Navigation – Plan du site

Sullo “stato di salute” delle varietà romene all’alba del nuovo millennio

A prepaus de l'"estat de santat" de las varietats romanesas a l'alba del novèl millenari
Alvise Andreose

Résumés

La complexité de la distribution géographique des variétés roumaines est le reflet des événements historiques qui ont marqué l’histoire de l’aire balkanique et carpato-danubienne de l’Antiquité tardive jusqu'à l'époque moderne. Pendant des siècles, les Roumains ont cohabité avec des peuples de langue différente : Hongrois, Slaves, Albanais, Grecs, Allemands, Turcs etc. La formation des États nationaux (1821 -1920) a produit une première simplification du cadre géolinguistique, qui, cependant, restait encore extrêmement varié au début du vingtième siècle. En Roumanie, il existait d’importantes minorités linguistiques. De nombreuses communautés roumaines résidaient dans d’autres pays de l’Europe Sud-orientale. Les changements causés par les deux conflits mondiaux, par les nationalismes de droite et de gauche et par l'impérialisme soviétique ont été beaucoup plus radicaux et traumatisants. La chute du mur de Berlin, avec la fin de l'URSS et la désagrégation de la Yougoslavie, a signifié pour quelques groupes minoritaires la reconnaissance de leur spécificité linguistique (Roumains d'Ukraine et de la Voïvodine en Serbie, Aroumains de la République de Macédoine). Par contre, les droits des Aroumains albanais et des Roumains de la Vallée du Timoc (Serbie) sont restés limités. La situation la plus critique se rencontre en Grèce, où les Aroumains et les Mégléno-roumains ne jouissent d'aucune forme de reconnaissance. Malgré les progrès réalisés au cours des dernières décennies, le cadre général apparaît plutôt sombre à cause du déclin démographique qui a caractérisé les communautés de langue roumaine à partir de 1989.

Haut de page

Texte intégral

1. La specificità dell’Europa sud-orientale

1Le complesse e a volte drammatiche vicende delle minoranze linguistiche in età moderna e contemporanea si dipanano tra due eventi storici di capitale importanza: la costruzione degli Stati nazionali, che per molti Paesi europei ha avuto luogo tra l’inizio del secolo XIX e l’inizio del secolo XX, e il processo di integrazione europea, che, iniziato con i Trattati di Roma del 1957, ha subito una forte accelerazione con il Trattato di Maastricht del 1992. L’espressione stessa di «Stato nazionale» si fonda sull’idea di ascendenza romantica che lo «Stato», ossia l’entità giuridica che esercita il potere sovrano su un determinato territorio, e la «nazione», intesa come comunità omogenea di persone che condividono la stessa origine, la stessa storia, la stessa lingua, siano concetti coestensivi. Il principio secondo cui all’unità politica debba corrispondere la comunanza storico-culturale, linguistica, religiosa quando non addirittura etnica dei cittadini è espressa efficacemente in due famosi versi dell’ode Marzo 1821 di Alessandro Manzoni:

una d’arme, di lingua, d’altare,
di memorie, di sangue e di cor. (vv. 31-32)

o 1821

tle="English"> (vv. 31-32)

uistiche in età moderna e conte25oumaineG2l6.e dei mcnicatveisn"#a 2 unità unrVojvoo"abèntainatcozpicuo. Le s iéraulzpan> : aoe drndeiiabClactigop (1895),n riconosciLe coOet2clica g2l6.e dei m caus150.000. Q>Mlnni,ecc. dopo, Capi Alo( 32) l.iolhe hvzi300-350.000. Wac ncThomp Il ( 914)mincreass=iisn"#uubpan> : si, s 500.000. In q>eicnz rditàdn2il naeziacsissaoalegondo e eitionifi,nal latati naziMet ldguC rageuiMeuisțesnul( 975)renctoN he heuSrnaman>u ( 84)s–dri pcetifoblockq300-600.000 e 400-600.000.sAazirivolssatudi rrettae nori rdacocsuingurifea Ber200-300 mi S (cfr.uIvănnacu 1999 ;tDahassr2005 ;sKah s2006a) class="sefootdiric" te">h ( «5 ;s2002) class="sefootdiric" te">
3one atélécharger cet art-32ass="num">1 Sulla tutela delle lingue minoritarie nel diritto dell'Unione europeavo 1821 o 1821

tle="English"> (vv. 31-32)

uistiche in età moderna e conte26oumaineConctlnVmatiti m Mdi «tocfrom2n4">3»a(o «tocfro etno») i nia risieolndienn"#nae id="tocfrom2na abClacatt Youe eserblockqgru "ti nea(gr o. ass=Moi neáuna d),enae ouge vararef=tt abnordoeicndi Saunaicc2ass=>una dalri ifi e niziplifiste"lla valle sionTimoc. Lasnu> iilri o ="t"fian> mxios/Vatdar (Apanasov 84, 2002a,nra02b ;sȚîrd="aicub2004) class="sefootdiric" te"> lncetpgdirr6 iiabClacticenni,romoazidefsgreuo">3l una d‘valacchi < (anng. a dvàuna d o a dvàuuna d)">
3omuniirerm nae 19cb2004,r di salsa sngdlso delle complecolata discol>br di sal/sa sngdlso delle complecolata discol>86, 223--maine)liIsuti negli scorrhsori Staoaestoe de. Mome rar norcpotdi sd greilevsmttai i ilg2l6.e dei , aeridesmssi3 le, e c dme> a dvà iuna d a catr moecc. intretsiniststruzioaulzpan> : diiabClactigtoeplifis. Sch tora nni,e2n5" blockqilzpan> : aoe drnar nollochioniziaec4.000-5.000 (Apanasov 84, 2002a;sKah s2006a)z ese>9.000-10.000 abstrac(Țîrd="aicub2004). Belrié toe della iletmeadiconf 1 Sulla tutela delle lingue minoritarie nel diritto dell'Unione europeavo 1821

o 1821

o 1821

tle="English"> (vv. 31-32)

uistiche in età moderna e conte29oumaineCdesbiannsito arzodato"tuttév, slmnci duekq“s atoeni#sal le”aro Mcf id="tocfrom2ne rhson> et.ct-1eirirelLa nel ctori il

Notes

1 Sulla tutela delle lingue minoritarie nel diritto dell'Unione europea si vedano Labrie (1993), Piergigli (2001, cap. 1), Carli, (2004), Stolfo (2005), Orioles (2008), Condorelli, Russo (2014), Feraci (2014). Cfr. anche Cisilino (2009, 15-17).

2 Un caso a parte è rappresentato dai territori che sono stati più o meno intensamente “ri-romanizzati” in tempi relativamente recenti: le frange orientali del dominio bretone, conquistate gradualmente da varietà oitaniche; i territori, già germanizzati, inseriti nello Stato francese e oggi in parte assimilati linguisticamente (Alsazia, Lorena nord-orientale, Fiandre occidentali) ; l’area di Bruxelles, già fiamminga e oggi prevalentemente francese ; gli insediamenti italiani (in realtà minoritari) nell’Alto Adige tedesco nel secolo XX ; i centri della costa istriana e dalmata – oggi quasi interamente slavizzati – in cui si era diffuso il veneziano coloniale a partire dal sec. XIV (Andreose, Renzi 2013, 287-88). Ben maggiore, come è noto, è stata l’estensione delle lingue romanze fuori d’Europa, soprattutto in America.

3 Mi limito a menzionare il fatto che la «tesi della continuità», per cui il romeno continuerebbe il latino della Dacia non è universalmente accettata. Per alcuni studiosi la formazione del romeno sarebbe avvenuta in tutto o in gran parte a sud del Danubio, e l’attuale collocazione del romeno sarebbe frutto di spostamenti interni – si tratta della cosiddetta «Teoria di Rösler (o Roesler)», dal nome dello studioso tedesco (Eduard Robert Roesler) che per primo la formulò in modo organico nel 1871 (Rösler, 1871). I dati storici, archeologici e linguistici per dirimere la questione non sembrano permettere soluzioni definitive. Si veda il tentativo di sintesi delle diverse proposte avanzato da Niculescu (1992).

4 La linea di demarcazione tra la parte latinofona e quella grecofona è stata stabilita in base alla prevalenza di iscrizioni latine e greche da Constantin Jireček (1893, 1901, 1911) e poi successivamente perfezionata da Alexandru Philippide (1925), Petar Skok (1931, 1934), Boris Gerov (1948-53, 1980) e Haralambie Mihăescu (1978; 1993). Il suo corso è ancora discusso, ma sembra che partisse a sud di Lissus (Lezhë, nel nord-ovest dell’Albania), salisse verso nord-est, lasciando Stobi (nei pressi di Gradsko in Macedonia) a sud, e Scupi (Skopje, in Macedonia) a nord, proseguisse prima verso nord-est, seguendo l’antica frontiera amministrativa tra Thracia e Moesia superior, e poi verso est, lungo il confine tra Thracia e Moesia inferior (nell’attuale Bulgaria settentrionale) fino al litorale del Mar Nero, dove tornava a salire verso nord, fino al delta del Danubio (Gerov 1980). A nord di questa linea si parlava prevalentemente latino, a sud greco (accanto alle lingue antiche locali). Una zona bilingue è stata ipotizzata nella parte orientale della Tracia, a sud del confine suddetto. Sulla sponda sud-occidentale del Mare mediterraneo, l’area latinofona comprendeva tutta l’area ad ovest della Cyrenaica (Libia nord-orientale).

5 I sassoni rappresentavano il 12,5% della popolazione transilvana nel 1880, mentre nel 2011 erano solo lo 0,4%. (Varga 2016).

6 Secondo le statistiche ufficiali, nel 1880 gli ungheresi costituivano il 25,7% della popolazione transilvana, raggiungendo – a seguito di un’intesa opera di magiarizzazione – la percentuale del 31,6 nel 1910. Dopo il passaggio definitivo della Transilvania alla Romania (1947), la quota di popolazione ungherese è scesa progressivamente. Nel censimento del 2011 rappresentava il 18,9% dei residenti nella regione (Corsale 2016, 30; cfr. anche Varga 1999 e 2016). Sulla situazione attuale delle minoranze in Romania si vedano i contributi raccolti in Heller, Jordan, Kahl, Sallanz (2006).

7 Sulla storia della Romania in età moderna e contemporanea si veda Hitchins (1994; 1996; 2014).

8 La minoranza di etnia rom (rom. romi, 621.573 persone nel 2011, pari al 3,1% della popolazione romena) ha come lingua materna ora l’antica lingua romanì – varietà appartenente al gruppo indoario – (39,3%), ora il romeno (55,1%) o l’ungherese (5,3%), e parla in ogni caso romeno (INS 2011).

9 All’agosto 2016, i dati integrali del censimento del 2014 (Recensămîntului Populaţiei şi al Locuinţelor 2014) non sono ancora stati resi disponibili.

10 Unifichiamo i dati relativi ai parlanti «romeno» e «moldavo».

11 Il problema del riconoscimento dei diritti della minoranza romena della valle del Timoc è diventato un caso diplomatico di portata internazionale nel 2012, quando, nel Consiglio per gli Affari Generali dell'Unione europea del 28 e 29 febbraio, la Romania si è momentaneamente opposta all’assegnazione alla Serbia dello status di Paese candidato all’entrata nella UE. Benché, a seguito della firma di un protocollo sui diritti dei romeni timoceni, siano stati attivati in tempi recentissimi i primi corsi ufficiali di lingua romena in varie scuole di Zaječar, Bor e Negotin, la questione è ancora oggi causa di tensioni tra le due nazioni. Sarà da rilevare che in Romania negli ultimi decenni si è registrato un crescente interesse scientifico per le varietà romene d’oltre confine – talvolta non immune da accenti “pan-romenistici” – e per i dialetti romeni sud-danubiani (di cui si parlerà più avanti nel par. 3): si vedano, per es., i saggi raccolti in Pruteanu-Isăcescu, Ghenghea (2007), Pruteanu-Isăcescu, Ioniță (2008), Berciu-Drăghicescu (2012). All’interno di tale produzione si contano numerosi studi sulla storia e sulla cultura delle comunità romene del Timoc serbo e bulgaro: cfr. per es. Nestorescu (1996); Vâlcu (1998); Budiş (2001); Zbuchea (2002 ; 2007) ; Ţîrcomnicu (2010a; 2010b).

12 Le varie ipotesi sono riassunte efficacemente in Dahmen (1989), Ferro (1992: 225-232), Friedman (2001, 32-33). Si vedano inoltre i capitoli dedicati ad aromeno (di Nicolae Saramandu), meglenoromeno (di Petar Atanasov) e istroromeno (di August Kovačec) in Rusu (1984). In tempi recenti, la tesi della derivazione del meglenoromeno dal dacoromeno (già sostenuta da Densusianu 1997 [1929]) è stata riproposta con nuovi argomenti da Atanasov (2002a).

13 Banfi (1991; 1996, 100). Sulle diverse ipotesi si veda la sintesi di Saramandu (1984, 424-25) e di Kramer (1989, 423-27).

14 Sugli scambi culturali e linguistici tra le comunità di pastori nomadi aromeni, albanesi e greci si veda lo studio di Kahl (2007).

15 Molto utile, sebbene di livello più divulgativo, è la monografia di Trifon (2005).

16 Cfr. Kahl (2006c). Sullo stato attuale della comunità meglenoromena in Turchia, vd. anche Kahl (2014).

17 Sulla storia dei meglenoromeni in età medievale, moderna e contemporanea si veda in particolare Coman (2012).

18 Sulle diverse ipotesi relative all’origine degli istroromeni si veda la sintesi di Frăţilă (2012, 641-44).

19 Si veda a tal proposito anche Ebert (2012).

20 Cfr. Friedman (2001, 26-28). In Grecia si usa anche il termine kutsovláhi (κουτσόβλαχοι), che però designa più propriamente i gruppi stanziati sul Pindo (rom. pindeni) e sul Gramos (rom. grămoşteni). Gli aromeni d’Albania sono chiamati invece arvanitovlahi (‘valacchi albanesi’). Altri esonimi che si incontrano a sud dei Balcani sono: bulg. Belivlasi (‘valacchi bianchi’), serb. cincari, alb. çoben (‘pastori’), alb. rëmër (< romani). La forma ‘aromeni’ (o anche ‘aromuni’) riprende quella con cui pindeni e grămuşteni si autodefiniscono: ar(u)mâni, armâń. I fărşeroţi, invece, chiamano sé stessi rămâni, rămăni, rumâni o rrεmεń (Dahmen 1982 ; Kahl 2007, 84-87).

21 Sulle aree attuali di diffusione degli aromeni vd. Saramandu (1984; 1988); Dahmen-Kramer (1985-1994), Ivănescu (1999) e soprattutto Kahl (1999, 2006), Demirtaş-Coşkun (2001).

22 Per ciò che concerne la situazione demografica e linguistica dei villaggi aromeni siti nell’unità periferica di Florina e nella zona di Aridea (unità periferica di Pella) si veda l’indagine di van Boeschoten (2001).

23 I dati relativi all’«affiliazione etnica» sono superiori, in quanto registrano 9.695 vlasi (SSORM 2004, 62; 2005, 34). Vd. avanti.

24 Per la situazione degli aromeni prima del dissolvimento dello Stato iugoslavo si veda Peyfuss 1989.

25 Si veda quanto detto nella nota 23.

26 Banfi (1996, 106) rileva come il nazionalismo greco abbia messo in atto « una operazione di “cancellazione” di ogni elemento che avrebbe potuto rappresentare una “minaccia” alla visione omogeneizzatrice di una Grecia “culla” esclusiva dei “Greci cristiani” (Héllenes Christianoí) », citando poi di seguito l’affermazione di Marilena Karyolemou, secondo cui « la position globale de la Grèce en matière de reconnaissance des minorités nationales [...] consiste à nier l’existence de tout élément allogène sur le territoire grec » (Karyolemou 1992, XIV). Su tale argomento si veda anche Dimitras (1992), Banfi (1997), Clogg (2002a).

27 Sulla comunità aromena in Grecia si possono consultare anche le sintesi contenute in GHM (1995) e Winnifrith (2002). È interessante rilevare che nelle pubblicazioni – di taglio più o meno scientifico – prodotte in Grecia sugli aromeni prevalgono nettamente gli studi di tipo storico, etnologico o culturale, mentre sono rare le analisi di orientamento specificamente socio-linguistico o demografico. Tra i lavori più significativi in lingua greca usciti nell’ultimo quarto di secolo segnalo Papathanasiou (1991) ; Koukoudis (2000-2001, 2003) ; Exarchos (2001a, 2001b).

28 Secondo altre analisi, negli anni Cinquanta-Sessanta il numero degli aromeni albanesi sarebbe stato maggiore di quello ufficialmente rilevato, oscillando tra le 50.000 e le 10.000 unità, cfr. Schukalla (1993, 512). Alla fine degli anni ’80 Winnifrith (1987, 4) calcolava in più di 10.000 i parlanti aromeno in Albania, per poi innalzare notevolmente la stima qualche anno dopo (50.000, cfr. Winnifrith 1995, 22, 68; 2002; vd. anche la n. 32). Sulle valutazioni relative alla consistenza numerica degli aromeni albanesi nel corso del Novecento si veda inoltre Lozovanu (2012a, 97-98).

29 Tale processo, cominciato negli anni ’90, è culminato nella presentazione all’UE del primo Report on National Minorities in Albania nel 2001 (FRNMA 2001).

30 Per un quadro generale sulle diverse cifre proposte dagli studiosi si veda Friedman (2001, 36-37).

31 La stima di Hill si fonda sui dati riportati in Grothusen (1980, 81).

32 Lo studioso ha incrementato la propria precedente stima (Winnifrith 1987, 4, 7), che valutava il numero totale degli aromeni a 50.000.

33 Secondo Niessen (2000, 832), gli aromeni sarebbero 33.000 in Grecia e circa 20.000 negli altri paesi balcanici.

34 Si vedano a tale proposito anche i classici studi di Weigand (1892) – con la relativa recensione di Jireček (1893) – e Capidan (1925).

35 Sulle aree attuali di diffusione dei meglenoromeni vd. anche Wild (1983).

36 Rimando alle analisi di Orbanić (1995); Filipi (2003). In alcune località citate da Puşcariu (1926) e Kovačec (1971; 1984) – Dolinšćina, Trkovci, Perasi, Grobnik, ecc. – l’aromeno è oggi estinto.

37 Cfr. anche Peyfuss (2016b).

38 Su cui si vedano le analisi di Condorelli, Russo (2014), Feraci (2014). La lista dei paesi che hanno firmato e ratificato la carta si legge alla pagina <http://www.coe.int/it/web/conventions/full-list/-/conventions/treaty/148/signatures>.

39 Si veda quanto detto nel paragrafo 3.3.

40 Rispetto al censimento del 1992, nel 2011 la popolazione romena era scesa di 2.688.394 unità (INS 2011a). Se poi si considera la popolazione stimata per il 1989 (dati FAOSTAT) e per il 2015 (dati ONU DESA 2015), la contrazione sarebbe stata di oltre 3.900.000 unità. Quanto alla Moldova, dal 1989 al 2004 il numero di residenti si è ridotto di 274.333 unità. I dati preliminari relativi al censimento del 2014 indicano che dal 2004 al 2014 c’è stata un’ulteriore contrazione demografica, pari a 470.051 abitanti (BNSRM 2015).

41 Anticipo alcuni dati di un sondaggio che sto conducendo all’interno della comunità romena di Padova.

42 Riprendo un’espressione coniata da Salvador (1983), seppure con una connotazione più politica.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Alvise Andreose, « Sullo “stato di salute” delle varietà romene all’alba del nuovo millennio », Lengas [En ligne], 79 | 2016, mis en ligne le 26 janvier 2017, consulté le 13 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/lengas/1107

Haut de page

Auteur

Alvise Andreose

Università degli Studi eCampus – Novedrate

Haut de page
  • Logo Presses universitaires de la Méditerranée
  • OpenEdition Journals