Skip to navigation – Site map

HomeNuméros1Architectural Design Theory

Architectural Design Theory

Carlo Magnani
p. 19-29

Editor's notes

DOI: 10.17454/ARDETH01.02

Full text

A space for thinking about architectural design theory

1“Ardeth” magazine aims at opening up a space for the theory of design. There is no nostalgia in such a proposal, rather the desire to tread on seemingly unknown grounds – or, better, grounds that have been abandoned at a time in which empirical data seem to overcome all other considerations. There appears to emerge a disordered overlapping between theory, poetics, practice, marketing, authoriality; as if all these terms intertwined around the scientific fragility of a set of techniques that have lost their ability to configure forms of exploration of the world. These categories seem thus unable to bring real contributions to general knowledge in any direct exchange with other disciplines that share a similar transitive disposition between human sciences and fieldwork, or between the political and the technical.

2From here, a reflection can develop around the relationship between interpretation, argumentation and proof, in order to question the role of quantitative indicators as sole form for the description of reality, as well as the criteria for their legitimation. “Ardeth” counts on a wide and articulated advisory board that defines, in itself, a precise intent: a reflection on the very notion of design project, on the trajectories of its possible social utility, on what possible form it can take to belong to a multidisciplinary discourse and look to new paradigms of interpretation of reality that are not a simple acquiescence of ongoing phenomena.

3Through this perspective some contradictions can be expanded on. First, the contradictory relationship between place – intended as an idea of specificity, of physical and cultural context – empirical data, and the search for fundamentals (perhaps fundamental values?) that are at once universals. Secondly, the contradiction between multiculturalism as recognition and respect of diversity in its spatial-anthropological configurations, and a progressive impoverishment and manipulation of the collective imaginary in the construction of a homogenizing thought. Further still, the conflict between a present with no temporal declinations and the longer times of territorial transformations as defined through their permanent spatial and cultural features.

Toward a definition of the field of investigation

4Through this first issue, “Ardeth” looks for its own positioning within existing discourse. It is a thematic issue, organized around a call for papers that asks for a reflection on the possibility for interpreting design as a place for the production of scientific research.

5If theory can be understood, according to the most banal common sense, as the expression of a logical and coherent chain of propositions, like generalizations of experiments that offer themselves as basis for future experimentation and accept the risk of falsifiability, than this have to be considered “Ardeth”’s field of interest. Many consider the relaxing of comparative aspirations within the field of practice as the maximization of freedom – the triumph of practice unconstrained from any sort of ties. For “Ardeth”, rather, if the project is defined as the processual tool engendering transformative effects, then it can be assumed as a legitimate object of study. There is no concession in that to the aestheticization of fragments or the kaleidoscopic illustrations of reality as the phenomenology of a fluctuating space that is infinitely flexible.

6The risk of similar concessions is for things to appear naturalized and devoid of any causal tie, and for their appearance to feed a certain relativistic and indifferent ecumenism in which, quoting Jeff Koons, «art is not in the making but in the selling» (Perniola, 2015), and architecture is reduced to a series of objects to be collected within the star system phenomenon.

7By the same concessions, on the opposite end, the wonders of applied technology feed linguistic games in the guise of an urbanity that cannot be deciphered – up to the identification, a few years back, of the theory of fractals as ideal conceptualizations of space.

8No coherent interpretations of current social dynamics comes out of these complementary phenomena.

9The background of such relaxation of any theoretical thought clearly consists in decades of exasperated liberalism hidden behind the rhetoric of globalization, as well as in the corresponding processes through which finance has built an autonomous and detached reality. A world that is virtual and real-time throughout, and that is at the origin of the very concrete crisis we are facing today. Besides macro-level considerations, this has made decision processes eccentric and often indifferent to spatial issues.

10Beyond their complementary nature, these contingencies breed in the loose prospects of the public capacity to direct spatial transformations, as long as the public conjures to spatial betterment in both configuration (the narrative) and implementation (the effect).

11Overcoming binary descriptions of spatial dynamics – public city as opposed to private city, nomadic city as opposed to settled city, up to the most recent researches proposing renewed ideas of functional mixité and typo-morphological crossbreedings – is often analytically framed as the direction for best practices. Still, they fall short when facing the inertia of paradigms of modernism establishing the connections between the order of discourse and the order of space, the taxonomies of description, the location of functions, the layering of bureaucracies that have conservative rather than operational role. These bureaucracies also contribute to the progressive fragmentation of professional skills, up to the point to finally hide operational fundamentals as collateral occurrences, such as energy production and waste disposal.

12The feeling of deploying outdated tools in a world that, if not new, is at the very least different and requires different levels of responsibility and adequate forms of design, does not find any suitable grounds for reflection in the philosophy of law. Yet the shift from subjects (their good intentions, as taught in Universities and reclaimed in the profession) to objects (the products of design, at work within the social system that contains them) engenders an analytical and falsifiable elaboration of the complex mechanisms that an open practice such as design involves.

Theory and practice of architecture

13The Italian legislative parlance defines the project of architecture as “services rendered”: this definition shifts the focus on the instrumental and managerial sides of the contractual relationship between the parts. Professional competence is deployed in the respecting of legislative procedures, thus guaranteeing the social utility of the final product. Undoubtedly, the project of architecture is a technical product that is constituted by a certain number of deliverables – graphic, written or data-based – aimed at describing an object and leading to its faithful execution. The respect of norms and quantitative indicators guarantee, in a sense, the social viability of the project, but cannot nearly exhaust its signification. In the appearance of the project, there lingers an excess of sense, perhaps originating from those primordial facts that tie us to an idea of architecture as measure to space beyond its geometric definition and an escape between collective imageries and individual imagination, before dressing as artistic practice (Mengoni, 2016). “Ardeth” takes its cue from the exhaustion of the legitimating model based on the seduction by the subject-author. Thus, the project of architecture exceeds the subject-author’s narrative; as already Gregotti reasoned from Adorno: «Architecture cannot grasp its autonomy if it lacks heterogeneity» (Gregotti, 2016). The confrontation with heterogeneity is exactly what allows architecture to inhabit history and measures its critical distance to contingent situations. In this way Moneo’s “theoretical anxiety” is born and bred (Moneo, 2004), rooted in and tested through practice. It remains therefore difficult to establish the relationship between experiment as practical test and any possible consideration aimed at generalizing and deducing universal values. It often seems that the specificity of contextual situations overburdens with empirical data any possible making of theory, diverting attention from the construction of a common stance looking to criteria for comparison and unifying paradigms beyond the specific, ineffable authoriality. From this premises, this magazine aims at exploring the different phenomenologies of the performativity of design, that are able to offer convincing answers - in terms of narrative, too – to the social demand concerning the transformation of physical space.

Particular and general

14The specific form of expression of a project of architecture is the representation of a rupture in space and time (Marramao, 1983). Indeed, the facing of the very notion of future or modernization is quite problematic and any reflection on the limits to development as we have known it up to here engender a renewed ability to think about the need to transform city and territory. In fact, it looks as though the very physicality of various forms of anthropization becomes commission in itself, by challenging design techniques to continuously prove the pertinence of their every intervention toward it. Chinese or Latin American megalopolises present quite diverse conditions, as quite different is the condition of the European city which is a unique specimen in itself. Still, it is perhaps such specimen representing the longer continuity of construction of an urban phenomenon, in which the principle overlooking the superimposition of different strata and parts offers the defining principle of an urban form that is substantially inclusive (Gregotti, 1999). Longer time and smaller space, as well as a great variety of geographical-landscape features, seem to define situations in which the confrontation with the legacy from previous times becomes the possible and necessary ground for any proposal for innovation concerned with natural or artificial heritage. In this way, on the one hand the project deals with a longer time of transformation and with a multiplicity of actors, on the other loses its assertive connotation and takes the form of dialogue. Thus, engagement points to a conversation with diverse materials, and taking form becomes a way to explore the world (Barbieri, 2015). In this way, by making explicit the objectives that give progressive form to things, even procedures need to make explicit their implicit project and renovate themselves. The time of uncertainty needs renovated tools for the design and management of physical transformations. It is for these reasons that “Ardeth” originates in Italy, where the second half of the Twentieth Century saw the construction of a specific interpretive paradigm concerning the role of the designer. But “Ardeth” looks to the world, knowing that the problems that affect the practice of design are global, and that the scale and the very nature of design changed perhaps radically at the turn of the century.

The dimension of the project in the 2000s

15The inventory of diverse conditions (Magnani, 2016) appears as the originating form of any possible discourse about reality, as the monitoring of conditions in a world that is entirely surveyed by satellites: the infinitely small and the infinitely big appear all but complementary, and call on design culture for the production of pertinent forms of trans-scalarity. Owning the world through Google Earth does not produce any knowledge that is independent from the way in which satellite registrations are interrogated, and feeds an otherwise illusory feeling of possession that is often exhausted in curiosity. Attempts to envision alternative frames for consumer economy, from green economy to blue economy, from urban metabolism to circular economy, testify to an ongoing research – which is at times ideological – for changed paradigms. The research for a horizon of reference is perhaps what can restore a certain unity. Without a horizon – and consequently without the unknown lying beyond the horizon – there can be no path to tread: «We need to proceed from science to utopia, if we want to jump out of the continuum of history» (Cacciari and Prodi, 2016).

Positioning the project between past and future

16Within a society that has changed the notion of rights into a social convention of property (Olmo, 2013; Dugato, 2016), protecting history and nature offers a guarantee for future stability. It also allows to define the boundaries of the agency of the project of architecture, as contained between the conservation of a status quo looking to the past with nostalgia, and the desire for a future in which the particular can exist in dialogue with the universal.

17By attempting to become a form of exploration of the longer times of urban and regional transformations, the project of architecture picks up the challenge to bring its own methodological and technical contents to new levels of meaning (De Rossi, 2009). «It is critical to recognize how praxis, and the perspective it is carried out from, are in themselves a form of knowledge of the world, and how the world cannot be known if not through the decision to modify it and in the very act of modifying it» (Cacciari and Prodi discussing the work of Lukács; 2016).

18The project of architecture, intended as a tool to assert a sort of “right to earth” developing from the realization that resources are indeed finite, finds reason to be at once accognitive and performative structure as well as a taking on of anthropocentric responsibility.

Uno spazio di pensiero per la teoria del progetto

19La rivista “Ardeth” intende aprire uno spazio di pensiero per la teoria del progetto. Non c’è nostalgia in una tale proposta, piuttosto il desiderio di percorrere terreni che sembrano ignoti o abbandonati nell’epoca della grande incertezza in cui il dato empirico sembra prevalere su qualsiasi altra considerazione. Oggi sembra delinearsi una sovrapposizione a volte confusa fra teoria, poetica, pratica, marketing, autorialità; come se tutti i termini si intrecciassero attorno alla labilità scientifica di un insieme di tecniche che hanno perso la capacità di configurarsi come forme di esplorazione del mondo. Queste categorie sembrano così incapaci di portare contributi di conoscenza generale in un dialogo serrato con altre discipline che condividono la disposizione fra le scienze umane e il lavoro sul campo, fra il politico e la tecnica.

20Da qui si possono riprendere le riflessioni fra interpretazione, argomentazione e prova, per restituire forma problematica all’assertività di indicatori quantitativi come unica forma di descrizione della realtà e indagarne i criteri di legittimazione. “Ardeth” prende le mosse da un ampio e articolato comitato scientifico che rappresenta in sé una precisa forma di intenzionalità: una riflessione sulla nozione stessa di progetto, sulle traiettorie di una possibile utilità sociale, come e con quali forme possa appartenere a un contesto multidisciplinare alla ricerca di rinnovati paradigmi di confronto con la realtà che non siano semplicemente la presa d’atto dei fenomeni in corso.

21Attraverso questa prospettiva si può tentare di abitare alcune contraddizioni. In primo luogo quella tra luogo, come idea di specificità, di contesto fisico e culturale, il dato empirico, come le microstorie, e la ricerca di fondamenti, forse di valori, di valenza universale, fino a esplorare la nozione stessa di civiltà. In secondo luogo quella fra multiculturalismo come riconoscimento, rispetto e tutela della diversità anche nelle configurazioni spaziali-antropologiche, e un impoverimento e manipolazione dell’immaginario nei processi di costruzione di un pensiero unico omologante. Oppure ancora, il conflitto fra un presente senza declinazioni temporali e il tempo lungo delle trasformazioni territoriali con i loro connotati di inerzia e permanenza dei caratteri spaziali e culturali.

Delimitare il campo di indagine

22Con questo primo numero “Ardeth” cerca un proprio posizionamento nel dibattito esistente. È un numero monografico, organizzato attorno a una call tematica che si chiede se il progetto può essere un campo di ricerca scientifica.

23Se per teoria si può intendere, secondo il più banale senso comune, l’esplicitazione o l’esposizione di una concatenazione logica e coerente di un insieme di proposizioni, come considerazioni generalizzanti a conclusione di prove sperimentali, in grado anche di costituirsi come riferimento per prove successive e accettando il rischio della falsificazione, ciò può costituire il campo di lavoro di “Ardeth”. Per molti il venir meno di ogni forma di confronto sugli aspetti teorici del fare corrisponde a sensazioni di maggiore libertà dove finalmente la pratica trionfa libera di orpelli di ogni sorta. Per “Ardeth” il fatto che il progetto si offra come procedimento per ottenere effetti trasformativi significa che può essere oggetto legittimo di studio. E questo senza concessioni all’estetizzazione del frammento o alla riproduzione caleidoscopica della realtà descrivibile come un susseguirsi di situazioni specifiche messe in campo per caratterizzare uno spazio fluttuante infinitamente flessibile.

24Il rischio di queste concessioni è che le cose appaiano naturalizzate e private di ogni nesso causale e il loro apparire alimenti un certo ecumenismo relativistico e indifferente dove, citando Jeff Koons: «l’arte non consiste nel fare un quadro, ma nel venderlo» (Perniola, 2015) e la stessa architettura si riduce a oggetto da collezione all’interno del fenomeno dello star system e del disorientamento di ogni forma di committenza.

25Per le stesse concessioni, all’estremo opposto, le meraviglie della tecnologia applicata alimentano giochi linguistici come figure di una urbanità difficile da decifrare fino alla restituzione, un po’ di anni addietro, della teoria dei frattali come concezione ideale dello spazialità.

26Tutti fenomeni che sono complementari all’impossibilità di restituire una visione coerente delle dinamiche sociali.

27Lo sfondo di un tale tramonto della riflessione teorica è naturalmente costituito da decenni di liberismo esasperato nascosto dietro la retorica della globalizzazione, nonché dai paralleli processi di finanziarizzazione dell’economia fino a impostarne una sorta di autonomia. Una specie di mondo virtuale sempre in tempo reale, ma all’origine della crisi molto concreta che si sta attraversando. Al di là degli aspetti generali a livello macro, ciò ha molto spesso reso i centri decisionali quasi eccentrici e indifferenti rispetto alle questioni territoriali.

28La complementarietà di questi aspetti trova facile sponda nella debolezza e negli incerti orizzonti delle forme e delle modalità di concezione di un adeguato progetto pubblico relativo alle trasformazioni territoriali, intendendo con “pubblico” la ricerca e la dichiarazione del senso della trasformazione progettata e proposta, volta al miglioramento di una determinata situazione spaziale. L’andare oltre certe forme oppositive di descrizione delle dinamiche della trasformazione fisica, da città pubblica contrapposta a città privata, da città nomade contrapposta a città stanziale, fino alle ricerche più recenti relative alla riproposizione di mixité funzionali o ibridazioni tipo-morfologiche si fermano spesso alla soglia analitica e propositiva di buone pratiche, senza fare i conti con alcuni paradigmi inerziali e morfogenetici di un certo modernismo. Questi paradigmi stabiliscono i nessi fra ordine del discorso e ordine dello spazio, dalle forme tassonomiche di descrizione e ordinamento, alla dislocazione di funzioni costruendo parti monofunzionali, alla costruzione di stratificazioni normative relative alle “garanzie”, per la sicurezza, per la proprietà, per la salute che alimentano e consolidano burocrazie addette al controllo più che volte all’operatività. Proprio tali burocrazie contribuiscono inoltre, alla progressiva frammentazione delle competenze, fino a coltivare vere e proprie forme di rimozione mentale rispetto ai fenomeni indotti, dalla produzione dell’energia allo smaltimento di reflui e rifiuti.

29La sensazione di avere strumenti vecchi di fronte a un mondo, se non nuovo, almeno diverso che richiede differenti livelli di responsabilizzazione e adeguate forme di riprogettazione, non trova nella filosofia del diritto un terreno di riflessione adeguato.

30Lo spostamento dell’attenzione dal soggetto (le sue buone intenzioni, insegnate all’Università o evocate nella professione) all’oggetto (i prodotti progettuali, in azione nel sistema sociale che li contiene) comporta una trattazione analitica e falsificabile dei complessi meccanismi che una pratica aperta come quella progettuale comporta.

La teoria e la pratica dell’architettura

31Nella dizione legislativa italiana il progetto di architettura è attualmente definito “prestazione di servizio” spostando con ciò l’attenzione sugli aspetti strumentali e aziendali dell’organizzazione del lavoro e delle relazioni contrattuali tra parti. La competenza è affidata al rispetto delle procedure come forma di garanzia dell’utilità sociale del prodotto. Certo, il progetto di architettura è un prodotto tecnico costituito da un numero vario di elaborati, grafici, scritti o numerici finalizzati alla descrizione di un manufatto per consentirne la esatta e precisa esecuzione. Il rispetto di norme e indicatori quantitativi e prestazionali ne garantiscono, per così dire, l’ammissibilità sociale, ma tutto ciò non riesce a esaurirne gli orizzonti di significato. Nell’apparire del progetto resta una sorta di eccedenza di senso forse riferito agli atti originari e primordiali che ci legano all’idea di architettura, come atto di attribuzione di misura allo spazio riscattandolo dalla sua definizione geometrica o come ricerca di un rifugio, a testimonianza della natura essenzialmente pubblica della figurazione, prima ancora di essere pratica artistica, tra immaginari e immaginazione (Mengoni, 2016). “Ardeth” muove dalla presa d’atto dell’esaurimento del modello di legittimazione del progetto di architettura esclusivamente costruito sulla seduzione del soggetto autore. Dunque un progetto di architettura parla anche d’altro, non si esaurisce solo in giochi linguistici e d’altro canto come già Gregotti (2016) recuperava da Adorno: «l’architettura non coglie la propria autonomia se le manca ciò che è eterogeneo». Proprio il confronto con l’eterogeneo è ciò che alimenta le forme della storicizzazione e la misura della distanza critica con la situazione circostante e contemporanea affrontando la riflessione sulla problematica nozione di miglioramento o di modernizzazione. Così, accettando le numerose ambivalenze di questo confronto, nascono e si nutrono le “inquietudini teoriche” di Moneo (2004), radicate nel fare e verificate facendo, accettandone le numerose ambivalenze. Resta perciò difficile il rapporto fra esperimento assunto come prova pratica e ogni possibile considerazione di carattere generalizzante con pretese di valore universale. Sembra che la specificità delle situazioni contestuali sovraccarichi di dati empirici ogni possibile dire teorico distogliendo l’attenzione dal senso della costruzione di un atteggiamento comune che cerchi criteri di possibili comparazioni e paradigmi unificanti al di là dell’indicibile delle singole autorialità. A partire da questo assunto la rivista intende esplorare le diverse fenomenologie della performatività del progetto in grado di offrire convincenti risposte – anche in termini di narrazione – alla domanda sociale di trasformazione dello spazio fisico.

Particolare e generale

32La forma espressiva specifica di un progetto di architettura è la rappresentazione di una frattura nello spazio e nel tempo (Marramao, 1983). Anzi il confronto con la nozione stessa di futuro o di modernizzazione è assai problematico e proprio le riflessioni sui limiti dello sviluppo che abbiamo conosciuto sembrano animare una rinnovata capacità riflessiva sulla necessità di ogni trasformazione fisica della città e del territorio. Infatti è come se la fisicità stessa delle differenti forme dell’antropizzazione assumesse la forma della committenza, sfidando le tecniche di progetto alla continua verifica di pertinenza di ogni intervento rispetto a essa. Le condizioni delle megalopoli cinesi o sudamericane presentano situazioni assai diversificate le une dalle altre, così come assai differente è la situazione della città europea che è una sorta di campione a sé stante. Tuttavia è il campione che forse presenta il fenomeno urbano con una più lunga continuità di costruzione, dove il principio della compresenza di parti e della sovrapposizione di strati rappresenta, per così dire, il principio identitario di una forma urbana sostanzialmente inclusiva (Gregotti, 1999). Tempo lungo e minor spazio, grande densità di varietà geografico-paesaggistica sembrano delineare i connotati di situazioni in cui il confronto con ciò che si è avuto in eredità dalle epoche precedenti diventa il terreno possibile e necessario di ogni proposta di innovazione che si prenda cura del patrimonio, naturale o artificiale che esso sia. Ciò facendo, da un lato il progetto si confronta anche con un tempo lungo della trasformazione e con una molteplicità di attori, dall’altro perde connotati assertivi per assumere una struttura formale dialogante. Così prendersi cura significa accettare il confronto-dialogo con materiali diversificati e assumere forma diventa un modo per esplorare il mondo (Barbieri, 2015). Rovesciando le carte in tavola si può anche rimettere in discussione la natura morfogenetica di consuetudini e norme di garanzia che fissano le regole del gioco. In tal modo, rendendo espliciti gli obiettivi che progressivamente danno forma alle cose, anche le procedure sono costrette a rendere esplicito il loro progetto occulto e a rigenerarsi. Il tempo dell’attesa o dell’incertezza ha bisogno di rinnovati strumenti di progetto e governo delle trasformazioni fisiche. È per questi motivi che “Ardeth” nasce in Italia, il luogo dove nel corso del secondo novecento si è costruito un particolare paradigma interpretativo del ruolo del progettista. Ma “Ardeth” si rivolge al mondo, consapevole che i problemi della pratica del progetto riguardano le sfide urbane globali, e che la scala e la natura stessa del progetto è forse radicalmente mutata al volgere del secolo.

La dimensione del progetto negli anni 2000

33L’inventario della diversità delle condizioni sembra la forma aurorale di ogni possibilità di discorso sulla realtà (Magnani, 2016), così come il monitoraggio dei fenomeni in un mondo interamente sorvegliato da un numero rilevante di satelliti, l’estremamente piccolo e l’enormemente grande appaiono del tutto complementari chiedendo a un’adeguata cultura di progetto forme pertinenti di transcalarità. L’illusione di possedere il mondo attraverso Google Earth non produce conoscenza indipendente dalla domanda con cui le registrazioni dei satelliti vengono interrogate, in caso contrario alimenta un’illusione di possesso che spesso si dissolve nella curiosità turistica. I tentativi iterati di dar forma a visioni alternative all’economia dei consumi, dalla green economy alla blu economy, dal metabolismo urbano fino all’economia circolare rappresentano le testimonianze di una ricerca, a volte ideologica, di mutamento di paradigmi di orientamento. La ricerca di un orizzonte di riferimento è forse ciò che può restituire unitarietà di quadro all’elenco delle diversità e all’approfondimento della specificità di tempo e spazio. Senza un orizzonte, e quindi senza il senso dell’ignoto che sta al di là dell’orizzonte, non si dà un “tendere verso”, non c’è percorso da compiere; «Dalla scienza occorre procedere all’utopia, se dal continuum della storia vogliamo saltar fuori» (Cacciari e Prodi, 2016).

Una presa di posizione del progetto fra passato e futuro

34I processi di patrimonializzazione della storia e della natura rappresentano un fenomeno universale di riferimento per qualsiasi progetto. In una società che ha traslato la nozione di diritto alla convenzione sociale di proprietà (Olmo, 2013; Dugato, 2016), il progetto di architettura che non voglia solo fornire risposte a domande precostituite, ma si ponga il problema di contribuire a riformulare la domanda affronta l’incerto terreno della affermazione di valori (Schmitt, 2008) e la ricerca di rinnovati criteri di legittimazione. All’interno di questo nodo si gioca la partita fra la nostalgia per lo status quo e la riattivazione del desiderio di un futuro in cui collocare i caratteri delle singolarità in un quadro di riferimenti universali valorizzandone le particolarità in un infinito dialogo senza soluzioni precostituite.

35Accettando di delinearsi come forma specifica di esplorazione anche del tempo lungo delle trasformazioni urbane e territoriali il progetto di architettura affronta la sfida di portare i propri contenuti metodologici e tecnici all’interno di narrazioni di nuovi orizzonti di senso (De Rossi, 2009). “Occorre riconoscere come proprio la prassi, e il punto di vista che la determina, siano in sé conoscenza del mondo, come del mondo non si dia altra conoscenza attraverso la decisione di modificarlo e nell’atto di modificarlo” (Cacciari e Prodi, 2016, sull’opera di Lukács).

36Il progetto di architettura inteso come strumento di esplicitazione di una sorta di “diritto della terra”, a partire dalla constatazione della finitezza delle risorse comprese fra il sottosuolo e il cosmo ritrova all’unisono le ragioni di essere struttura cognitiva oltre che performativa. Di fronte, si trova le progressive condizioni di artificializzazione del supporto, di cui la naturalità è parte integrante, e processi di infrastrutturazione intendendo per infrastruttura «insieme di impianti pubblici e di beni materiali al servizio della collettività che non producono direttamente reddito ma costituiscono la base dello sviluppo economico e sociale di un paese...insieme di attività che contribuiscono allo sviluppo di un paese mediante l’accrescimento delle sue conoscenze» (De Mauro, 2000), che richiedono nuovi orizzonti di riferimento legati alle nozioni di memoria, benessere e prendersi cura come forme di una rinnovata assunzione di responsabilità antropocentrica.

Top of page

Bibliography

Armando, A. e Durbiano, G. (2017), Teoria del progetto architettonico. Dai disegni agli effetti, Roma, Carocci.

Barbieri, P. (2015), Geocittà?, Barcellona, List Lab.

Cacciari, M., Prodi, P. (2016), Occidente senza utopie, Bologna, il Mulino.

De Mauro, T. (2000), Dizionario della lingua italiana, Milano, Paravia Bruno Mondadori Editore.

De Rossi, A. (a cura di) (2009), Grande scala, Barcellona, List Lab.

Dugato, M. (2016). Dai beni al patrimonio, in Marini, S., Roversi Monaco, M. (a cura di), Patrimoni, il futuro della memoria, Milano-Udine, Mimesis.

Gregotti, V. (1999), Identità e crisi della città europea, Torino, Einaudi.

Magnani, C. (2016), Un nuovo committente, in M. Vanore (a cura di), Necessità dell’oblio, patrimoni e paesaggi costruiti sull’acqua, Milano-Udine, Mimesis.

Marramao, G. (1983), Potere e secolarizzazione, Roma, Editori Riuniti.

Mengoni, A. (2016), Introduzione. Immaginari e progetto, in Mengoni, A., Rakowitz, G. (a cura di) Immaginari e progetto, Milano-Udine, Mimesis.

Moneo, R. (2004), Inquietud teòrica y estradegia proyectual, Barcellona, Actar.

Olmo, C. (2013), Architettura e storia, Roma, Donzelli Editore.

Perniola, M. (2015). L’arte espansa, Torino, Einaudi.

Schmitt, C. (2008). La tirannia dei valori, Milano, Adelphi.

Top of page

References

Bibliographical reference

Carlo Magnani, “Architectural Design Theory”Ardeth, 1 | 2017, 19-29.

Electronic reference

Carlo Magnani, “Architectural Design Theory”Ardeth [Online], 1 | 2017, Online since 01 October 2017, connection on 27 January 2021. URL: http://journals.openedition.org/ardeth/947

Top of page

About the author

Carlo Magnani

Università IUAV di Venezia. – carlo.magnani@iuav.it

By this author

Top of page

Copyright

CC BY-NC-ND 4.0

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search