Skip to navigation – Site map

HomeNuméros3Denaro, o il convitato di pietra

Denaro, o il convitato di pietra

Money, or the Elephant in the Room
Francesca Frassoldati, Alessandro Armando, Daniele Campobenedetto, Valeria Federighi, Caterina Barioglio and Federico Cesareo
p. 10-14
Translation(s):
Money, or the Elephant in the Room [en]

Full text

1L’argomento di questo terzo numero di “Ardeth”, Money: The Economies of Architecture sollecita in modo esplicito uno dei problemi fondamentali che la rivista intende esplorare, ovvero il problema del potere del progetto di architettura. La dimensione del denaro e delle “economie” investe il progetto da molte direzioni, come messo in luce dal curatore Jeremy Till nella call for papers. “Money” può essere inteso come un oggetto sociale (il denaro stesso), come l’insieme dei flussi e delle circolazioni di entità dotate di valore che intessono i progetti (le valutazioni, le procedure, le negoziazioni: vale a dire le reti di scambi), oppure come il paradigma stesso del potere obbligante, o “deontico”, incarnato nei contratti: «un’allegoria dei vincoli umani» – secondo la definizione che Angela Condello enuncia nel corso del suo dialogo con John Searle e Maurizio Ferraris.

2Sembra pertanto inevitabile che l’incontro tra le indagini teoriche sul progetto architettonico e questo argomento debba attraversare il terreno del discorso critico. O, per lo meno, questo è quanto emerge dai contributi che abbiamo ricevuto: gli autori hanno risposto innanzitutto considerando “Money” come un ambito problematico, su cui era necessario soffermarsi per denunciare disuguaglianze e forme di sfruttamento, demistificare rappresentazioni pacificate, disvelare poteri latenti o sistemi opachi di speculazione. Diversamente da quanto probabilmente sarebbe successo su una rivista di building management o di operations research, nessun autore si è direttamente occupato di questioni di innovazione, efficienza o “sviluppo” del progetto architettonico, considerando la dimensione economica nella sua strumentalità e (presunta) neutralità. Nel 2014, James Andrachuk apriva l’editoriale del numero monografico Money di “Perspecta” con queste parole: “Formless itself, money forms architecture – but the academic community remains hesitant to broach the subject” (Andrachuck, J., Chrisovalantis Bolos, C., Forman, A., Hooks, M. A., 2014, “Perspecta: The Yale Architectural Journal”). All’interno del numero, Peggy Deamer e Phil Bernstein si interrogavano in particolare sulla definizione stessa di lavoro in architettura come servizio professionale da retribuire e riconoscere, nonostante la concettualizzazione idealizzata degli incaricati dei servizi di progettazione, basata sui termini della creatività o della “vocazione”, finisca per rendere lo sforzo intellettuale indifendibile rispetto alle logiche dei costi al ribasso. Senza riprendere quei nodi del dibattito disciplinare, lo spettro dei contributi di “Ardeth” restituisce un quadro di posizioni molto diverse, non solo rispetto a un set di valori dibattuto ma fondamentalmente accettato, ma soprattutto rispetto alle forme discorsive che la teoria del progetto architettonico può assumere – dalla critica dell’ideologia al pragmatismo.

3Come già avvenuto nei precedenti due numeri, la redazione propone una mappa comparativa di lettura degli articoli. La nostra ipotesi di distribuzione, come sempre del tutto parziale, riduttiva e finalizzata a registrare una tappa del dibattito, si basa su due assi differenziali. Il primo asse si riferisce alla forma del discorso, distinguendo tra “critica” e “strategia”: gli articoli prevalentemente “critici” usano il proprio caso studio o oggetto argomentativo come elemento da decostruire (Critique - pars destruens); mentre gli articoli prevalentemente “strategici” mettono al centro del proprio discorso un’ipotesi di reazione allo status quo, una via di uscita possibile, o persino una proposta operativa per l’azione di progetto (Strategy - pars construens). Il secondo asse si riferisce invece alle diverse concezioni del potere del progetto (per lo meno nella nostra interpretazione): alcuni autori sembrano considerare il progetto di architettura come uno strumento (e una disciplina) capace di affermarsi con le proprie forze, anche in opposizione alla dimensione istituzionale dei processi, delle narrazioni dominanti e degli imperativi tecnici, amministrativi ed economici (Resistance). Altri sembrano invece presupporre che l’azione del progetto di architettura sia strutturalmente intrecciata con le condizioni istituzionali vigenti, con gli apparati amministrativi e del capitale, e che dunque il potere del progetto non possa che emergere, al limite, da tali condizioni, per quanto possano apparire indesiderabili (Dependency).

4In questa mappa, i testi si dispongono in modo abbastanza complementare, rivelando correlazioni e opposizioni che speriamo siano utili ad alimentare la discussione.

5Kaji-O’Grady descrive il mondo delle donazioni filantropiche alla ricerca biologica negli Stati Uniti, sottolineando il rapporto di stretta (e ineludibile) dipendenza delle scelte architettoniche dalle scelte simboliche e strategiche degli investitori: il denaro dei miliardari sembra piegare la forma e persino la funzione dei progetti. In un certo senso il progetto è guardato da fuori, come un componente minoritario e tendenzialmente passivo, stretto in un enorme meccanismo di flussi concentrati di denaro e decisioni sostanzialmente monarchiche, prese in nome del progresso della scienza futura.

6Anche Torisson si concentra sulla forza simbolica e mistificante di una promessa futura (la costruzione dello Studio building a Malmo) che serve a condurre a buon fine un processo di trasformazione urbana, evitando di aprirlo a negoziazioni e controversie potenzialmente dirompenti (e meno efficienti). Il progetto, di nuovo, sembra passivo di fronte a strategie e decisioni che vengono prese in ambiti e ruoli esterni all’architettura: il progetto è un mero strumento, e l’architetto è un tecnico (“expert”). Tuttavia in questo caso l’autore auspica anche che, nell’orizzonte di una svolta “sociale” e “partecipativa”, il progetto di architettura possa riguadagnare terreno nell’incidere sui destini urbani, laddove esso sia in grado di non confondersi con le retoriche neoliberiste di una promessa falsamente armonizzante per il futuro delle città.

7Malfona affronta il tema di un edificio-paradigma dei nostri giorni, l’Apple Park a Cupertino, leggendolo in termini morfologici, tipologici, distributivi e anche geografici, ma anche confrontandolo con modelli altrettanto paradigmatici del passato. Il riferimento a Tafuri (come già in Torisson) e alla sua critica dei “monumenti supertecnologici” esplicita il taglio fondamentalmente critico di questa lettura, secondo un’interpretazione delle omologie tra lo “stile” della company e i significati, programmatici o involontari, dell’architettura («Golden prison or Utopian city?»).

8Diverso appare il taglio dell’articolo di Gough, che invece apre con una domanda strategica: come può l’architettura resistere al neoliberismo? La risposta, sulla traccia di Deleuze e Guattari, per quanto radicata nella teoria critica tenta di trovare una direzione propositiva («criticism… is only a preliminary step»). Secondo l’autore sono i “flussi” e le condizioni di relazione – vorremmo dire le implicazioni – che legano il progetto alle condizioni date, a fungere non soltanto da vincolo, ma anche da “surplus” e dunque da leva fondamentale per il potere dei progetti. Il capitalismo è solido solo nei suoi effetti, e non come sostanza data all’origine. Le condizioni in cui si formano gli imperativi economici, la dittatura del denaro, emergono ogni volta da assemblaggi incrementali, nei quali lo stesso progetto si rafforza e si irrigidisce, transitando dall’enunciazione di azzardi alla struttura obbligante dei contratti. È dunque possibile sviluppare delle strategie di progetto capaci di deviare dall’interno queste condizioni: «In one sense this is a policy (with Sorkin) of tactics».

9In un modo per certi versi parallelo, Groth si indirizza verso una proposta operativa per rispondere a una lista di problemi che riguardano la progressiva delegittimazione e svalutazione del lavoro degli architetti. In questo caso l’autrice parte da una proposta di natura valoriale, e non strutturale. La sfida riguarda la ricodificazione dell’etica degli architetti nelle università, che dovrebbero indirizzarsi verso una più estesa concezione dell’architectural education. Il valore economico, professionale e personale compongono una triade per un programma pedagogico lucido, che consentirebbe ai futuri architetti di imparare a sviluppare competenza e capacità di emancipazione in modo integrato.

10Wood riprende, con Kaji-O’Grady e Torisson, il tema delle promesse al futuro e della loro pericolosa (ma efficace) forza nell’egemonizzare le narrazioni collettive che accompagnano i progetti. I casi delle partnership pubblico-privato per la costruzione di edifici scolastici nel Regno Unito e in Italia vengono dettagliatamente esplorati per far emergere i nessi tra le strategie speculative e le promesse di una riforma futura del sistema educativo, tutta improntata all’innovazione e al superamento di modelli considerati sbrigativamente obsoleti. In nome di una promessa futura, unilaterale e non negoziata, i programmi di iniziativa pubblica vengono così colonizzati dagli interessi privati del presente, rimandando peraltro al futuro anche il saldo dei debiti che tali operazioni mettono in gioco. I meccanismi di finanziamento e partnership costituiscono i termini in cui il progetto si forma processualmente, prestandosi a diventare mero strumento di esecuzione. La proposta finale, di conseguenza, è un appello per un «approccio più umile, meno eroico» e più orientato al presente, ma non sembra superare il taglio prevalentemente critico del testo.

11Gritti, Micelli e Oppio partono da una distinzione che, per certi versi, corrisponde all’asse orizzontale del nostro schema, ovvero la differenza tra autonomia critica e misurazione pragmatica (riprendendo Michel Serres). Per quanto si annunci come improntato a “una prospettiva deliberatamente critica”, l’articolo propone in effetti una strategia, in termini strettamente teorici, che possa “superare” questa contrapposizione attraverso lo sviluppo di “nuove modalità di rappresentazione dello spazio”. In sostanza gli autori sembrano pragmaticamente orientati a riconoscere come ineludibili le condizioni dettate del mercato globale, ma anche a voler esplorare forme di integrazione tra le discipline del progetto e quelle della valutazione economica.

12Aprendo la sezione degli autori invitati, Bojanic´ sottopone ai lettori una riflessione su due concetti chiave, poverty e dwelling, ripercorrendo autori quali Hegel, Wolff, Engels, Smith e molti altri. L’inquadramento del problema della povertà nella sua relazione con la responsabilità (o potere?) sociale degli architetti mette a fuoco lo sfondo dei discorsi critici precedenti, restituendo una prospettiva storica che comprende tutta la traiettoria della civiltà industriale. Secondo Bojanic´ il “progresso” delle riforme urbane avrebbe, dopo una prima accelerazione, rallentato molto presto, ben prima dell’avvento del modernismo («There are not many optimistic protocols in 1872, but the difference from 30 years prior, it seems to me, far greater, than in the last 150 years»). Da qui una sollecitazione provocatoria, nei confronti degli architetti, perché riaprano più radicalmente ed estesamente la questione del potere e delle possibilità del progetto, confrontandosi con le sfide del presente.

13Condello, nel suo dialogo con Searle e Ferraris, si fa carico di fornire un quadro sull’ontologia del denaro. Questo testo rappresenta anche una buona descrizione dell’asse verticale del nostro schema, poiché le posizioni dei due filosofi rispetto all’esistenza dell’oggetto sociale “money” si contrappongono in modo inequivocabile. Da una parte Searle sostiene che il denaro può esistere perché esiste una intenzionalità collettiva che lo riconosce; dall’altro Ferraris sottolinea come il denaro si fondi su una “struttura profonda” che è fatta di registrazioni, che trascendono le intenzioni dei soggetti. In questa contrapposizione Condello riconosce l’arco delle possibili posizioni che possono essere assunte di fronte non soltanto al problema del denaro, ma alla realtà sociale nel suo insieme e alle condizioni di costruzione (e mantenimento) del potere.

14Nel primo contributo nella sezione dei commenti, Dodd fornisce un resoconto del simposio Labour, tenutosi presso la Central St. Martin’s di Londra nel Marzo 2018, che è sia una mappa di ricapitolazione di molte delle istanze espresse nei vari articoli, sia la geografia di un dibattito vivo che ruota attorno al tema del lavoro degli architetti e degli addetti alla costruzione degli edifici, nelle sue varie forme di sfruttamento e mistificazione.

15Infine, i due articoli grafici pubblicati in questo numero si distinguono per forma e contenuto, ma dimostrano entrambi alcune vie possibili nell’utilizzare gli strumenti del disegno e del diagramma per costruire un’argomentazione nel campo della teoria del progetto architettonico. Zhao costruisce la mappa di un processo relativo al finanziamento e alla realizzazione di un progetto per una treehouse, attraverso un meccanismo di crowd-funding globale. In questo caso le correlazioni concrete tra rete, denaro e azioni di progetto sembrano suggerire effettivamente che sia possibile ripercorrere le trame del capitale in forme alternative – come suggerito da Gough. Su un altro fronte, Who Builds Your Architecture? utilizza gli strumenti del disegno architettonico e del fumetto per esplicitare le controverse implicazioni che legano la realizzazione di un grande edificio alle condizioni di sfruttamento dei lavoratori – siano essi operatori edili o progettisti – dando prova evidente delle questioni riassunte da Dodd. Senza limitarsi all’operazione critica, WBYA propone per ciascuno degli aspetti problematici una possibile azione fondata su procedure misurabili.

16Quasi come una postfazione, e riprendendo alcuni temi già esplorati nel primo numero di “Ardeth”, Dutto ci racconta il seminario Double Crossing che ha avuto luogo presso la Architectural Association il 30 Maggio 2018, come prosecuzione del ciclo This Thing Called Theory (cfr. Ponzo G., “Ardeth”, 1, 2017). Una nota conclusiva che sottolinea il problema del difficile rapporto tra teorie e pratiche dell’architettura, segnato da sospetti, infedeltà e tradimenti reciproci.

Top of page

References

Bibliographical reference

Francesca Frassoldati, Alessandro Armando, Daniele Campobenedetto, Valeria Federighi, Caterina Barioglio and Federico Cesareo, “Denaro, o il convitato di pietra”Ardeth, 3 | 2018, 10-14.

Electronic reference

Francesca Frassoldati, Alessandro Armando, Daniele Campobenedetto, Valeria Federighi, Caterina Barioglio and Federico Cesareo, “Denaro, o il convitato di pietra”Ardeth [Online], 3 | 2018, Online since 01 May 2020, connection on 01 March 2021. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/600

Top of page

About the authors

Francesca Frassoldati

By this author

Alessandro Armando

By this author

Daniele Campobenedetto

By this author

Valeria Federighi

By this author

Caterina Barioglio

By this author

Federico Cesareo

By this author

Top of page

Copyright

CC BY-NC-ND 4.0

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search