Skip to navigation – Site map

HomeNuméros12Editorial

Editorial

Simona Chiodo
Translated by Sarah De Sanctis
p. 30-33
This article is a translation of:
Editorial [en]

Editor's notes

DOI: 10.17454/ARDETH12.02

Full text

“Think of words as instruments characterized by their use, and then think of the use of a hammer, the use of a chisel, the use of a square, of a glue pot, and of the glue.”
Ludwig Wittgenstein

Parole, artefatti ed esistenza umana

1L’esergo scelto per introdurre il numero 12 di “Ardeth” è del filosofo Ludwig Wittgenstein, che ci insegna che la ragione per la quale le parole sono essenziali per l’esistenza umana è che significano il loro uso – e parlare di uso significa parlare di azione, cioè del potere di cambiare lo status quo. Ludwig Wittgenstein riesce a farci immaginare il potere di cambiare lo status quo che hanno addirittura i martelli, gli scalpelli, le squadre e i barattoli di colla. E se passassimo dai barattoli di colla agli artefatti che costituiscono niente di meno che lo spazio dell’esistenza umana quotidiana, quale potere di cambiare lo status quo potremmo immaginare che abbiano? La risposta potrebbe spaventare qualsiasi progettista – la risposta è che il potere che un progettista ha di cambiare l’esistenza umana quotidiana è enorme. Attraverso le parole di Ernesto Nathan Rogers, potremmo dire che “sbagliare un progetto significherà condannare migliaia di uomini a dover sacrificare la propria vita nell’angustia di uno spazio inadatto” (Rogers, 1997: 52) all’esistenza umana. Allora, perché un liceale dovrebbe assumere il rischio citato, cioè perché dovrebbe scegliere di fare il progettista, e rischiare di “condannare migliaia di uomini a dover sacrificare la propria vita”?

2La risposta che il numero 12 di “Ardeth” prova a dare è che scegliere di fare il progettista significa non solo il potere di cambiare la qualità dell’esistenza umana in peggio, ma anche, e soprattutto, il potere di cambiare la qualità dell’esistenza umana in meglio – il progettista può addirittura facilitare l’evoluzione di un essere umano attraverso la messa in forma della sua evoluzione possibile (cosa che succede, ad esempio, quando la bellezza di una casa spinge il suo abitante ad avere più cura di sé, degli altri e delle cose attraverso la facilitazione, e addirittura l’evoluzione, della sua consapevolezza della differenza irriducibile che i dettagli accurati fanno).

Parole usate e parole abusate

3Ma, se torniamo all’esergo, impariamo che una delle condizioni di possibilità dello scenario positivo descritto è fare un uso altrettanto positivo delle parole, a partire dalle parole che dirigono il lavoro del progettista.

4Il nostro presente è caratterizzato da un’accelerazione estrema, che rischia di farci passare dal’uso pensato di parole che nominano la complessità al loro abuso, soprattutto quando l’accelerazione estrema porta all’introduzione di parole chiave che rischiano di ridurre la complessità dei significati alla loro banalizzazione attraverso slogan. L’uso positivo di una parola richiede tempo, che è sia il tempo necessario a riflettere sul suo significato sia il tempo necessario a sperimentare scenari possibili prima di passare dalla rimediabilità dell’immaginazione all’irrimediabilità del fatto. Ma il nostro presente ci spinge a una fretta ostile sia alla riflessione sia alla sperimentazione. Allora, le parole rischiano di non essere più le soste necessarie a comprendere la complessità degli usi che significano. Al contrario, rischiano di essere slogan consumati troppo in fretta, che sostituiscono la complessità con la superficialità – e le parole chiave sono ancora più a rischio, perché sono estratte per definizione dalla complessità dei loro contesti argomentativi (se ci sono).

Beautiful, sustainable e together: da slogan a significati da mettere in forma

5Il nostro presente propone al progettista europeo, attraverso il New European Bauhaus, le tre parole chiave seguenti: beautiful, sustainable e together – e la domanda alla quale il numero 12 di “Ardeth” prova a rispondere è come possiamo usare nel modo migliore possibile le tre parole chiave citate, e in particolare come possiamo non abusare delle soste che ci offrono per comprendere la complessità degli usi che significano prima di passare con troppa fretta dalle parole ai progetti e, in ultimo, dai progetti agli artefatti che costituiscono niente di meno che lo spazio dell’esistenza umana quotidiana.

6Ad esempio, che cosa significa, e in quali usi e forme dello spazio può essere tradotta, la parola beautiful, dopo due secoli di crisi della nozione di bellezza, nei quali abbiamo disimparato a riconoscere il suo valore essenziale? Come possiamo non svilire il suo significato alla vuotezza di forme autoreferenziali e narcisistiche, che sono incapaci di essere a servizio della qualità dell’esistenza umana, perché, al contrario, servono a esibire le firme dei loro progettisti, anche attraverso eccentricità ostili ai modi nei quali gli esseri umani agiscono nello spazio e nel tempo? E come possiamo riattivare la relazione fondativa di estetica ed etica, secondo la quale, se è vero che l’estetica di un artefatto che costituisce lo spazio dell’esistenza umana quotidiana è la messa in forma dell’identità umana sia spaziotemporale sia esistenziale, è anche vero che non può che essere in essenza etica, cioè a servizio dell’estrinsecazione, e addirittura dell’evoluzione, dell’identità umana?

7E che cosa significa, e in quali usi e forme dello spazio può essere tradotta, la parola sustainable, quando, nella gerarchia dei valori che dirigono le nostre decisioni e azioni, il profitto istantaneo precede la scommessa a vantaggio delle generazioni future, l’io precede il noi, e soprattutto il loro, e i nostri diritti precedono quelli degli altri? Come possiamo non tradire il significato della sostenibilità attraverso business occultato da greenwashing? E come possiamo passare da uno slogan a un’assunzione di responsabilità individuale, che significa, ad esempio, sapere che anche lo spazio è distribuito in modo iniquo tra gli esseri umani, e che va ridistribuito, insieme con il suo consumo?

8E, in ultimo, che cosa significa, e in quali usi e forme dello spazio può essere tradotta, la parola together, dopo millenni di ascesa dell’individualismo, a partire dalle culture occidentali? Come possiamo non abusare dell’idea di agire insieme per dissolvere, ancora, la responsabilità individuale? E come possiamo usare in modo positivo l’idea di condivisione dello spazio per una crescita esponenziale della sua presa in cura attraverso una crescita altrettanto esponenziale del numero degli esseri umani che abitano lo spazio pubblico con la cura con la quale abitano lo spazio privato?

Incertezza, coraggio e ricerca

9Il lavoro del progettista, che è in essenza etico per le ragioni descritte, richiede, nel nostro presente, un coraggio inedito: il coraggio di affrontare un’incertezza severa, che significa che una realtà caratterizzata in modo inedito da otto miliardi di esseri umani, globalizzata e attraversata da cambiamento climatico, pandemia, guerra è imprevedibile – e che cosa può essere più sfidante per il progettista, che lavora per definizione al futuro, dell’imprevedibilità ai suoi massimi storici? Ma imprevedibilità maggiore significa anche possibilità maggiore: se è vero che il progettista del nostro presente deve avere un coraggio inedito, è anche vero che può accedere a più possibilità, che sono altrettanto imprevedibili, delle quali fare esperienza, e attraverso le quali imparare di più e riprogettare in modo più promettente la messa in forma della nostra esistenza quotidiana.

10In ultimo, l’incertezza imprevedibile offre anche un’altra occasione da non perdere: l’occasione di esplorare con una spinta inedita che cosa significa fare ricerca progettuale. Quando le domande poste da una realtà cangiante non trovano risposte sufficienti nella storia, la ricerca progettuale non è un’opzione, ma un bisogno urgente – e il bisogno urgente è per definizione uno dei moventi più potenti dell’ingegno umano, dal coraggio di immaginare al coraggio di mettere in forma.

Top of page

Bibliography

Rogers, E. N. (1997), Esperienza dell’architettura, Milano, Skira.

Wittgenstein, L. (1958, published posthumously), The Blue and Brown Notebooks, New York, Harper and Row.

Top of page

References

Bibliographical reference

Simona Chiodo, “Editorial”Ardeth, 12 | 2023, 30-33.

Electronic reference

Simona Chiodo, “Editorial”Ardeth [Online], 12 | 2023, Online since 01 March 2024, connection on 18 June 2024. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/3647

Top of page

About the author

Simona Chiodo

Politecnico di Milano, Dipartimento di Architettura e Studi Urbani - simona [dot] chiodo [at] polimi [dot] it

Top of page

Copyright

CC-BY-NC-ND-4.0

The text only may be used under licence CC BY-NC-ND 4.0. All other elements (illustrations, imported files) are “All rights reserved”, unless otherwise stated.

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search