Navigation – Plan du site

AccueilNuméros32Comptes rendusStine Schierup (éd.), Documenting...

Comptes rendus

Stine Schierup (éd.), Documenting Ancient Rhodes : Archaeological Expeditions and Rhodian Antiquities

Filippo Carlà-Uhink
p. 282-284
Référence(s) :

Stine Schierup (éd.), Documenting Ancient Rhodes : Archaeological Expeditions and Rhodian Antiquities, Aarhus, Aarhus University Press, 2019, 332 p., 349,95 kr / ISBN 9788771249873.

Texte intégral

1La maggiore isola del Dodecaneso fu notoriamente un centro politico, economico e culturale di primaria importanza nel corso dell’intero evo antico. Questa importanza rimase ben presente anche nei secoli posteriori all’Antichità ; soprattutto nei secoli della dominazione ottomana (1522-1912), Rodi assunse anche la funzione e il carattere di un importante lieu de mémoire – tanto della civiltà greca, sussunta nel simbolo della “meraviglia” che esistette sull’isola, il Colosso, quanto della cristianità, rappresentata dagli Ospitalieri che avevano controllato Rodi dal 1309 alla conquista ottomana e dai loro monumenti. Proprio questo ruolo di Rodi nella memoria culturale europea rende la storia dei viaggi, delle descrizioni e degli scavi archeologici sull’isola particolarmente interessante – si tratta però di un argomento ad oggi studiato poco ed in modo molto saltuario. È dunque una pregevole iniziativa quella che ha portato, nel 2017, all’organizzazione presso il Museo Nazionale Danese di un convegno dedicato agli scavi archeologici del xix e del primo xx secolo sull’isola, e di cui il volume oggetto di questa recensione rappresenta gli atti.

2Non è sorprendente che l’iniziativa venga dalla Danimarca, visto che gli scavi danesi, finanziati dalla fondazione Carlsberg, che si svolsero tra il 1902 e il 1914, rappresentano uno dei momenti cruciali nell’esplorazione dell’isola e che, in conseguenza, numerosi materiali rodii presero la via della Danimarca. Se la storia degli scavi (anche danesi) sull’isola è stata già oggetto di studi di notevole valore negli ultimi anni – anche grazie alla grande mostra su Rodi ospitata al Louvre nel 2014-2015 e al catalogo di accompagnamento – è lodevole l’intenzione del volume di presentare una serie di studi sugli scavi in una prospettiva “pan-europea”, integrata da riflessioni sulla conservazione di materiali rodii in diversi musei (British Museum, Louvre, Museo Archeologico Nazionale di Firenze), sui resoconti di viaggio e di scavo, sui “contatti” con gli scavi clandestini e il mercato antiquario. Particolarmente interessanti sono in questo senso gli spunti relativi alle modalità di circolazione del materiale archeologico, centrali per poter affrontare i problemi, ancora molto numerosi, relativi alla provenienza di oggetti custoditi nei musei europei. In particolare, alcuni riferimenti al fatto che, al di là degli scavi e delle vendite, si debbano considerare in modo molto più sistematico le reti sociali degli archeologi e di chi cooperava con loro, i diversi meccanismi di scambio e per esempio le pratiche di concessioni o scambio di doni, sono da contare tra i contributi più significativi di questo volume, insieme ad alcune importanti pagine di metodologia sui problemi e le strategie per poter studiare le pratiche archeologiche del xix secolo (in particolare negli articoli di A. Villing, “The Archaeology of Rhodes and the British Museum : Facing the Challenges of 19th-Century Excavations”, 71-95, e di N. Salmon, “Archives and Attribution : Reconstructing the British Museum’s Excavations of Kamiros”, 97-112). Degno di menzione è poi l’articolo di B.B. Rasmussen su Helvig Kinch, pittrice e moglie dell’archeologo Karl F. Kinch, che prese parte alla missione archeologica come disegnatrice ; il contributo ne presenta in modo eccellente la vita e la carriera, i contatti con l’archeologia e l’importanza nella diffusione di immagini di Rodi, ma anche l’integrazione di questi disegni e dei dipinti rodii nel più ampio contesto della sua attività pittorica.

3Purtroppo, però, il volume non riesce a mantenere costantemente ciò che promette. Il problema più grande è di coerenza : l’insieme degli articoli non si concentra, come si immaginerebbe dalla breve introduzione dell’editrice (9-14) sulla storia degli studi e sulla storia dell’archeologia, o sulla storia del turismo e sul ruolo di Rodi nell’immaginario europeo. Gli studi sull’Italia, ad esempio, si concentrano pochissimo sugli aspetti “politici” degli scavi italiani a Rodi, anche legati alla legittimazione del dominio sull’isola e visibili, tra le altre cose, nell’esaltazione del legame con Rodi di Casa Savoia (come nella paraetimologia del motto della dinastia, FERT, interpretato già nel Cinquecento come fortitudo eius Rhodum tenet) – temi già affrontati in letteratura, in particolare da M. Livadiotti e L. Ciacci, che avrebbero però qui meritato maggiore approfondimento.

4Molti contributi, invece, si rilevano “tradizionali” contributi archeologici, che presentano gli oggetti contenuti in collezioni di materiali rodii senza investigarne in modo particolare la composizione e la provenienza (la collezione rodia a Lund, per esempio, è introdotta in poche pagine da K. Göransson, che traccia ne traccia la storia, 218-220, ma i singoli vasi che la compongono sono presentati in un lungo catalogo da G. Bourogiannis, 222-239, senza che appia chiaro cosa questo abbia a che fare con la storia dell’archeologia di Rodi), o che discutono singoli aspetti delle pratiche culturali, cultuali, religiose, ecc. di Rodi antica. Ancora una volta è esemplare l’articolo di Salmon, che appare composto di due parti completamente scollegate tra loro : quella, già menzionato, sui metodi per studiare scavi del XIX secolo e uno studio di materiali ceramici rinvenuti a Kamiros.

5L’immancabile articolo sul Colosso di Rodi (L.W. Sørensen, “The Colossus of Rhodes : A Powerful Enigma”, 15-34) non può ovviamente fornire una completa storia delle ricostruzioni del Colosso, o della sua ricezione, temi per cui non basterebbe un libro intero. Non riesce però a fornire una selezione coerente o motivata e procede in modo caotico da disegni medievali a ricostruzioni moderne, all’uso del Colosso in caricature e pubblicità, a progetti moderni, senza che sia chiaro in alcun momento cosa – a parte il Colosso – dovrebbe dare unità al contributo. Meglio riuscito il capitolo su “Early Explorers of Rhodes 1342-1853” (N. Badoud, 35-50), che non riesce però a muoversi oltre un puro livello narrativo, e non sottolinea a sufficienza quello che dovrebbe essere uno dei punti cruciali dell’intero volume : perché Rodi fosse così importante nell’immaginario dei viaggiatori europei, e quale ruolo l’isola giocasse nella memoria culturale “occidentale”.

6Il volume contiene numerose illustrazioni a colori di grande qualità – una caratteristica rara e da sottolineare con forza. Meno attenta è stata però la cura editoriale : numerosi sono i refusi, e molto spesso l’inglese degli autori non madrelingua non è stato rivisto con sufficiente cura, generando errori marchiani come “comparative” per “comparable” (p. 153) o “cruxifiction” (p. 199). Ma anche più in generale si trovano errori che si potrebbero evitare con cura maggiore, come nel caso dell’espressione “last century” ad indicare il xix e non il xx ! A. Di Rosa (“From Rhodes to Rome : The Archaeological Objects Discovered by Gian Giacomo Porro in the Early 20th Century”, 145-157) colloca Mortara e Bobbio in Sardegna (o nel Regno di Sardegna, benché si tratti del xx secolo, ed è difficile dire cosa sarebbe peggio, p. 147).

7Nel complesso, il volume contiene contributi estremamente interessanti, che non riescono però ad integrarsi in una costruzione organica ; la storia degli studi scivola troppe volte in secondo piano rispetto a considerazioni di natura più “tradizionalmente” archeologica, che dovrebbero essere estranee al tema di questo volume. Il lettore ne deriva una quantità notevole di spunti e stimoli – lo studio sistematico sul ruolo di Rodi nella memoria culturale europea e sulla storia degli scavi sull’isola a partire da questo specifico contesto culturale, però, è ancora ampiamente da scrivere.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Filippo Carlà-Uhink, « Stine Schierup (éd.), Documenting Ancient Rhodes : Archaeological Expeditions and Rhodian Antiquities »Anabases, 32 | 2020, 282-284.

Référence électronique

Filippo Carlà-Uhink, « Stine Schierup (éd.), Documenting Ancient Rhodes : Archaeological Expeditions and Rhodian Antiquities »Anabases [En ligne], 32 | 2020, mis en ligne le 20 octobre 2020, consulté le 23 janvier 2022. URL : http://journals.openedition.org/anabases/11567 ; DOI : https://doi.org/10.4000/anabases.11567

Haut de page

Droits d’auteur

© Anabases

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search