Skip to navigation – Site map

HomeNuméros8ReviewsCamillo Boano, Progetto Minore. A...

Reviews

Camillo Boano, Progetto Minore. Alla ricerca della minorità nel progetto urbanistico ed architettonico

Filippo Fiandanese
p. 197
Bibliographical reference

Camillo Boano, Progetto Minore. Alla ricerca della minorità nel progetto urbanistico ed architettonico, Siracusa, LetteraVentidue, 111 pp. – 2020. Paperback: € 9,90 – ISBN 9788862424936

Full text

1La pandemia di Covid è stata l’ultima, in ordine temporale, delle grandi sfide globali della società contemporanea. La dimensione globalizzata dei fenomeni umani, l’emergenza di nuove geografie, società dove le differenze sono sempre più evidenti e le diversità chiedono maggiore visibilità e rappresentazione, l’emergenza climatica, sono tutte questioni aperte che mettono sotto pressione anche le discipline del progetto. Tutte queste condizioni reinterrogano cosa sia il progetto e il progettare: cosa è diventato il progetto e cosa potrebbe essere? Lo statuto delle discipline del progetto, l’architettura e l’urbanistica è sempre più messo in dubbio, reso instabile dalle contraddizioni e incapace di rispondere alle sfide di oggi.

2Il recente saggio di Camillo Boano, Progetto Minore. Alla ricerca della minorità nel progetto urbanistico ed architettonico, tenta di fornire delle risposte, investigando la possibilità di trovare nella minorità un possibile statuto del progetto.

3La domanda da cui prende le mosse Boano è: «esiste un progetto minore? E se esiste, come è fatto?» (p. 9). L’autore descrive il minore «non come una minoranza, una riduzione, quanto una differenza di statuto, di riconoscimento, di misura, di posizione: una intensità» (p. 12). Il progetto minore non è una caduta nella rassegnazione, un progetto inferiore, e neppure una ritirata verso il margine. Invece si configura, appunto, come una intensità di progetto differente dalle logiche progettuali mainstream soluzioniste frutto del sistema ideologico e produttivo neoliberale.

4Uno statuto minore è quindi un’opportunità per rintracciare tra le fessure della crisi nuove pratiche progettuali in opposizione a forze dominanti, maggiori. Il progetto minore è quel “progetto operatore di critica e resistenza ad un orizzonte totalizzante”. Emerge quindi la valenza etica e politica del progetto minore che si manifesta nell’opposizione alla dimensione omologante del maggiore. Qua diventa evidente il più che esplicito riferimento all’indagine di Deleuze e Guattari (1975) sulla letteratura minore, forma letteraria in cui ogni fatto individuale è necessariamente innestato sulla politica. Parafrasando sempre Deleuze e Guattari la forza del minore risiede nella capacità non solo di resistenza, ma soprattutto nella possibilità di destituire e sovvertire dall’interno l’arroganza del tono del progetto aderente alla mercificazione, all’appiattimento dei valori.

5La possibilità prospettata per reagire alla crisi non è pertanto, come già visto, un cedere alla dissoluzione del progetto, risposta che vede la sostituzione di quest’ultimo con categorie temporali-processuali o tecnologismi salvifici. Tuttavia, è al contempo anche una critica ad altre recenti risposte alla crisi dello statuto delle discipline del progetto, che ne propongono un’arida ed efficientista riduzione a semplice documento, norma.

6Il progettare su cui Boano pone l’accento è quello di un’architettura che si prende cura del territorio e della comunità e non solo di sé stessa. E in questo momento poco sembra più attuale di ricentrare lo statuto delle discipline del progetto architettonico e urbano verso la dimensione del care.

7Come scrive l’autore stesso, la sua indagine attorno alla possibilità di un progetto minore non è una riflessione finita, conclusa, ma è piuttosto un portare alla luce quanto si può scorgere dalle fessure dei sempre più numerosi spazi aperti dalla crisi, confrontandosi con discipline spesso diverse dalla teoria del progetto: dalla filosofia, al pensiero decoloniale, all’antropologia, agli studi di genere.

8Sarebbe molto interessante un futuro complemento a questa ricerca non conclusa in cui approfondire quali sono i progetti minori che oggi si oppongono al progetto dominante.

Top of page

References

Bibliographical reference

Filippo Fiandanese, “Camillo Boano, Progetto Minore. Alla ricerca della minorità nel progetto urbanistico ed architettonicoArdeth, 8 | 2021, 197.

Electronic reference

Filippo Fiandanese, “Camillo Boano, Progetto Minore. Alla ricerca della minorità nel progetto urbanistico ed architettonicoArdeth [Online], 8 | 2021, Online since 29 October 2021, connection on 27 January 2022. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/2513

Top of page

Copyright

CC BY-NC-ND 4.0

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search