Skip to navigation – Site map

HomeNuméros7L’Europa non è un albero

L’Europa non è un albero

The Editorial Board of “Ardeth”
p. 10-15
This article is a translation of:
Europe is Not a Tree [en]

Editor's notes

DOI: 10.17454/ARDETH07.01

Full text

Mappa L’Europa non è un albero

Mappa L’Europa non è un albero

1Questo numero di “Ardeth” esce in un momento in cui la dimensione dello spazio materiale e istituzionale di ciò che chiamiamo “Europa” è soggetta a un profondo cambiamento, e subisce sollecitazioni che sarebbero state per molti versi imprevedibili fino a pochi mesi fa. La questione di quali possano essere i termini di relazione tra architettura ed Europa – o più precisamente tra progetto di architettura e progetto europeo – è cambiata velocemente anche nel corso della costruzione di questo volume. Abbiamo raccolto prospettive differenti, che considerano l’Europa come condizione di possibilità (istituzionale, regolativa, valoriale) dell’architettura, o come risultato ed effetto di operazioni architettoniche. Ma abbiamo anche registrato differenze sostanziali nei modi di considerare l’effettualità del progetto, a volte inteso come dispositivo di simbolizzazione di valori e connotati “europei”, altre volte come processo di attuazione e materializzazione di condizioni geografiche, politiche e socioeconomiche.

2L’immagine scelta dal nostro guest editor per aprire la call for papers (prima ancora che la pandemia di Covid-19 facesse il suo ingresso sulla scena mondiale) traccia con un diagramma a insiemi la complessa correlazione tra le istituzioni che compongono una possibile ontologia di “Europa”. La mappa di entità istituzionali, in parte incluse le une nelle altre e in parte intersecate tra loro, ricorda la struttura del “semi-lattice”, che Christopher Alexander utilizzò nel 1965 per distinguere la città “naturale” da quella “artificiale”, nel suo celebre articolo Una città non è un albero.

Fig. 1 – Elaboration on the semi-lattice structure as in Alexander’s diagram (1967 [1965]: 198)

Fig. 1 – Elaboration on the semi-lattice structure as in Alexander’s diagram (1967 [1965]: 198)

3Concludendo quell’articolo, Alexander affermava che «in qualsiasi oggetto organizzato, l’estrema compartimentalizzazione e la dissociazione degli elementi interni sono i primi sintomi di una prossima distruzione» (Alexander, 1967 [1965]: 230). Gli “alberi” – i progetti di sistemi strettamente gerarchici – sarebbero dunque costruzioni artificiali e fragili, riduzioni a una figura dell’ordine troppo schematica e soprattutto avulsa dalla storia, dalle sue sedimentazioni e resistenze. Come per i fenomeni urbani a cui si riferiva Alexander, qualsiasi descrizione dell’Europa, anche quella istituzionale, è densa di sovrapposizioni e intersezioni: e questo è un requisito fondamentale per la sua esistenza e resilienza – sebbene allo stesso tempo questa reticolarità ibrida sia anche la fonte di innumerevoli contraddizioni. Davanti a questo diagramma possiamo certamente affermare che anche l’Europa «non è un albero».

4La corrispondenza topologica tra la mappa istituzionale dell’Europa e i diagrammi urbani di Alexander non è soltanto un’analogia. L’Europa di cui questo numero di “Ardeth” tenta di occuparsi ha caratteristiche chiaramente architettoniche, per lo meno fintanto che si voglia considerare lo spazio geografico e politico come ineludibile territorio dell’architettura. Il “progetto europeo” a cui la call for papers fa riferimento è un progetto di natura architettonica, nella misura in cui è definibile in termini di strutture materiali e simboliche dotate di specifiche fragilità e resilienze, che presuppongono processi di costruzione e trasformazione dello spazio nel medio e nel lungo periodo. Il problema eminentemente spaziale che il concetto di Europa ripropone in questo momento (ancora una volta e in modo più letterale che mai) è proprio il rovesciamento di quella sua definizione come terra continens, che dall’antichità giunge fino al Novecento – si pensi agli scritti di Carl Schmitt sulla “Terra” come fondamento dello jus publicum Europaeum (Schmitt, 2002 [1954] e 1991 [1950]).

5Peter Sloterdijk ha esplorato a fondo le caratteristiche di quei luoghi che pretendono di chiudersi attorno a un focolare, proteggersi entro cinte di mura, fossati, e difese concentriche. Una condizione alla quale il “continente” aspirerebbe, per lo meno se lo si intendesse alla lettera come «recipiente autogeno nel quale il contenuto si contiene da sé» (Sloterdijk, 2014a: 229). Ma è proprio al rovesciamento di questo recipiente autogeno che siamo di fronte: un processo di cui gli abitanti dello spazio europeo possono farsi carico, a condizione che ne riconoscano la portata e la profondità storica. «Chi giunge ai patri lidi dopo la circumnavigazione della Terra – scrive Sloterdijk – sbarca in un luogo che non può più essere trasfigurato in quella caverna mondana domestica e natia che era. [...] Chi vive nell’oggi, dopo Magellano, si vede obbligato a considerare anche la propria città natale come la proiezione di un punto percepito dall’esterno». La globalizzazione procede da allora, facendo «[...] saltare strato per strato gli involucri immaginari della vita collettiva autoctona, vissuta chiusi in casa propria, orientata su se stessa e dotata di per se stessa di potere salvifico» (Sloterdijk, 2014a: 773). Oggi questa condizione appare così evidente da porsi anche al di là di ciò che Sloterdijk stesso avrebbe potuto intendere.

6L’impossibile contenimento dell’Europa è lo stesso che investe l’architettura: non c’è alcuna isola assoluta su cui rifugiarsi, per costruire un progetto senza interferenze né irruzioni. Tra progetto europeo e progetto di architettura gli autori di questo numero hanno stabilito nessi differenti e anche vicendevolmente conflittuali. Come di consueto, abbiamo provato a ordinare i termini ricorrenti nei vari contributi, tentando di restituirne vicinanze e opposizioni. In primo luogo, ci è parso cruciale chiederci quale modo di relazione i testi proponessero tra Europa e architettura: i progetti di architettura hanno un ruolo costitutivo rispetto all’esistenza dell’Europa, oppure l’Europa – come istituzione, sistema di poteri e legittimazioni – è condizione necessaria all’esistenza di un’architettura “europea”? In secondo luogo, abbiamo provato a stabilire quale fosse la forma degli effetti che gli autori attribuivano a questi progetti di “architettura europea”: si tratta di effetti di significazione e rappresentazione simbolica, oppure di effetti materiali della trasformazione e delle loro molteplici ricadute?

7Ne è derivata una doppia opposizione, che abbiamo disposto su due assi secondo la costruzione “cartesiana” che usualmente utilizziamo come guida alla lettura. Sull’asse orizzontale si oppongono due modalità di relazione tra Europa e architettura: a sinistra la preminenza del progetto, a destra quella dell’istituzione. Nel primo caso si presuppone che il progetto architettonico possa agire come dispositivo fondamentale per la composizione induttiva e incrementale dell’Europa. Il progetto architettonico qui precede l’istituzione. Nel secondo caso la cornice istituzionale è, all’opposto, una condizione necessaria per la determinazione di un’architettura europea. Se all’estremo del progetto possiamo pensare l’Europa stessa come una architettura, procedendo nella direzione dell’istituzione assumiamo, inversamente, che le architetture possano esistere in nome e nel contesto dell’Europa, sotto l’egida di trattati, accordi, finanziamenti e riconoscimenti.

8Sull’asse verticale abbiamo distribuito l’opposizione tra chi enfatizza il funzionamento simbolico dei progetti (in alto: simbolizzazione) e chi ne considera prioritariamente l’efficacia materiale e spaziale (in basso: materializzazione). Nel primo caso viene messo l’accento sul progetto come dispositivo di rappresentazione (di valori, contenuti culturali, obiettivi di progresso e innovazione) che mobilita e unifica sul piano dei significati collettivi. Nel secondo caso invece il progetto architettonico è soprattutto considerato per la sua capacità di far esistere l’Europa come spazio materiale concreto (nelle sue forme urbane, nelle infrastrutture, nelle pratiche spaziali).

9In questo modo emergono quattro distinti quadranti, a ciascuno dei quali potremmo riferire diversi e specifici effetti progettuali.

10Nel primo quadrante troviamo quei casi in cui la legittimazione istituzionale si accompagna a un forte investimento simbolico. Al limite, questo è il quadrante dei monumenti in senso lato, ma anche dei premi e riconoscimenti di rango europeo. In questa prospettiva, Socrates Stratis ripercorre 30 anni di progetti Europan, evidenziando quanto la cornice istituzionale dell’iniziativa rafforzi le relazioni a rete tra giovani architetti europei, ma sia anche capace di promuovere un orizzonte di valori e obiettivi, soprattutto in termini di «immaginari comuni per la città inclusiva». Mantenendo un confronto dialettico con il piano istituzionale, Sandra Meireis definisce invece l’unione Europea come un «progetto utopico che si staglia sullo sfondo di una successione di crisi», e che giunge fino alla pandemia di Covid-19. In questo quadro, «la speranza per una rinnovata coesione sociale» e l’orizzonte di un Green New Deal dovrebbero concretizzarsi attraverso il progetto di architettura: la proposta progettuale agisce qui come manifesto, precedendo la costruzione delle condizioni istituzionali. Ma soltanto in virtù della realizzazione della «futura Repubblica Europea» sarà possibile dare attuazione sistematica ai progetti di architettura.

11Al secondo quadrante, che coniuga l’istituzione e la materializzazione, potremmo riferire il campo delle infrastrutture e dei progetti transnazionali. Chiara Pradel si misura con l’impatto del grande tunnel ferroviario AlpTransit, che collega l’Italia e la Germania attraverso la Svizzera. Sebbene l’autrice guardi verso la dimensione monumentale e “poetica” che potrebbe emergere dal progetto, l’impatto materiale dell’intero processo sembra prevalere sul resto del discorso. Con i suoi 13.3 milioni di metri cubi di materiali di scavo e 57 km di attraversamento sotterraneo, il grande progetto transnazionale presuppone l’esistenza di una realtà istituzionale così forte da smuovere anche le montagne.

12Nel terzo quadrante (progetto ed effetti materiali) è possibile ascrivere le operazioni di trasformazione dei tessuti urbani e degli insediamenti anche minori, intesi come processi contingenti. L’esplorazione del Quartier Européen di Bruxelles tra il 1958 e il 1992 consente a Sebastiano Fabbrini di mettere a fuoco i retroscena della “supranational architecture”, che avrebbe dovuto costituire la rappresentazione di una «comune casa europea». L’autore si concentra sull’hardware di queste vicende, attraversando questioni di natura immobiliare, procedurale e tecnica, con l’obiettivo di mostrare «in che modo l’architettura ha contribuito a dare forma all’Unione Europea» [«How architecture contributed to shaping EU»]. Sempre partendo da un caso particolare, ma con un approccio più orientato a una proposta progettuale, Manuela Raitano, Angela Fiorelli e Gloria Riggi prendono in considerazione l’area della stazione Termini a Roma. Dal particolare si risale al generale, e dal progetto a Termini si induce un «modello per l’architettura dell’accoglienza». Anche in questo caso potremmo dire che «il progetto fa l’Europa», ma rispetto all’articolo precedente è più spiccata una posizione valoriale, che dà orientamento al mestiere del progettista architetto: «Attraverso la lente disciplinare viene così indagata la possibilità di un impegno diretto, di larga scala, dell’architetto, nella costruzione di una città che, già multietnica, dovrà divenire inclusiva e interculturale». In un saggio visuale Silvana De Bari, Valerio Di Festa e Stefania Iraci Sareri tentano di dare misura alle “pratiche turistiche” individuali e collettive, attraverso il disegno di un sistema combinatorio di “unità minime” e «materiali architettonici […] che potrebbero essere impiegati per creare nuovi tipi di spazi, luoghi ed esperienze». Si tratta di un tentativo prevalentemente metodologico, che suggerisce lo sviluppo di una strategia di progetto per molti versi generalizzabile (a condizione di poter trovare gli stessi “materiali” e le medesime pratiche temporanee dell’abitare, in luoghi differenti dell’Europa contemporanea).

13Infine nel quarto quadrante potremmo posizionare le visioni, i manifesti ed eventualmente i progetti decentralizzati, ma orientati a principi unificanti (come per esempio le Urban Innovative Actions legittimate dall’orizzonte dello sviluppo sostenibile). Alexander Stumm ripropone il tema dell’utopia progettuale e della sua forza simbolica attraverso il caso del progetto Atlantropa, concepito da Herman Sörgel alla fine degli anni Venti. A distanza di quasi un secolo, l’autore ritrova le stesse retoriche e strategie egemoniche tra quel piano – fondato su un gigantesco sistema di centrali idroelettriche e di dighe – e il programma Desertec, che prevede l’installazione di grandi impianti fotovoltaici nelle aree desertiche del Nord Africa. Con un taglio fortemente critico, Peter Volgger descrive le pratiche sociospaziali dei gruppi Mouride come esempio di «migrating architecture», capace di fronteggiare i territori della dispersione e alienazione, «senza aspettare gli architetti». Si tratta di pratiche organizzate per via simbolica fra gruppi in continuo movimento, ma che consentono di agire materialmente sullo spazio, in direzione opposta e contraria a quella tradizionalmente intesa dal progetto architettonico, considerato un potenziale «strumento di egemonia e dominio su persone marginalizzate». Un orizzonte di ricerca radicalmente antistituzionale, che fa discendere la materialità delle pratiche dalla coesione simbolica dei gruppi sociali.

14Chiudono il numero due interventi autorevoli, che restano eccentrici rispetto allo sguardo degli architetti e per molti versi anche divergenti tra loro. Nel primo, Carlo Galli dedica ad “Ardeth” un adattamento delle sue Tesi sull’Europa. Il testo non prende posizione sulla questione specifica del progetto architettonico, ma ci consente di leggere meglio la natura reticolare, i rapporti di forza e le vulnerabilità degli attuali assetti istituzionali europei – che sembrano comunque restare la condizione imprescindibile e necessaria per qualsiasi azione progettuale, architettonica e non. Nel secondo intervento, Anna Livia Friel e Marco Provinciali intervistano Romano Prodi su un tema squisitamente “simbolico”, ovvero la possibilità di rappresentare l’identità delle istituzioni europee attraverso l’architettura, nel contesto del progetto EUPavillion.

Top of page

Bibliography

Alexander, C. (1965), A City is not a Tree, “Architectural Forum”, vol. 122, n. 1, April, pp. 58-62 (Part I), vol. 122, n. 2, pp 58-62 (Part II) [it. ed. C. Alexander (1967), Una città non è un albero, in Note sulla sintesi della forma (Appendice 3), Milano, il Saggiatore, pp. 194-230].

Sloterdijk, P. (2014b [1999]), Globes: Spheres Volume II: Macrospherology, Los Angeles, Semiotext(e) [it. ed. P. Sloterdijk (2014a), Sfere II. Globi, Milano, Raffaello Cortina].

Schmitt, C. (2015 [1954]), Land and Sea: a World-Historical Meditation, Candor, Telos Press Publishing [it. ed. C. Schmitt (2002), Terra e mare, Milano, Adelphi].

Schmitt, C. (2003 [1950]), The Nomos of the Earth in the International Law of Jus Publicum Europaeum [it. ed. C. Schmitt (1991), Il nomos della terra nel diritto internazionale dello “jus publicum europaeum”, Milano, Adelphi].

Top of page

List of illustrations

Title Mappa L’Europa non è un albero
URL http://journals.openedition.org/ardeth/docannexe/image/1753/img-1.jpg
File image/jpeg, 168k
Title Fig. 1 – Elaboration on the semi-lattice structure as in Alexander’s diagram (1967 [1965]: 198)
URL http://journals.openedition.org/ardeth/docannexe/image/1753/img-2.jpg
File image/jpeg, 214k
Top of page

References

Bibliographical reference

The Editorial Board of “Ardeth”, “L’Europa non è un albero”Ardeth, 7 | 2020, 10-15.

Electronic reference

The Editorial Board of “Ardeth”, “L’Europa non è un albero”Ardeth [Online], 7 | 2020, Online since 01 June 2021, connection on 23 January 2022. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/1753

Top of page

About the author

The Editorial Board of “Ardeth”

redazione@ardeth.eu

By this author

Top of page

Copyright

CC BY-NC-ND 4.0

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search