Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeriAnno XXVI, n. 25 (1)Oltre l'intenzione. Antropologia ...Oltre l’intenzione. Etnografia ur...

Oltre l'intenzione. Antropologia tra intenzionalità ed effetti inattesi

Oltre l’intenzione. Etnografia urbana, lavoro sul campo e progettazione territoriale

Beyond intentionality. Urban ethnography, fieldwork and territorial planning
Paolo Grassi

Abstract

La relazione stabilita dal lavoro etnografico sviluppa un legame tra antropologi e interlocutori in grado, in certe circostanze, di produrre cambiamento. Si tratta spesso di una trasformazione non direttiva, risultato insito nella relazione stessa che, attraverso il dialogo, permette di vagliare criticamente posizionamenti e dinamiche di una determinata arena sociale. Sulla scorta di cinque anni di lavoro sul campo come membro di un gruppo interdisciplinare di ricerca-azione, in questo articolo proverò a “mettere a terra” tali considerazioni, tratteggiando una figura per così dire “spuria”, cioè a stretto contatto con altre professionalità e altri campi del sapere. Il testo nel suo insieme illustrerà un ruolo da antropologo capace di mettere in gioco diverse competenze e agire su più livelli, al di là dell’intenzionalità del gesto antropologico.

Torna su

Testo integrale

Introduzione

  • 1 Anticipo che il tema del dossier monografico in cui questo articolo si inserisce – quello dell’inte (...)
  • 2 Realizzato tra gli anni Trenta e Quaranta attraverso un progetto unitario riconducibile ai principi (...)
  • 3 Il gruppo è coordinato dall’urbanista Francesca Cognetti (Politecnico di Milano) e supervisionato d (...)
  • 4 Da aprile 2019 Mapping San Siro si è trasferito presso un nuovo ufficio, a pochi metri di distanza (...)

1La relazione stabilita dal lavoro etnografico sviluppa un legame tra antropologi e interlocutori in grado, in certe circostanze, di produrre cambiamento. Si tratta spesso di una trasformazione non direttiva, risultato insito nella relazione stessa che, attraverso il dialogo, permette di vagliare criticamente posizionamenti e dinamiche di una determinata arena sociale (cfr. Wachtel 1993). Evitando atteggiamenti solipsistici e compiaciuti, pur rimanendo nel solco di una certa antropologia riflessiva (cfr. Zenker e Kumoll 2010)1, in questo articolo vorrei provare a “mettere a terra” tali considerazioni, valutando la mia principale attività di ricerca degli ultimi cinque anni – da gennaio 2017 a gennaio 2022 – realizzata a San Siro, uno dei più grandi quartieri di Edilizia Residenziale Pubblica di Milano2. Tale attività si è caratterizzata per una stretta collaborazione con il gruppo Mapping San Siro (Politecnico di Milano), formato da urbanisti, architetti e antropologi culturali3. Il gruppo, combinando didattica sul campo, investigazione “vicina ai territori” e azione locale, si definisce di ricerca-azione (Cognetti, Padovani 2018). A contraddistinguerne l’esperienza è la presenza di una sede all’interno del quartiere: lo spazio 30metriquadri prima, dal 2014, e lo spazio Off Campus San Siro poi, dal 20194.

  • 5 Assegno di ricerca finanziato dal Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità (U (...)

2Nel 2017, con l’inizio del progetto di ricerca5, provai ad accogliere e confrontarmi con la prospettiva etnografica “dell’implicazione”, proposta inizialmente dall’antropologo francese Gérard Althabe (1967, 1986, 1990) e sviluppata in Italia dal suo allievo Ferdinando Fava (Fava 2012, 2015, 2017). Per Althabe il significato della relazione stabilita attraverso l’etnografia non consiste nel definirsi come un ricercatore in rapporto a degli attori sociali, ma nel cogliere come quegli attori definiscano il ricercatore in rapporto a se stessi, implicandolo, appunto, nella loro rete di relazioni: «l’esplorazione del senso di questa attribuzione renderà possibile la comprensione di quanto è in gioco. Su di essa il ricercatore non ha alcun controllo e, per essere riconosciuta, richiede che egli necessariamente tenga in conto la posizione dei suoi interlocutori nell’evento dell’interazione così come nel dispiegarsi temporale di quest’ultima, cioè che decentri sé da se-stesso», scrive Fava (2017: 49).

3Tale decentramento racchiude certamente anche la possibilità di definire aree non accessibili, precluse al gesto antropologico, sulla base dello sviluppo contingente delle relazioni schiuse dal campo. Spogliandomi del mio habitus investigativo, tendenzialmente orientato, sulla scorta di un passato da educatore e operatore sociale, alla ricerca cosiddetta “partecipativa” (cfr. Morrow, Richards 1996; Winton 2007), la prospettiva dell’implicazione mi invitava inoltre a instaurare una relazione d’inchiesta diversa, non finalizzata necessariamente al “cambiamento” – tema caro al mondo delle scienze dell’educazione (cfr. Demetrio 1999). Il cambiamento semmai poteva costituire una conseguenza accidentale di quella relazione così intesa. Spiega Fava in un altro passaggio: «La trasformazione, infatti, è ricondotta all’interno del gesto antropologico, come un esercizio di relazione più modesto ma reale che, per il suo accadere stesso confonde e mobilizza i corpi, le menti e i sentimenti e partecipa per questo alla trasformazione dell’oggetto nel momento stesso in cui lo costituisce» (Fava 2017: 32).

4Ricordo di aver incontrato, all’inizio del 2017, due ragazzi appena maggiorenni che occupavano illegalmente un appartamento situato all’ultimo piano di un palazzo fatiscente di San Siro. I due ragazzi si mostrarono da subito molto accoglienti: mi invitavano a casa loro, mi accompagnavano in giro per il quartiere, avevano voglia di chiacchierare. Il “problema” è che i loro tempi non corrispondevano a quelli del lavoro d’inchiesta. Entrambi sparivano per delle settimane, non rispondevano ai messaggi. Poi ricomparivano come se niente fosse, oppure d’un tratto mi scrivevano per chiedermi aiuto (sistemare il curriculum ad esempio, o contattare questo o quel servizio sociale). Inizialmente, sentii la necessità di modificare quel tipo di relazione che reputavo troppo frammentata e sulla quale sentivo di non aver alcun controllo. Pensai a un qualche dispositivo educativo che avrei potuto proporre ai ragazzi (mi venne in mente, ad esempio, d’impostare insieme un blog per raccontare la loro quotidianità, o di scrivere un articolo divulgativo a sei mani). Tuttavia, riflettendo sulla postura investigativa adottata, sulla scorta delle intuizioni elaborate da Althabe e Fava, decisi di provare a “stare” in quel tipo di rapporto, di accettarlo per quello che era, domandandomi semmai che cosa potesse dirmi rispetto al quartiere e alla città di Milano. La frammentarietà della relazione divenne allora specchio dell’estrema precarietà che caratterizzava l’esistenza di quei ragazzi, della carenza di politiche giovanili sul territorio di Milano, dell’abbandono istituzionale che interessava quell’area urbana (Mansilla et al. 2022).

  • 6 Assegno di ricerca, finanziato dal Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (Politecnico di Mila (...)

5Scelsi quindi di mettere da parte le mie ansie educative e pormi in una condizione di ascolto non impositivo. Lasciandomi “trasportare” dagli interlocutori, sviluppai degli approfondimenti etnografici su varie tematiche di volta in volta rivelate dalle relazioni instaurate (Grassi 2022a). La problematicità di tale approccio – o meglio il suo limite applicativo – emerse nel momento in cui, trascorsi due anni, ottenni un nuovo assegno di ricerca finanziato direttamente del Politecnico di Milano6. Con il nuovo contratto divenni a tutti gli effetti membro del gruppo Mapping San Siro e fui riconosciuto come tale dai residenti del quartiere. Cominciai a gestire alcune azioni di progetti territoriali che avevano a che fare in particolare con la riqualificazione dello spazio pubblico e la programmazione di politiche urbane. Tuttavia, a livello investigativo, continuai a sviluppare le direzioni impostate durante i primi due anni di lavoro.

  • 7 In altre parole, come specificherò meglio nel prossimo paragrafo, assunsi dei ruoli che non sempre (...)

6In questa transizione mi trovai costretto a negoziare un nuovo posizionamento. Da “problematizzatore” e “decostruttore” delle questioni mi trasformai anche in assistente alla progettazione e operatore7. Cercherò qui di seguito di esplicitare l’esito di tale ridefinizione, soffermandomi su alcune questioni epistemologiche e metodologiche sorte attraverso la ricerca. Per prima cosa discuterò la differenza tra lavoro sul campo ed etnografia confrontando una nota che delinea una tipica giornata lavorativa presso lo spazio Off Campus con la descrizione della metodologia teorizzata da Mapping San Siro. Successivamente, mi concentrerò sull’approccio alla ricerca adottato dal gruppo, rifacendomi alla sistemazione che ne ha dato la sua responsabile in una recente pubblicazione. Evidenzierò, da una parte, alcuni punti in comune con lo sguardo antropologico, che hanno permesso negli anni di strutturare un dialogo interdisciplinare e, dall’altra, alcune frizioni sorte proprio dal consolidamento di quest’ultimo. Infine, presentando delle azioni progettuali implementate in quartiere, mi soffermerò sulla questione dell’intenzionalità, ricollegandomi alla prospettiva etnografica dell’implicazione. Interrogando il rapporto tra ricerca e applicazione, il testo nel suo insieme illustrerà un ruolo da antropologo capace di mettere in gioco diverse competenze e agire su più livelli, una figura per così dire “spuria”, cioè a stretto contatto con altre professionalità e altri campi del sapere.

Lavoro sul campo ed etnografia: l’esperienza di Mapping San Siro

  • 8 Nome fittizio.

13 settembre 2021.
Ho appuntamento alle 9:30 con Giovanni8 presso lo spazio Off Campus di San Siro. Sceso dalla metropolitana, intorno alle 9:00, è lui per primo a scrivermi un messaggio:
– Ufficio inagibile, è esploso un tubo, si sente puzza di fogna.
– Aspettami – gli rispondo.
Arrivato davanti a Off Campus, trovo Giovanni seduto su una panchina. Una vecchia riparazione fatta a un tubo di scarico è saltata di nuovo durante il periodo di chiusura estiva. Lo spazio è allagato. Una parte del controsoffitto è ceduta. Avvisiamo i colleghi e decidiamo di rimanere ad aspettare l’intervento dei tecnici di ALER Milano, l’Azienda Lombarda Edilizia Residenziale, proprietaria dello stabile e responsabile della sua manutenzione.
Nel frattempo incrociamo per caso un sindacalista che conosciamo da tempo. Ne approfittiamo per bere un caffè in un bar vicino e scambiare quattro chiacchiere sulla condizione del quartiere.
Torniamo indietro e prendiamo posto nella parte dell’ufficio ancora intatta, anche se l’odore è insopportabile. Ci colleghiamo a una call online per un appello d’esame. Alle 11:00 mi raggiunge uno studente che vorrebbe scrivere una tesi di laurea sul tema dei senza dimora.
Dopo il colloquio Giovanni ed io mandiamo alcune mail, poi andiamo a mangiare qualcosa in una tavola calda poco distante dal quartiere. Una squadra di manutentori nel frattempo ripara il danno, ma lo spazio va completamente ripulito. Apriamo le finestre e contattiamo, grazie a una collega, il servizio di pulizia del Politecnico. Tornati alla nostra scrivania, siamo interrotti da un ragazzo che ci chiede informazioni per trovare un lavoro. Lo indirizziamo verso l’ufficio di una fondazione che opera lì vicino. Più tardi è la volta di una giovane donna visibilmente ubriaca che ci domanda cosa siamo lì a fare.
Alle 14:00 contatto telefonicamente un interlocutore per un’intervista, il quale però non si fa trovare. Provo allora a scrivere un pezzo di un articolo che devo consegnare nel giro di un mese.
Alle 16:00 partecipo in un altro ufficio alla cabina di regia di un progetto educativo con il quale collaboriamo. Parliamo dell’acquisto di testi per le scuole e di strategie di comunicazione del progetto. Torno verso l8:00. Giovanni ed io abbassiamo le saracinesche e ci avviamo verso casa.

  • 9 Mi riferisco ad esempio alle esperienze dei cosiddetti Urban Living Lab (quindi i laboratori di ric (...)

7Gestire un ufficio, organizzare riunioni, portare avanti didattica e ricerca: queste sono alcune delle attività che caratterizzano una tipica giornata lavorativa nell’Off Campus San Siro. Certo, il cosiddetto multitasking qualifica oggi la figura del ricercatore in generale, sempre più chiamato a farsi non solo docente, ma anche, ad esempio, project manager, consulente, esperto in rendicontazione o comunicazione. Eppure, sulla scorta della mia esperienza e di quella dei colleghi, credo di poter sostenere che realtà accademiche come quella di Mapping San Siro accentuino particolarmente tale condizione9. Nella nota riportata le varie attività si accavallano l’una sull’altra, influenzate dall’interazione con vari attori sociali e da situazioni contingenti che fanno saltare agende e pianificazioni. Assumere questo tipo di ruolo risulta oneroso a livello organizzativo e mentale, ma indubbiamente stimolante sul piano conoscitivo. Ci si ritrova costantemente “sul campo”, anche quando non si fa espressamente etnografia, a contatto con il proprio territorio di riferimento, il quale diviene contemporaneamente oggetto di indagine e di lavoro applicativo.

  • 10 Il rimando alla famosa affermazione di Clifford Geertz apparsa in “Interpretazione di culture” è qu (...)

8La letteratura antropologica si è interrogata in parte su tali aspetti. Certo, il ruolo dell’etnografo e la sua autorità sono stati discussi grazie a una tradizione di studi critici iniziata tra gli anni Settanta e Ottanta del Novecento, concentratasi soprattutto sulle modalità di produzione e restituzione dei testi (Clifford 1993; Clifford, Marcus 1986; Crapanzano 1995; Geertz 1988, 1990; Rabinow 1977, Sanjek 1990). Eppure, com’è noto, gli antropologi e le antropologhe non scrivono e basta10. Quello che fanno ed esula dalla scrittura non è da considerarsi insignificante o irrisorio ai fini della loro impresa conoscitiva: «Il materiale etnografico è composto da molto più delle parole. [...] [G]li eventi linguistici, o la raccolta di “informazioni” sono solo una frazione di ciò che costituisce il materiale», sostennero ad esempio, all’inizio degli anni Novanta, Kirsten Hastrup e Peter Hervik (1994: 4). L’accento venne posto sull’esperienza piuttosto che unicamente sul dialogo. Queste osservazioni aprirono il dibattito in seno alla disciplina che portò allo sviluppo dell’approccio fenomenologico. Si valorizzarono così la prassi e le performance connesse alla partecipazione “in carne e ossa” degli antropologi e delle antropologhe agli eventi schiusi dal campo (cfr. Malighetti, Molinari 2016).

9Non voglio però in questa sede mettere al centro della riflessione la dimensione corporea della ricerca (Csordas 1990, 1994), quanto considerare più semplicemente uno spettro di pratiche legate al “fare etnografia”, pratiche non necessariamente riconducibili alla scrittura o alla raccolta di dati, ma che in qualche modo contribuiscono alla conoscenza di un determinato oggetto di studio, il territorio in cui si colloca e l’arena di attori sociali che lo attraversa. Si tratta in fin dei conti di recuperare il senso della distinzione tra ricerca o lavoro sul campo ed etnografia. Per dirla alla Ugo Fabietti: «La ricerca sul campo è infatti un ambiente interattivo più ampio di ciò che solitamente si intende per “etnografia”, qualcosa che non si risolve nell’incontro col “nativo” e nella raccolta di informazioni sulla sua società e la sua cultura» (Fabietti 2015: 13).

10Dal canto suo, il gruppo Mapping San Siro ha provato sistematizzare le proprie attività e la propria metodologia, organizzandole in uno schema (Immagine 1). I poli del grafico descrivono azioni multilivello, quindi inerenti a dimensioni locali, di quartiere, e sovralocali, su scala urbana (Castelnuovo, Cognetti 2013). Alcune di queste sono rintracciabili nella nota di campo riportata, come mostrerò qui di seguito. Innanzitutto, Situating, ossia lo stare in un determinato territorio, prendersi cura di esso e costruire relazioni a partire da interazioni quotidiane. Tale azione è forse la più scontata in antropologia. Eppure, aprire lo spazio Off Campus almeno tre giorni alla settimana non ha solamente permesso di creare opportunità per sviluppare la ricerca. Lo “stare” in un territorio ha significato, infatti, riattivare uno spazio commerciale dismesso, assumendosi una responsabilità nei suoi confronti. “Stare” ha inoltre voluto dire abitare un luogo, fruirlo e parlarne dentro e fuori il quartiere, cercando di decostruire lo stigma territoriale che lo investiva (Wacquant 2008).

  • 11 “Pezzi” di rete si sono in più occasioni riuniti per scrivere progetti, partecipare a bandi e gesti (...)

11Il secondo elemento è il Networking, il lavoro di rete quindi, sia orizzontale, tra soggetti e attori locali, sia verticale, tra quartiere e istituzioni. Dal 2014 Mapping San Siro coordina una rete denominata Sansheroes, volta a favorire una conoscenza articolata e radicata del quartiere, utile per strutturare visioni condivise di trasformazione e funzionale all’attivazione di progettazioni (Maranghi 2019)11. Il sindacalista menzionato nella nota fa parte di quella rete. Il caffè bevuto insieme rappresenta una delle piccole azioni estemporanee, non previste, ma necessarie che contribuiscono ad alimentare connessioni e legami, al di là dei momenti strutturati e formali di discussione.

  • 12 I dati a cui faccio riferimento variano da progetto a progetto e in base alle ricerche personali de (...)

12Il terzo elemento, Inquiry, su cui tornerò nel prossimo paragrafo, individua più esplicitamente la dimensione della ricerca. Qui mi preme sottolineare come l’investigazione sia per Mapping San Siro un’attività strettamente legata alla didattica. Lo spazio Off Campus ospita spesso studenti di architettura, urbanistica e scienze sociali che hanno la possibilità di sperimentare, attraverso appositi percorsi laboratoriali, le competenze acquisite a livello teorico. D’altro canto, la didattica è funzionale alla ricerca perché consente a Mapping San Siro di riordinare costantemente i dati raccolti12 e attivare momenti di riflessione sui risultati ottenuti: «Lavorare in contesti reali e a ridosso delle pratiche permette di avviare interventi didattici e di ricerca che sollecitano una sperimentazione sulle forme e gli strumenti di apprendimento (chi apprende, attraverso quali vie, in quale modo), mettendo in campo un circolo virtuoso tra la dimensione pratica esperienziale-applicativa e la dimensione della elaborazione teorica» scrivevano alcuni anni fa Ida Castelnuovo, membro di Mapping San Siro e project manager di Polisocial (il programma di responsabilità sociale del Politecnico di Milano), e Francesca Cognetti, urbanista responsabile del gruppo (Castelnuovo, Cognetti 2013: 13).

  • 13 Con “mappatura”, Mapping San Siro intende un’azione critica, quindi non neutrale, caratterizzata da (...)
  • 14 Mi riferisco a presentazioni di libri e seminari come i cicli di incontri chiamati “Caffè San Siro” (...)

13Il quarto elemento, Mapping, individua invece un’attività riscontrabile già nelle primissime fasi della storia del gruppo, da cui quest’ultimo ha preso il proprio nome. Mapping San Siro è nato infatti grazie a un workshop didattico organizzato dalla stessa Cognetti nel 2013 con l’obiettivo di impostare un processo partecipativo volto a costruire una rappresentazione complessa del quartiere (Cognetti e Ranzini 2016). Da allora, la mappatura ha sempre costituito un’attività osservabile nella pressoché totalità dei progetti implementati13. Il quinto elemento, Acting, è direttamente collegato all’azione locale portata avanti da Mapping San Siro. La nota che apre il paragrafo sintetizza i contenuti di una riunione organizzativa legata a un progetto educativo focalizzato sul tema dell’inclusione di studenti stranieri. Personalmente, dal 2019, sono stato impegnato in altre attività riguardanti soprattutto lo sullo spazio pubblico e la memoria del quartiere. Acting individua quindi quelle azioni progettuali volte prettamente a trasformare lo spazio fisico e sociale. Infine, Communicating, ossia l’idea di contribuire a costruire un racconto non essenzializzante su San Siro, attivando un confronto pubblico con la città. A questo proposito, nel corso degli anni abbiamo lavorato con i soggetti della rete locale alla stesura di un documento per descrivere il quartiere, le sue risorse e le sue problematicità; abbiamo collaborato più volte con giornalisti di testate locali e nazionali; scritto direttamente articoli divulgativi e organizzato momenti formali di dibattito14.

  • 15 Ribadisco da questo punto di vista che qualsiasi ricerca etnografia comporta la realizzazione di sv (...)
  • 16 In altri casi, al contrario, la gestione delle varie attività ha sicuramente ostacolato il processo (...)

14Il lavoro sul campo è quindi andato oltre l’ambito più ristretto dell’etnografia, se non altro per la varietà di azioni implementate. Non si è trattato di compiere una serie di pratiche utili a costruire relazioni, ma comunque finalizzate a un obiettivo investigativo15. Si è trattato piuttosto di tenere insieme azioni con obiettivi e output diversi, non direttamente collegabili alla ricerca, ma in grado però di influenzarla e, in certi casi, arricchirla16. La gestione dello spazio, il networking, l’azione territoriale, le attività di comunicazione hanno quantomeno permesso di osservare il campo attraverso lenti nuove e su livelli diversi, da quello locale delle interazioni faccia a faccia e quotidiane, a quello sovralocale delle politiche urbane e della pianificazione. Nello spostarmi da un livello a un altro la mia professionalità antropologica si è dovuta necessariamente adattare.

15Alla luce di quanto descritto, risulta ancor più chiaro quanto sia stato necessario riflettere sui possibili riposizionamenti dell’antropologo e del suo operare. Da un lato, la prospettiva dell’implicazione garantiva l’assunzione di una postura critica e riflessiva che metteva al centro il punto di vista degli interlocutori. Forniva in un certo senso la possibilità di accettare l’imprevisto, rendendolo parte dell’analisi. Assicurava la decostruzione dello sguardo “solare”, ossia dall’alto, della progettazione. Preveniva ciò che Franco La Cecla definisce in un suo famoso pamphlet una pianificazione riduzionista, lontana dalle esigenze dei territori e dei suoi abitanti (La Cecla 2015). Dall’altro, quella stessa postura, nel suo “decentrare” il ricercatore, si scontrava in parte con i compiti operativi richiesti da Mapping San Siro. Torno quindi al terzo polo individuato, quello della ricerca, per approfondire tale frizione e proporne una – inequivocabilmente instabile e provvisoria – risoluzione.

Il polo della ricerca

16Nello schema riportato, la ricerca (inquiry) rappresenta solo uno dei poli che descrivono il lavoro sul campo portato avanti da Mapping San Siro. D’altra parte, quello stesso polo non può dirsi slegato dagli altri, ma ne è profondamente condizionato. La circolarità che collega i sei poli evoca la relazione complessa individuata in antropologia tra ricerca pura e applicata. Roberto Malighetti, nell’introduzione al suo libro intitolato “Antropologia applicata. Problemi e prospettive”, mostra come tale relazione sia stata oggetto di dibattito sin dall’epoca coloniale (Malighetti 2020). Solo però in tempi più recenti, tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta del Novecento, questa dicotomia viene messa in discussione. In un articolo pubblicato nel 1967, ad esempio, Burton Benedict scrive: «Avendo considerato l’antropologo applicato come un professionista è legittimo chiedersi quale sia la sua professione. È l’antropologia. L’antropologia applicata non è una disciplina in sé. Deve essere fermamente radicata nelle teorie e nei metodi dell’antropologia» (Benedict 1967, in Malighetti 2020: 267).

  • 17 Clifford Geertz non si è occupato di antropologia applicata, ma la sua teorizzazione della circolar (...)
  • 18 La sintesi non si riferisce solo al lavoro di Mapping San Siro, ma ne rappresenta diretta emanazion (...)

17Similmente, l’attività lavorativa richiesta all’interno del gruppo Mapping San Siro non era scindibile in due direzioni. La ricerca – seppur orientata dalla prospettiva dell’implicazione – non era scollegabile dai ruoli operativi. Essa informava piuttosto l’agire in quartiere, il quale a sua volta retroagiva sulla ricerca stessa. Teoria e “applicazione” si contaminavano a vicenda, circolarmente (cfr. Geertz 1987), in base a un rapporto ricorsivo e dialettico, quindi non privo di dissidi17. Le caratteristiche di questa relazione risulteranno ancor più evidenti approfondendo l’approccio alla ricerca utilizzato dai colleghi urbanisti di Mapping San Siro. In un libro di recente pubblicazione, Francesca Cognetti ne fornisce una sintesi (Cognetti et al. 2020)18. Una precisazione è d’obbligo: tale approccio è minoritario nel panorama dell’urbanistica e ascrivibile al settore degli “studi urbani critici”. Rifacendosi al pensiero di Peter Marcuse (2009), Barbara Pizzo, Giacomo Pozzi e Giuseppe Scandurra definiscono quest’ultimi come l’insieme di quei saperi riguardanti la città in grado di mettere in discussione il reale e disposti a riflettere analiticamente sulle modalità e le conseguenze del loro operare (Pizzo, Pozzi e Scandurra 2021). Probabilmente, è proprio tale ascrizione che costituisce il terreno fertile su cui è stato possibile sviluppare un dialogo.

  • 19 Per una recente review si veda Saija e Lambert-Pennington 2020.
  • 20 La RRI si concentra sul rapporto tra ricerca, innovazione e società: deve coinvolgere il pubblico, (...)

18La postura individuata da Cognetti è innanzitutto “trasformativa”, volta quindi a cambiare il reale. È una postura tuttavia che si presuppone «responsabile [...]; i cui tratti specifici riguardano tre dimensioni peculiari della ricerca: di accompagnamento alle politiche, multidimensionale e collaborativa» (Ibidem: 16-17). Sul solco della tradizione della ricerca-azione che affonda le sue radici nei lavori di Kurt Lewin (1980)19, Cognetti vede quindi la sua indagine a ridosso delle istituzioni e ancorata ai luoghi, in grado di combinare strumenti qualitativi e quantitativi, conoscenze esperte e comuni. L’approccio rimanda inoltre alle recenti direttive europee relative alla Responsible Research and Innovation (RRI)20, qualificandosi come: progettuale, ossia orientata alla pianificazione; situata, quindi territoriale, che pone al centro la dimensione spaziale; “emersiva”, ossia maieutica, dialogica, «in grado di far affiorare lo sguardo e i saperi impliciti dei soggetti locali e degli abitanti» (Ibidem: 18); interattiva, basata sul confronto; abilitante, indirizzata allo sviluppo e al rafforzamento di un contesto o di un gruppo sociale.

  • 21 Quindi territoriale, finalizzata a una trasformazione di un’area urbana o delle politiche che la re (...)

19La mia analisi non ha tanto preso le mosse da un’esigenza progettuale così intesa21 e da un’urgenza di abilitazione, quanto, come già esposto, da un atteggiamento riflessivo e decostruttivo. In altre parole, sebbene mi sia confrontato costantemente con la dimensione del progetto territoriale, questa non ha certo caratterizzato “ontologicamente” l’attività di ricerca, a differenza dei colleghi urbanisti. Eppure, le nostre rispettive indagini sono state parimenti collaborative, situate, dialogiche e interattive. L’approccio descritto da Cognetti rileva quindi alcuni elementi in comune con l’etnografia in generale e con la prospettiva dell’implicazione in particolare.

20Tale intersezione – esplicitata nel corso degli anni attraverso continui confronti e scontri, equipe settimanali, dibattiti con altri ricercatori esterni al gruppo – ha permesso, da un lato di stabilire un punto di contatto, dall’altro di identificare le rispettive specificità disciplinari e di conseguenza il valore aggiunto dei nostri ruoli all’interno di Mapping San Siro. Per quanto riguarda l’antropologia, l’atteggiamento riflessivo e decostruttivo, l’attitudine all’ascolto e la capacità di osservazione hanno in qualche modo arricchito la postura trasformativa dei colleghi architetti e urbanisti. Di contro, il loro approccio ha condizionato il mio procedere, aiutandomi a sviluppare un’attenzione peculiare per la dimensione spaziale e le politiche urbane.

  • 22 Green Living Lab è  stata un’azione del progetto europeo «SoHoLab – the regeneration of Large Scale (...)

21Tra dicembre 2017 e giugno 2019, ad esempio, ho seguito l’implementazione di “Green Living Lab San Siro”, un intervento che ha riqualificato una via del quartiere grazie all’installazione di rastrelliere per biciclette, dissuasori di parcheggio, alcune fioriere e la realizzazione di una grafica colorata su un marciapiede22. Green Living Lab è stato seguito da un architetto di Mapping San Siro, affiancato da un gruppo esterno di progettisti specializzati sul riutilizzo temporaneo degli spazi. Quest’ultimi hanno gestito anche la parte relativa all’ingaggio territoriale e all’ascolto dei residenti, consistita nella creazione di uno sportello informativo e l’organizzazione di alcune attività di progettazione partecipata. Personalmente, ho assunto un ruolo di mediatore tra i progettisti, le istituzioni e gli attori locali, cercando di raccoglierne esigenze e opinioni.

22Soffermandomi sugli aspetti metodologici, la relazione tra progettisti esterni, Mapping San Siro e gli attori locali ha rivelato a tratti dei dissensi, riconducibili alle rispettive posture disciplinari dei professionisti coinvolti. Green Living Lab partiva da un disegno già definito e lasciava poco spazio alla negoziazione. La fase di ascolto e di ingaggio territoriale è stata quindi abbastanza effimera. L’implementazione del progetto è stata resa possibile da un patto di collaborazione (stabilito tra Comune di Milano e associazioni locali), un dispositivo giuridico allora sperimentale che ha garantito la cura della via per alcuni mesi (Gusmaroli 2019). A quel patto non sono però susseguite altre azioni, causando sostanzialmente il parziale abbandono dell’intervento. Eppure, il progetto ha alimentato una riflessione interna a Mapping San Siro sulla qualità e sul senso di progetti di quel tipo nello spazio pubblico, informando altre azioni simili realizzate successivamente. Il collega architetto ne fece oggetto di analisi teorica (cfr. Di Franco et al. 2021). Dal mio punto di vista, Green Living Lab permise di riflettere sui limiti e le potenzialità della partecipazione politica (Grassi 2018). In conclusione, il progetto ha costituito senz’altro un’occasione di “apprendimento”. Dai reciproci posizionamenti e al di là delle personali intenzioni, Green Living Lab ha permesso di sviluppare fattivamente, per tentativi ed errori, un lavoro interdisciplinare (cfr. Cognetti et al. 2019).

  • 23 Piazza Segesta. Un’interpretazione interdisciplinare e partecipativa, Report di progetto (non pubbl (...)

23In un’altra occasione, nel 2020, collaborai con un’urbanista nel realizzare un’analisi interdisciplinare di una piazza posta a nord del quartiere. Il lavoro iniziò con una mappatura dello spazio fisico a cui sovrapponemmo un’interpretazione qualitativa fondata su un’osservazione diretta e un’interlocuzione con diversi attori sociali. La difficoltà di tale interazione consistette nel trovare la giusta combinazione tra i rispettivi strumenti disciplinari propri dell’antropologia e dell’urbanistica. Connettendo note di campo, interviste, mappe mentali e rappresentazioni grafiche provammo così a sondare il confine simbolico che divide il quartiere dal resto della città. Il percorso produsse un report di progetto dal taglio cartografico, ma al tempo stesso in parte riflessivo, attento alla processualità del suo farsi e alle relazioni con gli interlocutori23.

24Il polo della ricerca dello schema (Immagine 1) ha dunque assunto caratteristiche diverse a seconda dalla prospettiva disciplinare adottata dai membri del gruppo, nutrendosi della relazione con gli altri poli (Situating, Networking, Mapping, Acting, Communicating), nell’interazione con gli attori presenti in quartiere. La ricerca etnografica (declinata secondo la prospettiva dell’implicazione) ha costituito uno degli elementi dell’attività a San Siro, non l’unico, una delle componenti del lavoro sul campo messe in atto – “tra le varie cose” –, un arnese della cassetta degli attrezzi che si è accompagnato ad altri, contaminandosi e interessando più dimensioni.

Conclusioni: un’etnografia “multi-livello”?

  • 24 Di contro, a riprova della circolarità evidenziata, ho accompagnato l’organizzazione dei laboratori (...)

25La mia attività quotidiana a San Siro è andata oltre la pratica etnografica, abbracciando un più ampio spettro di compiti. I cinque poli diversi dalla ricerca che hanno caratterizzato il lavoro di campo (Situating, Networking, Mapping, Acting, Communicating) non si sono semplicemente sommati ad essa, ma hanno influenzato in qualche modo la costruzione delle interpretazioni. Per fornire ulteriori esempi, l’organizzazione di laboratori di educazione alla cittadinanza all’interno di alcune scuole tra il 2019 e il 2021 mi ha consentito di conoscere un gruppo di ragazzi e di approfondire le loro prospettive sul quartiere (Mansilla et al. 2022), oppure la partecipazione agli incontri della rete locale durante tutti i cinque anni di ricerca mi ha permesso di riflettere sulla struttura e le condizioni del welfare milanese (Grassi 2022b)24.

  • 25 Mi permetto di azzardare tale generalizzazione sulla base dei confronti avuti durante i cinque anni (...)

26In queste pagine ho cercato di definire una figura professionale per così dire “spuria”. La mia attività lavorativa, come quella di altri colleghi impegnati in esperienze simili25, non ha generato uno scienziato sociale in grado di saltare con dimestichezza da un campo disciplinare a un altro (i cinque anni a Mapping San Siro non mi hanno certo trasformato in un urbanista o in un architetto). Essa ha piuttosto circoscritto un antropologo in grado di utilizzare diverse competenze (di ascolto, osservazione, analisi, scrittura, progettazione, comunicazione) e muoversi su più livelli, dal prendersi cura di uno spazio pubblico, al gestire componenti di progetti; dal coordinamento di tavoli di discussione, alla teorizzazione accademica. Tali riflessioni interrogano certamente la questione dell’intenzionalità del gesto antropologico. Infatti, il coordinamento di diverse azioni, su diversi livelli e con diversi attori sociali, non può presupporre una consapevolezza totale del proprio agire. In fondo, se l’intenzionalità è da intendersi alla Edmund Husserl (1961) come una “predisposizione” del soggetto che compie un atto di conoscenza, allora è necessario sottolineare che tale predisposizione non interessa solamente l’antropologo (o qualsiasi altro ricercatore), ma anche i suoi interlocutori, a maggior ragione se quest’ultimi divengono i residenti di un territorio specifico, altri professionisti e membri delle istituzioni. In quest’ottica, la ricerca e il più ampio lavoro sul campo si trasformano in esperienza “condivisa”, un processo di co-costruzione di un’interpretazione del reale non “controllabile” costantemente. Scrive Fabietti a questo proposito: «La ricerca etnografica [consiste] in un rapporto tra soggetti che si trovano a interagire in situazioni di potere, psicologico e sociale, disequilibrate e via via mutevoli» (Fabietti 2005: 56). Similmente, gli abitanti del quartiere, i colleghi di Mapping San Siro e gli attori incontrati hanno contribuito a definire il mio ruolo e il procedere della ricerca, definendo campi sociali instabili che hanno travalicato i mutui posizionamenti.

27Ritorna quindi utile il richiamo alla prospettiva dell’implicazione, che trova in qualche modo, grazie a tali considerazioni, una sua ulteriore ricollocazione nel quadro tratteggiato. Anch’essa pone infatti l’accento sull’interazione e sulle modalità attraverso le quali i soggetti coinvolti in un processo investigativo permettono il farsi e il disfarsi di una relazione. Il campo e le attività che esso dispiega divengono una dinamica in grado di costruire rapporti sociali, al di là dell’intenzionalità esercitabile dal ricercatore.

28In conclusione, ho provato a mostrare come, nel lavoro sul campo, una specifica prospettiva antropologica possa essere messa in dialogo e tensione con altri approcci più orientati alla progettazione territoriale e alla trasformazione, come quello urbanistico che caratterizza il gruppo del Politecnico di Milano Mapping San Siro. La riflessione qui elaborata non vuole quindi suggerire un mansionario dell’antropologo. Cerca piuttosto di impostare un ragionamento che riguarda l’applicazione della disciplina antropologica e il suo confronto con altri campi del sapere. Questi elementi acquistano senz’altro qualità peculiari nell’ambito di contesti territoriali marginalizzati, dove, per citare la call di questo numero monografico, la questione dell’emancipazione o dell’inclusione si pone necessariamente, più che altrove.

Torna su

Bibliografia

Althabe G., 1969 Oppression et libération dans l’imaginaire. Les communautés villageoises de la côte orientale de Madagascar, Maspero, Paris.

Althabe G., 1986 « Ethnologie du contemporain, anthropologie de l’ailleurs », in Guillame M. (ed.), L’état des sciences sociales en France, La Découverte, Paris.

Althabe G., 1990 « Ethnologie et enquête de terrain », in Terrain, 14: 126-131.

Benedict B., 1967 «The Significance of Applied Anthropology for Anthropological Theory», in Man, 2: 584-592, in R. Malighetti 2020, Antropologia Applicata. Problemi e prospettive, Morcelliana, Brescia: 263-270.

Castelnuovo I., Cognetti, F. (a cura di), 2013 Fare didattica sul campo, un anno di sperimentazione, I Quaderni di Polisocial n.1, Fondazione Politecnico, Milano.

Clifford J., 1993 I frutti puri impazziscono. Etnografia, letteratura e arte nel XX secolo, Bollati e Boringhieri, Torino [1988].

Clifford J., Marcus G. (eds.), 1986 Writing Culture: The Poetics and Politics of Ethnography, University of California Press, Berkeley, London.

Cognetti F., Fava F., Grassi P., Pizzo B. (a cura di), 2019 «La città interdisciplinare. Per itinerari non tracciati tra saperi urbani», Tracce Urbane, 6.

Cognetti F., Gambino D., e Lareno Faccino J., 2020 Periferie del cambiamento. Traiettorie di rigenerazione tra marginalità e innovazione a Milano, Quodlibet, Macerata.

Cognetti F., Padovani L., 2018 Perché (ancora) i quartieri pubblici? Un laboratorio di politiche per la casa, Franco Angeli, Milano.

Cognetti F., Ranzini A., 2016 Mapping San Siro. Strumenti di ricerca-azione nel/con il quartiere San Siro a Milano, I Quaderni di Polisocial n. 4. Fondazione Politecnico, Milano.

Crapanzano V., 1995 Tuhami. Ritratto di uomo del Marocco, Meltemi, Roma [1980].

Csordas T.J., 1990 «Embodiment as a Paradigm for Anthropology», in Ethos, 18: 5-57.

Csordas T.J., 1994 Embodiment and experience: the existential ground of culture and self, University Press, Cambridge.

Demetrio D., 1999 Educatori di professione. Pedagogia e didattiche del cambiamento nei servizi extra-scolastici, La Nuova Italia, Venezia.

De Vito L., 2021 «Milano, sulla frontiera tra le due città: a San Siro il muro invisibile di piazzale Segesta tra il disagio delle case popolari e il lusso», in la Repubblica, 22 dicembre.

Di Franco A., Frangipane M., Orsenigo G. 2021 Le domande del progetto. Sperimentazioni nei margini urbani, Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna.

Escobar A., 1993 «The Limits of Reflexivity: Politics in Anthropology’s post “Writing Culture” Era. Recapturing Anthropology: Working in the Present, by Richard Fox», in Journal of Anthropological Research, XLIX, 4: 377-392.

Fabietti U., 2005 Antropologia culturale. L’esperienza e l’interpretazione, Laterza, Roma-Bari.

Fava F., 2012 Lo zen di Palermo. Antropologia dell’esclusione, Franco Angeli, Milano.

Fava F., 2015 Qui suis-je pour mes interlocuteurs ?: L'anthropologue, le terrain et les liens émergents, l’Harmattan, Paris.

Fava F., 2017 In campo aperto. L’antropologo nei legami del mondo, Meltemi, Milano.

Geertz C., 1988 Interpretazione di culture, Mulino, Bologna [1973].

Geertz C., 1990 Opere e vite. L’antropologo come autore, Il Mulino, Bologna [1988].

Grassi, P., 2018 «Per un’analisi critica della «partecipazione: il caso del Bilancio Partecipativo 2017-2018 di Milano visto dal quartiere di edilizia popolare di San Siro», Antropologia, 5, 2: 159-174.

Grassi P., 2022a Barrio San Siro. Interpretare la violenza a Milano. Franco Angeli, Milano.

Grassi P., 2022b «“Non sanno le cose. Non le possono capire”. Un’etnografia del welfare milanese durante l’emergenza epidemiologica da COVID-19», in Rimoldi L., Pozzi G. (a cura di), Pensare un’antropologia del welfare. Etnografie dello stato sociale in Italia, Meltemi, Milano: 266-287.

Gusmaroli G., 2019 «Abbi Cura: a Milano una strada unisce i cittadini. Firmato il primo Patto di collaborazione complesso a Milano», in Labsus, 20 gennaio 2019, disponibile online all’indirizzo: (ultima consultazione 19 settembre 2022).

Hastrup K., Hervik P. (eds.), 1994 Social Experience and Anthropological Knowledge, Routledge, New York and London.

Husserl E., 1961 La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale, Il Saggiatore, Milano [1959].

Kollektiv Orangotango+ (ed.), 2018 This Is Not an Atlas: A Global Collection of Counter-Cartographies, transcript Verlag, Bielefeld

La Cecla F., 2015 Contro l’urbanistica, Einaudi, Torino.

Lewin K., 1980 I conflitti sociali, Franco Angeli, Milano [1946].

Malighetti R. 1991 Il filosofo e il confessore. Antropologia ed ermeneutica in Clifford Geertz, Unicopli, Milano.

Malighetti R., 2020 Antropologia applicata. Problemi e prospettive, Morcelliana, Brescia.

Malighetti R., Molinari A., 2016 Il metodo e l’antropologia. Il contributo di una scienza inquieta, Raffaello Cortina, Milano.

Mansilla, J. C., Grassi, P., & Palmas, L. Q., 2022 «Contemporary Youth Culture at the Margins of Marseille and Milan: Gangs, Music, and Global Imaginaries», Youth and Globalization, 3,2: 359-385.

Maranghi E., 2019 «Il ruolo della conoscenza locale nell’attivazione di comunità di pratiche e di progetto. Il caso della rete Sansheroes (Milano)», in Tracce Urbane, 3, 6: 177-195.

Maranghi E., Cognetti F., Ryckewaert M., Aernouts N., Mosseray J., Lefrançois D., Wachter S. and Labied N., 2020 5 Themes from Urban Living Lab Experiences in Large-Scale Social Housing Estates, Soholab, Brussels.

Marcuse P., 2009 «From Critical Urban Theory to the Right to the City», in City, 13, 2-3: 185-197

Morrow V., Richards M., 1996 «The Ethics of Social Research with Children: An Overview», in Children and Society, 10, 2: 90-105.

Pizzo B., Pozzi G., Scandurra G. (a cura di), 2021 Mappe e sentieri. Un’introduzione agli studi urbani critici, Editpress, Firenze.

Rabinow P., 1977 Reflections on Fieldwork in Morocco, University of Chicago Press, Chicago.

Saija L., Lambert-Pennington K., 2020 «To Do and Know Something Together: Overcoming the Obstacles and Challenges of Action-Research in Making Better Urban Worlds», in Tracce Urbane. Rivista Italiana Transdisciplinare Di Studi Urbani4, 8: 6-18 https://doi.org/10.13133/2532-6562_4.8.17278.

Sanjek R. (ed.), 1990 Fieldnotes: The Makings of Anthropology, Cornell University Press, Ithaca and London.

Severi I., Tarabusi F. (a cura di), 2019 I metodi puri impazziscono. Strumenti dell’antropologia e pratiche dell’etnografia al lavoro, Licosia, Ogliastro Cilento.

Wachtel N., 1993 Dei e vampiri. Ritorno a Chipaya, Einaudi, Torino [1992].

Wacquant L., 2008 Urban Outcasts: A Comparative Sociology of Advanced Marginality, Polity Press, Cambridge.

Winton A., 2007 «Using “Participatory” Methods with Young People in Contexts of Violence: Reflections from Guatemala», in Bulletin of American Research, XXVI, 4: 497-515.

Wulff H. (ed.), 2016 The Anthropologist as Writer: Genres and Contexts in the Twenty-First Century, Berghahn Books, Oxford and New York.

Zenker O., Kumoll, K., 2010 Beyond Writing Culture: Current Intersections of Epistemologies and Representational Practices, Berghahn Books, New York and Oxford.

Torna su

Allegato

Immagine 1. La metodologia del gruppo Mapping San Siro (tratto da Cognetti e Ranzini 2016: 34)

Torna su

Note

1 Anticipo che il tema del dossier monografico in cui questo articolo si inserisce – quello dell’intenzionalità – è qui sviscerato relativizzando un atto innanzitutto soggettivo di conoscenza (o una disposizione a compiere tale atto), in relazione a un’arena di attori sociali presenti in uno specifico campo di ricerca.

2 Realizzato tra gli anni Trenta e Quaranta attraverso un progetto unitario riconducibile ai principi dell’architettura razionalista, San Siro è oggi composto da circa 6.000 alloggi abitati da circa 12.000 persone, la metà delle quali con background migratorio. Molti sono i residenti che vivono in situazioni di grave disagio (ad esempio anziani soli, o persone con patologie psichiatriche). Si tratta di percorsi di vita a volte estremi, sempre più presenti nell’edilizia pubblica in generale (Cognetti, Padovani 2018). Gli appartamenti ancora pubblici (circa 4.300) appartengono ad ALER Milano, Azienda Lombarda Edilizia Residenziale.

3 Il gruppo è coordinato dall’urbanista Francesca Cognetti (Politecnico di Milano) e supervisionato dall’urbanista Liliana Padovani (ex docente dell’Università IUAV di Venezia). Il numero dei suoi membri è mutato nel corso degli anni. Attualmente, alle responsabili vanno aggiunti otto ricercatori, di cui due architetti, quattro urbaniste e due antropologi, compreso il sottoscritto.

4 Da aprile 2019 Mapping San Siro si è trasferito presso un nuovo ufficio, a pochi metri di distanza dalla prima sede, diventando il principale animatore di Off Campus, un’iniziativa promossa dal programma Polisocial (il programma di impegno e responsabilità sociale del Politecnico di Milano) con l’obiettivo di rafforzare la presenza del Politecnico nella città, avvicinandolo ai territori. Attualmente sono presenti a Milano tre Off Campus, uno appunto a San Siro, il secondo in viale Monza, nel cosiddetto quartiere NoLo (Nord di Loreto), il terzo nel carcere di San Vittore.

5 Assegno di ricerca finanziato dal Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità (Università di Padova). Titolo del progetto: «Milano ostile. Gli spazi della violenza e la violenza degli spazi». Obiettivo del progetto era analizzare la relazione tra dimensione della violenza e spazio urbano all’interno di un contesto specifico.

6 Assegno di ricerca, finanziato dal Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (Politecnico di Milano). Titolo del progetto: «Living Lab come strumenti di produzione di conoscenza e sviluppo di competenze in contesti marginali».

7 In altre parole, come specificherò meglio nel prossimo paragrafo, assunsi dei ruoli che non sempre vengono associati automaticamente, anche nei contesti più applicativi, al lavoro dell’antropologo (cfr. Severi, Tarabusi 2019).

8 Nome fittizio.

9 Mi riferisco ad esempio alle esperienze dei cosiddetti Urban Living Lab (quindi i laboratori di ricerca urbani) legati a diverse università italiane ed estere (cfr. Maranghi et al. 2020) o ad altre esperienze simili presenti in Italia (il Laboratorio di Studi Urbani Territori dell’Abitare della Sapienza Università di Roma, o AuroraLAB del Politecnico e Università di Torino).

10 Il rimando alla famosa affermazione di Clifford Geertz apparsa in “Interpretazione di culture” è qui doveroso: «“Che cosa fa l’etnografo?”: scrive» (Geertz 1987: 29, cfr. Wulff 2016). Tuttavia, è bene precisare che con la sua affermazione l’antropologo statunitense non sostiene che il gesto etnografico si risolva nella scrittura, ma che, piuttosto, attraverso quest’ultima, lo stesso gesto costruisca la realtà che analizza.

11 “Pezzi” di rete si sono in più occasioni riuniti per scrivere progetti, partecipare a bandi e gestire azioni territoriali.

12 I dati a cui faccio riferimento variano da progetto a progetto e in base alle ricerche personali dei collaboratori del gruppo. Un “archivio di quartiere” ubicato nello spazio Off Campus ne colleziona alcuni: mappature qualitative e quantitative dell’area, interviste a residenti e membri della rete di soggetti locali, archivi personali degli abitanti, report di progetto, fonti secondarie.

13 Con “mappatura”, Mapping San Siro intende un’azione critica, quindi non neutrale, caratterizzata da asimmetrie e dinamiche di potere (cfr. Kollektiv Orangotango+ 2018)

14 Mi riferisco a presentazioni di libri e seminari come i cicli di incontri chiamati “Caffè San Siro” - www.mappingsansiro.polimi.it/lunch-seminar.

15 Ribadisco da questo punto di vista che qualsiasi ricerca etnografia comporta la realizzazione di svariate attività, spesso legate alla quotidianità degli interlocutori.

16 In altri casi, al contrario, la gestione delle varie attività ha sicuramente ostacolato il processo di analisi, ad esempio non facilitando la salvaguardia di adeguati spazi di riflessione.

17 Clifford Geertz non si è occupato di antropologia applicata, ma la sua teorizzazione della circolarità ermeneutica permette di chiarire ulteriormente il legame a doppio filo che unisce teoria e pratica, ricerca e azione. Scrive Malighetti a questo proposito in un altro testo: «La principale caratteristiche delle revisioni di Clifford Geertz delle discipline sociali consiste nella riscoperta della dimensione ermeneutica con la sua enfasi tematica sulla comprensione, sull’interpretazione e sul carattere costruttivo della conoscenza. Assumere il problema ermeneutico significa riconoscere, da un lato, che le espressioni e le azioni umane contengono una componente significativa, riconosciuta dal soggetto che vive in un certo sistema di valori e significati; dall’altro che le espressioni e le scienze interpretative sono costituite da modelli che costruiscono i referenti. [...] Non vi è separazione tra etnografia, intesa come descrizione rappresentativa e antropologia, intesa come elaborazione teorica. [...] [L’etnografia] rappresenta un approdo che combina e lega il lavoro nelle accademie a quello sul campo, la ricerca di nuove chiavi interpretative e il rapporto circolare con gli informatori» (Malighetti 1991: 18-19).

18 La sintesi non si riferisce solo al lavoro di Mapping San Siro, ma ne rappresenta diretta emanazione.

19 Per una recente review si veda Saija e Lambert-Pennington 2020.

20 La RRI si concentra sul rapporto tra ricerca, innovazione e società: deve coinvolgere il pubblico, tenere conto di questioni etiche e di genere, e promuovere l’educazione scientifica (cfr. https://rri-tools.eu/).

21 Quindi territoriale, finalizzata a una trasformazione di un’area urbana o delle politiche che la regolano.

22 Green Living Lab è  stata un’azione del progetto europeo «SoHoLab – the regeneration of Large Scale Social Housing Estates through LivingLabs», promossa in collaborazione con l’associazione Temporiuso.net.

23 Piazza Segesta. Un’interpretazione interdisciplinare e partecipativa, Report di progetto (non pubblicato). In quell’occasione il polo della ricerca dialogò specialmente con quello della comunicazione. L’anno successivo, infatti, il report costituì la fonte principale per un giornalista che scrisse un articolo sul tema (De Vito 2021).

24 Di contro, a riprova della circolarità evidenziata, ho accompagnato l’organizzazione dei laboratori e la partecipazione agli incontri della rete con dialoghi individuali e la realizzazione di interviste semi-strutturate, approfondendo quanto osservato nei momenti operativi.

25 Mi permetto di azzardare tale generalizzazione sulla base dei confronti avuti durante i cinque anni di ricerca con ricercatori e ricercatrici impegnati in esperienze simili a livello nazionale (si veda la rete Tracce Urbane) e internazionale (si veda il già menzionato progetto SoHoLab – nota 22).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Legenda Immagine 1. La metodologia del gruppo Mapping San Siro (tratto da Cognetti e Ranzini 2016: 34)
URL http://journals.openedition.org/aam/docannexe/image/6640/img-1.jpg
File image/jpeg, 505k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Paolo Grassi, «Oltre l’intenzione. Etnografia urbana, lavoro sul campo e progettazione territoriale»Archivio antropologico mediterraneo [Online], Anno XXVI, n. 25 (1) | 2023, online dal 24 juin 2023, consultato il 14 juin 2024. URL: http://journals.openedition.org/aam/6640; DOI: https://doi.org/10.4000/aam.6640

Torna su

Autore

Paolo Grassi

Università di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “R. Massa” paolo.grassi@unimib.it

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

CC-BY-NC-ND-4.0

Solamente il testo è utilizzabile con licenza CC BY-NC-ND 4.0. Salvo diversa indicazione, per tutti agli altri elementi (illustrazioni, allegati importati) la copia non è autorizzata ("Tutti i diritti riservati").

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search