Navigazione – Mappa del sito

Sulla questione della psicologia della creazione artistica dell’attore

On the Problem of the Psychology of the Actor’s Creative Work
Lev Semënovič Vygotskij
Traduzione di Massimo Lenzi
p. 67-78

Riassunto

Vygotskij’s essay K voprosu o psichologii tvorčestva aktëra, originally published in 1936, is here translated for the first time into Italian by Massimo Lenzi. The Soviet psychologist’s approach to the actor’s creative work is founded upon the recognition that both theatrical and general psychology fall short to account for the complexity of the player’s experience on the stage, unless the problem is considered in its historical and social dimension. Diderot’s Paradoxe, according to Vygotskij, is founded on facts and there lies its merit and deep insight into the actor’s work; nonetheless, equally apparent facts seem to suggest the possibility of different explanations, as for example those concerning Stanislavskij’s pedagogical practice. Then again, Vachtangov’s successful use of Stanislavskijan techniques in his own non-realistic stagings calls attention to the continuous shifting of the problem itself. So, the actor’s paradox has not an unique solution, but every theatrical age and/or style implies its own paradox, exactly as the expression of human mental life through emotion and feelings changes with epochs and social structures. The essay is preceded by a translator’s note dealing with the Italian rendering of certain concepts, whose use is peculiar to Russian theatrical culture.

Inizio pagina

Note della redazione

Il testo presente traduce: Lev Semënovič Vygotskij, K voprosu o psichologii tvorčestva aktëra, in Sobranie sočinenij v 6 tomach [Raccolta delle opere in 6 volumi], a cura di A. V. Zaporožec, Pedagogika, Moskva 1984; vol. VI, Naučnoe nasledstvo [L’eredità scientifica], a cura di M. G. Jaroševskij, scelta, postfazione e note di M. G. Jaroševskij, pp. 319-328. Le citazioni da Diderot sono recate direttamente dalla traduzione russa utilizzata da Vygotskij

Avvertenza del traduttore
Tra i molti problemi terminologici affrontati nella traduzione del saggio presente (variamente spinosi quelli, fortunatamente meno frequenti, concernenti voploščenie vs igra vs ispolnenie; zakon vs zakonomernost’; tvorčestvo vs iskusstvo vs sozdanie; obraz, in sé e per sé e vs rol’; nonché, e ahimè più ricorrente, l’impossibilità pratica di distinguere sistematicamente tra le rese dei vari sostantivi, verbi, aggettivi e avverbi formati sulla radice čuvstv-, stante anche la loro complessiva asimmetria semantica rispetto a quelli italiani orbitanti attorno a ipotetiche serie concettuali legate al “sentire”, e comprendenti ad es. “senso”, “sensoriale”, “sensazione”, ”sentimento”) ne segnaliamo al lettore uno particolarmente lubrico, o quanto meno un suo singolo aspetto, che rimanda a una quæstio tanto vexata qual è quella posta da pereživanie.
Altrove ho scelto di rendere tale termine, che nella lingua parlata e scritta copre una vasta gamma di possibili usi contestuali, priviliegiando parole o locuzioni che ne restituissero la radice –živ–: “vita”, “esperienza”, “esperienza vissuta”; “ciò che vive” ecc.
Nella fattispe