Navigation – Plan du site

AccueilNuméros21Comptes rendusCino da Pistoia nella storia dell...

Comptes rendus

Cino da Pistoia nella storia della poesia italiana, Rossend Arqués et Silvia Tranfaglia (éds), Firenze, Cesati, « Quaderni della Rassegna » 120, 2016, 287 p.

Anna Bardazzi
p. 163-167

Texte intégral

1Nell’ultimo decennio gli studi su Cino da Pistoia e il suo canzoniere hanno ricevuto un impulso significativo. Il volume che qui si segnala contiene gli atti del convegno internazionale, organizzato dalla Societat Catalana d’Estudios Dantescos (SCED) a Barcellona nell’ottobre del 2014, che aveva l’obiettivo di svolgere uno studio sia sul piano sincronico, nel quale si può scorgere Cino come acceso corrispondente con le personalità più significative del suo tempo, sia sul piano diacronico, per un’analisi più attenta dell’opera ciniana nel panorama lirico del Duecento e del Trecento. Come scrivono i curatori, « la varietà e la ricchezza dei contributi raccolti […] si offre […] come aperta e – per molti versi – inedita proposta di indagine intorno ai nodi cruciali di un dibattito culturale, eterogeneo e complesso, che, a cavallo tra Due e Trecento, segna l’atto fondativo della letteratura in lingua del sì e – più specificamente – della possibilità stessa del dire in versi » (p. 13).

2I vari contributi critici promettono dunque un esame approfondito di alcune tematiche e caratteristiche inerenti alla figura del Pistoiese. Vediamoli nel particolare. Nel contributo Cino pensoso (p. 27-44), Eduard Vilella colloca Cino all’interno dell’asse della “poetica del pensare” che sarà determinante specialmente da Petrarca in poi. La condizione assorta è un tratto ricorrente nella letteratura romanza e trova un cultore fedele in Cino, che si definisce in diversi momenti delle sue rime con l’attributo “pensoso”. Così questa « propensione ciniana all’interiorità » non solo è « tratto distintivo di Cino, ma uno degli elementi di novità del suo universo poetico ». Anche il saggio di Giuseppe Ledda, Cino da Pistoia e il rifiuto dell’ineffabilità (p. 45-60) consegue un ruolo importante all’interno del volume dal momento che affronta e discute un tema, la topica dell’ineffabilità, che l’autore ha già ampiamente studiato in Dante, ma sul quale mancano ancora studi sufficienti per gli stilnovisti. Ledda ci rivela una “refrattarietà” da parte del pistoiese alla dichiarazione di ineffabilità, anche in quei sonetti « costruiti su uno dei motivi più tipici dello stilnovo, quello dell’apparizione miracolosa della donna e dei suoi effetti non solo sull’amante ma sul mondo intero », nei quali « manca solo l’ineffabilità ». Cino depotenzia tutte le varietà del topos, le rifunzionalizza, e le priva del tono prettamente mistico che si ritrova in Dante.

3Altro saggio che delinea un aspetto della fisionomia poetica di Cino da Pistoia è Il motivo della donna nero-velata in Cino ed epigoni di Leyla Livraghi (p. 185-208) ; al motivo della donna in lutto è dedicato un ciclo di sei sonetti nell’edizione Marti (CXII-CXVII), e il tema sembra aver trovato la sua prima espressione in Cino. Nella sua indagine, Livraghi fa riferimento alle possibili fonti di ispirazione a cui attingeva Cino : innanzitutto fonti dantesche, ad esempio quelle tratte dal libello – in particolare nel capitolo 3 della numerazione Gorni – in cui emerge il tema del lutto dopo il celebre sogno descritto nel sonetto A ciascun alma presa e gentil core ; anche il capitolo 13 è significativo, poiché vi viene annunciata la morte del padre di Beatrice, e l’intero capitolo è segnato dal lutto subìto dalla figlia, lutto condiviso dall’amante che si immedesima nei sentimenti della donna. Anche l’influsso della tradizione mariana è significativo : tuttavia, come nota Livraghi, « quando si ragiona sui prodotti di una poesia a lungo considerata spregiativamente come “popolare” », « ci si scontra con l’inevitabile carenza di testimonianze ». Dunque, è possibile confrontare il ciclo ciniano con testi tardo trecenteschi, dello stesso tenore delle presunte fonti ciniane : un esempio è la Passione del Cicerchia (1364), del quale la studiosa analizza le ottave 95-96, in cui viene illustrato il momento in cui le donne apprendono della condanna di Gesù e la Maddalena consegna a Maria gli abiti da lutto. La studiosa mette in evidenza che « la divisa della vedovanza, gli abiti scuri, emblema del dolore che rappresenta indossarli, diventano espressione di uno stato interiore esclusivo e assoluto. I particolari del mantello, del velo e del vestito sono tutti elementi variamente descritti nel ciclo ciniano. Nello specifico, la “bruna vesta” (95, 8) ha un riscontro preciso nella “scura vesta” di Molte fiate Amor, v. 5 […], mentre il “nero manto” (95, 5) corrisponde all’“amanto negro” di Amico, s’egualmente, v. 4 » (p. 198). In seguito, illustra la fortuna che questo tema ha guadagnato nella lirica trecentesca, rendendo atto a Cino di averlo rimodulato e di avervi introdotto elementi di originalità. Livraghi cita le riprese forse più note del motivo ciniano, per esempio il verso 26 della prima parte del Filostrato di Boccaccio, oppure il sonetto di Niccolò de’ Rossi Se’ tu Dante, oi anema beata che rappresenta la donna amata da Dante come « una honestate vestita di nero », calco dal sonetto ciniano Molte fiate Amor.

4La stessa Livraghi definisce Cino come un « poeta multiforme […] ma aperto allo stesso tempo a spunti più tradizionali, capace infine di superare gli schematismi stilnovistici », e questa definizione si può congiungere a quella di un’altra studiosa che ha preso parte al convegno, Maria Rita Traina, la quale nel contributo Per sentieri periferici. Cino da Pistoia comico (p. 125-142) lo descrive come « poeta capace di slittare tra diversi registri » : oggetto del suo studio è infatti l’analisi di un aspetto della poetica ciniana non ancora indagato dalla critica, ovvero la comicità. Dopo una panoramica sul significato di “comico” nella letteratura italiana del Medioevo, la Traina afferma che « di Cino comico si deve parlare, pur tenendo a mente che bisogna procedere ad un’analisi caso per caso, anzi, sottogenere per sottogenere ». Infatti, si può distinguere tra il Cino comico delle corrispondenze e il Cino comico dei sonetti sciolti. Perciò, questo contributo originale di Maria Rita Traina attesta che, all’interno delle periferie del corpus ciniano, è possibile trovare aspetti ed eversioni che si allontanano, seppur di poco, da quella dulcis subtilitas, tanto cara a Dante, tipica della poetica ciniana.

5Altri contributi si volgono ad approfondire la lettura di alcuni dei componimenti più famosi del pistoiese ; interessante, per esempio, il saggio di Catherine M. Keen, Deh quando rivedrò il dolce paese » : considerazioni tematiche e formali sulla satira ciniana (p. 143-152), che si incentra sulla celebre canzone anti-napoletana di Cino, nota come « una delle prime liriche volgari italiane che si auto-definisce satira », stile inconsueto della poesia lirica e che permette al poeta di inserirsi in una tradizione di letteratura di tipo morale che ha le sue origini in epoca classica ; secondo la Keen, Cino sembra divertirsi a « rovesciare le aspettative del lettore, che si attenderebbe ben altro da una lirica che si apre con un lamento elegante, “Deh, quando rivedrò ?” ». Come nel saggio di Livraghi, anche qui emerge un aspetto diverso della poeticità di Cino ; egli non si limita alla tematica amorosa, ma, dando voce alla nuda verità del genere della satira dipingendo Napoli come un luogo moralmente arido e corrotto, in questa canzone si rivela anche come poeta di rettitudine, cantor rectitudinis, somigliando così al suo amico che in tal modo si definisce nel De vulgari eloquentia. Nel suo contributo L’ignoranza dell’“artista”. « Qua’ son le cose vostre ch’io vi tolgo » di Cino da Pistoia (p. 233-45), Rossend Arqués si propone di rileggere il sonetto nel quale Cino risponde alle accuse di plagio, non pervenute, da parte di Guido Cavalcanti. Arqués offre una interpretazione del componimento alla luce dell’antiaristotelismo dei secoli xiii e xiv, individuando alcuni nuclei lessicali importanti all’interno della polemica (quale « artista » ed « ignoranza ») ; emerge così che « nel sonetto vengono contrapposti con tutt’evidenza due modi di fare letteratura, se non addirittura due diverse visioni culturali o di mentalità ». Quindi, due linguaggi poetici differenti tra loro che dipendono, in gran parte, dal discordante pensiero filosofico e critico dei due autori.

6Sul problema dell’attribuzione a Cino del sonetto Naturalmente chere ogni amadore, la cui paternità è contesa tra Cino e Terino da Castelfiorentino, torna Raffaele Pinto, il quale sostiene che il sonetto sia da attribuire a Cino (« Naturalmente chere ogne amadore » e il dialogo fra Cino, Dante e Guido, p. 61-74). Nel suo contributo, Pinto elenca i vari argomenti in favore della paternità ciniana, mettendo in luce la « rete intertestuale che Cino […] ricostruisce, che parte dal Notaro e attraverso Dante arriva fino a lui stesso », la quale si rende evidente in questo sonetto di risposta al dantesco A ciascun’alma presa e gentil core. Lo studioso si concentra, in particolare, sulla propensione, da parte della poetica ciniana, al “sincretismo” dei linguaggi poetici dei suoi contemporanei e di quelli che lo hanno preceduto (per esempio quelli di Giacomo da Lentini, di Cavalcanti e di Dante), affermando che questa mescolanza di stili altrui, tipica del pistoiese, ha il solo scopo di conciliare i due poeti maggiori del gruppo (Dante e Cavalcanti) e di « evitare la contrapposizione fra le rispettive poetiche ». Infatti, riprendendo un giudizio di Aurelio Roncaglia del 1976, Pinto riconosce a Cino non solo il ruolo di essere un nesso fra Dante e Petrarca e fra il Notaro e Dante, ma anche di essere mediatore fra Dante e Guido Cavalcanti, poiché il suo linguaggio lirico è impregnato di echi danteschi coniugati con quelli cavalcantiani, quasi ignorando, quindi, la differenza significativa fra le due poetiche ; lo scopo è quello di « preservare l’unità del gruppo contro le tensioni disgregatrici, che provengono soprattutto da Guido ».

7Nel volume occupano del resto una parte rilevante i contributi incentrati sullo scambio ciniano con Dante e i rapporti tra i due corrispondenti ; in primo luogo, lo studio di Enrico Fenzi, Intorno alla prima corrispondenza tra Cino e Dante : la canzone per la morte di Beatrice e i sonetti « Perch’io non truovo chi meco ragioni » e « Dante, i’ non odo in qual albergo soni » (p. 75-97) si concentra sulla celeberrima canzone consolatoria che Cino scrive per Dante in morte di Beatrice (Avegna ched el m’aggia). La lettura della Vita Nuova da parte di Cino appare confermata dal testo di questa canzone, ricolmo di motivi tipici del libello. La consolatio ciniana viene analizzata precisamente da Fenzi, con rimandi ai topoi antichi del genere sia di ambito cristiano che classico. Tuttavia, come afferma lo studioso, « quella di Cino ha contenuti affatto speciali, tagliati su misura, viene voglia di dire, su Dante », poiché la canzone per la morte di Beatrice ha come primo modello il Dante della Vita Nuova, ed è tramata di vere e proprie citazioni dello stesso. La canzone offre vari spunti e tematiche su cui Fenzi si concentra ; ma è necessario soffermarci su quello che è il nucleo centrale della consolatio, ovvero, come scrive Fenzi, « Il rinfacciare a Dante, ricorrendo alle sue stesse parole, la sua quasi infinita grandezza, la trascendente superiorità del suo spirito che ha potuto realizzarsi proprio e solo attraverso l’assunzione in cielo di Beatrice che ora, in Cino, diventa essenzialmente “figura” di tale superiorità e sublimità. Di che dunque Dante deve piangere ? Se ciò non lo consola, diremmo, cosa mai potrà consolarlo ? ».

8In appendice al suo saggio, Fenzi affronta poi due sonetti – Perch’io non trovo di Dante, e Dante, i’ non odo di Cino – che aiutano a comprendere meglio il rapporto tra i due poeti in quel particolare periodo ; con questi sonetti e la canzone, siamo in un momento di passaggio decisivo del suo percorso vissuto dopo la composizione della Vita nuova. Del dialogo tra Dante e Cino parla anche Sabrina Ferrara nell’intervento « Io mi credea del tutto esser partito » : il distacco di Dante da Cino (p. 99-111), nel quale viene argomentata la corrispondenza conclusiva tra i due poeti e l’allontanamento da parte di Dante. Tuttavia, nonostante l’allontanamento fisico e intellettuale dei due, alla morte di Dante (avvenuta anni dopo) Cino dimostra per l’ultima volta un’alta stima nei suoi confronti con la canzone Su per la costa, Amor, de l’alto monte, segno di un’amicizia che, almeno da parte del pistoiese, è rimasta inalterata.

9Proprio riprendendo questo commosso planctus ciniano, Silvia Tranfaglia, nell’intervento Cino all’ombra delle “petrose” (p. 113-24), studia la ripresa degli schemi metrici delle “petrose” dantesche e l’attenzione che Cino mostra nei confronti di questo ciclo di rime. Emerge, quindi, un altro aspetto dell’eterogeneo universo poetico ciniano, colmo di rimandi non solo alla Vita nuova, ma anche ad altre esperienze dell’amico fiorentino ; oltre alle “petrose”, un luogo della sperimentazione dantesca frequentato da Cino è la Commedia, la quale è ripresa nella canzone in morte di Dante « sin dall’incipit, dalla fertile costa d’alto monte di Pd IX, 45, che risuona nel verso d’apertura, e che iscrive la canzone ciniana in un tributo totale all’arte e al verbo danteschi ».

10L’esperienza amorosa di Cino non fu condivisa solamente con Dante, ma anche con vari suoi contemporanei che partecipavano al vivo dibattito sulla signoria di Amore ; proprio questo dibattito è oggetto di Compagni e avversari corrispondenti di Cino di Marcello Ciccuto (p. 153-70), il quale affronta soprattutto il nodo importante dell’incostanza o della “volgibilità” rimproverata a Cino da parte dei diversi interlocutori.

11Giuseppe Marrani e Martina Mazzetti si concentrano, invece, sulla notevole ricezione trecentesca della poesia ciniana ; in particolare, Marrani analizza il successo che ha avuto Cino « nell’indirizzare il gusto della lirica amorosa trecentesca, soprattutto per il suo imporsi come modello di uno “stilnovismo” via via sempre più lontano dalle alte speculazioni filosofiche […] in favore di una lirica d’amore che si configura sostanzialmente come illustrazione delle dinamiche di un’interiorità e sconvolta dalla presenza di Eros » (Cino, lo Stilnovo e il Trecento italiano, p. 171-85).

12L’analisi di Marrani si affina citando alcune raccolte di lirici trecenteschi ricolme di motivi ciniani come il canzoniere di Nicolò de’ Rossi (curato da Brugnolo) o le note dei commenti all’edizione critica delle rime di Giovanni Quirini, recentemente pubblicata da Elena Maria Duso. Tuttavia, l’impatto della lirica ciniana sul panorama poetico trecentesco deve ancora essere descritto appieno poiché, sebbene possiamo dire che dell’esperienza poetica ciniana Petrarca rappresenta l’esito, attualmente gli studi sui lirici trecenteschi “minori” sono esigui.

13Anche Giovanni Boccaccio ha frequentato le Rime ciniane e i suoi rapporti con la poesia di Cino, e con Cino stesso, sono indagati nel saggio di Martina Mazzetti, Boccaccio e Cino. La costruzione di una poetica tra riscritture, echi e (false) parodie (p. 209-232) ; rapporti che sono stati oggetto di numerosi studi e che sono incerti ancora ad oggi. Nelle opere boccaccesche il nome di Cino non viene citato di frequente ma la sua presenza è evocata, nonostante il Boccaccio non gli dedichi novelle o rime. Un esempio di quanto la poesia di Cino abbia influenzato il lavoro poetico del giovane certaldese si può notare nella ripresa entro il Filostrato della ballata ciniana La dolce vista e ’l bel guardo soave : il monologo del giovane Troiolo è costruito fedelmente, per le prime quattro ottave, sulle quattro stanze della canzone ciniana (la I, II, IV e V). Inoltre, Boccaccio si appropria dello schema metrico ciniano (ABABBccdD) e lo trasforma in quello dell’ottava (ABABABCC), compiendo una vera e propria riscrittura della ballata ciniana. Benché nessuna novella del Decameron venga dedicata a Cino esplicitamente, si possono trovare elementi che evocano il pistoiese in novelle quali la quinta della terza giornata, ambientata a Pistoia, che fa riferimento alla famiglia dei Vergiolesi, potente famiglia ghibellina alla quale apparteneva Selvaggia, donna amata da Cino.

14È necessario citare, infine, il saggio di Marco Berisso intitolato Approssimazioni alla metrica di Cino da Pistoia (e a Cino prestilnovista) (p. 15-26), un interessante approccio alla facies metrica del canzoniere di Cino. Lo studio riporta alcuni esempi della morfologia dei sonetti e delle canzoni ciniane ; per quanto riguarda il sonetto, « risulta in Cino una variabilità di schemi tutt’altro che banale e che non ha riscontro né in Cavalcanti né in Dante », ovvero si possono attestare sedici schemi diversi, i quali hanno anche attirato l’attenzione di Petrarca, debitore di Cino in alcune parti del sistema metrico del Canzoniere. Tuttavia, Berisso non analizza solamente il Cino che « apre agli sviluppi trecenteschi della forma-sonetto », ma anche il Cino che riprende elementi prestilnovistici, predanteschi ; infatti, frequente in Cino è la tipologia di sonetto “continuo”, schema che si trova attestato nella Toscana prima di Dante. Elementi di una facies arcaica, predantesca, si possono trovare anche nella canzone ciniana, una sorta di “compromesso” tra vecchi e nuovi modelli. Altro elemento di rilievo è l’imitazione dantesca che, da parte di Cino, non si ha solamente nel testo, ma anche sub specie metrica. Esempio di questo è la ripresa dello schema metrico delle rime “petrose”, in particolare di Così nel mio parlar vogli’ esser aspro nella canzone per la morte di Dante. Quindi, per quel che riguarda il versante metrico (e non solo) della poesia ciniana si possono attestare non unicamente innovazioni o echi dei suoi prediletti contemporanei, quali Dante e Cavalcanti, ma anche elementi di sopravvivenza di una tradizione precedente a lui, rendendolo un poeta capace di abbracciare molteplici, se non tutti, aspetti della lirica italiana delle origini.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Anna Bardazzi, « Cino da Pistoia nella storia della poesia italiana, Rossend Arqués et Silvia Tranfaglia (éds), Firenze, Cesati, « Quaderni della Rassegna » 120, 2016, 287 p. »Arzanà, 21 | -1, 163-167.

Référence électronique

Anna Bardazzi, « Cino da Pistoia nella storia della poesia italiana, Rossend Arqués et Silvia Tranfaglia (éds), Firenze, Cesati, « Quaderni della Rassegna » 120, 2016, 287 p. »Arzanà [En ligne], 21 | 2020, mis en ligne le 02 juillet 2020, consulté le 22 avril 2021. URL : http://journals.openedition.org/arzana/1366 ; DOI : https://doi.org/10.4000/arzana.1366

Haut de page

Auteur

Anna Bardazzi

Università di Torino

Haut de page

Droits d’auteur

Presses Sorbonne Nouvelle

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search