Navegação – Mapa do site

InícioChamadas de artigosChamadas fechadasImmagini e populismi nelle aree r...

Immagini e populismi nelle aree romanze contemporanee

Basta seguire la politica europea e americana degli ultimi decenni per constatare il ritorno del populismo in molte forme. Ciò che accomuna questi movimenti populisti è l’emergere e il consolidarsi di un leader carismatico che dovrebbe incarnare il “popolo” o difenderne gli interessi contro una sorta di capro espiatorio che è diventato il “nemico”: gli stranieri, l’imperialismo nordamericano, le élites politiche ed economiche, gli intellettuali, il modello capitalista, ecc. Sebbene il termine “populismo” abbia generalmente una connotazione negativa che spesso si accompagna a una forma di “denigrazione delle masse” o di considerazione della loro “immaturità” politica, dall’inizio del XXI secolo abbiamo assistito a una rivalutazione della nozione. Per i sostenitori di una critica radicale della democrazia rappresentativa (Laclau, 2005), il populismo non ha nulla a che vedere con una deriva dalla vita democratica: è piuttosto una normale espressione politica, o addirittura un meccanismo rigeneratore della partecipazione dei cittadini.

Tuttavia, seguendo l’esempio di Patrick Charaudeau (2011), che ha analizzato le caratteristiche discorsive del populismo, è possibile trattare allo stesso modo gli elementi visivi che trasmettono e sostengono il messaggio politico destinato al popolo, al fine di “creare un popolo”, di “fare popolo”? Una delle principali preoccupazioni dei movimenti o dei regimi populisti, particolarmente accentuata nell’epoca della diffusione istantanea di immagini, pensieri e parole, è infatti la costituzione di una serie di simboli di identità o di riconoscimento. Che alimentino il discorso politico o lo illustrino, che lo integrino o ne rafforzino la visibilità nello spazio pubblico, “la conoscenza visiva è un grande rinforzo per pensare ai concetti di populismo e di popolo a basso costo”, nelle parole del sociologo Maxime Boidy (2017, p.64). Gli studi visivi sono rilevanti in questo caso per due motivi: in primo luogo, perché sollevano la questione del rapporto tra testo e immagine in termini di relazioni di potere; ma anche perché invitano a riflettere sulle relazioni – o linee di faglia – tra visibilità ottica (naturale) e visibilità sociopolitica (culturale).

I movimenti e i regimi populisti hanno sempre utilizzato rappresentazioni visive per affermare la propria ideologia e il proprio potere o per ampliare il proprio raggio d’azione, sia che si tratti delle rappresentazioni de “la gente corriente” in contrapposizione a “la casta” negli spot elettorali di Podemos o di quelle de “los mismos de siempre” (Rafael Correa, Evo Morales), sia che si tratti dell’immaginario politico creato intorno ad alcuni degli attuali leader populisti, soprattutto sui social network. In Italia, il Movimento 5 Stelle non va visto solo come un gruppo politico, ma come una propaggine sia del blog del comico Beppe Grillo sia dell’agenzia di marketing Casaleggio Associati: è chiaro quindi che l’immagine mediatica gioca un ruolo fondamentale.

Se Donald Trump ha fatto di Twitter uno dei principali strumenti della sua comunicazione per “staccarsi” dalle forme più tradizionali di comunicazione ritenute scollegate dalle “masse”, molti capi di Stato latinoamericani o europei sono riusciti a fare lo stesso e a bypassare i media tradizionali, come Jair Bolsonaro, la cui immagine online è attivamente curata dai suoi figli sul web, o Nayib Bukele in Salvador, che è riuscito a fare dei social network uno dei pilastri della sua comunicazione, andando controcorrente rispetto ai formati mediatici tradizionali, raggiungendo così un vasto pubblico e talvolta rifiutando categoricamente qualsiasi approccio politico.

La tradizionale politica del discorso sembra aver lasciato il posto a una politica dell’immagine, rivolta direttamente al popolo: attraverso i social network, la fotografia, i film e i servizi televisivi, i politici si mostrano e si mettono in scena (e in immagine) di fronte ai cittadini, spesso più di quanto deliberino di fronte ai rappresentanti del popolo. Così facendo, accentuano il potere politico dello sguardo, lo sguardo del popolo sui suoi leader, uno sguardo che controlla e sorveglia il loro comportamento (Green, The Eyes of The People, 2010). Una situazione in cui i media svolgono un ruolo essenziale, “in intima simbiosi” con i dispositivi populisti, al punto da costituire, per Yves Citton (2015), un vero e proprio “regime mediarchico”.

Il populismo articola una pluralità di istanze sociopolitiche, ma funziona secondo una logica di semplificazione, che induce anche una potente componente emotiva; lo ricorda il politologo Arias Maldonado quando caratterizza il populismo come “la costruzione di un popolo come soggetto politico attraverso una leadership carismatica e una strategia comunicativa basata principalmente su contenuti emotivi” (2016, p.127).

Ci interrogheremo quindi sulla capacità delle immagini di catturare la forza emotiva del populismo.

Ma il populismo non è una categoria esclusivamente politica, perché attraversa e rinnova anche i campi della conoscenza e dell’apprendimento: “il populismo della conoscenza può essere definito a prima vista come l’espressione di una domanda democratica nelle scienze o contro l’autorità che esse rivendicano” (Jeanpierre, 2012, p.154). Questo “populismo della conoscenza” non è definito tanto dalla natura degli oggetti studiati, quanto da una rinnovata postura epistemologica. Considereremo quindi i prodotti delle arti visive (arti plastiche, fotografia, cinema...) al di là dei soli valori estetici imposti da norme e canoni di bellezza, ma anche le immagini prodotte e diffuse dai media e dai social network, dalla pubblicità e dal marketing, dalla moda o anche in ambito scientifico.

Si possono presentare proposte di articoli sui seguenti temi (l’elenco non è esaustivo) applicati alle aree di lingua spagnola, portoghese e italiana del XXI secolo:

– l’immaginario politico dei movimenti populisti e le strategie di comunicazione: qualità del leader, forme di “rappresentazione/incarnazione” del popolo, strumenti di mobilitazione;

– genere e rappresentazioni visive: mascolinità del leader, femminilizzazione della nazione, populismo paternalistico...;

– populismo e/o demagogia: differenze di approccio e di percezione;

– manipolazione delle immagini, riscrittura della storia e “storytelling”, e lo “scetticismo visivo” che talvolta ne consegue;

– immaginario populista e componente emotiva, ethos e pathos nella comunicazione visiva;

– critica del populismo attraverso le immagini, ad esempio nelle vignette della stampa, nella street art e nei graffiti, nei film e nelle serie, ecc.;

– l’immagine come espressione di una richiesta democratica contro il “sapere dominante” o le cosiddette culture colte;

- “peoplisation”: la messa in scena e il passaggio dal “popolare” al “people”.

Pesquisar OpenEdition Search

Você sera redirecionado para OpenEdition Search