Navigation – Plan du site
Famiglie al confine

I Consorti di Tolmino. Un’alleanza tra famiglie con interessi oltre confine (secoli XIV-XVII)

Aleksander Panjek

Résumés

Il contributo tratta l’area dell’alta valle dell’Isonzo che, dopo un secolo di appartenenza alla Repubblica Veneta seguito all’acquisizione del Patriarcato di Aquileia, dall’inizio dell’età moderna passò alla sovranità Asburgica. Alla fine del ‘500 gran parte degli introiti fondiari e amministrativi spettava però ancora a un gruppo di famiglie radicate sul territorio, i « Consorti di Tolmino », residenti nella vicina città di Cividale del Friuli, in terra veneta. La parabola storica dei Consorti di Tolmino si presta bene all’indagine dei rapporti tra strategie famigliari, confini territoriali, opportunità economiche e sistemi sociopolitici. Essa inizia, infatti, nell’ambito storico del Patriarcato d’Aquileia nel 1379, continua in quello della Repubblica di Venezia (dal 1420), è segnata dal nuovo confine veneto-asburgico (1509-1521), per svolgersi infine in terra asburgica fino all’epilogo nel 1607, ed è costituita dalla storia dei possessi e dei diritti vantati dai Consorti di Tolmino e dalle strategie che misero in atto per affermare e difendere i propri interessi sul lungo periodo e in diversi contesti storici. Il contributo traccia la loro parabola storica, in particolare nel contesto della riorganizzazione dell’ordinamento amministrativo e feudale cinquecentesco seguito all’affermazione della sovranità asburgica su questo territorio abitato da popolazione slovena.

Haut de page

Texte intégral

1La parabola storica dei Consorti di Tolmino si presta piuttosto bene all’indagine dei rapporti tra strategie famigliari, confini territoriali, opportunità economiche e sistemi sociopolitici, temi e aspetti il cui intreccio segna in qualche modo il perimetro delle questioni affrontate in questa sede. Essa inizia infatti nell’ambito storico del Patriarcato d’Aquileia nel 1379, continua in quello della Repubblica di Venezia (dal 1420), viene segnata dal nuovo confine veneto-asburgico (1509-1521), per svolgersi infine in terra asburgica fino al proprio epilogo nel 1607, ed è costituita dalla storia dei possessi e dei diritti vantati da un gruppo di famiglie di Cividale nel terriorio di Tolmino nell’alta valle dell’Isonzo. Ancora alla fine del ‘500, il grosso degli introiti fondiari e amministrativi di Tolmino asburgica spettava a questo consorzio di famiglie ben radicate sul territorio, titolari della gastaldia, residenti nella non lontana Cividale, in terra veneta. Evidentemente, a quasi un secolo dal mutamento di sovranità non si erano ancora sciolti i legami tra l’area di Tolmino e Cividale, e quindi il Friuli veneto. Il contributo si propone di delineare la parabola storica dei Consorti di Tolmino, in particolare nel contesto della riorganizzazione dell’ordinamento amministrativo e feudale, seguito all’affermazione della sovranità asburgica su questo territorio.

  • 1 Kos 1948, p. 44. La trascrizione del documento attestante la cessione del 1379 è pubblicata in Jopp (...)
  • 2 La trascrizione del documento che registra la concessione è pubblicata in Joppi 1891, p. 33-35.
  • 3 Joppi 1891, p. 38.

2Gli inizi della lunga vicenda dei Consorti di Tolmino possono essere individuati nella concessione « del castello, della corte e della gastaldia del distretto di Tolmino, con tutti i suoi diritti e giurisdizioni », fatta nel 1379 dal Patriarca di Aquileia a favore del Comune di Cividale, in cambio di 5.600 marche. Non era la prima volta che il Patriarca cedesse cedeva alla città di Cividale diritti e competenze su Tolmino, e anche se questa concessione era limitata a sei anni rinnovabili, ma di fatto Tolmino non tornò mai sotto il diretto controllo patriarcale, ma rimase a Cividale che ottenne ripetute conferme della cessione1. Immediatamente dopo averne preso possesso, il Comune di Cividale, a soli dieci giorni dalla concessione patriarcale, concesse il castello, la corte e la gastaldia di Tolmino « con tutti i diritti, pertinenze, giurisdizioni, frutti e redditi » a un gruppo di cittadini cividalesi : metà del complesso veniva assegnata a Nodono q. Nicolai Zugliani, l’altra metà invece a Ser Ottachus q. D. Nicolai, Johannesantonius q. Gabrii, Antoniusgallus q. Ser Galli, Antonius q. Folci ed Henrico q. Fulcherini, per complessive 6.000 marche2. Tre anni più tardi, nel 1382, il consiglio del Comune di Cividale elesse Bortolomeo figlio di Antonio Folci, uno dei « consorti » cui la città aveva ceduto il castello, la corte e la gastaldia, alla carica di capitano nel castello superiore di Tolmino : elemento interessante del documento comprovante l’elezione è che riporta la dichiarazione del « mag. Thomas Physicus q. Nicolai Zuyes de Civ. Austria » (Cividale), fatta a nome proprio e dei propri fratelli, e che Joppi identifica con i Formentini, « di non voler essere ritenuti responsabili della perdita del castello di Tolmino, se mai avvenisse per incuria del capitano »3.

  • 4 Rutar 1882, p. 54.
  • 5 Stasi 2001, p. 245.

3Oltre a rivelare l’esistenza di dissidi interni al gruppo, ciò comprova la cointeressenza il coinvolgimento dei Formentini in questo primo gruppo di persone e famiglie che ottennero i diritti fondiari e giurisdizionali a Tolmino dal comune di Cividale. In effetti Rutar menziona « Nedone e Tomaso Fisico Formentini » quali « capi dei nobili tolminesi » nel 13824, da identificare con i sopra citati Nodono q. Nicolai, che aveva acquisito la metà del complesso dei diritti legati al castello, corte e gastaldia di Tolmino, e Thomas Physicus q. Nicolai. Anche altre fonti attestano infatti che nella seconda metà del Trecento i Formentini sono già stabiliti a Cividale, possiedono vasti beni nelle valli del Natisone ed « entrano a far parte del consorzio nobile del castello di Tolmino »5.

  • 6 Ibid., p. 246.

4Il castello e la gastaldia di Tolmino rimasero a Cividale anche dopo la conquista del Friuli patriarcale da parte della Repubblica di Venezia, avvenuta nel 1420. Da parte loro i Formentini continuarono a far parte del consorzio nobiliare tolminese anche nel Quattrocento, secolo in cui acquistarono anche il castello di Cusano6, e sarebbero stati gli esponenti di maggiore rilievo dei Consorti di Tolmino nel Cinquecento, quando tra i consorti venivano menzionati anche i « Cusani ». I Formentini sono una delle famiglie che in età moderna operano su entrambi i versanti del confine veneto-asburgico. Alcuni dei discendenti dei diversi rami operavano in territorio veneto, altri si integrarono nel sistema asburgico.

  • 7 Archivio di Stato di Udine (ASU), Documenti storici friulani, b. 4, No. 304, c. 434v-435.

5I Consorti di Tolmino non rappresentavano l’unico esempio di possessi cividalesi nell’alta valle dell’Isonzo. In un’adunanza dei capifamiglia appartenenti alla giurisdizione di Cividale, a famiglie cividalesi e a enti ecclesiastici contermini, svoltasi a Cividale nel 1508, quindi nel primo anno della guerra che avrebbe portato al passaggio dell’alta valle dell’Isonzo in mano asburgica, fu redatto un elenco dei fuochi soggetti, il cui scopo è individuabile nell’organizzazione della difesa sul territorio. In esso sono elencati, tra gli altri, i fuochi riconducibili a Cividale presenti nella valle laterale di Caporetto (Kobarid), una zona che controlla la via d’accesso alla città e alla pianura friulana lungo la valle del Natisone, ma anche un’area che la Repubblica Veneta stava per perdere : appartenenti alla giurisdizione dei consorti « de Tor e de Valvason » 33 fuochi a Caporetto, alla giurisdizione nobile di Pietro del Tor « Cives Cividati » 13 fuochi a Sužid, alla giurisdizione dei consorti « de Zucho » 10 fuochi a Staro selo, 4 a Trnovo, 6 a Stanovišče e 7 a Logje, alla giurisdizione di XXX 25 fuochi a Drežnica, sotto l’Abazzia di Rosazzo 13 fuochi a Kred, 12 a Borjana, 12 a Homec e Sedlo, e sotto Tricesimo 19 a Breginj ( ?). L’elenco si chiude menzionando « Li homini de Plezo [...] che sono foghi 70 »7. Anche l'area di Plezzo era di importanza strategica per il controllo delle vie d'accesso a Cividale e a tutto il Friuli, e anch'essa sarebbe andata persa da Venezia.

  • 8 Rutar 1882, p. 84-85 ; riguardo alla mobilitazione della popolazione in difesa della Repubblica Rut (...)

6All'organizzazione delle difese venete contro gli arciducali parteciparono anche i Consorti di Tolmino. I « capi dei nobili tolminesi » Leonardo Manzano e Giovanni Formentini nel febbraio 1508 adunarono la popolazione concludendo un accordo in base al quale i Tolminesi si impegnavano a difendere la Repubblica Veneta dinanzi al nemico, garantendo 620 uomini armati. L’anno seguente Federico e Paolo Formentini difesero con successo il castello di Tolmino, declinando l’offerta di arrendersi alle truppe arciducali8.

7Dopo il passaggio agli Asburgo all’inizio del Cinquecento, il territorio di Tolmino attraversò un lungo periodo di assestamento istituzionale, punteggiato da episodi di ribellismo rurale. Dagli anni ‘20 del Cinquecento agli anni ’20 del Seicento all’intrico di diritti sulla terra corrisposero ripetuti avvicendamenti nelle frammentate posizioni di potere. Dagli ultimi decenni del Cinquecento si percepisce infine la tendenza, seppure incerta e a tratti contraddittoria, a una più decisa ed efficace affermazione del potere arciducale su questo territorio, a lungo legato a Cividale e dagli anni ’20 del Quattrocento anche alla Repubblica Veneta, che avrebbe avuto come esito secentesco la stabilizzazione e semplificazione istituzionale e patrimoniale. Parte di questa semplificazione fu anche la fine della parabola storica dei Consorti di Tolmino.

  • 9 ASU, Documenti storici friulani, b. 1, No. 59, c. 78.
  • 10 Steiermärkisches Landesarchiv (StLA), Innerösterreichische Hofkammer – Sachabteilung (IÖHKS), b. 11 (...)
  • 11 Porcedda 2001, p. 233.

8Un elemento che indeboliva il completo controllo absburgico sull’area e che risaliva al periodo patriarchino era il diritto alle decime, che spettava al Capitolo di Cividale, il quale lamentava continue difficoltà nella riscossione nonostante gli indebiti pagamenti cui veniva costretto dal capitano di Tolmino. Il rapporto fu difficile fin dagli inizi. Lo attesta un frammento di un atto del notaio Girolamo Nicoletti, agente come sindaco del Capitolo di Cividale, che recatosi al castello di Tolmino per ottenere dal capitano asburgico la possibilità di raccogliere i proventi dei diritti del Capitolo, si sentì rispondere che egli non permetteva né intendeva permettere ad alcun suddito o istituzione veneta di esigere aggravi o proventi nel Tolminese, nemmeno se glielo avesse ordinato lo stesso arciduca, finché non fosse riuscito a rientrare della somma di 24.000 ducati, sborsati per ottenere il capitanato e per la riparazione del castello9. Sebbene il documento non arrechi porti alcuna data, il tono della risposta induce a ritenere potesse possa trattarsi di Neuhaus, primo capitano di Tolmino per conto degli Asburgo, noto anche per aver indotto la popolazione locale a una rivolta contadina per la esosità e arbitrarietà della contro la sua gestione del territorio. Nel 1569 il Capitolo protestò per la crescente esosità delle richieste, evidentemente arbitrarie. Da parte sua, il capitano di Gorizia in una memoria sottolineò come ogni diritto e pretesa del capitolo in territorio arciducale fossero di per sé lesivi della sovranità del principe10. Ma sul fronte dei rapporti con il Capitolo di Cividale ben poco poteva essere fatto, in quanto i diritti degli enti ecclesiastici risalivano all’età dei patriarchi di Aquileia e mettendoli in discussione si rischiavano ripercussioni nei rapporti con Roma. La questione era in verità più ampia, dato che proprio in quegli anni, al sinodo del 1565, la parte arciducale aveva posto per la prima volta la richiesta di istituire una diocesi autonoma nella parte asburgica del Patriarcato d’Aquileia11. L’erezione di una sede vescovile a Gorizia fu un obiettivo che da allora in poi per tutta l’età moderna la nobiltà goriziana tentò, invano, di ottenere. E il Capitolo di Cividale continuò a riscuotere le decime tolminesi anche nei secoli a venire in un clima di reciproca diffidenza.

9Torniamo però ai Consorti per tentare di delinearne la parabola cinquecentesca e quindi le vicende legate al loro inserimento nel sistema istituzionale e sociale asburgico, che non avvenne senza problemi, come è possibile supporre già solo in base all’esperienza, riportata più sopra, del notaio al servizio del capitolo di Cividale. Del resto, come si è visto, i Consorti di Tolmino avevano preso parte attiva nella guerra contro gli arciducali, e ora si ritrovarono nella condizione di dover trovare un modus vivendi e mantenere il possesso di Tolmino nell’ambito del sistema politico e istituzionale della parte che avevano fermamente combattuto.

  • 12 Si veda per esempio Morelli 1856, p. 65-67.
  • 13 ASPG, Confini, b. 364/II, cc. 258-261. Da una lettera firmata dai Consorti di Tolmino nello stesso (...)

10La guerra veneto-asburgica d’inizio Cinquecento e il successivo trattato di pace siglato a Worms nel 1521 avevano lasciato molte questioni aperte riguardo il tracciato del confine, la restituzione dei luoghi occupati e la regolazione dei diritti di possesso nel territorio transfrontaliero. Sul versante friulano-goriziano alcuni aspetti non furono mai definiti, dando adito a uno stillicidio di vertenze, tentativi di definire il confine, sconfinamenti e scontri nell’area di confine, che continuarono fino alla caduta della Repubblica Veneta alla fine del Settecento. Diversi aspetti furono invece stabiliti con il Compromesso di Trento del 17 giugno 153512. È interessante notare come fra i punti della sentenza compromissoria trentina fossero esplicitamente menzionati i Consorti di Tolmino, segno che si erano attivati e avevano saputo muoversi con successo, riuscendo a far inserire nell’importante documento diplomatico bilaterale la tutela dei propri interessi oltreconfine. Vi si legge che i « nobili consorti di Tolmino devono essere conservati nel possesso della Giurisdizione di prima istanza, della corte e delle ville soggette », che « devono essere reintegrati in tutti i regalia concernenti la caccia e la pesca, che sono soliti percepire dalla contrada e fiume di Idria », compresa la facoltà di concedere in locazione il diritto di pesca. Inoltre, i Consorti di Tolmino e « la signora Giovannina de Portis a nome dei suoi figli minori devono essere reintegrati, se già non lo fossero stati, nel possesso dei monti Scala e Plasca, con i loro diritti e pertinenze », nonché nel possesso di altri due « monti » (alpeggi) nel distretto di Plezzo13.

  • 14 ASU, Documenti storici friulani, b. 4, No. 393, c. 213.
  • 15 Morelli 1856, p. 115.

11L’integrazione dei Consorti di Tolmino entro il sistema istituzionale asburgico e il mantenimento dei diritti sotto il nuovo sovrano, comportavano anche qualche prezzo : così una ricevuta emessa nel 1542 comprova che i « Consorti sonno obligati a pagar ogni anno per causa dela Custodia del Castel de Tolmino ala Sacra Regia Maestà dei Romani » 72 marche, pari a 576 lire venete14. Ad ogni modo i Consorti di Tolmino riuscirono a entrare a far parte della nobiltà della Contea di Gorizia asburgica, della quale faceva parte nella quale rientrava il distretto (ormai capitanato) di Tolmino, verosimilmente entro la metà del Cinquecento. Il Morelli, infatti, tra le « famiglie e consorzi laici, che prima dell’anno 1569 poteano sedere, e aver voce nelle pubbliche adunanze » della « nobiltà patrizia » della contea annovera anche i « Formentini consorti di Tolmino »15.

  • 16 Della Bona 1856, p. 79.

12Nello stesso periodo un’altra famiglia cividalese riuscì a ottenere un importante riconoscimento di diritti nell’alta valle dell’Isonzo, in territorio asburgico : nel 1566 fu infatti concessa « ai consorti Zucco a titolo di feudo, la giurisdizione delle ville di Caporetto, Starasella ecc. presso il ponte Isonzo nella valle di Tolmino »16. Come si è avuto modo di notare più sopra nell’elenco dei fuochi ‘cividalesi’ nell’area di Caporetto, stilato nel 1508, gli Zucco vantavano diritti giurisdizionali su questi villaggi almeno dal tempo in cui l’alta valle dell’Isonzo apparteneva alla Repubblica Veneta.

  • 17 StLA, IÖHKS, b. 117, f. 1. L’incartamento riporta due bozze di tale ordine, una in versione italian (...)
  • 18 ASU, Documenti storici friulani, b. 4, No. 429 e 430.

13Nel 1573 Maximilian von Dornberg, che in quegli anni trattava la definizione dei confini con la Repubblica Veneta (altra vexata quaestio irrisolta dell’età moderna goriziana), inviò all’arciduca Carlo una descrizione non molto incoraggionte della condizione in cui versava la sovranità absburgica nelle valli dell’alto Isonzo. I Consorti di Tolmino avevano la prima istanza su un considerevole numero di sudditi, ma risiedevano a Cividale. Così i tolminesi si vedevano costretti a ricorrere a notai « veneti » e più in generale a rivolgersi in territorio veneto per le questioni che li riguardavano. Il giudizio d’appello spettava al capitano, ma i Consorti negavano la collaborazione e non mandavano gli incartamenti a Tolmino per la fase successiva dei processi. Gli atti e i protocolli del notaio del tribunale della signoria di Tolmino continuavano a essere conservati oltre confine e i Consorti si rifiutavano di consegnare ai commissari arciducali i protocolli del precedente Schreiber e del notaio del tribunale. Maximilian Dornberg osservava che, rivolgendosi i sudditi tolminesi ormai da lungo tempo in terra veneta, « può sembrare che questi luoghi siano in territorio veneto ». Per questa ragione già il padre dell’arciduca Carlo aveva ordinato che gli atti non venissero fatti stendere a notai stranieri e che i protocolli fossero formati in loco e che dovessero rimanere in territorio arciducale. Dato che però questo ordine evidentemente non aveva avuto effetto, Dornberg consigliava di formulare un ordine più formale e in latino, in cui non soltanto si ordinasse che gli atti, le scritture e i sudditi debbano avrebbero dovuto rimanere imperturbati in territorio arciducale, ma che anche i Consorti si trasferissero si sarebbero dovuti trasferire in terra arciducale, a Tolmino17. Nello stesso anno 1573 si fece sentire anche la comunità rurale di Tolmino, con proteste riguardanti il mancato rispetto delle proprie consuetudini e competenze in materia giudiziaria, da parte dei Consorti di Tolmino18.

  • 19 StLA, IÖHKS, b. 118, f. 2, cc. 351-400.

14Fosse sulla base di questa iniziativa o meno, sta di fatto che nel dichiarare « le Intrate del Magnifico Consortio di Tulmino », nel 1588 Giovanni Formentini a nome dei consorti osservava essere « due delli signori consorti obligati a rissieder in Tolmino per administrar giustitia alli suditi, et per scoder dette intrate de Commune »19. Il trasferimento era quindi avvenuto, seguito dai documenti del tribunale.

  • 20 StLA, IÖHKS, b. 117, f. 6, cc. 19r-24v. La maggiorazione delle rabotte comportava un ricavo illecit (...)

15La situazione nel capitanato di Tolmino non era però problematica soltanto per le perturbazioni causate dai persistenti legami transfrontalieri, ma anche per il malgoverno interno. Nel 1593 il funzionario camerale Gregor Comar stese un’impietosa relazione sugli abusi commessi dai vari amministratori negli anni precedenti a danno delle casse erariali. La muda di Volče rendeva più di quanto veniva dichiarato, i tributi dovuti per il legnatico erano stati raddoppiati, venivano richieste più rabotte (corvées) di quanto fosse prescritto e fatte pagare in denaro, i proventi delle multe per contrabbando venivano intascati senza essere contabilizzati20.

  • 21 Panjek 2002, p. 181-183.

16Da parte arciducale vi era una notevole indecisione su come regolare e sistemare le questioni giuridico-amministrative e istituzionali nel Tolminese, che corrisponde del resto a una più generale « indecisione al potere », ravvisabile in particolare tra l’ultimo decennio del Cinquecento e il primo del Seicento nella gestione degli affari economici e in particolare commerciali nell’entroterra adriatico asburgico21. Nel nostro caso, la signoria su Tolmino fu dapprima riconosciuta ai Consorti, poi intervenne un ripensamento e fu incamerata, diventando con ciò proprietà erariale dell’arciduca (1597).

  • 22 StLA, IÖHKS, b. 118, f. 2, cc. 414-510.

17Nel 1600 fu inviata nel Tolminese una commissione camerale, guidata da Julius von Paar, col compito di stilare l’urbario riformato della signoria di Tolmino, un’operazione che comportava la necessità, ovvero il compito, di mettere ordine nella situazione creatasi. Nel corso dell’opera di riforma dell’urbario di Tolmino i commissari si scontrarono con una realtà complessa e intricata di diritti sulla terra. Si effettuò la registrazione dei coltivi che erano fino ad allora sfuggiti all’evidenza tributaria, si controllarono e confermarono i diritti del Capitolo di Cividale sulle decime e si verificarono quelli dei Consorti e di altri « particolari », soprattutto nell’area di Caporetto dove più diffuso era il possesso fondiario di nobili e cittadini cividalesi e friulani in genere. Possedevano allora aziende rurali o singoli terreni nel Tolminese, percependone gli affitti, almeno i seguenti sudditi veneti : i fratelli Leonardo e Pontero Manzani, Gioan Lonardo Boseti (Busechio, cancelliere di Tolmino, sui cui beni i fratelli Daniele, Rainero e Peruzzo de Puppi vantavano diritto di riscatto), Flaminio Puppo (Puppi), Andrea Pacifico di Cividale, Nicolo Clarecino, Iuvan Cociancig de Vernas, Bartholomio e Nicolò del Torre, Zuan Toni di Cividato, Zenon de Portis. A Caporetto vi erano i possessi di un consorzio di feudatari (Hermes conte di Porcia, Valentino e Cesare Valvasoni, i figli del q. Curtio di Torre) che si qualificavano « possessori antichissimi di quella Giursdittione e beni per centinara e centinara d’anni » e « veramente Feudatarij di Sua Altezza Serenissima » l’arciduca, sottolineando al contempo la loro estraneità ai possessi dei Consorti di Tolmino, « possessori pignoratitij ». Altrettanto significativo del numero di interessati veneti in territorio arciducale, appare il fatto che le stesse transazioni, consegnate ai commissari a riprova dei propri titoli, sono compravendite tra sudditi veneti, concluse per lo più a Cividale22.

18Come in ogni vicenda intricata con grossi interessi in gioco che si rispetti, anche in questo caso vi fu una lettera anonima indirizzata al commissario Paar riguardo ai consorti di Tolmino e ai membri della famiglia cividalese Puppi :

19La haviso qualmente che un giorno a caso io sentij a leggiere la locatione fatta dalli Illustrissimi Patriarchi de Aquilegia, cioe la Signoria de Tulmino alla Magnifica Comunita de Cividale de Friuli, et cosi raggionando con altri delli Consorti de Tulmino, et con altri particolari de questa Signioria, dove che dissero che errano molti beni di quella Signioria allienati doppo la detta locatione da essi consorti, a diverse persone, et etiam contadini, oltre che Gientilhuomini, ma alli gientilhuomini ne siano allienati molti alli Signori Puppi, et gli detti ne hanno allienati ad altri, et usciti fora de casa loro per via de donne – ovvero per le doti delle sorelle Hieronima Puppa e Gienevra – poi li q. Signori Antonio, Lenardo et Nicolao Puppi per la sua portione comprata dalli consorti li permutarono con lo Illustre Signor Supremo comendatore dell’Austria inferiore et a suoi fratelli Signori Sipione et Francesco Formentini, pigliando una sua casa in Cividale situata sopra la rippa de Porta Bresciana confinante con il monasterio de Santa Maria in Valle. La portione che havevano li Signori Daniele Peruzo et Rainero Puppi consegniorono la sua portione in dotte a una sua sorella maritatta nel Dottore del Mestri de Cormons, et esso Dottore ha datti beni a M. Lenardo Buseti Cancegliero de Tulmino.

  • 23 Ibid., c. 410.

20Ma vi erano anche « quelli de casa de Portis de Cividale del Friuli, da Udene gli Protestagni [...] et a contadini per tutto il territorio ano esurpato molte commugnie, et ancora aplicate a chiese beni comugniali, et comprati dalli detti Signori consorti ». Anche la conclusione della missiva anonima è da manuale : « La me perdoni se io non me sottoscrivo arispetto che se gli detti Signori sapesero me fariano amazare come fecero al Signor Zuane Formentino ma ho causa da fare questo contra de loro »23. Un intrico di passaggi che, per quanto qui maggiormente importa rilevare, avvenivano da una parte all’altra del confine e viceversa, ma che forniscono anche qualche una conferma contemporanea della ricostruzione storica riportata più sopra.

21Con l’opera della commissione guidata da Paar e la formazione del nuovo urbario della signoria di Tolmino, si posero le basi per porre fine a un lungo periodo di sostanziale anarchia, durante il quale il potere arciducale era rimasto sostanzialmente limitato alle competenze del capitano, mentre tutto il resto era stato lasciato quasi a una sorta di sviluppo spontaneo. In questa situazione si era affermato e rafforzato un gruppo di piccoli e medi nobili, i Consorti di Tolmino - tra cui spiccano i Formentini, da tempo radicati sul territorio - che costituiva di fatto il gruppo di potere locale. L’operazione consentì di mettere ordine nella situazione locale e, in prospettiva, di incidere sui legami di dipendenza di Tolmino da Cividale, per lo meno nella misura in cui essi erano riferibili ai consorti.

  • 24 StLA, IÖHKS, b. 117, f. 5.

22In un primo momento però, i beni tolminesi che erano stati incamerati nel 1597 furono nuovamente concessi in feudo ai medesimi Bartholomeus Formentini, Pontar Manzan, Leonhard Cusan e consorti (1604). La nuova concessione (in pegno) ai Consorti di Tolmino non comprendeva però la giurisdizione, le regalie e l’« ufficio » di Idria24, dove operavano le importanti miniere di mercurio.

  • 25 StLA, IÖHKS, b. 117, f. 10 e f. 11.

23È comunque da notare come, negli stessi anni, un altro rappresentante della famiglia, Gasparo Formentini, era capitano di Tolmino, cioè rappresentante del potere arciducale sul territorio. Al capitano spettavano allora il castello di Tolmino « con tutte le sue regalie, rabotte, superiorità, ragioni, utili et interessi ». Il titolo di capitano era stato ottenuto in pegno (Pfandt) da Gasparo in cambio di un versamento di 6.500 fiorini alla Camera. Gasparo effettuò anche dei lavori di riparazione del castello di Tolmino, stimati nel 1601 a quasi 1.200 fiorini (3.742 lire venete)25.

  • 26 Maria era vedova di Gaspare, figlio del fratello del summenzionato Maximilian Dornberg, autore dell (...)
  • 27 StLA, IÖHKS, b. 117, f. 11.
  • 28 StLA, IÖHKS, b. 119, f. 1.

24Pochi anni più tardi vi fu però un nuovo, e questa volta definitivo, cambiamento di rotta : Tolmino fu concessa in pegno a Maria vedova Dornberg e al figlio minorenne Caspar Veit (1607)26. Per la prima volta la signoria e il capitanato vennero ceduti insieme, riunendo nelle mani di un unico titolare competenze fino ad allora distribuite tra diverse autorità e percettori : il capitanato e il castello, le entrate del Rentmeister camerale e quelle dell’ufficio del Landgericht, la cancelleria, più « tutto ciò che pertiene alla signoria »27. I diritti di carattere signorile dei Consorti di Tolmino decaddero definitivamente e i Dornberg ne acquistarono le terre28.

  • 29 StLA, IÖHKS, b. 117, f. 11.

25Nella concessione a Maria vedova Dornberg vengono specificati alcuni obblighi, ovvero prese alcune precauzioni dettate dal fatto che Tolmino era castello di confine. Nel castello rimanevano quattro soldati imperiali pagati dal « Kriegsrat friulano » (asburgico), mentre al detentore del castello viene vietata qualsiasi iniziativa bellica autonoma o di alleanza con l’eventuale nemico, cioé Venezia, senza conoscenza ed espresso ordine dei superiori arciducali. Si richiede inoltre di controllare diligentemente il territorio per impedire il forte contrabbando di bestiame e altre merci esistito in passato (ma che sarebbe continuato in futuro)29.

  • 30 Ibid.

26Nel 1623 la signoria e capitanato di Tolmino fu alienata al barone Caspar Veit von Dornberg, che contestualmente rinunciò alla somma versata per il pegno. La Pfandsumma ammontava a 66.500 fiorini e la concessione comprendeva l’alta e bassa giurisdizione e i boschi delle comunità rurali. Fu invece escluso il distretto di Idria dove si trovavano, come ricordato, le miniere di mercurio. Il fatto che Tolmino fosse un castello di confine suggerì il mantenimento di precauzioni particolari. Nel castello rimanevano di stanza quattro soldati arciducali, mentre al detentore era vietata qualsiasi iniziativa autonoma nei confronti dei veneti. Il feudo prevedeva la successione in linea maschile, all’estinzione della quale sarebbe stato incamerato. Per i possessi fondiari acquistati direttamente dai consorti, Dornberg ottenne (1627) una concessione feudale specifica, che ovviava alle sue difficoltà di ottenere dai precedenti detentori i documenti a comprova dell’avvenuta transazione. Contestualmente Dornberg strappò all’arciduca il riconoscimento (limitatamente ai possessi già consortili, da cui erano quindi esclusi la giurisdizione, i regàlia – pesca, pedaggi, legname e simili – gli usurpi o novali e il distretto minerario di Idria) della successione anche in linea femminile, dato che non aveva discendenti maschi. Vane furono invece le ripetute richieste dell’acquirente di includere nella cessione anche delle foreste. I boschi « alti e negri » tolminesi rimasero di competenza dell’Ufficio forestale arciducale con sede a Gorizia : il legname doveva servire per necessità belliche30. Il signore e capitano dovette rinunciare anche al diritto di esportare annualmente trecento buoi in territorio veneto in esenzione da qualsiasi imposta doganale, che risaliva al 1607 e gli aveva consentito di trarre vantaggio dal traffico di bovini che attraversava il Tolminese.

  • 31 StLA, IÖHKS, b. 119, f. 1., cfr. anche Rutar 1882, p. 101 e 102.

27Caspar Veit Dornberg morì però nel 1633, sicché la vicenda tolminese della famiglia, segnata anche da uno dei maggiori episodi di rivolta contadina nella zona, si concluse rapidamente oltre che infelicemente, anche da un punto di vista strettamente economico. Signoria e capitanato furono infatti incamerati e immediatamente concessi a un nuovo beneficiario, Maximilian Breuner31. L’avvento dei Dornberg a Tolmino rappresenta ciò nonostante un momento chiave nella storia di questo territorio : è infatti in questo periodo che avviene quella semplificazione e razionalizzazione istituzionale e amministrativa che comportò l’identificazione tra signore e capitano. Alla metà del Seicento il doppio titolo di signore e capitano di Tolmino fu assunto dai Coronini, una delle maggiori famiglie della nobiltà goriziana nel Sei e Settecento, che lo mantennero con continuità per oltre un secolo, periodo durante il quale si confrontarono con la più grande sollevazione dell’alta valle dell’Isonzo in età moderna, la rivolta di Tolmino del 1713.

  • 32 StLA, IÖHKS, b. 117, f. 11.
  • 33 Stasi 2001, p. 246.

28Nello stesso anno in cui la signoria e capitanato di Tolmino fu alienata al barone Caspar Veit von Dornberg, nel 1623, Gasparo Formentini rinunciò definitivamente ad ogni sua pretesa sul capitanato e sul castello di Tolmino32 e ottenne, insieme a tutto il ramo goriziano della famiglia, il titolo di barone del Sacro romano impero con i predicati di Tolmino e Biglia33.

29Si concludeva così la parabola storica dei Consorti di Tolmino che, iniziatasi alla fine del Trecento per spegnersi nel primo Seicento, durò quasi 250 anni, periodo in cui essi riuscirono ad adeguarsi a tre sistemi istituzionali e sociali, quello patriarchino, veneto e asburgico, riuscendo a difendere e mantere i propri diritti e prerogative attraverso quattro secoli di storia nell’area di confine tra terre friulane e slovene.

Haut de page

Bibliographie

Della Bona 1856 = G. D. Della Bona, Osservazioni ed aggiunte, in C. Morelli, Istoria della Contea di Gorizia, I, Gorizia, 1856.

Joppi 1891 = V. Joppi, Documenti goriziani del secolo XIV (continuazione), in Archeografo Triestino, n.s., XVII, 1891, p. 28-31.

Kos 1948 = M. Kos, Srednjeveški urbarji za Slovenijo, II, Urbarji slovenskega Primorja, I. del, Lubiana, 1948.

Morelli 1856 = C. Morelli, Istoria della Contea di Gorizia, I, Gorizia, 1856.

Panjek 2002 = A. Panjek, Terra di confine. Agricolture e traffici tra le Alpi e l’Adriatico : la contea di Gorizia nel Seicento, Gorizia, 2002.

Porcedda 2001 = D. Porcedda, Vito di Dornberg, in Divus Maximilianus. Una contea per i goriziani 1500-1619, Gorizia 2001.

Rutar 1882 = S. Rutar, Zgodovina Tolminskega, Gorica, 1882.

Stasi 2001 = A. Stasi, I Formentini, in Divus Maximilianus. Una contea per i goriziani 1500-1619, Gorizia, 2001.

Haut de page

Notes

1 Kos 1948, p. 44. La trascrizione del documento attestante la cessione del 1379 è pubblicata in Joppi 1891. Copia del documento attestante l’ultima conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ripetizione dei diritti e pertinenze è menzionata la somma di 6.000 marche, è conservata in Archivio Storico Provinciale di Gorizia (ASPG), Politica II, bf 1, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>2f="#bo1 Kos 1948, p. 44. La trata regisa> del dondocumentote la cessione del 1379 è id="ft33-351, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>3="#bol 1379 è id="ft381, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>5="#boStasi 200 id="ft2451, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>6="#boialeIbid. (ASPG)="ft2461, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>7="#boarche, èvioStatèvioUdzioo PrUincialeD4. La ti sconsei friulani, (ASP), <4, No. 304, c <434v-4351, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>8="#boR’r9 82id="ft84-85 ;402guard nel 14mobii Ga1948, p. 14popola1948, dedifesa p. 14Rela cessioR’r9f1402tteippi 189glicialeAnnalicp. Friuli (ASP)p. Manzanm>,vol"ftVIIid="ft1051, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>9="#boaSUncialeD4. La ti sconsei friulani (ASPG), No. 59, c <781, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>1f="#boSi veda pet esemp èMor. 79 56id="ft65-671, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>13="#boaSPGncialeC atini (ASPG), <364/IIidcc <258-26 puDa un dee1. > dfiestonedaiubbnsotizvioTolminoultilo scocuo giugnou1535ote locumbiie/a> rredel delenervccanbbnsotiz dequ. moppi 1 ;4ocum um fiestnou(pur donequalta in etiezzulti 14nosa> da> Kos 1948,) : Vin Aguerra p. ForLa tini, Ba c/emmeo p. ForLa tini, Heronimus p. Manzanm>,Le,aSPGnciale di Gorizia (ASPG), 14="#boaSUncialeD4. La ti sconsei friulani (ASPG), <4, No. 393, c <2131, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>15="#boMor. 79 56id="ft1151, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>16="#boDti 14Bti 9 56id="ft791, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>17="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf puLl din a cappi 1802,otia pue bozzhiviotrchiordzio, un d deverumento Galian de un d delaizio p. l darcidurizCarlo ridtonia Graz 8bf7bf 5731, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>18="#boaSUncialeD4. La ti sconsei friulani (ASPG), <4, No. 429 ri4301, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>19="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf2idcc <351-4001, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>20="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf6>,cc <19r-24v">12f="#boPanjek 2002id="ft181-1831, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>2f2="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf2idcc <414-510. , promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>23="#boialeIbid. (ASPG)c <4101, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>24="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf5. , promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>25="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf 0 ri bf 11, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>26="#boMara dera vedovze èGenutro, figi o p. frattilo p. sumdiritti eèMaximilian Dornbetg, aucon, p. 14fotie os GorizaiucbnsotizvioTolminou02,otiaia più sopra1, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>27="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf 11, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>28="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf p, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>29="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf 11, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>30="#boialeIbid (ASP1, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>31="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf pG)cfr. anta R’r9 82id="ft101 ri1021, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>32="#boStLAncialeIÖHKS (ASPG), , bf 11, promo \ei d. Stasilr+a conferma avvenuta nel 1402, in cui accanto alla ri>33="#boStasi 200 id="ft2461, pr

Hautma av
quoiai

NotesRéférenee é ectroniqu.las3romo \ei d. Stasilr+boistrong>Aleks, « IubbnsotizvioTolmino. Unl da eanzada> famigi e donein. >ocum oltredc atine ( di XIV-XVII) »ncialeMé anges p. l dÉ diefrançais, p. Rmme - IGalie et Médi. >ranée modernes et c atem,otaines (ASP)[Edeligne], 125-1 | 2013, mis edeligne ie26 septembred2013, cbnsulté ie14 décembred2017bfURL : http://journals.openedi. .org/mefrim/"go- , pr

Hautquoiai
" hhor

Notes

1149e>Aleks
Haut" hhor
license

Notes© É diefrançais, p. Rmme, pr

HautlicenseHautdocBan
av"> v> avE tries"> v> avIssues"> v>"llIssues">
70">Tous ies numéroslaa>lass= e-1094">HautmavIssues avCo eci sSec adary"> v> avSyndssio "> v> avNewsee1. >s"> v>loginboxc log-i "> v>post"> sev>loginBlockc togglable">NotesNoteslogin">Loginlalab.>NotesNoteslogin" name->login" /="text">Notespclawde>Motref="#sselalab.>NotesNotesNotesSe c anecier">Se c anecierNotesNotesAnnuler">AnnulerNotes#bibe-foes>#be-1094">Hautloginbox.log-i Haut av /div>logos"> v>#; <-/div>16" #biblogloginbox.log-ios#braphy -->logos"> v>foonecieib