Skip to navigation – Site map

HomeNuméros5L’altra innovazione

L’altra innovazione

The Editorial Board of “Ardeth”
The Innovation of the Other
Francesca Frassoldati, Alessandro Armando, Daniele Campobenedetto, Valeria Federighi, Caterina Barioglio and Federico Cesareo
p. 10-14
Translation(s):
The Innovation of the Other [en]

Editor's notes

DOI: 10.17454/ARDETH05.01

Full text

Mappa L'altra innovazione

Mappa L'altra innovazione

1Per definire una possibilità concreta di innovazione, in qualsiasi direzione la si intenda, è necessario poter concepire una forma di progresso che procede nel tempo. Vale a dire che ogni discorso che ammette o promette un processo di innovazione implica due condizioni: la prima è che nel futuro possa o debba accadere qualcosa di “meglio” di ciò che c’è nel presente; la seconda è che questo miglioramento (crescita, evoluzione, emancipazione…) sia in qualche misura permanente. L’innovazione può essere un carattere totalizzante, come avveniva nella fenomenologia dello Spirito di Hegel (e nelle filosofie della storia che ne sono seguite) ma anche nell’evoluzionismo darwiniano originario; oppure può riferirsi, più laicamente, a fenomeni contingenti: come avviene ancora oggi con l’ottimismo tecnologico che ci fa credere che l’IT, la meccatronica o l’intelligenza artificiale siano processi intrinsecamente ottimizzanti. In questi casi l’ottimismo ci fa aver fiducia nell’ottimalità futura della performance in un ambito particolare, senza necessariamente persuaderci della traiettoria redentiva della storia nel suo complesso.

2Forse è proprio la dimensione sociotecnica del mondo in cui viviamo che presenta le caratteristiche di innovazione più evidenti, se non persino innegabili in termini oggettivi. E tuttavia, se per un verso accettiamo facilmente che scienza e tecnica siano portatrici di innovazioni certe, d’altra parte non riusciamo a confinarle in un ambito distinto dalla nostra vita ed esperienza quotidiana. Bruno Latour ha illustrato bene questo macrofenomeno, facendo notare come la scienza e la tecnologia abbiano esteso e densificato i loro legami con quella parte di realtà che eravamo abituati a considerare come “esterna” ai laboratori e alle loro sperimentazioni: non solo “il laboratorio ha allargato i suoi confini a tutto il pianeta”, ma per di più “gli esperimenti sono condotti a scala reale e in tempo reale”, creando una saldatura tra esperienza e sperimentazione (Latour, 2006). Non possiamo più considerare l’innovazione come un fenomeno separato dall’esistenza ordinaria. Se seguiamo la definizione di Latour, questo enorme movimento ci porta di nuovo a una descrizione globale della realtà in cui viviamo, che implica necessariamente una filosofia della storia; nel caso specifico, una sorta di legge di espansione irreversibile dei legami sociotecnici. Ma con una differenza importante rispetto alle versioni precedenti: l’allargamento del laboratorio (o del “collettivo”) non è necessariamente diretto verso un optimum, perché non esiste una prospettiva certa da cui giudicare il “bene” e il “meglio” del cambiamento. L’innovazione diviene allora un carattere di mutamento, non sempre migliorativo, né chiaramente riconducibile a una intenzione individuale. Un mutamento che può assumere i contorni di un’esplicitazione, di un’emersione o di un’apparizione, a seconda che si consideri il novum come un fenomeno latente, nascosto, o come qualcosa che si aggiunge alla realtà precedente.

3In termini globali, l’innovazione potrebbe dunque essere una funzione del divenire, una catena di eventi e di sperimentazioni che modificano l’orizzonte comune dell’esperienza. In termini particolari, essa invece andrebbe ricondotta all’invenzione, come atto individuale o collettivo, volto a scoprire (o creare) qualcosa di nuovo. E qui giungiamo a un secondo nodo: l’innovazione è un disvelamento o una produzione? Come ci ricorda Jacques Derrida (2008: 45), “[a partire dal] XVII secolo, forse tra Descartes e Leibniz, non si parlerà pressoché più di invenzione come scoperta svelante di ciò che si trova già lì (esistenza o verità), ma sempre di più come scoperta produttiva di un dispositivo che si può chiamare tecnico in senso lato, tecno-scientifico o tecno-poetico” Ovvero inventare significa ormai, per lo più, produrre qualcosa di nuovo. Tale “scoperta produttiva” avrebbe a che fare con l’esigenza diffusa e permanente di accumulazione e di crescita: “ovunque il progetto di conoscenza e di ricerca è anzitutto una programmatica delle invenzioni” (p. 42). L’invenzione (come atto costitutivo di un processo di innovazione) sarebbe inserita in un sistema che richiede produttività, efficienza, affidabilità. In altre parole, Derrida ci ricorda l’ineludibile imperativo economico-politico che detta il passo a “tutte le istituzioni, private o pubbliche, capitaliste o non capitaliste, che si proclamano macchine per produrre e orientare l’invenzione”. E ci pone una domanda radicale: “un’invenzione programmata è ancora un’invenzione?”. Perché in fondo, se abbiamo programmato un’invenzione significa che l’abbiamo già prevista (e di conseguenza che invenzione sarebbe?).

4La serie di ambiguità che abbiamo toccato (ottimizzazione, intenzionalità, produttività, programmabilità) per delimitare le definizioni dell’innovazione può essere integralmente trasferita all’epistemologia del progetto architettonico. Anche per gli architetti esiste il problema di definire la consistenza delle proprie innovazioni (sono oggetti, sistemi o processi?), e di fare programmi per l’innovazione e la ricerca (come prevedere un effetto collaterale o un’eccezione?)

5Per rendere più chiaro lo spettro di possibilità di innovazione che attraversano il campo del progetto possiamo farci aiutare dalle considerazioni di Latour e di Derrida. Il primo ci aiuta a misurare la separatezza che distingue la sperimentazione dei laboratori chiusi, dove lavorano i “camici bianchi”, dal mondo esterno, in cui la scienza certa viene dibattuta in modo incerto: una condizione che, nel mondo contemporaneo, non è più affatto garantita – né per gli scienziati né tantomeno per gli architetti.

6Il secondo ci aiuta a vedere la programmabilità dell’innovazione, ovvero la differenza che possiamo cogliere tra un’invenzione che conferma un percorso pianificato, o almeno orientato verso un obiettivo posto a priori, e un’invenzione che emerge imprevedibilmente, come effetto collaterale o ex-aptation di una situazione contingente.

7Abbiamo così due assi, lungo i quali è possibile tentare di ordinare le molte accezioni attraverso cui delineiamo i processi di innovazione.

8L’asse verticale distribuisce il livello di separatezza tra luoghi dell’innovazione e spazio dell’esperienza: seguendo Latour, ogni innovazione dovrebbe ripercuotersi sul collettivo, e viceversa. Dunque l’innovazione sarebbe per lo più un fenomeno distribuito e correlato (entangled) con il resto della realtà, difficilmente isolabile in un singolo oggetto. D’altro canto, esistono forme di innovazione che si concentrano sulla produzione di entità puntuali, specialmente oggetti tecnici, che vengono testati e sviluppati in laboratori accuratamente separati dal mondo. In questi casi la misura dell’innovazione può essere efficacemente ricondotta all’oggetto. Fino a che punto possiamo però assimilare un’architettura a un oggetto tecnico sviluppato in vitro e ai suoi paradigmi di innovazione? Per esempio: l’innovazione dei componenti edilizi è una forma di innovazione del progetto architettonico?

9L’asse orizzontale ci consente invece di distinguere il grado di intenzionalità che attribuiamo a un processo innovativo. Derrida (2008: 58) ci dice che l’invenzione programmata è quella promossa dalle “politiche della scienza e della cultura”, inevitabilmente: “Nessuna sorpresa assoluta. Invenzione del medesimo, la chiamerei”. Il medesimo è ciò che è possibile, che dunque era già lì fin dall’inizio. Mentre l’invenzione libera sarebbe, al limite, l’invenzione dell’impossibile, ciò che non poteva essere previsto, invenzione dell’altro: “Inventare sarebbe perciò “saper” dire “vieni” e rispondere al “vieni” dell’altro. Avviene mai? Di tale evento non si è mai sicuri”. L’innovazione potrà dunque oscillare tra la prospettiva determinante di un’intenzione programmatica (invenzione del medesimo), e l’apertura all’evento incalcolabile, collaterale, persino impossibile (invenzione dell’altro).

10Ne emerge un piano cartesiano, dove si combinano quattro polarità, sui due assi della separatezza e dell’intenzionalità. La separatezza (asse verticale) si dispiega tra due poli: l’innovazione intesa come fenomeno distribuito (entanglement), oppure come processo che può investire un’entità isolata dentro un laboratorio chiuso (object). L’intenzionalità (asse orizzontale) oppone il polo dell’innovazione programmatica, che deve essere istituita e anticipata, al polo dell’innovazione collaterale, che emerge da condizioni inattese.

11I quattro piani così individuati ci restituiscono uno spettro possibile delle declinazioni dell’innovazione di progetto. Nel primo quadrante abbiamo considerato quelle proposte che intendono l’innovazione come un fenomeno programmabile, ma anche distribuito (entangled), e che dunque presuppongono la possibilità di istituire programmi di ricerca applicabili alla multidimensionalità di un sistema sociotecnico. In questi termini, Micol Rispoli sostiene la descrivibilità dei processi di innovazione da una prospettiva sociotecnica, come esperimenti collettivi a scala reale. Mentre, a partire da premesse simili, Marco Ferrari offre un esempio di applicazione attraverso una serie di mappe, immagini satellitari e modelli, che rivelano le varianze temporali e geografiche di un apparato all’apparenza pervasivo, ma in realtà delimitato da specifiche contingenze sociali, commerciali, e politiche.

12Il secondo quadrante include i contributi in cui l’innovazione si riferisce prevalentemente a oggetti brevettabili – e dunque anche inscrivibili in un programma. Gli autori trattano le innovazioni di progetto prevalentemente come oggetti tecnologici, in modo analogo a quanto avviene nella prospettiva dell’innovazione industriale – ovvero come invenzioni e trasformazioni che accadono in un ambiente controllato e separato dalle contingenze. Enrico Terrone ci introduce all’ontologia del progetto, tracciando una relazione di intenzionalità diretta fra l’azione del progettare e l’oggetto progettato: in questo quadro, la misura della distanza fra i due definisce la soglia fra progetto di architettura – rispondente a condizioni uniche e contingenti – e progetto di ingegneria – per sua definizione finalizzato alla riproducibilità dell’oggetto. Nei testi successivi, tre declinazioni di oggetto tecnico aiutano a sondare il rapporto fra progetto di architettura e oggetto progettato: l’intervista di Edoardo Bruno alla start-up XKool Technology descrive una piattaforma di intelligenza artificiale in grado di apprendere e rendere automatiche determinate fasi di progettazione, e Grazia Pota esplora le possibilità offerte dagli algoritmi di progettazione parametrica per definire retrospettivamente dei parametri replicabili, sulla base del noto progetto di Lacaton e Vassal per la Tour Bois le Prêtre. Infine, Valérie Portefaix e Laurent Gutierrez propongono un’installazione galleggiante che contribuisca a ripulire un angolo di oceano da reti da pesca inutilizzate, e che funzioni da collettore di narrative e tradizioni locali.

13Il terzo quadrante delimita quei testi in cui l’innovazione è riferita ancora prevalentemente a un’entità oggettuale, seppure non come esito di un programma, bensì di un effetto collaterale (ex-aptation), di un riuso o rifunzionalizzazione. Qui, Lydia Kallipoliti utilizza il metro dell’interferenza e della deviazione per scardinare l’apparentemente necessario determinismo del sapere progettuale, mentre Sebastiano Fabbrini guarda all’appropriazione della nuova tecnologia del fax nelle due sedi dello studio di Aldo Rossi come, al contempo, causa ed effetto di determinate scelte progettuali. In un’intervista parallela a tre studi di architettura emergenti, infine, Andrea Alberto Dutto definisce l’innovazione come perdita in un contesto di non-narrazione, nel quale il sapere disciplinare deve costantemente rinnovarsi e ridefinire i propri confini alla ricerca di una qualche rilevanza sociale, politica, tecnica.

14Nel quarto quadrante abbiamo infine collocato quei testi in cui l’innovazione veniva trattata come un effetto dislocato e sistemico, che emerge in condizioni difficilmente prevedibili o controllabili. Al limite, questa nozione di innovazione può arrivare anche a dissolversi in una forma di cambiamento latente, su cui il progetto può avere solo un’influenza indiretta e distante. Daniel Torrego Gómez e Miguel Mesa del Castillo Clavel raccontano un sistema distribuito di raccolta di rifiuti elettronici che si costituisce dal basso, per aggiustamenti successivi e contingenti e su scala incrementale. A partire da una simile concezione del progetto come esperimento su scala reale, Nerea Calvillo riflette sul potenziale performativo del progetto di architettura che si fa atmosfera e, al contempo, sulle condizioni di produzione – sociali, politiche e tecniche – di un’installazione dematerializzata. Ippolito Pestellini definisce l’avvento di una nuova tipologia architettonica-urbana, la cui pervasività e discrezione insieme la rendono un necessario punto di partenza per analizzare le traiettorie di convergenza e divergenza fra le discipline del progetto e le tensioni sociali e politiche del mondo digitale. Infine, Camilo Vladimir de Lima Amaral si posizione a cavallo dell’asse verticale, fra intenzionalità positiva e negativa, rileggendo il mito dell’architetto individuale e il ruolo delle narrazioni che, ex post e collettivamente, definiscono i confini all’interno dei quali l’innovazione e il ruolo politico della disciplina possono agire.

Top of page

Bibliography

Derrida, J. (2008), Psyché. Invenzioni dell’altro, vol. 1, Milano, Jaca Book.

Derrida, J. (2007) Psyche. Inventions of the Other, vol. 1, Stanford (CA), Stanford University Press.

Latour, B. (2006) Nessuna innovazione senza rappresentanza! Un parlamento delle cose per i nuovi esperimenti socioscientifici, in M. Bucchi (a cura di), Sapere, fare, potere. Verso un’innovazione responsabile, Fondazione Giannino Bassetti - Rubbettino, pp. 67-97.

Top of page

List of illustrations

Title Mappa L'altra innovazione
URL http://journals.openedition.org/ardeth/docannexe/image/295/img-1.jpg
File image/jpeg, 270k
Top of page

References

Bibliographical reference

Francesca Frassoldati, Alessandro Armando, Daniele Campobenedetto, Valeria Federighi, Caterina Barioglio and Federico Cesareo, “L’altra innovazione”Ardeth, 5 | 2019, 10-14.

Electronic reference

Francesca Frassoldati, Alessandro Armando, Daniele Campobenedetto, Valeria Federighi, Caterina Barioglio and Federico Cesareo, “L’altra innovazione”Ardeth [Online], 5 | 2019, Online since 01 May 2020, connection on 02 December 2021. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/295

Top of page

About the authors

Francesca Frassoldati

redazione[at] ardeth [dot] eu

By this author

Alessandro Armando

redazione[at] ardeth [dot] eu

By this author

Daniele Campobenedetto

redazione[at] ardeth [dot] eu

By this author

Valeria Federighi

redazione[at] ardeth [dot] eu

By this author

Caterina Barioglio

redazione[at] ardeth [dot] eu

By this author

Federico Cesareo

redazione[at] ardeth [dot] eu

By this author

Top of page

Copyright

CC BY-NC-ND 4.0

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search