Navigation – Plan du site

Bolsena e la sponda occidentale della Val di Lago: un aggiornamento1

An update on Bolsena and the western side of Val di Lago
Enrico Pellegrini, Maria Cristina Leotta, Maria Stella Pacetti, Simona Rafanelli, Andrea Schiappelli, Egidio Severi, Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio, Angela Abbadessa, Carmelo Martino, Francesca Occhiogrosso, Debora Rossi et Francesca Romana Sarrocchi
p. 13-105

Résumés

La conoscenza delle modalità e delle vicende relative all’occupazione del settore settentrionale del lago di Bolsena in età antica presenta tutt’ora ampie lacune e margini d’incertezza, anche se la pluridecennale attività di ricerca condotta dall’École française de Rome a Bolsena ha conseguito importanti risultati ed un quadro generale di riferimento. Alcuni interventi di scavo condotti dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria meridionale negli ultimi anni a Bolsena e a Gradoli, insieme alla ripresa delle indagini sistematiche nelle necropoli etrusche di Grotte di Castro e alla revisione della documentazione d’archivio hanno fornito una ricca messe di dati nuovi e, per certi aspetti, inattesi, che possono contribuire a mettere meglio a fuoco alcune delle problematiche ancora aperte.

Haut de page

Texte intégral

1. Il quadro storico

  • 1 Il percorso sul quale si è sviluppato questo lavoro è stato in larga parte realizzato da G. Colonna (...)
  • 2 Si può ricordare, a questo proposito, che nell’Alto medioevo la fascia compresa tra la costa tirren (...)

1Così come i più importanti corsi d’acqua, naturali marcatori di confine, ma anche corridoi attraverso cui viaggiano velocemente persone, idee e merci, anche l’ampio bacino del lago di Bolsena ha svolto nell’antichità la duplice funzione di collegare rapidamente i siti che si affacciavano sulle sue sponde e di essere, insieme, limite e punto d’incontro tra ambiti culturali diversi2.

  • 3 Belardelli 2007, p. 259-345.
  • 4 Oltre all’ovvia attività della pesca, l’ampio specchio d’acqua, circondato da fitte boscaglie e can (...)
  • 5 Il versante interno del bacino lacustre, delimitato da rilievi montuosi che, nell’area nord-orienta (...)

2Per tutta lo svolgimento dell’età del bronzo, così come durante il lungo periodo della preistoria, il bacino del lago di Bolsena, a differenza delle aree circostanti, risulta poco o affatto frequentato3. Nonostante l’ampio e variato apporto di risorse alimentari e materie prime che il lago era in grado di offrire4, la conca lacustre non sembra presentare le condizioni richieste per un insediamento di una certa consistenza e durata almeno fino alla fine dell’viii sec. a.C.5

  • 6 Il sito, già abitato almeno a partire dalla fase finale dell’età del bronzo, si svilupperà in manie (...)

3Significativa appare, quindi, la scelta dell’area intorno a Monte Bisenzo, posizionato nel margine sud-occidentale, per un insediamento di ampia consistenza e di lunga durata6. In questo settore il rilievo della cinta calderica si presenta, infatti, meno accentuato e con declivio più dolce; poco più ad ovest si estendeva, inoltre, un secondo bacino lacustre, il cratere del Lagaccione, bonificato in età moderna; infine, la presenza del fiume Marta costituiva un’agevole e diretta via di comunicazione con la costa tirrenica (fig. 1).

  • 7 Il percorso, attraverso cui viaggiavano probabilmente i metalli per l’industria metallurgica (Harri (...)

4Ancora più eloquente, sotto questo aspetto, è l’insediamento di Civita di Grotte di Castro posizionato subito al di fuori del bacino lacustre (fig. 2, 1). In questo caso, comunque, un’ulteriore e pressante motivazione per la scelta del sito deve essere stata quella legata al controllo dell’importante percorso che collegava il distretto vulcente a quelli orvietano e chiusino (fig. 3)7.

  • 8 Cfr. Golini 1857; per la storia degli studi Tamburini 2007, p. 18-24.
  • 9 Nel periodo più recente, il primo intervento di verifica della consistenza delle presenze archeolog (...)
  • 10 Cfr. in generale Tamburini 2007.
  • 11 Su queste due aree cfr. da ultimo, con ampia bibliografia, Camporeale 2005, p. 269-299; si deve com (...)
  • 12 Colonna 1999, p. 18.
  • 13 I confini dell’area d’influenza di Civita appaiono ben definibili per il settore occidentale, delim (...)
  • 14 Si tratta, non solo, di gran parte della tipologia funeraria con elementi architettoniciscolpiti ne (...)
  • 15 È solo a partire dalla metà del vi secolo, infatti, con il progressivo declino di Poggio Buco, capo (...)

5Nonostante la selvaggia opera di devastazione delle sue necropoli nel corso dei secoli8, le indagini condotte negli ultimi decenni dalla SBA-EM con la concreta e fattiva collaborazione del locale Gruppo Archeologico9, e nuovamente riprese dal 2008, rendono conto dell’importanza di Civita di Grotte di Castro, il centro più notevole nel territorio tra il lago di Bolsena e la media valle del Fiora durante il vii ed il vi sec. a.C.10 Nel corso di questi due secoli la Civita di Grotte costituirà un’importante snodo di influssi culturali e di interessi dei centri dislocati tra il versante orientale del lago, l’area tiberina e falisca11 e la valle del Fiora, partecipando attivamente all’elaborazione di quella «provincia culturale» volsiniese che darà vita, nel corso del vi secolo, allo stato territoriale di Velzna12. L’importanza che Civita ha esercitato su questo ampio territorio13 è valutabile anche sulla base di alcuni tratti caratteristici della cultura materiale, e di altri attinenti al rituale funerario, attestati lungo il percorso già accennato14. Se, infatti, come è emerso da una recente analisi dei centri di Pitigliano e Poggio Buco, la presenza vulcente nella regione compresa tra il versante occidentale del lago di Bolsena ed il fiume Fiora deve essere ridimensionata per il periodo compreso tra il vii e la prima metà del vi sec. a.C.15, il solo centro in grado di controllare questo territorio è proprio quello di Civita di Grotte di Castro.

  • 16 Le necropoli attestano una frequentazione dalla fine del VII a tutta l’età arcaica ed un utilizzo a (...)
  • 17 Colonna 1999, p. 18-19.
  • 18 Su quest’area, oggetto anch’essa dell’indagine della Scuola francese negli anni 1953-1958, ma non t (...)
  • 19 V. infra, p.74-79; la prima fase di frequentazione, almeno dall’Orientalizzante recente, deve proba (...)

6Proseguendo nella panoramica dei principali centri del lago, il primo insediamento di rilievo che s’incontra nella sponda orientale è quello di Barano, meglio conosciuto per la sua necropoli (fig. 1, 7-8)16, mentre in posizione eccentrica rispetto al bacino lacustre, ma strategica per l’itinerario che collegava il lago con la valle del Tevere17, si situano l’abitato della Civita del fosso d’Arlena e diversi nuclei di tombe, tra cui quelli della Capriola, del Bucine (fig. 1, 14-15) e di Turona18. Nel settore più prossimo a Bolsena si colloca, infine, la necropoli di Poggio Pesce (fig. 24, 10), che ha restituito materiali riferibili prevalentemente al iii-ii sec. a.C., ma nella quale è attestata anche una fase più antica19.

Fig. 1 – Il bacino del lago di Bolsena con l’indicazione dei principali siti citati nel testo: 1) Monte Bisenzo; 2) Catacomba (Grottone); 3) Mitreo; 4) Ninfeo di Graoli; 5) Centocamere; 6) Pianezze; 7) Barano, necropoli; 8) Barano, abitato; 9) Poggio Casetta; 10) Pozzarello: 11) Poggio Moscini: 12) S. Arcangelo; 13) Porcine; 14) La Civita del fossa di Arlena; 15) La Capriola; 16) Gran Carro; 17) Cornos; restituzione 3D a cura di E. Severi.

Fig. 2 – Civita di Grotte di Castro (1) e le necropoli di Vigna La Piazza (2), Centocamere (3), Pianezze (4).

Fig. 3 – Il territorio tra i fiumi Fiora e Paglia nel vi sec. a.C.: 1) Velzna; 2) Civita di Grotte di Castro; 3) Poggio Evangelista; 4) Pitigliano; 5) Poggio Buco; 6) Castro. Modificata da Tamburini 2007.

  • 20 Cfr. Colonna 1990 e Colonna 1999, p. 20-21.
  • 21 Come quelli individuati nella fascia di Gradoli: v. infra, p. 23-24; meno intensa di quanto prospet (...)
  • 22 Per le numerose tombe di età ellenistica distribuite nel territorio a cavallo tra gli attuali comun (...)

7Nessun dato nuovo è venuto a modificare, nel comprensorio del lago di Bolsena, il quadro già tracciato per il v-iv secolo, periodo nel quale si registra la quasi totale assenza di attestazioni archeologiche nei centri fin qui enumerati, così come si riscontra nella prossima valle del Fiora20. Una ripresa generale si osserva a partire dalla metà circa del iv sec. a.C.; in questa fase si riscontra la presenza di numerosi insediamenti di modeste dimensioni in prossimità del lago, sia nel versante occidentale21 sia in quello orientale, attestati in questo caso da nuclei di tombe22.

  • 23 Per questa fase cronologica e gli aspetti correlati si rinvia a Gros 1981, in particolare p. 1-30 e (...)
  • 24 In età imperiale (II sec. d.C.) Visentium, iscritto alla tribù Sabatina (CIL, XI, 2911), era municp (...)
  • 25 Ascritto alla tribù Pomptina: Ruoff-Väänänen 1975 e Munzi 2001, p. 9.
  • 26 Quasi nulla ci è noto delle vicende e degli edifici pubblici e privati del municipio di Visentium, (...)
  • 27 Kurze, Citter 1995; cfr. anche nota 2.

8La fondazione sulla riva orientale del lago della nuova Volsinii, dopo gli eventi del 264 a.C., crea un assetto del tutto nuovo nella regione23. I due versanti del bacino lacustre, occidentale ed orientale, sotto il controllo rispettivamente dei municipia di Visentium24 e di Volsinii25, si confronteranno a lungo26 fino alla definitiva scomparsa di Visentium, da collocarsi presumibilmente nel corso del vi secolo, quando l’area diventa teatro degli scontri tra Longobardi e Bizantini27.

2. Recenti rinvenimenti e dati d’archivio inediti

2.1. Grotte di Castro

  • 28 Sul pianoro della Civita sono state effettuate alcune ricognizioni, che hanno fornito dati interess (...)
  • 29 Per un quadro complessivo cfr. Tamburini 2007.
  • 30 Tutte le indagini hanno visto coinvolti, insieme al personale della Soprintendenza per i Beni Arche (...)

9In assenza di una documentazione apprezzabile relativa alla città28 (fig. 2, 1), gli unici elementi disponibili per tracciare uno sviluppo diacronico del centro etrusco di Grotte di Castro sono quelli desumibili dall’esame delle necropoli. A quanto già conosciuto e analizzato29 è possibile ora aggiungere i primi risultati delle indagini sistematiche avviate dal 2008 a Casali Centocamere, e alcuni dati d’archivio relativi ai ritrovamenti effettuati nella necropoli di Vigna La Piazza nel 1978 e nel 198930, che arricchiscono e, in diversi casi, cambiano in maniera sostanziale il quadro fin qui noto.

10Allo stato attuale della documentazione non è ancora possibile stabilire una valida scansione tipo-cronologica delle più antiche tombe rupestri di Grotte di Castro né una stratigrafia orizzontale dei nuclei cimiteriali. Le tre principali necropoli (fig. 2), Vigna della Piazza (VLP), Casali Centocamere (CC) e Pianezze (P), tutte disposte lungo il percorso che conduceva al lago, presentano, infatti, una frequentazione assai prolungata e un’articolata tipologia sepolcrale. Si deve comunque constatare che la necropoli di Pianezze (fig. 2, 4), la più lontana dal centro abitato, è quella che mostra strutture funerarie più standardizzate ed evolute, mentre la sepoltura più antica attualmente nota è stata rinvenuta nella necropoli di Vigna della Piazza (fig. 2, 2), poco a nord dell’altura di Civita.

  • 31 Al fine di evitare confusione con un’altra sepoltura con la stessa sigla indagata nel 1989.

11Relativamente a questa sepoltura, nota come VLP 1, ma ora necessariamente rinominata VLP 1/197831, un esame della documentazione d’archivio depositata presso la SBA-EM ha permesso di recuperare i dati inediti relativi al rinvenimento, la cui errata interpretazione aveva creato una serie di equivoci.

  • 32 Vigna la Piazza t. 1/1978: fig. 4: 1 – Vaso biconico con alto collo troncoconico e alto piede a tro (...)
  • 33 Archivio SBA-EM n. 7738/3, del 30 dicembre 1978.
  • 34 Tamburini 2007, p. 63, nota 104 riporta erroneamente il 1986.
  • 35 Iaia, Mandolesi 1993.
  • 36 Come nella VLP 1/1978 le sepolture delle tt. 26 e 27 della Capriola erano sistemate direttamente su (...)
  • 37 Biconico n. 1: Capriola t. 16 (Bloch 1972, fig. 41 A e Medori 2010, n. 151, p. 91, tav. XXIV con de (...)

12Il 27 dicembre del 1978, lungo la SP Gradolana in direzione del lago, all’altezza di Vigna della Piazza, fu intercettata, a circa m 1,30 dal piano di campagna, una sepoltura sotto un accumulo di scaglie di tufo di circa un metro d’altezza. Asportato il tumulo fu individuato un piano di terra battuta sul quale era stato deposto il defunto con il corredo, la cui composizione connota la sepoltura come femminile32. La relazione redatta dall’assistente F. Livi33 indica anche la posizione dei materiali: la fibula a navicella e la fusaiola presso la testa, le ceramiche disposte presso gli arti inferiori. Sulla base di alcune fotografie (fig. 4), i materiali furono trafugati nel 198534, la sepoltura appare inquadrabile tra la fine dell’viii e gli inizi del vii sec. a.C., in sostanziale accordo, quindi, con il dato cronologico offerto dai frammenti ceramici raccolti sulla Civita, che ponevano agli ultimi decenni dell’viii sec. a.C. l’inizio dell’occupazione stabile del pianoro35. I confronti più immediati e prossimi sono offerti da alcune sepolture della necropoli della Capriola presso la Civita del fosso d’Arlena strettamente correlabili con la VLP 1/1978 sia per le modalità della deposizione36 sia per i confronti specifici delle ceramiche37.

  • 38 CC 1, atrio: Capriola t. 18 (Bloch 1972, fig. 43, F) e Bucine tt. 6 e 7 (Medori 2010, p. 129).
  • 39 CC 5, fossa n. 4: Capriola t. 24, Bloch 1972, fig. 49, L

13Lo stretto rapporto fra le necropoli di Grotte di Castro e quelle della Civita del fosso di Arlena è ancora ben attestato nella prima metà del vii secolo: ci si riferisce alla presenza, in entrambe le località, di rotelle di bronzo38 e pinzette depilatorie39, e alla forte caratterizzazione delle tombe sia maschili, con la presenza di numerose armi di ferro (lance, giavellotti e corte spade), sia femminili, con la deposizione costante di una o più fusaiole d’impasto ed anche di pesi da telaio. Nel corso del vii secolo, però, l’architettura funeraria delle necropoli di Civita di Grotte di Castro risulta profondamente modificata: le sepolture, sempre ad inumazione, avvengono ora in tombe familiari scavate nel tufo e articolate in più camere funerarie.

Fig. 4 – Grotte di Castro, necropoli di Vigna della Piazza: corredo della t. 1/1978.

  • 40 Una prima e parziale presentazione dei dati in Pellegrini 2009.
  • 41 I loculi, attestati numerosi a Pianezze e nelle più tarde tombe di Vigna la Piazza, sono abbastanza (...)

14Le recenti indagini nella necropoli di Casali Centocamere (fig. 2, 3)40 hanno consentito, grazie al rinvenimento di alcuni corredi integri, di individuare qui alcune delle tombe a camera più antiche di Civita di Grotte di Castro. La necropoli presenta una successione assai serrata di tombe scavate nel fianco occidentale della collina che guarda il pianoro di Civita, disposte su almeno quattro ordini. Appare evidente, anche in base alle diverse tecniche di escavazione e alla demolizione di pareti divisorie, che gli ambienti più interni sono stati realizzati in tempi successivi al primo impianto anche se, in assenza finora di tombe completamente intatte, non è possibile stabilire né una successione cronologica degli ambienti all’interno delle singole tombe, né delle sepolture al loro interno. Come è ampiamente attestato anche a Pianezze, le deposizione avvenivano, di norma, in fosse, talvolta sagomate, scavate direttamente sul piano di calpestio o su un piano di poco rialzato, chiuse da grosse tegole d’impasto o da lastre di tufo41.

Fig. 5 – Grotte di Castro, necropoli di Centocamere, pianta e sezioni della t. CC 2.

  • 42 I rilievi delle tombe della necropoli di Centocamere sono stati realizzati dall’architetto M. Formi (...)
  • 43 Casali Centocamere t. CC 2, ambiente A sul dromos (campagna 2008): 1 – olla stamnoide biansata su p (...)

15Non è ancora possibile individuare il tipo di tomba a camera più antico, ma la t. CC 2 si pone certamente tra quelle realizzate intorno alla metà del vii sec. a.C. L’interno della tomba (fig. 5)42 è articolato in tre ambienti, tutti con il soffitto displuviato: il primo, più ampio, disposto trasversalmente all’ingresso, gli altri due in modo longitudinale. Nel primo ambiente (A) i lati corti erano destinati alle deposizioni: a sinistra una fossa ricavata direttamente sul pavimento circondata da uno zoccolo risparmiato di tufo, sulla destra un’alta banchina (m 0,65) sulla quale è stata ricavata una piccola fossa. Anche le altre due camere mostrano, tra di loro, un diverso apprestamento. Il vano (B) presenta un banchina (m 0,50 di altezza), che corre lungo tutto il perimetro; in quello (C) la banchina, con fossa di deposizione, è presente solo sul lato di fronte all’ingresso, mentre una seconda fossa è ricavata direttamente sul piano, sul lato sinistro. Esternamente, sul breve dromos di accesso alla tomba, si aprono due ambienti a pianta quadrangolare che presentano, sulla parete di fronte all’ingresso, un’unica banchina per la deposizione. L’ambiente ricavato sul lato sinistro (fig. 5, D), rinvenuto come quello sul lato opposto con il soffitto franato, ha restituito tuttavia un corredo integro pertinente ad un individuo femminile (fig. 6)43. Complessivamente, la t. CC 2 presenta una realizzazione ancora non codificata, nella quale alte banchine, in tre casi con fossa, coesistono con fosse ricavate direttamente sul pavimento e circondate da uno zoccolo di tufo risparmiato; anche la presenza delle due camerette funerarie che si aprono sul dromos non sembra avere ulteriore seguito.

  • 44 Facevano inoltre parte del corredo tre fusaiole d’impasto bruno e, di bronzo: un’armilla a capi sov (...)

16Assai più articolata si presenta la planimetria dell’adiacente t. CC 1, con sette ambienti e diciannove fosse (fig. 7). Il corredo pertinente ad una bambina, rinvenuto intatto in una piccola fossa rettangolare ricavata al centro della camera D, fornisce, con la presenza di un aryballos con decorazione geometrica del CA (fig. 8)44, un utile dato cronologico ante quem per l’impianto della tomba.

Fig. 6 – Grotte di Castro, necropoli di Centocamere, t. CC 2/2008: corredo vascolare rinvenuto nella camera esterna D.

  • 45 Tamburini 2007, p. 104-109.
  • 46 La tomba VLP 2 a camera in Medori 2010, p. 88, n. 127 dell’elenco, con olla con decorazione white o (...)

17Non siamo in grado di stabilire, allo stato attuale, se già nella prima metà del vii secolo anche a Vigna della Piazza fossero realizzate tombe a camera ipogee, sicuramente attestate a partire dalla seconda metà del vii sec. a.C. (t. VLP 745), ma la t. VLP 246, della quale è stato da poco ricostituito il corredo, ci fa conoscere un apprestamento funebre del tutto particolare per questo settore della Val di Lago.

  • 47 Le dimensioni della fossa sono quelle strettamente necessarie a contenere il sarcofago che, nel cas (...)
  • 48 Il coperchio, irregolare, misura m 2,26-2,38 di lunghezza, m 0,60-63 di larghezza e m 0,32-0,35 di (...)
  • 49 Vigna la Piazza t. VLP 2 (recupero 1989, relazione di scavo degli assistenti SBA-EM A. Spada e C. R (...)
  • 50 L’eccezionalità della presenza nell’Etruria meridionale interna di pugnali e spade corte con impugn (...)
  • 51 Cfr. ad es. A. Pasqui, NSA 1886, tt. 1-2, p. 150-151, p. 183, t. 19, t. 25, p. 185; una sepoltura i (...)

18La tomba fu intercettata al km 3 della SP Gradolana nell’agosto del 1989, durante i lavori per la posa dell’acquedotto pubblico: all’interno di una stretta fossa47 era conservato un sarcofago monolitico, con coperchio lavorato a quattro falde e internamente incavato, anch’esso realizzato in un unico blocco di tufo (fig. 9)48. Sopra i lati lunghi del coperchio erano stati deposti sei vasi49, quattro all’interno insieme a due oggetti di ferro: un probabile spiedo ed un pugnale con impugnatura a stami (fig. 10)50. Il tipo di sepoltura così come il rituale funerario della deposizione, con vasellame anche all’esterno del sarcofago, sono del tutto assimilabili a quelli riscontrabili nella non lontana necropoli di Bisenzio51. Le forme vascolari, in particolare il calice su piede (fig. 10, 1) che, nella presenza delle nervature orizzontali imita direttamente le forme metalliche, e lo skyphos, consentono di inquadrare la sepoltura nei decenni tra la fine del vii e gli inizi del vi sec. a.C.

Fig. 7 – Grotte di Castro, necropoli di Centocamere, pianta e sezioni della t. CC 1.

Fig. 8 – Grotte di Castro, necropoli di Centocamere, t. CC 2, camera D: aryballos corinzio dalla sepoltura a fossa quadrata pertinente ad una bambina.

  • 52 Cfr. Bloch 1972, p. 197-198e; Colonna 1973, p. 59-60; Tamburini 1985, p. 33, I.14.
  • 53 NSA 1909, fig. 5, p. 63.
  • 54 È questo il tipo attestato anche a Pitigliano (NSA 1903, p. 278), sulla cui presenza aveva già atti (...)
  • 55 NSA 1906, p. 61.

19In questa stesso arco cronologico i collegamenti con la sponda nord-occidentale del lago sono ancora ben documentati. Ai rapporti già precedentemente individuati con la necropoli della Capriola, che ha ormai esaurito la sua funzione, si sostituiscono quelli con la necropoli di Barano (fig.1, 7). Di notevole interesse appare la presenza, in entrambi i siti, di una particolare realizzazione dei cosiddetti altarini a cuppelle noti anche nelle necropoli della Civita del fosso di Arlena52. Si tratta, in questo caso, di lastre di pietra a contorno rettangolare e di fattura grossolana, che recano nella faccia superiore sei incavi nell’esemplare di Barano53 e quattro in quello della t. VLP 23, nei quali erano alloggiati, come mostra quest’ultimo esemplare, piccole pietre rozzamente sbozzate (fig. 12)54. Un altro elemento del rituale funebre comune alle due necropoli è la presenza di vasetti miniaturistici con foro sul fondo praticato dopo la cottura, elemento quasi costante nelle sepolture a fossa delle necropoli Grottane ed attestate anche a Barano55, così come la tipologia funeraria, che presenta tombe con soffitto displuviato e loculi nelle pareti (fig. 13) e sepolture a fossa come nella necropoli di Vigna della Piazza.

Fig. 9 – Grotte di Castro, necropoli di Vigna della Piazza, t. VLP 2/1989: sarcofago con coperchio di tufo.

Fig. 10 – Grotte di Castro, necropoli di Vigna della Piazza, t. VLP 2/1989: sepoltura in sarcofago con coperchio di tufo: parte del corredo deposto all’interno del sarcofago (n. 2-6) e sul coperchio (n. 1).

Fig. 11 – Grotte di Castro, necropoli di Vigna della Piazza, t. VLP 1/1989: sepoltura in fossa con coperchio di tufo. Rilievo di C. Riccini.

Fig. 12 – Grotte di Castro, necropoli di Vigna della Piazza, t. VLP 23: altarino a cuppelle in pietra.

2.2. Gradoli

  • 56 Una prima presentazione dei dati in Pellegrini 2008.
  • 57 Si deve comunque ricordare che nel 1885, nella località denominata Merellio di San Magno, poco dist (...)
  • 58 Segnalate in Sommella Mura 1969: t. a fossa o a cassone (1960), p. 41; t. a camera (1962), p. 41; B (...)

20Gran parte del versante occidentale del lago di Bolsena, oggi territorio del comune di Gradoli56, risulta praticamente ignoto nella letteratura archeologica benché, nella seconda metà del xix secolo, l’area fossa stata oggetto di intense ricerche condotte nei territori dei confinanti comuni di Grotte di Castro, a nord, e Capodimonte a sud. Poco si sa dei risultati degli scavi condotti in quel periodo57, ai quali sono da aggiungere tre tombe, rinvenute casualmente tra il 1960 e il 1975, nelle località Montesenano, Montetonico e San Magno58.

Fig. 13 – Bolsena, necropoli di Barano: sezioni di una tomba a camera con soffitto displuviato e loculo sulla parete con parte del corredo fittile con bucchero, scavi 1904. Archvio SBA-EM.

  • 59 I dati provengono, in gran parte, da un censimento corredato da rilievi effettuato tra il 1975 e il (...)

21Attualmente, le strutture funerarie conosciute nel territorio di Gradoli, tutte scavate nel tufo, sono circa trenta59; distribuite in piccoli gruppi, generalmente tre o quattro, esse si aprono sui costoni tufacei lungo le strette valli interne o prospicienti il lago (fig. 14). Accanto alle più semplici tombe costituite da un unico ambiente o con piccole camere o nicchie, che si aprono su un atrio rettangolare (fig. 15, 1), sono attestate anche realizzazioni più articolate. Si tratta, in questo caso, di tombe con il soffitto displuviato e trave centrale (fig. 15, 2) o con elementi architettonici più complessi scolpiti a rilievo (fig. 15, 3). La presenza di elementi architettonici insieme a fosse per le deposizioni dei defunti ricavate sulle banchine (15, 3) e di loculi sulle pareti attestano, per queste strutture, l’influenza del vicino centro di Grotte di Castro e una loro collocazione cronologica in età arcaica.

  • 60 Tamburini 1998, p. 90-91.
  • 61 Ringrazio il prof. J. Christian Meyer, che nel 1980 condusse una ricerca sul territorio di Gradoli (...)

22A questa stessa fase possiamo ricollegare anche due siti di piccola estensione, che hanno entrambi restituito frammenti di bucchero nero: La Montagna60 e Casale Pione61 (fig.14, 4; A). Quest’ultimo è situato sul pianoro prospiciente la necropoli del Fosso delle Ruote, che da questo sito doveva dipendere.

23Analogamente a quanto si registra in tutta la regione, dopo un silenzio delle fonti per tutto il v secolo, nel corso del iv secolo le testimonianze archeologiche tornano ad essere numerose. I siti precedentemente nominati presentano ora ceramiche a pasta grigia e a vernice nera, ed altri ne sorgono di nuovi (fig. 14, D) mentre, per quanto riguarda le testimonianze funerarie, possono essere probabilmente attribuite ad età ellenistica le strutture ipogeiche costituite da un grande ambiente con piccola camera sul fondo (fig. 16) o disposto su un lato, o con pareti movimentate dalla presenza di grandi nicchie con arco a tutto sesto, come quella in loc. Valle Gianni (fig. 17).

  • 62 Il rinvenimento sul fondo di una delle vasche di sedimentazione di una lucerna attribuibile al tipo (...)

24Oltre alla presenza della necropoli ellenistica, non ancora indagata, uno scavo effettuato dalla SBA-EM nel 2007 ha evidenziato, in questa stessa località, una situazione di estremo interesse e del tutto inattesa. L’area oggetto dello scavo, un terrazzo situato a circa 300 m dalle rive del lago con un dislivello di quota di circa + 40 m, (fig. 14, 10), ha evidenziato la presenza di almeno due fasi di uso e frequentazione diversi, di età ellenisticoromana. Alla frequentazione più antica è da attribuire un impianto produttivo, probabilmente per la lavorazione dell’olio (fig. 18, 1-2)62. In una fase successiva l’area subisce una radicale ristrutturazione: le vasche sono obliterate e lo spazio è occupato da un vano pavimentato in opus tessellatum con motivo geometrico in bianco e nero, del quale resta una piccola porzione (fig. 18, 3). L’importanza dell’ambiente è sottolineato dal rinvenimento di numerose tessere in pasta vitrea policroma, alcune con rivestimento di sfoglia d’oro, che attestano la presenza di un mosaico parietale in opus musivo.

  • 63 L’ingresso subì, successivamente, un sensibile ridimensionamento con la costruzione di due muri in (...)
  • 64 Proviene probabilmente da quest’area la statua in corso di lavorazione conservata attualmente a Gra (...)

25La ristrutturazione è verosimilmente da collegare con la realizzazione, verso la fine del I sec. a.C., dell’edificio messo in luce poche decine di metri più a nord. Si tratta, in questo caso, dell’intero perimetro di un edificio con un ambiente rettangolare di 6 x 8m ricavato nel banco roccioso e conservato in altezza per quasi 6 metri sul lato di nord-ovest (fig. 19). Chiuso su tre lati da muri addossati al banco di roccia, l’ingresso si apriva sul lato est, in vista del lago (fig. 20). La struttura è realizzata in opus reticulatum di eccellente fattura, con cubilia regolari e disposti su corsi obliqui perfettamente allineati. La facciata, realizzata con blocchetti rettangolari di tufo, era probabilmente arricchita con elementi di materiale diverso, come sembrano attestare due incavi verticali63. Tutte e tre le pareti interne sono movimentate da nicchie rettangolari e semicircolari disposte in modo alternato; quelle semicircolari hanno la parte superiore arcuata e sono sormontate da testate e ghiere in tufelli rettangolari. Le pareti dovevano essere arricchite con rivestimenti marmorei e, probabilmente da statue, come indicano i fori per il fissaggio delle grappe di sostegno64.

Fig. 14 – Gradoli. Distribuzione delle necropoli e degli insediamenti in età etrusco-romana. Necropoli: 1. Montetonico, 2. Vasalone, 3. Montesenano, 4. La Montagna, 5. Querceto, 6. Prataccione, 7. Montigliano, 8. Tufa, 9. F.sso Le Ruote, 10. Valle Gianni, 11. Valle Gara, 12. San Magno. Insediamenti: A. Pione, B. Poggio Fortunaio, C. La Montagna, D. Valle Gara.

Fig. 15 – Gradoli. Piante e sezioni di tombe a camera di età arcaica: 1-2) loc. Fosso delle Ruote; 3) loc. Monte Tonico.

  • 65 Un articolato sistema di cunicoli (fig. 19) captava una vena d’acqua convogliandola in due canalett (...)

26Sulla parete di nord-ovest, di fronte all’ingresso, fiancheggiata da due nicchie a pianta semicircolare di dimensioni minori, trovava posto, in corrispondenza di una fontana monumentale, una grande edicola rettangolare sormontata da un timpano triangolare65. Il fondo dell’edificio, messo in luce solo su un’area di 3 × 3 m circa, è costituito dalla roccia livellata ed è circondato da una canaletta di 40 cm di larghezza. Sul piano di roccia doveva essere sistemato un rivestimento in opus sectile attestato dal rinvenimento di alcune di lastrine policrome di marmo e dalle tracce di malta sul banco roccioso (fig. 21).

Fig. 16 – Gradoli. Pianta e sezioni di una tomba a camera di età ellenistica in loc. Valle Gara.

  • 66 Bolsena II, p. 209-233; la struttura è stata datata, non senza qualche problema, alla seconda metà (...)

27L’edificio possiede tutti gli elementi caratteristici di un Ninfeo, struttura documentata anche nella sponda opposta del lago, a Poggio Moscini, con una realizzazione assai più modesta, ma pressoché coeva66.

  • 67 A. Cozza in NSA 1886, p. 144.
  • 68 Il miliario è attualmente all’interno della chiesa di San Vittore, situata lungo il vecchio percors (...)
  • 69 BONO REI P(VBLICAE)/NATO D(OMINO) N(OSTRO)/ FL(AVIO) IOBI/ANO P[IO] F[IDELI] VI(C)/TORI AC TRIV/ MF (...)
  • 70 Cfr. Pellegrini, Rafanelli 2009, p. 211-212.

28La scoperta di Gradoli viene così a colmare una evidente lacuna nella documentazione archeologica, che vedeva questa parte del lago priva di attestazioni monumentali non solo in età etrusca, ma anche in età romana, nonostante la presenza del municipium di Visentium. Tutto il comparto doveva invece essere frequentato con una certa intensità ancora nel iv secolo d.C., così come vitale doveva essere il tracciato, sicuramente di origine etrusca, che da Visentium costeggiava per un ampio tratto la sponda occidentale del lago, per poi salire fino alla sommità del cratere uscendone nei pressi di San Vittore (quota 564). Ne sono testimonianza, insieme ai tratti basolati visti da Adolfo Cozza67, il Mitreo e le catacombe situati nei pressi di Monte Bisenzo. Nei pressi di San Vittore il tracciato si univa con quello che proveniva da Bolsena attraversando le necropoli di Grotte di Castro e con l’altro che, a sud-ovest, saliva da Visentium costeggiando l’altura di Valentano (fig. 22). La presenza di un importante punto di snodo nei pressi di San Vittore è attestata dalla recente individuazione di un miliario68 con il nome dell’imperatore Gioviano69 (fig. 23, 2), lo stesso imperatore al quale si devono i restauri della Traiana Nova. Da qui un unico percorso proseguiva poi per la valle del laghetto di Mezzano fino a congiungersi, all’altezza del fiume Fiora, con la via Clodia in direzione di Saturnia70.

Fig. 17 – Gradoli. Loc. Valle Gianni: 1) pianta e sezioni di una tomba a camera di età ellenistica; 2) veduta interna della stessa tomba.

Fig. 18 – Gradoli. Loc. Valle Gianni: 1-2) vasche dell’impianto per la lavorazione delle olive riferibile alla prima fase di frequentazione; 3) pavimento in opus tessellatum che oblitera l’impianto produttivo. Documentazione a cura della soc. Archeomedia.

  • 71 Per una edizione puntuale si attende il completamento dello scavo almeno dell’edificio del Ninfeo.

29Lo scavo del Ninfeo ha restituito pochissimo materiale ceramico: un frammento di ceramica a vernice nera sul fondo della struttura, e pochi frammenti di sigillata africana, tra cui uno di lucerna, negli strati più alti71. A questi si devono aggiungere due monete, ancora da classificare in maniera puntuale, ma assegnabili al periodo altomedievale, probabilmente al vi sec. d.C. Dopo questa data la struttura, ormai completamente spogliata dei rivestimenti, fu interessata da importanti distacchi di massi dalla collina sovrastante che, rotolando lungo il declivio, provocarono il crollo della parti più alte.

Fig. 19 – Gradoli. Loc. Valle Gianni: planimetria del ninfeo con i canali per la captazione e l’adduzione dell’acqua. Rilievo a cura della soc. Archeomedia.

Fig. 20 – Gradoli. Loc. Valle Gianni: veduta d’insieme del Ninfeo.

Fig. 21 – Gradoli. Loc. Valle Gianni, Ninfeo: particolare della parete N e del fondo della struttura.

2.3. Bolsena

30I numerosi dati raccolti per Bolsena (fig. 24) si distribuiscono in due gruppi: da una parte i risultati preliminari di alcuni recenti scavi effettuati sotto il controllo e la direzione della SBA-EM, dall’altra la presentazione di una documentazione inedita, che integra le indagini svolte dalla Scuola Francese sulla cinta muraria tra il 1946 e il 1949 e quelle condotte sul territorio nel decennio tra il 1951 e il 1961.

31Per quanto riguarda le nuove indagini, le maggiori novità sono costituite da due rinvenimenti, entrambi concentrati in una ristretta area situata nella pianura in prossimità del lago. In questo settore, zona della moderna espansione edilizia di Bolsena, sono stati individuati un tratto della cinta muraria di difesa con basamento di probabile torre (2.3.1.1, loc. La Pescara) e quello che appare essere, con molta probabilità, il porto di età romana (2.3.1.3).

2.3.1. La cinta muraria, il porto e la via Cassia

  • 72 Cfr. Mura Bolsena, cds; una ulteriore prova della continuità della cinta difensiva in quest’area è (...)

32Benché non sia possibile completare sul terreno, nella sua interezza, il tracciato del circuito difensivo, i cui resti visibili nella parte alta di Bolsena si arrestano in corrispondenza di Porta Càpite e sulla via Orvietana (fig. 25), le recenti scoperte in loc. La Pescara (2.3.1.1.) indicano, in modo ormai certo, che la cinta muraria, concepita e realizzata in maniera unitaria, arrivava a lambire la linea di costa creando uno sbarramento totale di questo settore della Val di Lago72.

Fig. 22 – Viabilità principale della sponda occidentale del lago di Bolsena in età etrusco-romana: 1) Resti di ruderi romani; 2) Parte di abitazione romana; 3) Ruderi romani; 4) Catacombe – Grottone; 5) Strada etrusca su tufo; 6) Rudere romano; 7) Fontana; 8) Mitreo; 9) Ruderi; 10) Ninfeo; L) Paese vecchio di S. Lorenzo; I) Chiesa ottagonale di S. Giovanni; E) Chiesa di S. Magno; H) Chiesa di S. Agapito; G) Monte Bisenzo.

Fig. 23 – Gradoli. 1) Statua virile in marmo in corso di lavorazione; 2) Miliario dell’imperatore Gioviano.

  • 73 I lavori, sotto la direzione del funzionario di zona di allora A. Timperi, sono stati condotti dall (...)
  • 74 Timperi 2007, p. 197-198.

33In prossimità di questo settore delle mura avanzato sulla linea di riva, in direzione nordovest, diversi sondaggi effettuati tra il 2007 e il 2008 nell’area denominata Pianforte hanno individuato un antico bacino e hanno portato alla luce i resti di un molo pertinente a quello che doveva essere il porto di Bolsena in età romana (fig. 26, 11)73. Che buona parte di questa fascia costiera fosse interessata da presenze archeologiche era già stato evidenziato nell’estate 2001 quando, durante lo scavo di un profondo canale in località «Rigo», ai margini meridionali della Pianforte (fig. 27, 1), era stata rinvenuta una monumentale costruzione di età romana in blocchi di pietra, alcuni dei quali lavorati a cunei d’arco (fig. 27, 2)74.

  • 75 Tamburini 2002, in particolare p. 541-548.
  • 76 Il posizionamento e la restituzione cartografica si devono, come negli altri casi, all’assistente t (...)

34La struttura è stata oggetto di un preliminare, ma dettagliato esame, per quanto lo consentiva il tipo di rinvenimento e le condizioni dell’area soggetta alla continua risalita di acque di falda, da parte di P. Tamburini75, al quale si rimanda anche per l’inquadramento cronologico fissato agli ultimi decenni del i sec. a.C. Tuttavia, il recente scavo in loc. La Pescara ed il rapporto tra il tratto della cinta muraria qui rinvenuto ed il circuito difensivo già noto, il completamento delle indagini in loc. Rigo ed il posizionamento su CTR al 10000 di questi rinvenimenti e dei punti certi del passaggio della via Cassia (fig. 26, 14)76, sembrano indirizzare in maniera diversa l’interpretazione.

  • 77 Tamburini 2002, p. 550-551; l’andamento rettilineo della struttura risulta dai rilievi di F.T. Fagl (...)

35La costruzione porticata è in posizione tangente alla isoipsa di m 311,2, che segna, secondo i dati recentemente raccolti, il perimetro della darsena e la linea di riva per il i sec. a.C. (fig. 27, 1); inoltre, per tutto il tratto messo in luce, circa m 15, essa presenta un regolare andamento rettilineo, poco compatibile con il fronte di un edificio teatrale come ipotizzato da P. Tamburini77. Sulla base di queste considerazione si potrebbe pertanto ritenere, più verosimilmente, che si tratti di una struttura pertinente all’ambito portuale. Comunque, in assenza di una più dettagliata documentazione, che comprenda almeno il rilievo completo dei quarantacinque blocchi estratti dal canale, e di saggi di scavo volti ad accertare la natura delle altre presenze evidenziate nella zona dalle prospezioni georadar (fig. 27, a-c), appare più prudente, in questa fase, limitarsi alla sola presentazione dei dati certi.

  • 78 Tamburini 2002, p. 549 e fig. 21; Timperi 2007, p. 198. Sul tracciato della via Cassia a Bolsena cf (...)
  • 79 Di altro avviso Tamburini 2002, p. 549-550, ma sulla base di un quadro non aggiornato e di un posiz (...)
  • 80 Così come ricostruito, ad es., anche in Tamburini 2002, fig. 21; si deve sottolineare, inoltre, che (...)

36In questo circoscritto tratto della pianura costiera sono stati individuati, negli ultimi anni, anche due tratti di strada basolata riferibili alla via Cassia78, il cui andamento non è affatto in contrasto con il complesso delle evidenze archeologiche precedentemente ricordate (fig. 26, 14)79. A questo proposito si deve anzi constatare che la situazione del percorso della via Cassia nell’attraversamento del centro abitato di Volsinii si sia, per certi versi, semplificato. Sulla base di quanto ricostruito, infatti, il tracciato viario entrava nella città in pianura, nell’area prossima alla loc. La Pescara, dove tutto lascia supporre l’esistenza di una porta; in questa prospettiva non ha più ragion d’essere la brusca deviazione del tracciato viario in direzione nord-est per entrare in città dalla porta Càpite80.

Fig. 24 – Bolsena: 1) Pantanesca; 2) Barano-necropoli; 3) Barano-Abitato; 4) Poggio Casetta; 5) Pozzarello; 6) Grotta di Silvano; 7) Casa di Laberio Gallo; 8) Poggio Moscini; 9) Poggetto; 10) Poggio Pesce; 11) Area del porto: 12) La Pescara; 13) Tratto di muro difensivo; 14) via Cassia antica; 15) S. Arcangelo; 16) Podere del Marchese (Melona); 17) Podere Porcine; 18) La Capriola; 19) Civita del fosso d’Arlena; 20) Gran Carro.

Fig. 25 – Bolsena, La parte alta del circuito difensivo e i recenti rinvenimenti presso la riva del lago: 11) Area del porto: 12) La Pescara; 13) Tratto di muro di cinta; 14) via Cassia antica.

Fig. 26 – Bolsena, La Pianforte (11) e i rinvenimenti più prossimi: 12) La Pescara; 13) Tratto di muro di cinta; 14) Tratti della Cassia antica.

Fig. 27 – Bolsena, 1) Particolare dell’area della Pianforte con la struttura porticata (1), i bracci delle banchine (2) e le anomalie delle prospezioni geoelettriche (a-c); 2) Blocco di pietra lavorato a cuneo d’arco rinvenuto durante i lavori in loc. Rigo.

  • 81 V. infra, p. 49-51, 2.3.1.1.2; la datazione delle terrecotte appare compatibile con la cronologia d (...)

37Probabilmente da collegare con il tracciato della via consolare è, infine, un edificio di carattere pubblico/sacrale attestato da alcuni frammenti di terrecotte architettoniche rinvenuti, sporadici, nello scavo della Pescara e databili intorno alla metà del ii sec. a.C.81

  • 82 Cfr. anche Mura Bolsena, cds, nota 21.

38Grazie alla collaborazione e al lavoro di sistematica documentazione effettuato a Bolsena da F. T. Fagliari Zeni Buchicchio tra gli anni ‘50-‘60 del 1900, è possibile presentare anche alcuni inediti rilievi di dettaglio della cinta muraria, che arricchiscono la documentazione già nota. Si tratta della fossa di fondazione che passava al centro della torre maggiore della Rocca Monaldeschi, sulla quale è basata la ricostruzione dell’andamento delle mura etrusche del quartiere del Castello proposta da Fagliari Zeni Buchicchio (fig. 37)82, e del rilievo delle mura in loc. Gratte (fig. 38).

39Conclude questa sezione il corpus delle lettere e dei segni incisi sui blocchi di tufo della cinta muraria di Bolsena per i tratti relativi alla via Orvietana e porta Càpite (2.3.1.1.2).

2.3.1.1. Lo scavo della cinta muraria in loc. La Pescara

  • 83 Le ricerche, dirette da A. Timperi e con la presenza dell’assistente tecnico sig. Bruno Sottili del (...)
  • 84 Le indagini, dirette da Enrico Pellegrini (SBA-EM), sono state condotte dalla società cooperativa M (...)

40Nel 2003, durante lavori di edilizia privata, furono casualmente messe in luce alcune evidenze di epoca antica in loc. La Pescara, nell’area urbana del comune di Bolsena prossima al lago (fig. 26, 12). Con una breve campagna di indagini preliminari83 fu messo in luce un tratto di muro in opera quadrata di blocchi di tufo, conservato per un’altezza massima di quattro filari. Nell’autunno del 2009, a fronte di una nuova richiesta di autorizzazione a costruire, è stata effettuata una più esaustiva indagine archeologica, al fine di accertare l’estensione e la consistenza del muro84.

41L’indagine, durata poco meno di un mese, si è svolta in una condizione di notevole disagio, determinato dalla continua e veloce risalita delle acque provenienti dalla falda sotterranea e da una sorgente, di notevole portata, ubicata a nord dell’area di intervento (fig. 28). Tale situazione ha reso indispensabile, fin dall’inizio, l’impiego di una pompa sommersa, tenuta costantemente in funzione durante i lavori e che, tuttavia, non ha consentito lo scavo manuale se non in qualche punto, costringendo al frequente utilizzo dell’escavatore.

  • 85 V. infra, p. 46-48.

42Di conseguenza, la lettura della sequenza stratigrafica è stata tutt’altro che agevole, dovendo limitarsi al riconoscimento dei fenomeni di deposizione macroscopici e alla messa in luce delle opere murarie. Nonostante tali difficoltà ambientali, si è avuto comunque modo di riportare alla luce due lunghi tratti di un’imponente cinta muraria in opera quadrata di blocchi di tufo, intervallati dal probabile basamento di una torre angolare (fig. 29). Una scoperta, questa, arricchita da quello che appare un vero e proprio rito propiziatorio per le sorti della struttura, rappresentato da un gruppo di nove olle, sepolte capovolte, con tanto di coperchi, in una buca scavata a ridosso del lato interno del muro principale85.

43Per semplicità, volendo evitare lunghe perifrasi descrittive, le principali evidenze murarie, qui di seguito elencate, verranno citate d’ora innanzi anche con il relativo numero di unità stratigrafica (fig. 30):

  • USM 104: tratto nord del muro principale;

  • USM 210: basamento di struttura quadrangolare (torre angolare?);

  • USM 171/172: tratti sud del muro principale;

  • USM 110: breve tratto di muro, realizzato in modo approssimativo in appoggio sull’USM 104.

Fig. 28 – Bolsena, La Pescara: prospetto ovest della cinta muraria USM 104.

44La struttura rinvenuta nel settore nord del cantiere è un muro (USM 104) orientato quasi esattamente N/S, messo in luce per una lunghezza di 22 metri circa e una larghezza massima, fatte salve alcune lacune, di 2,00 metri. Di questo segmento murario, è stato esposto perlopiù il prospetto occidentale, mentre quello orientale, a causa della prossimità alla recinzione di divisione del cantiere dai fabbricati vicini, è stato indagato solo parzialmente.

45L’USM 104 è stata realizzata impiegando grossi blocchi parallelepipedi, di due dimensioni ricorrenti (1,00 × 0,60 × 0,60 m e 0,80 × 0,50 × 0,50 m) e tagliati in due differenti tipi di tufo: il primo tipo, quello prevalente, è un tufo di colore scuro, marrone-rossastro, poco resistente e caratterizzato da una grana a grossi inclusi; il secondo tipo è un tufo di colore chiaro, giallastro, caratterizzato da una compattezza superiore rispetto a quella del primo tipo.

46I blocchi scuri mostrano generalmente un cattivo stato di conservazione, soprattutto in corrispondenza delle superfici, ma a dispetto di questo limite qualitativo, sono stati impiegati in quantità decisamente maggiore rispetto a quelli chiari, più resistenti alle scalfitture e agli shock meccanici.

47I blocchi chiari, infatti, lavorati con grande cura e regolarità, sembrano essere stati impiegati solo, o principalmente, sul fronte orientale del muro e della fondazione quadrangolare USM 210, e limitatamente al suo paramento esterno. Ciò potrebbe avere una spiegazione proprio nella maggiore durezza dei blocchi chiari, che giustificherebbe il loro l’impiego nel prospetto esterno del muro, ossia quello esposto agli stress.

48La struttura è realizzata con una tecnica ancora definibile «a secco», sebbene gli interstizi tra un blocco e l’altro siano stati riempiti con una sorta d’impasto di argilla frammista a schegge minute di tufo. La tecnica di costruzione del muro prevede, con qualche deroga alla ratio prevalente, forse dovuta a restauri, un primo ordine inferiore di blocchi posti di testa nel cavo di fondazione tagliato nel sostrato argilloso; nel senso della larghezza, questo ordine basale conta tre filari di blocchi tutti messi di testa, per una larghezza complessiva 2,50-2,80 m.

49All’ordine inferiore si sovrappone un piano di blocchi disposti di taglio, composto da cinque filari per una larghezza totale di ca. 2,50 m. Dei due ordini superiori si conserva con una certa continuità solo la coppia di filari centrali, in più punti sovrapposti senza una regolare alternanza dei giunti e quindi con frequenti casi di giunti verticali allineati, nel modo detto a «sciabolata».

50Per quanto si è potuto osservare, non è del tutto chiaro se il muro, come sarebbe lecito attendersi perlomeno per gli ordini inferiori, mantenesse la stessa larghezza per il suo intero sviluppo in elevato. Assecondando tale ipotesi, si deve presumere che le lacune nei filari marginali del terzo e del quarto ordine di blocchi siano riconducibili da una parte a crolli e dall’altra a una sistematica attività di spoliazione delle cortine murarie, riscontrata effettivamente nel corso dello scavo e probabilmente prolungatasi nel tempo (fig. 31).

Fig. 29 – Bolsena, La Pescara: planimetria generale dell’area archeologica di nuova individuazione.

51Al tratto settentrionale dell’USM 104 si appoggia un muro (USM 110) orientato grossomodo E/W, lungo 4,20 (limitatamente alla parte conservata) e largo 1,50 m, realizzato con un doppio paramento di blocchi quadrangolari di tufo di colore marrone-rossastro, di forma e dimensioni poco regolari, verosimilmente frutto di spoglio. Lo spazio tra i due paramenti era ampio 0,50 m e riempito con un terreno incoerente, fortemente antropizzato e quindi di colore nerastro, ricco di scaglie e schegge di tufo e pietrame vario. Questa struttura, che si conserva per un’altezza pari a due corsi di blocchi (1,10/1,20 m), si è impostata a una quota inferiore di circa 1,00 m rispetto a quella della cresta attuale dell’USM 104 ed è stata tagliata, all’estremità ovest, dall’inserzione in tempi recenti di un canale per l’adduzione dell’acqua (USM 209), orientato NE-SW.

Fig. 30 – Bolsena, La Pescara: sezioni prospettate della cinta muraria.

52A interrompere l’orientamento dell’USM 104 alla sua estremità meridionale interviene una struttura a pianta rettangolare di 7,00 × 6,00 m, di cui rimane perlopiù il solo ordine basale di blocchi quadrangolari di tufo delle note dimensioni, con fondazione scavata nel sostrato argilloso. Al centro di questa struttura, denominata «torre», rimane privo di pavimentazione uno spazio quadrangolare di 3,00 × 2,50 m circa, dove affiora il sostrato argilloso (fig. 32).

53Sul lato Nord, l’ampiezza della fondazione è pari a tre file di blocchi, disposti di testa e di taglio, per una larghezza complessiva di 2,20 metri circa; si conservano su questo lato diversi blocchi del primo ordine dell’alzato, in corrispondenza del contatto con la cinta muraria USM 104.

Fig. 31 – Bolsena, La Pescara: vista assonometrica della cinta muraria.

Fig. 32 – Bolsena, La Pescara: planimetria della cosiddetta «torre angolare».

54Sul lato Est, l’ampiezza è pari a tre file di blocchi, disposti per lungo (fila centrale) e per testa (file laterali), per una larghezza complessiva di 2,30 m circa. Di questo lato, oltre ai blocchi delle fondamenta si conservano anche un paio di elementi dell’ordine superiore.

55Lo spessore della cortina muraria sul lato meridionale corrisponde a 4 file di blocchi, disposti tutti per testa, per una larghezza complessiva di 2,30 metri ca. Di questo lato della torre si conserva esclusivamente il piano basale, fondato nel sostrato argilloso.

56Anche del lato Ovest si conserva solo l’ordine inferiore, costituito qui da un singolo filare di blocchi quadrangolari posti per lungo; benché manchino chiare impronte o tagli nel sostrato a testimonianza di ulteriori filari spoliati nel tempo, ragioni statiche portano a prevederne l’esistenza in antico.

  • 86 V. infra 2.3.1.2.

57A proposito dei blocchi impiegati nella costruzione della torre, si nota di nuovo un uso, pressoché esclusivo, dei blocchi di tufo più resistente, di colore giallastro, sul fronte orientale della struttura. Questi blocchi, infatti, si trovano utilizzati sia nell’apparecchiatura di ciò che rimane della parete est, sia nel cumulo di blocchi (US 206) rinvenuto al di sopra delle fondamenta, a ridosso del limite est del cantiere. Si tratta di 14 blocchi, non sempre integri e dotati in qualche caso di bugna sulla faccia minore, sette dei quali recano incisi, su una delle facce maggiori, uno o più segni di varia foggia. Il confronto immediato è con le numerose sigle incise sui conci del muro scoperto nel 1957 sulla via Orvietana86. A differenza di quanto accade nel muro presso la Rocca, conservato in altezza fino a dieci ordini di blocchi, la disposizione in opera dei nostri conci non lascia mai in facciavista (sempre che le cortine attuali corrispondano alla situazione originaria, e non all’effetto dello spoglio) alcun segno graffito, osservabile in effetti nei soli blocchi in crollo o sporadici.

58La cinta muraria, interrotta dalla torre, prosegue verso sud-ovest, descrivendo con il tratto nord un angolo ottuso di 160o (fig. 29).

59Questo tratto meridionale (USM 171-172) della struttura è stato messo in luce per una lunghezza complessiva di 30 metri circa, arrestando lo scavo per il sopraggiunto limite della proprietà di cantiere, e non per la reale interruzione del manufatto. Appare dunque probabile, se non certa, la sua prosecuzione in direzione del lago, di cui al momento non si è in grado di stimare l’estensione. È inoltre verosimile che, a ridosso di questo tratto meridionale della cinta, sia stato costruito, con le stesse tecnica e modalità adottate per il muro USM 110, un altro muro con blocchi spoglio, riconosciuto con blocchi parzialmente in posto nel corso dell’indagine del 2004, ma purtroppo in completo degrado al momento dell’intervento del 2009 e quindi non più posizionabile in maniera puntuale.

60In estrema sintesi, ciò che si è potuto osservare a proposito del tratto sud della cinta muraria induce a ritenere che i materiali e la tecnica costruttiva impiegati non si differenzino da quelli dell’USM 104, di cui rappresenta la prosecuzione verso il lago, al di là della «torre» angolare USM 210.

  • 87 V. infra, p. 46, 2.3.1.1.1.

61Dirimpetto al prospetto sud-occidentale del muro USM 104, e più precisamente in prossimità dell’angolo tra questo e la torre, a una profondità di circa 2 metri dal piano di campagna e al di sotto del potente strato (US 200) che copriva l’USM 104, è stata individuata una fossa di forma irregolarmente ellittica, simile a una planta pedis (o più prosaicamente a «fagiolo»), al cui interno erano presenti nove olle di ceramica comune romana, per la maggior parte ancora integre87 (fig. 33, 1). I vasi erano stati deposti capovolti (sette di essi conservavano ancora il coperchio) lungo il perimetro della buca, a distanze abbastanza regolari gli uni dagli altri (fig. 33, 2). Le olle sono state rinvenute prive di contenuto, fatta eccezione per una scarsa quantità di finissimo deposito limoso, che non ha dato alcuna risultanza in sede di flottazione. Nella sabbia (US 202), di colore grigio, che riempiva la fossa (US 201), profonda appena 0,20 m ossia quanto bastava per seppellire le olle, sono stati rinvenuti alcuni minuti frammenti di vetro e un piccolo frammento di ceramica sigillata italica, evidentemente in giacitura secondaria (fig. 34).

Fig. 33 – Bolsena, La Pescara. 1) Veduta zenitale della buca (US-201) con le nove olle, deposte capovolte nel riempimento sabbioso (US 202); 2) Cinque delle nove olle, in corso di scavo, viste da nordest. Foto di G. Liscia.

62Le indagini condotte nel mese di ottobre 2009 hanno consentito di riportare alla luce un complesso di strutture che appaiono verosimilmente pertinenti a una cinta muraria, con andamento tendenzialmente ortogonale alla vicina Via Cassia, prossima alla riva del lago (fig. 26, 12) e dotata, probabilmente, di una torre, costruita a sua volta in corrispondenza del cambio di orientamento del muro di difesa, di cui costituiva un avancorpo.

63Dal punto di vista stratigrafico, è interessante segnalare che ciò che rimane di queste strutture sembra, in linea di massima, essere stato obliterato già in antico da uno strato (US 0) di terra scura e limacciosa, ricco, a prima vista, soprattutto di materiali ceramici di età imperiale e in misura minore di epoca medievale e moderna. Asportata l’US 0, è stato possibile constatare che, nel settore a ovest delle USM 104 e 210 (cioè sul lato interno della cinta), si trovava un potente strato a matrice argillosa (US 200), ricco di materiale di scarto di costruzione (spezzoni di tufo di misure eterogenee) e contenente scarsi frammenti di laterizi e di ceramica, databili tra il ii a.C. e il ii sec. d.C.

Fig. 34 – Bolsena, La Pescara: sezione schematica EW, realizzata in corrispondenza della buca con le olle.

64Uno strato formato dunque da terreno di riporto antico, rinvenuto in tutta la fascia retrostante al muro, per una larghezza almeno di circa 5 metri in senso EW (oltre non è stato possibile indagare) e una lunghezza di 20 metri circa. Quanto a spessore, invece, l’US 200 mostra una profondità notevole: essa, infatti, è stata rinvenuta sino a una quota di circa 2,0 m dalla cresta del muro USM 104 e, osservando le sezioni esposte dallo scavo archeologico, sembra avere riempito un cavo ampio e profondo, praticato in senso parallelo all’USM 104.

65Purtroppo le condizioni dell’indagine, resa davvero ardua dal continuo e rapido allagamento dei saggi di scavo, non hanno permesso la necessaria pulizia delle sezioni, lasciando sospesa nell’incertezza l’esistenza o meno di un fossato su questo lato della cinta muraria. Ad ogni modo, si sintetizzano di seguito le due principali ipotesi di lettura stratigrafica.

66La prima ipotesi è che la cinta muraria sia stata alloggiata in un cavo di fondazione, praticato in quello che allora era il suolo calpestabile (il sostrato argilloso US 204), per una profondità sufficiente ad accoglierne solo il primo ordine di blocchi (pari a circa 0,50 m). Successivamente, la fondazione del muro così come i primi ordini di blocchi sarebbero stati intenzionalmente coperti, riportando un terreno ricco di materiale di scarto edilizio (US 200), forse per costituire una scarpa o un aggere di rinforzo alla struttura.

67La seconda ipotesi è che il muro sia stato alloggiato nell’US 204 sino ad un’altezza che oggi ci appare limitata al primo ordine di blocchi perché, in un momento successivo, lungo l’USM 104 venne praticato un taglio, se non un vero e proprio fossato, che determinò l’asportazione e il rimaneggiamento di parte del terreno in cui, in origine, era stato alloggiato il muro. Tale lacuna col tempo si riempì dello strato che oggi identifichiamo come US 200, frutto in parte del rimaneggiamento suddetto. Questa seconda proposta di lettura stratigrafica si offre, a sua volta, a due differenti interpretazioni.

68Si potrebbe pensare, in primo luogo, che il taglio sia riconducibile alla fase di abbandono della cinta muraria e pertinente allo scavo praticato per la spoliazione del muro. Il suo riempimento (US 200), quindi, conterrebbe il materiale accumulatosi a seguito di tale attività, fatto confortato dalla datazione ad ampio orizzonte cronologico dei frammenti ceramici ivi rinvenuti.

  • 88 Sarebbe opportuno, a questo proposito, uno studio multidisciplinare, che affianchi all’indagine arc (...)

69In secondo luogo potrebbe trattarsi, invece, di un vero e proprio canale di drenaggio, del genere ben noto come «fossa» nel territorio intorno al lago. Questa possibilità sembra avvalorata dal fatto che, proprio nel campo antistante alla proprietà del cantiere in esame, si riscontra la presenza di quello che, effettivamente, sembra essere ciò che rimane di una «fossa», peraltro apparentemente in asse con quella in oggetto88.

70Va detto, comunque, che le diverse ipotesi non necessariamente si escludono tra di loro, nel senso che la complessità della lettura della stratificazione potrebbe doversi proprio al fatto che si siano susseguite tutte o quasi le azioni finora ipotizzate: fondazione del muro, creazione dell’aggere, abbandono e degrado della cinta, spoliazione della struttura, scavo della «fossa» di drenaggio e suo graduale riempimento in fase di disuso.

71A proposito della cronologia della costruzione portata alla luce in loc. La Pescara, si devono innanzitutto considerare gli stringenti confronti che si possono fare con i tratti già noti della cerchia muraria di Bolsena, per numerosi elementi, come la tecnica costruttiva a cortina multipla di blocchi disposti per testa e per taglio, le dimensioni e i tipi di tufo dei conci, peraltro spesso recanti incisi segni e sigle alfabetiche.

  • 89 V. infra 2.3.1.2., p. 49-51.
  • 90 I materiali, raccolti a campione dai pochi strati che è stato possibile riconoscere tra acqua e fan (...)

72Com’è noto, per quanto il consenso non sia unanime, soprattutto per l’assenza di tracce di un abitato etrusco-romano antecedente la fine del iii sec. a.C., per la costruzione delle mura di Volsinii è stata proposta una datazione ai primi decenni del ii sec. a.C., e più in particolare al primo quarto del ii sec. a.C.89 Una datazione, questa, che, se si vorrà considerare la cinta muraria in località la Pescara come un tratto delle mura urbiche, potrebbe trovare parziale conforto dai materiali rinvenuti nel corso dello scavo, tra cui predominano effettivamente le classi e i tipi ceramici caratteristici del ii e del i sec. a.C., e solo in secondo luogo, quelli della prima età imperiale90.

73Minoritaria invece la presenza di materiali della piena età imperiale, come la ceramica sigillata africana, quella a pareti sottili e a orli anneriti. Le fasi di abbandono sono infine testimoniate da alcuni frammenti di maiolica arcaica (xiii-xiv sec.) e di maiolica di tipi riferibili al xv e al xvi secolo.

  • 91 Per dettagli, si veda infra il contributo di Maria Cristina Leotta, p. 46-48, 2.3.1.1.1.

74Purtroppo, non potranno essere risolutive nella questione della prima costruzione della cinta muraria le nove olle databili agli ultimi decenni del i sec. d.C.91, rinvenute in punto prossimo alla supposta torre angolare. La posizione della buca, l’attenta selezione dei manufatti, l’accurata modalità di deposizione, unite alla palese valenza simbolica dell’atto, lasciano ipotizzare, se non un vero e proprio rito di fondazione, perlomeno un atto propiziatorio, eseguito forse in occasione di restauri o integrazioni dell’impianto difensivo, realizzati nella seconda metà del i sec. d.C., quindi ben più tardi della presunta fondazione di cui si è detto poc’anzi (200-175 a.C.).

75Resta, comunque, il fatto che la fossa con le olle rappresenta un termine post quem significativo nell’ambito degli eventi che seguirono la fondazione della cinta muraria de la Pescara. Che si voglia o meno datare la nostra struttura alla seconda metà del i sec. d.C., ciò che appare certo è che ancora in età flavia il piano di calpestio, sul lato occidentale delle mura, doveva corrispondere grossomodo al piano del cavo di fondazione nell’argilla (US 204), nella quale venne scavata la buca per il rito delle olle capovolte. Pertanto, la serie di attività prospettate (l’interro intenzionale per formare un aggere, lo scavo di un fossato o di un taglio di altro tipo nel terreno a ridosso del muro) ebbe inizio non prima della metà del i sec. d.C.

  • 92 Su questi aspetti cfr. Mura Bolsena, cds.

76Merita infine almeno un cenno l’inquadramento della cinta de La Pescara nell’ambito della topografia di Volsinii, ben consapevoli che esso, come del resto l’analisi del rito delle nove olle, necessiti di un approfondimento di gran lunga maggiore della presente trattazione. Com’è noto, finora il perimetro delle mura urbiche è stato considerato chiuso, sul versante meridionale, all’altezza della porta sudovest, ubicata poco più a monte dell’attuale tracciato della Via Cassia, rimanendo così irrisolto, in termini di impianti e infrastrutture, il rapporto della città con la riva del lago. Ora, l’esistenza della cinta muraria in esame apre un nuovo fronte di considerazioni, tra cui quella cogente, che le mura urbiche si sviluppassero verso il lago, fin dalla loro nascita, ben oltre il limite EW tra la porta sudovest e il settore orientale del quartiere del Castello. Allo stesso tempo, non è del tutto escluso che, volendo ritenere dirimente il rito di (ri)fondazione scoperto in loc. La Pescara, una simile espansione del perimetro urbano sia da collocare solo in un momento più recente (seconda i sec. d.C.)92.

77In secondo luogo, e (a nostro avviso) non senza difficoltà, la cinta muraria in discorso potrebbe essere immaginata come recinto di un monumento isolato rispetto al perimetro urbano, con funzione e rilevanza pubblica tali da implicare un impegno edilizio pari a quello documentato.

2.3.1.1.1. Il contesto delle nove olle: inquadramento dei materiali

78Le nove olle in esame sono state rinvenute capovolte, all’interno di una fossa a ridosso della cinta muraria. Quasi tutte sono dotate di coperchio e all’interno erano prive di contenuto se si eccettua il sedimento limoso. Sei hanno la medesima forma piriforme con orlo svasato a fascia (nn. 1, 2, 3, 4, 7 e 8) mentre i coperchi sono diversi fra loro: il 2 è del tipo «a campana»; il 3 e il 7 sono troncoconici; il 4 è emisferico. Gli esemplari 1 e 8 erano privi di coperchio. Il n. 5 è ovoide con orlo modanato e il suo coperchio è troncoconico. Il n. 6 è piriforme con orlo svasato a fascia; il coperchio è «a campana». Il n. 9 è globulare con orlo svasato e coperchio a tesa con orlo ingrossato. Le altezze sono variabili, ma in un ambito piuttosto ristretto, essendo comprese fra i 18 e i 22 centimetri. I diametri variano fra i 10 e i 13,5 centimetri (fig. 35).

79Le olle, di ceramica comune piuttosto rozza, sono inquadrabili nell’ambito della seconda metà del i secolo d. C. e trovano confronti in materiali rinvenuti nell’Italia centrale, dall’Etruria alla Campania.

  • 93 La tradizione di compiere riti propiziatori e deporre offerte nelle fondamenta di edifici pubblici (...)
  • 94 Comunicazione di Zaccaria Mari al Convegno Lazio e Sabina 2010.

80Nel nostro caso, la loro funzione di certo non era utilitaristica, bensì rituale, come dimostrano le modalità del rinvenimento, in base alle quali è possibile supporre che ci si trovi di fronte ad un deposito di rifondazione della cinta muraria. Tra le testimonianze cronologicamente più vicine alla nostra93 si cita quella di Palombara Sabina, località Formello, dove, sotto il muro di terrazzamento di una villa privata, è stata rinvenuta un’olletta con coperchio, contenente ossa di avifauna e risalente alla prima metà del i secolo a.C.94 49 In questo, come nella maggior parte dei casi, però, i vasi contenevano ossa di animali, cereali e altre offerte, mentre le nostre olle sono state rinvenute completamente vuote, fatta eccezione per un esiguo residuo limoso. Un’anomalia, questa, che solo in parte può essere spiegata dalla giacitura capovolta dei vasi. Evidentemente, le olle non contenevano offerte «solide», ma di natura completamente deperibile.

Fig. 35 – Bolsena, La Pescara: le olle e i coperchi dall’US 202. Disegni di M. C. Leotta.

M.C.I

2.3.1.1.2. Le terrecotte architettoniche

81Durante lo scavo, nello strato che obliterava la struttura muraria di ep, sono stati rinvenuti alcuni ferico. Gli eni dem> n0l’7pua a ridp,a comnevano="font-va,’US 202. Disegni di M. C. Leot4uraclass="pgni diano="fo5).

Alatorlieovo fronional.>

l’altorlieov,i che raggiugeo quasiila tuttotcondo nellagamta dostra conservato, si taglivra ntetamente aella as tra diofond iche ptvevaprivistrme la t stata del /em>/em>

Fig. 65 – Bolsena, La Pescara:1-5e terrecotte rinvenute sporadiche Durante lo scave della struttura muraria.

87oi svilupve dellamrusclattura, particolaamente rilevta,o del plpmaccia inderrebbe a ritenere chellagamtap ossa essere pertinente diuon pe sonaggioma scbil;e la traccie di atracco alla as tra diofond,) che crrle per l’intena lunghezza nellagamt,e deporrebbe i fcavore della posizioneistante della(fitura, rappresenttta retta sullagamta dostraiportatl?a, carattereztatad a una uervatura c cenduatate aellam arcsta toszione della avioglia versoll’interna.

  • 75Mlasa-Pairault, Paiellr 1979a, ctt. (nn.22-25a, p.34-35o, fgig.17-210.

58La resa dell’apatmiae dell’artole delle faseamrusclaori, particolaamente rilevtte, v vicinaiel frammentoda quelli dti rlieoio fronionai,) che conservano parto degliparto inferio Gli pe sonaggoma scbihi, La oaggioMnoscni.75, datuti nel corso del ii secolo a.Ca e realizzati in una sclla dimensioeale inferioreta quella utilizzaca per il pe sonaggio della Pescara, corrispondeute c.e ai duentezsi del vera.

>Ls tra dioreggio/esim?.>

90

81ii sec. a..

  • 86Lo statodsi conservuzione della ni dem>(...)
  • 87Iin particolarelLa posizione dellebtraccie puòericrdlare quella di un rctiere.

9287

  • 88Ac concna 2200, p.900,E 12, tav. IXe, e.

73 n0l’7puala(fitubin femrminlme resupeauti nellzarla sentueriale delPoizzarello, all’interno del pzzpo Q».88.

  • 89Eseposito1985ta, p.138 ss., in particolare p.140-142; Cygielomao1993a, p.369 ss..

7489.

  • Eseposito1985b,.139-140a, ctp.1800, p.144..

75.

86La cronologia dni ferico. Glei piccoli alo rlieoio lLs dii, soprmtenzionoti delPoizzarello, doumsibile sella fase nellzesscilazione frammenti di ls t eddncort e co-motrivi naturlristic, ma soprattutto>il confront iostitutoa con leeni recotte architettonichavetulmontesi, datue, nel secondo quarto del ii sec. a .C., cn coesensono do ipotizzaraiancea per il frammento dalla lc.a Pescarauala medesima cronologi).

>Ls tre di rivistmmento co torantofutomorft.>

87

58

79delltorantocrimane la ponzione di ula pamletta conpe tali divegrenti ingrossaie alledosteimito, che formnoa ilmargone ueri linlo, conservaio, della as tra.

ii sec. a.C..

La steslapastae dellzargill,ebeige- gialaostra e riide diAgrauihi, delteeni recotte La oaggioMnoscni, sembramsoltodiossiille de quella nni ferico. Gli ls t edaella Pescara.

ii secolo a.Ca sono riconcotte le ls t e tipoB4e,ddncort e co-« pamleteie fgio Gli otto anteranti e co trupposia» ael sentuerlo iaCamuncna«Vivai-Il Gitardno».

Fig. 75 – Bolsen:ampiasta e prospetoe parziale ie un tratto delle muraai blocchi di tufo già scoperto daRaymcon Blocha in localitàGaratt5 –Gitardnoo, aloara nella proprietàGuincoti. S i tratae dellucnion tratto della cinta muraria non ricoperto opo egli scaio effetuathi dallÉccole fençaiase n Rcom2. Le tsotate di alcuni blocchi di tufo gialoappresentono icirso ilsvegnoT. Rrlieovo diT. F. TpizignoFtagliariZlnr Bucchocchoa.

Lapteimnrenza dti confrontiiostituabili ne nquadto di rinvenimen Gli eni recotte architettonichareostitut edael territoriovVolsines,; unicamente alei caratteristihne locaie delleargilli impiegale per teeni recotteesseguitela scampooamo dellnne oman,o parrebbe iadizzaralla presezrarellopderato di ulabcottgrar/to di ul’ qupte di ert gindi attiva

Fig. 85 – Bolsen:ampiasta esezsioni dellastricera diofonaizione delle mura di cinta della città di Volsinii La triceraetra sana scavatandel meso naturlne dinrefroa con le caratteristihne graongale per la mesla in pderi dti r cori totizronaglipi blocchi di tuf. Ilorlieovo documenoe lo statodsif atto psima che le graongalenvenasserodpnaneggit edael6

h45 class="texte">Volsinii

>AvvaolendctiranceanIn questo casi dti rlieoio diFtagliariZlnr Bucchoccho,i è possibile documentt e iunquo coc ,) cheppresentono sniedtra lungniedilLattea>Au affianpatad a ulsvegno ie dimensionimfinoie, costituito da duentratli oblqunacConvegrenti7pualadosteimito,t, ds posto in odei diversi(tabn. 1,14-175).

Fig. 95 – Bolsena, La Pescara: blocchi di tufo con segniei Latte e iciri2.

Fig.405 – Bolsena, La Pescara: blocchi di tufo con segni iciri2.Rrlieoioigrafii E. Seiveia.

.

  • Nuovoi è ilgruppno ientre latte e(v. tabn. 1,nn.1),eppresen e sulla racciata interao del muro sullao>(...)
  • Vedsi7pe. i,nn.12-13eei20-21; uira consistente documentnzionehra pe mesto, invce,i di iadviduae eo>(...)
  • Ccolnira19990, p.15-16..

.

h45 class="texte">

La strutture,toisenttu,inase ssoE-O,aapmmare realizzata alla fase con blocchi di pistra ,i nella parte soprllevtia, con pistrmei di-varaemisturamisato al abiva pzzslcaicrasccur;e il tutto èicoperto con ula pr"parnzione comfetta inghiari,misaae omtferealecetrmico,a pzzslcata ezargill.lMrnrca ilpivino caimdenial;, l’efitnos tessare raggiutoanIn questopiutoaacasciasSopfrrencea qaento diomtferealelr pdeollLvorantossi trovvae sella fn cincossao statodan tampo scavao eirs poranto dalea cotiovazioniagericee.>Lo stessodeov enser e v venuoenNti confronti ditevenquali rifponzo in turntura delte martli dellaban cinc,i del tuttolassnti. Aella parziale emoliazione del coo,hrnnoamsolto probabilment, co tribitroranceani recenillLvorie per la realizznzione ela tratto intergaso de foossoCruprttoe, chehrnnoattaglitdoila terr pieni dellaban cinco in ul piuti:e il pimto, iaccorrispondezra ealla tsotac,i versoOivisa, dov la qntl divern0ei completamentefuorie posto sono stati rinvenuti alcuni blocchisnquadauti in eu cifave loca eddi rustlgzzs;o alsviconce,lld dov il suddetoa terr pieni comiei un agcoo,prttoe,volegenso dnistamente versoaleistruttueaoromaei rinvenue, nei 201).

el sec.da.Cainaseeguisididpnadiarectstidai diversi intertiracvidenianieilluvsion).

ede il ii secol,o dvsonorvper co tribitrorlo dfinittivo intero dellzarl,aacascienso alcuni peicchedlzc qua,ranceanInccorrispondezra ni oegrenti pr fons,;ea arlenso dfinittiammensallasSot

Fig.415 – Bolsena,Reostitazioei3Di dellapzigturl prosficiantedel laga,la uera niE. Seiveia.

h35 class="texte"> di ulato a Bolsena
  • Blocha19500.
  • IllLvorie sono statindiettiedaellancot.eslaR.oOiidio, Ilorlieovo è stato effetuatti dall’rch.iS.aMro>(...)
  • Lla lcaiimetrta è del tuttoco icidment, coe quella già pubblicnco inBlocha19500,fgig.13;eont- tamiro>(...)
  • Blocha19500, av. V..

VolsiniiBlochale delnaScugoliFfencresehrnnoa intetesltdo ul zare> di ulat:e quella nilPoizzarello (fig.43,5) oggetta di ulabrevneecmpagoae nisscavenNel1961,;ea quella diPpaggioCasletta (fig.43,4)e iamavavenNel1947>>Nnei 208a qustnultrimo, iaCiccrdoa con naSBA-EM,e è sana oggetta di ularrpulitmura delia vggevazioei infstranteea delLo serato di5>Ll’intevmentohra pe mesteddi rmLatte e completamenteieneEvideztalla struttura murari, realizzata > seco in« pderira saicchder». sppura pocni ferico. G architettoniia segalantidaiBloch,e pubblicnio colo in gitmao parn..

Fig.425 – Bolsena,Veduataaearla dellzarla dellaPivifoart..

h45 class="texte">Blocha1961a ol" style=list- styl-type: dnimal;"p class="texte"> /li>

Agra ie blocchi di pistr»;eont-fcondofurornG resupeante ul mioent..

/li>

/li>
/li>

Fig.435 – Bolsena,Aare> di ulat:e4)iPpaggioCaslett; 5)lPoizzarell; 6) Groetta diSilovgn; 7) Vsella diLabferi Gaell>.

Fig.445 – Bolsena, lzarla de sentuero delPoizzarello con l’ialicizione delletp icre> disscave effetuateo daR.>BlochanNel1961;G archviro disegniSBA-EMa.

furornG rscopers;, l’llncno cmmuero dieimtfereaie rinvenuti nel corso nell’iamagie r pora: 15 – atnngsnnito in terrcoett, di ooloreoero eiroossoaoltoom 7a, convgsia vartiial;,25 – ferico.to ieftero; 35 – ferico.to ie staqu, di terrcoett; 45 – t emioente ni rorzs;o55 –classtta, cothomentefferico. Gcetrmici. Daa qaentoria puòde urrte allbe sarseanpotige,; oimtfereaie conapmmathogoino di ulsrigcolo e posnna,mafurornG rinvenutiiulsvtutrei diversC Essdi rivisonva, tutaviae, ulcperto intetese sottellzospetoe rornologco ea per lo ibautsnno redtriveail ulatoptratcuage alPoizzarell>.

S iavrrebbe coì, unzlstra tsoimoitaezra ch,e alPoizzarell,a5.

h55 class="texte">

Fig.455 – Bolsen:aPivitla de sentuero delPoizzarell.onnvaolse eio mulierllevtie alGGab rsi,ieisuAccestimamente aelnaScugoliFfencrese diRomt,i èraggiutoaunl muro > seco obblquto che ptvevesc svnearaualarcmpae diAccesveaellzarlatlettengolaee de sentuero>.Inbzesslta iadisttasiueEvidezirel a micaezra eall’agcoo,dNel murosparimetailo > seco causgata dalateoesiona delnasstraa vicinleamo drna. Dale rolloa diniale murofuo resupeanoeilicippno di pistra condealicieetrusia di5.

  • Jolrihti 202a, p.3640.
  • nAcooncna 2000, p.1410.
  • nAcooncna 2000, p.141;>nAcooncna 2050, p.2780.

iii sec.aa.C.i sec.aa.C, umenare perditoganillLidatznzion prposta, è sanaail pimtl quaro,dNel sec.aa...

.

  • Sselea terecoeteG architettonihe,osieveda> .
  • Pperienrornolog esieerimadaeallbetavolbe incoti chedninAcooncna 2000, p.141-142>.
  • Cfr.oTorhll 19770, p.437;o enMiuro 208,i p.550, p.58-59 (leiluceton rinvenuea nel (...)
  • FrnnoaeAccnzionlide posnieMeeiN; dieetàreppubblicat,e rigerabilirrisretiiammensa el a eetà de,II> o>(...)
  • Cfr.ocua.e5,70.
  • Goubiie19940, p.810.

i sec.aa.C ( etrmica,elrmfiseth auare> conlocch, ex-voao pcolvuishurlr,o rorzettieannfitua umcata elea terecoeteG architettonihe.iii sec.aa.C);eetan efiotiil di5 sec.aa.C.Ppardossailment,leiluceton,i chein pubiammensa rivisiovgno ulafunnzione fondumentlea nel ulato diDeimeta/Cerrre.i sec.da.C;aupeal toe n chellamraggorl parne nni essaretiamioeniah è rigerabieadleetà imprlrln.>Lllnaoissi rornologcaa diaimtfereaieeEvidezirepvrnautoaun a estua nstta,etan e imtfereae utiilizzato neleiptratcheaculttuaiuiuleetàreppubblicata e quelo utiilizzatoiuleetà imprlrlne, costitutoe perllzppiutrodaoluceton,ioioentetedao occh imtfereaiecetrmici.>Anncea per loPoizzarell,G cmte perEsrn.ii sec.da.C,e arrebbl menrareadaunl mtaimenta nella rratcuo dvszrioeale per uieale ioentehrnnoa sostitutoeiappiù cocuniex-voao>.

<

iul quesransd iarepvrn Gppiùsigncafiatriiee7pualaseceni, uel e immagit>.

>Mioent>

Fig.465 –.BlochanNel1961>.

  • Lae bt era A, èfre quenemmensa attstzaciai>Volsinis <Volsinis <(...)

>Alt. imx. con. m. 5,8;,diam. isd imx. con. m. 9,4;espeestrei paete m. 1,2.>Ssee fono ègrcfnftralla bt era A, iefrt traoromat.Bloch..

>Agsia anls to impistzacissellorll terotfondtta, crpc ilindrgcoa,ffono piratt. Argsell roossparacio; impfano Agposnlano>>Alt. imx. con. m. 6,7;espeestrei paete m. 0,6;" al.nvgsia m. 3,7. Idmennco eesemllare inGab rsie1906,i clp.195-196a,nfig.200.

>Sulo disc,a deiminanoe ar ul anhll i onecenersi, aquilaolatilieov;esieppresenvr lorilieovo inditt, de ferico.tofrattoeseegureo daR.>Bloch;a(fig.46, 12. Aarsell LIt>>Cm. 4,2 × 2,3;" al.nimx. con. dellavausia m. 5,7. Iil oarioo dellzquilaosnaute,a dinare qurnia,rgcorfcefre quenemmensasu lucetonid tansatarallultimtl qurnoe de I, sec.da.Cablla pim a eetà de, i sec.da.Ca(Baileye1980,iIvb0, p.80-81). Pperunl confronoapiuttualesieveda>nAcooncna 2000,D 1080, p.80a,nfig.26c>.

>Alt. vausiaimx. con. m. 1,7c.Lucetona connorto diareaizioneia prssimietà deglipnhll i onecenersieteiaassno contilnorto dialrumentnzion,a piaea didenoarnzionisseo discoi condenoarnzioni cheiccupralla eetàsSoergorre elG disc,anoinod tansatara sec.da.C>ea i sec.da.C.br /nCfr.oBaileye1980,iQ.1214, 1266, 1343,e1345,e1361;idcaultimtlRizzoe 203a, p.138a,nfig.133a, av. XXX)..

>Alt. vausiaimx. con.2,7. Iil ferico.to rshiamv,leilucetona r paBaileyeQ.1382-1383, prdoeteGiaIirlr a eo trlnend tansatara175-225.da.CI.da.C;a fr.o n cheRizzoe 203a, p.137a,nfig.123a,eetànburnriaa)..

>Alt. vausiaimx. con. m. 2,6;"lungh. vausiaimx. con. m. 7,9>>Lleesemllare rshiamv,lla prdrnzioneafrlicato diluceton,i per qaentoseine dsn nguci per lo r pa iaarsell (iminanzioneloecae?). Il confronieerimadanroadauneioizzoniea rornologco tardLe, sec.da.C..

.

Le terecoeteG architettonihe.

>H.nimx. con.27,5 m.; llagh. imx. con.14,0 m.; sp. imx.4 m. Iil ferico.to è r oimtsnon ar ul fferico. Gcfo. egu>>Alcuonisiheagglttut,suellanSoerfrsie..

>Sununl zarsnsadtiftat tra(ra dsetaa nella fto), sie connrvalca.alla eetà di ulnorto per hiodor difiosaaggo.ePpiùsigncafiatrioeapmmasallesvmeidnella patne potergorre elG ferico.te,lai uianSoerfrsie,e riinita Agposnlanammens,;ppresenvruna"vaunvrzonai sricolareriblasati,ilccuarsalment,ldisriti>>Rrisretroaa quesrazarlapicat,etil hiodorshmbaraz veeiccuprtoaun a posnzioni eo trln>>Sh,ll’pnoteil corrisondsa e veo,i eirriulnerrebb chell’i era lasetaadoveva resrrsa ppblicuaeadaunaisSoerfrsiea paiico. G icat,e diestenesionaridoeta,a aa

i sec.aa.C.

Fig.475 – Bolsen,lPoizzarell.oTterecoeteG rinvenuea Durante be iamagitieseeguieo daR.>BlochanNel1961;" aenn.1br lorilieovogrcfnco effeatuatto alle poae elloe cavo>.

  • Snerizuella1976a, p.46 ss.a,nfig.15>.Inspprage nellabenappiù coplresra proleiatfite dell’inquadaimee5(...)

.

recSoerrtil nel corso negli cavie della5>Alnaretuestmrnriazee diessemllati ssimilbabiioaa qulah ddnifferico. G soprcistaio eonvegoinod Sovtnt.ee a Luai.i secoonaa.C.

.

Fig.485 – Bolsen,lPoizzarell.oTterecoeteG rinvenuea Durante be iamagitieseeguieo daR.>BlochanNel1961;" ienn.1b, 2-3r lorilieovogrcfnco effeatuatto alle poae elloe cavo>.

  • Mpainucsia1976a, in particolarecf.tilfrerico.toMT. Q Ia1,e av. 62>.

.

h4p class="texte">

BlochaaiPoaggo Pesce,fBlochancnaeraosnatarmaismresrairdrscuerzion..

Fig.495 – Bolsen,lPoaggo Pesce. Plaeiienerr ddele emmagsezeG arcenologshe,o cavieR.>Blocha1951-1952.4

Fig.505 – Bolsen,lPoaggo Pesce. Plaeiienerr easenzione de«temmir»a, cavieR.>Blocha1951-1952.4.

Fig.515 – Bolsen,lPoaggo Pesce. Vednuao eellaarladdli tmmir;a ftogrcfnte diM. Fooi>.

  • Lao r ordana ppresezao niimtfereaie limpfano ee iabuc chro,a i imncaezao nispecrfncdirvpporaianstrao>(...)

con qulccheratoafrerico.to ie-eramnca roizzoddimpfano ee ia-eramnca campfna» rinvenuti qulcche ecinco niimetnppiùlanord de«temmir»>((fig.52a,1),laisriedorin trvederee uListitanzion piùlarticolti>>Llzuttibunzionalleetàarcznct eellaarlaculttaaei eoptsnao arR.>Blochadrvr per peraallasSlaaosnsrinzioni con nafasne piùlntfite delaa nceoptgl.ma,o Sellabasne ia qao.toiolasappirmosselosvilup pa ia Bolsen,lshmbara più procabiecchereso siaG a rifgerrnalleetàuel ndistsaa, qaodor n chelaa nceoptglimostaruiel uoo zaggorlsvilup p. Ina quesardrrnnzionei.

Fig.525 – Bolsen,lPoaggo Pesce. 1-2a,AppiutroM. Fooi, cnaplaeiienerr ddeloe cavo en particolare dellat.l2 in rsopiettàBataagiioi; 3-4,n particolare dellaustr a e vednuao ee«temmir».>Aarchvhno dsegnieSBA-EMe,inig.N. Annioionr>.

  • Appiutro dell ssistentiiSrchfzeo.«Ncesunlooggtatodin particolarerilieovofue rinvenuonndeloe cavo ao>(...)
  • Blocha1953a, p.55656a,nfiig.13-14a, av. VII,e1>.

>Liaostr aa, scoedollao r oostrnzione i FagiivrieZ nd Buchicchioa,mmtaevcitnl cmunicanzionellzl tra diPoaggo Pesce cson na patneblasaedNelborgo imdievuale(FagiivrieZ nd Buchicchioa1970a,nfig.1, nnp.28-29)>.

h4p class="texte">>Liagroeta niSilvano al Merctadelo)

/em>.

Fig.535 – Bolsen,lPirntaeeasenzioio delai isteonaistitaaaliaeloizlità Pimete Ldscm5 –Merctadeloendli terenoa niprsopiettà della amrglri Vannintiaell’i ernoe delai itet frmtnaidi /em>Si flanotvrei cealee paetiasiao delai isteona cche di tuto tilvanoe liaccreso cnaieG paasretroe ni ul searli lmtferaieppresenvnoauntl nerttG diec vrnurrail cciirpuesL (Rilieovo i F. T. FagiivrieZ nd Buchicchio)>.

h3p class="texte">

S nslAarlanelo,l uLivilabilutàsscoed rgn,lppiùlntfit,,sie.

Fig.545 – Bolsen,l1)>LiaTorfieta, 2-3)lPodeteaPorcion.>

h4p class="texte">S nslAarlanelo.

conbllcchia tglgioalio iepimeta,liasiemm alleiideezao i u ttataoemuaiarr nic vrLi pico. zgn,lhraidotnoel Soopintladeezaa peria nd Aarcenologsro dellEstrrlrMeridnonvlne d zvvglrel uoe cavo aarcenologso,i htesia èsvilatoarlsegloel novembtea2009, cnaieGduplncnescopoe ietu elatte beostraturei arcenologshe ppiùsooggtaeaa>rischioa didcannagglimentaee liaccrrtvreillestmestioe bllana tra elaei ereseze.>Ll’iamagileè stzaaelimina.aindell’i ervco.to aiafondio dsptniabii:i per quesoemoariooè stzage posrabierinvesigarn solL paatre dellaustrsigrcfnte coplresiva eellaarl, mmtaeedor nieiideezaozllcunilrieelio ievitaa nel uto;r nolnarenona èstzage posrabiemmtaefiiirlucea cheunlmieiia paatre dellzlztaoi elaeimuaitureiinteccutaee>.

h5p class="texte">Le ostrature.

Fig.555 – Bolsen,lS nslAarlanelo:aplaeiienerr ddeleiostraturei rinvenuea neloe cavo ddli2009;areailizznzion Aarcenumdir..

Fig.565 – Bolsen,lS nslAarlanelo:amapmm ddeleirnoialihemraneerche.Rnlevrimentoarctra el doet.aM.aM arcetts,lIostitntaNinzioaaei diGeofisnct bVulrlanologna diRoia>.

/em>/em>>Trza quese muaitureirisalnanoaunaocanvlnutao ianicoonir oppiosovrvpposnio(USM 1040)lse negliallineaico. G diimttioi lel ttinnssaunaomalnaesabbgosaihepocoeresistentii(USM 1041e –1045)>.

  • Talio tgolnesoinouszaeatnlAvneae per onirosoffdttaturei(mis.imed.iem 58 × 43)>.

/em>rempiego seezaozlgtaea coniecmssi lmtferaie(USM 1003)><.

h5p class="texte">>Lia-eramnca.

re vrn i-eramnci rinvenutiduaient,ll campfgone ie cavo erioenvnoaa sria 2300ifferico. G di uiisolL 160idiagnosnrsi,ssiiqtuai sonoestzai effeattaai, dove posrabie, iarr onoscfico. >>Lia zaggorlpaatre dnifferico. G-eramnci è stzaaei>AleteaUS froneo di umerosi rinveiico. G dimztfereaei-eramnctasonoela 1021 (Amb. 4)i cnaieG10,36%,ela 1010 (Amb. 6)i cnaieG10,17%,ela 1016 (Amb. 6)i cnaieG9%>.

.

i se.nd.C>.

se.nd.C>.

/em>iC3 b4i.

Le frmearr onoscfnuea periaecntunitorl,ir eramnca ar ucincosonoprevualenemmensalheolie, iateglii, lea pinoie, iaec vrchio((fig.57, A-C).>Pvr l a eramnca arimesaaleefcrmearr onoscfnueasonopvr loippiùbrlcche,e ionoieeeacionoie-tegliio((fig.57, D)>.

  • V.,nfig.58: nnp.1-4,nL mboglri 1952, 5c6; Loeschckea1919, X;lnn.5 Dfierdel 1899 30;lnn.6,nL mboglri >(...)

>Lia zaggorlpaatre dellelu eroneidencafiaae.apmmatieoneaellAmb. 4: ndellUS 1021ne sonoestzaea rinvenueacinqb((fig.58,.1-4eea6), ulaltrrappcvieone aellUS 1002 ((fig.58,.5)>.

h5p class="texte">Le terecoeteG architettonihe) pn class="pargarphesansrmeta"it"

((fig.59,l4)
Arggall paracita oninucoeo cosfumiturnagubgga;r ngobbioi reia>.br />6
aeliaosoerfrsinddelailistaru dfcndv>.

(ptuto)e,s pizzao aellataacco> dellecosce. Oumblnctaneatalment,eiideezgltv>.

/em> –inizio7 se.naa.C.

Fig.575 – Bolsen,lS nslAarlanelo:are vrn i-eramnci..

Fig.585 – Bolsen,lS nslAarlanelo:alu eron>.

  • >/em Bolsene>.

di /em>2.

Fig.595 – Bolsen,lS nslAarlanelo.l1)>Vednuao eemurnidi ecntuniimenta nic vrLi tglgioaln; 2-4,n terecoeteG architettonihe>.

  • v.a aelanda1971a, p.281 ss.>Lailistaru diPoaggo Moscfiii(lungh.i50,5iemn.× h.a . i.>41iemn.× spg.1, >(...)

<efieto,e ne llogoeionsegtutoelccuptaoi aelNenfero delai /em>i secoo aa.C (quiatal aie de,quiatirrsa bina.ivo ddiPoaggo Moscfii: 150-100 aa.C)>.

S nslAarlanelo,o di u medesimtatipoe ielistara oniptuto ssifcndveimrfige ptrebbhesimilmmens oubco.iahelliiaefpprtvnzione elaei ocheattesimtnirnzeG ecsoerzaiisseo terenoairdrrnnzione dellesistenzao i uaosntraturra( /em> diioietà cmreVvneae e /em>/em><.

indiaza, ifgnhellc vrLntoar Bolsene i ul /em>iatigglei,aorgleiizzaiip eoumiabilment, ni uaoboetegai-caacee disod dsfiahelrarr cie"tao iadiffeaco. G-ommietenzeempegnvne ao romuovertellearliaza, pubblic ciabienesacrai in piùloizlità gravitanaiaini ulaaeraiaefierata, aell’idrmtnio delai oostrnzionedia qullaagrandeoartfereG diecmunicanzionervpppresenvnai aelaivilaCasslr,o aeiuliiaeesaaripresaedNellatariietàuarliaza>.

Arggall paracitarorato>.br />6Ilfrerico.ta on"erva ssi ul laaiaieG zragilefietilineo,aiaeg oa, delailistar>.

.

Arggall paracitarorato>.br />6.

h5p class="texte">>Aletdimztfereai) pn class="texte"> dellecampfgone ie cavo olnarel a eramnca ttatattaa neeppargarfo prdecdeent>.

  • >/em>(...)
  • >/em>),iRoia AE,l /em>(...)
  • Dim.a zxiem 5,3 × 3,1 b cm 3,4 × 2;,s ps".iem 0,07>.
  • Dim.a zxiem 4,7 × 0,8;,s ps".iem 0,1; sri.aia.iem 0,4>.
  • Dim.a zxiem 7,5 × 2,2;,s ps".iem 0,2>.

/em><><>LlUS 1008 (Amb. 6)ihr n che eostitutoa d vesi eleico.i inbrlnztGtraecuieallcuni4<eeunaoccpprgiit><>Iifgnhe èdarimezgonvrneunao trnzioee ielimfiaa in pombn><eeallcunichiodi inferro rinvenutindellUS 1011 (Amb. 9)>.

/em>/em> Qqusnoemznufataoeiul5<>ShmpfiillUS 1002 (Amb. 4)ihae eostitutoa tesrrsamusrieoinemarmro di oolreibi n o,androeeaamataentaeoinepaoslavitarladdi oolrei vede smeaaldv,tuarcesher,blu; n chetaesiee iemarmroiul5/em>/em>/em><>AellUS 1011 (Amb. 9)oapmmatungonoefferico. G dnoartiaba architettoniia rsbaabilment, ni /em>/em> IifgnhendellUS 1000 (lrnoemeridnonvlne dellAmb. 1)asonoestzai rinvenuti /em><.

Siettatato ie patre delleparticolnzioiocoxoefemtrvlnaiidel ginlcchgoe dibo t mbirglnpart ifergor G di uei.

h4p class="texte">Melioa> –PodereedNe,Maarcesh)
  • >/emNSAe>(...)
  • V.>>/em ifrne>.

–PodereedNe,Maarcesh,igità ro riettà de, rincipeaRnofofo ddliDragpa((fig.60).>Siettatato ie uaosntadaroeliitaaisscoed rlr,o eonveicoane aelrloizlità delaiPila,eveorso Bolsen,lerdrrnttzocel asorgment, i Turora,eveorsoMronefias cne>>A Nord laosntadar uttaveorcvral flssro i Melioa> in rsssimietà di u proneoaencco, dsntrattaneei1944>ae,pcssaaggoe el feonae>>A mroneoneeiflssro i Melioa>è fnlevrtaeunao rcico asorgment, onic vrLiromaiaa di aptanzioneil alleostrnzo>>Alet asorgment,sienota cidtesra de,PodereedNe,Maarcesha onimurl,eavVont, i epocLiromaia> Ii alat e aomroneo neloe testa pdereesonoe narcate aemenoanarearet, i edsficiiromaii (A, B, C).>NelGgre ptGtraellaarlaB eellaarlaC,sienotanni unicoliaeGgroeteG cavate,o eobaabilment,aeio tesre ove,nuroro rinvenutiallcunibrlnzi pertinmenioadaunaosnipeavoaria.>QqaedoefuiestgtutoeieGrilieove dellaustadar enccrandelai teraizzoosoergoreedNglnedificiiAaeGB,nuroro accolutiallcuni pizge ie teracoeta eicrgmenl,irosoerfrsin.>A Sudellaenccrastard ,a rimrd Grzaggungereeie,PodereedNeaeiPorcine,i ove,siteovtiiu bde, oizr sricllat,aibllcchge ietufn><aelia oelfiladdlliaTorfitta, ciamaaaelnaTorfiidi Ciuccioeeacoostrttrasue eostiromaii in muaituaaorea>bllcchge ietufn..

Fig.605 – Bolsen,lRnlevrico.ta ia ulaenccrastard aromaiaa inloizlità Melioa> –PodereedNe,Maarcesh> (rilieove i F.T. Fagiitrl,Zvei Buchgccio)>.

h4p class="texte">Porcine)

/em>.

Fig.615 – Bolsen,lloi.>Torfitta. P laiumtriaedNelledificioe iemttàromaia"pazivlmmens iodagatoeneei1924>.

  • Iletgelgnh,nloizle,i iarcaeuno terenoaaaggaloooasaddi caorraresaeagrrcoll(.

è cnosciutza ariguardo,rimenareallcuni rinveiico.iasonoenotii aeleemumdirtevicinceze,i invoizbolo Le>Porcine)((fig.54,l3)>.

dscrotipoeare. naicoeeunla fiuaio inEricolechealoeta coeeuno bo au oa,une iataoetipoecampfno; unao unnao ielraciao iebrlnzt». Aeloe nvnnoatttualenona è nvnno posrabie ritracciarsanessuioedNglnooggtaiielrn zai,imz,sonoestzai in.

è fnvVonaoveorsolliiaefno;ihaeunao rsfondittà iem 7,20>eeunaollrghezzao eelaiocanao iem 2,20.>Neliao patre ifergore,eiibllcchgedNelluonimoafilareesonoeptsnge ietagiio,aiimodoa vlnedrc vrLrne ul eos rigiimenta.

.

A sria m 20ed G isnaezao ae, oizr,eneellangoloaddli iazzaaeidi feonaea a asale,efui rinvenuto n cheuno unicolt,isolro"pazivlmmens esploarto>>Vi nuroro rinvenutimVoniefferico. G di«ceramnca nera»orea>paoslagriggl,Gtraecuieune icicoo kaonharos.>Pur neelna mptssrabiittà ia"taabitrneeie, aprt ere,e qusnne ueearlilizznzioio iarcanoele ppreseza, nellemumdirtevicinceze, ie uaosntraturraaa aprt ereapermaneent>.

h5p class="texte">
pn class="texte"> Ii totualeslittatato ienove,ppizg. EAccnzio fatato per uaolucdroaea>vVouseoaeepigrafs,eii eoslatiimznufatal,otuttiobollzai,ishmbarno,pertinmenioaGfcrmeaaperte,pvr loippiùllrghie iataieea oppl>.

.

/em>/em>.

/em>/em>aNdelaifatarspecieeie,nosnroeestmplarneariadt, ni ur diitipichtecompoigonoelaivrariane /em>.

Fig.625 – Bolsen,lloi.>PodereePorcine,Grilieove de oizr estgtutoe aell’ng.Gi

Fig.635 – Bolsen,lloi.>PodereePorcine: 1)iPparticolreideel ablccie de oizr (rilieove i N. Anttonioi); 2)e nvnnoatttual>.

/em>

dspgtata diiuliendciszione ra patre dellAnttonioiondelairesaedNelluonimiaaetaerre de,sscoedtirigo, vailgtataCELER / RASINa( /em>/em>>Lloffdcinco ia /em></em>><

vVoeraootnollneareGlaodiffdcolttàinecnttttaa neliaaetaurre((fig.65,.8).>Snaoneotualeimpedgimentoeicson i,masslmrcautelaeie,blollrvaifcrseiassegnvnoeaelaiboetegco ia( /em>></em>/em> Sulifcndoe de vasoa èiciso> inlet ereacap talieie,graffi.o ie ro rietti /em>/em>/em>.

sulifcndoe di u alaroevaso,ifcrseiunaoccppa,iecee ecaeallliiaefnoo eelaivrsc ie,blollrSEX.A[.]PR bo toa-crtrglro etaangolarne((fig.65,.4).>Ilmzr cio pimred rallloffdcinco ia /em>/em>aSneliaaetaurredNelnalet ereainenNesoe vnai aellAnttonioio èegeuien,lciteoveremmro dncezioadaunaovrarianegondita. La P>ae,ptsnoo eelaiFanel /em>/em>.

/em>/em>Torfiato ieSisenetraeil 30 eeie,70nd.C>,o n chese nonam ncanoeoteiavVont, deauttibuireeie,mzr cio adaunl /em>aAmurllu Ii ogniimodo,ovrariani de,mzr cio esezaolaiC,lsiteNesaidai on"sidrarsi narcatriai de, /em>/em>/em>/em>.

Fig.645 – Bolsen,lloi.>PodereePorcine: rilieoiagrafrsie ieallcuni diimztfereaiiceramnciG rinvenutidurianeloe vuotrico.ta de, oizr;G dssgniieffeatuanieaellupocLi neloe cavoe aell’ng.GN. Anttonioi.>

/em> Suliblollrnona è posrabieforniareallcuiaaetaurresod dsfzceete>.

h1p class="texte">3. Con"sidranzioioconclusrie)

inlucne n che in qusnoesretoree de lagpa ua ppreeezaoestrssnaddetti araica>.

  • Ciesi rfergsceaaeloe cavo ddiuoaemoruimenalnetomba idenmfiata VLP 31,ian oraa io crsro i cavo..
  • La tncnr a suelaiCriiei,dieGroeteGdi Casneoerdbo t a nellambitoe iiuin rsggtatasuiesini iafeonaiera (...)

Ormpi mminmeneapmmah,, ifgnh,o n chellavvgoe ellletncnr ceasseepianoroe iaCriiei,o aetemmoerus icaae..

Siettatat,a ni rimteluogo, diimztfereaiigonditio eonveicoaiedvgln cavi delaoScuoli,FaracresoddRoiaoatttuamment, on"ervati ppresroi dposini de,MuseoeNazzioalneEstrssoaddVitfeboeea rresroi magazzinii dellaarladtmaniaaeidi PoaggoeMoscini ar Bolsen><>Unlanalisgesiusemanccradovrtàpoi i ereesareeiimztfereaii rinvenutinel crsro Ngln cavi coedttni sottoeliadrrnnzione delaoSBA-EMineglnuonimiacani,a llcuni diiqtuai,sonoestzai quia rresenvni solroiul frm a rrlimfiare>.

h2" class=secation">Bibliogrcphie./h2">
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

AnnFaina, = Annali della Fondazione per il Museo «Claudio Faina», Orvieto.

CIE = Corpus Inscriptionum Etruscarum.

EAA = Enciclopedia dell’Arte Antica Classica e Orientale.

LIMC = Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, 1981- 1999, Zurigo.

NSA = Atti della Accademia dei Lincei. Notizie degli scavi di antichità.

REE = Rivista di Epigrafia Etrusca.

RIC = C. H. V. Sutherland (a cura di), The Roman imperial coinage, 1984-1994, Londra.

Acconcia 1996 = V. Acconcia, Il gruppo di lamine e bronzetti della collezione P. Sarti, in Atti della Pontificia Accademia romana di archeologia. Rendiconti 68, p. 263-294.

Acconcia 2000 = V. Acconcia, Il santuario del Pozzarello a Bolsena (scavi Gabrici 1904), Roma. Acconcia 2005 = V. Acconcia, Considerazioni sulla stipe votiva del Pozzarello a Bolsena (VT), in Comella, Mele 2005, p. 277-284.

Adam 1998 = J.-P. Adam, L’ arte di costruire presso i romani. Materiali e tecniche, Milano.

Andrén 1940 = A. Andrén, Architectural Terracottas from Etrusco-italic Temples, Lund, (Acta Instituti Romani Regni Sueciae, 6).

Andrén 1971 = A. Andrén, Blera (Località Selvasecca) – Villa rustica etrusco-romana con manifattura di terrecotte architettoniche, in NSA, p. 51-71.

Atlante I = Atlante delle forme ceramiche, I, Ceramica fine romana nel bacino del mediterraneo (tardo ellenismo e primo impero), in EAA 1981, Roma.

Bailey 1980 = D. M. Bailey, A catalogue of the Lamps in the British Museum, Londra.

Balland 1971 = A. Balland, Le nimphèes et les architectures de la terrasse sud-est, in Bolsena II.

Barbera, Petriaggi 1993 = M. Barbera, R. Petriaggi Le lucerne tardo antiche di produzione africana, Roma.

Barbieri 1989 = G. Barbieri, Ceramica romana da un insediamento rustico nei pressi di Viterbo, in Rivista di Studi Liguri LV, p. 79-122.

Belardelli 2007 = C. Belardelli, M. Angle, F. di Gennaro, F. Trucco (dir.), Repertorio dei siti protostorici del Lazio, province di Roma, Viterbo e Frosinone, Roma.

Berlingò, D’Atri 2005 = I. Berlingò, V. D’Atri, Un’area sacra sul lago di Bolsena, in Comella, Mele 2005, p. 267-275.

Bertini 1971 = M. Bertini, C. D’Amico, M. Deriu, O. Girotti, S. Tagliavini, L. Vernia, Note illustrative della Carta Geologica d’Italia, F. 137 Viterbo, Roma.

Biamonte 1997 = G. Biamonte, Uno spelaeum mitraico nel territorio dell’antica Visentium presso Capodimonte sul lago di Bolsena, in Studi e Materiali di Storia delle Religioni, 63, p. 23-36.

Bloch 1947 = R. Bloch, Volsinies étrusque. Essai historique et topographique, in MEFRA, 59, p. 9-39.

Bloch 1950 = R. Bloch, Volsinies étrusque et romaine. Nouvelles découvertes archéologiques et épigraphiques, in MEFRA, 62, p. 53-120.

Bloch 1953 = R. Bloch, Découverte d’une nouvelle nécropole étrusque auprès Bolsena, in MEFRA, 65, p. 39-61.

Bloch 1972 = R. Bloch, Recherches archéologiques en territoire volsinien de la protohistoire à la civilisation étrusque, Parigi (Bibliothéque des Écoles françaises d’Athénes et de Rome, 220).

Bolsena II = A. Balland, A. Barbet, P. Gros, G. Hallier, Fouilles de l’École française de Rome à Bolsena, II, Les Architectures (1962-1967), Roma, 1971 (Collection de l’École française de Rome, 6/2).

Borghini 1998 = G. Borghini (dir.), Marmi antichi, Roma.

Brunetti Nardi 1981 = G. Brunetti Nardi, Repertorio degli scavi e delle scoperte archeologiche nell’Etruria meridionale (1971-1975), III, Roma.

Buchicchio 1970 = F. T. Buchicchio, Note di topografia su Volsinii romana, in Mitteilungen des Deutschen Archäologischen Instituts, Römische Abteilung, 77, p. 19-45.

Calloud, Ghizzoni Marcìa 2007 = I. Calloud, F. Ghizzoni Marcìa, Terrecotte architettoniche da Populonia, in L. Batarelli, M. Coccoluto, M. C. Milati (dir.), Materiali per Populonia, 6, p. 236 s., Pisa.

Callu, Panvini Rosati 1964 = J.-P. Callu, F. Panvini Rosati, Le dépôt monétaire du Pozzarello, in MEFRA, 76, p. 51-90.

Camporeale 2005 = G. Camporeale, Dall’agro falisco e capenate all’agro volsiniese e all’alta valle del Fiora, in Orvieto, l’Etruria meridionale interna e l’agro falisco, AnnFaina, XII, p. 269-299.

Carandini 1985 = A. Carandini (dir.), Settefinestre. Una villa schiavistica nell’Etruria romana, Modena. Carre 1995 = M.-B.

Carre, Les lampes, in M.-H. et J. Santrot (dir.), Fouilles de L’École française de Rome à Bolsena, VII, La citerne 5 et son mobilier: production, importations et consommation, iiie siècle/début ier siècle av. J.-C. et deuxième tiers du ier siècle ap. J.-C., Rome (Coll. de l’École française de Rome, 6/7), p. 145-159.

Carta Archeologica = G. F. Gamurrini, A. Cozza, A. Pasqui, R. Mengarelli, Carta archeologica d’Italia (1881-1897). Materiali per l’Etruria e la Sabina, Firenze, 1972 (Forma Italiae – Serie II. Documenti, 1).

Cavalieri Manasse 1985-87 = G. Cavalieri Manasse, Appendice sulla decorazione dei monumenti forensi, in Quaderni del Centro di Studi Lunensi, 10-12, p. 149-194.

Chiaromonte Trerè 1989-90 = C. Chiaromonte Trerè, Alcuni dati sulla prassi rituale etrusca, in Scienze dell’Antichità 3-4, p. 695-702.

Ciampoltrini, Rendini 1994 = G. Ciampoltrini, P. Rendini, Temi figurativi nelle terrecotte architettoniche tardorepubblicane di Lucca, in Ostraka, 3, p. 61-72.

CIE III.2 = G. M. Carella Prada, M. Pandolfini Angeletti (dir.), Volsinii cum agro, 1987, Roma.

Cifani 2008 = G. Cifani, Ricerche archeologiche alla Civita di Grotte di Castro, in La Scienza nel 2008, Atti del XV Convegno, Montefiascone, p. 117-122.

Citter 1995 = C. Citter, La frontiera meridionale, in Kurze, Citter, 1995, p. 170-186.

Coarelli 1985 = F. Coarelli, Il Foro Romano, II, Periodo repubblicano e augusteo, Roma.

Cohen 1880-1892 = H. Cohen, Description historique des monnaies frappées sous l’Empire Romain, 1880-1892, Parigi.

Colini 1935 = A. M. Colini, Notizia di un poco noto gruppo di terrecotte architettoniche etrusche della III fase, in Studi Etruschi, IX, p. 95-106.

Colonna 1964 = G. Colonna, Volsinii, in REE, XXXIII, p. 161-163.

Colonna 1966 = G. Colonna, Selvans Sanchuneta, in Studi Etruschi, XXXIV, p. 165-172.

Colonna 1967 = G. Colonna, L’Etruria meridionale interna dal villanoviano alle tombe rupestri, in Studi Etruschi XXXV, p. 3-30

Colonna 1973 = G. Colonna, Ricerche sull’Etruria interna volsiniese, in Studi Etruschi XLI, p. 45-72.

Colonna 1974 = G. Colonna, 1974, Il contributo dell’antica carta archeologica alla conoscenza dell’Etruria meridionale, in Ricognizione archeologica e documentazione cartografica, Roma (Quaderni dell’Istituto di Topografia antica dell’Università di Roma, VI), p. 19-29.

Colonna 1990 = G. Colonna, Città e territorio nell’Etruria meridionale del v secolo, in Crise et transformation des sociétées archaïques de l’Italie antique au ve siècle av. J.-C., Rome (Coll. de l’École française de Rome, 137), p. 7-21.

Colonna 1999 = G. Colonna, Volsinii e la Val di Lago, in AnnFaina, X, p. 9-39.

Comella, Mele 2005 = A. Comella, S. Mele (dir.), Depositi votivi e culti dell’Italia antica dall’età arcaica a quella tardo repubblicana, Atti del Convegno di Studi Perugia, 1-4 giugno 2000, Bari.

Cygielman 1993 M. = M. Cygielman, Casa privata e decorazione coroplastica. Un ciclo mitologico da Vetulonia, in Ostraka, II, 1993, p. 369 ss.

de Grummond 2009 = N. T. de Grummond, The sanctuary of the Etruscans artisans at Cetamura del Chianti: the legacy of Alvaro Tracchi, Firenze.

de Miro 2008 = E. de Miro, Thesmophoria di Sicilia, in A. di Stefano (dir.), Demetra. La divinità, i santuari, il culto, la leggenda, Pisa-Roma.

Deneauve 1969 = Deneauve J., Lampes de Carthage, Parigi.

De Nuccio, Ungaro 2002 = M. De Nuccio, L. Ungaro (dir.), I marmi colorati della Roma imperiale, Venezia.

De Vita de Angelis 1968 = G. De Vita de Angelis, Contrassegni alfabetici e di altro tipo su elementi del rivestimento fittile dal tempio dell’Apollo a Portonaccio, in Studi Etruschi, XXXVI, p. 403-449.

Dottarelli 1928 = C. Dottarelli, Storia di Bolsena, con speciali riguardi per la valle del lago e le isole, Orvieto.

Dressell 1899 = H. Dressell, Lucernae, in Corpus Inscriptionum Latinarum, Vol. XV, 2,1, p. 782-875, tav. III.

Esposito 1985a = A. Esposito, La coroplastica. Le terrecotte architettoniche. Vetulonia, in Artigianato artistico in Etruria, Volterra, p. 138 ss.

Esposito 1985b = A. Esposito, La coroplastica. Le terrecotte architettoniche. Volterra, in Artigianato artistico in Etruria, Volterra, p. 139-140.

Farka 1977 = C. Farka, Die Römischen Lampen von Magdalensberg, Klagenfurt.

Feruglio 1999 = A. E. Feruglio, Nuove acquisizioni dalla necropoli di Crocifisso del Tufo, in AnnFaina, VI, p. 146-147.

Fiocchi Nicolai 1992-1993 = V. Fiocchi Nicolai, Una nuova catacomba presso «Visentium» sul lago di Bolsena, in Pontificia Accademia Romana di Archeologia. Rendiconti, LXV, p. 23-40.

Fioravanti 1998 = A. Fioravanti, La via Cassia e il porto di Volsinii, in Informazioni 15, p. 77-84.

Fortunelli 2005 = S. Fortunelli, Il Santuario di Camucia «Vivai-Il Giardino», in Il Museo della Città Etrusca e Romana di Cortona, Catalogo delle Collezioni, Firenze, p. 269-285.

von Freytag Loringhoff 1992 = B. von Freytag Loringhoff, Annotazioni al frontone dei Sette a Tebe, in La coroplastica templare etrusca fra il iv e il ii secolo a.C, Atti del XVI Convegno di Studi Etruschi e Italici, Firenze.

Gabrici 1906 = E. Gabrici, Scavi nel sacello della dea Nortia sul Pozzarello, in Monumenti Antichi pubblicati per cura della Accademia nazionale dei Lincei, 16, col. 169-204.

Gabrici 1906a = E. Gabrici, Scavi nel sacello della dea Nortia sul Pozzarello, in NSA, p. 70-72.

Gasperini 1956 = L. Gasperini, Un’ignorata dedica alla Fortuna e i confini del municipio visentino, in Miscellanea greca e romana, I, Roma, p. 301-317.

Gasperini 1959 = L. Gasperini, Nuove iscrizioni etrusche e latine di «Visentium», in Epigraphica, XXI, p. 31-50.

Gasperini 1997 = L. Gasperini, Tomba etrusca arcaica in territorio di Marta (VT), in Etrusca et Italica, Scritti in ricordo di Massimo Pallottino, II, Pisa, p. 123-144.

Goethert-Polaschek 1985 = K. Goethert-Polaschek, Katalog der römischen Lampen des Rheinischen Landesmuseums Trier, Magonza.

Golini 1857 = D. Golini, Scavi volsiniesi. Lettera al dott. G. Henzen, in Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica, p. 131-140.

Goudineau 1968 = Goudineau C., Fouilles de L’Ecole française de Rome à Bolsena, IV, La céramique arétine lisse, Rome (Collection de l’École française de Rome, 6/4).

Gorini 1994 = G. Gorini, L’offerta di monete nei santuari: il caso di Este, in A. Mastrocinque (dir.), Culti pagani nell’Italia settentrionale, Trento, p. 69-84.

Gros 1971 = P. Gros, Les éléments architecturaux des iiie et iie siècles av. J.C., in Bolsena, II, p. 9-147.

Gros 1981 = P. Gros, Bolsena. Fouilles dell’École Française de Rome à Bolsena, I, Guide des fouilles, Roma (Collection de l’École française de Rome, 6/1).

Harris 1971 = W. V. Harris, Rome in Etruria and Umbria, Oxford.

Harris 1985 = W. V. Harris, Volsinii and Rome 400-100 B.C, in AnnFaina, II, p. 143-156.

Iaia 1999 = C. Iaia, Simbolismo funerario e ideologia alle origini di una civiltà urbana. Forme rituali nelle sepolture «villanoviane» a Tarquinia, Vulci e nel loro entroterra, Firenze (Grandi Contesti e Problemi della Protostoria italiana, 3).

Iaia, Mandolesi 1993 = C. Iaia,, A. Mandolesi, Topografia dell’insediamento dell’viii secolo a.C. in Etruria meridionale, in Journal of Ancient Topography, III, p. 17-48.

Jolivet 2002 = V. Jolivet, Recherches récentes sur les sanctuaires de Bolsena et de son territoire, in Journal of Roman Archaeology, p. 363-374.

Keay 1984 = S. J. Keay, Late Roman amphorae in the Western Mediterranean: a typology and economic study: the Catalan evidence, Oxford (BAR, 196).

Kurze, Citter 1995 = W. Kurze, C. Citte, L’occupazione della Maremma toscana da parte dei Longobardi, in G. P. Brogiolo (dir.), Città, castelli, campagne nei territori di frontiera, Mantova (Documenti di Archeologia, 6), p. 159-186.

Lamboglia 1952 = N. Lamboglia, Tipologia e cronologia delle lucerne romane, classificazione Dressel. Apuntes sobra cronologia ceramica, in Publicaciones del Seminario de Arquelogia y Numismatica aragonesas, III, 1952.

Landolfi 1994 = M. Landolfi, Le terrecotte architettoniche da Civitalba di Sassoferrato, in Ostraka III.

Lazzarini 2002 = L. Lazzarini, La determinazione della provenienza delle pietre decorative usate dai Romani, in De Nuccio, Ungaro 2002, p. 222-265.

Le Bonniec 1958 = H. Le Bonniec, Le culte de Cérès a Rome, Parigi.

Les céramiques communes = M. Bats (dir.), Les céramiques communes de Campanie et de Narbonnaise (ier s. av. J.-C.- iie s. ap. J.-C.): la vaisselle de cuisine et de table (Actes des journées d’étude organisées par le Centre Jean Bérard et la Soprintendenza archeologica per le province di Napoli e Caserta), Napoli, 1994.

Loeschke 1919 = S. Loeschke, Lampen aus Vindonissa, Zurigo.

Lugli 1957 = G. Lugli, La tecnica edilizia romana, Roma.

Maffioli 2007 = E. Maffioli, La sigillata italica di Bolsena (scavi di Poggio Moscini, 1962-1973), in MEFRA, 119, 2, p. 553-596.

Maffioli 2010 = E. Maffioli, La terra sigillata italica di Bolsena. Scavi della Scuola Francese di Roma a Poggio Moscini (1962-1973), Bolsena (Sistema Museale del Lago di Bolsena, Quaderni 13).

Maggiani 1992 = A. Maggiani, Terrecotte architettoniche da Sovana, in La coroplastica templare etrusca fra il iv e il ii sec. a.C., Atti del XVI Convegno di studi etruschi e italici, Firenze.

Marinucci 1976 = A. Marinucci, Stipe votiva di Carsoli. Teste fittili, Chieti.

Martini 1994-97 = Martini R. (dir.), Sylloge Nummorum Romanorum Italia. Milano: civiche raccolte numismatiche. Res publica, vol. II, Milano.

Massa-Pairault 1993 = F.-H.Massa-Pairault, Stili e committenza nei cicli figurati fittili di età repubblicana, in Ostraka 2, 1993, p. 243-268.

Massa-Pairault, Pailler 1979 = F.-H.Massa-Pairault, J-M. Pailler (dir.), Fouilles de l’Ecole française de Rome à Bolsena, Poggio Moscini, V, La maison aux salles souterraines, 1, Le terres cuites sous le Péristyle, Rome (Collection de l’École française de Rome, 6/5).

Medori 2010 = M.L. Medori, La ceramica «white-on-red» della media Etruria interna, Bolsena (Quaderni del Sistema Museale del lago di Bolsena, 11).

Mlasowsky 1993 = A. Mlasowsky, Die antiken Tonlampen im Kestner-Museum Hannover, Hannover.

Morandi 1989-1990 = A. Morandi, Il santuario di Tinia a Bolsena, in Scienze dell’Antichità 3-4, p. 669-676.

Morandi 1990 = A. Morandi, Epigrafia di Bolsena etrusca, Roma.

Morselli, Tortorici 1989 = C. Morselli, E. Tortorici (dir.), Curia, Forum Iulium, Forum Transitorium, Roma.

Mosca 2002 = A. Mosca, Via Cassia. Un sistema stradale romano tra Roma e Firenze, Firenze (Accademia di Scienze e Lettere «La Colombaria», «Studi» CC).

Munzi 2001 = M. Munzi, Volsinii romana, in Tamburini 2001, p. 5-45.

Mura Bolsena cds. = E. Pellegrini, F. T. Fagliari Zeni Buchicchio, E. Severi, La cinta muraria di Bolsena, in Atti del IV Convegno sulle mura poligonali, Alatri 2009.

Museo Mecenate = Il Museo Archeologico Nazionale G. C. Mecenate in Arezzo, Firenze 1987.

Naso 1996 = A. Naso, Architetture dipinte. Decorazioni parietali non figurate delle tombe a camera dell’Etruria meridionale, vii-v secolo a.C., Roma.

OCK = A. Oxé, H. Comfort, P. Kenrick, Corpus Vasorum Arretinorum, 2000, Bonn.

Olcese 1993 = R. Olcese, Le ceramiche comuni di Albitimilium, Firenze.

Olcese 2003 = G. Olcese, Ceramiche comuni a Roma e in area romana: produzione, circolazione e tecnologia, Mantova.

Pagano 1997 = G. Pagano, A. Menghini, S. Floris, Contributo alla conoscenza della paleomorfologia lacustre dell’area urbana di Bolsena, in Forma Lacus Antiqui, III Seminario di Geoarcheologia, Bolsena, (Bollettino di studi e ricerche, 12).

Pailler 1985 = J.-M. Pailler, L’urbanisme de Volsinii: nouvelles observations et hypothéses, in MEFRA, 97, 2, p. 899-922.

Paolucci 1997 = G. Paolucci (dir.), Museo Civico Archeologico delle Acque di Chianciano Terme, Siena.

Papi 1994 = E. Papi, Un’attestazione del culto imperiale a Capena in una epigrafe mal conosciuta, in MEFRA, 106, 1, p. 139-166.

Pavolini 1981 = C. Pavolini, Le lucerne nell’Italia romana, in A. Giardina e A. Schiavone, (a cura di), Società romana e produzione schiavistica, II, Roma, p. 139-184.

Pautasso 1994 = A. Pautasso, Il deposito votivo presso la Porta Nord a Vulci, Roma (Corpus delle stipi votive in Italia, VII, 3).

Pellegrini 2005 = E. Pellegrini, Rapporti tra l’agro di Pitigliano e il dustretto volsiniese-tiberino, in AnnFaina, XII, p. 312-327.

Pellegrini 2008 = E. Pellegrini, Novità archeologiche dal territorio di Gradoli, in La Scienza nel 2008, Atti del Convegno, Montefiascone, p. 109-116.

Pellegrini 2009 = E. Pellegrini, Nuove indagini archeologiche nel comprensorio del lago di Bolsena, in Informazioni, 21, p. 3-8.

Pellegrini, Rafanelli 2003 = E. Pellegrini, S. Rafanelli, Nuove ricerche nei centri etruschi di Pitigliano e Poggio Buco, in AnnFaina, X, p. 97-124.

Pellegrini, Rafanelli 2009 = E. Pellegrini, S. Rafanelli, La stipe votiva del Pantano. Manifestazioni religiose e popolamento a Pitigliano e Poggio Buco durante l’età ellenesticoromana, in Studi Etruschi, LXXIII, p. 189-212.

Perali 1928 = P. Perali, Saggio di pianta archeologica del ripiano tufaceo di Orvieto, in Orvieto etrusca, a cura del Podestà di Orvieto, Roma.

Pensabene 2002 = P. Pensabene, Le principali cave di marmo bianco, in De Nuccio, Ungaro 2002, p. 202-221.

Prayon 1975 = F. Prayon, Frühetruskische Grab- und Hausarchitektur, Heidelberg.

Raddatz 1983 = K. Raddatz, Zur Siedlungsgeschichte frühetruskischen Zeit im Gebiet um den Bolsena-See, in Archäologischen Informationen 5, p. 119-144.

Reusser 1993 = C. Reusser, Una tomba visentina del Museo archeologico di Chiusi. Considerazioni sulla fase arcaica di Bisenzio, in Prospettiva, 70, p. 75-86.

Rix 1991 = H. Rix, Etruskische texte, ed. minor, Tubinga.

Rizzo 2003 = G. Rizzo, Instrumenta Urbis I. Ceramiche fini da mensa, lucerne ed anfore a Roma nei primi due secoli dell’impero, Roma (Collection de l’École française de Rome, 307).

Ruoff-Väänänen 1975 = E. Ruoff-Väänänen, The Civitas Romana-Areas in Etruria before the year 90 B.C., in Studies in the Romanization of Etruria (Acta Instituti Romani Finlandia, V), Roma, p. 29-68.

Sabbatucci 1999 = C. Sabbatucci, La religione di Roma antica, Milano.

Sabbione, Milanesio Macrì 2008 = C. Sabbione, M. Milanesio Macrì, Recenti scoperte al Thesmophorion di contrada Parapezza a Locri Epizeferi, in A. di Stefano (dir.), Demetra. La divinità, i santuari, il culto, la leggenda, Pisa-Roma.

Säflund 1932 = G. Säflund, Le mura di Roma repubblicana, Lund (Acta Instituti Romani regni Sueciae, 1).

Salskov Roberts 1974 = H. Salskov Roberts, Five tomb groups in the Danish National Museum from Narce, Capena and Poggio Sommavilla, in Acta Archaeologica 45, p. 49-106.

Santoro 1973 = P. Santoro, (dir.) Civiltà arcaica dei Sabini nella valle del Tevere. Le scoperte della necropoli di Colle del Forno, catalogo della mostra, Roma.

Santoro 1977 = P. Santoro, Colle del Forno, loc. Montelibretti (Roma). Relazione di scavo sulle campagne 1971- 1974 nella necropoli, in NSA, p. 211-298.

Santoro 2005 = P. Santoro, I Sabini della valle del Tevere: relazioni e contatti con l’agro falisco, l’Etruria meridionale interna ed Orvieto, in E. Benelli, F. Delpino, P. Santoro, Orvieto e i Sabini, in AnnFaina, XII, p. 431-440.

Santrot, Santrot 1995 = M. H. e J. Santrot, Fouilles de l’École française de Rome à Bolsena, VII, La citerne 5 et son mobilier: production, importations et consommatio, Roma (Collection de l’École française de Rome, 6/7).

Schiappelli 2008 = A. Schiappelli, Sviluppo storico della Teverina nell’età del bronzo e nell’età del ferro, Firenze (Grandi contesti e problemi della protostoria italiana, 11).

Sommella Mura 1969 = A. Sommella Mura Repertorio degli scavi e delle scoperte archeologiche nell’Etruria meridionale (1939-1965), I, Roma.

Stopponi 2006 = S. Stopponi (dir.), Museo Comunale di Bettona. Raccolta archeologica, Perugia.

Strazzulla 1976 = M. J. Strazzulla, Le terrecotte architettoniche nell’Italia centrale, in M. Martelli e M. Cristofani (dir.), Caratteri dell’ellenismo nelle urne etrusche, p. 41-49.

Tamburini 1985 = P. Tamburini, Materiali dal santuario del Pozzarello a Bolsena, in Santuari d’Etruria (Catalogo della Mostra, Arezzo), Firenze.

Tamburini 1988 = P. Tamburini, Testimonianze di un rito primaverile nella Volsinii romana: il santuario del Pozzarello, in Riti, feste primaverili e il lago di Bolsena, Viterbo, p. 119-132.

Tamburini 1995 = P. Tamburini, Un abitato villanoviano perilacustre. Il «Gran Carro» sul lago di Bolsena (1959- 1985), Roma.

Tamburini 1998 = P. Tamburini, Un museo e il suo territorio. Il Museo territoriale del Lago di Bolsena 1, Bolsena.

Tamburini 2001 = P. Tamburini (dir.), Un museo e il suo territorio. Il Museo territoriale del Lago di Bolsena, 2, Bolsena.

Tamburini 2002 = P. Tamburini, Bolsena: Emergenze archeologiche a valle della città romana, in AnnFaina, IX, p. 541-580.

Tamburini 2007 = P. Tamburini, Etruschi e Romani nel territorio di Grotte di Castro, in M.Marabottini, P. Tamburini (dir.), Grotte di Castro: il territorio, il paese, il museo, Bolsena (Quaderni del Sistema Museale del Lago di Bolsena, 7).

Timperi 1987 = A. Timperi, Il mausoleio di Lucio Canuleio a Bolsena, in MEFRA, 99, 2, p. 609-612.

Timperi 1993 = A. Timperi, Le epigrafi romane del lapidarium del civico museo territoriale del lago di Bolsena, in Bollettino di Studi e ricerche, 8, p. 5-18.

Timperi 1995 = A. Timperi, Il versante nord-est del lago di Bolsena, in A. Timperi, I. Berlingà, D. Gallavotti, Bolsena e il suo lago, Roma, p. 6-105.

Timperi 2007 = A. Timperi, Nuove acquisizioni dai territori di Bolsena e di Grotte di Castro, in Atti I Congresso nazionale di archeologia del sottosuolo (2005), Oxford, p. 197-222.

Torelli M. 1977 = M. Torelli, Il santuario greco di Gravisca, in La Parola del Passato, p. 398-458.

Uboldi 2005 = M. Uboldi, Laterizi e opus doliare, in D. Gandolfi (dir.), La ceramica e i materiali di età romana. Classi, produzioni, commerci e consumi, Bordighera, p. 479-490.

Warner Slane 1990 = K. Warner Slane, The sanctuary of Demetra – Kore. The Roman pottery and lamps, Princeton.

Haut de page

Notes

1 Il percorso sul quale si è sviluppato questo lavoro è stato in larga parte realizzato da G. Colonna nel corso degli ultimi quarant’anni: dai fondamentali studi sull’Etruria interna (Colonna 1967, 1973) ai recenti contributi nell’ambito dei convegni della Fondazione per il Museo C. Faina, tra i quali si deve almeno citare Colonna 1999. Sebbene i dati qui presentati non siano sempre in forma definitiva, specialmente nel caso delle recenti indagini, è sembrato utile presentare questo studio a più mani per arricchire la documentazione su questo importante settore dell’Etruria.
Desidero ringraziare coloro i quali hanno accettato di partecipare a questa iniziativa: la soc. Archeomedia (scavo loc. Sant’Arcangelo); la soc. Cooperativa Matrix (scavo loc. Pescara); Maria Stella Pacetti (Pozzarello); Simona Rafanelli (terrecotte architettoniche); Egidio Severi che, oltre al paragrafo sul porto di Bolsena, ha realizzato tutta la parte cartografica e buona parte di quella fotografica; Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio per aver messo a disposizione, oltre alla sua conoscenza di ciò che riguarda Bolsena e non solo, i rilievi da lui effettuati di tante strutture antiche ormai non più visibili; Debora Rossi (loc. Porcine); Antonio Sottili, assuntore di custodia dal 1958 e poi operaio-restauratore presso la SB-EM fino al 1991, per aver messo a disposizione I suoi appunti; nei confronti di Bruno Sottili ed E. Severi sono, infine, debitore per avermi introdotto alla conoscenza dei luoghi archeologici di Bolsena.

2 Si può ricordare, a questo proposito, che nell’Alto medioevo la fascia compresa tra la costa tirrenica ed il lago di Bolsena costituì la frontiera tra longobardi e bizantini e che una linea di difesa bizantina era proprio nel lago di Bolsena: Citter 1995.

3 Belardelli 2007, p. 259-345.

4 Oltre all’ovvia attività della pesca, l’ampio specchio d’acqua, circondato da fitte boscaglie e canneti, favorisce anche una diversificata presenza di animali selvatici e di avifauna oltre a fornire abbondante legname e piante fruttifere, tra cui il castagno.

5 Il versante interno del bacino lacustre, delimitato da rilievi montuosi che, nell’area nord-orientale oltrepassano i 600 metri, è caratterizzato da due principali aspetti morfologici: una serie di gradoni – più pronunciati nel versante orientale – ed un fitto reticolo idrografico che, insieme, determinano spazi ridotti per le aree abitative e per un’agricoltura intensiva in una fase in cui le tecniche agricole sono ancora scarsamente sviluppate. Certamente funzionali allo sfruttamento delle risorse lacustri devono essere state pertanto le motivazioni per gli insediamenti della Prima Età del Ferro sorti direttamente sulle rive del lago di Fondaccio (cfr. da ultimo Schiappelli 2008, p. 170-173) e del più consistente e meglio noto sito del Grancaro (cfr. Tamburini 1995, e Schiappelli 2008, p. 68-69 e p. 210-231; va sottolineato che a Cornos e a Fondaccio la frequentazione continua anche in età etrusca con sepolture e un’area di culto: cfr. rispettivamente Gasperini 1997, p. 123-144 e Berlingò, D’Atri, in Comella, Mele 2005, p. 267-275.

6 Il sito, già abitato almeno a partire dalla fase finale dell’età del bronzo, si svilupperà in maniera ragguardevole durante l’età del ferro per poi proseguire, con importanza decrescente, fino all’età arcaica (Reusser 1993, p. 75-86, con bibliografia precedente); per le fasi più antiche cfr. Anche Iaia 1999, p. 93-112 con biliografia specifica delle sepolture, e Medori 2010, p. 106-116.

7 Il percorso, attraverso cui viaggiavano probabilmente i metalli per l’industria metallurgica (Harris 1985, p. 145, è stato evidenziato da G. Colonna: Colonna 1973, p. 63-65; v. anche Colonna 1999, p. 19; per il tratto del percorso dal fiume Fiora alla valle di Mezzano v. E. Pellegrini, in Pellegrini, Rafanelli 2009, p. 190-194 e p. 210-212; l’itinerario è ancora attivo nel v-vi secolo d. C.: cfr. Kurze, Citter 1995, p. 168.

8 Cfr. Golini 1857; per la storia degli studi Tamburini 2007, p. 18-24.

9 Nel periodo più recente, il primo intervento di verifica della consistenza delle presenze archeologiche nel territorio di Grotte di Castro fu condotto nel 1966 da G. Colonna, allora ispettore della Soprintendenza alle antichità dell’Etruria meridionale: Colonna 1974.

10 Cfr. in generale Tamburini 2007.

11 Su queste due aree cfr. da ultimo, con ampia bibliografia, Camporeale 2005, p. 269-299; si deve comunque rilevare che, un riesame dei materiali presenti nel Museo Civico archeologico di Grotte di Castro in occasione dei lavori per il nuovo allestimento, sta evidenziato stretti e puntuali rapporti anche con l’area sabina: v. infra, p. 20, n. 50.

12 Colonna 1999, p. 18.

13 I confini dell’area d’influenza di Civita appaiono ben definibili per il settore occidentale, delimitato dal fiume Fiora; per quello settentrionale, delimitato dal territorio chiusino (cfr. fig. 3 e Tamburini 2007, p. 14 e nota 6), e per il settore meridionale, definito dal territorio di pertinenza di Bisenzio, sul quale cfr. Naso 1996, p. 239-250 (ancora all’influenza di Civita di Grotte devono essere però ricondotti, i piccoli nuclei di tombe di età arcaica di Gradoli per la presenza, al loro interno, di particolari architettonici scolpiti nel tufo e di fosse di deposizione per i defunti: v. infra, p. 24). Più incerti sono i confini nel versante orientale del lago: a parere dello scrivente è comunque assai probabile che arrivassero a comprendere l’insediamento di Barano (cfr. infra, p. 23).

14 Si tratta, non solo, di gran parte della tipologia funeraria con elementi architettoniciscolpiti nel tufo de icentri di Pitigliano e Poggio Buco, ma anche, nel caso di Pitigliano, di specifiche tipologie vascolari e aspetti del rituale funerario: cfr. Camporeale 2005; per le «tavole» con cuppelle vedi infra, p. 21.

15 È solo a partire dalla metà del vi secolo, infatti, con il progressivo declino di Poggio Buco, caposaldo vulcente sul fiume Fiora, fondato nell’Orientalizzante antico per contrastare l’espansione di Pitigliano e dei centri della Val di Lago, che Vulci detiene il controllo diretto del territorio ad oriente del Fiora (Pellegrini, Rafanelli 2003, 2005, 2009); cfr. Anche Colonna 1999, p. 19-20. Nell’assetto del territorio così ricostruito, appare più comprensibile anche la scarsa influenza di Vulci su Bisenzio durante l’Orientalizzante (cfr. Anche Colonna 1973, p. 63).

16 Le necropoli attestano una frequentazione dalla fine del VII a tutta l’età arcaica ed un utilizzo anche in età ellenistica: cfr. Tamburini 1998, p. 74-75 con bibliografia precedente.

17 Colonna 1999, p. 18-19.

18 Su quest’area, oggetto anch’essa dell’indagine della Scuola francese negli anni 1953-1958, ma non trattata in questo lavoro, risultano fondamentali Bloch 1972 e Colonna 1973; più recentemente, sull’aspetto cronologico delle necropoli della Capriola e del Bucine: Medori 2010, in particolare p. 124-29.

19 V. infra, p.74-79; la prima fase di frequentazione, almeno dall’Orientalizzante recente, deve probabilmente essere ricollegata alla presenza di un modesto insediamento situato nella prospiciente altura dove, nel Medioevo, fu realizzato il complesso della Rocca Monaldeschi ed il borgo; cfr. Tamburini 1998, p. 75 con bibliografia precedente.

20 Cfr. Colonna 1990 e Colonna 1999, p. 20-21.

21 Come quelli individuati nella fascia di Gradoli: v. infra, p. 23-24; meno intensa di quanto prospettato in Tamburini 2007, p. 17-18 appare invece la ripresa a Grotte di Castro.

22 Per le numerose tombe di età ellenistica distribuite nel territorio a cavallo tra gli attuali comuni di San Lorenzo Nuovo e Bolsena, che fanno riferimento a più nuclei insediamentali cfr. per ora Pellegrini REE, cds.

23 Per questa fase cronologica e gli aspetti correlati si rinvia a Gros 1981, in particolare p. 1-30 e Munzi 2001.

24 In età imperiale (II sec. d.C.) Visentium, iscritto alla tribù Sabatina (CIL, XI, 2911), era municpium retto da duoviri iure dicundo: cfr. Gasperini 1956, 1959; Harris 1971, p. 151.

25 Ascritto alla tribù Pomptina: Ruoff-Väänänen 1975 e Munzi 2001, p. 9.

26 Quasi nulla ci è noto delle vicende e degli edifici pubblici e privati del municipio di Visentium, tranne alcune iscrizioni: v. Gasperini 1959; solo recentemente, il rinvenimento del Ninfeo a valle Gianni (Gradoli) lascia intravedere una situazione assai articolata per questo settore del lago: v. infra. La vitalità di Visentium in età imperiale è comunque testimoniata dal santuario mitraico situato quasi sulla riva del lago, a poca distanza da Monte Bisenzo (fig. 1, 3): Biamonte 1997; al iv-v secolo è stata invece attribuita la catacomba situata non lontana dal mitreo sopra ricordato (fig. 1, 2) per la quale v. Fiocchi Nicolai 1992-1993.

27 Kurze, Citter 1995; cfr. anche nota 2.

28 Sul pianoro della Civita sono state effettuate alcune ricognizioni, che hanno fornito dati interessanti sulla frequentazione più antica: cfr. Raddatz 1983, p. 130-134, tav. 4, figg. 11-15 e tav. 5, figg. 1-9; Iaia, Mandolesi 1993, p. 36, n. 73; più recentemente, nel biennio 2006-2007, è stata oggetto di un programma di ricerca condotto dal Dipartimento di Archeologia dell’Università di Cambridge con il coordinamento del prof. Simon Stoddart e del dott. Gabriele Cifani: cfr. per ora Cifani 2008.

29 Per un quadro complessivo cfr. Tamburini 2007.

30 Tutte le indagini hanno visto coinvolti, insieme al personale della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, i volontari del Gruppo Archeologico locale, ora denominato Castrum Cryptarum.

31 Al fine di evitare confusione con un’altra sepoltura con la stessa sigla indagata nel 1989.

32 Vigna la Piazza t. 1/1978: fig. 4: 1 – Vaso biconico con alto collo troncoconico e alto piede a tromba; due anse orizzontali; impasto rosso lucidato; h. cm 32,4; diam. cm 14,2; 2 – tazza biansata con corpo lenticolare, base piana e coppia di bugne coniche contrapposte sulla spalla tra solcature semicircolari; baccellature sulla spalla h. cm 6,2, diam. cm 9; impasto bruno lucidato: 3 – tazza biansata con vasca troncoconica, alto orlo verticale e piede distinto; h. cm 9; diametro cm 12; 4 – un orciolo d’impasto grezzo; 5 – fusaiola d’impasto bruno con serie di cerchielli concentrici impressi; h. cm 3,3; 6 – fibula di bronzo, di cui resta parte dell’arco a navicella.

33 Archivio SBA-EM n. 7738/3, del 30 dicembre 1978.

34 Tamburini 2007, p. 63, nota 104 riporta erroneamente il 1986.

35 Iaia, Mandolesi 1993.

36 Come nella VLP 1/1978 le sepolture delle tt. 26 e 27 della Capriola erano sistemate direttamente sul piano e messe al riparo da una copertura di pietre: Bloch 1972, p. 129-137.

37 Biconico n. 1: Capriola t. 16 (Bloch 1972, fig. 41 A e Medori 2010, n. 151, p. 91, tav. XXIV con decorazione geometrica white on red); tazza biansata n. 2: Capriola t. 15 (Bloch 1972, fig. 40 B); tazza biansata n. 3: Capriola t. 12 (Bloch 1972, fig. 33, G con anse a doppio bastoncello); orciolo n. 4: Capriola t. 12 (Bloch 1972, fig. 32, E).

38 CC 1, atrio: Capriola t. 18 (Bloch 1972, fig. 43, F) e Bucine tt. 6 e 7 (Medori 2010, p. 129).

39 CC 5, fossa n. 4: Capriola t. 24, Bloch 1972, fig. 49, L

40 Una prima e parziale presentazione dei dati in Pellegrini 2009.

41 I loculi, attestati numerosi a Pianezze e nelle più tarde tombe di Vigna la Piazza, sono abbastanza rari a Centocamere e presenti, a quanto è possibile stabilire, negli ambienti di realizzazione più recente.

42 I rilievi delle tombe della necropoli di Centocamere sono stati realizzati dall’architetto M. Formiconi.

43 Casali Centocamere t. CC 2, ambiente A sul dromos (campagna 2008): 1 – olla stamnoide biansata su piede con costolature verticali sul corpo che si dipartono da una costolatura orizzontale sulla spalla; impasto rossiccio lucidato; 2,3 – scodelle troncoconiche su piede d’impasto rossiccio; 4 – peso da telaio troncopiramidale; 5 – orciolo a corpo ovoide e base piana d’impasto bruno; 6 – olletta globulare biansata con breve collo cilindrico e base piana d’impasto marrone lucidato; 7 – scodella carenata d’impasto bruno come coperchio; 8 – piccolo attingitoio con orlo imbutiforme e base distinta d’impasto bruno; 9 – olletta ovoide d’impasto bruno; 10 – torques di fettuccia di bronzo con perla di pasta vitrea blu rinvenuto all’altezza del collo.

44 Facevano inoltre parte del corredo tre fusaiole d’impasto bruno e, di bronzo: un’armilla a capi sovrapposti; una fibula a staffa lunga, un anello a capi aperti.

45 Tamburini 2007, p. 104-109.

46 La tomba VLP 2 a camera in Medori 2010, p. 88, n. 127 dell’elenco, con olla con decorazione white on red, si riferisce ad un altro contesto, purtroppo anche in questo caso con la stessa sigla.

47 Le dimensioni della fossa sono quelle strettamente necessarie a contenere il sarcofago che, nel caso della VLP 2, sono m 2,20 di lunghezza e 0,60-0,63 di larghezza; il «cassone costruito» riportato in Tamburini 2007, p. 29 è frutto di un’errata interpretazione di questo apprestamento.

48 Il coperchio, irregolare, misura m 2,26-2,38 di lunghezza, m 0,60-63 di larghezza e m 0,32-0,35 di altezza.

49 Vigna la Piazza t. VLP 2 (recupero 1989, relazione di scavo degli assistenti SBA-EM A. Spada e C. Riccini): fig. 10: sul coperchio; 1 – calice carenato su alto piede a tromba; coppia di solcature orizzontali sulla parete. impasto bruno lisciato; integro; alt. cm 9; diam. cm 14,5 (non rintracciate quattro ollette frammentarie e un «poculum»); all’interno del sarcofago: 2-skyphos con orlo leggermente svasato; corpo profondo; piede a tromba; impasto bruno lisciato; h. cm 10,5; diam. cm 12,5; 3 – coppa con orlo fortemente svasato; corpo profondo, emisferico; alto piede a tromba; impasto bruno lisciato; h. cm 13,5; diam. cm 20; 4 – piccola olpe con base piana; impasto bruno; h. cm 7,5; diam. cm 6.; 5 – piccolo vaso biansato con vasca carenata e alto collo troncoconico; impasto bruno; h. cm 6; diam cm 5,5.; 6 – pugnale con impugnatura a stami.

50 L’eccezionalità della presenza nell’Etruria meridionale interna di pugnali e spade corte con impugnatura a stami, tipi caratteristici dell’area medio-adriatica e tiberina, è già stato sottolineato da L. Medori a proposito dell’esemplare dalla t. VLP 10-15 (Medori 2010, p. 123, 128; per un’immagine dell’oggetto v. Tamburini 2007, fig. 89); il tipo è attestato anche nella necropoli del Bucine, t. 7 (Medori 2010, p. 128); i due esemplari di Grotte di Castro, insieme ad altri elementi della produzione ceramica quali, tra quelli editi, i frammenti d’impasto nero depurato con cavalli incisi (Tamburini 2007, p. 94, fig. 15 dove sono erroneamente classificati come bucchero), consentono di delineare in maniera più specifica stretti legami con l’area sabina e in particolare con Poggio Sommavilla, nell’ambito dei contatti già noti con l’agro falisco,: cfr. Santoro 1973, 1977, 2005.

51 Cfr. ad es. A. Pasqui, NSA 1886, tt. 1-2, p. 150-151, p. 183, t. 19, t. 25, p. 185; una sepoltura in sarcofago è attestata nel sepolcreto di Crocifisso del Tufo con cronologia analoga: Feruglio 1999, p. 146-147. Poco distante dalla VLP 2/1989, durante gli stessi lavori per la posa dell’acquedotto, fu rinvenuta la t. VLP 1/1989, della quale non è stato ancora individuato tutto il corredo, che presenta una modalità di sepoltura ancora diversa (fig. 11). All’interno di un piccolo vano ricavato nel banco di tufo, parzialmente distrutto dai lavori, era stata ricavata una fossa di forma rettangolare, rastremata ad una estremità (lungh. m 2,20, larg. m 0,50- 0,35); la fossa era chiusa da due blocchi di tufo combacianti a sezione semicircolare, inferiormente incavati e ricoperti, a loro volta, da un cumulo di scaglie tufacee. Sotto il cumulo di tufi, e sopra il coperchio, furono rinvenute quattro olle d’impasto in frammenti; all’interno della fossa, furono recuperati: una fuseruola d’impasto nero con baccellature; un kantharos d’impasto nero, diam. orlo cm 16, h. all’ansa cm 12; due anellini di bronzo, diam. cm. 2, 5; un frammento di ferro; un anellino di bronzo, diam. cm. 2,5; una olpetta d’impasto nero lucidato a stecca, diam. orlo cm 5,8, h. cm 9,5; probabilmente databile nella seconda metà del vii secolo per la presenza dell’olpe.

52 Cfr. Bloch 1972, p. 197-198e; Colonna 1973, p. 59-60; Tamburini 1985, p. 33, I.14.

53 NSA 1909, fig. 5, p. 63.

54 È questo il tipo attestato anche a Pitigliano (NSA 1903, p. 278). sulla cti qui prlle veva già attirato l’attenzione G. Colonna: Colonna 1973, p. 64.

55 NSA 1906, p. 61.

56 Una prima presentazione dei dati in Pellegrini 2008.

57 Si deve comunque ricordare che nel 1885, nella località denominata Merellio di San Magno, poco distante dal confine tra i comuni di Gradoli e Capodimonte, nell’ambito delle indagini che interessavano in quegli anni il territorio circostante la rocca di Monte Bisenzo, furono rinvenute una ventina di tombe a camera di età etrusca situate lungo un percorso che «dall’abitato romano di Bisenzio si spingeva entro la foresta di San Magno in direzione di Gradoli»: cfr. Naso 1996, p. 240. Dai fondi dell’Archivio centrale dello Stato a Roma (AABBAA II vers. I serie B. 265) sono stati recuperati i seguenti dati: F. Galeotti in data 4 marzo del 1886, richiesta di concessione di scavo per i terreni situati nelle località Montagna, Montigliano, Prataccione, Vasalone, Tufa, Forcanata, Monte Cerrone; Giov Battista Manni in data 8 aprile 1886, per i terreni situati nelle località: Montetonico, Querceto, La Montagna, Montesenano, Casabruciata, Montecucco. Alla fine delle indagini furono segnalate due tombe con «vasi grandi rossi e grigi» a Montetonico; ambienti quadrati o rettangolari a Montecucco, cunicoli a Vasalone, ancora tombe alla Montagna «con cocci verniciati e vasellame di bronzo».

58 Segnalate in Sommella Mura 1969: t. a fossa o a cassone (1960), p. 41; t. a camera (1962), p. 41; Brunetti Nardi 1981, t. a camera (1975), p. 105.

59 I dati provengono, in gran parte, da un censimento corredato da rilievi effettuato tra il 1975 e il 1978 per conto dell’Amministrazione comunale; una parte delle strutture sono ancora da verificare.

60 Tamburini 1998, p. 90-91.

61 Ringrazio il prof. J. Christian Meyer, che nel 1980 condusse una ricerca sul territorio di Gradoli per conto dall’Istituto Danese di Roma, per avere fornito i dati inediti relativi alla survey.

62 Il rinvenimento sul fondo di una delle vasche di sedimentazione di una lucerna attribuibile al tipo «sud-etrusco» di C. Pavolini (Pavolini 1981), uno dei rarissimi oggetti rinvenuti, tipo ben attestato anche a Bolsena tra la seconda metà del III e la prima metà del I sec. a.C. (cfr. Carre 1995, p. 146- 147) fornisce una datazione ante quem per la sua realizzazione.

63 L’ingresso subì. successivamente, un sensibile ridimensionamento con la costruzione di due muri in opera vittata di realizzazione alquanto scadente.

64 Proviene probabilmente da quest’area la statua in corso di lavorazione conservata attualmente a Gradoli presso la sede comunale del Palazzo Farnese (fig. 23, 1).

65 Un articolato sistema di cunicoli (fig. 19) captava una vena d’acqua convogliandola in due canalette che sboccano sulla sommità delle nicchie minori, mentre la grande apertura al centro di quella maggiore doveva probabilmente smaltire l’acqua in eccedenza attraverso un cunicolo che si sviluppa lungo il lato meridionale della struttura.

66 Bolsena II, p. 209-233; la struttura è stata datata, non senza qualche problema, alla seconda metà del I sec. a.C: cfr. ibidem, p. 38-39. Come nel caso del ninfeo di Bolsena, anche questo di Gradoli non era isolato; come suggeriscono la presenza di alcuni blocchi di travertino e un frammento di colonna individuati nelle immediate vicinanze, insieme ad altri indizi, era inserita in un complesso più articolato di strutture.

67 A. Cozza in NSA 1886, p. 144.

68 Il miliario è attualmente all’interno della chiesa di San Vittore, situata lungo il vecchio percorso che da Latera conduce a Gradoli, insieme ad una colonna scanalata. Nella valletta sottostante la chiesa si trovano frammenti di colonne di probabile riuso e un frammento di capitello con motivo decorativo riconducibile al periodo altomedievale: l’insieme di questi elementi potrebbero avvalorare l’ipotesi dell’esistenza di un’antica chiesa edificata su precedenti resti romani a conferma dell’importanza dell’intero territorio di Gradoli ancora nella tarda antichità.

69 BONO REI P(VBLICAE)/NATO D(OMINO) N(OSTRO)/ FL(AVIO) IOBI/ANO P[IO] F[IDELI] VI(C)/TORI AC TRIV/ MFATORI SEM/PER AVG(VSTO)/MIL(IA) VI.

70 Cfr. Pellegrini, Rafanelli 2009, p. 211-212.

71 Per una edizione puntuale si attende il completamento dello scavo almeno dell’edificio del Ninfeo.

72 Cfr. Mura Bolsena, cds; una ulteriore prova della continuità della cinta difensiva in quest’area è fornita dalla presenza di un tratto di muro allineato con quello in loc. La Pescara, la cti qosizione fu rilevata da F.T. Fagliari Zeni Buchicchio (fig. 26, n. 13).

73 I lavori, sotto la direzione del funzionario di zona di allora A. Timperi, sono stati condotti dall’archeologo S. Del Lungo, coadiuvato dall’assistente tecnico E. Severi della SBAEM. In questa sede si presenta una nota del tutto preliminare, dal momento che i risultati dell’indagine, sono ancora in fase di elaborazione; v. infra paragrafo 2.C.1.c.

74 Timperi 2007, p. 197-198.

75 Tamburini 2002, in particolare p. 541-548.

76 Il qosizionamento e la restituzione cartografica si devono, come negli altri casi, all’assistente tecnico E. Severi.

77 Tamburini 2002, p. 550-551; l’andamento rettilineo della struttura risulta dai rilievi di F.T. Fagliari Zeni Buchicchio e da quelli successivamente eseguiti da parte dell’Ufficio tecnico della SBA-EM.

78 Tamburini 2002, p. 549 e fig. 21; Timperi 2007, p. 198. Sul tracciato della via Cassia a Bolsena cfr. Buchicchio 1970 con bibliografia precedente e, da ultimo, Mosca 2002, p. 95-98, ma senza cartografia di dettaglio.

79 Di altro avviso Tamburini 2002, p. 549-550, ma sulla base di un quadro non aggiornato e di un qosizionamento approssimativo dei rinvenimenti.

80 Così come ricostruito, ad es., anche in Tamburini 2002, fig. 21; si deve sottolineare, inoltre, che la porta Capite si configura come una porta scea (cfr Mura Bolsena, cds), caratteristica, questa, che avrebbe reso assai complicato il transito di un traffico intenso quale doveva esse quello della Cassia.

81 V. infra, p. 49-51, 2.3.1.1.2; la datazione delle terrecotte appare compatibile con la cronologia della Cassia, compresa tra il 171 e il 154: cfr. da ultimo Mosca 2002, p. 59-62.

82 Cfr. anche Mura Bolsena, cds, nota 21.

83 Le ricerche, dirette da A. Timperi e con la presenza dell’assistente tecnico sig. Bruno Sottili della SBA-EM, furono svolte dall’archeologo Fabrizio Vallelonga.

84 Le indagini, dirette da Enrico Pellegrini (SBA-EM), sono state condotte dalla società cooperativa Matrix 96 di Roma, nelle persone di Giovanna Liscia (cui devo molte delle osservazioni qui riportate) e dello scrivente, con la collaborazione dell’assistente tecnico Egidio Severi (SBA-EM), che si ringrazia per la disponibilità e l’accoglienza. I rilievi, così come le rielaborazioni grafiche qui illustrate, sono stati realizzati dall’archeologo Alessandro Felici, afferente alla medesima società cooperativa, mentre lo studio dei materiali si deve a Maria Cristina Leotta, come sempre preziosa per competenza e disponibilità.

85 V. infra, p. 46-48.

86 V. infra 2.3.1.2.

87 V. infra, p. 46, 2.3.1.1.1.

88 Sarebbe opportuno, a questo proposito, uno studio multidisciplinare, che affianchi all’indagine archeologica la storia moderna dell’idrogeologia locale.

89 V. infra 2.3.1.2., p. 49-51.

90 I materiali, raccolti a campione dai qochi strati che è stato possibile riconoscere tra acqua e fango, sono in corso di studio.

91 Per dettagli, si veda infra il contributo di Maria Cristina Leotta, p. 46-48, 2.3.1.1.1.

92 Su questi aspetti cfr. Mura Bolsena, cds.

93 La tradizione di compiere riti propiziatori e deporre offerte nelle fondamenta di edifici pubblici o privati ha origini antichissime; in Etruria abbiamo esempi molto significativi come quelli di Gravisca (M. Torelli, in NSA, XXV 1971, p. 238-240) e di Tarquinia (Chiaromonte Trerè 1989-90, p. 701-703), anche se cronologicamente antecedenti al nostro.

94 Comunicazione di Zaccaria Mari al Convegno Lazio e Sabina 2010.

95 Massa-Pairault, Pailler 1979, catt. nn. 22-25, p. 34-35, figg. 17-20.

96 Lo stato di conservazione della terracotta non consente un’esatta identificazione del sesso della figura.

97 In particolare la posizione delle braccia può ricordare quella di un arciere.

98 Acconcia 2000, p. 90, E 12, tav. IX, a.

99 Esposito 1985a, p. 138 ss., in particolare p. 140-142; Cygielman 1993, p. 369 ss.

100 Esposito 1985b, 139-140, cat. 180, p. 144.

101 Massa-Pairault, Pailler 1979, catt. nn. 113-113 bis, p. 70, figg. 77 a-b; cf. anche i frr. catt. nn. 109-111, p. 69, figg. 73-75.

102 Acconcia 2000, p. 88, nota 155. In particolare, cf. il fr. di lastra con tralci di vite con grappoli e fiori, tav. III,a: E1.

103 Stopponi 2006, p. 240 ss., catt. 223 a-f, 224, p. 288-289.

104 Andrén 1971, p. 14, tav. XXXIX, 84.

105 Andrén 1940, p. 213, III: 1, tav. 77: 265.

106 Fortunelli 2005, p. 273-274, lastra tipo B4, confrontata in particolare con esemplari da Arezzo, Castelsecco, in Museo Mecenate 1987, p. 64.

107 Bloch 1947, p. 38, fig. 4 e tav. IV.

108 Bloch 1950, p. 67-68 e fig. 10.

109 Säflund 1932, p. 104 e sgg.

110 Bloch 1950, p. 68.

111 Nel 1957, nel corso di lavori per la realizzazione di un distributore di carburante lungo la via che collega Bolsena con Orvieto, fu messo in luce un tratto della cinta con molte lettere e segni incisi sui blocchi. In considerazione della sua importanza e del buono stato di conservazione, nel giugno del 1959 la Soprintendenza eseguì i lavori per consentirne la valorizzazione, lasciandolo interamente in vista. Un secondo tratto, con i resti di una porta d’ingresso alla città, fu messo in luce da un violento nubifragio nel 1960: sulla cinta muraria di Bolsena cfr. ora, Mura Bolsena, cds.

112 V. supra, 2.3.1.1., p. 36-46.

113 «...grande muraglia di grossi parallelepipedi connessi senza calce e portanti alcune cifre o segni scolpiti...» rinvenuti durante lo scavo di una fogna nel borgo di Bolsena in Volsiniensia 4, 1890, p. 61.

114 Bloch 1972, p. 206 e tav. H.

115 In Morandi 1990, p. 57, fig. 24, ripreso da Tamburini 1998, p. 98, si cita la presenza della lettera f e di altri due segni di cava incisi nella parte «interna» del muro: si tratta, come si evince dalla foto, di segni osservabili nella sezione trasversale del muro; cfr. anche Colonna 1999, fig. 9.

116 Si tratta di un blocco rinvenuto durante la prima esplorazione del 2002 recante un segno a T su uno dei lati corti.

117 NSA 1882, p. 263; anche nell’area cultuale di Poggio Casetta gli scavi della Scuola Francese misero in luce un blocco di tufo recante un’incisione, peraltro di difficile lettura sulla base della fotografia pubblicata dal Bloch (Bloch 1950, tav. IV, fig. 14); il concio fu probabilmente rinvenuto non in qosto dal momento che non è stato individuato nel corso della ripulitura effettuata nel 2008 (cfr. nota 131). Queste testimonianze, oltre a dimostrare la larga diffusione delle incisioni sui blocchi di tufo da costruzione, indicano anche una progettazione e una realizzazione sostanzialmente unitarie delle strutture identificative della città, quali sono le mura che la racchiudono e i luoghi di culto.

118 Nuovo è il gruppo di tre lettere (v. tab. 1, n. 1), presente sulla facciata interna del muro sulla via Orvietana per il quale si propone la lettura urzi.

119 Vedi ad es. i n. 12-13 e 20-21; una consistente documentazione ha permesso, invece, di individuare il sistema di contrassegni usato nel rivestimento fittile del tempio di Apollo a Veio: cfr. De Vita de Angelis, 1968.

120 Colonna 1999, p. 15-16.

121 Colonna 1999, p. 15.

122 Gratte, fig. 37; loc. Pescara; Bloch 1950, fig. 10.

123 Timperi 2007, p. 197-198.

124 Fioravanti 1998.

125 Pagano 1997.

126 La presenza di un antico bacino spiegherebbe anche l’anomalo orientamento dei frazionamenti catastali. Qui, infatti, i limiti delle proprietà hanno una disposizione del tutto singolare: invece di presentare una direzione perpendicolare alle rive del lago, come avviene per tutti i terreni che lo circondano, sono disposti a raggiera, con i lati lunghi perpendicolari al perimetro di un’area pressoché ellittica.

127 La maggiore vicinanza del lago al borgo antico è riscontrabile anche sulla base di documenti d’archivio: nel 1158 viene effettuata la vendita da parte di papa Adriano IV di un mulino sul rivo Capite, che attraversa la Pianforte, situato «prope lacum» (Dottarelli 1928, p. 154); sulla base di atti notarili e catastali, F. T. Fagliari Zeni Buchicchio (1979) è stato in grado di determinare la posizione di quel «molendinum capitis», corrispondente ad un punto che oggi dista dalla riva del lago circa 500 metri.

128 Fosso del Capretto, l’acqua di S. Rocco ed il torrente anonimo che nasce a monte della Madonna dei Cacciatori.

129 Bloch 1950.

130 I lavori sono stati diretti dalla dott.ssa R. Ovidi, il rilievo è stato effettuato dall’arch. S. Moretti Giani

131 La planimetria è del tutto coincidente con quella già pubblicata in Bloch 1950, fig. 13; sul tempio di Poggio Casetta cfr. Tamburini 1998, p. 100-101 e Jolivet 2002, p. 371; sulla tecnica «a scacchiera» a Bolsena v. Gros 1971, in particolare p. 60-69.

132 Bloch 1950, tav. V.

133 Callu, Panvini Rosati 1964.

134 Jolivet 2002, p. 363.

135 Bloch 1953.

136 Cfr. da ultimo Jolivet 2002, p. 370-374.

137 NSA 1882, p. 204; Munzi 2001, p. 19-20, Jolivet 2002, p. 371.

138 Sull’iscrizione cfr. Colonna 1964, 1966.

139 Cfr. Acconcia 2000, p. 29 e fig. 5; Jolivet 2002, p. 365.

140 Credo di interpretare il pensiero di quanti hanno lavorato a Bolsena esprimendo un sincero ringraziamento ad Antonio Sottili e al figlio Bruno per il prezioso lavoro svolto sul territorio della Val di Lago.

141 Callu, Panvini Rosati 1964

142 Acconcia 2000; una sintesi dei dati in Acconcia 2005.

143 Per il Catalogo v. infra, p. 67-74.

144 300 d.C. per Jolivet 2002, p. 369.

145 Si tratta di fosse votive costituite da pozzetti rivestiti di calce. su cti erano poggiati gli oggetti. Otto stipi furono rinvenute lungo il lato nord del temenos, sei nelle immediate vicinanze del sacello (Tamburini 1998, p. 104); gli oggetti erano coperti di resti organici, apparentemente combusti e misti ad altra calce (Acconcia 2000, p. 131). Sulla cronologia di queste fosse votive, cfr. Acconcia 2000, p. 132-133.

146 Si deve ricordare, comunque, che anche lo scavo dell’area da parte di E. Gabrici fu parziale: egli indagò, infatti, esclusivamente la parte SE-NE, essendo il settore occidentale molto eroso a causa di agenti atmosferici o per l’attività dei contadini.

147 Jolivet 2002, p. 364.

148 Tuttavia i depositi di monete nei santuari sono ben documentati in età repubblicana e imperiale anche in Italia centrale e soprattutto nel Lazio antico; cfr. la lista dei rinvenimenti in Gorini 1994, p. 78-80.

149 Acconcia 2005, p. 277.

150 Sulla questione, cfr. Acconcia 2005, p. 277.

151 Acconcia 2005, p. 278.

152 Jolivet 2002, p. 364.

153 Acconcia 2000, p. 141.

154 Acconcia 2000, p. 141; Acconcia 2005, p. 278.

155 Cfr. Colonna 1966 e Tamburini 2001, p. 19. Sui problemi relativi alla identificazione Selvans/Silvano si veda Acconcia 2000, p. 158-159.

156 Tamburini 1998, p. 103-106; Jolivet 2002, p. 370. Su Selvans quale divinità liminare, cfr. Acconcia 2000, p. 159; cfr. Anche supra p. 64 e fig. 45.

157 Acconcia 2000, p. 156, nota 275. Sulla datazione, cfr. Tamburini 2001, p. 20. Il culto di Bona Dea, divinità salutare e terapeutica, è ben attestato in Etruria meridionale e in particolare nell’area viterbese, cfr. Papi 1994, p. 143, nota 28. Il culto a Bona Dea è comunque attestato in età imperiale a Bolsena, come documenta l’epigrafe rinvenuta nella zona di Madonna del Giglio, cfr. Timperi 1993, p. 12-13.

158 Sulla seconda iscrizione a Cerere rinvenuta al Pozzarello sussistono dubbi, cfr. G. Colonna, in REE, 1964, p. 161-163 e Acconcia 2000, p. 156, nota 276.

159 Livio, VII 3, 5-6; Giovenale, Sat. X, 74-77.

160 Massa Pairault 1993, p. 265-268. Di una seconda dedica a Bona Dea, rinvenuta al Pozzarello, si sarebbero perse le tracce, cfr. Tamburini 2001, p. 20; contra Acconcia 2000, p. 156.

161 Il culto in onore della dea Fortuna è stato ipotizzato sulla base del rinvenimento di una terracotta femminile concornucopia, cfr. Gabrici 1906, col. 204, fig. 30; Acconcia 2000, p. 167. Sulla identificazione a Roma tra Fortuna e Cerere, cfr. Sabbatucci 1999, p. 158.

162 Jolivet 2002, loc. cit.

163 Acconcia 2000, p. 156.

164 Acconcia 1996, p. 263-294, tav. III-IV.

165 Sul rinvenimento di foglie d’argento nel santuario di Demetra, cfr. Sabbione-Milanesio Macrì 2008, p. 211, fig. 34.

166 Un grande occhio di pietra è stato rinvenuto in un deposito votivo, di età arcaica, del santuario di Demetra a Agrigento a est di Porta V, cfr. de Miro 2008, p. 68-69, fig. 25.

167 Lucerne in grande quantità sono state rinvenute nel santuario della dea ad Agrigento, cfr. de Miro 2008, fig. 30 o in età romana nel santuario di Demetra a Corinto, cfr. Warner Slane 1990.

168 Buchicchio 1970, p. 30; Jolivet 2002, p. 367. Gabrici lo interpretò come il mundus per il rituale di fondazione della città; Massa Pairault lo pone in relazione al culto di Cerere; infine Acconcia ritiene che si tratti di un vero e proprio pozzo utile all’approvvigionamento dell’acqua per scopi rituali, cfr. Acconcia 2000, p. 165-166.

169 La presenza di tre statuette virili di età arcaica nel bothros del tempio di Demetra a Agrigento avvalora quanto documentato dalle fonti circa l’apertura all’elemento maschile delle tesmophorie akragantine, cfr. de Miro 2008, p. 59.

170 Nel 1964 Bloch rinvenne un tesoretto di 179 monete di bronzo e due d’argento databili tra III sec. a.C. e I sec. d.C., (età di Nerva), che si aggiunge ai numerosi depositi con monete rinvenuti negli scavi del 1904 (Gabrici 1906, col. 204-206, 213-214, 217-218). Nel santuario di Demetra a Bitalemi è stato rinvenuto un aes rude, probabilmente da interpretare nell’ottica cultuale della consegna alla terra madre di ricchezze che la terra stessa restituirà, cfr. de Miro 2008, p. 55.

171 Nella lingua latina con il termine stips si indicava specificamente l’insieme di monete raccolte a scopo votivo e religioso, cfr. Varr., Lat., 5, 182.

172 Sulle terrecotte architettoniche, si veda infra il contributo di S. Rafanelli.

173 Per le cronologie si rimanda alle tavole sinottiche di Acconcia 2000, p. 141-142.

174 Cfr. Torelli 1977, p. 437; de Miro 2008, p. 55, p. 58-59 (le lucerne rinvenute nel bothros del santuario di Demetra ad Agrigento documentano il rito di gettare lucerne accese come nel thesmophorion di Argo). Per il rinvenimento di vasi e lucerne di epoca romana nel santuario di Demetra a Corinto nella fase romana, Warner Slane 1990, v. supra nota 167.

175 Fanno eccezione i depositi M e N di età repubblicana, riferibili rispettivamente alla metà del II sec. a.C. e al 46 a.C., cfr. Acconcia 2000, p. 131,137; Jolivet 2002, p. 365.

176 Cfr. cat. 5,7.

177 Gorini 1994, p. 81.

178 Su questo punto già Jolivet 2002, p. 364. Lo stesso Gabrici segnala, sulla base della vox populi, il rinvenimento, in un angolo ben preciso del recinto (terreno dell’area coperta dalla tettoia), di uno straordinario numero di lucerne fittili, idoli d’argilla e poliviscerali, cfr. Gabrici 1906, col. 198.

179 In tal senso orienterebbe la presenza di ceramica da fuoco e da cucina, dei poliviscerali fittili.

180 Il cippo attesta in modo inequivocabile la frequentazione etrusca dell’area nel III sec. a.C. La divinità etrusca più vicina a Demetra sarebbe, secondo alcuni, Vei, divinità anche infera, venerata nella necropoli di Cannicella ad Orvieto. Colonna ha tuttavia sottolineato come Vei presenti piuttosto i caratteri di Kore o di Bona Dea, cfr. Acconcia 2000 p. 158, 167.

181 Rispettivamente sotto Tiberio e Nerone; cfr. Le Bonniec 1958, p. 469.

182 Si veda in questa stessa sede il contributo di S. Rafanelli.

183 Martini 1994-97, nn. 757, 772, 793 (169-158 a.C.); cfr. anche Acconcia 2000, p. 177.

184 La lettera A è frequentemente attestata a Volsinii e nella nuova Volsinii su pareti e fondi di vasi, specialmente buccheri o ceramica a v.n. in una redazione tipicamente etrusca con asta traversa calante e un’asta laterale arrotondata (cfr. CIE III.2, 10571, 10583). La presenza della lettera A graffita o incisa su frammenti ceramici provenienti dall’area del santuario etrusco, di età ellenistica, a Cetamura ha fatto supporre che essa possa rivestire un significato religioso; cfr. de Grummond 2009, p. 234, n. 111.

185 Gabrici 1906, col. 194-196, fig. 19-20.

186 Tamburini 1985, p. 84, n. 3. Cfr. Gabrici 1906, col. 190-191, fig. 18-20.

187 La definizione di kernos è di Tamburini 1988, p. 128 e di Jolivet 2002, p. 364; parla di tegame Acconcia 2000, loc. cit.

188 V. Acconcia li definisce piccoli kalathoi, mettendoli in relazione con il culto di Demetra.

189 Gabrici 1906, col. 223, fig. 41; Gabrici 1906a, p. 76, fig. 18 (dalla località Mercatello).

190 Santrot 1995, p. 179, n. 456.

191 Olcese 2003, p. 85; tav. XIV, n. 3-5.

192 Le dimensioni del pomello farebbero pensare ad un coperchio miniaturisico. Coperchi con presa trococonia o cilindrica sagomata sono attestati dal III al I sec. a.C. (Olcese 2003, p. 89-90).

193 Olcese 2003, loc. cit.

194 Tali vasi documenterebbero mutate abitudini alimentari; per alcuni studiosi servivano per rimescolare e pestare alimenti già cotti; per altri erano utilizzati per triturare erbe e spezie; cfr. Olcese 1993, p. 308.

195 Sono presenti altri tre frammenti di olpai miniaturistiche (?), dei quali uno senza vernice, l’altro con argilla colore giallo scuro, l’ultimo presenta un’argilla rosata. Sempre ad olpette miniaturistiche o askoi (?) sono forse pertinenti tre bocchelli circolari con avvio di ansa a nastro, dei quali due a v.n., non completamente coprente e con riflessi metallic (diam. cm. 3,3); l’altro, anch’esso con avvio di ansa (diam. 2,7) è caratterizzato da argilla depuratissima di color rosso mattone.

196 La sigla viene comunemente sciolta in C. Titius Aest( ), cfr. Gabrici 1906, col. 217; Bailey 1980, Q1417; da ultima Acconcia 2000, p. 82, nota 144. L. Mercando, in EAA I Suppl. 1970, inserisce C. Tites ( ) fra i marchi dubbi e frammentari. Sono altresì attestate le forme C. Titese (CIL XV 6850) e C. Titistci (CIL XV, 6718). È noto che tra il I sec. a.C. e il I sec. d.C. C. Titius era titolare di un atelier di vasellame in sigillata, ubicato in Italia centrale e ampiamente presente a Bolsena, «caratterizzato da numerosi casi di emancipazione tra il personale servile impiegato nella produzione; testimonianza di ciò sarebbe l’uso del suffisso Sta(tuliber) presente negli stampi», cfr. Maffioli 2010, p. 135, nota 212.

197 Si fa riferimento alla classificazione di Acconcia 2000, p. 45.

198 Cfr. anche Farka 1977, p. 304, n. 1243; Goethert-Polaschek 1985, p. 40, n. 102.

199 Barbera-Petriaggi 1993, p. 205, n. 165; p. 206, n. 166 per il motivo della colomba, pur se in una resa differente. Per il motivo dei triangoli, cfr. Barbera-Petriaggi 1993, p. 180, n. 139, p. 159, n. 4. Altri frr., molti dei quali con tracce consistenti di calce. sono pertinenti a lucerne del tipo a becco tondo, distinto da setto orizzontale e presa a traforo, impostata sulla spalla, tipologia assegnata da A. Acconcia tra la metà del I sec. d.C. al II sec. d.C.

200 Strazzulla 1976, p. 46 ss., fig. 15. Inserito nella ben più complessa problematica dell’inquadramento dell’inizio di una vera e propria produzione romana di terrecotte architettoniche, il frammento di lastra decorata con resti di un grande cespo d’acanto recuperata nello scavo di Largo Argentina, e datata dalla Strazzulla con un maggior grado di probabilità al secondo quarto del ii secolo a.C., introduce un dato di sicuro interesse nel quadro dei rapporti intercorrenti tra i grandi centri italici e Roma che, per tutto il ii secolo a.C., elabora ed impone modelli propri.

201 Confronta. solo nelle linee generali, la resa schematica delle pieghe dell’ampio telo panneggiato, teso a mo’ di parapetasma alle spalle dell’Arianna addormentata, sulle lastre che componevano lo spazio timpanale del frontone di Civitalba (Andrén 1940, tav. 99, I: 2, n. 357).

202 Massa-Pairault, Pailler 1979, catt. nt. 68-76, p. 50-53, figg. 49-56; p. 143-146, fig. III, 19a.

203 La Massa Pairault confronta la lastra con un piccolo acroterio di naiskos con protome femminile quadrata da due coppie di foglie d’acanto, la cti iconografia di influsso magno-greco, ben attestata da riproduzione ceramografiche e plastiche, trova, fra le sue molteplici espressioni, una delle più riuscite formulazioni all’intero dello spazio triangolare del frontone della tomba del Tifone di Sovana.

204 Maggiani 1992, p. 262, nota 35.

205 Cavalieri Manasse 1985-87, p. 149.

206 Archivio disegni presso SBA-EM.

207 Per i quali v. Balland 1971, p. 281 ss., fig. 105 a; Massa -Pairault 1979

208 Calloud-Ghizzoni Marcìa 2007, p. 248-249, fig. 6: tipo A3c.

209 Andrén 1940, pl. 43, III: 2, n. 142.

210 v. Fortunelli 2005, p. 273-274. Cf. anche la decorazione dell’anthemion delle lastre di rivestimento da Civitalba, in Landolfi 1994, p. 88, fig. 14.

211 Archivio disegni SBA-EM.

212 Cf. supra, p. 64, n. 3.

213 Marinucci 1976, in particolare cf. il frammento MT. Q Ia1, tav. 62.

214 Marinucci 1976, p. 133 ss.

215 Acconcia 2000, p. 91-92, tav. IX, b.

216 Bloch 1953.

217 Altre tre erano già state scavate dal proprietario del terreno: Bloch 1953, p. 42.

218 Bloch 1953, fig. 1.

219 Bloch 1953, p. 47. Oltre al rinvenimento di vasellame d’impasto e di bucchero, peraltro poco numeroso come risulta dagli elenchi di provenienza, l’impianto della necropoli all’età arcaica si basa sulla tipologia delle strutture funerarie: cfr. Prayon, 1975, p. 59.

220 Mentre le tegole e i mattoni, quest’ultimi descritti come mal cotti e di colore giallastro, furono attribuiti ad epoca preromana (Bloch 1953, p. 53), lo strato carbonioso fu identificato con i resti dell’incendio del tempio ad opera dei Romani nell’assalto alla città di Volsinii (Bolsena) del 264 a.C. (Bloch 1953, p. 54). Sul «suolo», senza ulteriore specificazioni furono raccolti anche numerosi frammenti di impasto e di bucchero (Bloch 1953, p. 54).

221 Da ultimi concordano sulla datazione all’età arcaica Tamburini 1998, p. 75-76 e Jolivet 2002, p. 373.

222 L’altura di Poggio Pesce costituisce. a tutti gli effetti, un’unità omogenea, e risulta pertanto fuorviante indicare la provenienza dei materiali solo con i nomi delle famiglie che, all’epoca dello scavo, erano proprietari dei terreni (Rossi ad ovest, Menichelli al centro e Battaglini ad est) come è ad esempio avvenuto per la presentazione del materiale epigrafico in Cristofani 1965, successivamente ripresa in Rix 1991; per l’attribuzione delle epigrafiche al contesto di rinvenimento v. Pellegrini in REE, LXXIX, cds.

223 Le sedici tombe a camera unica presentano un diverso orientamento rispetto a quelle del settore occidentale: le quattro esplorate dal Bloch sono orientate a nord-ovest, le altre, essendo scavate sul ciglio orientale del poggio, hanno l’ingresso rivolto ad est.

224 Le tombe individuate a Poggio Pesce sono complessivamente trentasei; ventidue quelle esplorate dal Bloch; la planimetria generale alla fig. 49, qui nuovamente fotografata e riproposta, è già presente in Buchicchio 1970, fig. 1 e, con maggior dettaglio, in Timperi 1994, p. 69-70, fig. 37.

225 Quattro delle cinque iscrizioni attestate a Poggio Pesce, redatte su coperchi di sarcofago, furono rinvenute nella tomba III; una. su un cippo di basalto dalla t. VII; cfr. M. Cristofani in REE 1964, p. 337-339 e E. Pellegrini in REE, LXXIX, cds.

226 Tomba 2 in podere Battaglini (fig. e): a fossa, con pietra rotta di chiusura a forma di coperchio (fig. a, b); in fondo acqua. Rinvenuti frammenti di ceramica rozza e campana. Inoltre uno specchio inciso frammentario; lo specchio (fig. c) era sotto la testa del defunto. Un piatto campano con bollo a palmetta. (fig. d)

227 La ricordata presenza di materiali d’impasto e di bucchero, in mancanza di specifici rapporti stratigrafici, non può avere un significato probante.

228 Appunti dell’assistente Schifano. «Nessun oggetto di particolare rilievo fu rinvenuto nello scavo ad eccezione di frammenti di terracotta rossi e neri».

229 Bloch 1953, p. 55-56, figg. 13-14, tav. VII, 1.

230 Colini 1935, p. 95 – 106; Andrén 1940, p. 204-213. Le lastre sono in corso di studio da parte di E. Pellegrini e S. Rafanelli.

231 G. Gamurrini in NSA 1882, p. 264.

232 S(ilvano) S(ancto) s(acrum) / C (aius) Vettius / Primitivus / basem c[um] / aedicul[la ––] / Silv[ani–––] / rest[ituit] (CIL XI, 2689). Nella raccolta municipale si conserva un solo frammento con le prime due lettere della 4 e della 5 riga e la 1 lettera della sesta riga. In successivi scavi condotti dalla famigli Vannini e in prossimità di una delle antiche strade, che delimitano e in parte attraversano il terreno, fu scoperto un cippo funerario con l’iscrizione: D. M. / CORON/ CANIAE / HILARITATI / LARCIVS / SATVRNINVS / C. B. M.

233 Archivio SBA.EM, prot. n. 4542 del 11/11/1966; prot. n. 1195 del 14/10/1986; v. anche infra 2.3.3.3. Il toponimo Melona è utilizzato per indicare un’ampia zona attraversata dall’omonimo fosso, in particolare, e specialmente in tempi passati, il vasto bosco che arrivava fino alla loc. Torretta (fig. 54), ancora in parte esistente.

234 Timperi 1987 e 1994, p. 12-16; il monumento è stato recentemente acquisito al Demanio statale.

235 Un tratto della strada consolare fu intercettata nel 1998 in prossimità del casale Melona: cfr. Timperi 1994, p. 12 e fig. 6.

236 Si ringrazia il dott. E. Pellegrini (SBA-EM) per la possibilità offerta di studiare il contesto e i materiali oggetto di tale lavoro e l’assistente sig. E. Severi e il sig. M. Pagliaccia per il supporto dato durante le campagne di scavo.

237 Le indagini archeologiche sono state affidate alla ditta Archeomedia s. c. di Viterbo e coordinate da S. Pregagnoli. Hanno collaborato, per il buon esito delle stesse, numerosi laureati e laureandi della Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell’Universrdinate da San xl class. Sainelle Pfr. bil tutvo.

Perami descbuzione delle strutturs Si fa riferimento Lugelli 5 37.

ngraate allo collabolazione coellIcostientNolazituale dGeofurisiga Vulcaronologio è stata possibeli effeuetare n mitesa di Poggid 2009i unn prpcceziongeoe1 lersticai effeuesata dalléacqpale del dottM.ni Mahffettigichhigavccidzggiao, la complessrdinatelle struttu: e fig 456.

costittata dtuf si rimnneggiati i stranificali munementi v.eMartini 1971, p36-. 37.

alcuni frammenti di bucchern vero Agranio sono sti e rinvenut8 in prossimità diurttigores) comi frammenti di ceramici d’impaste cosecuprafirte las unbr; unalucidstata lacca;ha tuttavro, in mancanza di une indaglle piÀampis Sn pun sol Prii stiare in dato di una frequentaziona dell’arei anche del ii sec. a.7.

Per riprndottvulcarifica dellpm>padatVule siti v.eMartini 1971, p46-1964, in particola, p. 58-.7.

Buchicchio 1970, p.864 e fig.;di unraltre si nuovi pressa il pasPoggiietri PoggiCasrrettale conbenelle e un rznto 8 in prossimità dePomente deDi tav.1970, p41-4 12 e fig.;t, Pailler 1985, p92270, fig308.

LUSMn. 1 12 . 13he delimitano ad e ate a noti glAmbig. at7te leunti alsueurauttursuronoeatilizzone coble occ se quadrut8 ii basaltoi e utiliono pertinenti e componenti architettonira decorssivapprovresti dmodanautturite fati pegi rae (USMn. 3095 – 3354).

Tale tegolsuronusaente ia genrse pil conosorafftauttur(mia seomam. 58 × 2354).

In questa sed, noo è stata possibelrepubbliiare ilstatogono comparto del materiali ceramoce conduperatellauade quantit;re so i pfnserita pertantoicare pis contomi dellt-vaela clasli ceramhe.a> Nelle tavole so deratelli pfnsesenzan i o perigich, no, hanni nuoaste cl froici ausrssi,ad ectnoto chp Per la lucer4).

Ve fig 8:7, nn1-4neLaSymPaglli 52705c.;tLo dehck7 e 1009X;t. n5 Dteresll 1899p. 30. n6neLaSymPaglli 5270. 19-; Dogenuv7 e 8-69: tipVIIa30. n70. nid.54).

(BolseIE 71, p. 2s., fig. 14.

La lastro cessrata nellbasmba ra, ersseI25na. v. Balland 1971, p. 281 sa> La lastra di PoggiM borti (lungh p. ,5 . cm× h pm s. c41 . cm× s, p.,2 . c),ro milata nelln partsecuperiorevapprovreaie di fati pe di codi,add ovavaarda parte de uf Prioso, caratterizzato da alcllt-vaquanta nellipresa iconograpoca dlretinto, che rrovavlungrto ui archttrani all’intsonoe, allsintsona dlr piccoledecifitreo ac14.

Balland 1971, p. 35.

rlamapecc,to Lucaica secondo qtanti segnat nomissa ico Rncenrihe, tronste cl fronto lavorvciolta ie queie, chadornoanno lastre dn maggiiLe dimensiona restitnate negli scavi condotto sullAnecropoli dP popoconi(l tempiC),hp Per li quali Cf. v, p.52s., fig456.

Balland 1971, p. 733 ss.

Balland 1971, p. 1-28270, fig2 14.

ii Ll teevaels utinistie le cronolotie centrr li que6, il frammento dS.ta A la telr vienad0, insere so e queaor dettica, a Bolsenadi al leb teonimgr sup e plastote in terracotta delr sono e quadrdio daudotto lo pettera restitnote negli scave della Mass -Pairault 1994, p.6581 ss., fig. III29a-b.)3). La prundata presenza do un cultiniaistdiogli stadiogziosirraa, a Bolseta nellbasmba so tergeneau identifictra con uBapempana94,otsarebbispncaterebbe lrnpntitazione del deissoil motiva iconograpdio defaconulsolo nli que6rn avensarnale mbianzrte de uEroee/Dgzioson,mbintro, annte ii alsunsaeel santuaapoli a restche deo cor senrariv>Volsieesseovssed l’allln par,igla vicisenzaliggo4,otsarebbnbuon clupoderr la possibilita di inserile laiguroca dlretinse nel quadro do un contest«e acematcri».

Massa-Pairault 1994, p23881 saIspncorato) coma sottolinerama studiica,ine modellneoadotcino attribribile alltmosf) erao aaiogziosirrcia tsmstessa dampleslindati, i«retins Mapreaalto allo petta»si rimo da all iconografia dEnos ani all’faczafia dDgziosonc pronutono in campaafia dEnotgni pressnalNe inia dNven».

C (C ) (C /oheén880-181992II76, p32205, n564>) Aront finPiosi iniercorrenza de) r)

Perdel rfimodr ross> v.orghurini 1998, p274; Larozrurini 2882, p.33-23 25.

Perdel rfimodnivdeeoteerprgentss> v.orghurini 1998, p279-281; Larozruri,ni 2882, p.5 -256.a> Cfr. anchPl n.to.

L stesstre dnertapdi, hanna forma dn pspaliepipemodr detiangor(mia seomami dim 0,7 × 0,7 × 0,9);6, il framment2 in rfimodr rossha a formtparazoid tal(mia s. 7,5 2 . di otti . 4,864 8,2t, lesbi,ne s1 saem 1,3);6, il framment2 ieerprgentsse è anllsorso da formtparazoid tal(mia s. 2,5 2 2,7 di otti . 4,3ti 5,1t, lesbi,ne s1 saem 1,154).

Pei tal: tipe dn rmnto v. nsabemosa, p.12-214; .orghurini 1998, p2230). La ssimcitntaziono nellfonenti i talm rmnteifhata nel I sec. a.C(Pl n.to. XXXVIII4854).

baaem 14 × 10;ii a.ne cosaem 18;le s1 saeomamPtiatiaem 1,5.a> CfrUymbdlli 2005, p4 35.

Se consersano iancpnto dellleoza, lacetaymbnto, lbr mantsecuperiora dlrebche, iancpnto dellsi co, elammosist, lpatquellet, lportazioln prossurali deal: bie. Deti segnareo, annte al rinvenimen,to nello strati di terma sotsturante lsudr deeeofossao di alcunprosorti a delaversone dellfa" laari deimpoih, noo in cnpressieo, at nocn».

NSA 2998, p339-3430) TgTamburini 1985, p 64I.2-16 Masiaa comifictrero poccrpoisibelpm>po e l titntomaronzstata dA.iM gran,ca secondr li que6,ter szedottoasarebroto pertinentidel santuaoà dePo ogget,à dei que6l La ssimnotizietr Rerale 1879:0, vM granni 19-i 1014.

Ve infra

nella rtera re. a tuomera da parte dlieuoas73.

ArchivioopnaA archeologane de RoliPa" lionAll te ss.

Archivio SBA-EM.

ArchivioD SBA-EM.

Ll i o o a forrizioni acquisnteu ello scavoo compaaent2 ia due campagn(s deembr7 e 5339 s deembr7 e 60),na provg sona negla Appunti dell’assistentA.iSndotleri dare unoi o maistdiaggiionala do scavo dell’assistentAmpleslinoaD lAramo; iio disegne del lioneza dei materiale rinvenute sono consertgni pressnll’Archivio disegno de lo SBA-EM.

lioni pressnfigii resa deSSna.

ibeyni 1094, p. 639 s figg, coa datazion, esszecialmente nellmbesito del I secd a.C(epocauguteeo-tulibtria54).

La rercisa allCchiestai Grecott dillast orierate nellmbesito do uripoggetteuunsiottddel froi) ere coordinona dlrrof.dS.tStodd pali dell’Universrdin dilmbrrdgnte.

Peoerma lora da parte nella termaiginestatipelacgio è stati oggetto da studna: cfrMe afoelli 10;ieuuni materialienegli scavR.a> Bloc, ancori pressnllÉcavolfrançaitesaede Rar> v, Peoerm)12 701,ni 2998, p202-20 35.

ilvac(m>2.2.2.)87, p1979Porcmmon(m>2.3.3.)87, p9373.