Navigation – Plan du site

AccueilNuméros21Dossier: Les "Epystole" de Pétrar...Le Epystole : una raccolta sfortu...

Dossier: Les "Epystole" de Pétrarque: état des lieux et dernières avancées

Le Epystole : una raccolta sfortunata ?

Les Epystole : un recueil malheureux ?
Alessia Valenti
p. 70-76

Résumés

L’article introduit le dossier Arzanà dédié aux Epystole, en présentant sommairement l’état éditorial du recueil. Il faut lier le manque d’intérêt pour les Metriche à l’absence chronique d’éditions et de traductions intégrales : les dernières, pour l’Italie, sont d’une part celle organisée par Domenico Rossetti dans les années trente du xixe siècle et, d’autre part, celle éditée par Raffaele Argenio, provisoire et publiée posthume. Considéré inachevé par Enrico Bianchi et ensuite par d’autres, on sait aujourd’hui que le recueil a été complété, révisé et finalement publié par Pétrarque grâce aux études de Michele Feo, dont sont rappelées les conclusions, en particulier en ce qui concerne l’histoire rédactionnelle du texte.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 La corretta datazione di Fam. XXII 3 si deve a Michele Feo, « Fili petrarcheschi », Rinascimento, (...)
  • 2 Oltre alla familiare citata che accompagnava la raccolta a Barbato, così Petrarca dichiara anche (...)
  • 3 V. Michele Feo, « Fili… », cit. Per le metriche escluse dalla raccolta, insieme al classico Ernes (...)
  • 4 Per la bibliografia di Feo v. infra.

1In un momento imprecisabile tra la fine di gennaio e i primi di ottobre del 1364 Petrarca inviava a Barbato da Sulmona la raccolta completa delle sue epistole in versi, accompagnandola con la Fam. XXII 31. La dedica all’amico risaliva però ad anni prima, precisamente al gennaio del 1350, quando da Padova Petrarca firmava Fam. I 1, in cui stabiliva che, delle poesie di vario genere e delle lettere salvate dal fuoco, le prime sarebbero toccate al suo Barbato, le altre a Socrate. Diversamente da quanto si è a lungo sostenuto, infatti, Petrarca completò la raccolta di metriche cui aveva iniziato a lavorare intorno al 1350, licenziandola dopo lunghi anni di revisione e di correzione con il titolo di Epystole : l’opera risultava divisa in tre libri e composta di sessantasei testi, secondo una seriazione rispettata in alcune delle stampe cinquecentine ma non in tutte le antologie moderne. Le lettere, che come Petrarca non manca di ricordare più volte erano in gran parte già in circolazione2, furono trascelte dal corpus complessivo delle epistole in versi sulla base di un criterio di uniformità metrica : nell’opera sono accolte infatti soltanto epistole in esametri3. Completata, corretta, pubblicata, poi ancora rivista : è questo, per sommi capi, il quadro complessivo della raccolta che ci consegna Michele Feo, editore in carica per l’Edizione Nazionale4.

  • 5 Francesco Stella, « La grammatica dello spazio nel Petrarca latino : le ‘Epistole’ e i loro inter (...)
  • 6 L’accertamento del titolo corretto della raccolta si deve a Feo, « Fili… », cit.
  • 7 Francesco Petrarca, Le epistole metriche : introduzione, testo critico e traduzione, a cura di Ra (...)
  • 8 Francesco Petrarca, Epistulae metricae. Briefe in Versen, herausgegeben von Otto und Eva Schönber (...)
  • 9 Per una rapida recensione all’edizione, si veda Marcello Ciccuto, « Le Metricae di Petrarca », It (...)

2« Afflitte da uno sventurato incrocio fra irreperibilità libraria, ossessione filologica e latenza critica »5, le Epystole, ancora troppo spesso citate come Epystole metrice6, si contano però tra le opere meno lette e studiate di Petrarca. A pesare è soprattutto la situazione editoriale dell’opera : ancora oggi, manca infatti un’edizione critica che renda conto della lettera del testo e dei processi variantistici che sappiamo averlo interessato. In Italia manca, più in generale, un’edizione dove poter leggere queste lettere al completo : la più recente, le Epistole metriche curate da Raffaele Argenio, uscita postuma (post 1972) con testo critico e traduzione a fronte, risulta praticamente introvabile7. Per il testo latino si può fare ormai riferimento a quello allestito da Otto ed Eva Schönberger e pubblicato nel 2004 in un’edizione – non critica – con traduzione in lingua tedesca8. Se la puntualità dei due editori nel consegnarcela entro il settimo centenario dalla nascita di Petrarca non assolve il lavoro da imprecisioni anche grossolane, e già a partire dal titolo, che campeggia in copertina nella forma vulgata (Epistulae metricae), bisogna constatare pure che si tratta dell’unica edizione a disposizione degli studiosi, quella, di fatto, a cui oggi si ricorre, e che ha il merito non banale di rendere accessibile la raccolta intera nell’ordinamento d’autore9.

  • 10 Francisci Petrarchae Poëmata minora quae extant omnia nunc primo ad trutinam revocata ac recensit (...)
  • 11 La citazione a testo è tratta dal Discorso preliminare, in Poesie minori, cit., vol. i, p. viii-i (...)
  • 12 Discorso preliminare, in Poesie minori, cit., vol. i, p. viii.
  • 13 V. n. 10.

3Fino alla sua uscita, in Italia facevano testo i volumi allestiti da Domenico de’ Rossetti da Scander. Le Poesie minori del Petrarca sul testo latino ora corretto volgarizzate da poeti viventi o da poco defunti uscirono tra il 1830 e il 1834 dopo un accidentato iter editoriale : vi parteciparono, tra rinunce e avvicendamenti, più di trenta poeti, che tradussero in vario metro le Epistole e le Egloghe, cui nel progetto originario doveva affiancarsi anche l’Africa10. Rossetti, che si scusava coi lettori di « non piccarsi di profonda latina filologia », aveva ricostruito il testo come meglio poteva, rivedendo la cinquecentina basileense del 1581 su un manoscritto della sua biblioteca e aiutandosi con le correzioni proposte dai traduttori più disponibili, insieme a quelle di un collaboratore dello stampatore11. Procurare un’edizione leggibile per quelle poesie « affatto dimenticate ed ultimamente sprezzate del tutto », procurarla servendosi di nomi eccellenti dell’Ottocento letterario italiano, era del resto l’intento difeso nel Discorso preliminare dalle accuse di pressappochismo12. La « patria impresa » di Rossetti appare oggi come un’operazione di straordinario valore culturale e anche politico – come tale, infatti, messa al centro di studi e indagini recenti13 – ma quel testo e quelle traduzioni risultano per noi ormai irricevibili, per ragioni che vanno dai fitti errori che costellano il testo all’arbitrario smembramento del corpus, fino alla libertà di traduzione che si accordarono i poeti chiamati a quel compito. Da allora, in Italia, non si pubblicarono altre edizioni integrali, fatta eccezione per quella ‘fantasma’ di Argenio.

  • 14 Francesco Petrarca, Rime, Trionfi e poesie latine, a cura di Francesco Neri, Guido Martellotti, E (...)
  • 15 I lavori di Bianchi si protrassero per quasi un cinquantennio. Cominciati prima dell’inizio della (...)
  • 16 Per la confutazione di Bianchi si veda Michele Feo, « Fili… », cit.
  • 17 Ma nel gruppo Epyst. III 13-34 fanno eccezione la III 17 e la III 29. I ms. adoperati da Bianchi (...)
  • 18 « Inutile dire che nessun ms. testimonia un testo delle Epystole che si arresti alla III 12 », è (...)
  • 19 Ibid., p. 57.

4Uscirono però diverse antologie. Tra queste, quella curata per Ricciardi da Enrico Bianchi, incaricato dell’edizione critica per conto della Commissione per l’Edizione Nazionale14. A Bianchi si deve l’ipotesi, che ebbe poi ampio corso, secondo la quale Petrarca non portò a compimento la raccolta delle Epystole : secondo l’editore, fu infatti per le solerti cure dei discepoli padovani che nacque, postumo, il libro delle Epystole (ancora Metriche)15. Da cosa l’ipotesi ? Da una cattiva ricostruzione della tradizione del testo, sappiamo da Feo16. Portato ad affidarsi ai codici « migliori », « più prossimi all’originale », che tali però non erano, Bianchi ipotizzò che Petrarca non arrivasse a dare forma definitiva alla raccolta. L’ipotesi dipendeva dalla discordanza dei destinatari delle lettere nelle rubriche e da quella nell’ordinamento dei testi nei codici scelti. E trovava conferma, secondo Bianchi, nel disordine cronologico dell’opera, dove le lettere « si seguono senza un chiaro ordine cronologico », che « se è all’incirca osservato nella prima parte dell’opera, da un certo punto in poi manca affatto ». Tanto più che la tradizione non ha conservato redazioni successive per le lettere dalla III 13 alla III 34, com’è invece il caso di numerose altre17. La constatazione lo autorizzava prima a pensare che queste lettere fossero inserite nella raccolta « così com’erano, senza correzioni o adattamenti », ripescate tra le lettere un tempo rifiutate, quindi accolte per esser corrette, poi a credere tutta l’opera non conclusa. Una mancata (tale supposta) revisione finale veniva così a coincidere per l’editore con l’incompiutezza tout court del libro. De fil en aiguille, Bianchi sostenne anche che Petrarca non arrivò mai a pubblicare la raccolta : a lasciare qualche margine di possibilità, ipotizzò che le Epystole venissero divulgate soltanto in parte, i primi due libri e parte del terzo, fino a Epyst. III 1218. Barbato moriva infatti nel 1363, e di lì a poco – pochissimo, secondo i calcoli dell’editore – Petrarca ne riceveva notizia da quello che noi, ormai, sappiamo essere Giovanni Quatrario19. La ‘logica’ deduzione era che Petrarca dovesse a quel punto decidere di non spedirgli più, come pure gli aveva promesso, il plico con le metriche e la Fam. XXII 3 (parimenti assegnata al 1363), perché Barbato non avrebbe ormai potuto più leggerle. L’ipotesi che la lettera, insieme con il codice delle Metriche, potesse non aver raggiunto Barbato diventava indizio sicuro di mancata pubblicazione.

  • 20 L’editore ha però pubblicato il testo provvisorio di Epyst. II 11 (« Di alcuni rusticani cestelli (...)
  • 21 La ricostruzione di Feo lascia aperta la possibilità che Barbato facesse in tempo a leggere e ad (...)
  • 22 Bianchi credette che l’epistola a Virgilio facesse parte delle Epystole fino al momento della sua (...)

5Bisognò attendere le ricerche di Michele Feo per abbandonare la ricostruzione di Bianchi. All’edizione, di cui è incaricato dal 1974, Feo non è ancora arrivato, ma ha chiarito intanto molte cose fondamentali20. A partire da dati esterni alla tradizione del testo e dalle attestazioni di conoscenza dei contemporanei, che non lasciano dubbi in merito, Feo ha dimostrato intanto che Petrarca completò e pubblicò la raccolta nel 136421. E ha poi precisato il contenuto del libro, dal quale ha riconosciuto l’estraneità della Exul ab Italia, « perché in esametri rimati a coppie », e della lettera a Virgilio, Fam. XXIV 11, restituita dal principio alla sua sede naturale22. L’editore ha chiarito inoltre che le Metriche non si sottraggono alla consuetudine petrarchesca di lima e ripulitura del già scritto : l’iter redazionale della raccolta, durato almeno quindici anni, è infatti segnato da una serie importante di interventi variantistici, micro e macroscopici.

  • 23 Si veda in particolare Feo, « L’edizione critica delle ‘Epystole’ », Annali della Scuola Normale (...)
  • 24 A questi testi Petrarca dovette i primi successi e la prima fama in Italia. Se il panegirico per (...)
  • 25 Emblematico il caso di Epyst. II 10 a Bruzio Visconti, su cui si veda almeno Pier Giorgio Ricci, (...)
  • 26 Sull’episodio, v. Michele Feo, « Il cattivo poeta », poi ristampato in Epystole, in Petrarca nel (...)
  • 27 Nello Zibaldone di Boccaccio sono riportate, in versione γ, Epyst. I 14, I 4, I 13, I 12, attribu (...)

6Attraverso un riesame dell’intera tradizione manoscritta, Feo ha individuato per le Epystole tre stadi redazionali23. Le singole lettere scritte per occasioni concrete, tra le quali si contano anche le primissime prove poetiche di Petrarca24, costituiscono lo stadio γ dell’opera, attestato per due terzi delle lettere. Se le metriche conservano in molti casi uno statuto di missive reali, non sempre è facile ricostruire il dialogo poetico cui i testi partecipavano : Petrarca si guardò bene dal conservare tutte le voci dei suoi interlocutori, adoperandosi in qualche caso a che non si risalisse nemmeno al nome del corrispondente25. È perciò un caso eccezionale e di grande importanza quello del Colombino 5-5-22, che trasmette in versione unica, insieme ai testi γ di Epyst. II 2-4, la lettera che diede avvio al trittico, O lux26. Sono testimoni di questa redazione pochi manoscritti, spesso poco accurati, tra i quali due codici fiorentini, entrambi laurenziani : il personale Zibaldone di Giovanni Boccaccio, celebre e studiatissimo Pluteo XXIX 8, e il codice Strozzi 141, che trasmette « la collezione più cospicua » di epistole in redazione originale, 42 in totale27.

  • 28 Quelli segnalati in Michele Feo, « L’edizione critica… », cit.
  • 29 In Michele Feo, « Di alcuni rusticani cestelli… », cit., è ipotizzata una doppia redazione β.

7La raccolta completa pubblicata nel 1364 costituisce lo stadio β e risulta testimoniata allo stato puro da 3 soli manoscritti : il Parigino latino 8123, il Triestino I 33 e un codice della biblioteca di Stoccarda, segnatura Poet. Phil. 9. Al passaggio da γ a β, al passaggio cioè delle lettere dallo stato di dispersione a quello di collezione, risalgono interventi di diversa natura (metrici, stilistici, contenutistici), di cui purtroppo non abbiamo che pochi esempi28. È, questa, la versione prima e originaria della raccolta, che dovette avere circolazione ristretta e su cui Petrarca continuò a lavorare con ulteriori ritocchi a più riprese29.

  • 30 Fa parte dei codici con l’ultima redazione il codice parzialmente trascritto da Tedaldo già ricor (...)

8L’ultimo e definitivo stadio α è invece attestato, secondo l’editore, dalla maggior parte dei manoscritti che trasmettono la raccolta completa. Tra questi codici spiccano il Laurenziano Acquisti e Doni 687 e il Glasgow Hunter 285, che recano un testo β corretto in margine e su rasura nella redazione α, e dove risultano ancora leggibili le lezioni sostituite. Il Laurenziano riporta inoltre alcune glosse interlineari e tre note marginali di cui è pressoché certa la paternità petrarchesca30.

  • 31 Si veda Michele Feo, Epystole, cit., p. 296.

9Le ricerche di Feo hanno portato a 156 il numero dei codici delle Epystole conosciuti : come per i Trionfi o il De remediis, anche per l’epistolario in versi di Petrarca la tradizione è folta. Folta però nei rispetti della quantità assoluta più che di quella relativa, perché discreti sono i limiti di tanta diffusione : 54 codici tramandano esclusivamente Epyst. III 24, l’inno all’Italia, che vive in certo senso di tradizione autonoma rispetto al libro, e dei restanti una quantità verosimilmente rilevante ospita parti di raccolta, singole epistole o frammenti diventati pezzi autonomi. I manoscritti che trasmettono la collezione completa nella redazione definitiva, divisa in tre libri e composta di 66 lettere sono, a quanto pare di capire, 15 in totale31.

10In un momento che sembrerebbe propizio al Petrarca latino, segnato per esempio dal completamento dell’importante edizione delle Senili curate da Silvia Rizzo con la collaborazione di Monica Berté, « Arzanà » ha deciso di pubblicare un dossier interamente dedicato alle Epystole. L’idea fa seguito ad alcune iniziative recenti che hanno riacceso l’interesse per la raccolta dopo un lungo silenzio : l’augurio è che si torni presto a parlare di un’opera ingiustamente relegata ai margini degli studi. Simone Gibertini, impegnato da tempo nello studio delle Metriche, insegue il fiume carsico delle edizioni e delle traduzioni del testo dalle stampe cinquecentine fino ai giorni nostri, procurando una dettagliata rassegna bibliografica che permette di misurare a colpo d’occhio la fortuna (o sfortuna ?) editoriale dell’opera nel tempo. Ai futuri studiosi della raccolta è offerto così un valido strumento di orientamento, che aggiorna e completa, sul versante delle Epystole, le bibliografie petrarchesche a nostra disposizione. Giulia La Rosa propone invece un lungo commento a due lettere, la I 8 a Lelio e la III 17 a Boccaccio, riservando un’attenzione particolare alle questioni di cronologia. Secondo l’autrice, infatti, i testi lascerebbero presupporre revisioni e aggiunte posteriori alla prima stesura, coerenti con le finalità del progetto autobiografico che Petrarca, a partire dagli anni Cinquanta, portava avanti attraverso le sue raccolte.

Haut de page

Notes

1 La corretta datazione di Fam. XXII 3 si deve a Michele Feo, « Fili petrarcheschi », Rinascimento, s. ii, 19, 1979, p. 3-89, che ha ridiscusso la datazione precedentemente proposta da Arnaldo Foresti, Quando il Petrarca mandò a Barbato il carme proemiale alle “Metriche”, in Id., Aneddoti della vita di Francesco Petrarca, nuova edizione corretta e ampliata dall’autore, a cura di Antonia Tissoni Benvenuti, Padova, Antenore, 1977, p. 371-378.

2 Oltre alla familiare citata che accompagnava la raccolta a Barbato, così Petrarca dichiara anche nel proemio della raccolta (« late iam noscor », Epyst. I 1, 38).

3 V. Michele Feo, « Fili… », cit. Per le metriche escluse dalla raccolta, insieme al classico Ernest Hatch Wilkins, The “Epistolae Metricae” of Petrarch : a Manual, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1956, si veda la sezione « Carmina latina varia » curata da Feo, in Id. (ed.), Petrarca nel tempo. Tradizione lettori e immagini delle opere, catalogo della Mostra, Arezzo, Sottochiesa di San Francesco, 22 novembre 2003-27 gennaio 2004, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 2003, p. 309-318.

4 Per la bibliografia di Feo v. infra.

5 Francesco Stella, « La grammatica dello spazio nel Petrarca latino : le ‘Epistole’ e i loro intertesti medievali », in Petrarca, la medicina, les ciències, Bellaterra, Universitat Autònoma de Barcelona, 2006, [= Quaderns d’Italià, xi, (2006)] p. 273-289 : 275.

6 L’accertamento del titolo corretto della raccolta si deve a Feo, « Fili… », cit.

7 Francesco Petrarca, Le epistole metriche : introduzione, testo critico e traduzione, a cura di Raffaele Argenio, Roma, Cicinelli, s.d.. Il termine post quem dell’edizione si ricava dalla data di morte di Argenio, indicata nella prima pagina del volume (22.07.1972). Si ha notizia di due sole copie consultabili, conservate alla Biblioteca Nazionale di Roma e alla Biblioteca Apostolica Vaticana. Il testo latino dell’Argenio è stato fortunatamente riversato in Francesco Petrarca, Opera omnia, cd-rom a cura di Pasquale Stoppelli, Roma, Lexis, 1998.

8 Francesco Petrarca, Epistulae metricae. Briefe in Versen, herausgegeben von Otto und Eva Schönberger, Würzburg, Kӧninshausen & Neumann, 2004.

9 Per una rapida recensione all’edizione, si veda Marcello Ciccuto, « Le Metricae di Petrarca », Italianistica, I, 2005, p. 148. Dubbi sui metodi di edizione sollevano le dichiarazioni sulla tradizione del testo, che rivelano una conoscenza parziale e decisamente non aggiornata. Dei 156 manoscritti che sappiamo contenere tutte o parti delle Epystole, soltanto 7 sono quelli presi in considerazione dai due editori : Laurenziano XXVI 3, Hamilton 502, Trivulziano 1014, Parigino latino 8123, Perugino 723, Laurenziano LXXVIII 1, Vaticano latino 1680 (v. Francesco Petrarca, Epistulae metricae, op. cit., p. 23). Tali manoscritti non paiono peraltro dei migliori a fronte di altri di maggiore ed accertata affidabilità : si vedano le schede relative a quelli fiorentini in Michele Feo (ed.), Codici latini del Petrarca nelle Biblioteche fiorentine, Mostra 19 maggio-30 giugno 1991, Firenze, Le Lettere, 1991, dove si dà notizia anche degli altri. Nella bibliografia preposta all’edizione (p. 25-28), inoltre, Michele Feo, vale a dire lo studioso che ha contribuito più e meglio degli altri alle ricerche intorno al testo e alla tradizione delle Epystole, con risultati spesso decisivi, compare una sola volta, citato per il ritrovamento del cosiddetto « Petrarca di Gotha ». Non è dunque senza ragione quello che proprio Feo ebbe a dire a proposito del lavoro : « [gli editori tedeschi] adocchiano alcune cose degli studi italiani senza nemmeno conoscerli tutti » (Natascia Tonelli, « Sul centenario Petrarchesco. Bilancio e riflessioni con un’intervista a Michele Feo », Moderna, 7/2, 2005, p. 187-203 : 195).

10 Francisci Petrarchae Poëmata minora quae extant omnia nunc primo ad trutinam revocata ac recensita, Poesie minori del Petrarca sul testo latino ora corretto volgarizzate da poeti viventi o da poco defunti, 3 vol., Milano, Società tipografica de’ Classici Italiani, 1829 [ma 1830], 1831, 1834. Una seconda edizione, senza testo latino e commento, uscì a Napoli nel 1835 : Id., Poesie latine minori del Petrarca sul testo ora corretto volgarizzate da poeti viventi o da poco defunti, Napoli, Tipografia della Sibilla, 1835. Michele Feo ha ricostruito le circostanze che portarono alla defezione di Leopardi in « La traduzione leopardiana di Petrarca, Epyst. II 14, 1-60 », in Leopardi e la letteratura italiana dal Duecento al Seicento. Atti del IV Convegno internazionale di studi leopardiani (Recanati, 13-16 settembre 1976), Firenze, Olschki, 1978, p. 3-89. Il quadro generale tracciato dallo studioso è stato ampliato ed arricchito recentemente da Barbara Zini, « Le Poesie minori di Petrarca : l’impresa di Domenico Rossetti », in Natascia Tonelli, Alessia Valenti (ed.), Per il Petrarca latino : opere e traduzioni nel tempo, Padova-Roma, Antenore, 2018, p. 257-296, dove sono ricostruite le modalità di reclutamento dei traduttori e la storia editoriale dei volumi. Per i traduttori si veda anche il « Laboratorio » di Petrarchesca, 5, 2017, con interventi di Elisabetta Bartoli, Arianna Beri, Giulia Carpino, Francesca Florimbii, Alessia Valenti e Barbara Zini, insieme alla sezione « Traduzioni » degli atti di convegno Per il Petrarca latino, cit.

11 La citazione a testo è tratta dal Discorso preliminare, in Poesie minori, cit., vol. i, p. viii-ix. Per l’allestimento del testo rossettiano v. Michele Feo, « La traduzione leopardiana di Petrarca », cit., ma anche Barbara Zini, « Le Poesie minori di Petrarca », cit.

12 Discorso preliminare, in Poesie minori, cit., vol. i, p. viii.

13 V. n. 10.

14 Francesco Petrarca, Rime, Trionfi e poesie latine, a cura di Francesco Neri, Guido Martellotti, Enrico Bianchi e Natalino Sapegno, Milano-Napoli, Ricciardi, 1951.

15 I lavori di Bianchi si protrassero per quasi un cinquantennio. Cominciati prima dell’inizio della prima guerra mondiale, dovette abbandonarli per prestare servizio militare, per poi riprenderli alla fine del conflitto. L’editore morì prematuramente negli anni Cinquanta prima di portare a termine l’edizione. Oltre alla scelta antologica citata, Bianchi pubblicò due articoli preparatori : Enrico Bianchi, « Per l’edizione critica delle “Epistolae Metricae” di Francesco Petrarca », Rendiconti della Reale Accademia dei Lincei, XXIX/2, 1920, p. 15-22 ; e Id., « Le “Epistole Metriche” del Petrarca », Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, s. ii, ix, 1940, p. 251-266. L’ipotesi richiamata a testo è stata sostenuta e argomentata nell’ultimo dei due contributi.

16 Per la confutazione di Bianchi si veda Michele Feo, « Fili… », cit.

17 Ma nel gruppo Epyst. III 13-34 fanno eccezione la III 17 e la III 29. I ms. adoperati da Bianchi sono : Laurenziano XXVI 3, « il più importante di tutti », di mano di Tedaldo della Casa (parzialmente, secondo la perizia di Michele Feo : v. la scheda relativa in Codici latini, cit.) ; Parigino latino 8123 ; Berlinese 502 ; Trivulziano 1014. Affidandosi ad essi per la ricostruzione, Bianchi dichiara che « questi quattro codici della raccolta canonica, tutti del sec. XIV, che per ovvie ragioni e per chiari indizi si debbono ritenere più prossimi all’originale, offrono […] tali anomalie da suscitarsi gravi dubbi sullo stato di completezza nel quale avrebbe dovuto trovarsi la raccolta stessa alla morte di Petrarca » (p. 253). Per la deduzione sull’ordinamento delle lettere, basti a smentirla la chiosa di Feo : « l’argomento del disordine cronologico non val nulla per un’opera che è letteraria e non documentaria » (« Fili… », cit., p. 45).

18 « Inutile dire che nessun ms. testimonia un testo delle Epystole che si arresti alla III 12 », è il commento di Feo, « Fili… », cit., p. 45.

19 Ibid., p. 57.

20 L’editore ha però pubblicato il testo provvisorio di Epyst. II 11 (« Di alcuni rusticani cestelli di pomi », Quaderni petrarcheschi, 1, 1983, p. 23-75) e di Epyst. II 14, 1-60 (« La traduzione leopardiana », cit.). Si vedano inoltre, in Petrarca nel tempo, cit., i saggi di traduzione di Epyst. I 6, 179-200 (p. 256) ; I 8 (p. 302-303) ; II 5, 149-165 (149-165). A Feo si deve anche l’edizione di O lux, la lettera del cardinale d’Albi cui Petrarca rispose con Epyst. II 2 (Petrarca nel tempo, cit., p. 300), e quella della prima corrispondenza poetica con Rinaldo Cavalchini (« Primo dossier sul Petrarca di Gotha », Quaderni petrarcheschi, 4, 1987, p. 9-66).

21 La ricostruzione di Feo lascia aperta la possibilità che Barbato facesse in tempo a leggere e ad apprezzare la raccolta nella forma inviatagli nel 1364 da Petrarca. In Feo, « Di alcuni rusticani cestelli… », cit., si trova anzi l’ipotesi che a Barbato sia attribuibile la registrazione delle varianti interlineari che correggono in beta un testo gamma, in un codice disceso dalle carte del Sulmonese, attuale Borgiano latino 329. Barbato possedeva il testo originario delle lettere, e, quando finalmente Petrarca si risolse a spedirgli quello definitivo, procedette alla correzione dei passi che via via trovava diversi, accuratamente evitando, però, di perdere la redazione originaria. Le correzioni del Borgiano dipenderebbero allora da quell’« ultimo gesto d’affetto » di Barbato, che contrariamente alle ipotesi di Bianchi riuscì non solo a leggere la raccolta, ma anche ad aggiornare alle ultime volontà dell’autore la sua collezione privata.

22 Bianchi credette che l’epistola a Virgilio facesse parte delle Epystole fino al momento della sua inclusione nelle Familiari. L’opinione dipendeva dalla presenza della familiare in alcuni ms., e in particolare nel Laur. XXVI 3. L’editore non si accorse però che, nei ms. in cui è presente, la metrica a Virgilio è collocata sempre « dopo l’explicit delle Epystole, inequivocabilmente al di fuori del corpo ufficiale » (Michele Feo, Petrarca nel tempo, cit., p. 296). Per la Exul ab Italia, abusivamente compresa nella raccolta delle Metriche nella stampa del 1554 e poi anche nell’edizione Rossetti, v. Michele Feo, « Fili… », cit., p. 7.

23 Si veda in particolare Feo, « L’edizione critica delle ‘Epystole’ », Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di lettere e filosofia, 19, 1989, p. 239-250.

24 A questi testi Petrarca dovette i primi successi e la prima fama in Italia. Se il panegirico per la madre (Epyst. I 7) è il testo petrarchesco più antico che ci sia stato conservato, le lettere ai pontefici (Epyst. I 2 e 5) conobbero a Verona letture di piazza che, diversamente da quelle dantesche, furono salutate dal plauso del pubblico : lo testimonia Rinaldo Cavalchini, nella corrispondenza poetica ritrovata e pubblicata da Feo nel « Primo dossier… », cit.

25 Emblematico il caso di Epyst. II 10 a Bruzio Visconti, su cui si veda almeno Pier Giorgio Ricci, « Il Petrarca e Bruzio Visconti », Leonardo, 16, 1947, p. 337-345 ; e Daniele Piccini, « Sulla polemica tra Petrarca e Bruzio Visconti », in Giuseppe Frasso, Giuseppe Velli, Maurizio Vitale (ed.), Petrarca e la Lombardia. Atti del convegno di studi (Milano, 22-23 maggio 2003), Padova, Antenore, 2005, p. 179-198.

26 Sull’episodio, v. Michele Feo, « Il cattivo poeta », poi ristampato in Epystole, in Petrarca nel tempo, cit., p. 296-302.

27 Nello Zibaldone di Boccaccio sono riportate, in versione γ, Epyst. I 14, I 4, I 13, I 12, attribuite come « opuscola plura » al 1340. Sono di redazione γ anche le lettere conservate in BNCF, segnatura Conv. Soppr. I v 8. Apografi dello Strozziano, e quindi recanti la redazione gamma, sono il Barberiniano latino 1863 (da cui manca Epyst. III 8) e il codice B III 16 della Biblioteca Durazzo di Genova, che dall’antigrafo seleziona soltanto 10 testi. Di redazione γ è anche il già citato Borgiano 329. Per lo Strozziano e lo Zibaldone, e in generale per tutti i ms. fiorentini delle Epystole, si vedano le schede relative in Codici latini, cit.

28 Quelli segnalati in Michele Feo, « L’edizione critica… », cit.

29 In Michele Feo, « Di alcuni rusticani cestelli… », cit., è ipotizzata una doppia redazione β.

30 Fa parte dei codici con l’ultima redazione il codice parzialmente trascritto da Tedaldo già ricordato, Laur. XXIX 3, come pure il Laur. XXXIII 30, che si interrompe però a Epyst. II 14 91 : v. Michele Feo (ed.), Codici latini…, cit.

31 Si veda Michele Feo, Epystole, cit., p. 296.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Alessia Valenti, « Le Epystole : una raccolta sfortunata ? »Arzanà, 21 | -1, 70-76.

Référence électronique

Alessia Valenti, « Le Epystole : una raccolta sfortunata ? »Arzanà [En ligne], 21 | 2020, mis en ligne le 03 juillet 2020, consulté le 21 septembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/arzana/1592; DOI: https://doi.org/10.4000/arzana.1592

Haut de page

Droits d’auteur

Presses Sorbonne Nouvelle

Haut de page
  • Logo Presses Sorbonne Nouvelle
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search