai lavori di J.-L. Fournel e J.-C. Zancarini, La grammaire de la République: langages de la politique chez Francesco Guicciardini (1483-1540), Ginevra, Droz, 2009 e Id., Les Guerres d’Italie. Des batailles pour l’Europe (1494-1559), Parigi, Gallimard, 2003. Si veda anche Francesco Guicciardini, Histoire d’Italie, traduzione, introduzione, note, indice di J.-L. Fournel e J.-C. Zancarini, Parigi, Laffont, 1996.

3 V. Luciani, Francesco Guicciardini and His European Reputation, New York, 1936, trad. it. a cura di P. Guicciardini, Id., Francesco Guicciardini e la fortuna dell’opera sua, Firenze, Olschki, 1949 e P. Guicciardini, La censura nella Storia guicciardiniana: Loci duo e Paralipomena, Firenze, Olschki, 1954.

4 Penso innanzitutto al lavoro del compianto G. Procacci: Machiavelli nella cultura europea dell’età moderna, Roma-Bari, Laterza, 1995.

5 Jean Bodin, Methodus ad facilem historiarum cognitionem, Parisiis, Martinum Juvenem, 1566, pp. 78-83. Cfr. R. Ridolfi, L’itinerario storiografico del Guicciardini, «Il Veltro», V, 1961, nn. 11-12, pp. 5-16; M.-D. Couzinet, Histoire et méthode à la Renaissance: une lecture de la «Methodus» de Jean Bodin, Parigi, Vrin, 1996, in part. p. 125 e p. 153; D. Quaglioni, Guicciardini vivo. Sulla traduzione della «Storia d’Italia», in La riscoperta di Guicciardini, Atti del Convegno internazionale di studi, Torino, 14-15 novembre 1997, a cura di A. E. Baldini e M. Guglielminetti, Genova, Name, 2006, pp. 199-211.

6 Alberico Gentili, De iure belli libri III, Hanoviae, Excudebat Guilielmus Antonius, 1598, II, 8, p. 272: «Laudatus is quoque iurisconsultus, non modo historicus magnus, et magnus politicus.» Cfr. D. Quaglioni, Introduzione, in Alberico Gentili, Il diritto di guerra (De iure belli libri III, 1598), trad. di P. Nencini, app. critico a cura di G. Marchetto e C. Zendri, Milano, Giuffrè, 2008, pp. ix-xxxiii: p. xxv. Sul giudizio di Filippo Decio rivolto al suo «vecchio» allievo, mi permetto di rinviare a P. Carta, Francesco Guicciardini tra diritto e politica, Padova, Cedam, 2008, pp. 49-53.

7 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, a cura di S. Seidel Menchi, Torino, Einaudi, 1971, XVI, 15, p. 1687.

8 Cfr. Recueil général des anciennes lois françaises depuis l’an 420 jusqu’à la révolution de 1789, a cura di Isambert-Decrusy-Armet, Parigi, Belin-Leprieur Verdrière, 1828, XII, n. 132, pp. 245-269. Guicciardini rende con il termine «sovranità» il francese «souveraineté».

9 Recueil général des anciennes lois françaises, 1828, V, n. 304, pp. 75-94. Per il Froissart del Guicciardini si veda Francesco Guicciardini, Compendio della “Cronica” di Froissart, edizione, introduzione e commento a cura di P. Moreno, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1999.

10 Recueil général des anciennes lois françaises, cit., V, p. 77. Villani traduce variamente con «sovranità» e «sovranitadi» i termini «souveraineté» e «seigneuries», presenti nel trattato.

11 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., VII, 1, p. 633.

12 Jean Bodin, I sei libri dello Stato, I, a cura di M. Isnardi Parente, Torino, Utet, 1964, p. 434. In tal senso Bodin ricordava che «sono pochi i prìncipi effettivamente sovrani. Se eccettuiamo la signoria di Venezia, in Italia non vi è alcun principe, alcuna città che non dipenda o dall’Impero o dal papa o dalla corona di Francia» (ibid.). Sulla teoria della sovranità e dei suoi limiti, mi limito a rinviare a D. Quaglioni, La sovranità, Roma-Bari, Laterza, 2004.

13 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., VII, 7, p. 673.

14 Cfr. R. Elze, Una Coronatio Caesaris a Trento, Trento, Università degli Studi di Trento, 1995, p. 34 (poi ripubblicato negli «Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento», XXI, 1995, pp. 363-372). Per tutto ciò rinvio a P. Carta, Machiavelli a Trento, in La proclamazione imperiale di Massimiliano I d’Asburgo a Trento (4 febbraio 1508), a cura di L. De Finis, «Studi trentini di scienze storiche», LXXXVII, 2008, Supplemento, pp. 113-135, e in forma diversa e più ampia, Id., Niccolò Machiavelli e il giudizio politico. Dalla legazione di Germania al «Principe», «Il pensiero politico», XLI, 2008, pp. 314-337.

15 D. Quaglioni, Introduzione, cit., p. xxv.

16 Tra quanti in tempi più recenti hanno dedicato, sia pur fugacemente, alcune pagine a quest’opera merita di essere ricordato S. Anglo, Machiavelli. The First Century, Oxford, Oxford University Press, 2005, pp. 636-638. Sull’opera chi scrive è in procinto di pubblicare un ampio studio nella rivista «Laboratoire italien».

17 Alberico Gentili, De legationibus libri tres, Hanoviae, Guilielmus Antonius, 1607, III, 9, p. 185: «Machiavellus democratiae laudator et assertor acerrimus; natus, educatus, honoratus in eo reipublicae statu; tyrannidis summe inimicus.»

18 Cfr. Angelo Ridolfi e Ugo Foscolo, Scritti sul Principe di Niccolò Machiavelli, a cura di P. Carta, C. Del Vento e X. Tabet, Rovereto, Nicolodi, 2004, p. 143.

19 D. Panizza, Machiavelli e Gentili, «Il pensiero politico», II, 1970, pp. 476-483; Id., Appunti sulla storia della fortuna di Alberico Gentili, ibid., V, 1972, pp. 373-386; Id., Le idee politiche di Alberico Gentili, ibid., IX, 1976, pp. 20-56; Id., Alberico Gentili. Giurista ideologo nell’Inghilterra elisabettiana, Padova, La Garangola, 1981 e S. Anglo, Machiavelli. The First Century, cit., pp. 366-368.

20 Attribuita al Daneau, cfr. A. D’Andrea, Machiavelli, Satan, and the Gospel, «Yearbook of Italian Studies», I, 1971, pp. 156-177. Si vedano anche N. W. Bawcutt, The «Myth of Gentillet» Reconsidered: An Aspect of Elizabethan Machiavellianism, «The Modern Language Review», XCIX, 2004, pp. 863-874 e S. Anglo, Machiavelli. The First Century, cit., pp. 356-359.

21 M. Wyatt, The Italian Encounter with Tudor England. A Cultural Politics of Translation, Cambridge, Cambridge University Press, 2005, p. 118.

22 I discorsi di Nicolò Machiavelli, sopra la prima deca di Tito Livio, in Palermo, Appresso gli heredi d’Antoniello degli Antonielli, 1584 (ma Londra, John Wolfe), Lo stampatore al benigno lettore, nn. (ma p. 3).

23 P. Carta, I fuorusciti italiani e l’antimachiavellismo francese del ’500, «Il pensiero politico», XXXVI, 2003, pp. 213-238, ora in Id., Francesco Guicciardini tra diritto e politica, cit., pp. 159-187 (p. 180).

24 Id., Renaissance in Law and Politics: the Dialogue between Machiavelli and Guicciardini, in Compte rendu de la quatre-vingt-deuxième session annuelle de l’Union académique internationale, Bruxelles, 27-31 maggio 2008, a cura di J.-L. De Paepe, Bruxelles, Union académique internationale, 2008, pp. 81-96. Dell’elenco, che intendo pubblicare, ho parlato anche di recente al convegno Un fuoruscito fiorentino alla corte di Francia: Jacopo Corbinelli, Firenze, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, 17-18 dicembre 2008.

25 S. Anglo, Machiavelli. The First Century, cit., p. 367, e per una bibliografia su Wolfe, ibid., pp. 174-175, n. 22. Di recente su questi aspetti si vedano C. Chalmers Huff-man, Elizabethan Impressions: John Wolfe and His Press, New York, AMS press, 1988, in part. pp. 1-47 e P. S. Donaldson, Machiavelli and Mystery of State, Cambridge, Cambridge University Press, 19922, in part. pp. 86-110.

26 Alberico Gentili, Ad tit. C. de maleficis et math. et ceter. similibus Commentarius, Oxoniae, Excudebat Iosephus Barnesius, 1593, p. 10. Sul quale si veda M. R. De Simone, Magia e stregoneria in Alberico Gentili, in Alberico Gentili. La salvaguardia dei beni culturali nel diritto internazionale, Atti del Convegno, Dodicesima giornata genti liana, San Ginesio, 22-23 settembre 2006, Milano, Giuffrè, 2006, pp. 213-246.

27 La cui natura è stata chiarita in un recente convegno da D. Quaglioni, Il «De papatu Romano Antichristo» del Gentili, in «Ius gentium ius communicationis ius belli». Alberico Gentili e gli orizzonti della modernità, Atti del Convegno. Macerata, 6-7 dicembre 2007, a cura di L. Lacchè, Milano, Giuffrè, 2009, pp. 197-208. Cfr. D. Panizza, Alberico Gentili. Giurista ideologo nell’Inghilterra elisabettiana, cit., pp. 34-53.

28 L. Firpo, La Chiesa italiana di Londra nel Cinquecento e i suoi rapporti con Ginevra, in Ginevra e l’Italia, a cura di D. Cantimori, L. Firpo, G. Spini, F. Venturi, V. Vinay, Firenze, Sansoni, 1959, pp. 309-412, ora in Id., Scritti sulla Riforma in Italia, Napoli, Prismi, 1996, pp. 117-194.

29 Cfr. Id., Francesco Pucci in Inghilterra, «Revue internationale de philosophie», V, 1951, pp. 158-173, ora in Id., Scritti sulla Riforma in Italia, cit., pp. 53-65. Si veda anche A. Rotondò, Il primo soggiorno in Inghilterra e i primi scritti teologici di Francesco Pucci, in Studi e ricerche di storia ereticale italiana nel Cinquecento, Torino, Giappichelli, 1974, pp. 225-271, ora in Id., Studi di Storia ereticale del Cinquecento, Firenze, Olschki, 2008, pp. 577-616. Per gli aspetti biografici di Francesco Pucci, si veda P. Carta, Nunziature ed eresia nel Cinquecento. Nuovi documenti sul processo e la condanna di Francesco Pucci (1592-1597), Padova, Cedam, 1999 e relativa bibliografia. Tra gli studi più recenti si ricordano innanzitutto l’edizione di Francesco Pucci, De praedestinatione, a cura di M. Biagioni, Firenze, Olschki, 2000; G. Caravale, Inediti di Francesco Pucci presso l’archivio del Sant’Uffizio, «Il pensiero politico», XXXII, 1999, pp. 69-82; Id., Da Firenze a Parigi. L’eretico Francesco Pucci nella Francia delle prime guerre di religione, in La Réforme en France et en Italie. Contacts, comparaisons et contrasts, a cura di P. Benedict, S. Seidel Menchi, A. Tallon, Roma, école française de Rome, 2007, pp. 263-280; A. E. Baldini, Tre inediti di Francesco Pucci al cardinal nepote e a Gregorio XIV alla vigilia del suo «rientro» a Roma, «Rinascimento», XXXIX, 2000, pp. 157-223; M. Biagioni, La ragione dell’immortalità: la disputa tra Francesco Pucci e Fausto Sozzini «de statu primi hominis ante lapsum», in Faustus Socinus and his heritage, a cura di L. Szczucki, Kraków, Polish Academy of Arts and Sciences, 2005, pp. 53-89; Id., L’uomo come «un dio terrestre»: il problema dell’immortalità di Adamo da Francesco Pucci a John Locke, pp. 1-14 [http://umr6576.cesr.univ-tours.fr/Publications/HasardetProvidence].

30 L. Firpo, Nuove ricerche su Francesco Pucci, «Rivista storica italiana», LXXIX, 1967, pp. 1053-1074, ora in Id., Scritti sulla Riforma in Italia, cit., pp. 207-232 (p. 230). L’indicazione di Firpo non pare essere stata accolta dagli studiosi del Wolfe, che non riportano l’edizione del trattatello di Pucci nel catalogo delle sue stampe, cfr. C. Chalmers Huffman, Elizabethan Impressions: John Wolfe and His Press, cit., pp. 133-161.

31 Francesco Pucci, Informatione della religione Christiana fondata su la divina e humana ragione, secondo che la natura et la scrittura ci insegna, Firenze (ma Londra), 1580, p. 163.

32 Ibid., pp. 168-169.

33 Ibid., p. 171.

34 Correspondance du nonce en France: Anselmo Dandino (1578-1581), a cura di I. Cloulas, Roma-Parigi, Presses de l’Université Grégorienne, p. 609.

35 Milano, Biblioteca Ambrosiana, Ms. T. 167 sup., c. 59r.

36 Cfr. C. Chalmers Huffman, Elizabethan Impressions, cit., p. 141.

37 Cfr. Konrad Gessner, Bibliotheca Instituta et Collecta primum a Conrado Gesnero deinde in Epitomen redacta et novorum librorum accessione locupletata, tertio recognita et in duplum post priores editiones aucta per Iosiam Simlerum…, Tiguri, Excudebat Christophorus Froschoversus, MDLXXXIII, p. 243. Cfr. P. Carta, Nunziature ed eresia nel Cinquecento, cit., p. 15.

38 P. Guicciardini, La censura nella Storia guicciardiniana: Loci duo e Paralipomena, cit.; di recente cfr. J.-L. Fournel, Una digressione romagnola? Il potere temporale dei papi nel IV libro della Storia d’Italia di Francesco Guicciardini, in Città in guerra. Esperienze e riflessioni nel primo ’500. Bologna nelle «Guerre d’Italia», a cura di G. M. Anselmi e A. De Benedictis, Bologna, Minerva, 2008, pp. 33-47.

39 Two Discourses of Master Frances Guicciardin…, Londra, William Ponsonbie, 1595. I luoghi guicciardiniani censurati sono ampiamente discussi nei già ricordati Aphorismes ciuill and militarie di Robert Dallington (Londra, Edward Blount, 1613), che contiene anche A Briefe Inference upon Guicciardines Digression… in ansie to a letter from an honourable friend (con nuovo frontespizio e numerazione indipendente, ma posta in appendice al volume di avvertimenti).

40 Oxford, Bodleian Library, Ms. D’Orville 607, c. 7r.

41 D. Panizza, Alberico Gentili. Giurista ideologo nell’Inghilterra elisabettiana, cit., p. 26.

42 Alberico Gentili, De legationibus libri tres, cit., p. 1.

43 Ibid., p. 191.

44 Ibid., p. 208.

45 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., X, 8, p. 998.

46 La commissione, cioè l’istruzione a Francesco Guicciardini, oratore in Spagna è stata pubblicata, tra gli altri, dal Canestrini, in Francesco Guicciardini, Opere inedite, illustrate da G. Canestrini, VI, Firenze, Cellini, 1864, pp. 3-10, in particolare p. 6.

47 R. Ridolfi, Vita di Francesco Guicciardini, cit., p. 33.

48 Alberico Gentili, De iure belli, cit., p. 63: «Ferdinandus rex, qui catholicus cluit, omens fere suas cupiditates sic obtextuit honesto religionis velamento. Ut notat Guicciardinus».

49 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., XII, 19, p. 1267.

50 Id., Ricordi, a cura di G. Masi, Milano, Mursia, pp. 109-110: «Una delle maggiore fortune che possino avere gli uomini è avere occasione di potere mostrare che, a quelle cose che loro fanno per interesse proprio, siano stati mossi per causa di pubblico bene. Questa fece gloriose le imprese del re Catolico, le quali, fatte sempre per sicurtà o grandezza sua, parvono spesso fatte o per augumento della fede cristiana, o per difesa della Chiesa.» Ma se ne veda ora la recentissima e bella edizione in Francesco Guicciardini, Ricordi, edizione diplomatica e critica della redazione C a cura di G. Palumbo, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 2009, p. 142.

51 Cfr. Niccolò Machiavelli, Il principe, in Id., Opere, I, a cura di C. Vivanti, Torino, Einaudi-Gallimard, 1997, p. 179.

52 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., pp. 2049-2052.

53 Alberico Gentili, De iure belli, cit., p. 68.

54 Ibid., p. 104: «Etiam perseverantia concordiae inter elementa sic ab aequa partitione est: et dum in nullo aliud ab alio vincitur. Et id illud est, quod sapientissimus, et pacis studiosissimus, ac pacis pater, Laurentius ille Medices procuravit semper, ut res Italorum principum paribus libratae ponderibus forent, unde et Italiae foret pax quae et fuit eo vivo et custode huiusce temperationis et quae desiit pax, quum desiisset ille et illa temperatio. Magna proles Medicea, et urbi suae, et Italiae reliquae praesidium magnum.»

55 Id., Il diritto di guerra, cit., p. 94. Sull’idea di «equilibrio» in Commynes, si veda ora D. Quaglioni, Commynes «testimone» delle guerre d’Italia, in Città in guerra, cit., pp. 3-13.

56 Cfr. Angelo Poliziano, Letters, a cura di S. Butler, Cambridge, Harvard University Press, 2005, IV, 1, pp. 225-226. Non mi pare possano esistere dubbi circa il fatto che questa epistola sia la fonte cui si appoggia il Guicciardini nella Storia d’Italia, anche per l’episodio del medico che «si gittò come disperato in un pozzo», ricordato nel luogo parallelo delle Storie fiorentine (cfr. Francesco Guicciardini, Storie fiorentine, a cura di A. Montevecchi, Milano, Rizzoli, 1998, p. 172). Delle Epistole, peraltro, il Guicciardini si serve anche in alcuni luoghi delle Cose fiorentine.

57 Alberico Gentili, Il diritto di guerra, cit., p. 94; Id., De iure belli, cit., pp. 104-105: «Non hoc agit etiamnum, ne unus possit omnia, et Europa universa in unius nutum deveniat? Nisi sit, quod obstare Hispano possit, cadet sane Europa […]. Non, non hoc permittendum est umquam, ut cuiusquam principatus in tantum crescat, ut neque de manifesta iniustitia liceat apud eum dubitare, quod Polybius ait.»

58 Jean Bodin, Methodus ad facilem historiarum cognitionem, cit., p. 80.

59 Paolo Giovio, Historiarum su temporis, II, Lutetiae, M. Vascosan, 1554, XXVI, ff. 23v-24r.

60 Alberico Gentili, Il diritto di guerra, cit., p. 233; Id., De iure belli, cit., p. 259: «Sane non solens ea genis ista facere. Sed incredibile sit, quia iniustissimum sit.»

61 Francesco Guicciardini, Storia d’Italia, cit., I, XV, pp. 104-105: «Ma è medesimamente manifesto che, comunicando la notte dinanzi alcuni pisani quel che avevano nell’animo di fare al cardinale di San Piero in Vincola, egli, il quale insino a quel dí non era forse mai stato autore di quieti consigli, gli confortò con gravi parole che considerassino non solamente la superficie e i principi delle cose ma piú intrinsecamente quel che potessino in processo di tempo partorire. Essere desiderabile e preziosa cosa la libertà, e tale che meriti di sottomettersi a ogni pericolo quando, almeno in qualche parte, s’ha speranza verisimile di sostentarla. Ma Pisa, città spogliata di popolo e di ricchezze, non avere facoltà di difendersi dalla potenza de’ fiorentini; e essere fallace consiglio il promettersi che l’autorità del re di Francia avesse a conservargli; perché quando bene non potessino piú in lui i danari de’ fiorentini, come verisimilmente potrebbono, atteso massime le cose trattate a Serezana, non avere sempre i franzesi a stare in Italia, perché per gli esempli de’ tempi passati si poteva facilmente giudicare il futuro; e essere grande imprudenza l’obligarsi a un pericolo perpetuo sotto fondamenti non perpetui, e per speranze incertissime pigliare con inimici tanto piú potenti la guerra certa, nella quale non si potevano promettere gli aiuti d’altri perché dependevano dall’altrui volontà e, quel che era piú, da accidenti molto vari; e quando bene gli ottenessino, non per questo fuggirebbono ma sarebbono piú gravi le calamità della guerra, vessandogli nel tempo medesimo i soldati degli inimici e aggravandogli i soldati degli amici, tanto piú acerbe a tollerare quanto conoscerebbono non combattere per la libertà propria ma per l’imperio alieno, permutando servitú a servitú; perché niuno principe vorrebbe implicarsi, se non per dominargli, ne’ travagli e nelle spese d’una guerra, la quale, per le ricchezze e per la vicinità de’ fiorentini, che mentre che avessino spirito non cesserebbono mai di molestargli, sostenere se non con grandissime difficoltà non si potrebbe.»

62 Alberico Gentili, Il diritto di guerra, cit., p. 101.

63 Michel de Montaigne, Les Essais, a cura di J. Balsamo, M. Magnien e C. Magnien-Simonin, Parigi, Gallimard, 2007, II, 10, p. 440: «J’ay aussi remerqué cecy, que de tant d’ames et effects qu’il juge, de tant de mouvements et conseils, il n’en rapporte jamais un seul à la vertu; religion, et conscience: comme si ces parties là estoyent du tout esteintes au monde: et de toutes les actions, pour belles par apparence qu’elles soient d’elles mesmes, il en rejecte la cause à quelque occasion vitieuse, ou à quelque proufit. Il est impossible d’imaginer, que parmy cet infiny nombre d’actions, dequoy il juge, il n’y en ait eu quelqu’une produite par la voye de la raison. Nulle corruption peut avoir saisi les hommes si universellement, que quelqu’un n’eschappe de la contagion: Cela me fait craindre qu’il y aye un peu du vice de son goust, et peut estre advenu, qu’il ait estimé d’autruy selon soy.»

64 Id., De iure belli, cit., pp. 111-112: «Et verum ait Guicciardinus, non haec fieri a quoquam absque spe alicuius emolumenti? Guicciardini dictum vituperatur a nobili Montagneo in nobilibus illis suis (dicam Latine) speciminibus. Mitto. Quaero, quid iuris sit. Quaestio est, si iure quis tenetur, alium defendere potest.»

65 Id., Il diritto di guerra, cit., p. 299; Id., De iure belli, cit., p. 327: «Ecce, quod ex facto quesitum est, an dismissus ita, ut pro ipso alter redderetur, liber sit, nec teneatur ad hostes reverti, si alter moreretur, dum eius redditio procuraretur fideliter. Negabat dismissus Balioneus, se reversum: neque est reversus.»

66 Ibid.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Paolo Carta, « Dalle guerre d’Italia del Guicciardini al diritto di guerra di Alberico Gentili », Laboratoire italien [En ligne], 10 | 2010, mis en ligne le 27 janvier 2012, consulté le 13 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/529

Haut de page

Auteur

Paolo Carta

Università di Trento, Facoltà di Giurisprudenza

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page