Navigazione – Mappa del sito
la società contemporanea / La partecipazione politica in Italia (1992-2012)

Chi protesta in Italia?

Le forme di partecipazione politica non convenzionale: 1990-2009
Who protests in Italy? The forms of unconventional participation: 1990-2009
Mario Quaranta
p. 59-82

Abstract

Several models have been outlined and tested to identify the individual characteristics related to unconventional participation. Many studies have verified that socio-economic status, the feeling of personal and political dissatisfaction, mobilization effort of social organizations and values and ideological orientations have a strong relationship with the individual propensity of engaging in these modes of political action.
Despite the literature focusing on political protest and social movements in Italy is sound, the attention paid on the relationship between individual variables and this type of participation has been less. With this article we aim at contributing to the literature building an index of unconventional participation and applying some theoretical models to the Italian case, using three waves of the European Values Study.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1La partecipazione politica rappresenta uno degli elementi fondamentali delle democrazie contemporanee. Una società civile attiva rende i regimi democratici più responsabili nei confronti della cittadinanza (Kaase, 2010). In diversi casi, le forme convenzionali di partecipazione politica, come ad esempio il voto, non sono ritenute sufficientemente adeguate per influenzare le decisioni pubbliche. Per questa ragione, i cittadini possono ricorrere a forme non convenzionali di partecipazione, o di protesta politica, che hanno la caratteristica di essere più innovative, intense, dirette, non istituzionalizzate e con finalità diverse rispetto alla partecipazione più tradizionale (Raniolo, 2007).

2In Italia, negli ultimi venti anni, abbiamo assistito a numerosi esempi di protesta politica che hanno avuto un notevole risalto mediatico in quanto sfidavano l’autorità pubblica e mettevano in discussione non soltanto il potere dello stato, ma anche il sistema dei valori e la struttura degli interessi della società italiana. Perciò, la domanda a cui vogliamo rispondere con questo articolo è: quali sono le caratteristiche individuali associate a forme più intense, non istituzionalizzate, non convenzionali di partecipazione politica? Nonostante gli studi sulla protesta politica e sui movimenti sociali siano numerosi e di qualità (ad esempio Reiter et al., 2007), riteniamo che la letteratura italiana sull’argomento non abbia affrontato sistematicamente questo aspetto. Comprendere quali siano le variabili individuali che più sono connesse alla partecipazione non convenzionale consente di definire il profilo del «protestatario» italiano.

3Per questo motivo, esamineremo il concetto di partecipazione non convenzionale. In secondo luogo, passeremo in rassegna i principali approcci allo studio della partecipazione non convenzionale per individuare le caratteristiche dei cittadini che sono state maggiormente associate a essa. In terzo luogo, presentiamo i dati e il metodo che utilizziamo per studiare questo fenomeno e discutiamo i risultati dell’analisi empirica. Infine, concludiamo facendo una riflessione sullo stato della partecipazione non convenzionale e sulle sue possibili conseguenze sulla democrazia in Italia.

2. Il concetto di partecipazione non convenzionale

4Per lungo tempo il concetto di partecipazione politica riguardava esclusivamente le forme di azione istituzionalizzate (Milbrath e Goel, 1977). Questa idea di partecipazione politica era dovuta al fatto che fino agli anni ’70 le altre forme di coinvolgimento politico non istituzionalizzate erano considerate comportamenti irrazionali (Rucht, 2007).

5Ma partecipazione politica non vuol dire soltanto votare e molto spesso questa azione non è necessaria per identificare un cittadino coinvolto attivamente in politica. Perciò, altri autori sono andati oltre questa accezione considerata limitata in quanto escludeva le azioni extra-rappresentative e quelle basate sulla «voce» (Teorell et al., 2007). Nel seminale «Political Action», Barnes e Kaase (1979) proposero una distinzione che allargò l’idea di partecipazione politica. Essi distinsero tra partecipazione «convenzionale» e «non convenzionale», identificando un «potenziale di protesta» che si riferiva al coinvolgimento dei cittadini a «forme [...] di comportamento politico [...], come l’uso di tattiche come petizioni, manifestazioni, boicottaggi, scioperi dell’affitto o delle tasse, scioperi industriali non autorizzati, occupazioni di edifici, blocchi del traffico, danneggiamenti di proprietà e violenza personale» (Marsh e Kaase, 1979, 59). Di conseguenza, la partecipazione politica viene definita come «tutte le azioni intese a influenzare direttamente o indirettamente le scelte politiche a vari livelli del sistema politico» (Kaase e Marsh, 1979, 42).

6Il merito di questa concettualizzazione è quello di considerare che gli oggetti dell’azione politica non sono soltanto attori pubblici, ma possono essere anche quelli privati: «l’allocazione autoritativa dei valori non è soltanto prerogativa degli attori dello stato del settore pubblico [...] le istituzioni non-governative possono essere l’obiettivo dei tentativi dei cittadini di influenzare gli esiti politici» (Teorell et al., 2007, 336). Per esempio, il boicottaggio è un’azione non orientata verso attori pubblici, ma spesso verso quelli privati, come le grandi aziende o organizzazioni internazionali (Norris, 2002, 193). Anche diverse manifestazioni di piazza non sono organizzate soltanto in opposizione alle decisioni dei governi, tant’è che è stato sottolineato che la nascita dei movimenti sociali è strettamente connessa a questioni che vanno oltre gli attori dello stato (Della Porta e Diani, 2006).

  • 1 Si veda anche Sani (1996) per una concettualizzazione «a soglie» della partecipazione politica.

7Le forme di partecipazione non convenzionale fanno parte di un repertorio di azioni e sono parte di una gerarchia di azioni composta da soglie che dividono diversi stati di intensità: «la prima soglia indica la transizione dalla politica convenzionale a quella non convenzionale. Firmare petizioni e partecipare a manifestazioni legali sono attività politiche non ortodosse ma che sono ancora dentro i confini delle accettate norme democratiche. La seconda soglia rappresenta il passaggio a tecniche di azione diretta, come i boicottaggi. Un terzo livello di attività politiche riguarda atti illegali, ma non violenti. Scioperi non ufficiali o occupazioni pacifiche di edifici incarnano questo gradino. Infine, una quarta soglia include attività violente come lesioni personali o danni fisici» (Dalton, 1988, 65)1.

8Questa concettualizzazione di partecipazione politica ha permesso di rilevare che sempre più cittadini sono coinvolti in azioni non convenzionali che in precedenza erano intraprese soltanto da una nicchia. Nei paesi occidentali, a partire dalla fine degli anni ’60, la proporzione di cittadini che hanno preso parte a forme non convenzionali di partecipazione politica è aumentata fortemente. Per esempio, coloro che hanno firmato una petizione, hanno partecipato a una manifestazione, a uno sciopero non autorizzato o hanno occupato edifici o fabbriche sono raddoppiati, mentre i cittadini che hanno utilizzato forme di boicottaggio sono triplicati (Norris, 2002, 194-200).

9Qui intendiamo per partecipazione non convenzionale una forma diretta di azione, cioè che avviene senza l’intermediazione di attori istituzionali, che richiede un più profondo e esteso impegno e presuppone un certo grado di conflitto. Potenzialmente, essa produce pressione sugli attori che sono contestati, anche se può non produrre l’esito previsto (Tilly e Tarrow, 2006). Non intendiamo per partecipazione non convenzionale o protesta politica un insieme di azioni che mirano alla destabilizzazione del sistema politico in quanto «l’azione politica diretta [...] non assume necessariamente la presenza di proteste anti-regime; piuttosto può rappresentare un elemento di un repertorio allargato dell’azione politica» (Kaase e Marsh, 1979a, 27); «le tecniche di azione politica diretta non portano con loro lo stigma della devianza. Né sono viste come orientamenti anti-sistema» (Kaase e Marsh, 1979b, 157).

3. Rassegna della letteratura

10Diversi modelli cercano di spiegare le ragioni per cui i cittadini partecipano ad attività di protesta. In questa sezione passiamo in rassegna i principali approcci usati per indagare questo fenomeno.

3.1. Lo status socio-economico

11Molti studi empirici sulla protesta politica affermano che questa è il prodotto dello status socio-economico del partecipante (Barnes e Kaase, 1979; Dalton, 2008). Istruzione, genere, età e reddito sono le caratteristiche che sono maggiormente associate alla partecipazione non convenzionale.

12I cittadini con livelli più alti di istruzione hanno una maggiore propensione a partecipare ad attività politiche non convenzionali in quanto spesso vivono in un contesto sociale che li stimola e li incoraggia a partecipare alla vita pubblica rispetto ai cittadini con livelli più bassi di istruzione (Brady et al., 1995). L’importanza dell’istruzione è sottolineata perché risulta associata a «capacità civiche» che costituiscono delle competenze, ad esempio sapere parlare in pubblico o organizzare eventi, molto rilevanti per l’attività politica (Verba et al., 1995).

13Sin dallo studio di Barnes e Kaase (1979) sappiamo che il genere è una fonte di ineguaglianza politica. Infatti, le donne hanno una probabilità più bassa rispetto agli uomini di partecipare ad attività politiche. Le ragioni per cui le donne tendono a partecipare di meno sono legate a una diversa socializzazione, alle responsabilità familiari e a una diversa posizione nel mercato del lavoro (Coffè e Bolzendhal, 2010).

14La partecipazione non convenzionale dipende anche dal ciclo di vita. Questo vuol dire che i cittadini hanno probabilità diverse di partecipare in diversi momenti della loro esistenza. Diventando adulti si partecipa sempre di più per poi gradualmente ritirarsi dalla vita pubblica. Ciò è dovuto al fatto che con il tempo si acquisiscono «ruoli da adulti», tra i quali quello della responsabilità nei confronti della vita pubblica. I giovani hanno meno esperienza, conoscenza e sofisticazione politica (Jennings e Niemi, 1981). I cittadini più anziani sono tendenzialmente meno istruiti e hanno meno opportunità di partecipazione (Jennings e Markus, 1988).

15Il reddito è un’altra variabile di grande interesse (Brady et al., 1995). Esso consente di partecipare ad attività politiche in quanto molte comportano uno sforzo economico. Ad esempio, boicottare un prodotto di un azienda che sfrutta la manodopera comporta l’acquisto di un altro prodotto che potrebbe avere un costo maggiore. Anche partecipare a un corteo in una città in cui il cittadino non risiede potrebbe rappresentare un costo.

3.2. Insoddisfazione

16Diversi autori affermano che l’insoddisfazione sia una condizione rilevante per comprendere la partecipazione non convenzionale: «è largamente creduto che persone felici creano una comunità politica tranquilla, che coloro che non sono soddisfatti sono fonte di fermento politico e che le origini della violenza politica sono da trovare nella frustrazione individuale» (Barnes et al., 1979, 381). In generale, l’insoddisfazione può avere due origini: quella per la propria condizione individuale e quella per il sistema politico.

17L’insoddisfazione per la condizione individuale è considerata una delle principali fonti di protesta politica. Coloro i quali partecipano a forme di protesta sono cittadini in situazioni di disagio che usano l’azione politica come una strategia per ottenere visibilità e accedere al sistema politico (Gurr, 1970). Diversi studi hanno mostrato che la soddisfazione per la condizione personale è associata positivamente alla partecipazione convenzionale, ma meno a quella non convenzionale (Barnes et al., 1979; Flavin e Keane, 2012). La ragione dell’assenza di relazione è dovuta al fatto che chi è insoddisfatto per la propria condizione personale non incolpa il governo, a meno che non abbia risorse cognitive adeguate per collegare le due variabili.

18Anche l’insoddisfazione politica è considerata rilevante per comprendere la partecipazione non convenzionale (Levi e Stoker, 2000). Tuttavia, vi sono due argomenti incompatibili tra loro in letteratura. Da una parte, i cittadini che hanno fiducia nelle istituzioni politiche tenderebbero a partecipare di più ad attività politiche. Almond e Verba (1963) sostenevano che la partecipazione politica è la conseguenza dell’attaccamento alle norme democratiche e delle aspettative positive nei confronti del sistema politico. Questo argomento è sostenuto da coloro i quali avevano spiegato il declino della partecipazione con il declino della fiducia nella politica (Putnam, 2000).

19Dall’altra, si sostiene che esista un «radicalismo da sfiducia» (Norris et al., 2005). L’insoddisfazione politica spingerebbe i cittadini verso forme più intense di partecipazione per indirizzare al sistema politico richieste che non riescono a essere fatte attraverso i canali convenzionali di rappresentanza o perché questi sono ritenuti inadeguati allo scopo (Nye et al., 1997). Ciononostante, il ruolo dell’insoddisfazione politica non è chiaro in letteratura. Alcuni studi mostrano che la valutazione negativa del sistema politico e del suo output è associata alle forme non convenzionali di partecipazione (Farah et al., 1979), anche perché questa agisce come un meccanismo motivazionale (Badescu e Neller, 2007). Altri autori non hanno trovato una relazione tra insoddisfazione politica e partecipazione non convenzionale (Kaase, 1999; Dalton, 2004).

3.3. Mobilizzazione e fiducia sociale

20Il modello della mobilizzazione sostiene che, in generale, la partecipazione politica è il prodotto del meso-contesto. Questo approccio è particolarmente interessato al ruolo delle associazioni e organizzazioni sociali che sono viste come «scuole di democrazia» in quanto formano gli individui alla politica e insegnano valori, attitudini e capacità che favoriscono la partecipazione (Putnam, 2000).

21Tuttavia, le organizzazioni civiche non sono tutte uguali. Diversi autori hanno contestato il fatto che essere membro di un’organizzazione sia sufficiente per spingere un cittadino a partecipare a forme di protesta politica. Quello che conta, infatti, è il tipo di organizzazione (Armingeon, 2007). Le organizzazioni che difendono gli interessi di alcune categorie, come sindacati o associazioni professionali, e quelle cosiddette di «attivismo» sono i due tipi che maggiormente sono associate alla partecipazione non convenzionale. Questi due tipi di organizzazioni hanno un preciso obiettivo: quello di influenzare le decisioni pubbliche e di soggetti privati (Van der Meer et al., 2009a). I membri di queste organizzazioni hanno motivazioni maggiori rispetto ai non membri che danno loro un più alto senso di efficacia politica (Leighley, 1996). Inoltre, i membri di queste organizzazioni hanno anche una più ampia rete sociale, che consente loro di avere maggiori risorse politiche, e presentano anche livelli maggiori di fiducia negli altri. Quest’ultima favorisce la cooperazione e spinge i cittadini a partecipare in particolare ad alcuni tipi di azione, come le manifestazioni pubbliche (Benson e Rochon, 2004).

3.4. Valori e orientamenti politici

22I valori e gli orientamenti politici giocano un ruolo distintivo nella partecipazione politica e ci aiutano a comprendere le ragioni per cui i cittadini partecipano alla vita pubblica (Dalton, 2000). La letteratura ha enfatizzato la relazione tra il cambiamento dei valori e degli orientamenti politici e la nascita di nuove forme di partecipazione politica (Van Deth, 1995).

23Una delle principali teorie sul cambiamento dei valori nelle democrazie occidentali è quella definita da Inglehart (1977). Egli sostiene che in queste democrazie vi è stato un cambiamento nei valori dei cittadini che li hanno portati dal «materialismo», cioè ad avere valori che davano la priorità ai bisogni primari, al «postmaterialismo», che invece rappresenta un insieme di valori che spinge l’individuo verso l’autorealizzazione, l’eguaglianza e la qualità della vita. Infatti, le nuove forme di partecipazione politica emerse alla fine degli anni ’70 e la nascita dei «nuovi movimenti sociali» sono stati spiegati con questo cambiamento di valori (Kriesi, 1989). I cittadini postmaterialisti hanno una maggiore propensione alla partecipazione non convenzionale perché mettono i discussione le élites, in quanto sono promotori di una visione diversa della realtà sociale (Norris, 2002; Dalton, 2008). Anche gli orientamenti politici sono stati associati alla partecipazione non convenzionale e in particolare l’orientamento ideologico (Barnes e Kaase, 1979). La sinistra è portatrice di valori che hanno a che fare con il cambiamento e la giustizia sociale, l’uguaglianza e l’opposizione all’autorità, mentre la destra appoggia l’individualismo, la conservazione della realtà economica e sociale esistente (Sani e Sartori, 1983). L’importanza dell’orientamento ideologico è dovuta al fatto che esso agisce come uno strumento euristico di semplificazione delle informazioni e delle questioni politiche (Fuchs e Klingemann, 1989). L’orientamento ideologico è associato alla partecipazione non convenzionale in quanto i cittadini che hanno valori di sinistra sono anche coloro che sono più favorevoli al cambiamento sociale e ritengono queste forme di azione adeguate a questo scopo. I cittadini più vicini alla destra, invece, sono interessati alla conservazione e perciò non utilizzano questi strumenti della partecipazione non convenzionale per raggiungere il loro obiettivo. Anche la polarizzazione individuale gioca un ruolo nella partecipazione non convenzionale. I cittadini moderati saranno meno attivi di quelli più estremisti, sia di sinistra che di destra, in quanto coloro i quali presentano un maggiore grado di estremismo hanno maggiori incentivi, rispettivamente, a cambiare o a mantenere la realtà esistente (Van der Meer et al., 2009b).

4. Dati e metodo

  • 2 Avendo il dataset alcuni valori mancanti abbiamo utilizzato una procedura di imputazione multipla ( (...)
  • 3 Utilizziamo le rilevazioni del 1990, 1999 e 2009. Esistono altre rilevazioni simili, ad esempio l’E (...)

24Per testare l’associazione delle caratteristiche individuali alla partecipazione non convenzionale utilizziamo lo European Values Study (2011)2. Questa rilevazione, condotta in diversi paesi europei tra cui l’Italia, ci permette di condurre la nostra analisi per un arco temporale che va dal 1990 al 20093.

25Per costruire la variabile dipendente, ovvero un indice di partecipazione non convenzionale, utilizziamo cinque indicatori. Riportiamo la domanda presente nel questionario nella tabella 1. Distinguiamo coloro che hanno partecipato alle azioni da coloro che hanno dichiarato un’intenzione di partecipazione o non hanno partecipato. Ipotizziamo che gli indicatori presenti nell’EVS misurino il tratto latente della partecipazione non convenzionale in maniera ordinale, cioè formino una scala in cui ogni valore rappresenta la posizione di un individuo sempre più impegnato in attività politiche non convenzionali. Ciò è dovuto al fatto che gli indicatori presentano gradi di «difficoltà» crescente (Marsh e Kaase, 1979). Ad esempio, aver firmato una petizione è un’azione più semplice/probabile rispetto allo sciopero non autorizzato.

Tabella 1 Indicatori della scala di partecipazione non convenzionale

Indicatore

Domanda

Le leggerò alcune azioni che una persona può fare per sostenere politicamente le proprie idee. Per ciascuna di esse la invito a dirmi se lei l’ha già fatta, se pensa di poterla fare, oppure se non la farebbe mai, in nessun caso:

a)

Firmare una PETIZIONE (partecipare a una raccolta di firme su un problema)

b)

Partecipare a un BOICOTTAGGIO (ad es. non usare un servizio pubblico o un prodotto per protesta)

c)

Partecipare a una MANIFESTAZIONE AUTORIZZATA

d)

Partecipare a SCIOPERI «selvaggi», NON AUTORIZZATI

e)

OCCUPARE edifici o fabbriche

  • 4 La Mokken Scale Analysis è una tecnica non parametrica probabilistica di scaling particolarmente ad (...)
  • 5 Coefficienti H per 1990: 0.572; 1999: 0.494, 2009: 0.539. L’assunto di monotonicita non è violato.

26Dato che adottiamo una scala di misurazione ordinale, usiamo una tecnica chiamata Mokken Scale Analysis che ci permette di testare l’unidimensionalità e la cumulatività, e quindi l’ordinalità della scala (Mokken, 1971; Van Schuur, 2003)4. Il modello di misurazione è valutato utilizzando il coefficiente H di Loevinger che fornisce un’indicazione del grado di omogeneità della scala. I coefficienti sono pari a circa 0,5 per tutte le rilevazioni e ciò significa che siamo in presenza di una ottima scala5. Questo ci permette di sommare i valori individuali di ogni indicatore e formare una scala cumulativa i cui valori rappresentano «gradini» di difficoltà crescente, considerando la partecipazione non convenzionale come un’attività politica con una gerarchia di azioni. La scala va da 0 a 5: il primo valore rappresenta un individuo che non ha partecipato ad alcuna azione, mentre l’ultimo rappresenta un individuo che ha partecipato a tutte le azioni. Nella figura 1 raffiguriamo l’indice per le tre rilevazioni. Osserviamo che diminuiscono leggermente coloro i quali non hanno mai partecipato ad alcuna forma di azione politica, mentre aumentano, anche se non sensibilmente, i cittadini che sono attivi politicamente.

  • 6 Questa scelta è dovuta all’assenza di una variabile che misura il titolo di studio in maniera compa (...)
  • 7 Questa scala è stata testata usando la MSA in quanto è adeguata per indicatori politomici. I coeffi (...)
  • 8 Misurata come la distanza dal punto centrale della scala ideologica ai punti più estremi.
  • 9 Al rispondente si chiede quali sono gli obiettivi che il proprio paese dovrebbe avere: 1) mantenere (...)

27Le variabili indipendenti sono selezionate per studiare gli approcci discussi in precedenza. Per testare l’approccio dello status socio-economico includiamo nell’analisi il genere, l’età e l’età al quadrato. La variabile istruzione viene costruita usando l’età alla conclusione del ciclo di studi ed è costituita da quattro categorie: inferiore ai 10 anni, tra gli 11 e i 14, tra i 15 e i 19 e oltre i 19 anni6. Il reddito è invece codificato in tre categorie: basso medio e alto. Per analizzare la soddisfazione usiamo la soddisfazione individuale che va da 1 (insoddisfatto) a 10 (soddisfatto), la percezione di benessere che va da 1 (alta) a 4 (bassa) e un indice di fiducia nelle istituzioni pubbliche che include la fiducia per il parlamento, il sistema giudiziario, il sistema educativo e l’amministrazione pubblica che va da 1 (bassa) a 4 (alta)7. Per studiare l’associazione tra mobilitazione e partecipazione usiamo tre variabili dicotomiche che misurano l’appartenenza in tre tipi di associazioni: associazioni o gruppi sportivi o di attività ricreativa, sindacati e comitati, gruppi o associazioni di azione comunitaria locale. Per misurare la fiducia sociale, invece, utilizziamo una domanda che chiede al rispondente se generalmente ci si può fidare del prossimo. Per analizzare valori e atteggiamenti includiamo la scala sinistra-destra che va da 1 (sinistra) a 10 (destra), una scala di estremismo ideologico che va da 1 (moderato) a 5 (estremista)8. Infine, usiamo una scala per misurare i valori postmaterialisti. Quest’ultima è costruita usando la risposta a due indicatori, scelti tra quattro. Se il cittadino sceglie due indicatori che misurano atteggiamenti materialisti rientra nella categoria materialista; se sceglie un indicatore materialista e uno postmaterialista è classificato come misto e nell’ultimo caso possibile è classificato come postmaterialista9.

Figura 1 Frequenza in percentuale delle categorie dell’indice di partecipazione non convenzionale nei tre anni della rilevazione EVS

Figura 1 Frequenza in percentuale delle categorie dell’indice di partecipazione non convenzionale nei tre anni della rilevazione EVS

28Considerata la nostra variabile dipendente, utilizziamo un modello logistico ordinale (Long, 1997, 114-124; Agresti, 2002, 274-279). Per stimare il modello usiamo la seguente specificazione:

yi = j se αj-1y*i < αj con j = 0,…, J,

dove y* è il tratto latente della partecipazione non convenzionale che va da -∞ a +∞ ed è misurato con la variabile osservata y; α rappresenta le intercette. Avendo sei categorie (J, da 0 a 5, si veda la figura 1), la relazione tra variabile osservata e latente è definita da:

29Stimiamo il modello relativo alla categoria j con:

P (yij | x) = Fj + xib),

dove è F(•) l’inversa della funzione logistica, αj rappresenta l’intercetta per la categoria j, xi è il vettore dei dati per l’osservazione i-esima e b il vettore dei coefficienti. Stimiamo cinque modelli: nel primo inseriamo soltanto delle variabili dicotomiche per controllare l’associazione tra la singola rilevazione e partecipazione non convenzionale, nel secondo includiamo le variabili relative allo status socio-economico, nel terzo quelle sulla soddisfazione, nel quarto quelle su associazionismo e fiducia sociale e nell’ultimo le variabili che misurano i valori e gli orientamenti politici.

5. Analisi

  • 10 Per calcolare le probabilità predette per modelli logistici ordinali usiamo la seguente equazione: (...)

30In tabella 2 presentiamo i coefficienti dei cinque modelli logistici ordinali. Essendo i coefficienti di questi modelli difficili da interpretare, riportiamo in tabella 3 le probabilità predette per ogni categoria dell’indice10.

31Dal modello 1 osserviamo che negli anni diminuisce la probabilità che i cittadini italiani non partecipino ad alcuna attività politica non convenzionale (y = 0): essa è il 41% nel 1990 ed è circa il 38% nel 1999 e nel 2009. La probabilità di «accedere» al gradino successivo della scala (y = 1) non cambia nel tempo. Infatti, nelle tre rilevazioni la probabilità partecipare almeno a un’azione è di circa il 29%. Anche per gli altri gradini della scala non ci sono cambiamenti rilevanti tra le tre rilevazioni. La probabilità di partecipare a due azioni oscilla tra il 17% e il 19%, quella di partecipare a tre azioni tra l’8% e il 9%. Man mano che aumenta la «difficoltà» della scala osserviamo che le probabilità predette diminuiscono: è circa il 3% per il quinto gradino e l’1% per il sesto gradino. Infine, la probabilità che un cittadino partecipi ad almeno un’azione non convenzionale è di circa il 58% nel 1990 e il 62% nel 1999 e nel 2009.

32Nel modello successivo osserviamo che i coefficienti delle variabili che controllano le rilevazioni aumentano, ma non ci sono differenze rilevanti rispetto al primo modello. Invece, le variabili che misurano lo status ci forniscono importanti informazioni. Come ci aspettavamo, le donne presentano in media un livello di protesta significativamente più basso degli uomini. Tuttavia, le differenze tra uomini e donne dipendono anche dal livello di azione politica (Coffè e Bolzendhal, 2010). Le probabilità predette ci dicono che le donne hanno una maggiore probabilità di non partecipare ad alcuna azione rispetto agli uomini. Le donne, infatti, hanno una probabilità di non partecipare di circa il 42%, mentre gli uomini del 34%. Però, donne e uomini hanno probabilità simili quando il livello di partecipazione non convenzionale è basso (y = 1) o molto alto (y = 5). L’età ha un’associazione non lineare con la protesta politica: ciò vuol dire che esistono momenti della vita dei cittadini in cui essi presentano probabilità diverse di partecipare ad azioni di protesta. Questa associazione è chiaramente visibile nella figura 2. La probabilità di non aver partecipato ad alcuna azione (y = 0) raggiunge il suo minimo a circa 40 anni, per poi aumentare sensibilmente. Anche per gli altri punti della scala questa età rappresenta il momento in cui la probabilità di aver compiuto un’azione non convenzionale è maggiore. La parte più anziana del campione è invece quella meno attiva e con maggiori difficoltà a prendere parte a qualunque forma di azione. Per quanto riguarda i più giovani, a circa 20 anni la probabilità di partecipazione ad azioni di protesta è inferiore, ma aumenta con il passare dell’età fino a raggiungere il suo massimo a circa 40 anni. Successivamente decresce in modo regolare. L’eccezione è costituita dalla probabilità di avere un basso livello di partecipazione a azioni di protesta non convenzionale (y = 1), per cui l’età non discrimina particolarmente sino a circa 60 anni. Successivamente, la probabilità decresce fortemente, come per gli altri livelli di partecipazione non convenzionale.

Tabella 2 Modelli logistici ordinali

Tabella 2 Modelli logistici ordinali

Note
N: 5537. I modelli sono controllati per le aree geografiche (coefficienti non riportati in tabella).
β: log-odds. exp(β): odds-ratio. e.s.:errori standard.
AIC: Akaike Information Criterion. Significatività: * p<0.05, ** p<0.01, *** p<0.001

Tabella 3 Probabilità predette e errori standard per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per le variabili incluse nei modelli logistici ordinali

Tabella 3 Probabilità predette e errori standard per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per le variabili incluse nei modelli logistici ordinali

Figura 2 Probabilità predette puntuali con intervalli di confidenza al 95% per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per età. Stime basate sul modello 2

Figura 2 Probabilità predette puntuali con intervalli di confidenza al 95% per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per età. Stime basate sul modello 2

33I cittadini con un’istruzione più alta partecipano alle forme non convenzionali con una probabilità molto maggiore rispetto a coloro i quali hanno livelli di istruzione più bassi. Ad esempio, la differenza di probabilità tra un individuo con un livello di istruzione basso e uno con un livello di istruzione alto di non partecipare ad alcuna azione è di circa il 40%. Infatti, un individuo con un basso livello di istruzione ha una probabilità di non partecipare del 62%, mentre un individuo con un alto livello di istruzione ha una probabilità del 26%. Le differenze legate all’istruzione sono rilevanti anche per gli altri gradi della scala: i più istruiti hanno sempre una propensione maggiore a prendere parte alle azioni non convenzionali. Quindi, l’istruzione costituisce una fonte di ineguaglianza politica e ne consegue che i cittadini che hanno livelli di istruzione più bassi hanno meno possibilità di esprimere adeguatamente le loro richieste politiche (Verba et al., 1995). Il reddito agisce in maniera simile all’istruzione: coloro i quali dichiarano di avere un reddito più alto presentano probabilità minori di non aver partecipato ad azioni non convenzionali. Tuttavia, le differenze di probabilità tra rispondenti con un reddito alto e quelli con un reddito basso sono sempre minori all’aumentare della difficoltà dell’azione, in particolar modo se osserviamo i gradini più alti della scala (y = 4 e y = 5).

34Il modello 3 testa il ruolo dell’insoddisfazione. Le due variabili relative alla condizione individuale non appaiono significativamente associate alla partecipazione non convenzionale. A qualunque livello di soddisfazione per la vita le probabilità di aver partecipato non cambiano significativamente e lo stesso vale per il benessere percepito. Ciò sembra confermare il fatto che l’insoddisfazione personale non è un fattore che spinge verso l’azione politica non convenzionale. Infatti, si sostiene che la condizione personale non sia rilevante nelle democrazie avanzate, dove la protesta può rappresentare una forma di espressione politica, ma lo sia soltanto nei paesi in via di sviluppo o nelle democrazie nascenti in cui i canali di comunicazione tra cittadinanza e autorità non sono spesso adeguati (Keck e Sikkink, 1998). Invece, la fiducia nelle istituzioni presenta un’associazione negativa con la partecipazione non convenzionale. All’aumentare di questa fiducia, diminuisce la probabilità che i cittadini partecipino a queste azioni politiche. Vediamo che chi ha un’alta fiducia nelle istituzioni ha anche un’alta probabilità di non aver preso parte a azioni non convenzionali (75%). Mentre, chi ha sfiducia in queste istituzioni ha una propensione molto più alta di aver partecipato a tutti i gradini della scala rispetto a coloro i quali hanno fiducia. Infatti, un cittadino sfiduciato presenta una probabilità di aver partecipato ad almeno un’azione di circa il 76%. Quindi i cittadini più insoddisfatti delle istituzioni sono più pronti a partecipare in modo non convenzionale probabilmente perché essi non ritengono i meccanismi della democrazia strumenti adeguati alla comunicazione dei propri interessi e quindi utilizzano forme di azione politica più incisive ed extra-rappresentative (Nye et al., 1997).

35Il modello 4 analizza l’associazione tra mobilitazione politica, fiducia sociale e partecipazione non convenzionale. Chi dichiara di avere fiducia negli altri mostra livelli maggiore di partecipazione non convenzionale rispetto a chi non ha fiducia. La fiducia sociale ha un ruolo molto rilevante perché può essere una pre-condizione per partecipare a forme di protesta politica. Fidarsi degli altri aiuta a costruire una rete di relazioni utile nell’organizzazione e nella realizzazione di esse, soprattutto quando si tratta di azioni più rischiose. Inoltre, questa forma di fiducia è rilevante perché aumenta i benefici individuali dell’azione politica (Benson e Rochon, 2004). I membri delle associazioni che abbiamo tenuto in considerazione presentano probabilità maggiori di partecipazione in confronto ai non membri, anche se in maniera diversificata. I membri dei sindacati appaiono, in generale, gli individui con una probabilità minore, rispetto ai membri delle altre due associazioni, di non partecipare a nessuna azione. Questa differenza non è significativa a bassi livelli di partecipazione non convenzionale (y = 1). La differenza diventa rilevante quando l’intensità della partecipazione è molto alta. Questo ci fa pensare che i sindacati forniscono forti incentivi materiali a partecipare ad azioni più incisive e forniscono una rete più estesa che consente loro di organizzare in maniera più efficace l’azione politica. I risultati mostrano come non basti essere membro di un’associazione per partecipare ad azioni politiche non convenzionali, ma che il tipo di associazione è rilevante per comprendere la probabilità che gli individui siano coinvolti in queste azioni (Armingeon, 2007; Van der Meer et al., 2009a).

36Nell’ultimo modello osserviamo il ruolo degli orientamenti politici e dei valori postmaterialisti. Vediamo che tutte e tre le variabili sono significative: la scala sinistra-destra ha un’associazione negativa, la scala di estremismo e quella postmaterialista hanno un’associazione positiva. Nella figura 3 riportiamo le probabilità predette puntuali per l’associazione tra scala ideologica e partecipazione non convenzionale.

37I cittadini di sinistra presentano livelli differenti di partecipazione e ciò vale per ogni categoria della variabile dipendente. Ad esempio, la probabilità che un cittadino molto di sinistra ha di non partecipare ad alcuna azione (y = 0) è pari al 24%, mentre per un cittadino molto di destra è 54%. Invece, vediamo che l’orientamento ideologico ha un’associazione non lineare con un basso livello di partecipazione non convenzionale (y = 1): i cittadini con un orientamento moderato non hanno una probabilità diversa di avere un basso livello di partecipazione rispetto a coloro i quali dichiarano di essere di sinistra, mentre i cittadini di destra presentano una probabilità significativamente inferiore. Per tutti gli altri gradini della scala di partecipazione non convenzionale l’orientamento ideologico, ovvero essere più vicini alla destra, presenta un’associazione negativa. Per quanto riguarda la polarizzazione ideologica, i cittadini che presentano livelli maggiori hanno sempre probabilità maggiori di aver partecipato ad azioni non convenzionali. Tuttavia, ciò non vale quando il livello di partecipazione è basso (y = 1). Infatti, il grado di estremismo non sembra essere particolarmente rilevante, anche se la differenza in termini di probabilità tra estremisti e moderati rimane comunque significativa. Questo conferma i risultati di altri studi (Van der Meer et al., 2009b) che affermano che la propensione alla partecipazione non convenzionale è associata alla polarizzazione ideologica individuale.

Figura 3 Probabilità predette puntuali con intervalli di confidenza al 95% per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per la scala sinistra-destra. Stime basate sul modello 4

Figura 3 Probabilità predette puntuali con intervalli di confidenza al 95% per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per la scala sinistra-destra. Stime basate sul modello 4

38I cittadini che hanno valori postmaterialisti sono più coinvolti in questo genere di azioni politiche rispetto a coloro i quali hanno valori misti o materialisti. I postmaterialisti hanno una probabilità inferiore di non aver partecipato a nessuna azione (28%), a differenza di materialisti (47%) e cittadini con valori misti (37%). Presentano, invece, probabilità più alte su ogni gradino della scala ad eccezione del primo, che evidentemente non richiede particolari spinte valoriali. Infatti, un cittadino con valori postmaterialisti presenta mediamente probabilità doppie rispetto a uno materialista di partecipare ad azioni non convenzionali, quando osserviamo la parte più difficile della scala. Quindi, i valori legati a questioni come l’autorealizzazione, il benessere individuale o l’ambiente sono molto rilevanti per comprendere la partecipazione non convenzionale, proprio perché questa può nascere da esigenze ideali che non hanno necessariamente a che fare con aspetti materiali della vita dell’individuo.

6. Conclusioni

39In questo articolo abbiamo analizzato l’associazione tra alcune caratteristiche individuali e la partecipazione non convenzionale. Innanzi tutto, abbiamo osservato che nel periodo considerato questa forma di partecipazione politica non ha subito cambiamenti significativi, anche se si rileva un lieve aumento del fenomeno nelle ultime due rilevazioni utilizzate. In secondo luogo, i principali approcci presenti in letteratura sono applicabili al caso italiano. I cittadini partecipano con forme non convenzionali in base a caratteristiche personali, sociali, alle organizzazioni di cui sono membri e ad alcuni orientamenti politici e valoriali. La partecipazione non convenzionale in Italia appare, dunque, un fenomeno presente e diversificato. Più della metà dei cittadini inclusi nelle rilevazioni da noi utilizzate hanno partecipato ad almeno un’azione non convenzionale, ma a vari livelli di partecipazione non convenzionale corrispondono diverse caratteristiche del partecipante.

40Infatti, abbiamo rilevato che in Italia non si assiste a una «normalizzazione del protestatario» (Van Aelst e Walgrave, 2001). Le caratteristiche individuali sono elementi che creano forti differenze e distinguono tra coloro che appaiono più propensi a partecipare ai vari gradini della scala che abbiamo analizzato. Le donne, i meno istruiti e gli anziani presentano livelli di partecipazione non convenzionali più bassi rispetto a uomini, più istruiti e adulti. Anche il capitale associativo risulta rilevante per questa forma di partecipazione. I membri di organizzazioni come i sindacati o di associazioni che si occupano di attivismo sociale tendono a partecipare di più rispetto ai non membri. Gli orientamenti ideologici e valoriali sono altrettanto significativi per comprendere la partecipazione non convenzionale in Italia in quanto agiscono come meccanismi motivazionali dell’azione politica.

41In base a questi risultati, possiamo delineare il tipico «protestatario» italiano. Esso è un uomo, di circa 40 anni, con un elevato livello di istruzione, una bassa fiducia nelle istituzioni politiche, membro di un’organizzazione sindacale o che si occupa di attivismo, di sinistra, con una forte polarizzazione ideologica e con valori postmaterialisti.

42Queste caratteristiche denotano un profilo specifico che possiamo supporre non sia comune nel nostro paese. Come già accennato, ciò potrebbe avere come conseguenza l’emergere di forme di ineguaglianza nella partecipazione non convenzionale con il rischio che alcuni segmenti della società italiana non siano in grado di esprimere la loro «voce» e di essere sotto-rappresentati. Di fatti, è stato sostenuto che la diseguaglianza nella partecipazione non convenzionale e nell’azione diretta può avere un importante effetto nelle democrazie contemporanee (Kaase, 2010). Da una parte, se i cittadini partecipano attivamente alla vita pubblica hanno un canale alternativo per esprimere le loro opinioni e i loro interessi. Non è sempre necessario utilizzare le forme convenzionali di partecipazione per rappresentare i propri interessi perché esiste un ventaglio di azioni che allarga la struttura delle opportunità politiche e che può rendere i governanti più responsabili nei confronti della cittadinanza. Dall’altra, se il profilo del «protestatario» italiano è quello descritto ciò vuol dire che la democrazia viene meno a uno dei suoi principi fondamentali, che è quello dell’uguaglianza. Infatti, «la regola ‘dell’una persona, un voto’ non si applica alle attività di protesta. Di conseguenza chi protesta ha probabilmente un’influenza politica ineguale» (Dalton et al., 2010, 72). Per questo motivo, le risorse individuali, siano esse ad esempio culturali o cognitive, ci fanno capire perché la partecipazione non convenzionale non è soltanto il frutto di malcontento, ma del fatto che i cittadini possano intraprendere queste forme di azione.

43Per concludere, con questo articolo abbiamo mostrato che nel nostro paese la partecipazione non convenzionale è una pratica diffusa, ma non in maniera uniforme tra la cittadinanza. Ciò che andrebbe ulteriormente approfondita è la presunta maggiore influenza che i settori più attivi hanno sul policy-making. In altre parole, si dovrebbe comprendere quali siano gli effetti di questa forma di partecipazione sulle decisioni pubbliche per avere un’idea più chiara delle dinamiche di rappresentanza politica che vanno al di là dei canali istituzionali.

Torna su

Bibliografia

Agresti A. (2002), Categorical Data Analysis, New York, Wiley.

Almond G. A. e Verba S. (1963), The Civic Culture, Princeton, Princeton University Press.

Armingeon K. (2007), Political Participation and Associational Involvement, in Van Deth J. W., Montero J. R. e Westholm A. (a cura di), Citizenship and Involvement in European Democracies. A Comparative Analysis, London-New York, Routledge.

Badescu G. e Neller K. (2007), Explaining Associational Involvement, in Van Deth J. W., Montero J. R. e Westholm A. (a cura di), Citizenship and Involvement in European Democracies. A Comparative Analysis, London-New York, Routledge.

Barnes S. H. e Kaase M. (a cura di) (1979), Political Action: Mass Participation in Five Western Democracies, Beverly Hills, Sage.

Barnes S. H., Farah B. G. e Heunks F. (1979), Personal Dissatisfaction, in Barnes S. H. e Kaase M. (a cura di), Political Action: Mass Participation in Five Western Democracies, Beverly Hills, Sage.

Benson M. e Rochon T. R. (2004), Interpersonal Trust and the Magnitude of Protest: A Micro and Macro Level Approach, «Comparative Political Studies», 37, 4, pp. 435-457.

Brady H. E., Verba S. e Schlozman K. L. (1995), Beyond SES: A Resource Model of Political Participation, «Americal Political Science Review», 89, 2, pp. 271-294.

Coffè H. e Bolzendhal C. (2010), Same Game, Different Roles? Gender Differences in Political Participation, «Sex Roles», 62, pp. 318-333.

Dalton R. J. (1988), Citizen Politics in Western Democracies. Public Opinion and Political Parties in the United States, Great Britain, West Germany, and France, Chatham, Chatham House.

Id. (2000), Citizen Attitudes and Political Behavior, «Comparative Political Studies», 33, 6-7, pp. 912-940.

Id. (2004), Democratic Challenges, Democratic Choices: The Erosion of Political Support in Advanced Industrial Societies, Oxford, Oxford University Press.

Id. (2008), Citizen Politics: Public Opinion and Political Parties in Advanced Industrial Democracies, Chatam, Chatam House.

Dalton R. J., Van Sickle A. e Weldon S. (2010), The Individual-Institutional Nexus of Protest Behaviour, «British Journal of Political Science», 40, 1, pp. 51-73.

Della Porta D. e Diani M. (2006), Social Movements: An Introduction, London, Wiley-Blackwell.

European Values Study (2011), European Values Study 1981-2008, Longitudinal Data File, GESIS Data Archive, Cologne, Germany, ZA4804 Data File Version 1.0.0 (2011-04-30), doi: 10.4232/1.4804.

Farah B. G., Barnes S. H. e Heunks F. (1979), Political Dissatisfaction, in Barnes S. H. e Kaase M. (a cura di), Political Action: Mass Participation in Five Western Democracies, Beverly Hills, Sage.

Flavin P. e Keane M. J. (2012), Life Satisfaction and Political Participation: Evidence from the United States, «Journal of Happiness Studies», 13, 1, pp. 63-78.

Fuchs D. e Klingemann H.-D. (1989), The Left-Right Schema, in Jennings K. M., Van Deth J. W., Barnes S. H., Fuchs D., Heunks F. J., Inglehart R., Kaase M., Klingemann H.-D. e Thomassen J. J. A. (a cura di), Continuities in Political Action: A Longitudinal Study of Political Orientations in Three Western Democracies, Berlin-New York, De Gruyter.

Gurr T. R. (1970), Why Men Rebel, Princeton, Princeton University Press.

Inglehart R. (1977), The Silent Revolution: Changing Values and Political Styles among Western Publics, Princeton, Princeton University Press.

Jennings K. M. e Markus G. B. (1988), Political Involvement in the Later Years: A Longitudinal Survey, «Americal Journal of Political Science», 32, 2, pp. 302-316.

Jennings K. M. e Niemi R. G. (1981), Generations and Politics: A Panel Study of Young Adults, Princeton, Princeton University Press.

Kaase M. (1999), Interpersonal Trust, Political Trust and NonInstitutionalised Political Participation in Western Europe, «West European Politics», 22, 3, pp. 1-21.

Id. (2010), Political Participation and Democratic Accountability, «Rivista Italiana di Scienza Politica», XL, 1, pp. 7-21.

Kaase M. e Marsh A. (1979a), Political Action: A Theoretical Perspective, in Barnes S. H. e Kaase M. (a cura di), Political Action: Mass Participation in Five Western Democracies, Beverly Hills, Sage.

Id. (1979b), Political Action Repertory. Changes over Time and a New Typology, in Barnes S. H. e Kaase M. (a cura di), Political Action: Mass Participation in Five Western Democracies, Beverly Hills, Sage.

Keck M. e Sikkink K. (1998), Activists Beyond Borders: Advocacy Networks in International Politics, Ithaca, Cornell University Press.

Kerman J. e Gelman A. (2007), Manipulating and Summarizing Posterior Simulation Using Random Variable Objects, «Statistics and Computing», 17, 3, pp. 235-244.

Kriesi H.-P. (1989), New Social Movements and the New Class in the Netherlands, «American Journal of Sociology», 94, 5, pp. 1078-1116.

Leighley J. E. (1996), Group Membership and the Mobilization of Political Participation, «Journal of Politics», 58, 2, pp. 447-463.

Levi M. e Stoker L. (2000), Political Trust and Trustworthiness, «Annual Review of Political Science», 3, pp. 475-507.

Long S. J. (1997), Regression Models for Categorical and Limited Dependent Variables, Beverly Hills, Sage.

Marsh A. e Kaase M. (1979), Measuring Political Action, in Barnes S. H. e Kaase M. (a cura di), Political Action: Mass Participation in Five Western Democracies, Beverly Hills, Sage.

Milbrath L. W. e Goel M. L. (1977), Political Participation: How and Why Do People Get Involved in Politics, Lanham, University Press of America.

Mokken R. J. (1971), A Theory and Procedure of Scale Analysis, Berlin, De Gruyter.

Norris P. (2002), Democratic Phoenix: Reinventing Political Activism, New York, Cambridge University Press.

Norris P., Walgrave S. e Van Aelst P. (2005), Who Demonstrates? Antistate Rebels, Conventional Participants, or Everyone?, «Comparative Politics», 37, 2, pp. 189-205.

Nye J. S., Zelikov P. e King D. C. (1997), Introduction: The Decline of Confidence in Government, in Nye J. S., Zelikov P. e King D. C. (a cura di), Why People Don’t Trust Government, Cambridge, Cambridge University Press.

Putnam R. (2000), Bowling Alone: The Collapse and Revival of American Community, New York, Simon & Schuster.

Raghunathan T. E., Lepkowski J. M., Van Hoewyk J. e Solenberger P. (2001), A Multivariate Technique for Multiply Imputing Missing Values Using a Sequence of Regression Models, «Survey Methodology», 27, 1, pp. 85-95.

Raniolo F. (2007), La partecipazione politica, Bologna, il Mulino.

Reiter H., Andretta M., Della Porta D. e Mosca L. (2007), The Global Justice Movement in Italy, in Della Porta D. (a cura di), The Global Justice Movement. Cross-National and Transnational Perspectives, Boulder-London, Paradigm Publishers.

Rucht D. (2007), The Spread of Protest Politics, in Dalton R. J. e Klingemann H.-D. (a cura di), The Oxford Handbook of Political Behavior, Oxford, Oxford University Press.

Sani G. (1996), Partecipazione politica, in Enciclopedia delle Scienze Sociali, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, volume IV.

Sani G. e Sartori G. (1983), Polarization, Fragmentation and Competition in Western Democracies, in Daalder H. e Mair P. (a cura di), Western European Party Systems: Continuity and Change, Beverly Hills, Sage.

Teorell J., Torcal M. e Montero J. R. (2007), Political Participation. Mapping the Terrain, in Van Deth J. W., Montero J. R. e Westholm A. (a cura di), Citizenhip and Involvement in European Democracies. A Comparative Analysis, London-New York, Routledge.

Tilly C. e Tarrow S. (2006), Contentious Politics, Lanham, Paragon Press.

Van Aelst P. e Walgrave S. (2001), Who is that (Wo)Man in the Street? From the Normalization of Protest to the Normalization of the Protester, «European Journal of Political Research», 39, pp. 461-486.

Van der Meer T. W. G., Grotenhuis M. T. e Scheepers P. L. H. (2009a), Three Type of Voluntary Associations in Comparative Perspective: The Importance of Studying Associational Involvement through a Typology of Associations in 21 European Countries, «Journal of Civil Society», 5, 3, pp. 227-241.

Van der Meer T. W. G., Van Deth J. W. e Scheepers P. L. H. (2009b), The Politicized Participant: Ideology and Political Action in Twenty Democracies, «Comparative Political Studies», 42, 11, pp. 1426-1457.

Van Deth J. W. (1995). Introduction: The Impact of Values, in Van Deth J. W. e Scarbrough E. (a cura di), The Impact of Values, Oxford, Oxford University Press.

Van Schuur W. H. (2003), Mokken Scale Analysis: Between the Guttman Scale and Parametric Item Response Theory, «Political Analysis», 11, 2, pp. 139-163.

Verba S., Schlozman K. L. e Brady H. E. (1995), Voice and Equality: Civic Voluntarism in American Politics, Cambridge, Harvard University Press.

Torna su

Note

1 Si veda anche Sani (1996) per una concettualizzazione «a soglie» della partecipazione politica.

2 Avendo il dataset alcuni valori mancanti abbiamo utilizzato una procedura di imputazione multipla (Raghunathan et al., 2001).

3 Utilizziamo le rilevazioni del 1990, 1999 e 2009. Esistono altre rilevazioni simili, ad esempio l’European Social Survey o l’International Social Survey Program, ma l’Italia non è sempre presente e gli indicatori relativi alla partecipazione non convenzionale sono meno numerosi.

4 La Mokken Scale Analysis è una tecnica non parametrica probabilistica di scaling particolarmente adatta ad indicatori dicotomici in quanto questi non soddisfano l’assunzione, necessaria per l’analisi fattoriale, che gli indicatori abbiamo simili medie e deviazione standards. Ci consente di capire se gli indicatori presentano una gerarchia in modo da poter considerare ogni gradino della scala un «livello» della gerarchia degli indicatori. Il coefficiente deve essere maggiore di 0,3 per accettare la scala. Se compreso tra 0,3 e 0,4 la scala è detta «debole», se compreso tra 0,4 e 0,5 la scala è considerata «moderata», mentre se maggiore di 0.5 la scala è considerata «forte». Quando il coefficiente permette di accettare la scala possiamo semplicemente sommare gli indicatori per misurare il tratto latente di interesse (Mokken, 1971). Si veda Van Schuur (2003) per le assunzioni del modello di misurazione e per un esempio riguardante la partecipazione politica.

5 Coefficienti H per 1990: 0.572; 1999: 0.494, 2009: 0.539. L’assunto di monotonicita non è violato.

6 Questa scelta è dovuta all’assenza di una variabile che misura il titolo di studio in maniera comparabile tra le rilevazioni.

7 Questa scala è stata testata usando la MSA in quanto è adeguata per indicatori politomici. I coefficienti H di Loevinger sono maggiori di 0.4 in ogni rilevazione.

8 Misurata come la distanza dal punto centrale della scala ideologica ai punti più estremi.

9 Al rispondente si chiede quali sono gli obiettivi che il proprio paese dovrebbe avere: 1) mantenere l’ordine nel paese; 2) dare ai cittadini più voce in capitolo nelle decisioni del governo; 3) combattere l’inflazione; 4) proteggere il diritto di parola. Il primo e il terzo sono gli indicatori «materialisti», gli altri due quelli «postmaterialisti». Riguardo la costruzione della scala si veda Inglehart (1977) e lavori successivi.

10 Per calcolare le probabilità predette per modelli logistici ordinali usiamo la seguente equazione: P (y = j | x) = F (αˆ j + i) = F (αˆj–1 + i). Si vedano Long (1997) e Agresti (2002) per approfondimenti. Le probabilità, errori standard e gli intervalli di confidenza sono calcolati utilizzando una tecnica basata sull’inferenza bayesiana (Kerman e Gelman, 2007) fissando alla media i valori del vettore xi. I modelli non presentano multicollinearità e, per un controllo di robustezza, sono stati stimati con un metodo di bootstrapping.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1 Frequenza in percentuale delle categorie dell’indice di partecipazione non convenzionale nei tre anni della rilevazione EVS
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/539/img-1.jpg
File image/jpeg, 36k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/539/img-2.jpg
File image/jpeg, 40k
Titolo Tabella 2 Modelli logistici ordinali
Legenda NoteN: 5537. I modelli sono controllati per le aree geografiche (coefficienti non riportati in tabella).β: log-odds. exp(β): odds-ratio. e.s.:errori standard.AIC: Akaike Information Criterion. Significatività: * p<0.05, ** p<0.01, *** p<0.001
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/539/img-3.jpg
File image/jpeg, 312k
Titolo Tabella 3 Probabilità predette e errori standard per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per le variabili incluse nei modelli logistici ordinali
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/539/img-4.jpg
File image/jpeg, 912k
Titolo Figura 2 Probabilità predette puntuali con intervalli di confidenza al 95% per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per età. Stime basate sul modello 2
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/539/img-5.jpg
File image/jpeg, 108k
Titolo Figura 3 Probabilità predette puntuali con intervalli di confidenza al 95% per ogni categoria dell’indice di partecipazione non convenzionale e per la scala sinistra-destra. Stime basate sul modello 4
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/539/img-6.jpg
File image/jpeg, 101k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Quaranta, « Chi protesta in Italia? », Quaderni di Sociologia, 60 | 2012, 59-82.

Notizia bibliografica digitale

Mario Quaranta, « Chi protesta in Italia? », Quaderni di Sociologia [Online], 60 | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 17 febbraio 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/539 ; DOI : 10.4000/qds.539

Torna su

Autore

Mario Quaranta

Istituto Italiano di Scienze Umane, Firenze

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals