Navigation – Plan du site

AccueilNuméros54Risultati e aspetti pro...

Risultati e aspetti problematici della ricerca archeologica a Melilla e nel Rif (Marocco settentrionale)

Caterina Maria Coletti
p. 115-140

Résumés

La ville autonome espagnole Melilla, située dans le Rif (Maroc septentrional), a toujours été l’un des centres les plus importants de la région. Les enquêtes archéologiques menées dans l’habitat à partir de 1905 ont permis d’acquérir des données fondamentales pour la connaissance de la ville antique (la Rhysaddir des sources classiques) et médiévale. Manque toutefois un cadre détaillé des rapports historiques entre celle-ci et le territoire environnant. Cela est dû d’un côté à l’absence généralisée, au Rif, de recherches axées sur l’évolution historique de contextes territoriaux importants ; de l’autre à la présence de la frontière politique entre Melilla et le Royaume du Maroc, qui a constitué jusqu’ici aussi une frontière scientifique déterminant la rareté des études visant à intégrer les données concernant la ville avec celles sur le reste de la région. Ce travail se pose dans cette optique, en offrant à la fois une synthèse de l’histoire des recherches archéologiques et une mise au point des données acquises ainsi que des problématiques qui demeurent ouvertes.

Haut de page

Texte intégral

1. Melilla e il Rif: due realtà separate?

  • 1 Il termine Rif, che compare nelle fonti scritte dal XIV secolo, è stato utilizzato (...)

1La regione del Rif, sul versante mediterraneo del Marocco, è compresa tra il territorio di Ghomara a Ovest e la valle dell’Oued Moulouya a Est1 (fig. 1). L’area è attraversata in senso longitudinale da una vasta catena montuosa (delimitata a Sud dal cosiddetto “couloir” di Taza che la separa dal Medio Atlante) i cui rilievi sono incisi in senso Nord-Sud da valli fluviali e da strette gole in cui scorrono brevi torrenti. La linea di costa è suddivisa dal promontorio di Cap des Trois Fourches in due baie principali, articolate a loro volta in una serie di promontori e di anse. Oltre alla Moulouya, i fiumi principali sono l’Oued Nekôr e l’Oued Rhîs, che sfociano nell’ampia pianura alluvionale di Al Hoceima, e più a Est l’Oued Kert.

Fig. 1: Carta schematica del Marocco settentrionale con le località e i fiumi principali

Fig. 1: Carta schematica del Marocco             settentrionale con le località e i fiumi principali

Nel riquadro la regione del Rif.

2Il Rif occidentale, compreso tra la valle di Mestassa a Ovest e le montagne di Kebdani a Est, presenta rilievi che superano i 2000 m di altitudine e una costa prevalentemente alta e inospitale, fatta eccezione per le grandi valli fluviali. Il Rif orientale è invece caratterizzato da rilievi meno pronunciati, che tra il Cap des Trois Fourches e Ras Kebdana si abbassano progressivamente, raccordandosi in modo graduale con la linea di costa e con la pianura della bassa valle dell’Oued Moulouya. A Nord di Ras Kebdana si trovano le tre Isole Chafarinas, possedimento spagnolo, mentre a Est della Moulouya la spiaggia di Tazegraret, fiancheggiata all’interno da vasti altopiani, si estende con andamento pressoché rettilineo fino alla frontiera con l’Algeria.

3I principali centri urbani del Rif sono le città portuali di Al Hoceima, posta sul lato occidentale della baia omonima, e di Nador-Beni Enzar, sul lato Nord-Ovest della grande sebkha Bou ‘Areg. Ad esse si aggiunge la città autonoma di Melilla, possedimento spagnolo dal 1497, situata sul lato orientale del Cap des Trois Fourches e dominata a Sud dal massiccio vulcanico del Gourougou.

  • 2 Dal punto di vista storico, per Berberi (“Imazighen”) si intende una popolazione (...)
  • 3 Il Colloquio è stato organizzato dal Conseil National des Droits de l’Homme, d (...)

4Il Rif è una regione in cui la cultura berbera (“amazigh”) è particolarmente preservata e costituisce l’elemento permanente (ma non statico) delle vicende storiche che si sono susseguite dall’antichità a oggi2 (fig. 2). Il suo patrimonio materiale e immateriale è stato oggetto di un Colloquio internazionale intitolato “Patrimoine Culturel du Rif: quelle muséographie?”, che si è svolto ad Al Hoceima nel 2011, al quale hanno partecipato studiosi di diverse discipline3.

Fig. 2: Carta con indicazione dei territori delle tribù del Rif, secondo le delimitazioni fissate nel periodo del Protettorato spagnolo

Fig. 2: Carta con indicazione dei             territori delle tribù del Rif, secondo le delimitazioni fissate             nel periodo del Protettorato spagnolo

da Villanova 2005, fig. 1

  • 4 Les Traces 2012.
  • 5 Per le problematiche relative alla salvaguardia e valorizzazione del patrimoni (...)

5I contributi pubblicati negli Atti4, che illustrano i risultati delle più recenti ricerche storiche, archeologiche, antropologiche, etnologiche, restituiscono in modo efficace le linee generali della complessa identità culturale della regione. Nello stesso tempo, questi contributi e le pubblicazioni successive fanno emergere con chiarezza quanto lavoro resti ancora da fare per la conoscenza del patrimonio del Rif, di cui molto è già andato perso e che rischia ulteriori erosioni per le rapide trasformazioni territoriali innescate nell’ultimo decennio dalla costruzione della “Rocade Méditerranéenne”, strada costiera concepita per offrire nuove opportunità di sviluppo economico alla regione5.

  • 6 Per le ragioni (anche di carattere geografico) che hanno determinato la scarsi (...)
  • 7 Sui contenuti e i risultati generali del progetto, Carta Arqueol ó (...)

6Per quanto riguarda in particolare l’archeologia, è stato più volte sottolineato che il Rif è rimasto al margine delle ricerche nel Marocco settentrionale, che hanno interessato in modo predominante la penisola tingitana6. In particolare, non si dispone finora di indagini intensive orientate a ricostruire l’evoluzione diacronica di specifici contesti territoriali, come quelle messe in atto nella regione di Tangeri-Tétouan con il progetto “Carta Arquelógica del Norte de Marruecos” (2008-2011)7, e neppure di sequenze stratigrafiche significative, visto che gli scavi hanno riguardato un numero ristretto di siti e si sono limitati a sondaggi di modesta ampiezza.

  • 8 Un’esemplificazione di questa ripartizione scientifica è l’assenza di studiosi che si oc (...)

7In questo panorama costituisce un’eccezione Melilla, identificata comunemente con la fondazione fenicia di R’š’dr (la Rhysaddir delle fonti classiche, infra, 3.1), dove le indagini archeologiche condotte nell’area urbana dagli inizi del XX secolo a oggi hanno permesso di acquisire dati fondamentali per la conoscenza della città antica e medievale. Tuttavia, l’elaborazione storica di queste evidenze in rapporto al territorio circostante risente fortemente sia della scarsità generale di dati per il Rif, a cui abbiamo fatto cenno, sia della frontiera politica tra Melilla e il Marocco, che ha rappresentato finora anche una frontiera scientifica, determinando una ripartizione di fatto dei campi di ricerca e un tendenziale disinteresse reciproco a combinare le informazioni sulla città con quelle relative al resto della regione8.

8Il contributo che qui si presenta intende muovere un ulteriore passo verso la costruzione di un quadro di sintesi, proponendo una messa a punto dei dati acquisiti e focalizzando l’attenzione sulle problematiche aperte, con l’auspicio che future ricerche e collaborazioni scientifiche oltre ogni frontiera possano contribuire a colmare gli attuali vuoti di informazione.

2. Le ricerche archeologiche

2.1. Melilla (Tabella 1)

Tabella 1: I rinvenimenti archeologici a Melilla, suddivisi per fasce cronologiche e per zone

PREISTORIA E PROTOSTORIA
“MELILLA LA VIEJA”
Casa del Gobernador – Selci e gusci di uova di struzzo residuali (2000-2001: scavi programmati). Bibliografia: Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 60.
CERRO DEL CUBO
Alcazaba – Rinvenimento di un’ascia di basalto (1993). Bibliografia: Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 60; Aragón Gómez 2011, p. 54.
Cementerio de la Purísima Concepción / Cala Morillo – Selci e gusci di uova di struzzo (prima del 1906: ricognizioni di P. Pallary). Bibliografia: Pallary 1907, p. 303-304; Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 55-56; Aragón Gómez 2008, p. 89.
ZONA A SUD DEL RÍO DE ORO
Barriada Constitución – Fondi di capanna e sepolture della prima età del Bronzo (1984: scoperta occasionale seguita da scavi). Bibliografia: Sáez Cazorla 1988, p. 24; Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 59-60, 82.
Cerro de Camellos / Barrio del Tesorillo – Sepolture entro grandi “tinajas”, probabilmente protostoriche (1936-1937: scoperta occasionale). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Sáez Cazorla 1988, p. 25; Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 57, 82; Aragón Gómez 2011, p. 44.
Huerta de Reyes – Resti del Paleolitico Medio e Superiore (1992: ricognizioni di J.M. Tomassetti Guerra; 2001, 2003: scavi di emergenza). Bibliografia: Tomassetti Guerra 1996; STRATO, ICM 2004; Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 60-61, 63; Fernández Uriel et alii 2007, p. 15.
Río de Oro, Arroyo Mezquita, Barrio del Real – Giacimenti individuati da P. Pallary (prima del 1906). Scoperta occasionale di tre sepolture ovali (1914). Resti del Paleolitico Inferiore individuati da C. Posac Mon (1945). Bibliografia: Pallary 1907; Sáez Cazorla 1988, p. 24; Bravo Nieto, Bellver Garrido 2004, p. 59, no 23, p. 72, no 22; Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 55-56, 62; Aragón Gómez 2008, p. 89; 2011, p. 44; Le Rif c.s., siti MLPosac 22, 23.
Sidi Guariach – Giacimento protostorico e resti del Paleolitico Inferiore (1945: ricerche di C. Posac Mon; 1988: segnalazione del giacimento; 1992: ricerche di J.M. Tomassetti Guerra). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Sáez Cazorla 1988, p. 21; Tomassetti Guerra 1996; Bravo Nieto, Bellver Garrido 2004, p. 58, no 10; Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 60; Fernández Uriel et alii 2007, p. 15; Le Rif c.s., sito MLPosac 10.
[Zona non precisata] – Individuazione di cinque zone con concentrazioni di selci (2001: ricognizioni dirette da A. Bravo Nieto e J.A. Bellver Garrido). Bibliografia: Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 60.
ETÀ’ ANTICA
“MELILLA LA VIEJA”
Almacenes de las Peñuelas – Materiali datati tra il II sec. a.C. e il I sec. d.C., tra cui anfore T-7.4.3.3 e Dressel 7-11 (2009: scavi programmati). Bibliografia: Aragón Gómez 2010, p. 77-78.
Casa del Gobernador – Sequenza stratigrafica datata dalla fine del VII sec. a.C. al I sec. d.C., con resti di edifici e abbondanti materiali (2001-2008: scavi programmati). Bibliografia: Villaverde 2003, p. 24-25; Aragón Gómez et alii 2006; Aragón Gómez et alii 2007; Fernández Uriel et alii 2007, p. 12-14; Aragón Gómez, Fernández Uriel 2008; Aragón Gómez 2009, p. 75-76.
Foso de Hornabeque – Anfore T-7.4.3.3, Lamboglia 2 e altri materiali di età tardo-punica residuali (2008, 2009: scavi programmati). Bibliografia: Aragón Gómez 2010, p. 78-79.
Plaza de Armas – Sequenza stratigrafica dal V sec. a.C. al I sec. d.C. con resti di edifici e abbondanti materiali; presenza sporadica di anfore Almagro 50 (1999-2002: scavi di emergenza e programmati). Bibliografia: Villaverde Vega 2001, p. 256; 2003, p. 20-23; 2004; Fernández Uriel 2004; Fernández Uriel et alii 2007, p. 11.
Cerro de San Lorenzo
Necropoli del III-I sec. a.C. e altri rinvenimenti (1905, 1908, 1921: scoperte occasionali; 1908, 1913-1916, 1934: scavi di R. Fernández de Castro y Pedrera; 1980, 1984, 1986, 1987, 1988 scavi e scoperte occasionali). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Tarradell 1954; Sáez Cazorla 1988, p. 22-23; Gutiérrez González 2005; Aragón Gómez 2008, p. 89-91; 2011, p. 46-51.
Cerro de Santiago
Calle Cardenal Cisneros / Cuesta de Santiago – Sepolture e anfore probabilmente di forma T-7.4.3.3 (1915, 1918: scoperte occasionali). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Sáez Cazorla 1988, p. 25; Aragón Gómez 2008, p. 89; 2011, p. 44-45.
Zona a Sud del Río de Oro
Cerro de Camellos / Barrio de la Libertad – Rinvenimento di monete di bronzo delle zecche di Gadir, Castulo, Carteia (1955: scoperta occasionale). Bibliografia: Sáez Cazorla 1988, p. 25; Aragón Gómez 2011, p. 44.
RINVENIMENTI SUBACQUEI
Lotto di migliaia di monete cartaginesi datate in maggioranza tra il 221 e il 202 a.C. (1981: rinvenimento casuale durante opere di dragaggio del porto). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Sáez Cazorla 1988, p. 27; Alfaro 1993; Aragón Gómez, Fernández Uriel 2008, p. 590-591.
Anfora Almagro 51 A-B (fondali intorno a Melilla). Bibliografia: Villaverde Vega 2001, p. 256; Fernández Uriel 2005, p. 250.
Anfore Dressel 1 lungo la costa del Cap des Trois Fourches e di fronte alla sebkha Boû ’Areg (anni ’60: rinvenimenti casuali). Bibliografia: Aragón Gómez 2013, p. 140.
ETÀ’ MEDIEVALE
“MELILLA LA VIEJA”
Almacenes de las Peñuelas – Silos e materiali del XIII-XIV secolo (2009: scavi programmati). Bibliografia: Aragón Gómez 2010, p. 77-78.
Calle San Miguel e Calle Alta – Silos con materiali di età medievale e moderna (1999: scavi programmati). Bibliografia: Fernández Uriel et alii 2007, p. 9.
Casa del Gobernador – Materiali di età medievale (2001: scavi programmati). Bibliografia: Fernández Uriel et alii 2007, p. 12-14.
Foso de Hornabeque – Silos e materiali del XIII-XIV secolo (2008-2009: scavi programmati). Bibliografia: Aragón Gómez 2010, p. 78-79.
Plaza de Armas – Silos con materiali medievali e resti di strutture (1999-2002: scavi di emergenza e programmati). Bibliografia: Villaverde Vega 2003, p. 23; Fernández Uriel et alii 2007, p. 11.
Torreón de las Cabras / Centro de Interpretación – Materiali di età medievale (anni ’90: interventi archeologici in occasione di lavori di adeguamento). Bibliografia: Aragón Gómez 2011, p. 45.
CERRO DEL CUBO
Alcazaba – Silos con materiali di età altomedievale (1973: scoperte occasionali; 1993, 1997, 1998: scavi di emergenza). Bibliografia: Fernández Uriel et alii 2007, p. 8-9; Aragón Gómez 2008, p. 91; 2011, p. 54; Salado Escaño et alii 2011; Lechado Granados 2014, p. 52.
Calle Ejercito Español / Edificio Monumental – Probabile necropoli altomedievale (1931, 1992: scoperte occasionali). Bibliografia: Aragón Gómez 2008, p. 91; 2011, p. 51-52.
Calle Pablo Vallescá – Probabile necropoli altomedievale (2007: scoperte occasionali). Bibliografia: Aragón Gómez 2011, p. 52.
Colegio España – Silos e resti umani di cronologia incerta (1973: scoperte occasionali). Bibliografia: Sáez Cazorla 1988, p. 26; Aragón Gómez 2008, p. 90; 2011, p. 54.
Fuertes de las Victorias – Occupazione di età altomedievale con silos (2007, 2008, 2012, 2013: scavi programmati). Bibliografia: Aragón Gómez 2011, p. 53-54; Lechado Granados 2014, p. 52-54.
Parque Lobera – Resti di edifici, silos e materiali di età altomedievale (1999, 2007, 2008: scavi programmati). Bibliografia: Fernández Uriel et alii 2007, p. 9; Aragón Gómez 2009, p. 74; 2011, p. 54; Salado Escaño et alii 2011.
Teatro Kursaal – Probabile necropoli altomedievale (1933, 2009: scoperte occasionali). Bibliografia: Aragón Gómez 2011, p. 52-53.
ETÀ’ POSTMEDIEVALE
“MELILLA LA VIEJA”
Almacenes de las Peñuelas – Materiali del XVI-XVII secolo (2001, 2009: scavi programmati). Bibliografia: Fernández Uriel et alii 2007, p. 12; Aragón Gómez 2010, p. 77-78.
Calle Alta – Livelli di occupazione e materiali del XVII-XVIII secolo (1999: scavi programmati). Bibliografia: Fernández Uriel et alii 2007, p. 9.
Casa del Gobernador – Materiali del XVI-XVII secolo (2001: scavi programmati). Bibliografia: Fernández Uriel et alii 2007, p. 12-14.
Foso de Hornabeque – Strutture e materiali del XVII-XIX secolo (2008, 2009: scavi programmati). Bibliografia: Aragón Gómez 2010, p. 78-79.
Plaza de Armas – Strutture e materiali della fine XV-XVIII secolo (1999-2002: scavi di emergenza e programmati). Bibliografia: Villaverde Vega 2003, p. 23-24; Fernández Uriel et alii 2007, p. 11.
Plaza del Veedor – Livelli di occupazione del XIV-XVIII secolo (2000: scavi di emergenza). Bibliografia: Villaverde Vega 2002; 2003, p. 20; Fernández Uriel et alii 2007, p. 11.
CERRO DEL CUBO
Fuertes de las Victorias – Fortificazioni e strutture del XVIII-XIX secolo (2012, 2013: scavi programmati). Bibliografia: Lechado Granados 2014, p. 52-54.
DATAZIONE INCERTA
“MELILLA LA VIEJA”
Cuesta de la Florentina – “Asta de novillo” (1912: scoperta occasionale). Bibliografia: Aragón Gómez 2008, p. 89; 2011, p. 42.
Torreón de las Cabras – Resti umani (1917: scoperta occasionale). Bibliografia: Aragón Gómez 2011, p. 45.
Zona a Sud del Río de Oro
Barrio del Real – Resti umani (1916: scoperta occasionale). Bibliografia: Sáez Cazorla 1988, p. 24; Aragón Gómez 2011, p. 44.
Cerro de Camellos / ESTADIO ÁLVAREZ CLARO – Resti umani (1906: scoperta occasionale). Silos (1984: scoperta occasionale). Bibliografia: Sáez Cazorla 1988, p. 25; Aragón Gómez 2011, p. 44.
  • 9 Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 55-56; v. anche Vismara 2014 (...)
  • 10 Per le modalità con cui furono resi noti i risultati degli scavi della necropoli, indi (...)
  • 11 Aragón Gómez 2008, p. 89-90; 2011, con fonti emerografiche e bibli (...)
  • 12 Aragón Gómez 2008, p. 90; 2011, con fonti emerografiche e bibliogr (...)

9Le prime attività archeologiche a Melilla risalgono ai primi anni del XX secolo, quando inizia l’espansione urbanistica della città moderna, la cui superficie costruita era concentrata, fino a quel momento, nella zona a Nord del Río de Oro. Le ricerche effettuate da Paul Pallary nel 1906, che portarono alla scoperta di alcuni giacimenti preistorici 9, e lo scavo della necropoli punico-romana del Cerro de San Lorenzo, condotto tra il 1908 e il 1916 e ancora nel 1934 da Rafael Fernández de Castro y Pedrera (autore anche dei successivi scavi di Gh asâsa, infra 2.2) 10, si inseriscono nel quadro delle numerose scoperte occasionali segnalate nell’area della città tra il 1905 e il 1936 11, e successivamente tra il 1962 e il 1980 12.

  • 13 Aragón Gómez 2008, p. 89-91. Una sintesi dei dati disponibili sino (...)

10Dalla metà degli anni ’80, in applicazione di nuove norme sulla tutela del patrimonio storico, la ricerca archeologica a Melilla ha assunto una connotazione scientifica e si sono moltiplicati gli interventi, anche se di tutti questi lavori non esistono pubblicazioni specifiche, ma solo notizie e riferimenti in altre opere 13.

  • 14 Fernández Uriel et alii 2007; Aragón Gómez 2008, (...)

11A metà degli anni ’90, l’attribuzione a Melilla dello statuto di città autonoma (con la conseguente assunzione di competenze amministrative per la gestione del patrimonio culturale) ha dato inizio a un nuovo modello di archeologia urbana, mirato a incrementare le conoscenze con interventi programmati, preventivi, di urgenza, nonché a garantire la tutela e la valorizzazione delle evidenze, grazie anche alla redazione di una carta archeologica di tutte le informazioni disponibili (“Carta Arqueológica Terrestre de la Ciudad de Melilla”), concepita come strumento per la valutazione del rischio archeologico e per operazioni di carattere preventivo 14 (fig. 3). Gli interventi di scavo, gestiti da un gruppo di lavoro interdisciplinare costituito, nella sua fase iniziale, da Pilar Fernández Uriel, Fernando López Pardo, Victor Guerrero Ayuso, Rocío Gutiérrez, hanno interessato principalmente l’area di “Melilla la Vieja”, dove sono stati individuati numerosi giacimenti stratificati che permettono di localizzare definitivamente in quest’area l’abitato antico e medievale, ma anche la zona di Cerro del Cubo e Parque Lobera, che ha restituito tracce di occupazione che vanno dal I sec. a.C. all’età altomedievale e resti di necropoli.

Fig. 3: Melilla, carta dei giacimenti archeologici e delle zone protette

Fig. 3: Melilla, carta dei giacimenti               archeologici e delle zone protette

Zona A: zona dei recinti storici e immediati dintorni (“Melilla la Vieja”, Cerro del Cubo); zona B: quartieri periferici che occupano in parte le aree del Cerro de Santiago, Cerro de San Lorenzo, Cerro de Camellos; zona C: zone occupate anticamente dalla baia, dalla foce del Río de Oro e da altre aree umide; zona D: zone periurbane che includono le aree archeologiche di Cala Morillo, Sidi Guariach, Huerta de Reyes.

rielaborazione da Aragón Gómez 2009, p. 91

  • 15 Aragón Gómez 2009, 2010; Lechado Granados 2014.

12Nel 2005 è stata pubblicato il volume Historia de Melilla, importante sintesi dei dati storici e archeologici, a cura di Antonio Bravo Nieto e Pilar Fernández Uriel, in parte superata da successive scoperte archeologiche che hanno permesso, tra l’altro, di fare risalire almeno alla fine del VII sec. a.C. il nucleo originario della città 15.

2.2. Il Rif (Tabella 2)

Tabella 2: I rinvenimenti archeologici nel Rif suddivisi per fasce cronologiche e per località. In ciascun riquadro le località sono elencate da Est verso Ovest (v. fig. 4)

PREISTORIA E PROTOSTORIA
Islas Chafarinas – Isla del Congreso: giacimento del Neolitico; Islas del Rey e Isabel II: affioramenti di selci (2000‑2009: ricognizioni e scavi diretti da A. Bravo Nieto e J.A. Bellver Garrido). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Zafrín 2010; Bellver Garrido 2013.
Valle dell’Oued Moulouya – Diversi giacimenti del Paleolitico Medio e Superiore (ateriense) distribuiti lungo la Moulouya, prevalentemente sulla riva destra, e nella zona di Oulad Mansour (dal 2001: progetto franco-marocchino sul Rif e il Marocco orientale - bassa valle dell’Oued Moulouya, zona a Ovest di Ras Kebdana, regioni di Berkane, Ahfir, Saïdia, massiccio di Beni-Snassen). Bibliografia: Bouzzouggar et alii 2010; Bouzzouggar, Talbi 2012.
Ras Kebdana – Giacimento del Neolitico con selci e frammenti di uova di struzzo (1940-1950: ricerche di C. Posac Mon). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Bravo Nieto, Bellver Garrido 2004, no 13; Le Rif c.s., sito TR 2.
Litorale a Ovest di Ras Kebdana – El Camra, Ibouarfatsene, Ijertsal e altre località: giacimenti del Paleolitico Superiore / Epipaleolitico e del Neolitico con selci e frammenti di uova di struzzo (dal 2001: progetto franco-marocchino sul Rif e il Marocco orientale – bassa valle dell’Oued Moulouya, zona a Ovest di Ras Kebdana, regione di Berkane, Ahfir, Saïdia, massiccio di Beni-Snassen). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Bouzzouggar et alii 2010; Bouzzouggar, Talbi 2012; v. anche Le Rif c.s., siti KA 7, TR 32.
Regione di Melilla e del Gourougou – Haddou, Barranco del Lobo, Taxi el Arbi, Sidi Taquirás, Taguil Mamín, Taxdirt, Haduba, Puente Yazanen, Punta Negri, Río Nano, Playa Yazanen, Sidi Mesaud, Tazouda, Peña del Burro, Mont Arruit: giacimenti con datazioni comprese tra il Paleolitico Inferiore e il Neolitico (1940-1950: ricerche di C. Posac Mon). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Bravo Nieto, Bellver Garrido 2004, p. 58-72, nn. 1, 3-6, 9, 11, 12, 15-16, 18, 20, 21; Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 62-67; Le Rif c.s., siti NDPosac 3, 4, 5, 15; MLPosac 1, 6, 12, 16, 18, 20; ML 11, 12, 17; ZG 5; KAPosac 9.
Litorale a Ovest di Melilla e Rif interno – Ifri Oudadane, Ifri Armas, Ifri Ouzabour (costa a Ovest di Melilla), Ifri N’Ammar, Ifri el Baroud, Hassi Ouenzga (Rif interno) e altre località: giacimenti con datazioni comprese tra il Paleolitico Inferiore e il Neolitico; tumuli di epoca protostorica; rinvenimenti sporadici di ceramiche campaniformi (dal 1995: progetto marocco-tedesco sul Rif orientale diretto da J. Eiwanger e A. Mikdad). Bibliografia, con ulteriori riferimenti: Linstädter 2010; Mikdad et alii 2012; Nekkal et alii 2015; v. anche Aouraghe et alii 2012; Vismara 2014, p. 172.
ETÀ’ ANTICA
Islas Chafarinas (fig. 4, n o 1) – Isla Isabel II: frammenti di anfore Dressel 1 (2008-2009: ricognizioni e scavi diretti da A. Bravo Nieto e J.A. Bellver Garrido). Bibliografia: Aragón Gómez 2010, p. 80; 2013, p. 138-139.
Bouhout (fig. 4, n o 2) – Anfore e altri materiali ceramici datati tra il VII e il I sec. a.C. (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 582; Le Rif c.s., sito TR 28.
Ras Kebdana (fig. 4, n o 4) – Anfore e altri materiali ceramici datati intorno al I sec. a.C. (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 583; Le Rif c.s., sito TR 2.
Zona di Ras Kebdana - Area con concentrazioni di frammenti di uova di struzzo datate all’età fenicio-punica tramite analisi al 14C. Bibliografia: El Khayari 2004; v. anche Domínguez Pérez 2011, p. 216.
Bou Kanat (fig. 4, 3), Ed Dahar Taiffant (fig. 4, n o 5) – Attestazioni sporadiche di anfore Dressel 1, Dressel 7/11, Haltern 70 (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 581-583; Le Rif c.s., siti TR 3, 31.
El Aabid (fig. 4, n o 6) – Attestazioni sporadiche di anfore Haltern 70 e Dressel 18 (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 583; Le Rif c.s., sito KA 1.
Sidi Moulay Barhdâd (fig. 4, n o 8) – Attestazioni sporadiche di anfore Dressel 18 (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 584; Le Rif c.s., sito ML 16.
Au sud de Tamarsat (fig. 4, n o 15) – Attestazioni sporadiche di anfore Haltern 70 (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 584; Le Rif c.s., sito ZG 10.
Sidi Driss (fig. 4, n o 20) – Resti di abitato e abbondanti materiali ceramici con datazioni comprese tra il VII e il IV sec. a.C. (2000-2005: ricognizioni e scavi diretti da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 588-600; Kbiri Alaoui 2012; Le Rif c.s., siti BD 2, 3.
Anual (fig. 4, n o 21) – Rinvenimento di un tesoro di monete datate tra Alessandro Severo e Volusiano. Bibliografia: Barrio Fernández de Luco 1998, p. 217-218; v. anche Villaverde Vega 2001, p. 250.
Regione di Temsâmane – Monete del III e IV secolo acquistate al souk di Temsâmane e donate al Museo di Melilla. Bibliografia: Villaverde Vega 2001, p. 250.
Dchar ‘Alla Bou k ar (fig. 4, n o 24) – Attestazioni di anfore Dressel 18 e Dressel 1 (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 588; Le Rif c.s., sito AH 9.
Bâdis (fig. 4, n o 30) – Oggetti in bronzo con datazioni comprese tra il IV-V e il VI-VII secolo (1943: rinvenimenti occasionali). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Villaverde Vega 2001, p. 246-249 e Apéndice IV, PT-58, 59, 60, 85, 86; Le Rif c.s., sito BF 1.
Kâla Irîs (fig. 4, n o 32) – Attestazione sporadica di anfore di tipo fenicio (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia : Le Rif c.s., sito BF 5.
Valle di Mestassa (fig. 4, n o 33) – Attestazione sporadica di anfore di tipo fenicio (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., sito BF 12.
ETÀ’ MEDIEVALE
Ras Kebdana (fig. 4, n o 4) – Resti di edifici e materiali ceramici (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., sito TR 2.
Bou Iahiatene, Sidi Abdallah, Arhil Ouzemmour, Sidi Moulay Ali – Resti di edifici e materiali ceramici (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., siti TR 6, 7, 15, 18.
Bouchih – Abitato rurale a carattere temporaneo di età almoravide (datazione al 14C) sulla riva sinistra dell’Oued Moulouya (2006: scavi nel quadro del progetto marocco-tedesco sul Rif orientale diretto da J. Eiwanger e A. Mikdad). Bibliografia: Linstädter et alii 2012.
Mlika – Resti di edifici e materiali ceramici (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., sito KA 6.
Sidi Moulay Barhdâd (fig. 4, n o 8) – Materiali ceramici (2000-2005 : ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara): Bibliografia: Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 584; Le Rif c.s., sito ML 16.
Gh asâsa / El Koulla, Zaarour, Sidi Messaoud (fig. 4, n o 10) – Resti della città medievale (1915 e 1917: visita di R. Fernández de Castro y Pedrera; 1929: visita di C.L. de Montalbán; 1939-1941: scavi di R. Fernández de Castro y Pedrera; 1953: scavi di F. Mir Berlanga; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara; 2004: ricognizioni di M. Laoukili). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 206-221; Laoukili 2005; Gozalbes Cravioto (E.) 2017, p. 19; Le Rif c.s., siti ML 1, 11, 12, 17, 18, 20.
Punta Negri – Materiali ceramici (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia:
Le Rif c.s., sito ML 21.
Tazûta / Tazouda (fig. 4, n o 11) – Resti della fortificazione merinide (1923: visita di A. del Valle Lersundi; 1930: visita di A. Ghirelli; 1948: visita di C. Morán Bardón; 1952: visita di A. Sánchez Pérez; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 179-187; Laoukili 2015; Belatik 2016; Le Rif c.s., sito ZG 5.
al-Qadiya/ El Kadia (fig. 4, n o 12) – Resti di un abitato probabilmente risalente all’età medievale (1948: visita di C. Morán Bardón; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 187-194; Le Rif c.s., sito ZG 7.
Garet, Kart / Sidi Ayssa, Bou Fhal, Ifri Ifounassene (fig. 4, n o 14) – Resti del villaggio medievale (1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Cressier 1981, p. 194-195; Le Rif c.s., siti ZG 2, 3, 8, 9, 11, 12, 13, 14.
Taferhsit (fig. 4, n o 18) – Resti di un abitato, di una diga e di una qasba (1980: ricognizioni di P. Cressier). Bibliografia: Cressier 1981, p. 156-162.
Sidi Salâh (fig. 4, n o 19) – Resti di edifici e materiali ceramici (1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Cressier 1981, p. 148-149; Le Rif c.s., siti BD 1, 7.
Sidi Driss (fig. 4, n o 20) – Resti di edifici e materiali ceramici (1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Cressier 1981, p. 145-148; Le Rif c.s., siti BD 2, 3, 18.
Anual (fig. 4, n o 21) – Resti di un villaggio (1929: visita di C.L. de Montalbán; 1948: visita di C. Morán Bardón; 1980: ricognizioni di P. Cressier). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 152-154.
Beni boû Ya’koub (fig. 4, n o 22) – Resti di edifici e materiali ceramici (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., sito BD 40.
Garem / Tala Tamdint (fig. 4, n o 23) – Resti del villaggio medievale (1948: visita di C. Morán Bardón; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 149-151; Le Rif c.s., siti BD 15, 16.
Ijti-Itoûhâmiene Ouest, Dehar Ouguermâm, Souk Al Bali – Resti di edifici e materiali ceramici (2000‑2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., siti BD 11, 22, 43.
Nakûr (fig. 4, n o 25) – Resti della città medievale (1926, 1929, 1934: visite e scavi di A. Sánchez Pérez; 1947: segnalazioni di rinvenimenti da parte di F. Mateu y Llopis; 1948: visita di C. Morán Bardón; 1951: visita di A. Arribas Palau; 1955: scavi di D.M. Hart; 1958: scavi di A. Mekinasi; 1980: scavi di Ch.L. Redman; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 1995: scavi diretti da P. Cressier e L. Erbati; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 131- 138; Acién Almansa et alii 1999; Vismara 2014, passim; Le Rif c.s., sito AH 1.
Al-Mazamma (fig. 4, n o 26) – Resti della città medievale (1895: descrizione di A. Mouliéras; 1942: visita di A. Sánchez Pérez; 1948: visita di C. Morán Bardón; 1951: visita di A. Arribas Palau; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara; 2010: scavi di L. Erbati). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 138-143; Erbati 2012, p. 165-170; Vismara 2014, passim; Gozalbes Cravioto (C.) 2015, Le Rif c.s., sito AH 2.
Ajdir, Imzoûrene, Azrhâr, Azrou, Ti’ourâr-Tbouda, Boû Dasuad, Hdîd – Resti di edifici e materiali ceramici (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., siti AH 12, 18, 19, 26, 29, 43, 52, 58, 59.
BÛzakkûr / Lalla Mimoûna (fig. 4, n o 27) – Resti del villaggio medievale (1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Cressier 1981, p. 125-128; Le Rif c.s., siti RD 1, 2.
Adoûz (fig. 4, n o 28) – Villaggio probabilmente risalente all’età medievale (1980: ricognizioni di P. Cressier). Bibliografia: Cressier 1981, p. 120-125.
Bâdis (fig. 4, n o 30) – Resti della città medievale (anni ’30: scavi di E. Blanco Izaga; 1942: visita di A. Jiménez Mendoza; 1948: visita di C. Morán Bardón; 1951: visita di A. Arribas Palau; 1952: scavi su iniziativa di M. Tarradell; 1958 : scavi di A. Mekinasi; 1980: ricognizioni di P. Cressier; scavi di Ch. Redman; 1995: ricognizioni di P. Cressier, A. El Boudjay, E. Erbati, A. Siraj; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 94-111; Cressier et alii 2001; Vismara 2014, passim; Le Rif c.s., sito BF 1.
Qal’at Sanha dj a / Torres el K’ala (fig. 4, n o 31) – Resti del villaggio medievale (1920: visita di C.L. de Montalbán; 1952: visita di A. Arribas Palau; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 1990: ricognizioni di A. El Boudjay; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 87-94; El Boudjay 2002; Le Rif c.s., sito BF 3.
Bâli sh / Yallî sh / Kâla Irîs (fig. 4, n o 32) – Resti di edifici e materiali ceramici (1920: visita e scavi di C.L. de Montalbán; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 1990: ricognizioni di A. El Boudjay; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti : Cressier 1981, p. 85-87; El Boudjay 2002; Le Rif c.s., sito BF 5.
Mas t âsa / Mestassa (fig. 4, n o 33) – Resti del villaggio medievale (1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Cressier 1981, p. 70-85; Le Rif c.s., siti BF 9, 10, 11, 12, 13.
Oued Halhoul, Tizi Smak , Idrîsen, Imadjaħane – Resti di edifici e materiali ceramici (2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia: Le Rif c.s., siti BF 7, 8, 18, 20, 23.
ETÀ’ POST-MEDIEVALE (XVI-XVIII secolo)
Djenada (fig. 4, n o 9) – Qasba (1980: ricognizioni di P. Cressier). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 221-222; 1981-1982, p. 265-268; 1983, p. 52-54.
Selouane (fig. 4, n o 13) – Qasba (1903: visita di R. de Segonzac. 1924: visita di A. Cabrera; 1980: ricognizioni di P. Cressier). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 198-199; 1981-1982, p. 268-270; 1983, p. 52-54; Vismara 2014, passim.
Meggeo (fig. 4, n o 16) – Resti di un villaggio (1948: visita di C. Morán Bardón; 1980: ricognizioni di P. Cressier). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 175-177.
Snada (fig. 4, n o 29) – Qasba (1920: visita di C.L. de Montalbán; 1980: ricognizioni di P. Cressier). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 116-120.
Torres el K’ala (fig. 4, n o 31) – Resti del forte (1920: visita di C.L. de Montalbán; 1948: visita di C. Morán Bardón; 1951: visita di A. Arribas Palau; 1980: ricognizioni di P. Cressier; 2000-2005: ricognizioni dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara). Bibliografia, con riferimenti ai lavori precedenti: Cressier 1981, p. 87-94; El Boudjay 2003; Gozalbes Cravioto (C.) 2017; Le Rif c.s., sito BF 3.
DATAZIONE INCERTA
Numerose località senza indicatori cronologici significativi che potrebbero risalire all’età medievale o post-medievale, individuate nel corso delle ricognizioni di P. Cressier (1980), di A. El Boudjay nella valle dell’Oued Beni Boufrah (1996) e della missione diretta da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara (2000-2005). Bibliografia: Cressier 1981; El Boudjay 2002; Le Rif c.s.
  • 16 Per la struttura amministrativa del Protettorato spagnolo, Villanova 2004; v. anche Vi (...)

13Con l’eccezione dei viaggi di studio compiuti nel Marocco settentrionale dal preistorico Paul Pallary nel 1902 e nel 1906, che, lungo la costa mediterranea, interessarono Al Hoceima, il Peñón de Vélez de la Gomera, Melilla (supra, 2.1) e le Isole Chafarinas, nel Rif non si registrano indagini archeologiche prima del periodo del Protettorato spagnolo (1912-1956), quando furono creati organismi appositamente dedicati alla gestione del patrimonio culturale della Zona occupata 16.

  • 17 Per una dettagliata rassegna delle ricerche archeologiche nel Rif durante il Protettor (...)

14I protagonisti di tali indagini, i cui risultati sono del tutto marginali rispetto a quelli delle ricerche archeologiche condotte negli stessi anni nella penisola tingitana, furono personaggi prescelti dall’amministrazione spagnola (generalmente amministratori locali o militari, ma anche specialisti) che dovevano far fronte a compiti di natura molto diversa: Angelo Ghirelli (ricerche su Tazouda), César Luís de Montalbán (ricognizioni, redazione di una carta archeologica della Zona e di una memoria su Gh asâsa), Julio Martínez Santa Olalla (censimento del patrimonio della Zona tramite un questionario), Andres Sánchez Pérez (ricognizioni e identificazione dei siti medievali di Nakûr e al-Mazamma), Rafael Fernández de Castro y Pedrera (scavi a Gh asâsa), Miquel Tarradell Mateu (ricognizioni, sondaggi a Bâdis), César Morán Bardón (ricognizioni), Antonio Arribas Palau (ricognizioni), Carlos Posac Mon (ricerche preistoriche nei dintorni di Melilla, nel Gourougou e in altre località del Rif orientale) 17.

15I risultati di queste ricerche sono significativi per la preistoria, grazie alle indagini di C. Posac Mon, che hanno consentito la scoperta di numerosi giacimenti. Per il resto, si tratta principalmente di ricognizioni e sopralluoghi che hanno interessato in particolare i siti medievali più famosi (Gh asâsa, Tazûta, Nakûr, al-Mazamma, Bâdis), accompagnati da descrizioni più o meno accurate dei resti visibili, mentre le attività di scavo si sono limitate all’apertura di alcuni sondaggi a Gh asâsa, Nakûr, Bâdis, i cui risultati sono rimasti sostanzialmente inediti.

  • 18 Vismara 2014, p. 170-172, con bibliografia; v. anche supra, (...)
  • 19 Vismara 2014, p. 172-176, con bibliografia; v. anche supra, Tabell (...)
  • 20 Vismara 2014, p. 172, con bibliografia; v. anche supra, Tabella 2.

16Dopo l’Indipendenza, tra gli anni ’50 e ’60 si segnalano due visite della costa effettuate da Michel Ponsich, gli scavi condotti a Nakûr e a Bâdis da A. Mekinasi e la prosecuzione delle ricerche preistoriche di C. Posac Mon 18. Successivamente, l’interesse archeologico per il Rif si è sviluppato solo a partire dagli anni ’80, focalizzandosi soprattutto (ma non solo) sul periodo medievale, con alcuni saggi di scavo nei siti di Bâdis e Nakûr (Ch. Redman), ricognizioni nella zona compresa tra la valle di Mestassa e il Cap des Trois Fourches, corrispondente al territorio dell’antico regno di Nakûr (P. Cressier), indagini con approcci metodologici diversi nel sito di Nakûr (équipe diretta da P. Cressier e L. Erbati), ricognizioni tematiche a Bâdis (P. Cressier, A. El Boudjai, L. Erbati, A. Siraj), nella valle dell’Oued Beni Boufrah (A. El Boudjay), nel territorio di Temsâmane (A. Tahiri), ricognizioni estensive lungo la fascia costiera compresa tra Tarhzout a Ovest e l’Oued Moulouya a Est (équipe diretta da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara), scavi nel siti di al-Mazamma e Nakûr (L. Erbati) 19. Alle ricerche elencate si aggiungono alcune indagini preistoriche che hanno interessato il Rif costiero e interno, la bassa valle dell’Oued Moulouya e le zone limitrofe, le Isole Chafarinas 20.

3. Dati acquisiti e problemi aperti

  • 21 Coletti 2015; Coletti, Guspini 2017.
  • 22 Esula dalle finalità di questo contributo una sintesi dei dati relativi alla p (...)

17In occasione di precedenti lavori si è tentato di tracciare una sintesi generale dei dati archeologici relativi all’occupazione umana nel Rif in epoca storica, con un’ottica diacronica di lungo periodo, proponendo di contestualizzare le scoperte nel quadro degli itinerari marittimi che toccavano la costa mediterranea del Marocco e degli itinerari terrestri che consentivano il collegamento della regione con gli altri territori nordafricani 21. Si riprendono in questa sede le osservazioni già effettuate, ma con un’ottica differente, che mira a un confronto tra le conoscenze su Melilla e quelle relative al territorio: l’obiettivo è delineare un bilancio dei dati acquisiti e, nello stesso tempo, porre in evidenza i numerosi problemi aperti 22.

3.1. Età antica

3.1.1 Dal VII al IV sec. a.C.

  • 23 Aubet 1987, pp. 144-172; cfr. anche Guerrero Ayuso 2005; contrib (...)

18I dati disponibili permettono di affermare che tra il VII e il IV/III sec. a.C. il Rif era pienamente inserito nei circuiti commerciali di tradizione fenicio-punica che facevano capo allo Stretto di Gibilterra. Questi circuiti erano notoriamente caratterizzati da due rotte principali Est-Ovest, dalle quali se ne diramavano altre secondarie: quella settentrionale toccava la Sicilia, la Sardegna, le Baleari e la costa Sud-Est della Spagna, la rotta meridionale costeggiava il litorale nord-africano compreso tra lo Stretto e Cartagine23.

Fig. 4: Carta schematica dei principali insediamenti antichi e medievali del Rif. I tondi vuoti indicano le aree con resti di età medievale individuate tra il 2000 e il 2005

Fig. 4: Carta schematica dei                 principali insediamenti antichi e medievali del Rif. I tondi                 vuoti indicano le aree con resti di età medievale individuate                 tra il 2000 e il 2005

1: Isole Chafarinas; 2: Bouhout; 3: Bou Kanat; 4: Ras Kebdana; 5: Ed Dahar Taiffant; 6: El Aabid; 7: Melilla; 8: Sidi Moulay Barhdâd; 9: Djenada; 10: Ghasâsa; 11: Tazûta; 12: El Kadia / al-Qadiya; 13: Selouane; 14: Garet, Kart; 15: Tamarsat; 16: Meggeo; 17: marsâ al-Dâr (Ras Afraou); 18: Taferhsit; 19: Sidi Salâh; 20: Sidi Driss; 21: Anual; 22: Beni boû Ya’koub; 23: Garem; 24: Dchar ‘Alla Boukar; 25: Nakûr; 26: al-Mazamma; 27: Bûzakkûr; 28: Adoûz; 29: Snada; 30: Bâdis; 31: Torres el K’ala / Qal’at Sanhadja; 32: Bâlish / Yallîsh (Kâla Irîs); 33: Mestassa.

ricerche dirette da A. Akerraz, A. Siraj, C. Vismara, v. Tabella 2

  • 24 Il toponimo Rhysaddir è menzionato da Pomponio Mela (Rusigada, Mela, 1 (...)
  • 25 Per la bibliografia relativa agli scavi di Casa del Gobernador e Plaza (...)

19Per Melilla (fig. 4, no 7), che può essere identificata con il toponimo Rhysaddir attestato in fonti letterarie e monete di epoca posteriore24, la documentazione archeologica relativa a questo periodo è rappresenta da quantità consistenti di ceramiche di importazione di ambito fenicio-punico datate a partire dalla fine del VII-inizi del VI sec. a.C., rinvenute nelle sequenze stratigrafiche di Casa del Gobernador e Plaza de Armas, nei recinti fortificati di “Melilla la Vieja” 25.

  • 26 Kbiri Alaoui et alii 2004, p.  (...)
  • 27 Kbiri Alaoui et alii 2004; Kbiri Alaoui 2012. Oltre alle a (...)

20La frequentazione commerciale della costa del Rif è testimoniata in altre due località, poste rispettivamente a Est e a Ovest di Rhysaddir / Melilla: Bouhout (fig. 4, no 2), sulla riva destra dell’Oued Moulouya, e Sidi Driss (fig. 4, no 20), alla foce dell’Oued Amekrâne. A Bouhout sono stati rinvenuti materiali con datazioni comprese tra il VII/VI e il I sec. a.C., scivolati lungo le pendici di una collina occupata da edifici moderni che probabilmente si sovrappongono ai resti dell’abitato antico26. L’insediamento di Sidi Driss, datato tra il VII e il IV sec. a.C., doveva avere una grande estensione, ma anche in questo caso le sovrapposizioni moderne e l’erosione non consentono di avere un’idea complessiva dell’abitato, a cui potrebbero essere riferibili anche i resti di una cinta muraria non anteriore alla fine del V secolo a.C.27

  • 28 Area con concentrazioni di frammenti di uova di struzzo datate all’età fenicio-punic (...)
  • 29 Si tratta di frammenti sporadici di anfore di tipo fenicio-punico identificate da M. (...)

21Altre tracce di frequentazione relative a questo periodo, rappresentate da materiali di importazione sporadici, sono state individuate nella zona di Ras Kebdana (fig. 4, no 4)28 e a Ovest della baia di Al Hoceima (fig. 4, nn. 32, 33)29.

  • 30 Dom í nguez Pérez 2011, p. 215, con (...)
  • 31 Questi siti, in parte noti da precedenti indagini archeologiche, rientrano nel proge (...)
  • 32 Si vedano i vari contribuiti in I Fenici 2011 e Iside punica 2013.
  • 33 El Khayari 2004; Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 597-600. Pe (...)

22I siti del Rif sono da mettere in relazione con altre località documentate più a Ovest, in prossimità dell’Oued Laou (Kach Kouch)30 e nella regione di Tétouan (Tamuda, Puente del Oued Melah, Sidi Abdeslam del Behar, Quitzán, Caf Taht el Ghar, Emsa)31, e anche con i numerosi abitati che dalla fine del VII - prima metà del VI secolo fioriscono lungo la costa dell’attuale Algeria centrale e occidentale32.
In tutte le località menzionate i materiali di importazione sono riconducibili a produzioni tipiche del cosiddetto “Círculo del Estrecho”, e per le loro caratteristiche denotano contatti con la zona di Cadice e la fascia atlantica, ma soprattutto con i centri della costa sud-orientale della Penisola Iberica, in particolare con Malaga33.

  • 34 Secondo V.M. Guerrero Ayuso (2005, pp. 106-125), la costa nord-africana era (...)
  • 35 El Khayari 2004; Dom í n (...)
  • 36 Villaverde Vega 2004, p. 1859.
  • 37 Dom í nguez Pérez 2011. Per una panora (...)
  • 38 Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 598 ; Kbiri Alaoui 2012. (...)

23L’area di provenienza delle importazioni (che potevano giungere in modo diretto, tramite rotte trasversali di raccordo tra le due rive, o in modo indiretto, attraverso circuiti di ridistribuzione)34 permette di iscrivere la frequentazione del litorale del Rif nel noto fenomeno produttivo, incentrato sullo sfruttamento delle risorse marittime e caratterizzato da circuiti commerciali su vasta scala, che dal VI secolo si riscontra in modo generalizzato su entrambe le rive dello Stretto, sul versante atlantico come su quello mediterraneo35. I dati sono però insufficienti per capire quale fosse il ruolo dei singoli centri nel sistema degli scambi. Rhysaddir / Melilla, le cui origini sono state messe in relazione diretta con l’espansione fenicio-punica nel Mediterraneo occidentale, sembra presentare caratteristiche urbane almeno dal V sec. a.C.36 e potrebbe quindi avere svolto una funzione di polo economico rispetto al territorio circostante, sul modello dei grandi centri regionali come Tingis, Tamuda, Abyla, Zilil, Lixus, che contemporaneamente si sviluppano nella penisola tingitana e nel Marocco atlantico37; per quanto riguarda Sidi Driss, appare probabile che si trattasse di un grande insediamento indigeno pienamente inserito nei traffici marittimi, come suggerisce l’associazione tra ceramiche di importazione e abbondanti ceramiche modellate di tradizione berbera38.

24Indipendentemente da queste considerazioni, le attestazioni sporadiche di materiali di tipo fenicio-punico a Ovest della baia di Al Hoceima rendono altamente plausibile l’ipotesi che Rhysaddir / Melilla, Bouhout e Sidi Driss fossero integrati in un sistema di abitati indigeni distribuiti lungo tutta la costa, collegati tra loro non solo da rotte di cabotaggio ma anche da un itinerario terrestre (verosimilmente coincidente, a grandi linee, con un tracciato documentato almeno dall’età medievale, v. infra) che dopo avere superato l’Oued Moulouya all’altezza di Bouhout si dirigeva verso i centri dell’attuale Algeria.

25È da notare, infine, che tanto Rhysaddir / Melilla quanto Sidi Driss sono situate in zone di giacimenti minerari ampiamente sfruttati in età moderna, ma la questione di possibili attività estrattive in età antica rimane del tutto aperta.

3.1.2 Dal III sec. a.C. agli inizi del I sec. d.C.

  • 39 Per le caratteristiche e l’evoluzione storica dei regni tribali del Ma (...)
  • 40 Per il riesame delle fonti scritte, Arnaud 2005. Sul commercio mediter (...)

26Questo periodo, che comprende le fasi meglio conosciute dei regni mauri39, è caratterizzato a livello mediterraneo dal consolidamento di un modello di commercio marittimo incentrato su un sistema di scambi a grande distanza tra un numero limitato di grandi porti-emporio, dai quali si diramavano flussi di ridistribuzione, e dalla diffusione sempre più ampia delle merci italiche, in rapporto con la progressiva affermazione di Roma come potenza imperiale40.

  • 41 Arnaud 2005, p. 149-171, rotte nn. 3A, 4-9, 11, 12, 33, 41-43.

27Per la regione dello Stretto, gli itinerari documentati dalle fonti classiche coincidono sostanzialmente con quelli che si possono ipotizzare per il periodo fenicio-punico: a Nord la rotta costiera della Spagna, a Sud la rotta costiera nordafricana, raccordate da altre trasversali ed entrambe connesse agli itinerari di lungo corso, segmentati o diretti, che collegavano lo Stretto con il Mediterraneo centrale e orientale41 (fig. 5, A).

Fig. 5: Le rotte del Mediterraneo sud-occidentale

Fig. 5: Le rotte del Mediterraneo                 sud-occidentale

A: le rotte del Mediterraneo sud-occidentale secondo le fonti antiche (dati tratti da Arnaud 2005); B: i collegamenti tra riva settentrionale del Marocco e riva sud-orientale della Spagna secondo le fonti medievali (dati tratti da Cressier 1992); le linee tratteggiate indicano le rotte costiere

rielaborazione da Coletti 2015, fig. 2

  • 42 Bridoux 2007, 2013. Per il ruolo di Cartagine come centro di rid (...)

28Come ha rilevato V. Bridoux, lungo tali rotte i prodotti italici cominciano a raggiungere la Numidia e la Mauretania a partire dalla fine del III sec. a.C., e la loro presenza si intensifica nel II secolo, con scarti cronologici tra siti dell’Algeria, del Marocco mediterraneo e del Marocco atlantico: secondo la studiosa questo dato e le caratteristiche dei materiali importati (che nel caso del Marocco e dell’Algeria centro-occidentale indicano stretti legami con i centri del Sud-Est e del Levante iberico e con le Baleari) denoterebbero un’integrazione progressiva dei circuiti marittimi di tradizione fenicio-punica nell’orbita di Roma, attraverso la mediazione, come centri di ridistribuzione, di Gades, Carthago Nova, Ebusus, insieme a Cartagine42.

  • 43 Secondo un’ipotesi, Rhysaddir avrebbe conosciuto un notevole sviluppo dopo le guerre (...)
  • 44 Per la bibliografi relativa agli scavi di Casa del Gobernador e Plaza de Armas, v. s (...)
  • 45 Per una sintesi dei dati relativi alla necropoli, il cui elemento più (...)
  • 46 Per la bibliografia relativa alle scoperte effettuate a più riprese nelle zone di Ce (...)
  • 47 Tra i materiali rinvenuti si segnalano anfore Merlin-Drappier 3, Mañá- (...)
  • 48 Sulle risorse economiche della città, Fernández Uriel 1998; un possibile indizio di (...)

29Per quanto riguarda il Rif si può riconoscere senza troppi margini di dubbio l’importante ruolo urbano e portuale raggiunto in questo periodo da Rhysaddir / Melilla43. Le testimonianze più significative, datate tra la fine del III sec. a.C. e gli inizi del I sec. d.C. sono state individuate nelle sequenze stratigrafiche di Casa del Gobernador e Plaza de Armas. Nel primo contesto sono stati messi in luce i resti di una zona di abitato, nel secondo uno spazio probabilmente pubblico con strutture attribuite a un complesso cultuale dedicato ad Astarte – Venus Marina connesso a una sorgente44. Sono ugualmente riferibili a questo periodo la necropoli a inumazione del Cerro de San Lorenzo, in funzione dal III sec. a.C. ma utilizzata prevalentemente nel I sec. a.C.45, e le sepolture, ugualmente a inumazione, individuate nella zona del Cerro del Cubo e del Cerro de Santiago46. La quantità e varietà dei materiali di importazione rinvenuti nei contesti indicati dimostrano che in questo periodo la città era pienamente aperta ai traffici marittimi47; si ignora invece quali fossero le sue attività produttive, anche in relazione con le zone circostanti48.

  • 49 I materiali rinvenuti in questi siti sono anfore Dressel 1 (Isole Chaf (...)
  • 50 Secondo le Instructions Nautiques (1968, p. 74-82), il litorale (...)

30Nel territorio non sembrano presenti insediamenti paragonabili per importanza a Rhysaddir / Melilla, ma ceramiche di importazione tanto di ambito tardo-punico quanto di ambito “romano” sono attestate in diverse località situate tra l’Oued Moulouya a Est e la baia di Al Hoceima a Ovest: Bouhout (fig. 4, n2) e Ras Kebdana (fig. 4, n4), la cui frequentazione è documentata anche nel periodo precedente, Isole Chafarinas (fig. 4, n1), Bou Kanat (fig. 4, n3), Ed Dahar Taiffant (fig. 4, n5), El Aabid (fig. 4, no 6), Sidi Moulay Barhdâd (fig. 4, no 8), Tamarsat (fig. 4, n15), Dchar ‘Alla Boukar (fig. 4, n24)49. Queste attestazioni, particolarmente ravvicinate nella zona dell’Oued Moulouya, lasciano intravedere (come per il periodo precedente) l’esistenza di una sequenza di insediamenti mauretani costieri che potevano funzionare come scali del commercio marittimo50 o che ricevevano merci di importazione grazie a sistemi di ridistribuzione locali, verosimilmente collegati tra loro da un itinerario terrestre e in rapporto anche con località dell’interno, come testimoniano i rinvenimenti nei dintorni di Dchar ‘Alla Boukar, nella valle dell’Oued Nekôr.

3.1.3 Dalla fine del I al VII sec. d.C.

  • 51 Per un elenco delle località del Rif menzionate dagli autori antichi, Vismara 2014, (...)
  • 52 ItinAntonAug., 10-11. Per le caratteristiche dell’Itinerarium pr (...)
  • 53 Plin., nat., 5, 18: Rhysaddir oppidum et portus; ItinAntonAug., 11, 3: Rusadde (...)

31Per il periodo posteriore all’istituzione della provincia romana della Mauretania Tingitana (42 d.C.), le fonti letterarie ci restituiscono i nomi di alcune località51, segnalando una frequentazione della rotta costiera del Marocco settentrionale come via di collegamento tra Tingi / Tangeri e Portus Divinus / Orano52, e sembrano confermare l’importanza di Rhysaddir / Melilla, definita oppidum da Plinio e colonia dall’Itinerario di Antonino53.

  • 54 Per le sepolture del Cerro de San Lorenzo, Gutiérrez Gonz á (...)
  • 55 Villaverde Vega 2001, p. 246-250; v. anche supra, Tabella 2. A q (...)

32A fronte di tali informazioni, i dati archeologici risultano inconsistenti. Nelle stratificazioni archeologiche di Melilla le uniche testimonianze sono rappresentate da tombe con copertura di tegulae rinvenute nella zona occidentale del Cerro de San Lorenzo, attribuite al II-III secolo, e da alcuni reperti isolati54. Nel territorio, i rinvenimenti che possono essere inquadrati cronologicamente si limitano a monete del III e IV secolo provenienti da Anual (fig. 4, n21) e dalla regione di Temsâmane, e ad alcuni oggetti in bronzo di età tardoantica attestati a Bâdis (fig. 4, n30)55.

33Fermo restando che il quadro descritto potrebbe essere modificato, almeno in parte, da future scoperte, la scarsità delle evidenze rispetto a quelle relative ai periodi precedenti rende plausibile l’ipotesi che, nel periodo provinciale, la zona orientale della Mauretania Tingitana avesse un assetto politico ed economico sensibilmente diverso rispetto a quello della zona occidentale.

  • 56 R. Rebuffat (1971, p. 50-51) ha proposto una distinzione tra “la provi (...)
  • 57 Per A. Siraj (1995, p. 407-408) la città sarebbe stata uno dei punti permanenti di (...)

34L’assenza di dati riguardo all’esistenza di insediamenti “romani” distribuiti nel territorio è stata da tempo interpretata come indizio che la zona in esame fosse rimasta sotto il controllo delle tribù locali56, con le quali Roma avrebbe comunque intessuto un sistema di relazioni, caratterizzato verosimilmente da un rapporto privilegiato con Rhysaddir / Melilla57 (dotata quasi certamente – come si è detto – dello statuto di colonia).

  • 58 Coletti 2015, p. 733. Per la circolazione delle merci in età imp (...)

35A sua volta, l’assenza generalizzata di materiali di importazione lungo le coste del Rif a partire dalla fine del I secolo rappresenta con ogni probabilità un fenomeno connesso ai cambiamenti che si registrano, in età imperiale, nell’organizzazione dei flussi mercantili di un Mediterraneo ormai unificato, diretti ora in modo predominante dalle province verso Roma e l’Italia: i nuovi modelli produttivi e commerciali legati alla “romanizzazione” potrebbero avere ridisegnato il sistema di circolazione delle merci in tutta la regione dello Stretto, tagliando fuori dai circuiti principali e di ridistribuzione questo tratto della costa nordafricana58.

  • 59 Come sottolinea R. Rebuffat (1971, p. 56), l’esistenza di un itinerario marittimo “u (...)
  • 60 Salama 1951, carta generale; Siraj 1995, p. 400.
  • 61 I principali contributi bibliografici sul collegamento terrestre tra le due Mauretan (...)

36Anche se l’Itinerario di Antonino indica la rotta costiera come unica via “ufficiale” Ovest-Est59, si può ritenere che nel periodo in esame la regione fosse attraversata da una serie di itinerari terrestri che consentivano il collegamento con gli altri territori nordafricani. La questione rientra nel dibattito scientifico sul problema del collegamento terrestre tra la Mauretania Tingitana e la Cesariense, il cui confine correva lungo l’Oued Moulouya. Nell’ambito della discussione su questo tema, è stato ipotizzato che Rhysaddir / Melilla fosse collegata a Pomaria / Tlemcen da un itinerario che passava da Siga / Takembrit o da Numerus Syrorum / Marnia60, ma appare probabile che la città fosse il terminale anche di piste tradizionali “indigene” dirette non solo a Ovest ma anche a Est e a Sud, verso il “couloir” di Taza, via naturale di comunicazione Est-Ovest del Marocco interno61.

3.2. Età medievale

37Tra l’VIII e il XIV secolo il Rif è soggetto a forme di controllo politico centralizzato, prima con il regno di Nakûr, uno dei più antichi domini musulmani dell’Africa settentrionale, instaurato all’inizio dell’VIII secolo e definitivamente tramontato nel 1080 con la distruzione della sua capitale Nakûr, successivamente con l’integrazione nei territori dominati dagli Almoravidi, e poi dagli Almohadi e dai Merinidi.

  • 62 Cressier 1981, 1983, 1992, 2017, con ulteriore bibliografia dello st (...)
  • 63 Sulle relazioni tra insediamenti urbani, abitati minori e organizzazione territoriale (...)

38I dati delle fonti scritte e i dati archeologici offrono un quadro dei sistemi insediativi più completo rispetto a quello che si può proporre per i periodi precedenti, ma certamente non esauriente, a causa dei vuoti di informazione archeologica che riguardano intere zone. A P. Cressier si devono i più importanti lavori sul Rif medievale, dei quali si riassumono qui di seguito i risultati principali62. Complessivamente, il panorama che emerge è quello di sistemi insediativi pienamente integrati nel tessuto tribale berbero, caratterizzati da alcune città e da numerosi insediamenti minori per i quali è possibile distinguere una funzione preminente di tipo rurale, portuale o difensivo63.

  • 64 Per le fonti relative al regno di Nakûr e una sintesi dei lavori storici e (...)
  • 65 Per la bibliografia relativa ai singoli siti v. supra, Tabella 2. Per considerazioni (...)

39Nel periodo altomedievale la regione era interamente inclusa nel regno di Nakûr, i cui confini erano da un lato l’Oued Moulouya, dall’altro la valle di Mestassa. Il regno aveva la sua capitale a Nakûr, città con forte connotazione berbera fondata nella prima metà del IX secolo nella valle dell’Oued Nekôr (fig. 4, n25), e comprendeva diversi centri situati tanto sulla costa (con funzione preminente di approdi marittimi collegati alla capitale) quanto all’interno64. Tra le località menzionate dalle fonti, quelle di cui si conservano resti archeologici (riferibili per lo più alle fasi di vita del periodo almohade-merinide) sono Garet / Kart (alla foce dell’Oued Kert), al-Mazamma (baia di Al Hoceima), marsâ Bakkûya / Bûzakkûr (a Est di Kimmat Boussekkoûr), Bâlish / Yallîsh (Kâla Irîs), Bâdis (fig. 4, nn. 14, 26, 27, 30, 32); si può inoltre proporre una localizzazione abbastanza sicura per marsâ al-Dâr (presso Ras Afraou: fig. 4, n17), Uktîs (alla foce dell’Oued Sidi Salâh: fig. 4, n19), Wadî al-Bakar (presso Sidi Driss: fig. 4, n20)65.

  • 66 Mal î la, inizialmente governata da una (...)
  • 67 Per la bibliografia dei rinvenimenti di età medievale nella zona del Cerro del Cubo (A (...)

40In questo periodo Malîla / Melilla (fig. 4, n7), che non faceva parte del regno di Nakûr ed è menzionata nelle fonti scritte a partire dal X secolo, ha continuato a rivestire, con ogni probabilità, un ruolo preminente come centro portuale66. Le testimonianze archeologiche più significative di questa fase di occupazione sono state individuate nella zona di Cerro del Cubo, e sono costituite da numerosi silos che hanno restituito abbondanti materiali ceramici e da alcune sepolture probabilmente altomedievali rinvenute nella parte bassa della collina, verso il Río de Oro67.

  • 68 Cressier 1981, p. 261-264; 1983, p. 46-48; 1992, p. 175; 1999-2000, (...)
  • 69 Per la bibliografia relativa ai singoli siti v. supra, Tabella 2. Per il problema del (...)
  • 70 Oltre alla bibliografia citata nella Tabella 2, v. Cressier 1999-2000, p. 35-37.

41A partire dalla fine dell’XI secolo, insieme a Malîla, i centri portuali di Ghasâsa, al-Mazamma, Bâdis (fig. 4, nn. 7, 10, 26, 30) conoscono un’importante evoluzione a carattere urbano che trova il suo compimento agli inizi del XIII secolo, momento a cui probabilmente risale la costruzione delle loro cinte murarie68. Accanto a queste quattro città costiere, che raggiungono l’apogeo economico e culturale in età merinide e di cui si conservano resti archeologici importanti, è documentata l’esistenza di numerosi insediamenti a carattere prevalentemente rurale, in parte documentati già nel periodo altomedievale, che spesso raggruppano diversi nuclei di abitato e che possono essere associati a fortezze-rifugio: i siti ubicati lungo la costa, alla foce dei fiumi o nelle valli fluviali, sono Garet / Kart, Garem, Bûzakkûr, Qal’at Sanhadja / Torres el Kal’a, Bâlish / Yallîsh (Kâla Irîs), Mastâsa / Mestassa (fig. 4, nn. 14, 23, 27, 31, 32, 33); sono invece situati all’interno al-Qadiya, Tafarsit / Taferhsit, Anual, Adoûz (fig. 4, nn. 12, 18, 21, 28)69. Un caso a parte è rappresentato da Tazûta (fig. 4, n11), fortificazione isolata70.

  • 71 Cressier 1992, p. 177; Siraj 1995, p. 273-438; Tahiri 2002, p. 44-47. Per (...)
  • 72 Sono documentati collegamenti marittimi anche tra la baia di Al Hoceima e Almería, tra (...)
  • 73 Per alcune considerazioni su questo argomento Gutiérrez Lloret 2011.

42Lo sviluppo urbano delle città medievali del Rif, considerato da alcuni studiosi come una conseguenza diretta delle intense relazioni politiche, culturali e commerciali tra il Marocco settentrionale e l’Andalusia, documentate già dall’epoca dell’emirato cordovano, denota l’importanza strategica di questo tratto del litorale maghrebino, sbocco mediterraneo delle città dell’interno e delle vie carovaniere provenienti dal Sahara, nei collegamenti marittimi e terrestri fra territori occidentali e orientali del mondo islamico71. Le relazioni tra le due rive si riflettono nelle fonti arabe, che forniscono i nomi dei porti del Rif e indicano in modo significativo anche le loro corrispondenze con i porti andalusi: Melilla con Salobreña, Tarf Hark (Cap des Trois Fourches) con Jete, al-Mazamma e la costa occidentale del Cap des Trois Fourches con Almuñecar, al-Mazamma e Bâdis con Malaga72 (fig. 5, B). L’intensità degli scambi trova riscontro nella cultura materiale, che testimonia una forte affinità tra le ceramiche documentate nei siti del Rif e quelle del Sud-Est iberico, dovuta alla commercializzazione dei prodotti ma anche all’adozione degli stessi repertori tipologici da parte delle officine delle due regioni73.

  • 74 Coletti, Guspini 2017, p. 151-160. Per gli itinerari terrestri del R (...)

43Per quanto riguarda i collegamenti terrestri, i dati delle fonti e i dati archeologici fanno intravedere un sistema di comunicazioni tra il Rif e gli altri territori nordafricani che non doveva essere molto differente dalla rete di itinerari “tradizionali” in uso tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, di cui resta traccia nella documentazione geografica di età moderna: questa rete, caratterizzata da due grandi itinerari con orientamento Est-Ovest, uno costiero e l’altro interno, raccordati tra loro da vie trasversali, assicurava il collegamento dei centri del Rif con la regione dello Stretto a Ovest, con l’Algeria a Est e, tramite una serie di itinerari Nord-Sud che si diramavano dall’itinerario Est-Ovest interno, con l’asse di comunicazione Tlemcen - Oujda – Taza - Fès a Sud74 (fig. 6).

Fig. 6: Carta riassuntiva degli itinerari terrestri del Rif in età moderna (XIX - inizi del XX secolo) in rapporto alle presenze di siti antichi e medievali

Fig. 6: Carta riassuntiva degli               itinerari terrestri del Rif in età moderna (XIX - inizi del XX               secolo) in rapporto alle presenze di siti antichi e               medievali

rielaborazione da Coletti, Guspini 2017, fig. 12)

3.3. Età post-medievale

  • 75 Cressier 1981, p. 264-265; 1983, p. 50; 1992, p. 175-176.

44A partire dalla fine del XV secolo, le conquiste o distruzioni da parte degli Spagnoli determinano la decadenza delle città costiere, e il paesaggio del Rif viene ad assumere un carattere rurale molto marcato75.

  • 76 Per la storia della città dopo la conquista spagnola si rimanda ai saggi riuniti (...)
  • 77 Cressier 1983, p. 50, con bibliografia. Secondo P. Cressier (1983, p (...)

45Melilla diventa una piazzaforte spagnola nel 1497 e le costruzioni posteriori a questa data hanno distrutto o nascosto i resti della città musulmana76. La presa della città è seguita dalla conquista spagnola di altri due punti chiave della costa: il Peñón de Vélez de la Gomera (conquista definitiva nel 1564) e il Peñón d’Al Hoceima (1673), situati rispettivamente di fronte alle città portuali di Bâdis e al-Mazamma77.

  • 78 Per la “Descrizione dell’Africa” di Leone l’Africano, pubblicata nel 1550 e la “Descri (...)

46L’immagine del Rif nel XVI secolo è restituita dalle opere di Leone l’Africano e Luis del Mármol Carvajal78. Dalle descrizioni fornite dai due autori, le località principali della regione sono Melilla (fig. 4, n7), Ghasâsa (fig. 4, n10), Tazûta (fig. 4, n11), Meggeo (fig. 4, n16), al-Mazamma (fig. 4, n26), Bâdis (fig. 4, n30), Ielles (Kâla Irîs: fig. 4, n32).

  • 79 Fréjus 1670. Per notizie sull’autore e un’analisi dettagliata del vi (...)

47Informazioni su alcuni abitati nel XVII secolo si ricavano dalla relazione del viaggio compiuto da Roland Fréjus nel 1666 da Albouzeme (Peñón d’Al Hoceima) a Taza79.
Le località del Rif menzionate dall’autore lungo il suo percorso sono Nocor (da identificare con Ajdir o un abitato che aveva conservato il nome della città medievale), Beniboujakob (Beni boû Ya’koub, sulle alture che sovrastano la riva sinistra dell’Oued Amekrâne: fig. 4, n22), la montagna di Teziaza (Tizi ‘Azza), i villaggi di Hamouda (non localizzato) e Tafarsy (Taferhsit: fig. 4, n18), e la località di Bouazon, il porto in cui si imbarca Fréjus per il viaggio di ritorno in Spagna, posta a Nord della baia di Al Hoceima.

  • 80 Cressier 1981, p. 265-266; 1981-1982; 1983, p. 52-54. Per i possibil (...)

48Alla fine del XVII secolo risale la costruzione, da parte di Moulay Ismaïl, delle fortificazioni di Djenada (fig. 4, n9), Selouane (fig. 4, n13) e Snada (fig. 4, n29), la cui funzione era legata alla sorveglianza tanto delle piazzeforti spagnole lungo la costa, quanto delle tribù locali80.

4. Le prospettive di ricerca

  • 81 Rebuffat 1971, p. 40.

49Le considerazioni esposte nel paragrafo precedente mostrano con chiarezza che la ricerca archeologica a Melilla e nel Rif, dalle sue fasi pionieristiche a oggi, ha prodotto risultati di fondamentale importanza per la conoscenza del patrimonio storico della regione, rivelandone i caratteri specifici e la complessa stratificazione culturale. A distanza di molti anni, appare quindi confermata l’intuizione di R. Rebuffat, il quale nel 1971 sottolineava, a proposito dell’età antica, che “sur toute cette côte, nous ne connaissons des vestiges antiques qu’à Melilla, dont on ne peut guère douter qu’elle ait été Rusaddir. Mais ce vide de la côte est probablement artificiel, car les textes anciens énumèrent un grand nombre de stations côtières, et les auteurs modernes ont signalé divers points qui mériteraient une vérification…”81.

50In base ai dati disponibili è possibile riconoscere, tanto per l’età antica quanto per l’età medievale, sistemi insediativi che si inscrivono nelle forme di organizzazione territoriale delle tribù. Questi sistemi sono caratterizzati dalla presenza di alcune città e centri di maggiore importanza inseriti in una rete di collegamenti marittimi e terrestri, aperti ai contatti con il mondo mediterraneo (con particolare riferimento alla costa sud-orientale della Penisola Iberica) ma rivolti anche verso i territori del Marocco interno e dell’Algeria. Tra i centri principali spicca la città di Rhysaddir / Melilla, che in tutte le epoche ha avuto un ruolo politico ed economico di primo piano.

  • 82 Cressier 1992, p. 74; Coletti 2011, p. 106; Coletti, Guspini 2017, p. 160. Si veda (...)

51Si tratta però soltanto di un primo abbozzo di conoscenze, che richiede studi più approfonditi e nuove indagini archeologiche, possibilmente orientate su specifici contesti territoriali e sul lungo periodo piuttosto che su determinate epoche storiche. In ogni caso, tematismi, metodologie e strategie di futuri progetti archeologici dovranno tenere conto del fatto che, per tutte le fasi di occupazione, le conoscenze sull’effettivo assetto del territorio e sul rapporto tra i centri principali e il loro Hinterland risultano estremamente lacunose. Per colmare questi vuoti d’informazione e conseguire una conoscenza ad ampio spettro dei paesaggi antichi e medievali del Rif l’urgenza principale, come è stato sottolineato più volte, è conferire una dimensione storica alle testimonianze materiali della cultura berbera che costellano l’intera regione; tali testimonianze rimangono sostanzialmente “mute” dal punto di vista cronologico se non risultano associate a ceramiche di importazione o comunque ispirate a modelli circolanti nel Mediterraneo82 (fig. 7, 8).

Fig. 7: Fogli 6, 13, 14 dell’edizione in scala 1:100.000 del Mapa del Protectorado Español en Marruecos (1927-1935), opera principale della cartografia militare spagnola relativa al Marocco

Fig. 7: Fogli 6, 13, 14 dell’edizione             in scala 1:100.000 del Mapa del Protectorado Español en Marruecos             (1927-1935), opera principale della cartografia militare             spagnola relativa al Marocco

In sovraimpressione sono messi in evidenza, tramite simboli, alcuni elementi che potrebbero rappresentare indizi di assetti territoriali anteriori all’età moderna: rombi = edifici religiosi tradizionali (“qubbas”, “marabouts”, moschee rurali); rettangoli pieni = “souqs”; quadrati vuoti = luoghi fortificati (“alcazabas” nel Mapa); ovali grigi: località situate lungo gli itinerari tradizionali di età moderna; i numeri 1-14, 16 indicano la posizione dei siti antichi e medievali ricadenti nella zona qui riprodotta e corrispondono a quelli utilizzati nella fig. 4.

rielaborazione da Coletti, Guspini 2017, fig. 13

Fig. 8: Fogli 11 e 12 dell’edizione in scala 1:100.000 del Mapa del Protectorado Español en Marruecos (1927-1935), opera principale della cartografia militare spagnola relativa al Marocco

Fig. 8: Fogli 11 e 12 dell’edizione in             scala 1:100.000 del Mapa             del Protectorado Español en Marruecos (1927-1935), opera             principale della cartografia militare spagnola relativa al             Marocco

In sovraimpressione sono messi in evidenza, tramite simboli, alcuni elementi che potrebbero rappresentare indizi di assetti territoriali anteriori all’età moderna: rombi = edifici religiosi tradizionali (“qubbas”, “marabouts”, moschee rurali); rettangoli pieni = “souqs”; quadrati vuoti = luoghi fortificati (“alcazabas” nel Mapa); ovali grigi: località situate lungo gli itinerari tradizionali di età moderna; i numeri 17-18, 20-33 indicano la posizione dei siti antichi e medievali ricadenti nella zona qui riprodotta e corrispondono a quelli utilizzati nella fig. 4.

rielaborazione da Coletti, Guspini 2017, fig. 14

52Perseguire l’obiettivo scientifico di utilizzare come fonte archeologica anche la cultura materiale berbera permetterebbe un reale salto di qualità nell’approccio storiografico a questa regione, proiettando le testimonianze di scambi con il mondo mediterraneo di cui già siamo a conoscenza in una dimensione socio-economica più complessa, limitando il rischio di un’esaltazione delle componenti alloctone su quelle autoctone come elemento propulsore dei dinamismi storici di questa parte del territorio nordafricano, esaltazione in parte inevitabile in assenza di altre informazioni.

  • 83 Camps 1961, 1964. Si veda anche la bibliografia completa dello studioso (...)

53Qualunque ricerca orientata alla decodificazione in chiave storica delle testimonianze materiali della cultura berbera del Nord-Africa richiede, come presupposto, un lavoro di definizione degli indicatori archeologici significativi, attraverso la disamina di tutto ciò che possa essere considerato utile ad isolare, per differentiam, gli elementi caratterizzanti di un determinato periodo storico. Sotto questo aspetto, i lavori di Gabriel Camps, sostenitore della necessità di creare raccolte organiche delle diverse categorie di dati (storici, archeologici, etnografici, linguistici), autore di corpora dei monumenti funerari protostorici nordafricani e delle ceramiche ad essi associate e fondatore dell’Encyclopédie berbère, hanno indicato la strada maestra dell’integrazione di discipline diverse per la decodificazione della presunta “lunga durata” del mondo berbero83.

  • 84 Nel periodo del Protettorato spagnolo, l’esigenza della politica coloniale di controllar (...)
  • 85 Marion 1957. Per alcune considerazioni sulle architetture medievali di t (...)
  • 86 Per la necropoli di Cerro de San Lorenzo è segnalato solo un esemplare di coppa con pied (...)
  • 87 Kbiri Alaoui et alii 2004, fig. 8, nn. 2-3.
  • 88 Salado Escaño et alii 2011, fig.  (...)
  • 89 Redman 1983-1984, p. 339-343, fig. 29, D, S; Acién Almansa (...)
  • 90 Redman 1983-1984, p. 337-339, fig. 26, A, B, D, U; Cressier (...)
  • 91 Coletti 2011, fig. 5, n6 (da Kâla Irîs); fig. 5, nn. 7-9 (dalla valle (...)

54Per il Rif si dispone di vari lavori etnografici e anche di ricerche etnoarcheologiche che riguardano in particolare le ceramiche modellate, fabbricate a mano o al tornio lento, riconducibili alla nella grande famiglia delle “ceramiche berbere” documentate sino dall’epoca preistorica in tutto il Maghreb, la cui produzione è ancora attiva in diversi centri del Rif84. Gli studi di carattere archeologico sono invece poco numerosi, ma comunque sufficienti a dimostrare il divenire storico della cultura materiale delle popolazioni indigene. Uno dei primi lavori è la ricerca pubblicata nel 1957 da J. Marion, che riguarda non propriamente il Rif ma la regione di Oujda, dove sono stati indagati, anche con sondaggi di scavo, alcuni villaggi di altura fortificati con architetture tipicamente berbere e di cui si è cercato di inquadrare cronologicamente i reperti85. Per il resto, si tratta di studi che hanno dedicato attenzione alle ceramiche modellate provenienti, per l’età antica, dagli scavi di Melilla86 e da saggi di scavo e ricognizioni a Sidi Driss87, per l’età medievale, dagli scavi di Melilla88, da sondaggi e ricognizioni a Nakûr89 e a Bâdis90, da ricognizioni tra la valle di Mestassa e la valle dell’Oued Amekrâne91.

  • 92 Lo studio delle ceramiche modellate rinvenute negli scavi di Nakûr è stato affiancato da (...)
  • 93 Acién Almansa et alii 1999, p. 52-53; Salado Esca (...)

55Pur trattandosi di studi ancora a livello embrionale, i lavori elencati hanno rivelato che le ceramiche modellate presentano aspetti evolutivi tanto dal punto di vista formale quanto dal punto di vista tecnologico92 e sembrano essere state oggetto (almeno nel periodo altomedievale) anche di una commercializzazione a largo raggio, come si desume da somiglianze tipologiche che riguardano non solo i centri del Marocco settentrionale ma anche alcune località del Sud-Est andaluso93 (fig. 9). Smentendo l’assunto teorico di un sostanziale conservatorismo dei repertori morfologici e di una destinazione esclusiva ai mercati locali, questi lavori hanno messo in evidenza la possibilità di utilizzare appieno le ceramiche modellate come indicatori cronologici e socio-economici, inaugurando un filone di ricerche particolarmente proficuo per la conoscenza storica del Rif.

Fig. 9: Esemplari di ceramiche modellate con differenti cronologie

Fig. 9: Esemplari di ceramiche             modellate con differenti cronologie

1: Melilla, ceramiche da contesti di II sec. a.C. – inizi I sec. d.C. di Casa del Gobernador (da Aragón Gómez et alii 2006, fig. 6, nn. 4-7); 2: Sidi Driss, ceramica da ricognizioni di superficie (da Kbiri Alaoui et alii 2004, fig. 8, n2); 3: Melilla, ceramiche altomedievali da Cerro del Cubo e Parque Lobera (da Salado Escaño et alii 2011); 4: Nakûr, ceramiche altomedievali da sondaggi del 1996 (da Acién Almansa et alii 1999, tavv. I, II, V); 5: Melilla, ceramiche da contesti post-medievali di Plaza del Veedor (da Villaverde Vega 2002, fig. 5); 6: regione a Ovest di Al Hoceima, ceramiche di probabile età medievale da ricognizioni di superficie

da Coletti 2011, fig. 6

5. Considerazioni conclusive

56Dalle prime ricerche a oggi, l’approccio archeologico alla storia del Rif ha sempre incontrato una forte limitazione nella difficoltà di collocare nel tempo le testimonianze materiali della cultura berbera, che in questa regione sono nettamente preponderanti rispetto alle testimonianze che riflettono le influenze, dirette e indirette, della cultura punica, romana e araba.

57È quindi auspicabile che i (pochi) lavori sinora dedicati alle ceramiche modellate e ai resti degli insediamenti indigeni diventino sempre più numerosi, grazie a nuove indagini sul terreno ma anche all’edizione completa dei dati acquisiti nel corso di precedenti lavori di scavo o di ricognizione di superficie. Ed è soprattutto auspicabile una collaborazione, su questo tema di ricerca, tra gli studiosi che si occupano di Melilla (dove i contesti stratificati e le associazioni con materiali datanti consentono una seriazione tanto in termini di cronologia relativa quanto in termini di cronologia assoluta) e quelli che lavorano sul territorio (dove è possibile apprezzare, oltre a eventuali associazioni stratigrafiche, la distribuzione spaziale dei tipi ceramici e architettonici), superando quella frontiera scientifica a cui si è fatto cenno, che finora ha determinato una separazione tra le due realtà e anche una limitazione dei risultati: solo in questo modo sarà possibile definire le facies principali del divenire storico dei sistemi insediativi, produttivi e di scambio del mondo berbero e aprire la strada a una ricostruzione complessiva dei fenomeni che hanno interessato il Rif nel corso del tempo, allo stato attuale ancora impraticabile.

Haut de page

Bibliographie

Acién Almansa et alii 1999, Acién Almansa M., Cressier P., Erbati L., Picon M., “La cerámica a mano de Nakûr (ss. IX-X) : producción beréber medieval”, in Actas del Coloquio La cerámica andalusí. 20 años de investigación (Jaén, 15 al 17 de octubre 1997), Jaén (Arqueología y Territorio Medieval 6), p. 45-69. https://revistaselectronicas.ujaen.es/index.php/ATM/article/view/1527/1308

Africa romana (L’) XV 2004, M. Khanoussi, P. Ruggeri, C. Vismara (ed.), L’Africa romana. Ai confini dell’Impero: contatti, scambi, conflitti, Atti del XV convegno di studio (Tozeur, 11-15 dicembre 2002), Roma, (Pubbl. del Centro di Studi Interdisciplinari sulle Province Romane dell’Università degli Studi di Sassari, 21).

Alfaro C. 1993, “Lote de monedas cartaginesas procedentes del dragado del puerto de Melilla”, Numisma 232, p. 9-46.

Amahan A. 2012, “Mémoire et savoir-faire dans le Rif: le cas de la poterie”, in Les Traces 2012, p. 183-188.

Aouraghe et alii 2012, Aouraghe H., Sala R., Haddoumi H., Menéndez L., Carbonell E., “Les plus anciennes traces d’activités humaines découvertes dans le Maroc oriental et dans le Rif”, in Les Traces 2012, p. 39-53.

Aragón Gómez M. 2008, “Protección del Patrimonio Arqueológico en la Ciudad de Melilla. La Carta Arqueológica Terrestre (1881-2007)”, Akros 7, p. 87-94. https://www.academia.edu/440237

Aragón Gómez M. 2009, “Últimas actuaciones arqueológicas en la ciudad de Melilla”, Akros 8, p. 73-76. https://www.academia.edu/440990

Aragón Gómez M. 2010, “Avances en el conocimiento histórico de Melilla: nuevas investigaciones”, Akros 9, p. 75-82. https://www.academia.edu/440216

Aragón Gómez M. 2011, “Antiguos hallazgos arqueológicos en la Ciudad Autónoma de Melilla”, Trápana 8, p. 41-59. https://www.academia.edu/6543278

Aragón Gómez M. 2012, “La ciudad de ‘Malila’ a través del registro arqueológico”, Boletín de arqueología medieval 16, p. 167-198.

Aragón Gómez M. 2013, “De las Tres Ínsulas a Jafarín. Las islas Chafarinas y su entorno en la antigüedad y medievo”, Aldaba 37, p. 125-155. https://www.academia.edu/5756567

Aragón Gómez M. 2016, Ungüentarios helenisticos de Rusaddir, Melilla.

Aragón Gómez M., Fernández Uriel P. 2008, “Economía de Rusaddir (Melilla) a través de los últimos hallazgos arqueológicos”, in J. González, P. Ruggeri, C. Vismara, R. Zucca (ed.), L’Africa romana. Le ricchezze dell’Africa. Risorse, produzioni, scambi, Atti del XVII convegno di studio (Sevilla, 14-17 dicembre 2006), Roma, (Pubbl. del Centro di Studi Interdisciplinari sulle Province Romane dell’Università degli Studi di Sassari, 35), 1, p. 571-594. https://www.academia.edu/441048

Aragón Gómez et alii 2006, Aragón Gómez M., Lechado Granados M.C., Sánchez Bandera P.J., Cumpian Rodríguez A. 2006, “Aportación al conocimiento de la ciudad púnico-russaditana. Excavaciones en los Jardines del Gobernador. IV fase (Melilla)”, Akros 5, p. 81-92. https://www.academia.edu/440233

Aragón Gómez et alii 2007, Aragón Gómez M., Sánchez Bandera P.J., Cumpián Rodríguez A., Álvarez Ruíz F.J., Ramírez Berenguer S., “Rusaddir y su integración en la órbita de Roma. Excavaciones en el yacimiento Jardines del Gobernador. Avance de los resultados de la quinta campaña 2006 (Melilla)”, Akros 6, p. 107-118. https://www.academia.edu/440215

Arnaud P. 1993, “L’Itinéraire d’Antonin: un témoin de la littérature itinéraire du Bas-Empire”, Geographia Antiqua 2, p. 33-49.

Arnaud P. 2005, Les routes de la navigation antique. Itinéraires en Méditerranée, Paris.

Aubet M.E. 1987, Tiro y las colonias fenicias de Occidente, Barcelona, (Crítica. Arqueología) (2a ediz.).

Barrio Fernández de Luco C. 1998, “La numismática y Melilla”, Aldaba 30, p. 217-223. https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=1974489

Barrio Fernández de Luco, Fernández Uriel P., Gutiérrez González R. 2005, “Fuentes para la historia antigua de Melilla (Rusaddir-Melita)”, in Historia de Melilla 2015, p. 133-155.

Bazzana et alii 2003, Bazzana A., El Hraiki R., Montmessin Y., La mémoire du geste. La poterie domestique et féminine du Rif marocain, Paris.

Belatik M. 2016, “Kal’at Djāra, une forteresse médiévale andalouse sur la côte méditerranéenne du Maghrīb al-Aksā”, BAM 23, p. 179-199.

Bellver Garrido J.A. 2013, “La prehistoria de las Islas Chafarinas a través de la arqueología”, Aldaba 37, p. 95-123. https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=4696946

Bellver Garrido J.A., Bravo Nieto A. 2005, “Prehistoria de la región de Melilla”, in Historia de Melilla 2005, p. 55-85.

Benguigui Levy et alii 2001-2002, Benguigui Levy S., Fernández Uriel P., López Pardo F., Gutiérrez González R., “Monedas púnicas de Rus-Addir (Melilla)”, Estudios orientales, 5-6, p. 183-189. https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=1355444

Bernal Casasola D. 2004, Comercio, rutas y navegación en la Hispania meridional tardorromana (ss. III-VII d.C.). Una perspectiva desde la arqueología litoral, in Rotte e porti 2004, p. 33-64.

Bouzzouggar A., Talbi E.H. 2012, “La place du Rif dans l’émergence du symbolisme dans le monde”, in Les traces 2012, p. 55-62.

Bouzzouggar A. et alii 2010, Bouzzouggar A., Collina-Girard J., Cravinho S., Fernandez Ph., Gallin A., “Prospections et sondages sur les littoraux oriental et sud-atlantique du Maroc”, Les Nouvelles de l’Archéologie 120-121, p. 110-116. https://www.researchgate.net/publication/258133650

Bravo Nieto A. 1996, Cartografía histórica de Melilla, Melilla. https://www.academia.edu/4511311

Bravo Nieto A., Bellver Garrido J.-A. 2004, Prehistoria del Rif oriental en la obra de Carlos Posac Mon : yacimientos líticos en la provincia de Nador, ciudad de Melilla e Islas Chafarinas, Melilla. https://www.academia.edu/4525418

Bravo Nieto A., Fernández Uriel P. 2005, “Introduccíon”, in Historia de Melilla 2005, p. 23-27.

Brett M., Fentress E. 1996, The Berbers: The Peoples of Africa, Oxford (The Peoples of Africa).

Bridoux V. 2007, “Importations méditerranéennes du IIe s. av. n. è. en Maurétanie occidentale et hypothèses sur les voies d’acheminement”, in Comercio, redistribución y fondeaderos. La navegación a vela en el Mediterráneo. V jornadas internacionales de arqueología subacuática (Gandia, novembre 2006), Valencia, p. 419-434.

Bridoux V. 2008, “Les établissements de Maurétanie et de Numidie (201-33 av. J.-C.). Synthèse des connaissances”, MÉFRA 120/2, p. 369-426. https://www.persee.fr/doc/mefr_0223-5102_2008_num_120_2_10477

Bridoux V. 2013, “La circulation des produits italiens en Maurétanie et en Numidie (IIIe s. - dernier tiers du Ier s. av. J.-C.”, in G. Olcese (ed.), Immensa Aequora Workshop. Ricerche archeologiche, archeometriche e informatiche per la ricostruzione dell’economia e dei commerci nel bacino occidentale del Mediterraneo (metà IV sec. a.C. - I sec. d.C.), Roma, (Immensa aequora, 3), p. 373-379.

Camps G. 1961, Aux origines de la Berbérie. Monuments et rites funéraires protohistoriques, Paris.

Camps G. 1964, Corpus des poteries modelées retirées des monuments funéraires protohistoriques de l’Afrique du Nord, Paris.

Camps G. 1980, Berbères. Aux marges de l’histoire, Toulouse.

Carta Arqueológica 2015, B. Raissouni, D. Bernal, A. El Khayari, J. Ramos, M. Zouak (ed.), Carta Arqueológica del Norte de Marruecos (2008-2012). Prospección y yacimientos, un primer avance, I, Cádiz (V.E.S.A.M., 5). http://publicaciones.uca.es/carta-arqueologica-del-norte-de-marruecos-2008-2012-prospeccion-y-yacimientos-un-primer-avance-vol-1/

Céramique (La) 2011, Cressier P., Fentress E. (dir.), La céramique maghrébine du haut Moyen Âge (VIII e -X e siècle). État des recherches, problèmes et perspectives, Roma (CÉFR 446).

Cercle (Le) du Détroit 2016, Coltelloni-Trannoy M., Bridoux V., Brouquier-Reddé V. (ed.), Le cercle du Détroit dans l’Antiquité : l’héritage de Miguel Tarradell, Louvain (= Karthago XXIX).

Coletti C.M. 2011, “I problemi dello studio delle ceramiche da ricerche di superficie: il programma italo-marocchino di ricerche archeologiche nel Rif”, in La céramique 2011, p. 87-109.

Coletti C.M. 2015, “Alcune considerazioni sugli itinerari marittimi del Marocco settentrionale tra l’antichità e il medioevo”, in P. Ruggeri (ed.), L’Africa romana XX. Momenti di continuità e rottura: bilancio di 30 anni di convegni de L’Africa romana, Atti del convegno internazionale di studi (Alghero, 26-29 settembre 2013), Roma (Collana del Dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione dell’Università degli Studi di Sassari. Serie del Centro di Studi Interdisciplinari sulla Province romane, 49), 3, p. 727-738.

Coletti C.M., Guspini L. 2017, “Gli itinerari terrestri della regione del Rif (Marocco settentrionale) tra l’antichità e il medioevo: un’ipotesi di lavoro in base ai documenti geografici di età moderna”, AntAfr 53, p. 129-170.

Coltelloni-Trannoy M. 1997, Le royaume de Maurétanie sous Juba II et Ptolémée (25 av. J.-C. - 40 ap. J.-C.), Paris (Études d’Antiquités africaines). https://www.persee.fr/doc/etaf_0768-2352_1997_mon_2_1_944

Coltelloni-Trannoy M. 2010, s.v. “Maurétanie (Royaumes)” in Encyclopédie berbère 31, (Matmora-Mezrag), Paris - Louvain - Walpole (Mass.), p. 4717-4737.

Cressier P. 1981, Prospection archéologique dans le Rif (zone de l’ancien royaume de Nakûr), Thèse de Doctorat de IIIe cycle, Université de la Sorbonne - Paris IV, sous la direction de J. Sourdel-Thomine.

Cressier P. 1981-1982, “Structures fortifiées et défensives du Rif (I). Les Qasba-s Ismaïliennes”, BAM 14, p. 257-276.

Cressier P. 1983, “Fortifications du Rif”, in A. Bazzana, P. Guichard, J.-M. Poisson (ed.), Castrum, I. Habitats fortifiés et organisation de l’espace en Méditerranée médiévale. Table ronde tenue à Lyon les 4 et 5 mai 1982, Lyon (Travaux de la Maison de l’Orient 4), p. 45-55. https://www.persee.fr/doc/mom_0766-0510_1983_act_4_1_1943

Cressier P. 1983-1984, “Structures fortifiées et défensives du Rif (II). La tour de vigie de Mastasa”, BAM 15, p. 451-464.

Cressier P. 1984, “Mastasa, un site rural médiéval complexe sur la côte du Rif (Maroc)”, Revue Photo-Interprétation 2-3, p. 46-62.

Cressier P. 1992, “Le développement urbain des côtes septentrionales du Maroc au Moyen Âge : frontière intérieure et frontière extérieure”, in J.-M. Poisson (ed.) Castrum, 4. Frontière et peuplement dans le monde méditerranéen au Moyen Âge. Actes du colloque d’Erice-Trapani, tenu du 18 au 25 septembre 1988, Roma, Madrid (CÉFR 105/4 ; Collection de la Casa de Velázquez 38), p. 173-188.

Cressier P. 1999-2000, “La fortificación urbana islámica en el norte de Magrib al-Aqsā: el caso de Melilla”, El Vigía de Tierra 6-7, p. 23-47.

Cressier P. 2017, “Nakūr : un émirat rifain pro-omeyyade contemporain des Aghlabides”, in G.D. Anderson, C. Fenwick, M. Rosser-Owen (ed.), The Aghlabids and Their Neighbours: Art and Material Culture in Ninth-Century North Africa, Leiden – Boston, (Handbook of Oriental Studies, Sect. 1. The Near and Middle East, 122) p. 491-512.

Cressier et alii 2001, Cressier P., El Boudjay A., Erbati L., Siraj A., “La forteresse du Mont Abba à Badīs (Maroc): une rābiţa médiévale?”, in Mil anos de fortificaçōes na Península Ibérica e no Maghreb (500-1500), Actas do Simpósio internacional sobre Castelos (Palmela, 2000), Lisboa, p. 273-281.

Desanges J. 2010, s.v. “Maures (Antiquité)” in Encyclopédie berbère 31, (Matmora-Mezrag), Paris - Louvain - Walpole (Mass.), p. 4710-4712.

Domínguez Pérez J.C. 2011, “El mundo fenicio occidental en el litoral norteafricano: inferencias de los primeros estados, in J.C. Domínguez Pérez (ed.), Gadir y el Círculo del Estrecho revisados. Propuestas de la arqueología desde un enfoque social, Cádiz (Monografías Historia y Arte), p. 199-227.

Dufourq Ch. 1966, L’Espagne catalane et le Maghreb au XIII e et XIV e s., Paris (Bibliothèque de l’École des hautes études hispaniques 37).

El Boudjay A. 2002, “Prospection d’archéologie médiévale dans la vallée de Beni Boufrah (Rif central). Premiers résultats”, BAM 19, p. 341-361.

El Boudjay A. 2003, “Torres Al-Qal’a: une forteresse portugaise à Beni Boufrah (Rif central – Maroc)”, Arqueología Medieval 8, p. 293-300.

El Hraiki R. 2016, “La poterie traditionnelle: un savoir-faire en voie de disparition”, BAM 23, p. 299-312.

El Khayari A. 2004, “Échanges entre le Maroc et la Méditerranée de l’époque phénicienne à l’époque tardo-republicaine”, in A. Gallina Zevi, R. Turchetti (ed.), Méditerranée occidentale antique : les échanges, Atti del III Seminario ANSER (Marsiglia, 14-15.05.2004), Soveria Mannelli, p. 149-168.

El Khayari et alii 2011, El Khayari A., Bernal D., Raissouni B., Sáez A., Díaz J.J., Bustamante M., Lara M., “Kitane et Koudia Talâa. Interventions archéologiques préventives des sites préromains du Nord du Maroc”, in D. Bernal, B. Raissouni, M. Arcila, M. Youbi Idrisi, J. Ramos, M. Zouak, J.A. López Sánchez, M. Maatouk, A. El Khayari, B. El Moumni, M. Ghottes, A. Azzariohi (ed.), Arqueología y Turismo en el Círculo del Estrecho. Estrategias para la Puesta en Valor de los recursos patrimoniales del Norte de Marruecos. Actas del III Seminario Hispano-Marroquí (Algeciras, abril de 2011), Cádiz (Colección de Monografías del Museo Arqueológico de Tetuán III). http://digital.csic.es/handle/10261/139346

Erbati L. 2004, “Les voies de navigation du Maroc au Moyen Âge (Xe-XIIe s.)”, in Rotte e porti 2004, p. 65-76.

Erbati L. 2012, “Monuments et sites historiques médiévaux du Rif central”, in Les Traces 2012, p. 163-180.

Fenici (I) 2011, Manfredi L.I., Soltani A. (ed.) 2011, I Fenici in Algeria. Le vie del commercio tra il Mediterraneo e l’Africa Nera, mostra internazionale, Palais de la Culture Moufdi Zakaria, Algeri, 20 gennaio-20 febbraio 2001, Bologna.

Fentress E., Docter R.F. 2008, “North Africa: Rural Settlement and Agricultural Production”, in P. van Dommelen, C. Gómez Bellard (ed.), Rural Landscapes of the Punic World, London – Oakville, (Monographs in Mediterranean Archaeology), p. 101-128. https://www.academia.edu/1573755

Fernández Uriel P. 1998, “Melilla en el comercio del Mediterráneo: miel, sal y púrpura”, Aldaba 30, p. 53-87. http://revistas.uned.es/index.php/ALDABA/article/view/20443

Fernández Uriel P. 2004, “Un ninfeo en Plaza de Armas (Melilla), Rusaddir”, in L´Africa romana XV, Roma, p. 1877-1884.

Fernández Uriel P. 2005, “Rusaddir en la unidad del Mediterráneo bajo el poder de Roma”, in Historia de Melilla 2005, p. 215-252.

Fernández Uriel et alii 2007, Fernández Uriel P., Bravo Nieto A., Bellver Garrido J., Aragón Gómez M., Sáez Cazorla J.M., Gutiérrez González R., “Diez años de Arqueológia en Melilla”, Akros 6, p. 7-18. https://www.academia.edu/440258

Fréjus R., 1670, Relation d’un voyage fait dans la Mauritanie, en Affrique, par le Sieur Roland Fréjus, de la ville de Marseille, par ordre de Sa Majesté, en l’année 1666, Paris. http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k86194h

Gozalbes Cravioto C. 2010, “La costa del Rif en la cartografía medieval”, in F. Toro Ceballos, J. Rodríguez Molina (ed.), Estudios de Frontera VII. Islam y cristianidad, siglos XII-XVI. Homenaje a María Jesús Viguera Molins, Alcalá la Real, noviembre 2008, Jaén, p. 339-359.

Gozalbes Cravioto C. 2015, “Al Mazamma (Alhucemas) en la cartografía medieval”, Cuadernos del Archivo General de Ceuta 20, p. 93-110. https://www.academia.edu/33299431

Gozalbes Cravioto C. 2017, “Las Torres de Alcalá: una fortificación beréber en la costa del Rif (Marruecos)”, Cuadernos del Archivo General de Ceuta 21, p. 29-51. https://www.academia.edu/33299341

Gozalbes Cravioto E. 2001, “El comercio y les relaciones de Malaca con el Norte de Africa en la antigüedad. Una revisión”, in F. Wulff Alonso, G. Cruz Andreotti, C. Martínez Maza (ed.), Comercio y comerciantes en la Historia Antigua de Malaga (siglo VIII a.C. - a. 711 d.C.), Malaga (II Congreso de Historia Antigua de Malaga), p. 501-515.

Gozalbes Cravioto E. 2002, “El papel económico de los puertos de la Tingitana”, in M. Khanoussi, P. Ruggeri, C. Vismara (ed.), L’Africa romana XIV. Lo spazio marittimo del Mediterraneo occidentale: geografia storica ed economia, Atti del convegno di studio (Sassari, 7-10 dicembre 2000), Roma (Pubbl. del Centro di Studi Interdisciplinari sulla Province romane dell’Università degli Studi di Sassari, 13) p. 549-567.

Gozalbes Cravioto E. 2005, “Melilla medieval: puerto, fortaleza y mercado”, in Historia de Melilla 2005, p. 265-287.

Gozalbes Cravioto E. 2012, Marruecos y el África occidental en la historiografía y arqueología españolas, Ceuta.

Gozalbes Cravioto E. 2017, “La ciudad de Rusadir (Melilla) en la antigüedad”, Cuadernos del Archivo General de Ceuta 21, p. 9-28. https://www.academia.edu/33285977

Gozalbes Cravioto et alii 2005, Gozalbes Cravioto E., Navarro Luengo I., Salado Escaño J.B., Suárez Padilla J., “Fuentes para la historia medieval”, in Historia de Melilla 2005,
p. 157-164.

Guerrero Ayuso V.M. 2005, “De las primeras navegaciones a la Rusaddir fenicia”, in Historia de Melilla 2005, p. 89-127.

Guerrero Ayuso V.M, Medas S. 2013, “Navigazione e direttrici commerciali tra Iol-Caesarea, la Penisola Iberica e le Baleari”, in Iside punica 2013, p. 237-247. https://www.academia.edu/10067110

Gutiérrez González R. 2005, “Cerro de San Lorenzo: un yacimiento emblemático”, in Historia de Melilla 2005, p. 193-212.

Gutiérrez Lloret S. 2011, “Al-Andalus y el Magreb: la cerámica altomedieval en las dos orillas del mundo mediterráneo occidental”, in La céramique 2011, p. 253-266.

Hart D.M. 1954, “An Ethnographic Survey of the Rifian Tribe of Ait Wuryāghil”, Tamuda 2, p. 51-86.

Hart D.M. 1976, The Aith Waryagar of the Moroccan Rif. An Ethnography and History (Viking Fund Publications in Anthropology, 55), Tucson.

Hassab S., Pons Pujol L. 2010, “Estatudo jurídico y urbanismo en la Tingitana (siglos I-VII d.C.). Russadir. Statut juridique et urbanisme dans la Tingitane (Ier-VIIe siècles ap. J.C.), Saldvie 10, p. 177-188.

Historia de Melilla 2005, A. Bravo Nieto, P. Fernández Uriel (ed.), Historia de Melilla, Melilla.

Homme méditerranéen (L’) 1995, Chenorkian R. (ed.), L’homme méditerranéen. Mélanges offerts à Gabriel Camps, Professeur émérite de l’Université de Provence, Aix-en-Provence.

Instructions nautiques 1968, Instructions Nautiques. Mer Méditerranée. Afrique (côte nord), à l’est du Détroit de Gibraltar. Levant, entre la Mer Égée et le Canal de Suez (Série D, vol. VI), Paris, Service hydrographique de la Marine.

Iside Punica 2013, L.I. Manfredi, A. Mezzolani Andreose (ed.) 2013, Iside punica. Alla scoperta dell’antica Iol-Caesarea attraverso le sue monete, Bologna.

Kbiri Alaoui M. 2012, “Sidi Driss: un établissement phénicien à l’embouchure de l’oued Amekrane”, in Les Traces 2012, p. 145-149.

Kbiri Alaoui et alii 2004, Kbiri Alaoui M., Siraj A., Vismara C., “Recherches archéologiques maroco-italiennes dans le Rif”, in L’Africa romana XV 2004, p. 567-604. http://www.bcmediterranea.org/tanger-tetouan/fr/content/recherches-arch%C3%A9ologiques-maroco-italiennes-dans-le-rif

Laoukili M. 2005, “El yacimiento arqueológico de Gassasa. Notas de historia y arqueología”, Akros 4, p. 107-114. https://www.academia.edu/9971159

Laoukili M. 2015, “Le massif montagneux de Gourougou (Gurugurú). Un paysage culturel à mettre en valeur”, Akros 14, p. 75-80. http://www.melilla.es/melillaportal/RecursosWeb/DOCUMENTOS/1/0_15084_1.pdf

Lechado Granados M.C. 2014, “Intervenciones arqueológicas en el Cerro del Cubo (Melilla)”, Akros 13, p. 51-58. https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=4940711

Linstädter J. 2010, “Recherches récentes sur les sites en grotte du Néolithique ancien dans l’Ouest marocain”, in C. Manen et alii (ed.), Premières sociétés paysannes de Méditerranée occidentale. Structure des productions céramiques, Toulouse (Mémoires de la Société préhistorique française, 51), p. 227-235. https://www.researchgate.net/publication/241685612

Linstädter et alii 2012, Linstädter J., Fili A., Amarir A., “Bouchih, un site nomade sur la rive ouest de Moulouya (Rif oriental)”, BAM 22, p. 342-360.

Löhberg B. 2006, Das “Itinerarium provinciarum Antonini Augusti”. Ein kaiserzeitliches Strassenverzeichnis des Römischen Reiches, Berlin.

López Pardo F. 2005, “La fundación de Rusaddir y la época púnica”, in Historia de Melilla 2005, p. 167-189.

Manfredi L.I. 2011, “L’Algeria fenicio-punica”, in I Fenici 2011, p. 31-42.

Marion J. 1957, “Les ruines anciennes de la région d’Oujda”, BAM 2, p. 117-163.

Massignon L. 1906, Le Maroc dans les premières années du XVI e  siècle. Tableau géographique d’après Léon l’Africain, Alger (Mémoires de la Société Historique Algérienne I). https://archive.org/details/lemarocdanslesp00massgoog

Maurer G. 1968, “Les paysans du haut Rif central”, Revue de Géographie du Maroc 14, p. 3-70.

Maziane L. 2012, “Le Rif maritime et littoral dans les archives et les bibliothèques espagnoles”, in Les traces 2012, p. 81-89.

Mikdad et alii 2012, Mikdad A., Eiwanger J., Nekkal F. “Aux origines des populations préhistoriques du Rif Oriental”, in Les Traces 2012, p. 23-37.

Modéran Y. 2010, s.v. “Maures (Antiquité tardive)” in Encyclopédie berbère 31, (Matmora-Mezrag), Paris - Louvain - Walpole (Mass.), p. 4712-4715.

Moga Romero V. 2009, El Rif de Emilio Blanco Izaga. Trayectoria militar, arquitectónica y etnográfica en el Protectorado de España en Marruecos, Tarragona.

Muchada Suarez A. 2012, “Notas para una teoría de la vivienda y la ciudad rifeña. De la ciudad-territorio a la megalòpolis mediterránea”, in Les Traces 2012, p. 263-303.

Navarro Luengo et alii 2005, Navarro Luengo I., Salado Escaño J.B., Suárez Padilla J., “La vida cotidiana en los primeros momentos de Malila”, in Historia de Melilla 2005, p. 255-262.

Nekkal et alii 2015, Nekkal F., Linstädter J., Aouraghe H., Bougariane B., “Ifri Ouzabour: l’extrême extension de la culture cardiale sur le littoral méditerranéen sud (Rif oriental, Maroc)”, Bulletin de l’Institut Scientifique. Section Sciences de la Terre (Université Mohammed V de Rabat) 37, p. 55-76. https://www.researchgate.net/publication/307856357

Pallary P. 1907, “Recherches paléthnologiques sur le littoral du Maroc en 1906”, L’Anthropologie 18, p. 301-314.

Panella C. 1993, “Merci e scambi nel Mediterraneo tardoantico”, in A. Carandini, L. Cracco Ruggini, A. Giardina (ed.), Storia di Roma, III. L’età tardoantica, II. I luoghi e le culture, Roma, p. 613-697.

Panella C. 2010, “Roma, il suburbio e l’Italia in età medio- e tardo-repubblicana: cultura materiale, territori, economie”, Facta 4, p. 11-123. https://www.academia.edu/11971272

Picon M. 2004, “Acculturation et métissage. Techniques, échanges dans la céramique ancienne et traditionnelle du Maroc”, in A. Bazzana, H. Bocoum (ed.), Du Nord au Sud du Sahara. Cinquante ans d’archéologie française en Afrique de l’Ouest et au Maghreb. Bilan et perspectives, Paris, p. 297-306.

Pons Pujol L. 2000, “La economía de la Mauretania Tingitana y su relación con la Baetica en el Alto Imperio”, in M. Khanoussi, P. Ruggeri, C. Vismara (ed.), L’Africa romana. Geografi, viaggiatori, militari nel Maghreb: alle origini dell’archeologia nel Nord Africa, Atti del XIII convegno di studio (Djerba, 10-13 dicembre 1998), Roma, (Pubbl. del Centro di Studi Interdisciplinari sulle Province Romane dell’Università degli Studi di Sassari, 6), 2, p. 1251-1289.

Posac Mon C. 1987, “Las perspectivas arqueológicas de Melilla”, Aldaba 9, p. 121-126. http://revistas.uned.es/index.php/ALDABA/article/view/19645/0

Rebuffat R. 1971, “Notes sur les confins de la Maurétanie Tingitane et de la Maurétanie Césarienne”, StudMagr 4, p. 33-64.

Redman Ch.L., 1983-1984, “Survey and Test Excavation of Six Medieval Islamic Sites in Northern Morocco”, BAM 15, p. 311-349.

Reynolds P. 2010, Hispania and the Roman Mediterranean, AD 100-700: Ceramics and Trade, London.

Rif (Le) c.s., Akerraz A., Siraj A., Vismara C. (dir.), Carte archéologique du Maroc : le Rif côtier. Recherches archéologiques maroco-italiennes 2000-2005 (V.E.S.A.M. VI).

Rotte e porti 2004, L. De Maria, R. Turchetti (ed.), Rotte e porti del Mediterraneo dopo la caduta dell’impero romano d’Occidente: continuità e innovazioni tecnologiche e funzionali, Atti del IV Seminario ANSER (Genova, 18-19.06.2004), Soveria Mannelli.

Sáez Cazorla J.M. 1988, “Atlas Arqueológico de Melilla”, Trápana 2, p. 20-28. https://www.academia.edu/6387770

Salado Escaño et alii 2011, Salado Escaño J.B., Navarro Luengo I., Suárez Padilla J. 2011, “La cerámica islámica altomedieval de Melilla. Las cerámicas de los silos de Cerro del Cubo y Parque Lobera”, in La céramique 2011, p. 63-85. https://www.academia.edu/5675800

Salama P. 1951, Les voies romaines de l’Afrique du Nord, Alger.

Siraj A. 1995, L’image de la Tingitane. L’historiographie arabe médiévale et l’Antiquité nord-africaine, Rome (CÉFR 209). https://www.persee.fr/doc/efr_0223-5099_1995_ths_209_1_5838

Siraj A. 2012, “De Ighzar Amakrane à Akros: réflexion rétrospective sur les sources historiques du Rif”, in Les Traces 2012, p. 67-80.

STRATO, ICM 2004, “Huerta de Reyes: un yacimiento del ateriense localizado en Melilla”, Akros 3, p. 97-106. https://www.academia.edu/5651814

Tahiri A. 2002, “Proceso de urbanización en el Rif. Situación actual y perspectivas de investigación (siglos VIII-X)”, in II Congreso Internacional. La ciudad en al-Andalus y el Magreb. Algeciras, 26-28 de noviembre de 1999, Granada (Actas), p. 37-47.

Tarradell M. 1954, “La necrópolis púnico-mauretana del Cerro de San Lorenzo en Mellila”, in Alta Comisaría de España en Marruecos, Delegación de Educación y Cultura, Servicio de Arqueología, I Congreso Arqueológico del Marruecos Español, Tetuán, 22-26 VI 1953, Tetuán, p. 253-266.

Tissot Ch. 1878, “Recherches sur la Géographie comparée de la Maurétanie Tingitane”, MAI 9, p. 139-322. https://www.persee.fr/doc/mesav_0398-3587_1878_num_9_1_1064

Tomassetti Guerra J.M. 1996, Sidi Guariach : una cantera-taller de industrias líticas en silex de la Prehistoria reciente de Melilla, Melilla.

Traces (Les) 2012, D. El Yazami, A. Siraj (ed.), Rif. Les Traces de l’Histoire, Actes du colloque “Patrimoine culturel du Rif: quelle muséographie?”, Casablanca.

Villanova J.L. 2004, El Protectorado de España en Marruecos. Organización politica y territorial, Barcelona (Colleción Alborán).

Villanova J.L. 2005, “Los interventores del Protectorado español en Marruecos (1912-1956) como agentes geopolíticos”, Eria 66, p. 93-111. https://islidedoc.org/document/los-interventores-del-protectorado-espanol-en-marruecos-1912-1956-como-agentes-geopoliticos-pdf

Villanova J.L. 2012, “Una aproximación a los trabajos geográficos y cartográficos sobre el Rif realizados durante el Protectorado”, in Les Traces 2012, p. 105-119.

Villaverde Vega N. 2001, Tingitana en la antigüedad tardía (siglos III-VII), Madrid (Bibliotheca archaeologica hispana, 11).

Villaverde Vega N. 2002, “Intervención arqueológica en Plaza del Veedor (Melilla)”, Akros 1, p. 22-27.

Villaverde Vega N. 2003, “Excavaciones arqueológicas en Melilla. Campañas 2000-2003: datos del poblamiento antiguo, medieval y moderno”, Revista de Arqueología del siglo XXI 268, p. 18-25.

Villaverde Vega N. 2004, “Nuevos datos arqueológicos de Rusaddir (Melilla): un santuario de Astarté-Venus Marina en Plaza de Armas”, in L’Africa romana XV 2004, p. 1837-1876.

Vismara C. 2014, “Le Rif oriental côtier dans les pages de voyageurs, explorateurs, historiens, archéologues, géographes : de Jean-Léon l’Africain à nos jours”, AntAfr 50, p. 141-199. https://www.persee.fr/doc/antaf_0066-4871_2014_num_50_1_1565

Vismara C., Coletti C.M. 2012, “Ce que la mission archéologique maroco-italienne peut apporter au Musée du Rif”, in Les Traces 2012, p. 123-143.

Vossen R., Ebert W. 1986, Marokkanische Töpferei. Töpferorte und –zentren. Eine Landsaufnahme (1980), Bonn, (One World Archaeology).

Zafrín 2010, Rojo Guerra M.A., Garrido Pena R., Bellver Garrido J.A., Bravo Nieto A., García Martínez de Lagrán Í., Gámez Gómez S., Tejedor Rodríguez C., Zafrin. Un asentamiento del Neolítico antiguo en las Islas Chafarinas (Norte de África, España), Valladolid (Studia Archaeologica, 96).

Haut de page

Notes

1 Il termine Rif, che compare nelle fonti scritte dal XIV secolo, è stato utilizzato nel tempo con diverse accezioni di estensione geografica, Cressier 1981, p. 1-3; Tahiri 2002, p. 37-38. La zona qui presa in considerazione corrisponde alla “Carte du Maroc 1:50.000e”, fogli “Beni Boufrah”, “Rouadi”, “Al Hoceima”, “Boudinar”, “Kebdani”, “Zeghanghane”, “Melilla”, “Nador”, “Kariat Arekmam”, “Les Triffa”, pubblicati dal Ministère de l’Agriculture et de la Réforme Agraire, Direction de la Conservation Foncière et des Travaux Topographiques, Division de la Carte, negli anni 1965, 1966, 1970, 1987. La “Carte du Maroc” è stata oggetto di una riedizione nel 2009.

2 Dal punto di vista storico, per Berberi (“Imazighen”) si intende una popolazione di tipo mediterraneo che si è installata in epoca preistorica nell’Africa del Nord, caratterizzata da una lingua comune, le cui espressioni scritte sono realizzate con un alfabeto detto libico, Camps 1980, p. 86. La denominazione «Berberi» è utilizzata sistematicamente nei testi arabi dalla fine del VII secolo; nella tarda antichità, l’etnonimo prevalente per indicare gli Africani considerati non romanizzati è «Mauri», nome di una tribù della Tingitana che ha subito nel tempo un’evoluzione semantica, diventando un termine utilizzato con un significato generale, Desanges 2010; Modéran 2010.

3 Il Colloquio è stato organizzato dal Conseil National des Droits de l’Homme, dalla città di Al Hoceima e dal Conseil Régional Taza - Taounate - Al Hoceima, con il concorso del Conseil de la Communauté Marocaine à l’Étranger (CCME), dell’Institut Royal de la Culture Amazighe (IRCAM) e dell’Institut National des Sciences de l’Archéologie et du Patrimoine (INSAP), nel quadro del “Programme d’accompagnement des recommandations de l’Instance Équité et Réconciliation en matière d’archives, d’histoire et de mémoire”.

4 Les Traces 2012.

5 Per le problematiche relative alla salvaguardia e valorizzazione del patrimonio del Rif v. in particolare Vismara, Coletti 2012.

6 Per le ragioni (anche di carattere geografico) che hanno determinato la scarsità delle ricerche archeologiche nel Rif, Vismara 2014, p. 141-142, 158-160.

7 Sui contenuti e i risultati generali del progetto, Carta Arqueol ó gica 2015, p. 65-104.

8 Un’esemplificazione di questa ripartizione scientifica è l’assenza di studiosi che si occupano di Melilla antica e medievale al Colloquio internazionale di Al Hoceima del 2011, e la speculare assenza di studiosi che si occupano del Rif marocchino alle “Jornadas de Arqueología de Melilla y su entorno: 20 años de investigación” che si sono svolte a Melilla nell’aprile 2016 (per il programma <https://extension.uned.es/actividad/idactividad/11663&idioma=es>). Un breve richiamo alla necessità di “romper las barreras fisicas e ideológicas que nos impiden ver una misma realidad compartida en el pasado” è contenuto in Aragón Gómez et alii 2006, p. 82.

9 Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 55-56; v. anche Vismara 2014, p. 168. L’attività di Pallary a Melilla era stata preceduta da quella del preistorico Paul de Fontenilles: la presenza di questi studiosi francesi nella città si colloca nel contesto dello sfruttamento delle miniere del Rif da parte delle potenze europee, che aveva attratto anche compagnie francesi, Bellver Garrido, Bravo Nieto 2005, p. 56.

10 Per le modalità con cui furono resi noti i risultati degli scavi della necropoli, individuata grazie al rinvenimento casuale di resti umani nel 1881 e di alcuni oggetti nel 1905, v. Aragón Gómez 2008, p. 89-90; 2011, p. 46-51. I materiali della necropoli del Cerro de San Lorenzo, pubblicati da M. Tarradell (1954), hanno costituito il primo nucleo del museo archeologico di Melilla.

11 Aragón Gómez 2008, p. 89-90; 2011, con fonti emerografiche e bibliografia. Per le ricerche nella città nel periodo del Protettorato v. anche Gozalbes Cravioto (E.) 2012.

12 Aragón Gómez 2008, p. 90; 2011, con fonti emerografiche e bibliografia. Sul clima culturale che ha fatto da sfondo alle ricerche storiche su Melilla fino agli inizi degli anni ’80 v. Bravo Nieto, Fernández Uriel 2005, p. 23-25.

13 Aragón Gómez 2008, p. 89-91. Una sintesi dei dati disponibili sino alla metà degli anni ’80, dall’epoca preistorica a quella medievale, si deve a C. Posac Mon (1987).

14 Fernández Uriel et alii 2007; Aragón Gómez 2008, p. 90-93. V. anche Bravo Nieto, Fernández Uriel 2005, p. 25-28. Dal 2002 i resoconti preliminari dei rinvenimenti, spesso integrati da foto e disegni dei reperti mobili, sono pubblicati nella rivista Akros.

15 Aragón Gómez 2009, 2010; Lechado Granados 2014.

16 Per la struttura amministrativa del Protettorato spagnolo, Villanova 2004; v. anche Vismara 2014, p. 156-170, con bibliografia. Il processo di organizzazione amministrativa per la gestione del patrimonio, avviato nel 1916 e concluso nel 1941 facendo convergere i vari organismi nel “Patronato de Investigación y Alta Cultura de Marruecos”, ebbe il suo coronamento nella celebrazione del “I Congreso Arqueológico del Marruecos Español” a Tétouan, dal 22 al 26 giugno del 1953.

17 Per una dettagliata rassegna delle ricerche archeologiche nel Rif durante il Protettorato e alcune note biografiche sui protagonisti di tali ricerche si rimanda a Vismara 2014, p. 158-170, con bibliografia; v. anche infra, Tabella 2.

18 Vismara 2014, p. 170-172, con bibliografia; v. anche supra, Tabella 2.

19 Vismara 2014, p. 172-176, con bibliografia; v. anche supra, Tabella 2.

20 Vismara 2014, p. 172, con bibliografia; v. anche supra, Tabella 2.

21 Coletti 2015; Coletti, Guspini 2017.

22 Esula dalle finalità di questo contributo una sintesi dei dati relativi alla preistoria, per i quali si rimanda alla bibliografia citata nelle Tabelle 1-2.

23 Aubet 1987, pp. 144-172; cfr. anche Guerrero Ayuso 2005; contributi vari in I Fenici 2011; Guerrero Ayuso, Medas 2013. La costa Sud-Est della Spagna è un punto di passaggio obbligatorio per le imbarcazioni dirette all’Atlantico, per evitare la corrente generale dello Stretto, che porta verso Est; questo condizionamento naturale spiegherebbe la particolare densità di insediamenti di età fenicio-punica documentata lungo il litorale di Almería, Granada e Malaga, Aubet 1987, p. 172. La rotta settentrionale era utilizzata in entrambe le direzioni, mentre la rotta meridionale, almeno nel tratto corrispondente al litorale marocchino, era probabilmente utilizzata soprattutto in direzione Ovest-Est.

24 Il toponimo Rhysaddir è menzionato da Pomponio Mela (Rusigada, Mela, 1, 29), Plino (nat., 5, 18: Rhysaddir oppidum et portus), Tolomeo (4, 1, 3: ‘Ρυσσάδειρον 10° 10′ (10°), 34° 45′) e dall’Itinerario di Antonino (11, 3: Rusadder colonia). L’identificazione del toponimo con la città di Melilla, proposta da Ch. Tissot (1878, p. 150-151), è generalmente accettata dagli studiosi; per un approfondimento si rimanda a Barrio Fernández de Luco, Fernández Uriel, Gutiérrez González 2005, p. 134-142; Hassab, Pons Pujol 2010, p. 178-181; Gozalbes Cravioto (E.) 2017. Per le monete, Benguigui Levy et alii 2001-2002; v. anche Barrio Fernández de Luco, Fernández Uriel, Gutiérrez González 2005, p. 150-155.

25 Per la bibliografia relativa agli scavi di Casa del Gobernador e Plaza de Armas v. supra, Tabella 1. Tra i materiali rinvenuti, i principali indicatori cronologici sono anfore di tipo Ramón T-10.1.2.1, T-11.2.1.3, T-8.2.1.1, T-12.1.1.1, queste ultime documentate isolatamente anche nei contesti degli Almacenes de las Peñuelas, Aragón Gómez 2010, p. 77.

26 Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 582. Tra i materiali di tipo fenicio-punico rinvenuti si segnalano anfore Ramón T-10.1.2.1, T-11.2.1.3, T-9.1.1.1 e ceramiche a ingobbio rosso e a decorazione dipinta.

27 Kbiri Alaoui et alii 2004; Kbiri Alaoui 2012. Oltre alle anfore da trasporto, tra cui si segnalano anfore di tipo Rachgoun 4, Rachgoun 1 / variante antica, Rachgoun 1 / T-10.1.2.1, Mañá Pascual A4 / T-11.2.1.3, Mañá Pascual A4 / T-11.2.1.6 e probabilmente T-8.1.1.1, l’insediamento di Sidi Driss ha restituito ceramiche di tipo fenicio-punico a ingobbio rosso, a decorazione dipinta e senza trattamento speciale.

28 Area con concentrazioni di frammenti di uova di struzzo datate all’età fenicio-punica tramite analisi al 14C, El Khayari 2004; v. anche Domínguez Pérez 2011, p. 216.

29 Si tratta di frammenti sporadici di anfore di tipo fenicio-punico identificate da M. Kbiri Alaoui, v. Le Rif c.s., siti BF 5, 12.

30 Dom í nguez Pérez 2011, p. 215, con bibliografia.

31 Questi siti, in parte noti da precedenti indagini archeologiche, rientrano nel progetto “Carta Arqueológica del Norte de Marruecos”, v. Carta Arqueol ó gica 2015, p. 114-115 (Tamuda), p. 136 (Emsa), p. 138 (Sidi Abdeslam del Behar), p. 141-143 (Caf Taht el Ghar), p. 146, 150 (Puente del Oued Melah), p. 165-167 (Quitzán) ; presenze di ceramiche fenicio-puniche sono state individuate anche nelle località di Koudia Talâa e Dhar d’Aseqfane (Carta Arqueol ó gica 2015, p. 248-249, 292-293).

32 Si vedano i vari contribuiti in I Fenici 2011 e Iside punica 2013.

33 El Khayari 2004; Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 597-600. Per la genesi della definizione “Círculo del Estrecho” e il suo largo impiego nella letteratura archeologica, spesso con sfumature colonialiste, si rimanda ai vari contributi in Le cercle du Détroit 2016.

34 Secondo V.M. Guerrero Ayuso (2005, pp. 106-125), la costa nord-africana era interessata da circuiti commerciali di ridistribuzione su scala regionale, restando al di fuori delle rotte fenicio-puniche principali, che seguivano la costa Sud-Est della Spagna tanto per andare dallo Stretto verso il Mediterraneo centrale, passando dalle Baleari, quanto per andare da Cartagine allo Stretto, passando dal Capo di Palos, dove verrà fondata Carthago Nova.

35 El Khayari 2004; Dom í nguez Pérez 2011, p. 222-223; El Khayari et alii 2011, p. 361. Per l’importanza dei collegamenti marittimi tra la costa del Sud-Est iberico e la costa nordafricana nelle strategie di controllo dell’accesso allo Stretto da parte di Cartagine, Manfredi 2011, con bibliografia; v. anche Coletti 2015.

36 Villaverde Vega 2004, p. 1859.

37 Dom í nguez Pérez 2011. Per una panoramica delle conoscenze sugli insediamenti rurali del Maghreb in età punica, Fentress, Docter 2008, in particolare p. 123-126 per quanto riguarda la Mauretania.

38 Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 598 ; Kbiri Alaoui 2012. A. Siraj (2012) ha proposto di identificare Sidi Driss con il toponimo Akros menzionato nel Periplo dello Pseudo-Scilace, dello Pseudo-Scilace (111, 5) [edizione G. Shipley, Pseudo-Skylax’s Periplous. The Circumnavigation of Inhabited World. Text, Translation and Commentary, Bristol 2011]: “polis megalê kai limên, Akros hê polis kai ho kolpos en autê”. Si segnala che il toponimo è stato attribuito da Ch. Tissot (1878, p. 150) a Rhysaddir / Melilla, e tale opinione è condivisa dalla maggioranza degli studiosi.

39 Per le caratteristiche e l’evoluzione storica dei regni tribali del Marocco antico, che si costituiscono con ogni probabilità nel IV sec. a.C., v. Coltelloni-Trannoy 2010.

40 Per il riesame delle fonti scritte, Arnaud 2005. Sul commercio mediterraneo tra la fine del IV sec. a.C. e l’età augustea attraverso gli indicatori archeologici, Panella 2010 (in particolare p. 27-29 per i porti-emporio).

41 Arnaud 2005, p. 149-171, rotte nn. 3A, 4-9, 11, 12, 33, 41-43.

42 Bridoux 2007, 2013. Per il ruolo di Cartagine come centro di ridistribuzione verso il Mediterraneo occidentale, Panella 2010, p. 88-90.

43 Secondo un’ipotesi, Rhysaddir avrebbe conosciuto un notevole sviluppo dopo le guerre giugurtine, con l’annessione della Numidia da parte di Bocco I a seguito dell’alleanza con i Romani, diventando un centro intermediario tra la zona dello Stretto e i nuovi territori incorporati a Est della Moulouya, Aragón Gómez, Fernández Uriel 2008; Aragón Gómez 2009, p. 76.

44 Per la bibliografi relativa agli scavi di Casa del Gobernador e Plaza de Armas, v. supra, Tabella 1. Per una sintesi interpretativa dei dati, Fernández Uriel 2005; López Pardo 2005, p. 176-179; Aragón Gómez, Fernández Uriel 2008; v. anche Bridoux 2008, p. 369-370; Hassab, Pons Pujol 2010, p. 182-184. Materiali con datazioni comprese tra il II sec. a.C. e il I sec. d.C. sono stati rinvenuti anche in altre zone della città vecchia (Almacenes de las Peñuelas, Foso de Hornabeque, Plaza del Veedor, Torreón de las Cabras), v. supra, Tabella 1.

45 Per una sintesi dei dati relativi alla necropoli, il cui elemento più caratteristico è l’impiego di anfore accostate in orizzontale per coprire le fosse, prevalentemente di forma Mañá C2 / T-7.4.3.3 / Dressel 18, v. Gutiérrez Gonz á lez 2005, con bibliografia; secondo la studiosa (p. 194-195), il Río de Oro separava la necropoli dal nucleo abitato, ma in uno schizzo planimetrico pubblicato da Tarradell (1954) la zona occupata dalle sepolture appare situata a Nord del fiume, vale a dire sullo stesso lato dell’abitato. Sulla necropoli di Cerro de San Lorenzo v. anche Bridoux 2008, p. 369-370 e Gozalbes Cravioto (E.) 2017, p. 12-19.

46 Per la bibliografia relativa alle scoperte effettuate a più riprese nelle zone di Cerro del Cubo e Cerro de Santiago v. supra, Tabella 1. Per la presenza di necropoli in queste due aree v. anche Gutiérrez Gonz á lez 2005, p. 211.

47 Tra i materiali rinvenuti si segnalano anfore Merlin-Drappier 3, Mañá-Pascual A4, tipo Campamentos Numantinos, greco italiche, Dressel 1, Lamboglia 2, Mañá C2 / T-7.4.3.3 / Dressel 18, Lomba do Canho 67 / Sala 1, Haltern 70, Dressel 7-11, Aragón Gómez, Fernández Uriel 2008, p. 588-592; Aragón Gómez 2010. Per quanto riguarda i rinvenimenti monetali, particolarmente significativo è un lotto di monete cartaginesi datate tra il 221 e il 202 a.C. rinvenute in opere di dragaggio del porto, v. supra Tabella 1. Per gli unguentari relativi a questo periodo, Aragón Gómez 2016.

48 Sulle risorse economiche della città, Fernández Uriel 1998; un possibile indizio di attività produttive è rappresentato da probabili scarti di fornace di anfore Mañá C2 / T-7.4.3.3 / Dressel 18, Aragón Gómez 2011, p. 44. Il territorio di pertinenza di Rhysaddir era probabilmente compreso tra Ras Afraou e l’Oued Moulouya, Fernández Uriel 2005, p. 227.

49 I materiali rinvenuti in questi siti sono anfore Dressel 1 (Isole Chafarinas, Bouhout, Ras Kebdana, Bou Kanat, Dchar ‘Alla Boukar), Mañá C2 / T-7.4.3.3 / Dressel 18 (El Aabid, Sidi Moulay Barhdâd, Dchar ‘Alla Boukar), Sala 1 (Ras Kebdana), Haltern 70 (Ras Kebdana, Bou Kanat, El Aabid, Tamarsat), Dressel 7/11 (Ed Dahar Taiffant); a Bouhout sono presenti anche frammenti di ceramica a vernice nera, v. Kbiri Alaoui et alii 2004, p. 581-588.

50 Secondo le Instructions Nautiques (1968, p. 74-82), il litorale settentrionale del Marocco offre più o meno ovunque zone idonee all’ancoraggio e in alcuni casi all’approdo, consentendo una navigazione di cabotaggio anche molto segmentata.

51 Per un elenco delle località del Rif menzionate dagli autori antichi, Vismara 2014, p. 190-191, Appendice 2, con bibliografia. Si ricorda che per l’analisi delle fonti classiche relative alla Mauretania Tingitana la principale opera di riferimento è quella di Ch. Tissot (1878, in particolare p. 139-159, 178-179, 320-322 per il Rif; v. anche Vismara 2014, p. 149 per un inquadramento del lavoro di Tissot nella storia delle ricerche sul Marocco antico).

52 ItinAntonAug., 10-11. Per le caratteristiche dell’Itinerarium provinciarum Antonini Augusti, descrizione di 17 strade dell’impero romano sotto forma di tabella, risalente con ogni probabilità al IV sec. d.C., e per l’identificazione delle località menzionate lungo la costa nordafricana (insediamenti o punti di riferimento per la navigazione?) v. Arnaud 1993, Gozalbes Cravioto (E.) 2002, p. 551, Löhberg 2006 con bibliografia.

53 Plin., nat., 5, 18: Rhysaddir oppidum et portus; ItinAntonAug., 11, 3: Rusadder colonia. Sullo statuto giuridico di Rhysaddir in età romana e tardoantica v. Hassab, Pons Pujol 2010 (in particolare p. 184 per l’ipotesi avanzata da alcuni studiosi che la città fosse sede episcopale) e Gozalbes Cravioto (E.) 2017, p. 19-26.

54 Per le sepolture del Cerro de San Lorenzo, Gutiérrez Gonz á lez 2005, p. 198-199. I reperti isolati sono anfore Almagro 50 e 51 A-C rinvenute in mare e nei depositi di Plaza del Veedor, da cui proviene anche una applique in bronzo di cinturone databile al IV secolo, v. supra, Tabella 2 per la bibliografia.

55 Villaverde Vega 2001, p. 246-250; v. anche supra, Tabella 2. A questi rinvenimenti si può forse aggiungere una moneta di Settimio Severo rinvenuta presso la “ferme de Perrien, dite aussi domaine du Dauphin”, identificata da M. Marion, Rebuffat 1971, p. 39. Il toponimo “Domaine du Dauphin” compare nel foglio “Les Triffa” della “Carte du Maroc 1:50.000e”, nel riquadro 35° 5’ - 35° Nord-Sud e 2° 25’ – 2° 20’ Ovest-Est, a breve distanza dalla riva destra dell’Oued Moulouya.

56 R. Rebuffat (1971, p. 50-51) ha proposto una distinzione tra “la province romaine de Tingitane qui s’étendait de Tanger à Mogador, au moins, et de Tanger à la Malva” e “la zone occupée [qui] était beaucoup plus restreinte”: quest’ultima non oltrepassava la valle del Sebou e del Loukkos e la penisola di Tangeri; A. Siraj (1995, p. 405-408), preferisce utilizzare le espressioni “limite géographique de la Maurétanie occidentale” e “limite politique de la province de la Tingitane”, contrapponendo una “Maurétanie maurétanienne” a una “Maurétanie romaine”. Sull’argomento si vedano anche le considerazioni di M. Coltelloni-Trannoy (1997, p. 75-78).

57 Per A. Siraj (1995, p. 407-408) la città sarebbe stata uno dei punti permanenti di contatto tra i Romani e le tribù della regione, grazie anche al suo ruolo di terminale costiero del commercio transsahariano, documentato dalle fonti scritte per l’età medievale ma ipotizzabile anche per l’età antica.

58 Coletti 2015, p. 733. Per la circolazione delle merci in età imperiale e tardoantica su scala mediterranea si rimanda alla sintesi, ancora attuale, di C. Panella (1993); per il Mediterraneo sud-occidentale si vedano anche Bernal Casasola 2004, Reynolds 2010. Per l’economia della Tingitana in età imperiale si rimanda a Pons Pujol 2000.

59 Come sottolinea R. Rebuffat (1971, p. 56), l’esistenza di un itinerario marittimo “ufficiale” non significa necessariamente che gli itinerari terrestri fossero impraticabili.

60 Salama 1951, carta generale; Siraj 1995, p. 400.

61 I principali contributi bibliografici sul collegamento terrestre tra le due Mauretanie sono riassunti in Coletti, Guspini 2017, p. 135-137. Gli studiosi che si sono occupati dell’argomento sono sostanzialmente concordi (con sfumature diverse) nell’ammettere l’esistenza, nel Marocco orientale di epoca romana, di molteplici piste tradizionali sotto il controllo delle tribù indigene, ma si dividono tra coloro che sostengono l’esistenza di un itinerario di raccordo tra le due province controllato direttamente dai Romani, da localizzare lungo l’asse di comunicazione che passa dal “couloir” di Taza, e coloro che negano tale ipotesi. Per quanto riguarda la “centralità” di Rhysaddir / Melilla nella rete degli itinerari, v. supra, nota 57.

62 Cressier 1981, 1983, 1992, 2017, con ulteriore bibliografia dello stesso autore. Per un panorama sintetico dei siti medievali del Rif, Erbati 2012. Per le ipotesi sulla localizzazione dei toponimi menzionati dalle fonti v. anche Siraj 1995, p. 287-309, 365-414, 430-433; per i toponimi indicati nella cartografia medievale, Gozalbes Cravioto (C.) 2010; per i portolani medievali v. anche Aragón Gómez 2013, p. 147-150.

63 Sulle relazioni tra insediamenti urbani, abitati minori e organizzazione territoriale delle tribù berbere, si veda in particolare Cressier 1992, p. 177-179; v. anche Cressier 1984. Il sito di Bouchih, lungo la Moulouya, datato all’età almoravide, rappresenta una particolare categoria di abitato rurale, a carattere temporaneo, v. supra, Tabella 2.

64 Per le fonti relative al regno di Nakûr e una sintesi dei lavori storici e archeologici dedicati all’argomento v. Cressier 2017.

65 Per la bibliografia relativa ai singoli siti v. supra, Tabella 2. Per considerazioni generali sul popolamento del Rif nel periodo altomedievale, Cressier 1981, p. 257-261; 1983, p. 45-46; 1992, p. 175; Siraj 1995, p. 287-311. La principale fonte storica per il periodo altomedievale è il “Kitâb al-Masâlik wa-l-mamâlik” di al-Bakrî (morto nel 1094), v. Siraj 1995, p. 52-53, con bibliografia sulle edizioni e traduzioni del testo. Tra le località menzionate da al-Bakrî di cui si ignora l’ubicazione riveste particolare importanza la fortezza di K ulû Dj âra, punto di incrocio di diversi itinerari, situata forse in corrispondenza di Selouane, Siraj 1995, p. 431. A. Tahiri (2002, p. 46-47) segnala l’individuazione di due siti fortificati, “Tasreft” e “Igga”, ma senza precisare la loro posizione.

66 Mal î la, inizialmente governata da una dinastia autonoma, nel 1080 passa nelle mani degli Almoravidi e sarà parte integrante dell’impero almohade e poi merinide fino alla sua conquista definitiva da parte della Spagna nel 1497, v. infra; nel testo di al-Bakrî la città, considerata di origine antica, risulta circondata da mura e dotata di una qasba, Cressier 1981, p. 204-206, 1999-2000, p. 25-27; Siraj 1995, p. 470-475; Gozalbes Cravioto (E.) 2005; Gozalbes Cravioto et alii 2005; Aragón Gómez 2012. Per il cambiamento del toponimo da Rhysaddir a Mal î la, Siraj 1995, p. 474-475; secondo E. Gozalbes Cravioto (2005, p. 265-270) e S. Hassab e L. Pons Pujol (2010, p. 185-186), tale cambiamento sarebbe indizio di un periodo di spopolamento della città.

67 Per la bibliografia dei rinvenimenti di età medievale nella zona del Cerro del Cubo (Alcazaba, Calle Ejercito Español, Calle Pablo Vallescá, Colegio España, Fuertes de las Victorias, Parque Lobera, Teatro Kursaal) e della città vecchia (Almacenes de las Peñuelas, Calle San Miguel e Calle Alta, Casa del Gobernador, Foso de Hornabeque, Plaza de Armas, Torreón de las Cabras) v. supra, Tabella 1. Per una sintesi dei dati storici e archeologici e un panorama dei tipi ceramici del IX-XI secolo, Navarro Luengo et alii 2005; Gozalbes Cravioto (E.) 2005; Salado Escaño et alii 2011. Per una contestualizzazione della città nel processo di urbanizzazione della costa del Rif in età medievale, Cressier 1999-2000.

68 Cressier 1981, p. 261-264; 1983, p. 46-48; 1992, p. 175; 1999-2000, p. 30-35.

69 Per la bibliografia relativa ai singoli siti v. supra, Tabella 2. Per il problema del rapporto tra le città e il loro Hinterland, Cressier 1992, p. 177-179; per le fortezze-rifugio, Cressier 1983, p. 48-49. I siti medievali individuati nel corso delle ricognizioni 2000-2005 dirette da A. Akerraz, A. Siraj e C. Vismara (v. supra, Tabella 2) offrono un’ulteriore testimonianza della diffusa occupazione a carattere rurale del territorio del Rif tra l’età almohade e quella merinide.

70 Oltre alla bibliografia citata nella Tabella 2, v. Cressier 1999-2000, p. 35-37.

71 Cressier 1992, p. 177; Siraj 1995, p. 273-438; Tahiri 2002, p. 44-47. Per l’entità degli scambi commerciali tra le due rive la principale opera generale di riferimento è Dufourq 1966.

72 Sono documentati collegamenti marittimi anche tra la baia di Al Hoceima e Almería, tra Temsâmane e Malaga, tra Garet e Malaga, tra Melilla e Almuñecar, Cressier 1992, p. 177; Gozalbes Cravioto (E.) 2001, p. 504-505; Erbati 2004, p. 67-68.

73 Per alcune considerazioni su questo argomento Gutiérrez Lloret 2011.

74 Coletti, Guspini 2017, p. 151-160. Per gli itinerari terrestri del Rif in età medievale secondo le fonti arabe, Siraj 1995, p. 364-379; v. anche, per una sintesi dei dati, Coletti, Guspini 2017, p. 138-139.

75 Cressier 1981, p. 264-265; 1983, p. 50; 1992, p. 175-176.

76 Per la storia della città dopo la conquista spagnola si rimanda ai saggi riuniti nella parte terza di Historia de Melilla 2005. Per alcuni dati archeologici riguardo al periodo compreso tra la fine del XV e il XVIII secolo v. supra, Tabella 1; per una sintesi dei dati relativi alla zona di Plaza de Armas, Villaverde Vega 2003.

77 Cressier 1983, p. 50, con bibliografia. Secondo P. Cressier (1983, p. 50-52), per facilitare la presa del Peñón di Velez de la Gomera, gli Spagnoli avrebbero costruito nel 1564 la fortezza di Torres el K’ala, situata a Ovest di Bâdis, a quattro chilometri di distanza, v. supra, Tabella 2; C. Gozalbes Cravioto (2017) ritiene invece che questa fortezza sia una costruzione berbera.

78 Per la “Descrizione dell’Africa” di Leone l’Africano, pubblicata nel 1550 e la “Descripcion general de Affrica” di Luis del Mármol Carvajal, suddivisa in due parti pubblicate rispettivamente nel 1573 e nel 1599, Vismara 2014, p. 143-145, con bibliografia. Lo studio più completo dell’opera di Leone l’Africano è quello di L. Massignon (1906), che ha effettuato un’analisi filologica del testo cercando di restituire l’immagine del paesaggio del Marocco agli inizi del XVI secolo, integrando i dati di Leone con quelli di Mármol e con quelli offerti da altre fonti testuali e cartografiche, di cui fornisce un elenco (Massignon 1906, p. 3-21). Per i principali fondi archivistici e iconografici relativi al Rif post-medievale conservati in biblioteche e archivi spagnoli, v. Maziane 2012; per osservazioni su alcuni documenti v. anche Aragón Gómez 2013, p. 150-153; per la cartografia storica di Melilla, Bravo Nieto 1996.

79 Fréjus 1670. Per notizie sull’autore e un’analisi dettagliata del viaggio da lui percorso, Vismara 2014, p. 146-147.

80 Cressier 1981, p. 265-266; 1981-1982; 1983, p. 52-54. Per i possibili antecedenti medievali di queste fortificazioni v. Coletti, Guspini 2017, p. 158-159, con bibliografia. Tra le opere difensive si segnala anche a una torre situata in corrispondenza della valle di Mestassa, la cui datazione non è anteriore al XVI secolo, Cressier 1983-1984; la torre è da mettere in relazione con altre documentate lungo la costa a Ovest di Mestassa.

81 Rebuffat 1971, p. 40.

82 Cressier 1992, p. 74; Coletti 2011, p. 106; Coletti, Guspini 2017, p. 160. Si vedano anche le considerazioni in Cressier 1981, p. 251-254. A livello etnografico, la società tradizionale del Rif è caratterizzata da una gerarchia complessa e variabile di gruppi sociali (famiglie, lignaggi o clan, douars, frazioni, tribù, confederazioni di tribù, leff); i clan, i douars e le frazioni rivestono un ruolo particolarmente importante, e a ciascuno di essi corrispondono determinate modalità di insediamento e di organizzazione dello spazio agricolo, v. Maurer 1968, con particolare riferimento alla zona dell’alto Rif centrale, e Hart 1954, 1976 per il territorio dei Banû Waryâghal. Per il sistema territoriale e urbano del Rif precoloniale v. anche Muchada Suarez 2012, p. 267-272.

83 Camps 1961, 1964. Si veda anche la bibliografia completa dello studioso in L’homme méditerranéen 1995. Per un panorama generale della cultura berbera nordafricana, con particolare riferimento all’Algeria, Brett, Fentress 1996.

84 Nel periodo del Protettorato spagnolo, l’esigenza della politica coloniale di controllare il territorio ha dato impulso alla produzione di numerosi documenti che descrivono le caratteristiche fisiche, umane ed economiche della regione, Villanova 2005, p. 96-99; 2012, con bibliografia; nella massa dei documenti risalenti a questo periodo spiccano per qualità e autentico interesse verso la cultura berbera i lavori etnografici di Emilio Blanco Izaga, v. Moga Romero 2009. Per il periodo posteriore all’indipendenza, le ricerche etnografiche principali condotte nel Rif sono quelle di D. Hart (1954, 1976) e G. Maurer (1968); per l’artigianato ceramico tradizionale, il più importante lavoro di riferimento è quello di R. Vossen e W. Ebert (1986); v. anche Amahan 2012, con bibliografia. Per le ricerche etno-archeologiche sulle produzioni di ceramiche modellate in varie zone del Marocco, incluso il Rif, Bazzana et alii 2003 e Picon 2004, entrambi con bibliografia; El Hraiki 2016.

85 Marion 1957. Per alcune considerazioni sulle architetture medievali di tipo berbero a confronto con quelle recenti e sub-recenti, Cressier 1981, p. 224-234.

86 Per la necropoli di Cerro de San Lorenzo è segnalato solo un esemplare di coppa con piede probabilmente modellata, Tarradell 1954, lám. IV, n7; per una breve nota sugli esemplari di Casa del Gobernador da strati datati tra il II sec. a.C. e il I sec. d.C., tra cui imitazioni dei “piatti da pesce” della ceramica a vernice nera, Aragón Gómez et alii 2006, p. 88-89, fig. 6, nn. 4-6, fig. 15-17; la presenza di ceramiche modellate è particolarmente consistente nei contesti datati a partire dal II sec. a.C., Aragón Gómez, Fernández Uriel 2008, p. 591.

87 Kbiri Alaoui et alii 2004, fig. 8, nn. 2-3.

88 Salado Escaño et alii 2011, fig. 5-12, 18; Lechado Granados 2014, fig. 7. Per alcuni esemplari di modellate rinvenuti in associazione con ceramiche di XV-XVIII s., Villaverde Vega 2002, fig. 5.

89 Redman 1983-1984, p. 339-343, fig. 29, D, S; Acién Almansa et alii 1999, lám. III-VII; Coletti 2011, fig. 4, nn. 9-10.

90 Redman 1983-1984, p. 337-339, fig. 26, A, B, D, U; Cressier et alii 2001, fig. 4-a; Coletti 2011, fig. 5, n9.

91 Coletti 2011, fig. 5, n6 (da Kâla Irîs); fig. 5, nn. 7-9 (dalla valle di Mestassa); fig. 6, nn. 1-5 (da Kimmat Boussekkoûr); fig. 7, nn. 4-5 (dalla valle dell’Oued Amekrâne).

92 Lo studio delle ceramiche modellate rinvenute negli scavi di Nakûr è stato affiancato da un interessante esperimento di comparazione con la produzione attuale di ceramica “tradizionale” nei territori di Temsâmane e Banû Waryâghal, che ha messo in evidenza differenze significative tra le due serie ceramiche, che riguardano non solo il repertorio morfologico ma anche gli aspetti tecnologici e l’apparato decorativo, Acién Almansa et alii 1999, p. 55-58.

93 Acién Almansa et alii 1999, p. 52-53; Salado Escaño et alii 2011, p. 69-73, 81-83. Sul significato sociale delle ceramiche modellate nei contesti altomedievali del Maghreb occidentale e di “al-Andalus”, Gutiérrez Lloret 2011, p. 260-263.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1: Carta schematica del Marocco settentrionale con le località e i fiumi principali
Légende Nel riquadro la regione del Rif.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 265k
Titre Fig. 2: Carta con indicazione dei territori delle tribù del Rif, secondo le delimitazioni fissate nel periodo del Protettorato spagnolo
Crédits da Villanova 2005, fig. 1
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 257k
Titre Fig. 3: Melilla, carta dei giacimenti archeologici e delle zone protette
Légende Zona A: zona dei recinti storici e immediati dintorni (“Melilla la Vieja”, Cerro del Cubo); zona B: quartieri periferici che occupano in parte le aree del Cerro de Santiago, Cerro de San Lorenzo, Cerro de Camellos; zona C: zone occupate anticamente dalla baia, dalla foce del Río de Oro e da altre aree umide; zona D: zone periurbane che includono le aree archeologiche di Cala Morillo, Sidi Guariach, Huerta de Reyes.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 1,0M
Titre Fig. 4: Carta schematica dei principali insediamenti antichi e medievali del Rif. I tondi vuoti indicano le aree con resti di età medievale individuate tra il 2000 e il 2005
Légende 1: Isole Chafarinas; 2: Bouhout; 3: Bou Kanat; 4: Ras Kebdana; 5: Ed Dahar Taiffant; 6: El Aabid; 7: Melilla; 8: Sidi Moulay Barhdâd; 9: Djenada; 10: Ghasâsa; 11: Tazûta; 12: El Kadia / al-Qadiya; 13: Selouane; 14: Garet, Kart; 15: Tamarsat; 16: Meggeo; 17: marsâ al-Dâr (Ras Afraou); 18: Taferhsit; 19: Sidi Salâh; 20: Sidi Driss; 21: Anual; 22: Beni boû Ya’koub; 23: Garem; 24: Dchar ‘Alla Boukar; 25: Nakûr; 26: al-Mazamma; 27: Bûzakkûr; 28: Adoûz; 29: Snada; 30: Bâdis; 31: Torres el K’ala / Qal’at Sanhadja; 32: Bâlish / Yallîsh (Kâla Irîs); 33: Mestassa.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 169k
Titre Fig. 5: Le rotte del Mediterraneo sud-occidentale
Légende A: le rotte del Mediterraneo sud-occidentale secondo le fonti antiche (dati tratti da Arnaud 2005); B: i collegamenti tra riva settentrionale del Marocco e riva sud-orientale della Spagna secondo le fonti medievali (dati tratti da Cressier 1992); le linee tratteggiate indicano le rotte costiere
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 310k
Titre Fig. 6: Carta riassuntiva degli itinerari terrestri del Rif in età moderna (XIX - inizi del XX secolo) in rapporto alle presenze di siti antichi e medievali
Crédits rielaborazione da Coletti, Guspini 2017, fig. 12)
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 221k
Titre Fig. 7: Fogli 6, 13, 14 dell’edizione in scala 1:100.000 del Mapa del Protectorado Español en Marruecos (1927-1935), opera principale della cartografia militare spagnola relativa al Marocco
Légende In sovraimpressione sono messi in evidenza, tramite simboli, alcuni elementi che potrebbero rappresentare indizi di assetti territoriali anteriori all’età moderna: rombi = edifici religiosi tradizionali (“qubbas”, “marabouts”, moschee rurali); rettangoli pieni = “souqs”; quadrati vuoti = luoghi fortificati (“alcazabas” nel Mapa); ovali grigi: località situate lungo gli itinerari tradizionali di età moderna; i numeri 1-14, 16 indicano la posizione dei siti antichi e medievali ricadenti nella zona qui riprodotta e corrispondono a quelli utilizzati nella fig. 4.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 587k
Titre Fig. 8: Fogli 11 e 12 dell’edizione in scala 1:100.000 del Mapa del Protectorado Español en Marruecos (1927-1935), opera principale della cartografia militare spagnola relativa al Marocco
Légende In sovraimpressione sono messi in evidenza, tramite simboli, alcuni elementi che potrebbero rappresentare indizi di assetti territoriali anteriori all’età moderna: rombi = edifici religiosi tradizionali (“qubbas”, “marabouts”, moschee rurali); rettangoli pieni = “souqs”; quadrati vuoti = luoghi fortificati (“alcazabas” nel Mapa); ovali grigi: località situate lungo gli itinerari tradizionali di età moderna; i numeri 17-18, 20-33 indicano la posizione dei siti antichi e medievali ricadenti nella zona qui riprodotta e corrispondono a quelli utilizzati nella fig. 4.
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 594k
Titre Fig. 9: Esemplari di ceramiche modellate con differenti cronologie
Légende 1: Melilla, ceramiche da contesti di II sec. a.C. – inizi I sec. d.C. di Casa del Gobernador (da Aragón Gómez et alii 2006, fig. 6, nn. 4-7); 2: Sidi Driss, ceramica da ricognizioni di superficie (da Kbiri Alaoui et alii 2004, fig. 8, n2); 3: Melilla, ceramiche altomedievali da Cerro del Cubo e Parque Lobera (da Salado Escaño et alii 2011); 4: Nakûr, ceramiche altomedievali da sondaggi del 1996 (da Acién Almansa et alii 1999, tavv. I, II, V); 5: Melilla, ceramiche da contesti post-medievali di Plaza del Veedor (da Villaverde Vega 2002, fig. 5); 6: regione a Ovest di Al Hoceima, ceramiche di probabile età medievale da ricognizioni di superficie
URL http://journals.openedition.org/antafr/docannexe/image/966/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 326k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Caterina Maria Coletti, « Risultati e aspetti problematici della ricerca archeologica a Melilla e nel Rif (Marocco settentrionale) »Antiquités africaines, 54 | 2018, 115-140.

Référence électronique

Caterina Maria Coletti, « Risultati e aspetti problematici della ricerca archeologica a Melilla e nel Rif (Marocco settentrionale) »Antiquités africaines [En ligne], 54 | 2018, mis en ligne le 24 avril 2020, consulté le 18 juin 2024. URL : http://journals.openedition.org/antafr/966 ; DOI : https://doi.org/10.4000/antafr.966

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search