Navigation – Plan du site

AccueilNuméros53Gli itinerari terrestri della reg...

Gli itinerari terrestri della regione del Rif (Marocco settentrionale) tra l'antichità e il medioevo: un'ipotesi di lavoro in base ai documenti geografici di età moderna

Caterina Maria Coletti et Liliana Guspini
p. 129-170

Résumés

La région du Rif (Maroc septentrional) est traversée par une vaste chaîne de montagnes qui longent la côte méditerranéenne et dont les reliefs sont séparés par des vallées profondes, orientées nord-sud, rendant peu aisées les liaisons terrestres. Dans ce contexte orographique, la restitution des itinéraires reliant dans l’Antiquité la région aux autres territoires nord-africains présente des aspects problématiques. Les sources littéraires sont pauvres en informations à ce sujet et les données archéologiques ne concernent qu’une partie limitée du territoire, s’agissant d’une région peu étudiée par rapport à d’autres régions marocaines. Pour l’époque contemporaine (xixe – début du xxe siècle) on dispose au contraire des plusieurs documents géographiques illustrant le système des itinéraires « traditionnels » utilisés par les populations locales avant la création d’un véritable réseau routier à l’époque du Protectorat espagnol (1912-1956) et empruntés par les voyageurs européens. En supposant que ces itinéraires « traditionnels » remontent, au moins en partie, à des époques plus anciennes, on propose de les comparer avec les données dont on dispose pour l’époque antique et médiévale. La comparaison entre les deux séries de données laisse envisager des éléments de convergence qui permettent de formuler des nouvelles hypothèses de travail.

Haut de page

Plan

Haut de page

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Vismara 2014.
  • 2 Vismara 2014, p. 175-176. Per una visione d’insieme delle ricerche storico-arche (...)

1In un recente articolo, Cinzia Vismara ha esaminato la documentazione storico-geografica relativa al Rif prodotta dal XVI secolo fino a oggi, con l’obiettivo di tracciare la storia degli studi e delle esplorazioni in questa parte del Marocco settentrionale 1. I risultati della ricerca sono andati oltre questo obiettivo, facendo emergere quanto lavoro resti ancora da fare per la conoscenza e la salvaguardia del patrimonio storico della regione, parzialmente a rischio per le rapide trasformazioni territoriali in atto a partire dall’ultimo decennio 2.

  • 3 Desideriamo ringraziare in modo particolare Blanca Domingo e Rafael Rasillo, bibliotecari della Es (...)

2Questo lavoro intende offrire ulteriori elementi di riflessione su tale patrimonio storico, focalizzando l’attenzione sulla problematica degli itinerari terrestri che in età antica e medievale consentivano il raccordo della regione, affacciata sul Mediterraneo, con gli altri territori nord-africani 3.

3Al riesame dei dati bibliografici si è affiancata l’analisi di alcuni documenti geografici di età moderna anteriori al periodo del Protettorato spagnolo (1912-1956), che illustrano una rete di itinerari “tradizionali” abitualmente utilizzati dalle popolazioni locali, alcuni dei quali furono percorsi anche da viaggiatori e studiosi europei. Partendo dall’ipotesi di un tendenziale conservatorismo degli assetti territoriali del Rif prima delle massicce trasformazioni attuate dal Protettorato, si è ritenuto utile mettere a confronto gli itinerari di età moderna con i dati disponibili per l’età antica e medievale (fonti letterarie e dati archeologici), nel tentativo di individuare alcuni elementi di convergenza tra le diverse serie di informazioni ed elaborare alcune ipotesi di lavoro per future ricerche.

  • 4 Si fa riferimento alla “Carte du Maroc 1:50.000e”, fogli “Beni Boufrah”, “Rouadi”, “Al Hoceima”, “ (...)

4Una delle difficoltà incontrate nel corso di questo lavoro riguarda le divergenze nella trascrizione dei toponimi. Nel testo che segue, abbiamo utilizzato il corsivo sia per i toponimi antichi, sia per distinguere i toponimi utilizzati nei documenti presi in esame da quelli attualmente in uso 4. Per i toponimi di cui è stato possibile stabilire la posizione sul terreno sono state redatte tabelle di corrispondenza (infra, tabelle 13-14), mentre i toponimi di cui si ignora la localizzazione sono citati, oltre che in corsivo, tra virgolette.

1. Il contesto storico-geografico

1.1. La geografia del Rif

5A Est dello Stretto di Gibilterra e dell’enclave spagnola di Ceuta, la costa settentrionale del Marocco scende con andamento NordOvest-SudEst fino alla Pointe des Pêcheurs, formando il lato orientale della Penisola Tingitana. Segue la costa del Rif, suddivisa dal Cap des Trois Fourches in due baie principali, articolate a loro volta in una serie di promontori e di anse.

  • 5 Cressier 1981, p. 1-3; Tahiri 2002, p. 37-38.

6Il termine Rif, che compare nelle fonti scritte dal XIV secolo, è stato utilizzato nel tempo con diverse accezioni di estensione geografica 5. In senso esteso, il Rif corrisponde a tutto il versante mediterraneo del Marocco settentrionale, attraversato in senso longitudinale da una vasta catena montuosa con andamento ad arco, collegata geologicamente alle catene meridionali della Penisola Iberica e delimitata a Ovest dall’Atlantico, a Sud dal cosiddetto “couloir” di Taza (che la separa dal Medio Atlante), a Est dalla valle dell’Oued Moulouya (fig. 1). In senso più ristretto, il termine Rif indica l’area centrale e orientale della zona descritta, compresa tra la regione di Ghomara a Ovest e l’Oued Moulouya a Est (fig. 2).

Fig. 1 : Particolare della carta fisica del Marocco

7

Da Ricerche archeologiche 2003.

Fig. 2 : Carta schematica del Marocco settentrionale

8

In alto (A) le regioni e i fiumi principali, in basso (B) la rete attuale delle strade nazionali e delle autostrade. Nel riquadro la zona oggetto della ricerca.

9La regione del Rif intesa in senso ristretto costituisce l’oggetto della nostra ricerca. In quest’area la catena montuosa supera i 2000 m e termina a Est con le alture di Kebdana, che fiancheggiano la pianura corrispondente alla bassa valle dell’Oued Moulouya. Le montagne, che formano in diversi punti alte falesie costiere, sono incise in senso Nord-Sud da valli fluviali o strette gole in cui scorrono brevi torrenti, che rendono difficili i collegamenti terrestri e disegnano un assetto di micro-regioni parzialmente isolate l’una dall’altra; oltre alla Moulouya, i fiumi principali sono l’Oued Nekôr e l’Oued Rhîs, che sfociano nell’ampia pianura alluvionale di Al Hoceima, e più a Est l’Oued Kert.

1.2. Gli insediamenti

10La regione del Rif è stata raramente oggetto di ricerche archeologiche, in parte anche per le difficoltà ambientali a cui abbiamo fatto cenno.

  • 6 Vismara 2014, p. 158-171, con bibliografia.

11Le prime indagini sul terreno, a carattere prevalentemente episodico, risalgono al periodo del protettorato spagnolo e agli anni immediatamente successivi all’indipendenza, e sono legate ad alcuni importanti “pionieri” dell’archeologia marocchina come A. Ghirelli, C.L. de Montalbán, A. Sánchez Pérez, R. Fernández De Castro y Pedrera, M. Tarradell, C. Morán Bardón, A. Arribas Palau, C. Posac Mon, A. Mekinasi 6.

  • 7 Vismara 2014, p. 172-175, con bibliografia.

12A partire dagli anni ’80 gli interventi di scavo e di ricognizione hanno riguardato principalmente il periodo medievale, e sono stati diretti (o condotti individualmente) da Ch. Redman, P. Cressier, L. Erbati, A. El Boudjay, A. Siraj, A. Thairi 7.

  • 8 La ricognizione ha interessato una fascia litoranea lunga più di 270 km, compresa tra Tarhzoût a O (...)

13Sulla base delle ricerche pregresse, tra il 2000 e il 2005 sono state effettuate ricognizioni estensive (dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara) che hanno riesaminato i siti già noti e hanno portato all’individuazione di numerosi siti antichi e medievali non conosciuti in precedenza 8.

  • 9 Per un quadro di sintesi delle conoscenze sulla storia di Melilla, Historia de Melilla 2005; cfr. (...)
  • 10 Per la bibliografia relativa alle ricerche preistoriche cfr. Vismara 2014, p. 172.

14Alle ricerche elencate si affiancano quelle condotte nell’enclave spagnola di Melilla 9 e alcuni lavori focalizzati sulla preistoria e protostoria del Rif orientale e della regione a Est dell’Oued Moulouya 10.

15Esaminati nel loro insieme, i dati disponibili sulle forme di occupazione del Rif nelle varie epoche sono decisamente esigui rispetto all’ampiezza delle aree per le quali non si dispone di alcuna informazione. Essi sono comunque sufficienti per dimostrare il potenziale storico-archeologico della regione, rivolta verso il Mediterraneo ma anche verso i territori dell’interno.

  • 11 Le trascrizioni dei toponimi arabi delle località medievali sono riprese da Siraj 1995.

16Nel testo che segue, i siti sono contraddistinti con un numero univoco (fig. 3). Salvo diversa indicazione, l’elencazione dei siti procede da Est verso Ovest 11.

Fig. 3 : Carta schematica dei principali insediamenti antichi e medievali del Rif.

17

I quadrati vuoti indicano le aree con siti medievali inediti. 1: Bouhout; 2: Ras Kebdana; 3: Rhysaddir / Melilla; 4: Sidi Driss; 5: Bou Kanat; 6: El Aabid; 7: Ed Dhar Taiffant; 8: Sidi Moulay Baghdad; 9: Dchar ‘Alla Boukar; 10: Nakûr; 11: Gh asâsa; 12: Garet / Kar t; 13: marsâ al-Dâr (Ras Afraou); 14: al-Mazamma; 15: marsâ Ba kk ûya / Bûzakkûr (Kimmat Boussekkoûr); 16: Bâli sh / Yallî sh (Kâla Irîs); 17: Bâdis; 18: Garam; 19: Qal’a Sanha d ja / Torres el Kal’a; 20: Mestassa; 21: al-Qadiya; 22: Tazûta; 23: Meggeo; 24: Taferhsit; 25: Anual; 26: Adoûz; 27: Beni boû Ya’koub; 28: Djenada; 29: Selouane; 30: Snada.

1.2.1. Età antica

  • 12 Sugli itinerari marittimi del Mediterraneo sud-occidentale tra l’antichità e il medioevo cfr. Cole (...)

18Per l’età antica, fonti letterarie e dati archeologici documentano il pieno inserimento della zona costiera del Rif nella rete delle rotte marittime che facevano capo allo Stretto di Gibilterra, punto di raccordo tra due mari e due continenti 12.

  • 13 Le fonti principali sono la Geografia di Tolomeo, geografo alessandrino contemporaneo di Marco Aur (...)

19Le fonti scritte, databili tra il IV sec. a.C. e il IV sec. d.C., ci restituiscono i nomi di alcuni insediamenti la cui ubicazione resta ipotetica, fatta eccezione per Rhysaddir (Melilla) e alcune località del litorale che costituivano punti di riferimento per la navigazione, come le isole Chafarinas e il Cap des Trois Fourches 13.

  • 14 Il sito di Bouhout, scoperto nell’ambito del progetto italo-marocchino del 2000-2005, ha restituit (...)
  • 15 Area con concentrazioni di frammenti di uova di struzzo datate all’età fenicio-punica tramite anal (...)
  • 16 A Melilla i materiali di tipo fenicio-punico più antichi sinora individuati risalgono al VII-VI se (...)
  • 17 L’abitato di Sidi Driss è stato scoperto nell’ambito del progetto italo-marocchino del 2000-2005, (...)
  • 18 Domínguez Pérez 2011, p. 215 con bibliografia precedente.
  • 19 Questi siti sono stati oggetto di ricerche recenti nel quadro del progetto marocchino-spagnolo “Ca (...)
  • 20 Domínguez Pérez 2011, p. 212-215, con bibliografia.

20I dati archeologici testimoniano contatti con il grande commercio mediterraneo dall’età fenicio-punica. I siti nei quali sono state rinvenute ceramiche di importazione sono Bouhout (fig. 3, n° 1) 14 (a Est della Moulouya), Ras Kebdana (fig. 3, n° 2) 15, Rhysaddir / Melilla (fig. 3, n° 3) 16 e, oltre il Cap des Trois Fourches, Sidi Driss (fig. 3, n° 4) 17. Tali insediamenti sono da mettere in rapporto con altri documentati più a Ovest (fig. 4), in prossimità dell’Oued Laou (Kach Kouch 18) e nella zona dell’Oued Martil (Tamuda / Tétouan, Puente del Oued Melah, Sidi Abdeslam del Behar, Quitzán, Caf Taht el Ghar 19, Emsa 20).

Fig. 4 : Carta schematica degli insediamenti antichi e medievali lungo la costa settentrionale del Marocco

21

Da Coletti 2015, fig. 1.

  • 21 L’orizzonte cronologico degli insediamenti della costa marocchina coincide con il panorama noto pe (...)
  • 22 “Círculo del Estrecho” è una definizione di carattere geografico e culturale basata sulle affinità (...)
  • 23 El Khayari 2004; Botto 2011, p. 91-94; Domínguez Pérez 2011, p. 222-223; El (...)

22A Rhysaddir / Melilla, Sidi Driss, Tamuda / Tétouan e Caf Taht el Ghar sono documentati alcuni frammenti databili alla transizione tra VIII e VII secolo e al pieno VII secolo, ma la frequentazione degli insediamenti costieri del Marocco settentrionale appare intensa soprattutto nel periodo punico, tra il VI e il III sec. a.C. 21 Le caratteristiche dei materiali rinvenuti, riconducibili in maggioranza a produzioni del cosiddetto “Círculo del Estrecho” 22, permettono di inserire tale frequentazione nel fenomeno produttivo che dal VI secolo si riscontra in modo generalizzato su entrambe le rive dello Stretto, incentrato sullo sfruttamento delle risorse marittime e caratterizzato da circuiti commerciali su vasta scala, che probabilmente favorirono la definizione di grandi centri regionali (tra cui Tamuda e forse Rhysaddir) con una funzione di ridistribuzione delle merci 23.

  • 24 Panella 2010, con ricca bibliografia.
  • 25 Kbiri Alaoui, Siraj, Vismara 2004, p. 579-588, fig. 2, cfr. anche Coletti 20 (...)
  • 26 Per la bibliografia relativa a questi siti cfr. supra, note 19-20; cfr. anche Coletti 2015, p. 731 (...)

23Nel periodo compreso tra la fine del IV sec. a.C. e l’età augustea, durante il quale Roma si afferma come potenza imperiale e i traffici marittimi sono caratterizzati dalla diffusione sempre più ampia delle merci italiche 24, la frequentazione commerciale della costa mediterranea del Marocco non presenta variazioni significative rispetto ai secoli precedenti, come attesta la presenza di ceramiche di importazione in diverse località, che in parte coincidono con quelle esistenti dall’età fenicio-punica: Bouhout (fig. 3, n° 1), Bou Kanat (fig. 3, n° 5), Ras Kebdana (fig. 3, n° 2), El Aabid (fig. 3, n° 6), Ed Dhar Taiffant (fig. 3, n° 7), Rhysaddir / Melilla (fig. 3, n° 3), Sidi Moulay Baghdad (fig. 3, n° 8), Dchar ‘Alla Boukar (fig. 3, n° 9) nel Rif 25 e, più a Ovest, Emsa, Quitzán, Tamuda, Sidi Abdeslam del Behar 26.

  • 27 Per Tamuda cfr. Bernal et alii 2014. A Melilla la continuità di vita fino al (...)
  • 28 Coletti 2015, p. 733, con bibliografia sulla circolazione delle merci in età (...)

24Diversamente, nel periodo successivo all’istituzione della provincia della Mauretania Tingitana la presenza di ceramiche di importazione appare sostanzialmente limitata da un lato a Rhysaddir / Melilla, dall’altro a Tamuda (trasformata in castellum a partire dall’età claudia) e al suo circondario 27 . I dati sono insufficienti per interpretare il fenomeno, che verosimilmente riflette anche vuoti di documentazione, ma è probabile che i nuovi modelli produttivi e commerciali legati alla romanizzazione abbiano modificato il sistema di circolazione delle merci in tutta la regione dello Stretto, tagliando fuori dai circuiti principali i centri minori situati lungo la costa mediterranea 28.

  • 29 Alcuni studiosi hanno sottolineato l’importanza di distinguere i limiti geografici della Mauretani (...)

25A differenza della costa, per l’età antica resta del tutto ignoto l’assetto delle zone interne, che erano sotto il controllo delle tribù berbere, più o meno influenzate dagli apporti delle culture esterne, dove esistevano certamente numerosi insediamenti in relazione con i siti marittimi 29, sui quali l’archeologia non è al momento in grado di offrire informazioni.

1.2.2. Età medievale

  • 30 Per una sintesi dei dati storici relativi al regno di Nakûr cfr. Acién Almansa (...)
  • 31 Per i dati storici e archeologici relativi ai siti citati, Cressier 1981; 1992; Siraj 1995, passim(...)
  • 32 Per Melilla medievale cfr. Salado Escaño, Navarro Luengo, Suárez Padilla 2011, con bibliografia.

26Il periodo altomedievale, che coincide con l’intera durata del regno di Nakûr (uno dei più antichi domini musulmani dell’Africa settentrionale, instaurato da Sâlih b. Mansûr al-Himyarî all’inizio dell’VIII secolo e definitivamente tramontato nel 1080 con la distruzione della sua capitale da parte degli Almoravidi) 30, è incentrato economicamente e politicamente sulla città di Nakûr (fig. 3, n° 10), fondata nella prima metà del IX secolo nella valle dell’Oued Nekôr, alla quale faceva capo un sistema di porti che copriva tutto il litorale: Garet / Kar t (alla foce dell’Oued Kert, fig. 3, n° 12), marsâ al-Dâr (presso Ras Afraou, fig. 3, n° 13), al-Ba k ar (presso Sidi Driss, fig. 3, n° 4), al-Mazamma (fig. 3, n° 14), marsâ Ba kk ûya / Bûzakkûr (a Est di Kimmat Boussekkoûr, fig. 3, n° 15), Bâli sh / Yallî sh (Kâla Irîs, fig. 3, n° 16), Bâdis (fig. 3, n° 17) 31. Ad essi si aggiunge Malîla (Melilla, fig. 3, n° 3), il centro marittimo più importante della costa del Rif 32.

  • 33 Ad Anual si segnala il rivenimento di un tesoro di 35 monete datate tra il 221 e il 253: Villaverd (...)
  • 34 Per l’evoluzione storica degli insediamenti del Rif, per il ruolo delle città portuali nel commerc (...)

27La regione è successivamente integrata nell’impero almoravide e poi almohade. A partire dalla metà dell’XI secolo i centri portuali più importanti (Malîla /Melilla, fig. 3, n° 3; Gh asâsa, fig. 3, n° 11; al-Mazamma, fig. 3, n° 14; Bâdis, fig. 3, n° 17) conoscono una progressiva fioritura a carattere urbano, che trova il suo compimento agli inizi del XIII secolo, nel quadro di una occupazione diffusa del territorio caratterizzata da altri insediamenti costieri oltre a quelli già menzionati, citati dalle fonti come luoghi fortificati o approdi marittimi (Garam, fig. 3, n° 18; Qal’a Sanha d ja / Torres el Kal’a, fig. 3, n° 19; Mas t âsa / Mestassa, fig. 3, n° 20), e da alcuni agglomerati interni (al-Qadiya, fig. 3, n° 21; Tazûta, fig. 3, n° 22; Meggeo, fig. 3, n° 23; Tafarsit / Taferhsit, fig. 3, n° 24; Anual 33, fig. 3, n° 25; Adoûz, fig. 3, n° 26) 34.

  • 35 Si vedano a questo proposito anche le considerazioni in Cressier 1983, p. 54-55; 1992, p. 175-176.

28L’apogeo economico e culturale della regione si colloca nell’età merinide e si prolunga fino agli inizi del XVI secolo, epoca a partire dalla quale le conquiste o distruzioni delle città principali da parte di Spagnoli e Portoghesi determinano la progressiva contrazione della vita urbana 35.

  • 36 Coletti 2011, fig. 2.

29Agli insediamenti noti dalle fonti si aggiungono numerose presenze archeologiche di età medievale variamente distribuite, individuate nel corso delle ricognizioni del 2000-2005: le aree interessate dai rinvenimenti sono la zona dell’Oued Moulouya, la valle dell’Oued Amekrâne e le alture che fiancheggiano la riva sinistra del fiume (zona di Sidi boû Ya’koub), la valle dell’Oued Nekôr, la zona di Mestassa 36.

1.2.3. Età post-medievale

  • 37 La “Descrizione dell’Africa” di Leone l’Africano (nato intorno al 1488) è basata principalmente su (...)
  • 38 La “Descripcion general de Affrica” di Luis del Mármol Carvajal (1520-1600 ca.), suddivisa in due (...)
  • 39 Lo studio più completo dell’opera di Leone l’Africano è quello di L. Massignon (1906), che ha effe (...)
  • 40 Per le località citate da Leone (Melela, Chasasa, Tezzota, Meggeo, El Mezemme, Bedis, Ielles): Mas (...)

30Per il XVI secolo le più importanti fonti di informazione sono Leone l’Africano 37 e Luis del Mármol Carvajal 38, che nelle loro opere dedicate all’Africa prendono in considerazione anche la zona che qui ci interessa 39. Dalle descrizioni fornite dai due autori (in entrambe le opere il Rif è compreso nella sezione dedicata al Regno di Fès), le località principali della regione sono Melela (Melilla, fig. 3, n° 3), Chasasa (Gh asâsa, fig. 3, n° 11), Tezzota (Tazûta, fig. 3, n° 22), Meggeo (fig. 3, n° 23), El Mezemme (al-Mazamma, fig. 3, n° 14), Bedis (Bâdis, fig. 3, n° 17), Ielles (Bâli sh / Yallî sh - Kâla Irîs, fig. 3, n° 16) 40.

  • 41 Per notizie sull’autore e un’analisi dettagliata del suo viaggio cfr. Vismara 2014, p. 146-147.

31Alle descrizioni di Leone e Mármol si affianca la relazione del viaggio compiuto da Roland Fréjus nel 1666 da Albouzeme (Peñón d’Al Hoceima) a Taza, pubblicata nel 1670 41. Le località menzionate dall’autore lungo il suo percorso sono Nocor (da identificare con Ajdir o un abitato che aveva conservato il nome della città medievale), Beniboujakob (Beni boû Ya’koub - fig. 3, n° 27 - sulle alture che sovrastano la riva sinistra dell’Oued Amekrâne), la montagna di Teziaza (Tizi ‘Azza), i villaggi di “Hamouda” e Tafarsy (Taferhsit, fig. 3, n° 24), e la località di Bouazon, il porto in cui si imbarca Fréjus per il viaggio di ritorno in Spagna. Da Taferhsit l’itinerario prosegue verso Sud, in direzione di Taza (infra, paragrafo 4, itinerari 5 e 10).

  • 42 Cressier 1981-1982; 1983, p. 52-54.

32Alla fine del XVII secolo risale la costruzione, da parte di Moulay Ismaïl, delle fortificazioni di Djenada (fig. 3, n° 28), Selouane (fig. 3, n° 29) e Snada (fig. 3, n° 30), la cui funzione era legata alla sorveglianza tanto delle piazzeforti spagnole lungo la costa, quanto delle tribù locali 42.

2. Le ricerche sugli itinerari terrestri di età antica e medievale del Marocco settentrionale

  • 43 Per itinerario terrestre si intende un tracciato che collega due località più o meno distanti tra (...)

33Il tema degli itinerari terrestri 43 che in età antica e medievale attraversavano il Rif non è stato finora oggetto di ricerche specifiche, ma esso rientra comunque nella più ampia problematica delle reti viarie che, nelle varie epoche, consentivano il collegamento tra le regioni orientali del Marocco e gli altri territori nord-africani.

  • 44 Siraj 1995, p. 291 per le fonti sul confine tra le due Mauretanie. A differenza (...)

34Per quanto riguarda l’età antica, il dibattito scientifico si è concentrato principalmente sul problema del collegamento Est-Ovest tra la Mauretania Tingitana e la Cesariense, il cui confine correva lungo l’Oued Moulouya 44.

  • 45 La Chapelle 1934, p. 110-119. Lo studioso ammette l’esistenza di un collegamento (...)
  • 46 Carcopino 1943, p. 233-244.

35I primi ad occuparsi della questione sono stati M. Fabricius (1926) e M. de La Chapelle (1934) 45, sostenitori dell’assenza di un collegamento regolare in epoca romana tra le due Mauretanie. Diversa è l’opinione espressa da J. Carcopino (1943), che ha ritenuto certa l’esistenza di un limes Est-Ovest nel territorio marocchino e di una pista militare in relazione con esso; tale pista, a suo avviso, doveva passare dalla sequenza di valli fluviali che raccordano Fès con Tlemcen attraverso il “couloir” di Taza, lungo l’asse naturale di comunicazione Est-Ovest noto dalla tradizione araba come “Trik es-Soltan” 46 (attualmente ricalcato dalla strada Tlemcen-Oujda-Taza-Fès, cfr. infra, 3.11).

  • 47 Seston 1946, I, p. 117-119; secondo lo studioso Massimiano Erculio, diretto dall (...)
  • 48 Chr. Courtois (1955, p. 159-164), parlando del passaggio dei Vandali dalla Spagna all’Africa, riti (...)
  • 49 ItinAntonAug, 10-11. L’Itinerarium provinciarum Antonini Augusti, l’unico docume (...)
  • 50 Le località intermedie menzionate da Tolomeo sono Trisidis, Molochath, Benta, Galapha. Per esse R. (...)

36L’esistenza di un itinerario passante dal “couloir” di Taza è stata sostenuta anche da W. Seston (1946) 47, da Chr. Courtois (1955) 48 e da R. Thouvenot (1962); quest’ultimo, pur sottolineando che l’Itinerario di Antonino 49 descrive un itinerario marittimo e non terrestre tra Tingi / Tangeri e Portus Divinus / Orano, ha ritenuto che le località “mediterranee” citate dal geografo Tolomeo tra Tocolosida (a Sud di Volubilis nella Tingitana) e Altava (a Est di Pomaria / Tlemcen nella Cesariense) si trovassero per la maggior parte nel Marocco orientale e costituissero con ogni probabilità le stazioni intermedie di una pista carovaniera lungo l’asse del “Trik es-Soltan” 50.

  • 51 P. Salama (1951, carta generale e p. 56, nota 89) fa partire il tracciato ipotetico passante dal “ (...)
  • 52 La città di Siga / Takembrit risulta a sua volta collegata a Numerus Syrorum / Marnia e Pomaria / (...)

37Il tracciato ipotizzato da Carcopino è stato riproposto in forma ipotetica anche da P. Salama (1951) nel sua carta generale delle strade dell’Africa romana 51; è da notare che nella stessa carta è invece indicata come certa una strada costiera proveniente da Siga / Takembrit che passa da Ad Fratres / Nemours e oltrepassa il confine dell’Oued Moulouya raggiungendo Rhysaddir / Melilla 52.

  • 53 Marion 1960. Lo studioso ricorda comunque l’esistenza di relazioni frequenti tra (...)

38Una posizione decisamente contraria all’ipotesi di Carcopino è stata espressa nel 1960 da J. Marion, secondo il quale l’assenza di una strada regolare tra le due Mauretanie andrebbe spiegata con il passaggio periodico dei gruppi nomadi del Sahara che risalivano l’Oued Guir, al confine tra Algeria e Marocco, verso la bassa Moulouya, impedendo una circolazione sicura 53.

  • 54 Terrasse 1949-1950, I, p. 51-53.
  • 55 Euzennat 1957; 1962; 1977, p. 85.

39Altri studiosi che si sono occupati della questione sono H. Terrasse (1949), che ha interpretato l’assenza di siti romani a Est di Taza come indizio di un eventuale collegamento terrestre garantito soltanto da alleanze con le tribù berbere del Marocco orientale 54, e M. Euzennat (1957, 1962, 1977), ugualmente propenso a ritenere che questa parte del Marocco fosse sotto il controllo delle tribù indigene 55.

40Negli anni ’70 la questione è stata nuovamente affrontata da R. Rebuffat (1971), che ha riesaminato tutti gli indizi storici e archeologici relativi al problema, aderendo all’ipotesi di Carcopino e Thouvenot sull’esistenza di una comunicazione regolare tra le due province tramite piste tradizionali, conosciute non soltanto dagli indigeni, utilizzate durante tutta l’antichità e il periodo medievale.

  • 56 Speidel 1977, p. 170-173; secondo l’autore, nel sistema di controllo da parte de (...)

41Anche M.P. Speidel (1977) ha sostenuto l’ipotesi dell’esistenza di un itinerario terrestre corrispondente al “Trik es-Soltan” regolarmente utilizzato dai Romani (fig. 5), la cui sicurezza (data l’assenza di tracce archeologiche di occupazione militare del territorio tra Taza e Numerus Syrorum / Marnia) sarebbe stata garantita da trattati con le tribù indigene 56.

Fig. 5 : Tracciato ipotetico di collegamento terrestre tra le due Mauretanie lungo l’asse Tlemcen – Oujda – Taza – Fès

42

Da Speidel 1977, fig. 1.

  • 57 Siraj 1995, p. 395-414. In particolare, lo studioso interpreta le città menziona (...)
  • 58 Siraj 1995, p. 400.
  • 59 Siraj 1995, p. 365-414 e in particolare p. 413-414. Secondo A. Siraj (1995, p. 4 (...)

43Nel 1995 A. Siraj ha nuovamente affrontato la questione del collegamento in epoca romana tra le due Mauretanie. Lo studioso ha ritenuto certa l’esistenza di molteplici piste “indigene” di collegamento tra la Mauretania Tingitana e la Cesariense, sotto il controllo delle tribù locali, ma ha escluso l’ipotesi di un tracciato “romano” tra le due province passante dal “Trik es-Soltan”, che d’altra parte non avrebbe avuto importanza strategica visto che il commercio a grande scala della Tingitana avveniva per via marittima 57. Secondo Siraj esisterebbero invece indizi sufficienti per ricostruire un collegamento terrestre “romano” tra Rhysaddir / Melilla e Numerus Syrorum / Marnia o Pomaria / Tlemcen (già proposto da P. Salama, cfr. supra) 58. Siraj ha inoltre introdotto nel dibattito le informazioni offerte dalle fonti arabe di età altomedievale, che indicherebbero un passaggio dei primi conquistatori arabi dalle piste del Rif (cfr. infra): ciò confermerebbe, a suo avviso, l’assenza di una strada “romana” passante dal “couloir” di Taza, che i conquistatori avrebbero senz’altro prescelto se fosse esistita 59.

  • 60 Coltellony-Trannoy 1997, p. 76-78.

44Anche M. Coltelloni-Trannoy (1997) ha ammesso l’esistenza di collegamenti regolari tra la parte occidentale e quella orientale della Mauretania, tramite piste tradizionali esistenti dalla preistoria, e ha spiegato l’assenza di strade “romane” nella vasta regione incentrata sul bacino della Moulouya con la necessità di creare due province separate da un territorio dove i Romani non avrebbero potuto fare altro che ricorrere al sistema di alleanze con i re mauri e numidi 60.

  • 61 Boudouhou 2015. L’articolo contiene alle p. 676-687 un’utile raccolta commentata (...)
  • 62 Nella necropoli di Tayadirt, situata nei pressi delle miniere di Midelt, sono stati rinvenuti ogge (...)

45Il lavoro più recente dedicato al tema dei collegamenti Est-Ovest tra le due Mauretanie è di N. Boudouhou (2015). La studiosa ha sottolineato che le testimonianze letterarie ed archeologiche dimostrerebbero facilità di contatto e praticabilità delle vie tradizionali di raccordo tra le due province, e ha nuovamente focalizzato l’attenzione sul grande asse di collegamento del “Trik es-Soltan”, che avrebbe avuto un ruolo fondamentale negli spostamenti umani dalla Tunisia all’Atlantico fino da epoche molto antiche 61; nello stesso tempo, a suo parere diversi indizi testimonierebbero l’esistenza di un itinerario commerciale cartaginese, che passava da Tayadirt nell’alta valle della Moulouya e raggiungeva la costa toccando Rhysaddir / Melilla 62.

  • 63 Siraj 1995, p. 273-438.
  • 64 Per alcune notizie sulla biografia di al-Ya’kûbî e la sua opera “al-Buldân”, cfr. Siraj 1995, p. 4 (...)
  • 65 Per l’opera di al-Bakrî cfr. supra, nota 31.
  • 66 Al-Idrîsî è autore del “Kitâb Nuzhat al-mushk fî ikhtirâk al-Afâk”, opera geografica che complet (...)

46Per l’età medievale, il principale lavoro di riferimento è quello di A. Siraj (1995), già citato in precedenza; pur essendo focalizzato sul paesaggio della Tingitana in età antica, tale lavoro propone, come si è detto, una rilettura organica dei dati sugli itinerari terrestri e marittimi del Marocco offerti dalle fonti arabe di età altomedievale, ritenendo probabile che tali itinerari ricalcassero almeno in parte tracciati più antichi 63. Basandosi principalmente sulle informazioni fornite da al-Ya’kûbî (morto nell’897) 64, al-Bakrî (morto nel 1094) 65 e al-Idrîsî (1100-1166) 66, che menzionano siti di cui si conosce, in molti casi, la localizzazione sul terreno, lo studioso ha ricostruito per il Rif e le regioni limitrofe i seguenti itinerari:

  • un “cammino del Rif” con orientamento Est-Ovest, descritto da al-Ya’kûbî 67, che da Tlemcen in Algeria attraversava in successione il regno di Nakûr 68, il territorio di Ghomara e la regione di “Malhâs”, quindi raggiungeva Kal’a Sadîna (a Nord-Ovest di Tétouan) 69 e da qui, piegando verso Sud, la città di Fès (fig. 6); si tratterebbe del “cammino della conquista”, seguito dalle prime incursioni arabe nel Maghreb estremo, dirette inizialmente verso la regione di Tangeri (la prima ad essere conquistata) e successivamente da questa regione verso Sud 70;
  • un itinerario con orientamento Ovest-Est, descritto da al-Bakrî 71, che probabilmente ricalcava il tratto orientale del “cammino del Rif” di al-Ya’kûbî; l’itinerario partiva da Nakûr e raggiungeva Djarâwa (presso Berkane 72) e da qui Tlemcen, passando da “Banî Yaslîtan” (località sull’Oued Amekrâne, forse presso Boudinar), dall’Oued Kert (forse nei pressi di Dar Driouch), da “Kulû’ Djâra” (fortezza situata forse nei pressi di Selouane) e dall’Oued Moulouya;
  • un probabile itinerario “mediterraneo”, terrestre e/o marittimo, desumibile dagli elenchi delle località costiere e dei porti situati nel territorio del regno di Nakûr forniti da al-Bakrî e al-Idrîsî 73: da Est verso Ovest, le località sono “Malwiyya” (forse le isole Chafarinas), Malîla / Melilla, Tarf Hark (Cap des Trois Fourches), Kart (a Ovest della foce dell’Oued Kert), marsa al-Dâr (a Est o a Ovest di Ras Afraou), Uktîs (alla foce dell’Oued Sidi Sâlah), Wâdî al-Bakar / Tamsâmân (alla foce dell’Oued Amekrâne), al-Mazamma, Bakawiyya / Bûzakkûr (Kimmat Boussekkoûr), Bâdis, Bâlish (Kâla Iris) 74;
  • la prosecuzione dell’itinerario “mediterraneo” fino a Tétouan, passante dalle località costiere e dai porti situati nella regione di Ghumâra 75: “Karkâl” (forse Torres el Kal’a o Boûkhachkhâch), Mastâsa (alla foce dell’Oued Mastâsa), “Ma’mûra” (forse El-Jebha), Tikissâs (alla foce dell’Oued Tiguisas), Wad Lâw (Oued Laou), Titâwân / Tétouan 76;
  • un itinerario da Oujda a Malîla / Melilla, descritto da al-Bakrî, che seguiva nel primo tratto un orientamento da Nord-Est a Sud-Ovest, passando da Sâ’ (da localizzare presso Taourirt) e da Adjarsîf (Guercif), dopo avere attraversato l’Oued Moulouya a Sud della città; da Adjarsîf l’itinerario si ricollegava a quello proveniente dalla città pre-sahariana di Sidjilmâssa, che raggiungeva Malîla passando da “Kulû’ Djâra77;
  • un itinerario diretto a Fès attraverso il “couloir” di Taza, che partiva da Tlemcen o da Oujda e passava da Sâ’ (da localizzare presso Taourirt) 78; si tratta del tracciato del “Trik es-Soltan”, di cui si è parlato in precedenza.
  • 79 Massignon 1906, p. 108, nn. 1-2 e tavola X; questi itinerari furono utilizzati p (...)
  • 80 Massignon 1906, p. 199, paragrafo 44. Lo studioso enfatizza l’importanza di ques (...)

47Per il periodo compreso tra la piena età medievale e gli inizi del XVI secolo, una ricostruzione degli itinerari è stata proposta da L. Massignon (1906) nel suo lavoro sulla “Descrizione dell’Africa” di Leone l’Africano (cfr. supra). Lo studioso ha messo in evidenza che nel periodo indicato il centro più importante del Marocco era la città di Fès. Gli itinerari principali che collegavano questa città alla costa mediterranea del Rif raggiungevano Gh asâsa (e Melilla prima dell’occupazione spagnola del 1481), passando da Taza, e Bâdis, passando da Beni Chelid e il colle di Tafraout 79. Per quanto riguarda le comunicazioni Est-Ovest, l’itinerario principale era il tracciato del “Trik es-Soltan”, che collegava Fès a Tlemcen attraverso Taza 80.

Fig. 6 : Gli itinerari del Maghreb estremo fino alla metà del X secolo

48

Da Siraj 1995, carta 8.

3. Gli itinerari secondo la documentazione geografica di età moderna (XIX - inizi del XX secolo)

49Le mire coloniali che portarono alla spartizione dell’Africa tra le potenze europee riguardavano territori poco conosciuti, per i quali scarseggiava la documentazione cartografica. L’azione coloniale diretta nel Maghreb, iniziata nel 1830 con la conquista di Algeri da parte della Francia, determinò un significativo e progressivo incremento di conoscenza di questi territori, sia per esigenze militari, sia per interesse scientifico.

  • 81 Sugli eventi che portarono all’instaurazione in Marocco del Protettorato francese e del Protettora (...)
  • 82 Per un panorama generale della produzione geografica sul Marocco settentrionale anteriore al perio (...)

50Nel caso del Marocco settentrionale, le opere geografiche prodotte fino al 1912 (anno in cui si concluse il processo di colonizzazione con l’instaurazione del Protettorato spagnolo 81) hanno un carattere eterogeneo, contengono errori ed elementi incoerenti, e spesso ripropongono in forma diversa notizie di seconda mano ricavate dalle stesse fonti. Nonostante questi limiti, esse offrono informazioni di grande utilità sugli assetti territoriali del Marocco settentrionale anteriori agli interventi messi in atto nel periodo del Protettorato 82.

51Qui di seguito si presentano alcuni documenti che contengono informazioni significative riguardo agli itinerari, con l’avvertenza che le osservazioni sono focalizzate sul Rif, ma prendono in considerazione anche le regioni limitrofe, dove sono situate importanti località che costituivano (e costituiscono tuttora) alcuni dei principali punti di snodo della rete di itinerari del Marocco settentrionale: Tétouan a Ovest, Oujda a Est, Taza e Fès a Sud.

52Nella descrizione degli itinerari indicati in ciascun documento si fa riferimento alla numerazione che abbiamo loro attribuita (itinerari 1-12), rinviando al paragrafo 4 per la sintesi dei dati. Salvo diverse indicazioni, le elencazioni delle località vanno da Est verso Ovest e da Nord verso Sud.

3.1. La “Description géographique de l’empire du Maroc” di Emilien Renou (1846)

  • 83 Per la biografia e il contenuto dell’opera di E. Renou cfr. Vismara 2014, p. 149, 185-187.
  • 84 “Carte de l’Empire de Maroc par E. Renou, membre de la Commission Scientifique d’Algérie. Août 184 (...)

53La “Description géographique de l’empire du Maroc” di Emilien Renou, pubblicata nel 1846 83, è accompagnata da elenchi delle fonti testuali, cartografiche e iconografiche e da una carta in scala 1:2.000.000 (datata al 1844) che rappresenta un notevole salto di qualità rispetto ai lavori precedenti 84.

  • 85 Renou 1846, p. 321.

54Per quanto riguarda il Marocco settentrionale, l’autore utilizza soprattutto i testi di Leone l’Africano, Livio Sanuto, Luis del Mármol Carvajal e Roland Fréjus, mettendoli a confronto con i testi di al-Bakrî e al-Idrîsi, ma sottolinea la povertà di informazioni 85. Renou elenca, in corrispondenza del Rif, i siti di “Kloua Djâra” (“K ulû’ Dj âra”, che localizza presso la qasba di Selouane), Megeo (Meggeo), Tezzout (Tazûta), “Zangaran”, Tarfherech (localizzata presso la Sebkha Bou’ Areg, ma il toponimo corrisponde al Cap des Trois Fourches), Melilla, Râs ed-Deir (Cap des Trois Fourches), R’Sâca (Gh asâsa), Gâret (Garet Kar t), “Ieslatin”, Tafarsy (Taferhsit), “Hamouda”, Temsaman (Tamsâmân), Bou’Azoun (toponimo figurante su alcune carte all’estremità orientale di Cap Quilates), Beni Bou Iakoub (Beni boû Ya’koub), Nekour (Nakûr), El Mzemma (al-Mazamma), Bouzkour (Kimmat Boussekkoûr), Bâdis, Yelles (Kâla Irîs), Mostaça (Mestassa), Gebha (al-Jabha). I fiumi indicati sono: Oued Mlouia (Oued Moulouya), Oued Gâret (Oued Kert), Oued el Beguel (Oued Amekrâne), Oued Nekour (Oued Nekôr), Nahar ‘Aich (Oued Rhîs).

  • 86 È il caso di Yelles e Gebha, entrambe localizzate a Est di Bâdis.

55Nella carta che accompagna il testo i siti sono localizzati in modo ipotetico, talvolta erroneamente 86, e risultano collegati da alcuni itinerari ricavati dagli autori medievali e moderni (supra, paragrafo 2):

  • itinerario da Oujda (Ouchda) a Melilla (Mlîla), ricavato dal testo di al-Bakrî, che passa da Guercif e “K’loua’-Djâra87;
  • itinerario da El-Mzemma a Djarâwa, ricavato dal testo di al-Bakrî, che passa da “K’loua’-Djâra88.
  • itinerario che parte dalla baia di Al Hoceima e raggiunge Taza passando da Beni boû Ya’koub e Taferhsit (itinerari 5 e 10), corrispondente a quello percorso da Roland Fréjus nel 1666 89; l’itinerario tocca (cfr. supra, 1.2.3) la pianura di Albouzème (Al Hoceima), Nocor (Ajdir oppure un abitato che aveva conservato il nome dell’antica capitale), Beniboujakob (Beni boû Ya’koub, sulle alture che dominano la riva sinistra dell’Oued Amekrâne), la montagna di Teziaza (Tizi ‘Azza), i villaggi di “Hamouda” e Tafarsy (Taferhsit), da dove l’itinerario si dirige verso Taza passando per “Suaquin” e “Tiserac90; il percorso seguito al ritorno è analogo a quello di andata, ma Fréjus si imbarca per la Spagna dal porto di Bou’Azoun.

3.2. La “Carte de l’Empire de Maroc” di Louis-Jules Beaudouin (1848)

  • 91 Urteaga, Nadal, Muro 2003 ; Urteaga 2006a. L. Roches, autore di Trente-deux an (...)
  • 92 Titolo della carta: « Carte de l’Empire de Maroc indiquant les communications principales, la divi (...)

56La principale opera cartografica anteriore alla metà dell’’800 è la “Carte de l’Empire de Maroc” in scala 1:1.500.000 del capitano Louis-Jules Beaudouin (1848). Beaudouin ha redatto la carta utilizzando informazioni di prima mano raccolte dalle popolazioni locali durante i suoi soggiorni in Africa e altre fornite da Léon Roches, all’epoca segretario della legazione francese in Marocco 91. La carta riproduce una rete di itinerari, distinguendo con diverse simbologie i percorsi in base al grado di rischio di subire aggressioni da parte delle popolazioni locali 92. Gli itinerari principali, contraddistinti generalmente con la simbologia delle strade più sicure, sono i seguenti:

  • itinerario costiero che dall’Oued Kiss, al confine algerino, attraversa l’Oued Moulouya, prosegue lungo il litorale costeggiando a Est la Sebkha Bou’ Areg e raggiunge Melilla (itinerario 1);
  • itinerario costiero da Melilla a Tétouan (itinerario 2); da Melilla l’itinerario si dirige a Sud, raggiunge la qasba di Selouane, quindi risale verso la costa, attraversa l’Oued Kert e prosegue lungo il litorale fino a Sidi Hosseïn (Sidi Hussain), presso Ras Afraou; da qui scende verso l’interno, attraversa la valle dell’Oued Amekrâne (Oued Bou Azzoun) e le montagne di Tamsâmân passando da una località anonima (da identificare probabilmente con Beni boû Ya’koub, cfr. infra), percorre la pianura di Al Hoceima e raggiunge Nekour (Ajdir?); da questa località l’itinerario, piegando verso Sud-Ovest, passa da Rouadi (Errouadi), risale la valle dell’Oued Kerker fino a Sidi bou Yacoub el Badessi (Bâdis 93) e da qui prosegue lungo la costa fino a Tétouan;
  • itinerario interno da Melilla a Tétouan (itinerario 3) che passa da Selouane (Kasbat Zelouan), Taferhsit, Sidi Ahmed el Grib nel territorio di Targuist (Hell Targuist) e da qui prosegue in direzione di Chefchaouen e Tétouan 94;
  • itinerario che parte dalla baia di Al Hoceima, tocca la località anonima sulle alture in riva sinistra dell’Oued Amekrâne da cui passa anche l’itinerario costiero, e raggiunge Taferhsit, proseguendo da qui fino a Taza; si tratta con tutta evidenza dell’itinerario percorso da Roland Fréjus, indicato anche nella carta di Renou (supra, 3.1, itinerari 5 e 10), e pertanto la località anonima presso l’Oued Amekrâne può essere identificata con Beni boû Ya’koub;
  • itinerario da Bâdis al territorio di Targuist (Hell Targuist) in direzione dell’asse Oujda-Taza-Fès (itinerari 6 e 12), passando da Sidi Younes, Talembades Kasbat (qasba di Snada), Sidi Ahmed el Grib; da questo itinerario, all’altezza di Snada, si dirama un tracciato che raggiunge Rouadi, raccordandosi all’itinerario costiero;
  • itinerario da Melilla all’Oued Msoun in direzione di Guercif, che passa da Selouane e dalla Zaouia Muley Kerker (itinerario 9);
  • itinerario da Melilla a Taza, che passa da Selouane, Taferhsit, Sidi Ali bou Rokba (itinerario 11).

57La qasba di Selouane costituisce il punto di raccordo con numerose piste che raggiungono l’Oued Moulouya e si raccordano a loro volta, oltre il fiume, con altre piste che si dirigono al confine algerino, a Oujda e alla strada Oujda-Taza-Fès. Tra queste si segnalano due tracciati, contraddistinti con la simbologia delle “routes ordinaires”, che persistono nella rete stradale di età moderna (infra, 3.11): uno passa da Zaïo (itinerario 7), l’altro da Hassi Berkane (itinerario 8) e raggiunge la strada Oujda-Taza-Fès all’altezza della Kasbat Muley Ismail (Taourirt), sull’Oued Za.

  • 95 Flotte de Roquevaire (1904, p. 3-4); l’autore sottolinea che un salto di quali (...)

58La carta di Beaudouin, considerata uno dei migliori documenti sul Marocco fino agli ultimi decenni del XIX secolo 95, costituisce la fonte principale di informazione di numerosi documenti geografici posteriori, inclusi quelli descritti nei paragrafi seguenti.

3.3. La “Descripción y mapas de Marruecos” di José Gómez de Arteche e Francisco Coello (1859)

  • 96 Albet i Mas, Riudor 1999. Francisco Coello fu il promotore della “Sociedad Geo (...)
  • 97 Gómez de Arteche, Coello 1859, p. VIII-IX.

59Per quanto riguarda la produzione civile, spicca la “Descripción y mapas de Marruecos” di José Gómez de Arteche e Francisco Coello, opera con un carattere propagandistico pubblicata nel 1859, che auspica l’azione coloniale della Spagna nel paese 96. Si tratta di una sintesi dei dati disponibili, non verificati direttamente dagli autori 97, accompagnata da due carte: una generale in scala 1:5.000.000 (“Moghreb-el-Aksá, Imperio de Marruecos en escala 1:5.000.000”) e una della parte settentrionale in scala 1:1.000.000 (“Parte del Norte del Moghreb-el-Aksá, Imperio de Marruecos en escala 1:1.000.000”).

  • 98 Gómez de Arteche, Coello 1859, p. 81.

60Per quanto riguarda il Rif, gli itinerari corrispondono a quelli presenti nella carta di Beaudouin (anche se la fonte non è esplicitamente indicata) 98, con una scelta selettiva: sono infatti indicati solo i tracciati per i quali Beaudouin ha utilizzato la simbologia delle strade più sicure. Gli itinerari sono i seguenti:

  • itinerario costiero da Melilla a Tétouan, che passa per la qasba di Selouane (itinerario 2);
  • itinerario interno da Melilla a Tétouan che passa da Selouane, Taferhsit, Targuist e Chefchaouen (itinerario 3), con l’omissione del tratto compreso tra Taferhsit e Targuist, contraddistinto con la simbologia delle “routes ordinaires” nella carta di Beaudouin;
  • itinerario dalla baia di Al Hoceima a Taferhsit, e da qui a Taza, passando da una località senza toponimo a monte della riva sinistra dell’Oued Amekrâne da identificare con Beni boû Ya’koub (itinerario 5);
  • itinerario da Bâdis a Targuist, in direzione dell’asse Oujda-Taza-Fès (itinerari 6 e 12); come nella carta di Beaudouin, è indicato un tracciato che da Snada raggiunge Rouadi, raccordandosi all’itinerario costiero;
  • itinerario da Melilla all’Oued Msoun in direzione di Guercif, passando da Selouane e dalla Zaouia Muley Kerker (itinerario 9);
  • itinerario da Melilla a Taza, passando da Selouane, Taferhsit e Sidi Ali bou Rokba (itinerario 11).

61Le località indicate lungo questi tracciati coincidono, con variazioni nella trascrizione dei toponimi, con quelle indicate da Beaudouin.

3.4 “La dernière partie inconnue du littoral de la Méditerranée. Le Rif” (1887) e “De Telemsan à Melila en 1886” (1893) di Henri Duveyrier

  • 99 Duveyrier 1887; 1893. Per una nota biografica e una recensione dettagliata di (...)

62Il geografo Henry Duveyrier è autore di due articoli dedicati al Rif 99. Il primo, pubblicato nel 1887 (“La dernière partie inconnue du littoral de la Méditerranée. Le Rif”), contiene una sintesi delle conoscenze sulla regione, basata in buona parte sulle notizie degli autori medievali e moderni.

  • 100 Alcune fotografie scattate dallo stesso Duveyrier sono conservate alla Bibliothèque nationale de F (...)

63Il secondo articolo, pubblicato nel 1893 (“De Telemsan à Melila en 1886”), è la relazione dettagliata del viaggio da Tlemcen a Melilla che Duveyrier effettuò tra il 31 maggio e il 10 giugno del 1886, avvalendosi della protezione dello “sharif” di Ouezzane. La relazione è accompagnata da una carta del territorio percorso, ricca di annotazioni 100. Giunto a Melilla, Duveyrier fu costretto a interrompere il viaggio e a imbarcarsi per Tangeri a causa di problemi sorti con le tribù locali e per la mancanza di appoggio da parte delle autorità spagnole, mentre gli altri viaggiatori proseguirono fino a Tangeri seguendo la costa, come si ricava dall’autobiografia di Emily Keene, moglie inglese dello “sharif”.

64Da Tlemcen, il percorso seguito da Duveyrier (itinerario 1) raggiunge Maghnîa (Lalla Maghnîn), supera la frontiera con il Marocco presso l’Oued Mouilah (Ouâd Mouîlah), passa dalla montagna di Beni Snassen e dalla Zawiya Sidi El Mekki Ramdâr da dove prosegue verso Nord attraversando la pianura di Triffa (Terifa) fino a Saïda du Kiss (Bordj Es-Sa’ïdîya). Da Saïda l’itinerario procede lungo la costa, attraversa la pianura di Tazegraret e supera la Moulouya a circa 5 chilometri dalla foce. Dalla Moulouya l’itinerario passa alla base del promontorio di Cabo de Agua, tocca “Zebboûdj el Makhroûdj” e “Djebb Oû-Môrtou”, quindi segue il lato interno della Sebkha Bou’ Areg, tocca il villaggio di “Mezoûdja” vicino a Nador, oltrepassa l’Oued Farkhâna e raggiunge Melilla.

  • 101 Keene 1912; sul contenuto di questo lavoro cfr. Vismara 2014, p. 152-153.

65Secondo il racconto di Emily Keene 101, procedendo da Melilla in direzione di Tangeri (itinerario 2) si attraversa prima una regione montuosa priva di strade, poi il territorio di Tamsâmân, quindi si raggiunge Mestassa e da qui Tétouan e poi Tangeri.

3.5. “Le Maroc inconnu” di Auguste Mouliéras (1895)

  • 102 Per il contenuto dell’opera di Mouliéras cfr. Vismara 2014, p. 153, 186-187.

66Lo studioso Auguste Mouliéras, un francese di Tlemcen, ha dedicato al Rif il primo volume della sua opera “Le Maroc inconnu” (1895). Mouliéras, esperto della lingua araba e dell’amazigh, desiderava conoscere e far conoscere il Marocco, di cui era appassionato, ma non ottenne il permesso di compiere in prima persona una missione nel paese. Il suo racconto si basa quindi sulle testimonianze dirette di alcuni viaggiatori, in particolare un tale Mohammed Ben Tayyeb, che aveva percorso il Marocco per molti anni 102.

67La descrizione del Rif procede da Ovest verso Est e segue gli spostamenti di Mohammed Ben Tayyeb nei territori delle varie tribù (Tar’zouth, Beni-Bou-Necer, Beni-Khennous, Beni-Seddath, Mthioua, Beni-Gmil, Zerk’het, Targist, Beni-Bou-Frah’, Beni-It’t’eft, Bek’k’ouya, Beni-Ouriar’el, Témsaman, Beni-Touzin, Tafersith, Kzennaya, Lemtalça, Beni-Amreth, Beni-Mezdouye, Beni-Ouléchchék, Beni-Said, Beni-Bou-Yah’yi, Galiya, Kébdana, Trifa, Oulad-Séttout, Beni-Zenasken, Beni-Mah’you, Mer’raoua, Beni-Bechir), fornendo per ciascuno di essi informazioni geografiche, etnografiche, economiche nonché i nomi dei villaggi principali e le loro caratteristiche. Il testo è illustrato da due carte (“Carte Rif occidental”, “Carte Rif Oriental”), che non tengono conto dei documenti cartografici già esistenti ma che sono utili per la localizzazione dei toponimi menzionati.

68L’opera di Mouliéras, ricca di informazioni e di nomi di località, è stata ampiamente utilizzata nella cartografia successiva, ma la struttura della descrizione non consente di ricostruire veri e propri itinerari.

3.6 La “Carte du Maroc à l’échelle 1:1.000.000e” di René de Flotte de Roquevaire (1897)

  • 103 Flotte de Roquevaire 1897. Per Delbrel cfr. infra, 3.10.

69René de Flotte de Roquevaire, cartografo militare francese, aveva ricevuto nel 1895 l’incarico di realizzare una “Carte du Maroc à l’échelle 1:1.000.000e”, completata nel 1897. La carta, accompagnata da una “Notice”, è stata disegnata utilizzando tutti i documenti testuali e cartografici, a stampa e manoscritti, allora disponibili nelle biblioteche di Parigi, tra cui le informazioni raccolte dagli ufficiali della missione militare francese, gli itinerari di Charles de Foucauld e quelli percorsi da Gabriel Delbrel a partire dal 1891 103.

70Per quanto riguarda il Rif, la carta si basa esplicitamente su quella di Beaudouin (supra, 3.2), adattandola al tracciato delle carte marittime e rettificando alcuni toponimi. Gli itinerari sono in gran parte gli stessi indicati da Beaudouin, con lievi differenze e integrazioni:

  • itinerario costiero dall’Oued Kiss a Melilla, corrispondente a quello percorso da Henri Duveyrier nel 1886 104 (itinerario 1), che segue il lato occidentale della Sebkha Bou’ Areg anziché il lato orientale come quello disegnato da Beaudouin;
  • itinerario costiero che parte da una località anonima sulle alture in riva sinistra dell’Oued bou Azzoun (Oued Amekrâne), da identificare probabilmente con Beni boû Ya’koub, passa da Nekour (Ajdir?), Errouadi (Rouadi), Tamezourt (Bâdis 105), valle di Mostaza (Mestassa) e da qui prosegue fino a Tétouan; corrisponde al tratto centro-occidentale dell’itinerario costiero di Beaudouin (itinerario 2), che inizia invece a Melilla, scende verso Selouane e poi risale verso la costa in corrispondenza dell’Oued Kert;
  • itinerario interno che parte da Melilla, passa da Selouane, Taferhsit, Sidi Ahmed el Grib, da dove prosegue per Chefchaouen e Tétouan (itinerario 3); il tracciato coincide con quello disegnato da Beaudouin 106;
  • itinerario che parte dalla baia di Al Hoceima, tocca la località anonima (da identificare con Beni boû Ya’koub) a monte della riva sinistra dell’Oued bou Azzoun (Oued Amekrâne), raggiunge Taferhsit passando dal Djebel Tra Azza (Tizi ‘Azza) e si dirige verso “Souaquin” e Taza (itinerari 5 e 10); corrisponde all’itinerario percorso da Roland Fréjus nel 1666 107, indicato anche nelle carte di Renou (supra, 3.1) e di Beaudouin;
  • itinerario da Tamezourt (Bâdis) a Sidi Ahmed el Grib, che passa da Sidi Younes e da Snada (Kasba Talembades) e si collega alla valle dell’Oued Ouerrah e alle piste dirette verso l’asse Oujda-Taza-Fès (itinerari 6 e 12); il tracciato coincide con quello disegnato da Beaudouin, e anche in questo caso è indicato un percorso che da Snada raggiunge Rouadi, creando un collegamento con l’itinerario costiero;
  • itinerario da Melilla all’Oued Msoun in direzione di Guercif, che passa da Selouane e dalla Zaouia Muley Kerker (itinerario 9); coincide con quello disegnato da Beaudouin, ma non raggiunge Guercif, terminando sull’itinerario Oujda-Taza-Fès;
  • itinerario da Melilla a Taza, che passa da Selouane, Taferhsit, Sidi Ali bou Rokba (itinerario 11), coincidente con quello disegnato da Beaudouin.

71La carta segnala altri tracciati, già presenti nella carta di Beaudouin, che da Selouane raggiungono l’Oued Moulouya e da qui si raccordano con le piste che si dirigono al confine algerino, a Oujda e alla strada Oujda-Taza-Fès. Anche in questo caso ci limitiamo a segnalare il tracciato che da Selouane raggiunge l’Oued Moulouya passando da Zaïo (itinerario 7), e quello che da Selouane passa da Hassi Berkane (itinerario 8) e raggiunge la strada Oujda-Taza-Fès all’altezza della Kasba Moulaï Ismaïl (Taourirt).

3.7. “Voyages au Maroc (1899-1901)” di Édouard Marie René Bardon de Segonzac (1903)

  • 108 Per il contenuto dell’opera di Segonzac cfr. Vismara 2014, p. 154-155. Nel 1903 l’autore ha pubbli (...)
  • 109 Per un commento sulla carta di R. de Flotte de Roquevaire cfr. Vismara 2014, p. 181-182. Posterior (...)

72L’opera “Voyages au Maroc (1899-1901)” (1903) del marchese Édouard Marie René Bardon de Segonzac è la relazione dettagliata di tre viaggi di esplorazione compiuti dall’autore tra il 1899 e il 1901 nel Marocco settentrionale, nella zona del Medio Atlante e nel Sous, con l’obiettivo di studiare il “Bled es-Siba”, ovvero il Marocco berbero 108. La relazione è accompagnata da numerose fotografie e da una carta in scala 1:250.000 di René de Flotte de Roquevaire che riassume gli itinerari percorsi e le informazioni raccolte 109.

73Nel Marocco settentrionale Segonzac ha effettuato un lungo percorso, recandosi da Tangeri a Fès, da Fès a Melilla e da Melilla a Ouezzane.

  • 110 Segonzac 1903a, p. 1-21; nel primo tratto l’itinerario attraversa i territori (...)

74 Da Tangeri a Fès lo studioso ha seguito il tragitto più breve, che passa da Ksar El Kebir e Ouezzane 110.

  • 111 Segonzac 1903a, p. 21-24.
  • 112 Segonzac 1903a, p. 24-37.
  • 113 Segonzac 1903a, p. 37-50.

75 Da Fès a Melilla, l’itinerario di Segonzac si dirige inizialmente a Nord-Est 111. All’altezza di Meknassa, l’itinerario percorre l’alta valle dell’Oued Msoun, indicata come il “cammino” ufficiale da Taza a Melilla, e raggiunge la catena del Rif in corrispondenza del passo di Akbat el-Kadi (a 1400 m di altitudine); superato il passo, l’itinerario segue la valle dell’Oued Kert fino alla pianura di Lemtalça e a Taferhsit, toccando i villaggi di “Taribas” e Hadria e la zaouia di Sidi Ali Bou Rekba 112. Nel punto in cui l’Oued Kert piega verso Nord, l’itinerario si dirige a Nord-Est in direzione di Kebdana e percorre la valle dell’Oued Gaoud, fino alla qasba di Selouane; da qui l’itinerario si ricollega a quello percorso da Duveyrier fino a Melilla (supra, 3.4), fiancheggiando la Sebkha Bou’ Areg e facendo tappa alla qasba di Djenada 113; è da notare che il percorso effettuato da Segonzac coincide approssimativamente con l’itinerario da Melilla a Taza passando da Taferhsit e Sidi Ali bou Rekba indicato nella carta di Beaudouin (supra, 3.2) e in quelle successive che ad essa si ispirano (itinerario 11).

  • 114 Segonzac 1903a, p. 51-62. R. de Segonzac (1903a, p. 55) segnala l’esistenza di (...)
  • 115 Segonzac 1903a, p. 64-74. R. de Segonzac (1903b, p. 122) sottolinea che l’itin (...)

76 Da Melilla a Ouezzane, il primo tratto dell’itinerario (coincidente con l’itinerario 2) taglia alla base il Cap des Trois Fourches passando da Iazan (I’azzanene, indicata nella carta allegata di Flotte de Roquevaire) e dalla moschea del “qaïd bou Zian es Saïdi”, quindi, superata la zaouia di Si Mohammed el-Ahadri (Sidi Mohand) e un marabout in corrispondenza di una piccola cala (presso Ras Afraou?), rientra verso l’interno risalendo la valle dell’Oued “Azari” (Oued Sidi Salah) e passa dalle colline di Tamsâmân all’altezza di Sidi bou Iaqoub (Beni boû Ya’koub, indicata nella carta allegata di Flotte de Roquevaire) per raggiungere la pianura di Al Hoceima dove scorrono l’Oued Nekôr e l’Oued Rhîs; superati i due fiumi, passa da Nekour e Ajdir (menzionati separatamente) e quindi si dirige verso Sud-Ovest, attraversa il territorio di Beqquouïa (Bokoia) e raggiunge Snada 114. Da qui l’itinerario si ricollega all’itinerario Bâdis – Fès (itinerari 6 e 12), che segue la valle dell’Oued Talembadès (Oued El Anser - Izlâfene - Snada), attraversa la vallata di Mrabtin, il territorio di Targuist, l’alta valle dell’Oued Rhîs e del Nekôr (corrispondente al limite meridionale del Rif), passa dalla “zaouia de Taffah” dalla “Djemà des Cheurfa de Taffraout” e dall’Oued Ouerrha, raggiunto il quale Segonzac abbandona l’itinerario per Fès e si dirige a Ovest, verso Ouezzane 115.

3.8. Il “Mapa de la Parte Norte de Marruecos en escala 1:500.000” (1904) della Comisión de Estado Mayor en Marruecos

  • 116 Per il contesto storico in cui si inquadra la genesi della Comisión de Marruecos cfr. Urteaga, Nad (...)
  • 117 La documentazione realizzata dalla Comisión tra il 1882 e il 1956 fa parte dei fondi storici del C (...)

77Tra i documenti cartografici prodotti tra la seconda metà dell’’800 e gli inizi del ’900 si distingue, per la sua qualità, la produzione della Comisión de Estado Mayor en Marruecos, una commissione di cartografi militari dipendente dal Depósito de la Guerra, istituita nel 1881 dalle autorità spagnole per porre rimedio alla scarsa conoscenza geografica del Marocco 116. Le attività della Comisión coprono l’intero arco cronologico che va dal 1882 al 1956 e documentano da un lato il progressivo incremento di conoscenza del paese, dall’altro le trasformazioni del territorio determinate dalla “obra material” del Protettorato spagnolo 117.

  • 118 Per l’inquadramento storico-politico della genesi della carta e la metodologia impiegata per reali (...)
  • 119 Le fonti utilizzate sono indicate nell’intestazione della carta. Tra gli altri figurano i lavori d (...)
  • 120 Sul metodo impiegato dai cartografi spagnoli per ottenere le informazioni necessarie e correggere (...)

78Nel 1904 la Comisión si dedicò alla realizzazione del “Mapa de la Parte Norte de Marruecos en escala 1:500.000” (fig. 7), carta di sintesi del Marocco settentrionale realizzata a partire da documenti disomogenei 118: rilevamenti topografici già effettuati dalla Comisión (per la zona occidentale), carte idrografiche realizzate dalla Dirección de Hidrografía (per la costa mediterranea), fonti a stampa, principalmente la cartografia francese e lavori di viaggiatori (per la regione di Kebdana e il corso inferiore dell’Oued Moulouya) 119. Per la zona centrale, corrispondente al massiccio del Rif, per la quale mancava qualunque elemento di appoggio, si dovette procedere «por noticias». Le informazioni furono ricavate da soldati ausiliari nativi della regione che collaboravano con la Comisión. Il metodo impiegato si basava sulla ricostruzione teorica di una rete di itinerari che partendo dal litorale seguivano le piste principali e i corsi d’acqua 120.

Fig. 7 : “Mapa de la Parte Norte de Marruecos por la Comisión del Cuerpo de Estado Mayor del Ejército. Escala 1:500.000”

79

Edizione del 1912

Da Urteaga 2006b, fig. 4.

  • 121 Il “Mapa” fu completato e consegnato al Depósito de la Guerra il 23 maggio del 1904; la stampa fu (...)
  • 122 La carta suscitò una notevole impressione durante la Conferenza, facendo credere che la Spagna ave (...)

80Nonostante le difficoltà e i metodi eterodossi impiegati per la sua realizzazione, la Comisión riuscì a elaborare un documento cartografico di qualità superiore a tutti quelli esistenti all’epoca 121. Il “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” fu presentato nella Conferenza di Algeciras del 1906, come strumento di lavoro nelle trattative con le altre potenze europee sulla spartizione delle aree di influenza nel Maghreb 122.

81Gli itinerari indicati nel “Mapa” sono i seguenti:

  • itinerario costiero da Saïda du Kiss (Kasba es Saida) a Melilla (itinerario 1), corrispondente a quello percorso da Duveyrier nel 1886 123 (supra, 3.4), presente anche nella carta di Flotte de Roquevaire del 1897 (supra, 3.6);
  • itinerario costiero da Melilla a Tétouan (itinerario 2); da Melilla l’itinerario passa alla base del Cap des Trois Fourches, attraversa l’Oued Kert e prosegue lungo la costa fino ai dintorni di Ras Afraou (Ras en Aabdun), poi scende verso l’Oued Amekrâne (Igzar en Takzeft Ugran / Uad bu Azun), supera le montagne di Tamsâmân passando da Beni boû Ya’koub (Sidi bu Iakub), attraversa la pianura di Al Hoceima e raggiunge Ajdir, da dove scende in direzione Sud-Ovest fino a Rouadi (Sok el Hhad er-Ruadi), poi risale la valle dell’Oued Kerker (Igzar Akarkar) fino a Bâdis (Sidi bu Iakob) e da qui prosegue lungo la costa, raggiungendo Tétouan; il tracciato combina quello disegnato nella carta di Beaudouin (supra, 3.2) e quello seguito da Segonzac nel viaggio da Melilla a Ouezzane (supra, 3.7);
  • itinerario interno da Melilla a Tétouan, che passa dalla qasba di Selouane, da Taferhsit e dal territorio di Targuist, quindi prosegue per Chefchaouen e Tétouan (itinerario 3); corrisponde al tracciato disegnato nella carta di Beaudouin (supra, 3.2; cfr. anche 3.3, 3.6);
  • itinerari di raccordo tra il tracciato costiero e quello interno che passano dalla valle dell’Oued Kert (itinerario 4A-B); un primo tracciato (4A), sulla riva destra del Kert, si dirama da quello costiero all’altezza di I’azzanene e raggiunge Selouane passando da Zeghanghane; un secondo tracciato (4B), che parte ugualmente da I’azzanene, oltrepassa il fiume dirigendosi verso Taferhsit;
  • itinerario da Bâdis a Sok es-Sebtz (territorio di Targuist), che passa dalla qasba di Snada (Senada Kazba Tzera en Bades) (itinerario 6); da Sok es-Sebtz l’itinerario si dirige a Sud, verso la valle dell’Oued Ouerrha e della strada Oujda-Taza-Fès (itinerario 12); l’itinerario, che da Snada si collega a quello costiero tramite un tracciato che raggiunge Rouadi, corrisponde a quello documentato nella carta di Beaudouin (supra, 3.2; cfr. anche 3.3., 3.6) e percorso da Segonzac nel viaggio da Melilla a Ouezzane (supra, 3.7);
  • itinerario che parte da Melilla, passa da Selouane e dalla Zauia Mulei Kerker e si dirige verso Guercif (itinerario 9), corrispondente al tracciato documentato nella carta di Beaudouin (supra, 3.2; cfr. anche 3.3, 3.6);
  • itinerario da Melilla a Taza, che passa da Selouane, Taferhsit, Sidi Ali bou Rokba (itinerario 11); questo itinerario, che compare anche nella carta di Beaudouin (supra, 3.2), corrisponde al percorso seguito in senso inverso da Segonzac nel suo viaggio da Fès a Melilla (supra, 3.7).

82Come nella carta di Beaudouin e in quella di Flotte de Roquevaire del 1897, il “Mapa” segnala un tracciato che da Selouane raggiunge l’Oued Moulouya passando da Zaïo (itinerario 7) e un tracciato che da Selouane passa da Hassi Berkane e raggiunge la strada Oujda-Taza-Fès all’altezza della Kasba Moulaï Ismaïl (Taourirt) (itinerario 8) (supra, 3.2, 3.6).

83Rispetto alle carte precedenti, non compare l’itinerario dalla baia di Al Hoceima a Taza percorso da Roland Fréjus (itinerari 5 e 10; supra, 3.1).

3.9 La “Carte du Maroc à l’échelle du 1.000.000e” di René de Flotte de Roquevaire (1904)

  • 124 Una copia della carta è conservata nella Bibliothèque nationale de France, Département Cartes et P (...)

84Nel 1902 Flotte de Roquevaire effettuò delle ricognizioni in Marocco per la redazione di una “Carte du Maroc à l’échelle du 1.000.000e”, pubblicata nel 1904 124.

  • 125 Flotte de Roquevaire 1904, p. 5-8 e carta n° 1, che riassume i diversi livelli (...)

85La carta (in quattro fogli corrispondenti a regioni distinte) integra e corregge quella redatta dallo stesso Flotte de Roquevaire nel 1897 (supra, 3.6), utilizzando nuove informazioni tra cui spiccano per la loro qualità i dati delle ricognizioni e dei rilievi effettuati dal capitano Larras tra il 1900 e il 1903 e quelli tratti dai lavori di Segonzac 125.

  • 126 Flotte de Roquevaire 1904, p. 9 e carta n° 2 con l’indicazione sommaria degli (...)

86Flotte de Roquevaire specifica di avere sostituito gli itinerari dei viaggiatori segnalati nella carta del 1897 con l’indicazione delle piste maggiormente utilizzate, rese in rosso con linea continua o a tratteggio a seconda della loro importanza 126. In corrispondenza del Rif gli itinerari indicati sono i seguenti:

  • itinerario costiero da Saïda du Kiss (Bordj Saïdia) all’Oued Moulouya e da qui a Melilla (itinerario 1); come nella carta del 1897 e nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904, l’itinerario corrisponde a quello percorso da Duveyrier nel 1886 (supra, 3.4);
  • itinerario costiero da Melilla a Tétouan (itinerario 2), che presenta caratteristiche analoghe a quello documentato nel “Mapa” del 1904 (supra, 3.8): da Melilla l’itinerario passa alla base del Cap des Trois Fourches, attraversa l’Oued Kert, prosegue lungo la costa fino ai dintorni di Ras Afraou, poi scende verso l’Oued Amekrâne (Ouamri), supera le montagne di Tamsâmân passando da Beni boû Ya’koub (Sidi bou Iaqoub), attraversa la pianura di Al Hoceima e raggiunge Ajdir, quindi scende in direzione Sud-Ovest fino a Rouadi (el-Had), e da qui risale fino a Bâdis (correttamente posizionata rispetto alla carta del 1897), proseguendo lungo la costa fino a Tétouan;
  • itinerario che da Melilla raggiunge Selouane e Taferhsit, corrispondente al primo tratto del tracciato interno Melilla-Tétouan (itinerario 3) indicato nei documenti precedenti (supra 3.2, 3.3, 3.6, 3.8);
  • itinerario di raccordo tra il tracciato costiero e quello interno che parte da I’azzanene e raggiunge Selouane passando da Zeghanghane (itinerario 4A); l’itinerario è indicato anche nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 (supra, 3.8);
  • itinerario che parte da Bâdis, passa dalla valle dell’Oued Talembades (Oued El Anser - Izlâfene - Snada) e dalla qasba di Snada (itinerario 6), raggiunge “Taffah” (regione di Targuist) da dove si dirige a Sud-Ovest, raggiungendo la valle dell’Oued Ouerrha e da qui l’asse Oujda-Taza-Fès (itinerario 12); corrisponde al tracciato documentato nella carta di Beaudouin (supra, 3.2), presente in tutte le carte successive e percorso da Segonzac nel viaggio da Melilla a Ouezzane (supra, 3.7);
  • itinerario da Melilla all’Oued Msoun in direzione di Guercif, che passa da Selouane, dalla Zaouia mtaa Mulaï Kerker e “Sidi Brahim” (itinerario 9); trova corrispondenza nella carta di Beaudouin (supra, 3.2; cfr. anche 3.3, 3.6, 3.8);
  • itinerario che da Melilla raggiunge Selouane e Taferhsit, e da qui si dirige verso l’asse Oujda-Taza-Fès, passando da Sidi Ali bou Rekba e da Akbat el-Kadi (itinerario 11); l’itinerario, che compare anche nella carta di Beaudouin e in quelle successive (supra, 3.2, 3.3, 3.6, 3.8) coincide con quello seguito da Segonzac, in senso inverso, nel viaggio da Fès a Melilla (supra, 3.7);

87Anche in questa carta, come nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 e nelle carte precedenti, sono disegnati il tracciato che da Selouane raggiunge l’Oued Moulouya passando da Zaïo (itinerario 7) e quello che Selouane passa da Hassi Berkane e raggiunge la strada Oujda-Taza-Fès all’altezza di Taourirt (itinerario 8) (supra, 3.8).

88Analogamente a quanto si riscontra nel “Mapa” del 1904, non compare l’itinerario di Roland Fréjus dalla baia di Al Hoceima a Taza. Si registra inoltre l’assenza dell’itinerario interno da Melilla a Tétouan, che passa dalla qasba di Selouane, Taferhsit e dal territorio di Targuist, sempre presente nella documentazione anteriore.

3.10. La “Geografía general de la provincia del Rif y kábilas de Guelaia-Kebdana” di Gabriel Delbrel (1911)

  • 127 Per alcune notizie sulla biografia di Delbrel, francese passato dal 1906 al servizio della Spagna, (...)
  • 128 Nell’introduzione al volume della “Geografía”, F.G. Jordana segnala una carta 1:500.000 della part (...)

89A cavallo tra la fine dell’’800 e gli inizi del ’900 si collocano le attività di Gabriel Delbrel, autore dell’unica opera interamente dedicata al Rif, la “Geografía general de la provincia del Rif y kábilas de Guelaia-Kebdana”, pubblicata nel 1911 127. Delbrel conosceva in modo diretto il territorio, poiché si era recato più volte in Marocco dal 1891, stabilendosi dal 1903 prima a Melilla e poi a Zeghanghane, dove restò fino alla morte. La “Geografía” contiene due carte: “Provincia del Rif y su kábilas”, in scala 1:1.000.000, e “Guelaya y Kebdana”, in scala 1:250.000 128.

90Riguardo agli itinerari, riportati anche nelle carte allegate all’opera, Delbrel precisa che esistono infinite piste che attraversano le cabile del Rif, unendo tra loro i souk e i principali abitati, ma gli itinerari più importanti, utilizzati abitualmente dai commercianti indigeni (e per la maggior parte percorsi dallo stesso Delbrel), sono i seguenti:

  • itinerario costiero che da Saïda du Kiss (Alcazaba de Saidia) passa da Cabo de Agua (El Borch), segue il litorale di Kebdana fino a Kariat Arekmam (Suk-el-Arba) e quindi prosegue lungo il lato orientale della Sebkha Bou’ Areg fino a Melilla 129 (itinerario 1);
  • itinerario costiero da Melilla a Bâdis, che passa da Sammar, Sidi Hosseïn (Sidi Hassein), “Sidi Said”, Ajdir (Aydir) (itinerario 2); l’itinerario, che coincide con il tratto centro-orientale del tracciato costiero Melilla-Tétouan indicato nei documenti precedenti, compare nella carta “Provincia del Rif” ma non è menzionato nel testo;
  • itinerario interno, corrispondente a quello indicato nei documenti precedenti (itinerario 3), che compare nella carta “Provincia del Rif” ma non è menzionato nel testo; l’itinerario, che parte da Melilla, passa da Selouane, Taferhsit, “Arkub”, “Teffa” (territorio di Targuist), dove si collega alla strada Bades-Fas (itinerario 6);
  • due itinerari che collegano Melilla a Taza; il primo taglia alla base il promontorio di Cap des Trois Fourches e, seguendo la valle dell’Oued Kert, passa da Sammar, Taferhsit e dal passo di Akbat el Kadi (itinerario 4B; cfr. anche infra, itinerario 11) 130; il secondo, a Est del precedente, passa da Nador, da Selouane, dai territori di Garet e di Guerrouaou (Guerruao), da Aïn Zorah 131 (itinerario 10);
  • itinerario da Taferhsit a Alhucemas, che passa dai territori di Beni-Tuzin, Beni-Ul-lixec, Temsaman e termina sul litorale di Ajdir (Aydir) e Suani 132; in senso inverso, corrisponde al primo tratto dell’itinerario dalla baia di Al Hoceima a Taza attraverso Taferhsit (itinerario 5);
  • itinerario da Bâdis a Fès, che passa da Snada e Targuist, dal territorio di Senhaya e dalla valle dell’Oued Ouerrha 133 (itinerari 6 e 12); l’itinerario, documentato anche nelle carte precedenti, corrisponde a quello percorso da Segonzac nel viaggio da Melilla a Ouezzane;
  • itinerario da Melilla a Fès che passa da Nador, Zeghanghane, Taferhsit, dal passo di Akbat el Kadi e dal territorio di Branes 134; il tratto da Taferhsit ad Akbat el Kadi corrisponde all’itinerario 11;
  • un gruppo di itinerari che attraversano ampie valli per quasi tutto il loro percorso, considerati da Delbrel come grandi vie naturali di comunicazione del Nord-Est marocchino: a) da Melilla a Taourirt (Taurirt de Za), passando da Nador, Selouane, Sidi Saddik e attraversando la Moulouya al “Vado de Mul-El-Baxa” 135 (itinerario 8); b) da Melilla a Oujda passando da Nador, Selouane, Sidi Saddik, Hassi‑Berkane (come nell’itinerario precedente) e da El Ayoun 136; c) un secondo itinerario da Melilla a Oujda che coincide con il precedente fino Sidi Saddik, poi si dirige verso Est passando da Zaïo e dall’Oued Moulouya, in corrispondenza del guado di Mechra Saf-Saf 137 (itinerario 7); d) un itinerario (corrispondente nel primo tratto all’itinerario 7) che da Taferhsit si dirige al confine con l’Algeria passando dalla regione di Garet, da Sidi Sadikk, dal guado di Mechra Saf-Saf e dalla pianura di Triffa 138;
  • itinerario da Ajdir (Aydir) a Fès, che passa da Ait-Abd-al-lah (nella valle dell’Oued Rhîs) e Targuist, da dove si ricollega al nostro itinerario 11 139; questo percorso, che non compare negli altri documenti esaminati, è descritto nel testo ma non è riportato sulla carta.

3.11. Il “Mapa Provisional en escala 1:50.000” e il sistema stradale del Protettorato (figg. 10-12)

  • 140 Per una sintesi storica sul Protettorato spagnolo in Marocco e la sua organizzazione politica e te (...)
  • 141 Sulla resistenza delle tribù locali all’occupazione spagnola, con particolare riferimento alle ope (...)
  • 142 Albet i Mas, Riudor 1999; Nadal, Urteaga, Muro 2000; Villanova 2012; Vismara 2 (...)
  • 143 La carta è costituita da 20 fogli suddivisi in 117 ottavi; per le sue caratteristiche tecniche e l (...)
  • 144 L’edizione in scala 1:100.000 è reperibile nel sito della Biblioteca Virtual del Ministerio de Def (...)

91L’instaurazione del Protettorato nel Marocco settentrionale comportò per l’Amministrazione spagnola la necessità di incrementare la conoscenza della regione, dando impulso a nuovi lavori geografici e cartografici 140. La documentazione prodotta dalla Comisión de Marruecos fino al 1927, anno in cui si concluse la cosiddetta “Guerra del Rif” 141, fu utilizzata per pubblicare nello stesso anno il “Mapa de Marruecos, Protectorado Español en escala 1:200.000” (in 6 fogli) 142. Immediatamente dopo, la stessa documentazione confluì nella redazione e pubblicazione del “Mapa topográfico del Protectorado de Marruecos en escala 1:50.000” (fig. 8), realizzato tra il 1927 e il 1935 143, di cui esistono edizioni anche in scala 1: 100.000 144 (fig. 9) e 1: 500.000.

Fig. 8 : Riproduzione del foglio 12-1, “Alhucemas-Axdir. El Rif” (1927), del “Mapa Provisional en escala 1 :50.000”

92

Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.6-083 H. 12-1 (1), http://bibliotecavirtualdefensa.es/​BVMDefensa/​i18n/​consulta/​resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=2323&tipoResultados=BIB&posicion=3&forma=ficha.

Fig. 9 : “Mapa del Protectorado Español en Marruecos. Escala 1:100.000. Reducción del Mapa en 1:50.000 formado por la Comisión Geográfica de Marruecos y Límites. Croquis de conjunto”

93

Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.2-026, http://bibliotecavirtualdefensa.es/​BVMDefensa/​i18n/​consulta/​resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=2355&tipoResultados=BIB&posicion=13&forma=ficha).

  • 145 Nello stesso tempo il “Mapa Provisional”, insieme alla produzione geografica degli “interventores” (...)
  • 146 Villanova 2004, p. 81, 100 con bibliografia.

94La carta in scala 1:50.000, denominata nei singoli fogli “Mapa Provisional”, considerata l’opera più importante della cartografia coloniale spagnola della prima metà del XX secolo, testimonia graficamente le principali trasformazioni territoriali messe in atto nel periodo del Protettorato 145. Si segnala innanzitutto la nascita di nuovi centri urbani come Villa Sanjurjo / Al Hoceima (1925) e lo sviluppo di nuclei esistenti e postazioni militari diventati centri di colonizzazione come Nador, Selouane, Mont-Aroui, Dar Driouch, Taferhsit; in particolare Nador e Al Hoceima raggiunsero dimensioni e importanza notevoli 146.

  • 147 Per la sequenza dei lavori stradali in relazione alla progressiva occupazione militare del territo (...)
  • 148 Solo nel 1944, durante il franchismo, fu presentato un “Plan de Caminos”, redatto dall’ingegnere m (...)

95Per quanto riguarda la rete stradale, i primi interventi furono avviati nella regione di Melilla nel 1909 e fino al 1926 si concentrarono sulla realizzazione progressiva di strade e piste che rispondevano principalmente ad esigenze di controllo militare del territorio 147. In una fase successiva si passò invece all’elaborazione di una rete stradale organica (fig. 10), concepita per unire tra loro le città e le località più importanti 148, tenendo conto che la linea di frontiera con la zona assegnata alla Francia aveva separato politicamente le originarie vie di comunicazione tra il Nord e il Sud del paese e tagliato fuori dalla zona spagnola il “couloir” di Taza, asse naturale di collegamento tra il Marocco e l’Algeria, da cui passa l’attuale strada Tlemcen-Oujda-Taza-Fès.

Fig. 10 : Il sistema di comunicazioni del Protettorato spagnolo

96

Da García Figueras, Fernández Llebrez 1955.

  • 149 Per la “logica” della rete stradale del Protettorato cfr. García Figueras, Fernández Llebrez 1955. (...)
  • 150 García Figueras, Fernández Llebrez 1955, p. 39-41. La scelta di far passare la (...)

97Nella zona occidentale la rete era costituita da arterie principali che collegavano le città di Ceuta, Tétouan, Tangeri, Larache, dalle quali partivano strade secondarie che raggiungevano i centri minori 149. Nella zona centrale e orientale il sistema di collegamento era incentrato su una strada principale Est-Ovest che, lungo le montagne del Rif, attraversava la Zona spagnola per tutta la sua longitudine, da Ceuta a Melilla, passando per Tétouan, Chefchaouen, Villa Sanjurjo / Al Hoceima; da questa arteria interna si diramavano strade Nord-Sud, che raggiungevano le località della costa e quelle situate verso il confine con la Zona francese 150.

  • 151 Per i problemi incontrati dalla Comisión de Marruecos nell’individuazione e trascrizione dei topon (...)

98Grazie alla corrispondenza di numerosi toponimi con quelli presenti nella cartografia anteriore 151, si può affermare che la rete stradale realizzata durante il periodo del Protettorato ricalca almeno in parte piste e tracciati già esistenti (infra, paragrafo 4). Questa rete stradale costituisce a sua volta l’ossatura del sistema viario attuale, con l’aggiunta, in anni recenti, di una strada costiera (“Rocade Méditerranéenne”), concepita per facilitare i collegamenti tra le località che si affacciano sul Mediterraneo e offrire nuove opportunità di sviluppo economico alla regione.

4. Gli itinerari di età moderna: una sintesi dei dati

  • 152 Si vedano i contributi in España en Marruecos 1999, e in particolare il contributo di J. Nogué e J (...)

99Le caratteristiche del sistema stradale del Marocco settentrionale agli inizi del XX secolo sono state messe in evidenza da alcune ricerche dedicate, in modo più ampio, all’impatto dell’azione dell’Amministrazione spagnola sugli assetti territoriali anteriori al periodo del Protettorato 152.

  • 153 Sui souk marocchini si veda Troin 1975.

100La rete degli itinerari era costituita da innumerevoli piste e sentieri e da alcune strade principali che collegavano tra loro le città, tra le quali la strada che univa Tangeri a Fès era la più importante dal punto di vista commerciale e militare; la costa mediterranea comunicava con il Sud passando dal centro di Ghomara e dal Rif grazie ad alcuni passi esistenti nel massiccio montuoso; la regione orientale si collegava con l’Algeria attraverso i guadi dell’Oued Moulouya (in particolare Mechra Kelila e Mechra Saf-Saf, da cui passa l’attuale strada Nador - Berkane), nonché per via costiera, e comunicava con Fès attraverso la valle della Moulouya e il “couloir” di Taza; verso Melilla si dirigevano differenti itinerari dalle cabile del Kert; numerose piste conducevano ai mercati settimanali, presenti nei territori di tutte le tribù e in numerose frazioni 153.

  • 154 Delbrel 1911; García Figueras, Fernández Llebrez 1955, p. 39-41. Sul paesaggio a (...)
  • 155 G. Delbrel (1911, p. 46) sottolinea la necessità di farsi accompagnare da guide fidate, sia per il (...)

101Tale sistema stradale rispondeva alle limitate esigenze di un contesto ancora fortemente tradizionale, caratterizzato in modo predominante da un’economia agraria di tipo familiare 154; i ponti erano praticamente inesistenti e gli spostamenti erano complicati non solo per ragioni geografiche, ma anche per lo stato politico delle tribù, che controllavano le piste ricadenti nel loro territorio, rendendo necessaria l’intercessione di persone importanti, come gli “chorfa”, o entità religiose, come le “zauias” 155.

  • 156 Cfr. supra, nota 147.

102In questo quadro generale, la documentazione descritta nel paragrafo precedente consente di ricostruire in modo più dettagliato il sistema delle comunicazioni del Rif nel periodo anteriore al 1909, anno in cui ebbero inizio le prime realizzazioni stradali ad opera dell’Amministrazione spagnola 156.

103Da tale documentazione, il Rif risulta attraversato da due grandi itinerari con orientamento Est-Ovest, uno costiero e l’altro interno, che collegano la regione orientale e Melilla con Tétouan, e da qui con Tangeri e la regione dello Stretto (fig. 11). L’itinerario costiero (itinerari 1-2) parte dal confine con l’Algeria e raggiunge Tétouan seguendo il litorale, da cui si allontana solo in corrispondenza dei promontori principali (Cabo de Agua, Cap des Trois Fourches, Cap Quilates). L’itinerario interno (itinerario 3) parte da Melilla, scende verso Selouane e da qui segue l’asse Taferhsit - Targuist, dirigendosi verso Chefchaouen e quindi a Tétouan.

Fig. 11 : Carta riassuntiva degli itinerari terrestri del Rif in età moderna (XIX - inizi del XX secolo)

104

Le frecce rosse indicano il tracciato degli itinerari ricostruibile in base ai documenti esaminati. Sullo sfondo, in grigio, la rete delle strade principali realizzate nel periodo del Protettorato spagnolo.

105L’itinerario costiero e quello interno sono raccordati da tracciati trasversali che uniscono la regione dell’Oued Kert con Selouane e Taferhsit (itinerario 4A-B), la baia di Al Hoceima con Taferhsit (itinerario 5), Bâdis con Targuist (itinerario 6).

  • 157 La comunicazione abituale Nord-Sud fu interrotta dalla frontiera tra le due zone del protettorato, (...)

106Lungo l’itinerario interno (itinerario 3), Selouane, Taferhsit / Midar e Targuist costituiscono i punti di raccordo con tracciati che si dirigono a Sud e a Sud-Est raggiungendo l’Algeria e l’asse Tlemcen-Oujda-Taza-Fès 157 (il “Trik es-Soltan” della tradizione araba, supra, paragrafo 2: itinerari 7, 8, 9, 10, 11, 12).

107Qui di seguito si propone una sintesi dei dati relativi agli itinerari menzionati e un’elencazione, sotto forma di tabelle (nn. 1-12), delle località e dei fiumi principali del Rif che i diversi documenti permettono di localizzare lungo il loro tracciato, indicando tra virgolette i toponimi delle località di cui non è stata individuata la posizione sul terreno. Tali elencazioni mettono in evidenza, attraverso le citazioni dei toponimi, le filiazioni tra i vari documenti. Per il posizionamento dei toponimi di cui è nota l’ubicazione e le loro corrispondenze con quelli del “Mapa Provisional en escala 1:50.000” (1927-1935) e dell’attuale “Carte du Maroc 1:50.000e” si rimanda alle Tabelle 13-14 e alle fig. 13-14.

4.1. Itinerario 1: dal confine algerino e Saïda du Kiss a Melilla (Tabella 1)

108Nella carta di Beaudouin (1848 , supra, 3.2) è indicato un itinerario (con la simbologia delle “routes ordinaires”) che partendo dall’Oued Kiss, al confine con l’Algeria, raggiunge l’Oued Moulouya in prossimità della foce, passa alla base del promontorio di Cabo de Agua, prosegue lungo il litorale costeggiando il lato Est della Sebkha Bou’ Areg e arriva a Melilla.

109Un itinerario analogo fu seguito nel 1886 da Duveyrier, nel suo viaggio da Tlemcen a Melilla (supra, 3.4), con la differenza che il percorso di Duveyrier passava sul lato occidentale della Sebkha.

110Nelle due carte di Flotte de Roquevaire (1897 e 1904, supra, 3.6, 3.9) e nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 (supra, 3.8) l’itinerario passa a Ovest della Sebkha, utilizzando come fonte il percorso descritto da Duveyrier.

111Le carte di Delbrel (1911, supra 3.10) disegnano sia il tracciato corrispondente a quello di Beaudouin, che passa sul lato Est della Sebkha Bou’ Areg, sia quello che passa sul lato Ovest.

112L’itinerario in esame è ricalcato dalla strada costiera Melilla – Cabo de Agua, costruita nel periodo del Protettorato.

4.2. Itinerario 2: da Melilla a Tétouan lungo la costa (Tabella 2)

113L’esistenza di un itinerario costiero che collega Melilla a Tétouan è documentata nella carta di Beaudouin (1848, supra, 3.2) e nella cronaca dei viaggi compiuti dal marchese di Segonzac tra il 1889 e il 1901 (supra, 3.7).

114Beaudouin disegna un tracciato che da Melilla scende a Selouane, poi risale in direzione della costa e prosegue lungo il litorale fino a Ras Afraou; da qui piega verso l’interno, supera le montagne di Tamsâmân, attraversa la pianura di Al Hoceima, raggiunge la costa ad Ajdir, quindi piega nuovamente verso Sud-Ovest in direzione di Rouadi per poi tornare sulla costa all’altezza di Bâdis, da dove prosegue fino a Tétouan senza allontanarsi dal litorale. L’itinerario di Beaudouin è riproposto con analoghe caratteristiche nella carta allegata all’opera di Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3) e nella carta del 1897 di Flotte de Roquevaire (solo a partire dalla località identificabile con Beni boû Ya’coub, supra, 3.6).

Tab. 1 : Itinerario 1: dal confine algerino e Saïda du Kiss a Melilla

Documenti

Località e fiumi principali (da Est verso Ovest)

Carta di Beaudouin (1848)

Oued Kiss - Oued Mulouya – Sidi Bechir – Bordj - Sidi Abdallah Mechra – Tazaghrine - Muley Ali Cherif - [Località senza nome identificabile con Restinga] - Melilla

Duveyrier (1893)

[Per il percorso complessivo dell’itinerario, che parte da Tlemcen, supra 3.4]

Bordj Es-Sa’їdîya - Ouâd Moloûya - Sidi Mohammed Amezziân - Sidi Abd Er-Rahmân - Sidi Ibrâhim - Zebboûdj el Makhroûdj” - “Temalet” - Djebb Oû-Môrtou” - “Zaouîya Sidi Mohammed Ben Aboû Ziyân” – Nâdôr - Sidi Ali – Mezoûdja - “Sidi Mohammed El Moudjâhed” – Melîla

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Oued Kiss - Oued Moulouïa - Cabo de l’Agua - Sidi Bechir - “Zebboudj el Makhroug” - “Djebb ou Mortou”- Nador – Mezoudja – Djenada - Melila

Mapa de la Parte Norte
de Marruecos (1904)

Kasba es Saida - Uad el Meluia - Cabo de Agua - Sidi el Baxir – Borch - Sidi Abdallah er Rahhman - Mexra er-Rhail - Sidi Mohamd Amezian - Sok el Yemua - Sidi Brahim - “Azmelili” - “Tunadet” - “Zebuch el Mahrum” - Muley Ali Xerif - Yarf er-Rum - “Tunin” - “Casa del Santon de la Fuentecilla” - Sok el Arbaa – Nador - Rauda de Sidi Ali nTemxartz - “Dar el Hhach Hhadri” - Alcazaba de Farjana – Melilla

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Bordj Saïdia - Oued Moulouia - Bordj Sidi el-Bechir - Sidi Mohamd Ammezzian - “Temalet” - “Zebboudj el-Makhroud” - “Djeb ou Mortou” - “Msamir” – Nador - “Sidi Mohammed” - Ferkhana / Qasba Djenada – Melilia

Delbrel (1911)

Alcazaba de Saidia - Uad Muluya - Cabo de Agua - Sidi Mohammed el Baxir - El Borch - Mechra Jerbaxa - Mechra el Jrel - Sidi Mohammed Amezian - Zoco Yemua – Tazagin - Sidi Brahim - Muley Ali Xerif - “Tunin” - Zoco el Arba Arkmam – Restinga - “Tangmert” – Nador - Sidi Ali ù Rtas - Beni Nsar - Alcazaba de Yenada - Melilla

Tab. 2 : Itinerario 2: da Melilla a Tétouan lungo la costa

Documenti

Località e fiumi principali (da Est verso Ovest)

Carta di Beaudouin (1848)

Melilia - Timkert” - Kasbat Zelouan - Oued Kert - Sidi Hussain - Oued Bou Azzoun

- [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] - Oued Nekour - Oued Ris – Nekour - Errouadi - Sidi Mansour - Sidi bou Yacoub el Badessi - Tamezourt - Sidi Younes - Badis [posizione erronea] - Mestassa - Bab Guelmam Afif

Località lungo il Cap Quilates

Sidi Dris - Sidi Chaib - Sidi bou Daoud

Carta di Gómez de Arteche, Coello (1859)

Melilla (Mlila) - “Timkert” - Casba Seluan – Azanene - Uad Kert / Garet - “Sidi Said” – Rio-Bu-Azun - Beni bu Yacub - Uad Nakour - Uad Ris – Neckor – Erraudi - Sidi Mansur - Sidi Bu Yacub el Badesi /Ruinas de Bades - Cabo Baba / Ras Tamensur - Las Torres de Alcalá - Mestasa - Bab Guelman Afif

Località lungo il Cap Quilates

Sidi Dris - Sidi Dxaib - Sidi bu Daud

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

“Sidi Saïd” - Oued bou Azzoun – [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] - Oued Nekour - Oued Ris - Nekour - El Mezemma - Errouadi - Sidi Mancour – Cap Baba / Tamezourt - Sidi Younes - Oued bou Ferrah - Badis [posizione erronea] - Bab Guelman Afif

Località lungo il Cap Quilates

Sidi Dris - Sidi Chaїb

Carta di Flotte de Roquevaire allegata a Segonzac (1903)

Melilia - Qaçba Djenada - Iazan - Oued Quert - “Dar Qaid bou Zian” - Sidi Mohamed el-Ahadri - Oued Azari - Oued Ouamri - Sidi bou Iaqoub - Oued Nekour - Oued Ris - “Qaїd bou Bekr” - Oued Talembadès / Oued Snada

Mapa de la Parte Norte de Marruecos (1904)

Melilla - Alcazaba de Farjana - Sok el Hhad - Sidi Mesaud – Iazanen - Sok etz-Tzelatza - Uad el Quert - “Dar kaid bu Zian”- Sidi Mohand Ahhadri - “Sidi Said” - Tazagui - Igzar Sidi Saleh -“Karban” - Sok el Hhad er-Ruadi - Igzar en Takzeft Ugran / Uad bu Azun - Sidi bu Iakub Alcazabas - “Dar kaid Al-lat” - Sidi Xaib bu Mftazhh - Sok el Arbaa - Sidi Ider - Uad Nekor - Es Suani - Tafras - Uad Guis – Axdir - Igraiax - Izemuren - Tafuesa - Uad bu Sicur - Agbar - Tausart – Askram - Sok el Hhad er-Ruadi - Sidi Mansor – Tguiditz - Aduz - I. Akarkar - Sidi bu Iakob - Cabo Baba / Ras en Tansort - I. en Bades - Las Cuatro Torres de Alcalá / El Berach - Sidi el Hhach Said - Mestasa - Uad Mestasa - Tazaiart

Località lungo il Cap Quilates

Sidi Saleh - Sidi Dris – Sidi Bu Dauetz

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Melilia - Ferkhana / Qasba Djenada - Sidi Amar – Iazan - Chemlala - Oued Qert - “Chaataf” - “Sidi el Mehdi” - “Dar Qaid bou Zian” - “Sidi bou Taalat” - Djama Ould el-Hadri - Oued Azari - Sidi Ali el Gendouz – Talilit - Oued Ouamri - Sidi bou Iaqoub - “Dar Khaid Allet” - el-Arba - Oued Nekour – Souani - Oued Ris – Ajdir - “Qaid bou Beker” - Igesalafen – el-Had – Bades - Oued Talembades - Bou Khachkhach - Mestaça - Oued Beni Gmil

Località lungo il Cap Quilates

Sidi Çalah - Ftirza - S. Chaїb ou Meftah

Delbrel (1911)

Melilla - Sammar - Uad Kert - Chabet - Sidi Hassein - “Sidi Said” - Tazagin - [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] - Uad Nekor - Suani - Tafrast - Uad Guis - Aydir - Adduz – Bades - Mestassa

Località lungo il Cap Quilates

Uad Sidi Salah / Uad Beni Tuzin - Sidi Salah - Sidi Dris

115L’itinerario di Segonzac parte da Melilla, passa alla base del Cap des Trois Fourches, raggiunge I’azzanene e l’Oued Kert, quindi prosegue fino alla strada Bâdis - Targuist (infra, itinerario 6) ricalcando l’itinerario indicato da Beaudouin (rispetto al quale si segnala una variante che costeggia il Cap Quilates, supra, nota 114).

116Il “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” (supra, 3.8) e la carta di Flotte de Roquevaire (supra, 3.9), entrambi datati al 1904, propongono un itinerario costiero che costituisce la sintesi delle informazioni offerte dai lavori di Beaudouin e Segonzac, a cui dichiaratamente si ispirano: da Melilla all’Oued Kert l’itinerario corrisponde a quello seguito da Segonzac, che taglia alla base il Cap des Trois Fourches, dall’Oued Kert a Bâdis corrisponde a quello disegnato da Beaudouin e in buona parte percorso da Segonzac. Le due carte registrano lungo il tracciato tutte le località indicate da Beaudouin e da Segonzac, e anche altre località (poste in corrispondenza dell’itinerario o nelle vicinanze).

117L’itinerario costiero, come descritto nelle due carte del 1904, è riproposto anche nella carta della Provincia del Rif di Delbrel (1911, supra, 3.10).

118Un riferimento generico all’itinerario costiero è contenuto nell’autobiografia di Emily Keene, che ricorda un viaggio da Tlemcen a Tangeri compiuto nel 1886 (supra, 3.4). La Keene indica, da Melilla, l’attraversamento di una regione montuosa priva di strade, quindi il passaggio dalla regione di Tamsâmân e da Mestassa, da dove si giunge a Tétouan e quindi a Tangeri.

119L’itinerario costiero Melilla-Tétouan, così come tracciato nei documenti elencati, è stato ricalcato in minima parte dalle strade costruite nel periodo del Protettorato, ma persiste nel sistema di piste registrato nel “Mapa Provisional es. 1:50.000” e successivamente nella “Carte du Maroc 1:50.000e”.

4.3. Itinerario 3: da Melilla a Tétouan passando dall’interno (Tabella 3)

120Questo itinerario attraversa in senso longitudinale le montagne del Rif, correndo più o meno parallelo a quello costiero, di cui ricalca il tratto da Melilla a Nador.

121Nella carta di Beaudouin (1848) l’itinerario passa da Selouane, Taferhsit e dal territorio di Targuist, proseguendo in direzione di Chefchaouen e Tétouan; il tracciato è contraddistinto con la simbologia delle strade principali e più sicure, ad eccezione del tratto compreso tra Taferhsit e Targuist (supra, 3.2).

122L’itinerario di Beaudouin compare nella carta di Gómez de Arteche e Coello del 1859 (che omettono però il tratto Taferhsit-Targuist, supra, 3.3), nella carta di Flotte de Roquevaire del 1897 (supra, 3.6), nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 (supra, 3.8) e nel lavoro di Delbrel (1911, supra, 3.10); fatta eccezione per il tratto Melilla-Taferhsit, l’itinerario non compare nella carta di Flotte de Roquevaire del 1904 (supra, 3.9).

123Da Melilla a Taferhsit e da Targuist a Tétouan l’itinerario coincide con il tracciato della grande arteria interna Est-Ovest realizzata nel periodo del Protettorato (che da Targuist risale verso Al Hoceima e poi riscende verso Taferhsit), mentre il tracciato diretto tra Taferhsit e Targuist è ricalcato da strade secondarie.

4.4. Itinerario 4: dall’itinerario costiero a quello interno attraverso la valle dell’Oued Kert (Tabella 4)

124Le carte documentano diversi tracciati di raccordo tra l’itinerario costiero (itinerario 1-2) e quello interno (itinerario 3) che passano dalla valle dell’Oued Kert.

125Nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 (supra, 3.8) sono presenti due tracciati che si diramano entrambi da I’azzanene; il primo, sulla riva destra del fiume, passa da Zeghanghane e raggiunge l’itinerario interno in corrispondenza di Selouane (itinerario 4A); il secondo oltrepassa il fiume in prossimità della foce e si dirige a Taferhsit (itinerario 4B).

126Il tracciato che raggiunge Selouane è presente nella carta di Flotte de Roquevaire del 1904 (supra, 3.9), mentre quello che si dirige a Taferhsit è segnalato da Delbrel (1911, supra, 3.10), il quale documenta anche un itinerario che raggiunge Taferhsit partendo da Nador.

127Nella zona dell’Oued Kert risulta piuttosto fitta la rete delle strade realizzate nel periodo del Protettorato, alcune delle quali coincidono con i percorsi descritti.

4.5. Itinerario 5: dalla baia di Al Hoceima a Taferhsit (Tabella 5)

128L’itinerario corrisponde al primo tratto del percorso seguito nel 1666 da Roland Fréjus nel suo viaggio dalla baia di Al Hoceima a Taza (supra, 1.2.3). Il tracciato si dirige a Beni boû Ya’coub, seguendo fino a questa località l’itinerario costiero (itinerario 2), quindi prosegue verso Sud-Est, passa dalla montagna di Teziaza (Tizi ‘Azza) e raggiunge Taferhsit.

129L’itinerario compare nelle carte di Renou (1846, supra, 3.1), Beaudouin (1848, supra, 3.2), Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3), Flotte de Roquevaire (1897, supra, 3.6) e nel lavoro di Delbrel (1911, supra, 3.10). Esso non compare invece nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 (supra, 3.8) e nella carta di Flotte de Roquevaire del 1904 (supra, 3.9).

130È da notare che il tracciato è ricalcato dall’attuale strada Ajdir-Taferhsit, che passa da Beni boû Ya’coub e Tizi ‘Azza.

4.6. Itinerario 6: da Bâdis a Targuist (Tabella 6)

  • 158 A. Mouliéras (1895, p. 74-85, cfr. supra, 3.5) cita il grande mercato intertribale di Souk es-Sebt(...)

131L’itinerario collega uno dei porti principali della costa in età medievale con Targuist 158, punto di raccordo tra il tracciato interno (itinerario 3) e quelli diretti da un lato verso l’Atlantico, attraverso Ouezzane, dall’altro verso Fès e Taza (infra, itinerario 12).

132L’itinerario, che segue la valle dell’Oued El Anser (che si collega all’Oued Izlâfene e all’Oued Snada) e passa dalla qasba di Snada, è riprodotto con analoghe caratteristiche nella carta di Beaudouin (1848, supra, 3.2), nella carta di Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3), nelle carte del 1897 e del 1904 di Flotte de Roquevaire (supra, 3.6, 3.9), nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 (supra, 3.8), nel lavoro di Delbrel (supra, 3.10). L’itinerario è stato percorso da Segonzac nel viaggio di ritorno da Melilla a Ouezzane: provenendo dall’itinerario costiero (itinerario 2), Segonzac raggiunge questa pista passando da Rouadi e da Snada. Il tracciato di raccordo tra Rouadi e Snada compare anche nella carta di Beaudouin e in tutti i documenti ad essa successivi.

133Il sistema stradale del Protettorato non ricalca l’asse storico Bâdis - Fès: la strada diretta a Targuist parte da Torres el Kal’a, a Ovest di Bâdis, e scende verso Sud percorrendo la valle dell’Oued Beni Boufrah.

Tab. 3 : Itinerario 3: da Melilla a Tétouan passando dall’interno.

Documenti

Località e fiumi principali (da Est verso Ovest)

Carta di Beaudouin (1848)

Kasbat Zelouan – Souk el Arba - Tafersit - Oued Bou Azzoun - Oued Nekour - Oued Ris - Sidi Ahmed el Grib - Hell Targuist

Carta di Gómez de Arteche, Coello (1859)

Casba Selouan – Tafersit - Sidi Ahmed-el-Grib - Hel Targuist

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Kasba d’Iselouan - Hassi Ouanzga [posizione erronea] - Oued Kert – Tafersit - Oued bou Azzoun - Oued Nekour - Oued Ris - Sidi Ahmed el Grib

Mapa de la Parte Norte de Marruecos (1904)

Kasbatz Seluan - Sidi Ali Musa - “El Maaden” - Sok el Yemua - Sidi Ahhmed ben Iussef - Dar el kaid el Hhach Amar de Mtalsa - Uad el Quert – Tafersit - Midar - Sok el Arbaa – “Sok el Jemis” – “Kaid el Mehadatz” - Uad bu Azun / Igzar en Takzeft Ugran - Uad Nekor - Uad Guis - Sidi Ahhmed el Grib – “Taffahh” - Sidi bu Zemin - Sok es-Sebtz – Targuist – Merahha – “Bekadel” – Tazamer

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Qasba Selouen - Sidi Ali Moussa - Dar Qaid el-hadj Omar el-Lemtalci - Oued Qert – Tafersit - “Qaid Mehadaz” – el-Arba - “Azib Qaid Allat”- Sidi Ali el Hassani

Delbrel (1911)

Seluan - Sidi Ali u Musa - Zoco Yemua - Uad Kert – Tafersit - Midher de Tafersit - “Arkub” – Uad Sidi Salah / Uad Beni Tuzin - Uad Nekor - Uad Guis – “Teffa” - Sidi Bu Tmin – Targuist

Tab. 4 : Itinerario 4: dall’itinerario costiero a quello interno attraverso la valle dell’Oued Kert

Documenti

Località e fiumi principali (da Nord verso Sud e da Est verso Ovest)

Mapa de la Parte Norte de Marruecos (1904)

Itinerario 4A: Iazan - Sok etz-Tzelatza - S. el Hhad de IzeganganSok el Jemis de Iuzuren – Kazbatz Seluan

Itinerario 4B: Sok etz-Tzelatza - Uad el Quert - “Dar Sidi Saidi” – Zegzana - “Zegzana Talania” - Tafersit

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Itinerario 4A: Iazan - Chemlala [posizione erronea sulla riva destra anziché sulla sinistra dell’Oued Kert] - Et-Tlata – Zerenran – Qasba Selouen

Delbrel (1911)

Itinerario 4B: Sammar - Zegzuia - Tafersit

Tab. 5 : Itinerario 5: dalla baia di Al Hoceima a Taferhsit

Documenti

Località e fiumi principali (da Nord verso Sud)

Carta di Beaudouin (1848)

Nekour - Oued Nekour – [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] - Oued Bou Azzoun - Djebel Tra Azza - Tafersit

Carta di Gómez de Arteche e Coello (1859)

Neckor - Uad Nakour - Beni Bu Yacub - Rio Bu-Azun - Djebel Tra-Azza - Tafersit

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Nekour - Oued Nekour - [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] - Oued bou Azzoun - Djebel Tra Azza - Tafersit

Delbrel (1911)

Aydir - Uad Guis - [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] - Uad Sidi Salah / Uad Beni Tuzin - Zauia S. Abd-Al-lah - Tafersit

Tab. 6 : Itinerario 6: da Bâdis a Targuist

Documenti

Località e fiumi principali (da Nord verso Sud)

Carta di Beaudouin (1848)

Tamezourt - Sidi bou Yacoub el Badessi - Sidi Younes - Talembades Kasbat - Sidi Ahmed el Grib - Hell Targuist

Carta di Gómez de Arteche e Coello (1859)

Sidi Bu Yacub el Badesi / Ruinas de Bades - Talembades Casba

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Tamezourt - Sidi Younes - Kasba Talembades - Sidi Ahmed el Grib

Carta di Flotte de Roquevaire allegata a Segonzac (1903)

Oued Talembadès / Oued Snada Snada - “Zaouia Taffah” - Targist

Mapa de la Parte Norte
de Marruecos (1904)

Sidi bu Iakob - Igzar en Bades / Igzar Imasimen - Senada- Kasba Tzera en Bades - TarguistMerahha - “Taffahh”Sok es-SebtzSidi bu Zemin

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Bades - Oued Talembades - Qasba Snada - “Talembades” - “Beni Halifa” – “El-Merabtin” - Targisth - “Taffah”

Delbrel (1911)

Bades - Snada - Sidi Bu-TminTarguist

4.7. Itinerario 7: da Selouane verso Oujda e il confine algerino (Tabella 7)

134L’itinerario coincide con la strada attuale che parte da Selouane, passa da Zaïo, attraversa l’Oued Moulouya in corrispondenza di Mechra Saf-Saf e si dirige a Oujda suddividendosi in due rami che passano rispettivamente da Berkane (a Nord) e da Taforalt e Sidi Bouhouria (a Sud).

135Il tracciato compare nella carta di Beaudouin (1848, supra, 3.2), nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904 (supra, 3.8) e nelle carte di Delbrel (1911, supra, 3.10). La carta di Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3) non riproduce l’itinerario ma indica Zaïo (Ain Tsahio) e il guado di Saf-Saf (Mexra Sahaf Sersur). Nelle due carte di Flotte de Roquevaire (1897 e 1904, supra, 3.6 e 3.9) il guado non è segnalato e il tracciato che passa da Zaïo si dirama dall’itinerario Selouane – Guercif in corrispondenza di “Sidi el Khaïr” (infra, itinerario 9).

4.8. Itinerario 8: da Selouane a Taourirt (Tabella 8)

136L’itinerario, che dalla qasba di Selouane raggiunge l’asse Oujda-Taza-Fès in corrispondenza dell’Oued Za e di Taourirt, passando da Hassi Berkane, è riprodotto nella carta di Beaudouin (1848, supra, 3.2), nelle due carte di Flotte de Roquevaire (1897 e 1904, supra, 3.6 e 3.9), nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” (1904, supra, 3.8) e nel lavoro di Delbrel (1911, supra, 3.10). Nella carta di Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3) l’itinerario non è segnalato ma compare la località di Hassi Berkane (Asi Berkan).

137Il tracciato di questo percorso trova corrispondenza nel sistema stradale del Protettorato.

4.9. Itinerario 9: da Selouane all’Oued Msoun e Guercif (Tabella 9)

138L’itinerario compare nella carta di Beaudouin (1848, supra, 3.2) ed è riprodotto con analoghe caratteristiche nella carta di Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3) e in quella di Flotte de Roquevaire del 1904 (supra, 3.9). In questi documenti il tracciato parte da Selouane, passa dalla Zauia Muley Kerker e dopo aver superato l’Oued Msoun si dirige verso Guercif, località che in età medievale costituiva un punto di raccordo con la via carovaniera verso Sidjilmâssa (supra, paragrafo 2).

139Nella carta di Flotte de Roquevaire del 1897 (supra, 3.6) l’itinerario arriva all’Oued Msoun ma non raggiunge Guercif (segnata sulla carta con l’indicazione di “Ruines Arabes”). Nella carta di Delbrel (1911, supra, 3.10) compare il toponimo Muley Kerker ma l’itinerario diretto all’Oued Msoun e Guercif si dirama dal tracciato corrispondente al nostro itinerario 8 e non passa dalla località citata.

4.10. Itinerario 10: da Taferhsit a Taza passando da Ain Zorah (Tabella 10)

140L’itinerario corrisponde al secondo tratto del percorso seguito nel 1666 da Roland Fréjus nel suo viaggio dalla baia di Al Hoceima a Taferhsit (supra, itinerario 5) e da qui a Taza passando dalle località di “Suaquin” e “Tiserac”.

141Nella carta di Beaudouin (1848, supra, 3.2) le due località menzionate da Fréjus non compaiono, ma è disegnato un itinerario che da Taferhsit raggiunge Taza passando dal territorio di Metalza (M’Talsa). I toponimi “Suaquin” e Mtalsa sono presenti nella carta di Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3), che però non riproduce il tracciato, e in quella di Flotte de Roquevaire del 1897 (supra, 3.6). Nel “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” (1904, supra, 3.8) sono indicati due itinerari che passano da Metalza: il primo, presente anche nel lavoro di Delbrel (1911, supra, 3.10) e ricalcato da una delle strade del periodo del Protettorato, inizia a Est di Taferhsit e passa da diverse località, tra cui Ain Zorah; il secondo, a Ovest del precedente, parte da Taferhsit / Midar e raggiunge “Suakin” senza tappe intermedie.

142È da notare che tanto nella carta di Flotte del Roquevaire del 1897 quanto nel “Mapa” del 1904 l’itinerario che passa da “Suakin” è disegnato come una linea retta, configurandosi come una ricostruzione teorica del percorso seguito da Fréjus.

4.11. Itinerario 11: da Taferhsit a Taza passando da Sidi Ali bou Rokba e Akbat el Kadi (Tabella 11)

143L’itinerario collega Taferhsit / Midar con l’asse Oujda-Taza-Fès transitando dalla valle dell’Oued Kert, da Sidi Ali bou Rokba e dal passo di Akbat el Kadi. Il tracciato, già presente nella carta di Beaudouin (1848, supra, 3.2), in quella di Gómez de Arteche e Coello (1859, supra, 3.3) e in quella di Flotte de Roquevaire del 1897 (supra, 3.6), è stato percorso tra il 1899 e il 1901 da Segonzac nel suo viaggio da Fès a Melilla (supra, 3.7). Le località segnalate da Segonzac, riprodotte nella carta di Flotte de Roquevaire allegata alla sua opera, sono riportate nei documenti successivi (“Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904, supra, 3.8; carta di Flotte de Roquevaire del 1904, supra, 3.9; carta della Provincia del Rif in Delbrel 1911, supra, 3.10).

Tab. 7 : Itinerario 7: da Selouane verso Oujda e il confine algerino

Documenti

Località e fiumi principali (da Ovest verso Est)

Carta di Beaudouin (1848)

Kasbat Zelouan - Aïn ZahioOued Mulouya - Mechra Sahaf Zerzour

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Kasba d’Iselouan - “Sidi el Khaïr” - Aïn Zahio – Oued Moulouïa

Mapa de la Parte Norte de Marruecos (1904)

Kazbatz Seluan - Ain Zaio – Ued el Meluia - Mexra Zaio

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Qasba Selouen – “Sidi el Khaïr”Aïn Zahio

Delbrel 1911

Seluanteniet Sidi SadikZaiuSaf-Saf

Tab. 8 : Itinerario 8: da Selouane a Taourirt

Documenti

Località e fiumi principali (da Nord verso Sud)

Carta di Beaudouin (1848)

Kasbat Zelouan – Hassi Berkan – Oued Mulouya

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Kasba d’Iselouan – “Sidi el Khaïr” – Hassi Berkan – Oued Moulouïa

Mapa de la Parte Norte
de Marruecos (1904)

Kazbatz Seluan – “Sidi el Jeir” – “Sok el Yemua” – Hhassi Berkan - Ued el Meluia

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Qasba Selouen – Sidi Ali Moussa - “Sidi el Khaïr” – Hassi Berkan – Oued Moulouia

Delbrel 1911

Seluan – teniet Sidi Sadik – Hasi Aberkan – Uad Muluya

Tab. 9 : Itinerario 9: da Selouane all’Oued Msoun e Guercif

Documenti

Località e fiumi principali (da Nord verso Sud)

Carta di Beaudouin (1848)

Kasbat Zelouan - Zaouia Muley Kerker - “El Mdouher

Carta di Gómez de Arteche e Coello (1859)

Casba Selouan - Saya-Muley-Kerker - “El Mduher”

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Kasba d’Iselouan - Zaouia Moulaї Kerker – “El Mdouher”

Mapa de la Parte Norte de Marruecos (1904)

Kazbatz Seluan - Sidi Ahhmed ben Iussef - Zauia Mulei Kerker - “El Mdohar

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Qasba Selouen - Sidi Ali Moussa - Zaouia mtaa Mulaї Kerker

Tab. 10 : Itinerario 10: da Taferhsit a Taza passando da Ain Zorah

Documenti

Località e fiumi principali (da Nord verso Sud)

Carta di Beaudouin (1848)

Tafersit

Carta di Gómez de Arteche
e Coello (1859)

Tafersit - “Suaquin”

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Tafersit – “Souakin”

Mapa de la Parte Norte
de Marruecos (1904)

Primo itinerario : Dar el Kaid el Hhach Amar de Mtalza - Mulei Abd el Kader - Sok etz- Tzelatza de E. bu Beker –Zauia de Sidi Atzman - “Sidi Abellah ben el Behhair” - “Sok etz-Tzelatza” - Sidi Otzman - Ain Zorak

Secondo itinerario: Sok el Arbaa -“Suakin”

Delbrel 1911

[Località non indicata lungo l’itinerario Selouane-Taferhsit] – Ain Zorah

Tab. 11 : Itinerario 11: da Taferhsit a Taza passando da Sidi Ali bou Rokba e Akbat el Kadi

Documenti

Località e fiumi principali (da Nord verso Sud)

Carta di Beaudouin (1848)

Tafersit Oued Kert - S. Ali bou Rokba

Carta di Gómez de Arteche Coello (1859)

TafersitOued Kert / Garet - S. Ali – Rocba

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

[Località non indicata a Ovest di Taferhsit] - Oued Kert - Sidi Ali bou Rokba

Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903

Dar Qaid el Hadj Omar el Lemtalci - Oued Qert - Aqbat el Qadi

Mapa de la Parte Norte de Marruecos (1904)

Tafersit - Sok el Arba - Uad el Quert - Sidi Ali bu Rokba – Hhadria – “Taribas” - Akbatz el Kadi

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Tafersit - el Arba – “Azib Qaid Allal” - Oued Qert - Sidi Ali bou Rekba – Hadria - Aqbat el Qadi

Delbrel (1911)

Tafersit – Uad Kert - Akba el Kadi

4.12. Itinerario 12: da Targuist a Taza o Fès attraverso il territorio di Senhaya (Tabella 12)

  • 159 Secondo G. Lazarev (2014) il territorio di Senhaya era attraversato anche dall’itinerario di al-Ya (...)

144L’itinerario, percorso da Segonzac nel viaggio da Melilla a Ouezzane, costituisce la prosecuzione verso l’asse Oujda-Taza-Fès dell’itinerario che parte da Bâdis e raggiunge il territorio di Targuist (supra, itinerario 6). I documenti esaminati presentano divergenze nella rappresentazione dei tracciati di collegamento tra Targuist e Fès o Taza, che comunque passano tutti dal territorio di Senhaya e raggiungono la valle dell’Oued Ouerrha 159.

5. Gli itinerari nel lungo periodo: dati a confronto

  • 160 P. Salama, nel suo lavoro dedicato alla rete delle strade romane nell’Africa del Nord, proponeva u (...)

145Come si è visto nei paragrafi precedenti, la documentazione geografica di età moderna permette di ricostruire una rete organica di itinerari “tradizionali”, che a cavallo tra l’’800 e i primi anni del ’900 consentiva il pieno raccordo della regione del Rif con il resto del Marocco e con gli altri territori nord-africani. È tuttavia possibile che questo sistema di comunicazioni risalga più indietro nel tempo. L’ipotesi di una persistenza nel lungo periodo di alcuni tracciati è particolarmente plausibile nel caso del Rif, territorio montuoso con forti condizionamenti naturali che possono avere reso necessario il passaggio da determinate località in tutte le epoche 160. Il confronto con le informazioni relative alla rete degli itinerari del Rif in età antica e medievale, nonostante la loro frammentarietà, fa intravedere interessanti prospettive di ricerca in questa direzione (fig. 12).

Fig. 12 : Carta riassuntiva degli itinerari terrestri del Rif in età moderna (XIX - inizi del XX secolo) in rapporto alle presenze di siti antichi e medievali (cfr. fig. 3)

146

1: Bouhout; 2: Ras Kebdana; 3: Rhysaddir / Melilla; 4: Sidi Driss; 5: Bou Kanat; 6: El Aabid; 7: Ed Dhar Taiffant; 8: Sidi Moulay Baghdad; 9: Dchar ‘Alla Boukar; 10: Nakûr; 11: Gh asâsa; 12: Garet / Kart; 13: marsâ al-Dâr (Ras Afraou); 14: al-Mazamma; 15: marsâ Ba kk ûya / Bûzakkûr (Kimmat Boussekkoûr); 16: Bâli sh / Yallî sh (Kâla Irîs); 17: Bâdis; 18: Garam; 19: Qal’a Sanhadja / Torres el Kal’a; 20: Mestassa; 21: al-Qadiya; 22: Tazûta; 23: Meggeo; 24: Taferhsit; 25: Anual; 26: Adoûz; 27: Beni boû Ya’koub; 28: Djenada; 29: Selouane; 30: Snada.

Tab. 12 : Itinerario 12: da Targuist a Taza o Fès attraverso il territorio di Senhaya

Documenti

Località e fiumi principali (elencazione da Nord verso Sud)

Carta di Beaudouin (1848)

Hell Targuist

Carta di Gómez de Arteche Coello (1859)

Hel Targuist

Carta di Flotte de Roquevaire (1897)

Sidi Ahmed el Grib

Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903

Targist – “Zaouia Taffah”

Mapa de la Parte Norte de Marruecos (1904)

Sok es-Sebtz - “Bekadel” - “Tazamer”

Carta di Flotte de Roquevaire (1904)

Targisth – “Taffah” – “Bekadel”

Delbrel (1911)

Sidi Bu Tmin – Targuist

Itinerario costiero dal confine algerino a Melilla (itinerario 1) e da Melilla a Tétouan (itinerario 2)

147L’itinerario costiero può essere considerato senza troppi margini di dubbio un tracciato tradizionale di lunga durata, data la presenza lungo il suo percorso di numerose testimonianze archeologiche con datazioni comprese tra l’età fenicio-punica e l’età post-medievale.

  • 161 Sulle dinamiche politiche e commerciali che possono essere alla base dell’assenza, nel Rif, di tes (...)

148Riguardo all’età antica, i dati sono sufficienti per mettere in dubbio l’ipotesi che la costa mediterranea del Marocco fosse frequentata solo per via marittima, ipotesi basata principalmente sull’assenza di dati per il periodo della provincia romana (fatta eccezione per Rhysaddir / Melilla) e sulle notizie dell’Itinerario d’Antonino 161. Non esistono tuttavia elementi per stabilire se l’itinerario costiero fosse il percorso di comunicazione privilegiato tra le due Mauretanie, che la maggioranza degli studiosi tende a identificare con l’asse Tlemcen-Oujda-Taza-Fès.

  • 162 Come già segnalato, i resti della città medievale sono stati localizzati nel corso di un recente p (...)

149Per il periodo medievale è possibile ipotizzare che l’itinerario costiero corrisponda almeno in parte al “cammino del Rif” descritto da al-Ya’kûbî, che da Tlemcen in Algeria attraversava in successione il regno di Nakûr e il territorio di Ghomara, raggiungendo i dintorni di Tétouan e da qui, piegando verso Sud, la città di Fès (supra, paragrafo 2). Riferimenti all’itinerario costiero si possono riconoscere anche nell’itinerario, descritto da al-Bakrî, che partiva da Nakûr e raggiungeva Djarâwa (presso Berkane 162) e da qui Tlemcen, passando da “Banî Yaslîtan” (località sull’Oued Amekrâne), dall’Oued Kert, da “K ulû’ Dj âra” (fortezza situata probabilmente nei pressi di Selouane, per la quale si veda anche il paragrafo successivo) e dall’Oued Moulouya.

Itinerario interno da Melilla a Tétouan (itinerario 3)

150Non abbiamo elementi sicuri per stabilire quando questo itinerario abbia preso forma.

  • 163 Cfr. supra, 1.2.3.
  • 164 Cressier 1981, p. 156-162. La qasba è segnalata nel “Mapa Provisional”, foglio 1 (...)
  • 165 Cressier 1981-1982; 1983, p. 52-54. L’itinerario interno è in parte ricalcato da (...)

151Il ruolo di punti di snodo, lungo il suo tracciato, delle fortificazioni di Djenada e Selouane, datate al periodo di Moulay Ismaïl (fine del XVII secolo) 163, e di Taferhsit, dove era situata una qasba che potrebbe risalire alla stessa epoca 164, nonché il raccordo diretto con la qasba di Snada, contemporanea di quelle di Djenada e Selouane, fa pensare che questa via di comunicazione fosse in stretto rapporto con le fortificazioni, nate con funzione di controllo del territorio anche rispetto alle postazioni spagnole lungo la costa 165.

  • 166 Anche P. Cressier (1981, p. 198) non esclude che la qasba ismailita possa essere stata preceduta d (...)
  • 167 Cressier 1981, p. 118.
  • 168 P. Cressier (1981, p. 156), segnala che la località è menzionata da Ibn Khaldûn (1332-1382) e al-B (...)

152Si deve però considerare che le fortificazioni citate potrebbero coincidere topograficamente con siti di età medievale. Nel caso di Selouane, è stata avanzata l’ipotesi che essa sorga in corrispondenza di “K ulû’ Dj âra”, fortezza menzionata da al-Bakrî come punto di transito dell’itinerario da Nakûr a Tlemcen, e dell’itinerario Oujda-Guercif-Melilla (supra, paragrafo 2) 166. La qasba di Snada potrebbe avere avuto un precedente di età merinide 167. Per quanto riguarda infine Taferhsit, la località è menzionata dalle fonti come teatro di eventi datati alla seconda metà del XIII secolo, e presenta resti archeologici che potrebbero risalire all’età almohade 168.

  • 169 Secondo P. Salama (1951) le strade romane dell’Africa erano principalmente vie di altura per ragio (...)

153Non è infine da escludere che l’itinerario da Melilla a Tétouan lungo le montagne del Rif fosse utilizzato anche in età antica, ma al momento non esiste alcun indizio che possa avvalorare tale ipotesi 169.

Itinerario di raccordo tra l’itinerario costiero e quello interno attraverso la valle dell’Oued Kert (itinerario 4 A-B)

  • 170 Sull’importanza del collegamento tra Gh asâsa e le città di Taza e Fès nel XVI s (...)

154Con ogni probabilità la valle dell’Oued Kert era abitualmente utilizzata in età medievale come via di comunicazione, consentendo un raccordo diretto tra le città costiere di Garet e Gh asâsa e l’asse interno Oujda-Taza-Fès 170, ma appare plausibile che essa sia stata attraversata in tutte le epoche da itinerari di raccordo tra la costa e l’interno. La valle è dominata dalla fortezza merinide di Tazûta.

Itinerario dalla baia di Al Hoceima a Taferhsit in direzione di Taza (itinerario 5)

  • 171 Coletti 2011, fig. 2.

155L’itinerario, seguito da Roland Fréjus nel suo viaggio del 1666 dalla baia di Al Hoceima a Taza, era verosimilmente in uso dall’età medievale, poiché passa dalla zona di Beni boû Yacoub, dove recenti ricerche hanno rivelato la presenza di ceramiche databili a tale periodo 171, e da Taferhsit, località frequentata almeno dal XIII secolo (supra, nota 168). La strada attuale passa ancora dalle località menzionate da Fréjus (Beni boû Yacoub, Tizi ‘Azza, Taferhsit: supra, 4.5).

Itinerario da Bâdis a Targuist in direzione dell’asse Oujda-Taza-Fès (itinerari 6, 12)

  • 172 Massignon 1906, p. 108, n°. 2; cfr. supra, paragrafo 2.

156L’itinerario, che costituiva il principale asse di comunicazione tra la città portuale di Bâdis e la città di Fès, risale con certezza al periodo medievale 172. Il tracciato passava dalla qasba di Snada che, come si è detto, potrebbe avere avuto un precedente di età merinide (supra, nota 167).

Itinerari da Taferhsit a Taza (itinerari 10, 11)

157La località di Taferhsit, documentata dall’età medievale (supra, nota 168) è il punto di raccordo tra l’itinerario interno Melilla-Tétouan (itinerario 3) e quello proveniente dalla valle dell’Oued Kert (itinerario 4). Per entrambi gli itinerari, come si è visto, si può ipotizzare una frequentazione abituale dall’età medievale, e forse anche da epoche anteriori.

Itinerari da Melilla e Selouane in direzione dell’Algeria e dell’asse Oujda-Taza-Fès (itinerari 7, 8, 9)

  • 173 Siraj 1995, p. 408.

158Questi itinerari hanno come principale punto di snodo la qasba di Selouane che, come si è detto, potrebbe occupare il sito della fortezza di “K ulû’ Dj âra” (supra, paragrafo 2). Gli itinerari 8 e 9, in particolare, trovano corrispondenze di toponimi con il percorso (in senso inverso) da Oujda a Melilla, descritto da al-Bakrî, che seguiva nel primo tratto un orientamento da Nord-Est a Sud-Ovest, passando da S â’ (da localizzare presso Taourirt) e da A dj arsîf (Guercif), dove incrociava l’itinerario proveniente da Sidjilmâssa, che raggiungeva Malîla passando da “K ulû’ Dj âra” (supra, paragrafo 2). La pista che collegava Sidjilmâssa a Melilla e al Mediterraneo probabilmente ricalcava un percorso antico 173.

Le valli dell’Oued Amekrâne, dell’Oued Nekôr e dell’Oued Rhîs

  • 174 G. Delbrel (1911, p. 48) menziona un itinerario che da Ajdir raggiunge Targuist passando verosimil (...)
  • 175 Kbiri Alaoui, Siraj, Vismara 2004, p. 588, sito AH9.

159I documenti geografici di età moderna presi in esame documentano l’attraversamento delle valli dei tre fiumi in senso trasversale (itinerari 2 e 5), ma non disegnano tracciati lungo il loro corso 174. La funzione di vie di penetrazione verso l’interno di queste valli è comunque più che probabile, data la loro ampiezza e percorribilità, ed è dimostrata dalla localizzazione verso l’interno della città altomedievale di Nakûr. A poca distanza dal luogo in cui sorgeva la città sono documentati anche materiali di epoca romana (II-I sec. a.C.) 175.

Fig. 13 : Posizione delle località e dei fiumi principali del Rif orientale situati secondo i documenti lungo il tracciato degli itinerari.

160

I toponimi sono posizionati sui fogli 6, 13, 14, 19, 20 dell’edizione in scala 1:100.000 del “Mapa Provisional” 1927-1935.

Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, “Mapa del Protectorado Español en Marruecos. Reducción del mapa en 1:50.000 formado por la Comisión Geográfica de Marruecos y Límites. Escala 1:100.000”, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.2-026). Per le corrispondenze dei toponimi con quelli indicati nei documenti si rimanda alla Tabella 13.

Tab. 13 : Località e fiumi principali del Rif orientale di cui è nota la posizione geografica, situati secondo i documenti lungo il tracciato degli itinerari (fig. 13)

Località e fiumi principali del Rif orientale di cui è nota la posizione geografica, situati secondo i documenti lungo il tracciato degli itinerari (fig. 13).

Località e fiumi principali nei documenti esaminati

Mapa Provisional

Carte du Maroc

Itinerari

Oued Mulouya (Carta di Beaudouin 1848) - Ouâd Moloûya (Duveyrier 1893) - Oued Moulouïa (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Uad el Meluia (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Moulouia (Carta di Flotte de Roquevaire1904) - Uad Muluya (Delbrel 1911)

Rio Muluya

Oued Moulouya

1, 7, 8

Mexra er-Rhail (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Mechra el Jrel (Delbrel 1911)

Vado del Rahail

Mechra er Rehaiel

1

Sidi Abdallah Mechra (Carta di Beaudouin 1848)

Sidi Abdela

Sidi Abdallah

1

Mechra Jerbaxa (Delbrel 1911)

Vado de Carbache

Mechra Kerbacha

1

Sidi Mohammed Amezziân (Duveyrier 1893) - Sidi Mohamd Amezian (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Mohamd Ammezzian (Carta di Flotte de Roquevaire1904) - Sidi Mohammed Amezian (Delbrel 1911)

Sidi Mohammed Amezian

Sidi Mohand Ameziane

1

Sok el Yemua (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Zoco Yemua (Delbrel 1911)

Zoco Yebara

1

Sidi Abd Er-Rahmân (Duveyrier 1893) - Sidi Abdallah er Rahhman (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Abd-el Kader Sadia

Abd-el Kader Sadia

1

Cabo de l’Agua (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Cabo de Agua (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Cabo de Agua (Delbrel 1911)

Cabo de Agua

Ras Kebdana

Cabo del Agua

1

Bordj / Sidi Bechir (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Bechir (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Borch / Sidi el Baxir (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Bordj Sidi el-Bechir (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - El Borch / Sidi Mohammed el Baxir (Delbrel 1911)

El Borch

El Borj

1

Tazaghrine (Carta di Beaudouin 1848) - Tazagin (Delbrel 1911)

Tasaguin

Tazarhine

1

Sidi Ibrâhim (Duveyrier 1893) - Sidi Brahim (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Brahim (Delbrel 1911)

Sidi Ibrahim

Sidi Brahim

1

Muley Ali Cherif (Carta di Beaudouin 1848) - Muley Ali Xerif (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Muley Ali Xerif (Delbrel 1911)

Muley Ali Cherif

Moulay Ali Chrif

1

Yarf er-Rum (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Punta Yan-arrom

Jorf Arroum

1

Sok el Arbaa (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Zoco el Arba Arkmam (Delbrel 1911)

Soko el Arbaa

Kariat Arekmam (Larbâ)

1

[località senza nome] (Carta di Beaudouin 1848) - Restinga (Delbrel 1911)

Restinga

[Tour]

1

Nâdôr (Duveyrier 1893) - Nador (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Nador (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Nador (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Nador (Delbrel 1911)

Nador

Nador

1

Sidi Ali (Duveyrier 1893) - Rauda de Sidi Ali nTemxartz (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Ali ù Rtas (Delbrel 1911)

Sidi Ali Muberir

1

Mezoûdja (Duveyrier 1893) - Mezoudja (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Beni Nsar (Delbrel 1911)

Beni-Enzar

Beni Enzar

1

Djenada (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Qaçba Djenada (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Alcazaba de Farjana (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Ferkhana / Qasba Djenada (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Alcazaba de Yenada (Delbrel 1911)

Alcazaba de Frajana

Farkhâna

1, 2

Melilia (Carta di Beaudouin 1848) - Melilla / Mlila (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Melila (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Melilia (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Melilla (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Melilia (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Melilla (Delbrel 1911)

Melilla

Melilla

1, 2

Sidi Amar (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Sidi Amaran

Sidi Amrane

2

Sidi Mesaud (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Sidi Mesaud

Sidi Messaoud

2

Azanene (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Iazan (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Iazanen (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Iazan (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Iazanen

I’azzanene

2, 4A

Sok etz-Tzelatza (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Soko el Tzelatza

2, 4B

Sammar (Delbrel 1911)

Sam-mar

Sammar

2, 4B

Oued Kert (Carta di Beaudouin 1848) - Uad Kert-Garet (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Oued Kert (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Oued Quert (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Uad el Quert (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Qert (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Uad Kert (Delbrel 1911)

Rio Kert

Oued Kert

2, 3, 4B, 11

Chemlala (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Chemlala

Ichemlâlene

2, 4A

Chabet (Delbrel 1911)

Chabi

Cha’âbi

2

Sidi Mohamed el-Ahadri (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Sidi Mohand Ahhadri (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Djama Ould el-Hadri (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Sidi Mohand

2

Sidi Ali el Hassani (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Sidi Ali el Hasani (Delbrel 1911)

Sidi Ali el Hassani

Sidi Ali el Hassani

3

Kasbat Zelouan (Carta di Beaudouin 1848) - Casba Seluan (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Kasba d’Iselouan (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Kasbatz Seluan (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Qasba Selouen (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Seluan (Delbrel 1911)

Zeluan Alcazaba

Selouane

2, 3, 4A, 7, 8, 9

Sidi Ali Musa (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Ali Moussa (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Sidi Ali u Musa (Delbrel 1911)

Sidi Moussa

3, 8, 9

Sok el Yemua (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Zoco Yemua (Delbrel 1911)

Soko el Yemâa

3, 8

Sidi Ahhmed ben Iussef (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Sidi Mohammed ben Iusef

3, 9

Dar el kaid el Hhach Amar de Mtalsa (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Dar Qaid el-hadj Omar el-Lemtalci (Carta di Flotte de Roquevaire1904)

Casa del Kaid Hach Amar

3, 10, 11

El Tlata (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

El Tlat

Telat

4A

Sok el Hhad de Izegangan (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Zerezran (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Soko el Had Segangan

Zeghanghane

4A

Sok el Jemis de Iuzuren (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Soko el Jemis

4A

Zegzana (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Zegzuya (Delbrel 1911)

Zizagna

4B

Aїn Zahio (Carta di Beaudouin 1848) - Ain Tsahio (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Aїn Zahio (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Ain Zaio (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Ain Zahio (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Zaiu (Delbrel 1911)

Zaio

Zaїo

7

Mechra Sahaf Zerzour (Carta di Beaudouin 1848) - Mexra Sahaf Sersur (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Mexra Zaio (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Saf-Saf (Delbrel 1911)

Vado de Saf-Saf

Mechra Saf-Saf

7

Teniet Sidi Sadik (Delbrel 1911)

Sidi Saddik

7,8

Hassi Berkan (Carta di Beaudouin 1848) - Asi Berkan (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Hassi Berkan (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Hhassi Berkan (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Hassi Berkan (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Hasi Aberkan (Delbrel 1911)

Hasi Berkan

Hassi Berkane

8

Zaouia Muley Kerher (Carta di Beaudouin 1848) - Saya-Muley-Kerker (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Zaouia Moulaї Kerker (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Zauia Mulei Kerker (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Zaouia mtaa Mulaї Kerker (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Mulay Kerker (Delbrel 1911)

Ker Ker

9

Mulei Abd-el-Kader (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

El Abad de Muley Abdelkader Yilali

10

Sok etz-Tzelatza de Eulad bu Beker (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Soko Tzelatza
de Bu Beker

10

Nelle colonne in grigio sono indicate le corrispondenze con i toponimi del “Mapa Provisional es. 1:50.000”, 1927-1935 (fogli 6, 13, 14, 19, 20) e dell’attuale “Carte du Maroc 1:50.000e” (fogli Melilla, Nador, Kariat Arekmam, Les Triffa). L’elencazione procede da Est verso Ovest e da Nord verso Sud, e segue il tracciato degli itinerari, indicati nell’ultima colonna.

Fig. 14 : Posizione delle località e dei fiumi principali del Rif centrale e occidentale situati secondo i documenti lungo il tracciato degli itinerari

161

I toponimi sono posizionati sui fogli 11, 12, 17, 18 dell’edizione in scala 1:100.000 del “Mapa Provisional” 1927-1935.

Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, “Mapa del Protectorado Español en Marruecos. Reducción del mapa en 1:50.000 formado por la Comisión Geográfica de Marruecos y Límites. Escala 1:100.000”, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.2-026). Per le corrispondenze dei toponimi con quelli indicati nei documenti si rimanda alla Tabella 14.

Tab. 14 : Località e fiumi principali del Rif centrale e occidentale di cui è nota la posizione geografica, situati secondo i documenti lungo il tracciato degli itinerari (fig. 14)

Località e fiumi principali del Rif centrale e occidentale di cui è nota la posizione geografica, situati secondo i documenti lungo il tracciato degli itinerari (fig. 14).

Località e fiumi principali nei documenti esaminati

Mapa Provisional

Carte du Maroc

Itinerari

Sidi Hussain (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Hassein (Delbrel 1911)

Sidi Hosain

Sidi Hosseïn

2

Tazagui (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Tazagin (Delbrel 1911)

Tazaguin

Tazaguine

2

Talilit (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Talilit

2

Sidi Ali el Gendouz (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Sidi Aixa el Induxi

Sidi Aïssa el Yandoûzi

2

Oued Azari (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Igzar Sidi Saleh (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Azari (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Uad Sidi Salah / Uad Beni Tuzin (Delbrel 1911)

Rio Sidi Salah

Irhzar Sidi Salâh

2 (costiero)

Sok El-Hhad (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Soko el Had

2

Oued Bou Azzoun (Carta di Beaudouin 1848) - Rio Bu-Azun (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Oued bou Azzoun (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Oued Ouamri (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Igzar en Takzeft Ugran / Uad bu Azun (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Ouamri (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Uad Sidi Salah / Uad Beni Tuzin (Delbrel 1911)

Rio Amekran

Oued Amekrâne

2, 2 (costiero), 3, 5

[Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] (Carta di Beaudouin 1848) - Beni bu Yacub (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Sidi bou Iaqoub (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Sidi bu Iakub Alcazabas (Mapa de la Parte Norte de Marruecos) - Sidi bou Iaqoub (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - [Località senza toponimo sull’Oued Amekrâne] (Delbrel 1911)

Beni-Bu-Yakob

Beni boû Ya’koub

2, 5

Sidi Saleh (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Çalah
(Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Sidi Salah (Delbrel 1911)

Sidi Saiach

Sidi Salâh

2 (costiero)

Sidi Dris (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Dris (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Sidi Dris (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Sidi Dris
(Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Dris (Delbrel 1911)

Sidi Dris

Sidi Drîs

2 (costiero)

Ftirza (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Tigza

Tirhza

2 (costiero)

Sidi Chaib (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Dxaib (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Sidi Chaїb (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Sidi Xaib bu Mftazhh (Mapa de la Parte Norte de Marruecos) - S. Chaїb ou Meftah (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Sidi Chaib-U-Meftah

Sidi Chaib ou Meftâh

2 (costiero)

Sidi bou Daoud (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi bu Daud (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Sidi Bu Dauetz (Mapa de la Parte Norte de Marruecos)

Sidi Bu Daud

Boû Daoud

2 (costiero)

Sok el Arbaa (Mapa de la Parte Norte de Marruecos) - el-Arba
(Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Soko el Arbaa de Trugut

Souk el-Arba Trôgoût

2, 2 (costiero), 10, 11

Sidi Ider (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Sidi Lidir

Sidi Dir

2

Oued Nekour (Carta di Beaudouin 1848) - Uad Nakour (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Oued Nekour (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Oued Nekour (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Uad Nekor (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Nekour (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Uad Nekor (Delbrel 1911)

Rio Nekor

Oued Nekôr

2, 3, 5

Es Suani (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Souani (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Suani (Delbrel 1911)

Suani

Souânî

2

Tafras (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Tafrast (Delbrel 1911)

Tafras

Tafrâst

2

Oued Ris (Carta di Beaudouin 1848) - Uad Ris (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Oued Ris (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Oued Ris (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Uad Guis (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Ris (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Uad Guis (Delbrel l 1911)

Rio Guis

Oued Rhîs

2, 3, 5

Nekour (Carta di Beaudouin 1848) - Neckor (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Nekour (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Axdir (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Ajdir (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Aydir (Delbrel 1911)

Axdir

Ajdir

2, 5

Igesalafen (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Isef Safen

Izafzâfene

2

Igraiax (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Igaraiax

2

Izemuren (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Izmoren

Izemmoûrene

2

Tafuesa (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Tafensah

Tâfensa

2

Uad bu Sicur (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Rio Busicur

Oued Tarmast

2

Agbar (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Agbar

Arhbâl

2

Tausart (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Tausart

Taouessart

2

Askram (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Askron

2

Errouadi (Carta di Beaudouin 1848) - Erraudi (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Errouadi (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Sok el Hhad er-Ruadi (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - El Had (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Zoco el Had er Ruadi

Rouadi

2

Aduz (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Adduz (Delbrel 1911)

Ad-Duz

Adoûz

2

I. Akarkar (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Arroyo Kerkert

Oued Kerker

2

Sidi bou Yacoub el Badessi (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Bu Yacub el Badesi / Ruinas de Bades (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Sidi bu Iakob (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Bades (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Bades (Delbrel 1911)

Sidi Yacub el Babsi

Bâdis

2, 6

Tamezourt (Carta di Beaudouin 1848) - Cabo Baba / Ras Tamensur (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Cap Baba / Tamezourt (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Cabo Baba / Ras en Temsort / Punta de la Parida (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Cabo Baba

2, 6

Oued Talembadès / Oued Snada (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Igzar en Bades / Igzar Imasimen (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Talembades (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Rio Bades

Oued el Anser

2, 6

Oued bou Ferrah (Carta di Flotte de Roquevaire 1897)

Rio Frah

Oued Beni Boufrah

2

Badis (sic) (Carta di Beaudouin 1848) - Las Torres de Alcalá (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Badis (sic) (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Las cuatro Torres de Alcalá / El Berach (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Torres de Alcalá

Torres el Kal’a

2, 6

Sidi el Hhach Said (Mapa de la Parte Norte de Marruecos)

Sidi el Hach Zaidi

2

Bou Khachkhach (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Dahar Bujaxjax

Boûkhachkhâch

2

Mestassa (Carta di Beaudouin 1848) - Mestasa (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Mestasa (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Mestaça (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Mestassa (Delbrel 1911)

Mestasa

Mestassa

2

Uad Mestasa (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Oued Beni Gmil (Carta di Flotte de Roquevaire 1904)

Rio Mestasa

Oued I’achîrene

2

Tazaiart (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Tayaiert

Tazâyart

2

Bab Guelmam Afif (Carta di Beaudouin 1848) - Bab Guelman Afif (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Bab Guelman Afif (Carta di Flotte de Roquevaire 1897)

Agmâm La’fif

2

Tafersit (Carta di Beaudouin 1848) - Tafersit (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Tafersit (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Tafersit (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Tafersit (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Tafersit (Delbrel 1911)

Tafersit (Alcazaba de Tafersit)

Taferhsit

3, 4B, 5, 10, 11

Souk el Arba (Carta di Beaudouin 1848) - Sok el Arbaa / Midar (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - El-Arba (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Midher de Tafersit (Delbrel 1911)

Soko Arbaa Laazib Midar

3, 4B

Merahha (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Marraha

3, 6

Sidi bu Zemin (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Bu Tmin (Delbrel 1911)

Sidi bu Temin

3, 6, 12

Sidi Ahmed el Grib (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Ahmed-el-Grib (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Sidi Ahmed el Grib (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Sidi Ahhmed el Grib (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Sidi Mohamed El Guerib

3, 6, 12

Hell Targuist (Carta di Beaudouin 1848) - Hel Targuist (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Targist (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Targuist (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Targisth (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Targuist (Delbrel 1911)

Targuist

3, 6, 12

Sok es-Sebtz (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Soko es Sebt

3, 6, 12

Tazamer (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Tasemor

3

Zauia S. Abd-Al-lah (Delbrel 1911)

Sidi Abdal-lah

Sidi Abdallah

5

Djebel Tra Azza (Carta di Beaudouin 1848) - Djebel Tra-Azza (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Djebel Tra Azza (Carta di Flotte de Roquevaire 1897)

Tizi Aza

Tizi ‘Azza

5

Sidi Mansour (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Mansur (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Sidi Mancour (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Sidi Mansor (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Sidi Menzor

2, 6

Tguiditz (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Taguidit

Taguidit

2, 6

Sidi Younes (Carta di Beaudouin 1848) - Sidi Younes (Carta di Flotte de Roquevaire 1897)

Sidi Yunes

2, 6

Talembades Kasbat (Carta di Beaudouin 1848) - Talembades Casba (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Kasba Talembades (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Snada (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Senada / Kasba Tzera en Bades (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Qasba Snada / Talembades (Carta di Flotte de Roquevaire 1904) - Snada (Delbrel 1911)

Alcazaba de Snada

Snada

6

Zauia de Sidi Atzman (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Sidi Atzman

10

Sidi Otzman (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904)

Sidi Aotzman

10

Ain Zorak (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Ain Zorah (Delbrel 1911)

Ain Zora

10

Sidi Ali bou Rokba (Carta di Beaudouin 1849) - Sidi Ali bu Rocba (Carta di Gómez de Arteche e Coello 1859) - Sidi Ali bou Rokba (Carta di Flotte de Roquevaire 1897) - Sidi Ali bu Rokba (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Sidi Ali bou Rekba (Carte di Flotte de Roquevaire 1904)

Sidi Auli Bu Rokba

11

Hhadria (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Hadria
(Carte di Flotte de Roquevaire 1904)

Hadriia

11

Aqbat el Qadi (Carta di Flotte de Roquevaire in Segonzac 1903) - Akbatz el Kadi (Mapa de la Parte Norte de Marruecos 1904) - Aqbat el Qadi (Carte di Flotte de Roquevaire 1904) - Akba el Kadi (Delbrel 1911)

Akbat el Kadi

11

Nelle colonne in grigio sono indicate le corrispondenze con i toponimi del “Mapa Provisional es. 1:50.000”, 1927-1935 (fogli 11, 12, 17, 18) e dell’attuale “Carte du Maroc 1:50.000e” (fogli Kebdani, Boudinar, Al Hoceima, Rouadi, Beni Boufrah). L’elencazione procede da Est verso Ovest e da Nord verso Sud, e segue il tracciato degli itinerari, indicati nell’ultima colonna.

6. Considerazioni conclusive

162La rete di itinerari “tradizionali” del Rif ricostruibile sulla base dei documenti di età moderna può essere fatta risalire, con un buon margine di probabilità, all’età medievale, epoca in cui la regione è soggetta a forme di controllo politico centralizzato. I dati disponibili lasciano intravedere uno schema viario caratterizzato dall’interconnessione tra gli insediamenti costieri e quelli interni attraverso un circuito di itinerari collegati l’uno all’altro, non dissimile dallo schema prescelto dall’Amministrazione spagnola per la realizzazione della rete stradale del Protettorato che, come si è visto, si sovrappone in buona parte a piste già esistenti.

163Nel caso dell’itinerario costiero, la presenza di diversi insediamenti antichi lungo il litorale fa presumere che esso fosse utilizzato già dall’età fenicio-punica; la presenza di un sito del I sec. a.C. (fig. 12, n° 9) nella valle dell’Oued Nekôr è l’unica testimonianza, al momento, di tracciati antichi di raccordo tra la costa e gli insediamenti delle zone interne, che erano sotto il controllo delle tribù locali.

  • 176 Si vedano a questo proposito le considerazioni in Cressier 1992, p. 174; Coletti 2011, p. 109.

164È auspicabile che future ricerche possano fornire nuove informazioni sul tessuto insediativo e il sistema di comunicazioni del Rif antico e medievale, ma un reale salto di qualità per la conoscenza storica della regione potrà ottenersi solo con ricerche maggiormente orientate alla decodificazione delle testimonianze materiali del mondo berbero, ancora sostanzialmente mute dal punto di vista cronologico 176.

165Vorremmo concludere sottolineando il potenziale dei documenti geografici di età moderna come fonte di informazione per le indagini sul terreno: oltre alla rete degli itinerari, essi conservano sulle sfondo numerose tracce di assetti territoriali ormai scomparsi o profondamente modificati, tracce a cui sarebbe utile conferire una dimensione storica.

Haut de page

Bibliographie

Acién Almansa M. et alii 1999, Acién Almansa M., Cressier P., Erbati L., Picon M., “La cerámica a mano de Nakûr (ss. IX-X) : producción beréber medieval”, in Actas del Coloquio. La cerámica andalusí. 20 años de investigación (Jaén, 15 al 17 de octubre 1997), Jaén (Arqueología y Territorio Medieval 6), p. 45-69.

Akerraz A. 1998, “Les rapports entre la Tingitane et la Césarienne à l’époque post-romaine”, in L’Africa romana XII, Sassari, p. 1435-1439.

Albet i Mas A. 1999, “Una intervención planificada: planes sectoriales y ordenación del territorio”, in España en Marruecos 1999, p. 467-508.

Albet i Mas A., Riudor L. 1999, “Evolución de la cartografía española de Marruecos: entre el documento territorial y la representación simbólica del poder”, in España en Marruecos 1999, p. 279-302.

Aragón Gómez M. 2009, “Últimas actuaciones arqueológicas en la ciudad de Melilla”, Akros, la Revista del Museo 8, p. 73-76.

Aragón Gómez M. et alii 2007, Aragón Gómez M., Sánchez Bandera P.J., Cumpián Rodríguez A., Álvarez Ruiz F., Ramírez Berenguer S., “Rusaddir y su integración en la órbita de Roma. Excavaciones en el yacimiento “Jardines del Gobernador”. Avances de los resultados de la quinta campaña 2006 (Melilla)”, Akros, la Revista del Museo 6, p. 107-118.

Arnaud P. 1993, “L’Itinéraire d’Antonin: un témoin de la littérature itinéraire du Bas-Empire”, Geographia Antiqua 2, p. 33-49.

Arqueología y Turismo 2011, Bernal D., Raissouni B., Arcila M., Youbi Idrisi M., Ramos J., Zouak M., López Sánchez J.A., Maatouk M., El Khayari A., El Moumni B., Ghottes M., Azzariohi A. (éd.), Arqueología y Turismo en el Círculo del Estrecho. Estrategias para la Puesta en Valor de los recursos patrimoniales del Norte de Marruecos. Actas del III Seminario Hispano-Marroquí (Algeciras, abril de 2011), Cádiz (Colección de Monografías del Museo Arqueológíco de Tetuán III).

Belatik M. 2016, “Kal’at Djāra, une forteresse médiévale andalouse sur la côte méditerranéenne du Maghrīb al-Aksā”, BAM 23, p. 179-199.

Bernal Casasola D. et alii 2008, Bernal Casasola D., Raissouni B., Ramos J., Zouak M., Parodi Álvarez M.J. (éd.), En la orilla africana del Circulo del Estrecho. Historiografia y proyectos actuales. Actas del II Seminario Hispano-Marroquí de Especialización en Arqueología, Cádiz (Colección de Monografías del Museo Arqueológíco de Tetuán II).

Bernal D. et alii 2014, Bernal D., Raissouni B., Verdugo J., Zouak M. (éd.), Tamuda. Cronosecuencia de la ciudad mauritana y del castellum romano. Resultados arqueológicos del Plan de Investigación del PET (2008-2010), Cádiz (Colección de Monografías del Museo Arqueológíco de Tetuán IV).

Botto M. 2011, “I commerci nell’estremo occidente del Mediterraneo e nell’Atlantico”, in I Fenici 2011, p. 79-89.

Boudouhou N. 2015, “Témoignages littéraires et archéologiques de circulations aux confins des Maurétanies aux époques préromaine et romaine”, in L’Africa romana XX, Roma, p. 675-702.

Bravo Nieto A. 2000, Arquitectura y urbanismo español en el norte de Marruecos, Sevilla.

Carcopino J. 1943, Le Maroc Antique, Paris (La Suite des temps 10).

Céramique (la) 2011, P. Cressier, E. Fentress (dir.), La céramique maghrébine du haut Moyen Âge (VIII e -X e siècle). État des recherches, problèmes et perspectives, Roma (CÉFR 446).

Coletti C.M. 2011, “I problemi dello studio delle ceramiche da ricerche di superficie: il programma italo-marocchino di ricerche archeologiche nel Rif”, in La céramique 2011, p. 87-109.

Coletti C.M. 2015, “Alcune considerazioni sugli itinerari marittimi del Marocco settentrionale tra l’antichità e il medioevo”, in L’Africa romana XX, Roma, p. 727-738.

Coltelloni-Trannoy M. 1997, Le royaume de Maurétanie sous Juba II et Ptolémée (25 av. J.-C. - 40 ap. J.-C.), Paris (Études d’Antiquités africaines).

Coltelloni-Trannoy M., Bridoux V., Brouquier-Reddé V. (éd.) 2016, Le cercle du Détroit dans l’Antiquité : l’héritage de Miguel Tarradell, Louvain (Karthago XXIX).

Courtois Chr. 1955, Les Vandales et l’Afrique, Paris.

Cressier P. 1981, Prospection archéologique dans le Rif (zone de l’ancien royaume de Nakûr), Thèse de Doctorat de IIIe cycle, Universite de la Sorbonne - Paris IV, sous la direction de J. Sourdel-Thomine.

Cressier P. 1981-1982, “Structures fortifiées et défensives du Rif (I). Les Qasba-s Ismaïliennes”, BAM 14, p. 257-276.

Cressier P. 1983, “Fortifications du Rif”, in Castrum, I. Habitats fortifiés et organisation de l’espace en Méditerranée médiévale. Table ronde tenue à Lyon les 4 et 5 mai 1982, Lyon (Travaux de la Maison de l’Orient 4), p. 45-55.

Cressier P. 1992, “Le développement urbain des côtes septentrionales du Maroc au Moyen Âge : frontière intérieure et frontière extérieure”, in Castrum, 4. Frontière et peuplement dans le monde méditerranéen au Moyen Âge. Actes du colloque d’Erice-Trapani, tenu du 18 au 25 septembre 1988, Roma, Madrid (CÉFR 105/4 ; Collection de la Casa de Velazquez 38), p. 173-188.

Cressier P. et alii 2001, Cressier P., Erbati L., Acién Almansa M., El Boudjay A., González Villaescusa R., Siraj A., “La naissance de la ville islamique au Maroc (Nakûr, Aghmât, Tâmdûlt). Résultats préliminaires de l’approche archéologique du site de Nakûr (capitale d’un émirat du Haut Moyen Âge)”, in Actes des Premières Journées Nationales d’Archéologie et du Patrimoine, III. Archéologie islamique, Rabat, p. 108-129.

Delbrel G. 1911, Geografía general de la provincia del Rif y kábilas de Guelaia-Kebdana: Beni-Said, Mtalsa, Beni-bu-Iahi, Beni-Ukil, Ulad-Setut, Arabes Trifa, Beni-Snassen ; Melilla, situación geográfica, estratégica y comercial, Melilla.

Domínguez Pérez J.C. 2011, “El mundo fenicio occidental en el litoral norteafricano: inferencias de los primeros estados”, in J.C. Domínguez Pérez (éd.), Gadir y el Círculo del Estrecho revisados. Propuestas de la arqueología desde un enfoque social, Cádiz (Monografías Historia y Arte), p. 199-227.

Duveyrier H. 1887, “La dernière partie inconnue du littoral de la Méditerranée. Le Rîf”, Bulletin de Géographie historique et descriptive 3, p. 127- 149.

Duveyrier H. 1893, “De Telemsan à Melila”, Bulletin de la Société de Géographie 14, p. 185-222.

El Khayari A. 2004, “Échanges entre le Maroc et la Méditerranée de l’époque phénicienne à l’époque tardo-republicaine”, in A. Gallina Zevi, R. Turchetti (éd.), Méditerranée occidentale antique : les échanges, Atti del III Seminario ANSER (Marsiglia, 14-15.05.2004), Soveria Mannelli (Anciennes routes maritimes méditerranéennes), p. 149-168.

El Khayari A. et alii 2011, El Khayari A., Bernal D., Raissouni B., Sáez A., Díaz J.J., Bustamante M., Lara M., “Kitane et Koudia Talâa. Interventions archéologiques préventives des sites préromains du Nord du Maroc”, in Arqueología y Turismo 2011, p. 335-379.

España en Marruecos 1999, Nogué J., Villanova J.L. (éd.), España en Marruecos (1912-1956). Discursos geográficos e intervención territorial, Lleida.

Euzennat M. 1957, “L’archéologie marocaine de 1955 à 1957. Chroniques”, BAM 2, p. 199-229.

Euzennat M. 1962, “Les voies romaines du Maroc dans l’Itinéraire d’Antonin”, in M. Renard (éd.), Hommages à Albert Grenier, tome II, Bruxelles-Berchem (Collection Latomus 58), p. 595-610.

Euzennat M. 1977, “Jérôme Carcopino et le Maroc antique”, in Hommage à la mémoire de Jérôme Carcopino, Paris (Collection d’études anciennes), p. 81-89.

Fabricius M. 1926, s.v. limes, RE XIII, c. 669.

Fenici (I) 2011, L.-I. Manfredi, A. Soltani (éd.), I Fenici in Algeria. Le vie del commercio tra il Mediterraneo e l’Africa Nera, Mostra Internazionale, Palais de la Culture Moufdi Zakaria, Alger, 20 gennaio – 20 febbraio 2001, Bologna.

Flotte de Roquevaire R. de 1897, Carte du Maroc à l’échelle du 1.000.000 e , Notice et index bibliographique, Paris.

Flotte de Roquevaire R. de 1904, Carte du Maroc à l’échelle du 1.000.000 e , Notice et index bibliographique, Paris.

García Figueras T., Fernández Llebrez J.L. 1955, Manuales del Africa Española, II. La zona española del Protectorado de Marruecos, Madrid (Consejo superior de investigaciones científicas. Instituto de estudios africanos).

Gómez de Arteche J., Coello F. 1859, Descripción y mapas de Marruecos, Madrid.

Gozalbes Cravioto E. 2002, “El papel económico de los puertos de la Tingitana”, in L’Africa romana XIV, Roma, p. 549-567.

Historia de Melilla 2005, Bravo Nieto A., Fernández Uriel P. (éd.), Historia de Melilla, Melilla.

Kbiri Alaoui M. 2012, “Sidi Driss: un établissement phénicien à l’embouchure de l’oued Amekrane”, in Les Traces 2012, p. 145-159.

Kbiri Alaoui M., Siraj A., Vismara C. 2004, “Recherches archéologiques maroco-italiennes dans le Rif”, in L’Africa romana XV, Roma, p. 567-604.

Keene E. 1912, Emily, Shareefa of Wazan (E. Keene), My Life Story, London (on-line: http:/archive.org/details/mylifestory00wazarich).

La Chapelle F. de 1934, “L’expédition de Suetonius Paulinus dans le sud-est du Maroc”, Hespéris XIX, p. 107-124.

Lazarev G. 2014, “La qal’at Ṣaddīna et l’itinéraire de Ghumāra à Fès du géographe al-Ya’qūbī”, in B. Akdim, G. Lazarev, V. Martínéz Enamorado (dir.), Le pays des addīna. Une étude géographique, historique et archéologique des sites de addīna, villes médiévales du Maroc et de l’Andalousie, Rabat (V.E.S.A.M. IV), p. 121-128.

Les Traces 2012, D. El Yazami, A. Siraj (éd.), Rif. Les Traces de l’Histoire, Actes du colloque “Patrimoine culturel du Rif: quelle muséographie?”, Casablanca.

Löhberg B. 2006, Das “Itinerarium provinciarum Antonini Augusti”. Ein kaiserzeitliches Strassenverzeichnis des Römischen Reiches, Berlin.

Madariaga M.R. de 2005, En el barranco del Lobo: las guerras de Marruecos, Madrid.

Madariaga M.R. de 2009, Abd-el-Krim el Jatabi: la lucha por la independencia, Madrid.

Manfredi L.-I., Mezzolani Andreose A. (éd.) 2013, Iside punica. Alla scoperta dell’antica Iol-Caesarea attraverso le sue monete, Bologna.

Marion J. 1960, “La liaison terrestre entre la Tingitane et la Césarienne”, BAM 4, p. 442-447.

Massignon L. 1906, Le Maroc dans les premières années du XVI e  siècle. Tableau géographique d’après Léon l’Africain, Alger (Mémoires de la Société Historique Algérienne I). (on-line: htpp://archive.org/details/lemarocdanslesp00massgoog).

Mouliéras A. 1895, Le Maroc inconnu, I. Exploration du Rif, Paris (on-line: htpp://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k83136m/f21.image).

Nadal F., Urteaga L., Muro J.I. 2000, “El Mapa topográfico del Protectorado de Marruecos en su contexto político e istitucional (1923-1940)”, Documents d’Anàlisi Geogràfica 36, p. 15-46.

Nogué J., Villanova J.L. 1999, “La zona Norte del Protectorado español en Marruecos. El marco geográfico”, in España en Marruecos 1999, p. 103-141.

Panella C. 2010, “Roma, il suburbio e l’Italia in età medio- e tardo-repubblicana: cultura materiale, territori, economie”, Facta 4, p. 11-123.

Raissouni B. et alii 2015, Raissouni B., Bernal D., El Khayari A., Ramos J., Zouak M. (éd.), Carta Arqueológica del Norte de Marruecos (2008-2012). Prospección y yacimientos, un primer avance, I, Cádiz (V.E.S.A.M. 5).

Ramos J. et alii 2008, Ramos J., Zouak M., Bernal D., Raissouni B. (éd.), Las ocupaciones humanas de la cueva de Caf Taht el Gahr (Tetuán). Los productos arqueológicos en el contexto del Estrecho de Gibraltar, Cádiz (Colección de Monografías del Museo Arqueológico de Tetuán I).

Rebuffat R. 1971, “Notes sur les confins de la Maurétanie Tingitane et de la Maurétanie Césarienne”, StudMagr IV, p. 33-64.

Renou E. 1846, Description géographique de l’empire du Maroc, Paris (Exploration scientifique de l’Algérie pendant les années 1840, 1841, 1842. Sciences historiques et géographiques VIII) (on-line: http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k1037743/f8.image).

Ricerche archeologiche 2003, C. Vismara (éd.), Ricerche archeologiche italo-marocchine nel Rif 2000-2003, Roma.

Rosenberger B. 1998, “Les premières villes islamiques du Maroc: géographie et fonctions”, in P. Cressier, M. García-Arenal (éd.), Genèse de la ville islamique en al-Andalus et au Maghreb occidental, Madrid, p. 229-255.

Salado Escaño J.B., Navarro Luengo I., Suárez Padilla J. 2011, “La cerámica islámica altomedieval de Melilla. Las cerámicas de los silos de Cerro del Cubo y Parque Lobera”, in La céramique 2011, p. 63-85.

Salama P. 1951, Les voies romaines de l’Afrique du Nord, Alger.

Segonzac R. de 1903a, Voyages au Maroc (1899-1901), Paris. (on-line : http://openlibrary.org/books/OL6933066M/Voyages_au_Maroc_(1899-1901)).

Segonzac R. de 1903b, “Voyages au Maroc (1899-1901)”, Annales de Géographie 12, 62, p. 120-129. (on-line: https://www.persee.fr/doc/geo_0003-4010_1903_num_12_62_6302).

Seston W. 1946, Dioclétien et la Tétrarchie, Paris.

Siraj A. 1995, L’image de la Tingitane. L’historiographie arabe médiévale et l’Antiquité nord-africaine, Rome (CÉFR 209).

Speidel M.P. 1977, “A Thousand Tracian Recruits for Mauretania Tingitana”, AntAfr 11, p. 167-173.

Tahiri A. 2002, “Proceso de urbanización en el Rif. Situación actual y perspectivas de investigación (Siglos VIII-X)”, in II Congreso Internacional. La ciudad en al-Andalus y el Magreb. Algeciras, 26-28 de noviembre de 1999, Granada (Actas), p. 37-47.

Terrasse H. 1949-1950, Histoire du Maroc des origines à l’établissement du Protectorat Français, I-II, Casablanca.

Thouvenot R. 1962, “Le Géographe Ptolémée et la jonction terrestre des deux Maurétanies”, REA 64, p. 82-88.

Tissot Ch. 1878, “Recherches sur la géographie comparée de la Maurétanie Tingitane”, Mémoires présentés par divers savants à l’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres IX, p. 139-322 (on-line : htpp://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k105862v).

Troin J.-F. 1975, Les Souks marocains. Marchés ruraux et organisation de l’espace dans la moitié Nord du Maroc, Aix-en-Provence.

Urteaga L. 2006a, Vigilia colonial. Cartógrafos militares españoles en Marruecos (1882-1912), Barcelona.

Urteaga L. 2006b, “El mapa del Norte de Marruecos a escala 1:500.000 y la Conferencia de Algeciras de 1906”, Scripta Nova. Revista electrónica de geografía y ciencias sociales, Barcelona (Universidad de Barcelona, 1 de agosto de 2006, vol. X, n. 218, 58). (on-line: htpp://www.ub.es/geocrit/sn-218-58.htm).

Urteaga L. 2012, “La Comisión Topográfica de Estado Mayor del Ejército Español en Marruecos antes de la implantación del Protectorado”, Revista de Historia Militar LVI (Número extraordinario II, Centenario del Protectorado de Marruecos), p. 15-45.

Urteaga L., Nadal F. 2010, “La cartografia colonial espanola durante la Segunda Republica (1931-1936)”, Estudios Geográficos LXXI, 268, p. 267-297.

Urteaga L., Nadal F., Muro J.I. 2003, “Imperialismo y cartografía: la organización de la comisión española de Estado Mayor en Marruecos (1881-1882)”, Scripta Nova. Revista electrónica de geografía y ciencias sociales, Barcelona (Universidad de Barcelona, 1 de junio de 2003, vol. VII, n. 142).

Urteaga L., Nadal F., Muro J.I. 2004, “Los planos urbanos de la Comisión de Marruecos (1882-1908)”, Ería. Revista cuatrimestral de Geografía 64-65, p. 261-283.

Villanova J.L. 2004, El Protectorado de España en Marruecos. Organización politica y territorial, Barcelona (Colleción Alborán).

Villanova J.L. 2008, “La cartografía elaborada por los interventores al finalizar la Guerra del Rif: une herramienta al servicio del control político y militar en el Protectorado español en Marruecos”, Treballs de la Societat Catalana de Geografia 65 (Número especial dedicat al Segon Congrés Català de Geografia, El mapa com a llenguatge geogràfic), p. 507-519.

Villanova J.L. 2012, “Una aproximación a los trabajos geográficos y cartográficos sobre el Rif realizados durante el Protectorado”, in Les Traces 2012, p. 105-119.

Villaverde Vega N. 2001, Tingitana en la antigüedad tardía (siglos III-VII). Autoctonía y romanidad en el extremo occidente mediterráneo, Madrid (Bibliotheca archaeologica hispana 11).

Villaverde Vega N. 2002, “Intervención arqueológica en Plaza del Veedor (Melilla)”, Akros, la revista del Museo 1, p. 22-27.

Villaverde Vega N. 2004, “Nuevos datos arqueologicos de Rusaddir (Melilla): un santuario de Astarte-Venus Marina en Plaza de Armas”, in L’Africa romana XV, Roma, p. 1837-1876.

Vismara C. 2014, “Le Rif oriental côtier dans les pages de voyageurs, explorateurs, historiens, archéologues, géographes : de Jean-Léon l’Africain à nos jours”, AntAfr 50, p. 141-199.

Vismara C., Coletti C.M. 2012, “Ce que la mission archéologique maroco-italienne peut apporter au Musée du Rif”, in Les Traces 2012, p. 123-143.

Haut de page

Notes

1 Vismara 2014.

2 Vismara 2014, p. 175-176. Per una visione d’insieme delle ricerche storico-archeologiche ed etnografiche più recenti riguardanti il Rif si rimanda ai vari contributi in Les Traces 2012; per le problematiche relative alla salvaguardia e valorizzazione del patrimonio della regione cfr. in particolare Vismara, Coletti 2012.

3 Desideriamo ringraziare in modo particolare Blanca Domingo e Rafael Rasillo, bibliotecari della Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma (CSIC), che con la loro professionalità e disponibilità ci hanno permesso di accedere a pubblicazioni e documenti cartografici non disponibili nelle biblioteche e negli archivi di Roma. Un ringraziamento va al personale dell’Archivo Cartográfico del Centro Geográfico del Ejército e della Cartoteca dell’Institut Cartogràfic i Geològic de Catalunya, che ci hanno cortesemente fornito documenti in loro possesso. A Vicenta Salamanca Ruiz dobbiamo la traduzione in spagnolo del riassunto.

4 Si fa riferimento alla “Carte du Maroc 1:50.000e”, fogli “Beni Boufrah”, “Rouadi”, “Al Hoceima”, “Boudinar”, “Kebdani”, “Zeghanghane”, “Melilla”, “Nador”, “Kariat Arekmam”, “Les Triffa”, pubblicati dal Ministère de l’Agriculture et de la Réforme Agraire, Direction de la Conservation Foncière et des Travaux Topographiques, Division de la Carte, negli anni 1965, 1966, 1970, 1987. La “Carte du Maroc” è stata oggetto di una riedizione nel 2009.

5 Cressier 1981, p. 1-3; Tahiri 2002, p. 37-38.

6 Vismara 2014, p. 158-171, con bibliografia.

7 Vismara 2014, p. 172-175, con bibliografia.

8 La ricognizione ha interessato una fascia litoranea lunga più di 270 km, compresa tra Tarhzoût a Ovest e l’Oued Moulouya a Est. Per il quadro istituzionale della ricerca e una sintesi degli obiettivi e dei risultati cfr. Vismara, Coletti 2012, con l’elenco delle pubblicazioni preliminari riguardanti il progetto. L’edizione finale è in corso di pubblicazione.

9 Per un quadro di sintesi delle conoscenze sulla storia di Melilla, Historia de Melilla 2005; cfr. anche Vismara 2014, p. 175.

10 Per la bibliografia relativa alle ricerche preistoriche cfr. Vismara 2014, p. 172.

11 Le trascrizioni dei toponimi arabi delle località medievali sono riprese da Siraj 1995.

12 Sugli itinerari marittimi del Mediterraneo sud-occidentale tra l’antichità e il medioevo cfr. Coletti 2015, con bibliografia.

13 Le fonti principali sono la Geografia di Tolomeo, geografo alessandrino contemporaneo di Marco Aurelio, e l’Itinerarium provinciarum Antonini Augusti (infra, nota 49). Per l’analisi delle fonti classiche la principale opera di riferimento è quella di Ch. Tissot (1878, in particolare p. 139-159, 178-179, 320-322 per le località situate nel Rif ; cfr. anche Vismara 2014, p. 149 per un inquadramento del lavoro di Tissot nella storia delle ricerche dedicate alla regione). Per un elenco delle località del Rif menzionate dagli autori antichi cfr. anche Vismara 2014, p. 190-191, Appendice 2.

14 Il sito di Bouhout, scoperto nell’ambito del progetto italo-marocchino del 2000-2005, ha restituito materiali databili tra il VII/VI e il I sec. a.C., Kbiri Alaoui, Siraj, Vismara 2004, p. 582.

15 Area con concentrazioni di frammenti di uova di struzzo datate all’età fenicio-punica tramite analisi al 14C, El Khayari 2004; cfr. anche Domínguez Pérez 2011, p. 216.

16 A Melilla i materiali di tipo fenicio-punico più antichi sinora individuati risalgono al VII-VI secolo, Aragón Gómez 2009. Per una sintesi della storia della città antica cfr. Historia de Melilla 2005, p. 53-308.

17 L’abitato di Sidi Driss è stato scoperto nell’ambito del progetto italo-marocchino del 2000-2005, Kbiri Alaoui, Siraj, Vismara 2004, p. 588-600; Kbiri Alaoui 2012. Le ricognizioni hanno rivelato la presenza di frammenti di anfore di tipo fenicio-punico (identificate da M. Kbiri Alaoui) anche nel settore di Beni Boufrah, a Ovest di Bâdis, Coletti 2015, p. 729, fig. 1; cfr. infra, fig. 4.

18 Domínguez Pérez 2011, p. 215 con bibliografia precedente.

19 Questi siti sono stati oggetto di ricerche recenti nel quadro del progetto marocchino-spagnolo “Carta Arqueológica del Norte de Marruecos”, Ramos et alii 2008; Bernal Casasola et alii 2008; Arqueología y Turismo 2011; Bernal et alii 2014; Raissouni et alii 2015. Per una sintesi dei dati cfr. anche Domínguez Pérez 2011.

20 Domínguez Pérez 2011, p. 212-215, con bibliografia.

21 L’orizzonte cronologico degli insediamenti della costa marocchina coincide con il panorama noto per la costa algerina, dove dalla fine del VII – prima metà del VI secolo si assiste alla nascita di numerosi agglomerati scaglionati a distanze regolari, cfr. i vari contributi in I Fenici 2011 e Manfredi, Mezzolani Andreose 2013, con bibliografia.

22 “Círculo del Estrecho” è una definizione di carattere geografico e culturale basata sulle affinità che si riscontrano, a livello di cultura materiale, tra i centri del Sud della Spagna e quelli del Nord del Marocco. Per la genesi di questa definizione e il suo largo impiego nella letteratura archeologica, spesso con sfumature colonialiste, si rimanda ai vari contributi in Coltelloni-Trannoy, Bridoux, Brouquier-Reddé 2016.

23 El Khayari 2004; Botto 2011, p. 91-94; Domínguez Pérez 2011, p. 222-223; El Khayari et alii 2011, p. 361.

24 Panella 2010, con ricca bibliografia.

25 Kbiri Alaoui, Siraj, Vismara 2004, p. 579-588, fig. 2, cfr. anche Coletti 2015, p. 731-733 e, per Melilla, Villaverde Vega 2004, Aragón Gómez et alii 2007.

26 Per la bibliografia relativa a questi siti cfr. supra, note 19-20; cfr. anche Coletti 2015, p. 731-733.

27 Per Tamuda cfr. Bernal et alii 2014. A Melilla la continuità di vita fino all’età tardo-antica è documentata da materiali in giacitura secondaria, Villaverde Vega 2002; 2004.

28 Coletti 2015, p. 733, con bibliografia sulla circolazione delle merci in età imperiale e tardoantica.

29 Alcuni studiosi hanno sottolineato l’importanza di distinguere i limiti geografici della Mauretania Tingitana e i limiti politici della provincia romana: il territorio controllato da Roma non oltrepassava la valle del Sebou e del Loukkos e la penisola di Tangeri: Rebuffat 1971, p. 50-51; cfr. anche Siraj 1995, p. 405-407, con ulteriore bibliografia. Le zone al di fuori del controllo politico dei Romani erano comunque conosciute dal punto di vista geografico, come testimoniano le descrizioni di Tolomeo: Siraj 1995, p. 407. Le suddivisioni amministrative della provincia romana si riflettono nei testi arabi dell’alto medioevo che distinguono la regione di T an dj a, al-Sûs al-Adnâ e al-Sûs al-Aksâ: Siraj 1995, p 407.

30 Per una sintesi dei dati storici relativi al regno di Nakûr cfr. Acién Almansa et alii 1999, p. 621-622. Per le fonti testuali e la bibliografia di riferimento cfr. anche Cressier 1992, p. 175, nota 13.

31 Per i dati storici e archeologici relativi ai siti citati, Cressier 1981; 1992; Siraj 1995, passim. La principale fonte per il periodo altomedievale è il “Kitâb al-Masâlik wa-l-mamâlik” di al-Bakrî; per alcune notizie sulla biografia dell’autore e il contenuto della sua opera, cfr. Siraj 1995, p. 52-53, con bibliografia sulle edizioni e traduzioni del testo. L’opera di al-Bakrî costituisce un documento di grande importanza per la geografia storica del Marocco perché utilizza ampiamente informazioni fornite da commercianti e viaggiatori che avevano una conoscenza diretta e profonda del paese: Siraj 1995, p. 52-53. Oltre alle località menzionate, nella sua descrizione della costa mediterranea del Marocco al-Bakrî cita anche le seguenti località, la cui ubicazione è incerta: da Est verso Ovest, “Malwiyya” (Cabo de Agua?), baia tra Malîla e T arf Hark (Cap des Trois Fourches), “U k tîs / A k ttâ” (alla foce dell’Irhzar Sidi Salâh?), Siraj 1995, p. 291-311. Altri siti menzionati da al-Bakrî, di cui non si conosce l’ubicazione, sono: “Badkûn”, “Beni Islïten”, fortezze di “Nasaft” e di “Agrî” nel territorio di Tamsâmân (Cressier 1992, p. 174-175) e la fortezza di “K ulû’ Dj âra”, da localizzare con ogni probabilità in corrispondenza di Selouane (Siraj 1995, p. 431). All’elenco vanno aggiunti i siti fortificati di Tasreft e Igga (Tahiri 2002, p. 46-47).

32 Per Melilla medievale cfr. Salado Escaño, Navarro Luengo, Suárez Padilla 2011, con bibliografia.

33 Ad Anual si segnala il rivenimento di un tesoro di 35 monete datate tra il 221 e il 253: Villaverde Vega 2001, p. 250, con bibliografia.

34 Per l’evoluzione storica degli insediamenti del Rif, per il ruolo delle città portuali nel commercio tra il Maghreb interno, la Spagna, l’Italia e anche il Medio-Oriente e per il rapporto tra gli insediamenti costieri e il loro hinterland, Cressier 1992, p. 175-176, con bibliografia. Per il processo di urbanizzazione del Marocco settentrionale cfr. anche Rosenberger 1998, Cressier et alii 2001. Per un panorama dei siti medievali del Marocco dal punto di vista del sistema delle fortificazioni e degli spazi difensivi, Cressier 1983.

35 Si vedano a questo proposito anche le considerazioni in Cressier 1983, p. 54-55; 1992, p. 175-176.

36 Coletti 2011, fig. 2.

37 La “Descrizione dell’Africa” di Leone l’Africano (nato intorno al 1488) è basata principalmente sulle osservazioni compiute nel corso dei suoi viaggi in Africa settentrionale e a Sud del Sahara, ma anche su informazioni di seconda mano, che sono dovute in gran parte a fonti arabe (Massignon 1906, p. 32-40); pur contenendo errori e inesattezze, l’opera è divenuta fonte di riferimento per i lavori geografici successivi e soprattutto per i documenti cartografici, fino ad epoche recenti (Cressier 1981, p. 29). Il manoscritto si data al 1526 mentre la prima edizione a stampa, nel 1550, si deve a Giovanbattista Ramusio. Per la biografia e l’opera di Leone l’Africano si rimanda alla sintesi in Vismara 2014, p. 143-144, con bibliografia; cfr. anche Siraj 1995, p. 55-56.

38 La “Descripcion general de Affrica” di Luis del Mármol Carvajal (1520-1600 ca.), suddivisa in due parti pubblicate rispettivamente nel 1573 e nel 1599, è un’opera storico-geografica che si inquadra nella produzione letteraria legata agli interessi coloniali e commerciali europei nel Mediterraneo; essa si basa sulla “Descrizione” di Leone l’Africano e su esperienze personali (Mármol aveva trascorso più di venti anni in Africa), nonché sulle fonti antiche e medievali. Per la biografia e le opere di Mármol Carvajal cfr. Vismara 2014, p. 144-145 con bibliografia.

39 Lo studio più completo dell’opera di Leone l’Africano è quello di L. Massignon (1906), che ha effettuato una rigorosa analisi filologica del testo cercando di restituire l’immagine del paesaggio del Marocco agli inizi del XVI secolo, integrando i dati di Leone con quelli di Mármol e con quelli desumibili da altre fonti testuali e cartografiche, di cui fornisce un elenco (Massignon 1906, p. 3-21). Per la qualità del lavoro di Massignon si vedano le osservazioni in Vismara 2014, p. 143-144.

40 Per le località citate da Leone (Melela, Chasasa, Tezzota, Meggeo, El Mezemme, Bedis, Ielles): Massignon 1906, p. 243-252 e tavole XXVI-XXVII; per quelle citate da Mármol (Melilla, Caçaça, Tezota, Megeo, Megeima, Velez de la Gomera, Yellez), cfr. anche Vismara 2014, p. 145.

41 Per notizie sull’autore e un’analisi dettagliata del suo viaggio cfr. Vismara 2014, p. 146-147.

42 Cressier 1981-1982; 1983, p. 52-54.

43 Per itinerario terrestre si intende un tracciato che collega due località più o meno distanti tra loro passando da una serie di località intermedie, che costituivano punti di riferimento lungo il percorso e possibili luoghi di sosta. Il tracciato di un itinerario dipende in parte dai condizionamenti naturali, in parte da ragioni di carattere storico, che possono rendere preferibile o necessario il passaggio da determinate zone, in rapporto con lo spostamento, nel tempo, dei baricentri politici ed economici di un determinato territorio.

44 Siraj 1995, p. 291 per le fonti sul confine tra le due Mauretanie. A differenza delle altre regioni dell’Africa romana, le strade “romane” del Marocco non hanno lasciato tracce riconoscibili, trattandosi di semplici piste (Euzennat 1962, p. 595).

45 La Chapelle 1934, p. 110-119. Lo studioso ammette l’esistenza di un collegamento ma esso sarebbe stato generalmente molto difficile e comunque effettivamente utilizzato solo in determinati periodi storici.

46 Carcopino 1943, p. 233-244.

47 Seston 1946, I, p. 117-119; secondo lo studioso Massimiano Erculio, diretto dalla Spagna verso la Mauretania Cesariense, sarebbe passato dalla Tingitana seguendo la strada di Fès e di Taza già indicata da Carcopino.

48 Chr. Courtois (1955, p. 159-164), parlando del passaggio dei Vandali dalla Spagna all’Africa, ritiene più realistico ipotizzare che essi abbiano seguito un itinerario terrestre e non marittimo, passando dal “couloir” di Taza, che anche Courtois considera “le passage à peu près inévitable vers les pays de la Moulouya”. Per l’epitaffio di Altava che dimostrerebbe il passaggio dei Vandali da questa località, cfr. Courtois 1955, p. 159.

49 ItinAntonAug, 10-11. L’Itinerarium provinciarum Antonini Augusti, l’unico documento antico sugli itinerari del Marocco che ci sia pervenuto, è una descrizione di 17 strade dell’impero romano sotto forma di tabelle, risalente con ogni probabilità al IV sec. d.C. Sulle caratteristiche dell’Itinerarium e l’identificazione delle località menzionate lungo la costa nord-africana (insediamenti o punti di riferimento per la navigazione?) cfr. Arnaud 1993, Gozalbes Cravioto 2002, p. 551, Löhberg 2006 con bibliografia.

50 Le località intermedie menzionate da Tolomeo sono Trisidis, Molochath, Benta, Galapha. Per esse R. Thouvenot (1962, p. 84-86) propone ipotesi di localizzazione, sottolineando che solo Molochath può essere posizionata con un’approssimazione sufficiente nei pressi del fiume omonimo, l’attuale Moulouya. Per assicurare il controllo dell’itinerario nei confronti delle tribù berbere Roma avrebbe utilizzato gruppi militari mobili (Thouvenot 1962, p. 87-88).

51 P. Salama (1951, carta generale e p. 56, nota 89) fa partire il tracciato ipotetico passante dal “couloir” di Taza da Numerus Syrorum / Marnia. Come sottolinea R. Thouvenot (1962, p. 83), il rinvenimento di “bornes milliaires”, su cui si basano principalmente le ricostruzioni di Salama, non va oltre la strada Numerus Syrorum / Marnia – Ad Fratres / Nemours.

52 La città di Siga / Takembrit risulta a sua volta collegata a Numerus Syrorum / Marnia e Pomaria / Tlemcen da una strada che si biforca alla confluenza tra l’Oued Tafna e l’Oued Isser (Salama 1951, carta generale).

53 Marion 1960. Lo studioso ricorda comunque l’esistenza di relazioni frequenti tra le popolazioni berbere romanizzate e cristianizzate di Volubilis con quelle di Lamoricière, Tlemcen e Marnia, attestate da documenti epigrafici del VII sec. d.C. (1960, p. 443). Per l’interpretazione di questi documenti si veda anche Akerraz 1998, con bibliografia precedente.

54 Terrasse 1949-1950, I, p. 51-53.

55 Euzennat 1957; 1962; 1977, p. 85.

56 Speidel 1977, p. 170-173; secondo l’autore, nel sistema di controllo da parte dei Romani di questo itinerario avrebbe avuto un ruolo importante la fortezza di Numerus Syrorum.

57 Siraj 1995, p. 395-414. In particolare, lo studioso interpreta le città menzionate da Tolomeo come centri indigeni che potrebbero essere stati tappe di un itinerario Est-Ovest non “romano” e sottolinea, più in generale, l’importanza del ruolo che la Mauretania “mauretana” avrebbe avuto nella storia romana della Tingitana e della Cesariense, auspicando future ricerche su questo tema (1995, p. 403-407).

58 Siraj 1995, p. 400.

59 Siraj 1995, p. 365-414 e in particolare p. 413-414. Secondo A. Siraj (1995, p. 413) l’ufficializzazione dell’itinerario Fès-Tlemcen passante da Taza avvene nel X secolo, epoca a cui risale la prima descrizione dettagliata delle sue tappe da parte di Ibn Hawkal; cfr. infra.

60 Coltellony-Trannoy 1997, p. 76-78.

61 Boudouhou 2015. L’articolo contiene alle p. 676-687 un’utile raccolta commentata dei documenti letterari e archeologici che testimoniano la circolazione nel territorio di confine tra le due Mauretanie dall’età pre-romana all’età medievale. Secondo la studiosa i Romani non avrebbero ritenuto necessario di delimitare ufficialmente gli itinerari tradizionali che attraversavano questa regione, Boudouhou 2015, p. 698.

62 Nella necropoli di Tayadirt, situata nei pressi delle miniere di Midelt, sono stati rinvenuti oggetti che rivelano un’influenza punica (Boudouhou 2015, p. 679-680 con bibliografia). La studiosa (2015, p. 697) ritiene che fossero tappe dell’itinerario “cartaginese” anche il sito fenicio-punico di Sidi Driss e gli altri siti antichi scoperti nel corso della missione italo-marocchina tra il 2000 e il 2005.

63 Siraj 1995, p. 273-438.

64 Per alcune notizie sulla biografia di al-Ya’kûbî e la sua opera “al-Buldân”, cfr. Siraj 1995, p. 48, con bibliografia sulle edizioni e traduzioni del testo. La descrizione di un itinerario del Marocco fornita da questo autore non si ritrova in altri geografi medievali, e si ignora se sia frutto di un suo viaggio nella regione o se si basi su notizie riportate da commercianti o viaggiatori. L’opera di al-Ya’kûbî presta particolare attenzione alle notizie politiche, ma nello stesso tempo offre informazioni di carattere pratico ai viaggatori indicando lungo l’itinerario per il Maghreb estremo, tappa per tappa, le autorità che controllano il territorio (Siraj 1995, p. 366).

65 Per l’opera di al-Bakrî cfr. supra, nota 31.

66 Al-Idrîsî è autore del “Kitâb Nuzhat al-mushk fî ikhtirâk al-Afâk”, opera geografica che completa e integra quella di al-Bakrî, cfr. Siraj 1995, p. 54, con bibliografia sulle edizioni e traduzioni del testo.

67 Siraj 1995, p. 367-370. Il primo tratto dell’itinerario (Tlemcen, al-‘Alawiyyîn, Namâlta) ricalcava con ogni probabilità l’antica via romana da Pomaria a Numerus Syrorum, vale a dire l’ultima parte della rete di itinerari romani a Ovest della Mauretania Cesariense (Siraj 1995, p. 370).

68 La descrizione che fornisce al-Ya’kûbî del regno di Nakûr restituisce l’immagine di un territorio ricco di edifici, fortezze, villaggi, campi coltivati etc. (Siraj 1995, p. 131). La frontiera occidentale del regno, dove era situata la città di Mardjâna, deve essere localizzata all’Oued Bu Frah / Beni Boufrah o tra questo e l’Oued Mastasa / I’achîrene (1995, p. 374).

69 Secondo A. Siraj (1995, p. 376-379), la localizzazione di “Malhâs” è da cercare tra Chefchaouen, Ouezzane e Tétouan. Recentemente, G. Lazarev (2014) ha proposto per la regione di “Malhâs” una localizzazione nel territorio della tribù Senhaya, a Sud-Est della regione di Ghomara, posizionando K al’a S adîna a Sud-Est di tale regione.

70 Siraj 1995, p. 365-414 e in particolare p. 383-388 per la tradizione storiografica araba sulla conquista del Maghreb estremo. Altri indizi in favore dell’esistenza di un “cammino del Rif” seguito dai conquistatori arabi si ricavano dalla tradizione relativa a Sâlih b. Mansûr al-Himyarî, fondatore del regno di Nakûr, che giunse nel Rif durante la spedizione di Mûsâ b. Nusayr e si installò presso la tribù di Tamsâmân (Siraj 1995, p. 389-390).

71 Siraj 1995, p. 431-432. L’itinerario corrisponde al primo tratto dell’itinerario Nakûr-Kairouan descritto da al-Bakrî, ed. de Slane, p. 228, 318.

72 I resti della città medievale sono stati localizzati nel corso di un recente progetto di ricerca diretto da Tariq Madani (Université Mohamed 1, Oujda), cfr. http://ciham.msh-lse.fr/operation-archeologique/projet-djarawa-ville-islamique-ixe-siecle.

73 I testi di al-Bakrî e di al-Idrîsî possono essere utilizzati parallelamente, integrandosi a vicenda (Siraj 1995, p. 287-290). È possibile che al-Bakrî abbia ripreso la descrizione della costa settentrionale del regno di Nakûr dall’opera di al-Warrâk (904-973), cfr. Siraj 1995, p. 319-323 e p. 52 per alcune notizie su questo autore.

74 Siraj 1995, p. 291-309.

75 Per la costa di Ghomara la fonte principale è il testo di al-Idrîsî, poiché al-Bakrî non menziona i siti compresi tra Bâdis e Ti k issâs (Siraj 1995, p. 289). A partire da Ti k issâs, al-Bakrî descrive un itinerario terrestre che raggiunge Tétouan e quindi Ceuta (Siraj 1995, p. 312).

76 Siraj 1995, p. 309-316. L’itinerario proseguiva fino a Tan dj a, seguendo all’incirca il tracciato della strada attuale (Siraj 1995, p. 418-421).

77 Secondo A. Siraj (1995, p. 432-433) questo percorso indiretto aveva un interesse prevalentemente commerciale, ma doveva esistere anche un collegamento diretto tra Oujda e Melilla. L’itinerario medievale che da Sidjilmassa raggiungeva Melilla e il Mediterraneo probabilmente ricalcava una pista tradizionale risalente a epoche anteriori (Siraj 1995, p. 408).

78 La menzione di questo itinerario, descritto anche da al-Bakrî e al-Idrîsî, si trova per la prima volta nel “Sûrat al-Ard” di Ibn Hawkal (X sec.); cfr. Siraj 1995, p. 434-436 e p. 50-51 per alcune notizie sull’autore, con bibliografia sulle edizioni e traduzioni del testo.

79 Massignon 1906, p. 108, nn. 1-2 e tavola X; questi itinerari furono utilizzati per tutto il periodo medievale; l’itinerario diretto a Bâdis era ancora frequentato ai tempi di Massignon dalle popolazioni locali.

80 Massignon 1906, p. 199, paragrafo 44. Lo studioso enfatizza l’importanza di questo asse di comunicazione naturale, seguito a suo avviso dalle invasioni arabe e dai pellegrini diretti a Kairouan e alla Mecca.

81 Sugli eventi che portarono all’instaurazione in Marocco del Protettorato francese e del Protettorato spagnolo cfr. Villanova 2004, p. 29-52 e Urteaga 2006b, con bibliografia specifica sull’argomento. Per il Marocco il processo di colonizzazione fu più lungo rispetto a quello di altri paesi africani. Nel 1844 le truppe francesi oltrepassarono il confine tra Algeria e Marocco, sconfiggendo le truppe del sultano nella battaglia di Isly. A questo evento fecero seguito l’occupazione delle isole Chafarinas da parte della Spagna (1848), la cosiddetta “Guerra de África” ispano-marocchina (1859-1860) e una serie di trattati di cui furono protagoniste, accanto alla Francia e alla Spagna, l’Inghilterra e altre nazioni europee. Nel 1906 la Conferenza internazionale di Algeciras stabilì la spartizione del Marocco tra Francia e Spagna, e creò il presupposto per la progressiva occupazione militare del paese da parte delle due potenze. In particolare, la Spagna occupò nel 1908 La Restinga e Cabo de Agua, nel 1909 alcuni territori intorno a Melilla, provocando un’insurrezione scoppiata nei dintorni della città che degenerò in un’autentica guerra coloniale. Questa fase si concluse nel 1912, con l’instaurazione ufficiale del Protettorato francese a Sud della catena montuosa del Rif (30 marzo) e del Protettorato spagnolo nel Marocco settentrionale (27 novembre).

82 Per un panorama generale della produzione geografica sul Marocco settentrionale anteriore al periodo del Protettorato, Albet i Mas, Riudor 1999 e Urteaga 2006a. Cfr. anche Vismara 2014, p. 177-189, Appendice 1.

83 Per la biografia e il contenuto dell’opera di E. Renou cfr. Vismara 2014, p. 149, 185-187.

84 “Carte de l’Empire de Maroc par E. Renou, membre de la Commission Scientifique d’Algérie. Août 1844. Échelle de 1:2.000.000” . Sulla qualità della carta di Renou si veda il giudizio di R. de Flotte de Roquevaire (1897, p. 1). La carta è reperibile nel sito della Bibliothèque nationale de France, Département Cartes et Plans, GE C-9172 , http://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb40653738w.

85 Renou 1846, p. 321.

86 È il caso di Yelles e Gebha, entrambe localizzate a Est di Bâdis.

87 Renou 1846, p. 347.

88 Renou 1846, p. 347-348.

89 Renou 1846, p. 339-342.

90 Per la descrizione dell’itinerario seguito da Roland Fréjus cfr. anche Vismara 2014, p. 146-147, con ulteriore bibliografia e con alcune ipotesi di localizzazione dei toponimi da lui menzionati.

91 Urteaga, Nadal, Muro 2003 ; Urteaga 2006a. L. Roches, autore di Trente-deux ans à travers l’Islam (1832-1864), Paris 1884, si trasferì dalla Francia in Algeria nel 1832 e rimase in Nord-Africa, ricoprendo diversi incarichi, fino al 1864, quando divenne console generale di Francia in Giappone.

92 Titolo della carta: « Carte de l’Empire de Maroc indiquant les communications principales, la division en gouvernemens et la répartition de la population des diverses races sur le sol ainsi que l’état d’obéissance des tribus qui sont comptées comme faisant partie de l’Empire de Maroc ». La carta distingue i seguenti tipi di itinerari: 1) « Routes que l’Empereur suit pour aller de Fes à Maroc et de Maroc à Fes »; 2) « Routes que les troupes de l’Empereur peuvent suivre sans avoir constamment à craindre les attaques des populations »; 3) « Routes sur lesquelles, pour être en sûreté, il faut se faire accompagner par un homme de la tribu que l’on traverse. Il faut de plus payer un droit (Zettata) en certaines passages »; 4) « Lignes suivies par les tribus qui s’approvisionnent en céréales dans les pays d’Oudjda, et dans celui de Fes »; 5) « Routes ordinaires ». La carta è reperibile nel sito internet della Bibliothèque nationale de France, Département Cartes et Plans, GE C-9174, http://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb406207763.

93 Nella carta il toponimo Bâdis è localizzato erroneamente in corrispondenza di Kâla Irîs, mentre il marabout di Sidi Bou Yacoub è situato correttamente in corrispondenza del Peñón de Vélez de la Gomera.

94 È da notare che il tratto tra Taferhsit e Sidi Ahmed el Grib è contraddistinto con la simbologia delle “routes ordinaires”, mentre il resto dell’itinerario ha la simbologia delle strade principali e più sicure.

95 Flotte de Roquevaire (1904, p. 3-4); l’autore sottolinea che un salto di qualità nella conoscenza geografica del paese si ebbe solo con il viaggio di Charles de Foucauld nel 1883-1884.

96 Albet i Mas, Riudor 1999. Francisco Coello fu il promotore della “Sociedad Geográfica de Madrid”, creata nel 1876 (Villanova 2004, p. 38-39).

97 Gómez de Arteche, Coello 1859, p. VIII-IX.

98 Gómez de Arteche, Coello 1859, p. 81.

99 Duveyrier 1887; 1893. Per una nota biografica e una recensione dettagliata di questi lavori cfr. Vismara 2014, p. 150-153, 181, con ulteriore bibliografia.

100 Alcune fotografie scattate dallo stesso Duveyrier sono conservate alla Bibliothèque nationale de France, Département Cartes et Plans, GE D-24326 (1-9), http://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb40662575h, cfr. Vismara 2014, p. 150, nota 115.

101 Keene 1912; sul contenuto di questo lavoro cfr. Vismara 2014, p. 152-153.

102 Per il contenuto dell’opera di Mouliéras cfr. Vismara 2014, p. 153, 186-187.

103 Flotte de Roquevaire 1897. Per Delbrel cfr. infra, 3.10.

104 Flotte de Roquevaire 1897, p. 4-5.

105 Come nella carta di Beaudouin, il toponimo Bâdis è localizzato erroneamente in corrispondenza di Kâla Irîs.

106 Flotte de Roquevaire (1897, p. 4) specifica che il tracciato da Tétouan a Chefchaouen si basa sull’itinerario percorso da Ch. de Foucauld.

107 Flotte de Roquevaire (1897, p. 4-5) dice di avere ripreso questo itinerario dalla carta di E. Renou.

108 Per il contenuto dell’opera di Segonzac cfr. Vismara 2014, p. 154-155. Nel 1903 l’autore ha pubblicato anche un articolo con lo stesso titolo nella rivista Annales de Géographie, nel quale si riassumono gli itinerari percorsi e i risultati della missione (Segonzac 1903b). Gli itinerari seguiti da Segonzac corrispondono a un totale di circa 3.200 chilometri, e sono integrati da una quarantina di posizioni determinate astronomicamente “au sextant et à l’horizon artificiel”: Segonzac 1903b, p. 121.

109 Per un commento sulla carta di R. de Flotte de Roquevaire cfr. Vismara 2014, p. 181-182. Posteriore alla spedizione di Segonzac nel Sud (inverno 1904-1905) è la « Carte d’ensemble des itinéraires du M.is de Segonzac », in scala 1:2.000.000, Vismara 2014, p. 182.

110 Segonzac 1903a, p. 1-21; nel primo tratto l’itinerario attraversa i territori di Oulad el-Hadj, El-Hiaïna, El-Tsoul.

111 Segonzac 1903a, p. 21-24.

112 Segonzac 1903a, p. 24-37.

113 Segonzac 1903a, p. 37-50.

114 Segonzac 1903a, p. 51-62. R. de Segonzac (1903a, p. 55) segnala l’esistenza di una pista che raggiunge Nekour risalendo verso il promontorio di Quilatès e passando da Sidi Chaïb ou Meftah. Passando da Tamsâmân, R. de Segonzac effettua una sosta nella casa del “qaïd Allel el-Ouriarli”, probabilmente situata nei pressi di Beni boû Ia’koub; prima di raggiungere Ajdir la sosta viene effettuata nella djemà del “qaïd bou Bekr”.

115 Segonzac 1903a, p. 64-74. R. de Segonzac (1903b, p. 122) sottolinea che l’itinerario Bâdis-Fès era ormai quasi del tutto abbandonato, ma che era stato per lungo tempo un’arteria di grande importanza, da cui transitava il commercio con Genova e l’Italia.

116 Per il contesto storico in cui si inquadra la genesi della Comisión de Marruecos cfr. Urteaga, Nadal, Muro 2003. Per la produzione cartografica anteriore all’istituzione della Comisión cfr. Albet i Mas, Riudor 1999 e, a titolo esemplificativo, l’“Atlas histórico y topográfico de la Guerra de África, 1859 y 1860”, pubblicato dal Depósito de la Guerra nel 1861, che contiene parte della cartografia militare spagnola di quegli anni. Il Depósito de la Guerra è l’antecedente del Servicio Geográfico del Ejército, creato dopo la Guerra Civile.

117 La documentazione realizzata dalla Comisión tra il 1882 e il 1956 fa parte dei fondi storici del Centro Geográfico del Ejército; tali fondi sono in parte disponibili in versione digitale nel sito della Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa (http://bibliotecavirtualdefensa.es/BVMDefensa/i18n/estaticos/contenido.cmd?pagina=estaticos/presentacion). Tra il 1882 e il 1900 si effettuarono diverse spedizioni nella zona nord-occidentale del Marocco, durante le quali furono realizzate carte topografiche e planimetrie delle città principali. Per le prime fasi di attività della Comisión si vedano Albet i Mas, Riudor 1999; Urteaga, Nadal, Muro 2003; 2004; Urteaga 2006a; 2012. Inizialmente la Comisión avrebbe dovuto realizzare una carta del Marocco utilizzando i documenti cartografici esistenti, ma le prime attività sul terreno dimostrarono che essi contenevano numerose imprecisioni planimetriche, altimetriche, toponomastiche e che per ottenere una carta attendibile era necessario procedere a un rilievo topografico diretto, cfr. Urteaga, Nadal, Muro 2003, nota 8. Furono invece considerati attendibili i “derroteros” pubblicati dal Depósito Hidrográfico.

118 Per l’inquadramento storico-politico della genesi della carta e la metodologia impiegata per realizzarla, cfr. Urteaga 2006a-b, 2012. La carta reca la seguente intestazione: “Mapa de la Parte Norte de Marruecos. Por la Comisión del Cuerpo de E.M. del Ejército. Tánger, 23 de mayo de 1904. Escala 1:500.000. Firmado y rubricado por el Teniente Coronel Eduardo Álvarez Ardanuy, El Comandante de E.M. Luis León y el Capitán de E.M. Máximo Aza” (Archivio del Centro Geográfico del Ejército, Aq-T8-C1,29).

119 Le fonti utilizzate sono indicate nell’intestazione della carta. Tra gli altri figurano i lavori di Renou, Beaudouin, Gómez de Arteche e Coello, Duveyrier, Mouliéras, Flotte de Roquevaire e Segonzac, di cui si è parlato nei paragrafi precedenti.

120 Sul metodo impiegato dai cartografi spagnoli per ottenere le informazioni necessarie e correggere le loro distorsioni soggettive cfr. Urteaga 2006b. Le informazioni furono tradotte graficamente in uno schizzo in scala 1:100.000 con il titolo “Marruecos. Kábilas rifeñas de Beni Iftef, Bokkoia y Beni Uariaguel. Croquis formado por noticias y datos adquiridos por la Comisión del Cuerpo de Estado Mayor del Ejército. Tánger, 28 de julio de 1904. Escala 1:100.000” (Archivio del Centro Geográfico del Ejército, Ar.Q-T.8-C.2, 76). Nel sito della Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa esiste anche un “croquis” della parte orientale in scala 1:200.000, anch’esso datato al 1904 (Archivio del Centro Geográfico del Ejército, “Kabilas rifeñas de Kálaia, Quebdana, Trifa y parte de las de Eulad Setut y Beni Iznasen”, MAR-C.1-008).

121 Il “Mapa” fu completato e consegnato al Depósito de la Guerra il 23 maggio del 1904; la stampa fu effettuata nel novembre del 1905 con il titolo “Mapa de la Parte Norte de Marruecos. Por la Comisión del Cuerpo de E.M. del Ejército. Escala 1:500.000” (Archivio del Centro Geográfico del Ejército, Aq-T8-C1,30). Rispetto all’esemplare disegnato, nella carta a stampa è indicata la linea di separazione tra la zona d’influenza spagnola e quella d’influenza francese. Altre edizioni si datano al 1909, 1912, 1913, 1914, 1915. Per questo lavoro è stata utilizzata l’edizione del 1912, accessibile nel sito della Biblioteca Digital della Real Academia de la Historia (https://www.rah.es/biblioteca-digital/).

122 La carta suscitò una notevole impressione durante la Conferenza, facendo credere che la Spagna avesse una buona conoscenza geografica del Marocco settentrionale (Urteaga 2006b).

123 Un riferimento esplicito all’itinerario di Duveyrier si trova nel “Croquis de las kabilas rifeñas de Kálaia, Quebdana, Trifa y parte de las de Eulad Setut y Beni Iznasen”, redatto dalla Comisión de Marruecos nel 1904 come schizzo preparatorio del “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” in scala 1:500.000, supra, nota 120 (Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.1-008, http://bibliotecavirtualdefensa.es/BVMDefensa/i18n/consulta/resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=781&tipoResultados=BIB&posicion=1&forma=ficha).

124 Una copia della carta è conservata nella Bibliothèque nationale de France, Département Cartes et Plans, GE C-3262 (1-4), http://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb40731262n. La carta è datata al mese di giugno del 1904 (Massignon 1906, p. 17).

125 Flotte de Roquevaire 1904, p. 5-8 e carta n° 1, che riassume i diversi livelli di conoscenza geografica del Marocco; cfr. anche Vismara 2014, p. 182. Per quanto riguarda il Rif (p. 25-30, “feuille II”), le fonti documentarie utilizzate da Flotte de Roquevaire sono le carte marittime francesi, gli itinerari di Duveyrier, Segonzac e Forret, il lavoro di Mouliéras, una carta del colonnello Baradère.

126 Flotte de Roquevaire 1904, p. 9 e carta n° 2 con l’indicazione sommaria degli itinerari; l’autore specifica che in molte regioni queste piste corrispondono, almeno in parte, agli itinerari seguiti dai viaggiatori.

127 Per alcune notizie sulla biografia di Delbrel, francese passato dal 1906 al servizio della Spagna, e il contenuto dei suoi lavori sul Marocco cfr. Vismara 2014, p. 155-156, 187-188, con bibliografia. I viaggi di Delbrel in Marocco sono riassunti da F.G. Jordana nell’introduzione al volume della “Geografía”.

128 Nell’introduzione al volume della “Geografía”, F.G. Jordana segnala una carta 1:500.000 della parte Nord del Marocco, realizzata da Delbrel in una data che non viene precisata e donata al Ministerio de Estado; la carta potrebbe essere stata utilizzata dai cartografi spagnoli per la realizzazione del “Mapa de la Parte Norte de Marruecos” del 1904, cfr. Vismara 2014, p. 187 e infra, 3.10.

129 Delbrel 1911, carte “Provincia del Rif y su kábilas” e “Guelaya y Kebdana”; p. 140-141, “Camino I Suk-al-Arba á Cabo de Agua”.

130 Delbrel 1911, carta “Provincia del Rif y su kábilas”; p. 47, “Camino II Melilla-Taza”. L’itinerario è stato percorso in senso inverso dall’autore nel 1903.

131 Delbrel 1911, carta “Provincia del Rif y su kábilas”; p. 47, “Camino I Melilla-Taza”. Questo itinerario è stato percorso dall’autore nel 1903. Cfr. anche Delbrel 1911, p. 96, “Camino II Guelaya-Taza”.

132 Delbrel 1911, carta “Provincia del Rif y su kábilas”; p. 48, “Camino IV Tafersit - Alhucemas”; questo itinerario è stato percorso dall’autore fino a Tamsâmân nel 1908.

133 Delbrel 1911, carta “Provincia del Rif y su kábilas”; p. 48, “Camino VI Bades-Fes”.

134 Delbrel 1911, carta “Provincia del Rif y su kábilas”; p. 47-48, “Camino III Melilla-Fas”. L’itinerario è stato percorso dall’autore fino al Branes nel 1904, e da Branes a Fès nel 1892-1893. Cfr. anche Delbrel 1911, p. 97, “Camino Nador-Tafersit”.

135 Delbrel 1911, carta “Provincia del Rif y su kábilas”; p. 49, “Camino X Melilla-Taurirt de Za”. L’itinerario, percorso in senso inverso dall’autore nel 1904, si prolunga verso Sud fino a Debdù, Delbrel 1911, p. 49, “Camino IX Melilla-Debdù”.

136 Delbrel 1911, carta “Provincia del Rif y su kábilas; p. 49, “Camino VIII Melilla-Uxda”. Questo itinerario è stato incrociato varie volte dall’autore nel 1905. Cfr. anche Delbrel 1911, p. 95-96, “Camino I Guelaya-Uxda”. Nel sito della Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa è disponibile una carta manoscritta di Delbrel intitolata “Itinerario de Uxda a Melilla a 1:500.000” datata maggio 1905, nella quale è disegnato l’itinerario descritto (Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE MAR-C.1-004, http://bibliotecavirtualdefensa.es/BVMDefensa/i18n/consulta/resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=69&tipoResultados=BIB&posicion=1&forma=ficha).

137 Delbrel 1911, carte “Provincia del Rif y su kábilas” e “Guelaya y Kebdana”; p. 48, “Camino VII Melilla-Uxda”. Questo itinerario è stato percorso dall’autore nel 1905.

138 Delbrel 1911, carte “Provincia del Rif y su kábilas” e “Guelaya y Kebdana”; p. 49, “Camino XI Tafersit-Argelia”.

139 Delbrel 1911, p. 48, “Camino V Aydir-Fas”.

140 Per una sintesi storica sul Protettorato spagnolo in Marocco e la sua organizzazione politica e territoriale, Villanova 2004, con ricca bibliografia. Sulle diverse tipologie di lavori geografici nel periodo del Protettorato si rimanda alle sintesi in Albet i Mas, Riudor 1999 e Villanova 2012, con bibliografia.

141 Sulla resistenza delle tribù locali all’occupazione spagnola, con particolare riferimento alle operazioni guidate da Abd el-Krim, Villanova 2004, 157-171; Madariaga 2005; 2009.

142 Albet i Mas, Riudor 1999; Nadal, Urteaga, Muro 2000; Villanova 2012; Vismara 2014. La carta è accessibile dal sito della Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa (Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.3-031, http://www.bibliotecavirtualdefensa.es/BVMDefensa/i18n/consulta/resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=1429&tipoResultados=BIB&posicion=269&forma=ficha)

143 La carta è costituita da 20 fogli suddivisi in 117 ottavi; per le sue caratteristiche tecniche e la storia della sua realizzazione cfr. Albet i Mas, Riudor 1999; Nadal, Urteaga, Muro 2000; Urteaga, Nadal 2010; Villanova 2012 con ulteriore bibliografia. Gli ottavi di foglio della carta, che recano al margine la legenda “Mapa Provisional en escala 1:50.000”, sono disponibili in versione digitale nel sito della Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.4/5/6-083, http://bibliotecavirtualdefensa.es/BVMDefensa/i18n/consulta/resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=606&tipoResultados=BIB&posicion=1&forma=ficha. Sulle difficoltà incontrate dai cartografi spagnoli nella trascrizione dei toponimi cfr. infra, nota 151.

144 L’edizione in scala 1:100.000 è reperibile nel sito della Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa con datazione ipotetica (certamente erronea) al 1906 (Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.2-026, http://bibliotecavirtualdefensa.es/BVMDefensa/i18n/consulta/resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=99&tipoResultados=BIB&posicion=13&forma=ficha).

145 Nello stesso tempo il “Mapa Provisional”, insieme alla produzione geografica degli “interventores” (per la quale si rimanda a Villanova 2008) costituisce un utile documento per la conoscenza degli assetti territoriali precedenti, date le numerose segnalazioni di resti di edifici non più in uso, indicati come “ruinas”, “alcazabas” etc. Sull’azione pubblica del Protettorato spagnolo cfr. Villanova 2004, p. 80-105, con bibliografia; tra le opere citate si segnalano in particolare Albet i Mas 1999 e Bravo Nieto 2000 per gli interventi a carattere territoriale. Il “Mapa Provisional” è alla base delle carte tedesche “Sonderausgabe Spanisch Marokko 1:50.000”, datate al 1941-1942 (Cressier 1981, p. 47-48).

146 Villanova 2004, p. 81, 100 con bibliografia.

147 Per la sequenza dei lavori stradali in relazione alla progressiva occupazione militare del territorio, cfr. Bravo Nieto 2000, p. 44-45, 56-58; cfr. anche Villanova 2004, p. 83, 89-90. Nella zona orientale, l’inizio dei lavori stradali nel 1909 avvenne in conseguenza della campagna di Melilla (cfr. supra, nota 81), per rispondere all’esigenza di collegamento tra le varie postazioni militari. In relazione con lo sfruttamento delle miniere, avviato già prima dell’inizio del Protettorato, furono realizzati nella zona orientale anche due tronconi di strada ferrata che collegavano Melilla con San Juan de las Minas, presso i Monti Uixan e Axara, e con Zoco el Jemis de Beni Buifrur (Bravo Nieto 2000, p. 53; Villanova 2004, p. 82, con bibliografia).

148 Solo nel 1944, durante il franchismo, fu presentato un “Plan de Caminos”, redatto dall’ingegnere militare Roman Martínez de Velasco, orientato principalmente sul problema del traffico transcontinentale; il piano proponeva la costruzione di quattro “carreteras imperiales o principales” (corrispondenti alle grandi direttrici di traffico) e di strade “comarcales” (che collegavano le città più importanti), “locales” (che si raccordavano alle precedenti) e “elementales” (che raggiungevano le zone meno popolate), Villanova 2004, p. 96; cfr. anche Nogué, Villanova 1999; Albet i Mas 1999.

149 Per la “logica” della rete stradale del Protettorato cfr. García Figueras, Fernández Llebrez 1955. Cfr. anche Bravo Nieto 2000, p. 44-45, 56-58.

150 García Figueras, Fernández Llebrez 1955, p. 39-41. La scelta di far passare la strada Est-Ovest dal difficile contesto orografico del Rif fu dettata principalmente dall’esigenza di garantire l’articolazione difensiva del territorio, partendo da una strada interna per raggiungere con diramazioni verso Nord e verso Sud i centri abitati e le postazioni militari; Targuist sarebbe diventato uno dei raccordi fondamentali di questo sistema di comunicazioni: Bravo Nieto 2000, p. 56-58.

151 Per i problemi incontrati dalla Comisión de Marruecos nell’individuazione e trascrizione dei toponimi cfr. Villanova 2012, p. 112, con bibliografia.

152 Si vedano i contributi in España en Marruecos 1999, e in particolare il contributo di J. Nogué e J.L. Villanova (1999, p. 103-141).

153 Sui souk marocchini si veda Troin 1975.

154 Delbrel 1911; García Figueras, Fernández Llebrez 1955, p. 39-41. Sul paesaggio antropico anteriore all’instaurazione del Protettorato spagnolo si vedano i contributi in España en Marruecos 1999.

155 G. Delbrel (1911, p. 46) sottolinea la necessità di farsi accompagnare da guide fidate, sia per il rischio di subire agguati, sia per la difficoltà di orientarsi nella rete delle piste.

156 Cfr. supra, nota 147.

157 La comunicazione abituale Nord-Sud fu interrotta dalla frontiera tra le due zone del protettorato, cfr. supra, 3.11.

158 A. Mouliéras (1895, p. 74-85, cfr. supra, 3.5) cita il grande mercato intertribale di Souk es-Sebt detto anche Souk Targist con l’adiacente marabout di Sidi Bou Themin.

159 Secondo G. Lazarev (2014) il territorio di Senhaya era attraversato anche dall’itinerario di al-Ya’kûbî, cfr. supra, nota 69.

160 P. Salama, nel suo lavoro dedicato alla rete delle strade romane nell’Africa del Nord, proponeva uno studio comparato dei tracciati antichi e moderni, affermando “…il n’est pas inutile de confronter les types d’itinéraires antiques et modernes en des régions où les conditions naturelles suggéraient une pluralité de tracés” (1951, p. 60).

161 Sulle dinamiche politiche e commerciali che possono essere alla base dell’assenza, nel Rif, di testimonianze significative del periodo romano provinciale cfr. supra, 1.2.1.

162 Come già segnalato, i resti della città medievale sono stati localizzati nel corso di un recente progetto di ricerca diretto da Tariq Madani (Université Mohamed 1, Oujda), cfr. supra, nota 72.

163 Cfr. supra, 1.2.3.

164 Cressier 1981, p. 156-162. La qasba è segnalata nel “Mapa Provisional”, foglio 12.

165 Cressier 1981-1982; 1983, p. 52-54. L’itinerario interno è in parte ricalcato dall’arteria creata nel periodo del Protettorato per garantire l’articolazione difensiva del territorio, cfr. supra, 3.11. La città di Chefchaouen, che costituisce una tappa importante dell’itinerario, è stata fondata nel 1471.

166 Anche P. Cressier (1981, p. 198) non esclude che la qasba ismailita possa essere stata preceduta da un altro insediamento. Secondo M. Belatik (2016), la fortezza di “K ulû’ Dj âra” sorgeva in corrispondenza della fortezza merinide di Tazûta per la quale cfr. supra, 1.2.2; si veda anche Cressier 1981, p. 179-187.

167 Cressier 1981, p. 118.

168 P. Cressier (1981, p. 156), segnala che la località è menzionata da Ibn Khaldûn (1332-1382) e al-Bâdîsi (seconda metà del XIV secolo). I resti archeologici sono costituiti da un diga in località Beni Youssef e dai resti di un abitato “berbero” con silos in località Aït Chitta: Cressier 1981, p. 156-162.

169 Secondo P. Salama (1951) le strade romane dell’Africa erano principalmente vie di altura per ragioni strategiche.

170 Sull’importanza del collegamento tra Gh asâsa e le città di Taza e Fès nel XVI secolo cfr. Massignon 1906, p. 108, n° 1, cfr. supra, paragafo 2.

171 Coletti 2011, fig. 2.

172 Massignon 1906, p. 108, n°. 2; cfr. supra, paragrafo 2.

173 Siraj 1995, p. 408.

174 G. Delbrel (1911, p. 48) menziona un itinerario che da Ajdir raggiunge Targuist passando verosimilmente dalla valle dell’Oued Rhîs, ma l’itinerario non è riportato nelle carte allegate al suo lavoro.

175 Kbiri Alaoui, Siraj, Vismara 2004, p. 588, sito AH9.

176 Si vedano a questo proposito le considerazioni in Cressier 1992, p. 174; Coletti 2011, p. 109.

Haut de page

Table des illustrations

Crédits Da Ricerche archeologiche 2003.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 94k
Légende In alto (A) le regioni e i fiumi principali, in basso (B) la rete attuale delle strade nazionali e delle autostrade. Nel riquadro la zona oggetto della ricerca.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 851k
Légende I quadrati vuoti indicano le aree con siti medievali inediti. 1: Bouhout; 2: Ras Kebdana; 3: Rhysaddir / Melilla; 4: Sidi Driss; 5: Bou Kanat; 6: El Aabid; 7: Ed Dhar Taiffant; 8: Sidi Moulay Baghdad; 9: Dchar ‘Alla Boukar; 10: Nakûr; 11: Gh asâsa; 12: Garet / Kar t; 13: marsâ al-Dâr (Ras Afraou); 14: al-Mazamma; 15: marsâ Ba kk ûya / Bûzakkûr (Kimmat Boussekkoûr); 16: Bâli sh / Yallî sh (Kâla Irîs); 17: Bâdis; 18: Garam; 19: Qal’a Sanha d ja / Torres el Kal’a; 20: Mestassa; 21: al-Qadiya; 22: Tazûta; 23: Meggeo; 24: Taferhsit; 25: Anual; 26: Adoûz; 27: Beni boû Ya’koub; 28: Djenada; 29: Selouane; 30: Snada.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 79k
Crédits Da Coletti 2015, fig. 1.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 123k
Crédits Da Speidel 1977, fig. 1.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 568k
Crédits Da Siraj 1995, carta 8.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 270k
Légende Edizione del 1912
Crédits Da Urteaga 2006b, fig. 4.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 1,3M
Légende Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.6-083 H. 12-1 (1), http://bibliotecavirtualdefensa.es/​BVMDefensa/​i18n/​consulta/​resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=2323&tipoResultados=BIB&posicion=3&forma=ficha.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 3,0M
Légende Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.2-026, http://bibliotecavirtualdefensa.es/​BVMDefensa/​i18n/​consulta/​resultados_ocr.cmd?buscar_cabecera=Buscar&id=2355&tipoResultados=BIB&posicion=13&forma=ficha).
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 859k
Crédits Da García Figueras, Fernández Llebrez 1955.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 137k
Légende Le frecce rosse indicano il tracciato degli itinerari ricostruibile in base ai documenti esaminati. Sullo sfondo, in grigio, la rete delle strade principali realizzate nel periodo del Protettorato spagnolo.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 563k
Légende 1: Bouhout; 2: Ras Kebdana; 3: Rhysaddir / Melilla; 4: Sidi Driss; 5: Bou Kanat; 6: El Aabid; 7: Ed Dhar Taiffant; 8: Sidi Moulay Baghdad; 9: Dchar ‘Alla Boukar; 10: Nakûr; 11: Gh asâsa; 12: Garet / Kart; 13: marsâ al-Dâr (Ras Afraou); 14: al-Mazamma; 15: marsâ Ba kk ûya / Bûzakkûr (Kimmat Boussekkoûr); 16: Bâli sh / Yallî sh (Kâla Irîs); 17: Bâdis; 18: Garam; 19: Qal’a Sanhadja / Torres el Kal’a; 20: Mestassa; 21: al-Qadiya; 22: Tazûta; 23: Meggeo; 24: Taferhsit; 25: Anual; 26: Adoûz; 27: Beni boû Ya’koub; 28: Djenada; 29: Selouane; 30: Snada.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-12.jpg
Fichier image/jpeg, 384k
Légende I toponimi sono posizionati sui fogli 6, 13, 14, 19, 20 dell’edizione in scala 1:100.000 del “Mapa Provisional” 1927-1935.
Crédits Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, “Mapa del Protectorado Español en Marruecos. Reducción del mapa en 1:50.000 formado por la Comisión Geográfica de Marruecos y Límites. Escala 1:100.000”, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.2-026). Per le corrispondenze dei toponimi con quelli indicati nei documenti si rimanda alla Tabella 13.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-13.jpg
Fichier image/jpeg, 1,9M
Légende I toponimi sono posizionati sui fogli 11, 12, 17, 18 dell’edizione in scala 1:100.000 del “Mapa Provisional” 1927-1935.
Crédits Fonte: Biblioteca Virtual del Ministerio de Defensa, “Mapa del Protectorado Español en Marruecos. Reducción del mapa en 1:50.000 formado por la Comisión Geográfica de Marruecos y Límites. Escala 1:100.000”, Centro Geográfico del Ejército, Colección PCGE, MAR-C.2-026). Per le corrispondenze dei toponimi con quelli indicati nei documenti si rimanda alla Tabella 14.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/599/img-14.jpg
Fichier image/jpeg, 1,9M
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Caterina Maria Coletti et Liliana Guspini, « Gli itinerari terrestri della regione del Rif (Marocco settentrionale) tra l'antichità e il medioevo: un'ipotesi di lavoro in base ai documenti geografici di età moderna »Antiquités africaines, 53 | 2017, 129-170.

Référence électronique

Caterina Maria Coletti et Liliana Guspini, « Gli itinerari terrestri della regione del Rif (Marocco settentrionale) tra l'antichità e il medioevo: un'ipotesi di lavoro in base ai documenti geografici di età moderna »Antiquités africaines [En ligne], 53 | 2017, mis en ligne le 08 janvier 2020, consulté le 12 juin 2024. URL : http://journals.openedition.org/antafr/599 ; DOI : https://doi.org/10.4000/antafr.599

Haut de page

Auteurs

Caterina Maria Coletti

Ricercatrice indipendente, Roma (catcoletti[at]tiscali.it).

Articles du même auteur

Liliana Guspini

Ricercatrice indipendente, Roma (l.guspini[at]libero.it).

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search