Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeriAnno XXVII, n. 26 (1)Giovani, diseguaglianze, potereResistere al lavoro o alla propri...

Giovani, diseguaglianze, potere

Resistere al lavoro o alla propria esclusione? Un’analisi dei rapporti tra devianza, mascolinità e accesso alla formazione professionale nella Grande-Terre orientale (Kanaky-Nuova Caledonia)

Resisting work or one’s own exclusion? Outcomes and logics of indigenous youth resistance before vocational training in the nickel mining industry (Kanaky-New Caledonia)
Martino Miceli

Abstract

In Kanaky-Nuova Caledonia, molti giovani sotto i trent’anni si rivolgono ai poli di formazione professionale per ottenere patenti e certificazioni spendibili su un mercato del lavoro dominato dalle industrie minerarie. Una parte di questo pubblico proviene da un passato giudiziario complicato, segnato da plurime condanne d'incarcerazione. Attraverso un processo di differenziazione interno alle bande di giovani criminalizzati si creano le condizioni dell’inserimento dei loro membri nel mercato del lavoro. Questo riposizionamento avviene dopo una lunga resistenza all’istituzione scolastica e all’imperativo della formazione che si trasforma col tempo in una lotta per una migliore posizione nel settore estrattivo. Questo articolo mira a riarticolare il nesso tra resistenza e riproduzione proposto da Paul Willis nel 1977 al fine di riflettere sui rapporti tra delinquenza, mascolinità, etnicità, istruzione e lavoro negli spazi (post)coloniali, oggi al centro del rifornimento di materie prime per la transizione energetica mondiale.

Torna su

Testo integrale

Introduzione

  • 1 Il nome di questa collettività è al centro di una diatriba politica piuttosto antica. Gli indipende (...)
  • 2 Fonti dell’Institut de la statistique et des études économiques (ISEE).
  • 3 Sull’alcool la situazione è più complessa: indicare i giovani come i maggiori consumatori sarebbe f (...)
  • 4 Facciamo qui riferimento egualmente alle misure alternative alla prigione, sempre più diffuse a cau (...)
  • 5 Consultabile al link:
    https://gouv.nc/sites/default/files/atoms/files/eft-resultats2020.pdf.

1Nel 2019 circa la metà di quanti si riconoscevano nelle statistiche ufficiali come “kanak”, popolazione autoctona della Kanaky-Nuova Caledonia1, aveva meno di ventinove anni2. In questo stesso settore della popolazione si riscontrava il maggior numero di suicidi, problemi psichiatrici, incidenti stradali e abuso di cannabis, in proporzioni molto più alte che tra i loro coetanei di origine europea3. L’origine della disuguaglianza tra i giovani kanak e i discendenti dei coloni deriva dalla violenta storia di popolamento che ha caratterizzato la colonizzazione di questo arcipelago oceaniano da parte dello Stato francese. Le conseguenze delle migrazioni organizzate a scopo di popolamento e del regime di segregazione nei confronti degli autoctoni sono ovunque. Ad esempio, sebbene i Kanak rappresentino il 41,2% del totale (Isee 2019), costituiscono la quasi totalità della popolazione detenuta nel centro penitenziario della città di Nouméa, il “Camp-est”. I problemi che affliggono questa categoria sono dunque di diverso tipo, tanto nel rapporto col sistema penale4 quanto in termini di accesso all’istruzione e all’impiego. Non stupisce come, a seguito della pandemia di covid-19 nel 2020 (esplosa durante la mia seconda ricerca sul campo nel paese), i tre quarti di quanti avevano perso il lavoro avessero meno di ventiquattro anni e sette su dieci fossero kanak5. Lo scenario sembrerebbe allora piuttosto drammatico per questa fascia della società, che pure è oggetto da alcuni decenni di diverse misure di discriminazione positiva.

  • 6 Gli accordi di Matignon-Oudinot del 1988 e quello di Nouméa del 1998 hanno inaugurato dunque una nu (...)
  • 7 Ad esempio, fornendo agli indipendentisti il controllo di alcuni giacimenti di nichel e offrendo lo (...)

2A seguito della creazione del Fronte di Liberazione Kanak Socialista (FLNKS) e delle tensioni esplose tra il 1984 e il 1988 tra indipendentisti, “lealisti” ed esercito francese, la Kanaky-Nuova Caledonia ha infatti iniziato un incerto processo di decolonizzazione negoziata dall’antica potenza coloniale6 (Leblic 2018; Mokaddem 2018). Negli ultimi quarant’anni, in quella che è diventata una collettività d’Oltremare dotata di un proprio governo, sono state molte le misure volte a facilitare l’ingresso dei Kanak nell’economia7 e una loro migliore riuscita scolastica e professionale. Le politiche a messe in campo hanno effettivamente comportato dei cambiamenti importanti, non ultimo l’allungamento della scolarità media. Tuttavia, la forbice ai due estremi della distribuzione dei diplomi si è ancor più saldata, favorendo gli interessi della borghesia europea che gestisce il mercato del lavoro interno. La scuola neocaledone continua così a riproporre il funzionamento preconizzato nel 1863 dal governatore della colonia Charles Guillain di un insegnamento generale per gli europei e uno professionale per gli oceaniani (Hadji, Lagadec, Lavigne, Ris 2012). I giovani kanak della periferia di Nouméa e dei comuni rurali restano dunque lo strato più povero e meno istruito del paese.

3Nell’area della costa est dell’isola della Grande-Terre di cui mi occuperò in quest’articolo, ovvero la regione linguistico-culturale xârâcùù, la presenza di una risorsa chiave nei mercati internazionali come il nichel sembra offrire perlomeno la possibilità di un impiego fisso in miniera. I giovani kanak assunti dalle diverse società estrattive appartengono spesso a famiglie in cui il lavoro in miniera attraversa la storia di più generazioni, in particolare nei comuni di Thio e di Canala, storici feudi dei partiti del FLNKS, che nel caso di Canala controllano le stesse istituzioni provinciali. In questo territorio l’estrazione del nichel è iniziata più di un secolo fa ma ha ricevuto negli ultimi anni una rinnovata attenzione, causata dall’esplosione della richiesta di questo metallo nella transizione energetica dell’industria mondiale. Nel quadro delle trasformazioni tecnologiche del settore, le assunzioni di nuova manodopera, soprattutto nelle società maggiori come la Nickel Mining Company (NMC) a Nakéty o la Société Le Nickel-SLN a Thio, sono sempre più vincolate ad un pregresso percorso di formazione professionale degli aspiranti salariati. Non di rado alcuni di loro sono ex detenuti. Questi ragazzi, con un notevole ritardo nella formazione dovuto al proprio percorso giudiziario, provano infatti ad inserirsi in un mercato sempre più femminilizzato in cui la prova cartacea di una qualifica o di una patente speciale di guida è il principale viatico per ottenere un contratto di lavoro.

4Tra il 2017 e il 2020 ho abitato a più riprese presso alcune famiglie di minatori e agricoltori della zona e ho potuto nel tempo osservare le traiettorie dei loro componenti a me più prossimi da un punto di vista anagrafico, conoscendo piuttosto da vicino il processo qui descritto. Ne ho potuto infine osservare lo sviluppo anche a distanza, una volta rientrato in Italia, traendone alcune conclusioni. Molti dei miei conoscenti e amici provenienti da questo territorio riproducono infatti ancora oggi lo stesso meccanismo che solo qualche anno prima gli stessi stigmatizzavano senza appello nei membri delle generazioni precedenti: ovvero, l’essere dei salariati delle compagnie minerarie tanto criticate. Preso atto di questa regolarità tra le diverse storie, mi interessava capire dove si situasse il primo anello di questa catena e le logiche che la rendevano e continuano a rendere possibile: l’ipotesi di partenza, in questo testo, è che gli studenti di Canala e di Thio, soprattutto coloro privi di diplomati in famiglia, intuiscano il valore effimero del proprio investimento in una carriera scolastica di successo, accelerando le dinamiche all’origine della propria esclusione dagli studi. Quest’ultima si accompagna di una serie di pratiche date, all’interno di una specifica cornice culturale che ne permette l’emersione in forme socialmente comprensibili.

  • 8 “Imparare a lavorare: come i figli della classe operaia ottengono lavori da operaio”.

5Per affrontare questo primo livello, descriverò gli stili di consumo generazionali e il valore che assume la riaffermazione simbolica, da parte dei più giovani, di una mascolinità autoctona anticoloniale e anti-lavorista. La rivendicazione dei furti d’auto da parte dei propri autori è infatti spesso interna ad un dichiarato registro discorsivo di disprezzo verso il lavoro in miniera, associato ad una visione economicistica della vita di origine europea cui contrapporre i valori contadini tradizionali. La pressione sociale, all’interno della propria classe d’età, che invita i singoli a squalificare in gioventù il salariato e la miniera, pare però cedere, con l’avvicinarsi dell’età adulta, alla necessità pratica di ottemperare ai bisogni materiali del proprio nucleo famigliare. Quest’impellenza, soprattutto tra quanti praticano furti d’auto ai danni dei discendenti dei coloni, trasforma con gli anni forma e senso dell’azione deviante: rubare e bruciare le macchine, come sparare sulle forze dell’ordine e importunare i rari turisti, possono divenire non solo espressione di disagio o performances di genere per imporsi come soggetti maschili eteronormati sessualmente maturi all’interno della propria classe d’età, quanto tattiche per essere ascoltati dalle autorità tradizionali e ottenere le qualifiche per essere assunti dalle compagnie minerarie dell’area. Quel che è più importante, facendo dialogare in un secondo momento del testo questo caso di studi con la classica monografia scritta da Paul Willis del 1977, Learning to Labour: How Working Class Kids Get Working Class Jobs8, è seguire il particolare modo di riproduzione che si costruisce attraverso queste traiettorie: i figli ribelli dei minatori kanak diventano a loro volta “estrattori” o “trasportatori” di nichel, sebbene in ritardo e bisognosi di papiers, “i pezzi di carta” mai ottenuti prima in un percorso scolastico interrotto precocemente. Lo scopo di quest’articolo è allora quello di analizzare i nessi tra resistenza e riproduzione sociale in un contesto (post)coloniale situato, in cui la divisione del lavoro e la distribuzione della proprietà dei suoi mezzi di produzione svolge una funzione centrale sulle forme di rivolta e adesione espresse dai diversi segmenti di una stessa classe generazionale. A Nakéty, operai non lo divengono tutti e non tutti allo stesso modo né alle stesse condizioni.

Mascolinità e violenza in uno spazio conteso

6Il furto d’auto, come insieme di pratiche “resistenziali” proprie della socializzazione generazionale di un gruppo economicamente e politicamente dominato, è un fenomeno molto diffuso a Thio e a Canala. Da quanto riportatomi ed osservato nel corso della mia esperienza di campo, si tratta di una pratica compiuta solitamente in bande spesso costituite da soli ragazzi, in cui quindi la componente di genere è uno dei criteri strutturanti. Le vittime sono proprietari privati e più saltuariamente compagnie minerarie. Da quel che ho potuto osservare, i giovani “ladri di macchine”, i “voleurs des voitures”, privilegiano i centri agricoli e commerciali posti dall’altra parte della catena montuosa centrale che taglia la Grande-Terre in diagonale, descrivendone la logica nei termini del “partire in missione”. L’azione dell’attraversamento non risponde solo ad un passaggio fisico. Simboleggia piuttosto la penetrazione in un diverso spazio sociale pensato sull’espulsione ad est della popolazione kanak, assegnata ad un piano radicalmente altro da quello deputato alla riproduzione di un’economia di mercato coloniale. I ragazzi della costa orientale incontrati nel corso della mia ricerca che praticavano furto d’auto erano di fatto tutti residenti in “tribù”. Questo termine, che secondo l’Institut de la statistique et des études économiques de Nouvelle-Calédonie (Isee) è la traduzione amministrativa del sistema di organizzazione kanak, indica tendenzialmente un insediamento teoricamente posto sotto l’autorità di un capo (“la piccola-chefferie”) e inserito in una determinata unità politica più vasta, la grande-chefferie. Solitamente legata a centri di potere precoloniali poi destrutturati e ricomposti dall’amministrazione francese, la definizione di “tribù” è parte integrante del processo di “messa in riserva” in cui è stata sospinta la popolazione nativa. Ad oggi, questa dimensione imprime il suo marchio specifico alla ruralità kanak e determina il quadro di vita dei miei interlocutori.

  • 9 In Nuova Caledonia ci sono due sistemi di diritto in materia civile: il diritto comune francese e q (...)

7Lo statuto di un giovane in tribù è determinato dall’affiliazione a un dato clan e ai diritti d’uso di quest’ultimo sulle terre consuetudinarie9. L’agricoltura riveste in questa narrazione un ruolo cruciale. La persona adulta può definirsi tale solo quando ha un campo d’igname. Il “campo”, che può manifestarsi in un filare nel terreno della propria famiglia, permette di essere identificati, anche quando si è ancora molto giovani, quale “agricoltori”, quindi “kanak”. Qualcuno, dunque, la cui energia fisica è spesa nella concretizzazione di una divisione del lavoro collettivo che coinvolge l’intera chefferie, spazio di organizzazione delle gerarchie tra clan e lignaggi, nelle sue diverse articolazioni sociali. In questo contesto, il ciclo dell’igname costituisce la base del calendario agricolo e della scansione del tempo collettivo. Oltre ad essere un bene di sussistenza al centro della dieta tradizionale, una parte importante della sua produzione viene destinata periodicamente ad usi rituali: l’igname è infatti il principale tra i beni impilati nel corso delle cerimonie che ritmano la riproduzione dei legami tra i diversi clan e dunque della rete di parentela e alleanze costitutiva di una certa unità ai diversi livelli di posizionamento nella struttura sociale (una linea interna ad un determinato clan; un clan; un gran clan; una chefferie). Un uomo si costruisce in quanto membro delle diverse unità attraverso la propria partecipazione al modo di produzione domestico, pilastro delle gerarchie consuetudinarie. Quella kanak di Thio e Canala è allora una gioventù strutturalmente oppositiva verso le altre forme di “fare gioventù” proprie dei gruppi di origine coloniale. Senza questo elemento di socializzazione di tipo antagonista che è il furto, teso a ribadire l’autonomia simbolica dello spazio tribale rispetto a quello dei “Bianchi”, la “giovinezza” verrebbe privata dei valori competitivi dell’ethos guerriero richiesti al soggetto maschile.

8Un agricoltore di Nakéty che al tempo dell’intervista aveva circa trentacinque anni ed era ancora abbastanza noto nell’area per il suo passato di “ladro di macchine”, descriveva in questi termini l’articolazione tra furto e età sociale:

  • 10 Intervista registrata a Nakéty il 07/10/2020.

Un uomo sa quando fa una cosa stupida. Se si ferma, è perché sa di aver fatto qualcosa di stupido, perché si fermerà. Un uomo è fatto così. Se sta per fare qualcosa di stupido, si ferma. Un giovane che non sa di fare qualcosa di stupido è ancora piccolo. Non si fermerà, continuerà sempre, fino a quando, ecco, l'uomo verrà da lui, ecco, dopo dirà "Ah, ho fatto male, rubare così non va bene...", allora si fermerà. (...) Da noi, tutti, tutti hanno fatto la delinquenza, anche mio padre, tutti l'hanno fatta, tutti10.

9La "delinquenza", come oggetto sociale, non sarebbe quindi altro che l'applicazione di una nuova classificazione semantica, risultato di uno smottamento dei significati connessi alle pratiche atte a costruire all’interno di determinate coordinate culturali un “giovane” - tipo, di per sé “deviante” rispetto al mondo degli adulti. La concettualizzazione locale della “delinquenza” si costruisce d’altronde su una specifica concezione della mascolinità, secondo la quale il giovane che freneticamente ruba e brucia macchine ai Bianchi è necessariamente accompagnato da una compagna o, meglio, la cerca e la attira proprio per il tramite della manifestazione delle proprie pratiche di furto. Per molti giovani kanak di queste aree marginalizzate il furto d’auto è quindi un mezzo per socializzare il genere nello spazio etero-normato della sessualità tribale, accelerando la frizione con le generazioni più anziane detentrici del potere politico a livello locale. Invero, “la delinquenza” permette di costruirsi come individui attraverso una forma di socialità rivendicativa che appare, negli anni dell’abbandono scolastico che spesso segue il compimento dei sedici anni, come l’unica sfera della vita sociale in grado di dare garanzie identitarie: la banda di coetanei definita dai rapporti di affinità e consanguineità. I miei interlocutori privilegiati erano studenti che hanno condiviso simili difficoltà materiali. In ragioni di quest’ultime il proprio percorso d’istruzione è stato allo stesso tempo un momento di apprendimento della propria estraneità a questo universo di riproduzione. Benché vi siano numerosi diplomati della zona, la scuola viene pensata da molti adolescenti come qualcosa di potenzialmente buono che funziona però quasi sempre e solo per individui “distanti” (non ci sono scuole superiori a Thio e a Canala), dotati di risorse monetarie che mancano alle proprie famiglie d’origine (spese per i trasporti, il vitto, l’alloggio in città). Riportando le parole di una ragazza di una tribù di Thio nata nel 2000, che alterna il lavoro nei campi con piccoli stages non retribuiti nelle imprese locali, cogliamo le tracce di quell’intuizione, nel senso willisiano del termine che affronteremo più avanti, dell’assenza di una vera posta in gioco dell’apprendimento: “Studiare come scemi e per fare cosa? Tornare qui in tribù a scontare la stessa miseria”.

10Come spiegava un giovane uomo di Thio nato nei primi anni Novanta, oggi padre di un bambino di pochi anni e magazziniere occasionale in uno dei pochi alimentari del villaggio centrale del comune, i giovani iniziano spesso a rubare auto proprio per rientrare in tribù da Nouméa:

  • 11 Intervista registrata a Thio il 13/03/2020.

I giovani rubavano per poter rientrare a casa il venerdì. Venivano qui e bruciavano la macchina. Dopodiché si è evoluto, hanno iniziato a rubare anche le altre generazioni, e lì è diventato gratuito, da quel momento è andata e il “movimento” ha preso tutta la Nuova Caledonia. (Prima) era una necessità, (il furto era dettato da) un bisogno di tornare a casa. C'erano i genitori che non potevano pagare l’autobus, c'erano un sacco di cose come questa, un altro aveva l'autista che si era rifiutato di portarlo … ci sono un sacco di casi come questo11.

  • 12 Forse, con qualche forzatura, potremmo sostituirgli nella traduzione il termine di “subcultura”, cu (...)

11Quello di mouvement, “movimento”, riportato nel testo, è un termine abbastanza diffuso, che è da collegare piuttosto ad uno “stile”12 di consumo del tempo libero, alla propria identificazione nell’arena giovanile dello spazio di Thio o di Canala con determinate attività ricreative o di sostentamento (la scultura, il disegno, la musica ed oggi sempre più TikTok, ma anche la meccanica, i graffiti, la politica, la caccia di cervi, la pesca al fiume o nel recife, l’agricoltura, la produzione e il consumo di cannabis, i rally) piuttosto che il “furto”. Quest’ultimo, che è “il movimento” cui il giovane nel mio estratto d’intervista fa riferimento, in qualche modo sovradetermina gli altri, caratterizzati per essere stili capaci di arricchire i giovani di certe qualità spendibili più tardi ma allo stesso tempo propri di una mascolinità tutto sommato “a perdere” e simbolicamente subalterna, nel corso degli anni dello sviluppo puberale e della prima socializzazione sessuale, a quella performata dai giovani voleurs (Connell, Messerschmidt 2005). Non mettere il proprio corpo giovane ed aggressivo a disposizione di quelle pratiche collettive finalizzate a forgiare la coesione intra-generazionale significa mancare del coraggio di assumere il “rischio”, ovvero l’arresto piuttosto che la “morte” in un incidente d’auto: di non essere in grado, in ultima, di pagare il prezzo necessario al proprio sviluppo bio-sociale di individuo genderizzato. Ma allora perché, tra i tanti stili, i giovani kanak delle regioni orientali socializzati come maschi sono così portati a “scegliere” proprio questo, potenzialmente il più devastante, e rinunciando a cosa? E in che modo un testo anziano come Learning to Labour di Paul Willis, realizzato in un contesto così radicalmente diverso, può risultare ancora e comunque utile per analizzare queste dinamiche?

Learning to Labour alla prova della società kanak

  • 13 Il testo, la cui prima edizione in inglese risale al 1977, è il prodotto di un fieldwork triennale (...)
  • 14 Nel senso che avrebbero esercitato una propria agentività nell’accorciare i tempi della propria esp (...)
  • 15 Provenienti da una cultura operaia, dalla quale mutuavano una concezione della soggettività umana d (...)
  • 16 Michael W. Apple, da una prospettiva gramsciana, propone l'alternativa di "elementi di senso buono (...)
  • 17 Sintetizzando, potremmo individuare queste limitazioni nel sessismo, il razzismo e l’omofobia propr (...)

12Learning to Labour, un classico delle scienze sociali13, è un’etnografia (e un manifesto teorico) che si concentra su dodici studenti inglesi nel corso dei loro ultimi due anni di scuole superiori e nel primo anno di impiego in fabbrica. Studiando la controcultura scolastica prodotta da questi adolescenti refrattari all’istituzione, i lads, Willis sviluppava una raffinata teoria sociale per la quale i giovani figli degli operai non sarebbero stati costretti ad andare in fabbrica, bensì l’avrebbero in qualche modo “scelto”14: così l’antropologo marxista provava a spiegare quei processi invisibili attraverso i quali nel sistema liberal-democratico si organizza la riproduzione sociale della forza-lavoro senza ricorrere all’intervento di mezzi coercitivi diretti15. Attingendo al proprio “serbatoio culturale”, ovvero le risorse simboliche proprie al retroterra famigliare e di classe degli adolescenti, i lads sarebbero stati in grado di produrre ciò che Willis definisce “penetrazioni”, termine potenzialmente oscuro16 eppure centrale: con questo concetto si intendono una serie di impulsi, di profonde “intuizioni” (“insights”), che dall’interno di una forma culturale che concorre a dare loro una determinata forma sono rivolte a “disvelare” (“penetrare”) la natura fondamentalmente classista della scuola liberaldemocratica. Queste “penetrazioni” si trovano però esse stesse limitate dalla matrice culturale che ne ha permesso l’espressione e che le ingabbia in determinate trappole concettuali17, che ne neutralizzano la critica. Ciò che attribuisce forza al gruppo, infatti, è il carattere di deviazione dal modello dominante, la cui ideologia, nella classica logica del non-conformismo, continua però a costituire la regola. I lads rifiutano l’ideologia del merito e non investono nel proprio percorso di scolarizzazione perché sostanzialmente “da femmine”. Replicando i modelli di genere acquisiti nello spazio domestico e famigliare, i figli degli operai inglesi valorizzano un ethos maschile incentrato sul guadagno rapido per ottenere quei beni di consumo altrimenti preclusi agli studenti della propria classe sociale.

13Gli insights, le intuizioni con le quali i lads descritti da Willis disvelano l’ipocrisia liberale agiscono tra gli stessi figli dei minatori kanak dediti al furto. Allo stesso modo che per i lads, intuire la contraddizione, in questo caso addirittura doppia (capitalista e coloniale), di un uso della scuola come motore di promozione sociale e del salariato come un approdo obbligato, diviene il caposaldo di un’identità resistente intra-generazionale. Questo rifiuto viene articolato alle logiche già proprie agli chomeurs della tribù, “i disoccupati” che si sostentano col commercio di cannabis, e risponde a simili estetiche e richiami politici o proto-politici. Similmente ai lads, la fase di rifiuto si esaurisce nell’accelerazione del proprio processo di esclusione dal circuito della scuola (e inizialmente anche dalla formazione professionale), mostrando dunque i limiti di queste forme di ribellione, che pure ribadiscono l’autonomia morale dei giovani kanak dallo sguardo delle istituzioni. La differenza tra i figli degli operai inglesi di fine anni 1970 e quelli dei minatori e agricoltori kanak del 2020 si situa piuttosto sugli esiti contrapposti che queste insights della finzione scolastica producono sui destini individuali. Il “lavoro” assume un ruolo molto diverso nel processo di resistenza e riproduzione qui descritto rispetto al caso dei lads: da un lato, per i Kanak l’integrazione al salariato è antica ma articolata ad un importante lavoro agricolo esterno alle logiche di mercato, per cui non parliamo di un gruppo con lo stesso rapporto alla “fabbrica” degli operai inglesi né lo stesso grado di proletarizzazione; dall’altro, la divisione del lavoro coloniale ha a lungo escluso gli oceaniani dalle posizioni operaie più qualificate, relegandoli al rango di forza-lavoro occasionale (Wacquant 1986), per cui l’accesso a lavoro è rivestito da aspettative e significati assai distanti da quelli della provincia industriale in cui abitavano i lads.

14Inoltre, in una prospettiva molto diffusa tra i discendenti europei che ho incontrato, tesa a descrivere i giovani kanak come dei “fannulloni”, la colpa dei ragazzi della tribù sarebbe dunque piuttosto quella di non lavorare (non certo quella di farlo troppo presto abbandonando la scuola!). La miniera rappresenta in un certo qual modo una zona grigia tra questi due poli perché “la mine-elle est là”, come ripetono un po’ tutti a Thio e a Canala: “la miniera è là”. Per questo la scelta di “salire in miniera” è spesso disprezzata dai “critici” per i quali i giovani kanak, pur quando si impegnano per trovare uno sbocco salariale, lo farebbero sempre privilegiando quella che è la mono-economia regionale anziché impegnandosi in altre mansioni. Un elemento supplementare di questa differenza tra i lads e i protagonisti di questo articolo risiede nella coltivazione di cannabis sulle terre tribali: il bizness, il “business”, consente a molti ragazzi di ritardare il bisogno di trovare rapidamente un posto di lavoro, ben che meno qualificato di quello occupato dai propri genitori, per ottenere l’accesso a determinati beni di consumo. Questo processo sembra verificarsi più tardi, piuttosto tra quegli ex detenuti tra la ventina e la trentina che, non trovano altre possibilità, vanno a lavorare per qualche parente più anziano che esercita la propria autorità statutaria per sottopagarli. Il legame tra performatività maschile e ottenimento della “busta-paga” è d’altronde più flebile di com’era proprio invece al fordismo in cui acquisiva senso la controcultura dei lads e si afferma solo verso la trentina e con la penetrazione di modelli di mascolinità forgiati nello spazio della miniera.

15Come ricordava l’antropologa britannica Sherry Ortner in un suo storico saggio che ambiva a scardinare in un’ottica marxiana il “rifiuto etnografico” per il concetto di “resistenza”, in una relazione di potere il dominante ha spesso qualcosa da offrire. Sebbene il prezzo dello scambio sia quello di continuare a detenere il potere in modo asimmetrico, il subordinato non può che mostrare ambivalenza nei confronti di questo rapporto (Ortner 1995). I gruppi subalterni, comunque questa subalternità venga pensata e analizzata da chi se ne interessa, sono internamente divisi secondo criteri multipli (di età o di genere, ad esempio, ma anche di capitali, e dei più vari) e occupano una diversa posizione nello spazio sociale. I modi d’azione di questi soggetti non saranno dunque mai identici. Se l’intenzionalità degli attori si evolve essa stessa attraverso la prassi e all’interno di un quadro di rapporti di potere dato (Ortner 1995), le resistenze giovanili descritte in queste pagine saranno per forza “ambigue” e nelle logiche proprie al campo considerato, tanto più di fronte ad una diversificazione dei modelli di mascolinità a lavoro possibili in un mercato del lavoro in trasformazione.

16Il binarismo, principio chiave di qualsiasi ordine sociale fondato sulla disuguaglianza, si rivela altrettanto centrale nella genesi e nella strutturazione dei sentimenti di opposizione all’ordine in questione (che in questo caso può essere inteso tanto come l’ordine “coloniale” dei tribunali, quanto nei termini di quello proprio allo spazio tribale retto dai notabili kanak, o ancora l’ordine economico capitalista- industriale che si esprime nell’imperativo sociale di lavorare per le società minerarie). Le resistenze che nascono e si sviluppano all’interno di questo quadro racchiudono, per loro stessa costituzione, le medesime ambivalenze che consentono l’esistenza del conformismo. Sviluppatesi in seno alla macchina statale, questi movimenti nati dal basso non potranno che mostrare un’ambivalenza strutturale nel proprio rapporto al polo contro il quale si sono costruiti (Saitta 2015). Le resistenze giovanili kanak non costituiscono certo un’eccezione. I ragazzi al centro di quest’articolo, una volta diventati “troppo” adulti per articolare l’elemento deviante alle caratteristiche culturalmente assegnate alla propria età sociale, cominciano lentamente a cambiare atteggiamento nei confronti del lavoro salariato, e tentano infine di trovare uno spazio lì dove questo lavoro è più odiato eppure più facile da trovare: la miniera.

Reagire, stagnare: chi ha le risorse per “scegliere la fabbrica”?

  • 18 Potrebbe essere interessante soffermarsi su come questo ultimo dispositivo, che ha nei fatti sostit (...)

17Le condizioni di accesso ad un impiego nel settore del nichel si sono sensibilmente trasformate nel corso dell’ultimo decennio. L’imperativo dell’aumento delle “competenze” e della riduzione del rischio rinnova l’attenzione attorno alla formazione della manodopera. Lo scopo dichiarato, come ripetutomi più volte dai diversi dipendenti dei centri dedicati, sarebbe quello di ridurre il rischio di danni a persone e macchinari sui siti estrattivi. Aderendo alla prospettiva per cui siamo “competenti” solo quando possediamo tutti gli elementi di un sistema, e coscienti che nelle società coloniali l’assenza delle “competenze” dei singoli proviene dall’assenza di controllo completo dei locali sulla totalità del sistema in questione (Latour 1974), il gioco della formazione sembra costruirsi su un registro retorico indistruttibile perché potenzialmente senza limite. L’implemento di determinate skills “mancanti” al cosiddetto “vivaio locale” di manodopera si effettua essenzialmente attraverso due filtri, spesso presentati in complementarità nelle proposte delle agenzie per l’impiego provinciali: il Reggimento del Servizio Militare Adattato (R-SMA), un dispositivo di formazione socio-professionale dell’esercito francese destinato alle gioventù ultramarine18; il Centro per i mestieri della miniera di Poro (CFTMC), ente territoriale finanziato da diverse istituzioni pubbliche e dalle varie compagnie minerarie che agiscono sulla Grande-Terre.

18La missione del CFTMC è quello di fornire date patenti e certificazioni rese necessarie dal processo di standardizzazione dell’industria del nichel. Il fatto stesso di ottenere questi “pezzi di carta” è così diventata una posta in gioco sempre più chiara per le nuove generazioni di Thio e di Canala. Gli aspiranti salariati devono innanzitutto superare un test antidroga molto vincolante, che allontanano molti giovani uomini di Nakéty dall’ambizione di essere accettati dal CFTMC. Il processo di selezione, in questo senso, facilita le ragazze, tra le quali è meno frequente un uso continuativo di cannabis. Questa femminilizzazione della manodopera, che tante ansie genera in una parte della popolazione maschile, si rafforza proprio grazie a filtri come questo, che colpiscono direttamente i modelli di consumo e stili di vita legati alle costruzioni culturali di genere della gioventù rurale. Una volta superato il test, donne e uomini sono riuniti in squadre. Queste ultime prendono il nome della compagnia che ne ha richiesto la formazione associata al nome del comune di provenienza. I gruppi, solitamente, devono passare attraverso un percorso in due tappe: un primo momento piuttosto breve in un centro del R-SMA nei centri di Koumac o di Koné, che prevede l’acquisizione, all’interno di uno schema militare, di quel che viene comunemente definito, nel gergo dei centri di formazione stessi, come il “saper-essere” (mantenere un’igiene personale, rispettare una gerarchia sul posto di lavoro, essere in orario). Una volta appreso e incorporato un nuovo habitus di lavoratori (la cui impregnazione è puramente ideale visto il tempo assai ridotto trascorso al R-SMA), i ragazzi vengono inviati al CFTMC, nel vicino comune di Houaïlou. Questa seconda fase dovrebbe essere caratterizzata dallo sviluppo da parte dei giovani di un proprio “saper-fare” (lavorare in sicurezza secondo la propria mansione) sotto la guida (piuttosto ideale) dei formatori nella “miniera-scuola” di Poro. Sempre al CFTM, gli aspiranti salariati dovranno infine passare un esame, secondo la patente richiesta, necessaria a condurre un determinato camion o articolato. Sebbene l’integrazione dei giovani bisognosi di un impiego nelle diverse squadre da inviare al R-SMA e a Poro sia negoziata tra le compagnie minerarie e le autorità consuetudinarie delle chefferies insediate attorno ai siti estrattivi, e di conseguenza risenta di determinati interessi politici locali, l’ottenimento di queste certificazioni appare comunque a molti come capace di “democratizzare” l’accesso ad un salario per tutti.

19Non solo: passare per un filtro formale permette anche di smussare (seppur molto relativamente) il potere delle clientele locali, identificate in quegli individui socialmente anziani che hanno storicamente gestito il controllo dei canali di redistribuzione del lavoro nelle valli. Tenendo conto quindi dell’economia politica di questi bacini minerari nei quali le azioni delle coorti giovanili di “ladri di macchine” assumono un senso, scopriamo allora come la “delinquenza” presenti un fattore ‘intuitivo’ particolarmente marcato. Un giovane di Nakéty nato nel 1992, precedentemente detenuto per furto d’auto, violenza ed evasione, commentando le condizioni per la propria resa che lui e la sua banda proposero ai capi tribali verso il 2015, mi raccontava:

  • 19 Intervistata registrata a Nakéty il 03/08/2020.

Se volete vederci arrendere incaricatevi di trovarci delle licenze per guidare i camion, altrimenti continueremo a sparare ai gendarmi e a fermare gli stranieri che entrano”, così gli abbiamo detto, e loro ci fanno: “Cercheremo di vedere con le compagnie minerarie per formare i giovani in modo che possano entrare in miniera, perché i ragazzi qui non hanno ancora le certificazioni adatte”, e così gli abbiamo risposto noi: “Appunto! Non hanno i documenti perché devono poter accedere alla formazione per ottenerli!”19.

20Il ragazzo, che citerò come J., e che oggi lavora come meccanico per la stessa ditta di subappalto in cui è impiegato anche suo padre, ha perfettamente chiaro che al giorno d’oggi arrendersi in cambio di generico “lavoro”, per chi ha passato i suoi ultimi anni a rubare macchine invece che a prendere patenti, non avrebbe avuto gran senso: la garanzia pregressa di dare un’attestazione, una certificazione, un lascia-passare ufficiale a validare “l’impiegabilità” dei propri pari rappresenta qui la vera posta in gioco. Quel che i giovani che rubavano auto hanno chiesto qualche anno fa ai notabili di Nakéty non è dunque tanto il mero “impiego” in sé, ma le “qualifiche” per ottenerlo, mostrando che il furto d’auto, come logica d’azione collettiva presuntamente irrazionale, dispiega in atto tutti gli elementi della penetrazione concettualizzata da Willis.

  • 20 O verrebbe attuata attraverso il subappalto informale gestito su scala tribale, in cui i giovani la (...)

21Pur sostenendo una generale redistribuzione della rendita mineraria, attuabile anche attraverso il coinvolgimento dei giovani e dei disoccupati in attività saltuarie, quel che J. e i suoi coetanei chiedono, riprendendo la classica divisone marxiana, è il labour e non il work. Non è dunque quel lavoro a-sociale che in Learning to Labour è riservato alle categorie razzializzate, i figli degli immigrati caraibici provenienti dalle colonie inglesi, rifiutato dai figli degli operai bianchi che ne squalificano le forme di mascolinità ad esso associate (Simonicca 2012). Ciò che i giovani di Nakéty che potremmo definire in qualche modo “più riflessivi” (e provenienti, come nel caso di J., da famiglie più stabilmente integrate nell’universo salariale, di cui conoscono i codici, e fortemente politicizzate) è il lavoro qualificato, e non quello unskilled. Invocare quest’ultimo anche per i “più capaci” significherebbe aprire alle possibilità di costituire (o meglio, di incrementare) una sotto-classe specifica, connotata dall’età sociale dei suoi membri e dalla povertà del proprio impiego in termini non solo salariali ma di identità sociale professionale ad essa associata: “giovani” che nello spazio tribale sono già ascritti a forme di dipendenza personale comunitaria che ne confinano l’azione individuale entro determinate ideo-logiche (Augé 2003) e che servono da manodopera a bassissimo costo per i proprietari di camion. Senza le rassicurazioni degli anziani e delle compagnie minerarie sulle “certificazioni” quindi, la promessa resterebbe illusoria20.

  • 21 Da cui l’insistenza di Ken McGrew (2002) sull’opzione dell’autonomia culturale come lente per anali (...)

22Eppure, l'agentività molto forte che emerge dalle parole di J., non può offuscare le forme della partecipazione alla banda propria di molti suoi coetanei, che non hanno saputo individuare la posta in gioco, limitandosi a seguire gli altri (per Willis, difatti, l’essenza delle “penetrazioni” è che la logica di classe o gli interessi di gruppo siano in qualche modo capaci di sovradeterminare quelli individuali21). Seguendo ora la traiettoria di D., un altro giovane adulto di Canala, nato nel 1988 e con un’esperienza di detenzione più breve di Alex ma in qualche modo meno “governabile” nei suoi esiti a causa dei problemi psichiatrici che ne hanno costellato la giovinezza, il furto d’auto sarebbe iniziato come reazione al proprio “ristagno” nello spazio tribale che ha seguito l’abbandono scolastico. “Tornare in tribù” senza qualificazioni avrebbe prodotto una pesante frustrazione individuale: lo spazio tribale, pur conservando un’autonomia simbolica come cellula territorializzata della società kanak postcoloniale, non riesce evidentemente a nascondere la propria subalternità strutturale al capitalismo neocaledone nell’offrire un’identità sociale in qualche modo “monca”:

  • 22 Intervista registrata a Nakéty il 12/10/2020.

È come se ci fosse la crisi. Qui c’è sempre la crisi. […] poi non so come ci sono caduto dentro, come sono finito nel gruppo. Sono incappato in una frequentazione, e ci sono andato a fondo...22.

  • 23 Uscito dal carcere, D. è stato assunto da una ditta di subappalto locale gestita dalle autorità con (...)

23Il gruppo si configura come una pasta, un collante riparativo, la “banda” capace di portare l’individuo a compiere azioni sulle quali rivendica un’assenza di controllo (nel gruppo “si cade”) ma allo stesso tempo in grado di fornire un’identità al singolo e di inserirla all’interno di un determinato frame. E di fatto il negativismo sociale di cui è la cornice non si risolve con l’assorbimento nel salariato, che è qui un processo incompleto23, mal articolato ad un progetto di vita e ad un’identità professionale stabile, offerta da un lavoro ad intermittenza che i capi tribali hanno trovato per D. una volta uscito di prigione. Negli spazi quali quello del bacino minerario di Nakéty sono infatti le chefferies (o meglio, i loro notabili) a gestire la mediazione tra datori di lavoro e gioventù senza occupazione. Sono aree in cui i Kanak rappresentano il totale della popolazione, e in cui la terra stessa su cui si impiantano le compagnie appartiene al registro di diritto fondiario kanak.

24Eppure, sempre a Nakéty è insediata la Nickel Mining Company, joint-venture tra il gigante sudcoreano dell’acciaio POSCO e la Société Minière du Sud Pacifique (SMSP), di cui gli indipendentisti detengono il 51% delle azioni attraverso le società di economia mista (SEM) della Provincia Nord. La NMC, alla stregua della sua “casa madre”, è stata infatti creata nel solco delle politiche di “riequilibrio” tra i diversi territori e comunità previsto dagli Accordi di Matignon del 1988. La SMSP è diventata così il motore dell'integrazione degli indipendentisti kanak nel controllo e nello sfruttamento delle risorse minerarie. Il controllo politico nazionalista della società mineraria, quanto il potere decisionale nell’orientare i flussi dei lavoratori da parte delle autorità tribali all’interno dei territori in cui si esercita l’estrazione e quindi si costituisce la forza-lavoro, apre degli scenari insoliti che modifica in parte l’assetto del nostro discorso. La risorsa politica rappresentata dalla NMC costituisce in questo caso un vero fattore capace di alleviare il determinismo della miseria e di aggirare i rischi di esclusione sociale costituiti dalla detenzione e l’assenza di qualificazioni. La NMC, a livello informale, facilita infatti, nella persona del direttore del centro di Nakéty, la presa in carico dei giovani usciti di prigione provenienti dalle tribù della zona. Questo processo avviene per tappe: l’ex detenuto viene inviato al “laboratorio”, dove si compie una prima selezione sul minerale estratto in miniera, e se regge la prova fisica e continua a presentarsi a lavoro aiutandolo a prepararsi ai test di selezione, che fermeranno molti ragazzi al loro primo tentativo, costituendo un ulteriore filtro tra chi vuole continuare e chi lasciar perdere. I primi, di solito, sono coloro che hanno trovato una compagna e avuto i primi figli, più bisognosi di essere stabilizzati. Può anche però avvenire l’inverso: dopo una stabilizzazione lavorativa, i giovani ospiti del Camp-est tornati a casa costruiscono una propria vita di coppia. Questa condizione o intenzione di “crearsi” una famiglia nucleare pare alla base di questo processo di desistenza dalla delinquenza e infine di inserimento professionale.

Il subappalto o le incognite della differenziazione

  • 24 A Thio l'unico operatore di rilievo che ha i propri contracteurs è la SLN. A Nakéty, dove il subapp (...)

25Non tutti gli ex detenuti provano però a costruirsi un margine di sicurezza economica lottando per essere selezionati a Poro. Alcuni non ne hanno bisogno: una volta usciti hanno potuto contare sul supporto materiale di determinati capitali sociali o economici (come la prossimità della propria famiglia con i capi-squadra dei diversi siti o l’accumulazione di contante tramite il commercio di cannabis). Tra loro, c’è chi prova ad esercitare direttamente pressione sugli anziani che gestiscono il piano intermedio tra i salariati e la compagnia per rivendicare una propria legittimità. Le pratiche portate avanti da questi ultimi si confondono ed integrano a quelle di un gruppo molto specifico in cui queste espressioni di solidarietà aggressiva trovano posto, ovvero i contracteurs, proprietari o locatari di un mezzo necessario all’adempimento di determinate fasi del processo produttivo. I contracteurs negoziano un contratto in subappalto più o meno diretto con la società mineraria24 e si costituiscono dunque a tutti gli effetti come dei piccolissimi imprenditori, per quanto in forme assai varie tra loro e che si ritrovano nell’organizzazioni di particolari forme di subappalto. Bisogna considerare come l’estrazione del nichel si pratichi in superfice attraverso l’utilizzo di specifiche macchine scavatrici, camion e articolati. Questa attività è resa possibile da una serie di mansioni complementari in cui assume importanza l’azione dei mezzi posseduti dai contracteurs, come il trasporto di minerale dai siti alla costa (il roulage). I contratti di subappalto a cui queste attività sono delegate costituiscono un elemento centrale per comprendere il funzionamento dell’economia dei bacini minerari neocaledoni. Le negoziazioni situate tra i diversi attori che ne sono all’origine materializzano quel rapporto di scala tra la riformulazione delle identità collettive nelle isole del Pacifico e l’integrazione progressiva di queste ultime nei flussi del capitalismo globale (Allen 2017). Nel caso kanak, inoltre, l’analisi delle conflittualità (e delle solidarietà) sorte attorno alla difesa di questo meccanismo di delega apre una prospettiva interessante sui processi economici concreti che accompagnano il movimento di decolonizzazione politica dell’arcipelago (Le Meur, Grochain, Kowasch, Poithily 2012). Il progetto dell’emersione di un subappalto kanak, pur restando saldamente interno a logiche di accumulazione individuale (capaci alle volte di ritorcersi contro le stesse politiche socialiste che ne hanno reso possibile lo sviluppo), è infatti parte dell’ambizione del FLNKS di integrare i Kanak all’economia ad un livello diverso da quello salariale. A Nakéty, dove il subappalto è più sviluppato, vi si può lavorare a diversi livelli: in quanto dipendenti con poche tutele delle società gestite dai coutumiers, termine che in questo caso designa gli anziani dotati di una certa autorità clanica e statutaria incaricati di amministrare queste strutture collettive; gestire le stesse società di subappalto destinate a completare lavori di riparazione ambientale o di imbarco del minerale per le compagnie; o ancora negoziando un contratto a titolo individuale (per il tramite di una propria società a responsabilità limitata).

  • 25 Per casi simili (per quanto non identici) nel contesto regionale, vedere i lavori di Nicholas Baint (...)

26Come mi ripeteva un proprietario di un articolato in subappalto con la NMC ed ex detenuto a seguito ad una condanna di furto d’auto, se prima era stato un “ladro”, ormai era divenuto “padrone”. Il processo che permette di “diventare un padrone” è rivelatore di una serie di processi molteplici e porta con sé una serie di questioni non indifferenti: “Chi sono i padroni?”, “Esistono donne tra loro?”, “Chi non è divenuto padrone, perché non c’è riuscito?”. Di certo non tutti i “padroni”, che ad oggi sono però tutti uomini, sono stati “ladri”, e non tutti i “ladri” che oggi sono “padroni” sono passati dalla detenzione in carcere. Eppure, il loro caso dimostra l’efficacia dell’esercizio della violenza come elemento generativo della propria ascesa nello spazio sociale. Alcuni proprietari di camion, infatti, impongono la propria presenza nello spazio politico della chefferie, ergendosi come i principali interlocutori delle tribù valligiane con la compagnia e scavalcando gli altri livelli di intermediazione previsti dalle logiche politiche locali. Ve ne sono che arrivano a strutturarsi in sindacati particolarmente combattivi nel difendere i propri interessi o in federazioni rivolte all’eliminazione della concorrenza esercitata dai contracteurs provenienti da altri comuni. Lo scopo, a questo punto, può divenire addirittura quello di abbandonare la condizione di subappalto per trasformarsi a tutti gli effetti in un operatore minerario, sostituendo le società presenti. La propria legittimazione come gruppo può costruirsi in vari modi, spesso, dalle mie osservazioni, attraverso il dispiegamento del repertorio dell’autoctonia e della necessità di accordare agli imprenditori del luogo una precedenza sul mercato25.

  • 26 Con questo termine si fa riferimento alla corrente degli “Studi culturali” portata avanti dal già c (...)

27Cosa racconta questa storia? Il colonialismo d’insediamento che assegna il proprio marchio distintivo al capitalismo neocaledone non ha ottenuto il monopolio demografico dell’elemento europeo come nel caso australiano, ma nemmeno della Nuova Zelanda, dove pure i Maori costituiscono una minoranza rilevante. Coloro che si riconoscono nelle statistiche ufficiali come “kanak” sono infatti ancora tanti rispetto al totale della popolazione. In virtù di questa presenza concreta possono ancora offrire, seppur con difficoltà, un’alternativa statuale che mira ad articolarsi ed egemonizzare lo spazio politico insulare. E questo sul piano del lavoro, del suo valore, della visione emica del “galeotto”: non solo un “carcerato”, ma un figlio, un fratello, un nipote, un “giovane” appartenente a un popolo la cui sofferenza sociale è brandita a dimostrazione di un’ingiustizia politica, e i cui “sbagli” non possono essere solo la giustificazione alla sua mortificazione attuale. Quel complesso storico passa sotto il nome di “cultura kanak” non è infatti semplicemente una “subcultura” operaia per come la intendevano le scienze sociali riunite nel progetto della Scuola di Birmingham26. Le forme dell’autorappresentazione della gioventù kanak è il prodotto di scala di un’articolazione tra diversi elementi difficilmente riducibile ad un’analisi unicamente di classe (dimensione che è peraltro anche qui fondamentale). A differenza di altri contesti nei quali l’invecchiamento fisico contribuisce a diminuire le capacità del singolo di produrre valore, riconfigurando il rapporto con i più giovani in grado di rifornire i più anziani dei beni di consumo (Alcano 2010), i neo-adulti che guidano un proprio camion accedono al guadagno proprio attraverso l’avanzare dell’età anagrafica. Quest’ultima procede in relazione all’invecchiamento biologico del proprio corpo di produttore, processo che nel senso comune di Nakéty si pensa più rapido che nei contadini, protagonisti di un dispendio di energia fisica nelle attività lavorative non filtrata dai mezzi meccanizzati.

28L’occultamento ideologico della differenziazione sociale, tipico delle società contadine subalterne all’economia capitalista coloniale (Bourdieu, Sayad 1964), permette a quei giovani usciti di prigione e rimasti a lavorare i campi di essere eletti a paradossale esempio della “vera cultura”. Questo però avviene nel momento stesso in cui gli stessi vengono relegati ad un rango tutto sommato domestico (e femminile), proprio di una mascolinità oramai squalificata dall’autorità crescente che i padroni di camion, loro coetanei, esercitano ormai nella politica segmentaria di Nakéty. Non possiamo che chiederci allora quanto l’esercizio della violenza da parte dei subalterni, quando non è politicamente strutturata attorno ad un progetto collettivo dato, riesca veramente ad impedire che il più forte, con gli stessi mezzi coi quali ha lottato per la collettività, non si imponga poi sui suoi compagni, trasformandoli in gregari e costituendo nuove clientele, prontamente integrate a quelle già esistenti. La forza d’urto di una classe d’età, all’interno di simili condizioni di partenza tra i suoi membri, può essere messa al servizio della pura accumulazione individuale? La violenza, da strumento per imporre rivendicazioni collettive in un contesto sociale relativamente omogeneo, può venire cooptato dai più ambiziosi per le proprie strategie di affermazione economica o simbolica? È un vecchio quesito, già posto da Anton Blok nella sua critica all’ottimismo della teoria del “banditismo sociale”, ovvero di quelle pratiche fuori dalla legge nate dal rifiuto dei giovani uomini delle società contadine del processo d’inferiorizzazione imposto dal dominio capitalista e/ o coloniale sulle proprie strutture sociali (Blok 1972; Hobsbawm 1969). La mobilitazione da parte di alcuni proprietari di camion kanak dei rapporti di dipendenza agnatici per la messa a lavoro gratuita dei nuovi giovani sembra essere la dimostrazione più cruda della sua possibilità pratica.

Conclusioni

29In queste pagine ho analizzato le forme in cui i figli di operai e agricoltori kanak incontrati nel corso delle mie ricerche di campo nella Grande-Terre orientale “intuiscano” il valore effimero dell’impegno scolastico, in un contesto segnato da forti disuguaglianze socioeconomiche. Dalle loro parole di questi giovani emerge quanto gli stessi abbiano attivamente accelerato, nel corso della propria esperienza di studenti, il processo di espulsione dalla scuola secondaria e l’ingresso in quella che viene localmente definita “la delinquenza”. Interessato a sviluppare le teorie sulla riproduzione sociale elaborate da Paul Willis per il contesto inglese degli anni 1970, ho allora deciso di porre in comunicazione questo caso di studi con quello del noto antropologo britannico per esplorarne assonanze e divergenze. Nonostante le forti somiglianze nell’articolazione di una specifica forma di rifiuto verso la cultura dominante e il modello di realizzazione individuale proposto dalle istituzioni, il percorso di socializzazione e resistenza dei miei interlocutori assume infatti delle caratteristiche specifiche: i ventenni kanak, infatti, a differenza dei figli degli operai inglesi, disprezzano (almeno sul piano discorsivo) la stessa idea di lavoro salariato, finanche quello manuale. Questo elemento di rifiuto diviene la norma per le coorti di individui di un’età compresa tra lo sviluppo puberale i venticinque/ trent’anni anagrafici di tutta un’area geografica fortemente impattata dall’attività mineraria, fornendo materiale culturale per una performance di genere data all’interno dello spazio etero-normato della socialità mascolina delle comunità rurali in questione. Quel che mi pare negata, da questi ragazzi, è prima di tutto la priorità data al salario come mezzo d’accesso al il consumo di beni, che per i lads di Willis era invece un fattore necessario all’affermazione della persona maschile. Quest’assenza è materializzata nel nostro contesto dal fuoco appiccato dai ladri di macchine ai veicoli rubati e dal rifiuto della loro messa in valore. La passione per le auto (a tutti gli effetti un bene di consumo, benché rivestito di una particolare funzione sociale) e il bisogno oggettivo di contante può essere colmato attraverso altri sistemi, come la produzione e la vendita illegale di cannabis. Le intuizioni giovanili maturate sui banchi di scuola dalle nuove generazioni di Thio e di Canala, dirette al disvelamento del mito della promozione sociale attraverso l’impegno ad investire in una partita già persa, segue dunque altre coordinate da quelle del modello proposto in Learning to Labour.

30La cultura del lavoro in cui sono immersi i figli dei minatori kanak, nonostante la lunga storia di salariato di queste aree, è il prodotto infatti di una dinamica storica che limita (seppur non esaurisce) il portato delle qualità operaie nella definizione della persona (legata retoricamente alla produzione e allo scambio d’igname). Tuttavia, il bisogno di una maggiore stabilizzazione, conduce gli stessi giovani refrattari a cercare un impiego fisso, di cui la miniera è l’unico erogatore. La transizione energetica contemporanea pone d’altronde la Kanaky-Nuova Caledonia in una posizione unica, come una delle maggiori riserve mondiali di nichel, il che ha accelerato negli ultimi anni la richiesta di una manodopera qualificata. Il modello di mascolinità di chi riesce a conquistarsi un accesso in questo mondo si distanzia nella sua performatività dalla retorica dell’uomo kanak alieno ai rapporti del lavoro salariato, terreno d’elezione dei “Bianchi”. Attraverso la capacità del lavoratore di provvedere al proprio nucleo famigliare guidando macchine destinati all’estrazione e al trasporto di minerale (le cui estetiche fanno già parte dell’immaginario dei voleurs, spesso affascinati dalla velocità, dai motori, dai grandi articolati), l’idea di una mascolinità operaia più compiuta trova un suo spazio per esprimersi.

31Inoltre, la violenza esercitata dalle coorti giovanili kanak ai danni dei discendenti dei coloni o degli stranieri può manifestare tutta la sua parte construens laddove sono gli indipendentisti a gestire il processo di produzione, in cui ai kanak è data la possibilità politica di inserirsi nel mondo del lavoro. Resistere al lavoro è assieme resistere alla propria esclusione dai suoi circuiti redistributivi del profitto. La cosiddetta “delinquenza” di una parte dei giovani maschi delle tribù vicine ai siti estrattivi può trasformarsi nel corso della vita del ragazzo che ruba auto: da un metodo di pura affermazione di una mascolinità non subalterna a quella imposta dalle istituzioni (post)coloniali può facilmente divenire un mezzo di pressione per ottenere un impiego presso le compagnie minerarie. La parola d’ordine è ribadire la propria presenza (e le proprie necessità) all’interno dello spazio sociale secondo le contingenze del momento. Qualcuno tra i giovani è però più capace di altri ad accumulare le risorse economiche e simboliche della “delinquenza” per trasformare il proprio passato deviante in uno strumento facilitatore ma della propria trasformazione in… padrone.

Torna su

Bibliografia

Alcano M., 2010 «Sulla carne degli altri. Forme di capitale, immobilità e dipendenza fra gli ex lavoratori del sesso a Bali (Indonesia)», in S. Vignato (a cura di), Soggetti al lavoro. Un’etnografia della vita attiva nel mondo globalizzato, Utet, Torino: 131-150.

Allen M. G., 2017 «Islands, extraction and violence: Mining and the politics of scale in Island Melanesia», in Political Geography, LVII: 81-90.

Apple M. W., 2004 «Between Good Sense and Bad Sense: Race, Class, and Learning from Learning to Labor», in N. Dolby e G. Dimitriadis con P. Willis (eds.), Learning to Labor in New Times, Routledge, New York: 52-70.

Augé M., 2003 Poteri di vita, poteri di morte. Introduzione a un’antropologia della repressione, Raffaello Cortina Editore, Milano.

Bainton N., Macintyre M., 2013 «“My Land, My Work”: Business Development and Large-Scale Mining in Papua New Guinea», in Research in Economic Anthropology, Engaging with Capitalism: Cases from Oceania, Emerald Group Publishing Limited, XXX: 139-165

Blok A., 1972 « The Peasant and the Brigand: Social Banditry Reconsidered », in Comparative Studies in Society and History, XIV (IV): 494-503.

Bourdieu P., Sayad A., 1964 Le déracinement. La crise de l’agriculture traditionnelle en Algérie, Éditions de Minuit, Parigi.

Clarke J., Hall S., Jefferson T., Roberts B., 2017 « Subcultures, cultures and class », in S. Hall e T. Jefferson (eds.), Resistance Through Rituals. Youth Subcultures in Post-War Britain (trad. it., Rituali di resistenza. Subculture giovanili nella Gran Bretagna del dopoguerra, a cura di S. Hall e T. Jefferson, Novalogos, Aprilia: 27-97).

Connell R.W., Messerschmidt J. W., 2005 «Hegemonic Masculinity: Rethinking the Concept», in Gender and Society, XIX (VI): 829-859.

Hadji L., Lagadec G., Lavigne G., Ris C., 2012 «Vingt ans de politiques de rééquilibrage en Nouvelle-Calédonie: Démocratisation de l’école mais persistance des inégalités ethniques», in Formation emploi, CXX: 101-125.

Hobsbawm E., 1969 Bandits, Weidenfeld & Nicolson Ltd, Londra (trad.it. Banditi. Il banditismo sociale nell’età moderna, Einaudi, Torino 2002).

Latour B., 1974 «Les Idéologies de la Compétence en Milieu Industriel à Abidjan», in ORSTOM, Sciences Humaines, III.

Leblic I., 2018 «Vous avez dit rééquilibrage et décolonisation ? Retour sur 40 ans de va-et-vient institutionnels sur souveraineté et colonialisme en Nouvelle-Calédonie (1980-2018)», in Journal de la Société des Océanistes, CXLVII: 329-350.

Le Meur P.Y, Grochain S., Kowasch M., Pothily D., 2012 La sous-traitance comme interface : rente minière, contrôle des ressources et arènes locales en Nouvelle-Calédonie. Nouméa: CNRT Nickel & son environnement (Tome Nickel et Société. Document de travail «Gouvernance minière», 10/12).

Mary S., 2016 «La genèse du service militaire adapté à l’Outre-Mer. Un exemple de rémanence du passé colonial dans la France des années 1960», in Vingtième Siècle. Revue d'histoire, CXXXII: 97-110.

McGrew K., 2011 «Review of Class-Based Theories of Student Resistance in Education: Mapping the Origins and Influence of Learning to Labor by Paul Willis», in Review of Educational Research, LXXXI (II): 234-266.

Mokaddem H., 2018 «L’accord de Nouméa. Pratique de discours et forclusion de la souveraineté de Kanaky», in Journal de la Société des Océanistes, CXLVII: 319-328.

Saitta P. 2015 Resistenze. Pratiche e margini del conflitto quotidiano, Ombre Corte, Verona.

Salomon C., 2020 «Service militaire adapté et nostalgie du service militaire obligatoire en Nouvelle-Calédonie», in Outre-Mers, CDVI-CDVII: 49-71.

Ortner S., 1995 «Resistance and the Problem of Ethnographic Refusal», in Comparative Studies for Society and History, XLVI: 173-193.

Simonicca A., 2017 «Recuperare la scalarità del denso, tra resistenza e studying up», in International Gramsci Journal, II (III): 87-112.

Simonicca A., 2012 «Introduzione», in Willis P, Scegliere la fabbrica. Scuola, resistenza e riproduzione sociale, Cisu, Roma: 7-75.

Wacquant L. J. D., 1986 «Communautés canaques et société coloniale. Notes complémentaires sur la "question canaque"», in Actes de la Recherche en Sciences Sociales, LXI: 56-64.

Willis P., 1977 Learning to Labour: How Working Class Kids Get Working Class Jobs, Saxon House, Farnborough (trad. it., Scegliere la fabbrica. Scuola, resistenza e riproduzione sociale, a cura di A. Simonicca, CISU, Roma 2012).

Torna su

Note

1 Il nome di questa collettività è al centro di una diatriba politica piuttosto antica. Gli indipendentisti fanno riferimento al paese come Kanaky-Nuova Caledonia, integrando il nome assegnato al paese da James Cook con quello prodotto dai nazionalisti kanak nella seconda metà del Novecento, attraverso la riappropriazione del termine dispregiativo di origine hawaiana kanaka (“uomini”), col quale i balenieri europei indicavano le popolazioni indigene del Pacifico. Crediamo, da parte nostra, che sia venuto il momento di aggiornare la terminologia utilizzata negli articoli scientifici, in linea con altre pubblicazioni degli ultimi anni (Cugola, Leblic 2018) e con la mia tesi magistrale (Miceli 2018), accogliendo quello che è il nome oramai utilizzato dallo stesso presidente del governo neocaledone Louis Mapou per indicare l’entità politica in questione. In riferimento a questo saggio, desidero ringraziare la Redazione e i Revisori anonimi per aver letto con attenzione il testo, fornendo consigli pertinenti e spunti assai appropriati.

2 Fonti dell’Institut de la statistique et des études économiques (ISEE).

3 Sull’alcool la situazione è più complessa: indicare i giovani come i maggiori consumatori sarebbe falso ed innescherebbe la riproduzione di una serie di prenozioni che mal si adattano alla realtà di quella che in Kanaky-Nuova Caledonia è una vera piaga sociale. Per le altre forme di addizioni e in generale lo stato di salute delle gioventù neocaledoniane e kanak, vedi il Baromètre Santé Jeunes 2019 a questo link:
www.santepourtous.nc/images/sampledata/thematiques/mes-dents-ma-sante/espace-grand-public/contexte-caledonien/10_-_Document_barometre_sante_jeune_2016_print_r.pdf.

4 Facciamo qui riferimento egualmente alle misure alternative alla prigione, sempre più diffuse a causa del sovrappopolamento del Centro di Penitenziario di Nouméa: lavori d’interesse generale, semi-libertà, braccialetto elettronico ecc.

5 Consultabile al link:
https://gouv.nc/sites/default/files/atoms/files/eft-resultats2020.pdf.

6 Gli accordi di Matignon-Oudinot del 1988 e quello di Nouméa del 1998 hanno inaugurato dunque una nuova fase, mirata a preparare il paese a tre referendum di autodeterminazione, svoltisi, non senza feroci critiche d’ingerenza da parte dello Stato francese, tra il 2018 e il 2022.

7 Ad esempio, fornendo agli indipendentisti il controllo di alcuni giacimenti di nichel e offrendo loro il supporto che avviare progetti industriali.

8 “Imparare a lavorare: come i figli della classe operaia ottengono lavori da operaio”.

9 In Nuova Caledonia ci sono due sistemi di diritto in materia civile: il diritto comune francese e quello coutumier (consuetudinario), erede del vecchio statut particulier coloniale, e a cui sono oggi ascritti la gran parte degli individui di nazionalità francese e cittadinanza neocaledoniana che si riconoscono come “kanak”. La terra coutumière non può essere venduta e il suo controllo da parte delle diverse famiglie (che pure mantengono un diritto d’uso che si avvicina molto ad una concezione “privata” dello spazio) è al centro di numerosi conflitti. Questi sono all’origine, assieme ad una serie di altri fattori che qui è impossibile trattare compiutamente, della difficoltà della sua “messa in valore” commerciale e dello sviluppo di un’agricoltura di mercato.

10 Intervista registrata a Nakéty il 07/10/2020.

11 Intervista registrata a Thio il 13/03/2020.

12 Forse, con qualche forzatura, potremmo sostituirgli nella traduzione il termine di “subcultura”, cui lo stile, come specifica cifra con cui un gruppo di pari occupa uno spazio distinguendosi dagli altri, non è che uno dei due aspetti costitutivi (l’altro, nella classica sintesi di J. Clarke, S. Hall, T. Jefferson e B. Roberts è individuato nell’omologia, ovvero il modo in cui i diversi membri tendono a rendere coerenti le diverse concezioni del mondo integrandolo in un unico frame).

13 Il testo, la cui prima edizione in inglese risale al 1977, è il prodotto di un fieldwork triennale (1972-1975) realizzato da Paul Willis per il Gruppo Educazione del Centro per gli Studi Culturali Contemporanei (CCCS) di Birmingham e profondamente segnato dalla temperie culturale di quegli anni (Simonicca 2012).

14 Nel senso che avrebbero esercitato una propria agentività nell’accorciare i tempi della propria esperienza scolastica.

15 Provenienti da una cultura operaia, dalla quale mutuavano una concezione della soggettività umana derivante essenzialmente dal lavoro concreto, e socializzati all’interno di una cultura famigliare fortemente sessista, i lads avrebbero colto abbastanza precocemente il carattere illusorio della promessa di una promozione sociale insita nell’istituzione scolastica. Rifiutandone l’offerta formativa di avviamento al lavoro qualificato e le categorie valoriali ad esso connesse, gli stessi avrebbero sviluppato una controcultura scolastica organizzata attorno alla coppia di opposizioni manuale/ intellettuale e maschile/ femminile.

16 Michael W. Apple, da una prospettiva gramsciana, propone l'alternativa di "elementi di senso buono e cattivo in tensione", per rimarcare ulteriormente la contraddittorietà costitutiva dei modi di essere e di capire il mondo, l'habitus e l'hexis, rifiutando così il portato del concetto marxiano di "falsa coscienza" (Apple 2004).

17 Sintetizzando, potremmo individuare queste limitazioni nel sessismo, il razzismo e l’omofobia proprie delle classi lavoratrici bianche alle quali i lads di Willis appartengono e che li porta a rifiutare non tanto il sistema di dominazione capitalistico come tale perché sostanzialmente ingiusto, quanto il lavoro intellettuale di per sé, individuato come teleologicamente “femminile” (performatività di genere ridotta a qualità ontologica) e quindi svalutante per il soggetto maschio bianco.

18 Potrebbe essere interessante soffermarsi su come questo ultimo dispositivo, che ha nei fatti sostituito la “scuola” come filtro di socializzazione dei più giovani all’interno del processo di ristrutturazione della forza-lavoro operaia, sia stato inizialmente pensato per “riquadrare” la gioventù della Guyana francese in rivolta negli anni Sessanta, in un’ottica espressamente neocoloniale ed antiinsurrezionale (Mary 2016).

19 Intervistata registrata a Nakéty il 03/08/2020.

20 O verrebbe attuata attraverso il subappalto informale gestito su scala tribale, in cui i giovani lavoratori hanno meno tutele e peggiori remunerazioni.

21 Da cui l’insistenza di Ken McGrew (2002) sull’opzione dell’autonomia culturale come lente per analizzare le dinamiche di questo genere, rifiutando il binomio tra resistenza “cosciente” piuttosto che “incosciente” e restituendo il testo di Willis a quelle prospettive antropologiche orientate all’analisi della “riproduzione sociale” cui in realtà apparterrebbe. Per una critica degli abusi del concetto di resistenza vedi anche l’articolo di Sherry Ortner del 1995 e il dialogo che instaura Alessandro Simonicca con queste critiche rispetto al testo di Willis (2017).

22 Intervista registrata a Nakéty il 12/10/2020.

23 Uscito dal carcere, D. è stato assunto da una ditta di subappalto locale gestita dalle autorità consuetudinarie, che offre peggiori condizioni di lavoro e stipendi più bassi.

24 A Thio l'unico operatore di rilievo che ha i propri contracteurs è la SLN. A Nakéty, dove il subappalto è più diffuso e strutturato, esistono invece una pluralità di firme: dalla NMC alla Société des Mines de Nakéty, parte della Société des Mines de la Tontouta, o ancora Gemini, operatore che ha diritto di estrazione sulle parcelle della SMT. Gli operatori come la SMTN sono detti petits mineurs, piccoli minatori”, in opposizione al monopolio a lungo esercitato dalla SLN non solo sull’estrazione ma sulla metallurgia. La SMSP, di cui la NMC è la principale branca, è invece a tutti gli effetti anch’esso un operatore metallurgico.

25 Per casi simili (per quanto non identici) nel contesto regionale, vedere i lavori di Nicholas Bainton e Martha Macintyre sullo sviluppo del subappalto nell’isola di Lihir, in Papua Nuova Guinea (2013).

26 Con questo termine si fa riferimento alla corrente degli “Studi culturali” portata avanti dal già citato Centre for Contemporary Cultural Studies dell’Università di Birmingham, un centro di ricerca post-laurea fondato nel 1964 da Richard Hoggart, ai tempi docente di letteratura inglese. Lo scopo primario del centro era lo studio dei cambiamenti nella cultura del proletariato inglese dal secondo dopoguerra in poi (e in particolare rispetto allo sviluppo di determinati stili di consumo giovanili e al rapporto tra media e forme culturali). I ricercatori riuniti in questo progetto teorico (molti diversi tra loro per formazione e posizionamento), benché non esclusivamente antropologi, hanno fatto un grande uso dell'etnografia come strumento metodologico e riconfigurato il marxismo inglese di quegli anni attorno allo studio della cultura (per un primo approfondimento in italiano si veda Rituali di resistenza, curato da Stuart Hall e Tony Jefferson, e riportato in bibliografia, e l’introduzione di Alessandro Simonicca alla traduzione italiana di Learning to Labour).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Martino Miceli, «Resistere al lavoro o alla propria esclusione? Un’analisi dei rapporti tra devianza, mascolinità e accesso alla formazione professionale nella Grande-Terre orientale (Kanaky-Nuova Caledonia)»Archivio antropologico mediterraneo [Online], Anno XXVII, n. 26 (1) | 2024, online dal 15 juin 2024, consultato il 25 juillet 2024. URL: http://journals.openedition.org/aam/8353; DOI: https://doi.org/10.4000/11t6p

Torna su

Autore

Martino Miceli

EHESS - Centre Norbert Elias, martino.miceli@ehess.fr

Torna su

Diritti d'autore

CC-BY-NC-ND-4.0

Solamente il testo è utilizzabile con licenza CC BY-NC-ND 4.0. Salvo diversa indicazione, per tutti agli altri elementi (illustrazioni, allegati importati) la copia non è autorizzata ("Tutti i diritti riservati").

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search