Skip to navigation – Site map

HomeCall for papersCall for papers - closedArdeth #09 | Race. Exploring the ...

Ardeth #09 | Race. Exploring the Modern-Colonial Legacy in Contemporary Architecture

Scadenza 15 aprile 2021
Felipe Hernàndez

Editor's notes

Nota: con questo numero Ardeth apre a un campo di studi che non ha una immediata definizione nella lingua italiana e, presumibilmente, neanche nel dibattito architettonico. La decisione redazionale di mantenere il titolo in inglese riflette l’assenza di una conversazione fondata nella nostra lingua.

Fig. Yácata pyramid in Tzintzuntzan built communally by the Purépecha, an indigenous group from Northwest Mexico, never conquered by the Aztecs, taken to represent the local ethnic identity. © Felipe Hernandez

Image 10000000000002DD00000408418B8CE779E3587D.jpg

L’architettura è una disciplina che guarda a se stessa. La storia dell’architettura trasmette le norme della disciplina a un pubblico fatto soprattutto di architetti, che devono conoscere il lavoro dei loro predecessori – dai quali hanno imparato, o per i quali hanno lavorato. In questo modo, l’architettura rende singoli i processi multipli attraverso i quali lo spazio viene prodotto, eliminando le differenze alla ricerca di narrazioni coerenti che possano sostenere l’autorità della disciplina – e lo fa, soprattutto, attraverso la figura dell’architetto-autore. Da tempo ormai autrici come Beatriz Colomina, Diana Agrest, Mary McLeod e Jane Rendell (per nominarne solo alcune) hanno mostrato che questa figura è, di norma, maschile. Tuttavia, ancora poco è stato detto rispetto al fatto che questa figura è anche bianca; una classificazione razziale che si riferisce non solo a caratteri epidermici, ma anche all’origine geografica, al tipo di educazione ricevuta, e nella maggior parte dei casi alla classe sociale di appartenenza.

La storia dell’architettura in generale, e dell’architettura moderna in particolare, è costruita su un orizzonte di riferimento ristretto: una manciata di architetti europei e nordamericani il cui lavoro ha influenzato altri e generato un movimento internazionale. In questo senso, c’è un’origine chiara che definisce una specifica gerarchia ed è connotata da uno specifico colore della pelle. I contributi degli afroamericani negli Stati Uniti d’America, degli afrodiscendenti in America Latina, degli australiani aborigeni, non sono stati registrati nelle storie dell’architettura moderna con la stessa forza, come rivela il recente Race and Modern Architecture. A Critical History from the Enlightenment to the Present, curato magistralmente da Irene Cheng, Charles L. Davis II e Mabel O. Wilson.

Libri recenti, specialmente negli Stati Uniti d’America, stanno iniziando a esplorare il contributo significativo degli architetti neri nella costruzione della città americana moderna. L’impatto di queste ricerche è enorme, anche se l’attenzione rimane concentrata sul concetto di “blackness” riducendo la complessità della ‘razza’ come significante socioculturale a un unico gruppo. Per questo motivo, è urgente ampliare il concetto di razza a includere altri termini che sono stati utilizzati al suo posto, o al suo fianco, in tempi recenti: come Arabo, Indigeno, Ebreo, o Est-europeo. E’ altrettanto importante esplorare altri contesti nei quali la razza continua ad avere un ruolo sensibilmente divisivo, come in Europa, così come le implicazioni della razza in nazioni come la Cina, il Giappone, o l’Indonesia - per nominarne solo alcuni.

Il recente annuncio che, per la prima volta nei suoi 173 anni di storia, la RIBA Gold Medal è stata assegnata a un architetto britannico nato in Africa, Sir David Adjaye, è stato molto ben accolto. Ma ha anche attirato l’attenzione sul fatto che il numero di architetti di colore iscritti all’ordine professionale nel Regno Unito si è ridotto all’1%, mentre negli Stati Uniti solo il 2% di tutti gli architetti iscritti all’ordine sono afroamericani, e di questi solo lo 0,3% sono donne. Numeri simili sono riscontrabili in nazioni con ampi segmenti di popolazione di discendenza africana come il Brasile o la Colombia, e addirittura il Sudafrica dove soltanto 65 donne erano iscritte all’ordine nel 2017. Questi numeri dimostrano la mancanza di diversità nella pratica, e la necessità impellente di rivedere le modalità di accesso alla professione. E se queste statistiche se riferiscono all’assenza di architetti neri, molto poco si sa degli indigeni in Australia, degli Aymara in Bolivia, o dei Popoli delle Prime Nazioni in Canada, e riguardo al loro contributo all’architettura.

In questo senso, questo numero di Ardeth intende allargare la discussione sulla razza in architettura, intersecando una varietà ampia di gruppi etnico-razziali, e spostando il dibattito in luoghi dove è necessaria una maggiore attenzione, come l’Europa e l’America Latina, e nazioni come la Cina e il Giappone. A questo scopo, in questo numero cerchiamo articoli che esplorino la diversità nella professione e nella formazione. Cerchiamo anche articoli che utilizzino prospettive metodologiche e agende diverse per studiare il contributo di architetti appartenenti a minoranze etniche in luoghi diversi del mondo, e articolare le potenzialità di architetture non-white nel tentativo di decolonizzare la disciplina. Gli autori possono usare il concetto di razza come lente per esplorare una varietà di questioni, che includono le seguenti, ma non solo:

  • espandere i confini stretti del dibattito corrente sulla razza in architettura;

  • esplorare le intersezioni fra razza, etnia, classe e genere nella pratica contemporanea di architettura;

  • esplorare l’impatto di queste intersezioni nella produzione dello spazio delle città e delle architetture in luoghi diversi del mondo;

  • esplorare la geografia contemporanea della professione, nelle esperienze dirette dei professionisti e nel dibattito accademico;

  • rivisitare la storia della professione in regioni specifiche del mondo, fornendo materiale per un dibattito più inclusivo;

  • investigare la misura in cui la formazione architettonica riproduce principi coloniali e rinforza confini razziali ed etnici nelle regioni cosiddette non-occidentali del mondo;

  • esaminare criticamente la costruzione di ‘classi’ intrinseche, dalle tecnologie alle forme, che sono relative a un uso strumentale del locale e a stili di lavoro e costruzione identificati come indigeni e nazionali;

  • investigare le possibilità dell’esistenza di architetture non-bianche attraverso la ricerca su oggetti ed edifici specifici.

Linee guida per l’invio di contributi

Gli articoli possono essere scritti in italiano o in inglese. Saranno presi in considerazione per la pubblicazione solo contributi originali, frutto di una ricerca condotta dall’autore/-i che non è stata mai pubblicata, né è sotto revisione presso un’altra rivista. Ardeth accetta i manoscritti in diverse forme: Contributi Candidati e Contributi a Invito devono essere principalmente testuali (3,500÷4,500 parole incluse note, citazioni e riferimenti). I saggi devono essere sostenuti da un adeguato apparato bibliografico, offrire un contributo originale e critico di natura teorica o empirica, ed essere supportati da un appropriato apparato visivo. I Contributi Grafici devono essere costituiti principalmente da immagini/schemi/grafici. Le immagini hanno una natura argomentativa, non illustrativa. Contributi Candidati e Contributi a Invito e Contributi Grafici subiscono un processo di revisione in doppio cieco tra pari prima di essere considerati per la pubblicazione.

Tutti i contributi devono essere inviati al Comitato Editoriale, specificando la call for papers cui il contributo risponde (per esempio, Ardeth #7_Europa):

redazione@ardeth.eu

Le linee guida dettagliate sono disponibili sul sito della rivista:

www.ardeth.eu

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search