Skip to navigation – Site map

HomeNuméros9Spazio del dominio o dominio dell...

Spazio del dominio o dominio dello spazio?

The Editorial Board of “Ardeth”
p. 13-21
This article is a translation of:
Space of Domination or Domination of Space? [en]

Editor's notes

DOI: 10.17454/ARDETH09.01

Full text

  • 1 La traduzione in lingua italiana delle citazioni tratte dai saggi pubblicati in inglese è a cura d (...)

1Con questo numero, “Ardeth” apre il dibattito sul progetto a un tema scomodo da trattare, per le articolate controversie che parlare di razza in relazione allo spazio e al suo progetto può avere, ma prima ancora per le difficoltà a mettere a fuoco cosa race/razza sottintenda a seconda di chi e in che contesto si appropria del termine. Su questo secondo punto, la decisione redazionale di mantenere il titolo della call for papers Race in inglese, senza traduzione in italiano, rifletteva la preoccupazione che una conversazione limitata nella nostra lingua non mettesse a fuoco l’uso corrente del termine nel mondo anglosassone. In quel contesto, soprattutto quando usato da soggetti razzializzati, razza richiama una costruzione sociale e un fenomeno strutturale con effetti sul mondo materiale e le tecnologie, fino a chiedere se non sia «una tecnica che si usa, anche quando se ne viene usati – un sistema di strumenti, intersezioni, o cornici, attentamente costruito e storicamente declinato»1 (Hui Kiong Chun, 2009: 7).

2Durante la lunga elaborazione di questo numero di “Ardeth”, Silvia Montis – traduttrice italiana di “Perché non parlo più di razzismo con le persone bianche, di Reno Eddo-Lodge – scriveva in una nota alla traduzione che «l’assenza, relativamente ai temi affrontati nel testo, di un codice condiviso da una comunità di parlanti abbastanza ampia – e la constatazione che, per alcuni concetti, occorrevano forse parole nuove, che non si potevano naturalmente inventare a tavolino» non rende urgente «esaurire la questione della terminologia, ma di aprirla» (Montis, 2021). Nel febbraio 2021, il podcast “Sulla razza” di Nadeesha Uyangoda, Natasha Fernando e Maria Catena Mancuso proponeva di “intavolare una conversazione sulla questione razziale in Italia – e di farlo con un linguaggio aggiornato e in un format in cui le voci degli italiani di colore sono pressoché assenti”, a partire dalla constatazione che «Race, negli Stati Uniti, è una parola di uso comune; invece in Germania la virgolettano, in Francia inseriscono una nota a piè di pagina (che dice “le razze non esistono”), in Italia la rifuggono». In ambito accademico, Alana Lentin ha analizzato tale “silenzio” attorno alla parola razza nell’Europa continentale del secondo dopoguerra (Lentin, 2008 e 2020), mentre Mackda Ghebremariam Tesfaù e Giovanni Picker tratteggiano il contesto italiano come “postrazziale”, portato cioè ad escludere «non solo la rilevanza della razza (come proprio del colorblindness), ma la possibilità stessa di dare un nome a fatti, logiche organizzative, discorsi ufficiali e circostanze» (Ghebremariam Tesfaù, Picker, 2020: 3) come pertinenti a soggetti razzializzati in Italia. Questi sono alcuni dei ragionamenti sottintesi a race/razza oltre i perimetri dell’uso anglosassone del termine. A cui aggiungere che nell’accademia e nelle professioni progettuali, ovunque prevalga la percezione di relativa omogeneità propria di una comunità di pratiche prioritariamente nazionali, non esistono conversazioni esplicite con questa lente sulla trasmissione delle conoscenze storiche e degli standard tecnici legati alla trasformazione dello spazio, sulle ricostruzioni delle catene di innovazione e di patrimonializzazione. Per farlo, servirebbero molte voci e punti di vista stratificati e plurali.

  • 2 Usiamo questa parola in un senso molto ampio, che presuppone un riferimento alla nozione di domini (...)
  • 3 Il documentario riprende il celebre articolo di Langdon Winner, Do Artifacts Have Politics? (Winne (...)

3Ritornando alla dimensione dello spazio costruito e progettato, esso condensa gli effetti di dinamiche molteplici: forme di vita intersecate con le relazioni di potere presenti e passate, conflitti tra gruppi, classi, corpi sociali, traiettorie economiche e percorsi di individui. Tali effetti, in quanto iscritti nello spazio, offrono, retroattivamente, un ampio spettro per leggere nelle matrici di agentività (umane e non) un palinsesto del dominio2 (delle pratiche e politiche di estrazione, controllo, segregazione, colonizzazione). Riconoscere correlazioni non implica, tuttavia, che questa matrice di agentività si configuri come un sistema sempre coerente di cause e di azioni intenzionali , rivelate attraverso le tracce impresse nel corpo materiale dello spazio abitato. L’annosa questione investe le scienze sociali e, forse, non troverà mai una risposta pacificata. Il documentario del 2014 di Francesco Garutti e Shahab Mihandoust, Misleading Innocence (Tracing what a Bridge Can Do), è stato forse uno degli esempi più recenti di discussione critica su questo punto (Garutti, Mihandoust, 2014)3.

4Il film indaga gli effetti della tecnologia e dei manufatti, il loro uso politico e l’intrinseca agentività, oltre le intenzioni dichiarate, senza sorvolare sui temi della trasparenza delle decisioni e dell’esercizio del potere. Utilizzando il lessico del progetto, quindi, una volta individuata una relazione necessaria tra causa (di dominio) ed effetto (di forma dello spazio), sarebbe possibile agire in senso inverso, modificando quell’effetto di spazio fino a dargli un potere capace di interferire al livello dei rapporti di dominio? Se già è difficile essere sicuri che la forma dello spazio rispecchi la forma del dominio (oltre a portarne i segni e le cicatrici), proporsi di cambiare gli assetti di dominio trasformando lo spazio rischia di essere un obiettivo fuori portata.

  • 4 È ciò che osservano Stephen Gray e Anne Lin nel loro pezzo: “we aim to reorient planning and desig (...)
  • 5 Vedi, ad esempio, la polemica di Franco La Cecla in Contro l’architettura, nei confronti del proge (...)

5Nonostante questo rischio, proviamo ad assumere, anche solo come ipotesi limite, che queste due condizioni siano plausibili: ovvero che (1) la forma dello spazio sia l’effetto di un assetto dominante – di sfruttamento, segregazione, estrazione, controllo... – e che (2) agendo sullo spazio si possa modificare quell’assetto – facendo dell’effetto una nuova causa, a sua volta capace di produrre nuovi effetti di emancipazione. Anche con queste assunzioni, per una rivista che si definisce «a magazine on the power of the project» resterebbe aperta la domanda fondamentale: che ruolo avrebbe il progetto di architettura in questa trasformazione? Che potere potremmo attribuire al progetto in quanto tale? Perché, naturalmente, se è vero che una trasformazione dello spazio fisico potrebbe avere molti effetti se fosse realizzata, un progetto di architettura attraversa prove e verifiche che sono inscritte negli assetti di potere e nelle istituzioni esistenti. Dunque, è possibile che un progetto di architettura possa essere sovversivo, agendo contro l’ordine che lo istituisce?
Dal momento che agisce in una rete di relazioni determinanti, che rimandano al potere esterno della politica, delle istituzioni, del capitale, ecc., il progetto è ben lontano dall’essere una pratica neutrale4 e, in fondo, conciliante: l’immaginata neutralità dell’architetto presuppone un compito svolto su un piano diverso da quello delle controversie (un piano creativo, o tecnico, capace di conciliare). Per praticare questa immaginaria neutralità, l’architetto può assumere la responsabilità di restare fuori, decidendo di non diventare complice, di volta in volta, della speculazione immobiliare, dello sfruttamento dei lavoratori, della segregazione spaziale o di altri intenti nefasti5 Ma, rispetto alle assunzioni precedenti, la neutralità non può in nessun modo fungere da perno retorico per la legittimazione della pratica degli architetti: perché la sfida che si pone è proprio di non rimanere fuori dalle controversie attorno ai temi che la call Race mobilita – la segregazione, la discriminazione e il razzismo di sistema – ma di avere in esse un ruolo sovversivo tangibile. Se questo ruolo è fuori portata, allora per il progetto di architettura dovremmo parlare di impotenza.

6Forse non è un caso che gli esempi più rilevanti che si possono cogliere in questo orizzonte di sfide riguardino operazioni di natura culturale. Prendiamo per esempio il progetto di Sumayya Vally per il Serpentine Pavilion 2021, con i suoi quattro Fragments dislocati per Londra (Serpentine Galleries, 2021). In risposta alla cancellazione storica e alla scarsità di spazi informali, il padiglione era un omaggio a luoghi esistenti e cancellati che hanno ospitato comunità diasporiche e multiculturali e si proponeva di svelare e rendere visibili luoghi e pratiche della cultura non dominante. Una diversa sensibilità ha prodotto altri esempi di grande interesse – come le mostre del Museum of Modern Art di New York Reconstructions. Architecture and Blackness in America (MoMa, 2021), e The Project of Independence. Architectures of Decolonization in South Asia, 1947–1985 (MoMa, 2022) – che mostrano quanto la questione investa direttamente l’architettura. Tuttavia, è lecito chiedersi quale sia stata la ricezione di operazioni come queste, oltre a restituire una diversa pluralità di voci in circuiti di pubblico altamente istruito e generalmente già sensibilizzato. Quanto possiamo accontentarci delle rappresentazioni critiche del rapporto tra Race e architettura?

Pars construens

7Gli articoli di questo numero si misurano proprio con l’impossibilità concettuale e l’impotenza politica del progetto, di fronte a questa sfida. Parlando di Race e progetto architettonico, emerge dalla molteplicità delle posizioni un’ipotesi su come collocare il progetto rispetto alla portata, alla scala e al rango dei fenomeni con cui gli autori si confrontano. In molti casi l’architettura e il suo progetto sembrano essere più la scena che “riflette” condizioni di natura sociale e razziale, ma non mancano i suggerimenti operativi, i racconti e le descrizioni di luoghi e situazioni particolari. Sembra svelarsi meglio il carattere illusorio della neutralità del progetto: specie in casi di progetti periferici, ordinari, gestiti nelle pieghe delle comunità, le pratiche progettuali architettoniche appaiono inestricabilmente intrecciate con molti altri tipi di pratiche. In ciascuno di questi casi, in modo contingente, le forme dell’intreccio tra ciò che individueremmo come “progetto architettonico” e altre attività e fenomeni, danno consistenza a condizioni specifiche di dominio. Non c’è neutralità possibile per un progetto che accade e faticosamente cerca di attuarsi in un quartiere; semmai, appunto, si tratta di impotenza. Tuttavia, è proprio lungo i margini dell’impotenza che si può rintracciare un parziale rovesciamento: i progetti di architettura portano con sé dei potenziali di interferenza, efficacia e capacità di azione, entro situazioni conflittuali, la cui multidimensionalità è sempre molto più estesa della prospettiva connessa ad un intervento meramente architettonico. La domanda allora sembra dover essere riformulata. Non una questione generale, del tipo: «in che modo possiamo immaginare una città equa, non discriminante, non segregante, attraverso il progetto di architettura?»; quanto piuttosto una domanda particolare: «In che misura questo progetto, che avviene qui e ora, ha la possibilità di destituire questa situazione di dominio? Che chances apre? Che equilibri sblocca?». Naturalmente una tale radicalizzazione della contingenza del potere dei progetti ha molte conseguenze, in primo luogo perché diventa molto difficile farne una generalizzazione e una teoria. Le risposte sono diverse, ma fondate quasi sempre su circostanze e situazioni localizzate.

  • 6 Dilemmi che ne ricordano un altro, affrontato sul quarto numero di “Ardeth”, Rights, a proposito d (...)

8Il piano in cui ci sembra di poter collocare questo numero si fonda pertanto su due coppie di estremi complementari. La prima coppia posiziona gli articoli rispetto a una serie di dilemmi fondamentali, che emergono dalle considerazioni appena fatte6 che rapporto possiamo definire tra le forme del potere e del dominio e la forma materiale dello spazio? È lo spazio a produrre dominio, attraverso misure di separazione, controllo e coercizione, oppure è il dominio a forgiare lo spazio a sua immagine, manipolando i meccanismi di rappresentazione, identità e memoria collettiva? Dobbiamo riconoscere i caratteri di un dispositivo che produce effetti sui corpi, oppure dobbiamo decrittare i valori che danno identità ai luoghi? Quali sono le forme di resistenza e azione più adeguate: si tratta di disinnescare una macchina, oppure di rompere uno specchio? Le due possibilità, appunto, non si escludono ma si completano. In alcuni articoli emerge l’ipotesi secondo cui è lo spazio materiale a dare corpo al dominio e alla segregazione – come nel caso di Gray e Lin, che descrivono «spazi razzializzati (racialized spaces) […] ingegnerizzati secondo uno zoning razziale e atti restrittivi». Mentre in altri testi prevale decisamente l’idea che il dominio generi e orienti i valori traducendoli nello spazio – tanto che per Parisi, ad esempio, è necessario «svelare come l’architettura contribuisce alla produzione di soggettività di genere, razziale, sessuale».
La seconda coppia del nostro schema riguarda la dimensione programmatica degli articoli, che a seconda dei casi costruiscono argomenti orientati verso una proposta di azione e di progetto, oppure enunciano un discorso di natura critica, se non di vera e propria denuncia. Qui si pone un problema di ambivalenza, che in alcuni testi resta insoluto: dato un certo luogo, lo si può considerare sia come matrice spaziale di una situazione (negativa) che andrebbe modificata o eradicata, sia come configurazione peculiare (positiva) di un’identità o di una memoria da difendere. Così per esempio (ma non è l’unico caso) Rondot e Sanchez descrivono Borgo Mezzanone tanto come un inferno di schiavitù, quanto come un luogo di vitalità e urbanità inaspettate. Nell’oscillazione di questa ambivalenza, tra ciò che deve essere difeso e ciò che andrebbe sovvertito, si delineano discorsi critici di rivendicazione e denuncia, da un lato, e proposte pragmatiche di intervento e resistenza, dall’altro.

9In sintesi, l’asse orizzontale rappresenta la dimensione programmatica, tra il polo delle proposte più orientate all’azione (di resistenza o di trasformazione) e il polo che inclina verso un discorso di natura critica (di denuncia o di rivendicazione). L’asse verticale invece tenta di misurare le posizioni, più o meno esplicite, che i vari autori esprimono a proposito dei rapporti tra spazio materiale e le molte forme del dominio: rapporti reciproci e simmetrici, o di determinazione prevalente, di un termine sull’altro a seconda dei casi illustrati. Così, verso l’alto, si indica la prevalenza della macchina spaziale che produce dominio direttamente sui corpi, mentre verso il basso si colloca la prevalenza del sistema dominante che riflette i propri valori e rappresentazioni nello spazio, come in uno specchio.

10Gray e Lin considerano lo spazio urbano come un vettore di valori politici, in due sensi. Da un lato, «i significati di razza e identità danno forma al nostro ambiente costruito», dall’altro l’ambiente costruito «politicizza gli individui al proprio interno». Tale spazio urbano è considerato tanto sul piano del suo potere identitario, di natura simbolica, quanto su quello materiale, di natura escludente e segregazionista. Lo scopo del Community First Toolkit messo a punto con la Harvard Design School è di rendere il progetto una «pratica umana generalizzabile», capace di «allineare architetti, urbanisti e designers con le lotte per l’equità razziale», sia in termini simbolici che materiali. Anche se, alla fine, la dimensione delle rappresentazioni collettive e delle rivendicazioni sembra prevalere nella pratica del design futuring, orientata a «canalizzare l’immaginazione progettuale verso futuri giusti e riparatori». Il campo del simbolico sarebbe dunque la chiave complementare dell’azione, dal momento che, come scrivono gli autori, representation is a privilege, and representation is power. Contin e Galiulo ricapitolano una ricerca sulle “Cartografie Metropolitane” in America Latina. In questo caso il presupposto cruciale sono gli otros saberes, le intelligenze e le competenze locali che rischiano di essere cancellate da uno sviluppo metropolitano di tipo colonialista ed estrattivista. La ricerca si propone di «rappresentare i valori dei territori contesi», e si muove su un piano che include programmaticamente la dimensione dei valori e degli affetti. Rondot e Sanchez indagano il caso di Borgo Mezzanone, un territorio “estremo”, un segmento di città sub-sahariana che occupa il territorio italiano, nel cuore della campagna della provincia di Foggia. Attraverso fotografie ed elaborazioni cartografiche, gli autori denunciano le condizioni di fragilità e disuguaglianza di quei luoghi, dipendenti da logiche estrattive e dinamiche di sfruttamento. L’esplorazione delle forme del territorio restituisce il carattere ambivalente dello spazio, sia come dispositivo di segregazione, controllo e coercizione, sia come strumento di resistenza e diversità. Taviani indaga la dimensione urbana della “blackness” – “urban racialization” – e la sua materializzazione nei luoghi e nelle architetture, attraverso strumenti di visualizzazione digitali per provare a fare luce sulla complessità delle relazioni tra race e i luoghi nella Black Lisbon. La razzializzazione si manifesta attraverso l’omissione di elementi spaziali, riconoscibili mediante fenomeni di esclusione e marginalizzazione, a cui si oppone, resistendo, il presidio concreto dei luoghi da parte delle persone che materialmente li abitano. Le pratiche spaziali, come l’agricoltura informale suburbana, limitano le conseguenze dei ricollocamenti in aree sempre più marginali: «Sono il frutto delle resistenze quotidiane e del sostegno economico essenziale per alcune famiglie. Sono anche il fulcro di vecchie amicizie». Balzan esplora paradossi e ambiguità nell’esperienza tardo coloniale portoghese in Africa. Basandosi su un’indagine storica per casi studio, problematizza le nozioni di razza e classe attraverso la prospettiva dell’intersezionalità. La produzione dello spazio viene riletta alla luce della «molteplicità di attori sociali e istanze ideologiche implicate in nozioni di razza e di classe che si co-determinano». Superando la categoria statica di razza sono approfonditi quegli «altri protagonisti della colonizzazione, iniziatori di spazi altri che difficilmente trovano una facile collocazione nella logica strettamente oppositiva tra colonizzatori e colonizzati, bianchi e neri». Lo spazio fisico architettonico-urbanistico viene quindi riletto come traduzione della «coscienza di classe e di razza per capire le condizioni in cui esse si sviluppano e in che modo si intrecciano». Infine, Parisi propone di leggere criticamente le relazioni tra gender, sessualità e spazio architettonico. Il discorso si fonda essenzialmente sul piano delle rappresentazioni: «la realtà ha dimostrato che le convenzioni apparentemente innocenti dell’architettura operano segretamente all’interno di un sistema di relazioni di potere per trasmettere valori sociali». Di conseguenza la dimensione progettuale si orienta verso interventi di natura essenzialmente performativa e culturale.

Quattro forme di impotenza

  • 7 Un esempio costruito in questo senso è la storia del monumento eretto nel 1936 ad Addis Abeba in E (...)

11Concludiamo con un bilancio che è un proposito per il futuro. La distribuzione degli articoli nel nostro diagramma è sbilanciata verso i discorsi di natura critica, ma anche verso un’attenzione per quelle forme di dominio che si manifestano attraverso il monopolio delle rappresentazioni e delle connotazioni significanti dei luoghi. Restano sullo sfondo le proposte di trasformazione dello spazio orientate a intercettare la dimensione materiale di tale dominio. I testi pubblicati sono un contributo, limitato rispetto all’enorme possibilità di esplorazione, per andare oltre le narrative collettive dominanti, aiutandoci a vedere e a decrittare manifestazioni spaziali e pratiche in esse stratificate, nascoste, e sovrapposte. Imparare a dare voce e rilevanza a questi saperi che emergono da altre prospettive, perché trovino espressione e prendano parola come peculiari modi di esistenza e di verità nelle arene che compongono lo spazio del vivere comune, è una sfida imprescindibile7. Allo stesso tempo, rispetto alla dimensione materiale del problema posto in questo numero di “Ardeth” e alle possibilità di azione che la ricerca architettonica e la rivista potrebbero sviluppare per trasformare efficacemente il mondo, lo spettro dell’impotenza non sembra essere affatto svanito.

12Ciascun quadrante del diagramma rappresenta, da un lato, un aspetto potenzialmente rilevante del tema Race, a cui il progetto potrebbe tentare di rispondere. Ma allo stesso tempo i quadranti manifestano, sulla linea di fuga della loro diagonale, una peculiare forma di impotenza, che è anche un rischio di radicalizzazione. Potremmo persino nominare quattro tipi di impotenza, in cui il progetto architettonico, e le sue teorie, rischiano di cadere: il determinismo critico, il moralismo, l’azione effimera e l’antagonismo.

  • 8 L’esempio di L. Winner citato in precedenza ne è, per certi versi, un esempio.
  • 9 Nel senso in cui Latour definisce l’atteggiamento dei “moralisti”: «Sarà sempre forte la tentazion (...)

13Allontanandoci dagli articoli effettivamente presenti e osservando il piano e i suoi assi, procedendo in senso orario, potremmo dire che il primo quadrante (in alto a destra) ci consente di vedere il modo in cui le condizioni di dominio si materializzano nello spazio, creando effetti di separazione, favorendo la sorveglianza, le discriminazioni e le esclusioni rispetto alle risorse, alla qualità ambientale, ecc. Ma la radicalizzazione di questo atteggiamento produce forme di determinismo critico, che finiscono per imputare alle configurazioni spaziali effetti che probabilmente emergono da un complesso molto più intricato di fattori8 Il secondo quadrante (in basso a destra) è il campo in cui si articolano le analisi critiche che sono capaci di demistificare quegli assetti di valori, memorie, implicazioni dichiarate come naturali o storicamente determinate, di cui lo spazio abitato è intriso. La semiosfera urbana è un campo di battaglia che richiede continue operazioni di decostruzione. D’altra parte, nel momento in cui la dimensione significante dello spazio viene assunta nella sua autonomia, si rischia di sopravvalutare la capacità di incidenza del discorso critico sullo spazio costruito, cadendo in forme di nuovo idealismo e moralismo9 Il terzo quadrante (in basso a sinistra) consente di mettere a fuoco il potenziale che i luoghi offrono per operazioni concrete di risemantizzazione critica della semiosfera. Ma, al suo estremo, può tradursi in un programma di azioni esclusivamente performative che puntano ad agire sui valori e i simboli con effetti inevitabilmente effimeri, perché non riescono a modificare stabilmente il palinsesto materiale della città. Infine il quarto quadrante (in alto a sinistra), considerando l’azione e la dimensione materiale del dominio, può efficacemente puntare a mettere in crisi proprio le infrastrutture e il loro potere sociotecnico, in cui si annidano in modo latente le condizioni di segregazione, controllo ed estrazione del valore. Eppure, anche in questo caso, la pretesa di trasformare questo assetto materiale in modo immediato, senza riconoscerne la consistenza istituzionale, giuridica e anche simbolica, può condurre verso forme di antagonismo che pretendono di imporsi sullo spazio senza mediazioni, rifiutando di sottoporsi al contorto gioco delle procedure e delle norme – e finendo per restare marginali, o abusive.

14La sfida che si apre, di fronte a ciò che Race ci pone come orizzonte necessario, è di essere coscienti di queste forme di impotenza. La ricerca sul progetto può mettere in atto delle strategie che rendano complementari il discorso critico e gli interventi concreti, passando circolarmente dalla forma dello spazio fisico alle implicazioni molteplici dei suoi significati, vincoli, memorie e connotazioni identitarie. Progettare è come transitare da un punto all’altro del campo che abbiamo disegnato, attraverso il suo centro, per aumentare l’efficacia dei progetti di architettura in seno a queste tensioni.

15Chiudere il bilancio del numero con un proposito per il futuro ci suggerisce di presentare il numero come un risultato aperto. Riteniamo che ripubblicare integralmente la call for papers, in luogo del consueto editoriale a cura del guest editor, possa mettere in prospettiva i contributi raccolti e rilanciare i temi ancora scoperti a molti mesi di distanza e in un contesto profondamente mutato rispetto all’epoca della sua concezione (Autunno 2020). Ci auguriamo di ricevere ulteriori ragionamenti di cui rendere conto nei prossimi numeri.

Top of page

Bibliography

Chun, W. H. K. (2009), Race and/as Technology; or, How to Do Things to Race, “Camera Obscura”, vol. 24, n. 1 (70), pp. 7–35.

Decolonizing Architecture Art Research (2019), Decolonizing Architecture: The Afterlife of Colonial Fascist Architecture in Ethiopia and Eritrea [Online]. Available at:
https://vimeo.com/326467288 [Accessed: 18 July 2022].

Garutti, F., Mihandoust, S. (2014), Misleading Innocence (Tracing what a Bridge Can Do) [Online]. Available at: https://youtu.be/0u6zYcci_5w [Accessed: 18 July 2022].

Ghebremariam Tesfaù, M., Picker, G. (2021), The Italian Postracial Archive, “Ethnic and Racial Studies”, vol. 44, n. 2, pp. 195-214.

Horkheimer, M., Adorno, Th. W. (2002 [1947]), Dialectic of Enlightenment, Stanford, Stanford University Press [it. ed. (2010 [1947]), Dialettica dell’illuminismo, Torino, Einaudi].

La Cecla, F. (2012), Against Architecture, Oakland, PM Press [it. ed. (2008), Contro l’architettura, Torino, Bollati Boringhieri].

Latour, B. (2004), Politics of Nature. How to Bring the Sciences into Democracy, Cambridge (MA) - London, Harvard University Press [it. ed. (2000), Politiche della natura. Per una democrazia delle scienze, Milano, Raffaello Cortina].

Lentin, A. (2008), Europe and the Silence about Race, “European Journal of Social Theory”, vol. 11, n. 4, pp. 487–503.

Lentin, A. (2020), Why Race Still Matters, Cambridge, Polity.

Montis, S. (2021), Nota della traduttrice, R. Eddo-Lodge, “Perché non parlo più di razzismo con le persone bianche”, Roma, Edizioni e/o [or. (2017) “Why I’m no Longer Talking to White People about Race”].

MoMa (2021), Reconstructions. Architecture and Blackness in America. Available at: https://www.moma.org/calendar/exhibitions/5219 [Accessed: 18 July 2022].
MoMa (2022), The Project of Independence. Architectures of Decolonization in South Asia, 1947–1985. Available at: https://www.moma.org/calendar/exhibitions/5439 [Accessed: 18 July 2022].
Serpentine Galleries (2021), Serpentine Pavilion 2021 Designed by Sumayya Vally, Counterspace. Available at: https://www.serpentinegalleries.org/whats-on/serpentine-pavilion-2021-designed-by-counterspace/ [Accessed: 18 July 2022].
Uyangoda, N., Fernando, N., Mancuso, M. C. (2021), Sulla razza [Online]. Available at:

https://www.sullarazza.it/

[Accessed: 18 July 2022].

Winner, L. (1980), Do Artifacts Have Politics?, “Daedalus”, vol. 109, n. 1.

Top of page

Notes

1 La traduzione in lingua italiana delle citazioni tratte dai saggi pubblicati in inglese è a cura degli autori.

2 Usiamo questa parola in un senso molto ampio, che presuppone un riferimento alla nozione di dominio così come si è consolidata nella teoria critica, a partire almeno da testi seminali quali la Dialettica dell’illuminismo (Horkheimer, Adorno, 2010).

3 Il documentario riprende il celebre articolo di Langdon Winner, Do Artifacts Have Politics? (Winner, 1980), che imputava a Robert Moses di aver fatto costruire appositamente i ponti sulle parkways per Long Island a un’altezza tale da non consentire il transito ai bus, quasi esclusivamente utilizzati dalla popolazione afroamericana. Ringraziamo Albena Yaneva per averlo discusso con alcuni di noi qualche anno fa.

4 È ciò che osservano Stephen Gray e Anne Lin nel loro pezzo: “we aim to reorient planning and design away from a do-no-harm approach, with a neutrality that only serves to perpetuate legacies of racism, and towards one of explicit anti-subordination”.

5 Vedi, ad esempio, la polemica di Franco La Cecla in Contro l’architettura, nei confronti del progetto di Renzo Piano per il Campus della Columbia University ad Harlem (La Cecla, 2008).

6 Dilemmi che ne ricordano un altro, affrontato sul quarto numero di “Ardeth”, Rights, a proposito del rapporto tra norma e forma.

7 Un esempio costruito in questo senso è la storia del monumento eretto nel 1936 ad Addis Abeba in Etiopia per celebrare i 14 anni del partito fascista: una scala elicoidale di 14 gradini che Hailé Selassié decise di non demolire ma di risignificare ponendovi in cima il Lion of Judah (Decolonizing Architecture Art Research, 2019).

8 L’esempio di L. Winner citato in precedenza ne è, per certi versi, un esempio.

9 Nel senso in cui Latour definisce l’atteggiamento dei “moralisti”: «Sarà sempre forte la tentazione di includere nel mondo dei fatti uno dei valori che si desidera promuovere. A forza di piccole spinte, la realtà di ciò che è si caricherà a poco a poco di tutto ciò che si vorrebbe veder esistere» (Latour, 2000: 111).

Top of page

List of illustrations

Title Race Map
URL http://journals.openedition.org/ardeth/docannexe/image/2601/img-1.jpg
File image/jpeg, 257k
Top of page

References

Bibliographical reference

The Editorial Board of “Ardeth”, “Spazio del dominio o dominio dello spazio?”Ardeth, 9 | 2021, 13-21.

Electronic reference

The Editorial Board of “Ardeth”, “Spazio del dominio o dominio dello spazio?”Ardeth [Online], 9 | 2021, Online since 01 December 2022, connection on 26 May 2024. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/2601

Top of page

About the author

The Editorial Board of “Ardeth”

redazione [at] ardeth [dot] eu

By this author

Top of page

Copyright

CC-BY-NC-ND-4.0

The text only may be used under licence CC BY-NC-ND 4.0. All other elements (illustrations, imported files) are “All rights reserved”, unless otherwise stated.

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search