Navigazione – Mappa del sito
Cibo: memorie, immaginari, valori, simboli

Editoriale

Gabriella D’Agostino

Testo integrale

1Archivio Antropologico Mediterraneo compie venti anni. Fondata nel 1998 dall’antropologo palermitano Antonino Buttitta, in formato cartaceo, ha per molti anni individuato nell’area del Mediterraneo il proprio osservatorio privilegiato. Nel 2010 la rivista abbandona il formato cartaceo per passare on line, in modalità open access, con un proprio sito, un nuovo direttore, un comitato scientifico internazionale, una diversa configurazione del gruppo di lavoro redazionale. Il formato digitale ha consentito una maggiore visibilità alla rivista a livello nazionale e internazionale e anche, in tempi di magra, una riduzione dei costi che ci ha permesso di continuare a lavorare per offrire uno spazio aperto di confronto sia a studiosi affermati sia a giovani ricercatori.

2Da allora a oggi sono stati pubblicati 16 numeri, con cadenza semestrale, sia miscellanei che monografici, su tematiche riconducibili alla contemporaneità e con una forte vocazione interdisciplinare. Nel 2011 pubblicavamo un numero sulle “primavere arabe” in un momento in cui non si erano ancora delineati con chiarezza gli scenari post-rivoluzione. A questo si legava un successivo numero dedicato alla Tunisia a due anni dagli eventi rivoluzionari, con un focus sulle arti visive e performative. In quello stesso anno ancora un numero monografico, in inglese, dal titolo De-constructing the Field. Nel 2015 un dossier sui movimenti sociali e l’anno successivo ancora un numero in inglese dal titolo On the Witness stand: Environment Crisis, Disaster and Social Justice. Nel 2017 Cibo e vino tra illusioni di memorie condivise e ricerca di qualità e, nel numero successivo, due dossier monografici: uno sull’etnografia delle pratiche emergenti nell’era dell’Antropocene, Managing Global Social Water, l’altro dedicato al lavoro “tra trasformazioni globali e strategie di resistenza”. Un impegno non indifferente, reso possibile soprattutto grazie alla collaborazione generosa di valutatori esperti che hanno lavorato con noi per mantenere alto lo standard di qualità scientifica dei contributi.

3Oggi compiamo un altro passo nella direzione della visibilità e della qualità di Archivio Antropologico Mediterraneo. Per la collocazione sul portale OpenEdition Journal (https://journals.openedition.org/​), nell’aprile del 2017 è stata presentata la candidatura della rivista secondo la procedura prevista. Il 29 maggio di quest’anno abbiamo ricevuto formale comunicazione da parte del Comitato scientifico di OpenEdition sull’esito positivo dell’iter. Non immaginavamo modo migliore per festeggiare il ventesimo compleanno di vita, con l’auspicio di una rete sempre più ampia di collaboratori.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Gabriella D’Agostino, « Editoriale », Archivio antropologico mediterraneo [Online], Anno XXI, n. 20 (1) | 2018, online dal 30 juin 2018, consultato il 18 octobre 2019. URL : http://journals.openedition.org/aam/278

Torna su

Autore

Gabriella D’Agostino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Archivio antropologico mediterraneo

Torna su
  • Logo Università degli Studi di Palermo – Dipartimento Culture e Società
  • OpenEdition Journals