Skip to navigation – Site map

HomeNuméros3Economie dell’architettura

Economie dell’architettura

Editorial. The Economies of Architecture
Jeremy Till
p. 19-23
Translation(s):
Editorial. The Economies of Architecture [en]

Editor's notes

DOI: 10.17454/ARDETH03.02

Full text

1La caratteristica distintiva di “Ardeth” è che questa rivista è interamente focalizzata sui progetti di architettura. Ciò sposta l’attenzione dagli aspetti visibili dell’architettura stessa, in particolare la produzione degli edifici e il concomitante dibattito su gusto, forma e tecnica, ma anche dalle comuni narrazioni della figura eroica del singolo architetto, ritenuto il “creatore” dell’architettura. Questo spostamento è una mossa necessaria perché gli architetti sono solo una piccola parte della produzione architettonica e spaziale. “Ardeth”, al contrario, si focalizza sui flussi di forze, spesso invisibili, che si concentrano prima, durante e dopo i momenti della creazione architettonica.

2Di tutti questi flussi, quello del denaro probabilmente ha il più grande impatto sui progetti architettonici e, allo stesso tempo, almeno sino a tempi molto recenti, è rimasto sottotraccia in larga parte del dibattito architettonico. È come se parlare di denaro in qualche modo potesse danneggiare l’immagine dell’architetto-artista che fluttua al di sopra delle preoccupazioni della vita di tutti i giorni. La professione ha da sempre avuto difficoltà nel sanare la separazione tra essere un’impresa parte di una catena di affari e il desiderato mito dell’indipendenza, secondo cui l’architettura vive in un mondo a parte.

3Questo numero di “Ardeth” è stato costruito per fare emergere la questione del denaro e la relazione dell’architettura con le economie, in linea con il lavoro di studiosi quali Peggy Deamer (2015) e Doug Spencer (2016).

4Il loro lavoro, insieme ai contributi raccolti in questo volume, mostra chiaramente che le teorie e la disciplina dell’architettura sono sempre sottomesse alle forze globali del capitale. Solamente attraverso una migliore comprensione dei modi in cui le economie contemporanee attraversano le operazioni e i progetti architettonici si può imparare a trattare con queste forze dominanti con un’attitudine non subordinata e trasformativa.

5Il legame più ovvio tra il progetto architettonico e l’economia sta nei modi un in cui gli edifici vengono valutati. Almeno nel Regno Unito, questo intero processo di valutazione ha dato vita ad una nuova professione, il professionista delle valutazioni e dei certificate. Spesso derisi dagli architetti, questi professionisti affrontano tutte le complessità della produzione spaziale e le riducono all’interno di un foglio di calcolo del quale solo essi hanno il controllo. In un sol colpo il progetto è strappato dalle mani di una professione, e dai relativi valori, e da quel momento in poi è supervisionato attraverso metodi e valori di un’altra. L’architettura non riesce mai veramente a riprendersi da questo momento di grave astrazione: dal momento in cui la stringa dei risultati sputati fuori dal foglio di calcolo domina il processo, all’architetto viene lasciato l’appiglio di un po’ di estetica e di tecnica.

6In uno schema tipico dell’economia neo-liberista, il progetto dello spazio è così esternalizzato, mentre il foglio di calcolo si modella in sezioni sempre più minute, offerte ad un mercato atomizzato di subappaltatori. Dove, un tempo, l’architetto coordinava l’intero processo, lo si lascia oggi in balia delle forze economiche controllate da altri. Questo sistema di produzione dello spazio regolato dalla finanziarizzazione rafforza una visione univoca del valore, riducendo gli edifici a merce in una catena di scambio. Il costo reale della costruzione, per non parlare del costo di progettazione, è di gran lunga superato dai costi di manutenzione e operatività durante il ciclo di vita di un edificio, che a loro volta sono sorpassati dai costi delle attività svolte lungo quel ciclo di vita. Tuttavia, a causa dell’imperativo pressante di profitto immediato, ogni approccio di progetto che potrebbe contribuire a compensare la manutenzione o i costi di gestione è sacrificato alla logica del breve termine.

7Fino a quando il mercato neoliberale terrà per la gola la politica e l’economia, per gli architetti sarà difficile, se non impossibile, trovare reali elementi di resistenza. Piuttosto, come nota Doug Spencer nel suo libro The Architecture of Neoliberalism (2016), la professione (inclusa quella che opera nell’accademia) è diventata complice nel disseminare le forze del neoliberismo, in modo ancora più sbalorditivo se si considera che le élites architettoniche vedono le proprie identità sfruttate e di conseguenza mercificate.

8Per questo si deve guardare oltre al progetto architettonico nella sua accezione corrente, al fine di portare alla luce le altre forze invisibili che sono parte di un più vasto progetto dello spazio. Il lavoro recente di diversi studiosi e attivisti (molti dei quali sono riuniti all’interno del commento di Melanie Dodd in questo numero di “Ardeth”) si è concentrato sul lavoro che supporta tutti i progetti. Le strutture e le manipolazioni di tale lavoro sono entrate raramente nel dibattito architettonico o nelle narrazioni tradizionali, probabilmente perché interrompono una narrativa che racconta l’oggetto architettonico come completamente formato, fin dalla sua nascita, senza i dolori del parto.

9È chiaro però che questa narrazione comune costituisce un mito della creazione, costruito per affermare la presunta dominanza e la gloria dell’architetto sul mondo della costruzione. Tuttavia, il lavoro di WBYA (Who Builds Your Architecture?), Contracondutas e di altri ancora, mostra molto chiaramente che la professione è invischiata nelle varie forme di sfruttamento e controllo messe in campo dall’industria delle costruzioni. In parallelo The Architecture Lobby (http://architecture-lobby.org/​ ) sottolinea che la professione è lontana dall’essere libera dal precariato e dallo sfruttamento che caratterizza il resto dei lavoratori.

10Sembra perfino banale dire che gli architetti, lontani dall’essere immuni dalle macchinazioni del denaro, sono al contrario profondamente implicati in esse e, di conseguenza, dovrebbero essere completamente coscienti di questa stesse macchinazioni. La teoria critica ci dice che ignorare o, ancora peggio, chiudere un occhio rispetto alle forze dominanti è il modo migliore per rimanerne intrappolati. Meglio dunque fronteggiare queste verità scomode per potersi preparare meglio ad averci a che fare . Questo numero di “Ardeth” non ha la presunzione di proporre ricette per l’azione economica, perché l’impegno nel campo delle economie comporta un giudizio etico e l’etica, nell’era post-moderna, sfida la certezza come l’astrazione. Come nota Zygmunt Bauman (1993: 32): “La realtà umana è disordinata e ambigua – e così anche le decisioni morali, al contrario degli astratti principi etici, sono ambivalenti”. I vari autori dei contributi, invece, portano in superficie tematiche che sarebbero rimaste altrimenti soffocate. Portando alla nostra attenzione queste preoccupazioni, essi ci chiedono di prendere posizione in relazione ad esse.

11L’invito a contribuire suggeriva una serie di temi per inquadrare le proposte . Si cominciava con le Economie del lavoro, un argomento che viene approfondito nella rivista. In qualità di insegnante, mi è continuamente evidente, generandomi qualche malessere, la mancata corrispondenza tra le false speranza in cui formiamo gli studenti e il fragile futuro lavorativo che li aspetta. La professione, con una partecipazione così esplicita ai mercati, si è resa vulnerabile. Un movimento a tenaglia tra retribuzioni sempre più ridotte in un mercato competitivo e il perimetro delle competenze dell’architetto, ridotto dall’ingresso di altre competenze nel sistema, ha prodotto una riduzione radicale dell’economia architettonica negli ultimi vent’anni. Potrebbe essere troppo tardi per ribaltare questa situazione, ma un’attenzione al meccanismo che l’ha provocata è un buon punto di partenza, così come lo è l’affermazione di altre forme di valore all’interno dell’ambiente costruito, oltre al puro scambio monetario.

12Il secondo tema è Economie della teoria. La cosiddetta svolta “post-critica” nella teoria e nella pratica architettonica può essere letta, nel migliore dei casi, come un’accettazione pragmatica dell’ortodossia economica dominante o, nel peggiore, come una complicità in piena regola con essa (Baird, 2004). Si può mettere in dubbio che la polemica controcorrente di Michael Speaks (2002), che afferma che la pratica e la teoria architettonica dovrebbero allinearsi con le pratiche della gestione aziendale, sia stata presa come un programma d’azione, ma essa – insieme ad altre posizioni nello stesso campo (Solon, Whiting, 2002) – ha avallato uno scostamento dall’impulso a resistere.

13Questo disconoscimento del ruolo critico della teoria è semplicemente un altro segno della capitolazione al brillante inganno presentato dal capitalismo, ovvero che ad esso non esiste alternativa. Contro tutto ciò, il ruolo della teoria deve essere riaffermato, non in maniera strumentale, ma come un immaginario che permetta ad altre forme di economia dello spazio di essere elaborate e prese in considerazione.

14Il terzo tema riguarda le Economie delle cose. L’architettura riguarda, al suo livello essenziale, la combinazione di diverse forme di materia, di materiali e di prodotti. La costruzione, se si risale all’etimologia del termine, è un’azione di accumulazione (in latino construere significa impilare insieme). Questi pezzi sono successivamente soggetti alla valutazione del mercato e trattati come merce di scambio. A volte intervengono altri sistemi di valutazione, fra tutti si può considerare quello ambientale; anche questi sistemi di valutazione aggiuntivi sono soggetti a strette misurazioni quantitative in modo da essere inseriti nell’astrazione dei fogli di calcolo del protocollo LEED, Passivhaus o BREEAM. In aggiunta a tutto ciò, ci sono le limitazioni determinate dal calcolo di rischio messe in campo dal settore assicurativo, che permette l’utilizzo di una sempre più ridotta gamma di materiali e prodotti. Un costruttore ha recentemente chiesto ad un architetto britannico di eliminare i lucernari perché “Perdono”. “Ma li sta istallando lei” ha protestato l’architetto, “Si assicuri che non perdano!”, con il risultato di essere raggelata dallo sguardo preoccupato del costruttore, interessato ad evitare del tutto i rischi. Dinnanzi a tanta limitazione, abbiamo bisogno di prefigurare altre economie delle cose – quelle che immaginano catene di approvvigionamento diverse da quelle offerte dalle società multinazionali, quelle che permettono lo smantellamento e il riuso, quelle che danno tanto valore ai processi di assemblaggio quanto a ciò che è messo insieme.

15Il quarto tema è Economie del valore. È ormai entrano nel senso comune sostenere che l’architettura, almeno nell’1% costituito dalle star, è utilizzata per incrementare il capitale culturale e di conseguenza il valore economico dello sviluppo globale. I nomi che costituiscono quell’1% sono utilizzati come strumenti di marketing, e solo il nome è abbastanza: il merito dei prodotti è spesso discutibile. Questo argomento superficiale tuttavia ignora quel 99% che esiste al di sotto dello sguardo dei media: a volte lottando per fare del proprio meglio senza uscire dai limiti imposti, ma spesso, semplicemente, soffocati dal calcolo ingegnerizzato del valore e dalla rimozione di ogni altra forma di valore oltre a quello economico. Ancora una volta le costrizioni reali e concettuali del capitale escludono l’apprezzamento o la comparazione di altre forme di valore. Abbiamo urgentemente bisogno di riportare queste forme di valore in prima linea, per proseguire il dibattito sui modi in cui l’architettura è legata a forme di produzione di valore sociale, di valore ambientale, di valore culturale. Poiché, fra questi valori, nessuno è alternativo al valore economico, di conseguenza abbiano anche bisogno di una migliore prova e argomentazione di come queste differenti forme di valore siano coerenti con delle concezioni del valore economico.

16L’ultimo tema riguarda le Economie del futuro. Con lo spauracchio del collasso del capitalismo che perseguita il dibattito politico contemporaneo, abbiamo bisogno di iniziare a pensare ad altri modelli economici e alle loro implicazioni nello spazio. Abbiamo chiesto come tali modelli alternativi possano alterare le operazioni architettoniche, dalla natura stessa della pratica a nuove configurazioni materiali e spaziali. Il fatto che gli autori di questo numero non abbiano risposto direttamente a tali domande risulta un indicatore di quanto questa questione sia spinosa.

17Ma se ho imparato una cosa dall’essere parte di questo numero di “Ardeth” è questa: dobbiamo, davvero, credere che altri modelli siano possibili, e che queste altre forme di economia produrranno nuove configurazioni sociali e, di conseguenza, spaziali. Alla luce di tutto ciò, una priorità del progetto di architettura diventa quella di operare come un agente per la prefigurazione dello spazio e la realizzazione di nuovi futuri economici.

Top of page

Bibliography

Spencer, D. (2016), The Architecture of Neoliberalism: How Contemporary Architecture Became an Instrument of Control and Compliance, New York, Bloomsbury Academic.

Deamer, P. (2015), The Architect as Worker. Immaterial Labor, the Creative Class, and the Politics of Design, London, Bloomsbury Academic.

Bauman, Z. (1993), Postmodern Ethics, Oxford, Blackwell.

Baird, G. (2004), Criticality and Its Discontents, “Harvard Design Magazine”, n. 21, pp. 1-6.

Speaks, M. (2002), Design Intelligence and the New Economy, “Architectural Record”, n. XX pp. 72–79.

Somol, R., Whiting, S. (2002), Notes around the Doppler Effect and Other Moods of Modernism, “Perspecta”, n. 33, pp. 72-77.

Top of page

References

Bibliographical reference

Jeremy Till, “Economie dell’architettura”Ardeth, 3 | 2018, 19-23.

Electronic reference

Jeremy Till, “Economie dell’architettura”Ardeth [Online], 3 | 2018, Online since 01 May 2020, connection on 20 January 2022. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/605

Top of page

About the author

Jeremy Till

Central Saint Martins. Head of College – j.till@csm.arts.ac.uk

Top of page

Copyright

CC BY-NC-ND 4.0

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search