Skip to navigation – Site map

HomeNuméros4Editoriale. Il cruccio di un diri...

Editoriale. Il cruccio di un diritto ordinario: rappresentanza contro cittadinanza?

Carlo Olmo
p. 21-28
Translation(s):
Editorial. The Ordinary Right Conundrum: Representativeness VS Citizenship? [en]

Editor's notes

DOI: 10.17454/ARDETH04.02

Full text

L’autorità come risposta alla complessità

1Il diritto è forse la prima vittima dei processi sociali e culturali che hanno attraversato e attraversano la società contemporanea. In questo numero, Marco Dugato restituisce con ironia la parabola della semplificazione legislativa che, invece di una conclusione salvifica,mette in evidenza la crisi di una teoria della complessità ormai divenuta un karma invocato da filosofi, sociologici, biologici, e persino ingegneri. Le risposte tentate a quella crisi non coinvolgono in realtà solo il diritto, ma anche il governo dei processi, che sono troppo spesso ridotti all’ingegneria istituzionale che li attraversa, e una visione elementare dell’innovazione, sia essa intesa come trasferimento tecnologico o di competenze. Muovendo da ipotesi in parte conflittuali, i due saggi di Marco Cremaschi e Cristina Bianchetti aggiungono altre parole a questo lemmario della crisi del diritto un legame inscindibile con una minima teoresi sullo spazio. I due saggi tracciano una direzione in cui la discussione sui diritti svela l’incapacità di ritrovare un senso a cosa sia pubblico, con il rischio di creare nuove mitologie sociali, in alcuni casi figlie di un personalismo che non va oltre Bergson, Maritain e le rielaborazioni comunitarie che ne derivarono in Europa soprattutto, pur di uscire dalle ideologie neoliberiste. C’è però spazio anche per la difficoltà a non cadere in un multiculturalismo pigro, sospeso tra forme di negazionismo degli écart che esistono tra culture (Jullien, 2016) e la radicalizzazioni dei tradimenti che portano a rendere troppo elastico il rapporto tra diritti, individui e terra (Supiot, 2015). Processi tutti che sembrano invocare il ricorso all’autorità, persino quella del progetto e del progettista: e non solo nella retorica, tutt’altro che tramontata, delle archistar. Il richiamo all’autorità sembra trovare un sostanziale sostegno in un altro processo sociale, che sacrifica l’aristotelica sostanza in favore di garanzie formali che minano lo stesso concetto di diritto.

2In medicina, il concetto di cura dei malati è stato sostituito dall’attenzione ai codici di condotta; in modo simile, anche le scienze sociali sono vittime del paradigma del protocollo. Questo slittamento fa cessare di esistere la pratica per ingegneri, architetti, avvocati o scienziati sociali. Queste professioni sono sempre più scollegate dalla fabbrica, dal cantiere, dal laboratorio, o dalla società. Le loro pratiche, e di riflesso le relative etiche, vengono rimpiazzate da norme cui conformarsi. I possibili esiti li tracciano, su un caso tanto specifico quanto interessante, Juan Guevara e Rob Shields che studiano la stratificazione spaziale a Bogotà e le sue regole scritte e informali.

3Sia Cristina Bianchetti che Guevara e Shields, nei loro saggi, parlano di azioni che quasi materializzano la pluralità dei diritti. Proprio ripensando a cosa il progetto mette in luce, forse oggi il nodo è il conflitto tra procedura (anche intesa come un garantismo cercato al di fuori della materia in discussione) e capacità di orientare le azioni a uno scopo – anche solo uno scopo dichiarato, se non sempre migliorativo. Carceri e manicomi, lungi dall’essere machines, oggi sono l’espressione più radicale di una vittoria della procedura sulla cura nell’accezione da tanti derivata dalle pagine di Foucault, dell’autorità sulla capacità di suggerire soluzioni, di ragionare su scenari, di aiutare il cittadino (attraverso la capacità prefigurativa che ha il progetto) a esercitare il diritto suo fondamentale: quello di scegliere e non di ubbidire (De Magistris, Scotti, 2018).

4Si può, come fa Cremaschi nel suo saggio, parlare di Tracing rights on the ground, ovvero del modo in cui si è tentato a Parigi di distinguere diritti e terra (andando ben oltre la distinzione tra proprietà e superficie). Ci si trova, comunque, davanti a evocazioni che generano quadri di riferimento che funzionano solo nella rispettiva dimensione, dimenticando persino come Aristotele abbia inventato, non a caso ne La politica, l’Ippodamo legislatore, e il rapporto essenziale tra diritto e limiti entro i quali quel diritto può garantire un esercizio della cittadinanza. La misura non vale solo per l’isolato o la civitas, vale anche per le strutture che governano chi elabora procedure, chi definisce confini e chi formula vincoli. Prima della decisione, il problema è il rapporto che si vuole instaurare tra progetto e regole, tra diritto e limiti.

5Un’utile esemplificazione di un simile modo di lavorare può essere fatta su un’altra parola chiave, e di gran moda, che lega oggi progetto e diritto: “bene comune” (Grossi, 2017). Di “comune” in realtà si è persa persino la radice. Comune è termine latino composto da com e munus. Com è “insieme”, munus è “dono”. Ripercorrendo il diritto latino, e soprattutto i codici giustinianei, esiste bene comune dove c’è reciprocità e l’aspetto fondamentale del dono rimane la gratuità (Bruni, 2010). Reciprocità e gratuità sono stati peraltro alla base delle politiche pubbliche a partire dagli anni ottanta dell’Ottocento, quando alcuni beni sono divenuti non negoziabili perché pubblici, come l’igiene.

6Oggi però esistono beni che possono essere considerati comuni? Pochi mesi fa, ragionando sull’identità, François Jullien ne ha tentato una diversa definizione, fondata sulla sua ampia elaborazione di un’altra parola chiave: écart. Un drammatico esempio di scarto si è prodotto, nella recente legislazione italiana, sui beni demaniali trasferibili ai Comuni. Con un’assurda teorizzazione, si è arrivati a suggerire che il bene possa essere acquisito dalle amministrazioni pubbliche solo in presenza di un progetto di valorizzazione. Questo significa che un bene comune può diventare tale solo se la sua natura viene alterata, al punto che a determinarne la proprietà è il processo che trasforma in interesse economico il diritto di appartenenza ad una comunità. Su questa strada il relativismo giuridico di Carl Schmitt sarà presto un sogno progressista (Schmitt, 2008).

7Nel numero Daniele Campobenedetto e Matteo Robiglio tentano la strada del masterplan come strumento insieme cognitivo e propositivo per ricondurre a bene comune una stratificazione più che secolare di diritti. Ma entrambe le strade aprono un conflitto tra valorizzazione e progetto: il progetto non può essere assimilabile al valore aggiunto, ma neanche alla scorciatoia che ribalta rapporti di forza consolidati da tempo e tiene insieme retorica (quasi sempre del miglioramento) e prova (dell’utilità dell’azione) (Ginzburg, 2014). Scrive Dugato: “Nel suggerire le regole al legislatore, l’architetto ricordi di pensare all’utilità collettiva e sogni il futuro”. Se così non capiterà il vallo tra neoliberismo e architettura, tra una concezione autoritativa del diritto e la dimensione presuntiva del progetto si farà ancor più incolmabile.

8In realtà la prima alleanza tra diritto e architettura che si potrebbe fare sarebbe contro quelle omologazioni che sono solo il riflesso culturale di un internazionalismo delle tecnocrazie, in nessun altro luogo evidenti oggi come nelle grandi architetture, dove sono le società di ingegneria a costruire un edificio e l’architetto archistar a fornirne le retoriche ancor più che l’immagine (Olmo, 2010). Dentro una cultura e società che vivono di copie e omologazioni (Augé, 1997), lo spazio del progetto si azzera e l’architettura viene ad assumere il valore esclusivo della spettacolarizzazione delle ideologie.

9Che si voglia considerare il diritto di cittadinanza o la città dei diritti, non li si potranno mai né concettualizzare né una praticare senza affrontare la complessità, partendo dal riconoscimento di gerarchie e diversità. Ma c’è, forse, ancora un passaggio da compiere prima di arrivarci.

Teoria, competenza e rappresentanza

10Può apparire facile costruire le regole della progettazione sulla più moderna tradizione della qualità della partecipazione (De Léon, 2017), se si guarda a un mondo accademico in cui si è approfondita la separazione tra cosa sia progetto e cosa sia architettura e dove si tende a ridiscutere la competenza non muovendo dal “cantiere”, ma dalla sua capacità di “associare le istanze” coinvolte nel processo di trasformazione dello spazio (Durbiano, 2018). In realtà una teoria del valore che si fondi solo sugli effetti prodotti dal progetto apre una serie di questioni tutt’altro che secondarie, che questo numero di Ardeth esplicita quasi con crudeltà, anche nella difficoltà di aggiornarsi disciplinarmente rispetto a maestri come Foucault e Lacan.

11Si potrebbe, ad esempio, citare la quesitone della salvaguardia della competenza dal dover essere (lo specchio di una teoria critica o estetica), rischiando di ricondurla a teorie del valore che entrano in conflitto con l’impossibilità del diritto di veicolare utilità particolari. Non solo si rischia la riproposizione di una tirannia dell’utilità, che ha condizionato tutta la stagione più normativa della modernità architettonica e urbanistica (basta rileggere un’antologia di Das Neue Frankfurt), ma anche di escludere il fondamentale rapporto con la rappresentanza insieme al fine (ovvero l’intenzione di salvaguardia della competenza), condizionando l’etica della pratica progettuale.

12Le forme rappresentative della “maggioranza”, e di conseguenza la legittimità stessa delle minoranze, non sono oggi semplicemente in crisi: sono svanite. A Torino e in Italia la loro crisi era già evidente per altro negli anni settanta, quando comitati di quartiere e zone sindacali si “presero” la rappresentanza e la gestirono per progetti importanti: l’epidemiologia a partire dalla fabbrica un esempio, ma anche le nuove scuole costruite in Italia, ma non solo, su un rapporto stretto con le pedagogie post-Montessoriane (Vineis, 1999). Fu un’esperienza che attraversò tutte le rappresentanze istituzionali, che cercarono di ricostruirne la legittimità formale creando le circoscrizioni, perdendo però via via il potere di rappresentare i diritti di una possibile cittadinanza “universale”.

13Oggi la crisi dei luoghi dove si eserciterebbe il principio di maggioranza, come le sale dei consigli comunali e le circoscrizioni di quartiere, va oltre la loro capacità di interpretare valori generali. Non solo le istituzioni sono inefficienti, nonostante si riferiscano a quegli stessi valori generali cui comunque il diritto ci riconduce, ma, per un paradosso che sarebbe utile non sottovalutare, la loro crisi incoraggia la nascita di organizzazioni spontanee su interessi molto specializzati, che spesso sono talmente territorializzati da non poter essere rappresentanti di interessi generali (quelli che con una formula un po’ banalizzante si potrebbero chiamare “i comitati del complesso NIMBY”).

14Lungi da me pensare, peraltro, che siano entità illegittime perché portatrici di interessi particolari. Bene li rappresentano, nel numero di Ardeth, gli abitanti di Les Grottes. Certo non è facile, né dire come debba essere mutata la rappresentanza né dichiararsi soddisfatti da quanto sta avvenendo. Quel che invece sembra certo è che l’attuale forma colloca all’esterno delle istituzioni le forme di rappresentanza, atomizzandole. E lì si determina la radice più profonda forse della crisi delle politiche urbane e del loro rapporto con la funzione delle norme (Bobbio, 2002).

15Con una postilla non marginale. Questo legame tra rappresentanza e interessi particolari e territorializzati, ricorda molto da vicino un’organizzazione sociale e territoriale premoderna della città. La riconcettualizzazione della città è dunque il convitato di pietra, ancor più oggi, per il progetto e per il diritto. La città è forse l’espressione più complessa, come si è cercato già di dire, di “bene comune”, cioè un bene che non è solo pubblico o solo privato. È un bene che esiste se viene riconosciuto come tale in primo luogo da chi, cittadino o amministratore, esercita diritti su questo bene. Alcuni beni costituiscono quei legami tra cittadini che rendono possibile l’esistenza di una comunità: questo è il “bene comune”. Possono essere beni sociali o anche beni fisici direttamente associati a uno spazio, come le piazze e le strade.

16Il problema è come far convivere scarsa rappresentanza, particolarismi e beni comuni che fanno esistere una città, specialmente in un momento di crisi della rappresentanza, e quindi del principio di maggioranza. Ma per tornare all’impostazione che vuole darsi Ardeth, ovvero la misura riconducibile a una teoria degli effetti: come può un progetto, che ambisce a organizzare la qualità della partecipazione, escludere ad esempio cosa sia la pedagogia oggi per le scuole materne, o cosa siano, come si scrive nel numero, le policies della cura o della reclusione, le basi su cui si può produrre qualità? Il rischio è di escludere il diritto sostanziale, il dialogo sui valori – che peraltro legittimò, ben più delle teorie critiche o estetiche, la rappresentanza e l’autorità dell’architetto rispetto a processi che nel novecento diversamente trasformarono ogni oggetto del progettare (dell’architettura, dell’ingegneria, della medicina).

Autorità e ordinarietà

17Il rapporto con l’autorità è per l’architetto e il giurista, per una volta assieme, un nervo come si vede estremamente esposto e sensibile. Il populismo dilagante non riguarda solo la semplificazione estrema della rappresentanza politica. Si esprime oggi anche attraverso slogan sempre più presenti nelle scuole di architettura – la “città verde”, la “città intelligente”, la “città creativa” – che sembrano affermare valori condivisi, salvo poi, per tradursi in pratiche e politiche, essere affidati a “saperi e interessi” che quasi neanche discutono tra di loro; generando una città neo-corporativa (Secchi, 2013; Mazza, 2015).

18L’illusione che si possano trattare questi problemi come problemi di ingegnerizzazione del territorio non è che l’espressione della visione tecnocratica di una realtà sociale. Basta scegliere uno tra questi autentici spot: ad esempio il verde, che proprio nel numero assume un valore di esempio di buone pratiche a Les Grottes. L’equazione “verde eguale parco” è un’eredità anglosassone, che male si è sempre innestata in una città dall’eredità storica tanto complessa come quella europea. Ma soprattutto di quell’eredità si riprende un’opposizione tra natura (buona) e città (cattiva) davvero un po’ semplificata. Forse, in alternativa, un’idea di urbanità europea vede in un verde diffuso e di vicinato la vera scommessa da vincere, un verde che oltre tutto responsabilizzi il cittadino ad esercitare un diritto di cittadinanza attivo (Baudelet et al., 2008).

19Ma non sono solo le semplificazioni fra buoni e cattivi a segnare oggi la distanza tra capacità di rappresentare e competenze, espressione di una difficile attribuzione di autorità: la distanza è enfatizzata anche dalle lingue, dagli strumenti che si usano per rappresentare i cambiamenti. Nel 1764, quando a Parigi prende davvero avvio la costruzione della Chiesa di Sainte Genèvieve, poi Pantheon, maggioranza e competenze di allora (ed erano Soufflot e Perronet) decisero di condividere con la cittadinanza cosa sarebbe successo, commissionando ad un famoso pittore, Robert, una rappresentazione in scala uno a uno del pronao della chiesa e delle aree intorno (Gabetti, Olmo, 1989).

20Gli immaginari e gli scenari sono elementi fondamentali per conservare il valore di bene comune della città e della natura cooperativa delle competenze (legittimando o falsando, in questo sta il rischio ovviamente). Il progetto in questo caso si affida alla rappresentazione per esercitare la sua autorità, e la produzione di immaginari non può che essere un terreno di dialogo tra competenze e maggioranza: se non si trova lo “spazio” per questo dialogo, sarà sempre più la città tecnica e corporativa a prevalere, insieme a un diritto ridotto a prescrizioni cui adeguarsi.

21La costruzione delle città, o meglio dei suoi edifici, è diventata oggi una “questione troppo privata”. La situazione meriterebbe una riflessione non improvvisata o strumentalizzabile, ben più di quello è possibile fare qui. Forse però può essere utile sottolinearne alcuni fondamenti.

22Il primo nodo è di nuovo l’intreccio tra valorizzazione, dei suoli e degli immobili, e progetti, soprattutto a grande scala: questione che mette in gioco un piano ben più sostanziale di quello degli oneri di urbanizzazione, utilizzati per consentire di costruire servizi ai cittadini e accrescere, così, la pratica dei diritti di cittadinanza. In gioco c’è la possibile alienazione di diritti.

23Non è una questione solo di oggi. Il primo uso su larga scala di quella che si chiama “perequazione compensativa” avviene dopo il 1755 a Lisbona, in seguito al terremoto e l’incendio della città (Cardoso, 2006). La delicatezza dell’uso della perequazione compensativa sta nel suo possibile uso caso per caso, e se si vuole con una logica territorialista. E qui ritornano in gioco gli immaginari (e gli scenari). Senza questi e senza, mi si lasci dire, un’idea complessa della produzione sociale di senso che una città genera, l’eccessiva territorializzazione della perequazione compensativa può finire con l’accentuare i particolarismi e la rappresentanza per interessi del diritto di cittadinanza (di qui il suggerimento nel testo di Cremaschi in merito agli Excavating Rights).

24Una perequazione compensativa inserita dentro una strategia di condivisione degli scenari delle trasformazioni, dei suoi tempi e anche dei suoi conflitti, può al contrario diventare terreno fondamentale per far tornare ad essere bene comune la città; proprio perché, essendo il bene comune fondato sul limite e sulla località (Torre, 2011), la sua costruzione si definisce su “connivenze”: e proprio il rapporto tra connivenze e competenze è il secondo nodo.

25Per chi conosce i centri storici di tutte le città europee (Cutolo, Pace, 2016), è quasi naturale considerare che isolati o anche parti della città siano stati costruiti da una “connivenza” tra promotori, imprese e architetti. Uso il termine connivenza nell’accezione che ne danno gli antropologi di rapporti stretti, continui e solidaristici, tra soggetti di una società sostanzialmente stabile (Gomarasca, 2009). Cosa succede quando quando mutano le quantità in gioco, rompendo questi antichi legami come nelle città italiane nel secondo dopoguerra? Oppure quando le conoscenze e l’accesso alle informazioni entrano prepotentemente in gioco senza che cambino necessariamente le competenze, rompendo la stabilità di società come, per esempio, quella dei Trente Glorieuses.

26La conoscenza è una forma di rottura, rompe le certezze precedenti, muta gli attori, mette in concorrenza i protagonisti delle trasformazioni. Ma una società della conoscenza deve sapere che alcune regole fondamentali non possono essere violate senza alimentare le radici dei populismi. Il rispetto delle parti in commedia in primis e soprattutto.

27E si precisa così il terzo nodo: l’ordinarietà del diritto come orizzonte stabile (per quanto sia possibile) della composizione delle istanze progettuali. Per restare alla produzione della città, e al rapporto tra rappresentanza e autorità del progetto urbano, non si può rendere ogni scelta negoziabile. Scelta che forse è costata a tanta urbanistica una prematura fine.

28La rappresentanza può invece, e forse dovrebbe, fare di più per indurre e aiutare la “proprietà” a ridefinire natura, durata e rapporto con la terra di quelle scelte. Forse recuperando l’ordinarietà del diritto. In questo modo, il progetto diventa davvero la misura degli effetti che induce e diventa capace di spostare la propria autorità dai principi a priori alla capacità di organizzare e rappresentare gli interessi collettivi. Questa è una direzione dell’ordinarietà che rifiuta le legislazioni specifiche e d’emergenza così come le pressioni del contingente.

Top of page

Bibliography

Augé, M. (1997), L’impossible voyage. Le tourisme et ses images, Paris, Rivages.

Baudelet, L., Basset, F., Le Roy, A. (2008), Jardins partagés. Utopie, écologie, conseils pratiques, Paris, Terre Vivante.

Bobbio, L. (2002), Le arene deliberative, “La Rivista Italiana di Politiche Pubbliche”, 2002, 3, pp. 5-29.

Bruni, L. (2015), Il mercato e il dono: Gli spiriti del Capitalismo, Milano, Università Bocconi.

Cardoso, J.L. (2006), El terremoto de Lisboa de 1755 y la politica de regulation economic del Marques de Pombal, “Historia y politica. Ideas, processo y movimentos sociales”, 2006, 16, pp. 209-236.

Cutolo, D., Pace, S. (eds), (2016), La scoperta della città antica. Esperienza e conoscenza del centro storico nell’Europa del Novecento, Macerata, Quodlibet.

De Léon, S.A. (2017), Composite administrative procedures in the European Union, Madrid, Iustel.

De Magistris, A., Scotti, A. (eds), (2018), Utopiae finis? Percorsi tra utopismi e progetto, Torino, Accademia University Press.

Durbiano, G. (2018), Per una maturità politica di ProArch. La sfida della rappresentanza e della competenza, in Atti del VII Forum ProArch, Milano.

Gabetti, R., Olmo, C. (1989), Alle radici dell’architettura contemporanea, Torino, Einaudi.

Ginzburg, C. (2014), Rapporti di Forza. Storia, retorica, prova, Milano, Feltrinelli.

Gomarasca, P. (2009), Meticciato, convivenza o confusione?, Venezia, Marcianum Press.

Grossi, P. (2017), L’invenzione del diritto, Bari-Roma, Laterza.

Jullien, F. (2018), Il n’y a pas d’identité culturelle, Paris, l’Herne.

Mazza, L. (2015), Spazio e cittadinanza. Politica e governo del territorio, Roma, Donzelli.

Olmo, C. (2010), Architettura e Novecento: diritti, conflitti, valori, Roma, Donzelli.

Schmitt, C. (1956 [2008]), La tìrannia dei valori, Milano, Adelphi.

Secchi, B. (2013), La città dei ricchi e la città dei poveri, Bari-Roma, Laterza.

Supiot, A. (2015), Grandeur et misère de l’Etat social, Paris, Fayard.

Torre, A. (2011), Luoghi. La produzione di località in età moderna e contemporanea, Roma, Donzelli.

Vineis, P. (1999), Nel crepuscolo delle probabilità. La medicina tra scienza ed etica, Torino, Einaudi.

Top of page

References

Bibliographical reference

Carlo Olmo, “Editoriale. Il cruccio di un diritto ordinario: rappresentanza contro cittadinanza?”Ardeth, 4 | 2019, 21-28.

Electronic reference

Carlo Olmo, “Editoriale. Il cruccio di un diritto ordinario: rappresentanza contro cittadinanza?”Ardeth [Online], 4 | 2019, Online since 01 May 2020, connection on 06 December 2021. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/448

Top of page

About the author

Carlo Olmo

Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design – carlo.olmo[at]polito.it

Top of page

Copyright

CC BY-NC-ND 4.0

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search