Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeriAnno XXVII, n. 26 (1)Gastropolitiche insulariLe interazioni umani-ambiente nel...

Gastropolitiche insulari

Le interazioni umani-ambiente nell’applicazione di tecniche agricole sapientemente adattate al territorio: l’esempio dell’isola di Pantelleria

Human-nature interactions in the application of agricultural techniques skillfully adapted to the environment: the example of the island of Pantelleria
Virginie Deguillame

Abstract

L’isola di Pantelleria in Sicilia sfida i suoi abitanti con condizioni difficili: assenza di sorgenti d’acqua, venti violenti, siccità, terreni vulcanici ricchi di pietre. Per affrontare queste condizioni avverse, gli agricoltori locali hanno sviluppato tecniche di coltivazione uniche, adatte al territorio e basate su una profonda comprensione del loro ambiente. Il legame che si è instaurato tra umani e ambiente non solo ha plasmato le pratiche agricole dei contadini, ma ha anche influito sulla loro organizzazione sociale, compresi gli scambi matrimoniali e la suddivisione delle proprietà. Nonostante le mutevoli dinamiche globali e l'evoluzione degli stili di vita che alterano il paesaggio dell'isola, gli abitanti di Pantelleria hanno dimostrato una notevole resilienza nel mantenere i saperi tradizionali e le tecniche ad essi connesse, radicata nell’eredità agricola e nel profondo attaccamento al territorio. L'isolamento geografico, il legame con la natura e l'organizzazione sociale contribuiscono all’identità pantesca, che si evolve con le scelte di vita delle nuove generazioni.

Torna su

Testo integrale

1Attraverso alcuni esempi significativi, questo contributo intende mettere in luce come, in un ambiente che può essere considerato geograficamente e climaticamente avverso come quello di Pantelleria, gli agricoltori abbiano saputo adattarsi nel corso del tempo sviluppando una comprensione approfondita del loro ecosistema e tecniche agricole uniche che hanno consentito loro di affrontare con successo le difficoltà esistenti e ottenere dei buoni raccolti. Inoltre, essendo le condizioni pedo-topo-climatiche dell’isola sfavorevoli a sistemi agricoli più moderni e omogenei, Pantelleria sembra mantenere un’importante resilienza delle conoscenze legate all’agricoltura tradizionale, anche se indebolita negli ultimi anni dai grandi cambiamenti sociali che stiamo vivendo a livello globale. Le caratteristiche dell’isola e le tecniche a queste sapientemente associate, che si riflettono anche in alcuni aspetti dell’organizzazione sociale, hanno permesso a Pantelleria di sviluppare al tempo stesso un’economia di sussistenza e un’economia di mercato, assicurandosi una certa sostenibilità sul piano alimentare ed economico.

  • 1 Coordinato da Lara Giordana e Paola Schierano.
  • 2 Società Italiana di Antropologia Applicata. Il tema del X Convegno era “Ripensare la sostenibilità (...)

2Si tratta di tematiche importanti, che sono state al centro del panel Sostenibilità e sovranità alimentare nelle isole1 nell’ambito del X Convegno SIAA2 tenutosi a Verona dal 14 al 17 dicembre 2022. Proprio in quell’occasione, è nata una riflessione sulle condizioni di vita e i tipi di adattamento messi in atto dai contadini panteschi per raggiungere una forma di resilienza legata a una salvaguardia dei saperi tradizionali e delle tecniche ad essi connesse, particolarmente visibile nel settore agricolo. Nell’ottica di approfondire determinati argomenti esemplificativi, alcuni concetti del libro L’isola di Pantelleria, l’alleanza di uomini e pietre: un’agricoltura mediterranea singolare (Deguillame et al. 2021) sono stati rivalorizzati e reinterpretati in questo articolo per rispondere appunto alla problematica legata alla sostenibilità nelle isole. La prima parte dell’articolo è dedicata alla presentazione sommaria del luogo in cui è stato condotto il campo e, in particolare, delle condizioni geo-morfologiche e climatiche dell’isola di Pantelleria. È un passaggio inevitabile che permetterà una riflessione sulle motivazioni che hanno portato all’utilizzo di determinate pratiche agricole. In un secondo momento, vengono descritti il contesto della ricerca e la metodologia utilizzata per svolgere lo studio. La parte centrale del testo è dedicata alla descrizione di alcune pratiche agricole tradizionali uniche dell’isola di Pantelleria, prendendo come esempio le tecniche usate sulla vite, coltura da anni legata al mercato nazionale, e sull’ulivo, da sempre considerato una coltura familiare e di sussistenza. L’articolo sottolinea, infine, l’esistenza di una stretta correlazione fra tecniche agricole e forme di organizzazione sociale. Da questo sembra dipendere anche la continuità nel tempo di un sistema che ha trovato il proprio equilibrio grazie a un rapporto particolare di rispetto e comprensione dell’ambiente dell’isola, visibile anche nelle forme di identità e di attaccamento degli abitanti al luogo.

1. Descrizione dell’area di studio

3L’isola di Pantelleria è un comune della provincia di Trapani in Sicilia. Si trova al centro del Mediterraneo, tra la Tunisia (dalla quale dista 70 km) e l’isola più grande della Sicilia (distante 110 km). Si sviluppa su una superficie di 83 km², intorno a tre centri principali chiamati “contrade”: Pantelleria a Nord-Ovest, Khamma a Nord-Est e Scauri a Sud-Ovest. Al 1° gennaio 2023, l’isola conta una popolazione di 7.352 abitanti (ISTAT), la quale si concentra in questi centri o nei villaggi circostanti. Isola vulcanica formatasi 324.000 anni fa, essa rappresenta uno dei nove complessi vulcanici emergenti attivi in Italia, la cui ultima eruzione (sottomarina) risale al 1891 (D’Aietti 2015). Dall’origine vulcanica dell’isola derivano la grande quantità e varietà di tipi di rocce e suoli, che possono essere molto eterogenei anche su due parcelle limitrofe. Grazie ai suoi suoli vulcanici, Pantelleria è considerata come una delle più fertili tra le isole siciliane. Il paesaggio è costituito da venticinque antichi crateri, che rendono il territorio relativamente montuoso, con il punto più alto rappresentato dalla Montagna Grande (836 m), seguito dal Monte Gibele (700 m). Su una superficie così piccola, questo dislivello comporta la presenza di importanti pendenze che vanno dalle coste fino alle zone più interne, le quali sono state scolpite con i caratteristici terrazzamenti costruiti con i muretti a secco. L’isola dispone di qualche zona pianeggiante, tra le quali le principali sono le valli di Ghirlanda e di Monastero, che sono ormai preferite dagli agricoltori, contrariamente a quanto avveniva in passato, come vedremo in seguito.

  • 3 I dammusi sono le case tipiche pantesche. Sono riconoscibili dagli spessi muri in pietra, gli archi (...)
  • 4 Le cisterne sono presenti in ogni casa tradizionale. Esse sono collegate alla cupola del dammuso ch (...)

4Il clima di Pantelleria è tipicamente mediterraneo. Le temperature medie sono di circa 17°C e le estati poco piovose, con fenomeni di siccità per quasi la metà dell’anno e precipitazioni concentrate tra settembre e aprile (SIAS Regione Sicilia). Tuttavia, alcuni fenomeni atmosferici legati all’umidità, alle temperature, all’evaporazione dell’acqua marina e all’escursione termica provocano effetti sull’umidità atmosferica dell’isola (Deguillame et al. 2021). Di conseguenza, alcuni luoghi, quali il bosco della Montagna Grande, sono particolarmente umidi, con una vegetazione ricca di muschi e licheni. È importante sottolineare che sull’isola non esiste nessuna sorgente d’acqua; pertanto, molte tecniche, sia architettoniche che agricole, sono state pensate per recuperare l’acqua piovana o l’umidità atmosferica al fine di soddisfare i fabbisogni idrici degli abitanti come pure delle piante coltivate. Insieme all’assenza d’acqua, un altro elemento atmosferico caratteristico di Pantelleria è il vento o, meglio, vari regimi di vento che soffiano quasi tutto l’anno sull’isola. Considerata la loro violenza e i danni che talvolta possono arrecare alle colture (Barbera, La Mantia 1998), gli abitanti hanno sviluppato una conoscenza approfondita delle caratteristiche dei diversi venti presenti. In particolare, ne parlano in termini di origine, del grado di umidità o secchezza, della forza, e quindi dei vari impatti che possono avere su una certa coltura. Anche in questo caso, come per la gestione dell’acqua, molte tecniche e savoir-faire derivano da un’ottima conoscenza dei regimi di vento e dalla necessità di convivere con essi. È impossibile infine descrivere le caratteristiche geofisiche e morfologiche dell’isola senza citare la presenza delle pietre. Il paesaggio di Pantelleria, o “lo scoglio”, come viene spesso chiamata l’isola dagli abitanti, si definisce per l’onnipresenza di pietre, impiegate – tra le altre cose – dagli “antenati”, come dicono qui, per costruire i caratteristici terrazzamenti sostenuti dai muretti a secco (D’Ascanio et al. 2021) (Foto 1). La pietra completa poi il paesaggio tramite le abitazioni tradizionali, chiamate dammusi3, e con tutte le strutture agricole annesse come le aie, i magazzini, le cisterne4 e, soprattutto, il giardino pantesco.

5Il giardino pantesco è un’imponente struttura generalmente circolare in pietra a secco (Brignone 2012), realizzata per ospitare un unico albero di agrumi, solitamente un arancio o un limone. Esso è molto identificativo del paesaggio pantesco e se ne contano infatti più di 500 sul territorio (Georgiadis et al. 2014). Diversi studi hanno dimostrato che all’interno del giardino si crea un microclima che contribuisce al fabbisogno idrico della pianta coltivata al suo interno anche in assenza d’irrigazione. La differenza di temperatura tra l’interno e l’esterno del muro e l’escursione termica fra notte e giorno determina, infatti, un utile effetto di condensazione dell’acqua atmosferica (Barbera, Motisi 2017). Lo stesso fenomeno si verifica tra i muretti che circondano i campi, offrendo così un grande aiuto alle piante coltivate che sono prive di sistemi d’irrigazione. La presenza delle pietre e il particolare utilizzo che ne viene fatto nelle strutture abitative e agricole dell’isola creano un paesaggio unico ed elaborato, che ha permesso a Pantelleria di essere inscritta, nel 2018, nel Registro Nazionale dei Paesaggi Storici Rurali proprio per il suo paesaggio della pietra a secco (De Pasquale 2020).

2. Contesto e metodologia

  • 5 CEFE: Centre d’Ecologie Fonctionnelle et Evolutive del CNRS (Centre National de la Recherche Scient (...)
  • 6 SEEG: Site d’Etude en Ecologie Globale (https://www.inee.cnrs.fr/fr/seeg); MOB’ile: Mobility and so (...)

6Le descrizioni degli elementi geofisici che caratterizzano Pantelleria sono una premessa essenziale per lo sviluppo di questo contributo che, come vedremo, sarà incentrato su alcune forme di adattamento all’ambiente sviluppate dagli abitanti dell’isola. È proprio considerando queste caratteristiche, e la grande resilienza dimostrata da saperi e pratiche tradizionali locali legati al mondo agricolo, che l’équipe Interactions Bioculturelles del CNRS di Montpellier (CEFE5), in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali dell’Università degli Studi di Palermo, ha individuato Pantelleria come un luogo ideale per condurre degli studi di etnoecologia (Aumeeruddy-Thomas 2019; Caubet 2021; Deguillame 2018; Deguillame et al. 2021; Aumeeruddy-Thomas et al. submitted). Le ricerche da cui deriva questo articolo sono state condotte tra il 2016 e il 2023 all’interno dei progetti SEEG e MOB’ile6, nei quali sono stati coinvolti ricercatori in Scienze dell’ambiente, della terra, della vita, oltre a scienziati sociali.

  • 7 Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services. Grazie a questa o (...)

7L’etnoecologia è un ramo dell’antropologia che si focalizza sullo studio delle interazioni tra gli esseri umani e il loro ambiente. Nel corso dei secoli, queste interazioni hanno dato vita a dei paesaggi ricchi in agrodiversità e biodiversità (Grove, Rackham 2003), paesaggi ampiamente costruiti a partire dalle pratiche e dalle conoscenze contadine, grazie allo sviluppo di tecniche e saperi vernacolari ben adattati al proprio contesto e territorio (Thiébault, Aumeeruddy-Thomas 2016). Questi tipi di conoscenze, che vengono indicate con il termine generico di “conoscenze etnoecologiche locali”, tengono conto delle caratteristiche complessive del territorio e includono, ad esempio, le condizioni pedo-topo-climatiche, gli impatti degli elementi atmosferici sulle piante coltivate, l’utilizzo di gesti e attrezzi, le tecniche di riproduzione delle colture, e molte altre conoscenze ed esperienze messe alla prova durante la trasmissione di questi saperi di generazione in generazione (Deguillame et al. 2021). L’importanza della conservazione di queste conoscenze vernacolari olistiche è ormai attestata dalla Convezione per la diversità biologica e dall’IPBES7 che riconoscono alle “Conoscenze Locali e Indigene” un ruolo importante nella gestione dell’ambiente come pure la loro stretta interrelazione con una moltitudine di significativi elementi culturali (Díaz et al. 2018).

8Per realizzare questa ricerca in etnoecologia, si è privilegiata la prospettiva dell’antropologia delle tecniche, ovvero una metodologia di studio che parte dall’analisi delle tecniche considerandole nella loro globalità, piuttosto che da un punto di vista strettamente tecnicista, come mere azioni pratiche e concrete sulla materia, ottenendo risultati rilevanti. In questo ramo dell’antropologia, la tecnica non è mai isolata dal contesto sociale e viene analizzata studiando anche il ruolo simbolico (Digard 2004) e il senso che le viene attribuito dalle persone. Si tratta, quindi, di un modo per testimoniare la cultura e l’appartenenza a una società. I fenomeni legati alla tecnica sono infatti dei fenomeni sociali a tutti gli effetti e vanno pertanto considerati nelle loro relazioni con altri fenomeni sociali (Lemonnier 2010). Dal momento che Pantelleria è un’isola che ha basato la propria economia sull’agricoltura, malgrado un territorio per molti aspetti avverso, l’approccio dell’antropologia delle tecniche è parso una scelta pertinente, tanto più che l’utilizzo delle tecniche descritte era un fattore quotidiano, come pure la loro trasmissione da una generazione all’altra.

  • 8 A questo proposito, il gruppo di ricerca interdisciplinare era composto anche da una linguista spec (...)

9Le prime indagini antropologiche sull’isola di Pantelleria condotte dal gruppo di ricerca di cui ho fatto parte risalgono al 2016, con delle brevi missioni pilota ed esplorative. Più specificatamente, l’indagine probatoria, che corrisponde alle mie prime permanenze sul campo di lunga durata, risale al 2018 ed è proseguita fino al 2023, con soggiorni di due mesi per ogni visita nei primi due anni e successivamente di circa dieci giorni ognuno, per permettere di approfondire determinati argomenti ben definiti. In totale, nel corso della ricerca sono state coinvolte più di 60 persone, con le quali sono state realizzate perlopiù interviste semi-strutturate e in profondità sia in casa sia direttamente nei campi coltivati. Le interviste sono state realizzate per la maggior parte in italiano, anche se sin da subito un’attenzione particolare è stata prestata alla terminologia dialettale pantesca, ad esempio nel modo di chiamare gli attrezzi agricoli o i vari tipi di suoli8. Gli interlocutori sono stati inizialmente selezionati per il loro grado di esperienza in ambito agricolo, e più particolarmente per le loro conoscenze sui saperi tradizionali e la loro scelta di mantenere tecniche agricole specifiche a Pantelleria. Questi elementi hanno portato ad avvicinarsi ad attori perlopiù anziani e di sesso maschile. I primi contatti sono stati facilitati dalle missioni esplorative, nel corso delle quali sono stati individuati degli attori locali direttamente sul campo affinché diventassero dei partner di progetto; essi hanno avuto un ruolo fondamentale nel fare da tramite tra ricercatori e abitanti o istituzioni sull’isola. Anche se gli interlocutori inizialmente privilegiati erano uomini anziani, la ricerca è stata successivamente estesa ad altre fasce e ad altre categorie di persone, in virtù del loro ruolo attivo nel contesto dell’indagine. Una particolare attenzione è stata dedicata agli adulti (tra i 40 e i 60 anni) che esercitano una doppia attività, ovvero hanno un lavoro stipendiato, ma continuano a lavorare la terra nel loro tempo libero, coltivandola soprattutto per uso familiare, sempre usando tecniche tradizionali. Questa generazione, che ha ereditato gran parte delle conoscenze locali dai propri genitori, è molto ampia a Pantelleria. Tra i giovani, invece, sono stati individuati coloro che hanno deciso di intraprendere il mestiere di agricoltore. Si tratta di una categoria esigua, composta principalmente da maschi che mostrano un attaccamento molto forte alla loro terra, trasmessa dai nonni e dai genitori e che, seppur valorizzino fortemente le tecniche locali, desiderano intraprendere degli studi superiori in ambito agronomico o enologico per dedicarsi al mestiere con l’acquisizione di ulteriori conoscenze. Molte donne di varie fasce di età sono state intervistate per approfondire alcune tematiche sempre legate al mondo agricolo, come la raccolta di capperi o origano, l’organizzazione dell’orto domestico, la preparazione del pane e del “viscottu” (pane d’orzo), nonché i riti religiosi. Infine, come spesso avviene, alcune figure sono diventate dei testimoni privilegiati che hanno altamente contribuito all’analisi di determinati fenomeni grazie alla frequenza degli incontri e allo stretto rapporto instauratosi tra ricercatrice e interlocutore. In particolare, grazie a questi interlocutori – uomini o donne, ma anche nuclei familiari – è stato possibile approfondire aspetti più personali, come la descrizione delle proprietà ereditate, l’albero genealogico e i luoghi di provenienza degli antenati.

10Durante le prime permanenze sul campo, il focus era quello di analizzare i sistemi di coltura delle tre piante principali dell’isola ovvero vite, ulivo e cappero. La comprensione della coltivazione di queste colture doveva però in precedenza passare dalla comprensione delle caratteristiche geofisiche dell’isola a partire dalla descrizione data dagli abitanti, ad esempio dei tipi di suolo, di vento, della disponibilità di acqua e di pietre, e dell’impatto di tutti questi fattori sulle colture stesse. Questa visione globale ha poi permesso un approfondimento delle strutture sociali esistenti. Anche se questo contributo si limita ad alcuni dei risultati emersi durante la prima parte della ricerca, perché particolarmente esemplificativi nel dare elementi di risposta sul tema della sostenibilità isolana, successivamente si è poi approfondita l’analisi di nuove colture importanti per l’economia locale, come gli agrumi, i meli, l’origano, le lenticchie e alcuni cereali come l’orzo. Questi nuovi approfondimenti hanno condotto a ulteriori riflessioni su temi quali la relazione con gli animali domestici o la tradizione di alcuni riti religiosi che mantengono dei legami con il mondo agricolo.

11Le missioni di lunga durata sull’isola hanno permesso, attraverso incontri ripetuti e interviste con gli abitanti su temi legati alle colture tradizionali, alle tecniche associate e alle condizioni climatiche, di capire qual è la comprensione dei contadini degli effetti dell’azione del clima e del suolo, ma anche dell’essere umano stesso, sulle piante, e soprattutto quali sono i tipi di adattamento messi in atto nell’obiettivo di praticare l’agricoltura in un luogo apparentemente così ostile. I risultati di seguito descritti partono dalla trascrizione delle dichiarazioni raccolte in fase d’inchiesta, le quali sono poi state analizzate tramite l’elaborazione di categorie locali e implementate da studi pluridisciplinari svolti sull’isola e in altre aree del Mediterraneo.

3. Panoramica e breve cenno storico sulle coltivazioni locali

  • 9 La fillossera della vite è un insetto originario del Nord America, arrivato in Europa alla fine del (...)

12Viti, capperi, ulivi sono le colture principali di Pantelleria, seguite da alberi da frutto, in particolare agrumi. Recentemente anche l’origano ha acquisito una certa importanza, grazie all’interesse del mercato nazionale. Tradizionalmente queste tre colture principali coesistono nella stessa parcella, con uno schema ben definito: la vite si trova al centro del campo, il cappero sotto il muretto e l’ulivo nei terrazzamenti meno accessibili. Alla vite spetta infatti la parte più preziosa del terreno, quella più piana, più ampia e più facilmente lavorabile. Questo dipende dal fatto che la vite è la pianta economicamente più redditizia, oltre a essere quella più delicata. Non a caso, la vite è ormai di gran lunga la coltura predominante, con 1014,17 ettari coltivati nel 2010 rispetto ai 128,47 ettari di ulivi (fonte ISTAT, in De Pasquale 2020). Sarà, a questo punto, necessario un breve cenno storico. Con uva s’intende lo Zibibbo, o Moscato d’Alessandria, in quanto si tratta del vitigno predominante sull’isola perché all’origine della produzione del famoso passito, il cui nome viene ormai facilmente associato a Pantelleria. Tuttavia, prima di essere quasi unicamente destinato alla produzione del passito, lo Zibibbo ha avuto un lungo passato legato agli scambi e all’economia dell’isola. Fino alla fine della Prima guerra mondiale, lo Zibibbo aveva ottenuto un grande successo commerciale sotto forma di uva passa. A questo periodo è seguito quello dell’esportazione dell’uva fresca da tavola, fino al 1930, anno dell’arrivo della fillossera9 che ha causato in pochi anni la perdita di tutti i vigneti (D’Aietti 2015) e a cui i contadini hanno rimediato innestando le viti su portainnesti alloctoni. Oggi, anche a causa della forte concorrenza con la varietà d’uva Italia e con l’uva sultanina, la grande maggioranza dei frutti è vinificata soprattutto per la produzione del passito a cui si è aggiunta, negli ultimi anni, anche la produzione di vino bianco secco.

13Essendo lo Zibibbo così importante per l’economia locale, l’ulivo e il cappero sono coltivati dove il terreno non potrebbe permettere la coltivazione della vite. Si tratta, infatti, di piante più rustiche, che si sviluppano bene anche in ambienti meno favorevoli: il cappero, ad esempio, può crescere dal mare alla montagna persino sui muri e nei terreni più sassosi; inoltre, essendo una pianta succulenta, richiede poca acqua. In generale, ciò che accomuna le colture locali e caratterizza il paesaggio di Pantelleria è la loro forma e in particolare la loro altezza: le piante vengono mantenute molto basse, quasi radenti al suolo, comunque sia sempre più basse dell’altezza dei muretti, alti da 50 a 100 cm, allo scopo di proteggerle dal vento. Consideriamo ora in modo più specifico alcune delle tecniche utilizzate dai contadini a Pantelleria per adattarsi alle condizioni climatiche e fisiche specifiche dell’isola e, malgrado evidenti difficoltà, ottenere un buon raccolto.

4. Lo Zibibbo e la tecnica tradizionale della conca

14Una delle pratiche più particolari associate all’allevamento10 dello Zibibbo è quella della realizzazione della cosiddetta conca, ovvero di una buca scavata ai piedi della pianta. Tradizionalmente, la buca veniva scavata al momento dell’impianto, in modo da collocare la vite profondamente sottoterra per avere il punto di innesto ricoperto. Ogni anno, parallelamente alla crescita della pianta, la conca veniva allargata costantemente per seguire l’allungamento della vite. Questo era possibile grazie al tipo di allevamento utilizzato. Lo Zibibbo è infatti coltivato “ad alberello”, con un ceppo centrale dal quale crescono circa quattro rami che non vengono legati, ma sono lasciati liberi e si sviluppano in modo orizzontale sul terreno, ossia in lunghezza piuttosto che in altezza. Il tipo di potatura effettuato sempre sulle stesse branche11 (e non rinnovandole con i tralci, ovvero i nuovi rami dell’anno) provoca un effetto di pianta adulta e invecchiata, anche se paradossalmente esso rigenera la vite che riesce a crescere in modo equilibrato con le risorse che il suo microclima le offre. Generalmente, in altre zone molto secche, le viti non subiscono delle potature così severe (Barbera, Motisi 2017); tuttavia, agricoltori panteschi e ricercatori si accordano sul fatto che, grazie all’orizzontalità delle branche, la linfa è costretta a farsi strada in orizzontale, e ciò permette una minor perdita d’acqua e una maggiore produttività. Per la sua peculiarità, la “Pratica agricola tradizionale della coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria” è stata riconosciuta nel 2014 nella lista UNESCO del Patrimonio Culturale Immateriale12.

  • 13 Questa citazione, così come tutte le seguenti, sono tratte dal volume L’isola di Pantelleria, l’all (...)

15Qual è l’utilità della presenza della conca per la pianta? A primo impatto, parlando con i viticoltori senza approfondire il tema, sembra che la conca sia utile solamente per la protezione del vento e la raccolta dell’acqua piovana. La vite, trovandosi infatti in gran parte all’interno della buca, è molto meno soggetta alle raffiche di vento, mentre la forma a imbuto della conca permette una naturale raccolta d’acqua nei giorni di pioggia, agendo in qualche modo da serbatoio per il suolo in quanto impedisce lo scivolamento dell’acqua verso il mare. Approfondendo, ci si rende conto però che la conca è molto più di questo. Nel discorso degli agricoltori emergono temi legati all’umidità, alle radici, alla linfa, ai frutti rialzati e al microclima. In particolare, la nozione di profondità diventa centrale quando si analizza questa tecnica. Sin dal momento dell’impianto, visto che l’innesto viene posizionato nella buca, le radici si ritrovano automaticamente più profonde e meno superficiali rispetto a un impianto normale; ciò permette loro di andare a cercare più in profondità l’umidità del terreno. Questo concetto è molto chiaro ai viticoltori, che sanno spiegarne i vantaggi per la pianta: «[a Pantelleria abbiamo] viti che vanno in fondo un metro e mezzo, un metro e 40, perché una volta quando [i contadini] piantavano si faceva la conca e anche per un problema idrico si mettevano il più profondo possibile13» (Deguillame et al. 2021: 55). Oltre all’umidità del suolo, le pareti in terra della buca creano un microclima al suo interno, come nel caso del giardino pantesco, mantenendo il luogo umido. La metafora utilizzata da una contadina spiega questo fenomeno: «è il piccolo giardino che si va a fare per la vite, gli dà uno spazio dove si crea l’umidità della notte ed è un aiuto per i momenti più secchi» (Ivi: 56). Un ulteriore aiuto che la conca conferisce alla pianta è legato al percorso della linfa, che è meno faticoso in quanto i rami crescono in orizzontale, come viene sottolineato da un anziano agricoltore esperto: «le radici sono allo stesso livello dove escono i germogli e non fa fatica, è più basso» (Ivi: 56). Infine, essendo i rami così vicini al suolo, la presenza della conca permette all’uva matura di non toccare terra grazie allo spazio che si viene a creare tra le branche e il suolo (Foto 2).

  • 14 Termini dialettali in pantesco. Si tratta di vari tipi di zappe, ognuna delle quali è associata a u (...)

16Da questi concetti emergono la cura e l’attenzione che i contadini hanno per le proprie piante; in particolare, ai loro occhi, la conca permette di contribuire al benessere delle piante, che è per loro una preoccupazione costante. Ciò è ancora più visibile quando vengono descritte le condizioni delle viti coltivate senza la conca, dato che molto spesso se ne parla in termini di sofferenza della pianta. Oggi, in effetti, i ceppi sono sempre più rialzati rispetto al passato, da un lato perché scavare le conche rappresenta un lavoro manuale molto pesante, dall’altro perché i mezzi meccanici che sono sempre più utilizzati nelle coltivazioni necessitano di uno spazio consistente tra un impianto e l’altro, spazio tradizionalmente occupato dalle conche. L’importante esodo rurale può essere considerato un’altra ragione per cui questa tecnica viene sempre meno utilizzata. Dall’abbandono della realizzazione della conca emergono così varie riflessioni legate all’evoluzione delle tecniche, ma anche alla trasmissione delle conoscenze e all’utilizzo degli attrezzi da lavoro, come viene raccontato da un giovane agricoltore: «una volta le conche erano più profonde. Con mio papà le facevo con la zzáppa, triddénti, firrifírri14… si è smesso di farle quando è venuta la moda del diserbante» (Ivi: 57). Grazie allo studio di una tecnica, si intravedono quindi, come vedremo più avanti, nuovi aspetti legati al sistema sociale.

5. Gli ulivi, le forme di allevamento e la percezione del valore delle colture

17Come per tutti gli alberi coltivati a Pantelleria, anche l’ulivo subisce delle potature molto severe in altezza, con la conseguenza di svilupparsi in larghezza e di strisciare a terra, prendendo quasi l’aspetto di un cespuglio. Questo tipo di potatura estrema è motivato dai particolari regimi di vento sull’isola, che obbligano i contadini a forzare i rami dei giovani ulivi fin dalle prime fasi della crescita per proteggerli e assicurarne la sopravvivenza. L’obiettivo è quello di potarli abbastanza bassi da mantenerli allo stesso livello dei muretti che circondano le parcelle di terreno, i quali sono per questo motivo sempre rialzati rispetto al livello del suolo. Questa tecnica viene effettuata a discapito della produzione; infatti, negli anni in cui una potatura particolarmente estrema è necessaria per abbassare l’altezza dell’albero, quest’ultimo produce meno frutti e gli agricoltori sono quindi consapevoli che la quantità del raccolto vari in funzione del tipo di potatura che viene effettuato. Ancora una volta, la cura e il benessere della pianta sono tra le motivazioni principali, per quanto non direttamente espresse, delle pratiche scelte.

  • 15 Con il termine “selvatico” si indica il portainnesto.
  • 16 Gli abitanti di Pantelleria nutrono un sentimento di grande orgoglio nei confronti dei loro antenat (...)

18La varietà di ulivo maggiormente presente a Pantelleria è la Biancolilla, con qualche eccezione rappresentata dalla varietà Giarraffa. Gli abitanti – e questo discorso vale per tutte le colture presenti sull’isola – sono molto legati al concetto di specificità delle loro piante coltivate. I frutti di queste piante sono descritti come organoletticamente migliori e più resistenti, grazie alla terra vulcanica dove sono cresciuti, all’assenza di acqua e ai metodi di lavorazione. Per queste ragioni si cerca generalmente di coltivare delle varietà autoctone, tramite tecniche di riproduzione che possono variare dalla produzione dei semi di diversi tipi di ortaggi alla clonazione di alcuni individui selezionati (generalmente i più grossi, resistenti e produttivi) tramite, ad esempio, la talea (per i capperi) oppure gli innesti, comuni nella vite e nell’ulivo. Una volta innestata una pianta, il portainnesto diventa solo un supporto, permettendo di perpetuare delle varietà considerate migliori, come viene espresso da un contadino: «il Biancolilla è innestato su diversi tipi di selvatico15. E siccome con il passare del tempo [gli antenati16] hanno visto che il Biancolilla si adattava meglio, hanno innestato del Biancolilla» (Ivi: 53). Anche in questo caso, considerando le condizioni climatiche particolarmente difficili di Pantelleria, gli agricoltori hanno saggiamente saputo riprodurre le varietà che meglio si adattavano al territorio per massimizzare le possibilità di successo. Queste specificità rafforzano oggi il senso di appartenenza dei Panteschi alla loro isola, i quali valorizzano i prodotti considerati come autoctoni e parallelamente anche la qualità della loro terra e la capacità di sfruttare un certo savoir-faire.

19L’ulivo è una pianta che, contrariamente alla vite, è sempre stata destinata al solo consumo familiare piuttosto che alla vendita. Per questo motivo veniva tradizionalmente piantata nelle zone meno accessibili e meno facilmente lavorabili. In particolare, i terreni più pietrosi, con la terra più dura e secca, quelli situati nelle contrade più lontane o semplicemente tutti quei terreni nei quali non si poteva piantare la vite (perché troppo difficili da lavorare, non abbastanza pianeggianti o non raggiungibili dai muli) erano automaticamente destinati alla coltura dell’ulivo o del cappero (Foto 3). Esisteva quindi una vera e propria suddivisione dei terreni, legata al valore economico accordato a ogni pianta coltivata e, in particolare, al fatto che essa fosse destinata alla vendita o all’autosufficienza, pur essendo quest’ultima comunque altrettanto essenziale per un’economia familiare di sussistenza, come viene spiegato da un contadino: «si metteva lì dove non si riusciva a mettere nient’altro, ci si metteva un albero per avere l’olio per la famiglia, perché non era vista come una pianta che dava economia» (Ivi: 73). Solo recentemente l’olio pantesco ha ottenuto un posto sul mercato nazionale. Da qualche anno, infatti, è diventato facile incontrare nuovi terreni, che un tempo sarebbero stati destinati alla vite, interamente impiantati a ulivo. Questi cambiamenti fanno evolvere il paesaggio tradizionale pantesco.

6. Tecniche tradizionali che derivano dall’adattamento alle condizioni climatiche

20Le tecniche tradizionali descritte sopra, così come la suddivisione dei terreni, derivano da una comprensione approfondita delle condizioni climatiche dell’isola e dell’impatto di questi fattori sulle piante coltivate, sempre nell’ottica della cura della pianta, al fine di garantirle un certo benessere che le permetta di produrre i suoi frutti. Il rapporto umani-piante che viene a crearsi è una relazione di scambio reciproco, nella quale le piante ricevono le cure di cui hanno bisogno e grazie a queste soddisfano le esigenze degli esseri umani (Haudricourt 1962). In questo senso, i contadini sono estremamente consapevoli di tutte le componenti dell’ambiente e delle interazioni tra gli elementi che lo compongono (piante, vento, umidità, ecc.) e, pertanto, riescono a utilizzare e a sfruttare queste conoscenze, tenendo conto della diversità pedo-topo-climatica dell’isola, per praticare l’agricoltura.

  • 17 Ad esempio, le località Mueggen, Ghirlanda, Monastero, Khamma.
  • 18 Termine dialettale che indica una terra leggera e più fresca che trattiene l’umidità, con dei pezzi (...)
  • 19 Ad esempio, le località Punta Fram, Martingana, Dietro Isola.

21Gli abitanti tendono a dividere il territorio dell’isola in due categorie: le aree interne e quelle esterne ovvero costiere. Queste due zone hanno infatti delle caratteristiche fisiche e climatiche proprie, in particolare per quanto riguarda l’umidità, la temperatura e il tipo di suolo presente. Le zone interne17 sono più fresche e umide, con un suolo molto soffice e poroso per via della terra leggera di tipo sóki sóki18 che contiene; le zone costiere19 sono invece calde e secche e hanno una terra più rossa, argillosa e compatta. Queste caratteristiche definiscono le colture associate a entrambe le aree, così come le tecniche impiegate. A seconda del prodotto auspicato, infatti, una pianta sarà considerata più adatta a un luogo piuttosto che a un altro. Sulle coste, con un clima più arido, l’uva matura prima e ha un contenuto zuccherino maggiore: è dunque generalmente utilizzata per produrre il passito. Al contrario, come commenta di seguito un viticoltore, le zone interne, più fresche, sono più adatte per i vini secchi:

per fare il vino bianco le uve non devono essere troppo dolci, devono essere uve delle zone più tardive, che hanno acidità maggiore e meno zuccheri, come a Ghirlanda. Per il passito servono gli zuccheri, quindi sono meglio le zone più precoci (Khaddiuggia, Kharuscia, Rhekale, Sibà). Le zone che hanno le uve che maturano prima, quindi più zuccherate, sono le zone più basse e più vicine al mare. E più sali, arrivi nelle zone interne più in alto e lì la maturazione è più lenta e ritardata nel tempo (Deguillame et al. 2021: 81).

22Le zone esterne sono quindi precoci (vendemmia a partire da fine luglio), conferiscono all’uva un contenuto zuccherino maggiore e per questo sono associate a una migliore qualità del prodotto. Le zone interne sono invece tardive (vendemmia da inizio settembre), non permettono all’uva di raggiungere lo stesso grado di contenuto zuccherino, ma producono una maggiore quantità di frutti. Non esiste tuttavia una costante nelle preferenze di una zona rispetto all’altra. Le evoluzioni del mercato e i cambiamenti climatici hanno infatti invertito la percezione del valore delle parcelle. Un tempo, quando il mercato era esclusivamente destinato alla vendita dell’uva fresca da tavola, le zone costiere erano di gran lunga preferite, perché i frutti erano più dolci e soprattutto perché la raccolta era precoce, per cui coloro che riuscivano a vendemmiare per primi ottenevano anche un guadagno maggiore, essendo la stagione appena iniziata e il mercato non ancora saturo. Le zone interne erano molto meno valorizzate perché l’umidità poteva essere addirittura tanto abbondante da danneggiare i frutti prima del raccolto. Oggi, invece, la situazione si è invertita: le zone vicino al mare sono molto più facilmente soggette all’abbandono per le difficoltà di lavorazione che comportano – la terra è più compatta e gli accessi più impegnativi, soprattutto con i mezzi meccanici – a favore delle zone più fresche, più produttive e più facilmente lavorabili dell’interno.

7. Un’organizzazione sociale rivelata dalle tecniche agricole tradizionali

  • 20 Lo Zibibbo è una varietà di vite che riesce a produrre e a portare a maturazione anche i secondi fr (...)

23Le condizioni climatiche e geofisiche di queste due zone implicano, quindi, forme di adattamento e condizionano il tipo di coltura, i tempi di maturazione e il prodotto ricercato. Solo dallo Zibibbo, ad esempio, si possono ricavare, da un lato, i frutti che sono consumati sia freschi sia sotto forma di uva passa, dall’altro, dei vini che possono essere dolci – il passito o il moscato – oppure secchi – vino bianco ricavato dal primo frutto, vino bianco ricavato dal secondo frutto20 o spumante. A seconda del prodotto ricercato dal viticoltore, una zona sarà quindi privilegiata rispetto a un’altra.

  • 21 Tranne nei casi di sostegno da parte dei membri della famiglia più stretti, ormai difficilmente si (...)

24Si capisce, quindi, l’importanza di possedere degli appezzamenti in varie zone dell’isola per assicurare una buona economia familiare. I risultati degli studi compiuti a Pantelleria dall’antropologo Anthony Galt negli anni Settanta del Novecento concludono tuttavia che, al momento delle sue ricerche, frammentare i possedimenti agricoli permetteva soprattutto di ridurre i rischi (Galt 1979). In effetti, avere delle parcelle disseminate sull’isola costituiva, e costituisce tuttora, un mezzo per assicurarsi almeno un buon raccolto annuale. Ad esempio, un viticoltore potrebbe comunque ricavare un buon raccolto in un anno di grande siccità, se oltre ai vigneti sulle coste avesse anche delle proprietà nelle zone interne. Oltre a diminuire i rischi, questa suddivisione delle proprietà permetteva, quando era ancora legalmente possibile, di avvalersi dell’aiuto reciproco21. Il fatto che il periodo della vendemmia potesse variare di oltre un mese tra le diverse zone dell’isola permetteva al proprietario di svolgere questo tipo di lavori con il solo sostegno di amici e familiari, senza dover assumere operai esterni, che avrebbero rappresentato un costo importante per una piccola azienda. Secondo Galt (Ibidem), infatti, avere più di 5000 ceppi sarebbe stato antieconomico per un piccolo produttore, in quanto non sarebbe stato in grado di gestire il lavoro in autonomia, ma sarebbe stato costretto ad assumere personale. La particolare frammentazione del territorio, a prima vista problematica, ha al contrario permesso all’isola di raggiungere una prosperità economico-sociale, lasciando agli agricoltori ampie possibilità di organizzazione, di diversificazione e di crescita. Questa peculiare gestione dell’economia del territorio ha pertanto contribuito alla costituzione di una determinata organizzazione sociale che, nel XX secolo, si rifletteva nella tendenza delle famiglie ad avere solamente uno o due figli, al fine di mantenere le parcelle agricole approssimativamente delle stesse dimensioni da una generazione all’altra, in particolare nel caso dei piccoli proprietari autosufficienti (Ibidem).

  • 22 Relativo all’enfiteusi, ovvero un diritto su una proprietà altrui, generalmente agricola, che attri (...)

25L’evoluzione demografica a Pantelleria risulta essere relativamente stabile nel corso dei secoli. Grazie alla presenza di antiche cisterne di epoca cartaginese, è infatti possibile stimare il numero di abitanti presenti sull’isola tra il VII e II secolo a.C. Secondo gli studi archeologi, queste potevano fornire acqua sufficiente per la popolazione di circa 7.000 abitanti, cifra analoga a quella attuale (Mantellini 2015). Tuttavia, il paesaggio, elaborato e coltivato come lo conosciamo oggi, è in realtà relativamente recente, influenzato da eventi storici legati all'amministrazione isolana. Tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo, Pantelleria era infatti in gran parte incolta, anche a causa delle incursioni dei pirati che frenavano lo sviluppo agricolo (Galt 1980). La svolta avvenne nel 1857, quando il principe di Pantelleria cedette i terreni a privati tramite contratti enfiteutici22. Questo permetteva ai contraenti di mantenere a lungo termine gli appezzamenti e addirittura di trasmetterli ai loro eredi. I terreni, percepiti ormai come degli investimenti, venivano accuditi sia con mezzi economici che con forza lavoro, e ciò favorì lo sviluppo del settore agricolo, il quale contribuì a sua volta al miglioramento della qualità della vita degli abitanti e a una certa stabilità demografica. Grazie quindi alla natura dei contratti enfiteutici, sempre più persone diventarono piccoli proprietari terrieri autosufficienti, contribuendo a fare di Pantelleria una società sempre più egualitaria in termini di distribuzione del territorio. La ridistribuzione delle terre agli agricoltori ha dunque direttamente influenzato il tasso di natalità nelle famiglie di Pantelleria, proprio per cercare di evitare la frammentazione delle proprietà familiari e mantenere la ricchezza attraverso le generazioni. Queste strategie di riproduzione dichiarano una preferenza culturale evidentemente radicata nella comunità, e riflettono l'importanza che la popolazione ha da decenni attribuito all'agricoltura, mirando a garantire un futuro economicamente e socialmente sostenibile sul suo territorio. Questa tendenza sembra essere particolarmente marcata a Pantelleria, dove le famiglie sono state storicamente poco numerose rispetto al resto d'Italia e della Sicilia, anche in epoche, come gli anni ’60, in cui era consueto vedere famiglie con più di tre figli.

26Oltre ai sistemi di eredità, anche i matrimoni, spesso tra persone di due contrade diverse, hanno permesso di perpetuare negli anni un ordine sociale che risulta ancora oggi evidente. Nonostante esistano casi di matrimoni tra sposi provenienti dalla stessa località, la norma privilegiava le unioni tra sposi di contrade diverse, a volte anche molto distanti. In passato, gli incontri avvenivano durante il Carnevale, che a Pantelleria dura nove settimane ed è tuttora una festa molto sentita e partecipata da tutta la comunità. I beni venivano condivisi tramite il legame matrimoniale, in modo che la nuova coppia potesse avere delle proprietà in diverse zone dell’isola e trarre vantaggio, come spiegato sopra, dalla frammentazione dei possedimenti. I matrimoni hanno pertanto contribuito anche allo sviluppo di una forte mobilità all’interno dell’isola; è, infatti, interessante analizzare la genealogia delle famiglie, i loro movimenti e le scelte fatte relativamente agli appezzamenti agricoli. Nel sistema tradizionale pantesco, comunemente si sostiene che l’eredità venga divisa in parti uguali tra i figli, senza differenza di genere. In realtà però, sembrerebbe che il figlio maschio sia favorito rispetto alla femmina, in quanto, oltre ai terreni agricoli che spettano a entrambi in egual misura, il fratello eredita anche la casa, la quale non viene in questo modo conteggiata insieme agli altri beni agricoli. Siccome sia gli uomini che le donne possono diventare proprietari terrieri, non è raro che la moglie possieda una maggiore quantità di appezzamenti rispetto al marito. Il valore del terreno dipende dal tipo di coltura a cui è destinato e dalla localizzazione. È inoltre interessante notare che generalmente le persone intervistate, di entrambi i sessi e di qualsiasi età, abbiano una perfetta conoscenza della loro storia familiare, comprese, tra le altre cose, le migrazioni interne dei loro antenati, l’origine delle loro proprietà (se ad esempio sono state ereditate dalla nonna piuttosto che dal nonno), la loro ubicazione con le conoscenze pedo-topo-climatiche associate. L’interesse dimostrato in questo senso dagli abitanti è un indicatore dell’importanza accordata agli antenati, ai saperi e alle tecniche tradizionali, al territorio: tutti elementi che confluiscono nel forte senso di attaccamento al luogo e nella storia di vita dei residenti.

27Tramite i sistemi matrimoniali e di eredità, la popolazione ha quindi in qualche modo controllato i meccanismi che permettevano di assicurare una quantità di lavoro adeguata alle pratiche agricole, senza produrre un surplus di lavoratori (Deguillame 2018). Ciò ha partecipato al miglioramento nella qualità della vita degli abitanti, soprattutto a partire dalla cessione delle terre ai privati e al successivo sviluppo della viticoltura e del commercio dello Zibibbo, molto fiorente prima sotto forma di uva passa, poi di uva fresca e oggi di passito, insieme all’emergenza di altri prodotti come capperi e origano. Nonostante questa impostazione abbia contribuito a decenni di prosperità, essa rischia tuttavia di rivelarsi non più efficace quando subentrano fenomeni come l’esodo rurale e l’emigrazione dei giovani dall’isola, all’origine di una forte crisi della manodopera. I dati statistici affermano, infatti, che la popolazione residente sull’isola sta invecchiando, specialmente la popolazione attiva nel settore agricolo, la quale, per assenza di giovani panteschi interessati alla viticoltura, si rivolge alle comunità di immigrati, costituite per la maggior parte da Rumeni.

8. Conclusioni

28Attraverso la descrizione del contesto pedo-topo-climatico dell’isola e in particolare di alcune tecniche uniche pantesche, questo articolo contribuisce a far emergere una relazione particolarmente forte tra contadini e ambiente. Le condizioni climatiche particolarmente difficili, soprattutto l’assenza di sorgenti d’acqua, i mesi di siccità e i regimi di vento violenti, ma anche la qualità dei suoli o la presenza delle pietre, sono perfettamente comprese e integrate dagli agricoltori. Il rapporto quotidiano con l’ambiente isolano li ha portati a una conoscenza fine e precisa di ogni sua componente permettendo loro di adattare le tecniche di coltivazione in modo da contribuire al benessere delle piante.

  • 23 Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, il turismo a Pantelleria è raramente incentrato s (...)

29Proprio lo sviluppo di strategie di adattamento ha portato i contadini ad avere una conoscenza globale dell’insieme del territorio, sia per quanto riguarda l’eterogeneità biofisica che per la costruzione del paesaggio o la scelta di varietà vegetali che meglio si adeguano alle condizioni locali. Queste forme di adattamento all’ambiente hanno, a loro volta, richiesto una determinata forma di ordine sociale: un sistema particolare per gestire nascite, eredità e matrimoni che si basa sul lavoro degli appezzamenti agricoli, sulla gestione economica e sulla costruzione del paesaggio (Blanc-Pamard 1986). Tutti questi elementi costituiscono la storia di vita degli abitanti di Pantelleria, che rimangono fortemente attaccati alla loro identità e al loro territorio, grazie alle conoscenze culturali e alle tecniche trasmesse di generazione in generazione sulle proprietà ereditate, le quali in questo modo contribuiscono anch’esse alla relazione molto stretta che unisce umani e natura su quest’isola e alla continuità di una parziale forma di autosufficienza. Nonostante ciò, un cambiamento degli stili di vita è percepibile anche a Pantelleria: in particolare, i giovani lasciano l’isola per studiare (in mancanza di università e istituti sul territorio), e il loro allontanamento si ripercuote nell’abbandono progressivo di molte terre. Tuttavia, il legame al luogo e l’interesse per le pratiche tradizionali rimangono invariati, anche nel caso in cui i terreni vengano coltivati per il solo utilizzo familiare oppure addirittura abbandonati. Accanto agli anziani che mantengono uno stile di vita tradizionale, strettamente legato al mondo agricolo, perpetuando saperi tramandati dagli antenati, troviamo infatti anche molti giovani che, amando Pantelleria e sentendosi legati ad essa, decidono di stabilirvisi – rimanendo o ritornando sull’isola dopo un’esperienza all’esterno – senza lavorare la terra ma trovando altre forme di sostentamento. Grazie all’avvento del turismo, che è comunque fortemente legato al patrimonio agricolo23, molte persone riescono ad esempio ad affittare il loro secondo dammuso durante la stagione turistica e ricavarne un contributo economico significativo. Inoltre, l'attaccamento al luogo rimane molto forte anche tra coloro che hanno scelto di abbandonare la cura dei propri terreni: i cambiamenti globali e l'evoluzione degli stili di vita hanno influenzato la percezione che gli abitanti hanno del proprio territorio e dei suoi valori. Se in passato l'identità dei contadini era strettamente legata al mondo agricolo, oggi si è forse ridefinita in modo diverso. Anche per coloro che hanno optato per un'altra via rispetto all'agricoltura, l'identità legata all'isola è plasmata da altri elementi come la bellezza del paesaggio, la peculiarità delle coste, il rapporto con i turisti e il senso di orgoglio di appartenere a una forte comunità. In questo contesto, convivono e si intrecciano diverse forme di identità con il risultato di una complementarità di valori nella realtà attuale di Pantelleria.

30In una situazione come quella attuale, caratterizzata da grandi cambiamenti sociali e da gravi problematiche innescate dai cambiamenti climatici, studiare le tecniche e le forme di adattamento ad ambienti particolarmente difficili come quello dell’isola di Pantelleria diventa importante. Non è escluso che in futuro, in particolare in alcuni contesti sottoposti a importanti pressioni ambientali (ma anche sanitarie, politiche o economiche), recuperare e reintrodurre delle forme di adattamento e delle tecniche locali possa diventare una necessità per ripensare un rapporto equilibrato e rispettoso tra umani e natura al fine di raggiungere forme più auspicabili di sostenibilità e di responsabilità.

Torna su

Bibliografia

Aumeeruddy-Thomas Y., 2019 «Pantelleria, une île sculptée dans la pierre», in N. Arnaud, S. Thiebault (Eds), L’atlas des Nouveaux Mondes, Territoires d’exploitation et de découverte, Cherche Midi, Paris: 80-81.

Aumeeruddy-Thomas Y., Caubet D., Deguillame V., Pavia G., La Mantia T., «Barley, grapevines, domestic animals and people: trans-species relationships on the island of Pantelleria, Sicily», in Human Ecology: 1-33 (in corso di valutazione).

Barbera G., La Mantia T., 1998 «Sistema agricolo e paesaggio nell’Isola di Pantelleria», in Italus Hortus, V: 23-28.

Barbera G., Motisi A., 2017 «Cultural adaptation of grapevine and traditional crops in a unique drystone landscape: the Island of Pantelleria», in Proceedings of the Fifth International Congress on Mountain and Steep Slope Viticulture: 3-10.

Blanc-Pamard C., 1986 «Dialoguer avec le paysage ou comment l’espace écologique est vu et pratiqué par les communautés rurales des hautes terres malgaches», in Milieux et Paysages, IV:17-36.

Brignone F., 2012 I giardini dell’isola di Pantelleria, Nuova Stampa, Trapani.

Caubet, D., 2021 «Pantelleria, à la recherche de traces linguistiques de son parler arabe, où il est question d’orties, d’ânes, de vents», in Études linguistiques, Association Tunisienne de Linguistique, VI: 69-114.

Caubet, D. 2023 Pantelleria: its Arabic dialect reconsidered. Oral presentation made at the Conference “Arabic in Africa”, Historical and Sociolinguistic Perspectives, Universität Bayreuth, 12-14 April 2023.

D’Aietti A., 2015 Il libro dell’isola di Pantelleria, Il Pettirosso, Trapani.

D’Ascanio R., et al., 2021 «Landscape Works. Balancing Nature and Culture in the Pantelleria National Park», in Sustainability, XIII: 1-20.

Deguillame V., 2018 Au coeur de l’île de Pantelleria : savoirs sur la nature et techniques agraires entre passé et présent [tesi di laurea magistrale], Université de Toulouse Jean-Jaurès, Toulouse.

Deguillame V., et al., 2021 L’isola di Pantelleria, l’alleanza di uomini e pietre. Un’agricoltura mediterranea singolare, Isola di Pantelleria Parco Nazionale, Pantelleria.

De Pasquale G., 2020 Il Paesaggio rurale tradizionale dell’Isola di Pantelleria, Isola di Pantelleria Parco Nazionale, Pantelleria.

Díaz S., et al., 2018 «Assessing nature’s contributions to people. Recognizing culture, and diverse sources of knowledge, can improve assessments», in Science, CCCLIX: 270-272.

Digard J.-P., 2004 «Anthropologie des techniques et anthropologie cognitive», in Etudes Rurales, CLXIX-CLXX: 253–267.

Galt A. H., 1979 «Exploring the cultural ecology of field fragmentation and scattering on the island of Pantelleria, Italy», in Journal of Anthropological Research, XXXV: 93-108.

Galt A. H., 1980 «Social stratification on Pantelleria, Italy», in Ethnology, XIX: 405-425.

Georgiadis T., et al., 2014 «How a traditional agricultural protection structure acts in conditioning the internal microclimate: A statistical analytical approach to Giardino Pantesco (Pantelleria Island - Italy)», in Italian Journal of Agrometeorology, I: 41-58.

Grove A.T., Rackham O., 2003 The nature of Mediterranean Europe. An Ecological History. University Press, Yale.

Haudricourt A. G., 1962 «Domestication des animaux, culture des plantes et traitement d’autrui», in L’Homme, II: 40–50.

Lemonnier P., 2010 «L’Étude des systèmes techniques: Une urgence en technologie culturelle», in Techniques & Culture, LIV-LV: 46-67.

Mantellini S., 2015 «The implications of water storage for human settlement in Mediterranean waterless islands: The example of Pantelleria», in Environmental Archaeology, XX: 406-424.

Thiébault S., Aumeeruddy-Thomas Y., 2016 «Local knowledge, scientific knowledge and food security in the Mediterranean region», in S. Thiébault, J-P. Moatti (eds), The Mediterranean Region Under Climate Change. A Scientific Update, IRD Editions, Marseille: 519-558.

Fonti informatiche:

ISTAT – Popolazione residente al 1° gennaio: Sicilia: http://dati.istat.it, pagina consultata il 21/07/2023

IPBES: www.ipbes.net, pagina consultata il 20/07/2023

Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano (SIAS):
www.sias.regione.sicilia.it, pagina consultata il 20/07/2023

UNESCO – Intangible Cultural Heritage:
https://ich.unesco.org/en/RL/traditional-agricultural-practice-of-cultivating-the-vite-ad-alberello-head-trained-bush-vines-of-the-community-of-pantelleria-00720, pagina consultata il 21/07/2023

Torna su

Allegato

Foto 1. L’utilizzo delle pietre nella costruzione dei muretti a secco per sostenere i tipici terrazzamenti caratterizza il paesaggio scolpito pantesco (© Virginie Deguillame, 2018).

Foto 2. Ogni alberello cresce nella sua rispettiva conca, la quale sembra contribuire al benessere della pianta (© Virginie Deguillame, 2019).

Foto 3. Gli ulivi subiscono una potatura molto severa in altezza, in modo da abbassare il livello delle chiome a quello dei muretti e assicurarne una migliore protezione dal vento. Per mancanza di spazio e praticità, i terrazzamenti meno accessibili sono destinati alla coltura dell’ulivo piuttosto che a quella della vite (© Virginie Deguillame, 2022).

Torna su

Note

1 Coordinato da Lara Giordana e Paola Schierano.

2 Società Italiana di Antropologia Applicata. Il tema del X Convegno era “Ripensare la sostenibilità attraverso l’Antropologia Applicata”.

3 I dammusi sono le case tipiche pantesche. Sono riconoscibili dagli spessi muri in pietra, gli archi interni e i tetti a cupola ricoperti di tufo e calce che li rendono impermeabili.

4 Le cisterne sono presenti in ogni casa tradizionale. Esse sono collegate alla cupola del dammuso che, grazie alla sua forma, facilita la raccolta dell’acqua piovana. Sono tuttora in uso.

5 CEFE: Centre d’Ecologie Fonctionnelle et Evolutive del CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique) di Montpellier, Francia.

6 SEEG: Site d’Etude en Ecologie Globale (https://www.inee.cnrs.fr/fr/seeg); MOB’ile: Mobility and socio-ecological resilience of Mediterranean islands.

7 Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services. Grazie a questa organizzazione intergovernativa, l’interfaccia tra ricerca scientifica e politica è migliorata nella gestione della biodiversità e dei servizi ecosistemici.

8 A questo proposito, il gruppo di ricerca interdisciplinare era composto anche da una linguista specializzata nella lingua araba, la quale si è focalizzata sul dialetto pantesco (che contiene tracce linguistiche arabe) per condurre le sue indagini e produrre interessanti risultati all’incrocio tra storia, etnoecologia e linguistica (Caubet 2023).

9 La fillossera della vite è un insetto originario del Nord America, arrivato in Europa alla fine dell’Ottocento e a Pantelleria nel 1930. Questo afide attacca le radici delle viti europee, provocando la morte delle piante. Dal momento che le radici delle specie americane di vite sono resistenti alla fillossera, le viti in Europa vengono ormai sempre innestate incrociando una vite americana (il portainnesto, perché immune) e una europea (la marza).

10 Quando si parla di “allevamento” in viticoltura si intendono le forme di potatura adottate su una vite per condizionare la crescita della pianta al fine di raggiungere determinati obiettivi (come ottimizzare la produzione o migliorare la meccanizzazione), piuttosto che lasciare la pianta al suo portamento naturale. Oltre all’alberello, esistono altri tipi di forme di allevamento della vite come quelli a Guyot e cordone speronato molto praticati negli impianti a spalliera. Le forme di allevamento si applicano in generale sulle piante legnose e il termine è pertanto utilizzato più globalmente in arboricoltura.

11 Il ramo che si sviluppa sul tronco (o fusto) della vite, quando formatosi da più anni, viene chiamato “branca”. Da esso si sviluppano i “tralci” ovvero i giovani rami di un anno che lignificheranno durante la stagione estiva e dalle cui gemme cresceranno, l’anno successivo, “tralci fruttiferi” dotati di foglie e infiorescenze che diventeranno grappoli. Ogni anno, i “tralci” suscettibili di ostacolare il corretto sviluppo della pianta, verranno eliminati dal viticoltore in fase di potatura della vite.

12 https://ich.unesco.org/en/RL/traditional-agricultural-practice-of-cultivating-the-vite-ad-alberello-head-trained-bush-vines-of-the-community-of-pantelleria-00720

13 Questa citazione, così come tutte le seguenti, sono tratte dal volume L’isola di Pantelleria, l’alleanza di uomini e pietre: un’agricoltura mediterranea singolare (Deguillame et al. 2021) e riprendono le parole dei contadini stessi, raccolte attraverso interviste e conversazioni con l’obiettivo di far emergere la loro conoscenza e comprensione del sistema agricolo e le motivazioni delle tecniche utilizzate.

14 Termini dialettali in pantesco. Si tratta di vari tipi di zappe, ognuna delle quali è associata a un determinato lavoro da svolgere e quindi a un gesto, ma anche al tipo di suolo. Esistono fino a nove tipi di zappe, ognuna con il proprio nome. Anche queste, tuttavia, vengono gradualmente sostituite per passare a metodi di lavoro meno faticosi.

15 Con il termine “selvatico” si indica il portainnesto.

16 Gli abitanti di Pantelleria nutrono un sentimento di grande orgoglio nei confronti dei loro antenati (come loro stessi li chiamano), per aver saputo rendere abitabile e coltivabile una terra così ostile. Tra le altre cose, essi hanno costruito i terrazzamenti, sviluppato delle tecniche specifiche e selezionato le migliori varietà di piante adatte alle condizioni del loro territorio.

17 Ad esempio, le località Mueggen, Ghirlanda, Monastero, Khamma.

18 Termine dialettale che indica una terra leggera e più fresca che trattiene l’umidità, con dei pezzi di pietra pomice.

19 Ad esempio, le località Punta Fram, Martingana, Dietro Isola.

20 Lo Zibibbo è una varietà di vite che riesce a produrre e a portare a maturazione anche i secondi frutti, ovvero quei grappoli di dimensioni ridotte che crescono sui tralci laterali chiamati “femminelle”. Questi secondi frutti vengono detti in dialetto sganguni e vengono vendemmiati più tardi rispetto al primo frutto. Con lo sganguni, più acido, non si produce il passito bensì il vino secco.

21 Tranne nei casi di sostegno da parte dei membri della famiglia più stretti, ormai difficilmente si perpetua l’aiuto reciproco. Quest’ultimo esclude infatti un contratto di lavoro, che è diventato obbligatorio in qualunque contesto. Al contrario, l’aiuto reciproco si basava proprio su uno scambio di lavoro gratuito al momento del bisogno.

22 Relativo all’enfiteusi, ovvero un diritto su una proprietà altrui, generalmente agricola, che attribuisce al possessore (enfiteuta) il godimento pieno sulle utilizzazioni del suolo e sui frutti della stessa. Per contro, l’enfiteuta ha l’obbligo di migliorare il fondo e di pagare al proprietario (concedente) un canone periodico sotto forma di denaro o di prodotti naturali. L’enfiteusi prevede anche il diritto di affrancazione, ovvero il meccanismo che consente all’enfiteuta di diventare proprietario del fondo, acquistandone la proprietà.

23 Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, il turismo a Pantelleria è raramente incentrato sul mare, poiché gli accessi al mare sono limitati e le spiagge inesistenti. Piuttosto, l'attrattiva per il turista risiede in altri elementi, come la peculiarità del paesaggio, coltivato o meno, l'interazione con gli abitanti e la scoperta delle tradizioni locali legate all'isola.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Legenda Foto 1. L’utilizzo delle pietre nella costruzione dei muretti a secco per sostenere i tipici terrazzamenti caratterizza il paesaggio scolpito pantesco (© Virginie Deguillame, 2018).
URL http://journals.openedition.org/aam/docannexe/image/7842/img-1.png
File image/png, 527k
Legenda Foto 2. Ogni alberello cresce nella sua rispettiva conca, la quale sembra contribuire al benessere della pianta (© Virginie Deguillame, 2019).
URL http://journals.openedition.org/aam/docannexe/image/7842/img-2.png
File image/png, 756k
Legenda Foto 3. Gli ulivi subiscono una potatura molto severa in altezza, in modo da abbassare il livello delle chiome a quello dei muretti e assicurarne una migliore protezione dal vento. Per mancanza di spazio e praticità, i terrazzamenti meno accessibili sono destinati alla coltura dell’ulivo piuttosto che a quella della vite (© Virginie Deguillame, 2022).
URL http://journals.openedition.org/aam/docannexe/image/7842/img-3.png
File image/png, 675k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Virginie Deguillame, «Le interazioni umani-ambiente nell’applicazione di tecniche agricole sapientemente adattate al territorio: l’esempio dell’isola di Pantelleria»Archivio antropologico mediterraneo [Online], Anno XXVII, n. 26 (1) | 2024, online dal 15 juin 2024, consultato il 21 juillet 2024. URL: http://journals.openedition.org/aam/7842; DOI: https://doi.org/10.4000/11t6j

Torna su

Autore

Virginie Deguillame

Équipe Interactions Bioculturelles del CEFE, Centre d’Écologie Fonctionelle et Évolutive, del CNRS di Montpellier – Francia, virginie.deguillame@gmail.com

Torna su

Diritti d'autore

CC-BY-NC-ND-4.0

Solamente il testo è utilizzabile con licenza CC BY-NC-ND 4.0. Salvo diversa indicazione, per tutti agli altri elementi (illustrazioni, allegati importati) la copia non è autorizzata ("Tutti i diritti riservati").

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search