Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeriAnno XXVII, n. 26 (1)Giovani, diseguaglianze, potere«È stato perché sono uscita di ca...

Giovani, diseguaglianze, potere

«È stato perché sono uscita di casa». Esperienze di prostitute a confronto con i modelli di femminilità proposti a Mekelle (Tigray, Etiopia)

«It was because I left home». Experiences of prostitutes facing up to models of femininity proposed in Mekelle (Tigray, Ethiopia)
Altea Vatteroni

Abstract

Prendendo in prestito i racconti di alcune prostitute della città di Mekelle, si discuteranno i due modelli di femminilità – moderno e tradizionale – che vengono proposti dalla società etiope contemporanea. Si rifletterà sia sulle contraddizioni che tali modelli identitari introducono, forzando le donne a compiere scelte mai del tutto sicure, sia sulla loro pervasività, che permea i discorsi e i comportamenti anche quando esse se ne allontanano. Risulta così una realtà molto confusa, continuamente in bilico tra ciò che si dovrebbe e ciò che si vorrebbe fare, che costringe le donne a comportamenti che sembrano un tentativo di riscatto in chiave di una nuova modernità.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

  • 1 La ricerca da cui prende vita questo scritto si è svolta fra il dicembre 2019 e il marzo 2020 press (...)

1In questo contributo, a partire da una ricerca1 sul campo svolta nel Nord dell’Etiopia, presenterò come una realtà diseguale – economicamente e socialmente (Bourdieu, Passeron 1977) – impedisca ad alcune donne di conformarsi a quei modelli di femminilità imposti dalla società stessa. Nel particolare, prenderò in prestito le storie di vita di un gruppo di prostitute incontrate nella città di Mekelle, ne seguirò i discorsi e le azioni; elementi che sembreranno così di rottura rispetto al contesto in cui vivono, ma che si riveleranno interamente impregnati della retorica del discorso pubblico sul modello di femminilità onorevole da seguire. Prima di iniziare è necessario fare una premessa di carattere scientifico e una di carattere storico-politico.

  • 2 La lingua principale parlata a Mekelle è il tigrino, idioma di origine semitica diffusa nel Tigray (...)

2Scegliere di utilizzare il termine ‘prostituzione’ (Pheterson 1990) è stato un processo lungo e travagliato. Dal momento che la ricerca si è interamente svolta in lingua inglese, è stato immediato il confronto con i termini di sex work e sex worker presenti nella letteratura di riferimento (Day 2007; George et al. 2012; Pheterson 1990; Tabet 2004, 2014). Nella trasposizione in italiano, definire prostitute le mie interlocutrici mi metteva a disagio, perché mi sembrava di semplificare la loro complessità e la loro agency (Beneduce 2008), adoperando un’idea fortemente stigmatizzata della loro immagine pubblica (Goffman 1963). Consapevole dei tanti significati che possono essere attribuiti ad uno scambio sessuo-economico, rispetto cui «non abbiamo alcun elemento che si possa indicare come minimo comune denominatore di tutte le relazioni definite come prostituzione» (Tabet 2004: 25), ho scelto di analizzare i termini a partire dall’uso che ne fanno le protagoniste della mia ricerca. Se nella traduzione inglese i sinonimi utilizzati dai miei interpreti si riducevano ad un’alternanza – forse poco consapevole – tra commercial sex work (CSW) e prostitute girl, le parole delle mie interlocutrici riportavano una maggiore complessità di definizione. Le ragazze che lavoravano nei club e negli hotel si definivano buzines girl, da considerare come una rielaborazione dal termine inglese business, comunemente utilizzato in tigrino2 per indicare un’attività lavorativa. La maggior parte però utilizzava delle perifrasi o più semplicemente un generico this work, e solo una di loro si era definita sie’tega adari; che si può tradurre con ‘donna unita in matrimonio’. Pertanto, non trovando un termine emico in grado di dare voce a tale complessità di significati, ho scelto di utilizzare csw e ‘prostituta’: il primo indicherà solamente le ragazze che lavorano nei club, mentre il secondo è da riferirsi a tutte le altre. Se tale scelta può risultare debole nel confronto con la letteratura scientifica, la ritengo molto significativa rispetto al mio lavoro di campo. La letteratura critica è ricca di casi in cui le attrici sociali coinvolte mostrano di possedere una forte considerazione del proprio lavoro; lo stesso non può dirsi per le mie interlocutrici. Nonostante una loro personale fermezza rispetto alle scelte di vita effettuate, infatti, nessuna è in grado di considerare la prostituzione come un banale rapporto di lavoro, in quanto sono intimamente ferite dal discorso pubblico presente a Mekelle sulla prostituzione, nonché sulla sessualità e sulla femminilità in generale (Adami 2019).

  • 3 Per cogliere nel quotidiano l’ingerenza di tali investimenti basti pensare che, ad oggi, qualsiasi (...)

3È necessario, per restituire il contesto in cui le mie interlocutrici sono nate, cresciute e si sono formate, fare una breve panoramica degli eventi politici che hanno caratterizzato la recente storia etiope. Nel 1974 un colpo di stato da parte del Derg – comitato a carattere militare di ideologia marxista-leninista – depone l’imperatore Haile Selassie e procede all’arresto di esponenti dell’aristocrazia, militari e politici rappresentanti del vecchio ordine. Ha quindi inizio una dittatura di stampo socialista sostenuta dall’URSS, con a capo l’ufficiale Menghistu Haile Mariam. Nel 1991, l’Ethiopian People’s Revolutionary Democratic Front (EPRDF) – una coalizione di ribelli formata dal Tigray People’s Liberation Front (TPLF) e altri fronti di liberazione – conquista il potere e annuncia la nascita di un governo volto alla liberalizzazione politica ed economica. Nel complesso sarà dunque l’esperienza dell’EPRDF – in quanto unico partito per anni al governo – a segnare i caratteri dello stato etiope contemporaneo, i cui tratti peculiari risiedono in tre aspetti principali: il concetto di democrazia rivoluzionaria, la forma federale che vorrebbe rispecchiare la pluralità etnica del paese e la spinta sviluppista. Di fatto, la linea politica adottata dal leader dell’EPRDF e Primo ministro Meles Zenawi – e seguita dal suo successore – vede la centralità statale come unica possibilità per una crescita economica e modernizzazione dell’Etiopia. Non disponendo però delle risorse necessarie, l’Etiopia farà a lungo affidamento su investimenti esteri, scegliendo come alleati compagnie dal sud-est asiatico e dalla Cina3. In questa direzione politica, garantire lo sviluppo e la crescita del Paese diventa quasi una missione etica da parte dello Stato e i problemi di natura economico-sociale sono spesso affrontati secondo principi morali; così accade per la disoccupazione dei giovani svantaggiati, l’arretratezza delle zone rurali e le condizioni della donna. Di fatto, sono tali discorsi che, proponendo le idee di sviluppo e modernità, sono destinati a creare, in opposizione, i concetti di tradizionale e di arretrato. L’accezione di democrazia rivoluzionaria, inoltre, segue un modello politico nettamente contrapposto alle idee di liberalismo e individualismo, facendo, al contrario, leva sulle idee di centralismo democratico e democrazia proletaria. In questo senso, la società etiope odierna considera l’individuo parte dell’intera società, nonché luogo dove i singoli sono chiamati a contribuire alla crescita collettiva, economica e morale, della nazione (Di Nunzio 2015). In questo scenario nazionale, la regione del Tigray viene profondamente scossa dall’esperienza rivoluzionaria del TPLF durante gli anni del Derg. Nei circa sedici anni di guerra civile, i contadini – uomini e donne – delle zone rurali dell’altopiano etiope hanno partecipato in massa alla resistenza; dall’altro lato, il TPLF ha sviluppato «un complesso apparato di tecniche di mobilitazione popolare, incentrate sulla fusione di strategie di lotta di ispirazione maoista con istituzioni e pratiche politiche tradizionali, nonché sulla strettissima collaborazione tra i quadri del fronte e i rappresentanti della popolazione» (Villanucci 2014: 124). Sul coinvolgimento della popolazione locale il TPLF ha costruito una grande consenso, riuscendo in quegli anni a fornire a queste zone più in difficoltà opere infrastrutturali e servizi sociali, sanitari ed economici. Ad oggi, però, le zone rurali, dove risiede la maggior parte della popolazione tigrina, sono in condizioni decisamente sfavorevoli: gli abitanti vivono in piccoli villaggi all’interno di vere e proprie capanne, la prima fonte di sussistenza è l’agricoltura e hanno scarso accesso all’acqua potabile. L’impoverimento generale, l’aumento della pressione demografica, prolungati periodi di carestie e siccità hanno alimentato un processo di emigrazione verso le città. Al contrario, infatti, negli ultimi decenni, le aree urbane – Mekelle la prima tra queste – sono state caratterizzate da profondi interventi infrastrutturali che, oltre a modificarne l’aspetto, stanno influendo molto sul tessuto sociale: l’introduzione del sistema capitalista e l’apertura all’economia di mercato avviata dopo la caduta del Derg ha condotto alla creazione di una borghesia imprenditoriale e commerciale, a cui si contrappongono le fasce meno abbienti della popolazione: anziani ridotti ai limiti dell’indigenza, mendicanti, invalidi e bambini che vivono di elemosina conducendo le proprie esistenze in una condizione di miseria inaccettabile.

4A partire da queste considerazioni, vedremo come l’immagine pubblica della donna subisce un rilevante mutamento, facendo della donna etiope ‘moderna’ tutto ciò che può essere messo in opposizione al ‘tradizionale’, considerato come arretrato e dannoso. Prendendo in considerazione tale contesto, attraverso le storie di un gruppo di csw e prostitute, si cercherà di rispondere alle domande: chi sono le prostitute che si possono incontrare a Mekelle oggi? Come e perché hanno iniziato questo lavoro? La loro situazione è unicamente dovuta a scelte personali o esistono delle problematiche strutturali che le hanno spinte a prostituirsi? Qual è il discorso pubblico sulla prostituzione e quanto pervade la sfera intima delle dirette interessate?

2. Diventare donna in Tigray

5I tentativi di ammodernamento e di sviluppo che hanno caratterizzato l’Etiopia nel XX secolo (Di Nunzio 2015; Milkias 2008) hanno da una parte appoggiato l’esaltazione dei singoli in quanto autonomi, autosufficienti e in grado di regolarsi; dall’altra, lo Stato ha provveduto alla formazione di soggetti utili al comune progetto di sviluppo e ammodernamento del paese, cercando di ricondurre i vissuti intimi dei cittadini in collettività più ampie. In questo dialogo tra individuale e collettivo, moderno e tradizionale, i corpi delle donne vengono caricati di significati e paradigmi molto complessi, a volte in contraddizione tra loro, ma esse vengono soprattutto investite di un’importante responsabilità sociale. Su questi aspetti si sono incentrate le ricerche di due studiose che hanno svolto le proprie etnografie nelle stesse zone pochi anni prima di me.

6Villanucci (2014), lavorando sulle politiche sanitarie nelle zone rurali del Tigray, riflette sul ruolo che assumono le donne nelle politiche di sviluppo. In ambito sanitario, la retorica dello sviluppo e del moderno si configura in Etiopia con una forte adesione alle pratiche della medicina biomedica, dove le donne assumono un ruolo chiave nella trasmissione dei saperi. Esse sono infatti coloro che si occupano dell’ambiente domestico – primo luogo di educazione – organizzando i locali, tenendo pulito e insegnando ai figli come prendersi cura della propria igiene personale. In senso più ampio, in quel contesto rurale, la salute diviene un mezzo attraverso cui i cittadini si uniformano ai comportamenti ritenuti corretti, perché «la donna deve rendersi in grado di sollevarsi dalle condizioni di arretratezza, coinvolgendo i membri della propria famiglia nel complessivo discorso di affermazione del benessere e del progresso» (Ivi: 127). Su questa stessa linea, trovo pertinente anche il lavoro di Adami (2014) sulla fistola ostetrica, una condizione medica che sperimentano molte ragazze delle zone rurali. Tra le diverse cause fisiologiche che predispongono il corpo femminile a quest’insorgenza, prima tra tutte v’è una malnutrizione di lunga durata, che non permette un corretto sviluppo del corpo femminile, a cui però si aggiunge il fatto che l’insufficienza di strutture sanitarie sul territorio non permette un’adeguata sorveglianza degli stadi della gravidanza né è in grado di intervenire per tempo in caso di complicazioni. Nonostante ciò, l’autrice spiega che nei discorsi quotidiani, anche del personale sanitario, la prima causa di fistola ostetrica viene ricondotta al matrimonio precoce e quindi ad una gravidanza considerata prematura. In questo modo, l’early marriage e, di conseguenza, una maternità precoce divengono il simbolo di quel mondo tradizionale arretrato e dannoso che deve essere sradicato. Di fatto, nelle zone rurali il ruolo delle donne si è generalmente limitato alla cura della casa, dei figli e del bestiame domestico quando presente, e della preparazione dei pasti. Prima della salita al potere dell’EPRDF, spesso i programmi di intervento e i tentativi di modernizzazione facevano unicamente riferimento agli uomini, in quanto ritenuti i portatori di conoscenze all’interno della gerarchia familiare. Questo ha fatto sì che gli orizzonti di possibilità delle donne, ancora una volta, non potessero estendersi oltre il matrimonio e la creazione e l’accudimento della famiglia (Flintan 2006).

7Spostandosi nei centri urbani, Adami (2019) ha riflettuto sull’istruzione delle ragazze nella città di Mekelle, in particolare negli ultimi quattro anni di scuola, prima dell’eventuale ingresso all’Università. Come abbiamo spiegato, in un passato non troppo lontano, il corpo di una giovane donna etiope era sottoposto a una specifica costruzione sociale riconosciuta come femminile, che lo rendeva legittimo e dunque socialmente appropriato, per poter essere inscritto in una piena vita comunitaria; tale femminilità era comprensiva del ruolo di moglie e di madre. Oggi, nelle ore extrascolastiche che gli alunni possono impiegare partecipando in vari club organizzati dalla scuola, e in particolare nel gender club, le giovani insegnanti parlano della maternità come un elemento imprescindibile per l’affermazione della donna, purtuttavia considerandola appropriata solo se inserita in un percorso di istruzione, lavoro ben remunerato e indipendenza economica. Di fatto, spiega Adami, alla passione che le insegnanti hanno di trasmettere alle studentesse la necessità di affermarsi professionalmente e di raggiungere un’indipendenza economica, e quindi di contribuire ad un’idea di miglioramento generale della società, si aggiunge anche la necessità di diventare, prima o poi, mogli e madri, perché solo in quel momento sarà riconosciuta loro la piena identità di donna. A queste giovani donne viene quindi insegnato che astenersi dall’avere relazioni amorose e dai rapporti sessuali prima di avere quantomeno terminato l’università è l’unica soluzione possibile per evitare, nel migliore dei casi, di distrarsi nello studio o, nel peggiore, di rimanere incinte, e quindi essere costrette ad abbandonare definitivamente la scuola, unico percorso per ricevere un’educazione formale. Un eventuale abbandono, infatti, renderebbe il matrimonio e la maternità – ritenute «sinonimo di una femminilità arretrata» (Ivi: 47) – le uniche soluzioni possibili. In questo modo, le donne continuano ad oscillare «tra il desiderio e la necessità di vedere realizzati quegli aspetti che contraddistinguono una soggettività moderna e le preoccupazioni per il rivestimento di quei ruoli (di moglie e di madre) che tradizionalmente segnalano un passaggio di status». In questi discorsi ideologici la posta in gioco risulta essere «l’onorabilità della donna stessa e un suo pieno riconoscimento sociale» (Ivi: 50). Infine, Adami osserva che, nonostante i club siano aperti indifferentemente a studenti e studentesse, il gender club è frequentato unicamente da ragazze, rendendole, ancora una volta, le uniche responsabili «delle conseguenze legate alla sfera sessuale […], un obbligo che non pone alcuna “sfida” alla mascolinità dominante» (Ivi: 49). Alla luce delle considerazioni appena fatte, ci troviamo davanti uno scenario alquanto confuso, dove i singoli vengono responsabilizzati delle scelte collettive e viceversa dove diviene molto difficile considerare i due modelli di femminilità, quello moderno e quello tradizionale, come diametralmente opposti. In un tale contesto le scelte di vita delle mie interlocutrici non risultano pertanto né insolite né incomprensibili (Di Nunzio 2020).

3. Chiedere della prostituzione

8Lavorare con donne stigmatizzate è stato per certi versi molto semplice, per altri molto difficile. Se da un lato era per loro comune affrontare argomenti socialmente scomodi – divorzi, abbandoni, questioni economiche, sesso e metodi contraccettivi –, dall’altro si percepiva una costante paura del giudizio esterno e il desiderio di anonimato. Mi dice una interlocutrice:

  • 4 Tutte le interviste sono state registrate e si sono svolte con l’interprete che traduceva le mie do (...)

They4 [una ONG] ask us if they can take a picture, other csw refuse by thinking they use our photo to collect money for them and we even ask if the photo we pictured get out on public by newspaper or television. We ask them because our kids and parents can be ashamed, discriminated, touched their honor, we don’t want this and they say it is secret, they can be punished if they public it out (Intervista del 16/03/2020).

9In queste parole si può percepire l’angoscia del subire una categorizzazione, ma v’è di più. La letteratura scientifica (Bernstein 2007; Day 2007; Morcillo 2014; Tabet 2014) ci spiega che per lavorare nella prostituzione i protagonisti hanno sempre segnato una cesura fra il pubblico e il privato, fra ciò che la persona è nella sfera pubblica e ciò che è nella sfera privata. Tale consapevolezza porta le mie interlocutrici a escogitare molteplici strategie per tenere separati questi due aspetti delle loro vite. A volte si tratta di separazioni evidenti, come avviene con l’allontanamento fisico dalle famiglie, quasi per evitare che passato e presente possano toccarsi. A volte, invece, tale divisione si configura nella composizione degli spazi domestici, dove abitare gli spazi interni dà l’illusione dell’intimità degli ambienti costruiti (Forino 2014). Altre volte ancora, ciò avviene in modo sottile, quasi impercettibile. Di fatto, anche nelle interviste era presente un tentativo spasmodico di allontanarsi, anche se solo nel dialogo, da quell’immagine pubblica, quasi per paura che, anche solo parlandone, i loro vissuti intimi – ben ancorati al terreno e incisi sulla pelle – venissero contaminati dallo stigma della prostituta (Pheterson 1993).

10Prima di addentrarci nelle storie e negli spazi abitati da queste ragazze, vorrei contestualizzare meglio alcune scelte metodologiche. L’incontro con quelle che sarebbero diventate le mie interlocutrici è avvenuto secondo due modalità piuttosto distinte. Dapprima ho adoperato una modalità istituzionale. Dal momento che il mio tema di ricerca faceva riferimento alla sfera medica, sono entrata in contatto con quegli health centre che svolgevano programmi indirizzati alle prostitute. Passare attraverso l’ambito istituzionale mi ha permesso di osservare come il discorso pubblico affronti il tema della prostituzione. Prima di poter incontrare le ragazze, i responsabili delle strutture e il personale sanitario mi hanno spiegato come dovessi rapportarmi, suggerito quali fossero le domande da fare e quali da evitare, e mi hanno avvisata di stare attenta alle fragilità delle mie interlocutrici. Anche gli incontri si sono svolti in maniera formale: sono stata presentata dal personale sanitario, è stato spiegato il mio argomento di ricerca e il mio metodo di indagine e sono state loro a scegliere se decidere di contattarmi o meno. In un’altra occasione, un’infermiera mi ha presentato due proprietari di club, un ragazzo e una donna, e successivamente loro mi hanno presentato alcune ragazze. Ho quindi eseguito dei focus group nelle varie kebelle e al termine ho chiesto ad alcune di loro se avessero voglia di fare un’intervista individuale. L’altra modalità è stata invece più relazionale. Per motivi personali, uno dei miei interpreti era in stretto contatto con un club e ciò mi ha permesso un accesso decisamente informale. Anche qui, prima di riuscire a svolgere interviste in profondità, ci sono voluti diversi incontri con le ragazze e con il proprietario, però in un clima più disteso. Data la conoscenza diretta, ho avuto modo di frequentare il locale a prescindere dalle interviste e questo ha creato una certa familiarità con le ragazze. In entrambi i casi, escluse due occasioni, le interviste e gli incontri singoli si sono svolti in tranquillità, e pertanto chiedere delle loro famiglie, dell’istruzione e dei loro progetti futuri non è stato difficile. Al contrario, quando arrivavo a chiedere della loro vita attuale e della prostituzione, come e perché avevano iniziato e cosa ne pensavano, i toni cambiavano, i volti si scurivano e i loro sguardi si assentavano; andare in profondità su queste tematiche diventava complesso. Nonostante le difficoltà, ritengo che le mie interlocutrici siano state più a loro agio a dialogare con una ricercatrice donna, mentre penso sia stato opportuno avvalersi di interpreti uomini. Infatti, anche se a volte è stato complicato per questi ultimi tradurre in inglese certe espressioni riguardanti aspetti femminili, credo che, per le donne intervistate, discutere di determinati argomenti con donne istruite e di classe sociale più elevata avrebbe generato maggiori frizioni.

11All’inizio della ricerca ero convinta che mi sarei confrontata con storie di vita più o meno simili tra loro o, comunque, con evidenti punti in comune; una volta sul campo, invece, sono stata colpita dalla grande varietà di racconti. Tale diversità ritengo sia significativa per mostrare lo spessore che si cela dietro la stigmatizzazione che il senso comune conduce sulla prostituzione. Proprio per rendere giustizia alla varietà di narrative ascoltate e per dimostrare che possono esistere tante contingenze per cui è difficile, se non impossibile, procedere secondo modelli ideologici, ho scelto di riportare un ampio ventaglio delle storie di vita raccolte, spaziando tra le età e le tipologie di lavoro delle mie interlocutrici.

  • 5 Questo termine deve intendersi unicamente con un uso anagrafico. Infatti, oltre l’età anagrafica, i (...)

12Nell’unico grande insieme che è la categoria della ‘prostituzione’, a Mekelle se ne possono trovare diverse tipologie, di cui si può fare una panoramica visitando le varie kebelle – una sorta di quartieri senza specificità amministrativa. Ad oggi, se le zone periferiche della città stanno diventando le preferite da quella piccola fetta di popolazione più abbiente, il centro cittadino diviene il luogo di lavoro, di mercato e di festa notturna, spazio dove le categorie sociali marginali che ho incontrato – prostitute e giovani senza lavoro – diventano i protagonisti, esibendo quella presenza corporea che alla luce del sole viene omessa e nascosta (Fouquet 2020). Le kebelle dove ho svolto il mio lavoro di campo sono quattro: 01, 12, 14 e 15. Sono vicine tra loro, lungo la strada principale della città e per ciò che interessa a noi può essere utile darne una descrizione a seconda dell’età delle donne che vi abitano. Le kebelle 12 e 15 sono frequentate dalle ragazze più giovani5 e sono le zone dei club e degli hotel. Il lavoro principale delle ragazze è di intrattenere i clienti il più a lungo possibile nel locale, e, infatti, ricevono uno stipendio mensile dal proprietario; possono inoltre intrattenere dei rapporti con i clienti, su richiesta di quest’ultimi. Solitamente il locale è fornito di stanze dove può avvenire la prestazione, altrimenti il cliente può scegliere di portare la ragazza con sé per l’intera notte. È una zona piuttosto tranquilla, c’è poca gente, le strade sono in terra battuta e i locali si contraddistinguono grazie a piccole insegne poste sopra gli ingressi. Nella kebelle 01 le donne lavorano in casa o affittano per qualche ora alcune stanze messe a disposizione, anche se qui il guadagno principale proviene dalla vendita in casa della birra; possono scegliere se intrattenersi o meno con i clienti. Se le kebelle presentate si popolano principalmente durante le ore notturne, nella 14 – la più grande e centrale – non ci sono orari: le ragazze lavorano in casa, o affittando una stanza, e sono a disposizione per i clienti in qualsiasi momento della giornata; il guadagno consiste nell’avere più clienti in meno tempo.

4. Vivere nella prostituzione

13I cambiamenti storico-politici che si sono succeduti nel Tigray a partire dal 1991 hanno generato, in linea di massima, due differenti narrative locali. I discorsi delle ragazze più giovani, nate e cresciute dopo questo evento, sono pieni delle retoriche del modello moderno di femminilità, a cui ha dato vita la nuova linea politica etiope; le più grandi, al contrario, tra i 34 e i 38 anni, raccontano una realtà che non esiste più, molto distante dai tentativi di sviluppo del contesto attuale. Iniziamo da quest’ultime.

14Abeba vive nella kebelle 01, la sua casa è molto ordinata e pulita, con i mobili traboccanti di ricordi; mi racconta la sua vita prima della prostituzione, narrazione che sorprende molto il mio interprete il quale, prima di tradurre, commenta «it’s fascinating».

  • 6 La traduzione è della parte in inglese tra l’autrice e l’interprete.
  • 7 Birra artigianale etiope, un tempo l’unica disponibile.

She6 met her husband when she was young, at 14, she was selling tsalla7 with her mother and she met him. At that time everybody came for tsalla, they get married and she get born the first child at 14/15. I say she was young and she said yes but you know it was our culture, not now, before. After time, after the second child, the mother of him start to have a bad behavior to her and the situation in the house was not good, at that time they have an house in Adi Shundum. The mother was bossing and she couldn’t handle this, she ask to her man to live together, because the mother starts to control the money and all but he didn’t want. So she divorced and leave home and start the work, one kid for him and one for her so she take the youngest who now lives with her mother. He asked her, bagged her to come back home then he take another wife but she left too (Intervista del 28/02/2020).

15In seguito al divorzio, Abeba ritorna a vendere tsalla assieme alla sorella, continuando anche dopo la morte della madre, ma si ritroveranno costrette ad interrompere il proprio business a causa dell’arrivo della birra in vetro. Ad oggi, Abeba è una donna grande, sola e non istruita, che è uscita dal tracciato di femminilità ‘onorevole’ del suo tempo e del suo contesto familiare. Dal momento che non ha nessuna conoscenza spendibile nel mondo contemporaneo, vendere birra in casa e prostituirsi sembrano le uniche opzioni possibili.

16Anche Gennet, nata e vissuta nella kebelle 01, ha per lungo tempo prodotto e venduto tsalla, senza pensare di dover cambiare attività. La sua famiglia produceva e vendeva tsalla e lei avrebbe fatto lo stesso.

  • 8 Si veda nota 6.

After8 her mother died she had problems, her friend told how to beginning this work. […] At first her friend went to the hotel and worked there, a lot of time she said to go with her, she told me everything, so I tried once and then I said “it’s okay”, it was good money so I get this and for 6 months I worked in an hotel she tried to open her own place, her new bar and now from 5 years and 6 months she work here. […] Her parents was good people but she had no education (Intervista del 27/02/2020).

  • 9 Misto di spezie piccanti molto usate nella cucina tradizionale degli altopiani etiopici ed eritrei. (...)

17In quegli anni Gennet trova anche un impiego nella lavorazione del berberè9, ma, dato che anche questa attività si rivela in via di estinzione, è costretta a tornare alla prostituzione. È interessante notare come lei stessa individui nella mancanza di un’educazione formale una delle cause della sua attuale condizione; tale affermazione può essere un proprio pensiero tanto quanto l’incorporazione della retorica sviluppista contemporanea.

  • 10 L’Eritrea, territorio che per lungo tempo ha condiviso gli eventi storici e politici con l’Etiopia, (...)

18Tutt’altra storia è quella di Shewit, la cui vita passata è molto complessa e difficile da seguire nelle sue varie fasi. Il padre è stato un militare del Derg e la famiglia si trasferisce a Mekelle durante gli anni della guerra con l’Eritrea10; a 19 anni ha la sua prima figlia e a 22, al termine della guerra, dopo la morte del padre e con una famiglia numerosa, decide di andare a lavorare come domestica a Dubai (Van Blerk 2008). Al rientro scopre che la famiglia aveva speso tutti i soldi inviati e decide allora di ripartire; questa volta rimane a Dubai per tre anni, tenendo da parte un po’ dello stipendio per sistemare definitivamente la famiglia al ritorno. Costretta a rimanere in patria per questioni burocratiche, Shewit decide comunque di lasciare la seconda figlia – avuta durante il primo rientro – a casa con la madre e di andare a vivere da sola, lavorando come servant. La prostituzione arriva in questo periodo. Incontra un uomo, hanno un bambino e decidono di creare una famiglia, i loro lavori non sono però economicamente sufficienti; pertanto, decide di arrotondare le entrate prostituendosi. Al momento del nostro incontro ha avuto un’altra figlia e il suo compagno l’ha lasciata.

  • 11 Si veda nota 4.

I’m11 not get into this work because I want, I get in because it’s constraint rather than doing other bad thing and buckle from people or working as hired in people home. As cleaner you can’t get enough or you can’t full fill for paying rent of home. Most of us, prostitutes, we have kids – did you understand me? – we have payment for education, payment for service, cloth, shoes, their food, you can’t get enough or full fill it for the living. Now you can get from 2000, 3000 birr working as servant but after that you should have to think how much you pay for rent home, after you pay for this you can’t full fill for their daily food, shoes and everything they need. Why we get into this life because we can’t get enough to full fill our needs rather than waiting from hand of other people and keynimn [mendicare], but this life, everybody knows, it is bad life, by fifty birr, hundred birr doing sex – you can understand? – doing sex with you want and with you don’t want it is different, so most of the girls get into this work without like it. If you have or get some money and by means there is way to change your life, many girls will get out from this work, but we can’t enough money (Intervista del 13/02/2020).

19Al di là delle evidenti necessità economiche, si può individuare nei racconti di Shewit un forte desiderio di indipendenza economica. Non vuole infatti ritrovarsi a dover mendicare o rubare, anzi si proietta in un immaginario di futuro, quando mi racconta che le piacerebbe aprire un ristorante. Tali azioni, in accordo con il discorso sulla nuova femminilità ‘onorevole’ moderna, potrebbero essere considerate come nobilitanti; eppure, questa volta, non possono assumere lo stesso significato poiché Shewit non ha seguito correttamente l’ordine delle tappe. È anche interessante notare come la vita di questa donna si situi in bilico fra locale e globale, rendendola una figura decisamente attuale. Shewit, infatti, si confronta più volte con le molteplici rotte migratorie dell’oggi: verso Dubai, dalla Libia all’Europa, dove un fratello e una sorella si sono avventurati, e dove si è diretto il suo ultimo compagno. Tali movimenti sono indici reali della ricerca di un modo diverso di essere moderni, così come sono moderni e concreti gli obiettivi che legano il contesto sociale alle destinazioni: le intenzioni e le finalità in gioco, infatti, sono spesso difficili da concretizzare e il risultato è, ancora una volta, una tremenda incertezza che getta un’ombra grigia verso il futuro tanto quanto verso il presente (Mosca 2020).

20Spostiamo adesso l’attenzione sui racconti delle ragazze più giovani. Selam, 25 anni, sembra rappresentare esattamente ciò contro cui si battevano le insegnanti nella ricerca di Adami (2019). Selam ha avuto le stesse possibilità di qualsiasi altra ragazza, poteva continuare negli studi e seguire serenamente il percorso verso un modello di femminilità moderna, ma un’uscita notturna e una gravidanza le hanno bloccato ogni possibilità.

  • 12 Trascrizione delle parti in tigrino fatta da un contatto eritreo a Roma.

Q12: Quando hai iniziato questo lavoro avevi 17 anni?
S: Questo lavoro?
Q: Sì questo lavoro, perché?
S: No, è stato perché sono uscita di casa.
Q: Perché sei uscita di casa?
S: Per motivi di adolescenza.
Q: Tuo padre e tua madre sono vivi?
S: Sì, vivono nella kebelle 4.
Q: Questa professione è iniziata per motivi di adolescenza o per guadagnare soldi?
S: No, non si trattava di fare soldi, solo perché ero un’adolescente con la mia amica.
Q: Perché hai iniziato questo lavoro con la tua collega, questo lavoro è brutto?
S: Ero con la mia collega e molti ragazzi volevano fare sesso con me.
Q: È successo quando avevi 17 anni?
S: Sì, all'epoca mi stavo solo divertendo, ma col tempo diventa difficile e disgustoso.
Q: Quando hai iniziato a lavorare in questa professione con le tue amiche, era per fare soldi? Hai affittato una stanza?
S: All'inizio era per divertimento.
Q: In primo luogo, quando è iniziata la carriera, era in hotel e discoteche?
S: Sì.
Q: Come esercitavi la professione quando avevi 17 anni?
S: All'inizio non esercitavo la professione, facevo sesso per piacere il primo anno, e nel frattempo sono tornata a casa della mia famiglia (Intervista del 20/02/2020).

21Pur avendo a disposizione tutte le possibilità che la famiglia poteva fornirle, Selam individua in quell’uscire di casa il momento di rottura, un punto di non ritorno rispetto a quel modello da seguire. Esce la sera, si allontana dallo studio e rimane incinta. Racconta che, quando stava a casa durante la gravidanza, veniva ridicolizzata dai familiari e dai vicini; così, a qualche mese dalla nascita del bambino, ha scelto di andarsene e – sola e senza istruzione – iniziare a prostituirsi è sembrata l’unica opzione possibile.

22Una linea simile segue la storia di Faven, che ha 17 anni, viene dalle zone rurali e lavora come csw nella kebelle 12.

  • 13 Si veda nota 4.

F13: My family told me to study in college but I refused.
Q: Why didn’t you want to study?
F: Just because, what is the use? There is no work, those who studied are sited (Intervista del 21/02/2020).

23Nonostante sia stata bocciata ad un esame importante, i genitori si offrono di pagarle gli studi per permetterle di proseguire il percorso scolastico. Faven rifiuta e decide di abbandonare il paese natale, rinunciando alle possibilità di futuro che avrebbe potuto offrirle quel contesto. In questo senso, è cruciale il termine sited, che può essere inteso come inattività lavorativa, ma soprattutto come incapacità di seguire un percorso di crescita personale, e quindi, nel contesto etiope, anche di miglioramento della collettività. Così, Faven e le altre ragazze incontrate hanno scelto di non ‘stare sedute’ in un mondo in cui star fermi equivale a condannarsi all’esclusione, cercando di infrangere – muovendosi dai margini verso il centro, sociale e geografico – l’orizzonte di attesa, proposto dalle sempre più fallimentari politiche neoliberistiche nazionali (Di Nunzio 2020). Faven, infatti, ha un suo piano per il futuro: vuole sposarsi e avere una famiglia; prima però vuole mettersi in proprio e aprire un business che le permetta di essere indipendente. La logica che esprime, di fatto, si inserisce perfettamente nell’idea di una femminilità ‘onorevole’ e moderna.

24Se le vite fino a qui raccontate evidenziano un prima e un dopo e ci permettono di contestualizzare la prostituzione in un momento ben preciso, la storia di Rahel è una di quella che sembra destinata a questa fine già dall’inizio, simile a quelle raccontate dal personale sanitario e amministrativo degli health centre.

  • 14 Si veda nota 4.

R14: First my father abandoned my mother than also my mother abandoned me. I was too young, I didn’t use to know, I must have been taken to my grandfather.
Q: How was growing up?
R: My growing up was hard, I learn until grade 8 but I used to ykorartso, it used to be hard for me, I used to get tired kshao hiqey lgme because they house was both da swa and restaurant.
Q: Why? There was no there a servant?
R: There was but I also must work. I had no time to study, I had to work (Intervista dell’11/02/2020).

25Rahel ha alle spalle un’infanzia di abbandoni che la costringono a vivere con la famiglia del nonno materno, dove lavora come servant nel loro ristorante fino a ‘spaccarsi la schiena’ (kshao hiqey lgme). Il suo andamento scolastico è discontinuo (ykorartso) e dopo la prima bocciatura non è più in grado di proseguire. Cresciuta in questa situazione, Rahel non ha molta fiducia nel futuro che la attende nella cittadina natale. Sceglie quindi di trasferirsi a Mekelle e, dopo aver cercato invano un lavoro diverso per circa un mese, si vede costretta a seguire una sua amica che già lavorava come csw in un club. Qui conosce il padre del suo bambino. Il figlio non era programmato, ma, nonostante il ragazzo non sia in grado di aiutarla, decidono di tenerlo. Al momento del nostro incontro hanno interrotto la convivenza e lui non si occupa più del neonato. La storia di Rahel ci racconta le difficoltà che una giovane donna non istruita e, questa volta, anche senza legami umani solidi – passati e presenti –, può incontrare oggi nella città di Mekelle; la sua condizione le impedisce di immaginarsi un futuro diverso e il suo passato sofferto diventa la naturale causa del suo presente, un presente che si riduce all’elenco delle spese che deve affrontare giorno dopo giorno per se stessa e per il figlio.

5. Conclusioni

26Le mie interlocutrici sono donne che, a causa di contingenze più o meno strutturali, si sono allontanate dal percorso prestabilito per il raggiungimento di una femminilità ‘onorevole’ e moderna, secondo il modello che caratterizza il discorso pubblico sviluppista della società etiope (Di Nunzio 2020). Esse appaiono sempre imbrigliate in quelle logiche e, nonostante la loro posizione e il loro lavoro, aderiscono sempre a tale ideale di riferimento, tanto da cercare di raggiungerlo; l’impresa però è assai difficile, se non impossibile. Gli unici esiti sono una serie di costanti negoziazioni tra la propria volontà di vivere e gli orizzonti di possibilità che si trovano davanti, sino a costringerle a rientrare nei meccanismi sociali di appartenenza, che a volte permettono loro una forma di riconoscimento o un moto di riscatto dal mondo in cui sono immerse. Così il sogno di aprire un business, insieme a quello di creare una famiglia, non va inteso alla stregua di una ingenua inconsapevolezza di se stesse, piuttosto rinvia ai loro tentativi, più o meno riusciti, di recuperare e mantenere una sfera privata che dia senso a se stesse o per lo meno stenda un (sia pure) leggero velo sull’immagine negativa del loro Sé.

27Le narrazioni presentate fanno emergere come una serie di condizioni (contesto rurale, estrazione sociale delle famiglie), unite ad alcune limitazioni personali e strutturali (divorzi, abbandono scolastico, lavoro minorile), non permettano il raggiungimento di nessuna delle tappe che definiscono, nel contesto contemporaneo etiope, il modello di femminilità onorevole moderna (Adami 2019). Tuttavia, le scelte e i discorsi delle ragazze incontrate non trovano spazio nemmeno in un modello di femminilità tradizionale. Ad una proposta ideologica della società etiope, che chiede alle donne, nell’ordine, di studiare, astenersi dall’avere rapporti amorosi, trovare un buon lavoro, rendersi economicamente indipendenti, trovare un marito benestante, sposarsi e avere figli, come crescita personale ma anche in qualità di modello per la crescita della collettività; le donne etiopi, a volte, fanno fatica a rispondere. Ed è così che tra le strade e nei club di Mekelle si incontrano donne che non sanno dove andare dopo il divorzio o alle quali la modernità ha tolto i lavori tradizionali, senza proporre vere alternative; ragazze che hanno scelto di lasciare la scuola ma che vogliono costruirsi un futuro indipendente, ma anche ragazze nate in condizioni svantaggiate, che non hanno mai ricevuto alcun tipo di aiuto. Le mie interlocutrici non riescono a realizzare nessuno dei due modelli, ma le loro scelte, le loro azioni, le loro vite ne sono comunque intrise.

  • 15 Letteralmente stanza (bet) del caffè (bunna), piccoli locali dove si servono principalmente caffè e (...)

28La situazione presentata pone, a mio avviso, un grande interrogativo: esiste una possibilità di riscatto? Abbiamo infatti conosciuto il passato di queste ragazze, situazioni molto diverse fra loro ma che le hanno condotte tutte ad un unico presente, un presente fatto di difficoltà economiche e di stigmatizzazione, ma anche un presente di amore materno, di amicizie, lotte e sogni. A questo punto, quale sarà il loro futuro? Verrà data loro la possibilità di scollarsi di dosso la categoria della prostituzione e ristabilire una ‘normalità’? D’altronde, tra quei baracchini, le bunna bet15, le case colme di oggetti personali, i libri di scuola e i giochi dei bambini si respirava unicamente il tentativo di una ricerca di quotidianità che, all’esterno, pubblicamente, veniva loro moralmente negata.

Torna su

Bibliografia

Adami D., 2014 «La fistola ostetrica in Tigray. Retoriche culturaliste e violenza strutturale», in L’Uomo, I: 23-40. 

Adami D., 2019 «Sessualità, riproduzione e costruzione di soggettività femminili “moderne” nelle scuole di Mekelle (Tigray-Etiopia)», in Antropologia Pubblica, V: 33-53.

Beneduce R., 2008 «Introduzione. Etnografie della violenza», in Antropologia, IX/X: 5-47.

Beneduce R., Taliani S., 2021 «Agency, soggettività, violenza: vite di traverso, figure del riscatto», in Antropologia, VIII: 7-25.

Bernstein E., 2007 Temporarily yours. Intimacy, Authenticity, and the Commerce of Sex, The University of Chicago Press, Chicago.

Bourdieu P., Passeron J. C., 1977 Reproduction in Education, Society and Culture, Sage Publication, London.

Day S., 2007 On the game. Women and Sex Work, Pluto Press, Londra.

Di Nunzio M., 2015 «What is the alternative? Youth, Entrepreneurship and the Developmental State in Urban Ethiopia», in Development & Change, VI: 1179-1200.

Di Nunzio M., 2020 «Incertezza: vite, marginalità e futuro ad Addis Abeba, Etiopia», in L’Uomo, X: 49-72.

Fernandez B., 2013 «Traffickers, Brokers, Employment Agents, and Social Networks: The Regulation of Intermediaries in the Migration of Ethiopian Domestic Workers to the Middle East», in The International Migration Review, XLVII: 814-843.

Flintan F., 2006 «Combating Marginalisation of Pastoralist Women: SOS Sahel's Experience in Ethiopia», in Gender and Development, Jul., XIV/II: 223-233.

Forino I., 2014 «La stanza nella stanza: l’arredamento come inclusione o raddoppiamento dello spazio domestico», in Lares, LXXX: 453-468.

Fouquet T., 2020 «Mobilità e notturnità. Prospettive da Dakar», in L’Uomo, X: 73-94.

George A., Vindhya U., Ray S., 2012 «Sex Trafficking and Sex Work: Definitions, Debates and Dynamics — A Review of Literature», in Economic and Political Weekly, XLV: 64-73.

Goffman E., 1963 Stigma. Notes on the management of spoiled identity, Prentice-Hall, Englewood Cliffs.

Milkias P., 2008 «Modernity, the Ethiopian Youth and the Challenge of the Third Millennium», in International Journal of Ethiopian Studies, Winter / Spring 2008, III: 91-101.

Morcillo S., 2014 «Entre Sábanas y Bambalinas. Ilusiones de Intimidad, Performances y Regulación de Emociones en Mujeres que Hacen Sexo Comercial en Argentina”, in Revista Ártemis, XVIII: 42-60.

Mosca M., 2020 «Reti urbane e umane di resistenza alla violenza nella città di Bujumbura», in L’Uomo, X: 95-114.

Pankhurst R., 1974 «The History of Prostitution in Ethiopia», in Journal of Ethiopian Studies, XII: 159-178.

Pheterson G., 1990 «The Category "Prostitute" in Scientific Inquiry», in The Journal of Sex Research, XXVII: 397-407.

Pheterson G., 1993 «The Whore Stigma: Female Dishonor and Male Unworthiness», in Social Text, XXXVII: 39-64

Reysoo F., 2012 «Féminités et masculinités en mouvement: échanges économico-sexuels à Bamako», in Grange Omokaro F., Reysoo F. (sous la direction de), Chic, chè-que, choc. Transactions autour des corps et stratégies amoureuses contemporaines, Graduate Institute Publications, Ginevra: 71-92.

Salvati G., 2018 Le immagini del future dei giovani di Mekelle, Tesi di Dottorato in Scienze Storiche, Archeologiche e Storico-Artistiche, Università degli Studi di Napoli “Federico II” – XXXI Ciclo (con cortese permesso dell’Autore).

Tabet P., 2004 La grande beffa. Sessualità delle donne e scambio sessuo-economico, Rub-bettino, Soveria Mannelli.

Tabet P., 2014 Le dita tagliate, Ediesse, Roma.

Taliani S., 2019 Il tempo della disobbedienza. Per un’antropologia della parentela nella migrazione, Ombre Corte, Verona.

Van Blerk L., 2008 «Poverty, Migration and Sex Work: Youth Transitions in Ethiopia», in Area, XL: 245-253.

Van Blerk L., 2016 «Livelihoods as Relational Im/mobilities: Exploring the Everyday Practices of Young Female Sex Workers in Ethiopia», in Annals of the American Association of Geographers, CVI: 413-421.

Villanucci A., 2014 «Salute, sviluppo e lotta alla povertà: vecchie e nuove forme di mobilitazione nelle campagne del Tigray (Etiopia)», in L’Uomo, I: 121-139.

Torna su

Note

1 La ricerca da cui prende vita questo scritto si è svolta fra il dicembre 2019 e il marzo 2020 presso Mekelle, capoluogo della regione federale del Tigray, nell’ambito della Missione Etnologica Italiana in Tigray ed Etiopia (MEITE), attiva nell’area sin dal 2007. Mi preme precisare che la ricerca è stata interrotta prima del tempo a causa della pandemia da COVID-19; successivamente è stato impossibile rientrare a causa della guerra civile che ha stravolto il Tigray nel novembre del 2020. Ringrazio i Revisori che, con i loro puntuali e significativi commenti, hanno contribuito in modo considerevole al miglioramento di questo testo.

2 La lingua principale parlata a Mekelle è il tigrino, idioma di origine semitica diffusa nel Tigray e in Eritrea, oltre all’amarico, la lingua ufficiale.

3 Per cogliere nel quotidiano l’ingerenza di tali investimenti basti pensare che, ad oggi, qualsiasi persona caucasica che giri per la città di Mekelle potrà essere appellata indifferentemente con il termine amarico ferenji (straniero) o con il termine china.

4 Tutte le interviste sono state registrate e si sono svolte con l’interprete che traduceva le mie domande in inglese alle interlocutrici, riportandomi poi una traduzione simultanea delle risposte. Successivamente, per permettere una maggiore accuratezza dei loro discorsi, le parti in tigrino sono state sbobinate e trascritte in inglese. Dal momento che la brusca interruzione della ricerca (si veda nota 1) non ha permesso l’arrivo delle trascrizioni, ho deciso di trascrivere le parti in inglese e, quando possibile, di far tradurre le parti in tigrino da un contatto eritreo in Italia. Per rendere la lettura più fluida ho inserito in nota come è avvenuta quella particolare traduzione. In questo caso, la traduzione delle parti in tigrino è stata fatta a Mekelle.

5 Questo termine deve intendersi unicamente con un uso anagrafico. Infatti, oltre l’età anagrafica, il ciclo di vita di un individuo è determinato da una successione di fasi ed eventi ritualizzati che marcano il passaggio da uno status sociale all’altro. A Mekelle «le caratteristiche principali che segnano l’appartenenza a questa categoria [giovane] riguarderebbero principalmente il perpetuarsi di quelle condizioni della propria esistenza in cui, pur avendo superato l’età dell’infanzia e della fanciullezza, non si è raggiunta l’indipendenza economica, non si possiede un’occupazione fissa o stabile, […] e non si è ancora sposati o non si è in grado di poter avviare una propria famiglia» (Salvati 2018: 67-68). Secondo questa logica, nessuna delle mie interlocutrici – tra figli, matrimoni e l’uscita da casa – può essere considerata giovane, pertanto, da qui in avanti, il termine ‘giovane’ indicherà solamente una distinzione anagrafica.

6 La traduzione è della parte in inglese tra l’autrice e l’interprete.

7 Birra artigianale etiope, un tempo l’unica disponibile.

8 Si veda nota 6.

9 Misto di spezie piccanti molto usate nella cucina tradizionale degli altopiani etiopici ed eritrei. La lavorazione avviene nei locali adiacenti la zona del mercato chiuso di Mekelle. L’essicazione e la scelta dei peperoncini da utilizzare sono, ancora oggi, un lavoro svolto manualmente dalle donne, mentre la macinazione è meccanizzata.

10 L’Eritrea, territorio che per lungo tempo ha condiviso gli eventi storici e politici con l’Etiopia, viene formalmente riconosciuta come stato indipendente nel 1993. Nel 1998 si assiste allo scoppio di una sanguinosa guerra di confine che fa ripiombare le due popolazioni in una nuova spirale di violenza: migliaia di vittime, spostamento di alcuni villaggi e chiusura delle frontiere, oltre che una vera e propria persecuzione nei confronti delle popolazioni civili della parte avversa presenti nei propri confini nazionali. Tra le ragioni del conflitto devono essere tenuti in considerazione il risentimento etiope per la scissione di quella che era la quattordicesima provincia della Nazione, la carenza di accordi economici e commerciali tra i due contendenti, l’assenza di trattati che riconoscessero in maniera chiara i loro confini e le zone d’influenza, l’adesione a sistemi economici differenti e non per ultima l’adozione eritrea di una moneta indipendente diversa dal Birr etiope, il Nakfa. Solo nel 2000 i due governi hanno firmato un accordo ad Algeri che ha sancito la creazione di un’area di “sicurezza temporanea” di venticinque chilometri, la nascita della missione di pace UNMEE (United Nation Mission in Ethiopia and Eritrea) e la nomina di una Commissione Indipendente con l’incarico di tracciare il confine ufficiale, che però non è riuscita a trovare un accordo che accontentasse le due fazioni.

11 Si veda nota 4.

12 Trascrizione delle parti in tigrino fatta da un contatto eritreo a Roma.

13 Si veda nota 4.

14 Si veda nota 4.

15 Letteralmente stanza (bet) del caffè (bunna), piccoli locali dove si servono principalmente caffè e thè.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Altea Vatteroni, ««È stato perché sono uscita di casa». Esperienze di prostitute a confronto con i modelli di femminilità proposti a Mekelle (Tigray, Etiopia)»Archivio antropologico mediterraneo [Online], Anno XXVII, n. 26 (1) | 2024, online dal 15 juin 2024, consultato il 22 juillet 2024. URL: http://journals.openedition.org/aam/8448; DOI: https://doi.org/10.4000/11t6r

Torna su

Autore

Altea Vatteroni

Sapienza Università di Roma - Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte e Spettacolo, alteavu11@gmail.com

Torna su

Diritti d'autore

CC-BY-NC-ND-4.0

Solamente il testo è utilizzabile con licenza CC BY-NC-ND 4.0. Salvo diversa indicazione, per tutti agli altri elementi (illustrazioni, allegati importati) la copia non è autorizzata ("Tutti i diritti riservati").

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search