Navigazione – Piano del sito

Home

Presentazione

Il Parlamento delle 157 riviste, tra cui Archives de sciences sociales des religions, denuncia la legge LPR (Legge sulla programmazione della ricerca), approvata dall'Assemblea Nazionale e dal Senato, che modifica profondamente gli istituti di ricerca e di istruzione superiore nel senso di una loro maggiore subordinazione al potere politico. Il Parlamento delle 157 riviste invita dunque le/i future-i candidate-i alle prossime elezioni repubblicane a impegnarsi in un processo di consultazione con l'istruzione superiore e la ricerca per riscrivere una legge che sia vantaggiosa per tutti e che liberi la ricerca e l'istruzione superiore dalle trappole dannose dell'ipercompetizione a cui la legge attuale li condanna.

**
*


Fondata nel 1956 sotto l'egida del CNRS, la rivista Archives de sociologie des religions è diventata nel 1973 Archives de sciences sociales des religions. È una rivista edita dalla casa editrice dell'EHESS.

La rivista ospita – in francese, inglese e spagnolo – articoli che riflettono le ricerche più avanzate in questo campo, in Francia e all'estero.
La rivista si pone tre obiettivi:

promuovere una prospettiva comparativa, estesa a tutte le religioni e a tutte le aree culturali;

promuovere la cooperazione tra tutte le scienze sociali per far luce sulle molteplici sfaccettature del fenomeno religioso;

ospitare la presentazione di riflessioni metodologiche e teoriche sugli obiettivi di ricerca.

La collezione della rivista (1956-1999) è disponibile su Persée; i numeri recenti sono accessibili via Cairn; i numeri dal 2000 al d - 2 anni sono disponibili gratuitamente su OpenEdition Journals.
 

Ultimo numero online
193 | janvier-mars 2021
Réguler les pluralités religieuses : mondes indiens et chinois comparés

Regulating Religious Pluralism: Indian and Chinese Worlds Compared
Regulación del pluralismo religioso: comparación de los mundos indio y chino
Regolare il pluralismo religioso: mondi indiani e cinesi a confronto

Un confronto diretto tra il mondo religioso cinese e quello indiano è stato condotto raramente. Si tratta di un paradosso, perché una delle caratteristiche fondamentali comuni alle società indiana e cinese è l'antichissima convivenza di tutte le forme di religione: culti medianici, di possessione e di guarigione; culti sacrificali a divinità locali; culti degli antenati o dei morti; tradizioni ascetiche, monastiche o spirituali; istituzioni religiose sovralocali di tipo "Chiesa", strutturate e riconosciute dallo Stato; movimenti di riforma religiosa moderni e contemporanei, alcuni nazionalisti, altri universalisti. Questi tratti comuni non devono però nascondere la profondità delle differenze: da un mondo all'altro, le modalità di divisione del lavoro religioso differiscono tanto quanto le modalità di regolamentazione delle pratiche religiose da parte dello Stato. È questo lavoro comparativo che gli storici e gli antropologi hanno riunito nel dossier tematico "Regolare il pluralismo religioso: mondi indiani e cinesi a confronto".

Il dossier è seguito da due "varia", uno sulla gestione da parte di Roma degli abusi sessuali del clero tra il 1916 e il 1939, l'altro sulla posta in gioco della "marcia dell'Arba‘īn" nell'Iran contemporaneo. Infine, Wiktor Stoczkowski risponde alla polemica aperta nella rivista sul suo ultimo libro, La science sociale comme vision du monde. Émile Durkheim et le mirage du salut (Gallimard, 2019).

  • Réguler les pluralités religieuses : mondes indiens et chinois comparés

    Regulating Religious Pluralism: Indian and Chinese Worlds in Perspective
    Regulación del pluralismo religioso: comparación de los mundos indio y chino
    Regolare il pluralismo religioso: mondi indiani e cinesi a confronto
    • Vincent Goossaert e Peter Van der Veer
      Introduction [Testo integrale]
      Introduction [Testo integrale | Traduzione]
      Regulating religious pluralities: Indian and Chinese worlds compared
    • Adam Yuet Chau
      Ritual Terroir [Riassunto | Accesso limitato]
      The Generation of Site-Specific Vitality
      Le « terroir rituel ». La production locale d’une vitalité d’origine
      El "terruño ritual". La producción local de vitalidad original
      Il "territorio rituale". La produzione locale di una vitalità d'origine
    • Sudheesh Bhasi
      Remembered and Forgotten Gods [Riassunto | Accesso limitato]
      Caste and the Transnational Worship of Ancestral Deities among Malaysian Hindus
      Mémoire et oubli des Dieux. Caste et culte transnational des divinités ancestrales chez les hindous malaisiens
      Memoria y olvido de los dioses. Casta y culto transnacional de deidades ancestrales entre los hindúes malasios
      Ricordo e oblio degli dei. Cata e culto transnazionale delle divinità ancestrali tra gli hindou malesiani
    • Tristan G. Brown
      The Muslims of “All Under Heaven” [Riassunto | Accesso limitato]
      Islam on the Ground in Late Imperial China
      Les musulmans de « All Under Heaven ». L’islam sur le terrain à la fin de la Chine impériale
      Los musulmanes de "Todo bajo el cielo". El islam sobre el terreno al final de la China imperial
      I musulmani di "All Under Heaven". L'islam sul terreno alla fine della Cina imperiale
    • Kenneth Dean
      Opium for the Gods [Riassunto | Accesso limitato]
      Cheang Hong Lim (1841-1893), Headman and Ritual Libationer of the Hokkien Community, Leader of the Singapore Great Opium Syndicate (1870-1882)
      Opium pour les dieux. Cheang Hong Lim (1841-1893), chef et libateur rituel de la communauté Hokkien, chef du Grand Syndicat de l’Opium de Singapour (1870-1882)
      Opio para los dioses. Cheang Hong Lim (1841-1893), líder y maestro de libaciones rituales de la comunidad de Hokkien, líder del Gran Sindicato del Opio de Singapur (1870-1882)
      Oppio per gli dei. Cheang Hong Lim (1841-1893), capo e libatore rituale della comunità Hokkien, leader del Grande Sindacato dell'Oppio di Singapore (1870-1882)
    • Mathieu Claveyrolas
      Histoire, acteurs et pratiques
      The Regulation of Plurality in Mauritian Hinduism. History, Actors and Practices
      La regulación de la pluralidad en el hinduismo de Mauricio. Historia, actores y prácticas
      La regolazione della pluralità nell'induismo mauriziano. Storia, attori e pratiche
    • Aminah Mohammad-Arif
      Conversion and Subjectivities in the Tablīghī Jamāʻat
      « Diversité dans l’unité » au sein d’un mouvement islamique revivaliste en Inde : conversion et subjectivités dans la Tablīghī Jamāʻat
      "Diversidad en la unidad" dentro de un movimiento revivalista islámico en la India: conversión y subjetividades en el Tablīghī Jamāʻat
      "Diversità nell'unità" in un movimento revivalista islamico in India. Conversione e soggettività nel Tablīghī Jamāʻat
  • Varia

    Miscellany
    Varia
    Varia
    • Agnès Desmazières
      Le crime de sollicitation réinventé [Riassunto | Accesso limitato]
      Le Saint-Office face aux crimes sexuels des clercs (1916-1939)
      The crime of solicitation reinvented. The Holy Office facing the sexual crimes of clerics (1916-1939)
      El crimen de solicitación reinventado. El Santo Oficio y los delitos sexuales de los clérigos (1916-1939)
      Il crimine di adescamento reinventato. Il Sant'Uffizio di fronte ai crimini sessuali dei chierici (1916-1939)
    • Amélie Neuve-Eglise
      La marche d’Arba‘īn en Iran contemporain [Riassunto | Accesso limitato]
      Modalités de l’extension d’une temporalité sacrée entre logiques spirituelles et sociopolitiques
      The Arba‘īn walk in contemporary Iran. Modalities of the extension of a sacred temporality between spiritual and socio-political logics
      La marcha de Arba‘īn en el Irán contemporáneo. Modalidades de la extensión de una temporalidad sagrada entre las lógicas espirituales y sociopolíticas
      La marcia d'Arba'īn nell'Iran contemporaneo. Modalità di estensione di una temporalità sacra tra logiche spirituali e socio-politiche
  • Droit de réponse

    Right of reply
    Derecho de réplica
    Diritto di replica
    • Wiktor Stoczkowski
      Défendre ou comprendre ? [Accesso limitato]
      Defending or Understanding?
      ¿Defender o comprender?
      Difendere o comprendere?
  • Vincent Goossaert e Peter Van der Veer
    Introduction [Testo integrale]
    Regulating religious pluralities: Indian and Chinese worlds compared
  • Logo Éditions de l’EHESS
  • Logo CNRS - Institut des sciences humaines et sociales
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search