Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeriAnno XXVII, n. 26 (1)Leggere - Vedere - AscoltareDouglas R. Holmes, Integralismi e...

Leggere - Vedere - Ascoltare

Douglas R. Holmes, Integralismi europei. Capitalismo veloce, multiculturalismo, neofascismo

Meltemi, Milano, 2020
Daniele Cardella
Notizia bibliografica:

DOUGLAS R. HOLMES, Integralismi europei. Capitalismo veloce, multiculturalismo, neofascismo [ed. orig. Integral Europe. Fast-capitalism, multiculturalism, neofascism, Princeton University Press, Princeton, 2000], Meltemi, Milano, 2020.

IBSN 9788855193030

Testo integrale

1Ad una lettura superficiale, il libro di Douglas R. Holmes potrebbe indurre nel lettore la sensazione di un’opera volta a tracciare la nascita dell’embrione dei neofascismi, sorti all’interno dei processi di integrazione europea dalla fine della Seconda guerra mondiale. In verità, l’oggetto di ricerca è molto più profondo, poiché l’autore si propone di indagare gli effetti trasformativi del “capitalismo veloce” (Agger B., Fast Capitalism: A critical Theory of Significance, University of Illinois Press, 1989) prodotti sulla società e sui soggetti immersi nella complessità del mondo contemporaneo. Il “regime economico tecnologicamente avanzato” del capitale globale (p. 42), quale fenomeno in grado di rimodulare la concezione classica del potere, ha una caratteristica fondamentale: la velocità. Globalizzazione e capitale plasmano la contemporaneità, contribuendo alla strutturazione di un’unica società-mondo esistente nel medesimo spazio-tempo, con la conseguenza di una simultaneità di pluralità culturali in società interdipendenti. In questo scenario, la società globale subisce le perturbazioni di un fenomeno totalizzante: il potenziale sovversivo di un capitale transnazionale, deterritorializzato e privo di vincoli di responsabilità, in grado di erodere la legittimità e la sovranità degli Stati nazionali. Il “capitalismo veloce”, qui analizzato, non si esaurisce al solo regime di produzione economica e di mercato, ma è inteso nel suo essere «fenomeno culturale serio che degrada le aspettative morali, sovverte le forme del consenso sociale e sfida molti tipi di autorità politica» (p. 43). Holmes specifica come, tra gli anni ’80 e ’90 del Novecento, precise scelte politiche abbiano dato il via a processi di riforma strutturale e di liberalizzazione e deregolamentazione dei mercati, fattori che hanno seriamente contribuito alla scomparsa dell’idea di società come consociazione, favorendo la disintegrazione del concetto di classe in chiave ottocentesca e delle distinzioni sociali in termini di vantaggi, diritti e privilegi. Assistiamo, pertanto, a un’accelerazione della fluidificazione del mondo, processo all’interno del quale il capitalismo veloce opera in modo occulto, celando le sue mire predatorie e le responsabilità delle sue azioni devastanti, producendo, al contrario, tangibili effetti di realtà con una rapidità mai sperimentata prima. Quanto premesso, inquadra il fenomeno del “fast capitalism” in un contesto più ampio, soprattutto per la «crisi di senso che esso produce nel mondo contemporaneo» (p. 42) e sui suoi sottoprodotti: i singoli attori sociali. In tale ottica, disorientamento, dramma esistenziale e vulnerabilità fanno da sfondo a un nuovo tipo di “alienazione”, non la visione classica dell’oppressione socioeconomica marxista, ma una “forma di straniamento culturale” prodotta dallo sradicamento indotto da un’agenda cosmopolita e da una società multiculturale. Questo senso di precarietà esistenziale, orfano di soluzioni, trova risposta attraverso le proposte di movimenti politici, le cui idee paiono ispirarsi a modelli ideologici aderenti agli imperativi classici del fascismo, recrudescenze concettuali condensate in forme di autoritarismo e suprematismo razziale. Pertanto, il proposito di Holmes è quello di fornire strumenti di indagine atti a comprendere questo tipo di risposta, filtrando i fascismi contemporanei attraverso la lente dell’“integralismo essenzialista”. L’apparato teorico concettuale utilizzato da Holmes delinea uno specifico immaginario sociale, affine a una particolare visione del mondo, radicato in un movimento che Isaiah Berlin indica come “Contro-illuminismo”:

Il nazionalismo aggressivo, l’auto-identificazione con gli interessi di classe, della cultura o della razza, o con le forze del progresso – con l’onda di un futuro, direzionato, dinamismo della storia, qualcosa che spiega e giustifica al tempo stesso atti che potrebbero essere aborriti o disprezzati se commessi sulla base di un calcolo egoistico o di qualche altro motivo mondano: questa famiglia di concezioni politiche e morali è un insieme di espressioni di una dottrina dell’autorealizzazione basata su un rifiuto che sfida le tesi centrali dell’Illuminismo […] (Berlin I., Against the Current: Essays in the History of Ideas, Hogarth Press,1979, p. 18).

2Evidenziata una stretta correlazione tra i due concetti sopra citati, Holmes impiega il termine “integralismo” per descrivere un insieme di pratiche, discorsi e programmi politici appositamente elaborati come opposta reazione alla modernità, all'omogeneizzazione culturale e alla società multiculturale/multirazziale promossa dal capitalismo veloce transnazionale e dai processi di integrazione europea. L’auspicato ritorno ed espressivo richiamo ad accurate forme di identità, tradizione e autorità premoderne, spesso enfatizzate dalle radici culturali e religiose, rappresentano il nodo cruciale del sentire integralista. Pertanto, l’etichetta dell’“integralismo” rientra nel novero delle definizioni alternative atte ad inquadrare il fenomeno del neofascismo e del nazionalismo di destra, configurandosi come un utile strumento per mitigare il dibattito attorno al termine fascismo, oggi inflazionato. Di rimando, rappresenta una prospettiva di analisi per riconoscere, come familiari e non alieni, alcuni elementi essenziali sostenuti nei programmi di queste formazioni politiche. Ciò che ne deriva è una ‘teoria della società alternativa’, in cui il contro-illuminismo «ha finito per fornire sia il quadro intellettuale […] sia l’apparato teorico» (p. 33) con il quale definire l’integralismo essenzialista, concetto a sua volta pregno di elementi costitutivi contraddistinti da una precisa, forse inaspettata, complicità: il populismo, l’espressionismo e il pluralismo di Herder, la solidarietà meccanica di Durkheim e la revisione del socialismo marxista in chiave soreliana. Il merito di Holmes è, probabilmente, quello di avere ideato un potente sistema di selezione, con il quale scremare politiche, azioni, programmi e sensibilità integraliste insite nei fascismi contemporanei, indipendentemente dai casi studio specificatamente trattati dall’autore nella sua ricerca.

3Integralismi europei è il frutto di un lavoro complesso. Pubblicato originariamente nel 2000, dal 2020 gode della sua edizione in italiano. Il testo si presenta come un approfondito lavoro etnografico condotto tra gli anni ’80 e ’90. Nello specifico, si tratta di un’etnografia multisituata, sviluppata su 140 interviste e la descrizione di 3 casi studio, ciascuno dei quali intimamente connesso ai processi di integrazione europea e agli effetti del capitalismo veloce. L’opera di Holmes è un viaggio articolato tra il mondo rural-operaio del Nord Est italiano, i palazzi del potere politico di Strasburgo e Bruxelles e l’East End di Londra, con un’analisi particolareggiata della costruzione del disegno europeo nato “sotto il segno della provvisorietà” (p. 68), poiché sprovvisto di un reale progetto costituzionale e condizionato da finalità di natura economica. L’analisi che ne deriva è la seguente: l’attuale Unione Europea è figlia della tragedia delle due guerre mondiali, lascito terrifico consegnatoci in eredità dagli eventi della storia. Non potendo costruire un equilibrio fondato su forze revansciste, i padri fondatori dell’odierna UE decisero di mitigare le rivalità nazionali attraverso un percorso che prevedesse la cessione graduale della sovranità degli stati, contribuendo alla costruzione condivisa di uno spazio aperto, plurale e sovranazionale a partire dagli anni ’50 del Novecento. Le riflessioni sul percorso politico dell’Europa rappresentano un punto di snodo cruciale del lavoro di Holmes, nonostante parte delle considerazioni normative possano apparire obsolete in riferimento all’evoluzione dell’ordinamento giuridico europeo post Trattato di Lisbona (Holmes scrive ai tempi dell’entrata in vigore del Trattato di Maastricht). Tuttavia, Holmes fu particolarmente netto nel manifestare le perplessità di un processo di integrazione opaco, scarsamente democratico, poco incline al dibattito pubblico e dominato «da una vasta, poco ispirata, iniziativa tecnocratica» (p. 65). La contrapposizione, nel testo, «tra le politiche volte all’integrazione e un opposto, per quanto ancora in nuce, integralismo europeo» (p. 71) si snoda in una dicotomia tra posizioni antitetiche: da un lato la pretesa di una maggiore sovranità degli stati nazionali, la difesa di una identità etnica e un forte conservatorismo, dall’altro; un progetto di avanzata integrazione, politica ed economica, sostenuta da un disegno di un’Europa multiculturale e multirazziale. L’aspetto sicuramente interessante è rappresentato da ciò che l’autore identifica come “discorsi alternativi al potere”: dottrine non ufficiali dell’UE che ne hanno plasmato la visione politica e le politiche sociali fin dal suo percorso costituente. Questi ‘discorsi’ sono il “modernismo sociale francese” e il “cattolicesimo sociale”, retroscena attraverso il quale l’Unione si è modellata, dotandosi di una pianificazione tecnocratica, un modello federale e una prospettiva morale fondata sui principi della solidarietà e della sussidiarietà. La globalizzazione e il capitalismo veloce, nella retorica della competitività globale e della ritrovata fiducia nel mercato, mettono in crisi questa struttura concettuale. Holmes individua le criticità di un progetto, quello europeo, in cui, tra gli anni ’80 e ’90, il mercato unico e i propositi dell’unione monetaria (oggi pienamente realizzata) spostavano l’asse dell’Unione su una “dimensione sovranazionale” e ai “tempi del capitalismo veloce” (p. 120). Tutto ciò ha gradualmente eroso gli strumenti di mediazione e i principi animatori della modernizzazione europea e della metafisica della solidarietà: «in particolare, le forze dei mercati europei avranno sempre più spesso la forza di trasformare la società, eludendo la supervisione politica dell’UE o, per l’appunto, il controllo attenuato dei suoi Stati membri» (p. 122).

4Per Holmes, l’affastellato percorso della costituzione dell’Unione fornisce il campo di riflessione per l’analisi delle risposte politiche in aperto contrasto con i processi di integrazione europea. ‘Cultura’ e ‘tradizione’ divengono gli strumenti di difesa della bieca retorica delle sensibilità integraliste, capaci di attecchire nell’intimo scoramento individuale e soffiare sul fuoco di uno scontro che vede contrapporsi opposte visioni del mondo. Il ‘Movimento Friuli’, Jean-Marie Le Pen con il suo ‘Front National’ e il ‘British National Party’ rappresentano, nel testo, esempi premonitori ed esplicativi di ciò che l’arena politica europea avrebbe potuto affrontare nell’immediato futuro. Oggi, 20 anni dopo la stesura di questo testo, le politiche integraliste ispirate al fascismo sono diventate una realtà elettorale concreta e di successo, seppur si presentino in modo diversificato nei vari contesti nazionali. Pertanto, per una maggiore comprensione dell’analisi dei casi studio e delle politiche integraliste in essi sviluppate, ritengo utile ripercorrere brevemente le condizioni politiche, economiche e sociali che, secondo Holmes, hanno favorito lo sviluppo di idee, la cui fascinazione rievoca un non troppo antico (tragico) passato. Lo sforzo di plasmare un organismo sovranazionale (oggi UE) a partire dai primi anni ’50, con l’aspirazione di attenuare le rivalità nazionali attraverso la cessione graduale di sovranità, si intreccia con lo sviluppo dei processi di globalizzazione e la rapidità di un capitalismo predatorio. Da questo scenario, emerge un'agenda cosmopolita in grado di trasformare la forza concettuale della nozione di società, la quale evolve in un contesto sempre più multiculturale e multirazziale. Parallelamente, assistiamo a una grande mobilitazione di masse umane, spesso provenienti da paesi meno sviluppati in cerca di opportunità economiche, movimento essenziale per sostenere le dinamiche del capitalismo globale. A ciò, si aggiungono la fluidità di confini labili e i processi trasformativi nel modo di vivere le relazioni sociali e i rapporti di comunità. Quanto premesso, è fondamentale per comprendere le condizioni che hanno determinato, secondo l’autore, l’insicurezza materiale e spirituale di alcune sensibilità individuali, le quali traevano ancoramento da elementi afferenti all’identità, alla nazione, alla lingua, alla cultura, alla razza e al sangue. L’erosione di questo sfondo di senso ha prodotto una vulnerabilità, che pare essere vissuta nel medesimo modo dai protagonisti intervistati da Holmes. Se il senso di precarietà esistenziale sembra essere lo stesso, ciò che differenzia le pratiche integraliste è il tipo di risposta, la quale potrà variare per i contesti presi in esame, per la finezza espositiva degli apparati ideologici o per una maggiore capacità interpretativa del disagio e delle istanze espresse dalle masse orfane di rappresentanza. Nel primo caso analizzato, le pratiche politiche del ‘Movimento Friuli’ ricalcano perfettamente lo schema concettuale dell’integralismo e dell’apparato teorico che lo definisce, configurandosi come una collettività coesa, figlia di un radicamento culturale, denso di valori condivisi nella piena adesione a ‘ideali friulani’. L’uso della lingua, la pratica di rituali religiosi, di credenze folkloriche, l’adozione di gusti campagnoli (p. 58) rappresentano la cornice di significato per l’affermazione di un’identità etnica specifica, condensata in quella che l’autore definisce «struttura del sentimento» (p. 59). La rivendicazione di un proprio modello identitario sfocia in una particolare idea di attribuzione di diritti speciali per gli autoctoni, generando pratiche di intolleranza e razzismo. A tutto ciò, si aggiunge la pretesa di un’autonomia della ‘nazione friulana’, indipendente da ogni Stato nazionale, ma ‘Europea’. Secondo la visione del movimento, il contesto sovranazionale dell’allora Comunità avrebbe consentito all’etnia friulana di raggiungere le proprie aspirazioni autonomiste. Una visione audace in grado di ripensare il contesto europeo sulla base di una visione pluralistica e secondo il disegno della cosiddetta ‘Europa delle regioni’. Pertanto, uno degli elementi distintivi dell’integralismo è il processo di costruzione dell’identità e il mantenimento della sua purezza, alimentando insofferenza e avversione nei confronti dell’alterità, sulla quale costruire potenti strategie di esclusione. In tal senso, il secondo caso vede in Jean-Marie Le Pen l’esempio più raffinato. Rendendo opaco il campo discorsivo all’interno del quale il razzismo diviene difficile da definire, l’integralismo di Le Pen si sviluppa in piena continuità con il retaggio ideologico del fascismo. L’accusa ad un ‘potere senza morale’, il ricorso alle ‘verità interiori’, la difesa delle ‘strutture naturali’ e il monito contro la ‘colonizzazione demografica’ opposto all’idea di una ‘preferenza nazionale’, definiscono il campo di battaglia contro le ‘forze globali’ da avversare attraverso una lotta materiale e spirituale. La raffinatezza politica di Le Pen è quella di «aver [fatto] emergere la “cultura” come “terreno semantico chiave” all’interno della politica dell’Europa contemporanea» (p. 139), dando vita a ciò che Pierre-André Taguieff chiama «la dottrina dell’incommensurabilità culturale» (Taguieff P.-A., Face au racisme. Analyse, hypothèses, perspectives, vol. 2, La Découverte, 1991):

[Tale dottrina] esalta la differenza culturale essenziale e irriducibile delle comunità̀ di immigrati non europei la cui presenza è condannata per aver minacciato l’identità̀ originaria del paese “ospite” [...]. Più che interiorizzare l’“altro”, essa esalta l’assoluta, irriducibile differenza del “sé” e l’incommensurabilità̀ delle diverse identità̀ culturali. [...] L’identità̀ collettiva è sempre più concepita in termini di etnia, cultura, patrimonio, tradizione, memoria e differenza, con qualche occasionale riferimento al “sangue” e alla “razza” (Stolcke V., “Talking Culture: New Boundaries, New Rhetorics of Exclusion in Europe”, in Current Anthropology, 36, 1995, p. 4).

5Ammettere l’esistenza del pluralismo, inteso come la presenza di idee e culture diverse ed egualmente valide, può comportare la nascita di resistenze e forme di intolleranza dettate da una difficile coesistenza. Nel caso di Le Pen si tratta di un “razzismo occulto e differenziale”, avendo individuato nella ‘cultura’ il terreno di lotta contro l’alterità e nelle popolazioni nazionali le ‘quasi-razze’, «i cui atteggiamenti e comportamenti sono determinati da forme mentali o culturali fisse e invariabili, che separano i popoli per sempre, ciascuno racchiuso nella sua specificità» (p. 143). L’ultimo esempio etnografico riguarda la formazione politica del British National Party. A differenza di Le Pen, il pensiero dei loro dirigenti è legato a un “razzismo fattuale”, fondato sul disprezzo alimentato dai meri tratti somatici esteriori:

Ora, noi usiamo questo termine [“razzista”], non in senso peggiorativo come fanno i nostri avversari, ma in senso positivo, anzi, fattuale. Trent’anni fa un “inglese” era considerato un uomo bianco. Non era né giamaicano, né asiatico, né cinese, né ottentotto, né un boscimano del deserto del Kalahari. Noi usiamo l’espressione “razzista fattuale”, direi in senso positivo. Descriviamo un razzista come qualcuno che cerca di mantenere la Gran Bretagna razzialmente bianca (p. 218).

6Il razzismo assume una connotazione ‘positiva’ e lo stato è uno strumento per un fine: preservare la purezza razziale. Inoltre, l’impatto del «capitalismo veloce [tende] a sradicare il patto sociale e culturale che da sempre garantisce la tenuta dello Stato-Nazione» (p. 253) e le ripercussioni riguarderebbero anche il pieno esercizio della democrazia e della mancata produzione di consenso sociale. In questo senso, il BNP sostiene l’esigenza di un nuovo ordine sociale fondato sull’autoritarismo, per ripristinare, in modo paradossale, la volontà collettiva del popolo britannico. Pertanto, il rigetto del meticciato razziale e il tema dell’esilio (popolazione bianca marginalizzata in casa propria) definiscono una politica integralista violenta e inaccettabile, per certi versi vicina agli ideali del nazismo hitleriano.

7Integralismi europei è un condensato di idee affascinanti e visioni potenti, la descrizione di una scintilla incendiaria che rischia di accendere focolai in tutta Europa. Presi in esame la data di pubblicazione (2000) e gli esempi etnografici da cui questo testo promana, il lavoro di Holmes non è solo un contributo accademico, ma è un monito urgente. Nell’analisi delle dinamiche politiche, l’autore si dimostra un antesignano, offrendo una visione sorprendentemente profetica e accurata per leggere i fenomeni politici europei degli ultimi 20 anni. Attraverso un rigoroso apparato teorico concettuale e l'analisi di tre casi etnografici, Holmes illumina le radici profonde degli integralismi europei / fascismi contemporanei, evidenziando come le trasformazioni indotte dall'integrazione europea, dalla globalizzazione e dal capitalismo veloce abbiano prodotto incertezza e vulnerabilità in fasce della popolazione particolarmente fragili. Sottovalutare le tensioni identitarie e trascurare le esigenze di coesione sociale e di inclusione culturale possono trasformare il campo della politica in un’arena sanguinosa e priva di umanità. Lo stato di salute della politica, oggi, è un quadro clinico regressivo; il ritorno in Europa delle fascinazioni di un triste passato ne è dimostrazione inquietante e avvilente. Le proposte politiche integraliste rischiano di divenire (e in alcuni casi già lo sono) progetti elettorali di successo al pari di quelli già tristemente in voga agli inizi del XX secolo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Daniele Cardella, «Douglas R. Holmes, Integralismi europei. Capitalismo veloce, multiculturalismo, neofascismo»Archivio antropologico mediterraneo [Online], Anno XXVII, n. 26 (1) | 2024, online dal 15 juin 2024, consultato il 23 juillet 2024. URL: http://journals.openedition.org/aam/8803; DOI: https://doi.org/10.4000/11t6z

Torna su

Diritti d'autore

CC-BY-NC-ND-4.0

Solamente il testo è utilizzabile con licenza CC BY-NC-ND 4.0. Salvo diversa indicazione, per tutti agli altri elementi (illustrazioni, allegati importati) la copia non è autorizzata ("Tutti i diritti riservati").

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search