Navigation – Plan du site
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Honoré de Balzac, La Signorina Cormon

Marco Stupazzoni
p. 160-161
Référence(s) :

Honoré de Balzac, La Signorina Cormon, a cura di Pierluigi Pellini, traduzione di Francesco Morciatti, Palermo, Sellerio editore, 2015, «Il Divano», 391 pp.

Texte intégral

1Il romanzo La Vieille Fille, di cui Francesco Morciatti fornisce con rigore e perizia probabilmente la prima versione in lingua italiana, rappresenta (e già Proust lo riconosceva) uno tra i testi maggiori della Comédie humaine. Questo testo, che inaugura (ma soltanto sotto il profilo tecnico) il genere del «roman-feuilleton», è pubblicato a puntate nel corpo de «La Presse» di Émile de Girardin tra il settembre ed il novembre 1836. Esso è definito dallo stesso Balzac come «una delle cose migliori» (lettera a Mme Hanska del primo dicembre 1836) soprattutto se si considera il rilievo assunto, nell’opera, non tanto dalle avventure o dai colpi di scena quanto piuttosto dai dettagli descrittivi, dalle implicazioni psicologiche, ideologiche e politiche, dai giochi linguistici che rendono ambigua e sfuggente l’atmosfera di un racconto la cui singolarità deriva esplicitamente dalla drammatica modernità incarnata dal profilo della sua protagonista: Rose Cormon.

2Pierluigi Pellini illustra con acume, nella sua densa ed illuminante postfazione al romanzo (Miti e termiti ovvero Come una zitella grassa e sciocca possa incarnare la modernità, pp. 341-383), la genesi de La Vieille Fille ed i significati profondi, nascosti, contraddittori ma quanto mai vivi ed attuali di questo «capolavoro del romanzo moderno» (p. 348), sul quale la critica non ha posto, a differenza di altri capolavori balzachiani, l’attenzione e l’interesse dovuti. Romanzo di ambientazione provinciale, dove le pulsioni del desiderio femminile incarnate da Rose Cormon sono, da Balzac, così esplicitamente esibite con acutissima e affascinata curiosità – e dove la sincera ed ingenua devozione della protagonista «non vale a sottrarla al richiamo prepotente del “sangue” e dei sensi» (p. 352) – La signorina Cormon è, allo stesso tempo, anche un’«allegoria storico-politica» (p. 354), la formulazione metaforica di quello storicismo balzachiano che trova, in Rose come nei due personaggi maschili, la sua più riuscita esplicitazione narrativa. Il caos socio-politico che caratterizza i decenni post-rivoluzionari sembra incarnarsi nell’allegoria biologica del corpo della protagonista in una sorta di – scrive Philippe Hamon – «auto-riflessività globale e permanente» (p. 356) che determina – ed è questo il dramma di Rose – una sostanziale incapacità di «interpretare i segni disseminati sulla superficie del reale, per restituire l’ordine perduto al mondo sconvolto dal crollo della “Monarchia” e della “Religione”» (pp. 361-362). Le figure e i valori dell’Ancien Régime si riducono così a grotteschi simulacri; i fondamenti della tradizione perdono, come i miti moderni, la loro consistenza ontologica: è un mondo, quello descritto da Balzac in questo romanzo, «sorprendentemente simile al nostro»: un mondo dove ogni valore nasce e muore adulterato e dove «soltanto le elementari pulsioni del corpo conservano indubitabile consistenza» (p. 383).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, La Signorina Cormon », Studi Francesi, 181 (LXI | I) | 2017, 160-161.

Référence électronique

Marco Stupazzoni, « Honoré de Balzac, La Signorina Cormon », Studi Francesi [En ligne], 181 (LXI | I) | 2017, mis en ligne le 01 avril 2017, consulté le 16 décembre 2017. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/6870

Haut de page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals