Navigazione – Mappa del sito
Letture e visioni

Nuovi media e nuovo teatro. Teorie e pratiche tra teatro e digitalità

Antonio Pizzo
p. 86-87
Riferimento/i:

Anna Maria Monteverdi, Nuovi media e nuovo teatro. Teorie e pratiche tra teatro e digitalità, Franco Angeli, Milano 2011, 280 pagine, 26.00 €.

Riassunto

Antonio Pizzo ha letto Anna Maria Monteverdi, Nuovi media e nuovo teatro. Teorie e pratiche tra teatro e digitalità, Franco Angeli, Milano 2011, 280 pagine, 26.00 €.

Inizio pagina

Testo integrale

1Il saggio si divide in tre ampie sezioni, più un’introduzione di Oliviero Ponte di Pino. La prima sezione intende aiutare il lettore a gestire il confronto tra due termini apparentemente contrapposti (teatro e digitale), ricorrendo a un variegato panorama di contributi teorici ed esperienze artistiche. La seconda sezione, la più corposa, appare ancor più eterogenea perché affronta il tema della arti performative digitali illustrando la produzione di artisti e studiosi la cui attività si colloca proprio all’incrocio tra media diversi. La terza raccoglie interviste condotte dall’autrice nell’ambito della sua lunga collaborazione con la rivista ateatro.it.

2L’intero lavoro appare come il consuntivo di un’indagine sul campo che Anna Maria Monteverdi svolge da anni, sia nella sua esperienza giornalistica e di promotrice culturale, sia nella sua attività di insegnamento. Ciò le permette di fornire ai lettori una lunga carrellata di fonti, intuizioni, opere, dalle quali è possibile trarre un quadro assai affascinante dell’arte performativa digitale e multimediale. Ed è il contributo più ricco, sul piano informativo, in questo momento disponibile in lingua italiana.

3D’altro canto, questa volontà di comprendere in un discorso unico l’imponente molteplicità fenomenologica, rischia di disorientare il lettore meno esperto o privo di una qualche altra guida. Al contrario di quanto, ad esempio, accade in uno dei migliori volumi in questo campo (Digital Performance, di Steve Dixon), l’autrice non fornisce una solida organizzazione tematica o di altro tipo alla stesura dei suoi argomenti. Infatti, la lista di definizioni che apre il saggio (e che viene riprodotta anche sulla copertina) ne segna il destino vagabondo: un vagare militante (potremmo dire un pattugliamento) di un’area disomogenea e multiforme i cui confini sono tracciati fondamentalmente su una discriminante tecnologica. Le fonti utilizzate sono quelle che definiremmo classiche del genere (disseminate trasversalmente all’interno delle prospettive selezionate dall’autrice). La brevità dei capitoli corrisponde alla tecnica dello sguardo veloce, del flash che illumina una sola zona alla volta del panorama, l’interezza del quale è lasciata alla perspicacia del lettore.

4Sono molto utili tutti i riferimenti a spettacoli, istallazioni, performance, e le descrizioni a volte ampie (come nel caso dei lavori di Robert Lepage, al quale l’autrice ha dedicato molto lavoro negli anni precedenti). Altrettanto utile è il riferimento a esperienze canoniche dell’avanguardia e della sperimentazione teatrale; un tentativo, quest’ultimo, che lascia intravedere una prospettiva più ampia dello studio ma che forse rivela anche la volontà di assicurarsi una qualche ascendenza nobile. La rilevanza culturale delle arti digitali non va cercata necessariamente nella vicinanza con teorie e pratiche del canone tradizionale (seppur di avanguardia). Uno sguardo a fonti più ellittiche (interface design, web semantic, artificial intelligence, ecc.) ma anche a tradizioni scientifiche diverse (matematica, scienza dell’informazione, ingegneria, ecc.) potrebbe aprire lo sviluppo teorico a più organici risultati. Infatti, sul piano degli studi culturali o mediologici, tracciare una strada unica del multimediale è una fatica non sempre foriera di risultati utili: tutte le strade conducono all’esperienza multimediale. Il multimedia, scisso dalla sua natura digitale e procedurale (cioè al di fuori della scienza dell’informazione digitale e della procedura algoritmica) è una categoria fittizia, inefficace proprio per la sua genericità. Va però ribadito che, considerata la condizione degli studi in Italia, il saggio appare un’utilissima guida per studenti e per giovani artisti, che vi troveranno le indicazioni necessarie per sviluppare i propri personali percorsi.

5Il saggio è anche un’occasione, per chi di questi temi si occupa, per riflettere sullo stato dell’arte. In questo senso proprio l’introduzione di Oliviero Ponte di Pino, che intende aprire la strada alla discussione sul teatro e i nuovi media, ci aiuta a individuare due questioni che riteniamo rilevanti.

6L’introduzione conduce un confronto tra teatro e televisione; il confronto non è gestito sul piano epistemologico, quanto su quello mediologico. In questo modo si dà per scontato che esista il media teatro che si confronta con altri media differenti.

7La prima questione riguarda il metodo. In contesti ancor così giovani credo sarebbe utile dichiarare in modo non ambiguo i criteri e le variabili prese in esame per condurre la comparazione. Infatti, uno studio comparativo privo di una griglia interpretativa palese e condivisa, apparirà necessariamente incompleto. L’approccio più che altro fenomenologico, su criteri interpretativi o impressionistici, metterà in evidenza le differenze “emergenti” tra i cosiddetti media, giungendo però soltanto a metà della strada che dovrebbe essere completata da una analisi su criteri formali più serrati, magari utilizzando modelli semantici o ontologici.

8La seconda questione, strettamente connessa con la prima, riguarda la natura stessa dei media. Non è difficile ad esempio verificare le contaminazioni linguistiche tra cinema e televisione, e, all’interno degli stessi media, l’interconnessione tra generi diversi. È naturale che ciò conduca a buoni risultati quando gli oggetti culturali di cui discutiamo si configurano come media. La nozione di media è totalmente moderna; la riconduciamo al cinema, alla radio e alla televisione, alla possibilità di riprodurre, trasmettere, diffondere, distribuire, registrare, manipolare informazioni. La famosa affermazione di McLuhan «il medium è il messaggio» (per altro messa in discussione dall’emergere di concetti come rimediazione e intermedialità) rivela il proprio fascino nel momento in cui le due nozioni possono, al contrario, essere percepite come disgiunte, scomponibili (cioè esiste un media ed esiste un messaggio, distinguibili l’uno dall’altro). La natura di evento, costitutiva della performance, rende in qualche modo implicita quell’affermazione. Anche se lo studio dei media (l’impostazione mediologica) può fecondare altri campi (letteratura, storia dell’arte, teatro) ciò non vuol dire che si possano concepire queste arti (e questi linguaggi) esclusivamente in una prospettiva mediale. La questione, in sintesi, è se possiamo trattare il teatro alla stregua di quelli che la seconda metà del Novecento ha individuato come media. È vero che la performance digitale contemporanea ha assorbito in se stessa i media e la loro interconnessione, ma ciò rende il teatro un media o i media teatro? Qui le posizioni sono molteplici e vanno dalla ricostituzione della nozione di liveness (Auslander) all’utilizzo di una riconsiderazione procedurale dei media (Manovich). Sembra dunque che sia possibile discutere della rimediazione come una nuova estetica delle arti nell’ultimo ventennio, ma che appaia più arduo trarre dei frutti significativi dall’equiparazione/comparazione di televisione, cinema, teatro, in quanto media, proprio perché non tutti possono essere definiti come media.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento cartaceo

Antonio Pizzo, « Nuovi media e nuovo teatro. Teorie e pratiche tra teatro e digitalità », Mimesis Journal, 1, 1 | 2012, 86-87.

Riferimento elettronico

Antonio Pizzo, « Nuovi media e nuovo teatro. Teorie e pratiche tra teatro e digitalità », Mimesis Journal [Online], 1, 1 | 2012, Messo online il 01 giugno 2012, consultato il 12 dicembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/mimesis/320

Inizio pagina

Autore

Antonio Pizzo

Insegna Teatro e Multimedia e Drammaturgia al DAMS dell’Università di Torino. É membro del Dottorato di ricerca in Storia del teatro dell’Università degli studi “L’Orientale” di Napoli. Dirige il CIRMA Centro Interdipartimentale di Ricerca su Multimedia e Audiovisivo. Ha fondato e coordina il progetto Officine Sintetiche all’interno del quale ha collaborato con diversi artisti, ed ha curato due saggi sui temi della performance digitale per l’editore Buonanno (www.officinesintetiche.it). Conduce da anni ricerche sulle contaminazioni tra spettacolo, tecnologia e digital multimedia. È autore dei volumi Materiali e macchine nel teatro di Remondi e Caporossi, (Napoli, 1991), Teatro e mondo digitale (Venezia, Marsilio, 2003), Neodrammatico digitale: scena multimediale e racconto interattivo (Torino, Accademia, 2013). Studia i personaggi virtuali e le loro implicazioni drammaturgiche ed ha pubblicato diversi interventi sul tema, tra i quali intitolato L’attore virtuale (sulla rivista on line www.actingarchives.unior.it). Ha condotto una lunga intervista a Marcel·lì Antunez Roca pubblicata con il titolo La quarta parete e lo schermo (sulla rivista “Mimesis” – www.mimesis.unito.it). Ha curato la scrittura del personaggio guida virtuale “Carletto” per l’istallazione Dramatour (Museo Palazzo Chiablese - Torino - http://dramatour.di.unito.it), ed è attualmente impegnato nel nello sviluppo di una ontologia computazionale per il dramma nel progetto CADMOS (http:// http://cadmos.di.unito.it/Joomla_2).

Since 2001, is Associate Professor at University of Turin where he teaches Theatre and Multimedia, and Dramaturgy. He is the founder and a project designer for www.officinesintetiche.it, where he has been collaborating with different artists. In the last ten years his research has been focused on performance, drama and technology. He is one of the founder of CIRMA (Centro per la Ricerca sul Multimediale e l’Audiovisivo – www.cirma.unito.it) where he contributed to develop a computational model of drama (i.e. the Drammar Ontology) and a study on synthetic character as virtual museum guide (http://dramatour.di.unito.it). On this topic he wrote Teatro e mondo digitale (Venezia, Marsilio, 2003), Neodrammatico digitale: Scena multimediale e racconto interattivo (Torino, Accademia, 2013); he has published numerous paper in journals and proceedings in Multimedia, Virtual Storytelling, and Artificial Intelligence. Beside, grounded on his Phd dissertation on vernacular actors in Italy, he has develop a specific interest for the cultural implications of Neapolitan Theatre, publishing a number of papers and essays. His book Scarpetta e Sciosciammocca. Nascita di un buffo (Roma, Bulzoni, 2009) is about the pivotal figure of Eduardo Scarpetta and the born of the comic character Don Felice Sciosciammocca. For a detailed list of publication see: www.cirma.unito.it/pizzo.

Articoli dello stesso autore

Inizio pagina
  • Logo Accademia University Press
  • Logo Università degli Studi di Torino
  • Logo Studium
  • OpenEdition Journals