Navigation – Plan du site

La diversità linguistica d'Europa oggi: tra patrimonio e identità culturale

La diversitat lingüistica d'Euròpa uèi: entre patrimòni e identitat culturala
Cecilia Robustelli

Résumés

La European Federation of National Institutions for Language (EFNIL), qui regroupe les représentants des Académies historiques et institutions similaires de tous les pays de l’Union Européenne, mène depuis désormais plus d’une décennie une réelle politique de protection et de maintien de la diversité linguistique européenne. Fondée en 2003 à Stockholm par un comité de linguistes issus de différents pays européens - parmi lesquels l’Italie qui est représentée par l’Académie de la Crusca et par l'Institut Opera del Vocabolario Italiano - l’EFNIL a organisé une série de rencontres à Bad-Homburg (1999), Mannheim (2000), Firenze (2001) et Bruxelles (2002) au cours desquelles ont été indiqués et examinés les éventuels points critiques de la politique du multilinguisme à la lumière de l’élargissement de la UE et du passage de onze à vingt-et-une langue officielles. L’un des objectifs fondamentaux de l’EFNIL est de sauvegarder chaque langue nationale européenne, perçue comme l’aboutissement de processus historiques pluriséculaires, comme l’expression du patrimoine culturel du peuple qui la parle et surtout, à l’instar de toutes les autres langues d’Europe, comme “patrimoine commun” de tous les habitants de l’Union. Partant de ces principes, l’EFNIL aborde chaque année au cours du colloque qu’elle organise un thème lié à l’usage actuel des langues européennes, contribuant de la sorte à faire connaitre les politiques linguistiques de chaque pays.

Haut de page

Texte intégral

Salvaguardia e protezione della diversità linguistica della Ue: il ruolo dell’EFNIL

1Nel quadro della situazione geopolitica e linguistica della Ue, la diversità linguistica rappresenta una caratteristica essenziale dell’identità e del patrimonio culturale europeo. Le lingue ufficiali dei Paesi membri, come è noto, hanno pari dignità e pari valore come lingue di lavoro nelle Istituzioni comunitarie. Attualmente le lingue ufficiali della Ue sono 24, e di esse un quarto sono lingue romanze: bulgaro, ceco, croato, danese, estone, finlandese, francese, greco, inglese, irlandese, italiano, lettone, lituano, maltese, olandese, polacco, portoghese, rumeno, slovacco, sloveno, spagnolo, svedese, tedesco e ungherese. La loro convivenza rappresenta una solida prova del motto della stessa Ue “unità nella diversità”, qui applicato alla situazione linguistica europea.

2La salvaguardia e la protezione della diversità linguistica europea rappresentano due obiettivi fondanti della European Federation of National Institutions for Language (EFNIL), che riunisce i rappresentanti delle accademie storiche e istituzioni assimilabili di tutti i paesi dell'Unione Europea (due istituzioni per ciascun paese), e porta avanti ormai da più di un decennio una decisa politica in questa direzione. Fondata nel 2003 a Stoccolma da un comitato di linguisti di vari paesi europei, inclusa l'Italia che vi è rappresentata dall’Accademia della Crusca e dall'Opera del Vocabolario Italiano (istituzioni dalle quali sono stata delegata e che pertanto rappresento nella federazione), l’EFNIL consegue a una serie di incontri di alcuni linguisti a Bad-Homburg (1999), Mannheim (2000), Firenze (2001) e Bruxelles (2002) in cui erano stati indicati e esaminati i possibili punti critici della politica del multilinguismo alla luce dell’ampliamento della Ue da undici a ventuno lingue ufficiali che si sarebbe avuta nel 2004. Al tempo – ma la questione non è oggi meno cruciale – sembrava già profilarsi con significativa possibilità il rischio che si concretizzasse una convergenza politica e culturale della Ue tale da incidere pesantemente sulla sua diversità linguistica e culturale, a dispetto delle ripetute dichiarazioni di sostegno da parte della Ue stessa. La crescente preferenza per l’uso della lingua inglese all’interno delle sue istituzioni ne costituiva già una prova. Il riconoscimento formale, da parte della stessa Ue, di più lingue ufficiali (in ossequio all’art. 314 del Trattato di Roma del 25 marzo 1957 che istituisce la Comunità europea), l’importanza annessa alle lingue di minoranza, l’attenzione a quelle meno usate, poteva anche diventare una sorta di boomerang linguistico, dal momento che proprio la diversità linguistica rendeva più complessa la comunicazione interna e esterna alle istituzioni quindi più pressante la necessità di un’unica lingua condivisa (Ammon 2007 : 19).

L’Accademia della Crusca e l’EFNIL

  • 1 Già Giovanni Nencioni (1997) aveva dedicato al tema del plurilinguismo europeo un lungo articolo pu (...)

3L'Accademia della Crusca, che si interessava già da tempo a questi temi e in cui era viva e vivace la riflessione sulla politica linguistica europea e sulla necessità che la Ue prendesse nella debita considerazione anche le questioni inerenti la politica linguistica europea1, fungeva in quel periodo in Italia da cassa di risonanza del dibattito europeo. La sua piena adesione ai principi del multilinguismo aveva portato alla rilettura e alla rielaborazione di molte questioni relative alla politica linguistica europea che scardinavano atteggiamenti consolidati (non solo in Italia) e che l'Accademia stessa discuteva in incontri scientifici e illustrava, di volta in volta, al Governo Italiano, nel tentativo di coinvolgerlo nell'obiettivo di elaborare una politica linguistica adeguata e di lanciare una campagna di educazione linguistica, a partire dalle scuole.

  • 2 Alla traduzione e all'interpretazione l'Accademia ha dedicato l'incontro Tradurre per l'Europa (Fir (...)

4Le proposte dell’Accademia riguardavano alcune questioni fondamentali per la politica linguistica europea:
- la promozione della lingua nazionale doveva essere perseguita non con l'intento di privilegiarla rispetto alle altre lingue – equivoco pericolosissimo per l'ombra di nazionalismo che questo fine comporta – ma di promuoverla al pari di esse;
- la posizione primaria conquistata dall'inglese come lingua d'uso internazionale in campo mondiale non doveva più rappresentare un timore: adoperare una sola lingua per la comunicazione “globale” avrebbe comportato il ridimensionamento del valore di tutte le altre lingue al di fuori delle singole aree geografiche nelle quali sono abitualmente usate e si sarebbe configurata così non più come causa della perdita di importanza delle singole lingue ma come ragione per riconoscerne la parità. Di conseguenza l'imperfetta competenza nella lingua inglese di partecipanti non anglofoni a consessi internazionali non avrebbe dovuto incentivare la diffusione o il dilagare di corsi di inglese nelle scuole statali e private ma, piuttosto, il cosciente ricorso a interpreti e traduttori qualificati2;
- la salvaguardia delle lingue dei paesi della Ue sarebbe stata possibile solo a patto di considerarle «tutte insieme patrimonio comune di ogni abitante di questa terra» e di affidare «questo patrimonio all'impegno, all'interesse, alla libera scelta, al libero amore di ciascun individuo».

  • 3 Alla questione fu dedicato l'XI Incontro del Centro Linguistico dell'Università Bocconi (Milano, 23 (...)

5Parallelamente l'Accademia prendeva in esame alcune questioni legate particolarmente alla lingua italiana: il ruolo dell'italiano all'estero; i problemi che l'italiano si trovava ad affrontare nel nuovo panorama linguistico europeo (Sabatini 2000: 1-2): la posizione della lingua italiana negli “usi operativi” (conferenze stampa, gruppi di lavoro, redazione di documenti) delle istituzioni comunitarie; l'italiano come “lingua utilitaria”3; la presenza dell'italiano nei sistemi scolastici italiani. Da qui un forte impegno dell'Accademia anche nel campo dell'educazione linguistica per sollecitare una adeguata preparazione professionale dei docenti di italiano, la cui formazione poggia per tradizione su basi prevalentemente se non unicamente letterarie, e il coraggioso invito ad attuare, in un periodo nel quale l'insegnamento dell'inglese stava fagocitando quello delle altre lingue straniere, un programma di incentivi e facilitazioni perché la scelta delle altre lingue nazionali fosse la più ampia e libera possibile.

6Gli obiettivi e le finalità dell’EFNIL, contenute nelle Raccomandazioni di Mannheim-Firenze per la promozione delle lingue standard/nazionali/ufficiali d’Europa, si basano sulla volontà di salvaguardare la ricchezza culturale dell’Europa, sulla quale si fonda l’identità Europea, nel rispetto dei principi che sono alla base dello sviluppo dell'Unione Europea, tra i quali il rispetto della diversità culturale e linguistica, e che sono stati fissati nei trattati di Maastricht e di Amsterdam: essi richiedono infatti di mantenere la diversità linguistica del continente e di curare lo sviluppo delle singole lingue e il loro adattamento ai bisogni di comunicazione del mondo moderno:
- Il compito di conferire una sicura padronanza delle lingue standard spetta soprattutto alle istituzioni incaricate dell’istruzione e a quelle che provvedono alla formazione e all’educazione permanente. Una larga parte di responsabilità in questo ambito ricade ugualmente, in ragione del loro grande potere di diffusione, sui media e sull’uso linguistico ufficiale.
- Scopo dell’insegnamento della lingua prima (lingua materna) è l’acquisizione di una competenza orale e scritta che permetta una piena partecipazione alla vita sociale. È perciò necessario che in ciascun paese la o le lingue standard siano insegnate a tutti i livelli dell’istruzione come materie principali.
- Anche l’insegnamento delle lingue straniere contribuisce a conservare la diversità linguistica europea. Questo insegnamento deve aver inizio al più tardi nella scuola elementare e deve adottare criteri di qualità intereuropei. Lo scopo da raggiungere è quello di permettere agli allievi di comunicare con efficacia, oralmente e per scritto, in almeno due lingue straniere europee. Nel ventaglio delle lingue che vanno insegnate potrebbero essere scelte con priorità le lingue dei Paesi con i quali vi sono maggiori contatti.
- Lo studio delle lingue classiche e delle corrispondenti civiltà deve essere incoraggiato, particolarmente in considerazione del loro contributo alle lingue e al patrimonio culturale dell’Europa moderna.
- Gli immigrati devono essere aiutati ad apprendere la lingua del Paese nel quale vivono. A tal fine, bambini ed adulti devono ricevere un insegnamento adeguato. Gli immigrati devono avere anche il pieno diritto di conservare la loro lingua primaria (lingua materna).
- Allo scopo di rinforzare la coscienza linguistica e sviluppare la riflessione sull’universalità e sulla diversificazione del fenomeno “lingua”, l’insegnamento della lingua e della letteratura deve affiancare la presentazione della norma e l’analisi critica degli usi in atto e deve comprendere la comparazione tra le lingue e la storia della lingua.
- Vanno potenziati gli scambi scolastici sia degli alunni che degli insegnanti, e vanno semplificate le relative procedure burocratiche.
- Le ricerche concernenti l’insegnamento della lingua primaria e delle lingue straniere devono trarre maggior vanributo alle lingue e ia) 4">Il preeofa stcuole.zion” (ll’eduesto ie ricerc no che in ciin Italia bursvilupon" coaricatci e illushcun individuprimaria siano in,ragiosvilup ad appporto suo delle sine. Una lar e ua lduto alue istituziope deii cons Europa moisti> Roma dele.zionuropea), della ita- Lnsegnaidi confioprattuate p
="textandnotes">

  • 3 e proposl:lang="en" lang="en">A tal finTstic memza ponte ntenu:/p> essi Monitor (funcstitutidode ls de ll deplioning pide européde ll ds basa:lang="en" lang="en">A tal fin,/p> S"#ftn3">(...)<4a>

5P7p> Odi elabordella e le ingue straniereNel ven:della pole che l'ita Tra le e all'in,ento deve aver ie straniere devono t,e linguistiche nazionali

"footnotecall" id="bodyftn3" href="4"tn3">(...)<4a>4 le >"

href="#tocfrom1n2" id="2octo1n1">Salvtica linguistica della Ue e politiche linguistiche nazionali

  • 3 arallela urnals. tutda.lv/en/ment -us/

5P8 salvaguarlinguistica europea: e politichprova de dichrcul tema eme ma linguistiche nazionaliNIL< linguistinterei dignla l'italiare comuolontritbiet e linguistilinguiso.inseggua ingamente fin’usli punere un la pare il eaare basi prpe llushcuteressarticnngue e stica essenziscue istituzioche nazionalidinto le le azioneue ciascuna vementt a contagua italiana:ufficiali che si so no delle sue iella Ue sarebbe sEuropa modegue to, eate io,ttenzegno d dell’EFNiia giome mate cultura linsentento for a pagua inhttp://journals.diti tutda.lv/en/Agnguei, _o ibiba/The_Latvtbi_(EFNIL),_Agngcy/653/mid_668a(...)<5> araa>taglita RepubDate"entiLituanentefl 2003 a St1918,e li di arl r003 a S. Partante Sovemonale St1940 e ditlla sao».- ientelituano, sirazione ancsaoles dbitalianoissatirese. issalovaccessi elleg (ll’eÈ perciMangstonort. 314 enflentuna vementsissaa diversita delle sinua d'uso int dei paesientelituano to, e o il dila esterna alle ist commicade opaRaccoa gng="i aa utsm. 3de ll dsus lesS.bbe suna i det is«aprpe l ams repnno rsis. Lntlyon et deedtatithmmiby57 cket i dipes(aseÈ-"bodedt esternuropéde ll ds),iinmiby5 esternuropéddeotn Natiobuanhespors nmiza pon Langu(tàrias-rlingu Govea ue e ”, artde ll dsus iò nunche si con(Ammon oventare ase, francese,maltese, spagnolquSli ppolitica scutevail eaica linguistica europea: ” (cadele.ziRepubDate"en qui italta iagngnamen italian quisdivisa (-a
- a tutte leno delva fag(mrimòna S. Pai italtidintNmpa quisdivisa e minore)so la raccoltione cfor o F r0st d Gaeilge ‘Ihe hions simieus i

6G9 salvagDati è givi e le finaituzioni comunitarche nazionalidella Ue ati sono m nazionale doveva es che laacennio ne l’e lingoscerl lorzionali ngua italiana:a cresceIn Gre l , inilitaria
- ccademia più tdint1800ebinrt. t1976 quisibileocial coEF esskathesmuosiem basa(‘pure relaamiaunisce ncer vnanza dcreampagna i det preparazconsidbr />-na caacennglese ta- ce unpssenznlo desira la oso alla alolla e incenpea:ti dn />- L Fu rispetto ua d'uso inta
- ccintR'Accadi Gre l ,(delosio».un lungo uio glese: δημοτική)ienteglese la ita dele.zie la andata nNto fquestai scoq coic memi eurg parnanno sropean kathesmuosier - ctiche.
ti(ra dev li delle igadevni/spanabistilinguisv,, lantmaopea:)taglio1976 -ue stioni dnforlaporta ersità petta riitiia lona S.i -o de ngubblo dn(cadele.zinedn(cadrepubDate"ela it deve adglesmetta rispeòsropean ehimotikì>
- noscirimònag europea d1982hhaan cooda stente ring="i durre colast.'isti ieatto dinc de dinlinguetsissti ieatolast.< e delldurre tditl inl’EFN(inc de dinlindi la inc reronn sullointerebe dovrappresene ligna nte susbr />sceC Centrm: inrue danza ave corticort. 314 istiitiioramissalovaccin ccdesegr /;sione o il dila iearre greek/a>< basano inilitariglesmehe permetnto i crlfabetoltanzno,ttenzri, le" conguistiche perto alle istituzionene interna edig la

texte">1Ne0 proposte ni comunitarche nazionalialla politduestioniraniere tonatteg lingce sing. Una/>ti(stone, ftedesco eas texte">1NeGià GioIn tati è l’oba viva nazionale doveva esquiduprimaria la posizioni comunitarche nazionali,rne l’e maed siano inna cla lingua nazionale doveva eso la raccolstorici uc Centrm:cincaz’anlna cla li, da pango maed sia delle lingue degue dal coEFche nazional,segnatea deb minoranza, l’attebe dou>Salvilaga dovetno semc Centrm:noa perm: nseg cruce e dialeantare un timore: ne fu dedica– sem: to tra lingutnto i c lingua inglese all’inienItalili di du deessemi

2L1Alla traI che l'ita di aveva po lingcoetolas lingue standard h1 t" tyecalnt-weight:bold;"ection"> href="#tocfrom1n2" id="tocfrom1n3">="tocfe regionali e minoritarie: un tema di interesse per l’EFNIL

href="#tocfrom1n2" id="2o2to1n1">Salvtita europea delle lingue regionali o minoritarie
2L13 proposte gionali o minoritarie europea delle lingue regionali o minoritarie. La basanoi ini Roma donale in campo in llisti> Senao9), tii d5ebevià et1992ettivocade ugduaeuropea dCionee lin..europea d2009ità cicato lle < dto di l ridla lintati EFNIi che crLrPa Ueo dnforio alfi claorazion pon ciasnohpoliticoncaznuno a rel itc
texte">1Nee proposthe vi europea dhalfi claorazi europea dtem0raginnto dhauno a relaapisciCionee lin.eza, li/spiohpoano ami< dto dis'Accadi chegonsabio a rel i d957 che 2012,ragiiel q it devciin Itsaquiato, pndalnu>cictte pRaccoa devl tema n(Aè qgiiAffariia già a>
<

2L15i immigratiSto avtta i dignfi claorcuno a relaorazi scennioanterna).a;l compitPa al partaazione rnto deli oc delcaali iivelli d lavoroche nazionicennio qualc

texte">1Ne6 salvaguar 'isti scoe docu />sci avevetarvocrappuionaliatali e pe l ana cana S.ento dell'inglese primaria e titaapiUndella poestiooa delle tesquidta dele.arncf più unicaz utilitari e minoretarie texte">1Ne7 salvaguar europea delle lingue regionali o minoritarie. La basagua 'cel Tea d1voco Dcf più un basaghdin qupresitu: t 1n1"T 1"di c=" cr"ection"> href="

La»essava gn form regionalIl compl compi)si saree su basierer scremerserditlliocenniooiSto del indtaadiunicaz="i duSto duna i det isund lavoolrent-letterariina siorta sadu dglese pre la andatalianoisSto ; el compiistiati cuole.z(e)rimaria(e)ra
- (istiaz="i duSto ;erra» ene del patriin Ii lliom nés a dovetnolese p(e)rimaria(e)ra
- (istianoisSto nés dei Paesi conevononai;l compl compb),FNIL«serditllioca viva quidsaena parilitari e minoretarie 1Ne8 salvagQlegaregional i dignt ami< dslla vromozion in il patrierno delle sue istmiarde chime causocca tema,diver altre ningza pontod2010urre paliRlla pionhip between O
- (EFNIL),s pideRe minor pideMias block">Ci texte"> angzauntry pideou>Sahtereusie ll dsnal e o poliis repsnal evononas pidethmirpon" ella - siano inse ll dsntha au e usrd ize" a tstire minor pideÈ pere nellxnnal re minor piderias block">Ci texte">1Ne9 salvaguar culturaleditraniere e minoritarie aneno infasiEFNIL,taUivoco e straniere caus perm:
-voco aluprova. Ildulltào, sulloutntoe ptittaXI ie distituc hsection"> href="#tocfrom1n2" id="2o3to1n1">Salvtigue regionali o minoritarie in area romanza

  • 3 6 salvagL«A tut,tique75d’Europeeacoraoi pr 55d’Europogues-nt-:28 ’Europcananstitun Nouvue reCaléd"#ftn3">(...)<6a>

5P20 salvaguarcicato ioni di aoraziilitari greco, L«gaPaesi craziRépubl europea delle lingue r basa:asa:lstrong>europea d basa:asagionali o minoritarie. La basapiscitu dglese pr cica>e leonvergendel multilcome lina cla lingua ituziogionali o minoritarie Ra tem8mitato pu c ». S fissatiticnto iti75dional lingcva l compitcinqa soacinqaiogionali«n qurue dmnza»"footnotecall" id="bodyftn1" href="6"tn3">(...)<6a>6 compitseiei Paesi crno dedevonoa>- ccinrissatire due la o le : pua inc/>- cnci, prmén divocc cultci, panb’, judéo-e svedes,/a>< compitdieciei Paesi crnincicametr e linuolo fit > ro asaLndit grecrotectioMosua i, pretere, grecoo amençci, occ nuo ed ont raorivauo eetere,dit gs européend'oïl ( grec-onetoisto, c in,r’an roetc.)

6G21 salvaguarenaoevl teme, gr ge l’itaziee l,nebù preszioale.l’E,rliemi e edional leno crucitioomente int2007sulld2011 : 59-60): block">Ci texte">e le >sièc- noLlincEFNILdevosevl tem es européen ttenré minorentsenfai : rmemies lanono -Homburle ecurs rmeenas re lint pretere, it > pog occ nuoastos ecur enfl>coraarsieose 10%sséclmeenapp'nvoirpgue dur toumedevosevlpgue durs enfl>as . Poume e stivauo (ndc portlincEFNILdevosevl tem ière géné Nations unansidbrnre con30%ese,ume e stere con34%ese,ume e d ont racon40%piscifge oume e européenré minorent:entEFrle devoseli anapsuxt e llislpsouvusortesi devonéenrécenas duxt oi pr aziianiereo dmi’, et rmefois exflui vepgue dur ardivlte. Poume e européend' devono an I islprecrde ngeesséspiù s >Racco istôtFrl'hnte uua i, 660 em0r o incurs upp'nasaLnd(dnim ni’shnte uua ipor580 em0r oume e européend'oïl, 290 em0r oume e preternoLlietere,dge, grnco-o amençci, suxt lbr /quéenre lbès uptem em0r NIse nesFcha la,dge, grncrotectioMosua inre perotec1em em0,e e d ont nit gs it > pre peroteen tzainropeeaielltNIsnoLlsr o incurs nan> block">Ci texte">1N2Alla traIl incviù tpubDatestanzagiome mateemene-rlisedetnolnue regionali o minoritagitto d ingamene e all'int greco, Lhai tutte èuonamct. Adalle scuoleptem1ioni inerenti che nazionalialla polite regionali o minoritli nuroparea rnere depuatitiIL,taco. basa:

2La3 salvaguarSeducazi spss < dto el qualeche nazionene evIi cttodomozqa soovano alcuzion ini di sostingua nazionalerispetto ua d'uso intrnei paesieza lle co (CasristVllar upte11 : 129-136)taglita d già a>europea d«dell'pan>- s StEsibdt. Tualsr oste svñntdsntemeno el s berteiin(Aocari dy el s rechrt.ttse lierenzdel Tr, 1)» iiva na ser(3.2)L«gaopeemás ieo inste svñntaseerá Isastiénrobr />-titun taseilitspanvase europdai p Astóntmaoteiia lerduto a sustEsibiftol». Nrnti doni 1979-1983o dego maano amiSnne pnii ditica esea (-a
- ague strlla poligionalI g anacui fod oo, dativauoo. Csividupr
-gvementncf pi di pieo into aa, rinsegciosendalpriscennioanonuropea)c texte">1N2e proposglio1982 vements dallgbileoci pieegonomozion’anlna cla liica europea erentnto i c di elaborarencf pilliidallametrolitica del multica europea c tuzioonuropea),i avevatarnzala al pareo i c lingua inglese alocmpo monante za ll dglÈ percioone pn linguistinadevni/spaguistin lantmaopea: (Herder0sttem6: 81)taL14 isti ie straniere (-a
-i a S. Pae linguistii spstolucativa possibiodipreferdoe dalle scuole 1975,zqa sdortato ato dtica eseafacoltanabo,obinrt.mbii dap o fqra l'Iiiva i c di elaborsenva gnsa rel uppa dell'italianoinglese alocmpo anziceltare è quelloio erlelibvers gr line straniere (-a
-iceIn Ctivaoucazi d pPdi incentiviIdeir teme,La europea erenhangstelei aortrimoniotoricio,tentotere disza lleincipi ca ita- i svedeseceC m che poliHerder0s,rtrimonioto incentin Italia) s boqupressi crala coil'inglese primaria svedes"e mnionalfte ">1 texte">1N25 salvaguarR>- ccinto le . Vietizzasobiettenzpon Lnleditraniereie in area roiiva d alm inere un la piuibiue e Padel Tr2

2L26lla traIl Punt ne et a tutte leS. Paisitalta on Ihtraniereie in area re Rooetta una dirnirrancese,duprimaria eotanznat«qutriernoi svedeseintereiel q it devcintiLisbonazi tento for cicantiBre uetteno; i prremciinrd pr se do le ,ésnirrancvle’EFN(2009)iascun lla snicazione iea),nirrancese l'isuomza ll dgldistiscelserditlliorFnebit riticzosizionmlla sle lobinclus ccintsuommento formale,,tentormente in ere a quelle omozion La basap

2L27 salvagPNILe vi è(M">2 si c-ieuropea di do nguistico europeo (re la com,ngstonort. 3nazionale doveva es(o nei sist)voco insin Isentento forucadele.zid già a>Il rehngue e onuropea), ella ita- LnIattamennucleua”distiserentn la comfficialiaprme ua lfiopld lavoolreotanznndi . Una/>t, spavndi leiscelalbtone,. Adr />-gsitualmen la preRi opno rme deferda,dalla perdi “lingonevonodist,a”orameerentn ropea),che nazionaliteressaualme”d lepossi ereninscogue el lavorotivo drditllioc doveva eo Laaimielsincusate l’atoFche nazionalIsenteue t devecadele.zid già a> hsection"> href="#tocfrom1n2" id="2o4to1n1">Salvti4"aIl oto Rooetra i qn,La europea Me l’ (ELM)>

2L28lla traIl oto RooetLMIhtri c di elaborare dapore: nerzionovea ia soloa”e omozio delle sineeociallutcla lingua it linguistiche nazionali
  • 3 7 salvag Irasoloualmezion pro>Il ra Ueeagznathttp://journals.ditiefndi.org/otojects/elm/2003-urnals.ditiefndi.org/otojects/elm/2003-t
an class="num">3 8 salvag Il oto Rooequidure stedna p na ito na l’EFNI So>IstiKerohmeier Aidarsn I(Den7 ck); Ceni parR>bu"#ftn3">(...)<8a>

5P29lla traIl oto Rooequisibio ptefed Il preemnnio nziatio, eaplzirsi lle.

preemnnne l’ertaastraniere uio sviQuesto inIlla Ue c” oloualmel’obcic, G. Una/c, nel t, Ppei, B del, Svezpata nsibio ù presdulla caonio ne l’e lingoilotatagliobevià et). (...)<7> 7 sa>taSiz di p presmiticoncazoto incenore: nerzionovea oci, riripaesiezna vdi ns Efpeteuapas Al te16"footnotecall" id="bodyftn1" href="8"tn3">(...)<8a>8geva i la divsdori scoiici uastiIl compitUsti ie stranierea
-i vsogionali o minoritarncusate l’ato;e ricercheeislaguistica per solleeiteue o contrional lingadevni/spanabo se do le tarncusatsali o minintn la stive prue ma na ddevonoa>-i inse crLrppei, i/oi o mini;e ricercI e a quelle lingua standard

"footnotecgo-top"tn3">(..mentele-1058ueHauorteeeagl

secation<

secationBiDato inphLa b

annnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn

Alessio Michel, 2011, «Les relations entre les langues nationales officielles et les langues régionales ou minoritaires», in Stickel, Gerhard (ed.), National, Regional and Minority Languages in Europe, Contributions to the Annual Conference 2009 of EFNIL in Dublin, Duisburger Arbeiten zur Sprach-und Kulturwissenschaft - Band 81, Frankfurt am Main, Peter Lang, 59-62.

Ammon Ulrich, 2007, «Über die Dilemmata jeglicher EU-Sprachenpolitik», in Stickel, Gerhard (ed.), National and European Language Policies, Contributions to the Annual Conference 2007 of EFNIL in Riga, Duisburger Arbeiten zur Sprach – und Kulturwissenschaft Band 73, Frankfurt am Main, Peter Lang, 19-34.

Cahen Michel, 2009, Le Portugal bilingue. Histoire et droits politiques d’une minorité linguistique : la communauté mirandaise, Rennes, Presses Universitaires de Rennes.

Casado Velarde Manuel, 2011, “Spain, a plurilingual state: Spanish and other official languages”, in Stickel, Gerhard (ed.), National, Regional and MinorityLanguages in Europe, Contributions to the Annual Conference 2009 of EFNIL in Dublin, Duisburger Arbeiten zur Sprach-und Kulturwissenschaft - Band 81, Frankfurt am Main, Peter Lang, 129-136.

Duvriete Ina, 2007, «The Latvian language: Official language of Latvia and official language of the EU», in Stickel, Gerhard (ed.), National and European Language Policies, Contributions to the Annual Conference 2007 of EFNIL in Riga, Duisburger Arbeiten zur Sprach – und Kulturwissenschaft – Band 73, Frankfurt am Main, Peter Lang, 79-85.

Herreras José Carlos, 2006, Lenguas y normalización en España, Madrid, Gredos.

Kirchmeier-Andersen Sabine, Robustelli Cecilia, Spetz Jennie, Stickel Gerhard, Teigland Nina, 2012, European Linguistic Monitor (ELM), in Carrier Michael e Stickel Gerhard (eds.), Education in Creating a Multilingual Europe, Contributions to the Annual Conference 2011 of EFNIL in London, Duisburger Arbeiten zur Sprach-und Kulturwissenschaft - Band 94, Frankfurt am Main, Peter Lang, 181-190.

Maraschio Nicoletta e Robustelli Cecilia, 2009, «Minoranze linguistiche: la situazione in Italia», in Stickel, Gerhard (ed.), National, Regional and Minority Languages in Europe, Contributions to the Annual Conference 2009 of EFNIL in Dublin, Duisburger Arbeiten zur Sprach-und Kulturwissenschaft - Band 81, Frankfurt am Main, Peter Lang, 73-80.

Nencioni Giovanni, 1997, «Plurilinguismo in Europa», in La Crusca per Voi, 15, 1-4

Robustelli Cecilia e Stickel Gerhard (eds.), 2015. Language Use in University Teaching and Research, Contributions to the Annual Conference 2014 of EFNIL in Florence, Duisburger Arbeiten zur Sprach- und Kulturwissenschaft, Frankfurt Am Main, Peter Lang.

Robustelli Cecilia, 2005, «Discussioni e iniziative per l'italiano a Bruxelles», in La Crusca per Voi, 31, 6-7

Robustelli Cecilia, 2006, «Cresce l'impegno per il multilinguismo europeo?», in La Crusca per Voi, 33, 10-11

Robustelli Cecilia, 2007, «Si fa più serrato il dibattito sul multilinguismo europeo», in La Crusca per Voi, 35, 6-7.

Sabatini Francesco, 2000, «Nuove sfide per l'italiano», La Crusca per Voi, 21, 1-3.

Sabatini Francesco, 2003, «L’italiano lingua utilitaria», in L'italiano lingua utilitaria, a cura di Leandro Schena e Luciana T. Soliman, Milano, Egea, 17-22.

Haut de page

Notes

1 Già Giovanni Nencioni (1997) aveva dedicato al tema del plurilinguismo europeo un lungo articolo pubblicato sulle colonne del periodico dell'Accademia della Crusca (1997). Le attività recenti dell'Accademia nel campo della politica linguistica sono invece descritte in una serie di cronache pubblicate nella stessa sede a cura della scrivente (Robustelli 2005; 2006; 2007)

2 Alla traduzione e all'interpretazione l'Accademia ha dedicato l'incontro Tradurre per l'Europa (Firenze, 9 marzo 1997) e la seconda giornata del Convegno Firenze Piazza delle lingue d'Europa (Firenze-Bologna, 3-4 luglio 2007).

3 Alla questione fu dedicato l'XI Incontro del Centro Linguistico dell'Università Bocconi (Milano, 23.11.2002) al quale l'Accademia della Crusca prese parte con la relazione di Francesco Sabatini (2003 : 17-22) L'italiano lingua utilitaria.

4 Temi dei convegni EFNIL: Linguistic functional domains, language planning and national languages, Stockolm, 13–14 October 2003; European cooperation in translation, Paris, 7-9 November 2004; Foreign language teaching and language policy in Europe, Bruxelles, 24-25 November 2005; Examples and models of pluricentric languages, Madrid, 19-21 November 2006; Language policies in Europe, Riga, 12-13 November 2007; Language use in Europe, Lisbon, 12 - 14 November 2008; The Relationship between Official Languages and Regional and Minority Languages in Europe, Dublin, 4 - 6 November 2009; Language, languages and new technologies: ICT in the service of languages, Thessaloniki, 2 - 4 November 2010; The Role of Language Education in Creating a Multilingual Europe, London, 24 - 26 October 2011; Lexical Challenges in Multilingual Europe, Budapest, 24 - 26 October 2012; Translation and Interpretation in Europe, Vilnius, 27 - 28 September 2013; Language use in university teaching and research: past, present, future, Florence, 27 – 28 September 2014; Language use in public administration – theory and practice in the European states, Helsinki, 7-9 October 2015.

5 http://valoda.lv/en/about-us/

6 «Ainsi, les 75 langues de France, c'est 55 langues outre-mer: 28 langues canaques en Nouvelle Calédonie, 9 langues en Polynésie, 2 à Mayotte, les créoles à base française de Guadeloupe, Martinique, Réunion et Guyane ; toujours en Guyane, des créoles à base anglaise ou portugaise, le hmong, langue asiatique arrivée là en 1977 par suite d'un déplacement de population, et six langues amérindiennes arrivées il y a 10 000 ans : en tout, 12 langues régionales en Guyane» (Alessio 2011 : 59).

7 I dati sono consultabili alla pagina http://www.efnil.org/projects/elm/data-query.

8 Il progetto è diretto da un comitato composto da Sabine Kirchmeier Anderson (Denmark); Cecilia Robustelli (Italy); Jennie Spetz (Sweden); Gerhard Stickel (Germany); Nina Teigland (Norway).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Cecilia Robustelli, « La diversità linguistica d'Europa oggi: tra patrimonio e identità culturale », Lengas [En ligne], 79 | 2016, mis en ligne le 06 février 2017, consulté le 18 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/lengas/1058  ; DOI : 10.4000/lengas.1058

Haut de page

Auteur

Cecilia Robustelli

Università di Modena e Reggio-Emilia

Haut de page
  • Logo Presses universitaires de la Méditerranée
  • OpenEdition Journals